20 Maggio 2022

"LA LEGA DEI SOCIALISTI"

22-09-2020 - CRONACHE SOCIALISTE













Franco Bassanini
Tristano Codignola



L'esplosione correntizia verificatasi nel PSI nei primi anni '70 del Novecento ben presto' partorí due frutti avvelenati.
Da un lato ebbe inizio la trasformazione delle correnti ideali in „cordate“, sorte attorno al nome di qualche prestigioso dirigente nazionale; le quali, in periferia, presero pero' a gareggiare, senza andare troppo per il sottile, per la conquista del potere all'interno del partito, da cui partire per la conquista del potere pubblico; ne vennero fuori il gonfiamento del tesseramento e i cosiddetti signori delle tessere, che facevano il bello e il cattivo tempo nelle sezioni e nelle federazioni, con la conseguenza dello svuotamento di poteri dei legittimi organi di partito e l'allontanamento dalla militanza attiva della parte piú politicizzata degli iscritti.
Dall'altro si accentuo' la tradizionale carenza organizzativa del partito, accompagnata da una confusione di linguaggi e di proposte politiche poco rassicuranti per l'elettorato.
Ne consegui' l'inaspettata batosta elettorale nelle elezioni politiche del 20-21 giugno 1976 (9,64 % alla Camera).
Questo „allarme rosso“ porto' i „quarantenni“ del PSI a giubilare il segretario del partito Francesco De Martino e, attraverso anche un'inedita convergenza tra la „destra“ autonomista e la „sinistra“ socialista, a chiamare all'alta carica Bettino Craxi (1).
Gli anni del craxismo restituirono al PSI grinta , orgoglio e presenza politica, e tutti divennero craxiani, piú precisamente „riformisti“, dal nome assunto dal correntone del segretario, dopo aver inglobato i gruppi che si richiamavano alle posizioni di Gianni De Michelis e a quelle di Enrico Manca.
Ma le correnti, di fatto, nel territorio non scomparvero, divenendo „gruppi“, al seguito di ras locali che si contendevano il potere nelle federazioni, in cui liberamente scorazzavano, pur rimanendo, a livello nazionale, tutti o quasi, nella maggioranza craxiana.
L'iniziale „alternativa socialista“, meta ultima e condivisa dell'azione politica del PSI, nell'immediato cedette il posto ad una specie di centro-sinistra allargato, il pentapartito (2).
La linea cosiddetta della „governabilitá“ porto', ancora di piú di quanto avvenuto col primo centro-sinistra, ad una consolidata presenza del PSI nel potere nazionale, e ad una dilagante partecipazione a quello locale, dove il PSI poteva fare alleanze sia di centro-sinistra (di pentapartito) sia di sinistra (col PCI e altri). Quello che qualche malizioso critico chiamerá il partito degli assessori attiro' di conseguenza nelle sue file nugoli di borghesia rampante, che finiranno col mutare notevolmente la tradizionale composizione della base socialista.
Dall'anarchia correntizia si passo' dunque al potere „aristocratico“ dei leader nazionali e infine all'autocrazia politica. Il culmine di questo nuovo assetto del PSI fu raggiunto nel XLII congresso (Palermo, 22-26 aprile 1981), che approvo', su proposta di Claudio Martelli, la modifica statutaria che comportava l'elezione diretta del segretario nazionale da parte del congresso.
Tale nuova procedura se, da un lato, svincolava il segretario dai condizionamenti di correnti, componenti e gruppi, dall'altro concentrava nelle sue mani poteri molto vasti, assai poco bilanciati da organi dirigenti sempre piú affollati e percio' svuotati di autorevolezza e ricchi, invece, come fu detto, di nani e ballerine.
A risentirne fu anzitutto la tensione ideale e il libero confronto, tradizionali nella lunga storia del PSI.
Tutto questo non fu supinamente accettato da alcuni militanti, particolarmente sensibili alle problematiche di costume.
Il 4 ottobre 1981 venne pubblicato (3) un „Appello ai socialisti“, firmato da Tristano Codignola (4) ed altri (5):

Per la sua collocazione, la sua rappresentanza, la sua storia, il PSI deve assolvere un particolare impegno: quello di proporre un modo di fare politica capace di restituire, soprattutto ai giovani, fiducia nella democrazia, speranza in un mondo migliore. Condizione di cio' é che morale politica e morale comune non divergano. […].

Dopo aver criticato la gestione del partito e posto l'accento sull'importanza della questione morale, i firmatari lamentavano il clima che, a loro dire, aleggiava nel PSI:

E' di pari gravitá il fatto che é ormai impossibile nel partito, per i dissenzienti dalla linea della maggioranza, svolgere qualsiasi attivitá politica. Il verticismo assoluto della gestione é giunto al punto che gli organi del partito sono del tutto esautorati.

