25 Ottobre 2020

"LA LEGA DEI SOCIALISTI"

22-09-2020 - CRONACHE SOCIALISTE













Franco Bassanini
Tristano Codignola



L'esplosione correntizia verificatasi nel PSI nei primi anni '70 del Novecento ben presto' partorí due frutti avvelenati.
Da un lato ebbe inizio la trasformazione delle correnti ideali in „cordate“, sorte attorno al nome di qualche prestigioso dirigente nazionale; le quali, in periferia, presero pero' a gareggiare, senza andare troppo per il sottile, per la conquista del potere all'interno del partito, da cui partire per la conquista del potere pubblico; ne vennero fuori il gonfiamento del tesseramento e i cosiddetti signori delle tessere, che facevano il bello e il cattivo tempo nelle sezioni e nelle federazioni, con la conseguenza dello svuotamento di poteri dei legittimi organi di partito e l'allontanamento dalla militanza attiva della parte piú politicizzata degli iscritti.
Dall'altro si accentuo' la tradizionale carenza organizzativa del partito, accompagnata da una confusione di linguaggi e di proposte politiche poco rassicuranti per l'elettorato.
Ne consegui' l'inaspettata batosta elettorale nelle elezioni politiche del 20-21 giugno 1976 (9,64 % alla Camera).
Questo „allarme rosso“ porto' i „quarantenni“ del PSI a giubilare il segretario del partito Francesco De Martino e, attraverso anche un'inedita convergenza tra la „destra“ autonomista e la „sinistra“ socialista, a chiamare all'alta carica Bettino Craxi (1).
Gli anni del craxismo restituirono al PSI grinta , orgoglio e presenza politica, e tutti divennero craxiani, piú precisamente „riformisti“, dal nome assunto dal correntone del segretario, dopo aver inglobato i gruppi che si richiamavano alle posizioni di Gianni De Michelis e a quelle di Enrico Manca.
Ma le correnti, di fatto, nel territorio non scomparvero, divenendo „gruppi“, al seguito di ras locali che si contendevano il potere nelle federazioni, in cui liberamente scorazzavano, pur rimanendo, a livello nazionale, tutti o quasi, nella maggioranza craxiana.
L'iniziale „alternativa socialista“, meta ultima e condivisa dell'azione politica del PSI, nell'immediato cedette il posto ad una specie di centro-sinistra allargato, il pentapartito (2).
La linea cosiddetta della „governabilitá“ porto', ancora di piú di quanto avvenuto col primo centro-sinistra, ad una consolidata presenza del PSI nel potere nazionale, e ad una dilagante partecipazione a quello locale, dove il PSI poteva fare alleanze sia di centro-sinistra (di pentapartito) sia di sinistra (col PCI e altri). Quello che qualche malizioso critico chiamerá il partito degli assessori attiro' di conseguenza nelle sue file nugoli di borghesia rampante, che finiranno col mutare notevolmente la tradizionale composizione della base socialista.
Dall'anarchia correntizia si passo' dunque al potere „aristocratico“ dei leader nazionali e infine all'autocrazia politica. Il culmine di questo nuovo assetto del PSI fu raggiunto nel XLII congresso (Palermo, 22-26 aprile 1981), che approvo', su proposta di Claudio Martelli, la modifica statutaria che comportava l'elezione diretta del segretario nazionale da parte del congresso.
Tale nuova procedura se, da un lato, svincolava il segretario dai condizionamenti di correnti, componenti e gruppi, dall'altro concentrava nelle sue mani poteri molto vasti, assai poco bilanciati da organi dirigenti sempre piú affollati e percio' svuotati di autorevolezza e ricchi, invece, come fu detto, di nani e ballerine.
A risentirne fu anzitutto la tensione ideale e il libero confronto, tradizionali nella lunga storia del PSI.
Tutto questo non fu supinamente accettato da alcuni militanti, particolarmente sensibili alle problematiche di costume.
Il 4 ottobre 1981 venne pubblicato (3) un „Appello ai socialisti“, firmato da Tristano Codignola (4) ed altri (5):

Per la sua collocazione, la sua rappresentanza, la sua storia, il PSI deve assolvere un particolare impegno: quello di proporre un modo di fare politica capace di restituire, soprattutto ai giovani, fiducia nella democrazia, speranza in un mondo migliore. Condizione di cio' é che morale politica e morale comune non divergano. […].

