25 Febbraio 2024

"IL PNRR: PROBLEMA O OPPORTUNITA'?"

Da due anni e mezzo, da quando partì la processione di Villa Doria Pamphili officiata da Giuseppe Conte e che ebbe il nome pomposo di ‘stati generali’, abbiamo avanzato qualche dubbio sulle scelte che si stavano compiendo sui progetti del PNRR.

Come si ricorderà, una delle ragioni della crisi di governo che portò alla formazione del governo Draghi fu proprio l’evidente incapacità del governo Conte 2 – 5S/PD – di provvedere alla formulazione organica del PNRR.

Da Draghi tutti si attendevano una svolta epocale; si attendevano scelte da politica ardita, da ‘whatever it takes’, ma siamo rimasti delusi; per fare ciò, soprattutto in materia di riforme, egli avrebbe dovuto concordarne le linee generali prima di accettare l’incarico e non avrebbe dovuto accettarlo se non si fosse raggiunto un accordo utile sulle riforme e sul PNRR: purtroppo l’invenzione del suo governo era solo uno stratagemma ordito per evitare le elezioni nel gennaio 2021.

Era talmente evidente che il Piano presentato in extremis al Parlamento – che per discuterlo ebbe a disposizione solo pochissimi giorni – non avesse dietro una strategia per far fronte ai problemi strutturali del paese, che un anno dopo l’insediamento del suo governo, il Presidente Draghi, nel suo discorso quasi di addio, ha dovuto fare un appello perché si leggesse il Piano non solo come un insieme di progetti, numeri, tabelle, scadenze ma soprattutto «anche in un altro modo. Metteteci dentro le vite degli italiani, le nostre ma soprattutto quelle dei giovani, delle donne, dei cittadini che verranno … L’ansia dei territori svantaggiati di affrancarsi da disagi e povertà … soprattutto il destino del Paese … Dico questo perché sia chiaro che, nel realizzare i progetti, ritardi, inefficienze, miopi visioni di parte anteposte al bene comune peseranno sulle nostre vite ... E forse non vi sarà più il tempo per porvi rimedio».

Un appello sacrosanto se non fosse che questo piano era in realtà poco più di un elenco di progetti e tabelle – peraltro a quel tempo ancora tutto da definire – messi insieme per arrivare alla cifra ‘grossa’ mentre che il disegno complessivo che avrebbe dovuto sostenere il Piano draghiano era del tutto sfocato (per non dire ‘invisibile’).

Il PNRR prevede 358 misure finanziate da 191,5 miliardi di euro del Next generation Ue, cui si aggiungono 30,6 miliardi del fondo complementare, risorse prelevate dalle casse dello Stato. Sulla carta si potrebbe arrivare a 261 miliardi. Ogni 6 mesi la Commissione europea verifica il conseguimento delle scadenze e in caso di approvazione procede all’invio dei fondi. Un programma di portata colossale.

Sulla carta i capitoli di spesa e le finalità sembrano chiari (divario infratrutturale Nord-Sud; risanamento urbano e ambientale; consolidamento aree a rischio frane e inondazioni; modernizzazione e digitalizzazione delle imprese e dell’amministrazione pubblica, sistema giudiziario obsoleto e inquinato dalla politica; sistema degli appalti pubblici farraginoso e complicato da un codice che, sia pure evitando qualche truffa, in realtà rallenta soprattutto gl’investimenti infrastrutturali, nonché la riforma del fisco) ma la logica seguita è stata quella del finanziamento a pioggia di vecchi progetti, per lo più di interesse locale e senza alcun valore strategico (restyling di stadi di calcio, piste ciclabili e rivitalizzazione di borghi abbandonati e diroccati, sperando che qualcuno venga ad abitarci pur se senza il necessario per viverci: ma, per abitarli, non occorrerebbe prima ripristinare le condizioni per viverci?).

Ciò che è maggiormente evidente è invece la fretta con cui il Piano è stato messo insieme anche per la necessità di rincorrere le scadenze imposte dalle regole che governano il piano ‘Next generation EU’. Ora, mano a mano che si avvicinano le scadenze, vengono a galla i punti oscuri di un Piano nato male.

