21 Gennaio 2022

“DA KAIROS AD ANANKE”

06-12-2021 - Intervento Andrea Becherucci
Sembra che finalmente si sia aperta una nuova stagione nella storia della costruzione europea. Fino a un paio di anni fa le istituzioni dell'UE e i governi degli Stati che ne fanno parte non parevano avere la minima intenzione di deflettere dall'osservanza dei dogmi neoliberisti impostisi nel corso dell'ultimo trentennio. Allo stesso modo, nelle opinioni pubbliche dei diversi paesi questo atteggiamento miope aveva alimentato un'ostilità sempre maggiore nei confronti delle istituzioni europee e delle politiche da queste messe in atto. Questo trend è ancor più evidente se si considera che dalle elezioni del 1994 la maggioranza degli europei diserta le urne con un picco negativo nel 1999 quando l'affluenza generale scende dal 56,7% al 49,5% (questo pur tenendo presente che negli anni il numero dei paesi chiamati al voto aumenta dai 9 del 1979 ai 27 del 2009).

Frutto marcio di questa situazione è il mai troppo vituperato ‘sovranismo', di cui, secondo la Treccani, questa è la definizione: “posizione politica che propugna la difesa o la riconquista della sovranità nazionale da parte di un popolo o di uno Stato, in antitesi alle dinamiche della globalizzazione e in contrapposizione alle politiche sovrannazionali di concertazione”.

Ora, a mio parere è necessario preliminarmente distinguere tra le pulsioni sovraniste presenti nei paesi dell'Europa occidentale (Francia, Germania, Italia, Spagna) e quelle emerse negli ex-paesi del blocco orientale (principalmente Polonia e Ungheria ma anche i länder dell'ex-Germania est).

Nei paesi dell'Europa dell'est il sovranismo nasce e mette radici come reazione alla violazione alla propria autonomia nazionale che l'Unione Sovietica aveva loro imposto per quarant'anni. Il combinato disposto di questo precedente storico e di un allargamento verso est in funzione antirussa necessario ma fin troppo precipitoso - osservazione all'epoca rilevata da pochi ma ormai condivisa dalla maggior parte degli osservatori - ha costituito la miscela esplosiva su cui hanno fatto la loro fortuna autocrati come Orban in Ungheria e Kaczynski in Polonia. Un commentatore sagace e certo non sospettabile di simpatie sovraniste come Maurizio Ferrera ha scritto sulla ‘Lettura' del 14 novembre scorso che ‘a parere di molti commentatori l'incorporazione democratica dei Paesi centro-orientali è stata il più grande successo dell'integrazione ma che, tuttavia, l'adesione all'UE non è (ancora?) riuscita ad agganciare i Paesi dell'Europa centro-orientale ai valori liberali e democratici' e aggiunge ‘La transizione di regime c'è stata sul piano formale, molto meno su quello sostanziale. Il conflitto sullo “Stato di diritto” che oggi divide Bruxelles da un lato, Varsavia e Budapest dall'altro lato, la dice lunga sull'inerzia delle diversità e gli ostacoli all'unità' (1).

In questi paesi sarà molto difficile estirpare le tendenze nazionaliste (in Polonia collegate strettamente anche al ruolo esercitato dalla Chiesa cattolica) che almeno dalla fine dell'Ottocento sono presenti e che riemergono costantemente. Osservazioni simili valgono per l'Ungheria in cui Orban governa facendo propri toni xenofobi e antisemiti. In questi casi si tratterà di lavorare a lungo, presumibilmente molto a lungo, sui processi di democratizzazione interna e sulla memoria nazionale di questi paesi. Sulle questioni delle memorie divise dell'Europa sulle quali qui non è possibile dilungarsi consiglio la lettura del libro Nazismo, comunismo, antifascismo. Memorie e rimozioni d'Europa di Carlo Spagnolo e altri autori (2).

Molto diverso è, invece, il discorso per i paesi dell'Europa occidentale per i quali si tratta di un fenomeno transeunte, collegato alle conseguenze delle politiche europee degli ultimi 15/20 anni. In questo caso l'emersione e la fortuna di partiti d'ispirazione sovranista sono riconducibili – ad esempio in un paese come l'Italia nota, peraltro, per essere sempre stata in testa nelle classifiche di gradimento riguardo alle politiche europee – a elemento contingente della lotta politica, significativo finché utile, ossia finché l'Unione Europea non tornerà ad adottare delle politiche di sostegno al lavoro e di tutela dei diritti sociali, ovvero da quando l'Europa, fattasi matrigna non tornerà ad essere la madre soccorrevole che avevamo conosciuto, certo in termini molto diversi da quelli adottati nei trente glorieuses a causa dei mutati scenari geopolitici internazionali.

