02 Dicembre 2020

"ELEZIONI IN USA"

27-10-2020 - IL SOCIALISMO NEL MONDO
Sei un razzista, un bugiardo, un clown, una “vergogna nazionale” e un irresponsabile ha detto lo sfidante democratico nella corsa alla Casa Bianca Joe Biden a Donald Trump durante il più astioso, caotico dibattito TV della storia USA tenutosi a Cleveland il 29 settembre. Una reazione alle interruzioni continue a suon di insulti di Trump quando Biden cercava di parlare. Si sta rivelando, questa, non solo la campagna elettorale più rancorosa della storia, ma anche la più ricca di colpi di scena. Il primo ottobre, due giorni dopo il dibattito TV, l'annuncio: il presidente degli Stati Uniti Donald Trump è affetto da Covid 19. La sera del 2 ottobre viene ricoverato al Walter Reed military hospital. Il figlio Eric esorta gli americani a pregare per quel “vero guerriero” che è suo padre. E gli analisti politici di tutto il mondo si domandano che succederà se il comandante in capo della più grande democrazia del mondo è fuori combattimento durante la campagna elettorale. I più, Naomi Klein compresa, non hanno dubbi: Trump utilizzerà la malattia come una scusa per mettere in atto ciò che sta tentando di fare da mesi: delegittimare le elezioni che è terrorizzato di perdere. Il suo atteggiamento nei confronti del coronavirus è noto: ne ha sempre minimizzato gli effetti devastanti, deridendo Biden perché, in contrasto con lui nei suoi superaffollati comizi, indossa “la più grossa maschera che abbia mai visto” e osserva rigorosamente la distanza di sicurezza. Il 6ottobre, nuovo colpo di scena: Donald Trump viene dimesso dall'ospedale e rientra trionfante alla Casa Bianca. Io sono invincibile, dice. L'8 ottobre Trump è di nuovo in pista ad arringare il pubblico che accorre ai suoi comizi, comportandosi come se l'America avesse ormai vinto la pandemia. Il che non è, visto che pure lui è stato contagiato, come lo sono sua moglie Melania e il figlioletto Barron, i vertici militari e i suoi più stretti collaboratori alla Casa Bianca. Per non parlare del numero di decessi che solo negli USA ammontano a 220.000 e a 8 milioni i contagiati, che non possono certo permettersi di spendere 100.000 dollari per accedere alle cure che sono state prestate al loro Presidente: cocktail sperimentali di anticorpi e steroidi. Donald Trump è di nuovo in pista e per colmare il divario che, secondo i sondaggi, vede Biden in testa, non si risparmia: a bordo dell'Air Force One percorre in lungo e in largo gli States, tenendo due, tre comizi al giorno, consapevole del fatto che i raduni di massa sono la linfa vitale della sua campagna. Comizi, i suoi, dove critica il Food and Drug Administration per le norme troppo severe fissate per l'approvazione del vaccino. Lancia accuse ai democratici, che “stanno pianificando di chiudere le chiese” e “vogliono far fuori le vostre vacche”. Si paragona a Churchill. Definisce Kamala Harris, la candidata alla vicepresidenza di Biden, una “comunista” e un “mostro” e Joe Biden “un politico corrotto” tirando fuori una storia poco chiara che vede implicato il figlio di Biden. Attacca l'immunologo Anthony Fauci, direttore dell'Istituto americano di malattie infettive, perché non minimizza la gravità della pandemia. Nonostante tutti i suoi sforzi, il divario che lo separa da Biden sembra incolmabile. Oltre 47 milioni di americani hanno già votato, restringendo così la possibilità di recuperare il terreno perduto. E'a questo punto che scende in campo suo figlio, Donald Trump Jr: tramite Facebook rivolge un appello a “ogni uomo e donna validi” affinché si uniscano