14 Giugno 2024

"PORTIA SIMPSON-MILLER"

Noi tutti abbiamo la responsabilità di aiutare i poveri e gli oppressi
(Portia Simpson-Miller)


La bella isola caraibica di Giamaica fin dalla scoperta di Colombo del 1494 fu un possedimento spagnolo, per poi diventare, nel 1670, colonia della corona britannica.
Raggiunse la sua piena indipendenza il 6 agosto 1962, divenendo una monarchia costituzionale, facente parte del Commonwealth delle Nazioni, e dunque con monarca il sovrano del Regno Unito (oggi Carlo III), che nomina il Governatore dell'isola, su proposta del Primo Ministro giamaicano.
Il potere legislativo è attribuito all'Assemblea Nazionale, composta da un Senato nominato [1] e da una Camera elettiva [2]. Chi ottiene la maggioranza in quest'ultima diventa Primo Ministro, su cui proposta il Governatore nomina gli altri ministri. Il territorio dell'anglofona [3] Giamaica è diviso in 14 parrocchie (= distretti, province), governate da Consigli elettivi.
Per quanto riguarda i partiti politici, la Giamaica si trova inserita nella più classica tradizione anglosassone, con due principali partiti, uno conservatore e l'altro progressista, che si alternano al potere. Essi sono:
Il Partito Laburista di Giamaica (JLP) che, a dispetto di quanto potrebbe suggerire il suo nome, è un partito di centro-destra, fondato l'8 luglio 1943, e il Partito Nazionale del Popolo (PNP), che è un partito socialdemocratico, membro dell'Internazionale Socialista, fondato il 18 settembre 1938 da Osmond Theodore Fairclough e con primo leader Norman Manley e collegato al sindacato Unione Nazionale dei Lavoratori (NWU).
La scelta socialista del Partito Nazionale del Popolo è così esplicitata nella “Costituzione” (Statuto) del partito, nel punto in cui esso elenca i suoi obiettivi di fondo:

(a) garantire ed estendere le libertà, garantire gli interessi e sviluppare la vita nazionale e la prosperità del popolo della Giamaica nel suo insieme con tutti i mezzi costituzionali, attraverso la costruzione di una società socialista.

(b) lavorare e promuovere il progresso politico, economico, sociale e culturale del paese nel suo insieme in conformità con gli obiettivi fondamentali del Partito di costruire una Giamaica basata sui principi del socialismo democratico.

(c) promuovere prevalentemente l'interesse della popolazione nel suo insieme, mediante l'organizzazione della Giamaica in un paese di piccoli coloni, agricoltori e lavoratori e lo sviluppo dei servizi industriali, sociali e di altro tipo necessari per il mantenimento di tale struttura sociale.

(d) sviluppare la vita politica del paese guidando, informando ed esprimendo l'opinione pubblica attraverso incontri pubblici e pubblicazioni di partito.

(e) nominare e sostenere nelle elezioni della Camera dei Rappresentanti e delle Corporazioni Municipali membri del Partito impegnati a sostenere i programmi e le decisioni del Partito nei loro rispettivi organi.

(f) esercitare efficacemente i diritti e i poteri democratici previsti dalla Costituzione vigente in modo da garantire lo sviluppo di una politica pianificata per il futuro sociale ed economico del Paese.

(g) proteggere, mantenere e promuovere lo status della Giamaica come nazione indipendente e cercare di preservare in ogni momento i diritti democratici del popolo come sono stabiliti nella Carta dei Diritti e delle Libertà Fondamentali e come radicati nella Costituzione giamaicana.

(Dall'art. 2 dello Statuto del PNP di Giamaica del settembre 2017)

