14 Giugno 2024

"SATELLITI ARTIFICALI IN ORBITA SONO INQUINANTI"

Da quando è iniziata l'era spaziale, è iniziato l'inquinamento orbitale attorno al pianeta Terra.

Un recente studio teorico stima la luminosità di fondo cielo allo zenit dovuta alla diffusione della luce solare da parte di satelliti artificiali e space debris in orbita circumterrestre. Istintivamente, si è portati a pensare che si tratti di una luminosità trascurabile, ma in realtà già ora il contributo alla brillanza di fondo cielo è circa il 10 per cento della luminosità naturale. Questo valore non farà che aumentare con l'entrata in servizio delle mega-costellazioni di satelliti

Lo sfruttamento dello spazio senza controllo ha negli anni creato una moltitudine di rifiuti che costituiscono un pericolo per i satelliti e le sonde in orbita, oltre che un problema per il futuro della space economy.

Sempre più satelliti in orbita, di diverso tipo ed utilizzo e in orbite diverse. In più, tutti i dispositivi fuori servizio, i frammenti, i detriti e i pezzi derivati dai lanci che si susseguono dagli anni '60. Tutto questo è compreso nel campo dei resident space object (Rso) e costituisce il cosiddetto inquinamento spaziale, un problema sempre più pressante alla luce degli imponenti programmi commerciali che le società private hanno per lo sfruttamento di quella che molti indicano come l'ultima frontiera e il prossimo terreno di scontro strategico tra le nazioni: lo spazio.

L'inquinamento spaziale è il risultato di un'attività antropica praticamente incontrollata che dura dall'inizio dell'era spaziale per l'umanità, un vero e proprio ‘Far West' per usare un eufemismo. Solo recentemente è in atto una nuova consapevolezza sulla cosiddetta sostenibilità dello spazio ovvero sugli effetti che la corsa allo spazio può creare a se stessa se non si fissano nuove norme che regolino l'accesso, l'utilizzo e la tutela dello spazio, ma anche la sua osservabilità dalla Terra. L'effetto di ostruzione e rifrazione creato da tutti gli oggetti in orbita sta già compromettendo la possibilità di osservazione del cielo. Motivo che ha spinto il lancio di telescopi spaziali al di fuori degli spazi orbitali per osservare il cosmo.

I satelliti artificiali in orbita attorno alla Terra attraggono l'attenzione degli astronomi sin dal lancio del primo oggetto del genere, lo Sputnik 1, nel 1957. Al 1° gennaio 2021, ci sono circa 3.372 satelliti in orbita. A questi vanno aggiunti altri novemila oggetti fuori controllo di grosse dimensioni, come stadi dei lanciatori e frammenti provenienti da esplosioni di satelliti, mentre un'ulteriore popolazione di circa 13mila oggetti più piccoli, con dimensioni fra i 10 cm e il metro, porta ad un totale di circa 26mila i satelliti/detriti spaziali in orbita attorno alla Terra. In pratica lo spazio circumterrestre è popolato da una vera e propria “nube” di oggetti artificiali, il cui numero aumenta sempre più anche per effetto delle reciproche collisioni.

Le quote dei satelliti vanno da poche centinaia di km per quelli in orbita bassa (come la Stazione spaziale internazionale - ISS), fino a circa 36mila km per quelli in orbita geosincrona. A questa quota i satelliti sono sempre illuminati dalla luce del Sole e sono sempre visibili dal suolo (ma non ad occhio nudo). Di conseguenza, appaiono come strisce di varie lunghezze e luminosità nelle immagini ottenute con i telescopi a terra: una manna per chi studia le orbite dei satelliti, un disturbo per chi osserva corpi celesti d'interesse astrofisico.

Nel prossimo decennio il numero dei satelliti in orbita attorno alla Terra è destinato ad aumentare di un fattore 10, per via del lancio delle grandi costellazioni di satelliti per le comunicazioni come gli Starlink. Chiaramente questo aumenterà la probabilità di trovare tracce di satelliti nelle immagini astronomiche, in modo particolare per i telescopi a grande campo di nuova generazione.