Adottiamo uno sguardo diacronico. Nella primavera 1989 – da dati di Euro barometro – l'adesione alla Comunità europea era considerata una ‘buona cosa' da due cittadini europei su tre, tuttavia nell'autunno del 2011 – nel pieno della più grave crisi finanziaria globale degli ultimi anni – se l'Unione Europa continuava ad essere vista come l'attore più impegnato a combattere la recessione, la frammentazione fra i diversi paesi era molto aumentata: i dati parlano di un 24% in Grecia e in Ungheria fino ad arrivare all'85% in Olanda, all'88% in Finlandia, all'89% in Danimarca e al 90% in Svezia.

Cos'era successo? Nel giugno 2007 le conclusioni della Presidenza del Consiglio Europeo stabiliscono chiaramente che d'ora in avanti nei documenti ufficiali non si parlerà più di ‘Costituzione'. Si dà mandato a una nuova conferenza intergovernativa di tracciare i termini del nuovo trattato. Si va, cioè, in direzione opposta e contraria a quanto previsto dalla dichiarazione di Laeken del 2001. Così facendo si abdica definitivamente all'idea che le sorti dell'Europa siano affidate a un documento dotato di sostanza costituzionale.

Dalla firma del trattato di Maastricht, poi, emergono vincoli sempre più stretti alle politiche di bilancio degli Stati nazionali e vincente risulta essere l'ideologia – perché di ideologia si tratta – dell'austerità espansiva (una teoria economica basata su presupposti empirici risultati poi sbagliati - come rileverà più avanti anche il FMI, basti qui ricordare le dichiarazioni dell'economista Olivier Blanchard - secondo cui il saldo positivo delle entrate pubbliche rappresenta la strategia che genera un clima positivo per consumatori e investitori che rialimentano così la domanda di beni e servizi rilanciando la crescita.)

Il processo d'integrazione europea comincia a slittare su un piano inclinato all'indomani della firma del Trattato di Maastricht di cui tra pochi mesi si celebrerà il trentennale della firma. La fine della contrapposizione tra Est e Ovest, il processo, sia pure lento e travagliato, di democratizzazione dei paesi dell'Europa orientale e l'affacciarsi dei primi segnali della globalizzazione contribuiscono a fare del neoliberismo lo sfondo privilegiato su cui viene tessuto l'ordito e la trama della costruzione europea. Allo stesso tempo viene marginalizzato ogni momento espressione della partecipazione democratica. In definitiva dopo Maastricht prevale l'idea di ridurre la cittadinanza europea alla volontà dell'homo oeconomicus (3). Eppure il progetto europeo era nato con ben altre ambizioni, a partire da quella di porre fine, una volta per tutte, ai conflitti che nel XX secolo avevano insanguinato il continente (4).

Tuttavia, il primo trentennio di vita della Comunità europea consolida, anziché annullare, le prerogative dello Stato nazionale che si vede costretto, per rilegittimarsi sul piano nazionale, ‘a proiettarsi al di fuori delle proprie frontiere' (queste le parole dello storico britannico Alan Milward) per offrire il sostegno a quello che sarà chiamato ‘il compromesso socialdemocratico', ossia la creazione del cosiddetto ‘modello sociale europeo' (‘Dar da mangiare alla pecora per poi poterla tosare', come avrebbe detto il leader socialista svedese Olof Palme).

Uno studio recente di Alfredo D'Attorre ha colto il segno caratteristico di questa esperienza nella creazione di uno spazio giuridico europeo, frutto non dell'attività politico-legislativa ma dell'opera congiunta dell'iniziativa del mercato, dell'attività giurisdizionale della Corte di Giustizia e delle decisioni burocratico-amministrative prese dalle tecnostrutture europee. In realtà, sostiene D'Attorre, non ha senso contrapporre il dato economico al dato politico – come si è soliti fare in quest'ambito sostenendo che l'economia ha occupato lo spazio della politica - perché, nel momento in cui è diventata prassi comune l'intervento dello Stato nell'economia, il dato politico si sostanzia principalmente del dato economico (5).

