05 Luglio 2022

"LA MASCHERA E IL VOLTO"

26-10-2021 - DIARIO POLITICO di Giuseppe Butta'
Dopo otto mesi dall’insediamento del governo guidato da Mario Draghi, chi mal sopportava la presenza della Lega nel governo è riuscito finalmente a fare saltare i nervi a Salvini.

Qualche settimana fa, dopo il primo turno delle elezioni amministrative, il capogruppo della Lega alla Camera, Molinari, ha detto che qualcuno sta tentando di accompagnare alla porta i ministri della Lega impedendogli di discutere «un provvedimento che rischia di avere pesanti conseguenze per i cittadini». Era accaduto che, nel consiglio dei ministri del 5 ottobre, era stato portato un disegno di legge-delega sul fisco il cui testo definitivo pare sia stato fatto conoscere ai ministri della Lega solo mezz’ora prima del Consiglio e che, pare, non corrispondesse con gli accordi raggiunti in commissione parlamentare, specialmente riguardo alla revisione del catasto; a quel punto i ministri leghisti non hanno partecipato per protesta al Consiglio.

Non v’è dubbio che ora, dopo l’insuccesso elettorale del centrodestra soprattutto a Torino e Roma, le spinte e le idee per cacciare la Lega fuori dal governo – messe in campo quasi quotidianamente almeno da quando il cervello rimpatriato da Parigi ha cominciato a brandire la sua ‘durlindana’ e a menare fendenti come lo ‘ius soli’, il voto ai sedicenni, il ddl Zan, il ‘green pass’, la tassa di successione e, da ultimo, la riforma del catasto (nonché della famosa ‘quota 100’) e vari altri giri di cacciavite contro il risparmio italiano – si faranno sempre più forti e incalzanti per realizzare compiutamente il disegno politico che stava dietro l’invenzione del governo Draghi, partorita durante la crisi del governo PD-5S, che non riusciva a condurre in porto la vaccinazione e il PNRR.

Nelle intenzioni degli autori – che accampavano motivi sanitari per non fare ricorso alle elezioni mentre in Gran Bretagna, Spagna, Israele, paesi con una epidemia diffusa più che in Italia, le elezioni si svolgevano regolarmente – il disegno non troppo nascosto era quello di dare ancora tempo al PD per superare la fase di declino elettorale.

L’idea era di una perfezione machiavellica: era fondata sull’ipotesi che le ‘destre’, cioè la Lega e FdI, non avrebbero aderito alla maggioranza; l’altro corno di questa idea era che, auspicando e benedicendo la copertura all’accrocco da parte di Berlusconi – improvvisamente vezzeggiato dall’intera ‘sinistra’, compresi i 5S – si potesse determinare una frattura nel centrodestra.

In questo modo, l’ennesimo rifiuto di dare la voce al corpo elettorale per risolvere la grave crisi in cui ci aveva cacciato il governo PD-5S sarebbe passato con l’immagine di Lega e FdI isolati come nemici del bene comune, nemici delle ‘magnifiche sorti e progressive’ rappresentate dal ‘governo del Presidente’.

Se questa operazione fosse riuscita, il PD (con il suo partito contadino polacco, i 5S) avrebbe ottenuto il controllo assoluto del nuovo governo coronato dall’aureola, sia pure evanescente, dell’unità nazionale. Il disegno non riuscì per intero. Il becero Salvini entrò inaspettatamente nel governo in parte con lo scopo di fare fallire questo progetto, in parte sperando di poterne condizionare la politica.

Da qui, naturalmente anche in vista delle elezioni amministrative, il bombardamento incessante e a tappeto contro Salvini e la Meloni con tutte le armi mediatico-giudiziarie (soprattutto la Luftwaffe delle TV a reti unificate), che un gruppo di potere, insediato nei gangli vitali dello stato e della società, usa con disinvoltura da anni per mantenere la sua presa sul paese.

