20 Giugno 2024

"RUTH DREIFUSS"


Ruth Dreifuss, seconda di due figli [1], é nata il 9 gennaio 1940 a San Gallo, nell' omonimo Cantone svizzero, dal commerciante Sidney Dreifuss (1899-1956) e da Jeanne Bicard (1905-1962). Nel 1942 la famiglia si trasferí a Berna e nel 1945 a Ginegra, dove Ruth studiò, fino al conseguimento, nel 1958, di un diploma in gestione aziendale. In ossequio alla mentalitá tradizionalista di allora, i genitori non incoraggiarono Ruth a proseguire i suoi studi all'universitá. La giovane, dunque, trovò lavoro, tra il 1958 e il 1959, in Ticino, come segretaria d'albergo.
Dal 1961 al 1964 lavorò a Basilea, come redattrice del settimanale Cooperazione, fondato nel 1902 come organo dell'Unione svizzera delle cooperative, dunque in un ambiente vicino alle idee socialiste.
Nello stesso periodo la troviamo anche tra i collaboratori della rivista di sinistra Domaine Public, fondata nel 1963, che nel sottotitolo si definiva indipendente, differente, riformista.
Dopo aver seguito un corso di formazione presso la Scuola di Studi Sociali di Ginevra, Ruth, dal 1965 al 1968 fu assistente del Centro Psico-Sociale Universitario, il che la mise in contatto con i problemi della povertà e dell'emarginazione.

Spinta dall'insieme delle sue esperienze, nel 1965, a venticinque anni, aderì al Partito Socialista Svizzero, quello cioè che, più di tutti e con maggior coerenza, si batteva per le riforme sociali e, in particolare, per il voto alle donne, imprimendo così alla sua vita una svolta fondamentale.
Su di esso ci pare opportuno spendere qualche parola, prima di riprendere il racconto della intensa vita di Ruth Dreifuss.

Il Partito Socialista Svizzero (PSS), uno dei piú antichi e prestigiosi d'Europa, fu fondato il 21 ottobre 1888, in seguito alla confluenza di preesistenti raggruppamenti locali, politici e sindacali, sulla base di un programma stilato da Albert Steck (1848-1899). Due anni dopo i socialisti riuscirono ad eleggere il loro primo rappresentante al Consiglio Nazionale (Camera dei deputati) [2], Jakob Vogelsanger (1849-1923). Ne 1912 il PSS si schierò decisamente a favore del suffragio femminile [3].
Un ruolo fondamentale il PSS lo esercitò quando, d'intesa col confratello italiano PSI, organizzò, durante la prima guerra mondiale, due storiche conferenze internazionali dei partiti e gruppi socialisti contrari alla guerra, in due cittadine della neutrale Svizzera, la prima a Zimmerwald (5-8 settembre 1915) [4] e la seconda a Kienthal (24-30 aprile 1916) [5].
Il primo socialista ad entrare nel Consiglio Federale (Governo) fu Ernest Nobs (1886-1951), che vi fece parte dal 1943 al 1951. La prima donna socialista ad essere eletta al Consiglio Nazionale (= Camera) fu Lilian Uchtenhagen [6] (1928-2016), nel 1971. La prima ad entrare nel Consiglio Federale fu Ruth Dreifuss (1993-2002). Seguiranno, fra le socialiste, Micheline Calmy-Rey [7] e Simonetta Sommaruga [8].

Fiancheggiano attualmente il PSS quattro organizzazioni, che però godono di larga autonomia: gli Ultrasessantenni, i Migranti, le Donne e i Giovani socialisti. Si legge nel sito del PS, riguardo alle donne (*) e ai giovani (**):

* I nostri obiettivi sono l'emancipazione delle donne e l'uguaglianza politica, economica, giuridica, sociale e culturale di tutti i sessi. Le misure positive per l'attuazione dei diritti delle donne e per prevenire la discriminazione nei confronti di tutte le persone sulla base della loro identità di genere o orientamento sessuale sono al centro del nostro lavoro politico. Ci impegniamo anche ad aumentare la percentuale di donne in politica.

** Noi lottiamo per un mondo più giusto e ci impegniamo per una Svizzera migliore.
Noi mettiamo la persona al centro della nostra politica.
Noi vogliamo un sistema economico che ridistribuisca la ricchezza alla popolazione, offra un lavoro a tutti e rispetti l'ambiente.
Noi lottiamo per l'uguaglianza.
Noi lottiamo per una società in cui ciascuna e ciascuno abbia le stesse opportunità di sviluppare le proprie inclinazioni.
Noi ci impegniamo per una società in cui nessuno sia svantaggiato a causa della propria origine sociale, del colore della sua pelle o della sua sessualità.
Noi siamo i giovani del Partito Socialista.