Nel periodo coloniale il PNP fu sconfitto nelle prime elezioni generali del 1944 (4 seggi su 32) e in quelle del 1949 (13/32). Vinse, invece, in quelle del 1955 (18/32), che portarono Norman Monley (1893-1969) alla guida del governo. La vittoria fu confermata il 28 luglio 1959 (29/45). Le elezioni del 16 aprile 1962 segnarono però per il PNP una battuta d'arresto (19/45).
Le prime elezioni della Giamaica indipendente, celebrate il 21 febbraio 1967 registrarono una nuova sconfitta per il PNP (20/53).
Norman Monley morì nel 1969 e alla guida del PNP fu eletto suo figlio Michael, che divenne perciò capo dell'opposizione fino alla vittoria del 1972 (37/53), riconfermata nel 1976 (47/60).
Durante il suo governo furono varate incisive riforme, capaci di indirizzare la Giamaica in direzione di un avanzato socialismo, quali il salario minimo per tutti i lavoratori, l'istruzione gratuita, la riforma agraria, la parità di retribuzione per le donne, il congedo di maternità, la costruzione di alloggi, la lotta alla disoccupazione e all'analfabetismo, i miglioramenti negli asili-nido e negli ospedali, l'assistenza sanitaria gratuita per tutti, il repubblicanesimo all'interno e il sostegno ai movimenti anticoloniali all'esterno.
Tuttavia le elezioni del 1980, svoltesi in un clima di violenze e di tensioni fra gli opposti schieramenti, registrarono una dura sconfitta per il PNP (9/60), mentre a quelle anticipate del 1983 esso si astenne dal partecipare, rimanendo fuori del Parlamento fino alla schiacciante vittoria del 1989 (45/60), che riportò Michael Monley al governo.
Egli vi rimase solo fino al 1992, quando si ritirò per motivi di salute, lasciando le leadership del governo e del partito al suo vice Percival James Patterson che le manterrà entrambe, per 14 anni, fino al 30 marzo 2006.

A quella data gli subentrerà Portia Simpson-Miller, che sarà la prima donna presidente del PNP e Primo Ministro della Giamaica.

Portia Lucretia Simpson, figlia di Zedekiah e di Ethlyn Tollouch, è nata il 12 dicembre 1945 a Wood Hall, città della “parrocchia” di St. Catherine ed è cresciuta in una zona povera della Giamaica rurale. Frequentò inizialmente la Scuola Primaria Marlie Hill e poi il liceo San Martino.
La laurea in Amministrazione Pubblica la conseguirà più tardi, nel 1997, quando era già parlamentare, presso l'Union Institute and University di North Miami Beach, in Florida [4].
Nel corso degli anni conseguirà vari altri titoli: un diploma in Informatica, Programmazione e Pubbliche relazioni; un certificato in Advanced Management presso l'Università della California; un Certificato di Partecipazione all' Executive Program for Leaders in Development presso la John F. Kennedy School of Government (Università di Harward).

Ai primi anni '70 risale la sua adesione al PNP, nelle cui file si svolgerà l'intera sua carriera politica.
Nel 1974 fu eletta trionfalmente consigliere comunale nell'area metropolitana di Kingston. In seguito a tale successo, nel 1976 le fu offerta la candidatura nel collegio di South West St. Andrew, una zona operaia e piuttosto povera, alla Camera dei Rappresentanti. La scelta fu indovinata e Portia entrò in Parlamento.

Nel 1978 fu eletta vicepresidente del partito: manterrà la carica fino al 2006.
Sempre più popolare, sarà riconfermata deputata anche nel 1980, nonostante la clamorosa sconfitta del PNP (9 seggi su 60), a conclusione di una campagna elettorale particolarmente tesa e violenta e in un clima di eccessiva polarizzazione della vita politica, che comunque non sarà mai interrotta da colpi di stato.
Saltò invece la successiva legislatura, avendo il suo partito deciso di boicottare le elezioni del 1983.
Nel periodo seguente la Simpson, intanto divenuta leader del movimento femminile del PNP, assunse il ruolo di Portavoce del partito per gli affari femminili, le pensioni, la sicurezza sociale e i diritti dei consumatori.

Ma nel 1989, quando il PNP rientrò trionfalmente in Parlamento, fu rieletta, riconfermando il seggio in tutte le elezioni successive, ed entrò nel governo presieduto da Michael Manley (1989-92), come Ministro del Lavoro, del Welfare e dello Sport, lavorando alacremente e sempre a sostegno dei più deboli.
Quando Manley si ritirò, incoraggiata dalla popolarità raggiunta, si candidò alla presidenza del partito, ma fu superata dall'avv. Percival James Patterson , che comunque prontamente la riconfermò nel suo governo (1992-2006) come titolare del Ministero del Lavoro e del Welfare, aggiungendovi, il 21 febbraio 2000, quelli della Sicurezza Sociale e dello Sport.

