02 Ottobre 2022

"QUANDO L'IDEOLOGIA ANNEBBIA..."

25-01-2022 - STORIE&STORIE
L’anno scorso è uscito un libro dal titolo attraente: Piero Bini, Scienza economica e potere. Gli economisti e la politica economica dall’unità d’Italia alla crisi dell’euro, Soveria Mannelli, 2021. Libro scritto molto bene, che si legge di getto, a mio avviso ha un peccato originale che inficia tutta la narrazione. L’autore, senza mai dichiararlo apertamente (perlomeno non lo abbiamo trovato), ci presenta la sua analisi solo di una parte del pensiero economico: quello degli economisti liberisti, cioè di quegli economisti che considerano il libero mercato senza regole, come l’unico parametro per valutare o meno la validità di una politica economica. Il libero mercato, nella realtà, come ci ricorda Paul Bairoch (Economia e Storia mondiale. Miti e paradossi) è durato poco tempo, nel corso del XIX° secolo, ed è servito all’Inghilterra, paese first comer, a mantenere, grazie al suo vantaggio tecnologico, il dominio sul mondo. Tant’è che perfino gli USA alzano le barriere protettive per tutelare le loro imprese “bambine”. Soprattutto Paul Bairoch ci ricorda come durante gli anni in cui vige il protezionismo l’economia progredisce, mentre durante il periodo in cui si applica il liberismo si ha la crisi.

Per esigenze di spazio si prendono in esame due periodi: quello fascista e quello più recente che arriva fino al 2014, ma queste considerazioni si potrebbero applicare anche alle altre parti. Insomma, cambiando l’ordine dei fattori il risultato non cambia.

Il libro inizia con “doveroso” inchino a Camillo Benso conte di Cavour e al padre dei liberisti italiani Francesco Ferrara. In realtà però la grande industria in Italia nasce con il contributo determinante dello Stato che garantisce l’acquisto dei prodotti metallurgici ad un prezzo superiore a quello di mercato e non per germinazione spontanea.

Si pone eccessiva enfasi sul ruolo degli economisti italiani abbagliati dalla politica economica liberista del fascista Ministro delle Finanze e del Tesoro Alberto De’ Stefani che riporta in carreggiata un’economia uscita fortemente compromessa dagli eventi bellici. In realtà, come sostiene lo stesso autore del libro in un passaggio quasi clandestino che meriterebbe ben altro approfondimento, ci sono altri fattori esogeni che hanno reso possibile questa ripresa. Gli economisti liberisti sono tutti fascisti, solo pochi, fra cui Luigi Einaudi (1924) e Umberto Ricci (1926), rompono con il fascismo. Anzi “Italy lost the prince of her economists”, come lo definisce Piero Sraffa nel necrologico pubblicato nel The Economic Journal (Vol. 34, No. 136, dec., 1924, pp. 648-653), Maffeo Pantaleoni difende in Senato Mussolini dopo l’assassinio di Giacomo Matteotti. Quello che più colpisce è cercare di far risaltare un ruolo degli economisti superiore alla realtà. La valutazione sostenuta dall’autore è contraddetta da Riccardo Faucci (La cultura economica in Il regime fascista storia e storiografia) che considera addirittura deleterio il ruolo degli economisti liberisti durante il fascismo in merito allo sviluppo della ricerca teoretica dell’economia in Italia (p. 509). Lo stesso J. A. Schumpeter (Storia dell’analisi economica p. 1052) fissa il 1914 come l’anno da cui gli economisti liberali italiani cessano di portare dei contributi significativi alla ricerca teorica.

