21 Gennaio 2022

"RICCHI E POVERI.
STORIA DELLA DISUGUAGLIANZA"

17-12-2021 - LA LETTURA di Vincenzo Russo
Pierluigi Ciocca, Ricchi e poveri. Storia della diseguaglianza, Einaudi Stile Libero, 2021

“Seguendo il filo della storia millenaria, il libro ricostruisce in sintesi come redditi e patrimoni si ripartiscono e come i termini della diade ricchezza/povertà interagiscono…. Interagiscono secondo un rapporto potere-economia-istituzioni che muta nei due secoli più recenti. Nelle società tribali il potere si identificava con la forza. I forti hanno sempre dominato sui deboli. La ricchezza (il controllo sulle risorse economico-finanziarie) quasi sempre ha contribuito a consolidare il potere. “Le istituzioni hanno in vario modo favorito o contrastato gli scompensi fra ricchi e poveri”.

La povertà oggi si definisce secondo gli indici dello sviluppo umano definiti da una Commissione delle Nazioni Unite. Al di là degli indici di benessere materiale Ciocca tiene presenti le acquisizioni della migliore teoria del benessere materiale e cita i funzionamenti di Sen: ciò che possiamo o non possiamo fare, ciò che possiamo essere o non essere. Rispetto al passato, oggi la relazione ricchezza potere muove dalla ricchezza e non viceversa (31). I secoli diciannovesimo e ventesimo sono quelli dell'industrializzazione e della globalizzazione non governata che ha fatto ipotizzare a molti un ridimensionamento del ruolo dello Stato nazionale – già attaccato frontalmente da Milton Friedman e dalla sua scuola sostenendo che i fallimenti dello Stato sono più gravi di quelli del mercato.

Pur nelle sue dimensioni tascabili, il libro ha un apparato di citazioni, note esplicative e riferimenti bibliografici veramente notevole e soprattutto una mole di dati sulla diseguaglianza relativi ai diversi continenti e a singoli paesi all'interno di essi. È impossibile riassumerli in una breve presentazione e per questo motivo mi limito a presentare e discutere alcune questioni fondamentali di macroeconomia che riguardano il funzionamento del modello capitalistico - oggi egemone a livello globale.

Il tema fondamentale affrontato da Ciocca è, secondo me, il rapporto tra la crescita versus la diseguaglianza (127). Se la diseguaglianza frena la crescita e se questa ammette l'eguaglianza e/o favorisce l'eguaglianza, che fare? Ciocca (128) cita ricerche OCSE secondo cui la diseguaglianza può frenare la crescita e, al contrario, l'eguaglianza la può promuovere. È stato calcolato che la riduzione di un punto dell'indice di Gini può far aumentare la crescita dello 0,8 all'anno per un quinquennio. Cita anche uno studio del FMI che ha confermato la tesi fondamentale secondo cui la riduzione della diseguaglianza è correlata positivamente con una crescita rapida e durevole e che una moderata redistribuzione non esplica effetti negativi sulla crescita. Naturalmente ci sono altre ricerche empiriche che danno esiti meno convergenti con le prime ma non suffragano la tesi opposta di una diseguaglianza che aiuti la crescita.

Opportunamente Ciocca ritiene comprensibile che diverse ricerche empiriche in diversi paesi possano dare esiti non convergenti proprio “perché il legame fra distribuzione e crescita è mediato, nella realtà, da fattori che le statistiche approssimano con difficoltà: fattori politici, sociali, istituzionali come la tassazione e la spesa pubblica, il diritto al lavoro, le strutture proprietarie, ecc. In altre parole, il mercato lasciato a sé stesso non produce necessariamente una distribuzione o un livello di occupazione socialmente accettabili, ma questi malfunzionamenti possono essere corretti da adeguati interventi dell'operatore pubblico ai vari livelli di governo.