Alcuni partiti preferiscono una lotta politica non di confronto tra programmi, idee e uomini ma di delegittimazione degli avversari; partiti che non si definiscono per quello che sono, per i programmi che hanno ma in opposizione al nemico di turno: ponendosi su un piedistallo di superiorità morale e culturale, presentandosi come il bene che contrasta il male, delegittimando l’avversario una volta perché sovranista, l’altra perché è fascista, l’altra ancora perché è moralmente indegno, penalmente perseguito e, infine, condannato e destituito dalla sua carica di rappresentante del popolo. Una delegittimazione che riguarda circa la metà dell’elettorato italiano.

Non è uno spettacolo degno di una democrazia che – come da ultimo ha ripetuto Letta – vanta di avere la ‘costituzione più bella del mondo’!

La demolizione della Lega, che nelle europee del 2019 aveva avuto il 34% dei voti, è ormai a buon punto. Prima ancora, il bombardamento era toccato, come tutti ricorderanno, a Berlusconi. Ora – dopo l'inchiesta di Fanpage sulla lobby nera di Milano e l’assalto che qualche gruppo fascista ha potuto portare alla CGIL senza trovare alcuna resistenza (e c’è da chiedersi perché) – tocca a FdI, al centro dell’attacco perché sembra essere in forte espansione: come dice Ezio Mauro su Repubblica, «non è stato inutile far carico alla Meloni delle ambiguità del suo partito rispetto all'eredità del fascismo. Proprio la crescita nei consensi della formazione dei "patrioti" ha imposto questa necessità, perché oggi si tratta del primo o secondo partito del Paese».

Che – per inciso – è stato dichiarato fuori dall’arco costituzionale, se non fuorilegge, dal ‘rosso-malpelo’ Provenzano: forse però bisognerebbe ricordare al giovane, e forse ignaro, vicesegretario del PD che nessuno accollò le brigate rosse e compagni al PCI.

Ma tutto ciò da solo non spiega l’odierna sconfitta del centrodestra che ha presentato nelle grandi città candidati scelti con metodo discutibile e, spesso, con ritardo. Se non vuole rischiare di perdere quel vantaggio che i sondaggi gli attribuiscono a livello nazionale, esso – memore del bombardamento finora subito e che sicuramente non cesserà almeno fino alle prossime elezioni e, forse, continuerà ad oltranza – deve interrogarsi nel profondo sulle ragioni della sconfitta e risolverle: deve darsi una leadership unitaria, visibile, autorevole, e un programma comune; deve superare la disarticolazione, tra governo e opposizione, dei partiti che lo compongono nonché la concorrenza che questi si fanno per primeggiare (l’ordine sparso non può funzionare).

Questi sono gli effetti del tramonto del tentativo, fatto in vari momenti, di unificarne le sparse membra: quando nacque il PdL, fu la Lega a sottrarsi all’unificazione; poi venne il governo Monti che, insieme con la condanna definitiva in Cassazione, dette il colpo di grazia alla leadership di Berlusconi; oggi le maggiori resistenze vengono da FdI anche a causa delle incertezze sulla legge elettorale, tirata in tutte le direzioni dalle convenienze momentanee dei partiti.

Venendo al PD, il suo segretario, Letta – che pure ha ragione di compiacersi della vittoria ottenuta soprattutto non per i suoi meriti ma per i demeriti degli avversari – sembra inebriato dalla ‘saldatura dell’elettorato’ della sinistra che, avendo consentito questo risultato, comproverebbe il successo della sua strategia per la costruzione del campo largo ‘progressista’, largo abbastanza da includere tutti, dai 5S a LEU e dintorni: ma ricordi che questo campo non può essere quello per una scampagnata sotto un ‘ulivo’ immerso nella nebbia.