Nel secondo dopoguerra la narrazione della evoluzione della ricerca economica appare squilibrata fra i liberisti e gli altri a favore dei primi. La sufficienza con la quale descrive il ruolo di alcuni economisti che non si riconoscono nel pensiero mainstream ne è la riprova. Non solo i marxisti di varia gradazione, con in testa Piero Sraffa la cui “distruzione” della teoria marginalista mette a repentaglio tutte le certezze dell’autore ma anche tutti quegli economisti che ritengono errata la proposta marginalista come Paolo Sylos Labini. Così come non appare abbastanza approfondita la valutazione dell’importanza del pensiero di John Maynard Keynes e del ruolo che le sue opere hanno avuto sulla politica economica dei primi trent’anni del secondo dopoguerra. Sarebbe facile ricordare come il più convinto fautore del liberismo economico il Premio Nobel per l’economia Friedrich von Hayek sia anche tra i più ferventi sostenitori del dittatore cileno Augusto Pinochet (Personalmente preferisco un dittatore liberale [liberista] a un governo democratico che manca di liberalismo. El Mercurio 12 aprile 1981). Non è da meno l’altro economista liberista Milton Friedman, altro premio Nobel (1976), che oltre essere l’economista della destra americana (Barry Goldwater)), nel 1975 offre gratis i suoi servigi al dittatore golpista cileno. Sarà un caso che tutti i maggiori economisti liberisti sostengano i dittatori o che il problema sia che odiano la democrazia e tutti coloro che vogliono migliorare le condizioni economiche delle classi meno abbienti?

Quando gli economisti classici (Smith, Ricardo, Marx i più significativi) parlano di mercato intendono un luogo dove si scambiano merci in condizioni di parità fra i soggetti che vi operano. I neoliberisti intendono invece il mercato di concorrenza, cioè competitivo dove c’è un vincitore ed un perdente, cioè lo scambio avviene in condizioni di disuguaglianza fra i diversi soggetti e l’atto stesso crea disuguaglianza.

Poiché non si può fare a meno di notare una “certa” discrepanza fra le politiche messe in atto (liberalizzazioni) e i risultati ottenuti occorre motivare questa discrepanza con valutazioni aggiuntive. L’autore attribuisce questo evento al fatto che le retribuzioni salariali sono cresciute più della produttività e le politiche sindacali e di welfare hanno disturbato il compiersi di quanto previsto dai “sacri testi” dell’economia.

Non solo dovrebbe leggersi un power point del Prof. Riccardo Gallo della Sapienza, che non mi sembra un pericoloso marxista, dal titolo L’Italia cresce se l’industria investe (si può reperire in rete) dove si forniscono dati alquanto diversi. In questo studio si dimostra che fra il 1993 e il 2007 la produttività del lavoro è aumentata, la disponibilità del credito è stata in linea con quella degli anni precedenti, soltanto si sono utilizzati gli utili per ridurre i debiti finanziari e aumentare i dividendi e non si sono incrementati gli investimenti. La riprova si ha dalla durata del periodo d’ammortamento degli impianti, nel 2003 si ammortizzano in 16,4 anni, nel 2010 in 26,4).

Veniamo ad un'altra leggenda metropolitana quella del debito pubblico.

Il debito pubblico italiano che nel 1980 assomma circa al 57,7% del PIL, nel 1994, al 123,4%, non è dovuto ad un aumento della spesa pubblica che in quegli anni è sempre inferiore alla media UE ed inferiore alla Germania, ma alla decisione assunta dall’On. Beniamino Andreatta Ministro del Tesoro (Governo Spadolini I) di sollevare la Banca d’Italia dall’obbligo di acquistare i titoli del debito pubblico. Questo ricorso al mercato fa elevare la spesa per il debito pubblico ai livelli prima ricordati. Perché questa scelta? Ce lo spiega l’On. Beniamino Andreatta che in un articolo rievocativo nel decennale del “divorzio” fra la Banca d’Italia e il Tesoro pubblicato da Il Sole 24 ore (26 luglio 1991) spiega che una delle ragioni della scelta è quella di abbattere i salari reali che ovviamente sono sempre la causa di tutti i mali.