Dopo aver criticato la gestione del partito e posto l'accento sull'importanza della questione morale, i firmatari lamentavano il clima che, a loro dire, aleggiava nel PSI:

E' di pari gravitá il fatto che é ormai impossibile nel partito, per i dissenzienti dalla linea della maggioranza, svolgere qualsiasi attivitá politica. Il verticismo assoluto della gestione é giunto al punto che gli organi del partito sono del tutto esautorati.

Essi cosí spiegavano il senso politico della loro iniziativa:

Questo appello si rivolge a tutti i socialisti perché escano dallo stato di rassegnazione in cui versano e sostengano le iniziative volte a costruire una forza socialista indispensabile per la realizzazione dell'alternativa democratica e di sinistra.

Lo stesso 4 ottobre 1981, l'organo del PSI Avanti! diede la notizia di una conferenza stampa del giorno precedente, tenuta dal consigliere regionale lombardo Elio Veltri:

Elio Veltri, consigliere regionale della Lombardia, ha annunciato ieri con una conferenza stampa la sua uscita dal partito socialista. Quindi Veltri stesso e un altro gruppo di firmatari hanno diffuso un „appello“ contro la politica e la conduzione del PSI. Tra i firmatari sono compresi, insieme a un deputato, l'on. Bassanini, anche uomini che da tempo non risultano iscritti al partito. Si tratta di una somma di casi personali, ai quali riesce difficile, nonostante l'appello elaborato, dare un significato politico comune. Si tratta anche, in alcuni casi, di persone che, per i loro comportamenti pubblici, giá si sono da tempo, di fatto, posti al di fuori del partito.

