07 Luglio 2022

"LE PROSPETTIVE DELL'ECONOMIA E DELLA DEMOCRAZIA E LE VIE “OBBLIGATE” DEL SOCIALISMO"
di Enzo Russo

21-06-2022 - QUADRANTE SOCIALISTA
È più probabile un capitalismo riformato che il suo totale superamento dopo che il primo ha vinto la competizione con i sistemi a programmazione rigida di stampo sovietico. Il capitalismo ha vinto nella produzione dei beni privati molto meno nella fornitura di beni pubblici. Vedi il caso della Cina, della Russia e degli USA dove la sanità prevalentemente in mano alle compagnie di assicurazione costa il doppio della media dei Paesi europei con sistemi sanitari pubblici. E a decidere del confronto sono state le spese militari. Il riferimento va al confronto duro tra USA e URSS nella seconda parte degli anni '80, quando lo schieramento dei missili di teatro in Europa e il lancio del programma “guerre stellari” da parte del Presidente Reagan costrinse le autorità sovietiche ad aumentare la spesa militare mentre il popolo russo avrebbe preferito l'aumento di beni di consumo. Nel 1989 arriva il crollo del Muro di Berlino e appena due anni dopo l'URSS implode.

Trent'anni dopo la Pandemia ha reso vieppiù evidente che la sanità è, a tutti gli effetti, un bene pubblico globale. Esiste dal 1948 l'Organizzazione mondiale della sanità ma è sottofinanziata dai governi. Basti ricordare che il quarto finanziatore dell'organizzazione è Bill Gates. Masse ingenti della popolazione mondiale continuano a vivere in condizioni igieniche inaccettabili e senza accesso sicuro all'acqua pulita e a cibo sufficiente che ne garantiscano un minimo di sicurezza alimentare. Data la rilevanza del problema e bene precisare che se il mercato può affrontare bene la produzione e distribuzione dei beni di consumo privati il mercato non può affrontare con altrettanta efficienza la produzione di beni pubblici che richiedono la necessaria cooperazione degli operatori pubblici ai diversi livelli di governo e specialmente al livello globale.

Secondo gli economisti che si occupano di economia pubblica è la teoria dei beni pubblici (globali, regionali di area vasta, nazionali, e giù sino all'ente locale) che deve guidare l'azione dei vari livelli di governo con la più opportuna distribuzione delle competenze tendendo conto che prima della sanità ci sono almeno altri beni pubblici globali altrettanto importanti: la pace e la sicurezza, la protezione dell'ambiente e della biodiversità, lo sviluppo sostenibile l'accesso all'acqua e al cibo che purtroppo non è garantito a centinaia di milioni di persone e, non ultimo, se si volesse affrontare alla radice il problema delle forti diseguaglianze tra i residenti nei paesi ricchi e in quelli poveri l'accesso all'istruzione.

Come economista posso aggiungere o riprendere ancora la proposta di Keynes di una moneta internazionale e/o mondiale che potrebbe contribuire non poco alla stabilità monetaria e finanziaria riducendo il rischio di cambio. Serve un nuovo modello di sviluppo che, da un lato, valorizzi la concorrenza dei beni di consumo privati e, dall'altro, promuova la necessaria cooperazione nella fornitura di beni pubblici ai vari livelli di governo. In altre parole, non basta il Mercato serve anche l'intervento pubblico diretto non solo in termini di regolazione. Negli ultimi 40 anni abbiamo assistito ad una fase rampante della globalizzazione non governata dalla politica ma al contrario abusata ed asservita agli interessi delle multinazionali e ora delle c.d. imprese high tech che utilizzano ricche banche dati per influire sulle decisioni politiche come in Italia fanno le grandi organizzazioni criminali. È saltata la classica tripartizione dei poteri di Montesquieu. Afferma Massimo l. Salvatori (2001: XI): il potere delle oligarchie che governano il processo di globalizzazione fa intravvedere una nuova variante di potere concentrato, che partendo dall'economia, tende a invadere le istituzioni statali e i sistemi democratici, rendendoli a sé subordinati e svuotati”. A contrastare questo fenomeno non basta lo sviluppo notevole dei corpi intermedi e/o di gruppi di interesse organizzati che riescono a rafforzare la democrazia quando riescono a proteggere i diritti e gli interessi delle fasce sociali più deboli e della stessa classe media ma quando prevalgono le oligarchie e livello mondiale e condizionano le scelte politiche dando priorità ai propri interessi indeboliscono la democrazia e riducono la sovranità degli Stati nazionali di media e piccola grandezza. Mi rendo conto che queste considerazioni possono sembrare banali, ovvie ma, a ben vedere, mettono in discussione la democrazia nel mondo, i diritti di cittadinanza e la possibilità di attuare una distribuzione delle risorse più equa. Fin qui si è fatto poco anche in termini di “governance” per rimediare a questi problemi. Concordo con Salvadori che c'è “una occasione socialista anche nell'era della globalizzazione” ma bisogna saperla cogliere; bisogna che si realizzi una rivoluzione democratica a livello delle istituzioni sovranazionali e, di certo, non è una battaglia facile né di breve termine.