Essi cosí spiegavano il senso politico della loro iniziativa:

Questo appello si rivolge a tutti i socialisti perché escano dallo stato di rassegnazione in cui versano e sostengano le iniziative volte a costruire una forza socialista indispensabile per la realizzazione dell'alternativa democratica e di sinistra.

Lo stesso 4 ottobre 1981, l'organo del PSI Avanti! diede la notizia di una conferenza stampa del giorno precedente, tenuta dal consigliere regionale lombardo Elio Veltri:

Elio Veltri, consigliere regionale della Lombardia, ha annunciato ieri con una conferenza stampa la sua uscita dal partito socialista. Quindi Veltri stesso e un altro gruppo di firmatari hanno diffuso un „appello“ contro la politica e la conduzione del PSI. Tra i firmatari sono compresi, insieme a un deputato, l'on. Bassanini, anche uomini che da tempo non risultano iscritti al partito. Si tratta di una somma di casi personali, ai quali riesce difficile, nonostante l'appello elaborato, dare un significato politico comune. Si tratta anche, in alcuni casi, di persone che, per i loro comportamenti pubblici, giá si sono da tempo, di fatto, posti al di fuori del partito.

Il giornale socialista comunicava, inoltre, che la corrente di „Sinistra per l'alternativa“, guidata da Michele Achilli, aveva riconfermato la scelta di continuare la sua battaglia all'interno del PSI.
Successivamente l'Ufficio Stampa del PSI rincaro' la dose con un comunicato in cui si diceva che le iniziative di piccoli trafficanti e girovaghi della politica, mescolate a piú rispettabili frustrazioni prevalentemente senili, non avrebbero nessunissima eco politica se in realtá non fossero uno dei tanti veicoli della campagna offensiva in atto contro il PSI.
Dopo aver rilevato che la campagna offensiva contro il PSI si era sviluppata fin dal congresso di Palermo e dopo i successi elettorali (6), la nota cosí si avvio'a conclusione: Chi con le aggressioni di varia natura, occasionali o premeditate, pensa di sbarrare la strada, sottovaluta molte cose e in primo luogo sottovaluta la forza che ci deriva dalla linearitá della nostra impostazione politica, la forza e la determinazione che nascono dall'unitá sostanziale del PSI e del suo gruppo dirigente, nella libertá delle idee e nella adozione democratica delle decisioni (7).
Nello stesso articolo il giornale riporto' pure la notizia che alcuni firmatari dell'“Appello“ (Antonio Greppi (8), Guido Fubini, Renato Macro, Mirella Venturini, Enzo Funaro) avevano dichiarato di non avere alcuna intenzione di lasciare il PSI (9).
Successivamente la parola passo' alla Commissione Centrale di Controllo (CCC) del PSI, che rilevo' come, fra i firmatari dell'appello, i compagni Bassanini, Codignola, Enriques Agnoletti, Ballardini, Cozza, Ferrara, Luzzatto, Magno, Fedeli, invitati a chiarire la loro posizione, eventualmente smentendo i propositi scissionisti loro attribuiti, non lo abbiano fatto e che taluno di essi, giá protagonista di ripetuti atti di indisciplina, di deliberato assenteismo, di sistematica e sleale inosservanza degli orientamenti e delle direttive degli organi di partito, continua a mostrare attraverso pubbliche dichiarazioni una pervicace volontá di contrapposizione nei confronti del partito (10).
Di conseguenza la CCC , sottolineando la necessitá di evitare in modo rigoroso coincidenze obiettive fra prese di posizione pubbliche di iscritti al partito e le campagne denigratorie in atto contro il PSI per arrestarne la crescita politica, nel riscontrare che i comportamenti dei su menzionati compagni, palesando la evidente volontá di recidere il loro legame statutario del partito, delibera di prendere atto – a tutti gli effetti – che essi hanno cessato il loro rapporto di militanza nel Partito Socialista.
Nel deliberato si riteneva, infine, che il deputato Bassanini e il consigliere regionale lombardo Veltri avessero il dovere morale di restituire il mandato affidato loro dagli elettori socialisti nelle liste socialiste (11).
La deliberazione della CCC del PSI, suscito' vari commenti all'interno del partito. Riccardo Lombardi, fra l'altro, disse: La decisione della CCC del PSI, sotto la finzione di una presa d'atto di dimissioni, é invece un vero e proprio atto di espulsione di compagni che avevano espresso critiche, condivisibili o no, ma legittime, alla linea politica e ai comportamenti degli organi dirigenti del partito. Inoltre egli giudico' i provvedimenti non coerenti con la lunga tradizione di tolleranza del dissenso, che ha costituito sempre una caratteristica del PSI.
Il presidente della CCC, Antonio Natali, preciso': Tengo a precisare che a questi compagni é stato chiesto esplicitamente, di fronte alle notizie di stampa che preannunciavano una loro scissione, se essi intendevano o meno smentire l'intenzione di lasciare il Partito. Alcuni di loro hanno risposto che non intendevano lasciare il Partito, altri che non smentivano questa ipotesi, altri ancora non hanno neppure risposto all'invito della CCC. Al di lá dei giudizi sulle posizioni politiche e polemiche che hanno contraddistinto le dichiarazioni pubbliche di questi compagni, rimane il fatto che il Partito non poteva consentire che si continuasse a predicare una eventuale scissione, che si preannunciassero collegamenti con altri partiti e movimenti. Pertanto la decisione presa, di considerare a tutti gli effetti fuori del Partito questi iscritti, deriva dalla necessitá di una elementare difesa della integritá del Partito (12).
Sull'Avanti! del 10 ottobre 1981 apparve il seguente comunicato della CCC: La presidenza della CCC informa che il compagno Michele Cozza ha inviato una lettera con la quale manifesta la sua volontá di rimanere nel partito. La presidenza della CCC ne prende atto con piacere e considera quindi il compagno Michele Cozza iscritto al partito a tutti gli effetti. La presidenza della CCC informa anche che il nome Magno citato nella delibera del 7 corrente è in realtá scritto Pompeo Rocco.