E anche nel privato non mancavano le novità: nel 1998 Puerta sposò il noto dirigente d'azienda Errald Miller, il cui cognome aggiunse al suo.
Dopo le elezioni del 2002, ancora vinte dal PNP, ma con una maggioranza ridotta a 34/60 seggi, Patterson le assegnò il Ministero degli Enti Locali, dello Sviluppo Comunitario e dello Sport [5], cui la Simpson sempre darà grande rilevanza nella vita nazionale, nominandola anche segretaria della Presidenza del Consiglio dei Ministri. In questa nuova fase ministeriale Portia Simpson-Miller ebbe ruoli assai importanti in varie organizzazioni internazionali, in particolare nell'area americana e caraibica. [6]

Quando, agli inizi del 2006, quindi prima della scadenza della legislatura, Patterson annunciò la sua volontà di ritirarsi dalla scena politica, si aprì nel PNP la gara per la sua successione, sia come Presidente del partito che come Primo Ministro.
Il 26 febbraio 2006 la vittoria nel partito arrise a Portia Simpson-Miller, che divenne così la prima donna leader del PNP [7], conseguendo, nel mese successivo lo stesso primato come capo del governo giamaicano, il settimo della serie. In quest'ultima veste conservò per sé anche il ministero della Difesa.

Vengo alla Presidenza del Consiglio con un profondo senso dei miei doveri nei confronti del popolo. Il mio ruolo di primo ministro della Giamaica sarà quello di utilizzare questa alta carica per facilitare il cambiamento.

Il 29 maggio 2006 venne insignita dal governatore Kenneth Hall dell'Ordine della Nazione, un'alta onorificenza giamaicana istituita nel 1973, i cui membri vengono definiti i più onorevoli [8]. Entrò anche a far parte del “Consiglio delle donne leader mondiali”, un'organizzazione creata nel 1996, di cui fanno parte donne Presidenti o Prime Ministre, in carica o ex, allo scopo di coordinare interventi su importanti questioni riguardanti le donne [9].
L'ascesa al vertice del potere della Simpson suscitò grandi speranze, specialmente nei ceti popolari, per il suo impegno ad elevare il livello di istruzione, a combattere la disoccupazione e la criminalità, a favorire gli investimenti [10]. Tuttavia, nonostante il grande carisma della leader, che i suoi sostenitori chiamavano Mama P e Sista P [11], essi non riuscirono ad efficacemente contrastare gli attacchi a testa bassa degli avversari, favoriti dal fatale logoramento del potere che affligge i partiti che governano troppo a lungo.
Per cui le elezioni del 3 settembre 2007 posero fine a ben 18 anni consecutivi di governo del PNP e i socialdemocratici ottennero solo 28 seggi su 60, mentre Portia, pur rieletta deputato, si dovette accontentare del ruolo di capo dell'Opposizione [12].

Nel 2011 fu nominata dal segretario generale dell'ONU Ban Ki-moon componente del Consiglio di Fondazione dell'Istituto delle Nazioni Unite per la Formazione e la Ricerca (UNITAR) [13]. Nello stesso periodo Portia presiedeva la Comunitá Caraibica (CARICOM) [14].
Proprio nell'ottobre del 2011 il Primo Ministro di centro-destra Bruce Golding si dimise e il suo successore Andrew Holness ritenne opportuno indire elezioni anticipate, che si svolsero il 29 dicembre delle stesso anno.

Durante la campagna elettorale la leader del PNP si schierò decisamente in favore dei diritti civili di gay, lesbiche, bisessuali e transgender, sostenendo che l'eguaglianza fra le persone è una questione della massima importanza:
Nel 2011 ho chiarito che non ci sarebbero state discriminazioni nella o da parte della mia amministrazione in relazione alle persone sulla base del loro orientamento sessuale.

Sotto la sua guida il PNP conseguì un vittoria indiscussa, conquistando 42 seggi contro i 21 del JLP, essendo stato portato a 63 il numero dei seggi alla Camera. Il 5 gennaio 2012 dunque Portia Simpson-Miller prestò, per la seconda volta, giuramento come Primo Ministro. Nel suo discorso di insediamento emerse la sua vocazione repubblicana, assai diffusa anche nel suo partito:
E' ora di mettere fine al controllo istituzionale e giuridico della Gran Bretagna nei nostri confronti.

Amo la regina e penso che sia una bellissima signora [15]. Ma il suo tempo è venuto.

La Simpson continuava anche a dare grande rilevanza allo sport [16], come dirà in un'intervista:
Mi prendo il tempo per godermi le prestazioni dei nostri sportivi. Questo è importante non solo per me come persona che ama lo sport e sostiene i nostri sportivi, ma anche come Ministro dello Sport, ma perché lo sport è anche un grande motivatore della nostra gente, vecchi e giovani, oltre che un contributo significativo alla promozione del nostro Paese a livello internazionale. Lo sport aggiunge un valore significativo al marchio Giamaica ed è la forza unificante più potente al mondo.

