25 Febbraio 2024

"SPIGOLATURE FUORI STAGIONE"


Gli ‘otoliti'

La sinistra è una cosa seria ma i suoi adepti che per suo conto gestiscono l'informazione la riducono a una barzelletta. Per giorni e giorni abbiamo dovuto sprecare i nostri denari e il nostro tempo per leggere sui giornali – anche i più ‘paludati', che sono gli stessi che più hanno corso la cavallina con tutti i ‘potenti', i ‘regimi' e i ‘governi' – non un commento critico sui fatti politici ma la maldicente critica agli otoliti di Giorgia Meloni.
Gli otoliti, si sa, presiedono all'equilibrio della persona; questa volta hanno invece dato alla testa di partiti, giornalisti e perfino di psicologi tirati in ballo dai mezzi busti televisivi per ‘analizzare' la fuga della Meloni: è stato panico inconscio o conscio?
Sul corrierone abbiamo potuto addirittura leggere una cronaca che, fedele in apparenza, faceva in realtà trapelare tutto il livore della cronista che si poneva una domanda da far traballare l'intero governo – «starà davvero male Giorgia Meloni?» – e dava il ‘giusto' risalto alle parole illuminate e illuminanti di “Giuseppì” il quale, da par suo, ha spiegato che la premier non si è presentata davanti ai giornalisti «per non mettere la faccia» sul Patto di stabilità.
Il paradosso è che mentre si accusava Meloni di volere evitare il plotone di esecuzione che si preparava alla conferenza stampa di fine anno, nello stesso tempo la FNSI e i suoi mandanti, censurandone le parole, i pensieri, la moda, l'influenza e gli otoliti, dimostravano di non avere molto da dire.
Infatti, dopo che il 4 gennaio del nuovo anno, la conferenza s'è fatta, i leader, con in testa Renzi, Calenda, etc., e qualche giornalista al guinzaglio che spara a palle incatenate – “Meloni chiede alla sinistra se sia giusto che persone nominate in ruoli super partes si comportino da militanti politici, proprio lei che ha insediato alla seconda carica dello Stato Ignazio La Russa, che rivendica il diritto di partecipare agli eventi di partito” – si sono inebriati di queste amenità: Meloni ha parlato tre ore per dire niente; non risponde sul MES; cerca sempre un nemico da abbattere per nascondere la sua debolezza; non ha un progetto!
Forse si aspettavano che Meloni avesse fatto proprio il loro progetto e sono rimasti delusi.
Come siamo rimasti delusi anche noi quando abbiamo cercato, con la lanterna, il progetto di Calenda, Renzi e Schlein (Conte non pervenuto), e abbiamo trovato solo banali e inquietanti vestigio di ‘millenarismo' ereditario.