Data dunque dall'inizio degli anni Novanta la progressiva perdita di consenso delle istituzioni europee nelle opinioni pubbliche nazionali. L'Europa, che fino ad allora era sempre stata considerata come la soluzione dei problemi, comincia ad essere vista, essa stessa come il problema. Dopo l'approvazione del trattato di Maastricht la forbice tra le istituzioni europee e i cittadini degli Stati membri si allarga sempre più. Si tenta allora di riconnettersi alle istanze che provengono dal basso attraverso l'approvazione di una Carta dei diritti fondamentali dell'Unione europea. Con questo passo si cerca ricostituire un legame virtuoso che sembra perduto.

Purtroppo, però, la Carta dimostra di non essere all'altezza delle aspettative. In particolare i diritti sociali, ancora una volta, rimangono sullo sfondo e il testo è oggetto di numerose critiche che - a detta di molti osservatori - avrebbero potuto essere superate solo attraverso la scrittura di una autentica Costituzione europea (6).

Lo stesso trattato di Maastricht abbandona ogni prospettiva di unificazione federale, esplicita o celata, essendo finalizzato alla ‘realizzazione delle condizioni ottimali del mercato unico'.

È, nella sostanza, con questo armamentario ideologico e giuridico che l'Unione Europea si è trovata ad affrontare le due gravissime crisi finanziarie globali del 2008 e del 2011. Inutile, qui, ripercorrere le stazioni del calvario subito dalla Grecia tra il 2009 e il 2015. Ho trattato nel dettaglio le tappe di questo processo nel mio libro L'Europa tra luci e ombre e del ruolo che vi ha avuto (o meglio che non vi ha avuto) la sinistra europea (7).

L'adesione acritica al modello neoliberale da parte delle istituzioni europee aveva posto la sinistra – ugualmente irretita dal totem del mercato - di fronte a un bivio: rifiutare in blocco una situazione che sembrava irriformabile o, al contrario, analizzare con attenzione la realtà per poter intervenire, dove possibile, per restituire dignità al lavoro e spazio ai diritti sociali.

Alcuni autori hanno voluto vedere negli avvenimenti che si sono susseguiti dalla Brexit in avanti i segnali di un ritorno del ‘politico' nella misura in cui nuove istanze si sono affacciate per reclamare un livello di maggiore prossimità rispetto al luogo dove vengono assunte le decisioni nel modello della globalizzazione neoliberale.

Purtroppo questa sinistra non è stata finora capace di elaborare un'alternativa a questo tipo di governance europea. È stata necessaria la pandemia perché l'Europa prendesse pienamente coscienza dei suoi limiti e delle sue aporie: 1.400.000 morti per Covid in Europa hanno rischiarato le menti dei decisori o almeno così pare.

È apparsa per la prima volta all'orizzonte una prima forma di mutualizzazione del debito europeo. Il Piano Next Generation EU si finanzierà, infatti, tramite il ricorso al mercato nel reperimento dei fondi e sarà ripagato in gran parte mediante nuove tipologie di risorse proprie da parte della Commissione Europea, indirizzate in special modo, verso la transizione ecologica e digitale.

Al di là di giudizi sulla necessità o meno del ritorno a una sovranità nazionale necessaria quale unico terreno su cui finora è stato capace di svilupparsi il conflitto sociale – come sostenuto da una parte della sinistra più critica verso questo modello di Europa - o di valutazioni circa il sovranismo come segnale del fallimento della mediazione politica attraverso i canali tradizionali, una cosa sola ci sentiamo di affermare: per l'Europa è già trascorso anche il ‘momento opportuno', quello che i greci chiamavano il Kairos, ormai ci troviamo di fronte ad Ananke, la dea della necessità ineluttabile.

Grazie

  1. M. Ferrera, Post Europa, in «La Lettura, Corriere della Sera», 14 novembre 2021.
  2. D. Conti, C. Spagnolo, C. Vercelli, Nazismo, comunismo, antifascismo. Memorie e rimozioni d'Europa, Bari, Radici future, 2020.
  3. C. De Fiores, Il fallimento della Costituzione europea. Note a margine del Trattato di Lisbona, in Il fallimento della Costituzione europea. Note a margine del Trattato di Lisbona. | Costituzionalismo.it
  4. Per una lettura completamente diversa del processo d'integrazione europea, si veda M. Gilbert, La storicizzazione della storia dell'integrazione europea, in «Il mestiere di storico», XII / 2, 2020.
  5. A. D'Attorre, L'Europa e il ritorno del ‘politico'. Diritto e sovranità nel processo d'integrazione, Torino, Giappichelli, 2020.
  6. C. Pinelli, Il momento della scrittura. Contributo al dibattito sulla Costituzione europea, Bologna, Il Mulino, 2002.
  7. A. Becherucci, L'Europa tra luci e ombre, Milano, Biblion, 2020.


