19 Maggio 2024

"IL PARTITO SOCIALISTA ITALIANO DI UNITA' PROLETARIA"

29-05-2019 - CRONACHE SOCIALISTE
C'è stato un tempo, negli ambienti socialisti italiani, in cui il termine „riformismo“ era da molti accostato al parlamentarismo, spesso all'opportunismo, qualche volta perfino al tradimento, dimenticando che fra gli autentici riformisti ci sono stati giganti della politica come Turati, appassionati pacifisti come Modigliani, valorosi sindacalisti come Buozzi, autentici eroi come Matteotti.
Oggi si tende all'errore opposto, di considerare cioè socialismo e riformismo come sinonimi, espellendo di fatto dalla storia del socialismo italiano le correnti di sinistra che pure gli hanno assicurato, nella sua ormai lunga storia, un saldo ancoraggio alla classe lavoratrice (1).
La verità è che il grande albero del socialismo ha molte radici che tutte concorrono ad assicurargli grande forza e lunga vita, al di là delle contingenze e delle ondulazioni della storia.
Un'esperienza a lungo ignorata e sottovalutata e solo recentemente „riscoperta“ dagli storici (2) è stata quella del Partito Socialista Italiano di Unitá Proletaria, dipanatasi fra il 1964 e il 1972.
La divisione del mondo, nel secondo dopoguerra, in due blocchi contrapposti, capitanati uno dall'URSS e l'altro dagli USA, si era riprodotta anche in Italia, a sua volta divisa tra un frontismo di stampo stalinista e un centrismo di tipo scelbiano. E il prezzo maggiore di ciò lo aveva pagato il socialismo italiano da poco ricostituito, che si era spaccato in due: da una parte stava un PSI trincerato nel frontismo, in una lotta, spesso eroica, per la salvezza della pace, per l'applicazione della Costituzione, per la difesa dei lavoratori dai tentativi di restaurazione capitalistica, ma senza prospettive politiche e appiattita sul potente partito comunista, fino alla rinuncia ad ogni azione autonoma e alla conseguente perdita di migliaia di militanti; dall'altra c'era un PSDI tutto preoccupato della salvaguardia delle istituzioni democratiche, appena riconquistate, ritenute insidiate da destra e da sinistra, che pero' aveva ben presto perso la sua carica riformista, al punto che la gran parte dei suoi fondatori man mano lo aveva lasciato per ritornare nella „casa madre“.
Lo storico congresso di Venezia del PSI del 1957, celebrato dopo l'avvio della destalinizzazione da parte di Krusciov e i tragici avvenimenti ungheresi, aveva precisato la natura vera e originale del socialismo, non solo italiano, e ne aveva tracciato i confini nel celebre trinomio „Democrazia, Classismo, Internazionalismo“.
Quel congresso avviò anche una nuova fase della politica italiana, caratterizzata dal dialogo tra socialisti e cattolici, del resto impostato già nel 1955 da Morandi.
Il percorso del PSI verso lo sbocco naturale di questa impostazione, in concreto un governo di centro-sinistra, non fu né facile né lineare, con una parte - gli „autonomisti“ - che metteva l'accento sulla „Democrazia“ e dunque sulla totale emancipazione dal PCI, anche a costo di dolorose rotture, e un'altra – la „sinistra socialista“ – che si ergeva a favore della conquistata unità di classe dei lavoratori, da salvaguardare ad ogni costo.
Tale nodo giunse al pettine al momento del varo del primo governo organico di centro-sinistra (3). Sull'Avanti! del 6-12-1963 apparve un articolo intitolato Da oggi ognuno è più libero. Ma all'orizzonte si profilava già l'ombra di una nuova scissione.
La rottura avvenne quando 25 deputati (17-12-1963) e poi 13 senatori (21-12-1963) non parteciparono al voto di fiducia al nuovo governo. Quei parlamentari furono deferiti ai probiviri e sospesi: la scissione divenne allora ineluttabile.
Nel corso di un convegno della sinistra socialista, riunitosi a Roma, al Palazzo dei Congressi dell'EUR, sotto la presidenza di Lucio Luzzatto, il 10-11 gennaio 1964 fu proclamata la nascita di un nuovo partito socialista, che assunse la denominazione di Partito Socialista Italiano di Unitá Proletaria (PSIUP) (4).
L'assemblea elesse un Consiglio Nazionale di 121 componenti che, a sua volta, elesse la Direzione del partito. La Direzione elesse segretario Tullio Vecchietti, affiancato da un ufficio di Segreteria, composto, oltre che dallo stesso Vecchietti, da Vincenzo Gatto e Dario Valori (5). Organo del partito la rivista Mondo Nuovo, diretta da Lucio Libertini.
Aderirono subito al nuovo partito la maggioranza della corrente di sinistra del PSI (6), 25 deputati, 8 senatori, 11 consiglieri regionali, circa 700 sindacalisti e la grande maggioranza della Federazione Giovanile Socialista (FGS) (7). Alla fine del tesseramento 1964 furono dichiarati 164.520 iscritti, provenienti principalmente dalla sinistra del PSI, ma anche da molte adesioni di operai e di studenti.