C'è un altro fattore che va tenuto sotto controllo per poter continuare a fare ricerca in campo astronomico: l'inquinamento luminoso. La causa principale di questa forma di inquinamento ambientale va ricercata principalmente nelle sorgenti luminose impiegate per l'illuminazione notturna di strade ed edifici che diffondono una buona parte della loro radiazione verso l'alto, cancellando il cielo notturno. La dispersione verso l'alto della radiazione luminosa, ovvero dove non serve, porta a uno spreco energetico e all'alterazione degli ecosistemi notturni. In effetti è esperienza comune a tutti che, dalle città, il cielo notturno non è più visibile, se non per gli astri più brillanti come Luna e Venere, e che bisogna almeno portarsi in aperta campagna per iniziare a distinguere le principali costellazioni o percepire la debole fascia della Via Lattea. Quello che era patrimonio di tutti è diventato accessibile a pochi.

In un sito affetto da inquinamento luminoso le prestazioni di un telescopio si riducono, per questo motivo gli osservatori astronomici vengono costruiti in posti remoti il più lontano possibile dalla civiltà: basta pensare all'ESO, l'Osservatorio australe europeo, che si trova in Cile, nel deserto di Atacama, in un luogo desolato ma buio.

Le scie lasciate da satelliti e space debris sulle immagini Ccd degli astronomi e l'inquinamento luminoso possono sembrare sorgenti di disturbo separate, ma in realtà un punto in comune c'è. Basta chiedersi: che contributo possono dare satelliti artificiali e space debris all'inquinamento luminoso? Si tratta di una domanda che si sono fatti in pochi e, a prima vista, la risposta sembrerebbe essere che sia del tutto trascurabile. Ha provato a rispondere seriamente un team guidato dall'astronomo slovacco Miroslav Kocifaj ed il risultato è ora illustrato in un paper accettato per la pubblicazione su Monthly Notices of the Royal Astronomical Society Letters.

Un satellite o uno space debris diffondono una parte della radiazione solare che intercettano verso terra e questa, attraversando l'atmosfera, viene diffusa da molecole e pulviscolo andando ad aumentare la luminosità di fondo cielo. Mentre i telescopi e le fotocamere spesso risolvono gli oggetti spaziali come punti di luce discreti, i rivelatori di luce a bassa risoluzione come l'occhio umano vedono solo l'effetto combinato di molti di questi oggetti. L'analisi teorica di Kocifaj e colleghi include le distribuzioni note delle dimensioni e della luminosità sia di satelliti funzionanti sia di space debris. Non sono state incluse le mega-costellazioni future o gli oggetti non noti perché troppo piccoli. Alla fine dei calcoli l'effetto che trovano gli autori dello studio è un aumento complessivo non trascurabile della luminosità diffusa del cielo notturno.

Questa nuova componente alla luminosità di fondo cielo corrisponde al 10 per cento di quella naturale allo zenit, superando i limiti scelti dalla Unione astronomica internazionale nel 1979 per la luce diffusa che può essere presente nei siti sedi di osservatori astronomici. Il livello naturale di luminosità di fondo cielo è difficile da stabilire, dal momento che qualsiasi banda di osservazione si consideri, compresa quella visuale, è ampiamente variabile a seconda della regione del cielo che si considera, la posizione dell'osservatore, lo stato dell'atmosfera e l'intensità fluttuante dell'airglow. Tenuto conto di questi limiti, la luminosità naturale del cielo nel visibile corrisponde a una brillanza di circa +22 mag/secondo d'arco quadrato. Il contributo della luce diffusa da satelliti e space debris alza questa brillanza a circa +21.9 mag/secondo d'arco quadrato.

A differenza dell'inquinamento luminoso prodotto al suolo, questo tipo di inquinamento luminoso del cielo notturno può essere visto da gran parte della superficie terrestre: avere un osservatorio in luoghi remoti non risolve dunque il problema, e l'entrata in servizio delle mega-costellazioni aumenterà la diffusione della luce in atmosfera.

I risultati pubblicati indicano che la luminosità di fondo cielo è proporzionale al numero di satelliti lanciati e alle loro caratteristiche ottiche una volta in orbita. Le agenzie spaziali, come SpaceX, sono intervenute per ridurre la luminosità dei loro satelliti. Nonostante questi sforzi di mitigazione, l'effetto collettivo di un forte aumento del numero di oggetti in orbita sta per cambiare l'esperienza della visione del cielo notturno in tutto il mondo.

Nell'attesa di avere un osservatorio astronomico sulla faccia nascosta della Luna, gli autori dell'articolo sperano che il risultato del loro lavoro cambierà la natura del dialogo in corso tra operatori satellitari e astronomi su come gestire al meglio lo spazio circumterrestre. Un dialogo costruttivo è auspicabile. In ultima analisi, questo non è più un problema degli astronomi, ma di tutti quelli che amano trascorrere almeno qualche notte all'anno nell'osservazione del cielo notturno: un'esperienza fondamentale per ogni essere vivente consapevole di esistere.