Il problema dei salari è un argomento che all’epoca del Governo guidato dal dottor Matteo Renzi ha tenuto banco. Le autorità monetarie internazionali assicurano che due sono i problemi che impediscono il dispiegarsi di una ripresa economica, la flessibilità dei salari e la riduzione delle tasse. Dopo che è stata massacrata la Grecia, dal punto di vista sociale ed economico, il Prof. Olivier Blanchard, già economista capo del Fondo Monetario Internazionale, ha modificato la sua impostazione verso questi due aspetti. Ha spiegato che è più importante, ai fini della crescita, che lo Stato spenda un euro che togliere un euro di tasse. Detto in altre parole il moltiplicatore della spesa pubblica è maggiore di uno, mentre quello di una diminuzione di un euro di tasse è inferiore ad uno. Per quanto riguarda il salario la flessibilità del medesimo non ha portato ad aumentare i posti di lavoro e quindi, sotto questo aspetto, le proposte sono inutili.

Un altro punto riguarda l’euro. Decisione a mio avviso giusta, ma monca. Se non si creano le condizioni perché ci sia una unica gestione del Tesoro a livello europeo presto assisteremo ad ulteriori turbolenze. Lo dimostra quello che è accaduto in America. Nel giro di pochi anni lo Stato della California (territorio che ha il settimo o ottavo pil del mondo) è fallito due volte. Niente è accaduto sui mercati finanziari perché è stato “coperto” dalla solidarietà degli altri Stati attraverso il Ministero del Tesoro Federale.

Quindi questi pochi esempi dimostrano come l’interpretazione dei fatti economici non è univoca: in economia, come in tutte le scienze sociali, non esiste una scienza esatta. Dipende sempre dallo scontro sociale in atto come ha detto Warren Buffet. “È in corso una lotta di classe, è vero, ma è la mia classe, la classe ricca, che sta facendo la guerra, e stiamo vincendo”. (New York Times 26 novembre 2006).

Mi pare che questi esempi siano più che sufficienti, si potrebbe parlare anche della struttura della nostra industria, per dimostrare che la parzialità e la ideologizzazione non servono ad affrontare i problemi di una società e nella fattispecie dell’economia.

Forse ha ragione Carlo Rosselli quando afferma: “La crisi dell’economia teoretica è a mio parere una crisi di premesse. Noi ci troviamo infatti a lavorare sulle basi dei classici (neoclassici), cioè su basi che non è difficile dimostrare o false o superate o parzialmente esatte o eccessivamente semplicistiche, tali cioè da viziare il nostro ragionamento e da allontanarci inutilmente troppo dalla realtà nelle nostre pur necessarie astrazioni.” (C. Rosselli, Scritti inediti di economia (1924-1927), p. 312)





Fonte: di ENNO GHIANDELLI
Link
[]
L'AVVENIRE DEI LAVORATORI
Periodico socialista fondato 1897.
[]
IL PONTE RIVISTA
Rivista di politica economica e cultura
fondata da Calamandrei
[]
BIBLION EDITORE
Biblion Edizioni, storica casa editrice.
[]
CRITICA LIBERALE - NON MOLLARE
"NON MOLLARE"
Quindicinale on line di Critica Liberale,
la voce del liberalismo progressista in Italia.





Nuova Serie
"La Rivoluzione Democratica"
1, MARZO 2017
Associazione Alleanza Giellista
[]

Realizzazione siti web www.sitoper.it
invia a un amico
icona per chiudere
Attenzione!
Non puoi effettuare più di 10 invii al giorno.
Privacy Policy per www.rivoluzionedemocratica.it
Il sito web www.rivoluzionedemocratica.it raccoglie alcuni dati personali degli utenti che navigano sul sito web.

In accordo con l'impegno e l'attenzione che poniamo ai dati personali e in accordo agli artt. 13 e 14 del EU GDPR, www.rivoluzionedemocratica.it fornisce informazioni su modalità, finalità, ambito di comunicazione e diffusione dei dati personali e diritti degli utenti.

