12 Luglio 2020

"IL MOVIMENTO POLITICO DEI LAVORATORI
ed altre formazioni socialiste: ACPOL, ex PSIUP, Nuovo PSIUP, AS, PdUP"

21-06-2020 - STORIE&STORIE











Simbolo del MPL

Livio Labor





Il 9 giugno 1944, in rappresentanza rispettivamente delle correnti comunista, socialista e cattolica, Giuseppe Di Vittorio, Emilio Canevari e Achille Grandi firmarono il Patto di Roma, con cui si diede vita al sindacato unitario, denominato Confederazione Generale Italiana del Lavoro (CGIL).
Tuttavia, nell'agosto 1944, Achille Grandi fondo' le Associazioni Cristiane dei Lavoratori Italiani (A.C.L.I.), che il loro statuto, all'articolo 1, definiva espressione della corrente cristiana in campo sindacale. Nelle intenzioni del fondatore esse avevano lo scopo di curare la formazione religiosa, morale e sociale dei lavoratori cristiani, anche per meglio salvaguardarne la specificitá all'interno del sindacato unitario.
In sostanza si voleva mantenere l'influenza della Chiesa cattolica e della Democrazia Cristiana (DC) all'interno della classe lavoratrice sindacalmente organizzata, la cui grande maggioranza era orientata in favore del partito comunista e di quello socialista.
La fine dell'unitá antifascista e di quella sindacale, la guerra fredda, la contrapposizione tra “centrismo” e “frontismo” favorirono il sorgere, a fianco della DC, di organizzazioni cosiddette “collaterali”(1) che, oltre ad occuparsi dei loro specifici settori professionali, assicuravano al partito dello scudo crociato la presenza e la penetrazione nei vari gruppi sociali.
La presidenza (1961-1969) di Livio Labor (1918-1999) impresse alle ACLI una svolta decisamente progressista, che rese l'Associazione sempre piú sensibile alle istanze che salivano dal mondo del lavoro e da quello dei meno fortunati. A conclusione dello sviluppo, all'interno dell'organizzazione, di una nuova sensibilitá anticapitalista e classista, il congresso di Torino (19-22/6/1969) delle ACLI decise la fine del “collateralismo” con la DC e proclamo' il principio della libertá di voto per gli aclisti, rompendo cosí la tradizionale “unitá politica dei cattolici”.
Subito dopo Labor, pero', per non coinvolgere le ACLI nelle sue personali scelte politiche, lascio'
la presidenza, nella quale fu sostituito da Emilio Gabaglio.
Giá l'8 marzo 1969, su impulso principalmente di Labor era stata fondata, ad opera di un comitato promotore (2), l' “Associazione di Cultura Politica” (ACPOL), allo scopo di offrire a tutti coloro che erano critici nei confronti dell'assetto capitalistico della societá ed auspicavano cambiamenti radicali politici, sociali ed economici "un canale di comunicazione e di dialogo per la elaborazione di un discorso e di una strategia comuni. L'associazione si proponeva – recita il comunicato ufficiale – di stimolare dall'interno stesso delle componenti della sinistra italiana un processo evolutivo, che voglia pervenire a una profonda modificazione e ristrutturazione della sinistra in una nuova prospettiva politica, al di lá di ogni ipotesi terzaforzista.
"
Vi aderivano elementi del PSI, del PSIUP, della CGIL, della CISL, delle ACLI e del Movimento studentesco. Organo di stampa del movimento era Acpol notizie, che inizio' le pubblicazioni nell'ottobre 1969. L'ACPOL svolse un'intensa attivitá convegnistica, promossa principalmente da Livio Labor con la collaborazione di Riccardo Lombardi (PSI) e di Lelio Basso (PSIUP) (3).

Ben presto, pero', l'attivitá dell'ACPOL si sposto' dal dibattito politico-culturale ad un'azione politica tendenzialmente partitica dei cattolici progressisti. Cio' porto' al disimpegno di esponenti militanti in altre formazioni politiche ed alla rapida dissoluzione dell' ACPOL, che il 4 luglio 1970 decise di sciogliersi.