A questo proposito, a parte il dubbio, legittimo e naturale, che da qui al 2026 si possano eseguire le grandi opere pubbliche annunciate secondo un cronoprogramma immodificabile, noto sommessamente che queste regole perentorie sulle scadenze – quasi un equivalente dei click day in cui manca una qualsiasi valutazione di merito e vale solo la velocità del click – sono frutto di un modello tecnocratico-dirigista, formalmente o ideologicamente perfezionista, tipico dell’attuale maggioranza che guida le istituzioni europee. Un modello che si sta rivelando un’arma a doppio taglio: magari si spendono i soldi entro i termini fissati ma con ben magri risultati dal punto di vista dell’efficacia dell’investimento. Non sarebbe meglio finanziare progetti valutandoli caso per caso con i criteri della loro adesione alle finalità del finanziamento e della loro fattibilità calcolando però i tempi necessari alla realizzazione (appunto caso per caso, senza fretta)?

Naturalmente, la scoperta di un ritardo nella tabella di marcia prevista è stata una manna dal cielo per i confezionatori di questo PNRR che, come un toro, si sono lanciati contro il panno rosso che hanno davanti, il governo Meloni: la valanga di accuse non è cessata nemmeno di fronte all’evidenza che nessuno di questi progetti è attribuibile al governo oggi in carica, e che, essendosi questo governo insediato dopo l’approvazione del Piano e appena da pochi mesi, non può essere considerato responsabile né della qualità del Piano né dei ritardi.

Il 30 dicembre 2022, un monitoraggio della Fondazione indipendente Openpolis ha rivelato che 14 degli interventi considerati completati in realtà risultavano ancora alle prese con problemi burocratici e che, alla scadenze prevista, diversi interventi non erano stati proprio realizzati: cybersicurezza; potenziamento dei centri per l’impiego; progetti a sostegno dei disabili e nuovi posti letto per studenti (in realtà non era stato fatto alcun bando) – e l’ultima relazione della Corte dei Conti al Parlamento ha evidenziato come non si sia ancora posto mano alla riforma della Pubblica amministrazione e ha avvertito della necessità di ripensare l’impianto del PNRR, di risolvere le criticità in settori cruciali che rallentano l’ingolfata macchina burocratica, di rinviare scadenze e tempi di spesa, di concedere deroghe, cancellare o spostare le risorse da un progetto all’altro.

Ma, anche di fronte a ciò, il commissario Gentiloni ha appoggiato solo a mezza bocca la richiesta presentata in tal senso dal governo Meloni alla Commissione UE. Del resto, già all’epoca della campagna elettorale del settembre scorso, si lanciavano anatemi su chi proponeva di ‘rinegoziare’ il PNRR in seguito alla scoperta di questi difetti strutturali, dei costi enormemente aumentati, dei ritardi allora sospettati e ora accertati.

Tuttavia, se non una revisione radicale, dovrebbe essere possibile e necessario un aggiustamento in corso d’opera a meno che l’UE non voglia togliere con la mano sinistra ciò che ha dato con la mano destra: il rischio concreto (fino ad ora sventato) è quello di perdere tranche di finanziamento per molti miliardi di euro. Il primo ad ammetterlo è stato nei giorni scorsi Francesco Giavazzi, già consigliere economico del precedente governo: «Vedo difficile il pagamento della terza rata del PNRR se prima non saranno risolti i rilievi sollevati dalla Commissione europea». È molto più di un allarme.

Franco Bernabè – non sospettabile di simpatie meloniane – ha suggerito di non strumentalizzare politicamente un tale problema e ha detto: «Che non fossimo in grado di spendere questi soldi era noto fin dall’inizio. Lo stupore semmai era come mai l’Italia, a differenza dei Paesi che avevano chiesto solo i contributi a fondo perduto, si fosse imbarcata in un programma di investimenti colossali che non è in grado di reggere e attuare ... La prudenza avrebbe imposto di gestire una cosa ambiziosa ma ragionevole ... Il Paese ha enormi difficoltà a costruire un progetto di spesa efficiente e funzionale. Adesso c’è il problema della terza e quarta tranche? Eh sì, ma la strumentalizzazione politica non serve a nessuno e non fa bene all’Italia. Maggioranza e opposizione devono prendere atto che ci sono problemi strutturali da affrontare nel lungo periodo. Su questo deve concentrarsi il PNRR».