Titolare del trattamento dei dati personali
La Rivoluzione Democratica
Via Circondaria, 56
55045 - Firenze Italia


Email: info @rivoluzionedemocratica.it
Telefono: 3934324237

Tipi di dati acquisiti
www.rivoluzionedemocratica.it raccoglie dati degli utenti direttamente o tramite terze parti. Le tipologie di dati raccolti sono: dati tecnici di navigazione, dati di utilizzo, email, nome, cognome, numero di telefono, provincia, nazione, cap, città, indirizzo, ragione sociale, stato, cookie e altre varie tipologie di dati. Maggiori dettagli sui dati raccolti vengono forniti nelle sezioni successive di questa stessa informativa.
I dati personali sono forniti deliberatamente dall'utente tramite la compilazione di form, oppure, nel caso di dati di utilizzo, come ad esempio i dati relativi alle statistiche di navigazione, sono raccolti automaticamente navigando sulle pagine di www.rivoluzionedemocratica.it.

I dati richiesti dai form sono divisi tra obbligatori e facoltativi; su ciascun form saranno indicate distintamente le due tipologie. Nel caso in cui l'utente preferisca non comunicare dati obbligatori, www.rivoluzionedemocratica.it si riserva il diritto di non fornire il servizio. Nel caso in cui l'utente preferisca non comunicare dati facoltativi, il servizio sarà fornito ugualmente da www.rivoluzionedemocratica.it .

www.rivoluzionedemocratica.it utilizza strumenti di statistica per il tracciamento della navigazione degli utenti, l'analisi avviene tramite log. Non utilizza direttamente cookie ma può utilizzare cookie includendo servizi di terzi.

Ciascun utilizzo di cookie viene dettagliato nella Cookie Policy (https://www.rivoluzionedemocratica.it/Informativa-sui-cookies.htm) e successivamente in questa stessa informativa.
L'utente che comunichi, pubblichi, diffonda, condivida o ottenga dati personali di terzi tramite www.rivoluzionedemocratica.it si assume la completa responsabilità degli stessi. L'utente libera il titolare del sito web da qualsiasi responsabilità diretta e verso terzi, garantendo di avere il diritto alla comunicazione, pubblicazione, diffusione degli stessi. www.rivoluzionedemocratica.it non fornisce servizi a minori di 18 anni. In caso di richieste effettuate per minori deve essere il genitore, o chi detiene la patria potestà, a compilare le richieste dati.

Modalità, luoghi e tempi del trattamento dei dati acquisiti
Modalità di trattamento dei dati acquisiti
Il titolare ha progettato un sistema informatico opportuno a garantire misure di sicurezza ritenute adatte ad impedire l'accesso, la divulgazione, la modifica o la cancellazione non autorizzata di dati personali. Lo stesso sistema effettua copie giornaliere, ritenute sufficientemente adeguate in base alla importanza dei dati contenuti.

L'utente ha diritto a ottenere informazioni in merito alle misure di sicurezza adottate dal titolare per proteggere i dati.

Accessi ai dati oltre al titolare
Hanno accesso ai dati personali raccolti da www.rivoluzionedemocratica.it il personale interno (quale ad esempio amministrativo, commerciale, marketing, legale, amministratori di sistema) e/o soggetti esterni (quali ad esempio fornitori di servizi informatici terzi, webfarm, agenzie di comunicazione, fornitori di servizi complementari). Se necessario tali strutture sono nominate dal titolare responsabili del trattamento.

L'utente può richiedere in qualsiasi momento al titolare del trattamento, l'elenco aggiornato dei responsabili del trattamento.

Comunicazione di eventuali accessi indesiderati al Garante della Privacy
Il suddetto sistema informatico è monitorato e controllato giornalmente da tecnici e sistemisti. Ciò non toglie che, anche se ritenuta possibilità remota, ci possa essere un accesso indesiderato. Nel caso in cui questo si verifichi il titolare si impegna, come da GDPR ad effettuarne comunicazione al Garante della Privacy entro i termini previsti dalla legge.