Il giornale socialista comunicava, inoltre, che la corrente di „Sinistra per l'alternativa“, guidata da Michele Achilli, aveva riconfermato la scelta di continuare la sua battaglia all'interno del PSI.
Successivamente l'Ufficio Stampa del PSI rincaro' la dose con un comunicato in cui si diceva che le iniziative di piccoli trafficanti e girovaghi della politica, mescolate a piú rispettabili frustrazioni prevalentemente senili, non avrebbero nessunissima eco politica se in realtá non fossero uno dei tanti veicoli della campagna offensiva in atto contro il PSI.
Dopo aver rilevato che la campagna offensiva contro il PSI si era sviluppata fin dal congresso di Palermo e dopo i successi elettorali (6), la nota cosí si avvio'a conclusione: Chi con le aggressioni di varia natura, occasionali o premeditate, pensa di sbarrare la strada, sottovaluta molte cose e in primo luogo sottovaluta la forza che ci deriva dalla linearitá della nostra impostazione politica, la forza e la determinazione che nascono dall'unitá sostanziale del PSI e del suo gruppo dirigente, nella libertá delle idee e nella adozione democratica delle decisioni (7).
Nello stesso articolo il giornale riporto' pure la notizia che alcuni firmatari dell'“Appello“ (Antonio Greppi (8), Guido Fubini, Renato Macro, Mirella Venturini, Enzo Funaro) avevano dichiarato di non avere alcuna intenzione di lasciare il PSI (9).
Successivamente la parola passo' alla Commissione Centrale di Controllo (CCC) del PSI, che rilevo' come, fra i firmatari dell'appello, i compagni Bassanini, Codignola, Enriques Agnoletti, Ballardini, Cozza, Ferrara, Luzzatto, Magno, Fedeli, invitati a chiarire la loro posizione, eventualmente smentendo i propositi scissionisti loro attribuiti, non lo abbiano fatto e che taluno di essi, giá protagonista di ripetuti atti di indisciplina, di deliberato assenteismo, di sistematica e sleale inosservanza degli orientamenti e delle direttive degli organi di partito, continua a mostrare attraverso pubbliche dichiarazioni una pervicace volontá di contrapposizione nei confronti del partito (10).
Di conseguenza la CCC , sottolineando la necessitá di evitare in modo rigoroso coincidenze obiettive fra prese di posizione pubbliche di iscritti al partito e le campagne denigratorie in atto contro il PSI per arrestarne la crescita politica, nel riscontrare che i comportamenti dei su menzionati compagni, palesando la evidente volontá di recidere il loro legame statutario del partito, delibera di prendere atto – a tutti gli effetti – che essi hanno cessato il loro rapporto di militanza nel Partito Socialista.
Nel deliberato si riteneva, infine, che il deputato Bassanini e il consigliere regionale lombardo Veltri avessero il dovere morale di restituire il mandato affidato loro dagli elettori socialisti nelle liste socialiste (11).
La deliberazione della CCC del PSI, suscito' vari commenti all'interno del partito. Riccardo Lombardi, fra l'altro, disse: La decisione della CCC del PSI, sotto la finzione di una presa d'atto di dimissioni, é invece un vero e proprio atto di espulsione di compagni che avevano espresso critiche, condivisibili o no, ma legittime, alla linea politica e ai comportamenti degli organi dirigenti del partito. Inoltre egli giudico' i provvedimenti non coerenti con la lunga tradizione di tolleranza del dissenso, che ha costituito sempre una caratteristica del PSI.
Il presidente della CCC, Antonio Natali, preciso': Tengo a precisare che a questi compagni é stato chiesto esplicitamente, di fronte alle notizie di stampa che preannunciavano una loro scissione, se essi intendevano o meno smentire l'intenzione di lasciare il Partito. Alcuni di loro hanno risposto che non intendevano lasciare il Partito, altri che non smentivano questa ipotesi, altri ancora non hanno neppure risposto all'invito della CCC. Al di lá dei giudizi sulle posizioni politiche e polemiche che hanno contraddistinto le dichiarazioni pubbliche di questi compagni, rimane il fatto che il Partito non poteva consentire che si continuasse a predicare una eventuale scissione, che si preannunciassero collegamenti con altri partiti e movimenti. Pertanto la decisione presa, di considerare a tutti gli effetti fuori del Partito questi iscritti, deriva dalla necessitá di una elementare difesa della integritá del Partito (12).
Sull'Avanti! del 10 ottobre 1981 apparve il seguente comunicato della CCC: La presidenza della CCC informa che il compagno Michele Cozza ha inviato una lettera con la quale manifesta la sua volontá di rimanere nel partito. La presidenza della CCC ne prende atto con piacere e considera quindi il compagno Michele Cozza iscritto al partito a tutti gli effetti. La presidenza della CCC informa anche che il nome Magno citato nella delibera del 7 corrente è in realtá scritto Pompeo Rocco.