A distanza di un anno dalla fondazione, si tenne (Roma, 16-19/12/1965) il primo congresso del PSIUP, rinvigorito dalla buone affermazioni nelle recenti elezioni locali e dal buon andamento del tesseramento, dovuto anche alla sua penetrazione nel mondo operaio e in quello studentesco.
Il partito era compattamente critico col governo di centro-sinistra, pur guardando con simpatia alla nuova sinistra interna del PSI, guidata da Riccardo Lombardi. Esso era contrario alla NATO e alle armi atomiche e favorevole al „neutralismo attivo“, alla causa del Vietnam e all'ingresso della Cina all'ONU. La socialdemocrazia era vista come il pilastro fondamentale del neocapitalismo.
Segretario fu riconfermato Tullio Vecchietti, con vice Dario Valori. Presidente del partito fu eletto Lelio Basso (1965/1968).
Negli anni seguenti il PSIUP crebbe e raccolse nuove forze operaie e intellettuali, ma senza riuscire ad amalgamare la rigidità ideologica dell'apparato morandiano con le spinte giovanili e con quelle operaistiche, con le istanze terzomondiste e con le polemiche da sinistra verso il PCI.
Alle elezioni politiche del 19-20 maggio 1968, grazie all'attivismo dei suoi militanti, alle sue battaglie a fianco della protesta giovanile e delle sue posizioni antimperialiste, usufruendo anche della scarsa capacitá d'attrazione dell'unificazione del PSI e del PSDI, ottenne alla Camera un buon
4,45 % e 23 deputati a fronte del men che mediocre 14,48 % di PSI-PSDI Unificati. Al Senato presento' liste comuni col PCI, riuscendo ad eleggere 14 senatori.
Il secondo congresso del partito, che si svolse a Napoli dal 18 al 21 dicembre 1968 sul tema Unità della sinistra per un'alternativa al centrosinistra e per un nuovo internazionalismo proletario, prese atto del buon risultato ottenuto alle elezioni politiche e riconfermò sia la politica unitaria che il gruppo dirigente. Erano presenti 605 delegati, in rappresentanza di 181.753 iscritti, ripartiti in 6852 sezioni.
Il periodo successivo vide il fallimento dell'unificazione socialista, con la nuova scissione socialdemocratica (luglio 1969) e il conseguente spostamento a sinistra del PSI, mentre si verificava un riflusso delle lotte operaie: fatti che entrambi tolsero spazio all'azione politica del PSIUP, come fu constatato alle elezioni regionali del 7-8 giugno 1970, nelle quali il PSIUP scese al 3,23 %.
Il 3° congresso del PSIUP, infatti, tenutosi a Bologna dal 22 al 25 marzo alla presenza di 400 delegati sul tema Unità per il socialismo. Contro l'autoritarismo e il riformismo, contro l'imperialismo, per l'alternativa di sinistra, dovette registrare un certo declino del partito. A nulla valsero i cambiamenti di organigramma del settembre successivo con Vecchietti presidente (8) del partito e nuovo segretario nazionale Dario Valori.
La breve vicenda del PSIUP giunse alla sua conclusione con le elezioni politiche del 7-8 maggio 1972, in cui esso ottenne solo l'1,94 %, non raggiungendo il quorum in nessuna circoscrizione della Camera e non eleggendo perciò alcun deputato (9).
L'imprevisto e disastroso risultato pose il problema dell'opportunità di proseguire o meno in un'azione politica autonoma.
La risposta a questo quesito arrivo' dal 4° ed ultimo congresso, svoltosi a Roma il 13 luglio 1972, in cui fu approvata, col 67 % dei voti, la relazione del segretario Dario Valori, che proponeva lo scioglimento del partito e la sua confluenza nel PCI. Essa era sostenuta anche da Tullio Vecchietti, Lucio Libertini e Salvatore Corallo.
Una minoranza, capeggiata da Vincenzo Gatto (vicesegretario uscente) e Giuseppe Avolio, che ottenne il 9 %, opto', invece, per il rientro nel PSI (10).
Un'altra minoranza (23,8 %), guidata da Vittorio Foa e Silvano Miniati, si pronuncio', invece, per la continuità del partito. Vi aderivano anche Guido Bindi, Mario Brunetti, Aristeo Biancolini, Mario Albano, Pino Ferraris e Daniele Protti. Questo gruppo fondo', nello stesso mese di luglio del 1972, il „Nuovo PSIUP“, a cui aderirono i sindacalisti Elio Giovannini, Antonio Lettieri e Gastone Sclavi e un solo parlamentare: il senatore Dante Rossi. Organo del Nuovo PSIUP era il quindicinale Unità Proletaria.
Nel dicembre successivo, unendosi ad Alternativa Socialista (AS) (11), esso diede vita al Partito di Unitá Proletaria (PdUP), con circa 13.000 iscritti e oltre 600 consiglieri comunali.
In seguito il congresso nazionale del PdUP (Firenze, 19-21/7/1974) stabilì lo scioglimento del partito e la sua fusione col gruppo del Manifesto, da cui nacque il Partito di Unità Proletaria per il comunismo.
Si diluiva così, in vari rivoli, quella che era stata una delle ultime espressioni del socialismo di sinistra in Italia.

