23 Agosto 2019
[]

"IL PARTITO SOCIALISTA ITALIANO DI UNITA' PROLETARIA"

29-05-2019 - CRONACHE SOCIALISTE
C'è stato un tempo, negli ambienti socialisti italiani, in cui il termine „riformismo“ era da molti accostato al parlamentarismo, spesso all'opportunismo, qualche volta perfino al tradimento, dimenticando che fra gli autentici riformisti ci sono stati giganti della politica come Turati, appassionati pacifisti come Modigliani, valorosi sindacalisti come Buozzi, autentici eroi come Matteotti.
Oggi si tende all'errore opposto, di considerare cioè socialismo e riformismo come sinonimi, espellendo di fatto dalla storia del socialismo italiano le correnti di sinistra che pure gli hanno assicurato, nella sua ormai lunga storia, un saldo ancoraggio alla classe lavoratrice (1).
La verità è che il grande albero del socialismo ha molte radici che tutte concorrono ad assicurargli grande forza e lunga vita, al di là delle contingenze e delle ondulazioni della storia.
Un'esperienza a lungo ignorata e sottovalutata e solo recentemente „riscoperta“ dagli storici (2) è stata quella del Partito Socialista Italiano di Unitá Proletaria, dipanatasi fra il 1964 e il 1972.
La divisione del mondo, nel secondo dopoguerra, in due blocchi contrapposti, capitanati uno dall'URSS e l'altro dagli USA, si era riprodotta anche in Italia, a sua volta divisa tra un frontismo di stampo stalinista e un centrismo di tipo scelbiano. E il prezzo maggiore di ciò lo aveva pagato il socialismo italiano da poco ricostituito, che si era spaccato in due: da una parte stava un PSI trincerato nel frontismo, in una lotta, spesso eroica, per la salvezza della pace, per l'applicazione della Costituzione, per la difesa dei lavoratori dai tentativi di restaurazione capitalistica, ma senza prospettive politiche e appiattita sul potente partito comunista, fino alla rinuncia ad ogni azione autonoma e alla conseguente perdita di migliaia di militanti; dall'altra c'era un PSDI tutto preoccupato della salvaguardia delle istituzioni democratiche, appena riconquistate, ritenute insidiate da destra e da sinistra, che pero' aveva ben presto perso la sua carica riformista, al punto che la gran parte dei suoi fondatori man mano lo aveva lasciato per ritornare nella „casa madre“.
Lo storico congresso di Venezia del PSI del 1957, celebrato dopo l'avvio della destalinizzazione da parte di Krusciov e i tragici avvenimenti ungheresi, aveva precisato la natura vera e originale del socialismo, non solo italiano, e ne aveva tracciato i confini nel celebre trinomio „Democrazia, Classismo, Internazionalismo“.
Quel congresso avviò anche una nuova fase della politica italiana, caratterizzata dal dialogo tra socialisti e cattolici, del resto impostato già nel 1955 da Morandi.
Il percorso del PSI verso lo sbocco naturale di questa impostazione, in concreto un governo di centro-sinistra, non fu né facile né lineare, con una parte - gli „autonomisti“ - che metteva l'accento sulla „Democrazia“ e dunque sulla totale emancipazione dal PCI, anche a costo di dolorose rotture, e un'altra – la „sinistra socialista“ – che si ergeva a favore della conquistata unità di classe dei lavoratori, da salvaguardare ad ogni costo.
Tale nodo giunse al pettine al momento del varo del primo governo organico di centro-sinistra (3). Sull'Avanti! del 6-12-1963 apparve un articolo intitolato Da oggi ognuno è più libero. Ma all'orizzonte si profilava già l'ombra di una nuova scissione.
La rottura avvenne quando 25 deputati (17-12-1963) e poi 13 senatori (21-12-1963) non parteciparono al voto di fiducia al nuovo governo. Quei parlamentari furono deferiti ai probiviri e sospesi: la scissione divenne allora ineluttabile.
Nel corso di un convegno della sinistra socialista, riunitosi a Roma, al Palazzo dei Congressi dell'EUR, sotto la presidenza di Lucio Luzzatto, il 10-11 gennaio 1964 fu proclamata la nascita di un nuovo partito socialista, che assunse la denominazione di Partito Socialista Italiano di Unitá Proletaria (PSIUP) (4).
L'assemblea elesse un Consiglio Nazionale di 121 componenti che, a sua volta, elesse la Direzione del partito. La Direzione elesse segretario Tullio Vecchietti, affiancato da un ufficio di Segreteria, composto, oltre che dallo stesso Vecchietti, da Vincenzo Gatto e Dario Valori (5). Organo del partito la rivista Mondo Nuovo, diretta da Lucio Libertini.
Aderirono subito al nuovo partito la maggioranza della corrente di sinistra del PSI (6), 25 deputati, 8 senatori, 11 consiglieri regionali, circa 700 sindacalisti e la grande maggioranza della Federazione Giovanile Socialista (FGS) (7). Alla fine del tesseramento 1964 furono dichiarati 164.520 iscritti, provenienti principalmente dalla sinistra del PSI, ma anche da molte adesioni di operai e di studenti.