all' “armata per Trump” per fermare “la sinistra radicale” che sta complottando per “rubare a mio padre queste elezioni” con “milioni di voti truccati”. Gli fa eco suo padre, implorando l'elettorato femminile di votare per lui, consapevole del fatto che, al contrario di quanto accaduto nel 2016, la maggioranza delle donne questa volta si sono dichiarate per Biden. Alla fine di ogni comizio, come un mantra, ripete quella che è ormai la sua parola d'ordine: “Law and Order”, ribadendo che perderà solo se ci saranno brogli elettorali, possibili a suo avviso con il voto per posta. La crociata di Trump contro il voto per posta - da lui definito “una catastrofe”, “molto pericoloso per il Paese”- è iniziata quando il coronavirus ha indotto milioni di votanti a usufruirne. E' questa la strategia di un uomo che si aspetta di essere sconfitto e intende ostacolare il conteggio: non a caso ha fatto eliminare il 10% delle macchine per lo smistamento posta. L'intento è di invalidare il maggior numero di schede, perché è convinto che un alto numero di voti lo danneggi. Non c'è dubbio che a causa della valanga di schede elettorali pervenute e della lentezza con la quale verranno esaminate, ci vorranno settimane prima che il risultato sia chiaro. E durante questo limbo, è probabile scoppino disordini. In una situazione di recessione, di epidemia, con un presidente che ha ribadito più volte che qualunque sia l'esito non lascerà la Casa Bianca, ci sono le condizioni per una crisi costituzionale. Il caso peggiore non è però che Trump, dovesse perdere, non riconosca la sconfitta. Il caso peggiore è che usi il potere per impedire la sua sconfitta, e che, data la difficoltà del conteggio dei voti, approfitti dell'incertezza del risultato per mantenere il potere. Sfruttando le ambiguità della Costituzione, Trump e il suo team di avvocati stanno già preparando il terreno per aggirare i risultati del voto, contando sulla maggioranza dei giudici reazionari alla Corte Suprema, che in caso di contestazione, ha l'ultima parola. Su una cosa il XX Emendamento è chiaro: il mandato presidenziale scatta alle ore 12 del 20 gennaio successivo alle elezioni e da questo momento scade il mandato quadriennale del Presidente e del Vicepresidente. Ma proprio a causa dell'incertezza dei risultati, a presentarsi per il giuramento potrebbero essere i due candidati. Che succederà allora? Nel 2016, Trump rifiutò di riconoscere che aveva vinto la presidenza ma aveva perduto il voto popolare – Hillary Clinton ebbe 2.868.692 voti in più. Sa quindi perfettamente che più l'affluenza alle urne è alta, meno è probabile la sua rielezione. Per questo ha fatto di tutto per scoraggiare il voto di chi non gli è favorevole: i giovani, le classi meno abbienti e i neri, grazie all'aiuto dei suoi fan che cercano di impedire l'ingresso ai seggi elettorali con intimidazioni e chiusure anticipate. Quest'anno, i repubblicani hanno reclutato 50.000 volontari nei 15 Stati in bilico o governati da democratici dove sono prevedibili le contestazioni. Date le disastrose reazioni al suo comportamento incontrollato durante il dibattito TV di fine settembre, nel secondo e ultimo incontro della campagna elettorale con lo sfidante Joe Biden, tenutosi il 22 ottobre sul palco della University di Nasheville, Tennessee, ha stemperato i toni. Riuscirà prima della data fatidica del 3 novembre in cui si terranno le elezioni presidenziali a eliminare lo svantaggio che secondo i sondaggi danno Biden vincente? Attualmente, Trump ha il possesso della Casa Bianca. Fino a che punto supererà i limiti per mantenerla?





