04 Dicembre 2021

"LA MASCHERA E IL VOLTO"

26-10-2021 - DIARIO POLITICO di Giuseppe Butta'
Dopo otto mesi dall’insediamento del governo guidato da Mario Draghi, chi mal sopportava la presenza della Lega nel governo è riuscito finalmente a fare saltare i nervi a Salvini.

Qualche settimana fa, dopo il primo turno delle elezioni amministrative, il capogruppo della Lega alla Camera, Molinari, ha detto che qualcuno sta tentando di accompagnare alla porta i ministri della Lega impedendogli di discutere «un provvedimento che rischia di avere pesanti conseguenze per i cittadini». Era accaduto che, nel consiglio dei ministri del 5 ottobre, era stato portato un disegno di legge-delega sul fisco il cui testo definitivo pare sia stato fatto conoscere ai ministri della Lega solo mezz’ora prima del Consiglio e che, pare, non corrispondesse con gli accordi raggiunti in commissione parlamentare, specialmente riguardo alla revisione del catasto; a quel punto i ministri leghisti non hanno partecipato per protesta al Consiglio.

Non v’è dubbio che ora, dopo l’insuccesso elettorale del centrodestra soprattutto a Torino e Roma, le spinte e le idee per cacciare la Lega fuori dal governo – messe in campo quasi quotidianamente almeno da quando il cervello rimpatriato da Parigi ha cominciato a brandire la sua ‘durlindana’ e a menare fendenti come lo ‘ius soli’, il voto ai sedicenni, il ddl Zan, il ‘green pass’, la tassa di successione e, da ultimo, la riforma del catasto (nonché della famosa ‘quota 100’) e vari altri giri di cacciavite contro il risparmio italiano – si faranno sempre più forti e incalzanti per realizzare compiutamente il disegno politico che stava dietro l’invenzione del governo Draghi, partorita durante la crisi del governo PD-5S, che non riusciva a condurre in porto la vaccinazione e il PNRR.

Nelle intenzioni degli autori – che accampavano motivi sanitari per non fare ricorso alle elezioni mentre in Gran Bretagna, Spagna, Israele, paesi con una epidemia diffusa più che in Italia, le elezioni si svolgevano regolarmente – il disegno non troppo nascosto era quello di dare ancora tempo al PD per superare la fase di declino elettorale.

L’idea era di una perfezione machiavellica: era fondata sull’ipotesi che le ‘destre’, cioè la Lega e FdI, non avrebbero aderito alla maggioranza; l’altro corno di questa idea era che, auspicando e benedicendo la copertura all’accrocco da parte di Berlusconi – improvvisamente vezzeggiato dall’intera ‘sinistra’, compresi i 5S – si potesse determinare una frattura nel centrodestra.

In questo modo, l’ennesimo rifiuto di dare la voce al corpo elettorale per risolvere la grave crisi in cui ci aveva cacciato il governo PD-5S sarebbe passato con l’immagine di Lega e FdI isolati come nemici del bene comune, nemici delle ‘magnifiche sorti e progressive’ rappresentate dal ‘governo del Presidente’.

Se questa operazione fosse riuscita, il PD (con il suo partito contadino polacco, i 5S) avrebbe ottenuto il controllo assoluto del nuovo governo coronato dall’aureola, sia pure evanescente, dell’unità nazionale. Il disegno non riuscì per intero. Il becero Salvini entrò inaspettatamente nel governo in parte con lo scopo di fare fallire questo progetto, in parte sperando di poterne condizionare la politica.

Da qui, naturalmente anche in vista delle elezioni amministrative, il bombardamento incessante e a tappeto contro Salvini e la Meloni con tutte le armi mediatico-giudiziarie (soprattutto la Luftwaffe delle TV a reti unificate), che un gruppo di potere, insediato nei gangli vitali dello stato e della società, usa con disinvoltura da anni per mantenere la sua presa sul paese.

Alcuni partiti preferiscono una lotta politica non di confronto tra programmi, idee e uomini ma di delegittimazione degli avversari; partiti che non si definiscono per quello che sono, per i programmi che hanno ma in opposizione al nemico di turno: ponendosi su un piedistallo di superiorità morale e culturale, presentandosi come il bene che contrasta il male, delegittimando l’avversario una volta perché sovranista, l’altra perché è fascista, l’altra ancora perché è moralmente indegno, penalmente perseguito e, infine, condannato e destituito dalla sua carica di rappresentante del popolo. Una delegittimazione che riguarda circa la metà dell’elettorato italiano.

