20 Gennaio 2021

"LE REGOLE DEL GIOCO"

20-12-2020 - IL SOCIALISMO NEL MONDO
Donald Trump non è il primo candidato alle presidenziali americane a contestare il risultato dell’elezione. Negli ultimi 20 anni è diventata una routine che i perdenti mettano in dubbio la legittimità del vincitore. Benché Al Gore avesse ammesso la sconfitta riconoscendo la vittoria di George W Bush dopo una lunga battaglia post-elettorale, molti democratici si rifiutarono di accettarla. Parecchi repubblicani, incluso Trump, contestarono la vittoria di Barack Obama nel 2008 invocando il motivo infondato che non era nato negli USA e quindi non era eleggibile. Nel 2016 i democratici sostennero senza prove che Trump era stato eletto grazie a una collusione con il Cremlino. Trump è andato oltre: a due mesi dalle elezioni, continua a insistere che il voto è stato truccato. Nonostante la Corte Suprema abbia respinto tutti i ricorsi per annullare il voto; nonostante i 538 membri del collegio elettorale abbiano confermato la vittoria di Joe Biden con 306 voti – ne sarebbero stati sufficienti 270; nonostante Mitch McConnell, il potente leader dei senatori repubblicani, abbia preso atto della sconfitta di Trump; nonostante perfino Vladimir Putin, dopo aver a lungo esitato, si sia congratulato con il presidente eletto, Donald Trump continua a tentare di ribaltare il risultato elettorale. Dice Chris Coons, senatore democratico del Dalaware: il fatto che ci siano ancora colleghi che rifiutino di riconoscere in Joe Biden il nostro prossimo presidente mette a rischio la nostra democrazia. Coons non è l’unico a pensarla così. Numerosi analisti politici vedono in questo comportamento ostinato e irragionevole un’ulteriore malaugurata pietra miliare sulla strada della disintegrazione della stabilità politica americana. Non è solo il rifiuto di accettare il risultato elettorale che mette in evidenza la fragilità della repubblica. Dati elettorali alla mano, non c’è dubbio che Trump, benché abbia perduto il voto popolare, ha avuto più voti di qualunque precedente candidato repubblicano. Se il 5 gennaio il partito potrà conservare uno dei due seggi al senato in Georgia, manterrà il controllo della Camera Alta del Congresso. Quanto alla Camera dei Deputati e a livello statale i repubblicani hanno guadagnato molti seggi. I sondaggi indicano che due terzi dei repubblicani condividono l’opinione di Trump che ci sono stati brogli alle elezioni. Il che significa che se questa convinzione persisterà, decine di milioni di americani respingeranno l’idea che il loro presidente li rappresenta. Il non riconoscere il principio che la legittimità non si limita alla propria tribù, ha dato il via in questi ultimi anni a una sorta di monomania politica, i cui aderenti ritengono che tutte le virtù stanno dalla loro parte, e tutti i vizi nei loro avversari politici. Questo e il fatto che Trump non fa mistero della sua decisione di ripresentarsi nel 2024 perché vuole la rivincita, indicano che i prossimi anni saranno dominati da una sorda guerra fredda dove i partigiani di un partito vedranno nell’avversario il cittadino di un paese nemico. Non a caso l’idea di secessione si sta riaffacciando con preoccupante frequenza. Il problema che presenta il dover governare una nazione divisa può anche trasformarsi per il presidente eletto Biden in opportunità, se lui e i suoi avversari politici riescono a coglierla. Se in Georgia il 5 gennaio vinceranno i repubblicani, Joe Biden sarà il primo Presidente eletto con un Senato controllato dal partito di opposizione negli ultimi 30 anni. Per riuscire a governare, per realizzare i suoi obiettivi dovrà fare ciò che nessuno dei suoi predecessori avevano dovuto fare: governare con la persuasione, conquistare metà di una assemblea legislativa ostile e metà di un pubblico scettico. Joe Biden è stato senatore per 30 anni e nessuno come lui ha gli strumenti per farcela. Sotto Biden, il potere di persuasione e non di forza è destinato a fare ritorno anche per quanto riguarda i rapporti con i paesi esteri. L’amministrazione Biden promette di finirla con una diplomazia machista in favore della promozione della democrazia nel mondo. Ha promesso di tenere un summit democratico entro un anno che rinnoverà “lo spirito e gli obiettivi condivisi delle nazioni del mondo libero” – e presenterà un fronte unito contro gli autocrati. E i capi di Stato populisti dalla Russia alla Corea del Nord, dalla Turchia all’Arabia Saudita, dal Brasile alla Bielorussia si sono resi conto che devono fare i conti con un futuro sotto un presidente democratico impegnato a promuovere il rispetto dei diritti umani. Anche su questo fronte, Biden dovrà risolvere problemi spinosi, come un Iran non nucleare, la denuclearizzazione della Corea del Nord e il contenimento della Cina. Percependo dove soffia il vento, tuttavia, alcuni alleati degli Stati Uniti hanno fatto qualche piccolo passo verso la legalità e i diritti umani. Qualche giorno dopo le elezioni USA, il presidente egiziano al-Sisi – definito da Trump il suo “dittatore favorito” – ha rilasciato centinaia di prigionieri politici. In Turchia Erdogan si è congratulato con i democratici per la vittoria e ha promesso che darà inizio a “un nuovo periodo di riforme in economia e nel sistema giudiziario”. Quanto alla situazione interna, Biden deve vedersela con un numero di casi dovuti al Covid 19 in continuo aumento (13 milioni di contagiati, 3.000 di morti al giorno), 11 milioni di disoccupati e innumerevoli aziende sull’orlo della bancarotta, 11 milioni di immigrati clandestini. Ha inoltre a che fare con un Congresso ostile e diviso e un fremente ex presidente che fa di tutto per rendergli ancora più difficile il difficilissimo compito. Deve inoltre, come ha promesso nella campagna elettorale, dare una svolta alla politica ambientale e alla politica estera. Per affrontare il non roseo futuro ha bisogno di circondarsi di collaboratori validi e che diano al Paese la percezione che l’era Trump è tramontata. Ha cominciato quindi a formare la squadra del suo governo. Alcuni sono politici di vecchia data, che hanno fatto parte dell’amministrazione Obama come John Kerry, designato quale “inviato speciale per il clima” e Antony Blinken, quale segretario di stato. Ma ci sono anche nomi nuovi: Janet Yellen, già presidente della Federal Reserve, sarà la prima donna a ricoprire l’incarico di Ministro del Tesoro; Neera Tanden, figlia di immigrati indiani, sarà la prima donna proveniente da una minoranza etnica a guidare l’ufficio di Gestione e Bilancio; Wally Adeyemo viceministro al tesoro, prima nera a ricoprire l’incarico; Cecilia Rouse, insieme con Jared Bernstein e Heather Boushey, prima donna a presiedere il team economico. Pete Buttigieg, primo gay a ricoprire l’incarico di ministro dei trasporti. E per la prima volta, quale capo della Difesa, un generale in pensione afroamericano, Lloyd Austin. Il 6 gennaio il Congresso formalizzerà la vittoria di Biden e a quel punto i giochi dovrebbero essere finiti. Ma Trump non gioca secondo le regole.