Ciocca ribadisce che la crescita resta condizione necessaria e centrale ma non sufficiente. “L'economia di mercato capitalistico si è affermata come “ineguagliata macchina di crescita” ma è affetta da limiti intrinseci, radicati, da negatività di grande momento: è iniqua, instabile, inquinante. Queste tre negatività sono generate dal modus operandi del sistema, connesse da legami reciproci con la sua dinamica”. Non sufficiente per produrre eguaglianza per i suddetti tre motivi fondamentali: l'iniquità, l'instabilità, e l'inquinamento che spiega, in maniera lapidaria, nelle pagine 131-32. Ho già detto della prima e lo ripeto: non c'è garanzia che il mercato produca una distribuzione equa delle risorse. La storia millenaria della diseguaglianza, magistralmente riassunta da Ciocca, ne costituisce prova provata. L'instabilità nasce da fattori di rischio connessi alle aspettative degli operatori privati e al comportamento di quelli pubblici. “se l'investimento è carente vi sarà disoccupazione, se è eccessivo vi sarà inflazione…. L'Economia è esposta all'inflazione se la domanda globale sfugge al controllo, alla deflazione se l'offerta eccede la domanda globale”. Se consideriamo che oggi siamo in fase di accelerata globalizzazione, di finanziarizzazione dell'economia che alimenta fenomeni speculativi anche a livello globale, è chiaro che il lavoro degli imprenditori privati e degli operatori pubblici si è fatto vieppiù complicato e difficile di quanto non fosse ragionando in contesti di economie più o meno chiuse o meno interdipendenti di adesso. Mi permetto di aggiungere un'altra caratteristica negativa che riguarda nello specifico l'Italia. Abbiamo una classe dirigente economica non in grado di svolgere il ruolo che le spetterebbe perché non ha un'appropriata visione della società e dello Stato. Molti suoi componenti non credono al futuro del loro Paese e quelli che hanno successo, non di rado, pensano solo a nascondere i loro guadagni nei paradisi fiscali e a evadere le imposte.

Il terzo fattore di crisi è l'inquinamento che, oltre certi livelli, produce anche il cambiamento climatico. Molte attività produttive producono diseconomie esterne che gli imprenditori non hanno interesse a porvi rimedio. Nell'anno della COP 26 abbiamo visto le difficoltà dei diversi Paesi di cooperare adeguatamente – secondo alcuni c'è mancanza di volontà di ridurre le emissioni di anidride carbonica per via dell'aumento dei costi di produzione che tale misura produrrebbe. Ci sono grossi interessi in gioco difficili da conciliare che spesso non sono combattuti adeguatamente neanche all'interno di singoli paesi. Eppure secondo una stima, citata da Ciocca, basterebbero 2 punti del PIL mondiale all'anno per circa 50 anni per contenere il riscaldamento globale a livelli sostenibili.

Ecco ho ritenuto utile ripetere queste considerazioni di Ciocca per concordare con Lui. Tutti e tre i fattori di crisi del modello capitalistico evocano un ruolo attivo dell'operatore pubblico non solo nella gestione dell'economia ma anche della società. Purtroppo da 40 anni a questa parte nel c.d. mondo occidentale imperversa l'ideologia neoliberista che ha ridimensionato consistentemente il ruolo dello Stato che in Europa si era sviluppato nei c.d. “trenta gloriosi”. Secondo alcuni a questi anni che in alcuni paesi dell'Europa centrale e del Nord avevano visto il fiorire di sistemi avanzati di welfare sono subentrati i c.d. “quaranta vergognosi” dell'egemonia neoliberista che, all'interno dell'UE, ha visto aumentare la disoccupazione, le diseguaglianze, la povertà, la divaricazione tra le regioni centrali e quelle periferiche in nome della stabilità e di un approccio mercantilistico della potenza egemone e dei suoi alleati.

