04 Dicembre 2021

"TRA FASCISMO E ASTENSIONISMO"
di Paolo Bagnoli

26-10-2021 - EDITORIALE
Lo squadrismo fascista ha rialzato prepotentemente la testa. L'assalto devastatorio alla CGIL ha evocato tempi bui, lontani, ma vivi nella memoria democratica del Paese. La Repubblica ha il dovere di reagire con determinazione e la durezza del caso. E non va dimenticato che l'assalto era stato preordinato anche a Palazzo Chigi, sede del Governo e al Parlamento. E' una questione gravissima che ci dice come veramente, per usare la celebre definizione di Piero Gobetti, il fascismo sia “l'autobiografia della nazione”. Ossia, un tarlo che pasce nelle viscere profonde del Paese. Se trova l'occasione per ripresentarsi, non la perde e ciò avviene quando si avverte lo scarto di democrazia, quando si capisce che la fragilità del Paese apre degli spazi per determinare i presupposti politici e sociali di una democrazia autoritativa e illiberale già, da tempo, teorizzata dagli ideologhi del sovranismo antieuropeo.

Varie volte, nella nostra storia repubblicana, il fascismo ha tentato di segnare la propria presenza: basti pensare ai fatti di Genova del 1960,agli abortiti tentativi di sovvertire l'ordinamento democratico, fino al clima ostile alla Resistenza e alla richiesta di riscrivere la storia italiana solo con la mano destra con Silvio Berlusconi governante; la derisione della ricorrenza del 25 aprile e persino le dichiarazioni di autorevoli esponenti della maggioranza di allora che definirono i partigiani i “rossi”, usando la stessa espressione di Francisco Franco per i combattenti che si battevano per la Repubblica spagnola contro l'alzamiento dei militari reazionari promosso da Franco. E se, anche in passato, troviamo episodi di violenza questa volta siamo di fronte a un salto di qualità poiché sono state prese di mira due istituzioni della nostra vita democratica, il governo e il sindacato cui aderiscono la maggioranza dei lavoratori italiani che, non dimentichiamolo, rappresenta anch'esso una istituzione della democrazia.

Questa volta ciò che ha risvegliato il tarlo della persistenza fascista nella nostra Italia sono state le opposizioni alle misure di chi non condivide le scelte adottate per combattere la pandemia; posizioni che riteniamo assurde e irrazionali, ma legittime fino a che sono pacifiche, ma ad esse si è collegata la destra populista con un irresponsabile vezzeggiamento nel confronto all'ultimo voto tra la Lega e Fratelli d'Italia. La situazione presente ci dice quanto la crisi della democrazia sia avanzata e grande sia il vuoto di politica in assenza di veri partiti che della democrazia sono strumenti imprescindibili. Aver ridotto il confronto democratico a una esclusiva lotta per la conquista del potere inseguendo gli umori che via via, quotidianamente, si insediano nel Paese sta minando le fondamenta costituzionali della Repubblica e, quindi, della politica democratica.

Il momento che stiamo passando è certamente difficile; la legittimità del potere si logora e in un silenzio culturale talora assordante – le voci critiche e ragionanti certo non mancano, ma nessuno sembra avere interesse a prenderle almeno in considerazione a dimostrazione di come la cosiddetta “classe politica” non sia all'altezza del momento – il gioco politico rimbalza tra la crisi del disfacimento nella quale è avviluppato il movimento grillino, il leghismo a trazione salviniana e una formazione di destra vera, ultima gemmazione del fu Movimento Sociale - il cui simbolo mantiene ben in vista - la cui segretaria parlando a Madrid a un raduno neofranchista - la convention di Vox, partito dell'ultra destra spagnola - ha avuto l'ardire di dichiarare: ”Non conosco la matrice della violenza.” Sarà, ma il rapporto tra il partito della Meloni e Forza Nuova c'è; per tutto lo testimonia il fatto che nell'immobile della Fondazione del partito ha sede il giornale dei neofascisti arrestati. A Milano, inoltre, Lega e Fratelli d'Italia hanno stipulato un accordo politico-elettorale con gli eredi dei naziskin. Se riportiamo tutto ciò ai valori costituzionali è chiaro che l'area variamente articolata di ciò che ne deriva e la esprime è fuori dai valori costituzionali. Sono i fatti che lo dicono. In Italia non esiste una destra che, a differenza delle forze conservatrici europee, sia saldamente antifascista come lo sono i conservatori inglesi e i gollisti francesi; per cui, affermare che Fratelli d'Italia sia “l'argine più sicuro e democratico che abbiamo contro rigurgiti fascisti e chi lo nega è in evidente malafede” (Alessandro Sallusti,”Libero”, 12 ottobre 2021) è spudoratamente falso. Che poi in Parlamento sieda un partito che è la terza edizione, riveduta e corretta se vogliamo, del vecchio MSI è tutt'altra cosa. Per quanto il procedimento sia complesso riteniamo che Forza Nuova vada sciolta; non sarà certo questa la soluzione del problema, ma è la risposta politica minima che lo Stato non può non dare.