Luoghi di mantenimento dei dati acquisiti
I dati personali sono mantenuti e trattati nelle sedi operative e amministrative del titolare, nonché nelle webfarm dove risiedono i server che ospitano il sito web www.rivoluzionedemocratica.it, o sui server che ne effettuano le copie di sicurezza. I dati personali dell'utente possono risiedere in Italia, Germania e Olanda, comunque in nazioni della Comunità Europea. I dati personali dell'utente non vengono mai portati o copiati fuori dal territorio europeo.

Tempi di mantenimento dei dati acquisiti
Nel caso di dati acquisiti per fornire un servizio all'utente, (sia per un servizio acquistato che in prova) i dati vengono conservati per 24 mesi successivi al completamento del servizio. Oppure fino a quando non ne venga revocato il consenso.

Nel caso in cui il titolare fosse obbligato a conservare i dati personali in ottemperanza di un obbligo di legge o per ordine di autorità, il titolare può conservare i dati per un tempo maggiore, necessario agli obblighi.

Al termine del periodo di conservazione i dati personali saranno cancellati. Dopo il termine, non sarà più possibile accedere ai propri dati, richiederne la cancellazione e la portabilità.

Base giuridica del trattamento dei dati acquisiti
Il titolare acquisisce dati personali degli utenti nei casi sotto descritti.
Il trattamento si rende necessario:
- se l'utente ha deliberatamente accettato il trattamento per una o più finalità;
- per fornire un preventivo all'utente;
- per fornire un contratto all'utente;
- per fornire un servizio all'utente;
- perché il titolare possa adempiere ad un obbligo di legge;
- perché il titolare possa adempiere ad un compito di interesse pubblico;
- perché il titolare possa adempiere ad un esercizio di pubblici poteri;
- perché il titolare o terzi possano perseguire i propri legittimi interessi.

L'utente può richiedere in qualsiasi momento al titolare del trattamento, chiarimenti sulla base giuridica di ciascun trattamento.

Finalità del trattamento dei dati acquisiti
I dati dell'utente sono raccolti dal titolare per le seguenti finalità:

- richiesta informazione da parte dell'utente
- richiesta informazione per servizi
- invio di aggiornamenti
- invio informazioni generiche
- richiesta di contatto da parte dei clienti, per ricevere informazioni

Eventualmente i dati possono essere trattati anche per:
contattare l'utente, statistiche, analisi dei comportamenti degli utenti e registrazione sessioni, visualizzazione contenuti e interazione di applicazioni esterne, protezione dallo spam, gestione dei pagamenti, interazione con social network, pubblicità.

L'utente può richiedere in qualsiasi momento al titolare del trattamento, chiarimenti sulle finalità di ciascun trattamento.

Dettagli specifici sull'acquisizione e uso dei dati personali
Per contattare l'utente
Moduli di contatto
L'utente può compilare il/i moduli di contatto/richiesta informazioni, inserendo i propri dati e acconsentendo al loro uso per rispondere alle richieste di natura indicata nella intestazione del modulo.
Dati personali che potrebbero essere raccolti: CAP, città, cognome, email, indirizzo, nazione, nome, numero di telefono, provincia, ragione sociale.

Per interazione con applicazioni esterne (anche social network)
www.rivoluzionedemocratica.it include nelle sue pagine plugin e/o pulsanti per interagire con i social network e/o applicazioni esterne.
Per quanto riguarda i social network, anche se l'utente non utilizza il servizio presente sulla pagina web, è possibile che il servizio acquisisca dati di traffico.

I dati acquisiti e l'utilizzo degli stessi da parte di servizi terzi sono regolamentati dalle rispettive Privacy Policy alle quali si prega di fare riferimento.