Emblematico il confronto con la crescita cinese nello stesso periodo. Un caso borderline perché l'economia cinese non è programmata rigidamente secondo il vecchio modello sovietico e non è neanche un mercato capitalista di stampo occidentale. Ma è un fatto riconosciuto da molti esperti e analisti che dalla liberalizzazione introdotta da Deng negli anni ‘80 del secolo scorso l'economia cinese è cresciuta a tassi a doppia cifra e che il sistema economico ed istituzionale, in 40 anni, è riuscito a tirare fuori dalla povertà 400 – secondo altri 500- milioni di cinesi.

Sulle diseguaglianze in Italia negli ultimi due anni ha inciso da ultimo anche la pandemia. Riprendo sinteticamente i dati citati da Ciocca p. 142: “in Italia prima della pandemia versava in condizione di povertà assoluta il 7,7% della popolazione. Una tale percentuale – continua Ciocca – risultava la vergogna di un Paese ricco. Ma nel primo anno della pandemia, il 2020, è salita al 9,4% portando il numero dei molto poveri a 5,6 milioni di persone i cui consumi sono scemati rispetto al reddito. Secondo i criteri e gli obiettivi europei si trovano “a rischio povertà” – al di sotto di 850 euro al mese per persona che viva sola – 12 milioni di italiani pari al 20% della popolazione”. È chiaro che il persistere di una simile tendenza minerebbe ulteriormente la coesione sociale per la quale l'Italia si colloca agli ultimi posti nella classifica dei paesi membri dell'Unione. Se la crescita è una condizione necessaria ma non sufficiente per perseguire l'uguaglianza o, quanto meno, ridurre le diseguaglianze più macroscopiche vediamo brevemente quali sono in Italia i principali ostacoli che si frappongono al perseguimento di tale obiettivo. Sono: la bassa produttività, la bassa accumulazione di capitale fisico ed umano; lo stato penoso della nostra pubblica amministrazione centrale e sub-centrale; il livello troppo basso degli investimenti pubblici e, in particolare, di quelli nella ricerca ed innovazione; la lentezza della giustizia; il gap infrastrutturale tra Nord e Sud, la delocalizzazione di molte attività produttive innanzitutto all'interno della UE per cogliere le forti differenze nel costo del lavoro; la presenza di potenti organizzazioni criminali che introducono forti distorsioni nel funzionamento del sistema economico non solo nel Mezzogiorno ma anche la Nord (148), la corruzione diffusa.

Rimediare a questi svantaggi comparati è un compito arduo per qualsiasi governo anche perché in Italia i governi cambiano e sono diverse le strategie di riforma che essi perseguono.






Fonte: di VINCENZO RUSSO
Link
[]
L'AVVENIRE DEI LAVORATORI
Periodico socialista fondato 1897.
[]
IL PONTE RIVISTA
Rivista di politica economica e cultura
fondata da Calamandrei
[]
BIBLION EDITORE
Biblion Edizioni, storica casa editrice.
[]
CRITICA LIBERALE - NON MOLLARE
"NON MOLLARE"
Quindicinale on line di Critica Liberale,
la voce del liberalismo progressista in Italia.





Nuova Serie
"La Rivoluzione Democratica"
1, MARZO 2017
Associazione Alleanza Giellista
[]

Realizzazione siti web www.sitoper.it
invia ad un amico
icona per chiudere
Attenzione!
Non puoi effettuare più di 10 invii al giorno.
Privacy Policy per www.rivoluzionedemocratica.it
Il sito web www.rivoluzionedemocratica.it raccoglie alcuni dati personali degli utenti che navigano sul sito web.

In accordo con l'impegno e l'attenzione che poniamo ai dati personali e in accordo agli artt. 13 e 14 del EU GDPR, www.rivoluzionedemocratica.it fornisce informazioni su modalità, finalità, ambito di comunicazione e diffusione dei dati personali e diritti degli utenti.