Nei prossimi mesi vedremo il progredire di questa costruzione, con tutti i mezzi, anche con la riforma della legge elettorale. Ma, a meno di un anno e mezzo dalle prossime elezioni, a mio avviso non dovrebbe esserci più tempo per mettere mano alla legge elettorale perché, se lo si facesse, sarebbe scandaloso perché chiaramente qualsiasi riforma verrebbe dettata dalla convenienza dei partiti; ci auguriamo comunque che, se nessuno sentisse questo impedimento morale prima che politico e si dovesse rifare la legge, non si vada in direzione del sistema proporzionale: sarebbe il trionfo del trasformismo dopo che, ancora qualche mese fa, abbiamo sentito autorevolissimi teorici elevare i ‘costruttori’ a salvatori della patria e visto qualcuno andare a cercarli con la lampada di Diogene in mano.

L’arnese preferito dall’ex professore di Sciences Po per il lavoro politico è il cacciavite: ce lo ‘narra’ egli stesso in Anima e Cacciavite, il libro ideologico-programmatico di Enrico Letta che propone una ricetta mefistofelica per la salvazione dell’anima del PD, per riscattarla dopo che, negli ultimi anni – cioè da quando è nato – l’aveva venduta al diavolo rinunciando agli alti scopi di giustizia sociale e ridistribuzione della ricchezza. Questo diavolo sarebbe il ‘blairismo’; noi ci permettiamo di suggerire all’autore di chiamare questo satanasso con un altro nome: potere.

A suo avviso, questi errori della sinistra avrebbero generato il successo del populismo e del sovranismo: e non c’è dubbio che egli abbia ragione quando dice che la perdita di consenso elettorale subita dal PD sia stata provocata dalla serie di errori che ne caratterizzano la linea politica e il suo modus vivendi.

Ma di quanti errori la ‘sinistra’ non dovrebbe fare ammenda? Se il populismo e il sovranismo ne sono il parto, di quanti altri figli, sia pure illegittimi, partoriti nello scorso secolo non dovremmo chiederle il riconoscimento? E perché dovremmo fidarci di una così prolifica madre di errori?

Secondo il segretario del PD, sarebbe stata l’epidemia Covid a far tornare alla luce l’esigenza improcrastinabile di perseguire nuovamente questi scopi, di cui perfino lui, quando era al governo, s’era dimenticato; pare che ora, dopo i risultati delle elezioni comunali, il PD voglia porre rimedio a questi errori e non abbia più paura delle elezioni politiche anticipate; pare che – se si sarà assicurato, ancora una volta, un posto al sole al Quirinale – voglia addirittura chiederle per l’autunno prossimo. Speriamo che il PD non perda questo coraggio: anche se solo di qualche mese rispetto alla scadenza naturale della legislatura, vale comunque la pena di anticipare le elezioni. Insomma, non possiamo affidare tutto alla saggezza del Presidente, al carisma di Draghi o ai giochi parlamentari: per rispettare lo spirito della costituzione, le scelte decisive devono essere affidate al popolo.






Fonte: di GIUSEPPE BUTTA'
Link
[]
L'AVVENIRE DEI LAVORATORI
Periodico socialista fondato 1897.
[]
IL PONTE RIVISTA
Rivista di politica economica e cultura
fondata da Calamandrei
[]
BIBLION EDITORE
Biblion Edizioni, storica casa editrice.
[]
CRITICA LIBERALE - NON MOLLARE
"NON MOLLARE"
Quindicinale on line di Critica Liberale,
la voce del liberalismo progressista in Italia.





Nuova Serie
"La Rivoluzione Democratica"
1, MARZO 2017
Associazione Alleanza Giellista
[]

Realizzazione siti web www.sitoper.it
invia a un amico
icona per chiudere
Attenzione!
Non puoi effettuare più di 10 invii al giorno.
Privacy Policy per www.rivoluzionedemocratica.it
Il sito web www.rivoluzionedemocratica.it raccoglie alcuni dati personali degli utenti che navigano sul sito web.

In accordo con l'impegno e l'attenzione che poniamo ai dati personali e in accordo agli artt. 13 e 14 del EU GDPR, www.rivoluzionedemocratica.it fornisce informazioni su modalità, finalità, ambito di comunicazione e diffusione dei dati personali e diritti degli utenti.