Fonte: di ANDREA BECHERUCCI
Link
[]
L'AVVENIRE DEI LAVORATORI
Periodico socialista fondato 1897.
[]
IL PONTE RIVISTA
Rivista di politica economica e cultura
fondata da Calamandrei
[]
BIBLION EDITORE
Biblion Edizioni, storica casa editrice.
[]
CRITICA LIBERALE - NON MOLLARE
"NON MOLLARE"
Quindicinale on line di Critica Liberale,
la voce del liberalismo progressista in Italia.





Nuova Serie
"La Rivoluzione Democratica"
1, MARZO 2017
Associazione Alleanza Giellista
[]

Realizzazione siti web www.sitoper.it
invia ad un amico
icona per chiudere
Attenzione!
Non puoi effettuare più di 10 invii al giorno.
Privacy Policy per www.rivoluzionedemocratica.it
Il sito web www.rivoluzionedemocratica.it raccoglie alcuni dati personali degli utenti che navigano sul sito web.

In accordo con l'impegno e l'attenzione che poniamo ai dati personali e in accordo agli artt. 13 e 14 del EU GDPR, www.rivoluzionedemocratica.it fornisce informazioni su modalità, finalità, ambito di comunicazione e diffusione dei dati personali e diritti degli utenti.

Titolare del trattamento dei dati personali
La Rivoluzione Democratica
Via delle Piane, 38
55045 - Pietrasanta (Lucca) Italia
C.F. VVNPRZ72C56G628D

Email: info@rivoluzionedemocratica.it
Telefono: 3312300680

Tipi di dati acquisiti
www.rivoluzionedemocratica.it raccoglie dati degli utenti direttamente o tramite terze parti. Le tipologie di dati raccolti sono: dati tecnici di navigazione, dati di utilizzo, email, nome, cognome, numero di telefono, provincia, nazione, cap, città, indirizzo, ragione sociale, stato, cookie e altre varie tipologie di dati. Maggiori dettagli sui dati raccolti vengono forniti nelle sezioni successive di questa stessa informativa.
I dati personali sono forniti deliberatamente dall'utente tramite la compilazione di form, oppure, nel caso di dati di utilizzo, come ad esempio i dati relativi alle statistiche di navigazione, sono raccolti automaticamente navigando sulle pagine di www.rivoluzionedemocratica.it.

I dati richiesti dai form sono divisi tra obbligatori e facoltativi; su ciascun form saranno indicate distintamente le due tipologie. Nel caso in cui l'utente preferisca non comunicare dati obbligatori, www.rivoluzionedemocratica.it si riserva il diritto di non fornire il servizio. Nel caso in cui l'utente preferisca non comunicare dati facoltativi, il servizio sarà fornito ugualmente da www.rivoluzionedemocratica.it .

www.rivoluzionedemocratica.it utilizza strumenti di statistica per il tracciamento della navigazione degli utenti, l'analisi avviene tramite log. Non utilizza direttamente cookie ma può utilizzare cookie includendo servizi di terzi.

Ciascun utilizzo di cookie viene dettagliato nella Cookie Policy (https://www.rivoluzionedemocratica.it/Informativa-sui-cookies.htm) e successivamente in questa stessa informativa.
L'utente che comunichi, pubblichi, diffonda, condivida o ottenga dati personali di terzi tramite www.rivoluzionedemocratica.it si assume la completa responsabilità degli stessi. L'utente libera il titolare del sito web da qualsiasi responsabilità diretta e verso terzi, garantendo di avere il diritto alla comunicazione, pubblicazione, diffusione degli stessi. www.rivoluzionedemocratica.it non fornisce servizi a minori di 18 anni. In caso di richieste effettuate per minori deve essere il genitore, o chi detiene la patria potestà, a compilare le richieste dati.