Dopo la formale presa d'atto delle deliberazioni della CCC, ma sostanziale loro espulsione, i dissidenti, per nulla scoraggiati, decisero di dar vita ad una nuova formazione politica, denominata Lega dei Socialisti, il cui “Comitato provvisorio di coordinamento” (13), il 15 ottobre 1981, pubblico' (14) il “Manifesto della Lega dei Socialisti”, con il seguente lungo titolo:
E' l'ora di abbandonare le fila della rassegnazione e dell'attesa per recuperare la sinistra sommersa, dispersa e tradita alle speranze e all'orgoglio di una democratica lotta per il socialismo.
I propositi dei firmatari erano chiari, anche se ambiziosi: Rifiutando l'acquiescenza, vogliamo recuperare le speranze e l'orgoglio della lotta per il socialismo e ridare fiducia ai tanti compagni le cui aspirazioni sono state troppe volte avvilite o tradite.
Essi ritenevano che la politica della “governabilitá” aveva comportato la rinuncia alla strategia dell'alternativa e uno spostamento del PSI nell'area moderata. Ne derivava lo sradicamento del Partito dalla sua tradizione e l'acquisizione dell'ideologia del pragmatismo che svincolano il Partito dai suoi riferimenti ideali e progettuali.
Una vera lotta per il socialismo, continuava il documento, è invece fatta di contenuti, di valori, di obiettivi che modificano l'esistenza degli uomini; percio' puo' far nascere speranze ed azioni, costruire schieramenti forti ed estesi, promuovere l'intelligenza progettuale delle masse.
In quel momento storico i contenuti di tale lotta venivano individuati nella risoluzione di urgenti problemi: la questione morale, quella istituzionale, la crisi economica, la partecipazione politica, la lotta per la pace, contro la fame e il sottosviluppo.
Il “Manifesto” della Lega dei Socialisti si concludeva con un appassionato appello:
Ci rivolgiamo ai socialisti iscritti al PSI ed ai tanti che ne sono fuori, alle forze sparse, ma attive che operano nella societá, nelle istituzioni, nel sindacato: alla sinistra sommersa e alla sinistra dispersa. Non intendiamo fondare un nuovo partito. Proponiamo di formare, dovunque possibile, “leghe socialiste”. Poniamo, in prospettiva, il problema della rifondazione della sinistra. Proponiamo di realizzare, ad ogni livello, incontri, iniziative comuni, circoli unitari e accordi federativi con le altre forze della sinistra, per dare con maggiore efficacia il nostro originale contributo di socialisti alla costruzione dell'alternativa democratica di sinistra.
Tutto questo comporterá per ciascuno un impegno certamente preferibile all'inerzia senza speranza.
Il movimento era tuttavia strettamente legato all'instancabile tenacia del suo leader Tristano Codignola. Sicché, quando questi improvvisamente morí, il 12 dicembre 1981, a Bologna, dove si trovava per una riunione della locale Lega, anche il movimento da lui guidato, ancora in formazione, rapidamente si disperse.
Alcuni dei suoi esponenti li ritroveremo, qualche anno dopo, nei gruppi della Sinistra Indipendente eletti nel 1983: al Senato il costituzionalista e docente universitario Gianni Ferrara (n. 1929) e, alla Camera Enzo Enriques Agnoletti (1909-1983), ex partigiano di formazione liberalsocialista e direttore della rivista Il Ponte e il docente universitario di Diritto Costituzionale, nonché deputato, Franco Bassanini (n. 1940), giá membro del Comitato Centrale e della Direzione del PSI (1978-1981).
Deputato dal 1979 al 1996 e senatore dal 1996 al 2006, Bassanini sará anche ministro della Funzione Pubblica. In questo ruolo sará conosciuto dal grande pubblico per l'impulso dato all'utilizzazione di massa dell'autocertificazione.

---

  1. Craxi fu eletto segretario del PSI nella riunione della Direzione del partito del 16-7-1976, con 23 voti a favore e 8 astenuti.
  2. Alleanza politica fra DC, PSI, PSDI, PRI, PLI.
  3. L' „Appello ai socialisti“ venne pubblicato sul quotidiano La Repubblica del 4-10-1981.
  4. Tristano Codignola (1913.1981), coscienza critica del socialismo italiano di alto profilo morale e intellettuale, ex azionista, era stato vicesegretario del PSI (1970-72) e responsabile del settore scuola. A lui sostanzialmente si devono l'istituzione degli asili statali e la scuola media unica.
  5. Firmatari dell' „Appello ai socialisti“ erano Gianfranco Amendola, Renato Ballardini, Franco Bassanini, Tristano Codignola, Michele Cozza, Enzo Enriques Agnoletti, Franco Fedeli, Giovanni Ferrara, Guido Fubini, Renzo Funaro, Antonio Greppi, Paolo Leon, Giunio Luzzatto, Renato Macro, Rocco Pompeo, Elio Veltri, Mirella Venturini.
  6. Il riferimento è probabilmente alle elezioni amministrative del 21-22/6/1981.
  7. In Avanti! del 6-10-1981.
  8. Giá sindaco di Milano all'indomani della Liberazione.
  9. In Avanti! del 6-10-1981.
  10. In Avanti! dell'8-10-1981. Gli altri – si precisava nell'articolo – o risultavano non iscritti al partito oppure avevano smentito i propositi scissionisti loro attribuiti.
  11. L'intero deliberato della CCC del PSI in Avanti! dell' 8-10-1981.
  12. I commenti sulla decisione della CCC del PSI in Avanti! del 9-10-1981.
  13. Esso era composta da: Gianfranco Amendola, Renato Ballardini, Franco Bassanini, Virgilio Bertini, Francesco Chioccon, Tristano Codignola, Michele Cairo, Maria Corda Costa, Enzo Enriquez Agnoletti, Franco Fedeli, Gianni Ferrara, Luigi Fiasconaro, , Oreste Flamini-Minuto, Guido Fubini, Tina Lagostena Bassi, Carlo Lavagna, Paolo Leon, Giunio Luzzatto, Fernando Pinto, Rocco Pompeo, Elio Veltri, Mirella Venturini, Gianfranco Viglietta, Agostino Viviani.
    Coordinatore Nazionale fu eletto Rocco Pompeo, docente di Storia e Filosofia, fondatore e direttore (1981-1988) di Lega dei Socialisti, mensile di informazione e documentazione politica.
  14. Tale Manifesto fu pubblicato da Sinistra Unita.