Quel ‘pasticciccio brutto' del MES

Per spiegare quanto si diceva sopra, si può notare che lo stesso argomento principe che, alla suddetta Conferenza stampa si voleva usare contro la Meloni – il MES ghigliottinato e il nuovo Patto di stabilità UE approvato – gli si sgonfiava nelle mani: il Patto di stabilità perché Gentiloni ne va fiero; il MES perché i vari ‘travagli' della stampa italiana non possono attaccare Conte, che ha votato contro la ratifica, o perché troppo amico o perché alleato ‘in pectore'. E dire che lo avrebbero potuto fare con le armi più potenti essendo stato lui – il più inaffidabile voltagabbana che, a memoria d'uomo, si sia mai seduto a Palazzo Chigi – a firmare il nuovo accordo sul MES ed essendo stato lui stesso a votare ora contro la sua ratifica.
E qui bisogna dare atto a “Giuseppi” di saper condurre il suo partito ai più alti traguardi. Dopo anni di rinvii del voto sul MES, non poteva perdere l'occasione di ‘lucrare' elettoralmente sulla spinosa questione: ha tenuto il punto caparbiamente, oserei dire ‘ciecamente', anche a costo di dispiacere i ‘messiani' del PD ai quali non ha reso il favore che questo gli aveva fatto votando SI nel referendum sulla riduzione del numero dei parlamentari. Chi non ricorda la proposta ‘sofferta', fatta davanti alla Direzione del suo partito il 7 settembre 2019, dallo spericolato real politiker Zingaretti, segretario del PD e ‘governatore' della Regione Lazio, che, per compiacere i nuovi alleati 5S, era stato costretto a ingoiare il rospo del voto favorevole a quella riforma, prima osteggiata giustamente e fermamente votando NO per ben due volte in Parlamento? E chi non ricorda che lo stesso povero Zingaretti fu costretto altresì a equilibrare la ‘sofferta proposta' con la speranza di esercitare – essendo anche lui un ‘Presidente' sia pure solo di Regione – una ‘moral suasion' lanciando l'inutile slogan - Avanti con le riforme! – sotto forma di ultimatum ai 5S perché rinunciassero alla loro opposizione al MES.
Ma, come si vede, non c'è riuscito: fatta la festa, gabbatu lu santu.
A chi si è lamentato per la pessima figura fatta dall'Italia non ratificando l'accordo, si deve però ricordare che la ratifica è lo strumento principale per mezzo del quale, in uno stato democratico-costituzionale, il Parlamento interviene negli accordi internazionali sottoscritti dall'esecutivo (o vogliamo togliergli la parola anche in questa materia?). Senza la ratifica del Parlamento, i trattati non entrano in vigore: per esempio, il Congresso americano non ratificò l'istituzione della Società delle Nazioni, che il Presidente Wilson aveva quasi imposto nel trattato di Versailles. La battaglia fu allora all'ultimo sangue ma, per la mancata ratifica – che forse fu un errore strategico clamoroso ma anche la conseguenza dell'illusione wilsoniana che si potesse congelare per sempre il mondo in uno ‘statu quo' – nessuno si sognò di dire che la dignità degli Stati Uniti era stata messa in pericolo dal voto del Congresso.
In Italia, si sa, le pulsioni faziose non mancano mai e, quindi – anche se ci va di mezzo l'Italietta – vengono a galla anche nei difensori più ‘puri' della sacra centralità del Parlamento; è per questo motivo che i giornali, imbeccati dai loro referenti politici con in testa Schlein, questa volta hanno picconato questa centralità pur di prendersela con Meloni e Giorgetti nella speranza di farli litigare e levarsi di torno questo governo.
Pare, che il Quirinale si sia astenuto dal commentare l'esito della votazione sul MES. E alcuni bene informati ‘quirinalisti', volendo sottolineare il vulnus arrecato all'Europa dai pessimi ‘sovranisti' al potere, hanno interpretato questa astensione in chiave antigovernativa, chiamandola ‘freddezza del Quirinale'.
Noi pensiamo che questo ‘raffreddore' non ci sia stato: se il Quirinale si è astenuto non lo ha fatto per freddezza ma perché questa volta si è ricordato che non tocca al Presidente della Repubblica fare la politica estera o quella europea che si voglia. La politica estera la fa il governo e, quindi, la freddezza del Colle lascerebbe il tempo che trova.



Pistole di capodanno

Da Nord a Sud, da Est a Ovest, nel Bel Paese si è ormai consolidata la tradizione dei ‘botti di Capodanno'. Non c'è decreto prefettizio che possa scoraggiarne gli scoppi (forse non basterebbe nemmeno una ‘bolla papale') tanto che, da qualche decennio la moda si è pure evoluta, specialmente nella ‘terra dei fuochi' dove, oltre a incendiare i rifiuti, i più guappi fanno i ‘botti' con la pistola. Ma lì l'uso della pistola è piuttosto di casa.
Non avremmo mai pensato però che potesse attecchire anche nella placida Biella tessile.
Ma che sbadati!
Non ci ricordavamo che i cretini sono ovunque di casa: a Biella come ad Acca Larenzia dove, per commemorare le vittime del terrorismo rosso, si è svolta un'adunanza – che nessun governo dal 1978 ai giorni nostri ha mai proibito (anche perché non si può proibire in una democrazia) – di tanti così cretini da fare un saluto romano e da suscitare l'invidia ad altrettanti e altrettali cretini dall'altra parte che, sempre più intelligentemente guidati dalla Schlein, invocano la proibizione di quelle manifestazioni e si chiedono: E NOI? Dobbiamo forse di nuovo tirare fuori il pugno chiuso?
A dare la risposta, ci ha pensato la Cassazione: il saluto romano non è reato di ‘ricostituzione del partito fascista' ma solo di apologia del fascismo (Legge Scelba docet) come salutare col pugno chiuso non significa ricostituzione del partito comunista – che, mai disciolto, ha figliato tanti eredi più o meno legittimi – bensì soltanto abbandonarsi a vecchi incubi.