Nel settembre 2012, in occasione del 24° congresso dell'Internazionale Socialista, tenutosi a Città del Capo, fu eletta fra i vicepresidenti della prestigiosa organizzazione mondiale di partiti socialisti, socialdemocratici e laburisti [17]. Alle elezioni del 25 febbraio 2016 il PNP mancò di un soffio la vittoria, avendo ottenuto 31 seggi contro i 32 dell'avversario.
Per la seconda volta la Simpson-Miller divenne leader dell'opposizione, ma nel suo partito ormai serpeggiava il malumore e spirava aria di rinnovamento. Dunque Portia il 4 dicembre 2016 annunciò che non avrebbe ripresentato la sua candidatura a leader del partito, sicché il 26 marzo 2017 fu eletto Presidente del PNP l'ex ministro Peter Phillips.
Nel giugno 2017 Portia lasciò anche il suo seggio parlamentare. Il Parlamento in seduta comune rese omaggio all'ormai anziana leader che se ne andava, tentando di fare un bilancio della sua azione politica:
L'eredità di cui sono più orgogliosa è il mio rapporto con il popolo della Giamaica [18].

Portia Simpson-Miller, nella sua lunga carriera politica, ha saputo dare voce ai poveri, ai disoccupati, agli emarginati e alla donne, costituendo un modello da imitare per chi si batte per la giustizia sociale.


  1. Il Senato si compone di 21 membri, che durano in carica 5 anni, nominati dal Governatore Generale su raccomandazione 13 del Primo Ministro e 8 del leader dell'opposizione.
  2. I Rappresentanti (deputati) sono eletti per 5 anni nei singoli collegi elettorali.
  3. La lingua ufficiale della Giamaica è l'inglese. Nella vita quotidiana, però, si parla il patwah, una lingua creola-inglese.
  4. In seguito quello stesso Istituto le conferirà una laurea honoris causa in discipline umanistiche.
  5. I giamaicani sono particolarmente portati a prestazioni atletiche di grande potenza, particolarmente nelle gare di corsa di 100 e 200 metri e nella staffetta 4 X 100, in cui hanno conquistato eccellenti primati. Un altro settore di eccellenza è probabilmente quello della bellezza muliebre, avendo per ben quattro volte conquistato il titolo di “Miss Mondo” con Carole Joan Crawford (1963), Cindy Breakspeare (1976), Lisa Hanna (1993), in seguito deputata del PNP, Toni-Ann Singh (2019).
  6. Membro del Council of the Commonwealth Forum on Local Governments (CLGF), coordinatrice dei programmi della Rete Interamericana di Decentramento (RIAD), componente del Consiglio di Amministrazione dell'International Training Center for Local Authorities and Civil Society (CIFAL).
  7. Nella votazione interna del PNP, alla quale parteciparono 3808 delegati, la Simpson-Miller ottenne 1775 voti (47%), mentre il secondo classificato, il Ministro Peter Phillips, ne raccolse 1538. La vittoria fu replicata anche il 20 settembre 2008.
  8. La stessa onorificenza venne conferita anche al marito Errald Miller.
  9. Ne fanno parti famose esponenti socialiste di tutto il mondo, quali, ad esempio, Tarja Halonen (Finlandia), Helen Clark (Nuova Zelanda), Michelle Bachelet (Cile), Julia Gillard (Australia), Dilma Rousseff (Brasile), Helle Thorning-Schmidt (Danimarca).
  10. Gli introiti della Giamaica sono essenzialmente rappresentati dai ricavi del turismo, dalla vendita della bauxite e dalle rimesse degli emigrati.
  11. Mamma Portia e Sorella Portia.
  12. In Giamaica l'Opposizione ha un ruolo istituzionale. Ad esempio il suo leader propone 8 senatori su 21, formalmente nominati dal Governatore.
  13. L'UNITAR, istituito nel 1962 si occupa di ricerca scientifica e della formazione di personale qualificato politico, economico e diplomatico.
  14. La Comunitá Caraibica, fondata nel 1973, é un'organizzazione che si occupa della integrazione e della cooperazione economica fra vari Paesi dell'area caraibica.
  15. Elisabetta II.
  16. Aveva trattenuto per sé il relativo ministero.
  17. Presidente fu riconfermato il greco George Papandreu. Segretario generale fu eletto il cileno Luis Ayala.
  18. Dal giornale The Gleaner („La Spigolatrice“) del 27-6-2017.