Fonte: di FERDINANDO LEONZIO

Realizzazione siti web www.sitoper.it
invia ad un amico
chiudi
Attenzione!
Non puoi effettuare più di 10 invii al giorno.
Informativa
Informativa Privacy
La presente informativa descrive le modalità di gestione del Sito, da Lei ora visitato, di cui è Titolare, il giornale "LA RIVOLUZIONE DEMOCRATICA", registrazione al Tribunale di Firenze n°5863 del 17/02/2012 (di seguito, "Giornale" per brevità), che ha come finalità l´informazione critica, la difesa della laicità delle Istituzioni e la diffusione della cultura laica, con sede in Firenze, accessibile al seguente nome di dominio
http://www.rivoluzionedemocratica.it
in riferimento al trattamento dei dati personali dei navigatori che vi accedono e che interagiscono con esso.

Premessa
I considerazione delle modifiche al D. Lgs. n. 196/2003 (Codice in materia di protezione dei dati personali, di seguito "Codice Privacy"), introdotte recentemente con il D.L. 201/2011 convertito nella L. 214/2011, la presente informativa si rivolge alle persone fisiche che, per conto proprio o di associazioni interessate, decidano di accedere al Sito ed interagire con esso ed è resa ai sensi dell´art. 13 del Codice Privacy.
L´informativa si ispira anche alla Raccomandazione n. 2/2001 che le autorità europee per la protezione dei dati personali, riunite nel Gruppo istituito dall´art. 29 della direttiva n. 95/46/CE, hanno adottato il 17 maggio 2001, per individuare alcuni requisiti minimi per la raccolta di dati personali on-line, e, in particolare, le modalità, i tempi e la natura delle informazioni che i titolari del trattamento devono fornire agli utenti quando questi si collegano a pagine web, indipendentemente dalle ragioni e finalità del collegamento.
In linea generale, è opportuno precisare che attraverso il Sito vengono effettuate le seguenti tipologie di raccolta dati:
- raccolta necessaria ed automatica dei dati del navigatore inerenti all´interazione con il Sito;
- trattamento correlato alla raccolta di dati, immessi volontariamente dal navigatore, attraverso l´invio di e-mail agli indirizzi indicati per contattare il Titolare (ad esempio, sezioni "Contatti" e "Iscriversi al circolo").

La presente informativa si riferisce unicamente alle operazioni di trattamento effettuate su dati raccolti con le modalità sopra indicate e non si riferisce, quindi, ai trattamenti effettuati tramiti altri siti, a cui l´utente vorrà accedere mediante link dal Sito. Per tali trattamenti dovrà essere fornita, da parte dei rispettivi Titolari, autonoma informativa.
Si precisa, in particolare, che i trattamenti sui dati conferiti accedendo a siti di terzi, raggiungibili mediante i link pubblicati sul Sito, sono effettuati da soggetti diversi dal Giornale.
Premesso che il Giornale non effettuerà alcuna comunicazione dei dati degli utenti a tali soggetti e che ogni iniziativa per entrare in contatto e chiedere informazioni, è rimessa all´esclusiva attività dell´Interessato o del rispettivo Titolare, il giornale non sarà in alcun modo responsabile dei trattamenti che verranno effettuati da parte di tali soggetti, a fronte dell´iniziativa dell´utente medesimo.