Facebook: Pulsante "Mi piace" e widget sociali
Fornitore del servizio: Facebook, Inc.
Finalità del servizio: interazione con il social network Facebook
Dati personali raccolti: cookie, dati di utilizzo
Luogo del trattamento: Stati Uniti
Privacy Policy (https://www.facebook.com/about/privacy/update)
Cookie utilizzati (https://www.facebook.com/about/privacy/cookies)
Aderente al Privacy Shield

Twitter: Pulsante "Tweet" e widget sociali
Fornitore del servizio: Twitter, Inc.
Finalità del servizio: interazione con il social network Twitter
Dati personali raccolti: cookie, dati di utilizzo
Luogo del trattamento: Stati Uniti
Privacy Policy (https://twitter.com/privacy)
Cookie utilizzati (https://help.twitter.com/it/rules-and-policies/twitter-cookies)
Aderente al Privacy Shield

Whatsapp: Pulsante Whatsapp e widget sociali di Whatsapp
Fornitore del servizio: se l'utente risiede nella Regione Europea, WhatsApp Ireland Limited, se l'utente risiede al di fuori della Regione Europea, i Servizi vengono forniti da WhatsApp LLC.
Finalità del servizio: servizi di interazione con Whatsapp.
Dati personali raccolti: cookie, dati di utilizzo
Luogo del trattamento: Irlanda, le informazioni potrebbero essere trasferite o trasmesse o archiviate e trattate negli Stati Uniti o in altri Paesi terzi al di fuori di quello in cui l'utente risiede.
Privacy Policy (https://www.whatsapp.com/legal/privacy-policy-eea)
Aderente al Privacy Shield

Per protezione da spam
Questi servizi acquisiscono dati dagli utenti e tramite varie logiche distinguono il traffico di utenti reali da quello di potenziali minacce di spam.

I dati acquisiti e l'utilizzo degli stessi da parte di servizi terzi sono regolamentati dalle rispettive Privacy Policy alle quali si prega di fare riferimento.

Google reCAPTCHA
Fornitore del servizio: Google, Inc.
Finalità del servizio: servizio di protezione da spam
Dati personali raccolti: cookie, dati di utilizzo
Luogo del trattamento: Stati Uniti
Privacy Policy (https://policies.google.com/privacy?hl=it)
Cookie utilizzati (https://policies.google.com/technologies/types?hl=it)
Aderente al Privacy Shield

Per statistiche
Questi servizi sono utilizzati dal titolare del trattamento per analizzare il traffico effettuato dagli utenti sul sito web www.rivoluzionedemocratica.it.

I dati acquisiti e l'utilizzo degli stessi da parte di servizi terzi sono regolamentati dalle rispettive Privacy Policy alle quali si prega di fare riferimento.

Google Analytics
Fornitore del servizio: Google, Inc.
Finalità del servizio: servizio di analisi web fornito. Questo servizio raccoglie i dati personali dell'utente per monitorare e analizzare l'utilizzo del sito web www.rivoluzionedemocratica.it, generare report e utilizzarli anche per gli altri servizi di Google. Google può usare i dati raccolti per personalizzare i propri annunci pubblicitari.
Dati personali raccolti: cookie, dati di utilizzo
Luogo del trattamento: Stati Uniti
Privacy Policy (https://policies.google.com/privacy?hl=it)
Opt-Out (https://tools.google.com/dlpage/gaoptout?hl=it)
Aderente al Privacy Shield

Per visualizzare contenuti da siti web esterni
Questi servizi sono utilizzati per visualizzare sulle pagine del sito web contenuti esterni al sito web, con possibilità di interazione.
Anche se l'utente non utilizza il servizio presente sulla pagina web, è possibile che il servizio acquisisca dati di traffico.

I dati acquisiti e l'utilizzo degli stessi da parte di servizi terzi sono regolamentati dalle rispettive Privacy Policy alle quali si prega di fare riferimento.

Google Fonts
Fornitore del servizio: Google, Inc.
Finalità del servizio: servizio per visualizzare caratteri (fonts) esterni sul proprio sito web
Dati personali raccolti: tipologie di dati secondo quanto specificato dalla privacy policy del servizio
Luogo del trattamento: Stati Uniti
Privacy Policy (https://policies.google.com/privacy?hl=it)
Aderente al Privacy Shield

Diritti dell'interessato
L'utente possiede tutti i diritti previsti dall'art. 12 del EU GDPR, il diritto di controllare, modificare e integrare (rettificare), cancellare i propri dati personali accedendo alla propria area riservata. Una volta cancellati tutti i dati, viene chiuso l'account di accesso all'area riservata.