----

(1) Le correnti di sinistra sono state predominanti nel PSI, quasi ininterrottamente, dal 1912 al 1957.
(2) Silvano Miniati PSIUP 1964-1972 Edimez, 1981.
Aldo Agosti Il partito provvisorio. Storia del PSIUP nel lungo Sessantotto italiano Laterza, 2013.
Enrico Baiardo Il socialismo in movimento. Il PSIUP e la sinistra degli anni Sessanta Erga, 2013.
Anna Celadin Mondo nuovo e le origini del PSIUP. La vicenda socialista dal 1963 al 1967 Ediesse, 2006.
Giuseppe Micciché Parabola di un partito. Il PSIUP in terra iblea (1964-1972), Ragusa, 2013.
(3) Il governo DC-PSI-PSDI-PRI Moro-Nenni (4-12-1963/22-7-1964), presieduto dal democristiano Aldo Moro con vicepresidente Pietro Nenni. Ne facevano parte i socialisti Corona, Giolitti, Mancini e Pieraccini e i socialdemocratici Saragat, Preti e Tremelloni.
(4) La denominazione riprendeva quella assunta dal partito socialista nel corso del convegno di fusione fra PSI (Lizzadri, Nenni, Romita), Movimento di Unitá Proletaria (Basso, Luzzatto, Bonfantini) e Unitá Proletaria (Vassalli, Zagari, Vecchietti) tenutosi in casa di Lizzadri a Roma il 22 e 23/8/1943. Il partito era poi ritornato alla storica denominazione di PSI il 13-1-1947, su proposta di Olindo Vernocchi, per evitare che se ne appropriassero gli scissionisti guidati da Saragat.
(5) Fra i piú noti socialisti aderenti al PSIUP, oltre ai giá menzionati, ricordiamo Lelio Basso, Vittorio Foa, Emilio Lussu, Francesco Cacciatore, Silvano Miniati, Giuseppe Avolio, Salvatore Corallo, Elio Giovannini, Francesco Lami, Alcide Malagugini, Alessandro Menchinelli, Fernando Schiavetti
(6) Fra i membri della sinistra che non aderirono al PSIUP i parlamentari Renato Ballardini, Gino Bertoldi, Loris Fortuna, Nello Mariani, Anna Matera e i sindacalisti Giorgio Veronesi, Silvano Verzelli e Mario Dido'. Questi ricostituirono la nuova sinistra del PSI, a cui furono assegnati, con la cooptazione di 21 membri, 34 posti nel Comi
tato Centrale e 5 nella nuova Direzione del PSI, ora presieduta da Francesco De Martino, essendo Nenni entrato nel governo.
(7) La decisione fu adottata dalla maggioranza del CC della FGS il 13-1-1964. Non aderí al PSIUP il dimissionario segretario nazionale Vincenzo Balzamo.
(8) Dopo il congresso di Napoli Basso, pur rimanendo nel Comitato Centrale, ma senza piú esserne il presidente, non era entrato né nella Segreteria né nella Direzione del partito. Nel gennaio 1970 lascerá il gruppo parlamentare. Facevano da sfondo a questa decisione la sua decisa condanna della repressione della „primavera di Praga“ da parte dell'URSS, il rifiuto di ogni modello, compreso quello sovietico e l'ipotesi di un nuovo internazionalismo, che rifiutasse la socialdemocrazia, ma anche il modello burocratico sovietico, posizioni ormai incociliabili con quelle ritenute troppo caute e ambigue assunte in merito dal partito.
(9) Al Senato il PSIUP si presento' assieme al PCI ed elesse 11 senatori, con in testa il segretario del partito Dario Valori e formo' un proprio gruppo parlamentare presieduto da Mario Li Vigni.
(10) In questa scelta essa era giá stata preceduta da Alessandro Menchinelli e da Giulio Scarrone, giá direttore de La conquista, organo dei giovani socialisti.
(11) Alternativa Socialista era la corrente di sinistra, facente capo a Giovanni Russo Spena e Domenico Jervolino, del Movimento Politico dei Lavoratori (MPL). Quando la maggioranza di tale movimento, guidata da Livio labor, decise di confluire nel PSI, la sinistra si fuse con Nuovo PSIUP, dando vita al PdUP.