Dopo la formale presa d'atto delle deliberazioni della CCC, ma sostanziale loro espulsione, i dissidenti, per nulla scoraggiati, decisero di dar vita ad una nuova formazione politica, denominata Lega dei Socialisti, il cui “Comitato provvisorio di coordinamento” (13), il 15 ottobre 1981, pubblico' (14) il “Manifesto della Lega dei Socialisti”, con il seguente lungo titolo:
E' l'ora di abbandonare le fila della rassegnazione e dell'attesa per recuperare la sinistra sommersa, dispersa e tradita alle speranze e all'orgoglio di una democratica lotta per il socialismo.
I propositi dei firmatari erano chiari, anche se ambiziosi: Rifiutando l'acquiescenza, vogliamo recuperare le speranze e l'orgoglio della lotta per il socialismo e ridare fiducia ai tanti compagni le cui aspirazioni sono state troppe volte avvilite o tradite.
Essi ritenevano che la politica della “governabilitá” aveva comportato la rinuncia alla strategia dell'alternativa e uno spostamento del PSI nell'area moderata. Ne derivava lo sradicamento del Partito dalla sua tradizione e l'acquisizione dell'ideologia del pragmatismo che svincolano il Partito dai suoi riferimenti ideali e progettuali.
Una vera lotta per il socialismo, continuava il documento, è invece fatta di contenuti, di valori, di obiettivi che modificano l'esistenza degli uomini; percio' puo' far nascere speranze ed azioni, costruire schieramenti forti ed estesi, promuovere l'intelligenza progettuale delle masse.
In quel momento storico i contenuti di tale lotta venivano individuati nella risoluzione di urgenti problemi: la questione morale, quella istituzionale, la crisi economica, la partecipazione politica, la lotta per la pace, contro la fame e il sottosviluppo.
Il “Manifesto” della Lega dei Socialisti si concludeva con un appassionato appello:
Ci rivolgiamo ai socialisti iscritti al PSI ed ai tanti che ne sono fuori, alle forze sparse, ma attive che operano nella societá, nelle istituzioni, nel sindacato: alla sinistra sommersa e alla sinistra dispersa. Non intendiamo fondare un nuovo partito. Proponiamo di formare, dovunque possibile, “leghe socialiste”. Poniamo, in prospettiva, il problema della rifondazione della sinistra. Proponiamo di realizzare, ad ogni livello, incontri, iniziative comuni, circoli unitari e accordi federativi con le altre forze della sinistra, per dare con maggiore efficacia il nostro originale contributo di socialisti alla costruzione dell'alternativa democratica di sinistra.
Tutto questo comporterá per ciascuno un impegno certamente preferibile all'inerzia senza speranza.
Il movimento era tuttavia strettamente legato all'instancabile tenacia del suo leader Tristano Codignola. Sicché, quando questi improvvisamente morí, il 12 dicembre 1981, a Bologna, dove si trovava per una riunione della locale Lega, anche il movimento da lui guidato, ancora in formazione, rapidamente si disperse.
Alcuni dei suoi esponenti li ritroveremo, qualche anno dopo, nei gruppi della Sinistra Indipendente eletti nel 1983: al Senato il costituzionalista e docente universitario Gianni Ferrara (n. 1929) e, alla Camera Enzo Enriques Agnoletti (1909-1983), ex partigiano di formazione liberalsocialista e direttore della rivista Il Ponte e il docente universitario di Diritto Costituzionale, nonché deputato, Franco Bassanini (n. 1940), giá membro del Comitato Centrale e della Direzione del PSI (1978-1981).
Deputato dal 1979 al 1996 e senatore dal 1996 al 2006, Bassanini sará anche ministro della Funzione Pubblica. In questo ruolo sará conosciuto dal grande pubblico per l'impulso dato all'utilizzazione di massa dell'autocertificazione.

