28 Settembre 2020

"DPCM, COSTITUZIONE E ‘FASE 2’ "

21-05-2020 - DIARIO POLITICO di Giuseppe Buttà
L'epidemia del covid19 sta agendo come un vero e proprio grimaldello che, con il suo corteo di morti e di effetti collaterali sull'economia e sulla politica, sta scardinando la società italiana anche nelle sue strutture costituzionali (v. il surreale dibattito sulle autonomie regionali) precipitandoci in una crisi sistemica, sanitaria, economica, politico-costituzionale.
La libertà di movimento, di circolazione delle persone e delle cose su tutto il territorio nazionale, la libertà economica sono un punto fermo dei diritti civili garantiti dalla Costituzione che, all'art. 16, prevede però la possibilità di limitarle con legge per motivi di sanità e sicurezza eccezionali. È lapalissiano che tali limitazioni possano essere stabilite soltanto per legge e non da semplici atti amministrativi anche se le modalità di applicazione stabilite dalla legge nazionale possono trovare espressione attraverso anche le c.d. ordinanze ‘contingibili e urgenti' emanate dalle regioni e dai comuni, che per loro stessa natura devono tenere conto delle situazioni attuali e locali, diverse da territorio a territorio.
Non v'è dubbio che queste prescrizioni e le garanzie dei diritti costituzionali siano state travolte dallo strumento normativo usato dal governo (il dpcm), forse in buona fede data la concitazione emergenziale, ma viene il sospetto che il governo si sia lasciato cogliere alla sprovvista anche sul piano delle procedure costituzionali e abbia perduto la testa emanando una serie di atti amministrativi, chiamati dpcm per nobilitarli, qualche volta contraddittori e contenenti norme talvolta innovative nelle materie più diverse, anche penali!
Tutti, non per contestare la necessità delle misure adottate, saremmo curiosi di avere l'opinione della Corte Costituzionale a questo riguardo; tutti saremmo altrettanto curiosi di sapere che cosa sarebbe successo se, a osare tanto, fosse stato un certo aspirante ai ‘pieni poteri'.
Comunque – ferme restando le garanzie costituzionali – sarebbe stato preferibile, anzi necessario, un decreto legge che, diversamente dai tanti emanati senza il carattere di necessità ed urgenza prescritto dalla Costituzione, lo avrebbe finalmente avuto e che, soprattutto, sarebbe dovuto prima passare dal Consiglio dei ministri, e avrebbe dovuto essere sottoposto poi alla firma del Presidente della Repubblica e all'approvazione del Parlamento: probabilmente sarebbe stato approvato anche rapidamente e a larga maggioranza, con il concorso dell'opposizione. Ma, dato il clima politico che ha caratterizzato tutta la storia della Repubblica specialmente negli ultimi vent'anni, è inutile discutere sui limiti che, dall'una parte e dall'altra, sono stati evidenziati nella messa in scena della cosiddetta concordia nazionale dettata dall'emergenza, interpretata dalla maggioranza come ‘doverosa informativa' al Parlamento e, dall'opposizione, come l'altrettanto ‘doverosa' elencazione degli errori e delle omissioni del governo.
C'è poco da aggiungere alle vagonate di critiche che hanno sommerso l'ennesimo discorso a reti unificate e l'ennesimo dpcm che il Presidente del consiglio ci ha regalati il 26 aprile in vista della c.d. fase 2. Però, se ci è permesso, si potrebbe ancora ribadire che la famosa ‘task force', che avrebbe dovuto suggerire le modalità della ripartenza, ha partorito un topolino, anche malformato, tanto da farci disilludere sulla qualità del governo tecnocratico: «Il primo passo per avviare l'Italia alla fase 2 è ripartire con decisione ma in sicurezza». È quanto dichiara Vittorio Colao spiegando che questa deve essere «adesso la priorità di tutti gli Italiani. Il nostro Comitato Economico Sociale vuole ora ascoltare e sistematizzare bisogni e opportunità di individui, famiglie e imprese, per consigliare priorità e interventi che possano sostenere il rilancio e la competitività dell'Italia nel 2020-21».
Quindi siamo ancora all'ascolto. È vero che questa ‘task force' è stata abborracciata tardivamente, appena venti giorni fa, dopo che alcuni avevano cominciato a porre il problema della ripresa delle attività produttive e, più in generale, dell'allentamento del guinzaglio con il quale, a causa del covid19, siamo stati incatenati, tuttavia nessuno avrebbe pensato che, a una settimana dal 4 maggio, data fissata come termine della ‘fase1', si potesse avere ancora soltanto un altro guazzabuglio di norme che, tra l'altro, pongono molte difficoltà interpretative e non offrono soluzione alcuna dei molti problemi che abbiamo davanti: un altro di quei dpcm ai quali Conte si è evidentemente affezionato e che ci dice soltanto che possiamo andare a visitare qualche ‘congiunto' (salvo a stabilire se si tratti di affetti stabili da autocertificare), fare una corsetta fuori porta, ‘di casa', riaprire qualche attività economica: sia bene inteso, tutte concessioni che potrebbero essere revocate in caso di recidiva dell'epidemia!