Fonte: di GIULIETTA ROVERA
Link
[]
L'AVVENIRE DEI LAVORATORI
Periodico socialista fondato 1897.
[]
IL PONTE RIVISTA
Rivista di politica economica e cultura
fondata da Calamandrei
[]
BIBLION EDITORE
Biblion Edizioni, storica casa editrice.
[]
CRITICA LIBERALE - NON MOLLARE
"NON MOLLARE"
Quindicinale on line di Critica Liberale, la voce del liberalismo progressista in Italia.



Nuova Serie
"La Rivoluzione Democratica"
1, MARZO 2017

Realizzazione siti web www.sitoper.it
invia ad un amico
chiudi
Attenzione!
Non puoi effettuare più di 10 invii al giorno.
Informativa
Informativa Privacy
La presente informativa descrive le modalità di gestione del Sito, da Lei ora visitato, di cui è Titolare, il giornale "LA RIVOLUZIONE DEMOCRATICA", registrazione al Tribunale di Firenze n°5863 del 17/02/2012 (di seguito, "Giornale" per brevità), che ha come finalità l´informazione critica, la difesa della laicità delle Istituzioni e la diffusione della cultura laica, con sede in Firenze, accessibile al seguente nome di dominio
http://www.rivoluzionedemocratica.it
in riferimento al trattamento dei dati personali dei navigatori che vi accedono e che interagiscono con esso.

Premessa
I considerazione delle modifiche al D. Lgs. n. 196/2003 (Codice in materia di protezione dei dati personali, di seguito "Codice Privacy"), introdotte recentemente con il D.L. 201/2011 convertito nella L. 214/2011, la presente informativa si rivolge alle persone fisiche che, per conto proprio o di associazioni interessate, decidano di accedere al Sito ed interagire con esso ed è resa ai sensi dell´art. 13 del Codice Privacy.
L´informativa si ispira anche alla Raccomandazione n. 2/2001 che le autorità europee per la protezione dei dati personali, riunite nel Gruppo istituito dall´art. 29 della direttiva n. 95/46/CE, hanno adottato il 17 maggio 2001, per individuare alcuni requisiti minimi per la raccolta di dati personali on-line, e, in particolare, le modalità, i tempi e la natura delle informazioni che i titolari del trattamento devono fornire agli utenti quando questi si collegano a pagine web, indipendentemente dalle ragioni e finalità del collegamento.
In linea generale, è opportuno precisare che attraverso il Sito vengono effettuate le seguenti tipologie di raccolta dati:
- raccolta necessaria ed automatica dei dati del navigatore inerenti all´interazione con il Sito;
- trattamento correlato alla raccolta di dati, immessi volontariamente dal navigatore, attraverso l´invio di e-mail agli indirizzi indicati per contattare il Titolare (ad esempio, sezioni "Contatti" e "Iscriversi al circolo").

La presente informativa si riferisce unicamente alle operazioni di trattamento effettuate su dati raccolti con le modalità sopra indicate e non si riferisce, quindi, ai trattamenti effettuati tramiti altri siti, a cui l´utente vorrà accedere mediante link dal Sito. Per tali trattamenti dovrà essere fornita, da parte dei rispettivi Titolari, autonoma informativa.
Si precisa, in particolare, che i trattamenti sui dati conferiti accedendo a siti di terzi, raggiungibili mediante i link pubblicati sul Sito, sono effettuati da soggetti diversi dal Giornale.
Premesso che il Giornale non effettuerà alcuna comunicazione dei dati degli utenti a tali soggetti e che ogni iniziativa per entrare in contatto e chiedere informazioni, è rimessa all´esclusiva attività dell´Interessato o del rispettivo Titolare, il giornale non sarà in alcun modo responsabile dei trattamenti che verranno effettuati da parte di tali soggetti, a fronte dell´iniziativa dell´utente medesimo.