L’economista Fabrizio Barca – anch’egli non sospettabile di simpatie meloniane – pensa che i possibili ritardi sul PNRR non siano facilmente recuperabili: «Per il mio Paese e l’Europa mi augurerei di essere d’accordo con l’ottimismo di Meloni riguardo al PNRR. Va detto però che il sistema di monitoraggio è pessimo e che la conoscenza che hanno i cittadini di quello che sta succedendo è poca. Sul monitoraggio, l’impostazione improbabile del governo Conte e per l'altrettanto improbabile proseguimento di non monitoraggio fatto dal governo Draghi offrono al governo Meloni una mela interessante ma col baco. Ricordiamo che alla fine dello scorso anno avevamo speso la metà di quanto dovevamo e l’esecutivo entrante non ha effettuato né una relazione sull’attuazione né una due diligence, quindi ne sappiamo poco ... Dopo Conte neanche Draghi ha fatto abbastanza, ci sono infrastrutture, non solo ferroviarie, da realizzare, abbiamo intere aree sismiche a rischio e il problema della ricostruzione. Gli ultimi tre governi hanno ignorato il dialogo sociale, e quest’ultimo nel rivedere il codice degli appalti vede il dibattito pubblico come qualcosa di noioso. Serve qualità, cioè funzionari pubblici. Il problema non è nel sistema ma è politico».

Ma ciò che è più importante dell’intemerata di Barca è la presa d’atto che in questi progetti «manca una mission strategica»: ‘mission’ che noi, in altra occasione, abbiamo chiamato ‘anima’ del PNRR.

Infatti, oltre la green transition, il Paese avrebbe bisogno non soltanto di risanare le rovine lasciate dalla pandemia bensì anche di recuperare il ritardo di una sua parte importante, del Meridione d’Italia lasciato indietro dal modello di sviluppo fin qui prevalente.

Mara Carfagna, ministro per il Sud nel governo Draghi, aveva annunciato che «Dietro i “titoli” delle missioni [del PNRR] ci sono riforme che aspettiamo da un ventennio, grandi opere pubbliche, investimenti nella modernizzazione del Paese, connessioni più veloci, alta velocità, più presidi sanitari, più infrastrutture sociali, enormi agevolazioni per chi vuole investire al Sud e nelle aree interne». Ma già la distribuzione teorica dei fondi (che prevederebbe la destinazione del 40% al Sud) sembra del tutto insufficiente a realizzare il riequilibrio territoriale in materia di infrastrutture fisiche (ferrovie, strade, porti, etc.), pensiamo anzi che il divario continuerà ad allargarsi dal momento che, per le infrastrutture, al Nord verrà destinato l’altro 50% degli investimenti. La stessa proporzione e lo stesso risultato valgono per tutte le altre aree d’intervento (digitalizzazione, ‘green transition’, sanità, etc.,).

In realtà, non solo è insufficiente la somma teoricamente stanziata per il Sud (e non solo per effetto dell’inflazione che oggi richiederebbe una revisione dei costi), ma soprattutto sono del tutto utopistici i tempi previsti dal momento che, in molti casi, siamo molto lontani dalla cantierizzazione di molti dei progetti previsti. C’è da temere che molte delle opere non ancora avviate, come l’alta velocità fino a Reggio Calabria, possano cadere sotto la ghigliottina delle ‘scadenze’.