---

  1. Craxi fu eletto segretario del PSI nella riunione della Direzione del partito del 16-7-1976, con 23 voti a favore e 8 astenuti.
  2. Alleanza politica fra DC, PSI, PSDI, PRI, PLI.
  3. L' „Appello ai socialisti“ venne pubblicato sul quotidiano La Repubblica del 4-10-1981.
  4. Tristano Codignola (1913.1981), coscienza critica del socialismo italiano di alto profilo morale e intellettuale, ex azionista, era stato vicesegretario del PSI (1970-72) e responsabile del settore scuola. A lui sostanzialmente si devono l'istituzione degli asili statali e la scuola media unica.
  5. Firmatari dell' „Appello ai socialisti“ erano Gianfranco Amendola, Renato Ballardini, Franco Bassanini, Tristano Codignola, Michele Cozza, Enzo Enriques Agnoletti, Franco Fedeli, Giovanni Ferrara, Guido Fubini, Renzo Funaro, Antonio Greppi, Paolo Leon, Giunio Luzzatto, Renato Macro, Rocco Pompeo, Elio Veltri, Mirella Venturini.
  6. Il riferimento è probabilmente alle elezioni amministrative del 21-22/6/1981.
  7. In Avanti! del 6-10-1981.
  8. Giá sindaco di Milano all'indomani della Liberazione.
  9. In Avanti! del 6-10-1981.
  10. In Avanti! dell'8-10-1981. Gli altri – si precisava nell'articolo – o risultavano non iscritti al partito oppure avevano smentito i propositi scissionisti loro attribuiti.
  11. L'intero deliberato della CCC del PSI in Avanti! dell' 8-10-1981.
  12. I commenti sulla decisione della CCC del PSI in Avanti! del 9-10-1981.
  13. Esso era composta da: Gianfranco Amendola, Renato Ballardini, Franco Bassanini, Virgilio Bertini, Francesco Chioccon, Tristano Codignola, Michele Cairo, Maria Corda Costa, Enzo Enriquez Agnoletti, Franco Fedeli, Gianni Ferrara, Luigi Fiasconaro, , Oreste Flamini-Minuto, Guido Fubini, Tina Lagostena Bassi, Carlo Lavagna, Paolo Leon, Giunio Luzzatto, Fernando Pinto, Rocco Pompeo, Elio Veltri, Mirella Venturini, Gianfranco Viglietta, Agostino Viviani.
    Coordinatore Nazionale fu eletto Rocco Pompeo, docente di Storia e Filosofia, fondatore e direttore (1981-1988) di Lega dei Socialisti, mensile di informazione e documentazione politica.
  14. Tale Manifesto fu pubblicato da Sinistra Unita.


Fonte: di FERDINANDO LEONZIO
Link
[]
L'AVVENIRE DEI LAVORATORI
Periodico socialista fondato 1897.
[]
IL PONTE RIVISTA
Rivista di politica economica e cultura
fondata da Calamandrei
[]
BIBLION EDITORE
Biblion Edizioni, storica casa editrice.
[]
CRITICA LIBERALE - NON MOLLARE
"NON MOLLARE"
Quindicinale on line di Critica Liberale,
la voce del liberalismo progressista in Italia.





Nuova Serie
"La Rivoluzione Democratica"
1, MARZO 2017
Associazione Alleanza Giellista
[]

Realizzazione siti web www.sitoper.it
invia a un amico
icona per chiudere
Attenzione!
Non puoi effettuare più di 10 invii al giorno.
Privacy Policy per www.rivoluzionedemocratica.it
Il sito web www.rivoluzionedemocratica.it raccoglie alcuni dati personali degli utenti che navigano sul sito web.

In accordo con l'impegno e l'attenzione che poniamo ai dati personali e in accordo agli artt. 13 e 14 del EU GDPR, www.rivoluzionedemocratica.it fornisce informazioni su modalità, finalità, ambito di comunicazione e diffusione dei dati personali e diritti degli utenti.

Titolare del trattamento dei dati personali
La Rivoluzione Democratica
Via Circondaria, 56
55045 - Firenze Italia


Email: info @rivoluzionedemocratica.it
Telefono: 3934324237

Tipi di dati acquisiti
www.rivoluzionedemocratica.it raccoglie dati degli utenti direttamente o tramite terze parti. Le tipologie di dati raccolti sono: dati tecnici di navigazione, dati di utilizzo, email, nome, cognome, numero di telefono, provincia, nazione, cap, città, indirizzo, ragione sociale, stato, cookie e altre varie tipologie di dati. Maggiori dettagli sui dati raccolti vengono forniti nelle sezioni successive di questa stessa informativa.
I dati personali sono forniti deliberatamente dall'utente tramite la compilazione di form, oppure, nel caso di dati di utilizzo, come ad esempio i dati relativi alle statistiche di navigazione, sono raccolti automaticamente navigando sulle pagine di www.rivoluzionedemocratica.it.