Negli anni seguenti Ruth si schierò contro la guerra del Vietnam, partecipò al movimento del '68 e si interessò dei Paesi del Terzo Mondo.
Il suo crescente interesse per l'analisi economica e lo studio del funzionamento della società la spinsero a seguire corsi serali per ottenere la maturità e poi a iscriversi all’Università.
Nel 1970, si laureò in Economia (con particolare attenzione all'Econometria), all'università di Ginevra, nella quale divenne assistente fino al 1972, presso la Facoltà di Scienze Economiche e Sociali [9]. In quello stesso anno venne assunta, prestando servizio fino al 1981, come collaboratrice scientifica presso la Direzione dello sviluppo e della cooperazione del Dipartimento federale degli Affari Esteri.

Nel 1981 fu eletta – prima donna a ricoprire tale carica - segretaria generale dell'Unione Sindacale Svizzera (USS), il sindacato svizzero più rappresentativo, fondato nel 1880 e vicino ai socialisti. Come sindacalista si occupò con particolare attenzione di previdenza sociale, diritto del lavoro, promozione dei diritti delle donne e rapporti con l'Organizzazione Mondiale del Lavoro (OIL).
All'inizio degli anni '80 guidò vigorosamente la campagna per l'iniziativa lanciata dall'USS per l'introduzione di un congedo di maternità; iniziativa che venne però respinta a larghissima maggioranza nel 1984.
Come sindacalista, Ruth Dreifuss fece parte di diverse commissioni federali extraparlamentari, a contatto delle quali poté maturare una notevole conoscenza dell’amministrazione federale e degli ambienti politici.
L’unica sua esperienza diretta in politica, prima di accedere al Consiglio Federale (governo), è stato il mandato di consigliera comunale a Berna dal 1989 al 1992.

Ruth Dreifuss lavorò all'USS fino al 1993, anno in cui venne eletta al Consiglio Federale (governo), dopo una serie di avvenimenti e di tensioni tra le forze politiche, che finirono per aprire la strada alla sua carriera politica nel modo seguente, largamente imprevisto.

Quando, in seguito alle dimissioni per motivi di salute di René Felber (1933-2020), si rese libero un posto di componente socialista [10] del Consiglio Federale (governo), il PSS scelse come suo successore la deputata ginevrina, sindacalista e femminista socialista, Christiane Brunner [11]; ma la maggioranza borghese e maschilista dell'Assemblea Federale, mostrando di preferire un uomo al posto della Brunner, il 3 marzo 1993 elesse, anziché la candidata ufficiale del partito, un altro socialista [12]: Francis Mattey (n. 1942), allora membro del Consiglio Nazionale svizzero (deputato) [13], il quale, però, in seguito alle forti pressioni del partito e, in particolare della sua area femminista [14], declinò l'incarico.
Coì Ruth in seguito commenterà la vicenda: Anche io ero arrabbiata. La mancata elezione di Christiane è stata, dopo quella di Lilian Uchtenhagen [15], una seconda offesa del parlamento nei confronti delle donne e del mio partito.

Dopo la rinuncia di Mattey, il PSS indicò, oltre alla precedente candidatura della Brunner, anche quella della Dreifuss.

Il 10 marzo successivo Ruth Dreifuss, senza essere stata mai parlamentare né membro di un esecutivo, fu eletta consigliere federale (ministro) [16]. Il suo mandato sarà rinnovato per altre due volte [17]. Ruth era la seconda donna svizzera [18] e la prima donna socialista a ricoprire quella carica. La Brunner, donna, sindacalista e socialista pure lei, mettendo da parte l'orgoglio personale, così commentò l'elezione di Ruth: Siamo sorelle gemelle!

All'interno del governo svizzero la Dreifuss dal 1993 al 2002 diresse il Dipartimento Federale dell'Interno (DFI), ministero che si occupa della sanitá pubblica, delle assicurazioni sociali, della ricerca scientifica, dell'istruzione superiore, della cultura, dei musei, degli archivi, della paritá di genere, dell'ambiente.
In tale veste, nonostante la recessione economica e la ventata di liberismo di quegli anni, si impegnó a fondo per l'introduzione di una nuova legge sull'assicurazione sanitaria che garantisse una copertura universale alla popolazione. Fondamentale fu il suo impegno per il congedo di maternitá retribuito, che sará introdotto nella legislazione federale nel settembre 2004 [19]. Promosse, inoltre, una nuova politica sulle droghe, basata sul principio dei „quattro pilastri“: prevenzione, terapia, riduzione del danno e repressione.

Per tutto l'anno 1998 Dreifuss ricoprí la carica di Vicepresidente della Confederazione Svizzera e l'anno dopo venne eletta Presidente, in ossequio alla tradizione che vuole la carica ruotante tra i sette componenti del Consiglio Federale [20]. E' stata perciò la prima donna nella storia svizzera a ricoprire tale carica.

Il 30 settembre 2002 Ruth Dreifuss annunciò la sua decisione di lasciare, alla fine dell'anno, il Consiglio Federale:
La politica non è mai stata qualcosa di astratto per me. Mi sono sempre impegnata per rispondere ai bisogni di sicurezza degli abitanti di questo paese e per creare le condizioni affinché possano realizzare i progetti della loro vita.