Sull'altro versante abbiamo assistito a una cosa cui non avremmo mai creduto potesse essere, ossia di un segretario di un partito, Enrico Letta, che è sceso in campo per conquistare un seggio alla Camera in una elezione supplettiva – operazione andata a buon fine, peraltro – con sulla scheda solo il suo nome, senza il simbolo del partito di cui è il leader, quasi un cittadino politicamente neutro che faceva una sua corsa in solitaria.

L'Italia non sembra avere consapevolezza del momento in cui viviamo e non solo per quanto riguarda il nostro Paese, ma anche l'Europa perché la non riuscita del nostro sistema in relazione a quanto propone il piano per la ripresa nazionale finirebbe per indebolire la stessa dimensione europea e un'Europa ancora più debole rispetto a quanto non lo sia oggi, rappresenterebbe il campo di affermazione dei populismi-sovranisti e ciò significherebbe il suo inevitabile degrado. Ma la coesione è data dalla politica e questa nasce dagli ideali che si professano nei termini della cultura politica democratica e solo tramite solidi corpi intermedi ,che ne siano il motore trainante, è possibile arginare prima e sconfiggere dopo le spinte disgregatrici sempre in agguato. Ciò vale in Italia e ciò vale in Europa oggi di fronte alla questione polacca che non è di poco conto e, a nostro avviso, di ben più impatto rispetto ai casi dell'Ungheria e di altri Paesi malati di nazionalismo. Per questo la Polonia europeista non va lasciata sola; se la destra dovesse vincere la battaglia intrapresa sulla preminenza del diritto polacco rispetto a quello europeo ci troveremmo sul ciglio di una frattura dalla portata negativa gigantesca.

Tanti multiformi fili, talora invisibili, se riescono a fare rete non si sa cosa potrebbe generare; anche per questo l'antifascismo è fondamentale; intendiamoci bene, proprio l' antifascismo senza trattino che esprime, a differenza di quello con il trattino, non una posizione di contrarietà e di opposizione, ma esso riassume i valori di quella lotta in un dato positivo a garanzia della libertà, della democrazia e di un processo di incivilimento che riguarda l'Italia e l'Europa e che sarebbe sbagliato dare per scontato.

A ciò si aggiungono altre considerazioni assolutamente necessarie. Facendosi scudo della questione dei vaccini la violenza fascista ha richiamato pure altre violenze, di ogni segno e colore tanto che, violenze di segno ideologico diverso hanno fatto corpo comune nell'accendere il caos. Si è addirittura mossa una rete internazionale visto che alcune presenze venivano dall'estero.

Si è trattato di un attacco forte a una democrazia debole perché un Paese che registra il 60% di astensioni, come è avvenuto nelle recenti elezioni, non può certo dirsi una democrazia civicamente partecipata e vissuta e, quindi, la debolezza è manifesta. Sarebbe bene che anche coloro che hanno prevalso fossero un po' meno euforici e si rendessero conto del complesso della situazione. Il fatto che Letta rilanci il canone prodiano è il termometro della modestia dell'attuale classe politica la quale si pone solo il problema del potere e non quello della “politica” e pensa che i giovani si possano affezionare alla democrazia con il semplice abbassamento a diciotto anni dell'età per poter votare anche per il Senato. Una decisione che non ha registrato nessuna reazione e che ci dice, invece, e con la legge elettorale crediamo che lo vedremo più chiaramente, come si ritiene di risolvere con soluzioni tecniche problemi politici quando oramai lo sanno anche i sassi che così non è mai stato e mai sarà.