****

Il giorno dopo (5-7-1970) gli aderenti alla disciolta organizzazione che intendevano dar vita ad un nuovo soggetto politico si costituirono in assemblea con l'intenzione di dar inizio ad un processo di costituzione di un Movimento Politico dei Lavoratori (MPL).
Dal 20 al 22 novembre 1970 si riuní a Sorrento l'assemblea nazionale dei coordinatori, per avviare la fase costituente del nuovo movimento, per definirne la linea politica, ormai orientata verso un'alternativa socialista (4) e per eleggere un Comitato di Coordinamento Nazionale di 30 membri, che avrá come coordinatore nazionale Livio Labor.
Una scelta di campo, quella del MPL, decisamente progressista e socialista per Un socialismo che non è mai esistito, affermava Labor, perché la democrazia socialista bisogna inventarla. Bisognava cercare, cioè, una nuova strada verso il socialismo, senza guardare a modelli preesistenti.
Il MPL venne ufficialmente costituito il 29 ottobre 1971 da Livio Labor, affiancato da Gennaro Acquaviva, Vittorio Bellavite (5), Luciano Benadusi (6), Marco Biagi, Corrado Clini, Luigi Covatta (7), Domenico Jervolino, Pierluigi Mantini, Gian Giacomo Migone, Giovanni Russo Spena, ecc. Vi aderirono gli on. Cesare Pirisi (8) e Giuseppe Gerbino (9).
Suo organo di stampa fu il settimanale Alternative (10), affiancato da un'agenzia di informazione Mpl notizie. Il MPL si avvalse anche di un struttura operativa radicata nel territorio.
Alle elezioni politiche del 7-8 maggio 1972, il MPL conseguí pero'risultati assai deludenti: 120.251 voti per la Camera (11), pari allo 0,36 % e nessun seggio. Il fallimento elettorale e la crisi che ne conseguí all'interno del movimento indussero a una seria riflessione sull'opportunitá di tenere in vita il movimento. Lo stesso Labor ritenne necessario che il MPL andasse a un confronto e a un dialogo con le forze della sinistra che parta dalla riflessione autocritica sulla inadeguatezza dello strumento che abbiamo messo in piedi.
Non mancarono le avances del costruendo Nuovo PSIUP, ma esse non conseguirono alcun apprezzabile risultato.
Ai primi di luglio dello stesso anno 1972 si svolse l'Assemblea Generale per decidere il destino del MPL, e in quella sede emerse una frattura, che ben presto si rivelo' insanabile, tra la maggioranza (Labor, Acquaviva, Benadusi, Covatta), determinata a sciogliere il movimento e a confluire nel PSI, per rafforzarne l'ala sinistra lombardiana e una consistente minoranza (Migone, Russo Spena, Jervolino, Bellavita) favorevole a continuare l'esperienza del MPL.
La confluenza della maggioranza nel PSI fu perfezionata il 14 novembre del 1972, nel corso del 39° congresso del PSI (12).

Intanto la minoranza dell'ormai ex MPL si organizzo' in un movimento denominato Alternativa Socialista (AS), che si proponeva di far convergere la tradizione politica del movimento operaio con il dissenso cattolico.
L'incontro tra le due minoranze, quella del MPL denominata Alternativa Socialista e quella del disciolto PSIUP, denominata Nuovo PSIUP, a questo punto, era del tutto scontata.

*****

Infatti, una situazione analoga si era verificata nel Partito Socialista Italiano di Unitá Proletaria (PSIUP) (13). Il risultato negativo conseguito dal partito nelle elezioni politiche del 7-8 maggio 1972, in cui, avendo ottenuto solo l'1,94 %, esso non raggiunse il quorum in nessuna circoscrizione della Camera e percio' non ottenne nessun deputato (14), provoco' nello scoraggiato gruppo dirigente una seria riflessione sulla funzione che il partito poteva ancora esercitare nel quadro politico nazionale.
Il IV ed ultimo congresso del PSIUP, che ebbe inizio a Roma il 13 luglio 1972, decise, con una maggioranza del 67%, di sciogliere il partito e di confluire nel PCI.