Dal 2009, l'Esa ha dato il via al programma Space Situational Awareness e le aziende che gestiscono il segmento di Terra delle missioni hanno messo a punto una serie di servizi che forniscono alle missioni una vera e propria situazione meteo e del traffico per ogni fase. Sono già operativi e allo studio sistemi che combinano strumenti ottici, radar e sistemi di analisi basati su intelligenza artificiale che permettono il monitoraggio di tutti gli oggetti presenti nello spazio. Lo scorso 9 marzo L'Euspa e l'Unoosa hanno firmato una lettere di intenti per sfruttare tutti i sistemi satellitari di tracciamento, osservazione e comunicazione per disporre di un controllo sempre più puntuale degli oggetti spaziali.

Anche negli Usa, la US Space Force ha sollecitato l'industria privata a trovare una soluzione per l'inquinamento spaziale e la Nasa ha già implementato un sistema di catalogazione degli oggetti spaziali, basato su dimensioni e livelli di rischio, e un programma dedicato denominato Orbital Debris Program Office. L'inquinamento spaziale pone anche problemi giuridici, soprattutto per le nazioni poiché, secondo l'Outer Space Treaty sono esse le responsabili anche per le aziende che ricadono sul proprio territorio.

C'è dunque un rischio potenziale di scontro diplomatico e militare. I primi segni si sono visti in due circostanze. La prima è l'azione formale da parte della Cina verso SpaceX e gli Usa, a seguito delle manovre che la stazione Tiangong avrebbe dovuto effettuare a causa di due satelliti Starlink. La seconda è la decisione della Russia di distruggere un proprio satellite inattivo con un missile strategico lanciato dalla Terra.

Si prepara anche una lotta sulla valutazione della risorsa spazio. Secondo la Cina, la bassa orbita terrestre non può ospitare più di 50mila satelliti. Se SpaceX prevede di portarne in orbita 42mila per la costellazione di Starlink, si apre un problema di concessioni di spazi orbitali e frequenze che coinvolgerà l'International Telecommunications Office, l'organo dell'Onu predisposto a questo scopo. Dunque un problema economico ha già un risvolto politico e strategico che dovrà essere regolato.

La Nasa stima che ci siano 23mila pezzi più grandi di una palla da baseball in orbita intorno alla terra, mezzo milione di dimensioni comprese tra 1 e 10 cm e 100 milioni tra 1 e 10 mm. Ve ne sono anche di dimensioni inferiori, ma quello che conta è che anche i più piccoli viaggiano ad una velocità di almeno 27.000 km/h e costituiscono dunque una seria minaccia per i razzi di lancio, le sonde, i satelliti e i moduli di rientro nell'atmosfera. Allo stesso tempo, sono le missioni stesse a creare ulteriore inquinamento spaziale. Vero è che la riutilizzabilità dei razzi permette di limitare l'inquinamento spaziale, ma non di annullarlo del tutto.

L'inquinamento spaziale è iniziato con l'avvento della corsa allo spazio dal parte dell'umanità nella consapevolezza che il cosmo fosse praticamente infinito e il suo controllo rivestisse un valore strategico e di supremazia tecnologica e politica, ma non in chiave territoriale. Per questo, non si è posto neppure un problema di ripartizione dello Spazio che invece oggi si pone di fronte ai suoi piani di sfruttamento commerciale. I sistemi di lancio sono stati inoltre concepiti come “a perdere” considerando impossibile recuperarli e trascurabile l'effetto di tutti i rottami lasciati nello spazio, anche a fronte della considerazione che, qualora essi fossero risucchiati dalla gravità terrestre, si sarebbero disintegrati durante il loro rientro nell'atmosfera.

I livelli di affollamento degli spazi orbitali anche da parte di missioni con personale umano, il volume di lanci e satelliti messi in orbita con ogni lancio, SpaceX è arrivata ad inviare 60 satelliti con un singolo lancio, pongono però un problema oggettivo destinato ad aggravarsi già nel prossimo futuro e che ha suscitato la consapevolezza che esista una sostenibilità spaziale da preservare per rendere lo spazio pienamente sfruttabile anche in futuro.

Il problema è sempre più presente anche per la stazione spaziale internazionale che nella sua storia ha compiuto 29 manovre di evitamento (che necessitano di 5 ore l'una), tre delle quali solo nel 2020. La Nasa, di concerto con le altre agenzie spaziali, ha da tempo deliberato per la Iss un ben preciso manuale di comportamento in caso di rischio di collisione che si basa su dati statistici e su parametri quali la dimensione, la distanza e la traiettoria e dell'oggetto.