Semplificando, ci sono due strade diverse da percorrere: l'una è quella di mantenere l'ideologia neoliberista dei mercati efficienti che, per oltre 40 anni vergognosi, è stata paradigma dominante nel mondo occidentale e tuttavia si è rivelata non in grado di affrontare e risolvere il problema della piena e buona occupazione; non in grado di fronteggiare la forte crescita delle diseguaglianze; l'altra è quella di democratizzare l'economia privata in modo tale da farle produrre una distribuzione primaria che non richieda massicce e politicamente difficili redistribuzioni ma che gradualmente può promuovere un più alto livello di coesione sociale.

Se così è ancora valido il compromesso social democratico lo scambio tra diritti economici e sociali e lo sviluppo democratico delle grandi imprese la cui efficienza non può essere misurata solo dall'ammontare di profitti che essi producono per i loro azionisti e per i manager predoni. Ci sono modelli economici diversi: autogestionari, di cogestione alla tedesca, secondo il piano svedese di Meidner [1] e altre soluzioni consimili [2]. Ma anche queste strade intermedie di democratizzazione dell'economia non sono facili da percorrere perché ci sono grandi ostacoli di contesto generale che le bloccano. Voglio precisare che si tratta di modelli che non debbono seguire la logica dell'alternativa: “tutto o niente” ma che possono o debbono essere compositi e/o opportunamente combinati.

In termini di contesto generale, a molti sfugge che stiamo vivendo ancora in una nuova fase storica di neocolonialismo. Questo si fonda sul liberismo commerciale, sulla piena libertà dei movimenti di capitale e sui paradisi fiscali. Secondo dati ripresi dall'ultimo libro di Piketty, “Storia breve dell'uguaglianza”, le attività detenute in queste località offshore si stimano nell'ordine tra il 10-12% dei portafogli europei e dell'America Latina; tra il 30-50% nei portafogli dei residenti africani, dell'Asia del Sud, dei Paesi petroliferi (Russia e petromonarchie); e per i portafogli dei più ricchi la quota detenuta nei paradisi fiscali potrebbe essere ancora più elevata (333 vedi articoli citati nella nota n. 11). Ne consegue che in molti paesi in via di sviluppo con entrate fiscali tra il 6-8% del PIL si è no ci si finanzia un po' di 'ordine pubblico e qualche infrastruttura; se vuoi fare qualcosa di significativo in materia di istruzione e sanità, devi prevedere di andare oltre su livelli molto più elevati di capacità fiscale [3].

Nell'introduzione al libro citato Piketty afferma che a fronte delle “sfide poste dalla potente ascesa del ‘socialismo cinese' un modello statalista centralizzato e autoritario completamente opposto al socialismo democratico e decentralizzato” da lui difeso…. la vera alternativa è il socialismo democratico, partecipativo e federale, ecologico e meticcio, il quale, in fondo, non è che un logico prolungamento di un movimento a lungo termine verso l'uguaglianza iniziato alla fine del XVIII secolo”. Occupandosi del socialismo cinese afferma che, con un settore pubblico pari al 30% del totale (70% nel 1978 all'inizio delle riforme di Deng), la Cina è già un'economia mista come quelle occidentali; ma, se si tiene conto dei dati differenziali di crescita e se preservati, la Cina è destinata a diventare nel XXI secolo la massima potenza economica del mondo. Da molti è già individuata come la “fabbrica del mondo”.

Da qui la necessità di passare dallo Stato social nazionale a quello social federale – tendenzialmente a base universale; ovviamente non è soluzione attuabile nel breve e medio periodo ma, in concreto, per cominciare a superare il neocolonialismo, Piketty propone intanto di sostituire gli attuali Trattati sul commercio con più equi Trattati di co-sviluppo. “oggi come ieri, solo con progetti di sviluppo equi ed obiettivi credibili di giustizia sociale a vocazione universale si potranno sconfiggere derive identitarie e totalitarie” (355). Vedi il precedente di Enrico Mattei.