Lasciato il Governo, Ruth non lasciò l'attività pubblica.

E' stata cancelliera dell'Universitá per la Pace, con sede in Costa Rica, creata in seguito ad una risoluzione dell'Assemblea dell'ONU del 5 dicembre 1980, al fine di promuovere - attraverso l'insegnamento, lo studio delle materie collegate alla pace, la formazione post-laurea e la ricerca - la costruzione e il mantenimento della solidarietá e della coesistenza pacifica nel mondo.
Dal 2004 al 2006 presiedette la commissione, incaricata dall'Organizzazione Mondiale della Sanitá (OMS), che si occupava di salute pubblica, innovazione e diritti di proprietà intellettuale, con l'obiettivo di favorire l'accesso dei Paesi poveri ai farmaci brevettati.

In occasione del quarto Congresso mondiale contro la pena di morte, tenutosi a Ginevra nel febbraio 2010, la rappresentante svizzera, la socialista Pascale Bruderer, Presidente del Consiglio Nazionale, così si espresse: Rifiutiamo categoricamente l'idea che si possa uccidere in nome della giustizia. Una moratoria internazionale non puó piú attendere.
Ruth fu eletta componente della Commissione internazionale contro la pena di morte.

Nel gennaio 2011 alcuni personaggi americani ed europei, fra cui la Dreifuss, volendo esercitare la loro influenza per ispirare una migliore politica mondiale in materia di droga, decisero di costituire una Commissione globale sulla politica in materia di droga, aperta a successive nuove adesioni. Fra i componenti l'ex Primo Ministro neozelandese, la laburista Helen Clark e la socialista svizzera Ruth Dreifuss, che ne sará presidente nel periodo 2016-2020.

Il 24 settembre 2012 Il Consiglio d'Amministrazione della Fondazione per Ginevra consegnò il Premio della “Fondazione per Ginevra” per l'anno 2012 a Ruth Dreifuss, per il suo impegno e la sua azione a livello internazionale a favore dell'abolizione della pena di morte e della lotta all'AIDS e alla droga, con la seguente motivazione:
Ex consigliere federale per dieci anni e prima donna eletta Presidente della Confederazione, Ruth Dreifuss continua le sue battaglie per la paritá di diritti tra uomini e donne e una maggiore giustizia sociale, sia a livello nazionale che internazionale. La lotta in fondo non ha mai lasciato questa straordinaria personalità, dai più modesti gradi della sua attività ai più alti gradini del potere.

Nel novembre 2015 il Segretario dell'ONU, Ban-Ki-moon, nominò un Gruppo di Alto Livello, co-presieduto da Ruth Dreifuss [21], col compito di formulare proposte in merito alla problematica dell'accesso ai farmaci. Il rapporto del Gruppo, intitolato Promuovere l'innovazione e l'accesso alle tecnologie sanitarie, fu pubblicato il 14 settembre 2016.

Ruth fa parte del Consiglio delle donne leader mondiali, sorto nel 1996 e composto da donne che sono o sono state capi di Stato o di Governo. Esso ha lo scopo di intervenire collettivamente nelle piú importanti questioni che riguardano le donne.
Attualmente ne fanno parte varie donne socialiste, come Jacinda Arden (Nuova Zelanda), Michelle Bachelet (Cile), Micheline Calmy-Rey (Svizzera), Helen Clark (Nuova Zelanda), Edith Cresson (Francia), Viorica Dancila (Romania), Mette Fredericksen (Danimarca), Julia Gillard (Australia), Tarja Halonen (Finlandia), Gro Harlem Brudtland (Norvegia), Dilma Rousseff (Brasile), Johanna Sigurdardottir (Islanda), Simonetta Sommaruga (Svizzera), Helle Thorning-Schmidt (Danimarca).

Ruth Dreifuss ha sempre combattuto per la causa dei meno fortunati. Donna, socialista, sindacalista, pacifista, ministro: in tutte le problematiche che ha affrontato, ha dimostrato impegno e passione politica, tenacia e competenza, realismo e combattivitá, anche quando ha dovuto fronteggiare tendenze neoliberiste o rigurgiti antifemministi. E lo ha fatto con l'intelligenza e con il cuore, difendendo con energia e con ostinazione lo stato sociale. Ha svolto ruoli di grande rilevanza politica e sociale, ma non si è mai montata la testa: molti ricorderanno sempre la ministra che andava al lavoro con i trasporti pubblici e che faceva la spesa al supermercato, come una comune cittadina.



[1] Il fratello maggiore di Ruth, Jean Jacques, nato nel 1936, era professore di fisiologia nella Facoltà di Medicina dell'Università di Ginevra.