Nello specifico ha il diritto di:
- sapere se il titolare detiene dati personali relativi all'utente (art. 15 Diritto all'accesso);
- modificare o integrare (rettificare) i dati personali inesatti o incompleti (Art. 16 Diritto di rettifica);
- richiedere la cancellazione di uno o parte dei dati personali mantenuti se sussiste uno dei motivi previsti dal GDPR (Diritto alla Cancellazione, 17);
- limitare il trattamento solo a parte dei dati personali, o revocarne completamente il consenso al trattamento, se sussiste uno dei motivi previsti dal Regolamento (Art. 18 Diritto alla limitazione del trattamento);
- ricevere copia di tutti i dati personali in possesso del titolare, in formato di uso comune organizzato, e leggibili anche da dispositivo automatico (Art. 20, Diritto alla Portabilità);
- opporsi in tutto o in parte al trattamento dei dati per finalità di marketing, ad esempio opporsi e ricevere offerte pubblicitarie (art. 21 Diritto di opposizione). Si fa presente agli utenti che possono opporsi al trattamento dei dati utilizzati per scopo pubblicitario, senza fornire alcuna motivazione;
- opporsi al trattamento dei dati in modalità automatica o meno per finalità di profilazione (c.d. Consenso).

Come un utente può esercitare i propri diritti
L'utente può esercitare i propri diritti sopra esposti comunicandone richiesta al titolare del trattamento La Rivoluzione Democratica ai seguenti recapiti: info@rivoluzionedemocratica.it; tel. 3312300680.

La richiesta di esercitare un proprio diritto non ha nessun costo. Il titolare si impegna ad evadere le richieste nel minor tempo possibile, e comunque entro un mese.

L'utente ha il diritto di proporre reclamo all'Autorità Garante per la Protezione dei dati Personali. Recapiti: garante@gpdp.it, http://www.gpdp.it (http://www.gpdp.it).

Cookie Policy
Informazioni aggiuntive sul trattamento dei dati
Difesa in giudizio
Nel caso di ricorso al tribunale per abuso da parte dell'utente nell'utilizzo di www.rivoluzionedemocratica.it o dei servizi a esso collegati, il titolare ha la facoltà di rivelare i dati personali dell'utente. È inoltre obbligato a fornire i suddetti dati su richiesta delle autorità pubbliche.

Richiesta di informative specifiche
L'utente ha diritto di richiedere a www.rivoluzionedemocratica.it informative specifiche sui servizi presenti sul sito web e/o la raccolta e l'utilizzo dei dati personali.

Raccolta dati per log di sistema e manutenzione
www.rivoluzionedemocratica.it e/o i servizi di terze parti (se presenti) possono raccogliere i dati personali dell'utente, come ad esempio l'indirizzo IP, sotto forma di log di sistema. La raccolta di questi dati è legata al funzionamento e alla manutenzione del sito web.

Informazioni non contenute in questa policy
L'utente ha diritto di richiedere in ogni momento al titolare del trattamento dei dati le informazioni aggiuntive non presenti in questa Policy riguardanti il trattamento dei dati personali. Il titolare potrà essere contattato tramite gli estremi di contatto.

Supporto per le richieste "Do Not Track"
Le richieste  "Do Not Track" non sono supportate da www.rivoluzionedemocratica.it.
L'utente è invitato a consultare le Privacy Policy dei servizi terzi sopra elencati per scoprire quali supportano questo tipo di richieste.

Modifiche a questa Privacy Policy
Il titolare ha il diritto di modificare questo documento avvisando gli utenti su questa stessa pagina oppure, se previsto, tramite i contatti di cui è in possesso. L'utente è quindi invitato a consultare periodicamente questa pagina. Per conferma sull'effettiva modifica consultare la data di ultima modifica indicata in fondo alla pagina.
Il titolare si occuperà di raccogliere nuovamente il consenso degli utenti nel caso in cui le modifiche a questo documento riguardino trattamenti di dati per i quali è necessario il consenso.