Il neoliberismo si basa sul mercato, sulla destrutturazione della cooperazione economica internazionale e il nazionalismo e quest'ultimo vi risponde con la reificazione della nazione e della solidarietà etnico-nazionalista (373). Per contro il socialismo promuove l'emancipazione universalistica tramite l'istruzione, il sapere e la condivisione del potere. “Per varie ragioni – sostiene Piketty (374) – è più che possibile che gli scontri ideologici del futuro finiscano per somigliare più ad una battaglia tra socialismi che alla guerra tra capitalismi spesso evocata. Più in generale, va posto l'accento soprattutto alla grandissima diversità dei modelli economici osservati nel tempo e nello spazio, in particolare dei sistemi che si richiamano al capitalismo oppure al socialismo….. il socialismo di cui Egli parla si pone in linea di continuità con le eccezionali trasformazioni già compiute in passato che lo hanno differenziato sostanzialmente dal capitalismo autoritario e coloniale del 1910”. Servono una riflessione sui sistemi economici in una prospettiva di lungo termine e il dialogo tra i diversi modelli: “se i paesi occidentali o una parte di essi, rinunciassero alle posture capitalistiche e nazionalistiche abituali – auspica Piketty 375 - e adottassero un modello fondato sul socialismo democratico e sull'uscita dal neocolonialismo …… sarebbe allora possibile non solo guadagnare credibilità nei confronti del Sud del mondo, ma anche indurre il socialismo autoritario cinese a una revisione interna in termini di trasparenza e di democrazia. Su questioni cruciali come l'ecologia, il patriarcato o la xenofobia, la verità è che nessuno dei sistemi attuali ha, al momento, lezioni abbastanza convincenti da dare agli altri. Solo il dialogo tra sistemi e una sana emulazione possono aiutare a sperare in un qualche progresso” [4].

Rileggendo il bel libro di Norberto Bobbio, Il problema della guerra e le vie della pace, il Mulino 1979:185 trovo una forte assonanza tra Piketty e il nostro quando sostiene che il punto di approdo del pacifismo giuridico è: “di federazione in federazione sino alla federazione mondiale” e/o stato federale mondiale come Unione di Stati è probabilmente la sola via in grado di garantire pace, sicurezza e governo della globalizzazione.

Note

[1] Rudolf Meidner era tedesco ma era stato costretto ad emigrare in Svezia durante le persecuzioni naziste degli ebrei. Il piano Meidner fu successivamente annacquato e abbandonato ma la proposta, di tempo in tempo, ritorna in ragione della sua qualità e rilevanza In quanto – secondo Kenneth Arrow “democrazia politica e democrazia economica sono legate a doppio filo”.

[2] Su queste tematiche esiste una letteratura sterminata che non posso presentare e commentare nella presente nota. Qui mi limito a citare alcuni nomi: Enrico Barone 1908, Daniel A. Bell 2015; Bruno Jossa, a cura di, 2001, Tony Judt, Claudio Napoleoni 1976, Laura Pennacchi, Robert Reich 2015, Dani Rodrik 2018, Giorgio Ruffolo 2008; Massimo L. Salvadori, Emanuele Severino, Giordano Sivini 2016;

[3] La libera circolazione dei capitali, senza alcuna contropartita in termini di regolamentazione o di fiscalità, che espone a rischi di impoverimento di reddito, status e occupazione le classi popolari e medie dei Paesi industrializzati, e crea un neocolonialismo strisciante che accentua i divari dei Paesi del Sud del mondo con il Nord del mondo, ma che è soprattutto il perno di un modello di sviluppo politicamente ed ecologicamente insostenibile; la persistenza di discriminazioni sociali, ad esempio nell'accesso allo studio di qualità, e di discriminazione etniche e squilibri di genere; il problema della ripartizione di obblighi e responsabilità rispetto alle conseguenze del cambiamento climatico.

[4] Nella interpretazione di Branko Milanovic che definisce il modello cinese come “capitalismo politico” lo scontro o il confronto continuerebbe a sussistere come “capitalismo contro capitalismo”. È chiaro che se si preferisce l'interpretazione di Milanovic la lettura del sistema attuale come neocolonialista ne esce maggiormente rafforzata.

Cenni bibliografici


Paolo Bagnoli, La democrazia commissariata. La politica italiana: 2020-2021, i Quaderni de la Rivoluzione democratica n. 4; Biblion Edizioni, marzo 2022;

Riccardo Barenghi, Eutanasia della sinistra, Fazi editore, ottobre 2008;

Biasco Salvatore, Regole, Stato, uguaglianza. La posta in gioco nella cultura della sinistra e nel nuovo capitalismo, Luiss University Press, Roma, 2016;

Norberto Bobbio, Il problema della guerra e le vie della pace, il Mulino 1979;

Emiliano Brancaccio, Democrazia sotto assedio. La politica economica del nuovo capitalismo oligarchico. 50 brevi lezioni, PIEMME, gennaio 2022;

Jean-Paul Fitoussi, La democrazia e il mercato, Traduzione di Massimo Scotti Feltrinelli, 2004;