L'Italia rimane, nonostante tutto, in attesa. Meno male che, a fronte di tante questioni aperte, Mario Draghi non vacilli, ma certo via via che ci si avvicina alla scadenza per il rinnovo della Presidenza della Repubblica i bradisismi per il governo si fanno sempre più marcati.




Link
[]
L'AVVENIRE DEI LAVORATORI
Periodico socialista fondato 1897.
[]
IL PONTE RIVISTA
Rivista di politica economica e cultura
fondata da Calamandrei
[]
BIBLION EDITORE
Biblion Edizioni, storica casa editrice.
[]
CRITICA LIBERALE - NON MOLLARE
"NON MOLLARE"
Quindicinale on line di Critica Liberale,
la voce del liberalismo progressista in Italia.





Nuova Serie
"La Rivoluzione Democratica"
1, MARZO 2017

Realizzazione siti web www.sitoper.it
invia ad un amico
icona chiudi
Attenzione!
Non puoi effettuare più di 10 invii al giorno.
Informativa
Informativa Privacy
La presente informativa descrive le modalità di gestione del Sito, da Lei ora visitato, di cui è Titolare, il giornale "LA RIVOLUZIONE DEMOCRATICA", registrazione al Tribunale di Firenze n°5863 del 17/02/2012 (di seguito, "Giornale" per brevità), che ha come finalità l´informazione critica, la difesa della laicità delle Istituzioni e la diffusione della cultura laica, con sede in Firenze, accessibile al seguente nome di dominio
http://www.rivoluzionedemocratica.it
in riferimento al trattamento dei dati personali dei navigatori che vi accedono e che interagiscono con esso.

Premessa
I considerazione delle modifiche al D. Lgs. n. 196/2003 (Codice in materia di protezione dei dati personali, di seguito "Codice Privacy"), introdotte recentemente con il D.L. 201/2011 convertito nella L. 214/2011, la presente informativa si rivolge alle persone fisiche che, per conto proprio o di associazioni interessate, decidano di accedere al Sito ed interagire con esso ed è resa ai sensi dell´art. 13 del Codice Privacy.
L´informativa si ispira anche alla Raccomandazione n. 2/2001 che le autorità europee per la protezione dei dati personali, riunite nel Gruppo istituito dall´art. 29 della direttiva n. 95/46/CE, hanno adottato il 17 maggio 2001, per individuare alcuni requisiti minimi per la raccolta di dati personali on-line, e, in particolare, le modalità, i tempi e la natura delle informazioni che i titolari del trattamento devono fornire agli utenti quando questi si collegano a pagine web, indipendentemente dalle ragioni e finalità del collegamento.
In linea generale, è opportuno precisare che attraverso il Sito vengono effettuate le seguenti tipologie di raccolta dati:
- raccolta necessaria ed automatica dei dati del navigatore inerenti all´interazione con il Sito;
- trattamento correlato alla raccolta di dati, immessi volontariamente dal navigatore, attraverso l´invio di e-mail agli indirizzi indicati per contattare il Titolare (ad esempio, sezioni "Contatti" e "Iscriversi al circolo").

La presente informativa si riferisce unicamente alle operazioni di trattamento effettuate su dati raccolti con le modalità sopra indicate e non si riferisce, quindi, ai trattamenti effettuati tramiti altri siti, a cui l´utente vorrà accedere mediante link dal Sito. Per tali trattamenti dovrà essere fornita, da parte dei rispettivi Titolari, autonoma informativa.
Si precisa, in particolare, che i trattamenti sui dati conferiti accedendo a siti di terzi, raggiungibili mediante i link pubblicati sul Sito, sono effettuati da soggetti diversi dal Giornale.
Premesso che il Giornale non effettuerà alcuna comunicazione dei dati degli utenti a tali soggetti e che ogni iniziativa per entrare in contatto e chiedere informazioni, è rimessa all´esclusiva attività dell´Interessato o del rispettivo Titolare, il giornale non sarà in alcun modo responsabile dei trattamenti che verranno effettuati da parte di tali soggetti, a fronte dell´iniziativa dell´utente medesimo.

