15 Dicembre 2018
[]

"SOCIALISTI DI DESTRA E SOCIALDEMOCRATICI DI SINISTRA"

23-10-2018 22:15 - IL SOCIALISMO NEL MONDO
La scissione socialdemocratica di Saragat dell’11 gennaio 1947 fu certamente la più importante nel socialismo italiano del secondo dopoguerra. Essa segnò la fine del primato socialista nella classe lavoratrice italiana e, al di là della volontà dei protagonisti, consegnò i due tronconi del PSIUP che ne derivarono ai due schieramenti contrapposti, che allora operavano nel mondo ed in Italia: il PSI, con leader Pietro Nenni, finì per collocarsi in un soffocante Patto d’unità d’azione controllato dai comunisti, mentre il Partito Socialista dei lavoratori Italiani (PSLI) di Saragat divenne un puntello della politica centrista e moderata posta in atto dalla Democrazia Cristiana di De Gasperi e Scelba.
I due partiti, tuttavia, benché strategicamente contrapposti, conservarono entrambi, almeno nei primi tempi, delle arie “di confine” intenzionate a mantenere aperto un dialogo con i “fratelli separati” dell’altro partito.
Queste zone intermedie furono spesso molto agitate e sempre riottose ad accettare le politiche della maggioranze di PSI e PSLI, arrivando anche alla rottura con esse. Possiamo dunque affermare che se la scissione d Saragat fu la più lacerante del campo socialista, essa non fu certamente l’unica.
Il XXVI congresso del PSI (Roma, 19-22/1/1948) (1) si svolse attorno a due temi fondamentali: la costituzione, in vista delle elezioni politiche del 18 aprile 1948, del Fronte Democratico Popolare, che fu accettata dal 99,43 % dei delegati, e la scelta vera: se presentare liste uniche del Fronte o liste separate di partito. Prevalse la prima opzione col 66,8 %.
Ad opporsi era stata la minoranza “autonomista” capeggiata da Giuseppe Romita e l’estrema destra del partito (0,55 %), guidata dall’ex segretario Ivan Matteo Lombardo.
Quest’ultima corrente, lasciato il PSI nel corso di un convegno “dei socialisti indipendenti” tenuto a Milano il 7 e l’8 febbraio 1948 assieme al gruppo ruotante attorno alla rivista Europa Socialista di Ignazio Silone (2) e un gruppo di ex azionisti, guidato da Tristano Codignola (3), diede vita ad un nuovo soggetto politico: l’Unione dei Socialisti (UdS), con segretario Ivan Matteo Lombardo e vice Alberto Rollier.
Alcuni giorni dopo, il 12 febbraio 1948, l’UdS concluse un accordo con il PSLI (4) per la presentazione in comune di un cartello elettorale che prese il nome di Unità Socialista, con simbolo il sole nascente.
I risultati furono disastrosi per il Fronte e, al suo interno, per i candidati socialisti (5), penalizzati dalla migliore organizzazione comunista nella attribuzione delle preferenze.
Unità Socialista raccolse il 7,1 % alla Camera e mandò in Parlamento 33 deputati e 8 senatori, più altri 12 di diritto, ad essa vicini.
Tutto ciò causò un forte fermento nell’ala autonomista del PSI guidata da Romita, la quale chiese non solo la rottura del Fronte, ma anche quella del Patto d’unità d’azione e, inoltre, una politica di riavvicinamento col PSLI e di allineamento al Comisco (6).
Anche il congresso del giugno successivo comportò una piccola rivoluzione interna, che consegnò la guida del partito ad una corrente centrista (7), la quale liquidò il Fronte Popolare, cercando però di salvaguardare la politica unitaria.
La nuova destra “autonomista unificata” di Romita ottenne comunque un buon 26,50 %, si dotò di un proprio organo, Panorama Socialista (8), e il 29 ottobre 1948 inviò una lettera, firmata anche da 25 parlamentari, a PSI, UdS e PSLI con cui auspicava una riunificazione delle forze socialiste. L’iniziativa però non ebbe fortuna e lo stesso Romita, in seguito ad una sua intervista, fu deferito ai probiviri e sospeso per sei mesi. Si apriva così la strada per una nuova scissione, mentre una pattuglia dell’UdS, capeggiata da Ivan Matteo Lombardo, lasciò il movimento e aderì direttamente al PSLI, andandosi a collocare nella sua ala destra. La guida dell’UdS passò a Ignazio Silone.
Anche nel PSLI, a sua volta diviso in tre correnti, ci furono importanti movimenti, in seguito alla posizione da assumere relativamente all’adesione dell’Italia al Patto Atlantico. La Direzione , con otto voti contro sette, si pronunciò contro le alleanze militari, provocando con ciò le dimissioni del segretario, il “destro” Alberto Simonini, e l’elezione al suo posto del “sinistro” Ugo Guido Mondolfo. Ma il gruppo parlamentare, lasciato libero, al momento del voto si spaccò: 11 deputati si astennero, uno (Piero Calamandrei dell’UdS) votò contro e gli altri, fra cui Saragat, a favore. Dei nove senatori, tre si astennero e gli altri votarono a favore.