I dati richiesti dai form sono divisi tra obbligatori e facoltativi; su ciascun form saranno indicate distintamente le due tipologie. Nel caso in cui l'utente preferisca non comunicare dati obbligatori, www.rivoluzionedemocratica.it si riserva il diritto di non fornire il servizio. Nel caso in cui l'utente preferisca non comunicare dati facoltativi, il servizio sarà fornito ugualmente da www.rivoluzionedemocratica.it .

www.rivoluzionedemocratica.it utilizza strumenti di statistica per il tracciamento della navigazione degli utenti, l'analisi avviene tramite log. Non utilizza direttamente cookie ma può utilizzare cookie includendo servizi di terzi.

Ciascun utilizzo di cookie viene dettagliato nella Cookie Policy (https://www.rivoluzionedemocratica.it/Informativa-sui-cookies.htm) e successivamente in questa stessa informativa.
L'utente che comunichi, pubblichi, diffonda, condivida o ottenga dati personali di terzi tramite www.rivoluzionedemocratica.it si assume la completa responsabilità degli stessi. L'utente libera il titolare del sito web da qualsiasi responsabilità diretta e verso terzi, garantendo di avere il diritto alla comunicazione, pubblicazione, diffusione degli stessi. www.rivoluzionedemocratica.it non fornisce servizi a minori di 18 anni. In caso di richieste effettuate per minori deve essere il genitore, o chi detiene la patria potestà, a compilare le richieste dati.

Modalità, luoghi e tempi del trattamento dei dati acquisiti
Modalità di trattamento dei dati acquisiti
Il titolare ha progettato un sistema informatico opportuno a garantire misure di sicurezza ritenute adatte ad impedire l'accesso, la divulgazione, la modifica o la cancellazione non autorizzata di dati personali. Lo stesso sistema effettua copie giornaliere, ritenute sufficientemente adeguate in base alla importanza dei dati contenuti.

L'utente ha diritto a ottenere informazioni in merito alle misure di sicurezza adottate dal titolare per proteggere i dati.

Accessi ai dati oltre al titolare
Hanno accesso ai dati personali raccolti da www.rivoluzionedemocratica.it il personale interno (quale ad esempio amministrativo, commerciale, marketing, legale, amministratori di sistema) e/o soggetti esterni (quali ad esempio fornitori di servizi informatici terzi, webfarm, agenzie di comunicazione, fornitori di servizi complementari). Se necessario tali strutture sono nominate dal titolare responsabili del trattamento.

L'utente può richiedere in qualsiasi momento al titolare del trattamento, l'elenco aggiornato dei responsabili del trattamento.

Comunicazione di eventuali accessi indesiderati al Garante della Privacy
Il suddetto sistema informatico è monitorato e controllato giornalmente da tecnici e sistemisti. Ciò non toglie che, anche se ritenuta possibilità remota, ci possa essere un accesso indesiderato. Nel caso in cui questo si verifichi il titolare si impegna, come da GDPR ad effettuarne comunicazione al Garante della Privacy entro i termini previsti dalla legge.

Luoghi di mantenimento dei dati acquisiti
I dati personali sono mantenuti e trattati nelle sedi operative e amministrative del titolare, nonché nelle webfarm dove risiedono i server che ospitano il sito web www.rivoluzionedemocratica.it, o sui server che ne effettuano le copie di sicurezza. I dati personali dell'utente possono risiedere in Italia, Germania e Olanda, comunque in nazioni della Comunità Europea. I dati personali dell'utente non vengono mai portati o copiati fuori dal territorio europeo.

Tempi di mantenimento dei dati acquisiti
Nel caso di dati acquisiti per fornire un servizio all'utente, (sia per un servizio acquistato che in prova) i dati vengono conservati per 24 mesi successivi al completamento del servizio. Oppure fino a quando non ne venga revocato il consenso.

Nel caso in cui il titolare fosse obbligato a conservare i dati personali in ottemperanza di un obbligo di legge o per ordine di autorità, il titolare può conservare i dati per un tempo maggiore, necessario agli obblighi.

Al termine del periodo di conservazione i dati personali saranno cancellati. Dopo il termine, non sarà più possibile accedere ai propri dati, richiederne la cancellazione e la portabilità.

