04 Dicembre 2021

"UN'INTERVISTA (NON RIUSCITA) A VITTORIO AGNOLETTO..."

22-11-2021 - AGORA'
"...e il mancato incontro fra social forum e un movimento socialista in Italia."

Incontriamo Vittorio Agnoletto, già portavoce del Genoa social forum vent'anni fa, a margine dell'assemblea internazionale dei movimenti il 19 luglio, nella cornice delle iniziative per il ventennale di Genova, e con la solita pazienza ci dedica un'intervista, mentre stanno per iniziare i primi interventi e il suo telefono non smette di squillare.

La prima questione è questa: stai battendo molto nei tuoi interventi pubblici sul fatto che noi allora avessimo ragione. Di fronte a qualche critico, anche in buona fede, come potremmo rispondere rispetto al fatto che non siamo stati in grado di arrestare il declino politico-culturale in Italia, per cui sono state cancellate tutte le voci critiche e dissidenti e manchi una forza ben radicata di alternativa nelle istituzioni, anche rispetto all'affermazione nell'attuale Parlamento di una larghissima maggioranza al governo tecnico di Draghi, antitetica rispetto ai nostri valori e ai nostri obiettivi di allora?

Si può avere ragione, si può però anche contemporaneamente non essere in grado, non avere la possibilità o non avere il rapporto di forze necessario per far sì che queste ragioni diventino di dominio pubblico e si impongano.

Un banale errore dell'intervistatore, un tasto spento per sbaglio mentre il telefono di Vittorio continua a tenerlo occupato, non permette di riportare in modo integrale il lungo e denso colloquio. In realtà, le posizioni di Agnoletto sono recuperabili da altre interviste da lui rilasciate in quei giorni. Il movimento era la prima grande opposizione mondiale dal basso alla narrazione della “fine della storia”, dopo l'implosione del sistema sovietico (e la mancata rielaborazione del lutto per molti compagni di area comunista) e la crisi della stessa socialdemocrazia occidentale che aveva accettato più o meno passivamente l'economia di mercato, con qualche distinguo sulla società di mercato. Un movimento che aveva precocemente descritto gli aspetti disumani e insostenibili dell'assetto neoliberista nelle periferie del mondo – dove operavano già da tempo attivisti e religiosi che avevano costituito i primi nuclei del movimento – e che in modo talvolta profetico aveva previsto le contraddizioni e le conseguenze di quel sistema anche nei paesi del Nord: delocalizzazioni, disoccupazione di massa e compressione di diritti e salari per i lavoratori, espulsione di ogni alternativa da istituzioni sempre più svuotate di senso e sempre meno democratiche, potere incontenibile delle istituzioni finanziarie sulle economie reali e sui governi, per non tacere delle crisi ambientali e dell'ecatombe continua dei migranti dai Sud del mondo. Perfino alcuni avversari – a posteriori, a partire dalla crisi economica del 2007-2008 – hanno dovuto ammettere la validità di molti di quegli assunti e chiedere dei robusti correttivi al sistema: non già per consentire un'alternativa ma proprio per salvare le condizioni di sopravvivenza del sistema. Un po' meno bombe, un po' meno speculazione finanziaria, un po' meno devastazione ambientale, un po' meno emissioni di gas serra, un po' meno tagli alle spese sociali (per gli stati che possono ancora permettersele, beninteso).

Nel frattempo la situazione generale è peggiorata – e la pandemia non è stato altro che un catalizzatore-acceleratore di tendenze già in atto alle diseguaglianze (e in tal senso mi permetto di rinviare al volume collettivo che ho curato: Niente sarà come prima? Riflessioni al tempo del coronavirus fra crisi di sistema e possibilità socialista, La città del sole, Napoli 2020). I dati non ammettono repliche o interpretazioni. Come movimento denunciavamo, agli inizi del secolo “sudicio e sfarzoso”, un mondo dove il 20% della popolazione mondiale possedeva l'80% della ricchezza mondiale, oggi, vent'anni dopo, il 12% della popolazione possiede il 85% della ricchezza mondiale, il 55% della popolazione mondiale possiede solo 1,3% della ricchezza del mondo. La teoria dello sgocciolamento non ha affatto funzionato.