Felipe Gonzalez, Spagna dopo Franco: appuntamento con il socialismo, intervista a cura di Pierre Guidoni, traduzione e nota di Enrica Lucarelli, Lerici, 1976;

Branko Milanovic, Capitalismo contro capitalismo, la sfida che deciderà il nostro futuro, Traduzione di Daria Cavallini, 2019;

Laura Pennacchi, Democrazia economica. Dalla pandemia a un nuovo umanesimo, Castelvecchi, febbraio 2021;

Thomas Piketty, Una beve storia dell'uguaglianza, La nave di Teseo, 2021;

Katharina Pistor, il codice del capitale. Come il diritto crea ricchezza e disuguaglianza. Postfazione di Francesco di Ciommo, Sergio di Nola e Massimiliano Vatiero, LUISS University Press, 2021;

Aldo Barba e Massimo Pivetti, la scomparsa della sinistra in Europa, Imprimatur, Promozione distribuzione libri Rizzolo, novembre 2016;

Il potere in fabbrica. Esperienze di democrazia industriale in Europa, scritti di Amoroso, Klenner, Lidbom, Rosanvallon, sciarra, Simitis, Sperling, Thorsrud, Veneziani, prefazione di Gino Giugni, nuova serie dei Quaderni di Mondoperaio/11, aprile 1979;

Socialismo e democrazia economica. Il ruolo dell'impresa e del sindacato, con interventi di Giugni, Giolitti, Benvenuto, Chiaberge, Cominotti, Forte, Giancola, Mussa Ivaldi, Panero e del Movimento quadri democratici, a cura di G. La Ganca, temi per un progetto socialista a cura del Club Turati di Torino, Franco Angeli Editore, 1977;

La questione socialista. Per una possibile reinvenzione della sinistra, a cura di Vittorio Foa e Antonio Giolitti, Nuovo Politecnico 156, Einaudi, 1987;

Robert Reich, Come salvare il capitalismo, traduzione di Nazzareno Mataldi, Fazi Editore, settembre 2015;

Enrico Rossi, Rivoluzione socialista, idee e proposte per cambiare l'Italia, Castelvecchi, Roma, 2016;

La febbre della democrazia. L'influenza delle autocrazie, speciale di Aspenia, n. 87/2019;

Massimo L. Salvatori, l'occasione socialista nell'era della globalizzazione, Editori Laterza, 2001;

Shoshana Zuboff, Il capitalismo della sorveglianza. Il futuro dell'umanità nell'era dei nuovi poteri, LUISS, 2019.






Fonte: di Enzo Russo
Link
[]
L'AVVENIRE DEI LAVORATORI
Periodico socialista fondato 1897.
[]
IL PONTE RIVISTA
Rivista di politica economica e cultura
fondata da Calamandrei
[]
BIBLION EDITORE
Biblion Edizioni, storica casa editrice.
[]
CRITICA LIBERALE - NON MOLLARE
"NON MOLLARE"
Quindicinale on line di Critica Liberale,
la voce del liberalismo progressista in Italia.





Nuova Serie
"La Rivoluzione Democratica"
1, MARZO 2017
Associazione Alleanza Giellista
[]

Realizzazione siti web www.sitoper.it
invia a un amico
icona per chiudere
Attenzione!
Non puoi effettuare più di 10 invii al giorno.
Privacy Policy per www.rivoluzionedemocratica.it
Il sito web www.rivoluzionedemocratica.it raccoglie alcuni dati personali degli utenti che navigano sul sito web.

In accordo con l'impegno e l'attenzione che poniamo ai dati personali e in accordo agli artt. 13 e 14 del EU GDPR, www.rivoluzionedemocratica.it fornisce informazioni su modalità, finalità, ambito di comunicazione e diffusione dei dati personali e diritti degli utenti.

Titolare del trattamento dei dati personali
La Rivoluzione Democratica
Via Circondaria, 56
55045 - Firenze Italia


Email: info @rivoluzionedemocratica.it
Telefono: 3934324237

Tipi di dati acquisiti
www.rivoluzionedemocratica.it raccoglie dati degli utenti direttamente o tramite terze parti. Le tipologie di dati raccolti sono: dati tecnici di navigazione, dati di utilizzo, email, nome, cognome, numero di telefono, provincia, nazione, cap, città, indirizzo, ragione sociale, stato, cookie e altre varie tipologie di dati. Maggiori dettagli sui dati raccolti vengono forniti nelle sezioni successive di questa stessa informativa.
I dati personali sono forniti deliberatamente dall'utente tramite la compilazione di form, oppure, nel caso di dati di utilizzo, come ad esempio i dati relativi alle statistiche di navigazione, sono raccolti automaticamente navigando sulle pagine di www.rivoluzionedemocratica.it.