Il post degno di Degni

Con un ‘post' che merita di essere ricordato – “Occasione persa. C'erano le condizioni per l'ostruzionismo e l'esercizio provvisorio. Potevamo farli sbavare di rabbia sulla cosiddetta manovra blindata e gli abbiamo invece fatto recitare Marinetti” – il suo autore, il sig. Marcello Degni, giudice della corte dei conti, ha rivelato la sua appartenenza partitica.
Che egli avesse un'appartenenza lo sapevamo e non ce ne meravigliamo.
La meraviglia è che la abbia rivelata. Senza essere così duri come è stato Sabino Cassese che ha definito quella esternazione del tutto fuori di testa – «Ha commesso due errori gravi. Innanzitutto, come magistrato ha un obbligo di riservatezza e non può fare dichiarazioni pubbliche, parteggiando per una forza politica o per un'altra. In secondo luogo, come magistrato contabile, dovrebbe auspicare una sollecita approvazione parlamentare del bilancio di previsione, non l'esercizio provvisorio, che può produrre gravi danni allo Stato. Non si tratta solo di dichiarazioni inopportune, ma di esternazioni illegali, che violano l'obbligo di imparzialità e riservatezza» – ci limitiamo a ricordare che questo genere di esternazioni vanno fatte ‘cum juicio'.
Gli altri suoi colleghi – giudici dei conti, giudici della giurisdizione ordinaria o supremi giudici delle leggi – appartengono, eccome, ma si guardano bene dallo sbandierarlo ai quattro venti perché sanno benissimo che il loro dovere non è di essere imparziali ma quello di eseguire alla lettera, paludatamente e in silenzio, il ruolo che gli è stato assegnato dagli strateghi dell'egemonia.
Come sanno anche i bambini, si fa ma non si dice!



Il postino

Il postino del Quirinale ha dovuto fare lo straordinario per recapitare le lettere che gli erano state affidate da recapitare ai vari presidenti del Senato, della Camera e del Consiglio dei ministri.
Straordinario e francobolli che potevano essere risparmiati se il mittente si fosse ricordato di poter fare un semplice atto; l'unico che gli compete. Per una legge in odore di ‘incostituzionalità' c'è infatti un solo destino: il rinvio alle Camere motivato con un ‘messaggio' del Presidente, non la letterina di Babbo Natale. E, poi, se il Parlamento insiste nell'approvare la legge con tutti i suoi odori e profili, dal ‘colle più alto' non si può fare più nulla.
La costituzione prevede altre procedure per accertare l'incostituzionalità di una legge. Invece, in questo caso, la legge su balneari e dintorni è stata promulgata malgrado nel palazzo si fossero sentiti i suddetti odori e, però, si sono pure spesi soldi per i francobolli e per il postino. Non so se ciò ricordi Don Abbondio o Ponzio Pilato, oppure se si tratti di ben altro, cioè che, dopo la ‘moral suasion' per la nomina dei ministri, si voglia affermare, di fatto, pure quella per il processo legislativo. Per non parlare di un giornalista, certo molto intelligente, che, da un pulpito televisivo, voleva attribuire al Presidente anche il ruolo di supplente dell'opposizione al governo.