Una minoranza, che ottenne il 9 % dei voti, guidata da Vincenzo Gatto (1922-2005) e da Giuseppe Avolio (1924-2006), invece, riteneva che il fallimento dell'unificazione socialdemocratica PSI-PSDI, dissoltasi nel 1969, e il dibattito in atto all'interno del PSI, avessero aperto spazi sufficienti per poter influire in direzione di una sterzata a sinistra del PSI, che portasse quel partito ad aderire ad un largo schieramento unitario col PCI e con la sinistra cattolica. Tale minoranza, inoltre, contestava la tesi della maggioranza pro PCI, secondo cui l'unica reale organizzazione del lavoratori italiani era il PCI, ritenendola anzi pericolosa, in quanto essa rischiava di indebolire l'intero schieramento di sinistra:
Riteniamo che il PSI, tornato all'opposizione e impegnato in uno sforzo di riqualificazione del suo ruolo di forza socialista, classista e internazionalista, possa offrire oggi le condizioni sufficienti per proseguire la nostra milizia di classe nella lotta per il socialismo (15).
I delegati favorevoli alla confluenza nel PSI si riunirono, domenica 15 luglio 1972, nella sala Rimoldi, in via Teulada a Roma, dove, a nome del “Comitato nazionale della sinistra socialista per la confluenza nel PSI”, Avolio lancio' un appello ai lavoratori: {…} Indichiamo ai lavoratori la confluenza nel PSI (16) come un momento di rilancio della componente socialista utile per lo sviluppo e il successo delle lotte dei lavoratori nella presente e difficile realtá interna ed internazionale. Assieme a noi forze cattoliche e progressiste (17), pur provenendo da esperienze diverse, confermano l'attualitá e la validitá della scelta socialista unitaria, per aprire nuove prospettive di trasformazione democratica e socialista nel nostro Paese {…} (18).
La confluenza nel PSI dei 16.884 militanti dell'ex PSIUP che aderirono all'appello avvenne a Genova, in occasione del 39° congresso del PSI, nel corso di una grande manifestazione tenuta nella stessa sala Sivori, in cui nel 1892 era nato il partito socialista (19), in cui parlarono, fra gli altri, Francesco De Martino, presidente del PSI, e Vincenzo Gatto. Il documento di confluenza fu illustrato al congresso da Giuseppe Avolio.
L'assemblea congressuale del PSI approvo', il 14 novembre 1972, per acclamazione, i due documenti di accettazione nel PSI dei militanti dell'ex PSIUP e della maggioranza del MPL, che furono letti da Paolo Vittorelli (20).
Il 30 novembre 1972 il CC scaturito dal congresso di Genova elesse la nuova Direzione del PSI, di 34 componenti, fra cui Giuseppe Avolio e Vincenzo Gatto dell'ex PSIUP e Livio Labor del MPL.

*****

Un'altra minoranza, che al congresso di scioglimento del PSIUP ottenne il 23,8 %, si pronuncio', invece, per la continuitá del partito.
Essa riteneva, come ebbe a dire Vittorio Foa, che le ragioni politiche che diedero vita al PSIUP nel 1964 non sono venute meno, ma sono ancora valide, anche se bisognose di un riesame critico.
Oltre che dai leader Vittorio Foa (1910-2008), membro della segreteria nazionale della CGIL, e Silvano Miniati (21) (1934-2016), tale posizione era sostenuta da prestigiosi esponenti dell'ormai ex PSIUP, quali lo storico Mario Albano, il sociologo Pino Ferraris, gli ex partigiani Guido Biondi e Aristeo Biancolini, il giornalista Daniele Protti, il giornalista-scrittore Mario Brunetti, il senatore Dante Rossi, i sindacalisti Elio Giovannini, Antonio Lettieri e Gastone Sclavi.
Il 16 luglio 1972 i delegati favorevoli alla continuitá del partito si diedero convegno a Roma, al Supercinema, per partecipare all' “Assemblea costituente per la continuitá e il rinnovamento del PSIUP”. Da quell'incontro scaturí la decisione di dar vita ad un nuovo soggetto politico denominato Nuovo PSIUP (NPSIUP). Esso, disse Foa, non voleva porsi in termini antagonistici verso le altre forze della sinistra, siano storiche oppure extraparlamentari, quale che siano i nostri dissensi.
Organo del nuovo partito divenne il quindicinale Unitá Proletaria, con direttore Daniele Protti.
Il cammino era ormai tracciato verso l'incontro con Alternativa Socialista.

****

Alla fine dell'estate 1972, a Firenze, ebbe luogo l'incontro tra le delegazioni del Nuovo PSIUP e di Alternativa Socialista, che concordarono di tenere due convegni preparatori per meglio amalgamare le loro basi ed avviarle cosí alla fusione.
Il primo, volto a lanciare ufficialmente il processo di rifondazione della sinistra, si svolse a Torino, a metá ottobre, con l'obiettivo di aggregare tutti quei militanti che non si riconoscevano nel PCI e nel PSI e gli scontenti provenienti dalla sinistra della DC, dalla CISL, dalle ACLI.
Il secondo convegno ebbe luogo a Bologna, dove le due formazioni, ora rafforzate organizzativamente, ribadirono la politica dell'alternativa. Esso si concluse con l'approvazione all'unanimitá di un documento che sanciva la fusione delle due componenti organizzatrici, delegando ad una successiva assemblea il compito di definire il simbolo e la sigla e gli orientamenti politico-organizzativi.
Il 2 e 3 dicembre successivi, infatti, a Livorno fu deciso il nome del partito in cui si fusero NPSIUP e AS: Partito di Unitá Proletaria (PdUP).
Fu anche eletto, come unico organo di direzione politica del nuovo partito, un Comitato di coordinamento, composta da Vittorio Bellavite, Guido Biondi, Mario Brunetti, Roberto Calari, Bruno De Vita, Pino Ferraris, Vittorio Foa, Gian Giacomo Migone, Silvano Miniati, Guglielmo Ragozzino, Dante Rossi, Giovanni Russo Spena.
Il nuovo partito poteva contare su circa 13.000 iscritti e oltre 600 consiglieri comunali.

