24 Settembre 2018
[]

"DALL´IRLANDA UN VENTO NUOVO: PROFUMA D´EUROPA"

22-05-2018 - IL SOCIALISMO NEL MONDO
Michael D. Higgins è in carica come presidente della Repubblica d´Irlanda dall´11 novembre 2011. Ha lasciato presto gli studi di filosofia e sociologia e la carriera accademica per dedicarsi completamente all´attività politica e alla poesia. Dopo un´iniziale militanza nel Fianna Fáil - partito irlandese d´ispirazione liberale è passato al partito laburista. E´ stato, negli anni, sindaco di Galway, parlamentare e ministro della Cultura. Alla politica ha costantemente affiancato una ricca produzione poetica in minima parte ora disponibile anche in italiano (Il tradimento e altre poesie scelte, Editore Del Vecchio, 2014). La sua passione civile l´ha portato a sposare la causa dei diritti umani e della loro difesa in Nicaragua, Iraq, Cambogia e Somalia. In un´intervista che egli ha rilasciato a un giornalista italiano pochi anni fa (cfr. R. Michelucci, A Poet and a President. A Conversation with Michael D. Higgins, President of Ireland, http://www.fupress.net/index.php/bsfm-sijis/article/view/18468/17092) ha denunciato la follia di un meccanismo che permette alla agenzie di rating di emettere giudizi sulla politica esercitata da governi sovrani le cui conseguenze influenzano pesantemente le banche centrali e le politiche economiche con gravissime conseguenze sulle condizioni dei cittadini. Higgins chiede che l´economia non si riduca al solo modello neoliberista ma dia allo studente un ventaglio di ipotesi e di opzioni tra le quali scegliere. Questo dice Higgins non ha nulla a che vedere con Destra o Sinistra ma con la possibilità di scegliere democraticamente tra più modi di impartire l´insegnamento dell´economia. Non è possibile trasmettere ai giovani un solo modello di economia che porta con sé un´idea precisa di società. Higgins ha ricordato che, in un discorso all´Università di Chicago - culla della scuola monetarista di Milton Friedman egli aveva insistito sul fatto che «in molte occasioni è necessario disporre di tutti gli strumenti intellettuali a nostra disposizione per fare fronte a sfide complesse come quelle cui ci troviamo di fronte oggi». Nel prosieguo dell´intervista ricorda che l´umanità che ha lottato senza sosta per la democrazia nella speranza di poter finalmente un giorno autodeterminarsi, si ritrova oggi ad essere subordinata a un management tecnocratico ligio ad un sistema di sviluppo che ha, di fatto, reso schiavo il pianeta.
Di seguito presentiamo la sintesi che è apparsa sulla testa online ilsalto.net dell´intervento del presidente Higgins durante lo State of the Union 2018 organizzato dal 10 al 12 maggio a Firenze dall´Istituto Universitario Europeo.
«La nostra prima obbligazione, in quanto europei, è di capire e affermare la natura del progetto europeo [...] le aspirazioni e l´Unione che cerchiamo di realizzare, non ciò che è, ma ciò che potrebbe essere [...] Innanzitutto dobbiamo evitare di rimanere intrappolati in un solo paradigma di pensiero [...] Dobbiamo capire che le radici del progetto europeo sono eterogenee. Una di quelle più importanti, da un punto di vista morale, è emersa dagli sforzi della resistenza italiana, a Ventotene, per mano di Altiero Spinelli, un membro del Partito comunista italiano».
Insomma, sarebbe una menzogna affermare che il progetto europeo sia basato semplicemente ed esclusivamente sul "capitale e il mercato". «Gli obiettivi che l´Unione si dà continua Higgins per come sono affermati nell´articolo 3 dei Trattati, riflette, tra le altre cose, l´eredità di alcune delle tradizioni più equalitarie e umaniste [...] le quali, sebbene non nate esclusivamente in Europa, hanno vissuto in questo continente una fioritura importante».