Titolare del trattamento dei dati personali
La Rivoluzione Democratica
Via Circondaria, 56
55045 - Firenze Italia


Email: info @rivoluzionedemocratica.it
Telefono: 3934324237

Tipi di dati acquisiti
www.rivoluzionedemocratica.it raccoglie dati degli utenti direttamente o tramite terze parti. Le tipologie di dati raccolti sono: dati tecnici di navigazione, dati di utilizzo, email, nome, cognome, numero di telefono, provincia, nazione, cap, città, indirizzo, ragione sociale, stato, cookie e altre varie tipologie di dati. Maggiori dettagli sui dati raccolti vengono forniti nelle sezioni successive di questa stessa informativa.
I dati personali sono forniti deliberatamente dall'utente tramite la compilazione di form, oppure, nel caso di dati di utilizzo, come ad esempio i dati relativi alle statistiche di navigazione, sono raccolti automaticamente navigando sulle pagine di www.rivoluzionedemocratica.it.

I dati richiesti dai form sono divisi tra obbligatori e facoltativi; su ciascun form saranno indicate distintamente le due tipologie. Nel caso in cui l'utente preferisca non comunicare dati obbligatori, www.rivoluzionedemocratica.it si riserva il diritto di non fornire il servizio. Nel caso in cui l'utente preferisca non comunicare dati facoltativi, il servizio sarà fornito ugualmente da www.rivoluzionedemocratica.it .

www.rivoluzionedemocratica.it utilizza strumenti di statistica per il tracciamento della navigazione degli utenti, l'analisi avviene tramite log. Non utilizza direttamente cookie ma può utilizzare cookie includendo servizi di terzi.

Ciascun utilizzo di cookie viene dettagliato nella Cookie Policy (https://www.rivoluzionedemocratica.it/Informativa-sui-cookies.htm) e successivamente in questa stessa informativa.
L'utente che comunichi, pubblichi, diffonda, condivida o ottenga dati personali di terzi tramite www.rivoluzionedemocratica.it si assume la completa responsabilità degli stessi. L'utente libera il titolare del sito web da qualsiasi responsabilità diretta e verso terzi, garantendo di avere il diritto alla comunicazione, pubblicazione, diffusione degli stessi. www.rivoluzionedemocratica.it non fornisce servizi a minori di 18 anni. In caso di richieste effettuate per minori deve essere il genitore, o chi detiene la patria potestà, a compilare le richieste dati.

Modalità, luoghi e tempi del trattamento dei dati acquisiti
Modalità di trattamento dei dati acquisiti
Il titolare ha progettato un sistema informatico opportuno a garantire misure di sicurezza ritenute adatte ad impedire l'accesso, la divulgazione, la modifica o la cancellazione non autorizzata di dati personali. Lo stesso sistema effettua copie giornaliere, ritenute sufficientemente adeguate in base alla importanza dei dati contenuti.

L'utente ha diritto a ottenere informazioni in merito alle misure di sicurezza adottate dal titolare per proteggere i dati.

Accessi ai dati oltre al titolare
Hanno accesso ai dati personali raccolti da www.rivoluzionedemocratica.it il personale interno (quale ad esempio amministrativo, commerciale, marketing, legale, amministratori di sistema) e/o soggetti esterni (quali ad esempio fornitori di servizi informatici terzi, webfarm, agenzie di comunicazione, fornitori di servizi complementari). Se necessario tali strutture sono nominate dal titolare responsabili del trattamento.

L'utente può richiedere in qualsiasi momento al titolare del trattamento, l'elenco aggiornato dei responsabili del trattamento.

Comunicazione di eventuali accessi indesiderati al Garante della Privacy
Il suddetto sistema informatico è monitorato e controllato giornalmente da tecnici e sistemisti. Ciò non toglie che, anche se ritenuta possibilità remota, ci possa essere un accesso indesiderato. Nel caso in cui questo si verifichi il titolare si impegna, come da GDPR ad effettuarne comunicazione al Garante della Privacy entro i termini previsti dalla legge.