****

Mentre il PSIUP aveva occupato uno spazio politico in certo senso intermedio tra PSI e PCI, il nuovo partito nato dalla fusione tra la minoranza del PSIUP e quella del MPL, cioè il PdUP si colloco' alla sinistra del PCI. In questo terreno, pero', era stato preceduto da un altro “inquilino”: il gruppo del manifesto (22), uscito anch'esso scosso dalla recente prova elettorale (23).
Dopo un accidentato periodo in cui si alternarono concorrenza e convergenza, i due partiti decisero di fondersi (24), dando cosí vita, nel luglio 1974, al “PdUP per il comunismo” (25), con segretario Lucio Magri.
Lo scopo del nuovo soggetto politico era quello di far convergere il patrimonio storico del movimento operaio italiano con le esperienze del dissenso cattolico, presentandosi come unica formazione politica di estrema sinistra alternativa al PCI, ma convintamente parlamentare.
La convivenza non fu pero' di lunga durata, giacché, la minoranza, quasi coincidente con l'ex PdUP (26), lascio' il partito per aderire alla costituente per la trasformazione in partito di Democrazia Proletaria (DP) (27), di cui Giovanni Russo Spena diventerá segretario nel 1987, dopo le dimissioni di Mario Capanna. Democrazia Proletaria, in seguito, confluirá in Rifondazione Comunista (RC) (28).
Da quel momento la storia di questi gruppi socialisti, ultime espressioni del socialismo di sinistra in Italia, si diluirá in mille rivoli e diventerá storia personale di ciascuno dei suoi protagonisti.