1. Finalità del trattamento
1.1 Le operazioni di trattamento di seguito illustrate sono unicamente rivolte alla corretta proposizione ed erogazione dei servizi offerti tramite il presente Sito dal Giornale medesimo per il perseguimento dello scopo associativo. L´Attività on line del Giornale consiste prevalentemente nella pubblicazione di contenuti, caratterizzati da un alto livello qualitativo, sui temi di interesse del Giornale e dei dati personali dei rispettivi autori, aventi con il Giornale rapporti regolari, nonché nello scambio, anche mediante messaggi di posta elettronica, di opinioni e informazioni di varia natura, relative in particolare alla vita e alle attivitàdel Giornale medesimo o ad eventi di rilevanza nel dibattito culturale che il Giornale intende promuovere.
1.2. A tal fine, il Titolare ha predisposto sezioni ad hoc del Sito.
In particolare, nella sezione "Contatti" è presente l´indirizzo e-mail interattivo cui l´Utente può trasmettere i propri dati personali e/o dell´Associazione di appartenenza, al Giornale. Più precisamente, in tale ipotesi il trattamento è finalizzato al mero scambio di informazioni e di contatti, comunque di natura non professionale, inerenti all´attività del Giornale .
In ogni caso, i dati raccolti tramite il presente Sito saranno trattati secondo principi di correttezza, liceità e trasparenza, per la tutela della riservatezza e dei diritti degli interessati, ed unicamente per il perseguimento dello scopo associativo. Negli stessi limiti saranno trattati anche i dati personali che dovessero essere inviati spontaneamente al Giornale dai visitatori del sito anche con modalità off-line (fax, posta, telefono od altro).

2. Tipi di dati trattati
2.1 - Dati di navigazione I sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento di questo Sito registrano, nel corso del loro normale esercizio, alcuni dati personali la cui acquisizione avviene in modo automatico e inevitabile, qualora si utilizzino i protocolli di comunicazione di Internet. Sono dati che, pur non essendo reperiti con lo scopo specifico di identificare i rispettivi Interessati, ben potrebbero, a causa delle loro stesse caratteristiche, essere associati a banche dati di terzi e così consentire l´individuazione degli utenti. Appartengono a questa categoria di dati, ad esempio, gli indirizzi IP o i nomi a dominio degli elaboratori utilizzati dagli utenti che si connettono al Sito, gli indirizzi in notazione URI (Uniform Resource Identifier) delle risorse richieste, l´orario della richiesta, il metodo utilizzato nel sottoporre la richiesta al server, la dimensione del file ottenuto in risposta, il codice numerico indicante lo stato della risposta data dal server (buon fine, errore, ecc.) ed altri parametri relativi al sistema operativo e all´ambiente informatico dell´utente. Questi dati vengono utilizzati al solo fine di ricavare informazioni statistiche anonime sull´uso del Sito e per controllarne il corretto funzionamento, e vengono cancellati immediatamente dopo l´elaborazione.
Si precisa che i dati di navigazione potrebbero essere usati per l´accertamento di responsabilità in caso di eventuali reati informatici ai danni del Sito, conformemente alle procedure vigenti presso le Autorità competenti.
2.2 Meccanismi automatici di raccolta
In conformità a quanto previsto nel Provvedimento del Garante n. 229 dell´8.5.2014, si informa che in questo Sito non si utilizzano "cookies persistenti", trojans, spywares, web bugs, ovvero sistemi per il tracciamento degli utenti (cookies di profilazione), ma soltanto cookies cosiddetti "tecnici", di navigazione, di sessione o di funzionalità.
L´uso di c.d. "cookies di sessione" (che non vengono registrati in modo persistente sull´elaboratore dell´utente e svaniscono con la chiusura del browser) è unicamente finalizzato a rendere l´esplorazione del Sito sicura ed efficiente.
I c.d. cookies di sessione, utilizzati in questo sito, evitano il ricorso ad altre tecniche informatiche potenzialmente pregiudizievoli per la riservatezza della navigazione degli utenti e non consentono l´acquisizione di dati personali identificativi dell´utente I cookies "analitici" vengono utilizzati dalla società ShinyStat per effettuare trattamenti in forma aggregata ed anonima, per i quali si fornisce l´informativa generale ed il modulo per esercitare l´opt-out tramite i link qui sotto:
- ShinyStat http://www.shinystat.com/it/informativa_privacy_generale_free.html
- ShinyStat http://www.shinystat.com/it/opt-out_free.html
- Facebook http://www.facebook.com/policy.php
- Twitter http://twitter.com/privacy
- Google+, Google Maps e YouTube https://www.google.it/intl/it/policies/privacy/
- Vimeo https://vimeo.com/cookie_policy
2.3 Si precisa, per completezza, che i dati personali - una volta resi anonimi - potranno essere utilizzati per elaborare statistiche o per rilevare il grado di soddisfazione degli utenti. In ogni caso, la raccolta e il trattamento dei dati personali degli utenti non saranno finalizzati ad attività di marketing, di informazione commerciale e/o di indagini di mercato.