Base giuridica del trattamento dei dati acquisiti
Il titolare acquisisce dati personali degli utenti nei casi sotto descritti.
Il trattamento si rende necessario:
- se l'utente ha deliberatamente accettato il trattamento per una o più finalità;
- per fornire un preventivo all'utente;
- per fornire un contratto all'utente;
- per fornire un servizio all'utente;
- perché il titolare possa adempiere ad un obbligo di legge;
- perché il titolare possa adempiere ad un compito di interesse pubblico;
- perché il titolare possa adempiere ad un esercizio di pubblici poteri;
- perché il titolare o terzi possano perseguire i propri legittimi interessi.

L'utente può richiedere in qualsiasi momento al titolare del trattamento, chiarimenti sulla base giuridica di ciascun trattamento.

Finalità del trattamento dei dati acquisiti
I dati dell'utente sono raccolti dal titolare per le seguenti finalità:

- richiesta informazione da parte dell'utente
- richiesta informazione per servizi
- invio di aggiornamenti
- invio informazioni generiche
- richiesta di contatto da parte dei clienti, per ricevere informazioni

Eventualmente i dati possono essere trattati anche per:
contattare l'utente, statistiche, analisi dei comportamenti degli utenti e registrazione sessioni, visualizzazione contenuti e interazione di applicazioni esterne, protezione dallo spam, gestione dei pagamenti, interazione con social network, pubblicità.

L'utente può richiedere in qualsiasi momento al titolare del trattamento, chiarimenti sulle finalità di ciascun trattamento.

Dettagli specifici sull'acquisizione e uso dei dati personali
Per contattare l'utente
Moduli di contatto
L'utente può compilare il/i moduli di contatto/richiesta informazioni, inserendo i propri dati e acconsentendo al loro uso per rispondere alle richieste di natura indicata nella intestazione del modulo.
Dati personali che potrebbero essere raccolti: CAP, città, cognome, email, indirizzo, nazione, nome, numero di telefono, provincia, ragione sociale.

Per interazione con applicazioni esterne (anche social network)
www.rivoluzionedemocratica.it include nelle sue pagine plugin e/o pulsanti per interagire con i social network e/o applicazioni esterne.
Per quanto riguarda i social network, anche se l'utente non utilizza il servizio presente sulla pagina web, è possibile che il servizio acquisisca dati di traffico.

I dati acquisiti e l'utilizzo degli stessi da parte di servizi terzi sono regolamentati dalle rispettive Privacy Policy alle quali si prega di fare riferimento.

Facebook: Pulsante "Mi piace" e widget sociali
Fornitore del servizio: Facebook, Inc.
Finalità del servizio: interazione con il social network Facebook
Dati personali raccolti: cookie, dati di utilizzo
Luogo del trattamento: Stati Uniti
Privacy Policy (https://www.facebook.com/about/privacy/update)
Cookie utilizzati (https://www.facebook.com/about/privacy/cookies)
Aderente al Privacy Shield

Twitter: Pulsante "Tweet" e widget sociali
Fornitore del servizio: Twitter, Inc.
Finalità del servizio: interazione con il social network Twitter
Dati personali raccolti: cookie, dati di utilizzo
Luogo del trattamento: Stati Uniti
Privacy Policy (https://twitter.com/privacy)
Cookie utilizzati (https://help.twitter.com/it/rules-and-policies/twitter-cookies)
Aderente al Privacy Shield

Whatsapp: Pulsante Whatsapp e widget sociali di Whatsapp
Fornitore del servizio: se l'utente risiede nella Regione Europea, WhatsApp Ireland Limited, se l'utente risiede al di fuori della Regione Europea, i Servizi vengono forniti da WhatsApp LLC.
Finalità del servizio: servizi di interazione con Whatsapp.
Dati personali raccolti: cookie, dati di utilizzo
Luogo del trattamento: Irlanda, le informazioni potrebbero essere trasferite o trasmesse o archiviate e trattate negli Stati Uniti o in altri Paesi terzi al di fuori di quello in cui l'utente risiede.
Privacy Policy (https://www.whatsapp.com/legal/privacy-policy-eea)
Aderente al Privacy Shield

Per protezione da spam
Questi servizi acquisiscono dati dagli utenti e tramite varie logiche distinguono il traffico di utenti reali da quello di potenziali minacce di spam.

I dati acquisiti e l'utilizzo degli stessi da parte di servizi terzi sono regolamentati dalle rispettive Privacy Policy alle quali si prega di fare riferimento.

Google reCAPTCHA
Fornitore del servizio: Google, Inc.
Finalità del servizio: servizio di protezione da spam
Dati personali raccolti: cookie, dati di utilizzo
Luogo del trattamento: Stati Uniti
Privacy Policy (https://policies.google.com/privacy?hl=it)
Cookie utilizzati (https://policies.google.com/technologies/types?hl=it)
Aderente al Privacy Shield

Per statistiche
Questi servizi sono utilizzati dal titolare del trattamento per analizzare il traffico effettuato dagli utenti sul sito web www.rivoluzionedemocratica.it.