La consapevolezza del problema dell'inquinamento spaziale intorno alla Luna è ancora più recente di quello che riguarda la Terra, essenzialmente per due motivi: ha una consistenza numerica assai inferiore e non riguarda direttamente l'incolumità di esseri umani o di altre attività umane. Ma proprio perché l'uomo è tornato a guardare alla Luna, la lente degli scienziati si è posata anche questo problema specifico. In più, il 4 marzo scorso un detrito spaziale si è infranto sulla superficie del nostro satellite naturale.

Qualcuno sostiene derivi da un razzo Falcon 9 di SpaceX lanciato nel 2015, altri da un satellite cinese fuori servizio dal 2014. Il pezzo, lungo 12 metri e della massa di 4.500 kg (sulla Terra) dovrebbe essersi infranto ad una velocità di 9.300 km/h creando un cratere largo 20 metri. Il condizionale è dovuto al fatto che l'impatto è stato previsto, ma non osservato. Si calcola che siano oltre 200 i detriti in orbita intorno alla Luna e la loro pericolosità è dovuta a due fattori fondamentali. Il primo è che non c'è un atmosfera che li brucia, in tutto o in parte. Il secondo è che potrebbero sollevare nuvole di polvere le cui dimensioni e movimenti non sono, al momento, ipotizzabili.

L'osservazione inoltre dei detriti lunari è resa difficoltosa dal fatto che la Luna stessa costituisce un'enorme superficie riflettente. Pertanto, le varie agenzie spaziali si stanno attrezzando per mettere a punto strumenti e metodi che permettano di avere un controllo più puntuale della situazione. L'impatto ha tuttavia avuto anche un effetto positivo per la ricerca. L'analisi delle polveri lunari ha evidenziato la presenza di ghiaccio e materiale organico confermando l'ipotesi che l'impatto creato dai meteoriti potrebbe avere liberato acqua e sostanze vitali sulla superficie lunare. Allo stesso tempo, il controllo dei detriti spaziali lunari sarà essenziale per rendere sicure le future missioni seguite da progetti spaziali, commerciali e non, sempre più numerosi.

C'è la crescente consapevolezza che debbano essere dunque le aziende stesse già impegnate nello sfruttamento dello spazio o in procinto di farlo a provvedere nel creare sistemi di tracciamento capaci di essere condivisi con organizzazione sovrannazionali. Anche i satelliti stessi dovranno essere dotati di scudi sempre più robusti (sistemi passivi) e di sistemi attivi che ne consentano una migliore e più rapida manovrabilità e di sistemi che, nel caso, siano anche capaci di fare da spazzini accogliendo i detriti propri e incontrati con una capacità definita Adr (Active Debris Removal) e che dunque è una delle basi tecnologiche per la bonifica dello spazio.

Problematiche sviluppatesi selvaggiamente in un contesto privo di regolamentazione e di una autorevole istituzione preposta per farla rispettare. Problemi spesso ignorati ma che invece riguardano l'umanità di oggi e del futuro in una prospettiva cosmica.






Fonte: di Salvatore Rondello
Link
[]
L'AVVENIRE DEI LAVORATORI
Periodico socialista fondato 1897.
[]
IL PONTE RIVISTA
Rivista di politica economica e cultura
fondata da Calamandrei
[]
BIBLION EDITORE
Biblion Edizioni, storica casa editrice.
[]
CRITICA LIBERALE - NON MOLLARE
"NON MOLLARE"
Quindicinale on line di Critica Liberale,
la voce del liberalismo progressista in Italia.





Nuova Serie
"La Rivoluzione Democratica"
1, MARZO 2017
Associazione Alleanza Giellista
[]

Realizzazione siti web www.sitoper.it
invia a un amico
icona per chiudere
Attenzione!
Non puoi effettuare più di 10 invii al giorno.
Privacy Policy per www.rivoluzionedemocratica.it
Il sito web www.rivoluzionedemocratica.it raccoglie alcuni dati personali degli utenti che navigano sul sito web.

In accordo con l'impegno e l'attenzione che poniamo ai dati personali e in accordo agli artt. 13 e 14 del EU GDPR, www.rivoluzionedemocratica.it fornisce informazioni su modalità, finalità, ambito di comunicazione e diffusione dei dati personali e diritti degli utenti.