La modernizzazione delle strutture economiche e sociali – dalla ‘rivoluzione green’ a quella digitale – nonché la riduzione di disuguaglianze vecchie e nuove, sono certamente obiettivi da perseguire in tutto il Paese ma, altrettanto certamente, la ripartizione delle risorse per tali obiettivi dovrebbe conto delle posizioni di partenza delle sezioni oggi fortemente deficitarie. Bisognerebbe rovesciare le politiche – finora volte prima ad accrescere le potenzialità produttive del Nord e, dopo, a trasferire una quota del nuovo reddito al Sud – che hanno ostacolato lo sviluppo del Sud per farne il vero volano della ‘modernizzazione’ e la rinascita di tutto il Paese: l’armonizzazione ‘nazionale’ non è un interesse ‘costituito stupido’ come quelli di cui Draghi diceva di non doversi tenere conto. Senza una tale svolta, la ‘questione meridionale’ è destinata all’eternità e il divario Nord-Sud è destinato ad accentuarsi.





Fonte: di Giuseppe Butta'
Link
[]
L'AVVENIRE DEI LAVORATORI
Periodico socialista fondato 1897.
[]
IL PONTE RIVISTA
Rivista di politica economica e cultura
fondata da Calamandrei
[]
BIBLION EDITORE
Biblion Edizioni, storica casa editrice.
[]
CRITICA LIBERALE - NON MOLLARE
"NON MOLLARE"
Quindicinale on line di Critica Liberale,
la voce del liberalismo progressista in Italia.





Nuova Serie
"La Rivoluzione Democratica"
1, MARZO 2017
Associazione Alleanza Giellista
[]

Realizzazione siti web www.sitoper.it
invia a un amico
icona per chiudere
Attenzione!
Non puoi effettuare più di 10 invii al giorno.
Privacy Policy per www.rivoluzionedemocratica.it
Il sito web www.rivoluzionedemocratica.it raccoglie alcuni dati personali degli utenti che navigano sul sito web.

In accordo con l'impegno e l'attenzione che poniamo ai dati personali e in accordo agli artt. 13 e 14 del EU GDPR, www.rivoluzionedemocratica.it fornisce informazioni su modalità, finalità, ambito di comunicazione e diffusione dei dati personali e diritti degli utenti.

Titolare del trattamento dei dati personali
La Rivoluzione Democratica
Via Circondaria, 56
55045 - Firenze Italia


Email: info @rivoluzionedemocratica.it
Telefono: 3934324237

Tipi di dati acquisiti
www.rivoluzionedemocratica.it raccoglie dati degli utenti direttamente o tramite terze parti. Le tipologie di dati raccolti sono: dati tecnici di navigazione, dati di utilizzo, email, nome, cognome, numero di telefono, provincia, nazione, cap, città, indirizzo, ragione sociale, stato, cookie e altre varie tipologie di dati. Maggiori dettagli sui dati raccolti vengono forniti nelle sezioni successive di questa stessa informativa.
I dati personali sono forniti deliberatamente dall'utente tramite la compilazione di form, oppure, nel caso di dati di utilizzo, come ad esempio i dati relativi alle statistiche di navigazione, sono raccolti automaticamente navigando sulle pagine di www.rivoluzionedemocratica.it.

I dati richiesti dai form sono divisi tra obbligatori e facoltativi; su ciascun form saranno indicate distintamente le due tipologie. Nel caso in cui l'utente preferisca non comunicare dati obbligatori, www.rivoluzionedemocratica.it si riserva il diritto di non fornire il servizio. Nel caso in cui l'utente preferisca non comunicare dati facoltativi, il servizio sarà fornito ugualmente da www.rivoluzionedemocratica.it .

www.rivoluzionedemocratica.it utilizza strumenti di statistica per il tracciamento della navigazione degli utenti, l'analisi avviene tramite log. Non utilizza direttamente cookie ma può utilizzare cookie includendo servizi di terzi.