1. Finalità del trattamento
1.1 Le operazioni di trattamento di seguito illustrate sono unicamente rivolte alla corretta proposizione ed erogazione dei servizi offerti tramite il presente Sito dal Giornale medesimo per il perseguimento dello scopo associativo. L´Attività on line del Giornale consiste prevalentemente nella pubblicazione di contenuti, caratterizzati da un alto livello qualitativo, sui temi di interesse del Giornale e dei dati personali dei rispettivi autori, aventi con il Giornale rapporti regolari, nonché nello scambio, anche mediante messaggi di posta elettronica, di opinioni e informazioni di varia natura, relative in particolare alla vita e alle attivitàdel Giornale medesimo o ad eventi di rilevanza nel dibattito culturale che il Giornale intende promuovere.
1.2. A tal fine, il Titolare ha predisposto sezioni ad hoc del Sito.
In particolare, nella sezione "Contatti" è presente l´indirizzo e-mail interattivo cui l´Utente può trasmettere i propri dati personali e/o dell´Associazione di appartenenza, al Giornale. Più precisamente, in tale ipotesi il trattamento è finalizzato al mero scambio di informazioni e di contatti, comunque di natura non professionale, inerenti all´attività del Giornale .
In ogni caso, i dati raccolti tramite il presente Sito saranno trattati secondo principi di correttezza, liceità e trasparenza, per la tutela della riservatezza e dei diritti degli interessati, ed unicamente per il perseguimento dello scopo associativo. Negli stessi limiti saranno trattati anche i dati personali che dovessero essere inviati spontaneamente al Giornale dai visitatori del sito anche con modalità off-line (fax, posta, telefono od altro).

2. Tipi di dati trattati
2.1 - Dati di navigazione I sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento di questo Sito registrano, nel corso del loro normale esercizio, alcuni dati personali la cui acquisizione avviene in modo automatico e inevitabile, qualora si utilizzino i protocolli di comunicazione di Internet. Sono dati che, pur non essendo reperiti con lo scopo specifico di identificare i rispettivi Interessati, ben potrebbero, a causa delle loro stesse caratteristiche, essere associati a banche dati di terzi e così consentire l´individuazione degli utenti. Appartengono a questa categoria di dati, ad esempio, gli indirizzi IP o i nomi a dominio degli elaboratori utilizzati dagli utenti che si connettono al Sito, gli indirizzi in notazione URI (Uniform Resource Identifier) delle risorse richieste, l´orario della richiesta, il metodo utilizzato nel sottoporre la richiesta al server, la dimensione del file ottenuto in risposta, il codice numerico indicante lo stato della risposta data dal server (buon fine, errore, ecc.) ed altri parametri relativi al sistema operativo e all´ambiente informatico dell´utente. Questi dati vengono utilizzati al solo fine di ricavare informazioni statistiche anonime sull´uso del Sito e per controllarne il corretto funzionamento, e vengono cancellati immediatamente dopo l´elaborazione.
Si precisa che i dati di navigazione potrebbero essere usati per l´accertamento di responsabilità in caso di eventuali reati informatici ai danni del Sito, conformemente alle procedure vigenti presso le Autorità competenti.
2.2 Meccanismi automatici di raccolta
In conformità a quanto previsto nel Provvedimento del Garante n. 229 dell´8.5.2014, si informa che in questo Sito non si utilizzano "cookies persistenti", trojans, spywares, web bugs, ovvero sistemi per il tracciamento degli utenti (cookies di profilazione), ma soltanto cookies cosiddetti "tecnici", di navigazione, di sessione o di funzionalità.
L´uso di c.d. "cookies di sessione" (che non vengono registrati in modo persistente sull´elaboratore dell´utente e svaniscono con la chiusura del browser) è unicamente finalizzato a rendere l´esplorazione del Sito sicura ed efficiente.
I c.d. cookies di sessione, utilizzati in questo sito, evitano il ricorso ad altre tecniche informatiche potenzialmente pregiudizievoli per la riservatezza della navigazione degli utenti e non consentono l´acquisizione di dati personali identificativi dell´utente I cookies "analitici" vengono utilizzati dalla società ShinyStat per effettuare trattamenti in forma aggregata ed anonima, per i quali si fornisce l´informativa generale ed il modulo per esercitare l´opt-out tramite i link qui sotto:
- ShinyStat http://www.shinystat.com/it/informativa_privacy_generale_free.html
- ShinyStat http://www.shinystat.com/it/opt-out_free.html
- Facebook http://www.facebook.com/policy.php
- Twitter http://twitter.com/privacy
- Google+, Google Maps e YouTube https://www.google.it/intl/it/policies/privacy/
- Vimeo https://vimeo.com/cookie_policy
2.3 Si precisa, per completezza, che i dati personali - una volta resi anonimi - potranno essere utilizzati per elaborare statistiche o per rilevare il grado di soddisfazione degli utenti. In ogni caso, la raccolta e il trattamento dei dati personali degli utenti non saranno finalizzati ad attività di marketing, di informazione commerciale e/o di indagini di mercato.