A distanza di un anno dalla fondazione, si tenne (Roma, 16-19/12/1965) il primo congresso del PSIUP, rinvigorito dalla buone affermazioni nelle recenti elezioni locali e dal buon andamento del tesseramento, dovuto anche alla sua penetrazione nel mondo operaio e in quello studentesco.
Il partito era compattamente critico col governo di centro-sinistra, pur guardando con simpatia alla nuova sinistra interna del PSI, guidata da Riccardo Lombardi. Esso era contrario alla NATO e alle armi atomiche e favorevole al „neutralismo attivo“, alla causa del Vietnam e all'ingresso della Cina all'ONU. La socialdemocrazia era vista come il pilastro fondamentale del neocapitalismo.
Segretario fu riconfermato Tullio Vecchietti, con vice Dario Valori. Presidente del partito fu eletto Lelio Basso (1965/1968).
Negli anni seguenti il PSIUP crebbe e raccolse nuove forze operaie e intellettuali, ma senza riuscire ad amalgamare la rigidità ideologica dell'apparato morandiano con le spinte giovanili e con quelle operaistiche, con le istanze terzomondiste e con le polemiche da sinistra verso il PCI.
Alle elezioni politiche del 19-20 maggio 1968, grazie all'attivismo dei suoi militanti, alle sue battaglie a fianco della protesta giovanile e delle sue posizioni antimperialiste, usufruendo anche della scarsa capacitá d'attrazione dell'unificazione del PSI e del PSDI, ottenne alla Camera un buon
4,45 % e 23 deputati a fronte del men che mediocre 14,48 % di PSI-PSDI Unificati. Al Senato presento' liste comuni col PCI, riuscendo ad eleggere 14 senatori.
Il secondo congresso del partito, che si svolse a Napoli dal 18 al 21 dicembre 1968 sul tema Unità della sinistra per un'alternativa al centrosinistra e per un nuovo internazionalismo proletario, prese atto del buon risultato ottenuto alle elezioni politiche e riconfermò sia la politica unitaria che il gruppo dirigente. Erano presenti 605 delegati, in rappresentanza di 181.753 iscritti, ripartiti in 6852 sezioni.
Il periodo successivo vide il fallimento dell'unificazione socialista, con la nuova scissione socialdemocratica (luglio 1969) e il conseguente spostamento a sinistra del PSI, mentre si verificava un riflusso delle lotte operaie: fatti che entrambi tolsero spazio all'azione politica del PSIUP, come fu constatato alle elezioni regionali del 7-8 giugno 1970, nelle quali il PSIUP scese al 3,23 %.
Il 3° congresso del PSIUP, infatti, tenutosi a Bologna dal 22 al 25 marzo alla presenza di 400 delegati sul tema Unità per il socialismo. Contro l'autoritarismo e il riformismo, contro l'imperialismo, per l'alternativa di sinistra, dovette registrare un certo declino del partito. A nulla valsero i cambiamenti di organigramma del settembre successivo con Vecchietti presidente (8) del partito e nuovo segretario nazionale Dario Valori.
La breve vicenda del PSIUP giunse alla sua conclusione con le elezioni politiche del 7-8 maggio 1972, in cui esso ottenne solo l'1,94 %, non raggiungendo il quorum in nessuna circoscrizione della Camera e non eleggendo perciò alcun deputato (9).
L'imprevisto e disastroso risultato pose il problema dell'opportunità di proseguire o meno in un'azione politica autonoma.
La risposta a questo quesito arrivo' dal 4° ed ultimo congresso, svoltosi a Roma il 13 luglio 1972, in cui fu approvata, col 67 % dei voti, la relazione del segretario Dario Valori, che proponeva lo scioglimento del partito e la sua confluenza nel PCI. Essa era sostenuta anche da Tullio Vecchietti, Lucio Libertini e Salvatore Corallo.
Una minoranza, capeggiata da Vincenzo Gatto (vicesegretario uscente) e Giuseppe Avolio, che ottenne il 9 %, opto', invece, per il rientro nel PSI (10).
Un'altra minoranza (23,8 %), guidata da Vittorio Foa e Silvano Miniati, si pronuncio', invece, per la continuità del partito. Vi aderivano anche Guido Bindi, Mario Brunetti, Aristeo Biancolini, Mario Albano, Pino Ferraris e Daniele Protti. Questo gruppo fondo', nello stesso mese di luglio del 1972, il „Nuovo PSIUP“, a cui aderirono i sindacalisti Elio Giovannini, Antonio Lettieri e Gastone Sclavi e un solo parlamentare: il senatore Dante Rossi. Organo del Nuovo PSIUP era il quindicinale Unità Proletaria.
Nel dicembre successivo, unendosi ad Alternativa Socialista (AS) (11), esso diede vita al Partito di Unitá Proletaria (PdUP), con circa 13.000 iscritti e oltre 600 consiglieri comunali.
In seguito il congresso nazionale del PdUP (Firenze, 19-21/7/1974) stabilì lo scioglimento del partito e la sua fusione col gruppo del Manifesto, da cui nacque il Partito di Unità Proletaria per il comunismo.
Si diluiva così, in vari rivoli, quella che era stata una delle ultime espressioni del socialismo di sinistra in Italia.