Luoghi di mantenimento dei dati acquisiti
I dati personali sono mantenuti e trattati nelle sedi operative e amministrative del titolare, nonché nelle webfarm dove risiedono i server che ospitano il sito web www.rivoluzionedemocratica.it, o sui server che ne effettuano le copie di sicurezza. I dati personali dell'utente possono risiedere in Italia, Germania e Olanda, comunque in nazioni della Comunità Europea. I dati personali dell'utente non vengono mai portati o copiati fuori dal territorio europeo.

Tempi di mantenimento dei dati acquisiti
Nel caso di dati acquisiti per fornire un servizio all'utente, (sia per un servizio acquistato che in prova) i dati vengono conservati per 24 mesi successivi al completamento del servizio. Oppure fino a quando non ne venga revocato il consenso.

Nel caso in cui il titolare fosse obbligato a conservare i dati personali in ottemperanza di un obbligo di legge o per ordine di autorità, il titolare può conservare i dati per un tempo maggiore, necessario agli obblighi.

Al termine del periodo di conservazione i dati personali saranno cancellati. Dopo il termine, non sarà più possibile accedere ai propri dati, richiederne la cancellazione e la portabilità.

Base giuridica del trattamento dei dati acquisiti
Il titolare acquisisce dati personali degli utenti nei casi sotto descritti.
Il trattamento si rende necessario:
- se l'utente ha deliberatamente accettato il trattamento per una o più finalità;
- per fornire un preventivo all'utente;
- per fornire un contratto all'utente;
- per fornire un servizio all'utente;
- perché il titolare possa adempiere ad un obbligo di legge;
- perché il titolare possa adempiere ad un compito di interesse pubblico;
- perché il titolare possa adempiere ad un esercizio di pubblici poteri;
- perché il titolare o terzi possano perseguire i propri legittimi interessi.

L'utente può richiedere in qualsiasi momento al titolare del trattamento, chiarimenti sulla base giuridica di ciascun trattamento.

Finalità del trattamento dei dati acquisiti
I dati dell'utente sono raccolti dal titolare per le seguenti finalità:

- richiesta informazione da parte dell'utente
- richiesta informazione per servizi
- invio di aggiornamenti
- invio informazioni generiche
- richiesta di contatto da parte dei clienti, per ricevere informazioni

Eventualmente i dati possono essere trattati anche per:
contattare l'utente, statistiche, analisi dei comportamenti degli utenti e registrazione sessioni, visualizzazione contenuti e interazione di applicazioni esterne, protezione dallo spam, gestione dei pagamenti, interazione con social network, pubblicità.

L'utente può richiedere in qualsiasi momento al titolare del trattamento, chiarimenti sulle finalità di ciascun trattamento.

Dettagli specifici sull'acquisizione e uso dei dati personali
Per contattare l'utente
Moduli di contatto
L'utente può compilare il/i moduli di contatto/richiesta informazioni, inserendo i propri dati e acconsentendo al loro uso per rispondere alle richieste di natura indicata nella intestazione del modulo.
Dati personali che potrebbero essere raccolti: CAP, città, cognome, email, indirizzo, nazione, nome, numero di telefono, provincia, ragione sociale.

Per interazione con applicazioni esterne (anche social network)
www.rivoluzionedemocratica.it include nelle sue pagine plugin e/o pulsanti per interagire con i social network e/o applicazioni esterne.
Per quanto riguarda i social network, anche se l'utente non utilizza il servizio presente sulla pagina web, è possibile che il servizio acquisisca dati di traffico.

I dati acquisiti e l'utilizzo degli stessi da parte di servizi terzi sono regolamentati dalle rispettive Privacy Policy alle quali si prega di fare riferimento.