3. Tipologia di dati
3.1 Il trattamento dei dati effettuati tramite il presente Sito avrà prevalentemente ad oggetto dati comuni.
Tuttavia, in considerazione della natura del Giornale, il trattamento, inoltre, potrà riguardare anche i dati personali idonei a rivelare le convinzioni religiose e/o le opinioni politiche degli utenti e/o degli Associati, e/o dei soggetti che - in relazione allo scopo associativo - hanno contatti regolari con il Giornale. In ogni caso, tramite il presente Sito non saranno trattati dati inerenti alla salute. Pertanto, La invitiamo a non comunicarci dati personali attinenti al Suo stato di salute e alla Sua vita sessuale, ai sensi dell´art. 26 del Codice. In presenza di tali dati, il Giornale procederà alla tempestiva distruzione del relativo messaggio e/o comunicazione da Lei eventualmente fornita.
3.2 Il trattamento dei dati si svolgerà in conformità della vigente Autorizzazione Generale del Garante per la protezione dei dati personali n. 3/2011 e successive .
3.3 Il conferimento dei dati è in ogni caso facoltativo. Tuttavia, il mancato conferimento dei dati relativamente ad alcune sezioni del Sito e, più precisamente, in relazione alla Sezione "Contatti" comporterà l´impossibilità, per l´Associazione, di fornire il relativo servizio.

4. Modalità di trattamento
4.1 Il medesimo sarà effettuato prevalentemente con l´ausilio di mezzi informatici e telematici ma anche manualmente. I dati infatti potranno essere conservati sia in archivi cartacei sia in archivi elettronici, in modo da consentire, laddove necessario, l´individuazione e la selezione di dati aggregati, per il tempo non eccedente la durata e le necessità del trattamento.
4.2 Il trattamento sarà effettuato direttamente dall´organizzazione del Titolare, con l´ausilio dei propri incaricati e/o responsabili del trattamento. Potranno avere accesso ai dati per il perseguimento delle finalità di cui al punto 1, nell´ambito delle rispettive funzioni o mansioni e, in ogni caso, secondo le modalità e nei limiti di cui ai rispettivi atti di nomina a Responsabile o a Incaricato, oltre al Coordinatore/Coordinatrice, al Tesoriere e al Responsabile per la gestione delle istanze ex art. 7 Codice, eventuali società di servizi esterne nominate responsabili del trattamento ai sensi e per gli effetti dell´art. 29 del Codice.
4.3. Infine, si informa l´utente che l´eventuale trasmissione di dati tramite Internet non può raggiungere livelli di sicurezza assoluti. E´ onere dell´utente verificare la correttezza dei dati personali che lo riguardano ed eventualmente procedere alla rettifica, aggiornamento o, comunque, modifica dei dati nel corso del trattamento. Il Titolare non può considerarsi tenuto ad altra prestazione oltre alla puntuale e corretta applicazione degli standard di sicurezza imposti dalla normativa in vigore, con particolare riferimento all´adozione delle misure di sicurezza in conformità di quanto previsto dagli artt. 33-36 del Codice e dal Disciplinare Tecnico di cui all´Allegato B.