Titolare del trattamento dei dati personali
La Rivoluzione Democratica
Via Circondaria, 56
55045 - Firenze Italia


Email: info @rivoluzionedemocratica.it
Telefono: 3934324237

Tipi di dati acquisiti
www.rivoluzionedemocratica.it raccoglie dati degli utenti direttamente o tramite terze parti. Le tipologie di dati raccolti sono: dati tecnici di navigazione, dati di utilizzo, email, nome, cognome, numero di telefono, provincia, nazione, cap, città, indirizzo, ragione sociale, stato, cookie e altre varie tipologie di dati. Maggiori dettagli sui dati raccolti vengono forniti nelle sezioni successive di questa stessa informativa.
I dati personali sono forniti deliberatamente dall'utente tramite la compilazione di form, oppure, nel caso di dati di utilizzo, come ad esempio i dati relativi alle statistiche di navigazione, sono raccolti automaticamente navigando sulle pagine di www.rivoluzionedemocratica.it.

I dati richiesti dai form sono divisi tra obbligatori e facoltativi; su ciascun form saranno indicate distintamente le due tipologie. Nel caso in cui l'utente preferisca non comunicare dati obbligatori, www.rivoluzionedemocratica.it si riserva il diritto di non fornire il servizio. Nel caso in cui l'utente preferisca non comunicare dati facoltativi, il servizio sarà fornito ugualmente da www.rivoluzionedemocratica.it .

www.rivoluzionedemocratica.it utilizza strumenti di statistica per il tracciamento della navigazione degli utenti, l'analisi avviene tramite log. Non utilizza direttamente cookie ma può utilizzare cookie includendo servizi di terzi.

Ciascun utilizzo di cookie viene dettagliato nella Cookie Policy (https://www.rivoluzionedemocratica.it/Informativa-sui-cookies.htm) e successivamente in questa stessa informativa.
L'utente che comunichi, pubblichi, diffonda, condivida o ottenga dati personali di terzi tramite www.rivoluzionedemocratica.it si assume la completa responsabilità degli stessi. L'utente libera il titolare del sito web da qualsiasi responsabilità diretta e verso terzi, garantendo di avere il diritto alla comunicazione, pubblicazione, diffusione degli stessi. www.rivoluzionedemocratica.it non fornisce servizi a minori di 18 anni. In caso di richieste effettuate per minori deve essere il genitore, o chi detiene la patria potestà, a compilare le richieste dati.

Modalità, luoghi e tempi del trattamento dei dati acquisiti
Modalità di trattamento dei dati acquisiti
Il titolare ha progettato un sistema informatico opportuno a garantire misure di sicurezza ritenute adatte ad impedire l'accesso, la divulgazione, la modifica o la cancellazione non autorizzata di dati personali. Lo stesso sistema effettua copie giornaliere, ritenute sufficientemente adeguate in base alla importanza dei dati contenuti.

L'utente ha diritto a ottenere informazioni in merito alle misure di sicurezza adottate dal titolare per proteggere i dati.

Accessi ai dati oltre al titolare
Hanno accesso ai dati personali raccolti da www.rivoluzionedemocratica.it il personale interno (quale ad esempio amministrativo, commerciale, marketing, legale, amministratori di sistema) e/o soggetti esterni (quali ad esempio fornitori di servizi informatici terzi, webfarm, agenzie di comunicazione, fornitori di servizi complementari). Se necessario tali strutture sono nominate dal titolare responsabili del trattamento.

L'utente può richiedere in qualsiasi momento al titolare del trattamento, l'elenco aggiornato dei responsabili del trattamento.

Comunicazione di eventuali accessi indesiderati al Garante della Privacy
Il suddetto sistema informatico è monitorato e controllato giornalmente da tecnici e sistemisti. Ciò non toglie che, anche se ritenuta possibilità remota, ci possa essere un accesso indesiderato. Nel caso in cui questo si verifichi il titolare si impegna, come da GDPR ad effettuarne comunicazione al Garante della Privacy entro i termini previsti dalla legge.

Luoghi di mantenimento dei dati acquisiti
I dati personali sono mantenuti e trattati nelle sedi operative e amministrative del titolare, nonché nelle webfarm dove risiedono i server che ospitano il sito web www.rivoluzionedemocratica.it, o sui server che ne effettuano le copie di sicurezza. I dati personali dell'utente possono risiedere in Italia, Germania e Olanda, comunque in nazioni della Comunità Europea. I dati personali dell'utente non vengono mai portati o copiati fuori dal territorio europeo.