Il nuovo congresso del PSI, apertosi a Firenze l’11 maggio 1949 segnò la riconquista di misura (50,06 %) del partito da parte della sinistra (9), che elesse una direzione monocolore. Questi risultati comportarono l’uscita dal PSI degli autonomisti romitiani (10), che lanciarono un appello per una Costituente Socialista e costituirono un Comitato provvisorio degli autonomisti del PSI, che poi si organizzò in MSA (Movimento Socialista Autonomo).
Il MSA di Romita, d’intesa con l’UdS di Silone, lanciò un appello al PSLI per una riunificazione dei tre tronconi, fortemente voluta dal Comisco, che però incontrò resistenze nell’aria del centro-destra del partito di Saragat, nel frattempo ridiventata maggioritaria nel partito, con Mondolfo dimissionario dalla segreteria e sostituito da un triumvirato del centro-destra (11) interno.
La vittoria del centro-destra socialdemocratico fu poi sanzionata dal congresso di Roma del giugno 1949 (12).
Si venne così a creare uno spappolamento del socialismo italiano, diviso tra un PSI dominato dalla sua sinistra interna, strettamente legato al PCI, un PSLI, governato dalla sua destra interna, ormai inserita nella logica centrista della DC, e un’aria intermedia (destra socialista e sinistra socialdemocratica) completamente emarginata e senza reale influenza, seppure appoggiata dal Comisco.
In questo quadro, almeno per il momento, naufragò il progetto di riunificazione, sia generale che con il solo PSLI e prese invece corpo quello della costituzione di un terzo partito socialista, collocato tra PSI e PSLI, contrario ad ogni subordinazione sia alla strategia comunista, che a quella democristiana.
Si arrivò così al congresso di unificazione tra tutte le forze intermedie, tenuto a Firenze dal 4 all’8 dicembre 1949, che si concluse con la nascita del Partito Socialista Unitario (PSU), nato dalla fusione tra MSA di Romita, UdS di Silone e sinistra socialdemocratica di Mondolfo (13).
Nello stesso periodo confluì nel PSI il Partito Socialista Sardo d’Azione, guidato da Emilio Lussu.
Il 20 settembre 1950, in seguito alle dimissioni di Mondolfo, per ragioni di salute, segretario del PSU fu eletto Ignazio Silone, mentre all’interno di questo partito prendeva vistosamente corpo una spaccatura tra coloro che erano propensi a mantenere l’autonomia organizzativa del partito e i fautori della fusione col PSLI (Romita).
A decidere fu il secondo congresso del PSU (Torino, 27-29/1/1951), in cui intanto era confluito un nuovo gruppetto della destra socialista (14), che assegnò la vittoria, di stretta misura, alla corrente romitiana, favorevole all’unificazione col PSLI (15).
Il 1° maggio 1951 la fusione tra PSU e PSLI, con la benedizione del Comisco, era cosa fatta. Il nuovo partito assunse la denominazione di Partito Socialista-Sezione Italiana dell’Internazionale Socialista (PS-SIIS) e fu affidato a una diarchia di due segretari: Giuseppe Romita e Giuseppe Saragat.
L’11 maggio 1951 l’ultimo esponente della destra socialista, Giancarlo Matteotti, lasciò il PSI per approdare nel PS-SIIS.
Il congresso di Bologna del PS-SIIS del 3-6/1/1952 ratificò l’avvenuta fusione e stabilì la nuova e definitiva denominazione: PSDI (Partito Socialista Democratico Italiano).
Quando, alla viglia delle elezioni politiche del 1953, la maggioranza del PSDI, capovolgendo le precedenti decisioni, decise di appoggiare la nuova legge elettorale proporzionale con premio di maggioranza, poi definita, pare da Calamandrei, legge truffa, la sinistra socialdemocratica, guidata da Tristano Codignola, ruppe col PSDI e costituì (1-2-1953) il Movimento di Autonomia Socialista, che successivamente, unendosi ad un gruppo della sinistra repubblicana, diede vita ad Unità Popolare, un movimento che strenuamene si battè per non fare scattare il meccanismo della legge elettorale.
Intanto nell’area PSI si intravvedevano gli ultimi guizzi della destra socialista, ormai ridotta a pochi militanti (16).
L’orgia delle scissioni, come Nenni la definì, sembrava non dovesse avere mai fine…(17)