In secondo luogo, «il processo di negoziazione e decisionale dell´Ue è complesso [...] e può essere frustrante. Come ogni costrutto umano, è imperfetto [...] a volte conduce a grandi errori [...], ma non dovremmo dare per scontato questo processo che si basa su scambi calmi, rispettosi e basati sullo stato di diritto». Se lo dovrebbero ricordare sempre sia i Paesi piccoli che quelli più grandi. Questi ultimi «potrebbero essere tentati dall´idea che in un mondo globalizzato, il commercio e la finanza possano regolare tutto da soli».
In terzo luogo, «i nostri cittadini e i cittadini del pianeta intero devono essere al primo posto nei nostri pensieri e nelle nostre azioni [...] dobbiamo trovare modi per spiegare alle persone l´Unione, ma anche imparare dai cittadini che tipo di Ue vogliono [...]».
A dire il vero, fino a questo punto, è tutto, più o meno, nella norma dei discorsi istituzionali classici sull´Europa. Ma poi, Higgins accelera e si lancia in una narrazione alquanto progressista ed eterodossa.
«Non deve essere permesso che lo spettacolo costruito per i media rimpiazzi il discorso necessario dal quale dipende il nostro futuro. Il linguaggio è importante. E non deve impedire che una nuova educazione economica possa trovare spazio [...]». Detto a uno degli eventi mediatici pro-Ue più importanti dell´anno, è pur sempre qualcosa.
A questo punto il Presidente irlandese si sofferma sul tema della "solidarietà", al centro della conferenza di quest´anno. Per Higgins l´obiettivo primario è ricomporre la coesione interna all´Unione. Per farlo «è necessario affrontare paradigmi fallimentari» il Presidente irlandese cita Galileo. I paradigmi che ha in mente, corrispondono a "ortodossie fallimentari". Per Higgins «solo così possiamo rafforzare la visione dell´Unione europea». «I trattati fondanti l´Unione europea non sono un codice neoliberale [...] l´Ue non è stata fatta per consacrare il profitto privato a discapito del bene pubblico». Cosa è allora? «Un processo e un contesto per dibattiti creative e aperti fra i nostri governi; una struttura per inquadrare e far evolvere politiche attraverso discussioni democratiche all´interno delle istituzioni e i parlamenti».
«Nel rafforzare la solidarietà interna è importante tenere a mente che le sfide che affrontiamo non sono soltanto economiche [...] bensì sociali, politiche e culturali. Il mercato necessità una ridefinizioni. Il mercato non può essere accettato in quanto deregolamentato, alla stregua di un punto di arrivo, piuttosto che uno strumento [...] i cittadini devono sempre essere al centro dei nostri sforzi [...] alla fine siamo esseri sociali, non semplicemente consumatori, target da trattare come merci all´interno di una visione totalizzante di un mercato insaziabile e deregolamentato». Il passo è breve e Higgins richiama la "dignità del lavoro". E «non c´è nulla di più corrosivo per le nostre società [...] che la disoccupazione endemica, o l´incertezza della vulnerabilità del lavoratore».
Per il Presidente della Repubblica irlandese anche la parola "populismo" va tratta con cautela e non va mai confusa con il concetto di "volontà popolare". Non che si debbano sfruttare le debolezze e le frustrazioni di chi è stato lasciato indietro, ma «niente dà più sostegno al populismo che i nostri fallimenti nel creare società giuste ed eque».
In questo senso l´approvazione del Pilastro europeo dei diritti sociali è solo "un primo passo" nella "ridefinizione sostanziale del rapporto tra politiche economiche e sociali". In altri termini, i principi elencati a Göteborg non devono rimanere "aspirazioni", altrimenti non faranno altro che "alimentare la disillusione". Certo, ci sono anche altre priorità, come il completamento del Mercato unico, compreso il Mercato digitale e l´Unione bancaria. Ma Higgins sottolinea come "la legittimità di tali operazioni" dipenda da un previo "rafforzamento della coesione sociale".
Tratto da https://www.ilsalto.net/altro-che-mattarella-ieri-a-firenze-il-vero-discorso-sulleuropa-lo-ha-fatto-higgins-il-presidente-irlandese/