__________

  1. La CISL, la Coldiretti, l'Associazione Cristiana Artigiani, l'Intesa universitaria, il Centro Sportivo Italiano, i Comitati Civici, le ACLI.
  2. Il Comitato era composto di 23 persone, fra cui molti giovani: Gennaro Acquaviva, Giuseppe Ammassari, Enzo Bartocci, Luciano Benadusi, Roberto Cassola, Fabrizio Cicchitto, Luigi Covatta, Enzo Enriquez Agnoletti, Massimo Fichera, Antonio Fontana, Beppe Gatti, Michele Giannotta, Moreno Incerpi, Giorgio Lauzi, Siro Lombardini, Piero Merli Brandini, Diego Miraglia, Ettore Morezzi, Giorgio Pazzini, Emanuele Rangi Ortigosa, Leonardo Romano, Claudio Signorile, Francesco Tempestini.
  3. Principali convegni: Contestazione sociale e movimento operaio (Milano, settembre 1969), Le Regioni di fronte alla crisi del sistema politico italiano (Roma, novembre 1969), Strategia e prospettive della sinistra europea (Parigi, febbraio 1970), Lotte politiche di base (Milano, marzo 1970).
  4. Tale scelta è illustrata nel documento Proposta del MPL per un'alternatica socialista, in 63 tesi.
  5. Bellavite sará segretario nazionale del MPL
  6. Per sei anni era stato delegato nazionale del Movimento giovanile della DC.
  7. Covatta è direttore di Mondoperaio, rivista fondata da Pietro Nenni.
  8. Pirisi era stato eletto nel 1968 come indipendente nella lista del PCI.
  9. Gerbino proveniva dalla DC.
  10. Il primo numero uscí il 14-2-1971; il giornale cesso' le pubblicazioni il 2-7-1972. Primo direttore ne fu Augusto Marcelli, poi sostituito da Luigi Covatta.
  11. Per il Senato non aveva presentato liste.
  12. Livio Labor nel 1976 sará eletto senatore del PSI.
  13. Il PSIUP era nato il 10-1-1964 da una scissione delle sinistre del PSI, capeggiate da Tullio Vecchietti e Lelio Basso, in seguito alla scelta della maggioranza autonomista del PSI di entrare nel primo governo di centro-sinistra organico, il governo Moro-Nenni.
  14. Al Senato il PSIUP si presento' assieme al PCI ed elesse 11 senatori, con in testa il segretario del partito Dario Valori e formo' un proprio gruppo parlamentare presieduto da Mario Li Vigni.
  15. Dall'intervento di Avolio al Congresso (15-7-1972).
  16. Tale decisione era stata anticipata dal rientro nel PSI di Alessandro Menchinelli (1924-2013) e Giulio Scarrone, giá direttore de La Conquista, organo dei giovani socialisti e di Rassegna socialista, periodico del PSIUP.
  17. E' evidente il riferimento alle ACLI e al MPL.
  18. Il saluto del PSI fu portato da Gino Bertoldi (1920-2001).
  19. Allora con la denominazione di Partito dei Lavoratori Italiani.
  20. I due documenti recavano le firme di Bettino Craxi, Francesco De Martino, Riccardo Lombardi, Giacomo Mancini, Enrico Manca e Paolo Vittorelli.
  21. Miniati è autore del primo saggio organico sulla storia del PSIUP: Silvano Miniati PSIUP 1964-1972, vita e morte di un partito Edimez, 1981.
  22. La rivista mensile il manifesto era nata, nel giugno 1969, come espressione dell'ala sinistra del PCI (Lucio Magri, Rossana Rossanda, Luigi Pintor, Aldo Natoli, Valentino Parlato, Luciana Castellina, Lidia Menapace). Il 24-11—1969, i suoi principali esponenti vennero radiati dal PCI, con l'accusa di frazionismo. Il giornale si trasformo' cosí anche in gruppo politico organizzato, che si presento'alle elezioni del 1972.
  23. Voti alle elezioni politiche del 1972: 224.313, 0,67 % e nessun seggio alla Camera. Al Senato il manifesto aveva invitato a votare PCI.
  24. L'assemblea di scioglimento del Movimento del Manifesto ebbe luogo a Roma dal 12 al 14 luglio 1974. Il PdUP decise il suo scioglimento e la fusione col Manifesto nel suo congresso nazionale di Firenze (19-21/7/1974). Il congresso ufficiale di fondazione sará tenuto a Bologna il 29-1-1976.
  25. Dopo qualche mese vi aderí anche il “Movimento autonomo degli studenti” di Milano, guidato da Mario Capanna.
  26. Foa, Miniati, Giovannini, Lettieri, Sclavi, Russo Spena, Jervolino. Magone passo'ai Democratici di Sinistra (DS).
  27. DP originariamente (1975) era sorta come cartello elettorale che raggruppava alcuni movimenti di sinistra, in vista delle elezioni politiche del 1976, in cui ottenne 6 seggi. Il 19-4-1978 si costituí in partito vero e proprio.
  28. La maggioranza, che conservo' la denominazione di PdUP per il Comunismo, praticamente coincidente col vecchio gruppo del manifesto, nel novembre 1984 confluirá, invece, nel PCI.


Fonte: di FERDINANDO LEONZIO

Realizzazione siti web www.sitoper.it
invia ad un amico
chiudi
Attenzione!
Non puoi effettuare più di 10 invii al giorno.
Informativa
Informativa Privacy
La presente informativa descrive le modalità di gestione del Sito, da Lei ora visitato, di cui è Titolare, il giornale "LA RIVOLUZIONE DEMOCRATICA", registrazione al Tribunale di Firenze n°5863 del 17/02/2012 (di seguito, "Giornale" per brevità), che ha come finalità l´informazione critica, la difesa della laicità delle Istituzioni e la diffusione della cultura laica, con sede in Firenze, accessibile al seguente nome di dominio
http://www.rivoluzionedemocratica.it
in riferimento al trattamento dei dati personali dei navigatori che vi accedono e che interagiscono con esso.

Premessa
I considerazione delle modifiche al D. Lgs. n. 196/2003 (Codice in materia di protezione dei dati personali, di seguito "Codice Privacy"), introdotte recentemente con il D.L. 201/2011 convertito nella L. 214/2011, la presente informativa si rivolge alle persone fisiche che, per conto proprio o di associazioni interessate, decidano di accedere al Sito ed interagire con esso ed è resa ai sensi dell´art. 13 del Codice Privacy.
L´informativa si ispira anche alla Raccomandazione n. 2/2001 che le autorità europee per la protezione dei dati personali, riunite nel Gruppo istituito dall´art. 29 della direttiva n. 95/46/CE, hanno adottato il 17 maggio 2001, per individuare alcuni requisiti minimi per la raccolta di dati personali on-line, e, in particolare, le modalità, i tempi e la natura delle informazioni che i titolari del trattamento devono fornire agli utenti quando questi si collegano a pagine web, indipendentemente dalle ragioni e finalità del collegamento.
In linea generale, è opportuno precisare che attraverso il Sito vengono effettuate le seguenti tipologie di raccolta dati:
- raccolta necessaria ed automatica dei dati del navigatore inerenti all´interazione con il Sito;
- trattamento correlato alla raccolta di dati, immessi volontariamente dal navigatore, attraverso l´invio di e-mail agli indirizzi indicati per contattare il Titolare (ad esempio, sezioni "Contatti" e "Iscriversi al circolo").