Facebook: Pulsante "Mi piace" e widget sociali
Fornitore del servizio: Facebook, Inc.
Finalità del servizio: interazione con il social network Facebook
Dati personali raccolti: cookie, dati di utilizzo
Luogo del trattamento: Stati Uniti
Privacy Policy (https://www.facebook.com/about/privacy/update)
Cookie utilizzati (https://www.facebook.com/about/privacy/cookies)
Aderente al Privacy Shield

Twitter: Pulsante "Tweet" e widget sociali
Fornitore del servizio: Twitter, Inc.
Finalità del servizio: interazione con il social network Twitter
Dati personali raccolti: cookie, dati di utilizzo
Luogo del trattamento: Stati Uniti
Privacy Policy (https://twitter.com/privacy)
Cookie utilizzati (https://help.twitter.com/it/rules-and-policies/twitter-cookies)
Aderente al Privacy Shield

Whatsapp: Pulsante Whatsapp e widget sociali di Whatsapp
Fornitore del servizio: se l'utente risiede nella Regione Europea, WhatsApp Ireland Limited, se l'utente risiede al di fuori della Regione Europea, i Servizi vengono forniti da WhatsApp LLC.
Finalità del servizio: servizi di interazione con Whatsapp.
Dati personali raccolti: cookie, dati di utilizzo
Luogo del trattamento: Irlanda, le informazioni potrebbero essere trasferite o trasmesse o archiviate e trattate negli Stati Uniti o in altri Paesi terzi al di fuori di quello in cui l'utente risiede.
Privacy Policy (https://www.whatsapp.com/legal/privacy-policy-eea)
Aderente al Privacy Shield

Per protezione da spam
Questi servizi acquisiscono dati dagli utenti e tramite varie logiche distinguono il traffico di utenti reali da quello di potenziali minacce di spam.

I dati acquisiti e l'utilizzo degli stessi da parte di servizi terzi sono regolamentati dalle rispettive Privacy Policy alle quali si prega di fare riferimento.

Google reCAPTCHA
Fornitore del servizio: Google, Inc.
Finalità del servizio: servizio di protezione da spam
Dati personali raccolti: cookie, dati di utilizzo
Luogo del trattamento: Stati Uniti
Privacy Policy (https://policies.google.com/privacy?hl=it)
Cookie utilizzati (https://policies.google.com/technologies/types?hl=it)
Aderente al Privacy Shield

Per statistiche
Questi servizi sono utilizzati dal titolare del trattamento per analizzare il traffico effettuato dagli utenti sul sito web www.rivoluzionedemocratica.it.

I dati acquisiti e l'utilizzo degli stessi da parte di servizi terzi sono regolamentati dalle rispettive Privacy Policy alle quali si prega di fare riferimento.

Google Analytics
Fornitore del servizio: Google, Inc.
Finalità del servizio: servizio di analisi web fornito. Questo servizio raccoglie i dati personali dell'utente per monitorare e analizzare l'utilizzo del sito web www.rivoluzionedemocratica.it, generare report e utilizzarli anche per gli altri servizi di Google. Google può usare i dati raccolti per personalizzare i propri annunci pubblicitari.
Dati personali raccolti: cookie, dati di utilizzo
Luogo del trattamento: Stati Uniti
Privacy Policy (https://policies.google.com/privacy?hl=it)
Opt-Out (https://tools.google.com/dlpage/gaoptout?hl=it)
Aderente al Privacy Shield

Per visualizzare contenuti da siti web esterni
Questi servizi sono utilizzati per visualizzare sulle pagine del sito web contenuti esterni al sito web, con possibilità di interazione.
Anche se l'utente non utilizza il servizio presente sulla pagina web, è possibile che il servizio acquisisca dati di traffico.

I dati acquisiti e l'utilizzo degli stessi da parte di servizi terzi sono regolamentati dalle rispettive Privacy Policy alle quali si prega di fare riferimento.

Google Fonts
Fornitore del servizio: Google, Inc.
Finalità del servizio: servizio per visualizzare caratteri (fonts) esterni sul proprio sito web
Dati personali raccolti: tipologie di dati secondo quanto specificato dalla privacy policy del servizio
Luogo del trattamento: Stati Uniti
Privacy Policy (https://policies.google.com/privacy?hl=it)
Aderente al Privacy Shield

Diritti dell'interessato
L'utente possiede tutti i diritti previsti dall'art. 12 del EU GDPR, il diritto di controllare, modificare e integrare (rettificare), cancellare i propri dati personali accedendo alla propria area riservata. Una volta cancellati tutti i dati, viene chiuso l'account di accesso all'area riservata.