[2] In Svizzera il potere legislativo è esercitato dall'Assemblea Federale, un parlamento bicamerale, che comprende: A) Il Consiglio Nazionale (= Camera dei deputati) di 200 membri eletti ogni 4 anni con distribuzione dei seggi proporzionata alla popolazione di ciascuno dei 26 Cantoni (= Stati federati). B) Il Consiglio degli Stati (= Senato) di 46 componenti (2 per ciascun Cantone, tranne per alcuni che ne hanno solo 1). L' Assemblea Federale elegge, ogni quattro anni, il Consiglio Federale (= Governo) di 7 membri. Essa elegge, ogni anno, scegliendolo fra i ministri del Consiglio Federale, anche il Presidente della Confederazione Svizzera.

[3] Il suffragio femminile locale e cantonale fu concesso in date diverse dai vari Cantoni, tra il 1959 e il 1990. Quello federale, fu ottenuto in seguito al referendum del 7-2-1971, con l'approvazione del 65,7 % dei votanti.

[4] I delegati svizzeri erano: Ernest-Paul Graber, Robert Grimm, Charles Naine e Fritz Platten. I delegati italiani erano: Angelica Balabanoff (poliglotta-interprete), Costantino Lazzari (segretario PSI), Giuseppe Emanuele Modigliani, Oddino Morgari e Giacinto Menotti Serrati (direttore dell'Avanti!).

[5] I delegati svizzeri erano: Ernest-Paul Graber, Herman Greulich, Robert Grimm, Charles Naine, Ernst Nobs, Fritz Platten, Agnes Robmann. I delegati italiani erano: Enrico Dugoni, Costantino Lazzari, Giuseppe Emanuele Modigliani, Oddino Morgari, Elia Musatti, Camillo Prampolini, Giacinto Menotti Serrati.

[6] Lilian Uchtenhagen (1928-2016), laureata in Scienze Politiche all'universitá di Basilea, economista, già consigliere comunale socialista di Zurigo (1970-74), ricoprì la carica di consigliere nazionale dal 1971 al 1991. Fece parte del Centro Femminile di Zurigo e della Federazione delle Organizzazioni Femminili Svizzere (BSF).

[7] MIcheline Calmy-Rey (n. 1945), laureata in Scienze Politiche, il 1°-1-2003 succederà a Ruth Dreifuss come membro del Consiglio Federale (governo). Sarà due volte Presidente della Confederazione Svizzera: nel 2007 e nel 2011.

[8] Simonetta Sommaruga (n. 1960) farà parte del Consiglio Nazionale, del Consiglio degli Stati e del Consiglio Federale. Nel 2020 sarà Presidente della Confederazione Svizzera.

[9] In seguito Ruth Dreifuss, di origine ebraica, riceverà lauree honoris causa dalle università di Haifa (1999) e di Gerusalemme (2000). La Dreifuss parla 5 lingue: francese (madrelingua), tedesco, italiano, inglese e spagnolo.

[10] In base ad un accordo fra tutti i maggiori partiti, che tiene conto della loro forza elettorale, al Partito Socialista Svizzero spettano 2 consiglieri federali (ministri) su 7. In generale, se un componente del Consiglio Federale viene a mancare, il sostituto spetta a un esponente dello stesso partito, anche se formalmente esso viene eletto dall'Assemblea Federale, che di solito rispetta le indicazioni del partito a cui spetta il seggio.

[11] Christiane Brunner (n. 1947), avvocato e sindacalista, é stata deputato del Cantone di Ginevra (1981-1990), componente del Consiglio Nazionale (1991-95), del Consiglio degli Stati (1995-2007), nonché presidente del Partito Socialista Svizzero (2000-2004).

[12] Dalla tribuna del pubblico, nel sentire i risultati della votazione, si alzó un coro di fischi, mentre fuori centinaia di donne furiose protestavano davanti al Palazzo federale.

[13] Francis Mattey ottenne 130 voti, provenienti dal centro-destra, su 244 votanti, mentre la candidata ufficiale del PSS, Christiane Brunner, ne ottenne solo 108.

[14] Il PS aveva deliberato di riservare uno dei suoi due posti nel Consiglio Federale a una donna.

[15] Lilian Ochtenhagen (1928-2016), consigliere comunale di Zurigo e componente del Consiglio Nazionale, nel 1983 era stata vittima di un caso analogo.

[16] Ruth Dreifuss fu eletta con 144 voti su 228 votanti. Alla Brunner andarono solo 32 voti.

[17] Ruth è stata ministro dal 1°-4-1993 al 31-12-2002.

[18] La prima donna in assoluto ad essere eletta (1984) nel Consiglio Federale svizzero (governo) era stata la liberale Elisabeth Kopp (n.1936).

[19] In base a tale legge, alle madri lavoratrici spetta, per le 14 settimane successive al parto, un'indennità giornaliera pari all'80 % del salario.