Seminario di studi e saune

L'adunata non è stata solo ad Acca Larenzia; Elly Schlein ha, a sua volta, ‘adunato “deputate e deputati del Pd” in un ‘seminario di studi' che si è svolto dal 18 al 19 gennaio; solo che lei li ha lasciati da soli riservandosi di fargli solo un pistolotto finale: «Ho letto molte elucubrazioni sulla mia presenza, 'cosa fa la Schlein', 'ma quando arriva'? Ebbene sono arrivata oggi perché ieri sono andata a vedere un film stupendo: Kripton di Francesco Munzi; un film che dovrebbero vedere tutti, sulla salute mentale, sul grido di silenzio di tante persone che non ricevono risposte adeguate». Forse la segretaria si è documentata in vista di qualche terapia da fare.
Non sappiamo se tra gli argomenti di studio ci sia stata la piroetta sull'Ucraina fatta dalla maratoneta Schlein inseguendo i 5S. Chi si aspettava un grande dibattito è rimasto deluso perché anche i ponzatori dem non hanno avuto la forza di parlare a causa di un attacco invalidante di otoliti anarchici e di gravi giramenti di testa dopo il successivo, duplice salto mortale della Schlein su Israele, Hamas e sulla sua perentoria richiesta di «evitare l'invio e l'esportazione di armi verso i conflitti e in particolare verso il Medio Oriente e a Israele", per non rischiare che siano usate per crimini di guerra». A parte la questione palestinese, nel suo confuso discorso la Schlein teneva maggiormente a mettere in rilievo il traffico d'armi della Meloni (compresa la pistolina di Pozzolo).
I deputati e le deputate hanno ponzato in un albergo di Gubbio, "Ai Cappuccini", che, come si apprende dal sito del ‘resort', promette “un'esperienza di soggiorno di lusso”, piscine, saune, ‘acque emozionali' e massaggi, impacchi, “cucina ‘eccezionale' di alta qualità”: insomma il seminario si svolgerà in un "tempio del piacere" e non dunque nell'antico frantoio, dove a suo tempo il trappista Romano Prodi portò i dem in ritiro politico-spirituale.
Quando si dice che il ‘progresso' non esiste!
Ma soprattutto il ‘resort' offriva lezioni, impartite da un tale Marc Mességué, su “una rivoluzionaria, eppure antichissima filosofia di benessere”: chissà se questa filosofia non sia quella buona per dare identità al PD.



Carne sintetica a Bruxelles

Non ho mai fatto previsioni di alcun genere né, essendo uno storico, mi ha mai attratto la professione di vacinatore o di cartomante.
Ma il ‘progresso’ della scienza ora mi obbliga ad abbandonare questo atteggiamento prudente. Mi sento di potere affermare con una certa sicurezza che, dopo che sulle nostre tavole la scienza imbandisce già piatti a base di vacche sintetiche, sicuramente nei nostri letti infilerà ‘bambole di carne sintetica’ – magari fabbricate con le cellule staminali di qualche sexinfluencer – in sostituzione di quelle di gomma.
E poi dicono che il progresso non esiste!




Fonte: di Giuseppe Butta'
Link
[]
L'AVVENIRE DEI LAVORATORI
Periodico socialista fondato 1897.
[]
IL PONTE RIVISTA
Rivista di politica economica e cultura
fondata da Calamandrei
[]
BIBLION EDITORE
Biblion Edizioni, storica casa editrice.
[]
CRITICA LIBERALE - NON MOLLARE
"NON MOLLARE"
Quindicinale on line di Critica Liberale,
la voce del liberalismo progressista in Italia.





Nuova Serie
"La Rivoluzione Democratica"
1, MARZO 2017
Associazione Alleanza Giellista
[]

Realizzazione siti web www.sitoper.it
invia a un amico
icona per chiudere
Attenzione!
Non puoi effettuare più di 10 invii al giorno.
Privacy Policy per www.rivoluzionedemocratica.it
Il sito web www.rivoluzionedemocratica.it raccoglie alcuni dati personali degli utenti che navigano sul sito web.

In accordo con l'impegno e l'attenzione che poniamo ai dati personali e in accordo agli artt. 13 e 14 del EU GDPR, www.rivoluzionedemocratica.it fornisce informazioni su modalità, finalità, ambito di comunicazione e diffusione dei dati personali e diritti degli utenti.

Titolare del trattamento dei dati personali
La Rivoluzione Democratica
Via Circondaria, 56
55045 - Firenze Italia


Email: info @rivoluzionedemocratica.it
Telefono: 3934324237

Tipi di dati acquisiti
www.rivoluzionedemocratica.it raccoglie dati degli utenti direttamente o tramite terze parti. Le tipologie di dati raccolti sono: dati tecnici di navigazione, dati di utilizzo, email, nome, cognome, numero di telefono, provincia, nazione, cap, città, indirizzo, ragione sociale, stato, cookie e altre varie tipologie di dati. Maggiori dettagli sui dati raccolti vengono forniti nelle sezioni successive di questa stessa informativa.
I dati personali sono forniti deliberatamente dall'utente tramite la compilazione di form, oppure, nel caso di dati di utilizzo, come ad esempio i dati relativi alle statistiche di navigazione, sono raccolti automaticamente navigando sulle pagine di www.rivoluzionedemocratica.it.