Qui si vuole evidenziare non tanto che le c.d. aperture sono state poche o molte quanto, piuttosto, che v'è il dubbio giustificato che esse non siano state pensate in funzione di un piano, di una strategia: infatti, il molto o il poco si può valutare soltanto in relazione alle difese predisposte, e già disponibili, contro la possibile recidiva. Ed è su questo che la ‘task force' e il governo dicono poco.
Perché, se si deve convivere con il virus, non si tratta di accettare il rischio fatalisticamente ma di disporci alla difesa seguendo le indicazioni dei medici: ci saremmo aspettati che, a questo punto, ci si offrisse una legge quadro nazionale e relativi finanziamenti alle regioni per un'organizzazione sanitaria atta a impedire la recidiva dell'epidemia: predisposizione – regione per regione, comune per comune – degli strumenti idonei per il tracciamento del contagio come i test molecolari e sieriologici (ma il dpcm tace financo sulla ‘app' che lo stesso Conte aveva annunciato con grande enfasi: forse per evitare le polemiche al riguardo?); delle strutture sanitarie territoriali per l'assistenza e la cura domiciliare (clamorosamente mancata in questa prima ondata dell'epidemia), in prospettiva anche con la telemedicina; della individuazione e protezione dei loci elettivi per l'insorgenza dei focolai epidemici (ospedali, rsa, metropolitane, etc.). Questo lo stato può fare, nel rispetto delle autonomie, con le leggi quadro e i finanziamenti necessari.
Ci saremmo anche aspettati che fosse già chiara la strategia per riavviare l'economia e la società del nostro paese con progetti e investimenti per la riorganizzazione della produzione, dei trasporti, del lavoro, ben definiti e organici se non già realizzati o, almeno, ‘cantierabili': non basta infatti giocherellare con i codici ATECO per includere o escludere la riapertura di attività produttive o commerciali; bisogna piuttosto stabilire i criteri, le regole, gli strumenti, i finanziamenti che consentano di incentivare le imprese, soprattutto le piccole, perché li adottino per poter riprendere subito l'attività. Forse, se i famosi prestiti garantiti dallo stato e sottoposti al giogo bancario arriveranno in tempo, molte delle imprese piccole e grandi potranno salvarsi ma, anche qui, manca una visione prospettica e l'immensa quantità di debito straordinario che si sta accumulando nella pancia dello stato – e dei privati – sembra destinata alla sterilità, rischiamo cioè che il debito finisca nel nulla, nella solita direzione dei sussidi a pioggia sui quali possono avventarsi anche gli speculatori, e si aggiunga alla montagna della spesa improduttiva.
Naturalmente bisogna risarcire i danni subiti dalle imprese e dai lavoratori a causa della sospensione delle attività imposta dall'interesse pubblico ma serve anche che gli aiuti siano finalizzati e condizionati a una sicura riapertura: tra l'altro, se questa non avvenisse, in futuro lo Stato stesso rischierebbe di non riuscire a finanziarsi con le varie imposte.
Come si vede, la situazione è complessa, difficile, pesante: parafrasando quanto Lord Beveridge disse sulle necessità del dopo-guerra, possiamo prevedere che il dopo-epidemia possa essere ancora più critico dell'epidemia stessa e che, «appunto perciò, è necessario che quello che il governo fa sia definito democraticamente dopo aver accertato le opinioni del popolo».
Questa necessità non sembra essere percepita in Italia; pare anzi che la ripresa della normale dialettica politica si allontani molto più di quella delle attività produttive e della mobilità dei cittadini: le elezioni regionali e amministrative previste a maggio sono state rinviate non di qualche mese, com'era possibile e come era stato chiesto dalle regioni interessate, bensì di molti mesi, a fine settembre/metà dicembre, correndo il rischio di un altro rinvio visto che potrebbero ricadere in un periodo di doppia epidemia, quella solita dell'influenza e quella di una possibile seconda ondata di covid19.
Forse questa scelta, lo diciamo senza iattanza, è stata dettata dallo stesso istinto di conservazione che, nell'agosto 2019, ha spinto il PD e il M5S a varare il governo ‘impossibile' con il fine apparente di fare la manovra di bilancio per salvare il paese ma, sostanzialmente, per ‘scongiurare' il ‘pericolo' Salvini affidando il paese ai salvatori della patria (Renzi, Grillo, Zingaretti, Bersani, etc.) e raggiungere lo scopo che si prefissero i padri di quell'accordo, compresi quelli ‘putativi': allontanare il più possibile le elezioni politiche.
Se si fosse cinici, si potrebbe dire che gli unici a beneficiare del covid19 siano gli ‘incumbents' del potere: dobbiamo soltanto sperare che, alla scadenza della legislatura, nel 2023, l'epidemia sia alle nostre spalle e non offra pretesti ulteriori per rinviare il rinnovo del Parlamento. A questo proposito ricordiamo che l'art. 60 della Costituzione stabilisce che il Parlamento può essere prorogato solo in caso di guerra ma aggiungiamo anche che questa previsione della nostra Costituzione non è condivisa, per esempio, da quella degli Stati Uniti dove, in piena guerra, si celebrano le elezioni presidenziali e congressuali proprio perché si pensa che, in democrazia, l'ultima parola spetta agli elettori: anche sulla guerra.