Tempi di mantenimento dei dati acquisiti
Nel caso di dati acquisiti per fornire un servizio all'utente, (sia per un servizio acquistato che in prova) i dati vengono conservati per 24 mesi successivi al completamento del servizio. Oppure fino a quando non ne venga revocato il consenso.

Nel caso in cui il titolare fosse obbligato a conservare i dati personali in ottemperanza di un obbligo di legge o per ordine di autorità, il titolare può conservare i dati per un tempo maggiore, necessario agli obblighi.

Al termine del periodo di conservazione i dati personali saranno cancellati. Dopo il termine, non sarà più possibile accedere ai propri dati, richiederne la cancellazione e la portabilità.

Base giuridica del trattamento dei dati acquisiti
Il titolare acquisisce dati personali degli utenti nei casi sotto descritti.
Il trattamento si rende necessario:
- se l'utente ha deliberatamente accettato il trattamento per una o più finalità;
- per fornire un preventivo all'utente;
- per fornire un contratto all'utente;
- per fornire un servizio all'utente;
- perché il titolare possa adempiere ad un obbligo di legge;
- perché il titolare possa adempiere ad un compito di interesse pubblico;
- perché il titolare possa adempiere ad un esercizio di pubblici poteri;
- perché il titolare o terzi possano perseguire i propri legittimi interessi.

L'utente può richiedere in qualsiasi momento al titolare del trattamento, chiarimenti sulla base giuridica di ciascun trattamento.

Finalità del trattamento dei dati acquisiti
I dati dell'utente sono raccolti dal titolare per le seguenti finalità:

- richiesta informazione da parte dell'utente
- richiesta informazione per servizi
- invio di aggiornamenti
- invio informazioni generiche
- richiesta di contatto da parte dei clienti, per ricevere informazioni

Eventualmente i dati possono essere trattati anche per:
contattare l'utente, statistiche, analisi dei comportamenti degli utenti e registrazione sessioni, visualizzazione contenuti e interazione di applicazioni esterne, protezione dallo spam, gestione dei pagamenti, interazione con social network, pubblicità.

L'utente può richiedere in qualsiasi momento al titolare del trattamento, chiarimenti sulle finalità di ciascun trattamento.

Dettagli specifici sull'acquisizione e uso dei dati personali
Per contattare l'utente
Moduli di contatto
L'utente può compilare il/i moduli di contatto/richiesta informazioni, inserendo i propri dati e acconsentendo al loro uso per rispondere alle richieste di natura indicata nella intestazione del modulo.
Dati personali che potrebbero essere raccolti: CAP, città, cognome, email, indirizzo, nazione, nome, numero di telefono, provincia, ragione sociale.

Per interazione con applicazioni esterne (anche social network)
www.rivoluzionedemocratica.it include nelle sue pagine plugin e/o pulsanti per interagire con i social network e/o applicazioni esterne.
Per quanto riguarda i social network, anche se l'utente non utilizza il servizio presente sulla pagina web, è possibile che il servizio acquisisca dati di traffico.

I dati acquisiti e l'utilizzo degli stessi da parte di servizi terzi sono regolamentati dalle rispettive Privacy Policy alle quali si prega di fare riferimento.

Facebook: Pulsante "Mi piace" e widget sociali
Fornitore del servizio: Meta Platforms Ireland Limited.
Finalità del servizio: interazione con il social network Facebook
Dati personali raccolti: cookie, dati di utilizzo
Luogo del trattamento: Stati Uniti e in altri Paesi
Privacy Policy (https://www.facebook.com/privacy/policy)

Twitter: Pulsante "Tweet" e widget sociali
Fornitore del servizio: Twitter, Inc.
Finalità del servizio: interazione con il social network Twitter
Dati personali raccolti: cookie, dati di utilizzo
Luogo del trattamento: Stati Uniti
Privacy Policy (https://twitter.com/privacy)
Cookie utilizzati (https://help.twitter.com/it/rules-and-policies/twitter-cookies)
Aderente al Privacy Shield

Whatsapp: Pulsante Whatsapp e widget sociali di Whatsapp
Fornitore del servizio: se l'utente risiede nella Regione Europea, WhatsApp Ireland Limited, se l'utente risiede al di fuori della Regione Europea, i Servizi vengono forniti da WhatsApp LLC.
Finalità del servizio: servizi di interazione con Whatsapp.
Dati personali raccolti: cookie, dati di utilizzo
Luogo del trattamento: Irlanda, le informazioni potrebbero essere trasferite o trasmesse o archiviate e trattate negli Stati Uniti o in altri Paesi terzi al di fuori di quello in cui l'utente risiede.
Privacy Policy (https://www.whatsapp.com/legal/privacy-policy-eea)
Aderente al Privacy Shield

Per statistiche
Questi servizi sono utilizzati dal titolare del trattamento per analizzare il traffico effettuato dagli utenti sul sito web www.rivoluzionedemocratica.it.