Non è uno spettacolo degno di una democrazia che – come da ultimo ha ripetuto Letta – vanta di avere la ‘costituzione più bella del mondo’!

La demolizione della Lega, che nelle europee del 2019 aveva avuto il 34% dei voti, è ormai a buon punto. Prima ancora, il bombardamento era toccato, come tutti ricorderanno, a Berlusconi. Ora – dopo l'inchiesta di Fanpage sulla lobby nera di Milano e l’assalto che qualche gruppo fascista ha potuto portare alla CGIL senza trovare alcuna resistenza (e c’è da chiedersi perché) – tocca a FdI, al centro dell’attacco perché sembra essere in forte espansione: come dice Ezio Mauro su Repubblica, «non è stato inutile far carico alla Meloni delle ambiguità del suo partito rispetto all'eredità del fascismo. Proprio la crescita nei consensi della formazione dei "patrioti" ha imposto questa necessità, perché oggi si tratta del primo o secondo partito del Paese».

Che – per inciso – è stato dichiarato fuori dall’arco costituzionale, se non fuorilegge, dal ‘rosso-malpelo’ Provenzano: forse però bisognerebbe ricordare al giovane, e forse ignaro, vicesegretario del PD che nessuno accollò le brigate rosse e compagni al PCI.

Ma tutto ciò da solo non spiega l’odierna sconfitta del centrodestra che ha presentato nelle grandi città candidati scelti con metodo discutibile e, spesso, con ritardo. Se non vuole rischiare di perdere quel vantaggio che i sondaggi gli attribuiscono a livello nazionale, esso – memore del bombardamento finora subito e che sicuramente non cesserà almeno fino alle prossime elezioni e, forse, continuerà ad oltranza – deve interrogarsi nel profondo sulle ragioni della sconfitta e risolverle: deve darsi una leadership unitaria, visibile, autorevole, e un programma comune; deve superare la disarticolazione, tra governo e opposizione, dei partiti che lo compongono nonché la concorrenza che questi si fanno per primeggiare (l’ordine sparso non può funzionare).

Questi sono gli effetti del tramonto del tentativo, fatto in vari momenti, di unificarne le sparse membra: quando nacque il PdL, fu la Lega a sottrarsi all’unificazione; poi venne il governo Monti che, insieme con la condanna definitiva in Cassazione, dette il colpo di grazia alla leadership di Berlusconi; oggi le maggiori resistenze vengono da FdI anche a causa delle incertezze sulla legge elettorale, tirata in tutte le direzioni dalle convenienze momentanee dei partiti.

Venendo al PD, il suo segretario, Letta – che pure ha ragione di compiacersi della vittoria ottenuta soprattutto non per i suoi meriti ma per i demeriti degli avversari – sembra inebriato dalla ‘saldatura dell’elettorato’ della sinistra che, avendo consentito questo risultato, comproverebbe il successo della sua strategia per la costruzione del campo largo ‘progressista’, largo abbastanza da includere tutti, dai 5S a LEU e dintorni: ma ricordi che questo campo non può essere quello per una scampagnata sotto un ‘ulivo’ immerso nella nebbia.

Nei prossimi mesi vedremo il progredire di questa costruzione, con tutti i mezzi, anche con la riforma della legge elettorale. Ma, a meno di un anno e mezzo dalle prossime elezioni, a mio avviso non dovrebbe esserci più tempo per mettere mano alla legge elettorale perché, se lo si facesse, sarebbe scandaloso perché chiaramente qualsiasi riforma verrebbe dettata dalla convenienza dei partiti; ci auguriamo comunque che, se nessuno sentisse questo impedimento morale prima che politico e si dovesse rifare la legge, non si vada in direzione del sistema proporzionale: sarebbe il trionfo del trasformismo dopo che, ancora qualche mese fa, abbiamo sentito autorevolissimi teorici elevare i ‘costruttori’ a salvatori della patria e visto qualcuno andare a cercarli con la lampada di Diogene in mano.

L’arnese preferito dall’ex professore di Sciences Po per il lavoro politico è il cacciavite: ce lo ‘narra’ egli stesso in Anima e Cacciavite, il libro ideologico-programmatico di Enrico Letta che propone una ricetta mefistofelica per la salvazione dell’anima del PD, per riscattarla dopo che, negli ultimi anni – cioè da quando è nato – l’aveva venduta al diavolo rinunciando agli alti scopi di giustizia sociale e ridistribuzione della ricchezza. Questo diavolo sarebbe il ‘blairismo’; noi ci permettiamo di suggerire all’autore di chiamare questo satanasso con un altro nome: potere.