I dati richiesti dai form sono divisi tra obbligatori e facoltativi; su ciascun form saranno indicate distintamente le due tipologie. Nel caso in cui l'utente preferisca non comunicare dati obbligatori, www.rivoluzionedemocratica.it si riserva il diritto di non fornire il servizio. Nel caso in cui l'utente preferisca non comunicare dati facoltativi, il servizio sarà fornito ugualmente da www.rivoluzionedemocratica.it .

www.rivoluzionedemocratica.it utilizza strumenti di statistica per il tracciamento della navigazione degli utenti, l'analisi avviene tramite log. Non utilizza direttamente cookie ma può utilizzare cookie includendo servizi di terzi.

Ciascun utilizzo di cookie viene dettagliato nella Cookie Policy (https://www.rivoluzionedemocratica.it/Informativa-sui-cookies.htm) e successivamente in questa stessa informativa.
L'utente che comunichi, pubblichi, diffonda, condivida o ottenga dati personali di terzi tramite www.rivoluzionedemocratica.it si assume la completa responsabilità degli stessi. L'utente libera il titolare del sito web da qualsiasi responsabilità diretta e verso terzi, garantendo di avere il diritto alla comunicazione, pubblicazione, diffusione degli stessi. www.rivoluzionedemocratica.it non fornisce servizi a minori di 18 anni. In caso di richieste effettuate per minori deve essere il genitore, o chi detiene la patria potestà, a compilare le richieste dati.

Modalità, luoghi e tempi del trattamento dei dati acquisiti
Modalità di trattamento dei dati acquisiti
Il titolare ha progettato un sistema informatico opportuno a garantire misure di sicurezza ritenute adatte ad impedire l'accesso, la divulgazione, la modifica o la cancellazione non autorizzata di dati personali. Lo stesso sistema effettua copie giornaliere, ritenute sufficientemente adeguate in base alla importanza dei dati contenuti.

L'utente ha diritto a ottenere informazioni in merito alle misure di sicurezza adottate dal titolare per proteggere i dati.

Accessi ai dati oltre al titolare
Hanno accesso ai dati personali raccolti da www.rivoluzionedemocratica.it il personale interno (quale ad esempio amministrativo, commerciale, marketing, legale, amministratori di sistema) e/o soggetti esterni (quali ad esempio fornitori di servizi informatici terzi, webfarm, agenzie di comunicazione, fornitori di servizi complementari). Se necessario tali strutture sono nominate dal titolare responsabili del trattamento.

L'utente può richiedere in qualsiasi momento al titolare del trattamento, l'elenco aggiornato dei responsabili del trattamento.

Comunicazione di eventuali accessi indesiderati al Garante della Privacy
Il suddetto sistema informatico è monitorato e controllato giornalmente da tecnici e sistemisti. Ciò non toglie che, anche se ritenuta possibilità remota, ci possa essere un accesso indesiderato. Nel caso in cui questo si verifichi il titolare si impegna, come da GDPR ad effettuarne comunicazione al Garante della Privacy entro i termini previsti dalla legge.

Luoghi di mantenimento dei dati acquisiti
I dati personali sono mantenuti e trattati nelle sedi operative e amministrative del titolare, nonché nelle webfarm dove risiedono i server che ospitano il sito web www.rivoluzionedemocratica.it, o sui server che ne effettuano le copie di sicurezza. I dati personali dell'utente possono risiedere in Italia, Germania e Olanda, comunque in nazioni della Comunità Europea. I dati personali dell'utente non vengono mai portati o copiati fuori dal territorio europeo.

Tempi di mantenimento dei dati acquisiti
Nel caso di dati acquisiti per fornire un servizio all'utente, (sia per un servizio acquistato che in prova) i dati vengono conservati per 24 mesi successivi al completamento del servizio. Oppure fino a quando non ne venga revocato il consenso.

Nel caso in cui il titolare fosse obbligato a conservare i dati personali in ottemperanza di un obbligo di legge o per ordine di autorità, il titolare può conservare i dati per un tempo maggiore, necessario agli obblighi.

Al termine del periodo di conservazione i dati personali saranno cancellati. Dopo il termine, non sarà più possibile accedere ai propri dati, richiederne la cancellazione e la portabilità.

Base giuridica del trattamento dei dati acquisiti
Il titolare acquisisce dati personali degli utenti nei casi sotto descritti.
Il trattamento si rende necessario:
- se l'utente ha deliberatamente accettato il trattamento per una o più finalità;
- per fornire un preventivo all'utente;
- per fornire un contratto all'utente;
- per fornire un servizio all'utente;
- perché il titolare possa adempiere ad un obbligo di legge;
- perché il titolare possa adempiere ad un compito di interesse pubblico;
- perché il titolare possa adempiere ad un esercizio di pubblici poteri;
- perché il titolare o terzi possano perseguire i propri legittimi interessi.