Realizzazione siti web www.sitoper.it
invia ad un amico
chiudi
Attenzione!
Non puoi effettuare più di 10 invii al giorno.
Informativa
Informativa Privacy
La presente informativa descrive le modalità di gestione del Sito, da Lei ora visitato, di cui è Titolare, il giornale "LA RIVOLUZIONE DEMOCRATICA", registrazione al Tribunale di Firenze n°5863 del 17/02/2012 (di seguito, "Giornale" per brevità), che ha come finalità l´informazione critica, la difesa della laicità delle Istituzioni e la diffusione della cultura laica, con sede in Firenze, accessibile al seguente nome di dominio
http://www.rivoluzionedemocratica.it
in riferimento al trattamento dei dati personali dei navigatori che vi accedono e che interagiscono con esso.

Premessa
I considerazione delle modifiche al D. Lgs. n. 196/2003 (Codice in materia di protezione dei dati personali, di seguito "Codice Privacy"), introdotte recentemente con il D.L. 201/2011 convertito nella L. 214/2011, la presente informativa si rivolge alle persone fisiche che, per conto proprio o di associazioni interessate, decidano di accedere al Sito ed interagire con esso ed è resa ai sensi dell´art. 13 del Codice Privacy.
L´informativa si ispira anche alla Raccomandazione n. 2/2001 che le autorità europee per la protezione dei dati personali, riunite nel Gruppo istituito dall´art. 29 della direttiva n. 95/46/CE, hanno adottato il 17 maggio 2001, per individuare alcuni requisiti minimi per la raccolta di dati personali on-line, e, in particolare, le modalità, i tempi e la natura delle informazioni che i titolari del trattamento devono fornire agli utenti quando questi si collegano a pagine web, indipendentemente dalle ragioni e finalità del collegamento.
In linea generale, è opportuno precisare che attraverso il Sito vengono effettuate le seguenti tipologie di raccolta dati:
- raccolta necessaria ed automatica dei dati del navigatore inerenti all´interazione con il Sito;
- trattamento correlato alla raccolta di dati, immessi volontariamente dal navigatore, attraverso l´invio di e-mail agli indirizzi indicati per contattare il Titolare (ad esempio, sezioni "Contatti" e "Iscriversi al circolo").