I dati acquisiti e l'utilizzo degli stessi da parte di servizi terzi sono regolamentati dalle rispettive Privacy Policy alle quali si prega di fare riferimento.

Per visualizzare contenuti da siti web esterni
Questi servizi sono utilizzati per visualizzare sulle pagine del sito web contenuti esterni al sito web, con possibilità di interazione.
Anche se l'utente non utilizza il servizio presente sulla pagina web, è possibile che il servizio acquisisca dati di traffico.

I dati acquisiti e l'utilizzo degli stessi da parte di servizi terzi sono regolamentati dalle rispettive Privacy Policy alle quali si prega di fare riferimento.

Diritti dell'interessato
L'utente possiede tutti i diritti previsti dall'art. 12 del EU GDPR, il diritto di controllare, modificare e integrare (rettificare), cancellare i propri dati personali accedendo alla propria area riservata. Una volta cancellati tutti i dati, viene chiuso l'account di accesso all'area riservata.

Nello specifico ha il diritto di:
- sapere se il titolare detiene dati personali relativi all'utente (art. 15 Diritto all'accesso);
- modificare o integrare (rettificare) i dati personali inesatti o incompleti (Art. 16 Diritto di rettifica);
- richiedere la cancellazione di uno o parte dei dati personali mantenuti se sussiste uno dei motivi previsti dal GDPR (Diritto alla Cancellazione, 17);
- limitare il trattamento solo a parte dei dati personali, o revocarne completamente il consenso al trattamento, se sussiste uno dei motivi previsti dal Regolamento (Art. 18 Diritto alla limitazione del trattamento);
- ricevere copia di tutti i dati personali in possesso del titolare, in formato di uso comune organizzato, e leggibili anche da dispositivo automatico (Art. 20, Diritto alla Portabilità);
- opporsi in tutto o in parte al trattamento dei dati per finalità di marketing, ad esempio opporsi e ricevere offerte pubblicitarie (art. 21 Diritto di opposizione). Si fa presente agli utenti che possono opporsi al trattamento dei dati utilizzati per scopo pubblicitario, senza fornire alcuna motivazione;
- opporsi al trattamento dei dati in modalità automatica o meno per finalità di profilazione (c.d. Consenso).

Come un utente può esercitare i propri diritti
L'utente può esercitare i propri diritti sopra esposti comunicandone richiesta al titolare del trattamento La Rivoluzione Democratica ai seguenti recapiti: info@rivoluzionedemocratica.it; tel. 3312300680.

La richiesta di esercitare un proprio diritto non ha nessun costo. Il titolare si impegna ad evadere le richieste nel minor tempo possibile, e comunque entro un mese.

L'utente ha il diritto di proporre reclamo all'Autorità Garante per la Protezione dei dati Personali. Recapiti: garante@gpdp.it, http://www.gpdp.it (http://www.gpdp.it).

Cookie Policy
Informazioni aggiuntive sul trattamento dei dati
Difesa in giudizio
Nel caso di ricorso al tribunale per abuso da parte dell'utente nell'utilizzo di www.rivoluzionedemocratica.it o dei servizi a esso collegati, il titolare ha la facoltà di rivelare i dati personali dell'utente. È inoltre obbligato a fornire i suddetti dati su richiesta delle autorità pubbliche.

Richiesta di informative specifiche
L'utente ha diritto di richiedere a www.rivoluzionedemocratica.it informative specifiche sui servizi presenti sul sito web e/o la raccolta e l'utilizzo dei dati personali.

Raccolta dati per log di sistema e manutenzione
www.rivoluzionedemocratica.it e/o i servizi di terze parti (se presenti) possono raccogliere i dati personali dell'utente, come ad esempio l'indirizzo IP, sotto forma di log di sistema. La raccolta di questi dati è legata al funzionamento e alla manutenzione del sito web.

Informazioni non contenute in questa policy
L'utente ha diritto di richiedere in ogni momento al titolare del trattamento dei dati le informazioni aggiuntive non presenti in questa Policy riguardanti il trattamento dei dati personali. Il titolare potrà essere contattato tramite gli estremi di contatto.