Ciascun utilizzo di cookie viene dettagliato nella Cookie Policy (https://www.rivoluzionedemocratica.it/Informativa-sui-cookies.htm) e successivamente in questa stessa informativa.
L'utente che comunichi, pubblichi, diffonda, condivida o ottenga dati personali di terzi tramite www.rivoluzionedemocratica.it si assume la completa responsabilità degli stessi. L'utente libera il titolare del sito web da qualsiasi responsabilità diretta e verso terzi, garantendo di avere il diritto alla comunicazione, pubblicazione, diffusione degli stessi. www.rivoluzionedemocratica.it non fornisce servizi a minori di 18 anni. In caso di richieste effettuate per minori deve essere il genitore, o chi detiene la patria potestà, a compilare le richieste dati.

Modalità, luoghi e tempi del trattamento dei dati acquisiti
Modalità di trattamento dei dati acquisiti
Il titolare ha progettato un sistema informatico opportuno a garantire misure di sicurezza ritenute adatte ad impedire l'accesso, la divulgazione, la modifica o la cancellazione non autorizzata di dati personali. Lo stesso sistema effettua copie giornaliere, ritenute sufficientemente adeguate in base alla importanza dei dati contenuti.

L'utente ha diritto a ottenere informazioni in merito alle misure di sicurezza adottate dal titolare per proteggere i dati.

Accessi ai dati oltre al titolare
Hanno accesso ai dati personali raccolti da www.rivoluzionedemocratica.it il personale interno (quale ad esempio amministrativo, commerciale, marketing, legale, amministratori di sistema) e/o soggetti esterni (quali ad esempio fornitori di servizi informatici terzi, webfarm, agenzie di comunicazione, fornitori di servizi complementari). Se necessario tali strutture sono nominate dal titolare responsabili del trattamento.

L'utente può richiedere in qualsiasi momento al titolare del trattamento, l'elenco aggiornato dei responsabili del trattamento.

Comunicazione di eventuali accessi indesiderati al Garante della Privacy
Il suddetto sistema informatico è monitorato e controllato giornalmente da tecnici e sistemisti. Ciò non toglie che, anche se ritenuta possibilità remota, ci possa essere un accesso indesiderato. Nel caso in cui questo si verifichi il titolare si impegna, come da GDPR ad effettuarne comunicazione al Garante della Privacy entro i termini previsti dalla legge.

Luoghi di mantenimento dei dati acquisiti
I dati personali sono mantenuti e trattati nelle sedi operative e amministrative del titolare, nonché nelle webfarm dove risiedono i server che ospitano il sito web www.rivoluzionedemocratica.it, o sui server che ne effettuano le copie di sicurezza. I dati personali dell'utente possono risiedere in Italia, Germania e Olanda, comunque in nazioni della Comunità Europea. I dati personali dell'utente non vengono mai portati o copiati fuori dal territorio europeo.

Tempi di mantenimento dei dati acquisiti
Nel caso di dati acquisiti per fornire un servizio all'utente, (sia per un servizio acquistato che in prova) i dati vengono conservati per 24 mesi successivi al completamento del servizio. Oppure fino a quando non ne venga revocato il consenso.

Nel caso in cui il titolare fosse obbligato a conservare i dati personali in ottemperanza di un obbligo di legge o per ordine di autorità, il titolare può conservare i dati per un tempo maggiore, necessario agli obblighi.

Al termine del periodo di conservazione i dati personali saranno cancellati. Dopo il termine, non sarà più possibile accedere ai propri dati, richiederne la cancellazione e la portabilità.

Base giuridica del trattamento dei dati acquisiti
Il titolare acquisisce dati personali degli utenti nei casi sotto descritti.
Il trattamento si rende necessario:
- se l'utente ha deliberatamente accettato il trattamento per una o più finalità;
- per fornire un preventivo all'utente;
- per fornire un contratto all'utente;
- per fornire un servizio all'utente;
- perché il titolare possa adempiere ad un obbligo di legge;
- perché il titolare possa adempiere ad un compito di interesse pubblico;
- perché il titolare possa adempiere ad un esercizio di pubblici poteri;
- perché il titolare o terzi possano perseguire i propri legittimi interessi.

L'utente può richiedere in qualsiasi momento al titolare del trattamento, chiarimenti sulla base giuridica di ciascun trattamento.