I dati richiesti dai form sono divisi tra obbligatori e facoltativi; su ciascun form saranno indicate distintamente le due tipologie. Nel caso in cui l'utente preferisca non comunicare dati obbligatori, www.rivoluzionedemocratica.it si riserva il diritto di non fornire il servizio. Nel caso in cui l'utente preferisca non comunicare dati facoltativi, il servizio sarà fornito ugualmente da www.rivoluzionedemocratica.it .

www.rivoluzionedemocratica.it utilizza strumenti di statistica per il tracciamento della navigazione degli utenti, l'analisi avviene tramite log. Non utilizza direttamente cookie ma può utilizzare cookie includendo servizi di terzi.

Ciascun utilizzo di cookie viene dettagliato nella Cookie Policy (https://www.rivoluzionedemocratica.it/Informativa-sui-cookies.htm) e successivamente in questa stessa informativa.
L'utente che comunichi, pubblichi, diffonda, condivida o ottenga dati personali di terzi tramite www.rivoluzionedemocratica.it si assume la completa responsabilità degli stessi. L'utente libera il titolare del sito web da qualsiasi responsabilità diretta e verso terzi, garantendo di avere il diritto alla comunicazione, pubblicazione, diffusione degli stessi. www.rivoluzionedemocratica.it non fornisce servizi a minori di 18 anni. In caso di richieste effettuate per minori deve essere il genitore, o chi detiene la patria potestà, a compilare le richieste dati.

Modalità, luoghi e tempi del trattamento dei dati acquisiti
Modalità di trattamento dei dati acquisiti
Il titolare ha progettato un sistema informatico opportuno a garantire misure di sicurezza ritenute adatte ad impedire l'accesso, la divulgazione, la modifica o la cancellazione non autorizzata di dati personali. Lo stesso sistema effettua copie giornaliere, ritenute sufficientemente adeguate in base alla importanza dei dati contenuti.

L'utente ha diritto a ottenere informazioni in merito alle misure di sicurezza adottate dal titolare per proteggere i dati.

Accessi ai dati oltre al titolare
Hanno accesso ai dati personali raccolti da www.rivoluzionedemocratica.it il personale interno (quale ad esempio amministrativo, commerciale, marketing, legale, amministratori di sistema) e/o soggetti esterni (quali ad esempio fornitori di servizi informatici terzi, webfarm, agenzie di comunicazione, fornitori di servizi complementari). Se necessario tali strutture sono nominate dal titolare responsabili del trattamento.

L'utente può richiedere in qualsiasi momento al titolare del trattamento, l'elenco aggiornato dei responsabili del trattamento.

Comunicazione di eventuali accessi indesiderati al Garante della Privacy
Il suddetto sistema informatico è monitorato e controllato giornalmente da tecnici e sistemisti. Ciò non toglie che, anche se ritenuta possibilità remota, ci possa essere un accesso indesiderato. Nel caso in cui questo si verifichi il titolare si impegna, come da GDPR ad effettuarne comunicazione al Garante della Privacy entro i termini previsti dalla legge.

Luoghi di mantenimento dei dati acquisiti
I dati personali sono mantenuti e trattati nelle sedi operative e amministrative del titolare, nonché nelle webfarm dove risiedono i server che ospitano il sito web www.rivoluzionedemocratica.it, o sui server che ne effettuano le copie di sicurezza. I dati personali dell'utente possono risiedere in Italia, Germania e Olanda, comunque in nazioni della Comunità Europea. I dati personali dell'utente non vengono mai portati o copiati fuori dal territorio europeo.

Tempi di mantenimento dei dati acquisiti
Nel caso di dati acquisiti per fornire un servizio all'utente, (sia per un servizio acquistato che in prova) i dati vengono conservati per 24 mesi successivi al completamento del servizio. Oppure fino a quando non ne venga revocato il consenso.

Nel caso in cui il titolare fosse obbligato a conservare i dati personali in ottemperanza di un obbligo di legge o per ordine di autorità, il titolare può conservare i dati per un tempo maggiore, necessario agli obblighi.

Al termine del periodo di conservazione i dati personali saranno cancellati. Dopo il termine, non sarà più possibile accedere ai propri dati, richiederne la cancellazione e la portabilità.