Fonte: di FERDINANDO LEONZIO
Link
[]
L'AVVENIRE DEI LAVORATORI
Periodico socialista fondato 1897.
[]
IL PONTE RIVISTA
Rivista di politica economica e cultura
fondata da Calamandrei
[]
BIBLION EDITORE
Biblion Edizioni, storica casa editrice.
[]
CRITICA LIBERALE - NON MOLLARE
"NON MOLLARE"
Quindicinale on line di Critica Liberale,
la voce del liberalismo progressista in Italia.





Nuova Serie
"La Rivoluzione Democratica"
1, MARZO 2017
Associazione Alleanza Giellista
[]

Realizzazione siti web www.sitoper.it
invia a un amico
icona per chiudere
Attenzione!
Non puoi effettuare più di 10 invii al giorno.
Privacy Policy per www.rivoluzionedemocratica.it
Il sito web www.rivoluzionedemocratica.it raccoglie alcuni dati personali degli utenti che navigano sul sito web.

In accordo con l'impegno e l'attenzione che poniamo ai dati personali e in accordo agli artt. 13 e 14 del EU GDPR, www.rivoluzionedemocratica.it fornisce informazioni su modalità, finalità, ambito di comunicazione e diffusione dei dati personali e diritti degli utenti.

Titolare del trattamento dei dati personali
La Rivoluzione Democratica
Via Circondaria, 56
55045 - Firenze Italia


Email: info @rivoluzionedemocratica.it
Telefono: 3934324237

Tipi di dati acquisiti
www.rivoluzionedemocratica.it raccoglie dati degli utenti direttamente o tramite terze parti. Le tipologie di dati raccolti sono: dati tecnici di navigazione, dati di utilizzo, email, nome, cognome, numero di telefono, provincia, nazione, cap, città, indirizzo, ragione sociale, stato, cookie e altre varie tipologie di dati. Maggiori dettagli sui dati raccolti vengono forniti nelle sezioni successive di questa stessa informativa.
I dati personali sono forniti deliberatamente dall'utente tramite la compilazione di form, oppure, nel caso di dati di utilizzo, come ad esempio i dati relativi alle statistiche di navigazione, sono raccolti automaticamente navigando sulle pagine di www.rivoluzionedemocratica.it.