1. Finalità del trattamento
1.1 Le operazioni di trattamento di seguito illustrate sono unicamente rivolte alla corretta proposizione ed erogazione dei servizi offerti tramite il presente Sito dal Giornale medesimo per il perseguimento dello scopo associativo. L´Attività on line del Giornale consiste prevalentemente nella pubblicazione di contenuti, caratterizzati da un alto livello qualitativo, sui temi di interesse del Giornale e dei dati personali dei rispettivi autori, aventi con il Giornale rapporti regolari, nonché nello scambio, anche mediante messaggi di posta elettronica, di opinioni e informazioni di varia natura, relative in particolare alla vita e alle attivitàdel Giornale medesimo o ad eventi di rilevanza nel dibattito culturale che il Giornale intende promuovere.
1.2. A tal fine, il Titolare ha predisposto sezioni ad hoc del Sito.
In particolare, nella sezione "Contatti" è presente l´indirizzo e-mail interattivo cui l´Utente può trasmettere i propri dati personali e/o dell´Associazione di appartenenza, al Giornale. Più precisamente, in tale ipotesi il trattamento è finalizzato al mero scambio di informazioni e di contatti, comunque di natura non professionale, inerenti all´attività del Giornale .
In ogni caso, i dati raccolti tramite il presente Sito saranno trattati secondo principi di correttezza, liceità e trasparenza, per la tutela della riservatezza e dei diritti degli interessati, ed unicamente per il perseguimento dello scopo associativo. Negli stessi limiti saranno trattati anche i dati personali che dovessero essere inviati spontaneamente al Giornale dai visitatori del sito anche con modalità off-line (fax, posta, telefono od altro).

2. Tipi di dati trattati
2.1 - Dati di navigazione I sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento di questo Sito registrano, nel corso del loro normale esercizio, alcuni dati personali la cui acquisizione avviene in modo automatico e inevitabile, qualora si utilizzino i protocolli di comunicazione di Internet. Sono dati che, pur non essendo reperiti con lo scopo specifico di identificare i rispettivi Interessati, ben potrebbero, a causa delle loro stesse caratteristiche, essere associati a banche dati di terzi e così consentire l´individuazione degli utenti. Appartengono a questa categoria di dati, ad esempio, gli indirizzi IP o i nomi a dominio degli elaboratori utilizzati dagli utenti che si connettono al Sito, gli indirizzi in notazione URI (Uniform Resource Identifier) delle risorse richieste, l´orario della richiesta, il metodo utilizzato nel sottoporre la richiesta al server, la dimensione del file ottenuto in risposta, il codice numerico indicante lo stato della risposta data dal server (buon fine, errore, ecc.) ed altri parametri relativi al sistema operativo e all´ambiente informatico dell´utente. Questi dati vengono utilizzati al solo fine di ricavare informazioni statistiche anonime sull´uso del Sito e per controllarne il corretto funzionamento, e vengono cancellati immediatamente dopo l´elaborazione.
Si precisa che i dati di navigazione potrebbero essere usati per l´accertamento di responsabilità in caso di eventuali reati informatici ai danni del Sito, conformemente alle procedure vigenti presso le Autorità competenti.
2.2 Meccanismi automatici di raccolta
In conformità a quanto previsto nel Provvedimento del Garante n. 229 dell´8.5.2014, si informa che in questo Sito non si utilizzano "cookies persistenti", trojans, spywares, web bugs, ovvero sistemi per il tracciamento degli utenti (cookies di profilazione), ma soltanto cookies cosiddetti "tecnici", di navigazione, di sessione o di funzionalità.
L´uso di c.d. "cookies di sessione" (che non vengono registrati in modo persistente sull´elaboratore dell´utente e svaniscono con la chiusura del browser) è unicamente finalizzato a rendere l´esplorazione del Sito sicura ed efficiente.
I c.d. cookies di sessione, utilizzati in questo sito, evitano il ricorso ad altre tecniche informatiche potenzialmente pregiudizievoli per la riservatezza della navigazione degli utenti e non consentono l´acquisizione di dati personali identificativi dell´utente I cookies "analitici" vengono utilizzati dalla società ShinyStat per effettuare trattamenti in forma aggregata ed anonima, per i quali si fornisce l´informativa generale ed il modulo per esercitare l´opt-out tramite i link qui sotto:
- ShinyStat http://www.shinystat.com/it/informativa_privacy_generale_free.html
- ShinyStat http://www.shinystat.com/it/opt-out_free.html
- Facebook http://www.facebook.com/policy.php
- Twitter http://twitter.com/privacy
- Google+, Google Maps e YouTube https://www.google.it/intl/it/policies/privacy/
- Vimeo https://vimeo.com/cookie_policy
2.3 Si precisa, per completezza, che i dati personali - una volta resi anonimi - potranno essere utilizzati per elaborare statistiche o per rilevare il grado di soddisfazione degli utenti. In ogni caso, la raccolta e il trattamento dei dati personali degli utenti non saranno finalizzati ad attività di marketing, di informazione commerciale e/o di indagini di mercato.