La presente informativa si riferisce unicamente alle operazioni di trattamento effettuate su dati raccolti con le modalità sopra indicate e non si riferisce, quindi, ai trattamenti effettuati tramiti altri siti, a cui l´utente vorrà accedere mediante link dal Sito. Per tali trattamenti dovrà essere fornita, da parte dei rispettivi Titolari, autonoma informativa.
Si precisa, in particolare, che i trattamenti sui dati conferiti accedendo a siti di terzi, raggiungibili mediante i link pubblicati sul Sito, sono effettuati da soggetti diversi dal Giornale.
Premesso che il Giornale non effettuerà alcuna comunicazione dei dati degli utenti a tali soggetti e che ogni iniziativa per entrare in contatto e chiedere informazioni, è rimessa all´esclusiva attività dell´Interessato o del rispettivo Titolare, il giornale non sarà in alcun modo responsabile dei trattamenti che verranno effettuati da parte di tali soggetti, a fronte dell´iniziativa dell´utente medesimo.

1. Finalità del trattamento
1.1 Le operazioni di trattamento di seguito illustrate sono unicamente rivolte alla corretta proposizione ed erogazione dei servizi offerti tramite il presente Sito dal Giornale medesimo per il perseguimento dello scopo associativo. L´Attività on line del Giornale consiste prevalentemente nella pubblicazione di contenuti, caratterizzati da un alto livello qualitativo, sui temi di interesse del Giornale e dei dati personali dei rispettivi autori, aventi con il Giornale rapporti regolari, nonché nello scambio, anche mediante messaggi di posta elettronica, di opinioni e informazioni di varia natura, relative in particolare alla vita e alle attivitàdel Giornale medesimo o ad eventi di rilevanza nel dibattito culturale che il Giornale intende promuovere.
1.2. A tal fine, il Titolare ha predisposto sezioni ad hoc del Sito.
In particolare, nella sezione "Contatti" è presente l´indirizzo e-mail interattivo cui l´Utente può trasmettere i propri dati personali e/o dell´Associazione di appartenenza, al Giornale. Più precisamente, in tale ipotesi il trattamento è finalizzato al mero scambio di informazioni e di contatti, comunque di natura non professionale, inerenti all´attività del Giornale .
In ogni caso, i dati raccolti tramite il presente Sito saranno trattati secondo principi di correttezza, liceità e trasparenza, per la tutela della riservatezza e dei diritti degli interessati, ed unicamente per il perseguimento dello scopo associativo. Negli stessi limiti saranno trattati anche i dati personali che dovessero essere inviati spontaneamente al Giornale dai visitatori del sito anche con modalità off-line (fax, posta, telefono od altro).