[20] Il Presidente (di solito lo diventa chi é stato Vicepresidente nell'anno precedente) dura in carica un anno. La carica é puramente onorifica e di rappresentanza: infatti le funzioni di Capo dello Stato e di Capo del Governo sono svolte dal Consiglio Federale come collegio. Il Presidente, infatti, continua a svolgere la sua normale attività di ministro.

[21] L'altro co-presidente era Festus Gondebayne Mogae (n. 1939), ex Presidente della Repubblica del Botswana dal 1998 al 2008.








Fonte: di Ferdinando Leonzio
Link
[]
L'AVVENIRE DEI LAVORATORI
Periodico socialista fondato 1897.
[]
IL PONTE RIVISTA
Rivista di politica economica e cultura
fondata da Calamandrei
[]
BIBLION EDITORE
Biblion Edizioni, storica casa editrice.
[]
CRITICA LIBERALE - NON MOLLARE
"NON MOLLARE"
Quindicinale on line di Critica Liberale,
la voce del liberalismo progressista in Italia.





Nuova Serie
"La Rivoluzione Democratica"
1, MARZO 2017
Associazione Alleanza Giellista
[]

Realizzazione siti web www.sitoper.it
invia a un amico
icona per chiudere
Attenzione!
Non puoi effettuare più di 10 invii al giorno.
Privacy Policy per www.rivoluzionedemocratica.it
Il sito web www.rivoluzionedemocratica.it raccoglie alcuni dati personali degli utenti che navigano sul sito web.

In accordo con l'impegno e l'attenzione che poniamo ai dati personali e in accordo agli artt. 13 e 14 del EU GDPR, www.rivoluzionedemocratica.it fornisce informazioni su modalità, finalità, ambito di comunicazione e diffusione dei dati personali e diritti degli utenti.

Titolare del trattamento dei dati personali
La Rivoluzione Democratica
Via Circondaria, 56
55045 - Firenze Italia


Email: info @rivoluzionedemocratica.it
Telefono: 3934324237

Tipi di dati acquisiti
www.rivoluzionedemocratica.it raccoglie dati degli utenti direttamente o tramite terze parti. Le tipologie di dati raccolti sono: dati tecnici di navigazione, dati di utilizzo, email, nome, cognome, numero di telefono, provincia, nazione, cap, città, indirizzo, ragione sociale, stato, cookie e altre varie tipologie di dati. Maggiori dettagli sui dati raccolti vengono forniti nelle sezioni successive di questa stessa informativa.
I dati personali sono forniti deliberatamente dall'utente tramite la compilazione di form, oppure, nel caso di dati di utilizzo, come ad esempio i dati relativi alle statistiche di navigazione, sono raccolti automaticamente navigando sulle pagine di www.rivoluzionedemocratica.it.

I dati richiesti dai form sono divisi tra obbligatori e facoltativi; su ciascun form saranno indicate distintamente le due tipologie. Nel caso in cui l'utente preferisca non comunicare dati obbligatori, www.rivoluzionedemocratica.it si riserva il diritto di non fornire il servizio. Nel caso in cui l'utente preferisca non comunicare dati facoltativi, il servizio sarà fornito ugualmente da www.rivoluzionedemocratica.it .

www.rivoluzionedemocratica.it utilizza strumenti di statistica per il tracciamento della navigazione degli utenti, l'analisi avviene tramite log. Non utilizza direttamente cookie ma può utilizzare cookie includendo servizi di terzi.

Ciascun utilizzo di cookie viene dettagliato nella Cookie Policy (https://www.rivoluzionedemocratica.it/Informativa-sui-cookies.htm) e successivamente in questa stessa informativa.
L'utente che comunichi, pubblichi, diffonda, condivida o ottenga dati personali di terzi tramite www.rivoluzionedemocratica.it si assume la completa responsabilità degli stessi. L'utente libera il titolare del sito web da qualsiasi responsabilità diretta e verso terzi, garantendo di avere il diritto alla comunicazione, pubblicazione, diffusione degli stessi. www.rivoluzionedemocratica.it non fornisce servizi a minori di 18 anni. In caso di richieste effettuate per minori deve essere il genitore, o chi detiene la patria potestà, a compilare le richieste dati.

Modalità, luoghi e tempi del trattamento dei dati acquisiti
Modalità di trattamento dei dati acquisiti
Il titolare ha progettato un sistema informatico opportuno a garantire misure di sicurezza ritenute adatte ad impedire l'accesso, la divulgazione, la modifica o la cancellazione non autorizzata di dati personali. Lo stesso sistema effettua copie giornaliere, ritenute sufficientemente adeguate in base alla importanza dei dati contenuti.

L'utente ha diritto a ottenere informazioni in merito alle misure di sicurezza adottate dal titolare per proteggere i dati.

Accessi ai dati oltre al titolare
Hanno accesso ai dati personali raccolti da www.rivoluzionedemocratica.it il personale interno (quale ad esempio amministrativo, commerciale, marketing, legale, amministratori di sistema) e/o soggetti esterni (quali ad esempio fornitori di servizi informatici terzi, webfarm, agenzie di comunicazione, fornitori di servizi complementari). Se necessario tali strutture sono nominate dal titolare responsabili del trattamento.