Nello specifico ha il diritto di:
- sapere se il titolare detiene dati personali relativi all'utente (art. 15 Diritto all'accesso);
- modificare o integrare (rettificare) i dati personali inesatti o incompleti (Art. 16 Diritto di rettifica);
- richiedere la cancellazione di uno o parte dei dati personali mantenuti se sussiste uno dei motivi previsti dal GDPR (Diritto alla Cancellazione, 17);
- limitare il trattamento solo a parte dei dati personali, o revocarne completamente il consenso al trattamento, se sussiste uno dei motivi previsti dal Regolamento (Art. 18 Diritto alla limitazione del trattamento);
- ricevere copia di tutti i dati personali in possesso del titolare, in formato di uso comune organizzato, e leggibili anche da dispositivo automatico (Art. 20, Diritto alla Portabilità);
- opporsi in tutto o in parte al trattamento dei dati per finalità di marketing, ad esempio opporsi e ricevere offerte pubblicitarie (art. 21 Diritto di opposizione). Si fa presente agli utenti che possono opporsi al trattamento dei dati utilizzati per scopo pubblicitario, senza fornire alcuna motivazione;
- opporsi al trattamento dei dati in modalità automatica o meno per finalità di profilazione (c.d. Consenso).

Come un utente può esercitare i propri diritti
L'utente può esercitare i propri diritti sopra esposti comunicandone richiesta al titolare del trattamento La Rivoluzione Democratica ai seguenti recapiti: info@rivoluzionedemocratica.it; tel. 3312300680.

La richiesta di esercitare un proprio diritto non ha nessun costo. Il titolare si impegna ad evadere le richieste nel minor tempo possibile, e comunque entro un mese.

L'utente ha il diritto di proporre reclamo all'Autorità Garante per la Protezione dei dati Personali. Recapiti: garante@gpdp.it, http://www.gpdp.it (http://www.gpdp.it).

Cookie Policy
Informazioni aggiuntive sul trattamento dei dati
Difesa in giudizio
Nel caso di ricorso al tribunale per abuso da parte dell'utente nell'utilizzo di www.rivoluzionedemocratica.it o dei servizi a esso collegati, il titolare ha la facoltà di rivelare i dati personali dell'utente. È inoltre obbligato a fornire i suddetti dati su richiesta delle autorità pubbliche.

Richiesta di informative specifiche
L'utente ha diritto di richiedere a www.rivoluzionedemocratica.it informative specifiche sui servizi presenti sul sito web e/o la raccolta e l'utilizzo dei dati personali.

Raccolta dati per log di sistema e manutenzione
www.rivoluzionedemocratica.it e/o i servizi di terze parti (se presenti) possono raccogliere i dati personali dell'utente, come ad esempio l'indirizzo IP, sotto forma di log di sistema. La raccolta di questi dati è legata al funzionamento e alla manutenzione del sito web.

Informazioni non contenute in questa policy
L'utente ha diritto di richiedere in ogni momento al titolare del trattamento dei dati le informazioni aggiuntive non presenti in questa Policy riguardanti il trattamento dei dati personali. Il titolare potrà essere contattato tramite gli estremi di contatto.

Supporto per le richieste "Do Not Track"
Le richieste  "Do Not Track" non sono supportate da www.rivoluzionedemocratica.it.
L'utente è invitato a consultare le Privacy Policy dei servizi terzi sopra elencati per scoprire quali supportano questo tipo di richieste.