2. Tipi di dati trattati
2.1 - Dati di navigazione I sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento di questo Sito registrano, nel corso del loro normale esercizio, alcuni dati personali la cui acquisizione avviene in modo automatico e inevitabile, qualora si utilizzino i protocolli di comunicazione di Internet. Sono dati che, pur non essendo reperiti con lo scopo specifico di identificare i rispettivi Interessati, ben potrebbero, a causa delle loro stesse caratteristiche, essere associati a banche dati di terzi e così consentire l´individuazione degli utenti. Appartengono a questa categoria di dati, ad esempio, gli indirizzi IP o i nomi a dominio degli elaboratori utilizzati dagli utenti che si connettono al Sito, gli indirizzi in notazione URI (Uniform Resource Identifier) delle risorse richieste, l´orario della richiesta, il metodo utilizzato nel sottoporre la richiesta al server, la dimensione del file ottenuto in risposta, il codice numerico indicante lo stato della risposta data dal server (buon fine, errore, ecc.) ed altri parametri relativi al sistema operativo e all´ambiente informatico dell´utente. Questi dati vengono utilizzati al solo fine di ricavare informazioni statistiche anonime sull´uso del Sito e per controllarne il corretto funzionamento, e vengono cancellati immediatamente dopo l´elaborazione.
Si precisa che i dati di navigazione potrebbero essere usati per l´accertamento di responsabilità in caso di eventuali reati informatici ai danni del Sito, conformemente alle procedure vigenti presso le Autorità competenti.
2.2 Meccanismi automatici di raccolta
In conformità a quanto previsto nel Provvedimento del Garante n. 229 dell´8.5.2014, si informa che in questo Sito non si utilizzano "cookies persistenti", trojans, spywares, web bugs, ovvero sistemi per il tracciamento degli utenti (cookies di profilazione), ma soltanto cookies cosiddetti "tecnici", di navigazione, di sessione o di funzionalità.
L´uso di c.d. "cookies di sessione" (che non vengono registrati in modo persistente sull´elaboratore dell´utente e svaniscono con la chiusura del browser) è unicamente finalizzato a rendere l´esplorazione del Sito sicura ed efficiente.
I c.d. cookies di sessione, utilizzati in questo sito, evitano il ricorso ad altre tecniche informatiche potenzialmente pregiudizievoli per la riservatezza della navigazione degli utenti e non consentono l´acquisizione di dati personali identificativi dell´utente I cookies "analitici" vengono utilizzati dalla società ShinyStat per effettuare trattamenti in forma aggregata ed anonima, per i quali si fornisce l´informativa generale ed il modulo per esercitare l´opt-out tramite i link qui sotto:
- ShinyStat http://www.shinystat.com/it/informativa_privacy_generale_free.html
- ShinyStat http://www.shinystat.com/it/opt-out_free.html
- Facebook http://www.facebook.com/policy.php
- Twitter http://twitter.com/privacy
- Google+, Google Maps e YouTube https://www.google.it/intl/it/policies/privacy/
- Vimeo https://vimeo.com/cookie_policy
2.3 Si precisa, per completezza, che i dati personali - una volta resi anonimi - potranno essere utilizzati per elaborare statistiche o per rilevare il grado di soddisfazione degli utenti. In ogni caso, la raccolta e il trattamento dei dati personali degli utenti non saranno finalizzati ad attività di marketing, di informazione commerciale e/o di indagini di mercato.

3. Tipologia di dati
3.1 Il trattamento dei dati effettuati tramite il presente Sito avrà prevalentemente ad oggetto dati comuni.
Tuttavia, in considerazione della natura del Giornale, il trattamento, inoltre, potrà riguardare anche i dati personali idonei a rivelare le convinzioni religiose e/o le opinioni politiche degli utenti e/o degli Associati, e/o dei soggetti che - in relazione allo scopo associativo - hanno contatti regolari con il Giornale. In ogni caso, tramite il presente Sito non saranno trattati dati inerenti alla salute. Pertanto, La invitiamo a non comunicarci dati personali attinenti al Suo stato di salute e alla Sua vita sessuale, ai sensi dell´art. 26 del Codice. In presenza di tali dati, il Giornale procederà alla tempestiva distruzione del relativo messaggio e/o comunicazione da Lei eventualmente fornita.
3.2 Il trattamento dei dati si svolgerà in conformità della vigente Autorizzazione Generale del Garante per la protezione dei dati personali n. 3/2011 e successive .
3.3 Il conferimento dei dati è in ogni caso facoltativo. Tuttavia, il mancato conferimento dei dati relativamente ad alcune sezioni del Sito e, più precisamente, in relazione alla Sezione "Contatti" comporterà l´impossibilità, per l´Associazione, di fornire il relativo servizio.

4. Modalità di trattamento
4.1 Il medesimo sarà effettuato prevalentemente con l´ausilio di mezzi informatici e telematici ma anche manualmente. I dati infatti potranno essere conservati sia in archivi cartacei sia in archivi elettronici, in modo da consentire, laddove necessario, l´individuazione e la selezione di dati aggregati, per il tempo non eccedente la durata e le necessità del trattamento.
4.2 Il trattamento sarà effettuato direttamente dall´organizzazione del Titolare, con l´ausilio dei propri incaricati e/o responsabili del trattamento. Potranno avere accesso ai dati per il perseguimento delle finalità di cui al punto 1, nell´ambito delle rispettive funzioni o mansioni e, in ogni caso, secondo le modalità e nei limiti di cui ai rispettivi atti di nomina a Responsabile o a Incaricato, oltre al Coordinatore/Coordinatrice, al Tesoriere e al Responsabile per la gestione delle istanze ex art. 7 Codice, eventuali società di servizi esterne nominate responsabili del trattamento ai sensi e per gli effetti dell´art. 29 del Codice.
4.3. Infine, si informa l´utente che l´eventuale trasmissione di dati tramite Internet non può raggiungere livelli di sicurezza assoluti. E´ onere dell´utente verificare la correttezza dei dati personali che lo riguardano ed eventualmente procedere alla rettifica, aggiornamento o, comunque, modifica dei dati nel corso del trattamento. Il Titolare non può considerarsi tenuto ad altra prestazione oltre alla puntuale e corretta applicazione degli standard di sicurezza imposti dalla normativa in vigore, con particolare riferimento all´adozione delle misure di sicurezza in conformità di quanto previsto dagli artt. 33-36 del Codice e dal Disciplinare Tecnico di cui all´Allegato B.