I dati richiesti dai form sono divisi tra obbligatori e facoltativi; su ciascun form saranno indicate distintamente le due tipologie. Nel caso in cui l'utente preferisca non comunicare dati obbligatori, www.rivoluzionedemocratica.it si riserva il diritto di non fornire il servizio. Nel caso in cui l'utente preferisca non comunicare dati facoltativi, il servizio sarà fornito ugualmente da www.rivoluzionedemocratica.it .

www.rivoluzionedemocratica.it utilizza strumenti di statistica per il tracciamento della navigazione degli utenti, l'analisi avviene tramite log. Non utilizza direttamente cookie ma può utilizzare cookie includendo servizi di terzi.

Ciascun utilizzo di cookie viene dettagliato nella Cookie Policy (https://www.rivoluzionedemocratica.it/Informativa-sui-cookies.htm) e successivamente in questa stessa informativa.
L'utente che comunichi, pubblichi, diffonda, condivida o ottenga dati personali di terzi tramite www.rivoluzionedemocratica.it si assume la completa responsabilità degli stessi. L'utente libera il titolare del sito web da qualsiasi responsabilità diretta e verso terzi, garantendo di avere il diritto alla comunicazione, pubblicazione, diffusione degli stessi. www.rivoluzionedemocratica.it non fornisce servizi a minori di 18 anni. In caso di richieste effettuate per minori deve essere il genitore, o chi detiene la patria potestà, a compilare le richieste dati.

Modalità, luoghi e tempi del trattamento dei dati acquisiti
Modalità di trattamento dei dati acquisiti
Il titolare ha progettato un sistema informatico opportuno a garantire misure di sicurezza ritenute adatte ad impedire l'accesso, la divulgazione, la modifica o la cancellazione non autorizzata di dati personali. Lo stesso sistema effettua copie giornaliere, ritenute sufficientemente adeguate in base alla importanza dei dati contenuti.

L'utente ha diritto a ottenere informazioni in merito alle misure di sicurezza adottate dal titolare per proteggere i dati.

Accessi ai dati oltre al titolare
Hanno accesso ai dati personali raccolti da www.rivoluzionedemocratica.it il personale interno (quale ad esempio amministrativo, commerciale, marketing, legale, amministratori di sistema) e/o soggetti esterni (quali ad esempio fornitori di servizi informatici terzi, webfarm, agenzie di comunicazione, fornitori di servizi complementari). Se necessario tali strutture sono nominate dal titolare responsabili del trattamento.

L'utente può richiedere in qualsiasi momento al titolare del trattamento, l'elenco aggiornato dei responsabili del trattamento.

Comunicazione di eventuali accessi indesiderati al Garante della Privacy
Il suddetto sistema informatico è monitorato e controllato giornalmente da tecnici e sistemisti. Ciò non toglie che, anche se ritenuta possibilità remota, ci possa essere un accesso indesiderato. Nel caso in cui questo si verifichi il titolare si impegna, come da GDPR ad effettuarne comunicazione al Garante della Privacy entro i termini previsti dalla legge.

Luoghi di mantenimento dei dati acquisiti
I dati personali sono mantenuti e trattati nelle sedi operative e amministrative del titolare, nonché nelle webfarm dove risiedono i server che ospitano il sito web www.rivoluzionedemocratica.it, o sui server che ne effettuano le copie di sicurezza. I dati personali dell'utente possono risiedere in Italia, Germania e Olanda, comunque in nazioni della Comunità Europea. I dati personali dell'utente non vengono mai portati o copiati fuori dal territorio europeo.

Tempi di mantenimento dei dati acquisiti
Nel caso di dati acquisiti per fornire un servizio all'utente, (sia per un servizio acquistato che in prova) i dati vengono conservati per 24 mesi successivi al completamento del servizio. Oppure fino a quando non ne venga revocato il consenso.

Nel caso in cui il titolare fosse obbligato a conservare i dati personali in ottemperanza di un obbligo di legge o per ordine di autorità, il titolare può conservare i dati per un tempo maggiore, necessario agli obblighi.

Al termine del periodo di conservazione i dati personali saranno cancellati. Dopo il termine, non sarà più possibile accedere ai propri dati, richiederne la cancellazione e la portabilità.