Fonte: di ANDREA BECHERUCCI

Link

[]
http://www.avvenirelavoratori.eu
Periodico socialista fondato 1897.
[]
www.ilponterivista.com
Rivista mensile di politica economica e cultura
fondata da Piero Calamandrei.
[]
www.biblionedizioni.it
Biblion Edizioni, storica casa editrice.
[]
www.criticaliberale.it
"NON MOLLARE" - Quindicinale on line di Critica Liberale,da più di quarant´anni la voce del liberalismo progressista in Italia.
Nuova Serie
"La Rivoluzione Democratica"
1, MARZO 2017

Realizzazione siti web www.sitoper.it
close
Richiedi il prodotto
Inserisci il tuo indirizzo email per essere avvisato quando il prodotto tornerà disponibile.



Richiesta disponibilità inviata
Richiesta disponibilità non inviata
invia ad un amico
chiudi
Attenzione!
Non puoi effettuare più di 10 invii al giorno.
Informativa
Informativa Privacy
La presente informativa descrive le modalità di gestione del Sito, da Lei ora visitato, di cui è Titolare, il giornale "LA RIVOLUZIONE DEMOCRATICA", registrazione al Tribunale di Firenze n°5863 del 17/02/2012 (di seguito, "Giornale" per brevità), che ha come finalità l´informazione critica, la difesa della laicità delle Istituzioni e la diffusione della cultura laica, con sede in Firenze, accessibile al seguente nome di dominio
http://www.rivoluzionedemocratica.it
in riferimento al trattamento dei dati personali dei navigatori che vi accedono e che interagiscono con esso.

Premessa
I considerazione delle modifiche al D. Lgs. n. 196/2003 (Codice in materia di protezione dei dati personali, di seguito "Codice Privacy"), introdotte recentemente con il D.L. 201/2011 convertito nella L. 214/2011, la presente informativa si rivolge alle persone fisiche che, per conto proprio o di associazioni interessate, decidano di accedere al Sito ed interagire con esso ed è resa ai sensi dell´art. 13 del Codice Privacy.
L´informativa si ispira anche alla Raccomandazione n. 2/2001 che le autorità europee per la protezione dei dati personali, riunite nel Gruppo istituito dall´art. 29 della direttiva n. 95/46/CE, hanno adottato il 17 maggio 2001, per individuare alcuni requisiti minimi per la raccolta di dati personali on-line, e, in particolare, le modalità, i tempi e la natura delle informazioni che i titolari del trattamento devono fornire agli utenti quando questi si collegano a pagine web, indipendentemente dalle ragioni e finalità del collegamento.
In linea generale, è opportuno precisare che attraverso il Sito vengono effettuate le seguenti tipologie di raccolta dati:
- raccolta necessaria ed automatica dei dati del navigatore inerenti all´interazione con il Sito;
- trattamento correlato alla raccolta di dati, immessi volontariamente dal navigatore, attraverso l´invio di e-mail agli indirizzi indicati per contattare il Titolare (ad esempio, sezioni "Contatti" e "Iscriversi al circolo").

La presente informativa si riferisce unicamente alle operazioni di trattamento effettuate su dati raccolti con le modalità sopra indicate e non si riferisce, quindi, ai trattamenti effettuati tramiti altri siti, a cui l´utente vorrà accedere mediante link dal Sito. Per tali trattamenti dovrà essere fornita, da parte dei rispettivi Titolari, autonoma informativa.
Si precisa, in particolare, che i trattamenti sui dati conferiti accedendo a siti di terzi, raggiungibili mediante i link pubblicati sul Sito, sono effettuati da soggetti diversi dal Giornale.
Premesso che il Giornale non effettuerà alcuna comunicazione dei dati degli utenti a tali soggetti e che ogni iniziativa per entrare in contatto e chiedere informazioni, è rimessa all´esclusiva attività dell´Interessato o del rispettivo Titolare, il giornale non sarà in alcun modo responsabile dei trattamenti che verranno effettuati da parte di tali soggetti, a fronte dell´iniziativa dell´utente medesimo.