A suo avviso, questi errori della sinistra avrebbero generato il successo del populismo e del sovranismo: e non c’è dubbio che egli abbia ragione quando dice che la perdita di consenso elettorale subita dal PD sia stata provocata dalla serie di errori che ne caratterizzano la linea politica e il suo modus vivendi.

Ma di quanti errori la ‘sinistra’ non dovrebbe fare ammenda? Se il populismo e il sovranismo ne sono il parto, di quanti altri figli, sia pure illegittimi, partoriti nello scorso secolo non dovremmo chiederle il riconoscimento? E perché dovremmo fidarci di una così prolifica madre di errori?

Secondo il segretario del PD, sarebbe stata l’epidemia Covid a far tornare alla luce l’esigenza improcrastinabile di perseguire nuovamente questi scopi, di cui perfino lui, quando era al governo, s’era dimenticato; pare che ora, dopo i risultati delle elezioni comunali, il PD voglia porre rimedio a questi errori e non abbia più paura delle elezioni politiche anticipate; pare che – se si sarà assicurato, ancora una volta, un posto al sole al Quirinale – voglia addirittura chiederle per l’autunno prossimo. Speriamo che il PD non perda questo coraggio: anche se solo di qualche mese rispetto alla scadenza naturale della legislatura, vale comunque la pena di anticipare le elezioni. Insomma, non possiamo affidare tutto alla saggezza del Presidente, al carisma di Draghi o ai giochi parlamentari: per rispettare lo spirito della costituzione, le scelte decisive devono essere affidate al popolo.






Fonte: di GIUSEPPE BUTTA'
Link
[]
L'AVVENIRE DEI LAVORATORI
Periodico socialista fondato 1897.
[]
IL PONTE RIVISTA
Rivista di politica economica e cultura
fondata da Calamandrei
[]
BIBLION EDITORE
Biblion Edizioni, storica casa editrice.
[]
CRITICA LIBERALE - NON MOLLARE
"NON MOLLARE"
Quindicinale on line di Critica Liberale,
la voce del liberalismo progressista in Italia.





Nuova Serie
"La Rivoluzione Democratica"
1, MARZO 2017

Realizzazione siti web www.sitoper.it
invia ad un amico
icona chiudi
Attenzione!
Non puoi effettuare più di 10 invii al giorno.
Informativa
Informativa Privacy
La presente informativa descrive le modalità di gestione del Sito, da Lei ora visitato, di cui è Titolare, il giornale "LA RIVOLUZIONE DEMOCRATICA", registrazione al Tribunale di Firenze n°5863 del 17/02/2012 (di seguito, "Giornale" per brevità), che ha come finalità l´informazione critica, la difesa della laicità delle Istituzioni e la diffusione della cultura laica, con sede in Firenze, accessibile al seguente nome di dominio
http://www.rivoluzionedemocratica.it
in riferimento al trattamento dei dati personali dei navigatori che vi accedono e che interagiscono con esso.

Premessa
I considerazione delle modifiche al D. Lgs. n. 196/2003 (Codice in materia di protezione dei dati personali, di seguito "Codice Privacy"), introdotte recentemente con il D.L. 201/2011 convertito nella L. 214/2011, la presente informativa si rivolge alle persone fisiche che, per conto proprio o di associazioni interessate, decidano di accedere al Sito ed interagire con esso ed è resa ai sensi dell´art. 13 del Codice Privacy.
L´informativa si ispira anche alla Raccomandazione n. 2/2001 che le autorità europee per la protezione dei dati personali, riunite nel Gruppo istituito dall´art. 29 della direttiva n. 95/46/CE, hanno adottato il 17 maggio 2001, per individuare alcuni requisiti minimi per la raccolta di dati personali on-line, e, in particolare, le modalità, i tempi e la natura delle informazioni che i titolari del trattamento devono fornire agli utenti quando questi si collegano a pagine web, indipendentemente dalle ragioni e finalità del collegamento.
In linea generale, è opportuno precisare che attraverso il Sito vengono effettuate le seguenti tipologie di raccolta dati:
- raccolta necessaria ed automatica dei dati del navigatore inerenti all´interazione con il Sito;
- trattamento correlato alla raccolta di dati, immessi volontariamente dal navigatore, attraverso l´invio di e-mail agli indirizzi indicati per contattare il Titolare (ad esempio, sezioni "Contatti" e "Iscriversi al circolo").