Modalità, luoghi e tempi del trattamento dei dati acquisiti
Modalità di trattamento dei dati acquisiti
Il titolare ha progettato un sistema informatico opportuno a garantire misure di sicurezza ritenute adatte ad impedire l'accesso, la divulgazione, la modifica o la cancellazione non autorizzata di dati personali. Lo stesso sistema effettua copie giornaliere, ritenute sufficientemente adeguate in base alla importanza dei dati contenuti.

L'utente ha diritto a ottenere informazioni in merito alle misure di sicurezza adottate dal titolare per proteggere i dati.

Accessi ai dati oltre al titolare
Hanno accesso ai dati personali raccolti da www.rivoluzionedemocratica.it il personale interno (quale ad esempio amministrativo, commerciale, marketing, legale, amministratori di sistema) e/o soggetti esterni (quali ad esempio fornitori di servizi informatici terzi, webfarm, agenzie di comunicazione, fornitori di servizi complementari). Se necessario tali strutture sono nominate dal titolare responsabili del trattamento.

L'utente può richiedere in qualsiasi momento al titolare del trattamento, l'elenco aggiornato dei responsabili del trattamento.

Comunicazione di eventuali accessi indesiderati al Garante della Privacy
Il suddetto sistema informatico è monitorato e controllato giornalmente da tecnici e sistemisti. Ciò non toglie che, anche se ritenuta possibilità remota, ci possa essere un accesso indesiderato. Nel caso in cui questo si verifichi il titolare si impegna, come da GDPR ad effettuarne comunicazione al Garante della Privacy entro i termini previsti dalla legge.

Luoghi di mantenimento dei dati acquisiti
I dati personali sono mantenuti e trattati nelle sedi operative e amministrative del titolare, nonché nelle webfarm dove risiedono i server che ospitano il sito web www.rivoluzionedemocratica.it, o sui server che ne effettuano le copie di sicurezza. I dati personali dell'utente possono risiedere in Italia, Germania e Olanda, comunque in nazioni della Comunità Europea. I dati personali dell'utente non vengono mai portati o copiati fuori dal territorio europeo.

Tempi di mantenimento dei dati acquisiti
Nel caso di dati acquisiti per fornire un servizio all'utente, (sia per un servizio acquistato che in prova) i dati vengono conservati per 24 mesi successivi al completamento del servizio. Oppure fino a quando non ne venga revocato il consenso.

Nel caso in cui il titolare fosse obbligato a conservare i dati personali in ottemperanza di un obbligo di legge o per ordine di autorità, il titolare può conservare i dati per un tempo maggiore, necessario agli obblighi.

Al termine del periodo di conservazione i dati personali saranno cancellati. Dopo il termine, non sarà più possibile accedere ai propri dati, richiederne la cancellazione e la portabilità.

Base giuridica del trattamento dei dati acquisiti
Il titolare acquisisce dati personali degli utenti nei casi sotto descritti.
Il trattamento si rende necessario:
- se l'utente ha deliberatamente accettato il trattamento per una o più finalità;
- per fornire un preventivo all'utente;
- per fornire un contratto all'utente;
- per fornire un servizio all'utente;
- perché il titolare possa adempiere ad un obbligo di legge;
- perché il titolare possa adempiere ad un compito di interesse pubblico;
- perché il titolare possa adempiere ad un esercizio di pubblici poteri;
- perché il titolare o terzi possano perseguire i propri legittimi interessi.

L'utente può richiedere in qualsiasi momento al titolare del trattamento, chiarimenti sulla base giuridica di ciascun trattamento.

Finalità del trattamento dei dati acquisiti
I dati dell'utente sono raccolti dal titolare per le seguenti finalità:

- richiesta informazione da parte dell'utente
- richiesta informazione per servizi
- invio di aggiornamenti
- invio informazioni generiche
- richiesta di contatto da parte dei clienti, per ricevere informazioni

Eventualmente i dati possono essere trattati anche per:
contattare l'utente, statistiche, analisi dei comportamenti degli utenti e registrazione sessioni, visualizzazione contenuti e interazione di applicazioni esterne, protezione dallo spam, gestione dei pagamenti, interazione con social network, pubblicità.

L'utente può richiedere in qualsiasi momento al titolare del trattamento, chiarimenti sulle finalità di ciascun trattamento.