Titolare del trattamento dei dati personali
La Rivoluzione Democratica
Via delle Piane, 38
55045 - Pietrasanta (Lucca) Italia
C.F. VVNPRZ72C56G628D

Email: info@rivoluzionedemocratica.it
Telefono: 3312300680

Tipi di dati acquisiti
www.rivoluzionedemocratica.it raccoglie dati degli utenti direttamente o tramite terze parti. Le tipologie di dati raccolti sono: dati tecnici di navigazione, dati di utilizzo, email, nome, cognome, numero di telefono, provincia, nazione, cap, città, indirizzo, ragione sociale, stato, cookie e altre varie tipologie di dati. Maggiori dettagli sui dati raccolti vengono forniti nelle sezioni successive di questa stessa informativa.
I dati personali sono forniti deliberatamente dall'utente tramite la compilazione di form, oppure, nel caso di dati di utilizzo, come ad esempio i dati relativi alle statistiche di navigazione, sono raccolti automaticamente navigando sulle pagine di www.rivoluzionedemocratica.it.

I dati richiesti dai form sono divisi tra obbligatori e facoltativi; su ciascun form saranno indicate distintamente le due tipologie. Nel caso in cui l'utente preferisca non comunicare dati obbligatori, www.rivoluzionedemocratica.it si riserva il diritto di non fornire il servizio. Nel caso in cui l'utente preferisca non comunicare dati facoltativi, il servizio sarà fornito ugualmente da www.rivoluzionedemocratica.it .

www.rivoluzionedemocratica.it utilizza strumenti di statistica per il tracciamento della navigazione degli utenti, l'analisi avviene tramite log. Non utilizza direttamente cookie ma può utilizzare cookie includendo servizi di terzi.

Ciascun utilizzo di cookie viene dettagliato nella Cookie Policy (https://www.rivoluzionedemocratica.it/Informativa-sui-cookies.htm) e successivamente in questa stessa informativa.
L'utente che comunichi, pubblichi, diffonda, condivida o ottenga dati personali di terzi tramite www.rivoluzionedemocratica.it si assume la completa responsabilità degli stessi. L'utente libera il titolare del sito web da qualsiasi responsabilità diretta e verso terzi, garantendo di avere il diritto alla comunicazione, pubblicazione, diffusione degli stessi. www.rivoluzionedemocratica.it non fornisce servizi a minori di 18 anni. In caso di richieste effettuate per minori deve essere il genitore, o chi detiene la patria potestà, a compilare le richieste dati.

Modalità, luoghi e tempi del trattamento dei dati acquisiti
Modalità di trattamento dei dati acquisiti
Il titolare ha progettato un sistema informatico opportuno a garantire misure di sicurezza ritenute adatte ad impedire l'accesso, la divulgazione, la modifica o la cancellazione non autorizzata di dati personali. Lo stesso sistema effettua copie giornaliere, ritenute sufficientemente adeguate in base alla importanza dei dati contenuti.

L'utente ha diritto a ottenere informazioni in merito alle misure di sicurezza adottate dal titolare per proteggere i dati.

Accessi ai dati oltre al titolare
Hanno accesso ai dati personali raccolti da www.rivoluzionedemocratica.it il personale interno (quale ad esempio amministrativo, commerciale, marketing, legale, amministratori di sistema) e/o soggetti esterni (quali ad esempio fornitori di servizi informatici terzi, webfarm, agenzie di comunicazione, fornitori di servizi complementari). Se necessario tali strutture sono nominate dal titolare responsabili del trattamento.

L'utente può richiedere in qualsiasi momento al titolare del trattamento, l'elenco aggiornato dei responsabili del trattamento.

Comunicazione di eventuali accessi indesiderati al Garante della Privacy
Il suddetto sistema informatico è monitorato e controllato giornalmente da tecnici e sistemisti. Ciò non toglie che, anche se ritenuta possibilità remota, ci possa essere un accesso indesiderato. Nel caso in cui questo si verifichi il titolare si impegna, come da GDPR ad effettuarne comunicazione al Garante della Privacy entro i termini previsti dalla legge.