Fonte: di GIULIETTA ROVERA
Link
[]
L'AVVENIRE DEI LAVORATORI
Periodico socialista fondato 1897.
[]
IL PONTE RIVISTA
Rivista di politica economica e cultura
fondata da Calamandrei
[]
BIBLION EDITORE
Biblion Edizioni, storica casa editrice.
[]
CRITICA LIBERALE - NON MOLLARE
"NON MOLLARE"
Quindicinale on line di Critica Liberale, la voce del liberalismo progressista in Italia.



Nuova Serie
"La Rivoluzione Democratica"
1, MARZO 2017

Realizzazione siti web www.sitoper.it
invia ad un amico
chiudi
Attenzione!
Non puoi effettuare più di 10 invii al giorno.
Informativa
Informativa Privacy
La presente informativa descrive le modalità di gestione del Sito, da Lei ora visitato, di cui è Titolare, il giornale "LA RIVOLUZIONE DEMOCRATICA", registrazione al Tribunale di Firenze n°5863 del 17/02/2012 (di seguito, "Giornale" per brevità), che ha come finalità l´informazione critica, la difesa della laicità delle Istituzioni e la diffusione della cultura laica, con sede in Firenze, accessibile al seguente nome di dominio
http://www.rivoluzionedemocratica.it
in riferimento al trattamento dei dati personali dei navigatori che vi accedono e che interagiscono con esso.