Finalità del trattamento dei dati acquisiti
I dati dell'utente sono raccolti dal titolare per le seguenti finalità:

- richiesta informazione da parte dell'utente
- richiesta informazione per servizi
- invio di aggiornamenti
- invio informazioni generiche
- richiesta di contatto da parte dei clienti, per ricevere informazioni

Eventualmente i dati possono essere trattati anche per:
contattare l'utente, statistiche, analisi dei comportamenti degli utenti e registrazione sessioni, visualizzazione contenuti e interazione di applicazioni esterne, protezione dallo spam, gestione dei pagamenti, interazione con social network, pubblicità.

L'utente può richiedere in qualsiasi momento al titolare del trattamento, chiarimenti sulle finalità di ciascun trattamento.

Dettagli specifici sull'acquisizione e uso dei dati personali
Per contattare l'utente
Moduli di contatto
L'utente può compilare il/i moduli di contatto/richiesta informazioni, inserendo i propri dati e acconsentendo al loro uso per rispondere alle richieste di natura indicata nella intestazione del modulo.
Dati personali che potrebbero essere raccolti: CAP, città, cognome, email, indirizzo, nazione, nome, numero di telefono, provincia, ragione sociale.

Per interazione con applicazioni esterne (anche social network)
www.rivoluzionedemocratica.it include nelle sue pagine plugin e/o pulsanti per interagire con i social network e/o applicazioni esterne.
Per quanto riguarda i social network, anche se l'utente non utilizza il servizio presente sulla pagina web, è possibile che il servizio acquisisca dati di traffico.

I dati acquisiti e l'utilizzo degli stessi da parte di servizi terzi sono regolamentati dalle rispettive Privacy Policy alle quali si prega di fare riferimento.

Facebook: Pulsante "Mi piace" e widget sociali
Fornitore del servizio: Meta Platforms Ireland Limited.
Finalità del servizio: interazione con il social network Facebook
Dati personali raccolti: cookie, dati di utilizzo
Luogo del trattamento: Stati Uniti e in altri Paesi
Privacy Policy (https://www.facebook.com/privacy/policy)

Twitter: Pulsante "Tweet" e widget sociali
Fornitore del servizio: Twitter, Inc.
Finalità del servizio: interazione con il social network Twitter
Dati personali raccolti: cookie, dati di utilizzo
Luogo del trattamento: Stati Uniti
Privacy Policy (https://twitter.com/privacy)
Cookie utilizzati (https://help.twitter.com/it/rules-and-policies/twitter-cookies)
Aderente al Privacy Shield

Whatsapp: Pulsante Whatsapp e widget sociali di Whatsapp
Fornitore del servizio: se l'utente risiede nella Regione Europea, WhatsApp Ireland Limited, se l'utente risiede al di fuori della Regione Europea, i Servizi vengono forniti da WhatsApp LLC.
Finalità del servizio: servizi di interazione con Whatsapp.
Dati personali raccolti: cookie, dati di utilizzo
Luogo del trattamento: Irlanda, le informazioni potrebbero essere trasferite o trasmesse o archiviate e trattate negli Stati Uniti o in altri Paesi terzi al di fuori di quello in cui l'utente risiede.
Privacy Policy (https://www.whatsapp.com/legal/privacy-policy-eea)
Aderente al Privacy Shield

Per statistiche
Questi servizi sono utilizzati dal titolare del trattamento per analizzare il traffico effettuato dagli utenti sul sito web www.rivoluzionedemocratica.it.

I dati acquisiti e l'utilizzo degli stessi da parte di servizi terzi sono regolamentati dalle rispettive Privacy Policy alle quali si prega di fare riferimento.

Per visualizzare contenuti da siti web esterni
Questi servizi sono utilizzati per visualizzare sulle pagine del sito web contenuti esterni al sito web, con possibilità di interazione.
Anche se l'utente non utilizza il servizio presente sulla pagina web, è possibile che il servizio acquisisca dati di traffico.

I dati acquisiti e l'utilizzo degli stessi da parte di servizi terzi sono regolamentati dalle rispettive Privacy Policy alle quali si prega di fare riferimento.