Luoghi di mantenimento dei dati acquisiti
I dati personali sono mantenuti e trattati nelle sedi operative e amministrative del titolare, nonché nelle webfarm dove risiedono i server che ospitano il sito web www.rivoluzionedemocratica.it, o sui server che ne effettuano le copie di sicurezza. I dati personali dell'utente possono risiedere in Italia, Germania e Olanda, comunque in nazioni della Comunità Europea. I dati personali dell'utente non vengono mai portati o copiati fuori dal territorio europeo.

Tempi di mantenimento dei dati acquisiti
Nel caso di dati acquisiti per fornire un servizio all'utente, (sia per un servizio acquistato che in prova) i dati vengono conservati per 24 mesi successivi al completamento del servizio. Oppure fino a quando non ne venga revocato il consenso.

Nel caso in cui il titolare fosse obbligato a conservare i dati personali in ottemperanza di un obbligo di legge o per ordine di autorità, il titolare può conservare i dati per un tempo maggiore, necessario agli obblighi.

Al termine del periodo di conservazione i dati personali saranno cancellati. Dopo il termine, non sarà più possibile accedere ai propri dati, richiederne la cancellazione e la portabilità.

Base giuridica del trattamento dei dati acquisiti
Il titolare acquisisce dati personali degli utenti nei casi sotto descritti.
Il trattamento si rende necessario:
- se l'utente ha deliberatamente accettato il trattamento per una o più finalità;
- per fornire un preventivo all'utente;
- per fornire un contratto all'utente;
- per fornire un servizio all'utente;
- perché il titolare possa adempiere ad un obbligo di legge;
- perché il titolare possa adempiere ad un compito di interesse pubblico;
- perché il titolare possa adempiere ad un esercizio di pubblici poteri;
- perché il titolare o terzi possano perseguire i propri legittimi interessi.

L'utente può richiedere in qualsiasi momento al titolare del trattamento, chiarimenti sulla base giuridica di ciascun trattamento.

Finalità del trattamento dei dati acquisiti
I dati dell'utente sono raccolti dal titolare per le seguenti finalità:

- richiesta informazione da parte dell'utente
- richiesta informazione per servizi
- invio di aggiornamenti
- invio informazioni generiche
- richiesta di contatto da parte dei clienti, per ricevere informazioni

Eventualmente i dati possono essere trattati anche per:
contattare l'utente, statistiche, analisi dei comportamenti degli utenti e registrazione sessioni, visualizzazione contenuti e interazione di applicazioni esterne, protezione dallo spam, gestione dei pagamenti, interazione con social network, pubblicità.

L'utente può richiedere in qualsiasi momento al titolare del trattamento, chiarimenti sulle finalità di ciascun trattamento.

Dettagli specifici sull'acquisizione e uso dei dati personali
Per contattare l'utente
Moduli di contatto
L'utente può compilare il/i moduli di contatto/richiesta informazioni, inserendo i propri dati e acconsentendo al loro uso per rispondere alle richieste di natura indicata nella intestazione del modulo.
Dati personali che potrebbero essere raccolti: CAP, città, cognome, email, indirizzo, nazione, nome, numero di telefono, provincia, ragione sociale.

Per interazione con applicazioni esterne (anche social network)
www.rivoluzionedemocratica.it include nelle sue pagine plugin e/o pulsanti per interagire con i social network e/o applicazioni esterne.
Per quanto riguarda i social network, anche se l'utente non utilizza il servizio presente sulla pagina web, è possibile che il servizio acquisisca dati di traffico.

I dati acquisiti e l'utilizzo degli stessi da parte di servizi terzi sono regolamentati dalle rispettive Privacy Policy alle quali si prega di fare riferimento.