Supporto per le richieste "Do Not Track"
Le richieste  "Do Not Track" non sono supportate da www.rivoluzionedemocratica.it.
L'utente è invitato a consultare le Privacy Policy dei servizi terzi sopra elencati per scoprire quali supportano questo tipo di richieste.

Modifiche a questa Privacy Policy
Il titolare ha il diritto di modificare questo documento avvisando gli utenti su questa stessa pagina oppure, se previsto, tramite i contatti di cui è in possesso. L'utente è quindi invitato a consultare periodicamente questa pagina. Per conferma sull'effettiva modifica consultare la data di ultima modifica indicata in fondo alla pagina.
Il titolare si occuperà di raccogliere nuovamente il consenso degli utenti nel caso in cui le modifiche a questo documento riguardino trattamenti di dati per i quali è necessario il consenso.

Definizioni e riferimenti legali
Dati personali (o dati, o dati dell'utente)
Sono dati personali le informazioni che identificano o rendono identificabile, direttamente o indirettamente, una persona fisica e che possono fornire informazioni sulle sue caratteristiche, le sue abitudini, il suo stile di vita, le sue relazioni personali, il suo stato di salute, la sua situazione economica, ecc.

Fonte: sito web del Garante della Privacy (http://www.garanteprivacy.it).

Dati di utilizzo
Sono dati di utilizzo le informazioni che vengono raccolte in automatico durante la navigazione di www.rivoluzionedemocratica.it, sia da sito web stesso che dalle applicazioni di terzi incluse nel sito. Sono esempi di dati di utilizzo l'indirizzo IP e i dettagli del dispositivo e del browser (compresi la localizzazione geografica) che l'utente utilizza per navigare sul sito, le pagine visualizzate e la durata della permanenza dell'utente sulle singole pagine.

Utente
Il soggetto che fa uso del sito web www.rivoluzionedemocratica.it.
Coincide con l'interessato, salvo dove diversamente specificato.

Interessato
Interessato è la persona fisica al quale si riferiscono i dati personali. Quindi, se un trattamento riguarda, ad esempio, l'indirizzo, il codice fiscale, ecc. di Mario Rossi, questa persona è l'interessato (articolo 4, paragrafo 1, punto 1), del Regolamento UE 2016/679 (http://www.garanteprivacy.it/regolamentoue).

Fonte: sito web del Garante della Privacy (http://www.garanteprivacy.it).

Responsabile del trattamento (o responsabile)
Responsabile è la persona fisica o giuridica al quale il titolare affida, anche all'esterno della sua struttura organizzativa, specifici e definiti compiti di gestione e controllo per suo conto del trattamento dei dati (articolo 4, paragrafo 1, punto 8), del Regolamento UE 2016/679 (http://www.garanteprivacy.it/regolamentoue). Il Regolamento medesimo ha introdotto la possibilità che un responsabile possa, a sua volta e secondo determinate condizioni, designare un altro soggetto c.d. "sub-responsabile" (articolo 28, paragrafo 2).

Fonte: sito web del Garante della Privacy (http://www.garanteprivacy.it).

Titolare del trattamento (o titolare)
Titolare è la persona fisica, l'autorità pubblica, l'impresa, l'ente pubblico o privato, l'associazione, ecc., che adotta le decisioni sugli scopi e sulle modalità del trattamento (articolo 4, paragrafo 1, punto 7), del Regolamento UE 2016/679 (http://www.garanteprivacy.it/regolamentoue).

Fonte: sito web del Garante della Privacy (http://www.garanteprivacy.it).

www.rivoluzionedemocratica.it (o sito web)  
Il sito web mediante il quale sono raccolti e trattati i dati personali degli utenti.

Servizio
Il servizio offerto dal sito web www.rivoluzionedemocratica.it come indicato nei relativi termini.

Comunità Europea (o UE)
Ogni riferimento relativo alla Comunità Europea si estende a tutti gli attuali stati membri dell'Unione Europea e dello Spazio Economico Europeo, salvo dove diversamente specificato.

Cookie
Dati conservati all'interno del dispositivo dell'utente.

Riferimenti legali
La presente informativa è redatta sulla base di molteplici ordinamenti legislativi, inclusi gli artt. 13 e 14 del Regolamento (UE) 2016/679. Questa informativa riguarda esclusivamente www.rivoluzionedemocratica.it, dove non diversamente specificato.

Informativa privacy aggiornata il 07/10/2022 12:44
torna indietro leggi Privacy Policy per www.rivoluzionedemocratica.it
 obbligatorio
generic image refresh

cookie