3. Tipologia di dati
3.1 Il trattamento dei dati effettuati tramite il presente Sito avrà prevalentemente ad oggetto dati comuni.
Tuttavia, in considerazione della natura del Giornale, il trattamento, inoltre, potrà riguardare anche i dati personali idonei a rivelare le convinzioni religiose e/o le opinioni politiche degli utenti e/o degli Associati, e/o dei soggetti che - in relazione allo scopo associativo - hanno contatti regolari con il Giornale. In ogni caso, tramite il presente Sito non saranno trattati dati inerenti alla salute. Pertanto, La invitiamo a non comunicarci dati personali attinenti al Suo stato di salute e alla Sua vita sessuale, ai sensi dell´art. 26 del Codice. In presenza di tali dati, il Giornale procederà alla tempestiva distruzione del relativo messaggio e/o comunicazione da Lei eventualmente fornita.
3.2 Il trattamento dei dati si svolgerà in conformità della vigente Autorizzazione Generale del Garante per la protezione dei dati personali n. 3/2011 e successive .
3.3 Il conferimento dei dati è in ogni caso facoltativo. Tuttavia, il mancato conferimento dei dati relativamente ad alcune sezioni del Sito e, più precisamente, in relazione alla Sezione "Contatti" comporterà l´impossibilità, per l´Associazione, di fornire il relativo servizio.

4. Modalità di trattamento
4.1 Il medesimo sarà effettuato prevalentemente con l´ausilio di mezzi informatici e telematici ma anche manualmente. I dati infatti potranno essere conservati sia in archivi cartacei sia in archivi elettronici, in modo da consentire, laddove necessario, l´individuazione e la selezione di dati aggregati, per il tempo non eccedente la durata e le necessità del trattamento.
4.2 Il trattamento sarà effettuato direttamente dall´organizzazione del Titolare, con l´ausilio dei propri incaricati e/o responsabili del trattamento. Potranno avere accesso ai dati per il perseguimento delle finalità di cui al punto 1, nell´ambito delle rispettive funzioni o mansioni e, in ogni caso, secondo le modalità e nei limiti di cui ai rispettivi atti di nomina a Responsabile o a Incaricato, oltre al Coordinatore/Coordinatrice, al Tesoriere e al Responsabile per la gestione delle istanze ex art. 7 Codice, eventuali società di servizi esterne nominate responsabili del trattamento ai sensi e per gli effetti dell´art. 29 del Codice.
4.3. Infine, si informa l´utente che l´eventuale trasmissione di dati tramite Internet non può raggiungere livelli di sicurezza assoluti. E´ onere dell´utente verificare la correttezza dei dati personali che lo riguardano ed eventualmente procedere alla rettifica, aggiornamento o, comunque, modifica dei dati nel corso del trattamento. Il Titolare non può considerarsi tenuto ad altra prestazione oltre alla puntuale e corretta applicazione degli standard di sicurezza imposti dalla normativa in vigore, con particolare riferimento all´adozione delle misure di sicurezza in conformità di quanto previsto dagli artt. 33-36 del Codice e dal Disciplinare Tecnico di cui all´Allegato B.