Facebook: Pulsante "Mi piace" e widget sociali
Fornitore del servizio: Facebook, Inc.
Finalità del servizio: interazione con il social network Facebook
Dati personali raccolti: cookie, dati di utilizzo
Luogo del trattamento: Stati Uniti
Privacy Policy (https://www.facebook.com/about/privacy/update)
Cookie utilizzati (https://www.facebook.com/about/privacy/cookies)
Aderente al Privacy Shield

Twitter: Pulsante "Tweet" e widget sociali
Fornitore del servizio: Twitter, Inc.
Finalità del servizio: interazione con il social network Twitter
Dati personali raccolti: cookie, dati di utilizzo
Luogo del trattamento: Stati Uniti
Privacy Policy (https://twitter.com/privacy)
Cookie utilizzati (https://help.twitter.com/it/rules-and-policies/twitter-cookies)
Aderente al Privacy Shield

Whatsapp: Pulsante Whatsapp e widget sociali di Whatsapp
Fornitore del servizio: se l'utente risiede nella Regione Europea, WhatsApp Ireland Limited, se l'utente risiede al di fuori della Regione Europea, i Servizi vengono forniti da WhatsApp LLC.
Finalità del servizio: servizi di interazione con Whatsapp.
Dati personali raccolti: cookie, dati di utilizzo
Luogo del trattamento: Irlanda, le informazioni potrebbero essere trasferite o trasmesse o archiviate e trattate negli Stati Uniti o in altri Paesi terzi al di fuori di quello in cui l'utente risiede.
Privacy Policy (https://www.whatsapp.com/legal/privacy-policy-eea)
Aderente al Privacy Shield

Per protezione da spam
Questi servizi acquisiscono dati dagli utenti e tramite varie logiche distinguono il traffico di utenti reali da quello di potenziali minacce di spam.

I dati acquisiti e l'utilizzo degli stessi da parte di servizi terzi sono regolamentati dalle rispettive Privacy Policy alle quali si prega di fare riferimento.

Google reCAPTCHA
Fornitore del servizio: Google, Inc.
Finalità del servizio: servizio di protezione da spam
Dati personali raccolti: cookie, dati di utilizzo
Luogo del trattamento: Stati Uniti
Privacy Policy (https://policies.google.com/privacy?hl=it)
Cookie utilizzati (https://policies.google.com/technologies/types?hl=it)
Aderente al Privacy Shield

Per statistiche
Questi servizi sono utilizzati dal titolare del trattamento per analizzare il traffico effettuato dagli utenti sul sito web www.rivoluzionedemocratica.it.

I dati acquisiti e l'utilizzo degli stessi da parte di servizi terzi sono regolamentati dalle rispettive Privacy Policy alle quali si prega di fare riferimento.

Google Analytics
Fornitore del servizio: Google, Inc.
Finalità del servizio: servizio di analisi web fornito. Questo servizio raccoglie i dati personali dell'utente per monitorare e analizzare l'utilizzo del sito web www.rivoluzionedemocratica.it, generare report e utilizzarli anche per gli altri servizi di Google. Google può usare i dati raccolti per personalizzare i propri annunci pubblicitari.
Dati personali raccolti: cookie, dati di utilizzo
Luogo del trattamento: Stati Uniti
Privacy Policy (https://policies.google.com/privacy?hl=it)
Opt-Out (https://tools.google.com/dlpage/gaoptout?hl=it)
Aderente al Privacy Shield

Per visualizzare contenuti da siti web esterni
Questi servizi sono utilizzati per visualizzare sulle pagine del sito web contenuti esterni al sito web, con possibilità di interazione.
Anche se l'utente non utilizza il servizio presente sulla pagina web, è possibile che il servizio acquisisca dati di traffico.

I dati acquisiti e l'utilizzo degli stessi da parte di servizi terzi sono regolamentati dalle rispettive Privacy Policy alle quali si prega di fare riferimento.

Google Fonts
Fornitore del servizio: Google, Inc.
Finalità del servizio: servizio per visualizzare caratteri (fonts) esterni sul proprio sito web
Dati personali raccolti: tipologie di dati secondo quanto specificato dalla privacy policy del servizio
Luogo del trattamento: Stati Uniti
Privacy Policy (https://policies.google.com/privacy?hl=it)
Aderente al Privacy Shield

Diritti dell'interessato
L'utente possiede tutti i diritti previsti dall'art. 12 del EU GDPR, il diritto di controllare, modificare e integrare (rettificare), cancellare i propri dati personali accedendo alla propria area riservata. Una volta cancellati tutti i dati, viene chiuso l'account di accesso all'area riservata.