I dati acquisiti e l'utilizzo degli stessi da parte di servizi terzi sono regolamentati dalle rispettive Privacy Policy alle quali si prega di fare riferimento.

Google Analytics
Fornitore del servizio: Google, Inc.
Finalità del servizio: servizio di analisi web fornito. Questo servizio raccoglie i dati personali dell'utente per monitorare e analizzare l'utilizzo del sito web www.rivoluzionedemocratica.it, generare report e utilizzarli anche per gli altri servizi di Google. Google può usare i dati raccolti per personalizzare i propri annunci pubblicitari.
Dati personali raccolti: cookie, dati di utilizzo
Luogo del trattamento: Stati Uniti
Privacy Policy (https://policies.google.com/privacy?hl=it)
Opt-Out (https://tools.google.com/dlpage/gaoptout?hl=it)
Aderente al Privacy Shield

Per visualizzare contenuti da siti web esterni
Questi servizi sono utilizzati per visualizzare sulle pagine del sito web contenuti esterni al sito web, con possibilità di interazione.
Anche se l'utente non utilizza il servizio presente sulla pagina web, è possibile che il servizio acquisisca dati di traffico.

I dati acquisiti e l'utilizzo degli stessi da parte di servizi terzi sono regolamentati dalle rispettive Privacy Policy alle quali si prega di fare riferimento.

Google Fonts
Fornitore del servizio: Google, Inc.
Finalità del servizio: servizio per visualizzare caratteri (fonts) esterni sul proprio sito web
Dati personali raccolti: tipologie di dati secondo quanto specificato dalla privacy policy del servizio
Luogo del trattamento: Stati Uniti
Privacy Policy (https://policies.google.com/privacy?hl=it)
Aderente al Privacy Shield

Diritti dell'interessato
L'utente possiede tutti i diritti previsti dall'art. 12 del EU GDPR, il diritto di controllare, modificare e integrare (rettificare), cancellare i propri dati personali accedendo alla propria area riservata. Una volta cancellati tutti i dati, viene chiuso l'account di accesso all'area riservata.

Nello specifico ha il diritto di:
- sapere se il titolare detiene dati personali relativi all'utente (art. 15 Diritto all'accesso);
- modificare o integrare (rettificare) i dati personali inesatti o incompleti (Art. 16 Diritto di rettifica);
- richiedere la cancellazione di uno o parte dei dati personali mantenuti se sussiste uno dei motivi previsti dal GDPR (Diritto alla Cancellazione, 17);
- limitare il trattamento solo a parte dei dati personali, o revocarne completamente il consenso al trattamento, se sussiste uno dei motivi previsti dal Regolamento (Art. 18 Diritto alla limitazione del trattamento);
- ricevere copia di tutti i dati personali in possesso del titolare, in formato di uso comune organizzato, e leggibili anche da dispositivo automatico (Art. 20, Diritto alla Portabilità);
- opporsi in tutto o in parte al trattamento dei dati per finalità di marketing, ad esempio opporsi e ricevere offerte pubblicitarie (art. 21 Diritto di opposizione). Si fa presente agli utenti che possono opporsi al trattamento dei dati utilizzati per scopo pubblicitario, senza fornire alcuna motivazione;
- opporsi al trattamento dei dati in modalità automatica o meno per finalità di profilazione (c.d. Consenso).

Come un utente può esercitare i propri diritti
L'utente può esercitare i propri diritti sopra esposti comunicandone richiesta al titolare del trattamento La Rivoluzione Democratica ai seguenti recapiti: info@rivoluzionedemocratica.it; tel. 3312300680.

La richiesta di esercitare un proprio diritto non ha nessun costo. Il titolare si impegna ad evadere le richieste nel minor tempo possibile, e comunque entro un mese.

L'utente ha il diritto di proporre reclamo all'Autorità Garante per la Protezione dei dati Personali. Recapiti: garante@gpdp.it, http://www.gpdp.it (http://www.gpdp.it).

Cookie Policy
Informazioni aggiuntive sul trattamento dei dati
Difesa in giudizio
Nel caso di ricorso al tribunale per abuso da parte dell'utente nell'utilizzo di www.rivoluzionedemocratica.it o dei servizi a esso collegati, il titolare ha la facoltà di rivelare i dati personali dell'utente. È inoltre obbligato a fornire i suddetti dati su richiesta delle autorità pubbliche.

Richiesta di informative specifiche
L'utente ha diritto di richiedere a www.rivoluzionedemocratica.it informative specifiche sui servizi presenti sul sito web e/o la raccolta e l'utilizzo dei dati personali.

Raccolta dati per log di sistema e manutenzione
www.rivoluzionedemocratica.it e/o i servizi di terze parti (se presenti) possono raccogliere i dati personali dell'utente, come ad esempio l'indirizzo IP, sotto forma di log di sistema. La raccolta di questi dati è legata al funzionamento e alla manutenzione del sito web.