1. Finalità del trattamento
1.1 Le operazioni di trattamento di seguito illustrate sono unicamente rivolte alla corretta proposizione ed erogazione dei servizi offerti tramite il presente Sito dal Giornale medesimo per il perseguimento dello scopo associativo. L´Attività on line del Giornale consiste prevalentemente nella pubblicazione di contenuti, caratterizzati da un alto livello qualitativo, sui temi di interesse del Giornale e dei dati personali dei rispettivi autori, aventi con il Giornale rapporti regolari, nonché nello scambio, anche mediante messaggi di posta elettronica, di opinioni e informazioni di varia natura, relative in particolare alla vita e alle attivitàdel Giornale medesimo o ad eventi di rilevanza nel dibattito culturale che il Giornale intende promuovere.
1.2. A tal fine, il Titolare ha predisposto sezioni ad hoc del Sito.
In particolare, nella sezione "Contatti" è presente l´indirizzo e-mail interattivo cui l´Utente può trasmettere i propri dati personali e/o dell´Associazione di appartenenza, al Giornale. Più precisamente, in tale ipotesi il trattamento è finalizzato al mero scambio di informazioni e di contatti, comunque di natura non professionale, inerenti all´attività del Giornale .
In ogni caso, i dati raccolti tramite il presente Sito saranno trattati secondo principi di correttezza, liceità e trasparenza, per la tutela della riservatezza e dei diritti degli interessati, ed unicamente per il perseguimento dello scopo associativo. Negli stessi limiti saranno trattati anche i dati personali che dovessero essere inviati spontaneamente al Giornale dai visitatori del sito anche con modalità off-line (fax, posta, telefono od altro).

2. Tipi di dati trattati
2.1 - Dati di navigazione I sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento di questo Sito registrano, nel corso del loro normale esercizio, alcuni dati personali la cui acquisizione avviene in modo automatico e inevitabile, qualora si utilizzino i protocolli di comunicazione di Internet. Sono dati che, pur non essendo reperiti con lo scopo specifico di identificare i rispettivi Interessati, ben potrebbero, a causa delle loro stesse caratteristiche, essere associati a banche dati di terzi e così consentire l´individuazione degli utenti. Appartengono a questa categoria di dati, ad esempio, gli indirizzi IP o i nomi a dominio degli elaboratori utilizzati dagli utenti che si connettono al Sito, gli indirizzi in notazione URI (Uniform Resource Identifier) delle risorse richieste, l´orario della richiesta, il metodo utilizzato nel sottoporre la richiesta al server, la dimensione del file ottenuto in risposta, il codice numerico indicante lo stato della risposta data dal server (buon fine, errore, ecc.) ed altri parametri relativi al sistema operativo e all´ambiente informatico dell´utente. Questi dati vengono utilizzati al solo fine di ricavare informazioni statistiche anonime sull´uso del Sito e per controllarne il corretto funzionamento, e vengono cancellati immediatamente dopo l´elaborazione.
Si precisa che i dati di navigazione potrebbero essere usati per l´accertamento di responsabilità in caso di eventuali reati informatici ai danni del Sito, conformemente alle procedure vigenti presso le Autorità competenti.
2.2 Meccanismi automatici di raccolta
In conformità a quanto previsto nel Provvedimento del Garante n. 229 dell´8.5.2014, si informa che in questo Sito non si utilizzano "cookies persistenti", trojans, spywares, web bugs, ovvero sistemi per il tracciamento degli utenti (cookies di profilazione), ma soltanto cookies cosiddetti "tecnici", di navigazione, di sessione o di funzionalità.
L´uso di c.d. "cookies di sessione" (che non vengono registrati in modo persistente sull´elaboratore dell´utente e svaniscono con la chiusura del browser) è unicamente finalizzato a rendere l´esplorazione del Sito sicura ed efficiente.
I c.d. cookies di sessione, utilizzati in questo sito, evitano il ricorso ad altre tecniche informatiche potenzialmente pregiudizievoli per la riservatezza della navigazione degli utenti e non consentono l´acquisizione di dati personali identificativi dell´utente I cookies "analitici" vengono utilizzati dalla società ShinyStat per effettuare trattamenti in forma aggregata ed anonima, per i quali si fornisce l´informativa generale ed il modulo per esercitare l´opt-out tramite i link qui sotto:
- ShinyStat http://www.shinystat.com/it/informativa_privacy_generale_free.html
- ShinyStat http://www.shinystat.com/it/opt-out_free.html
- Facebook http://www.facebook.com/policy.php
- Twitter http://twitter.com/privacy
- Google+, Google Maps e YouTube https://www.google.it/intl/it/policies/privacy/
- Vimeo https://vimeo.com/cookie_policy
2.3 Si precisa, per completezza, che i dati personali - una volta resi anonimi - potranno essere utilizzati per elaborare statistiche o per rilevare il grado di soddisfazione degli utenti. In ogni caso, la raccolta e il trattamento dei dati personali degli utenti non saranno finalizzati ad attività di marketing, di informazione commerciale e/o di indagini di mercato.