5. Conservazione dei dati - durata e aggiornamento
5.1 A seguito di controlli periodici,il Giornale verificherà la stretta pertinenza e la non eccedenza dei dati raccolti rispetto agli obblighi ed alle finalità del trattamento posto in essere, per quanto riguarda i dati che rivelano le opinioni e le intime convinzioni.
5.2 Ad eccezione dei dati di navigazione che non vengono conservati oltre una settimana dalla raccolta, gli altri dati verranno conservati in coerenza con lo scopo per il quale sono stati conferiti e comunque nel rispetto della normativa vigente.
5.3 Nel rispetto di quanto previsto dall´art. 11, co. 1, lett. c) Codice, i dati personali saranno aggiornati in seguito alla segnalazione dell´Interessato, in congruità con quanto previsto dall´art. 7, co. 3, lett. a) Codice.

6. Comunicazione e diffusione
6.1 il Giornale non procederà alla comunicazione diretta a terzi dei dati personali raccolti tramite il sito.
6.2 I dati relativi alla navigazione non verranno, in nessun caso, diffusi o comunicati. E´ fatta salva la eventuale comunicazione alle Autorità competenti in relazione alle attività necessarie all´accertamento e alla repressione dei reati.
6.3 I dati personali forniti dagli utenti, che inoltrano richieste di informazioni ai diversi indirizzi di posta elettronica presenti sul Sito, non sono comunicati a terzi.
6.4 Nell´ambito delle finalità indicate nella presente informativa, qualora sia necessario comunicare i dati a soggetti diversi dal Titolare, quest´ultimo provvederà alla designazione degli stessi quali Responsabili del trattamento.

7. Diritti dell´Interessato
7.1 Al Titolare del trattamento potranno essere inoltrate le richieste di cui all´art. 7 del Codice "Diritti dell´interessato", ossia, in particolare il diritto di:
- ottenere dal Titolare la conferma dell´esistenza di dati personali che lo riguardano e la comunicazione dei medesimi in forma intelligibile;
- conoscere l´origine dei dati, la logica e le finalità su cui si basa il loro trattamento;
- conoscere gli estremi identificativi dei Responsabili del trattamento e delle categorie di soggetti ai quali i dati possono essere comunicati o che possono venirne a conoscenza in qualità di Responsabili o Incaricati;
- ottenere la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati trattati in violazione della legge, come l´aggiornamento, la rettificazione o, qualora l´interessato vi abbia interesse, l´integrazione dei dati medesimi;
- opporsi in tutto o in parte, per motivi legittimi, al trattamento dei dati personali che lo riguardano ancorché pertinenti allo scopo della raccolta;
- opporsi in tutto o in parte al trattamento previsto ai fini di informazione commerciale o di invio di materiale pubblicitario.
Qualora, a seguito della richiesta di cui all´art. 7 del Codice non risulti confermata l´esistenza di dati che riguardano l´Interessato, potrà essere richiesto a quest´ultimo un contributo spese, comunque non superiore a Euro 10,00.

Le richieste dovranno essere rivolte ai Direttori del Giornale, Responsabili per le richieste ex art. 7, al seguente indirizzo e-mail:
info@rivoluzionedemocratica.it

Si prega di indicare nell´oggetto della comunicazione: "Richiesta ex art. 7 D. Lgs. 30 giugno 2003, n. 196 - Codice in materia di protezione dei dati personali".

8. Titolare ed elenco dei Responsabili del trattamento
Titolare del trattamento dei dati è il giornale on line "LA RIVOLUZIONE DEMOCRATICA" con sede a FIRENZE, mail: info@rivoluzionedemocratica.it
L´elenco aggiornato contenente i nominativi e i recapiti dei Responsabili è disponibile presso la sede del Titolare.
torna indietro leggi Informativa  obbligatorio

close
ACCEDI

NON SONO REGISTRATO

crea account