Solo in alcuni paesi del Sud del mondo si sono verificati sommovimenti di segno neosocialista e popolare: è soprattutto il caso dell'America latina e di alcuni parziali e instabili risultati nel continente africano. Le guerre o i golpe made in USA, col sostegno dei vari Blair e del PSE, hanno avvelenato larga parte del pianeta, mentre resta incancrenita l'eterna questione palestinese. Un fallimento del tutto prevedibile, le cui conseguenze si estenderanno per molto altro tempo, come testimonia la nuova fase della crisi afgana con la fuga degli eserciti occidentali e il ritorno dei talebani a Kabul. Una sorta di eterno ritorno, di sabba prolungato di forze infernali che “convertuntur et reciprocantur”, per dirla con il sublime Vico.

Il movimento doveva essere spezzato e represso. Alcuni magistrati hanno avuto il coraggio di ammettere le responsabilità delle forze dell'ordine, ma non sono arrivati al livello superiore: la politica nazionale, i servizi dei vari paesi interessati. Ma come movimento non possiamo solo recriminare sui nostri persecutori né dobbiamo ingenuamente rimproverare i sette o otto Grandi di non averci ascoltato: essi stavano e stanno lì a fare il loro compito. Dobbiamo finalmente impostare una salutare autocritica. Perché nel periodo di maggiore mobilitazione (dal 2001 al 2007 circa) non siamo stati in grado di darci una stabile organizzazione politica che servisse a dare continuità a dei movimenti per loro natura discontinui e non evocabili a bacchetta? Certo, i limiti vanno visti nelle rivalità di sigle, talvolta meri personalismi, e in alcuni snodi. La parabola discendente dei movimenti all'incirca coincide con la crisi del governo dell'Unione su cui tanto si era speso il gruppo dirigente di Rifondazione, allora il principale referente partitico dei movimenti. Seguirà poi la fase (disgustosa, anche per chi la visse da fuori) della divisione della stessa Rifondazione ad opera dell'ambizioso Nichi Vendola, il quale operò una scissione a destra, in cui parole d'ordine ribellistiche e poetiche si univano a accordi subalterni e venali col nascente PD e con certi potentati, come testimonia l'involuzione del decennale governo pugliese. Per non farci mancare nulla, non pochi attivisti dei movimenti, delusi da questa crisi, crederanno alle parole di un comico apparentemente anti-sistema, diventando così animatori dei primi Meet-up, dove retorica della democrazia dal basso si univa ad un sistema proprietario dei mezzi di comunicazione e dello stesso (non-)partito. L'esito è sotto i nostri occhi: dal 2008 le forze alternative di sinistra, socialista o comunista o comunque antiliberista, sono escluse dal Parlamento e da quasi tutti gli enti locali e tutti i tentativi si sono rivelati effimeri (con la parziale eccezione dell'Altra Europa per Tsipras): segno che la mera sommatoria di microapparati non serve né l'attesa di un “papa straniero”.

Forse, tuttavia, c'è un altro nodo che dobbiamo almeno provare, se non a sciogliere, almeno a presentare. I social forum – quell'esperienza nata dopo la repressione di Genova e capace di rinnovare la politica italica con nuovi temi e nuove prospettive – erano ascrivibili alla categoria di movimenti socialisti anonimi, inconsapevoli, “in direzione ostinata e contraria” rispetto alle “magnifiche sorti e progressive” del partito unico neoliberista e antipopolare che già allora si stava coagulando: Noam Chomsky ci aveva offerto un'immagine indelebile, quando parlò di “due cavalli, un unico fantino”. Che cosa mancava allora al ritorno (necessario) di un movimento politico socialista in Italia? Un gruppo dirigente capace e inserito negli stessi social forum. Agli antipodi, quindi, di quei sedicenti micropartiti satelliti ora di Berlusconi ora del PDS-DS-PD: uno di loro nel 2006 affossò la proposta di una Commissione d'inchiesta parlamentare sui fatti di Genova grazie ai voti di tali Cinzia Dato e Angelo Piazza. Sia ignominia su di loro. Per sempre.