Nello specifico ha il diritto di:
- sapere se il titolare detiene dati personali relativi all'utente (art. 15 Diritto all'accesso);
- modificare o integrare (rettificare) i dati personali inesatti o incompleti (Art. 16 Diritto di rettifica);
- richiedere la cancellazione di uno o parte dei dati personali mantenuti se sussiste uno dei motivi previsti dal GDPR (Diritto alla Cancellazione, 17);
- limitare il trattamento solo a parte dei dati personali, o revocarne completamente il consenso al trattamento, se sussiste uno dei motivi previsti dal Regolamento (Art. 18 Diritto alla limitazione del trattamento);
- ricevere copia di tutti i dati personali in possesso del titolare, in formato di uso comune organizzato, e leggibili anche da dispositivo automatico (Art. 20, Diritto alla Portabilità);
- opporsi in tutto o in parte al trattamento dei dati per finalità di marketing, ad esempio opporsi e ricevere offerte pubblicitarie (art. 21 Diritto di opposizione). Si fa presente agli utenti che possono opporsi al trattamento dei dati utilizzati per scopo pubblicitario, senza fornire alcuna motivazione;
- opporsi al trattamento dei dati in modalità automatica o meno per finalità di profilazione (c.d. Consenso).

Come un utente può esercitare i propri diritti
L'utente può esercitare i propri diritti sopra esposti comunicandone richiesta al titolare del trattamento La Rivoluzione Democratica ai seguenti recapiti: info@rivoluzionedemocratica.it; tel. 3312300680.

La richiesta di esercitare un proprio diritto non ha nessun costo. Il titolare si impegna ad evadere le richieste nel minor tempo possibile, e comunque entro un mese.

L'utente ha il diritto di proporre reclamo all'Autorità Garante per la Protezione dei dati Personali. Recapiti: garante@gpdp.it, http://www.gpdp.it (http://www.gpdp.it).

Cookie Policy
Informazioni aggiuntive sul trattamento dei dati
Difesa in giudizio
Nel caso di ricorso al tribunale per abuso da parte dell'utente nell'utilizzo di www.rivoluzionedemocratica.it o dei servizi a esso collegati, il titolare ha la facoltà di rivelare i dati personali dell'utente. È inoltre obbligato a fornire i suddetti dati su richiesta delle autorità pubbliche.

Richiesta di informative specifiche
L'utente ha diritto di richiedere a www.rivoluzionedemocratica.it informative specifiche sui servizi presenti sul sito web e/o la raccolta e l'utilizzo dei dati personali.

Raccolta dati per log di sistema e manutenzione
www.rivoluzionedemocratica.it e/o i servizi di terze parti (se presenti) possono raccogliere i dati personali dell'utente, come ad esempio l'indirizzo IP, sotto forma di log di sistema. La raccolta di questi dati è legata al funzionamento e alla manutenzione del sito web.

Informazioni non contenute in questa policy
L'utente ha diritto di richiedere in ogni momento al titolare del trattamento dei dati le informazioni aggiuntive non presenti in questa Policy riguardanti il trattamento dei dati personali. Il titolare potrà essere contattato tramite gli estremi di contatto.

Supporto per le richieste "Do Not Track"
Le richieste  "Do Not Track" non sono supportate da www.rivoluzionedemocratica.it.
L'utente è invitato a consultare le Privacy Policy dei servizi terzi sopra elencati per scoprire quali supportano questo tipo di richieste.

Modifiche a questa Privacy Policy
Il titolare ha il diritto di modificare questo documento avvisando gli utenti su questa stessa pagina oppure, se previsto, tramite i contatti di cui è in possesso. L'utente è quindi invitato a consultare periodicamente questa pagina. Per conferma sull'effettiva modifica consultare la data di ultima modifica indicata in fondo alla pagina.
Il titolare si occuperà di raccogliere nuovamente il consenso degli utenti nel caso in cui le modifiche a questo documento riguardino trattamenti di dati per i quali è necessario il consenso.