La presente informativa si riferisce unicamente alle operazioni di trattamento effettuate su dati raccolti con le modalità sopra indicate e non si riferisce, quindi, ai trattamenti effettuati tramiti altri siti, a cui l´utente vorrà accedere mediante link dal Sito. Per tali trattamenti dovrà essere fornita, da parte dei rispettivi Titolari, autonoma informativa.
Si precisa, in particolare, che i trattamenti sui dati conferiti accedendo a siti di terzi, raggiungibili mediante i link pubblicati sul Sito, sono effettuati da soggetti diversi dal Giornale.
Premesso che il Giornale non effettuerà alcuna comunicazione dei dati degli utenti a tali soggetti e che ogni iniziativa per entrare in contatto e chiedere informazioni, è rimessa all´esclusiva attività dell´Interessato o del rispettivo Titolare, il giornale non sarà in alcun modo responsabile dei trattamenti che verranno effettuati da parte di tali soggetti, a fronte dell´iniziativa dell´utente medesimo.

1. Finalità del trattamento
1.1 Le operazioni di trattamento di seguito illustrate sono unicamente rivolte alla corretta proposizione ed erogazione dei servizi offerti tramite il presente Sito dal Giornale medesimo per il perseguimento dello scopo associativo. L´Attività on line del Giornale consiste prevalentemente nella pubblicazione di contenuti, caratterizzati da un alto livello qualitativo, sui temi di interesse del Giornale e dei dati personali dei rispettivi autori, aventi con il Giornale rapporti regolari, nonché nello scambio, anche mediante messaggi di posta elettronica, di opinioni e informazioni di varia natura, relative in particolare alla vita e alle attivitàdel Giornale medesimo o ad eventi di rilevanza nel dibattito culturale che il Giornale intende promuovere.
1.2. A tal fine, il Titolare ha predisposto sezioni ad hoc del Sito.
In particolare, nella sezione "Contatti" è presente l´indirizzo e-mail interattivo cui l´Utente può trasmettere i propri dati personali e/o dell´Associazione di appartenenza, al Giornale. Più precisamente, in tale ipotesi il trattamento è finalizzato al mero scambio di informazioni e di contatti, comunque di natura non professionale, inerenti all´attività del Giornale .
In ogni caso, i dati raccolti tramite il presente Sito saranno trattati secondo principi di correttezza, liceità e trasparenza, per la tutela della riservatezza e dei diritti degli interessati, ed unicamente per il perseguimento dello scopo associativo. Negli stessi limiti saranno trattati anche i dati personali che dovessero essere inviati spontaneamente al Giornale dai visitatori del sito anche con modalità off-line (fax, posta, telefono od altro).