------

(1) Segretario del partito sarà eletto Lelio Basso, direttore dell’Avanti! sarà Pietro Nenni.
(2) Ignazio Silone dirigeva la rivista dal marzo 1946. Al momento della scissione di Saragat, egli aveva aderto al gruppo parlamentare del PSLI (52 parlamentari dei 115 del PSIUP eletti all’Assemblea Costituente), presieduto da G.E.Modigliani, ma non al partito di Saragat.
(3) Quando (ottobre i947) il Partito D’Azione (che già aveva subito la scissione della sua ala repubblicana, guidata da Ugo La Malfa) decise di confluire nel PSI, Tristano Codignola non aveva seguito la decisione della magglioranza, ma aveva costituito un proprio raggruppamento autonomo, il Movimento d’Azione Socialista Giustizia e libertà, cui aderirono anche Piero Calamandrei, Aldo Garosci e Paolo Vittorelli. L’’8-2-1948 il movimento si fuse con i socialisti “di destra” di Ivan Matteo Lombardo e con gli autonomisti di Ignazio Silone, dando vita all’UdS.
(4) Il PSLI era entrato nel governo De Gasperi (DC) nel dicembre 1947, provocando con cioò l’uscita dal partito di alcuni socialdemocratici di sinistra, fra cui Virgilio Dagnino e la maggioranza della Federazione Giovanile, fra cui il futuro storico del socialismo Gaetano Arfè, poi rientrati nel PSI. Un altro gruppo di giovani socialisti costituì, invece, il Movimento Socialista di Unità Proletaria, che successivamente costituirà un nucleo italiano della IV Internazionale trotskista. In seguito lascerà il PSLI anche un altro socialdemocratico di sinistra,: Lucio Libertini.
(5) 46 deputati del PSI sui 183 eletti dal Fronte.
(6) Il Comitato della Conferenza Internazionale Socialista (Comisco) era stato costituito nel novembre 1946, nella prospettiva di ricostituire l’Internazionale Socialista. Il Comisco, nel marzo 1949, escluse il PSI per la sua politica frontista, ammettendo al suo posto, in rappresentanza del socialismo italiano, Unità Socialista (UdS-PSLI).
(7) Segretario divenne Alberto Jacometti, con vice Giancarlo Matteotti e direttore dell’Avanti! Riccardo Lombardi.
(8) Anche la minoranza di sinistra, guidata da Nenni, fondò una propria rivista, destinata a diventare in seguito l’organo ideologico del partito: Mondo Operaio.
(9) Segretario sarà eletto Pietro Nenni, con vice Rodolfo Morandi, direttore dell’Avanti! di Roma Sandro Pertini e di quello di Milano Guido Mazzali.
(10) Tra di essi numerosi i sindacalisti socialisti della CGIL, capeggiati da Italo Viglianesi.
(11) Carlo Andreoni, Pietro Battara e Edgardo Lami-Starnuti. La destra socialdemocratica, ormai votata alla collaborazione governativa centrista, temeva che, dopo ‘eventuale fusione, una convergenza tra MSA, UdS e sinistra socialdemocratica di Mondolfo, potesse rimetterla in minoranza all’interno di un partito unificato e mettere quindi in forse la partecipazione governativa.
(12) Segretario fu eletto Ludovico D’Aragona, con vice Alberto Simonini, affiancati da un Esecutivo, di cui faceva parte Giuseppe Saragat.
(13) Segretario fu eletto Ugo Guido Mondolfo, con vice Matteo Matteotti, Tristano Codignola e Italo Viglianesi. Facevano parte della Direzione grossi nomi del socialismo italiano come Giuseppe Faravelli, Aldo Garosci, Ignazio Silone, Giuliano Vassalli, Paolo Vittorelli, Mario Zagari, Ezio Vigorelli, Giuseppe Romita.
(14) Lupis, Cristalli, Musotto.
(15) Nuovo segretario fu eletto Giuseppe Romita. Nella direzione: per la maggioranza fusionista Guseppe Lupis, Mario Tanassi e Flavio Orlandi, perla minoranza contraria M. Matteotti, Silone, U.G. Mondolfo, Faravelli, Codignola, Bonfantini e Zagari.
(16) Pera, Garretto, Belletti, Volpato.
(17) Si può vedere, sulle future scissioni e fusioni, di Ferdinando Leonzio, La diaspora del socialismo italiano, ZeroBook 2017 (edizione e-book).