L'utente può richiedere in qualsiasi momento al titolare del trattamento, chiarimenti sulla base giuridica di ciascun trattamento.

Finalità del trattamento dei dati acquisiti
I dati dell'utente sono raccolti dal titolare per le seguenti finalità:

- richiesta informazione da parte dell'utente
- richiesta informazione per servizi
- invio di aggiornamenti
- invio informazioni generiche
- richiesta di contatto da parte dei clienti, per ricevere informazioni

Eventualmente i dati possono essere trattati anche per:
contattare l'utente, statistiche, analisi dei comportamenti degli utenti e registrazione sessioni, visualizzazione contenuti e interazione di applicazioni esterne, protezione dallo spam, gestione dei pagamenti, interazione con social network, pubblicità.

L'utente può richiedere in qualsiasi momento al titolare del trattamento, chiarimenti sulle finalità di ciascun trattamento.

Dettagli specifici sull'acquisizione e uso dei dati personali
Per contattare l'utente
Moduli di contatto
L'utente può compilare il/i moduli di contatto/richiesta informazioni, inserendo i propri dati e acconsentendo al loro uso per rispondere alle richieste di natura indicata nella intestazione del modulo.
Dati personali che potrebbero essere raccolti: CAP, città, cognome, email, indirizzo, nazione, nome, numero di telefono, provincia, ragione sociale.

Per interazione con applicazioni esterne (anche social network)
www.rivoluzionedemocratica.it include nelle sue pagine plugin e/o pulsanti per interagire con i social network e/o applicazioni esterne.
Per quanto riguarda i social network, anche se l'utente non utilizza il servizio presente sulla pagina web, è possibile che il servizio acquisisca dati di traffico.

I dati acquisiti e l'utilizzo degli stessi da parte di servizi terzi sono regolamentati dalle rispettive Privacy Policy alle quali si prega di fare riferimento.

Facebook: Pulsante "Mi piace" e widget sociali
Fornitore del servizio: Facebook, Inc.
Finalità del servizio: interazione con il social network Facebook
Dati personali raccolti: cookie, dati di utilizzo
Luogo del trattamento: Stati Uniti
Privacy Policy (https://www.facebook.com/about/privacy/update)
Cookie utilizzati (https://www.facebook.com/about/privacy/cookies)
Aderente al Privacy Shield

Twitter: Pulsante "Tweet" e widget sociali
Fornitore del servizio: Twitter, Inc.
Finalità del servizio: interazione con il social network Twitter
Dati personali raccolti: cookie, dati di utilizzo
Luogo del trattamento: Stati Uniti
Privacy Policy (https://twitter.com/privacy)
Cookie utilizzati (https://help.twitter.com/it/rules-and-policies/twitter-cookies)
Aderente al Privacy Shield

Whatsapp: Pulsante Whatsapp e widget sociali di Whatsapp
Fornitore del servizio: se l'utente risiede nella Regione Europea, WhatsApp Ireland Limited, se l'utente risiede al di fuori della Regione Europea, i Servizi vengono forniti da WhatsApp LLC.
Finalità del servizio: servizi di interazione con Whatsapp.
Dati personali raccolti: cookie, dati di utilizzo
Luogo del trattamento: Irlanda, le informazioni potrebbero essere trasferite o trasmesse o archiviate e trattate negli Stati Uniti o in altri Paesi terzi al di fuori di quello in cui l'utente risiede.
Privacy Policy (https://www.whatsapp.com/legal/privacy-policy-eea)
Aderente al Privacy Shield

Per protezione da spam
Questi servizi acquisiscono dati dagli utenti e tramite varie logiche distinguono il traffico di utenti reali da quello di potenziali minacce di spam.

I dati acquisiti e l'utilizzo degli stessi da parte di servizi terzi sono regolamentati dalle rispettive Privacy Policy alle quali si prega di fare riferimento.

Google reCAPTCHA
Fornitore del servizio: Google, Inc.
Finalità del servizio: servizio di protezione da spam
Dati personali raccolti: cookie, dati di utilizzo
Luogo del trattamento: Stati Uniti
Privacy Policy (https://policies.google.com/privacy?hl=it)
Cookie utilizzati (https://policies.google.com/technologies/types?hl=it)
Aderente al Privacy Shield

Per statistiche
Questi servizi sono utilizzati dal titolare del trattamento per analizzare il traffico effettuato dagli utenti sul sito web www.rivoluzionedemocratica.it.

I dati acquisiti e l'utilizzo degli stessi da parte di servizi terzi sono regolamentati dalle rispettive Privacy Policy alle quali si prega di fare riferimento.