Quanto a noi, fedeli agli ideali del movimento antiliberista e attivi nella costruzione di un più largo e inclusivo partito socialista di sinistra, valgano le parole di uno che se ne intendeva. “Erra chi crede che la vittoria delle imprese consista nello essere giuste o ingiuste, perché tutto dì si vede el contrario: che non la ragione, ma la prudenza [la tattica, ndr], le forze e la buona fortuna danno vinte le imprese” (F. Guicciardini, Ricordi, 147). Aver avuto ragione, senza un forte e coerente partito in Italia, non ha giovato né a noi né soprattutto a coloro che avrebbero avuto urgente bisogno di quel partito.






Fonte: di GAETANO COLANTUONO
Link
[]
L'AVVENIRE DEI LAVORATORI
Periodico socialista fondato 1897.
[]
IL PONTE RIVISTA
Rivista di politica economica e cultura
fondata da Calamandrei
[]
BIBLION EDITORE
Biblion Edizioni, storica casa editrice.
[]
CRITICA LIBERALE - NON MOLLARE
"NON MOLLARE"
Quindicinale on line di Critica Liberale,
la voce del liberalismo progressista in Italia.





Nuova Serie
"La Rivoluzione Democratica"
1, MARZO 2017

Realizzazione siti web www.sitoper.it
invia ad un amico
icona chiudi
Attenzione!
Non puoi effettuare più di 10 invii al giorno.
Informativa
Informativa Privacy
La presente informativa descrive le modalità di gestione del Sito, da Lei ora visitato, di cui è Titolare, il giornale "LA RIVOLUZIONE DEMOCRATICA", registrazione al Tribunale di Firenze n°5863 del 17/02/2012 (di seguito, "Giornale" per brevità), che ha come finalità l´informazione critica, la difesa della laicità delle Istituzioni e la diffusione della cultura laica, con sede in Firenze, accessibile al seguente nome di dominio
http://www.rivoluzionedemocratica.it
in riferimento al trattamento dei dati personali dei navigatori che vi accedono e che interagiscono con esso.

Premessa
I considerazione delle modifiche al D. Lgs. n. 196/2003 (Codice in materia di protezione dei dati personali, di seguito "Codice Privacy"), introdotte recentemente con il D.L. 201/2011 convertito nella L. 214/2011, la presente informativa si rivolge alle persone fisiche che, per conto proprio o di associazioni interessate, decidano di accedere al Sito ed interagire con esso ed è resa ai sensi dell´art. 13 del Codice Privacy.
L´informativa si ispira anche alla Raccomandazione n. 2/2001 che le autorità europee per la protezione dei dati personali, riunite nel Gruppo istituito dall´art. 29 della direttiva n. 95/46/CE, hanno adottato il 17 maggio 2001, per individuare alcuni requisiti minimi per la raccolta di dati personali on-line, e, in particolare, le modalità, i tempi e la natura delle informazioni che i titolari del trattamento devono fornire agli utenti quando questi si collegano a pagine web, indipendentemente dalle ragioni e finalità del collegamento.
In linea generale, è opportuno precisare che attraverso il Sito vengono effettuate le seguenti tipologie di raccolta dati:
- raccolta necessaria ed automatica dei dati del navigatore inerenti all´interazione con il Sito;
- trattamento correlato alla raccolta di dati, immessi volontariamente dal navigatore, attraverso l´invio di e-mail agli indirizzi indicati per contattare il Titolare (ad esempio, sezioni "Contatti" e "Iscriversi al circolo").

La presente informativa si riferisce unicamente alle operazioni di trattamento effettuate su dati raccolti con le modalità sopra indicate e non si riferisce, quindi, ai trattamenti effettuati tramiti altri siti, a cui l´utente vorrà accedere mediante link dal Sito. Per tali trattamenti dovrà essere fornita, da parte dei rispettivi Titolari, autonoma informativa.
Si precisa, in particolare, che i trattamenti sui dati conferiti accedendo a siti di terzi, raggiungibili mediante i link pubblicati sul Sito, sono effettuati da soggetti diversi dal Giornale.
Premesso che il Giornale non effettuerà alcuna comunicazione dei dati degli utenti a tali soggetti e che ogni iniziativa per entrare in contatto e chiedere informazioni, è rimessa all´esclusiva attività dell´Interessato o del rispettivo Titolare, il giornale non sarà in alcun modo responsabile dei trattamenti che verranno effettuati da parte di tali soggetti, a fronte dell´iniziativa dell´utente medesimo.