2. Tipi di dati trattati
2.1 - Dati di navigazione I sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento di questo Sito registrano, nel corso del loro normale esercizio, alcuni dati personali la cui acquisizione avviene in modo automatico e inevitabile, qualora si utilizzino i protocolli di comunicazione di Internet. Sono dati che, pur non essendo reperiti con lo scopo specifico di identificare i rispettivi Interessati, ben potrebbero, a causa delle loro stesse caratteristiche, essere associati a banche dati di terzi e così consentire l´individuazione degli utenti. Appartengono a questa categoria di dati, ad esempio, gli indirizzi IP o i nomi a dominio degli elaboratori utilizzati dagli utenti che si connettono al Sito, gli indirizzi in notazione URI (Uniform Resource Identifier) delle risorse richieste, l´orario della richiesta, il metodo utilizzato nel sottoporre la richiesta al server, la dimensione del file ottenuto in risposta, il codice numerico indicante lo stato della risposta data dal server (buon fine, errore, ecc.) ed altri parametri relativi al sistema operativo e all´ambiente informatico dell´utente. Questi dati vengono utilizzati al solo fine di ricavare informazioni statistiche anonime sull´uso del Sito e per controllarne il corretto funzionamento, e vengono cancellati immediatamente dopo l´elaborazione.
Si precisa che i dati di navigazione potrebbero essere usati per l´accertamento di responsabilità in caso di eventuali reati informatici ai danni del Sito, conformemente alle procedure vigenti presso le Autorità competenti.
2.2 Meccanismi automatici di raccolta
In conformità a quanto previsto nel Provvedimento del Garante n. 229 dell´8.5.2014, si informa che in questo Sito non si utilizzano "cookies persistenti", trojans, spywares, web bugs, ovvero sistemi per il tracciamento degli utenti (cookies di profilazione), ma soltanto cookies cosiddetti "tecnici", di navigazione, di sessione o di funzionalità.
L´uso di c.d. "cookies di sessione" (che non vengono registrati in modo persistente sull´elaboratore dell´utente e svaniscono con la chiusura del browser) è unicamente finalizzato a rendere l´esplorazione del Sito sicura ed efficiente.
I c.d. cookies di sessione, utilizzati in questo sito, evitano il ricorso ad altre tecniche informatiche potenzialmente pregiudizievoli per la riservatezza della navigazione degli utenti e non consentono l´acquisizione di dati personali identificativi dell´utente I cookies "analitici" vengono utilizzati dalla società ShinyStat per effettuare trattamenti in forma aggregata ed anonima, per i quali si fornisce l´informativa generale ed il modulo per esercitare l´opt-out tramite i link qui sotto:
- ShinyStat http://www.shinystat.com/it/informativa_privacy_generale_free.html
- ShinyStat http://www.shinystat.com/it/opt-out_free.html
- Facebook http://www.facebook.com/policy.php
- Twitter http://twitter.com/privacy
- Google+, Google Maps e YouTube https://www.google.it/intl/it/policies/privacy/
- Vimeo https://vimeo.com/cookie_policy
2.3 Si precisa, per completezza, che i dati personali - una volta resi anonimi - potranno essere utilizzati per elaborare statistiche o per rilevare il grado di soddisfazione degli utenti. In ogni caso, la raccolta e il trattamento dei dati personali degli utenti non saranno finalizzati ad attività di marketing, di informazione commerciale e/o di indagini di mercato.

3. Tipologia di dati
3.1 Il trattamento dei dati effettuati tramite il presente Sito avrà prevalentemente ad oggetto dati comuni.
Tuttavia, in considerazione della natura del Giornale, il trattamento, inoltre, potrà riguardare anche i dati personali idonei a rivelare le convinzioni religiose e/o le opinioni politiche degli utenti e/o degli Associati, e/o dei soggetti che - in relazione allo scopo associativo - hanno contatti regolari con il Giornale. In ogni caso, tramite il presente Sito non saranno trattati dati inerenti alla salute. Pertanto, La invitiamo a non comunicarci dati personali attinenti al Suo stato di salute e alla Sua vita sessuale, ai sensi dell´art. 26 del Codice. In presenza di tali dati, il Giornale procederà alla tempestiva distruzione del relativo messaggio e/o comunicazione da Lei eventualmente fornita.
3.2 Il trattamento dei dati si svolgerà in conformità della vigente Autorizzazione Generale del Garante per la protezione dei dati personali n. 3/2011 e successive .
3.3 Il conferimento dei dati è in ogni caso facoltativo. Tuttavia, il mancato conferimento dei dati relativamente ad alcune sezioni del Sito e, più precisamente, in relazione alla Sezione "Contatti" comporterà l´impossibilità, per l´Associazione, di fornire il relativo servizio.

4. Modalità di trattamento
4.1 Il medesimo sarà effettuato prevalentemente con l´ausilio di mezzi informatici e telematici ma anche manualmente. I dati infatti potranno essere conservati sia in archivi cartacei sia in archivi elettronici, in modo da consentire, laddove necessario, l´individuazione e la selezione di dati aggregati, per il tempo non eccedente la durata e le necessità del trattamento.
4.2 Il trattamento sarà effettuato direttamente dall´organizzazione del Titolare, con l´ausilio dei propri incaricati e/o responsabili del trattamento. Potranno avere accesso ai dati per il perseguimento delle finalità di cui al punto 1, nell´ambito delle rispettive funzioni o mansioni e, in ogni caso, secondo le modalità e nei limiti di cui ai rispettivi atti di nomina a Responsabile o a Incaricato, oltre al Coordinatore/Coordinatrice, al Tesoriere e al Responsabile per la gestione delle istanze ex art. 7 Codice, eventuali società di servizi esterne nominate responsabili del trattamento ai sensi e per gli effetti dell´art. 29 del Codice.
4.3. Infine, si informa l´utente che l´eventuale trasmissione di dati tramite Internet non può raggiungere livelli di sicurezza assoluti. E´ onere dell´utente verificare la correttezza dei dati personali che lo riguardano ed eventualmente procedere alla rettifica, aggiornamento o, comunque, modifica dei dati nel corso del trattamento. Il Titolare non può considerarsi tenuto ad altra prestazione oltre alla puntuale e corretta applicazione degli standard di sicurezza imposti dalla normativa in vigore, con particolare riferimento all´adozione delle misure di sicurezza in conformità di quanto previsto dagli artt. 33-36 del Codice e dal Disciplinare Tecnico di cui all´Allegato B.