Premessa
I considerazione delle modifiche al D. Lgs. n. 196/2003 (Codice in materia di protezione dei dati personali, di seguito "Codice Privacy"), introdotte recentemente con il D.L. 201/2011 convertito nella L. 214/2011, la presente informativa si rivolge alle persone fisiche che, per conto proprio o di associazioni interessate, decidano di accedere al Sito ed interagire con esso ed è resa ai sensi dell´art. 13 del Codice Privacy.
L´informativa si ispira anche alla Raccomandazione n. 2/2001 che le autorità europee per la protezione dei dati personali, riunite nel Gruppo istituito dall´art. 29 della direttiva n. 95/46/CE, hanno adottato il 17 maggio 2001, per individuare alcuni requisiti minimi per la raccolta di dati personali on-line, e, in particolare, le modalità, i tempi e la natura delle informazioni che i titolari del trattamento devono fornire agli utenti quando questi si collegano a pagine web, indipendentemente dalle ragioni e finalità del collegamento.
In linea generale, è opportuno precisare che attraverso il Sito vengono effettuate le seguenti tipologie di raccolta dati:
- raccolta necessaria ed automatica dei dati del navigatore inerenti all´interazione con il Sito;
- trattamento correlato alla raccolta di dati, immessi volontariamente dal navigatore, attraverso l´invio di e-mail agli indirizzi indicati per contattare il Titolare (ad esempio, sezioni "Contatti" e "Iscriversi al circolo").

La presente informativa si riferisce unicamente alle operazioni di trattamento effettuate su dati raccolti con le modalità sopra indicate e non si riferisce, quindi, ai trattamenti effettuati tramiti altri siti, a cui l´utente vorrà accedere mediante link dal Sito. Per tali trattamenti dovrà essere fornita, da parte dei rispettivi Titolari, autonoma informativa.
Si precisa, in particolare, che i trattamenti sui dati conferiti accedendo a siti di terzi, raggiungibili mediante i link pubblicati sul Sito, sono effettuati da soggetti diversi dal Giornale.
Premesso che il Giornale non effettuerà alcuna comunicazione dei dati degli utenti a tali soggetti e che ogni iniziativa per entrare in contatto e chiedere informazioni, è rimessa all´esclusiva attività dell´Interessato o del rispettivo Titolare, il giornale non sarà in alcun modo responsabile dei trattamenti che verranno effettuati da parte di tali soggetti, a fronte dell´iniziativa dell´utente medesimo.

1. Finalità del trattamento
1.1 Le operazioni di trattamento di seguito illustrate sono unicamente rivolte alla corretta proposizione ed erogazione dei servizi offerti tramite il presente Sito dal Giornale medesimo per il perseguimento dello scopo associativo. L´Attività on line del Giornale consiste prevalentemente nella pubblicazione di contenuti, caratterizzati da un alto livello qualitativo, sui temi di interesse del Giornale e dei dati personali dei rispettivi autori, aventi con il Giornale rapporti regolari, nonché nello scambio, anche mediante messaggi di posta elettronica, di opinioni e informazioni di varia natura, relative in particolare alla vita e alle attivitàdel Giornale medesimo o ad eventi di rilevanza nel dibattito culturale che il Giornale intende promuovere.
1.2. A tal fine, il Titolare ha predisposto sezioni ad hoc del Sito.
In particolare, nella sezione "Contatti" è presente l´indirizzo e-mail interattivo cui l´Utente può trasmettere i propri dati personali e/o dell´Associazione di appartenenza, al Giornale. Più precisamente, in tale ipotesi il trattamento è finalizzato al mero scambio di informazioni e di contatti, comunque di natura non professionale, inerenti all´attività del Giornale .
In ogni caso, i dati raccolti tramite il presente Sito saranno trattati secondo principi di correttezza, liceità e trasparenza, per la tutela della riservatezza e dei diritti degli interessati, ed unicamente per il perseguimento dello scopo associativo. Negli stessi limiti saranno trattati anche i dati personali che dovessero essere inviati spontaneamente al Giornale dai visitatori del sito anche con modalità off-line (fax, posta, telefono od altro).