1. Finalità del trattamento
1.1 Le operazioni di trattamento di seguito illustrate sono unicamente rivolte alla corretta proposizione ed erogazione dei servizi offerti tramite il presente Sito dal Giornale medesimo per il perseguimento dello scopo associativo. L´Attività on line del Giornale consiste prevalentemente nella pubblicazione di contenuti, caratterizzati da un alto livello qualitativo, sui temi di interesse del Giornale e dei dati personali dei rispettivi autori, aventi con il Giornale rapporti regolari, nonché nello scambio, anche mediante messaggi di posta elettronica, di opinioni e informazioni di varia natura, relative in particolare alla vita e alle attivitàdel Giornale medesimo o ad eventi di rilevanza nel dibattito culturale che il Giornale intende promuovere.
1.2. A tal fine, il Titolare ha predisposto sezioni ad hoc del Sito.
In particolare, nella sezione "Contatti" è presente l´indirizzo e-mail interattivo cui l´Utente può trasmettere i propri dati personali e/o dell´Associazione di appartenenza, al Giornale. Più precisamente, in tale ipotesi il trattamento è finalizzato al mero scambio di informazioni e di contatti, comunque di natura non professionale, inerenti all´attività del Giornale .
In ogni caso, i dati raccolti tramite il presente Sito saranno trattati secondo principi di correttezza, liceità e trasparenza, per la tutela della riservatezza e dei diritti degli interessati, ed unicamente per il perseguimento dello scopo associativo. Negli stessi limiti saranno trattati anche i dati personali che dovessero essere inviati spontaneamente al Giornale dai visitatori del sito anche con modalità off-line (fax, posta, telefono od altro).

2. Tipi di dati trattati
2.1 - Dati di navigazione I sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento di questo Sito registrano, nel corso del loro normale esercizio, alcuni dati personali la cui acquisizione avviene in modo automatico e inevitabile, qualora si utilizzino i protocolli di comunicazione di Internet. Sono dati che, pur non essendo reperiti con lo scopo specifico di identificare i rispettivi Interessati, ben potrebbero, a causa delle loro stesse caratteristiche, essere associati a banche dati di terzi e così consentire l´individuazione degli utenti. Appartengono a questa categoria di dati, ad esempio, gli indirizzi IP o i nomi a dominio degli elaboratori utilizzati dagli utenti che si connettono al Sito, gli indirizzi in notazione URI (Uniform Resource Identifier) delle risorse richieste, l´orario della richiesta, il metodo utilizzato nel sottoporre la richiesta al server, la dimensione del file ottenuto in risposta, il codice numerico indicante lo stato della risposta data dal server (buon fine, errore, ecc.) ed altri parametri relativi al sistema operativo e all´ambiente informatico dell´utente. Questi dati vengono utilizzati al solo fine di ricavare informazioni statistiche anonime sull´uso del Sito e per controllarne il corretto funzionamento, e vengono cancellati immediatamente dopo l´elaborazione.
Si precisa che i dati di navigazione potrebbero essere usati per l´accertamento di responsabilità in caso di eventuali reati informatici ai danni del Sito, conformemente alle procedure vigenti presso le Autorità competenti.
2.2 Meccanismi automatici di raccolta
In conformità a quanto previsto nel Provvedimento del Garante n. 229 dell´8.5.2014, si informa che in questo Sito non si utilizzano "cookies persistenti", trojans, spywares, web bugs, ovvero sistemi per il tracciamento degli utenti (cookies di profilazione), ma soltanto cookies cosiddetti "tecnici", di navigazione, di sessione o di funzionalità.
L´uso di c.d. "cookies di sessione" (che non vengono registrati in modo persistente sull´elaboratore dell´utente e svaniscono con la chiusura del browser) è unicamente finalizzato a rendere l´esplorazione del Sito sicura ed efficiente.
I c.d. cookies di sessione, utilizzati in questo sito, evitano il ricorso ad altre tecniche informatiche potenzialmente pregiudizievoli per la riservatezza della navigazione degli utenti e non consentono l´acquisizione di dati personali identificativi dell´utente I cookies "analitici" vengono utilizzati dalla società ShinyStat per effettuare trattamenti in forma aggregata ed anonima, per i quali si fornisce l´informativa generale ed il modulo per esercitare l´opt-out tramite i link qui sotto:
- ShinyStat http://www.shinystat.com/it/informativa_privacy_generale_free.html
- ShinyStat http://www.shinystat.com/it/opt-out_free.html
- Facebook http://www.facebook.com/policy.php
- Twitter http://twitter.com/privacy
- Google+, Google Maps e YouTube https://www.google.it/intl/it/policies/privacy/
- Vimeo https://vimeo.com/cookie_policy
2.3 Si precisa, per completezza, che i dati personali - una volta resi anonimi - potranno essere utilizzati per elaborare statistiche o per rilevare il grado di soddisfazione degli utenti. In ogni caso, la raccolta e il trattamento dei dati personali degli utenti non saranno finalizzati ad attività di marketing, di informazione commerciale e/o di indagini di mercato.