Definizioni e riferimenti legali
Dati personali (o dati, o dati dell'utente)
Sono dati personali le informazioni che identificano o rendono identificabile, direttamente o indirettamente, una persona fisica e che possono fornire informazioni sulle sue caratteristiche, le sue abitudini, il suo stile di vita, le sue relazioni personali, il suo stato di salute, la sua situazione economica, ecc.

Fonte: sito web del Garante della Privacy (http://www.garanteprivacy.it).

Dati di utilizzo
Sono dati di utilizzo le informazioni che vengono raccolte in automatico durante la navigazione di www.rivoluzionedemocratica.it, sia da sito web stesso che dalle applicazioni di terzi incluse nel sito. Sono esempi di dati di utilizzo l'indirizzo IP e i dettagli del dispositivo e del browser (compresi la localizzazione geografica) che l'utente utilizza per navigare sul sito, le pagine visualizzate e la durata della permanenza dell'utente sulle singole pagine.

Utente
Il soggetto che fa uso del sito web www.rivoluzionedemocratica.it.
Coincide con l'interessato, salvo dove diversamente specificato.

Interessato
Interessato è la persona fisica al quale si riferiscono i dati personali. Quindi, se un trattamento riguarda, ad esempio, l'indirizzo, il codice fiscale, ecc. di Mario Rossi, questa persona è l'interessato (articolo 4, paragrafo 1, punto 1), del Regolamento UE 2016/679 (http://www.garanteprivacy.it/regolamentoue).

Fonte: sito web del Garante della Privacy (http://www.garanteprivacy.it).

Responsabile del trattamento (o responsabile)
Responsabile è la persona fisica o giuridica al quale il titolare affida, anche all'esterno della sua struttura organizzativa, specifici e definiti compiti di gestione e controllo per suo conto del trattamento dei dati (articolo 4, paragrafo 1, punto 8), del Regolamento UE 2016/679 (http://www.garanteprivacy.it/regolamentoue). Il Regolamento medesimo ha introdotto la possibilità che un responsabile possa, a sua volta e secondo determinate condizioni, designare un altro soggetto c.d. "sub-responsabile" (articolo 28, paragrafo 2).

Fonte: sito web del Garante della Privacy (http://www.garanteprivacy.it).

Titolare del trattamento (o titolare)
Titolare è la persona fisica, l'autorità pubblica, l'impresa, l'ente pubblico o privato, l'associazione, ecc., che adotta le decisioni sugli scopi e sulle modalità del trattamento (articolo 4, paragrafo 1, punto 7), del Regolamento UE 2016/679 (http://www.garanteprivacy.it/regolamentoue).

Fonte: sito web del Garante della Privacy (http://www.garanteprivacy.it).

www.rivoluzionedemocratica.it (o sito web)  
Il sito web mediante il quale sono raccolti e trattati i dati personali degli utenti.

Servizio
Il servizio offerto dal sito web www.rivoluzionedemocratica.it come indicato nei relativi termini.

Comunità Europea (o UE)
Ogni riferimento relativo alla Comunità Europea si estende a tutti gli attuali stati membri dell'Unione Europea e dello Spazio Economico Europeo, salvo dove diversamente specificato.

Cookie
Dati conservati all'interno del dispositivo dell'utente.

Riferimenti legali
La presente informativa è redatta sulla base di molteplici ordinamenti legislativi, inclusi gli artt. 13 e 14 del Regolamento (UE) 2016/679. Questa informativa riguarda esclusivamente www.rivoluzionedemocratica.it, dove non diversamente specificato.

Informativa privacy aggiornata il 14/12/2021 12:27
torna indietro leggi Privacy Policy per www.rivoluzionedemocratica.it  obbligatorio

cookie