Google Analytics
Fornitore del servizio: Google, Inc.
Finalità del servizio: servizio di analisi web fornito. Questo servizio raccoglie i dati personali dell'utente per monitorare e analizzare l'utilizzo del sito web www.rivoluzionedemocratica.it, generare report e utilizzarli anche per gli altri servizi di Google. Google può usare i dati raccolti per personalizzare i propri annunci pubblicitari.
Dati personali raccolti: cookie, dati di utilizzo
Luogo del trattamento: Stati Uniti
Privacy Policy (https://policies.google.com/privacy?hl=it)
Opt-Out (https://tools.google.com/dlpage/gaoptout?hl=it)
Aderente al Privacy Shield

Per visualizzare contenuti da siti web esterni
Questi servizi sono utilizzati per visualizzare sulle pagine del sito web contenuti esterni al sito web, con possibilità di interazione.
Anche se l'utente non utilizza il servizio presente sulla pagina web, è possibile che il servizio acquisisca dati di traffico.

I dati acquisiti e l'utilizzo degli stessi da parte di servizi terzi sono regolamentati dalle rispettive Privacy Policy alle quali si prega di fare riferimento.

Google Fonts
Fornitore del servizio: Google, Inc.
Finalità del servizio: servizio per visualizzare caratteri (fonts) esterni sul proprio sito web
Dati personali raccolti: tipologie di dati secondo quanto specificato dalla privacy policy del servizio
Luogo del trattamento: Stati Uniti
Privacy Policy (https://policies.google.com/privacy?hl=it)
Aderente al Privacy Shield

Diritti dell'interessato
L'utente possiede tutti i diritti previsti dall'art. 12 del EU GDPR, il diritto di controllare, modificare e integrare (rettificare), cancellare i propri dati personali accedendo alla propria area riservata. Una volta cancellati tutti i dati, viene chiuso l'account di accesso all'area riservata.

Nello specifico ha il diritto di:
- sapere se il titolare detiene dati personali relativi all'utente (art. 15 Diritto all'accesso);
- modificare o integrare (rettificare) i dati personali inesatti o incompleti (Art. 16 Diritto di rettifica);
- richiedere la cancellazione di uno o parte dei dati personali mantenuti se sussiste uno dei motivi previsti dal GDPR (Diritto alla Cancellazione, 17);
- limitare il trattamento solo a parte dei dati personali, o revocarne completamente il consenso al trattamento, se sussiste uno dei motivi previsti dal Regolamento (Art. 18 Diritto alla limitazione del trattamento);
- ricevere copia di tutti i dati personali in possesso del titolare, in formato di uso comune organizzato, e leggibili anche da dispositivo automatico (Art. 20, Diritto alla Portabilità);
- opporsi in tutto o in parte al trattamento dei dati per finalità di marketing, ad esempio opporsi e ricevere offerte pubblicitarie (art. 21 Diritto di opposizione). Si fa presente agli utenti che possono opporsi al trattamento dei dati utilizzati per scopo pubblicitario, senza fornire alcuna motivazione;
- opporsi al trattamento dei dati in modalità automatica o meno per finalità di profilazione (c.d. Consenso).

Come un utente può esercitare i propri diritti
L'utente può esercitare i propri diritti sopra esposti comunicandone richiesta al titolare del trattamento La Rivoluzione Democratica ai seguenti recapiti: info@rivoluzionedemocratica.it; tel. 3312300680.

La richiesta di esercitare un proprio diritto non ha nessun costo. Il titolare si impegna ad evadere le richieste nel minor tempo possibile, e comunque entro un mese.

L'utente ha il diritto di proporre reclamo all'Autorità Garante per la Protezione dei dati Personali. Recapiti: garante@gpdp.it, http://www.gpdp.it (http://www.gpdp.it).

Cookie Policy
Informazioni aggiuntive sul trattamento dei dati
Difesa in giudizio
Nel caso di ricorso al tribunale per abuso da parte dell'utente nell'utilizzo di www.rivoluzionedemocratica.it o dei servizi a esso collegati, il titolare ha la facoltà di rivelare i dati personali dell'utente. È inoltre obbligato a fornire i suddetti dati su richiesta delle autorità pubbliche.

Richiesta di informative specifiche
L'utente ha diritto di richiedere a www.rivoluzionedemocratica.it informative specifiche sui servizi presenti sul sito web e/o la raccolta e l'utilizzo dei dati personali.

Raccolta dati per log di sistema e manutenzione
www.rivoluzionedemocratica.it e/o i servizi di terze parti (se presenti) possono raccogliere i dati personali dell'utente, come ad esempio l'indirizzo IP, sotto forma di log di sistema. La raccolta di questi dati è legata al funzionamento e alla manutenzione del sito web.