----

(1) Le correnti di sinistra sono state predominanti nel PSI, quasi ininterrottamente, dal 1912 al 1957.
(2) Silvano Miniati PSIUP 1964-1972 Edimez, 1981.
Aldo Agosti Il partito provvisorio. Storia del PSIUP nel lungo Sessantotto italiano Laterza, 2013.
Enrico Baiardo Il socialismo in movimento. Il PSIUP e la sinistra degli anni Sessanta Erga, 2013.
Anna Celadin Mondo nuovo e le origini del PSIUP. La vicenda socialista dal 1963 al 1967 Ediesse, 2006.
Giuseppe Micciché Parabola di un partito. Il PSIUP in terra iblea (1964-1972), Ragusa, 2013.
(3) Il governo DC-PSI-PSDI-PRI Moro-Nenni (4-12-1963/22-7-1964), presieduto dal democristiano Aldo Moro con vicepresidente Pietro Nenni. Ne facevano parte i socialisti Corona, Giolitti, Mancini e Pieraccini e i socialdemocratici Saragat, Preti e Tremelloni.
(4) La denominazione riprendeva quella assunta dal partito socialista nel corso del convegno di fusione fra PSI (Lizzadri, Nenni, Romita), Movimento di Unitá Proletaria (Basso, Luzzatto, Bonfantini) e Unitá Proletaria (Vassalli, Zagari, Vecchietti) tenutosi in casa di Lizzadri a Roma il 22 e 23/8/1943. Il partito era poi ritornato alla storica denominazione di PSI il 13-1-1947, su proposta di Olindo Vernocchi, per evitare che se ne appropriassero gli scissionisti guidati da Saragat.
(5) Fra i piú noti socialisti aderenti al PSIUP, oltre ai giá menzionati, ricordiamo Lelio Basso, Vittorio Foa, Emilio Lussu, Francesco Cacciatore, Silvano Miniati, Giuseppe Avolio, Salvatore Corallo, Elio Giovannini, Francesco Lami, Alcide Malagugini, Alessandro Menchinelli, Fernando Schiavetti
(6) Fra i membri della sinistra che non aderirono al PSIUP i parlamentari Renato Ballardini, Gino Bertoldi, Loris Fortuna, Nello Mariani, Anna Matera e i sindacalisti Giorgio Veronesi, Silvano Verzelli e Mario Dido'. Questi ricostituirono la nuova sinistra del PSI, a cui furono assegnati, con la cooptazione di 21 membri, 34 posti nel Comi
tato Centrale e 5 nella nuova Direzione del PSI, ora presieduta da Francesco De Martino, essendo Nenni entrato nel governo.
(7) La decisione fu adottata dalla maggioranza del CC della FGS il 13-1-1964. Non aderí al PSIUP il dimissionario segretario nazionale Vincenzo Balzamo.
(8) Dopo il congresso di Napoli Basso, pur rimanendo nel Comitato Centrale, ma senza piú esserne il presidente, non era entrato né nella Segreteria né nella Direzione del partito. Nel gennaio 1970 lascerá il gruppo parlamentare. Facevano da sfondo a questa decisione la sua decisa condanna della repressione della „primavera di Praga“ da parte dell'URSS, il rifiuto di ogni modello, compreso quello sovietico e l'ipotesi di un nuovo internazionalismo, che rifiutasse la socialdemocrazia, ma anche il modello burocratico sovietico, posizioni ormai incociliabili con quelle ritenute troppo caute e ambigue assunte in merito dal partito.
(9) Al Senato il PSIUP si presento' assieme al PCI ed elesse 11 senatori, con in testa il segretario del partito Dario Valori e formo' un proprio gruppo parlamentare presieduto da Mario Li Vigni.
(10) In questa scelta essa era giá stata preceduta da Alessandro Menchinelli e da Giulio Scarrone, giá direttore de La conquista, organo dei giovani socialisti.
(11) Alternativa Socialista era la corrente di sinistra, facente capo a Giovanni Russo Spena e Domenico Jervolino, del Movimento Politico dei Lavoratori (MPL). Quando la maggioranza di tale movimento, guidata da Livio labor, decise di confluire nel PSI, la sinistra si fuse con Nuovo PSIUP, dando vita al PdUP.