La presente informativa si riferisce unicamente alle operazioni di trattamento effettuate su dati raccolti con le modalità sopra indicate e non si riferisce, quindi, ai trattamenti effettuati tramiti altri siti, a cui l´utente vorrà accedere mediante link dal Sito. Per tali trattamenti dovrà essere fornita, da parte dei rispettivi Titolari, autonoma informativa.
Si precisa, in particolare, che i trattamenti sui dati conferiti accedendo a siti di terzi, raggiungibili mediante i link pubblicati sul Sito, sono effettuati da soggetti diversi dal Giornale.
Premesso che il Giornale non effettuerà alcuna comunicazione dei dati degli utenti a tali soggetti e che ogni iniziativa per entrare in contatto e chiedere informazioni, è rimessa all´esclusiva attività dell´Interessato o del rispettivo Titolare, il giornale non sarà in alcun modo responsabile dei trattamenti che verranno effettuati da parte di tali soggetti, a fronte dell´iniziativa dell´utente medesimo.

1. Finalità del trattamento
1.1 Le operazioni di trattamento di seguito illustrate sono unicamente rivolte alla corretta proposizione ed erogazione dei servizi offerti tramite il presente Sito dal Giornale medesimo per il perseguimento dello scopo associativo. L´Attività on line del Giornale consiste prevalentemente nella pubblicazione di contenuti, caratterizzati da un alto livello qualitativo, sui temi di interesse del Giornale e dei dati personali dei rispettivi autori, aventi con il Giornale rapporti regolari, nonché nello scambio, anche mediante messaggi di posta elettronica, di opinioni e informazioni di varia natura, relative in particolare alla vita e alle attivitàdel Giornale medesimo o ad eventi di rilevanza nel dibattito culturale che il Giornale intende promuovere.
1.2. A tal fine, il Titolare ha predisposto sezioni ad hoc del Sito.
In particolare, nella sezione "Contatti" è presente l´indirizzo e-mail interattivo cui l´Utente può trasmettere i propri dati personali e/o dell´Associazione di appartenenza, al Giornale. Più precisamente, in tale ipotesi il trattamento è finalizzato al mero scambio di informazioni e di contatti, comunque di natura non professionale, inerenti all´attività del Giornale .
In ogni caso, i dati raccolti tramite il presente Sito saranno trattati secondo principi di correttezza, liceità e trasparenza, per la tutela della riservatezza e dei diritti degli interessati, ed unicamente per il perseguimento dello scopo associativo. Negli stessi limiti saranno trattati anche i dati personali che dovessero essere inviati spontaneamente al Giornale dai visitatori del sito anche con modalità off-line (fax, posta, telefono od altro).

2. Tipi di dati trattati
2.1 - Dati di navigazione I sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento di questo Sito registrano, nel corso del loro normale esercizio, alcuni dati personali la cui acquisizione avviene in modo automatico e inevitabile, qualora si utilizzino i protocolli di comunicazione di Internet. Sono dati che, pur non essendo reperiti con lo scopo specifico di identificare i rispettivi Interessati, ben potrebbero, a causa delle loro stesse caratteristiche, essere associati a banche dati di terzi e così consentire l´individuazione degli utenti. Appartengono a questa categoria di dati, ad esempio, gli indirizzi IP o i nomi a dominio degli elaboratori utilizzati dagli utenti che si connettono al Sito, gli indirizzi in notazione URI (Uniform Resource Identifier) delle risorse richieste, l´orario della richiesta, il metodo utilizzato nel sottoporre la richiesta al server, la dimensione del file ottenuto in risposta, il codice numerico indicante lo stato della risposta data dal server (buon fine, errore, ecc.) ed altri parametri relativi al sistema operativo e all´ambiente informatico dell´utente. Questi dati vengono utilizzati al solo fine di ricavare informazioni statistiche anonime sull´uso del Sito e per controllarne il corretto funzionamento, e vengono cancellati immediatamente dopo l´elaborazione.
Si precisa che i dati di navigazione potrebbero essere usati per l´accertamento di responsabilità in caso di eventuali reati informatici ai danni del Sito, conformemente alle procedure vigenti presso le Autorità competenti.
2.2 Meccanismi automatici di raccolta
In conformità a quanto previsto nel Provvedimento del Garante n. 229 dell´8.5.2014, si informa che in questo Sito non si utilizzano "cookies persistenti", trojans, spywares, web bugs, ovvero sistemi per il tracciamento degli utenti (cookies di profilazione), ma soltanto cookies cosiddetti "tecnici", di navigazione, di sessione o di funzionalità.
L´uso di c.d. "cookies di sessione" (che non vengono registrati in modo persistente sull´elaboratore dell´utente e svaniscono con la chiusura del browser) è unicamente finalizzato a rendere l´esplorazione del Sito sicura ed efficiente.
I c.d. cookies di sessione, utilizzati in questo sito, evitano il ricorso ad altre tecniche informatiche potenzialmente pregiudizievoli per la riservatezza della navigazione degli utenti e non consentono l´acquisizione di dati personali identificativi dell´utente I cookies "analitici" vengono utilizzati dalla società ShinyStat per effettuare trattamenti in forma aggregata ed anonima, per i quali si fornisce l´informativa generale ed il modulo per esercitare l´opt-out tramite i link qui sotto:
- ShinyStat http://www.shinystat.com/it/informativa_privacy_generale_free.html
- ShinyStat http://www.shinystat.com/it/opt-out_free.html
- Facebook http://www.facebook.com/policy.php
- Twitter http://twitter.com/privacy
- Google+, Google Maps e YouTube https://www.google.it/intl/it/policies/privacy/
- Vimeo https://vimeo.com/cookie_policy
2.3 Si precisa, per completezza, che i dati personali - una volta resi anonimi - potranno essere utilizzati per elaborare statistiche o per rilevare il grado di soddisfazione degli utenti. In ogni caso, la raccolta e il trattamento dei dati personali degli utenti non saranno finalizzati ad attività di marketing, di informazione commerciale e/o di indagini di mercato.