Fonte: di FERDINANDO LEONZIO

Link

[]
http://www.avvenirelavoratori.eu
Periodico socialista fondato 1897.
[]
www.ilponterivista.com
Rivista mensile di politica economica e cultura
fondata da Piero Calamandrei.
[]
www.biblionedizioni.it
Biblion Edizioni, storica casa editrice.
[]
www.criticaliberale.it
"NON MOLLARE" - Quindicinale on line di Critica Liberale,da più di quarant´anni la voce del liberalismo progressista in Italia.
Nuova Serie
"La Rivoluzione Democratica"
1, MARZO 2017

Realizzazione siti web www.sitoper.it
close
Richiedi il prodotto
Inserisci il tuo indirizzo email per essere avvisato quando il prodotto tornerà disponibile.



Richiesta disponibilità inviata
Richiesta disponibilità non inviata
invia ad un amico
chiudi
Attenzione!
Non puoi effettuare più di 10 invii al giorno.
Informativa
Informativa Privacy
La presente informativa descrive le modalità di gestione del Sito, da Lei ora visitato, di cui è Titolare, il giornale "LA RIVOLUZIONE DEMOCRATICA", registrazione al Tribunale di Firenze n°5863 del 17/02/2012 (di seguito, "Giornale" per brevità), che ha come finalità l´informazione critica, la difesa della laicità delle Istituzioni e la diffusione della cultura laica, con sede in Firenze, accessibile al seguente nome di dominio
http://www.rivoluzionedemocratica.it
in riferimento al trattamento dei dati personali dei navigatori che vi accedono e che interagiscono con esso.

Premessa
I considerazione delle modifiche al D. Lgs. n. 196/2003 (Codice in materia di protezione dei dati personali, di seguito "Codice Privacy"), introdotte recentemente con il D.L. 201/2011 convertito nella L. 214/2011, la presente informativa si rivolge alle persone fisiche che, per conto proprio o di associazioni interessate, decidano di accedere al Sito ed interagire con esso ed è resa ai sensi dell´art. 13 del Codice Privacy.
L´informativa si ispira anche alla Raccomandazione n. 2/2001 che le autorità europee per la protezione dei dati personali, riunite nel Gruppo istituito dall´art. 29 della direttiva n. 95/46/CE, hanno adottato il 17 maggio 2001, per individuare alcuni requisiti minimi per la raccolta di dati personali on-line, e, in particolare, le modalità, i tempi e la natura delle informazioni che i titolari del trattamento devono fornire agli utenti quando questi si collegano a pagine web, indipendentemente dalle ragioni e finalità del collegamento.
In linea generale, è opportuno precisare che attraverso il Sito vengono effettuate le seguenti tipologie di raccolta dati:
- raccolta necessaria ed automatica dei dati del navigatore inerenti all´interazione con il Sito;
- trattamento correlato alla raccolta di dati, immessi volontariamente dal navigatore, attraverso l´invio di e-mail agli indirizzi indicati per contattare il Titolare (ad esempio, sezioni "Contatti" e "Iscriversi al circolo").