3. Tipologia di dati
3.1 Il trattamento dei dati effettuati tramite il presente Sito avrà prevalentemente ad oggetto dati comuni.
Tuttavia, in considerazione della natura del Giornale, il trattamento, inoltre, potrà riguardare anche i dati personali idonei a rivelare le convinzioni religiose e/o le opinioni politiche degli utenti e/o degli Associati, e/o dei soggetti che - in relazione allo scopo associativo - hanno contatti regolari con il Giornale. In ogni caso, tramite il presente Sito non saranno trattati dati inerenti alla salute. Pertanto, La invitiamo a non comunicarci dati personali attinenti al Suo stato di salute e alla Sua vita sessuale, ai sensi dell´art. 26 del Codice. In presenza di tali dati, il Giornale procederà alla tempestiva distruzione del relativo messaggio e/o comunicazione da Lei eventualmente fornita.
3.2 Il trattamento dei dati si svolgerà in conformità della vigente Autorizzazione Generale del Garante per la protezione dei dati personali n. 3/2011 e successive .
3.3 Il conferimento dei dati è in ogni caso facoltativo. Tuttavia, il mancato conferimento dei dati relativamente ad alcune sezioni del Sito e, più precisamente, in relazione alla Sezione "Contatti" comporterà l´impossibilità, per l´Associazione, di fornire il relativo servizio.

4. Modalità di trattamento
4.1 Il medesimo sarà effettuato prevalentemente con l´ausilio di mezzi informatici e telematici ma anche manualmente. I dati infatti potranno essere conservati sia in archivi cartacei sia in archivi elettronici, in modo da consentire, laddove necessario, l´individuazione e la selezione di dati aggregati, per il tempo non eccedente la durata e le necessità del trattamento.
4.2 Il trattamento sarà effettuato direttamente dall´organizzazione del Titolare, con l´ausilio dei propri incaricati e/o responsabili del trattamento. Potranno avere accesso ai dati per il perseguimento delle finalità di cui al punto 1, nell´ambito delle rispettive funzioni o mansioni e, in ogni caso, secondo le modalità e nei limiti di cui ai rispettivi atti di nomina a Responsabile o a Incaricato, oltre al Coordinatore/Coordinatrice, al Tesoriere e al Responsabile per la gestione delle istanze ex art. 7 Codice, eventuali società di servizi esterne nominate responsabili del trattamento ai sensi e per gli effetti dell´art. 29 del Codice.
4.3. Infine, si informa l´utente che l´eventuale trasmissione di dati tramite Internet non può raggiungere livelli di sicurezza assoluti. E´ onere dell´utente verificare la correttezza dei dati personali che lo riguardano ed eventualmente procedere alla rettifica, aggiornamento o, comunque, modifica dei dati nel corso del trattamento. Il Titolare non può considerarsi tenuto ad altra prestazione oltre alla puntuale e corretta applicazione degli standard di sicurezza imposti dalla normativa in vigore, con particolare riferimento all´adozione delle misure di sicurezza in conformità di quanto previsto dagli artt. 33-36 del Codice e dal Disciplinare Tecnico di cui all´Allegato B.