5. Conservazione dei dati - durata e aggiornamento
5.1 A seguito di controlli periodici,il Giornale verificherà la stretta pertinenza e la non eccedenza dei dati raccolti rispetto agli obblighi ed alle finalità del trattamento posto in essere, per quanto riguarda i dati che rivelano le opinioni e le intime convinzioni.
5.2 Ad eccezione dei dati di navigazione che non vengono conservati oltre una settimana dalla raccolta, gli altri dati verranno conservati in coerenza con lo scopo per il quale sono stati conferiti e comunque nel rispetto della normativa vigente.
5.3 Nel rispetto di quanto previsto dall´art. 11, co. 1, lett. c) Codice, i dati personali saranno aggiornati in seguito alla segnalazione dell´Interessato, in congruità con quanto previsto dall´art. 7, co. 3, lett. a) Codice.

6. Comunicazione e diffusione
6.1 il Giornale non procederà alla comunicazione diretta a terzi dei dati personali raccolti tramite il sito.
6.2 I dati relativi alla navigazione non verranno, in nessun caso, diffusi o comunicati. E´ fatta salva la eventuale comunicazione alle Autorità competenti in relazione alle attività necessarie all´accertamento e alla repressione dei reati.
6.3 I dati personali forniti dagli utenti, che inoltrano richieste di informazioni ai diversi indirizzi di posta elettronica presenti sul Sito, non sono comunicati a terzi.
6.4 Nell´ambito delle finalità indicate nella presente informativa, qualora sia necessario comunicare i dati a soggetti diversi dal Titolare, quest´ultimo provvederà alla designazione degli stessi quali Responsabili del trattamento.

7. Diritti dell´Interessato
7.1 Al Titolare del trattamento potranno essere inoltrate le richieste di cui all´art. 7 del Codice "Diritti dell´interessato", ossia, in particolare il diritto di:
- ottenere dal Titolare la conferma dell´esistenza di dati personali che lo riguardano e la comunicazione dei medesimi in forma intelligibile;
- conoscere l´origine dei dati, la logica e le finalità su cui si basa il loro trattamento;
- conoscere gli estremi identificativi dei Responsabili del trattamento e delle categorie di soggetti ai quali i dati possono essere comunicati o che possono venirne a conoscenza in qualità di Responsabili o Incaricati;
- ottenere la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati trattati in violazione della legge, come l´aggiornamento, la rettificazione o, qualora l´interessato vi abbia interesse, l´integrazione dei dati medesimi;
- opporsi in tutto o in parte, per motivi legittimi, al trattamento dei dati personali che lo riguardano ancorché pertinenti allo scopo della raccolta;
- opporsi in tutto o in parte al trattamento previsto ai fini di informazione commerciale o di invio di materiale pubblicitario.
Qualora, a seguito della richiesta di cui all´art. 7 del Codice non risulti confermata l´esistenza di dati che riguardano l´Interessato, potrà essere richiesto a quest´ultimo un contributo spese, comunque non superiore a Euro 10,00.

Le richieste dovranno essere rivolte ai Direttori del Giornale, Responsabili per le richieste ex art. 7, al seguente indirizzo e-mail:
info@rivoluzionedemocratica.it

Si prega di indicare nell´oggetto della comunicazione: "Richiesta ex art. 7 D. Lgs. 30 giugno 2003, n. 196 - Codice in materia di protezione dei dati personali".

8. Titolare ed elenco dei Responsabili del trattamento
Titolare del trattamento dei dati è il giornale on line "LA RIVOLUZIONE DEMOCRATICA" con sede a FIRENZE, mail: info@rivoluzionedemocratica.it
L´elenco aggiornato contenente i nominativi e i recapiti dei Responsabili è disponibile presso la sede del Titolare.
torna indietro leggi Informativa  obbligatorio