Dettagli specifici sull'acquisizione e uso dei dati personali
Per contattare l'utente
Moduli di contatto
L'utente può compilare il/i moduli di contatto/richiesta informazioni, inserendo i propri dati e acconsentendo al loro uso per rispondere alle richieste di natura indicata nella intestazione del modulo.
Dati personali che potrebbero essere raccolti: CAP, città, cognome, email, indirizzo, nazione, nome, numero di telefono, provincia, ragione sociale.

Per interazione con applicazioni esterne (anche social network)
www.rivoluzionedemocratica.it include nelle sue pagine plugin e/o pulsanti per interagire con i social network e/o applicazioni esterne.
Per quanto riguarda i social network, anche se l'utente non utilizza il servizio presente sulla pagina web, è possibile che il servizio acquisisca dati di traffico.

I dati acquisiti e l'utilizzo degli stessi da parte di servizi terzi sono regolamentati dalle rispettive Privacy Policy alle quali si prega di fare riferimento.

Facebook: Pulsante "Mi piace" e widget sociali
Fornitore del servizio: Facebook, Inc.
Finalità del servizio: interazione con il social network Facebook
Dati personali raccolti: cookie, dati di utilizzo
Luogo del trattamento: Stati Uniti
Privacy Policy (https://www.facebook.com/about/privacy/update)
Cookie utilizzati (https://www.facebook.com/about/privacy/cookies)
Aderente al Privacy Shield

Twitter: Pulsante "Tweet" e widget sociali
Fornitore del servizio: Twitter, Inc.
Finalità del servizio: interazione con il social network Twitter
Dati personali raccolti: cookie, dati di utilizzo
Luogo del trattamento: Stati Uniti
Privacy Policy (https://twitter.com/privacy)
Cookie utilizzati (https://help.twitter.com/it/rules-and-policies/twitter-cookies)
Aderente al Privacy Shield

Whatsapp: Pulsante Whatsapp e widget sociali di Whatsapp
Fornitore del servizio: se l'utente risiede nella Regione Europea, WhatsApp Ireland Limited, se l'utente risiede al di fuori della Regione Europea, i Servizi vengono forniti da WhatsApp LLC.
Finalità del servizio: servizi di interazione con Whatsapp.
Dati personali raccolti: cookie, dati di utilizzo
Luogo del trattamento: Irlanda, le informazioni potrebbero essere trasferite o trasmesse o archiviate e trattate negli Stati Uniti o in altri Paesi terzi al di fuori di quello in cui l'utente risiede.
Privacy Policy (https://www.whatsapp.com/legal/privacy-policy-eea)
Aderente al Privacy Shield

Per protezione da spam
Questi servizi acquisiscono dati dagli utenti e tramite varie logiche distinguono il traffico di utenti reali da quello di potenziali minacce di spam.

I dati acquisiti e l'utilizzo degli stessi da parte di servizi terzi sono regolamentati dalle rispettive Privacy Policy alle quali si prega di fare riferimento.

Google reCAPTCHA
Fornitore del servizio: Google, Inc.
Finalità del servizio: servizio di protezione da spam
Dati personali raccolti: cookie, dati di utilizzo
Luogo del trattamento: Stati Uniti
Privacy Policy (https://policies.google.com/privacy?hl=it)
Cookie utilizzati (https://policies.google.com/technologies/types?hl=it)
Aderente al Privacy Shield

Per statistiche
Questi servizi sono utilizzati dal titolare del trattamento per analizzare il traffico effettuato dagli utenti sul sito web www.rivoluzionedemocratica.it.

I dati acquisiti e l'utilizzo degli stessi da parte di servizi terzi sono regolamentati dalle rispettive Privacy Policy alle quali si prega di fare riferimento.

Google Analytics
Fornitore del servizio: Google, Inc.
Finalità del servizio: servizio di analisi web fornito. Questo servizio raccoglie i dati personali dell'utente per monitorare e analizzare l'utilizzo del sito web www.rivoluzionedemocratica.it, generare report e utilizzarli anche per gli altri servizi di Google. Google può usare i dati raccolti per personalizzare i propri annunci pubblicitari.
Dati personali raccolti: cookie, dati di utilizzo
Luogo del trattamento: Stati Uniti
Privacy Policy (https://policies.google.com/privacy?hl=it)
Opt-Out (https://tools.google.com/dlpage/gaoptout?hl=it)
Aderente al Privacy Shield

Per visualizzare contenuti da siti web esterni
Questi servizi sono utilizzati per visualizzare sulle pagine del sito web contenuti esterni al sito web, con possibilità di interazione.
Anche se l'utente non utilizza il servizio presente sulla pagina web, è possibile che il servizio acquisisca dati di traffico.