3. Tipologia di dati
3.1 Il trattamento dei dati effettuati tramite il presente Sito avrà prevalentemente ad oggetto dati comuni.
Tuttavia, in considerazione della natura del Giornale, il trattamento, inoltre, potrà riguardare anche i dati personali idonei a rivelare le convinzioni religiose e/o le opinioni politiche degli utenti e/o degli Associati, e/o dei soggetti che - in relazione allo scopo associativo - hanno contatti regolari con il Giornale. In ogni caso, tramite il presente Sito non saranno trattati dati inerenti alla salute. Pertanto, La invitiamo a non comunicarci dati personali attinenti al Suo stato di salute e alla Sua vita sessuale, ai sensi dell´art. 26 del Codice. In presenza di tali dati, il Giornale procederà alla tempestiva distruzione del relativo messaggio e/o comunicazione da Lei eventualmente fornita.
3.2 Il trattamento dei dati si svolgerà in conformità della vigente Autorizzazione Generale del Garante per la protezione dei dati personali n. 3/2011 e successive .
3.3 Il conferimento dei dati è in ogni caso facoltativo. Tuttavia, il mancato conferimento dei dati relativamente ad alcune sezioni del Sito e, più precisamente, in relazione alla Sezione "Contatti" comporterà l´impossibilità, per l´Associazione, di fornire il relativo servizio.

4. Modalità di trattamento
4.1 Il medesimo sarà effettuato prevalentemente con l´ausilio di mezzi informatici e telematici ma anche manualmente. I dati infatti potranno essere conservati sia in archivi cartacei sia in archivi elettronici, in modo da consentire, laddove necessario, l´individuazione e la selezione di dati aggregati, per il tempo non eccedente la durata e le necessità del trattamento.
4.2 Il trattamento sarà effettuato direttamente dall´organizzazione del Titolare, con l´ausilio dei propri incaricati e/o responsabili del trattamento. Potranno avere accesso ai dati per il perseguimento delle finalità di cui al punto 1, nell´ambito delle rispettive funzioni o mansioni e, in ogni caso, secondo le modalità e nei limiti di cui ai rispettivi atti di nomina a Responsabile o a Incaricato, oltre al Coordinatore/Coordinatrice, al Tesoriere e al Responsabile per la gestione delle istanze ex art. 7 Codice, eventuali società di servizi esterne nominate responsabili del trattamento ai sensi e per gli effetti dell´art. 29 del Codice.
4.3. Infine, si informa l´utente che l´eventuale trasmissione di dati tramite Internet non può raggiungere livelli di sicurezza assoluti. E´ onere dell´utente verificare la correttezza dei dati personali che lo riguardano ed eventualmente procedere alla rettifica, aggiornamento o, comunque, modifica dei dati nel corso del trattamento. Il Titolare non può considerarsi tenuto ad altra prestazione oltre alla puntuale e corretta applicazione degli standard di sicurezza imposti dalla normativa in vigore, con particolare riferimento all´adozione delle misure di sicurezza in conformità di quanto previsto dagli artt. 33-36 del Codice e dal Disciplinare Tecnico di cui all´Allegato B.