La presente informativa si riferisce unicamente alle operazioni di trattamento effettuate su dati raccolti con le modalità sopra indicate e non si riferisce, quindi, ai trattamenti effettuati tramiti altri siti, a cui l´utente vorrà accedere mediante link dal Sito. Per tali trattamenti dovrà essere fornita, da parte dei rispettivi Titolari, autonoma informativa.
Si precisa, in particolare, che i trattamenti sui dati conferiti accedendo a siti di terzi, raggiungibili mediante i link pubblicati sul Sito, sono effettuati da soggetti diversi dal Giornale.
Premesso che il Giornale non effettuerà alcuna comunicazione dei dati degli utenti a tali soggetti e che ogni iniziativa per entrare in contatto e chiedere informazioni, è rimessa all´esclusiva attività dell´Interessato o del rispettivo Titolare, il giornale non sarà in alcun modo responsabile dei trattamenti che verranno effettuati da parte di tali soggetti, a fronte dell´iniziativa dell´utente medesimo.

1. Finalità del trattamento
1.1 Le operazioni di trattamento di seguito illustrate sono unicamente rivolte alla corretta proposizione ed erogazione dei servizi offerti tramite il presente Sito dal Giornale medesimo per il perseguimento dello scopo associativo. L´Attività on line del Giornale consiste prevalentemente nella pubblicazione di contenuti, caratterizzati da un alto livello qualitativo, sui temi di interesse del Giornale e dei dati personali dei rispettivi autori, aventi con il Giornale rapporti regolari, nonché nello scambio, anche mediante messaggi di posta elettronica, di opinioni e informazioni di varia natura, relative in particolare alla vita e alle attivitàdel Giornale medesimo o ad eventi di rilevanza nel dibattito culturale che il Giornale intende promuovere.
1.2. A tal fine, il Titolare ha predisposto sezioni ad hoc del Sito.
In particolare, nella sezione "Contatti" è presente l´indirizzo e-mail interattivo cui l´Utente può trasmettere i propri dati personali e/o dell´Associazione di appartenenza, al Giornale. Più precisamente, in tale ipotesi il trattamento è finalizzato al mero scambio di informazioni e di contatti, comunque di natura non professionale, inerenti all´attività del Giornale .
In ogni caso, i dati raccolti tramite il presente Sito saranno trattati secondo principi di correttezza, liceità e trasparenza, per la tutela della riservatezza e dei diritti degli interessati, ed unicamente per il perseguimento dello scopo associativo. Negli stessi limiti saranno trattati anche i dati personali che dovessero essere inviati spontaneamente al Giornale dai visitatori del sito anche con modalità off-line (fax, posta, telefono od altro).

2. Tipi di dati trattati
2.1 - Dati di navigazione I sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento di questo Sito registrano, nel corso del loro normale esercizio, alcuni dati personali la cui acquisizione avviene in modo automatico e inevitabile, qualora si utilizzino i protocolli di comunicazione di Internet. Sono dati che, pur non essendo reperiti con lo scopo specifico di identificare i rispettivi Interessati, ben potrebbero, a causa delle loro stesse caratteristiche, essere associati a banche dati di terzi e così consentire l´individuazione degli utenti. Appartengono a questa categoria di dati, ad esempio, gli indirizzi IP o i nomi a dominio degli elaboratori utilizzati dagli utenti che si connettono al Sito, gli indirizzi in notazione URI (Uniform Resource Identifier) delle risorse richieste, l´orario della richiesta, il metodo utilizzato nel sottoporre la richiesta al server, la dimensione del file ottenuto in risposta, il codice numerico indicante lo stato della risposta data dal server (buon fine, errore, ecc.) ed altri parametri relativi al sistema operativo e all´ambiente informatico dell´utente. Questi dati vengono utilizzati al solo fine di ricavare informazioni statistiche anonime sull´uso del Sito e per controllarne il corretto funzionamento, e vengono cancellati immediatamente dopo l´elaborazione.
Si precisa che i dati di navigazione potrebbero essere usati per l´accertamento di responsabilità in caso di eventuali reati informatici ai danni del Sito, conformemente alle procedure vigenti presso le Autorità competenti.
2.2 Meccanismi automatici di raccolta
In conformità a quanto previsto nel Provvedimento del Garante n. 229 dell´8.5.2014, si informa che in questo Sito non si utilizzano "cookies persistenti", trojans, spywares, web bugs, ovvero sistemi per il tracciamento degli utenti (cookies di profilazione), ma soltanto cookies cosiddetti "tecnici", di navigazione, di sessione o di funzionalità.
L´uso di c.d. "cookies di sessione" (che non vengono registrati in modo persistente sull´elaboratore dell´utente e svaniscono con la chiusura del browser) è unicamente finalizzato a rendere l´esplorazione del Sito sicura ed efficiente.
I c.d. cookies di sessione, utilizzati in questo sito, evitano il ricorso ad altre tecniche informatiche potenzialmente pregiudizievoli per la riservatezza della navigazione degli utenti e non consentono l´acquisizione di dati personali identificativi dell´utente I cookies "analitici" vengono utilizzati dalla società ShinyStat per effettuare trattamenti in forma aggregata ed anonima, per i quali si fornisce l´informativa generale ed il modulo per esercitare l´opt-out tramite i link qui sotto:
- ShinyStat http://www.shinystat.com/it/informativa_privacy_generale_free.html
- ShinyStat http://www.shinystat.com/it/opt-out_free.html
- Facebook http://www.facebook.com/policy.php
- Twitter http://twitter.com/privacy
- Google+, Google Maps e YouTube https://www.google.it/intl/it/policies/privacy/
- Vimeo https://vimeo.com/cookie_policy
2.3 Si precisa, per completezza, che i dati personali - una volta resi anonimi - potranno essere utilizzati per elaborare statistiche o per rilevare il grado di soddisfazione degli utenti. In ogni caso, la raccolta e il trattamento dei dati personali degli utenti non saranno finalizzati ad attività di marketing, di informazione commerciale e/o di indagini di mercato.