Diritti dell'interessato
L'utente possiede tutti i diritti previsti dall'art. 12 del EU GDPR, il diritto di controllare, modificare e integrare (rettificare), cancellare i propri dati personali accedendo alla propria area riservata. Una volta cancellati tutti i dati, viene chiuso l'account di accesso all'area riservata.

Nello specifico ha il diritto di:
- sapere se il titolare detiene dati personali relativi all'utente (art. 15 Diritto all'accesso);
- modificare o integrare (rettificare) i dati personali inesatti o incompleti (Art. 16 Diritto di rettifica);
- richiedere la cancellazione di uno o parte dei dati personali mantenuti se sussiste uno dei motivi previsti dal GDPR (Diritto alla Cancellazione, 17);
- limitare il trattamento solo a parte dei dati personali, o revocarne completamente il consenso al trattamento, se sussiste uno dei motivi previsti dal Regolamento (Art. 18 Diritto alla limitazione del trattamento);
- ricevere copia di tutti i dati personali in possesso del titolare, in formato di uso comune organizzato, e leggibili anche da dispositivo automatico (Art. 20, Diritto alla Portabilità);
- opporsi in tutto o in parte al trattamento dei dati per finalità di marketing, ad esempio opporsi e ricevere offerte pubblicitarie (art. 21 Diritto di opposizione). Si fa presente agli utenti che possono opporsi al trattamento dei dati utilizzati per scopo pubblicitario, senza fornire alcuna motivazione;
- opporsi al trattamento dei dati in modalità automatica o meno per finalità di profilazione (c.d. Consenso).

Come un utente può esercitare i propri diritti
L'utente può esercitare i propri diritti sopra esposti comunicandone richiesta al titolare del trattamento La Rivoluzione Democratica ai seguenti recapiti: info@rivoluzionedemocratica.it; tel. 3312300680.

La richiesta di esercitare un proprio diritto non ha nessun costo. Il titolare si impegna ad evadere le richieste nel minor tempo possibile, e comunque entro un mese.

L'utente ha il diritto di proporre reclamo all'Autorità Garante per la Protezione dei dati Personali. Recapiti: garante@gpdp.it, http://www.gpdp.it (http://www.gpdp.it).

Cookie Policy
Informazioni aggiuntive sul trattamento dei dati
Difesa in giudizio
Nel caso di ricorso al tribunale per abuso da parte dell'utente nell'utilizzo di www.rivoluzionedemocratica.it o dei servizi a esso collegati, il titolare ha la facoltà di rivelare i dati personali dell'utente. È inoltre obbligato a fornire i suddetti dati su richiesta delle autorità pubbliche.

Richiesta di informative specifiche
L'utente ha diritto di richiedere a www.rivoluzionedemocratica.it informative specifiche sui servizi presenti sul sito web e/o la raccolta e l'utilizzo dei dati personali.

Raccolta dati per log di sistema e manutenzione
www.rivoluzionedemocratica.it e/o i servizi di terze parti (se presenti) possono raccogliere i dati personali dell'utente, come ad esempio l'indirizzo IP, sotto forma di log di sistema. La raccolta di questi dati è legata al funzionamento e alla manutenzione del sito web.

Informazioni non contenute in questa policy
L'utente ha diritto di richiedere in ogni momento al titolare del trattamento dei dati le informazioni aggiuntive non presenti in questa Policy riguardanti il trattamento dei dati personali. Il titolare potrà essere contattato tramite gli estremi di contatto.

Supporto per le richieste "Do Not Track"
Le richieste  "Do Not Track" non sono supportate da www.rivoluzionedemocratica.it.
L'utente è invitato a consultare le Privacy Policy dei servizi terzi sopra elencati per scoprire quali supportano questo tipo di richieste.