5. Conservazione dei dati - durata e aggiornamento
5.1 A seguito di controlli periodici,il Giornale verificherà la stretta pertinenza e la non eccedenza dei dati raccolti rispetto agli obblighi ed alle finalità del trattamento posto in essere, per quanto riguarda i dati che rivelano le opinioni e le intime convinzioni.
5.2 Ad eccezione dei dati di navigazione che non vengono conservati oltre una settimana dalla raccolta, gli altri dati verranno conservati in coerenza con lo scopo per il quale sono stati conferiti e comunque nel rispetto della normativa vigente.
5.3 Nel rispetto di quanto previsto dall´art. 11, co. 1, lett. c) Codice, i dati personali saranno aggiornati in seguito alla segnalazione dell´Interessato, in congruità con quanto previsto dall´art. 7, co. 3, lett. a) Codice.

6. Comunicazione e diffusione
6.1 il Giornale non procederà alla comunicazione diretta a terzi dei dati personali raccolti tramite il sito.
6.2 I dati relativi alla navigazione non verranno, in nessun caso, diffusi o comunicati. E´ fatta salva la eventuale comunicazione alle Autorità competenti in relazione alle attività necessarie all´accertamento e alla repressione dei reati.
6.3 I dati personali forniti dagli utenti, che inoltrano richieste di informazioni ai diversi indirizzi di posta elettronica presenti sul Sito, non sono comunicati a terzi.
6.4 Nell´ambito delle finalità indicate nella presente informativa, qualora sia necessario comunicare i dati a soggetti diversi dal Titolare, quest´ultimo provvederà alla designazione degli stessi quali Responsabili del trattamento.

7. Diritti dell´Interessato
7.1 Al Titolare del trattamento potranno essere inoltrate le richieste di cui all´art. 7 del Codice "Diritti dell´interessato", ossia, in particolare il diritto di:
- ottenere dal Titolare la conferma dell´esistenza di dati personali che lo riguardano e la comunicazione dei medesimi in forma intelligibile;
- conoscere l´origine dei dati, la logica e le finalità su cui si basa il loro trattamento;
- conoscere gli estremi identificativi dei Responsabili del trattamento e delle categorie di soggetti ai quali i dati possono essere comunicati o che possono venirne a conoscenza in qualità di Responsabili o Incaricati;
- ottenere la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati trattati in violazione della legge, come l´aggiornamento, la rettificazione o, qualora l´interessato vi abbia interesse, l´integrazione dei dati medesimi;
- opporsi in tutto o in parte, per motivi legittimi, al trattamento dei dati personali che lo riguardano ancorché pertinenti allo scopo della raccolta;
- opporsi in tutto o in parte al trattamento previsto ai fini di informazione commerciale o di invio di materiale pubblicitario.
Qualora, a seguito della richiesta di cui all´art. 7 del Codice non risulti confermata l´esistenza di dati che riguardano l´Interessato, potrà essere richiesto a quest´ultimo un contributo spese, comunque non superiore a Euro 10,00.

Le richieste dovranno essere rivolte ai Direttori del Giornale, Responsabili per le richieste ex art. 7, al seguente indirizzo e-mail:
info@rivoluzionedemocratica.it

Si prega di indicare nell´oggetto della comunicazione: "Richiesta ex art. 7 D. Lgs. 30 giugno 2003, n. 196 - Codice in materia di protezione dei dati personali".

8. Titolare ed elenco dei Responsabili del trattamento
Titolare del trattamento dei dati è il giornale on line "LA RIVOLUZIONE DEMOCRATICA" con sede a FIRENZE, mail: info@rivoluzionedemocratica.it
L´elenco aggiornato contenente i nominativi e i recapiti dei Responsabili è disponibile presso la sede del Titolare.
torna indietro leggi Informativa  obbligatorio

cookie