3. Tipologia di dati
3.1 Il trattamento dei dati effettuati tramite il presente Sito avrà prevalentemente ad oggetto dati comuni.
Tuttavia, in considerazione della natura del Giornale, il trattamento, inoltre, potrà riguardare anche i dati personali idonei a rivelare le convinzioni religiose e/o le opinioni politiche degli utenti e/o degli Associati, e/o dei soggetti che - in relazione allo scopo associativo - hanno contatti regolari con il Giornale. In ogni caso, tramite il presente Sito non saranno trattati dati inerenti alla salute. Pertanto, La invitiamo a non comunicarci dati personali attinenti al Suo stato di salute e alla Sua vita sessuale, ai sensi dell´art. 26 del Codice. In presenza di tali dati, il Giornale procederà alla tempestiva distruzione del relativo messaggio e/o comunicazione da Lei eventualmente fornita.
3.2 Il trattamento dei dati si svolgerà in conformità della vigente Autorizzazione Generale del Garante per la protezione dei dati personali n. 3/2011 e successive .
3.3 Il conferimento dei dati è in ogni caso facoltativo. Tuttavia, il mancato conferimento dei dati relativamente ad alcune sezioni del Sito e, più precisamente, in relazione alla Sezione "Contatti" comporterà l´impossibilità, per l´Associazione, di fornire il relativo servizio.

4. Modalità di trattamento
4.1 Il medesimo sarà effettuato prevalentemente con l´ausilio di mezzi informatici e telematici ma anche manualmente. I dati infatti potranno essere conservati sia in archivi cartacei sia in archivi elettronici, in modo da consentire, laddove necessario, l´individuazione e la selezione di dati aggregati, per il tempo non eccedente la durata e le necessità del trattamento.
4.2 Il trattamento sarà effettuato direttamente dall´organizzazione del Titolare, con l´ausilio dei propri incaricati e/o responsabili del trattamento. Potranno avere accesso ai dati per il perseguimento delle finalità di cui al punto 1, nell´ambito delle rispettive funzioni o mansioni e, in ogni caso, secondo le modalità e nei limiti di cui ai rispettivi atti di nomina a Responsabile o a Incaricato, oltre al Coordinatore/Coordinatrice, al Tesoriere e al Responsabile per la gestione delle istanze ex art. 7 Codice, eventuali società di servizi esterne nominate responsabili del trattamento ai sensi e per gli effetti dell´art. 29 del Codice.
4.3. Infine, si informa l´utente che l´eventuale trasmissione di dati tramite Internet non può raggiungere livelli di sicurezza assoluti. E´ onere dell´utente verificare la correttezza dei dati personali che lo riguardano ed eventualmente procedere alla rettifica, aggiornamento o, comunque, modifica dei dati nel corso del trattamento. Il Titolare non può considerarsi tenuto ad altra prestazione oltre alla puntuale e corretta applicazione degli standard di sicurezza imposti dalla normativa in vigore, con particolare riferimento all´adozione delle misure di sicurezza in conformità di quanto previsto dagli artt. 33-36 del Codice e dal Disciplinare Tecnico di cui all´Allegato B.