Base giuridica del trattamento dei dati acquisiti
Il titolare acquisisce dati personali degli utenti nei casi sotto descritti.
Il trattamento si rende necessario:
- se l'utente ha deliberatamente accettato il trattamento per una o più finalità;
- per fornire un preventivo all'utente;
- per fornire un contratto all'utente;
- per fornire un servizio all'utente;
- perché il titolare possa adempiere ad un obbligo di legge;
- perché il titolare possa adempiere ad un compito di interesse pubblico;
- perché il titolare possa adempiere ad un esercizio di pubblici poteri;
- perché il titolare o terzi possano perseguire i propri legittimi interessi.

L'utente può richiedere in qualsiasi momento al titolare del trattamento, chiarimenti sulla base giuridica di ciascun trattamento.

Finalità del trattamento dei dati acquisiti
I dati dell'utente sono raccolti dal titolare per le seguenti finalità:

- richiesta informazione da parte dell'utente
- richiesta informazione per servizi
- invio di aggiornamenti
- invio informazioni generiche
- richiesta di contatto da parte dei clienti, per ricevere informazioni

Eventualmente i dati possono essere trattati anche per:
contattare l'utente, statistiche, analisi dei comportamenti degli utenti e registrazione sessioni, visualizzazione contenuti e interazione di applicazioni esterne, protezione dallo spam, gestione dei pagamenti, interazione con social network, pubblicità.

L'utente può richiedere in qualsiasi momento al titolare del trattamento, chiarimenti sulle finalità di ciascun trattamento.

Dettagli specifici sull'acquisizione e uso dei dati personali
Per contattare l'utente
Moduli di contatto
L'utente può compilare il/i moduli di contatto/richiesta informazioni, inserendo i propri dati e acconsentendo al loro uso per rispondere alle richieste di natura indicata nella intestazione del modulo.
Dati personali che potrebbero essere raccolti: CAP, città, cognome, email, indirizzo, nazione, nome, numero di telefono, provincia, ragione sociale.

Per interazione con applicazioni esterne (anche social network)
www.rivoluzionedemocratica.it include nelle sue pagine plugin e/o pulsanti per interagire con i social network e/o applicazioni esterne.
Per quanto riguarda i social network, anche se l'utente non utilizza il servizio presente sulla pagina web, è possibile che il servizio acquisisca dati di traffico.

I dati acquisiti e l'utilizzo degli stessi da parte di servizi terzi sono regolamentati dalle rispettive Privacy Policy alle quali si prega di fare riferimento.

Facebook: Pulsante "Mi piace" e widget sociali
Fornitore del servizio: Meta Platforms Ireland Limited.
Finalità del servizio: interazione con il social network Facebook
Dati personali raccolti: cookie, dati di utilizzo
Luogo del trattamento: Stati Uniti e in altri Paesi
Privacy Policy (https://www.facebook.com/privacy/policy)

Twitter: Pulsante "Tweet" e widget sociali
Fornitore del servizio: Twitter, Inc.
Finalità del servizio: interazione con il social network Twitter
Dati personali raccolti: cookie, dati di utilizzo
Luogo del trattamento: Stati Uniti
Privacy Policy (https://twitter.com/privacy)
Cookie utilizzati (https://help.twitter.com/it/rules-and-policies/twitter-cookies)
Aderente al Privacy Shield

Whatsapp: Pulsante Whatsapp e widget sociali di Whatsapp
Fornitore del servizio: se l'utente risiede nella Regione Europea, WhatsApp Ireland Limited, se l'utente risiede al di fuori della Regione Europea, i Servizi vengono forniti da WhatsApp LLC.
Finalità del servizio: servizi di interazione con Whatsapp.
Dati personali raccolti: cookie, dati di utilizzo
Luogo del trattamento: Irlanda, le informazioni potrebbero essere trasferite o trasmesse o archiviate e trattate negli Stati Uniti o in altri Paesi terzi al di fuori di quello in cui l'utente risiede.
Privacy Policy (https://www.whatsapp.com/legal/privacy-policy-eea)
Aderente al Privacy Shield

Per statistiche
Questi servizi sono utilizzati dal titolare del trattamento per analizzare il traffico effettuato dagli utenti sul sito web www.rivoluzionedemocratica.it.

I dati acquisiti e l'utilizzo degli stessi da parte di servizi terzi sono regolamentati dalle rispettive Privacy Policy alle quali si prega di fare riferimento.