Modifiche a questa Privacy Policy
Il titolare ha il diritto di modificare questo documento avvisando gli utenti su questa stessa pagina oppure, se previsto, tramite i contatti di cui è in possesso. L'utente è quindi invitato a consultare periodicamente questa pagina. Per conferma sull'effettiva modifica consultare la data di ultima modifica indicata in fondo alla pagina.
Il titolare si occuperà di raccogliere nuovamente il consenso degli utenti nel caso in cui le modifiche a questo documento riguardino trattamenti di dati per i quali è necessario il consenso.

Definizioni e riferimenti legali
Dati personali (o dati, o dati dell'utente)
Sono dati personali le informazioni che identificano o rendono identificabile, direttamente o indirettamente, una persona fisica e che possono fornire informazioni sulle sue caratteristiche, le sue abitudini, il suo stile di vita, le sue relazioni personali, il suo stato di salute, la sua situazione economica, ecc.

Fonte: sito web del Garante della Privacy (http://www.garanteprivacy.it).

Dati di utilizzo
Sono dati di utilizzo le informazioni che vengono raccolte in automatico durante la navigazione di www.rivoluzionedemocratica.it, sia da sito web stesso che dalle applicazioni di terzi incluse nel sito. Sono esempi di dati di utilizzo l'indirizzo IP e i dettagli del dispositivo e del browser (compresi la localizzazione geografica) che l'utente utilizza per navigare sul sito, le pagine visualizzate e la durata della permanenza dell'utente sulle singole pagine.

Utente
Il soggetto che fa uso del sito web www.rivoluzionedemocratica.it.
Coincide con l'interessato, salvo dove diversamente specificato.

Interessato
Interessato è la persona fisica al quale si riferiscono i dati personali. Quindi, se un trattamento riguarda, ad esempio, l'indirizzo, il codice fiscale, ecc. di Mario Rossi, questa persona è l'interessato (articolo 4, paragrafo 1, punto 1), del Regolamento UE 2016/679 (http://www.garanteprivacy.it/regolamentoue).

Fonte: sito web del Garante della Privacy (http://www.garanteprivacy.it).

Responsabile del trattamento (o responsabile)
Responsabile è la persona fisica o giuridica al quale il titolare affida, anche all'esterno della sua struttura organizzativa, specifici e definiti compiti di gestione e controllo per suo conto del trattamento dei dati (articolo 4, paragrafo 1, punto 8), del Regolamento UE 2016/679 (http://www.garanteprivacy.it/regolamentoue). Il Regolamento medesimo ha introdotto la possibilità che un responsabile possa, a sua volta e secondo determinate condizioni, designare un altro soggetto c.d. "sub-responsabile" (articolo 28, paragrafo 2).

Fonte: sito web del Garante della Privacy (http://www.garanteprivacy.it).

Titolare del trattamento (o titolare)
Titolare è la persona fisica, l'autorità pubblica, l'impresa, l'ente pubblico o privato, l'associazione, ecc., che adotta le decisioni sugli scopi e sulle modalità del trattamento (articolo 4, paragrafo 1, punto 7), del Regolamento UE 2016/679 (http://www.garanteprivacy.it/regolamentoue).

Fonte: sito web del Garante della Privacy (http://www.garanteprivacy.it).

www.rivoluzionedemocratica.it (o sito web)  
Il sito web mediante il quale sono raccolti e trattati i dati personali degli utenti.

Servizio
Il servizio offerto dal sito web www.rivoluzionedemocratica.it come indicato nei relativi termini.

Comunità Europea (o UE)
Ogni riferimento relativo alla Comunità Europea si estende a tutti gli attuali stati membri dell'Unione Europea e dello Spazio Economico Europeo, salvo dove diversamente specificato.

Cookie
Dati conservati all'interno del dispositivo dell'utente.

Riferimenti legali
La presente informativa è redatta sulla base di molteplici ordinamenti legislativi, inclusi gli artt. 13 e 14 del Regolamento (UE) 2016/679. Questa informativa riguarda esclusivamente www.rivoluzionedemocratica.it, dove non diversamente specificato.

Informativa privacy aggiornata il 14/12/2021 12:28
torna indietro leggi Privacy Policy per www.rivoluzionedemocratica.it  obbligatorio