3. Tipologia di dati
3.1 Il trattamento dei dati effettuati tramite il presente Sito avrà prevalentemente ad oggetto dati comuni.
Tuttavia, in considerazione della natura del Giornale, il trattamento, inoltre, potrà riguardare anche i dati personali idonei a rivelare le convinzioni religiose e/o le opinioni politiche degli utenti e/o degli Associati, e/o dei soggetti che - in relazione allo scopo associativo - hanno contatti regolari con il Giornale. In ogni caso, tramite il presente Sito non saranno trattati dati inerenti alla salute. Pertanto, La invitiamo a non comunicarci dati personali attinenti al Suo stato di salute e alla Sua vita sessuale, ai sensi dell´art. 26 del Codice. In presenza di tali dati, il Giornale procederà alla tempestiva distruzione del relativo messaggio e/o comunicazione da Lei eventualmente fornita.
3.2 Il trattamento dei dati si svolgerà in conformità della vigente Autorizzazione Generale del Garante per la protezione dei dati personali n. 3/2011 e successive .
3.3 Il conferimento dei dati è in ogni caso facoltativo. Tuttavia, il mancato conferimento dei dati relativamente ad alcune sezioni del Sito e, più precisamente, in relazione alla Sezione "Contatti" comporterà l´impossibilità, per l´Associazione, di fornire il relativo servizio.

4. Modalità di trattamento
4.1 Il medesimo sarà effettuato prevalentemente con l´ausilio di mezzi informatici e telematici ma anche manualmente. I dati infatti potranno essere conservati sia in archivi cartacei sia in archivi elettronici, in modo da consentire, laddove necessario, l´individuazione e la selezione di dati aggregati, per il tempo non eccedente la durata e le necessità del trattamento.
4.2 Il trattamento sarà effettuato direttamente dall´organizzazione del Titolare, con l´ausilio dei propri incaricati e/o responsabili del trattamento. Potranno avere accesso ai dati per il perseguimento delle finalità di cui al punto 1, nell´ambito delle rispettive funzioni o mansioni e, in ogni caso, secondo le modalità e nei limiti di cui ai rispettivi atti di nomina a Responsabile o a Incaricato, oltre al Coordinatore/Coordinatrice, al Tesoriere e al Responsabile per la gestione delle istanze ex art. 7 Codice, eventuali società di servizi esterne nominate responsabili del trattamento ai sensi e per gli effetti dell´art. 29 del Codice.
4.3. Infine, si informa l´utente che l´eventuale trasmissione di dati tramite Internet non può raggiungere livelli di sicurezza assoluti. E´ onere dell´utente verificare la correttezza dei dati personali che lo riguardano ed eventualmente procedere alla rettifica, aggiornamento o, comunque, modifica dei dati nel corso del trattamento. Il Titolare non può considerarsi tenuto ad altra prestazione oltre alla puntuale e corretta applicazione degli standard di sicurezza imposti dalla normativa in vigore, con particolare riferimento all´adozione delle misure di sicurezza in conformità di quanto previsto dagli artt. 33-36 del Codice e dal Disciplinare Tecnico di cui all´Allegato B.