Base giuridica del trattamento dei dati acquisiti
Il titolare acquisisce dati personali degli utenti nei casi sotto descritti.
Il trattamento si rende necessario:
- se l'utente ha deliberatamente accettato il trattamento per una o più finalità;
- per fornire un preventivo all'utente;
- per fornire un contratto all'utente;
- per fornire un servizio all'utente;
- perché il titolare possa adempiere ad un obbligo di legge;
- perché il titolare possa adempiere ad un compito di interesse pubblico;
- perché il titolare possa adempiere ad un esercizio di pubblici poteri;
- perché il titolare o terzi possano perseguire i propri legittimi interessi.

L'utente può richiedere in qualsiasi momento al titolare del trattamento, chiarimenti sulla base giuridica di ciascun trattamento.

Finalità del trattamento dei dati acquisiti
I dati dell'utente sono raccolti dal titolare per le seguenti finalità:

- richiesta informazione da parte dell'utente
- richiesta informazione per servizi
- invio di aggiornamenti
- invio informazioni generiche
- richiesta di contatto da parte dei clienti, per ricevere informazioni

Eventualmente i dati possono essere trattati anche per:
contattare l'utente, statistiche, analisi dei comportamenti degli utenti e registrazione sessioni, visualizzazione contenuti e interazione di applicazioni esterne, protezione dallo spam, gestione dei pagamenti, interazione con social network, pubblicità.

L'utente può richiedere in qualsiasi momento al titolare del trattamento, chiarimenti sulle finalità di ciascun trattamento.

Dettagli specifici sull'acquisizione e uso dei dati personali
Per contattare l'utente
Moduli di contatto
L'utente può compilare il/i moduli di contatto/richiesta informazioni, inserendo i propri dati e acconsentendo al loro uso per rispondere alle richieste di natura indicata nella intestazione del modulo.
Dati personali che potrebbero essere raccolti: CAP, città, cognome, email, indirizzo, nazione, nome, numero di telefono, provincia, ragione sociale.

Per interazione con applicazioni esterne (anche social network)
www.rivoluzionedemocratica.it include nelle sue pagine plugin e/o pulsanti per interagire con i social network e/o applicazioni esterne.
Per quanto riguarda i social network, anche se l'utente non utilizza il servizio presente sulla pagina web, è possibile che il servizio acquisisca dati di traffico.

I dati acquisiti e l'utilizzo degli stessi da parte di servizi terzi sono regolamentati dalle rispettive Privacy Policy alle quali si prega di fare riferimento.

Facebook: Pulsante "Mi piace" e widget sociali
Fornitore del servizio: Meta Platforms Ireland Limited.
Finalità del servizio: interazione con il social network Facebook
Dati personali raccolti: cookie, dati di utilizzo
Luogo del trattamento: Stati Uniti e in altri Paesi
Privacy Policy (https://www.facebook.com/privacy/policy)

Twitter: Pulsante "Tweet" e widget sociali
Fornitore del servizio: Twitter, Inc.
Finalità del servizio: interazione con il social network Twitter
Dati personali raccolti: cookie, dati di utilizzo
Luogo del trattamento: Stati Uniti
Privacy Policy (https://twitter.com/privacy)
Cookie utilizzati (https://help.twitter.com/it/rules-and-policies/twitter-cookies)
Aderente al Privacy Shield

Whatsapp: Pulsante Whatsapp e widget sociali di Whatsapp
Fornitore del servizio: se l'utente risiede nella Regione Europea, WhatsApp Ireland Limited, se l'utente risiede al di fuori della Regione Europea, i Servizi vengono forniti da WhatsApp LLC.
Finalità del servizio: servizi di interazione con Whatsapp.
Dati personali raccolti: cookie, dati di utilizzo
Luogo del trattamento: Irlanda, le informazioni potrebbero essere trasferite o trasmesse o archiviate e trattate negli Stati Uniti o in altri Paesi terzi al di fuori di quello in cui l'utente risiede.
Privacy Policy (https://www.whatsapp.com/legal/privacy-policy-eea)
Aderente al Privacy Shield

Per statistiche
Questi servizi sono utilizzati dal titolare del trattamento per analizzare il traffico effettuato dagli utenti sul sito web www.rivoluzionedemocratica.it.