Fonte: di FERDINANDO LEONZIO

Link

[]
http://www.avvenirelavoratori.eu
Periodico socialista fondato 1897.
[]
www.ilponterivista.com
Rivista mensile di politica economica e cultura
fondata da Piero Calamandrei.
[]
www.biblionedizioni.it
Biblion Edizioni, storica casa editrice.
[]
www.criticaliberale.it
"NON MOLLARE" - Quindicinale on line di Critica Liberale,da più di quarant´anni la voce del liberalismo progressista in Italia.
Nuova Serie
"La Rivoluzione Democratica"
1, MARZO 2017

Realizzazione siti web www.sitoper.it
invia ad un amico
chiudi
Attenzione!
Non puoi effettuare più di 10 invii al giorno.
Informativa
Informativa Privacy
La presente informativa descrive le modalità di gestione del Sito, da Lei ora visitato, di cui è Titolare, il giornale "LA RIVOLUZIONE DEMOCRATICA", registrazione al Tribunale di Firenze n°5863 del 17/02/2012 (di seguito, "Giornale" per brevità), che ha come finalità l´informazione critica, la difesa della laicità delle Istituzioni e la diffusione della cultura laica, con sede in Firenze, accessibile al seguente nome di dominio
http://www.rivoluzionedemocratica.it
in riferimento al trattamento dei dati personali dei navigatori che vi accedono e che interagiscono con esso.

Premessa
I considerazione delle modifiche al D. Lgs. n. 196/2003 (Codice in materia di protezione dei dati personali, di seguito "Codice Privacy"), introdotte recentemente con il D.L. 201/2011 convertito nella L. 214/2011, la presente informativa si rivolge alle persone fisiche che, per conto proprio o di associazioni interessate, decidano di accedere al Sito ed interagire con esso ed è resa ai sensi dell´art. 13 del Codice Privacy.
L´informativa si ispira anche alla Raccomandazione n. 2/2001 che le autorità europee per la protezione dei dati personali, riunite nel Gruppo istituito dall´art. 29 della direttiva n. 95/46/CE, hanno adottato il 17 maggio 2001, per individuare alcuni requisiti minimi per la raccolta di dati personali on-line, e, in particolare, le modalità, i tempi e la natura delle informazioni che i titolari del trattamento devono fornire agli utenti quando questi si collegano a pagine web, indipendentemente dalle ragioni e finalità del collegamento.
In linea generale, è opportuno precisare che attraverso il Sito vengono effettuate le seguenti tipologie di raccolta dati:
- raccolta necessaria ed automatica dei dati del navigatore inerenti all´interazione con il Sito;
- trattamento correlato alla raccolta di dati, immessi volontariamente dal navigatore, attraverso l´invio di e-mail agli indirizzi indicati per contattare il Titolare (ad esempio, sezioni "Contatti" e "Iscriversi al circolo").