5. Conservazione dei dati - durata e aggiornamento
5.1 A seguito di controlli periodici,il Giornale verificherà la stretta pertinenza e la non eccedenza dei dati raccolti rispetto agli obblighi ed alle finalità del trattamento posto in essere, per quanto riguarda i dati che rivelano le opinioni e le intime convinzioni.
5.2 Ad eccezione dei dati di navigazione che non vengono conservati oltre una settimana dalla raccolta, gli altri dati verranno conservati in coerenza con lo scopo per il quale sono stati conferiti e comunque nel rispetto della normativa vigente.
5.3 Nel rispetto di quanto previsto dall´art. 11, co. 1, lett. c) Codice, i dati personali saranno aggiornati in seguito alla segnalazione dell´Interessato, in congruità con quanto previsto dall´art. 7, co. 3, lett. a) Codice.

6. Comunicazione e diffusione
6.1 il Giornale non procederà alla comunicazione diretta a terzi dei dati personali raccolti tramite il sito.
6.2 I dati relativi alla navigazione non verranno, in nessun caso, diffusi o comunicati. E´ fatta salva la eventuale comunicazione alle Autorità competenti in relazione alle attività necessarie all´accertamento e alla repressione dei reati.
6.3 I dati personali forniti dagli utenti, che inoltrano richieste di informazioni ai diversi indirizzi di posta elettronica presenti sul Sito, non sono comunicati a terzi.
6.4 Nell´ambito delle finalità indicate nella presente informativa, qualora sia necessario comunicare i dati a soggetti diversi dal Titolare, quest´ultimo provvederà alla designazione degli stessi quali Responsabili del trattamento.

7. Diritti dell´Interessato
7.1 Al Titolare del trattamento potranno essere inoltrate le richieste di cui all´art. 7 del Codice "Diritti dell´interessato", ossia, in particolare il diritto di:
- ottenere dal Titolare la conferma dell´esistenza di dati personali che lo riguardano e la comunicazione dei medesimi in forma intelligibile;
- conoscere l´origine dei dati, la logica e le finalità su cui si basa il loro trattamento;
- conoscere gli estremi identificativi dei Responsabili del trattamento e delle categorie di soggetti ai quali i dati possono essere comunicati o che possono venirne a conoscenza in qualità di Responsabili o Incaricati;
- ottenere la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati trattati in violazione della legge, come l´aggiornamento, la rettificazione o, qualora l´interessato vi abbia interesse, l´integrazione dei dati medesimi;
- opporsi in tutto o in parte, per motivi legittimi, al trattamento dei dati personali che lo riguardano ancorché pertinenti allo scopo della raccolta;
- opporsi in tutto o in parte al trattamento previsto ai fini di informazione commerciale o di invio di materiale pubblicitario.
Qualora, a seguito della richiesta di cui all´art. 7 del Codice non risulti confermata l´esistenza di dati che riguardano l´Interessato, potrà essere richiesto a quest´ultimo un contributo spese, comunque non superiore a Euro 10,00.

Le richieste dovranno essere rivolte ai Direttori del Giornale, Responsabili per le richieste ex art. 7, al seguente indirizzo e-mail:
info@rivoluzionedemocratica.it

Si prega di indicare nell´oggetto della comunicazione: "Richiesta ex art. 7 D. Lgs. 30 giugno 2003, n. 196 - Codice in materia di protezione dei dati personali".

8. Titolare ed elenco dei Responsabili del trattamento
Titolare del trattamento dei dati è il giornale on line "LA RIVOLUZIONE DEMOCRATICA" con sede a FIRENZE, mail: info@rivoluzionedemocratica.it
L´elenco aggiornato contenente i nominativi e i recapiti dei Responsabili è disponibile presso la sede del Titolare.
torna indietro leggi Informativa  obbligatorio