Definizioni e riferimenti legali
Dati personali (o dati, o dati dell'utente)
Sono dati personali le informazioni che identificano o rendono identificabile, direttamente o indirettamente, una persona fisica e che possono fornire informazioni sulle sue caratteristiche, le sue abitudini, il suo stile di vita, le sue relazioni personali, il suo stato di salute, la sua situazione economica, ecc.

Fonte: sito web del Garante della Privacy (http://www.garanteprivacy.it).

Dati di utilizzo
Sono dati di utilizzo le informazioni che vengono raccolte in automatico durante la navigazione di www.rivoluzionedemocratica.it, sia da sito web stesso che dalle applicazioni di terzi incluse nel sito. Sono esempi di dati di utilizzo l'indirizzo IP e i dettagli del dispositivo e del browser (compresi la localizzazione geografica) che l'utente utilizza per navigare sul sito, le pagine visualizzate e la durata della permanenza dell'utente sulle singole pagine.

Utente
Il soggetto che fa uso del sito web www.rivoluzionedemocratica.it.
Coincide con l'interessato, salvo dove diversamente specificato.

Interessato
Interessato è la persona fisica al quale si riferiscono i dati personali. Quindi, se un trattamento riguarda, ad esempio, l'indirizzo, il codice fiscale, ecc. di Mario Rossi, questa persona è l'interessato (articolo 4, paragrafo 1, punto 1), del Regolamento UE 2016/679 (http://www.garanteprivacy.it/regolamentoue).

Fonte: sito web del Garante della Privacy (http://www.garanteprivacy.it).

Responsabile del trattamento (o responsabile)
Responsabile è la persona fisica o giuridica al quale il titolare affida, anche all'esterno della sua struttura organizzativa, specifici e definiti compiti di gestione e controllo per suo conto del trattamento dei dati (articolo 4, paragrafo 1, punto 8), del Regolamento UE 2016/679 (http://www.garanteprivacy.it/regolamentoue). Il Regolamento medesimo ha introdotto la possibilità che un responsabile possa, a sua volta e secondo determinate condizioni, designare un altro soggetto c.d. "sub-responsabile" (articolo 28, paragrafo 2).

Fonte: sito web del Garante della Privacy (http://www.garanteprivacy.it).

Titolare del trattamento (o titolare)
Titolare è la persona fisica, l'autorità pubblica, l'impresa, l'ente pubblico o privato, l'associazione, ecc., che adotta le decisioni sugli scopi e sulle modalità del trattamento (articolo 4, paragrafo 1, punto 7), del Regolamento UE 2016/679 (http://www.garanteprivacy.it/regolamentoue).

Fonte: sito web del Garante della Privacy (http://www.garanteprivacy.it).

www.rivoluzionedemocratica.it (o sito web)  
Il sito web mediante il quale sono raccolti e trattati i dati personali degli utenti.

Servizio
Il servizio offerto dal sito web www.rivoluzionedemocratica.it come indicato nei relativi termini.

Comunità Europea (o UE)
Ogni riferimento relativo alla Comunità Europea si estende a tutti gli attuali stati membri dell'Unione Europea e dello Spazio Economico Europeo, salvo dove diversamente specificato.

Cookie
Dati conservati all'interno del dispositivo dell'utente.

Riferimenti legali
La presente informativa è redatta sulla base di molteplici ordinamenti legislativi, inclusi gli artt. 13 e 14 del Regolamento (UE) 2016/679. Questa informativa riguarda esclusivamente www.rivoluzionedemocratica.it, dove non diversamente specificato.

Informativa privacy aggiornata il 14/12/2021 12:28
torna indietro leggi Privacy Policy per www.rivoluzionedemocratica.it  obbligatorio
refresh