5. Conservazione dei dati - durata e aggiornamento
5.1 A seguito di controlli periodici,il Giornale verificherà la stretta pertinenza e la non eccedenza dei dati raccolti rispetto agli obblighi ed alle finalità del trattamento posto in essere, per quanto riguarda i dati che rivelano le opinioni e le intime convinzioni.
5.2 Ad eccezione dei dati di navigazione che non vengono conservati oltre una settimana dalla raccolta, gli altri dati verranno conservati in coerenza con lo scopo per il quale sono stati conferiti e comunque nel rispetto della normativa vigente.
5.3 Nel rispetto di quanto previsto dall´art. 11, co. 1, lett. c) Codice, i dati personali saranno aggiornati in seguito alla segnalazione dell´Interessato, in congruità con quanto previsto dall´art. 7, co. 3, lett. a) Codice.

6. Comunicazione e diffusione
6.1 il Giornale non procederà alla comunicazione diretta a terzi dei dati personali raccolti tramite il sito.
6.2 I dati relativi alla navigazione non verranno, in nessun caso, diffusi o comunicati. E´ fatta salva la eventuale comunicazione alle Autorità competenti in relazione alle attività necessarie all´accertamento e alla repressione dei reati.
6.3 I dati personali forniti dagli utenti, che inoltrano richieste di informazioni ai diversi indirizzi di posta elettronica presenti sul Sito, non sono comunicati a terzi.
6.4 Nell´ambito delle finalità indicate nella presente informativa, qualora sia necessario comunicare i dati a soggetti diversi dal Titolare, quest´ultimo provvederà alla designazione degli stessi quali Responsabili del trattamento.

7. Diritti dell´Interessato
7.1 Al Titolare del trattamento potranno essere inoltrate le richieste di cui all´art. 7 del Codice "Diritti dell´interessato", ossia, in particolare il diritto di:
- ottenere dal Titolare la conferma dell´esistenza di dati personali che lo riguardano e la comunicazione dei medesimi in forma intelligibile;
- conoscere l´origine dei dati, la logica e le finalità su cui si basa il loro trattamento;
- conoscere gli estremi identificativi dei Responsabili del trattamento e delle categorie di soggetti ai quali i dati possono essere comunicati o che possono venirne a conoscenza in qualità di Responsabili o Incaricati;
- ottenere la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati trattati in violazione della legge, come l´aggiornamento, la rettificazione o, qualora l´interessato vi abbia interesse, l´integrazione dei dati medesimi;
- opporsi in tutto o in parte, per motivi legittimi, al trattamento dei dati personali che lo riguardano ancorché pertinenti allo scopo della raccolta;
- opporsi in tutto o in parte al trattamento previsto ai fini di informazione commerciale o di invio di materiale pubblicitario.
Qualora, a seguito della richiesta di cui all´art. 7 del Codice non risulti confermata l´esistenza di dati che riguardano l´Interessato, potrà essere richiesto a quest´ultimo un contributo spese, comunque non superiore a Euro 10,00.

Le richieste dovranno essere rivolte ai Direttori del Giornale, Responsabili per le richieste ex art. 7, al seguente indirizzo e-mail:
info@rivoluzionedemocratica.it

Si prega di indicare nell´oggetto della comunicazione: "Richiesta ex art. 7 D. Lgs. 30 giugno 2003, n. 196 - Codice in materia di protezione dei dati personali".

8. Titolare ed elenco dei Responsabili del trattamento
Titolare del trattamento dei dati è il giornale on line "LA RIVOLUZIONE DEMOCRATICA" con sede a FIRENZE, mail: info@rivoluzionedemocratica.it
L´elenco aggiornato contenente i nominativi e i recapiti dei Responsabili è disponibile presso la sede del Titolare.
torna indietro leggi Informativa  obbligatorio

cookie