I dati acquisiti e l'utilizzo degli stessi da parte di servizi terzi sono regolamentati dalle rispettive Privacy Policy alle quali si prega di fare riferimento.

Google Fonts
Fornitore del servizio: Google, Inc.
Finalità del servizio: servizio per visualizzare caratteri (fonts) esterni sul proprio sito web
Dati personali raccolti: tipologie di dati secondo quanto specificato dalla privacy policy del servizio
Luogo del trattamento: Stati Uniti
Privacy Policy (https://policies.google.com/privacy?hl=it)
Aderente al Privacy Shield

Diritti dell'interessato
L'utente possiede tutti i diritti previsti dall'art. 12 del EU GDPR, il diritto di controllare, modificare e integrare (rettificare), cancellare i propri dati personali accedendo alla propria area riservata. Una volta cancellati tutti i dati, viene chiuso l'account di accesso all'area riservata.

Nello specifico ha il diritto di:
- sapere se il titolare detiene dati personali relativi all'utente (art. 15 Diritto all'accesso);
- modificare o integrare (rettificare) i dati personali inesatti o incompleti (Art. 16 Diritto di rettifica);
- richiedere la cancellazione di uno o parte dei dati personali mantenuti se sussiste uno dei motivi previsti dal GDPR (Diritto alla Cancellazione, 17);
- limitare il trattamento solo a parte dei dati personali, o revocarne completamente il consenso al trattamento, se sussiste uno dei motivi previsti dal Regolamento (Art. 18 Diritto alla limitazione del trattamento);
- ricevere copia di tutti i dati personali in possesso del titolare, in formato di uso comune organizzato, e leggibili anche da dispositivo automatico (Art. 20, Diritto alla Portabilità);
- opporsi in tutto o in parte al trattamento dei dati per finalità di marketing, ad esempio opporsi e ricevere offerte pubblicitarie (art. 21 Diritto di opposizione). Si fa presente agli utenti che possono opporsi al trattamento dei dati utilizzati per scopo pubblicitario, senza fornire alcuna motivazione;
- opporsi al trattamento dei dati in modalità automatica o meno per finalità di profilazione (c.d. Consenso).

Come un utente può esercitare i propri diritti
L'utente può esercitare i propri diritti sopra esposti comunicandone richiesta al titolare del trattamento La Rivoluzione Democratica ai seguenti recapiti: info@rivoluzionedemocratica.it; tel. 3312300680.

La richiesta di esercitare un proprio diritto non ha nessun costo. Il titolare si impegna ad evadere le richieste nel minor tempo possibile, e comunque entro un mese.

L'utente ha il diritto di proporre reclamo all'Autorità Garante per la Protezione dei dati Personali. Recapiti: garante@gpdp.it, http://www.gpdp.it (http://www.gpdp.it).

Cookie Policy
Informazioni aggiuntive sul trattamento dei dati
Difesa in giudizio
Nel caso di ricorso al tribunale per abuso da parte dell'utente nell'utilizzo di www.rivoluzionedemocratica.it o dei servizi a esso collegati, il titolare ha la facoltà di rivelare i dati personali dell'utente. È inoltre obbligato a fornire i suddetti dati su richiesta delle autorità pubbliche.

Richiesta di informative specifiche
L'utente ha diritto di richiedere a www.rivoluzionedemocratica.it informative specifiche sui servizi presenti sul sito web e/o la raccolta e l'utilizzo dei dati personali.

Raccolta dati per log di sistema e manutenzione
www.rivoluzionedemocratica.it e/o i servizi di terze parti (se presenti) possono raccogliere i dati personali dell'utente, come ad esempio l'indirizzo IP, sotto forma di log di sistema. La raccolta di questi dati è legata al funzionamento e alla manutenzione del sito web.

Informazioni non contenute in questa policy
L'utente ha diritto di richiedere in ogni momento al titolare del trattamento dei dati le informazioni aggiuntive non presenti in questa Policy riguardanti il trattamento dei dati personali. Il titolare potrà essere contattato tramite gli estremi di contatto.

Supporto per le richieste "Do Not Track"
Le richieste  "Do Not Track" non sono supportate da www.rivoluzionedemocratica.it.
L'utente è invitato a consultare le Privacy Policy dei servizi terzi sopra elencati per scoprire quali supportano questo tipo di richieste.