Informazioni non contenute in questa policy
L'utente ha diritto di richiedere in ogni momento al titolare del trattamento dei dati le informazioni aggiuntive non presenti in questa Policy riguardanti il trattamento dei dati personali. Il titolare potrà essere contattato tramite gli estremi di contatto.

Supporto per le richieste "Do Not Track"
Le richieste  "Do Not Track" non sono supportate da www.rivoluzionedemocratica.it.
L'utente è invitato a consultare le Privacy Policy dei servizi terzi sopra elencati per scoprire quali supportano questo tipo di richieste.

Modifiche a questa Privacy Policy
Il titolare ha il diritto di modificare questo documento avvisando gli utenti su questa stessa pagina oppure, se previsto, tramite i contatti di cui è in possesso. L'utente è quindi invitato a consultare periodicamente questa pagina. Per conferma sull'effettiva modifica consultare la data di ultima modifica indicata in fondo alla pagina.
Il titolare si occuperà di raccogliere nuovamente il consenso degli utenti nel caso in cui le modifiche a questo documento riguardino trattamenti di dati per i quali è necessario il consenso.

Definizioni e riferimenti legali
Dati personali (o dati, o dati dell'utente)
Sono dati personali le informazioni che identificano o rendono identificabile, direttamente o indirettamente, una persona fisica e che possono fornire informazioni sulle sue caratteristiche, le sue abitudini, il suo stile di vita, le sue relazioni personali, il suo stato di salute, la sua situazione economica, ecc.

Fonte: sito web del Garante della Privacy (http://www.garanteprivacy.it).

Dati di utilizzo
Sono dati di utilizzo le informazioni che vengono raccolte in automatico durante la navigazione di www.rivoluzionedemocratica.it, sia da sito web stesso che dalle applicazioni di terzi incluse nel sito. Sono esempi di dati di utilizzo l'indirizzo IP e i dettagli del dispositivo e del browser (compresi la localizzazione geografica) che l'utente utilizza per navigare sul sito, le pagine visualizzate e la durata della permanenza dell'utente sulle singole pagine.

Utente
Il soggetto che fa uso del sito web www.rivoluzionedemocratica.it.
Coincide con l'interessato, salvo dove diversamente specificato.

Interessato
Interessato è la persona fisica al quale si riferiscono i dati personali. Quindi, se un trattamento riguarda, ad esempio, l'indirizzo, il codice fiscale, ecc. di Mario Rossi, questa persona è l'interessato (articolo 4, paragrafo 1, punto 1), del Regolamento UE 2016/679 (http://www.garanteprivacy.it/regolamentoue).

Fonte: sito web del Garante della Privacy (http://www.garanteprivacy.it).

Responsabile del trattamento (o responsabile)
Responsabile è la persona fisica o giuridica al quale il titolare affida, anche all'esterno della sua struttura organizzativa, specifici e definiti compiti di gestione e controllo per suo conto del trattamento dei dati (articolo 4, paragrafo 1, punto 8), del Regolamento UE 2016/679 (http://www.garanteprivacy.it/regolamentoue). Il Regolamento medesimo ha introdotto la possibilità che un responsabile possa, a sua volta e secondo determinate condizioni, designare un altro soggetto c.d. "sub-responsabile" (articolo 28, paragrafo 2).

Fonte: sito web del Garante della Privacy (http://www.garanteprivacy.it).

Titolare del trattamento (o titolare)
Titolare è la persona fisica, l'autorità pubblica, l'impresa, l'ente pubblico o privato, l'associazione, ecc., che adotta le decisioni sugli scopi e sulle modalità del trattamento (articolo 4, paragrafo 1, punto 7), del Regolamento UE 2016/679 (http://www.garanteprivacy.it/regolamentoue).

Fonte: sito web del Garante della Privacy (http://www.garanteprivacy.it).

www.rivoluzionedemocratica.it (o sito web)  
Il sito web mediante il quale sono raccolti e trattati i dati personali degli utenti.

Servizio
Il servizio offerto dal sito web www.rivoluzionedemocratica.it come indicato nei relativi termini.

Comunità Europea (o UE)
Ogni riferimento relativo alla Comunità Europea si estende a tutti gli attuali stati membri dell'Unione Europea e dello Spazio Economico Europeo, salvo dove diversamente specificato.

Cookie
Dati conservati all'interno del dispositivo dell'utente.

Riferimenti legali
La presente informativa è redatta sulla base di molteplici ordinamenti legislativi, inclusi gli artt. 13 e 14 del Regolamento (UE) 2016/679. Questa informativa riguarda esclusivamente www.rivoluzionedemocratica.it, dove non diversamente specificato.

Informativa privacy aggiornata il 14/12/2021 12:28
torna indietro leggi Privacy Policy per www.rivoluzionedemocratica.it  obbligatorio