La presente informativa si riferisce unicamente alle operazioni di trattamento effettuate su dati raccolti con le modalità sopra indicate e non si riferisce, quindi, ai trattamenti effettuati tramiti altri siti, a cui l´utente vorrà accedere mediante link dal Sito. Per tali trattamenti dovrà essere fornita, da parte dei rispettivi Titolari, autonoma informativa.
Si precisa, in particolare, che i trattamenti sui dati conferiti accedendo a siti di terzi, raggiungibili mediante i link pubblicati sul Sito, sono effettuati da soggetti diversi dal Giornale.
Premesso che il Giornale non effettuerà alcuna comunicazione dei dati degli utenti a tali soggetti e che ogni iniziativa per entrare in contatto e chiedere informazioni, è rimessa all´esclusiva attività dell´Interessato o del rispettivo Titolare, il giornale non sarà in alcun modo responsabile dei trattamenti che verranno effettuati da parte di tali soggetti, a fronte dell´iniziativa dell´utente medesimo.

1. Finalità del trattamento
1.1 Le operazioni di trattamento di seguito illustrate sono unicamente rivolte alla corretta proposizione ed erogazione dei servizi offerti tramite il presente Sito dal Giornale medesimo per il perseguimento dello scopo associativo. L´Attività on line del Giornale consiste prevalentemente nella pubblicazione di contenuti, caratterizzati da un alto livello qualitativo, sui temi di interesse del Giornale e dei dati personali dei rispettivi autori, aventi con il Giornale rapporti regolari, nonché nello scambio, anche mediante messaggi di posta elettronica, di opinioni e informazioni di varia natura, relative in particolare alla vita e alle attivitàdel Giornale medesimo o ad eventi di rilevanza nel dibattito culturale che il Giornale intende promuovere.
1.2. A tal fine, il Titolare ha predisposto sezioni ad hoc del Sito.
In particolare, nella sezione "Contatti" è presente l´indirizzo e-mail interattivo cui l´Utente può trasmettere i propri dati personali e/o dell´Associazione di appartenenza, al Giornale. Più precisamente, in tale ipotesi il trattamento è finalizzato al mero scambio di informazioni e di contatti, comunque di natura non professionale, inerenti all´attività del Giornale .
In ogni caso, i dati raccolti tramite il presente Sito saranno trattati secondo principi di correttezza, liceità e trasparenza, per la tutela della riservatezza e dei diritti degli interessati, ed unicamente per il perseguimento dello scopo associativo. Negli stessi limiti saranno trattati anche i dati personali che dovessero essere inviati spontaneamente al Giornale dai visitatori del sito anche con modalità off-line (fax, posta, telefono od altro).