Modifiche a questa Privacy Policy
Il titolare ha il diritto di modificare questo documento avvisando gli utenti su questa stessa pagina oppure, se previsto, tramite i contatti di cui è in possesso. L'utente è quindi invitato a consultare periodicamente questa pagina. Per conferma sull'effettiva modifica consultare la data di ultima modifica indicata in fondo alla pagina.
Il titolare si occuperà di raccogliere nuovamente il consenso degli utenti nel caso in cui le modifiche a questo documento riguardino trattamenti di dati per i quali è necessario il consenso.

Definizioni e riferimenti legali
Dati personali (o dati, o dati dell'utente)
Sono dati personali le informazioni che identificano o rendono identificabile, direttamente o indirettamente, una persona fisica e che possono fornire informazioni sulle sue caratteristiche, le sue abitudini, il suo stile di vita, le sue relazioni personali, il suo stato di salute, la sua situazione economica, ecc.

Fonte: sito web del Garante della Privacy (http://www.garanteprivacy.it).

Dati di utilizzo
Sono dati di utilizzo le informazioni che vengono raccolte in automatico durante la navigazione di www.rivoluzionedemocratica.it, sia da sito web stesso che dalle applicazioni di terzi incluse nel sito. Sono esempi di dati di utilizzo l'indirizzo IP e i dettagli del dispositivo e del browser (compresi la localizzazione geografica) che l'utente utilizza per navigare sul sito, le pagine visualizzate e la durata della permanenza dell'utente sulle singole pagine.

Utente
Il soggetto che fa uso del sito web www.rivoluzionedemocratica.it.
Coincide con l'interessato, salvo dove diversamente specificato.

Interessato
Interessato è la persona fisica al quale si riferiscono i dati personali. Quindi, se un trattamento riguarda, ad esempio, l'indirizzo, il codice fiscale, ecc. di Mario Rossi, questa persona è l'interessato (articolo 4, paragrafo 1, punto 1), del Regolamento UE 2016/679 (http://www.garanteprivacy.it/regolamentoue).

Fonte: sito web del Garante della Privacy (http://www.garanteprivacy.it).

Responsabile del trattamento (o responsabile)
Responsabile è la persona fisica o giuridica al quale il titolare affida, anche all'esterno della sua struttura organizzativa, specifici e definiti compiti di gestione e controllo per suo conto del trattamento dei dati (articolo 4, paragrafo 1, punto 8), del Regolamento UE 2016/679 (http://www.garanteprivacy.it/regolamentoue). Il Regolamento medesimo ha introdotto la possibilità che un responsabile possa, a sua volta e secondo determinate condizioni, designare un altro soggetto c.d. "sub-responsabile" (articolo 28, paragrafo 2).

Fonte: sito web del Garante della Privacy (http://www.garanteprivacy.it).

Titolare del trattamento (o titolare)
Titolare è la persona fisica, l'autorità pubblica, l'impresa, l'ente pubblico o privato, l'associazione, ecc., che adotta le decisioni sugli scopi e sulle modalità del trattamento (articolo 4, paragrafo 1, punto 7), del Regolamento UE 2016/679 (http://www.garanteprivacy.it/regolamentoue).

Fonte: sito web del Garante della Privacy (http://www.garanteprivacy.it).

www.rivoluzionedemocratica.it (o sito web)  
Il sito web mediante il quale sono raccolti e trattati i dati personali degli utenti.

Servizio
Il servizio offerto dal sito web www.rivoluzionedemocratica.it come indicato nei relativi termini.

Comunità Europea (o UE)
Ogni riferimento relativo alla Comunità Europea si estende a tutti gli attuali stati membri dell'Unione Europea e dello Spazio Economico Europeo, salvo dove diversamente specificato.

Cookie
Dati conservati all'interno del dispositivo dell'utente.

Riferimenti legali
La presente informativa è redatta sulla base di molteplici ordinamenti legislativi, inclusi gli artt. 13 e 14 del Regolamento (UE) 2016/679. Questa informativa riguarda esclusivamente www.rivoluzionedemocratica.it, dove non diversamente specificato.

Informativa privacy aggiornata il 07/10/2022 12:44
torna indietro leggi Privacy Policy per www.rivoluzionedemocratica.it
 obbligatorio
generic image refresh

cookie