5. Conservazione dei dati - durata e aggiornamento
5.1 A seguito di controlli periodici,il Giornale verificherà la stretta pertinenza e la non eccedenza dei dati raccolti rispetto agli obblighi ed alle finalità del trattamento posto in essere, per quanto riguarda i dati che rivelano le opinioni e le intime convinzioni.
5.2 Ad eccezione dei dati di navigazione che non vengono conservati oltre una settimana dalla raccolta, gli altri dati verranno conservati in coerenza con lo scopo per il quale sono stati conferiti e comunque nel rispetto della normativa vigente.
5.3 Nel rispetto di quanto previsto dall´art. 11, co. 1, lett. c) Codice, i dati personali saranno aggiornati in seguito alla segnalazione dell´Interessato, in congruità con quanto previsto dall´art. 7, co. 3, lett. a) Codice.

6. Comunicazione e diffusione
6.1 il Giornale non procederà alla comunicazione diretta a terzi dei dati personali raccolti tramite il sito.
6.2 I dati relativi alla navigazione non verranno, in nessun caso, diffusi o comunicati. E´ fatta salva la eventuale comunicazione alle Autorità competenti in relazione alle attività necessarie all´accertamento e alla repressione dei reati.
6.3 I dati personali forniti dagli utenti, che inoltrano richieste di informazioni ai diversi indirizzi di posta elettronica presenti sul Sito, non sono comunicati a terzi.
6.4 Nell´ambito delle finalità indicate nella presente informativa, qualora sia necessario comunicare i dati a soggetti diversi dal Titolare, quest´ultimo provvederà alla designazione degli stessi quali Responsabili del trattamento.

7. Diritti dell´Interessato
7.1 Al Titolare del trattamento potranno essere inoltrate le richieste di cui all´art. 7 del Codice "Diritti dell´interessato", ossia, in particolare il diritto di:
- ottenere dal Titolare la conferma dell´esistenza di dati personali che lo riguardano e la comunicazione dei medesimi in forma intelligibile;
- conoscere l´origine dei dati, la logica e le finalità su cui si basa il loro trattamento;
- conoscere gli estremi identificativi dei Responsabili del trattamento e delle categorie di soggetti ai quali i dati possono essere comunicati o che possono venirne a conoscenza in qualità di Responsabili o Incaricati;
- ottenere la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati trattati in violazione della legge, come l´aggiornamento, la rettificazione o, qualora l´interessato vi abbia interesse, l´integrazione dei dati medesimi;
- opporsi in tutto o in parte, per motivi legittimi, al trattamento dei dati personali che lo riguardano ancorché pertinenti allo scopo della raccolta;
- opporsi in tutto o in parte al trattamento previsto ai fini di informazione commerciale o di invio di materiale pubblicitario.
Qualora, a seguito della richiesta di cui all´art. 7 del Codice non risulti confermata l´esistenza di dati che riguardano l´Interessato, potrà essere richiesto a quest´ultimo un contributo spese, comunque non superiore a Euro 10,00.

Le richieste dovranno essere rivolte ai Direttori del Giornale, Responsabili per le richieste ex art. 7, al seguente indirizzo e-mail:
info@rivoluzionedemocratica.it

Si prega di indicare nell´oggetto della comunicazione: "Richiesta ex art. 7 D. Lgs. 30 giugno 2003, n. 196 - Codice in materia di protezione dei dati personali".

8. Titolare ed elenco dei Responsabili del trattamento
Titolare del trattamento dei dati è il giornale on line "LA RIVOLUZIONE DEMOCRATICA" con sede a FIRENZE, mail: info@rivoluzionedemocratica.it
L´elenco aggiornato contenente i nominativi e i recapiti dei Responsabili è disponibile presso la sede del Titolare.
torna indietro leggi Informativa  obbligatorio