3. Tipologia di dati
3.1 Il trattamento dei dati effettuati tramite il presente Sito avrà prevalentemente ad oggetto dati comuni.
Tuttavia, in considerazione della natura del Giornale, il trattamento, inoltre, potrà riguardare anche i dati personali idonei a rivelare le convinzioni religiose e/o le opinioni politiche degli utenti e/o degli Associati, e/o dei soggetti che - in relazione allo scopo associativo - hanno contatti regolari con il Giornale. In ogni caso, tramite il presente Sito non saranno trattati dati inerenti alla salute. Pertanto, La invitiamo a non comunicarci dati personali attinenti al Suo stato di salute e alla Sua vita sessuale, ai sensi dell´art. 26 del Codice. In presenza di tali dati, il Giornale procederà alla tempestiva distruzione del relativo messaggio e/o comunicazione da Lei eventualmente fornita.
3.2 Il trattamento dei dati si svolgerà in conformità della vigente Autorizzazione Generale del Garante per la protezione dei dati personali n. 3/2011 e successive .
3.3 Il conferimento dei dati è in ogni caso facoltativo. Tuttavia, il mancato conferimento dei dati relativamente ad alcune sezioni del Sito e, più precisamente, in relazione alla Sezione "Contatti" comporterà l´impossibilità, per l´Associazione, di fornire il relativo servizio.

4. Modalità di trattamento
4.1 Il medesimo sarà effettuato prevalentemente con l´ausilio di mezzi informatici e telematici ma anche manualmente. I dati infatti potranno essere conservati sia in archivi cartacei sia in archivi elettronici, in modo da consentire, laddove necessario, l´individuazione e la selezione di dati aggregati, per il tempo non eccedente la durata e le necessità del trattamento.
4.2 Il trattamento sarà effettuato direttamente dall´organizzazione del Titolare, con l´ausilio dei propri incaricati e/o responsabili del trattamento. Potranno avere accesso ai dati per il perseguimento delle finalità di cui al punto 1, nell´ambito delle rispettive funzioni o mansioni e, in ogni caso, secondo le modalità e nei limiti di cui ai rispettivi atti di nomina a Responsabile o a Incaricato, oltre al Coordinatore/Coordinatrice, al Tesoriere e al Responsabile per la gestione delle istanze ex art. 7 Codice, eventuali società di servizi esterne nominate responsabili del trattamento ai sensi e per gli effetti dell´art. 29 del Codice.
4.3. Infine, si informa l´utente che l´eventuale trasmissione di dati tramite Internet non può raggiungere livelli di sicurezza assoluti. E´ onere dell´utente verificare la correttezza dei dati personali che lo riguardano ed eventualmente procedere alla rettifica, aggiornamento o, comunque, modifica dei dati nel corso del trattamento. Il Titolare non può considerarsi tenuto ad altra prestazione oltre alla puntuale e corretta applicazione degli standard di sicurezza imposti dalla normativa in vigore, con particolare riferimento all´adozione delle misure di sicurezza in conformità di quanto previsto dagli artt. 33-36 del Codice e dal Disciplinare Tecnico di cui all´Allegato B.