5. Conservazione dei dati - durata e aggiornamento
5.1 A seguito di controlli periodici,il Giornale verificherà la stretta pertinenza e la non eccedenza dei dati raccolti rispetto agli obblighi ed alle finalità del trattamento posto in essere, per quanto riguarda i dati che rivelano le opinioni e le intime convinzioni.
5.2 Ad eccezione dei dati di navigazione che non vengono conservati oltre una settimana dalla raccolta, gli altri dati verranno conservati in coerenza con lo scopo per il quale sono stati conferiti e comunque nel rispetto della normativa vigente.
5.3 Nel rispetto di quanto previsto dall´art. 11, co. 1, lett. c) Codice, i dati personali saranno aggiornati in seguito alla segnalazione dell´Interessato, in congruità con quanto previsto dall´art. 7, co. 3, lett. a) Codice.

6. Comunicazione e diffusione
6.1 il Giornale non procederà alla comunicazione diretta a terzi dei dati personali raccolti tramite il sito.
6.2 I dati relativi alla navigazione non verranno, in nessun caso, diffusi o comunicati. E´ fatta salva la eventuale comunicazione alle Autorità competenti in relazione alle attività necessarie all´accertamento e alla repressione dei reati.
6.3 I dati personali forniti dagli utenti, che inoltrano richieste di informazioni ai diversi indirizzi di posta elettronica presenti sul Sito, non sono comunicati a terzi.
6.4 Nell´ambito delle finalità indicate nella presente informativa, qualora sia necessario comunicare i dati a soggetti diversi dal Titolare, quest´ultimo provvederà alla designazione degli stessi quali Responsabili del trattamento.

7. Diritti dell´Interessato
7.1 Al Titolare del trattamento potranno essere inoltrate le richieste di cui all´art. 7 del Codice "Diritti dell´interessato", ossia, in particolare il diritto di:
- ottenere dal Titolare la conferma dell´esistenza di dati personali che lo riguardano e la comunicazione dei medesimi in forma intelligibile;
- conoscere l´origine dei dati, la logica e le finalità su cui si basa il loro trattamento;
- conoscere gli estremi identificativi dei Responsabili del trattamento e delle categorie di soggetti ai quali i dati possono essere comunicati o che possono venirne a conoscenza in qualità di Responsabili o Incaricati;
- ottenere la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati trattati in violazione della legge, come l´aggiornamento, la rettificazione o, qualora l´interessato vi abbia interesse, l´integrazione dei dati medesimi;
- opporsi in tutto o in parte, per motivi legittimi, al trattamento dei dati personali che lo riguardano ancorché pertinenti allo scopo della raccolta;
- opporsi in tutto o in parte al trattamento previsto ai fini di informazione commerciale o di invio di materiale pubblicitario.
Qualora, a seguito della richiesta di cui all´art. 7 del Codice non risulti confermata l´esistenza di dati che riguardano l´Interessato, potrà essere richiesto a quest´ultimo un contributo spese, comunque non superiore a Euro 10,00.

Le richieste dovranno essere rivolte ai Direttori del Giornale, Responsabili per le richieste ex art. 7, al seguente indirizzo e-mail:
info@rivoluzionedemocratica.it

Si prega di indicare nell´oggetto della comunicazione: "Richiesta ex art. 7 D. Lgs. 30 giugno 2003, n. 196 - Codice in materia di protezione dei dati personali".

8. Titolare ed elenco dei Responsabili del trattamento
Titolare del trattamento dei dati è il giornale on line "LA RIVOLUZIONE DEMOCRATICA" con sede a FIRENZE, mail: info@rivoluzionedemocratica.it
L´elenco aggiornato contenente i nominativi e i recapiti dei Responsabili è disponibile presso la sede del Titolare.
torna indietro leggi Informativa  obbligatorio