2. Tipi di dati trattati
2.1 - Dati di navigazione I sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento di questo Sito registrano, nel corso del loro normale esercizio, alcuni dati personali la cui acquisizione avviene in modo automatico e inevitabile, qualora si utilizzino i protocolli di comunicazione di Internet. Sono dati che, pur non essendo reperiti con lo scopo specifico di identificare i rispettivi Interessati, ben potrebbero, a causa delle loro stesse caratteristiche, essere associati a banche dati di terzi e così consentire l´individuazione degli utenti. Appartengono a questa categoria di dati, ad esempio, gli indirizzi IP o i nomi a dominio degli elaboratori utilizzati dagli utenti che si connettono al Sito, gli indirizzi in notazione URI (Uniform Resource Identifier) delle risorse richieste, l´orario della richiesta, il metodo utilizzato nel sottoporre la richiesta al server, la dimensione del file ottenuto in risposta, il codice numerico indicante lo stato della risposta data dal server (buon fine, errore, ecc.) ed altri parametri relativi al sistema operativo e all´ambiente informatico dell´utente. Questi dati vengono utilizzati al solo fine di ricavare informazioni statistiche anonime sull´uso del Sito e per controllarne il corretto funzionamento, e vengono cancellati immediatamente dopo l´elaborazione.
Si precisa che i dati di navigazione potrebbero essere usati per l´accertamento di responsabilità in caso di eventuali reati informatici ai danni del Sito, conformemente alle procedure vigenti presso le Autorità competenti.
2.2 Meccanismi automatici di raccolta
In conformità a quanto previsto nel Provvedimento del Garante n. 229 dell´8.5.2014, si informa che in questo Sito non si utilizzano "cookies persistenti", trojans, spywares, web bugs, ovvero sistemi per il tracciamento degli utenti (cookies di profilazione), ma soltanto cookies cosiddetti "tecnici", di navigazione, di sessione o di funzionalità.
L´uso di c.d. "cookies di sessione" (che non vengono registrati in modo persistente sull´elaboratore dell´utente e svaniscono con la chiusura del browser) è unicamente finalizzato a rendere l´esplorazione del Sito sicura ed efficiente.
I c.d. cookies di sessione, utilizzati in questo sito, evitano il ricorso ad altre tecniche informatiche potenzialmente pregiudizievoli per la riservatezza della navigazione degli utenti e non consentono l´acquisizione di dati personali identificativi dell´utente I cookies "analitici" vengono utilizzati dalla società ShinyStat per effettuare trattamenti in forma aggregata ed anonima, per i quali si fornisce l´informativa generale ed il modulo per esercitare l´opt-out tramite i link qui sotto:
- ShinyStat http://www.shinystat.com/it/informativa_privacy_generale_free.html
- ShinyStat http://www.shinystat.com/it/opt-out_free.html
- Facebook http://www.facebook.com/policy.php
- Twitter http://twitter.com/privacy
- Google+, Google Maps e YouTube https://www.google.it/intl/it/policies/privacy/
- Vimeo https://vimeo.com/cookie_policy
2.3 Si precisa, per completezza, che i dati personali - una volta resi anonimi - potranno essere utilizzati per elaborare statistiche o per rilevare il grado di soddisfazione degli utenti. In ogni caso, la raccolta e il trattamento dei dati personali degli utenti non saranno finalizzati ad attività di marketing, di informazione commerciale e/o di indagini di mercato.

3. Tipologia di dati
3.1 Il trattamento dei dati effettuati tramite il presente Sito avrà prevalentemente ad oggetto dati comuni.
Tuttavia, in considerazione della natura del Giornale, il trattamento, inoltre, potrà riguardare anche i dati personali idonei a rivelare le convinzioni religiose e/o le opinioni politiche degli utenti e/o degli Associati, e/o dei soggetti che - in relazione allo scopo associativo - hanno contatti regolari con il Giornale. In ogni caso, tramite il presente Sito non saranno trattati dati inerenti alla salute. Pertanto, La invitiamo a non comunicarci dati personali attinenti al Suo stato di salute e alla Sua vita sessuale, ai sensi dell´art. 26 del Codice. In presenza di tali dati, il Giornale procederà alla tempestiva distruzione del relativo messaggio e/o comunicazione da Lei eventualmente fornita.
3.2 Il trattamento dei dati si svolgerà in conformità della vigente Autorizzazione Generale del Garante per la protezione dei dati personali n. 3/2011 e successive .
3.3 Il conferimento dei dati è in ogni caso facoltativo. Tuttavia, il mancato conferimento dei dati relativamente ad alcune sezioni del Sito e, più precisamente, in relazione alla Sezione "Contatti" comporterà l´impossibilità, per l´Associazione, di fornire il relativo servizio.

4. Modalità di trattamento
4.1 Il medesimo sarà effettuato prevalentemente con l´ausilio di mezzi informatici e telematici ma anche manualmente. I dati infatti potranno essere conservati sia in archivi cartacei sia in archivi elettronici, in modo da consentire, laddove necessario, l´individuazione e la selezione di dati aggregati, per il tempo non eccedente la durata e le necessità del trattamento.
4.2 Il trattamento sarà effettuato direttamente dall´organizzazione del Titolare, con l´ausilio dei propri incaricati e/o responsabili del trattamento. Potranno avere accesso ai dati per il perseguimento delle finalità di cui al punto 1, nell´ambito delle rispettive funzioni o mansioni e, in ogni caso, secondo le modalità e nei limiti di cui ai rispettivi atti di nomina a Responsabile o a Incaricato, oltre al Coordinatore/Coordinatrice, al Tesoriere e al Responsabile per la gestione delle istanze ex art. 7 Codice, eventuali società di servizi esterne nominate responsabili del trattamento ai sensi e per gli effetti dell´art. 29 del Codice.
4.3. Infine, si informa l´utente che l´eventuale trasmissione di dati tramite Internet non può raggiungere livelli di sicurezza assoluti. E´ onere dell´utente verificare la correttezza dei dati personali che lo riguardano ed eventualmente procedere alla rettifica, aggiornamento o, comunque, modifica dei dati nel corso del trattamento. Il Titolare non può considerarsi tenuto ad altra prestazione oltre alla puntuale e corretta applicazione degli standard di sicurezza imposti dalla normativa in vigore, con particolare riferimento all´adozione delle misure di sicurezza in conformità di quanto previsto dagli artt. 33-36 del Codice e dal Disciplinare Tecnico di cui all´Allegato B.