5. Conservazione dei dati - durata e aggiornamento
5.1 A seguito di controlli periodici,il Giornale verificherà la stretta pertinenza e la non eccedenza dei dati raccolti rispetto agli obblighi ed alle finalità del trattamento posto in essere, per quanto riguarda i dati che rivelano le opinioni e le intime convinzioni.
5.2 Ad eccezione dei dati di navigazione che non vengono conservati oltre una settimana dalla raccolta, gli altri dati verranno conservati in coerenza con lo scopo per il quale sono stati conferiti e comunque nel rispetto della normativa vigente.
5.3 Nel rispetto di quanto previsto dall´art. 11, co. 1, lett. c) Codice, i dati personali saranno aggiornati in seguito alla segnalazione dell´Interessato, in congruità con quanto previsto dall´art. 7, co. 3, lett. a) Codice.

6. Comunicazione e diffusione
6.1 il Giornale non procederà alla comunicazione diretta a terzi dei dati personali raccolti tramite il sito.
6.2 I dati relativi alla navigazione non verranno, in nessun caso, diffusi o comunicati. E´ fatta salva la eventuale comunicazione alle Autorità competenti in relazione alle attività necessarie all´accertamento e alla repressione dei reati.
6.3 I dati personali forniti dagli utenti, che inoltrano richieste di informazioni ai diversi indirizzi di posta elettronica presenti sul Sito, non sono comunicati a terzi.
6.4 Nell´ambito delle finalità indicate nella presente informativa, qualora sia necessario comunicare i dati a soggetti diversi dal Titolare, quest´ultimo provvederà alla designazione degli stessi quali Responsabili del trattamento.

7. Diritti dell´Interessato
7.1 Al Titolare del trattamento potranno essere inoltrate le richieste di cui all´art. 7 del Codice "Diritti dell´interessato", ossia, in particolare il diritto di:
- ottenere dal Titolare la conferma dell´esistenza di dati personali che lo riguardano e la comunicazione dei medesimi in forma intelligibile;
- conoscere l´origine dei dati, la logica e le finalità su cui si basa il loro trattamento;
- conoscere gli estremi identificativi dei Responsabili del trattamento e delle categorie di soggetti ai quali i dati possono essere comunicati o che possono venirne a conoscenza in qualità di Responsabili o Incaricati;
- ottenere la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati trattati in violazione della legge, come l´aggiornamento, la rettificazione o, qualora l´interessato vi abbia interesse, l´integrazione dei dati medesimi;
- opporsi in tutto o in parte, per motivi legittimi, al trattamento dei dati personali che lo riguardano ancorché pertinenti allo scopo della raccolta;
- opporsi in tutto o in parte al trattamento previsto ai fini di informazione commerciale o di invio di materiale pubblicitario.
Qualora, a seguito della richiesta di cui all´art. 7 del Codice non risulti confermata l´esistenza di dati che riguardano l´Interessato, potrà essere richiesto a quest´ultimo un contributo spese, comunque non superiore a Euro 10,00.

Le richieste dovranno essere rivolte ai Direttori del Giornale, Responsabili per le richieste ex art. 7, al seguente indirizzo e-mail:
info@rivoluzionedemocratica.it

Si prega di indicare nell´oggetto della comunicazione: "Richiesta ex art. 7 D. Lgs. 30 giugno 2003, n. 196 - Codice in materia di protezione dei dati personali".

8. Titolare ed elenco dei Responsabili del trattamento
Titolare del trattamento dei dati è il giornale on line "LA RIVOLUZIONE DEMOCRATICA" con sede a FIRENZE, mail: info@rivoluzionedemocratica.it
L´elenco aggiornato contenente i nominativi e i recapiti dei Responsabili è disponibile presso la sede del Titolare.
torna indietro leggi Informativa  obbligatorio