L'utente può richiedere in qualsiasi momento al titolare del trattamento, l'elenco aggiornato dei responsabili del trattamento.

Comunicazione di eventuali accessi indesiderati al Garante della Privacy
Il suddetto sistema informatico è monitorato e controllato giornalmente da tecnici e sistemisti. Ciò non toglie che, anche se ritenuta possibilità remota, ci possa essere un accesso indesiderato. Nel caso in cui questo si verifichi il titolare si impegna, come da GDPR ad effettuarne comunicazione al Garante della Privacy entro i termini previsti dalla legge.

Luoghi di mantenimento dei dati acquisiti
I dati personali sono mantenuti e trattati nelle sedi operative e amministrative del titolare, nonché nelle webfarm dove risiedono i server che ospitano il sito web www.rivoluzionedemocratica.it, o sui server che ne effettuano le copie di sicurezza. I dati personali dell'utente possono risiedere in Italia, Germania e Olanda, comunque in nazioni della Comunità Europea. I dati personali dell'utente non vengono mai portati o copiati fuori dal territorio europeo.

Tempi di mantenimento dei dati acquisiti
Nel caso di dati acquisiti per fornire un servizio all'utente, (sia per un servizio acquistato che in prova) i dati vengono conservati per 24 mesi successivi al completamento del servizio. Oppure fino a quando non ne venga revocato il consenso.

Nel caso in cui il titolare fosse obbligato a conservare i dati personali in ottemperanza di un obbligo di legge o per ordine di autorità, il titolare può conservare i dati per un tempo maggiore, necessario agli obblighi.

Al termine del periodo di conservazione i dati personali saranno cancellati. Dopo il termine, non sarà più possibile accedere ai propri dati, richiederne la cancellazione e la portabilità.

Base giuridica del trattamento dei dati acquisiti
Il titolare acquisisce dati personali degli utenti nei casi sotto descritti.
Il trattamento si rende necessario:
- se l'utente ha deliberatamente accettato il trattamento per una o più finalità;
- per fornire un preventivo all'utente;
- per fornire un contratto all'utente;
- per fornire un servizio all'utente;
- perché il titolare possa adempiere ad un obbligo di legge;
- perché il titolare possa adempiere ad un compito di interesse pubblico;
- perché il titolare possa adempiere ad un esercizio di pubblici poteri;
- perché il titolare o terzi possano perseguire i propri legittimi interessi.

L'utente può richiedere in qualsiasi momento al titolare del trattamento, chiarimenti sulla base giuridica di ciascun trattamento.

Finalità del trattamento dei dati acquisiti
I dati dell'utente sono raccolti dal titolare per le seguenti finalità:

- richiesta informazione da parte dell'utente
- richiesta informazione per servizi
- invio di aggiornamenti
- invio informazioni generiche
- richiesta di contatto da parte dei clienti, per ricevere informazioni

Eventualmente i dati possono essere trattati anche per:
contattare l'utente, statistiche, analisi dei comportamenti degli utenti e registrazione sessioni, visualizzazione contenuti e interazione di applicazioni esterne, protezione dallo spam, gestione dei pagamenti, interazione con social network, pubblicità.

L'utente può richiedere in qualsiasi momento al titolare del trattamento, chiarimenti sulle finalità di ciascun trattamento.

Dettagli specifici sull'acquisizione e uso dei dati personali
Per contattare l'utente
Moduli di contatto
L'utente può compilare il/i moduli di contatto/richiesta informazioni, inserendo i propri dati e acconsentendo al loro uso per rispondere alle richieste di natura indicata nella intestazione del modulo.
Dati personali che potrebbero essere raccolti: CAP, città, cognome, email, indirizzo, nazione, nome, numero di telefono, provincia, ragione sociale.

Per interazione con applicazioni esterne (anche social network)
www.rivoluzionedemocratica.it include nelle sue pagine plugin e/o pulsanti per interagire con i social network e/o applicazioni esterne.
Per quanto riguarda i social network, anche se l'utente non utilizza il servizio presente sulla pagina web, è possibile che il servizio acquisisca dati di traffico.

I dati acquisiti e l'utilizzo degli stessi da parte di servizi terzi sono regolamentati dalle rispettive Privacy Policy alle quali si prega di fare riferimento.