Per visualizzare contenuti da siti web esterni
Questi servizi sono utilizzati per visualizzare sulle pagine del sito web contenuti esterni al sito web, con possibilità di interazione.
Anche se l'utente non utilizza il servizio presente sulla pagina web, è possibile che il servizio acquisisca dati di traffico.

I dati acquisiti e l'utilizzo degli stessi da parte di servizi terzi sono regolamentati dalle rispettive Privacy Policy alle quali si prega di fare riferimento.

Diritti dell'interessato
L'utente possiede tutti i diritti previsti dall'art. 12 del EU GDPR, il diritto di controllare, modificare e integrare (rettificare), cancellare i propri dati personali accedendo alla propria area riservata. Una volta cancellati tutti i dati, viene chiuso l'account di accesso all'area riservata.

Nello specifico ha il diritto di:
- sapere se il titolare detiene dati personali relativi all'utente (art. 15 Diritto all'accesso);
- modificare o integrare (rettificare) i dati personali inesatti o incompleti (Art. 16 Diritto di rettifica);
- richiedere la cancellazione di uno o parte dei dati personali mantenuti se sussiste uno dei motivi previsti dal GDPR (Diritto alla Cancellazione, 17);
- limitare il trattamento solo a parte dei dati personali, o revocarne completamente il consenso al trattamento, se sussiste uno dei motivi previsti dal Regolamento (Art. 18 Diritto alla limitazione del trattamento);
- ricevere copia di tutti i dati personali in possesso del titolare, in formato di uso comune organizzato, e leggibili anche da dispositivo automatico (Art. 20, Diritto alla Portabilità);
- opporsi in tutto o in parte al trattamento dei dati per finalità di marketing, ad esempio opporsi e ricevere offerte pubblicitarie (art. 21 Diritto di opposizione). Si fa presente agli utenti che possono opporsi al trattamento dei dati utilizzati per scopo pubblicitario, senza fornire alcuna motivazione;
- opporsi al trattamento dei dati in modalità automatica o meno per finalità di profilazione (c.d. Consenso).

Come un utente può esercitare i propri diritti
L'utente può esercitare i propri diritti sopra esposti comunicandone richiesta al titolare del trattamento La Rivoluzione Democratica ai seguenti recapiti: info@rivoluzionedemocratica.it; tel. 3312300680.

La richiesta di esercitare un proprio diritto non ha nessun costo. Il titolare si impegna ad evadere le richieste nel minor tempo possibile, e comunque entro un mese.

L'utente ha il diritto di proporre reclamo all'Autorità Garante per la Protezione dei dati Personali. Recapiti: garante@gpdp.it, http://www.gpdp.it (http://www.gpdp.it).

Cookie Policy
Informazioni aggiuntive sul trattamento dei dati
Difesa in giudizio
Nel caso di ricorso al tribunale per abuso da parte dell'utente nell'utilizzo di www.rivoluzionedemocratica.it o dei servizi a esso collegati, il titolare ha la facoltà di rivelare i dati personali dell'utente. È inoltre obbligato a fornire i suddetti dati su richiesta delle autorità pubbliche.

Richiesta di informative specifiche
L'utente ha diritto di richiedere a www.rivoluzionedemocratica.it informative specifiche sui servizi presenti sul sito web e/o la raccolta e l'utilizzo dei dati personali.

Raccolta dati per log di sistema e manutenzione
www.rivoluzionedemocratica.it e/o i servizi di terze parti (se presenti) possono raccogliere i dati personali dell'utente, come ad esempio l'indirizzo IP, sotto forma di log di sistema. La raccolta di questi dati è legata al funzionamento e alla manutenzione del sito web.

Informazioni non contenute in questa policy
L'utente ha diritto di richiedere in ogni momento al titolare del trattamento dei dati le informazioni aggiuntive non presenti in questa Policy riguardanti il trattamento dei dati personali. Il titolare potrà essere contattato tramite gli estremi di contatto.

Supporto per le richieste "Do Not Track"
Le richieste  "Do Not Track" non sono supportate da www.rivoluzionedemocratica.it.
L'utente è invitato a consultare le Privacy Policy dei servizi terzi sopra elencati per scoprire quali supportano questo tipo di richieste.