2. Tipi di dati trattati
2.1 - Dati di navigazione I sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento di questo Sito registrano, nel corso del loro normale esercizio, alcuni dati personali la cui acquisizione avviene in modo automatico e inevitabile, qualora si utilizzino i protocolli di comunicazione di Internet. Sono dati che, pur non essendo reperiti con lo scopo specifico di identificare i rispettivi Interessati, ben potrebbero, a causa delle loro stesse caratteristiche, essere associati a banche dati di terzi e così consentire l´individuazione degli utenti. Appartengono a questa categoria di dati, ad esempio, gli indirizzi IP o i nomi a dominio degli elaboratori utilizzati dagli utenti che si connettono al Sito, gli indirizzi in notazione URI (Uniform Resource Identifier) delle risorse richieste, l´orario della richiesta, il metodo utilizzato nel sottoporre la richiesta al server, la dimensione del file ottenuto in risposta, il codice numerico indicante lo stato della risposta data dal server (buon fine, errore, ecc.) ed altri parametri relativi al sistema operativo e all´ambiente informatico dell´utente. Questi dati vengono utilizzati al solo fine di ricavare informazioni statistiche anonime sull´uso del Sito e per controllarne il corretto funzionamento, e vengono cancellati immediatamente dopo l´elaborazione.
Si precisa che i dati di navigazione potrebbero essere usati per l´accertamento di responsabilità in caso di eventuali reati informatici ai danni del Sito, conformemente alle procedure vigenti presso le Autorità competenti.
2.2 Meccanismi automatici di raccolta
In conformità a quanto previsto nel Provvedimento del Garante n. 229 dell´8.5.2014, si informa che in questo Sito non si utilizzano "cookies persistenti", trojans, spywares, web bugs, ovvero sistemi per il tracciamento degli utenti (cookies di profilazione), ma soltanto cookies cosiddetti "tecnici", di navigazione, di sessione o di funzionalità.
L´uso di c.d. "cookies di sessione" (che non vengono registrati in modo persistente sull´elaboratore dell´utente e svaniscono con la chiusura del browser) è unicamente finalizzato a rendere l´esplorazione del Sito sicura ed efficiente.
I c.d. cookies di sessione, utilizzati in questo sito, evitano il ricorso ad altre tecniche informatiche potenzialmente pregiudizievoli per la riservatezza della navigazione degli utenti e non consentono l´acquisizione di dati personali identificativi dell´utente I cookies "analitici" vengono utilizzati dalla società ShinyStat per effettuare trattamenti in forma aggregata ed anonima, per i quali si fornisce l´informativa generale ed il modulo per esercitare l´opt-out tramite i link qui sotto:
- ShinyStat http://www.shinystat.com/it/informativa_privacy_generale_free.html
- ShinyStat http://www.shinystat.com/it/opt-out_free.html
- Facebook http://www.facebook.com/policy.php
- Twitter http://twitter.com/privacy
- Google+, Google Maps e YouTube https://www.google.it/intl/it/policies/privacy/
- Vimeo https://vimeo.com/cookie_policy
2.3 Si precisa, per completezza, che i dati personali - una volta resi anonimi - potranno essere utilizzati per elaborare statistiche o per rilevare il grado di soddisfazione degli utenti. In ogni caso, la raccolta e il trattamento dei dati personali degli utenti non saranno finalizzati ad attività di marketing, di informazione commerciale e/o di indagini di mercato.

3. Tipologia di dati
3.1 Il trattamento dei dati effettuati tramite il presente Sito avrà prevalentemente ad oggetto dati comuni.
Tuttavia, in considerazione della natura del Giornale, il trattamento, inoltre, potrà riguardare anche i dati personali idonei a rivelare le convinzioni religiose e/o le opinioni politiche degli utenti e/o degli Associati, e/o dei soggetti che - in relazione allo scopo associativo - hanno contatti regolari con il Giornale. In ogni caso, tramite il presente Sito non saranno trattati dati inerenti alla salute. Pertanto, La invitiamo a non comunicarci dati personali attinenti al Suo stato di salute e alla Sua vita sessuale, ai sensi dell´art. 26 del Codice. In presenza di tali dati, il Giornale procederà alla tempestiva distruzione del relativo messaggio e/o comunicazione da Lei eventualmente fornita.
3.2 Il trattamento dei dati si svolgerà in conformità della vigente Autorizzazione Generale del Garante per la protezione dei dati personali n. 3/2011 e successive .
3.3 Il conferimento dei dati è in ogni caso facoltativo. Tuttavia, il mancato conferimento dei dati relativamente ad alcune sezioni del Sito e, più precisamente, in relazione alla Sezione "Contatti" comporterà l´impossibilità, per l´Associazione, di fornire il relativo servizio.

4. Modalità di trattamento
4.1 Il medesimo sarà effettuato prevalentemente con l´ausilio di mezzi informatici e telematici ma anche manualmente. I dati infatti potranno essere conservati sia in archivi cartacei sia in archivi elettronici, in modo da consentire, laddove necessario, l´individuazione e la selezione di dati aggregati, per il tempo non eccedente la durata e le necessità del trattamento.
4.2 Il trattamento sarà effettuato direttamente dall´organizzazione del Titolare, con l´ausilio dei propri incaricati e/o responsabili del trattamento. Potranno avere accesso ai dati per il perseguimento delle finalità di cui al punto 1, nell´ambito delle rispettive funzioni o mansioni e, in ogni caso, secondo le modalità e nei limiti di cui ai rispettivi atti di nomina a Responsabile o a Incaricato, oltre al Coordinatore/Coordinatrice, al Tesoriere e al Responsabile per la gestione delle istanze ex art. 7 Codice, eventuali società di servizi esterne nominate responsabili del trattamento ai sensi e per gli effetti dell´art. 29 del Codice.
4.3. Infine, si informa l´utente che l´eventuale trasmissione di dati tramite Internet non può raggiungere livelli di sicurezza assoluti. E´ onere dell´utente verificare la correttezza dei dati personali che lo riguardano ed eventualmente procedere alla rettifica, aggiornamento o, comunque, modifica dei dati nel corso del trattamento. Il Titolare non può considerarsi tenuto ad altra prestazione oltre alla puntuale e corretta applicazione degli standard di sicurezza imposti dalla normativa in vigore, con particolare riferimento all´adozione delle misure di sicurezza in conformità di quanto previsto dagli artt. 33-36 del Codice e dal Disciplinare Tecnico di cui all´Allegato B.