Facebook: Pulsante "Mi piace" e widget sociali
Fornitore del servizio: Meta Platforms Ireland Limited.
Finalità del servizio: interazione con il social network Facebook
Dati personali raccolti: cookie, dati di utilizzo
Luogo del trattamento: Stati Uniti e in altri Paesi
Privacy Policy (https://www.facebook.com/privacy/policy)

Twitter: Pulsante "Tweet" e widget sociali
Fornitore del servizio: Twitter, Inc.
Finalità del servizio: interazione con il social network Twitter
Dati personali raccolti: cookie, dati di utilizzo
Luogo del trattamento: Stati Uniti
Privacy Policy (https://twitter.com/privacy)
Cookie utilizzati (https://help.twitter.com/it/rules-and-policies/twitter-cookies)
Aderente al Privacy Shield

Whatsapp: Pulsante Whatsapp e widget sociali di Whatsapp
Fornitore del servizio: se l'utente risiede nella Regione Europea, WhatsApp Ireland Limited, se l'utente risiede al di fuori della Regione Europea, i Servizi vengono forniti da WhatsApp LLC.
Finalità del servizio: servizi di interazione con Whatsapp.
Dati personali raccolti: cookie, dati di utilizzo
Luogo del trattamento: Irlanda, le informazioni potrebbero essere trasferite o trasmesse o archiviate e trattate negli Stati Uniti o in altri Paesi terzi al di fuori di quello in cui l'utente risiede.
Privacy Policy (https://www.whatsapp.com/legal/privacy-policy-eea)
Aderente al Privacy Shield

Per statistiche
Questi servizi sono utilizzati dal titolare del trattamento per analizzare il traffico effettuato dagli utenti sul sito web www.rivoluzionedemocratica.it.

I dati acquisiti e l'utilizzo degli stessi da parte di servizi terzi sono regolamentati dalle rispettive Privacy Policy alle quali si prega di fare riferimento.

Per visualizzare contenuti da siti web esterni
Questi servizi sono utilizzati per visualizzare sulle pagine del sito web contenuti esterni al sito web, con possibilità di interazione.
Anche se l'utente non utilizza il servizio presente sulla pagina web, è possibile che il servizio acquisisca dati di traffico.

I dati acquisiti e l'utilizzo degli stessi da parte di servizi terzi sono regolamentati dalle rispettive Privacy Policy alle quali si prega di fare riferimento.

Diritti dell'interessato
L'utente possiede tutti i diritti previsti dall'art. 12 del EU GDPR, il diritto di controllare, modificare e integrare (rettificare), cancellare i propri dati personali accedendo alla propria area riservata. Una volta cancellati tutti i dati, viene chiuso l'account di accesso all'area riservata.

Nello specifico ha il diritto di:
- sapere se il titolare detiene dati personali relativi all'utente (art. 15 Diritto all'accesso);
- modificare o integrare (rettificare) i dati personali inesatti o incompleti (Art. 16 Diritto di rettifica);
- richiedere la cancellazione di uno o parte dei dati personali mantenuti se sussiste uno dei motivi previsti dal GDPR (Diritto alla Cancellazione, 17);
- limitare il trattamento solo a parte dei dati personali, o revocarne completamente il consenso al trattamento, se sussiste uno dei motivi previsti dal Regolamento (Art. 18 Diritto alla limitazione del trattamento);
- ricevere copia di tutti i dati personali in possesso del titolare, in formato di uso comune organizzato, e leggibili anche da dispositivo automatico (Art. 20, Diritto alla Portabilità);
- opporsi in tutto o in parte al trattamento dei dati per finalità di marketing, ad esempio opporsi e ricevere offerte pubblicitarie (art. 21 Diritto di opposizione). Si fa presente agli utenti che possono opporsi al trattamento dei dati utilizzati per scopo pubblicitario, senza fornire alcuna motivazione;
- opporsi al trattamento dei dati in modalità automatica o meno per finalità di profilazione (c.d. Consenso).

Come un utente può esercitare i propri diritti
L'utente può esercitare i propri diritti sopra esposti comunicandone richiesta al titolare del trattamento La Rivoluzione Democratica ai seguenti recapiti: info@rivoluzionedemocratica.it; tel. 3312300680.

La richiesta di esercitare un proprio diritto non ha nessun costo. Il titolare si impegna ad evadere le richieste nel minor tempo possibile, e comunque entro un mese.

L'utente ha il diritto di proporre reclamo all'Autorità Garante per la Protezione dei dati Personali. Recapiti: garante@gpdp.it, http://www.gpdp.it (http://www.gpdp.it).

Cookie Policy
Informazioni aggiuntive sul trattamento dei dati
Difesa in giudizio
Nel caso di ricorso al tribunale per abuso da parte dell'utente nell'utilizzo di www.rivoluzionedemocratica.it o dei servizi a esso collegati, il titolare ha la facoltà di rivelare i dati personali dell'utente. È inoltre obbligato a fornire i suddetti dati su richiesta delle autorità pubbliche.

Richiesta di informative specifiche
L'utente ha diritto di richiedere a www.rivoluzionedemocratica.it informative specifiche sui servizi presenti sul sito web e/o la raccolta e l'utilizzo dei dati personali.

Raccolta dati per log di sistema e manutenzione
www.rivoluzionedemocratica.it e/o i servizi di terze parti (se presenti) possono raccogliere i dati personali dell'utente, come ad esempio l'indirizzo IP, sotto forma di log di sistema. La raccolta di questi dati è legata al funzionamento e alla manutenzione del sito web.