Modifiche a questa Privacy Policy
Il titolare ha il diritto di modificare questo documento avvisando gli utenti su questa stessa pagina oppure, se previsto, tramite i contatti di cui è in possesso. L'utente è quindi invitato a consultare periodicamente questa pagina. Per conferma sull'effettiva modifica consultare la data di ultima modifica indicata in fondo alla pagina.
Il titolare si occuperà di raccogliere nuovamente il consenso degli utenti nel caso in cui le modifiche a questo documento riguardino trattamenti di dati per i quali è necessario il consenso.

Definizioni e riferimenti legali
Dati personali (o dati, o dati dell'utente)
Sono dati personali le informazioni che identificano o rendono identificabile, direttamente o indirettamente, una persona fisica e che possono fornire informazioni sulle sue caratteristiche, le sue abitudini, il suo stile di vita, le sue relazioni personali, il suo stato di salute, la sua situazione economica, ecc.

Fonte: sito web del Garante della Privacy (http://www.garanteprivacy.it).

Dati di utilizzo
Sono dati di utilizzo le informazioni che vengono raccolte in automatico durante la navigazione di www.rivoluzionedemocratica.it, sia da sito web stesso che dalle applicazioni di terzi incluse nel sito. Sono esempi di dati di utilizzo l'indirizzo IP e i dettagli del dispositivo e del browser (compresi la localizzazione geografica) che l'utente utilizza per navigare sul sito, le pagine visualizzate e la durata della permanenza dell'utente sulle singole pagine.

Utente
Il soggetto che fa uso del sito web www.rivoluzionedemocratica.it.
Coincide con l'interessato, salvo dove diversamente specificato.

Interessato
Interessato è la persona fisica al quale si riferiscono i dati personali. Quindi, se un trattamento riguarda, ad esempio, l'indirizzo, il codice fiscale, ecc. di Mario Rossi, questa persona è l'interessato (articolo 4, paragrafo 1, punto 1), del Regolamento UE 2016/679 (http://www.garanteprivacy.it/regolamentoue).

Fonte: sito web del Garante della Privacy (http://www.garanteprivacy.it).

Responsabile del trattamento (o responsabile)
Responsabile è la persona fisica o giuridica al quale il titolare affida, anche all'esterno della sua struttura organizzativa, specifici e definiti compiti di gestione e controllo per suo conto del trattamento dei dati (articolo 4, paragrafo 1, punto 8), del Regolamento UE 2016/679 (http://www.garanteprivacy.it/regolamentoue). Il Regolamento medesimo ha introdotto la possibilità che un responsabile possa, a sua volta e secondo determinate condizioni, designare un altro soggetto c.d. "sub-responsabile" (articolo 28, paragrafo 2).

Fonte: sito web del Garante della Privacy (http://www.garanteprivacy.it).

Titolare del trattamento (o titolare)
Titolare è la persona fisica, l'autorità pubblica, l'impresa, l'ente pubblico o privato, l'associazione, ecc., che adotta le decisioni sugli scopi e sulle modalità del trattamento (articolo 4, paragrafo 1, punto 7), del Regolamento UE 2016/679 (http://www.garanteprivacy.it/regolamentoue).

Fonte: sito web del Garante della Privacy (http://www.garanteprivacy.it).

www.rivoluzionedemocratica.it (o sito web)  
Il sito web mediante il quale sono raccolti e trattati i dati personali degli utenti.

Servizio
Il servizio offerto dal sito web www.rivoluzionedemocratica.it come indicato nei relativi termini.

Comunità Europea (o UE)
Ogni riferimento relativo alla Comunità Europea si estende a tutti gli attuali stati membri dell'Unione Europea e dello Spazio Economico Europeo, salvo dove diversamente specificato.

Cookie
Dati conservati all'interno del dispositivo dell'utente.

Riferimenti legali
La presente informativa è redatta sulla base di molteplici ordinamenti legislativi, inclusi gli artt. 13 e 14 del Regolamento (UE) 2016/679. Questa informativa riguarda esclusivamente www.rivoluzionedemocratica.it, dove non diversamente specificato.

Informativa privacy aggiornata il 07/10/2022 12:44
torna indietro leggi Privacy Policy per www.rivoluzionedemocratica.it
 obbligatorio
generic image refresh

cookie