Modifiche a questa Privacy Policy
Il titolare ha il diritto di modificare questo documento avvisando gli utenti su questa stessa pagina oppure, se previsto, tramite i contatti di cui è in possesso. L'utente è quindi invitato a consultare periodicamente questa pagina. Per conferma sull'effettiva modifica consultare la data di ultima modifica indicata in fondo alla pagina.
Il titolare si occuperà di raccogliere nuovamente il consenso degli utenti nel caso in cui le modifiche a questo documento riguardino trattamenti di dati per i quali è necessario il consenso.

Definizioni e riferimenti legali
Dati personali (o dati, o dati dell'utente)
Sono dati personali le informazioni che identificano o rendono identificabile, direttamente o indirettamente, una persona fisica e che possono fornire informazioni sulle sue caratteristiche, le sue abitudini, il suo stile di vita, le sue relazioni personali, il suo stato di salute, la sua situazione economica, ecc.

Fonte: sito web del Garante della Privacy (http://www.garanteprivacy.it).

Dati di utilizzo
Sono dati di utilizzo le informazioni che vengono raccolte in automatico durante la navigazione di www.rivoluzionedemocratica.it, sia da sito web stesso che dalle applicazioni di terzi incluse nel sito. Sono esempi di dati di utilizzo l'indirizzo IP e i dettagli del dispositivo e del browser (compresi la localizzazione geografica) che l'utente utilizza per navigare sul sito, le pagine visualizzate e la durata della permanenza dell'utente sulle singole pagine.

Utente
Il soggetto che fa uso del sito web www.rivoluzionedemocratica.it.
Coincide con l'interessato, salvo dove diversamente specificato.

Interessato
Interessato è la persona fisica al quale si riferiscono i dati personali. Quindi, se un trattamento riguarda, ad esempio, l'indirizzo, il codice fiscale, ecc. di Mario Rossi, questa persona è l'interessato (articolo 4, paragrafo 1, punto 1), del Regolamento UE 2016/679 (http://www.garanteprivacy.it/regolamentoue).

Fonte: sito web del Garante della Privacy (http://www.garanteprivacy.it).

Responsabile del trattamento (o responsabile)
Responsabile è la persona fisica o giuridica al quale il titolare affida, anche all'esterno della sua struttura organizzativa, specifici e definiti compiti di gestione e controllo per suo conto del trattamento dei dati (articolo 4, paragrafo 1, punto 8), del Regolamento UE 2016/679 (http://www.garanteprivacy.it/regolamentoue). Il Regolamento medesimo ha introdotto la possibilità che un responsabile possa, a sua volta e secondo determinate condizioni, designare un altro soggetto c.d. "sub-responsabile" (articolo 28, paragrafo 2).

Fonte: sito web del Garante della Privacy (http://www.garanteprivacy.it).

Titolare del trattamento (o titolare)
Titolare è la persona fisica, l'autorità pubblica, l'impresa, l'ente pubblico o privato, l'associazione, ecc., che adotta le decisioni sugli scopi e sulle modalità del trattamento (articolo 4, paragrafo 1, punto 7), del Regolamento UE 2016/679 (http://www.garanteprivacy.it/regolamentoue).

Fonte: sito web del Garante della Privacy (http://www.garanteprivacy.it).

www.rivoluzionedemocratica.it (o sito web)  
Il sito web mediante il quale sono raccolti e trattati i dati personali degli utenti.

Servizio
Il servizio offerto dal sito web www.rivoluzionedemocratica.it come indicato nei relativi termini.

Comunità Europea (o UE)
Ogni riferimento relativo alla Comunità Europea si estende a tutti gli attuali stati membri dell'Unione Europea e dello Spazio Economico Europeo, salvo dove diversamente specificato.

Cookie
Dati conservati all'interno del dispositivo dell'utente.

Riferimenti legali
La presente informativa è redatta sulla base di molteplici ordinamenti legislativi, inclusi gli artt. 13 e 14 del Regolamento (UE) 2016/679. Questa informativa riguarda esclusivamente www.rivoluzionedemocratica.it, dove non diversamente specificato.

Informativa privacy aggiornata il 14/12/2021 12:27
torna indietro leggi Privacy Policy per www.rivoluzionedemocratica.it  obbligatorio

cookie