5. Conservazione dei dati - durata e aggiornamento
5.1 A seguito di controlli periodici,il Giornale verificherà la stretta pertinenza e la non eccedenza dei dati raccolti rispetto agli obblighi ed alle finalità del trattamento posto in essere, per quanto riguarda i dati che rivelano le opinioni e le intime convinzioni.
5.2 Ad eccezione dei dati di navigazione che non vengono conservati oltre una settimana dalla raccolta, gli altri dati verranno conservati in coerenza con lo scopo per il quale sono stati conferiti e comunque nel rispetto della normativa vigente.
5.3 Nel rispetto di quanto previsto dall´art. 11, co. 1, lett. c) Codice, i dati personali saranno aggiornati in seguito alla segnalazione dell´Interessato, in congruità con quanto previsto dall´art. 7, co. 3, lett. a) Codice.

6. Comunicazione e diffusione
6.1 il Giornale non procederà alla comunicazione diretta a terzi dei dati personali raccolti tramite il sito.
6.2 I dati relativi alla navigazione non verranno, in nessun caso, diffusi o comunicati. E´ fatta salva la eventuale comunicazione alle Autorità competenti in relazione alle attività necessarie all´accertamento e alla repressione dei reati.
6.3 I dati personali forniti dagli utenti, che inoltrano richieste di informazioni ai diversi indirizzi di posta elettronica presenti sul Sito, non sono comunicati a terzi.
6.4 Nell´ambito delle finalità indicate nella presente informativa, qualora sia necessario comunicare i dati a soggetti diversi dal Titolare, quest´ultimo provvederà alla designazione degli stessi quali Responsabili del trattamento.

7. Diritti dell´Interessato
7.1 Al Titolare del trattamento potranno essere inoltrate le richieste di cui all´art. 7 del Codice "Diritti dell´interessato", ossia, in particolare il diritto di:
- ottenere dal Titolare la conferma dell´esistenza di dati personali che lo riguardano e la comunicazione dei medesimi in forma intelligibile;
- conoscere l´origine dei dati, la logica e le finalità su cui si basa il loro trattamento;
- conoscere gli estremi identificativi dei Responsabili del trattamento e delle categorie di soggetti ai quali i dati possono essere comunicati o che possono venirne a conoscenza in qualità di Responsabili o Incaricati;
- ottenere la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati trattati in violazione della legge, come l´aggiornamento, la rettificazione o, qualora l´interessato vi abbia interesse, l´integrazione dei dati medesimi;
- opporsi in tutto o in parte, per motivi legittimi, al trattamento dei dati personali che lo riguardano ancorché pertinenti allo scopo della raccolta;
- opporsi in tutto o in parte al trattamento previsto ai fini di informazione commerciale o di invio di materiale pubblicitario.
Qualora, a seguito della richiesta di cui all´art. 7 del Codice non risulti confermata l´esistenza di dati che riguardano l´Interessato, potrà essere richiesto a quest´ultimo un contributo spese, comunque non superiore a Euro 10,00.

Le richieste dovranno essere rivolte ai Direttori del Giornale, Responsabili per le richieste ex art. 7, al seguente indirizzo e-mail:
info@rivoluzionedemocratica.it

Si prega di indicare nell´oggetto della comunicazione: "Richiesta ex art. 7 D. Lgs. 30 giugno 2003, n. 196 - Codice in materia di protezione dei dati personali".

8. Titolare ed elenco dei Responsabili del trattamento
Titolare del trattamento dei dati è il giornale on line "LA RIVOLUZIONE DEMOCRATICA" con sede a FIRENZE, mail: info@rivoluzionedemocratica.it
L´elenco aggiornato contenente i nominativi e i recapiti dei Responsabili è disponibile presso la sede del Titolare.
torna indietro leggi Informativa  obbligatorio

cookie