Informazioni non contenute in questa policy
L'utente ha diritto di richiedere in ogni momento al titolare del trattamento dei dati le informazioni aggiuntive non presenti in questa Policy riguardanti il trattamento dei dati personali. Il titolare potrà essere contattato tramite gli estremi di contatto.

Supporto per le richieste "Do Not Track"
Le richieste  "Do Not Track" non sono supportate da www.rivoluzionedemocratica.it.
L'utente è invitato a consultare le Privacy Policy dei servizi terzi sopra elencati per scoprire quali supportano questo tipo di richieste.

Modifiche a questa Privacy Policy
Il titolare ha il diritto di modificare questo documento avvisando gli utenti su questa stessa pagina oppure, se previsto, tramite i contatti di cui è in possesso. L'utente è quindi invitato a consultare periodicamente questa pagina. Per conferma sull'effettiva modifica consultare la data di ultima modifica indicata in fondo alla pagina.
Il titolare si occuperà di raccogliere nuovamente il consenso degli utenti nel caso in cui le modifiche a questo documento riguardino trattamenti di dati per i quali è necessario il consenso.

Definizioni e riferimenti legali
Dati personali (o dati, o dati dell'utente)
Sono dati personali le informazioni che identificano o rendono identificabile, direttamente o indirettamente, una persona fisica e che possono fornire informazioni sulle sue caratteristiche, le sue abitudini, il suo stile di vita, le sue relazioni personali, il suo stato di salute, la sua situazione economica, ecc.

Fonte: sito web del Garante della Privacy (http://www.garanteprivacy.it).

Dati di utilizzo
Sono dati di utilizzo le informazioni che vengono raccolte in automatico durante la navigazione di www.rivoluzionedemocratica.it, sia da sito web stesso che dalle applicazioni di terzi incluse nel sito. Sono esempi di dati di utilizzo l'indirizzo IP e i dettagli del dispositivo e del browser (compresi la localizzazione geografica) che l'utente utilizza per navigare sul sito, le pagine visualizzate e la durata della permanenza dell'utente sulle singole pagine.

Utente
Il soggetto che fa uso del sito web www.rivoluzionedemocratica.it.
Coincide con l'interessato, salvo dove diversamente specificato.

Interessato
Interessato è la persona fisica al quale si riferiscono i dati personali. Quindi, se un trattamento riguarda, ad esempio, l'indirizzo, il codice fiscale, ecc. di Mario Rossi, questa persona è l'interessato (articolo 4, paragrafo 1, punto 1), del Regolamento UE 2016/679 (http://www.garanteprivacy.it/regolamentoue).

Fonte: sito web del Garante della Privacy (http://www.garanteprivacy.it).

Responsabile del trattamento (o responsabile)
Responsabile è la persona fisica o giuridica al quale il titolare affida, anche all'esterno della sua struttura organizzativa, specifici e definiti compiti di gestione e controllo per suo conto del trattamento dei dati (articolo 4, paragrafo 1, punto 8), del Regolamento UE 2016/679 (http://www.garanteprivacy.it/regolamentoue). Il Regolamento medesimo ha introdotto la possibilità che un responsabile possa, a sua volta e secondo determinate condizioni, designare un altro soggetto c.d. "sub-responsabile" (articolo 28, paragrafo 2).

Fonte: sito web del Garante della Privacy (http://www.garanteprivacy.it).

Titolare del trattamento (o titolare)
Titolare è la persona fisica, l'autorità pubblica, l'impresa, l'ente pubblico o privato, l'associazione, ecc., che adotta le decisioni sugli scopi e sulle modalità del trattamento (articolo 4, paragrafo 1, punto 7), del Regolamento UE 2016/679 (http://www.garanteprivacy.it/regolamentoue).

Fonte: sito web del Garante della Privacy (http://www.garanteprivacy.it).

www.rivoluzionedemocratica.it (o sito web)  
Il sito web mediante il quale sono raccolti e trattati i dati personali degli utenti.

Servizio
Il servizio offerto dal sito web www.rivoluzionedemocratica.it come indicato nei relativi termini.

Comunità Europea (o UE)
Ogni riferimento relativo alla Comunità Europea si estende a tutti gli attuali stati membri dell'Unione Europea e dello Spazio Economico Europeo, salvo dove diversamente specificato.

Cookie
Dati conservati all'interno del dispositivo dell'utente.

Riferimenti legali
La presente informativa è redatta sulla base di molteplici ordinamenti legislativi, inclusi gli artt. 13 e 14 del Regolamento (UE) 2016/679. Questa informativa riguarda esclusivamente www.rivoluzionedemocratica.it, dove non diversamente specificato.

Informativa privacy aggiornata il 07/10/2022 12:44
torna indietro leggi Privacy Policy per www.rivoluzionedemocratica.it
 obbligatorio
generic image refresh

cookie