5. Conservazione dei dati - durata e aggiornamento
5.1 A seguito di controlli periodici,il Giornale verificherà la stretta pertinenza e la non eccedenza dei dati raccolti rispetto agli obblighi ed alle finalità del trattamento posto in essere, per quanto riguarda i dati che rivelano le opinioni e le intime convinzioni.
5.2 Ad eccezione dei dati di navigazione che non vengono conservati oltre una settimana dalla raccolta, gli altri dati verranno conservati in coerenza con lo scopo per il quale sono stati conferiti e comunque nel rispetto della normativa vigente.
5.3 Nel rispetto di quanto previsto dall´art. 11, co. 1, lett. c) Codice, i dati personali saranno aggiornati in seguito alla segnalazione dell´Interessato, in congruità con quanto previsto dall´art. 7, co. 3, lett. a) Codice.

6. Comunicazione e diffusione
6.1 il Giornale non procederà alla comunicazione diretta a terzi dei dati personali raccolti tramite il sito.
6.2 I dati relativi alla navigazione non verranno, in nessun caso, diffusi o comunicati. E´ fatta salva la eventuale comunicazione alle Autorità competenti in relazione alle attività necessarie all´accertamento e alla repressione dei reati.
6.3 I dati personali forniti dagli utenti, che inoltrano richieste di informazioni ai diversi indirizzi di posta elettronica presenti sul Sito, non sono comunicati a terzi.
6.4 Nell´ambito delle finalità indicate nella presente informativa, qualora sia necessario comunicare i dati a soggetti diversi dal Titolare, quest´ultimo provvederà alla designazione degli stessi quali Responsabili del trattamento.

7. Diritti dell´Interessato
7.1 Al Titolare del trattamento potranno essere inoltrate le richieste di cui all´art. 7 del Codice "Diritti dell´interessato", ossia, in particolare il diritto di:
- ottenere dal Titolare la conferma dell´esistenza di dati personali che lo riguardano e la comunicazione dei medesimi in forma intelligibile;
- conoscere l´origine dei dati, la logica e le finalità su cui si basa il loro trattamento;
- conoscere gli estremi identificativi dei Responsabili del trattamento e delle categorie di soggetti ai quali i dati possono essere comunicati o che possono venirne a conoscenza in qualità di Responsabili o Incaricati;
- ottenere la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati trattati in violazione della legge, come l´aggiornamento, la rettificazione o, qualora l´interessato vi abbia interesse, l´integrazione dei dati medesimi;
- opporsi in tutto o in parte, per motivi legittimi, al trattamento dei dati personali che lo riguardano ancorché pertinenti allo scopo della raccolta;
- opporsi in tutto o in parte al trattamento previsto ai fini di informazione commerciale o di invio di materiale pubblicitario.
Qualora, a seguito della richiesta di cui all´art. 7 del Codice non risulti confermata l´esistenza di dati che riguardano l´Interessato, potrà essere richiesto a quest´ultimo un contributo spese, comunque non superiore a Euro 10,00.

Le richieste dovranno essere rivolte ai Direttori del Giornale, Responsabili per le richieste ex art. 7, al seguente indirizzo e-mail:
info@rivoluzionedemocratica.it

Si prega di indicare nell´oggetto della comunicazione: "Richiesta ex art. 7 D. Lgs. 30 giugno 2003, n. 196 - Codice in materia di protezione dei dati personali".

8. Titolare ed elenco dei Responsabili del trattamento
Titolare del trattamento dei dati è il giornale on line "LA RIVOLUZIONE DEMOCRATICA" con sede a FIRENZE, mail: info@rivoluzionedemocratica.it
L´elenco aggiornato contenente i nominativi e i recapiti dei Responsabili è disponibile presso la sede del Titolare.
torna indietro leggi Informativa  obbligatorio