I dati acquisiti e l'utilizzo degli stessi da parte di servizi terzi sono regolamentati dalle rispettive Privacy Policy alle quali si prega di fare riferimento.

Per visualizzare contenuti da siti web esterni
Questi servizi sono utilizzati per visualizzare sulle pagine del sito web contenuti esterni al sito web, con possibilità di interazione.
Anche se l'utente non utilizza il servizio presente sulla pagina web, è possibile che il servizio acquisisca dati di traffico.

I dati acquisiti e l'utilizzo degli stessi da parte di servizi terzi sono regolamentati dalle rispettive Privacy Policy alle quali si prega di fare riferimento.

Diritti dell'interessato
L'utente possiede tutti i diritti previsti dall'art. 12 del EU GDPR, il diritto di controllare, modificare e integrare (rettificare), cancellare i propri dati personali accedendo alla propria area riservata. Una volta cancellati tutti i dati, viene chiuso l'account di accesso all'area riservata.

Nello specifico ha il diritto di:
- sapere se il titolare detiene dati personali relativi all'utente (art. 15 Diritto all'accesso);
- modificare o integrare (rettificare) i dati personali inesatti o incompleti (Art. 16 Diritto di rettifica);
- richiedere la cancellazione di uno o parte dei dati personali mantenuti se sussiste uno dei motivi previsti dal GDPR (Diritto alla Cancellazione, 17);
- limitare il trattamento solo a parte dei dati personali, o revocarne completamente il consenso al trattamento, se sussiste uno dei motivi previsti dal Regolamento (Art. 18 Diritto alla limitazione del trattamento);
- ricevere copia di tutti i dati personali in possesso del titolare, in formato di uso comune organizzato, e leggibili anche da dispositivo automatico (Art. 20, Diritto alla Portabilità);
- opporsi in tutto o in parte al trattamento dei dati per finalità di marketing, ad esempio opporsi e ricevere offerte pubblicitarie (art. 21 Diritto di opposizione). Si fa presente agli utenti che possono opporsi al trattamento dei dati utilizzati per scopo pubblicitario, senza fornire alcuna motivazione;
- opporsi al trattamento dei dati in modalità automatica o meno per finalità di profilazione (c.d. Consenso).

Come un utente può esercitare i propri diritti
L'utente può esercitare i propri diritti sopra esposti comunicandone richiesta al titolare del trattamento La Rivoluzione Democratica ai seguenti recapiti: info@rivoluzionedemocratica.it; tel. 3312300680.

La richiesta di esercitare un proprio diritto non ha nessun costo. Il titolare si impegna ad evadere le richieste nel minor tempo possibile, e comunque entro un mese.

L'utente ha il diritto di proporre reclamo all'Autorità Garante per la Protezione dei dati Personali. Recapiti: garante@gpdp.it, http://www.gpdp.it (http://www.gpdp.it).

Cookie Policy
Informazioni aggiuntive sul trattamento dei dati
Difesa in giudizio
Nel caso di ricorso al tribunale per abuso da parte dell'utente nell'utilizzo di www.rivoluzionedemocratica.it o dei servizi a esso collegati, il titolare ha la facoltà di rivelare i dati personali dell'utente. È inoltre obbligato a fornire i suddetti dati su richiesta delle autorità pubbliche.

Richiesta di informative specifiche
L'utente ha diritto di richiedere a www.rivoluzionedemocratica.it informative specifiche sui servizi presenti sul sito web e/o la raccolta e l'utilizzo dei dati personali.

Raccolta dati per log di sistema e manutenzione
www.rivoluzionedemocratica.it e/o i servizi di terze parti (se presenti) possono raccogliere i dati personali dell'utente, come ad esempio l'indirizzo IP, sotto forma di log di sistema. La raccolta di questi dati è legata al funzionamento e alla manutenzione del sito web.

Informazioni non contenute in questa policy
L'utente ha diritto di richiedere in ogni momento al titolare del trattamento dei dati le informazioni aggiuntive non presenti in questa Policy riguardanti il trattamento dei dati personali. Il titolare potrà essere contattato tramite gli estremi di contatto.

Supporto per le richieste "Do Not Track"
Le richieste  "Do Not Track" non sono supportate da www.rivoluzionedemocratica.it.
L'utente è invitato a consultare le Privacy Policy dei servizi terzi sopra elencati per scoprire quali supportano questo tipo di richieste.