5. Conservazione dei dati - durata e aggiornamento
5.1 A seguito di controlli periodici,il Giornale verificherà la stretta pertinenza e la non eccedenza dei dati raccolti rispetto agli obblighi ed alle finalità del trattamento posto in essere, per quanto riguarda i dati che rivelano le opinioni e le intime convinzioni.
5.2 Ad eccezione dei dati di navigazione che non vengono conservati oltre una settimana dalla raccolta, gli altri dati verranno conservati in coerenza con lo scopo per il quale sono stati conferiti e comunque nel rispetto della normativa vigente.
5.3 Nel rispetto di quanto previsto dall´art. 11, co. 1, lett. c) Codice, i dati personali saranno aggiornati in seguito alla segnalazione dell´Interessato, in congruità con quanto previsto dall´art. 7, co. 3, lett. a) Codice.

6. Comunicazione e diffusione
6.1 il Giornale non procederà alla comunicazione diretta a terzi dei dati personali raccolti tramite il sito.
6.2 I dati relativi alla navigazione non verranno, in nessun caso, diffusi o comunicati. E´ fatta salva la eventuale comunicazione alle Autorità competenti in relazione alle attività necessarie all´accertamento e alla repressione dei reati.
6.3 I dati personali forniti dagli utenti, che inoltrano richieste di informazioni ai diversi indirizzi di posta elettronica presenti sul Sito, non sono comunicati a terzi.
6.4 Nell´ambito delle finalità indicate nella presente informativa, qualora sia necessario comunicare i dati a soggetti diversi dal Titolare, quest´ultimo provvederà alla designazione degli stessi quali Responsabili del trattamento.

7. Diritti dell´Interessato
7.1 Al Titolare del trattamento potranno essere inoltrate le richieste di cui all´art. 7 del Codice "Diritti dell´interessato", ossia, in particolare il diritto di:
- ottenere dal Titolare la conferma dell´esistenza di dati personali che lo riguardano e la comunicazione dei medesimi in forma intelligibile;
- conoscere l´origine dei dati, la logica e le finalità su cui si basa il loro trattamento;
- conoscere gli estremi identificativi dei Responsabili del trattamento e delle categorie di soggetti ai quali i dati possono essere comunicati o che possono venirne a conoscenza in qualità di Responsabili o Incaricati;
- ottenere la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati trattati in violazione della legge, come l´aggiornamento, la rettificazione o, qualora l´interessato vi abbia interesse, l´integrazione dei dati medesimi;
- opporsi in tutto o in parte, per motivi legittimi, al trattamento dei dati personali che lo riguardano ancorché pertinenti allo scopo della raccolta;
- opporsi in tutto o in parte al trattamento previsto ai fini di informazione commerciale o di invio di materiale pubblicitario.
Qualora, a seguito della richiesta di cui all´art. 7 del Codice non risulti confermata l´esistenza di dati che riguardano l´Interessato, potrà essere richiesto a quest´ultimo un contributo spese, comunque non superiore a Euro 10,00.

Le richieste dovranno essere rivolte ai Direttori del Giornale, Responsabili per le richieste ex art. 7, al seguente indirizzo e-mail:
info@rivoluzionedemocratica.it

Si prega di indicare nell´oggetto della comunicazione: "Richiesta ex art. 7 D. Lgs. 30 giugno 2003, n. 196 - Codice in materia di protezione dei dati personali".

8. Titolare ed elenco dei Responsabili del trattamento
Titolare del trattamento dei dati è il giornale on line "LA RIVOLUZIONE DEMOCRATICA" con sede a FIRENZE, mail: info@rivoluzionedemocratica.it
L´elenco aggiornato contenente i nominativi e i recapiti dei Responsabili è disponibile presso la sede del Titolare.
torna indietro leggi Informativa  obbligatorio