Informazioni non contenute in questa policy
L'utente ha diritto di richiedere in ogni momento al titolare del trattamento dei dati le informazioni aggiuntive non presenti in questa Policy riguardanti il trattamento dei dati personali. Il titolare potrà essere contattato tramite gli estremi di contatto.

Supporto per le richieste "Do Not Track"
Le richieste  "Do Not Track" non sono supportate da www.rivoluzionedemocratica.it.
L'utente è invitato a consultare le Privacy Policy dei servizi terzi sopra elencati per scoprire quali supportano questo tipo di richieste.

Modifiche a questa Privacy Policy
Il titolare ha il diritto di modificare questo documento avvisando gli utenti su questa stessa pagina oppure, se previsto, tramite i contatti di cui è in possesso. L'utente è quindi invitato a consultare periodicamente questa pagina. Per conferma sull'effettiva modifica consultare la data di ultima modifica indicata in fondo alla pagina.
Il titolare si occuperà di raccogliere nuovamente il consenso degli utenti nel caso in cui le modifiche a questo documento riguardino trattamenti di dati per i quali è necessario il consenso.

Definizioni e riferimenti legali
Dati personali (o dati, o dati dell'utente)
Sono dati personali le informazioni che identificano o rendono identificabile, direttamente o indirettamente, una persona fisica e che possono fornire informazioni sulle sue caratteristiche, le sue abitudini, il suo stile di vita, le sue relazioni personali, il suo stato di salute, la sua situazione economica, ecc.

Fonte: sito web del Garante della Privacy (http://www.garanteprivacy.it).

Dati di utilizzo
Sono dati di utilizzo le informazioni che vengono raccolte in automatico durante la navigazione di www.rivoluzionedemocratica.it, sia da sito web stesso che dalle applicazioni di terzi incluse nel sito. Sono esempi di dati di utilizzo l'indirizzo IP e i dettagli del dispositivo e del browser (compresi la localizzazione geografica) che l'utente utilizza per navigare sul sito, le pagine visualizzate e la durata della permanenza dell'utente sulle singole pagine.

Utente
Il soggetto che fa uso del sito web www.rivoluzionedemocratica.it.
Coincide con l'interessato, salvo dove diversamente specificato.

Interessato
Interessato è la persona fisica al quale si riferiscono i dati personali. Quindi, se un trattamento riguarda, ad esempio, l'indirizzo, il codice fiscale, ecc. di Mario Rossi, questa persona è l'interessato (articolo 4, paragrafo 1, punto 1), del Regolamento UE 2016/679 (http://www.garanteprivacy.it/regolamentoue).

Fonte: sito web del Garante della Privacy (http://www.garanteprivacy.it).

Responsabile del trattamento (o responsabile)
Responsabile è la persona fisica o giuridica al quale il titolare affida, anche all'esterno della sua struttura organizzativa, specifici e definiti compiti di gestione e controllo per suo conto del trattamento dei dati (articolo 4, paragrafo 1, punto 8), del Regolamento UE 2016/679 (http://www.garanteprivacy.it/regolamentoue). Il Regolamento medesimo ha introdotto la possibilità che un responsabile possa, a sua volta e secondo determinate condizioni, designare un altro soggetto c.d. "sub-responsabile" (articolo 28, paragrafo 2).

Fonte: sito web del Garante della Privacy (http://www.garanteprivacy.it).

Titolare del trattamento (o titolare)
Titolare è la persona fisica, l'autorità pubblica, l'impresa, l'ente pubblico o privato, l'associazione, ecc., che adotta le decisioni sugli scopi e sulle modalità del trattamento (articolo 4, paragrafo 1, punto 7), del Regolamento UE 2016/679 (http://www.garanteprivacy.it/regolamentoue).

Fonte: sito web del Garante della Privacy (http://www.garanteprivacy.it).

www.rivoluzionedemocratica.it (o sito web)  
Il sito web mediante il quale sono raccolti e trattati i dati personali degli utenti.

Servizio
Il servizio offerto dal sito web www.rivoluzionedemocratica.it come indicato nei relativi termini.

Comunità Europea (o UE)
Ogni riferimento relativo alla Comunità Europea si estende a tutti gli attuali stati membri dell'Unione Europea e dello Spazio Economico Europeo, salvo dove diversamente specificato.

Cookie
Dati conservati all'interno del dispositivo dell'utente.

Riferimenti legali
La presente informativa è redatta sulla base di molteplici ordinamenti legislativi, inclusi gli artt. 13 e 14 del Regolamento (UE) 2016/679. Questa informativa riguarda esclusivamente www.rivoluzionedemocratica.it, dove non diversamente specificato.

Informativa privacy aggiornata il 14/12/2021 12:28
torna indietro leggi Privacy Policy per www.rivoluzionedemocratica.it  obbligatorio