Modifiche a questa Privacy Policy
Il titolare ha il diritto di modificare questo documento avvisando gli utenti su questa stessa pagina oppure, se previsto, tramite i contatti di cui è in possesso. L'utente è quindi invitato a consultare periodicamente questa pagina. Per conferma sull'effettiva modifica consultare la data di ultima modifica indicata in fondo alla pagina.
Il titolare si occuperà di raccogliere nuovamente il consenso degli utenti nel caso in cui le modifiche a questo documento riguardino trattamenti di dati per i quali è necessario il consenso.

Definizioni e riferimenti legali
Dati personali (o dati, o dati dell'utente)
Sono dati personali le informazioni che identificano o rendono identificabile, direttamente o indirettamente, una persona fisica e che possono fornire informazioni sulle sue caratteristiche, le sue abitudini, il suo stile di vita, le sue relazioni personali, il suo stato di salute, la sua situazione economica, ecc.

Fonte: sito web del Garante della Privacy (http://www.garanteprivacy.it).

Dati di utilizzo
Sono dati di utilizzo le informazioni che vengono raccolte in automatico durante la navigazione di www.rivoluzionedemocratica.it, sia da sito web stesso che dalle applicazioni di terzi incluse nel sito. Sono esempi di dati di utilizzo l'indirizzo IP e i dettagli del dispositivo e del browser (compresi la localizzazione geografica) che l'utente utilizza per navigare sul sito, le pagine visualizzate e la durata della permanenza dell'utente sulle singole pagine.

Utente
Il soggetto che fa uso del sito web www.rivoluzionedemocratica.it.
Coincide con l'interessato, salvo dove diversamente specificato.

Interessato
Interessato è la persona fisica al quale si riferiscono i dati personali. Quindi, se un trattamento riguarda, ad esempio, l'indirizzo, il codice fiscale, ecc. di Mario Rossi, questa persona è l'interessato (articolo 4, paragrafo 1, punto 1), del Regolamento UE 2016/679 (http://www.garanteprivacy.it/regolamentoue).

Fonte: sito web del Garante della Privacy (http://www.garanteprivacy.it).

Responsabile del trattamento (o responsabile)
Responsabile è la persona fisica o giuridica al quale il titolare affida, anche all'esterno della sua struttura organizzativa, specifici e definiti compiti di gestione e controllo per suo conto del trattamento dei dati (articolo 4, paragrafo 1, punto 8), del Regolamento UE 2016/679 (http://www.garanteprivacy.it/regolamentoue). Il Regolamento medesimo ha introdotto la possibilità che un responsabile possa, a sua volta e secondo determinate condizioni, designare un altro soggetto c.d. "sub-responsabile" (articolo 28, paragrafo 2).

Fonte: sito web del Garante della Privacy (http://www.garanteprivacy.it).

Titolare del trattamento (o titolare)
Titolare è la persona fisica, l'autorità pubblica, l'impresa, l'ente pubblico o privato, l'associazione, ecc., che adotta le decisioni sugli scopi e sulle modalità del trattamento (articolo 4, paragrafo 1, punto 7), del Regolamento UE 2016/679 (http://www.garanteprivacy.it/regolamentoue).

Fonte: sito web del Garante della Privacy (http://www.garanteprivacy.it).

www.rivoluzionedemocratica.it (o sito web)  
Il sito web mediante il quale sono raccolti e trattati i dati personali degli utenti.

Servizio
Il servizio offerto dal sito web www.rivoluzionedemocratica.it come indicato nei relativi termini.

Comunità Europea (o UE)
Ogni riferimento relativo alla Comunità Europea si estende a tutti gli attuali stati membri dell'Unione Europea e dello Spazio Economico Europeo, salvo dove diversamente specificato.

Cookie
Dati conservati all'interno del dispositivo dell'utente.

Riferimenti legali
La presente informativa è redatta sulla base di molteplici ordinamenti legislativi, inclusi gli artt. 13 e 14 del Regolamento (UE) 2016/679. Questa informativa riguarda esclusivamente www.rivoluzionedemocratica.it, dove non diversamente specificato.

Informativa privacy aggiornata il 07/10/2022 12:44
torna indietro leggi Privacy Policy per www.rivoluzionedemocratica.it
 obbligatorio
generic image refresh

cookie