Fonte: di Ferdinando Leonzio
Link
[]
L'AVVENIRE DEI LAVORATORI
Periodico socialista fondato 1897.
[]
IL PONTE RIVISTA
Rivista di politica economica e cultura
fondata da Calamandrei
[]
BIBLION EDITORE
Biblion Edizioni, storica casa editrice.
[]
CRITICA LIBERALE - NON MOLLARE
"NON MOLLARE"
Quindicinale on line di Critica Liberale,
la voce del liberalismo progressista in Italia.





Nuova Serie
"La Rivoluzione Democratica"
1, MARZO 2017
Associazione Alleanza Giellista
[]

Realizzazione siti web www.sitoper.it
invia a un amico
icona per chiudere
Attenzione!
Non puoi effettuare più di 10 invii al giorno.
Privacy Policy per www.rivoluzionedemocratica.it
Il sito web www.rivoluzionedemocratica.it raccoglie alcuni dati personali degli utenti che navigano sul sito web.

In accordo con l'impegno e l'attenzione che poniamo ai dati personali e in accordo agli artt. 13 e 14 del EU GDPR, www.rivoluzionedemocratica.it fornisce informazioni su modalità, finalità, ambito di comunicazione e diffusione dei dati personali e diritti degli utenti.

Titolare del trattamento dei dati personali
La Rivoluzione Democratica
Via Circondaria, 56
55045 - Firenze Italia


Email: info @rivoluzionedemocratica.it
Telefono: 3934324237

Tipi di dati acquisiti
www.rivoluzionedemocratica.it raccoglie dati degli utenti direttamente o tramite terze parti. Le tipologie di dati raccolti sono: dati tecnici di navigazione, dati di utilizzo, email, nome, cognome, numero di telefono, provincia, nazione, cap, città, indirizzo, ragione sociale, stato, cookie e altre varie tipologie di dati. Maggiori dettagli sui dati raccolti vengono forniti nelle sezioni successive di questa stessa informativa.
I dati personali sono forniti deliberatamente dall'utente tramite la compilazione di form, oppure, nel caso di dati di utilizzo, come ad esempio i dati relativi alle statistiche di navigazione, sono raccolti automaticamente navigando sulle pagine di www.rivoluzionedemocratica.it.

I dati richiesti dai form sono divisi tra obbligatori e facoltativi; su ciascun form saranno indicate distintamente le due tipologie. Nel caso in cui l'utente preferisca non comunicare dati obbligatori, www.rivoluzionedemocratica.it si riserva il diritto di non fornire il servizio. Nel caso in cui l'utente preferisca non comunicare dati facoltativi, il servizio sarà fornito ugualmente da www.rivoluzionedemocratica.it .

www.rivoluzionedemocratica.it utilizza strumenti di statistica per il tracciamento della navigazione degli utenti, l'analisi avviene tramite log. Non utilizza direttamente cookie ma può utilizzare cookie includendo servizi di terzi.

Ciascun utilizzo di cookie viene dettagliato nella Cookie Policy (https://www.rivoluzionedemocratica.it/Informativa-sui-cookies.htm) e successivamente in questa stessa informativa.
L'utente che comunichi, pubblichi, diffonda, condivida o ottenga dati personali di terzi tramite www.rivoluzionedemocratica.it si assume la completa responsabilità degli stessi. L'utente libera il titolare del sito web da qualsiasi responsabilità diretta e verso terzi, garantendo di avere il diritto alla comunicazione, pubblicazione, diffusione degli stessi. www.rivoluzionedemocratica.it non fornisce servizi a minori di 18 anni. In caso di richieste effettuate per minori deve essere il genitore, o chi detiene la patria potestà, a compilare le richieste dati.

Modalità, luoghi e tempi del trattamento dei dati acquisiti
Modalità di trattamento dei dati acquisiti
Il titolare ha progettato un sistema informatico opportuno a garantire misure di sicurezza ritenute adatte ad impedire l'accesso, la divulgazione, la modifica o la cancellazione non autorizzata di dati personali. Lo stesso sistema effettua copie giornaliere, ritenute sufficientemente adeguate in base alla importanza dei dati contenuti.

L'utente ha diritto a ottenere informazioni in merito alle misure di sicurezza adottate dal titolare per proteggere i dati.

Accessi ai dati oltre al titolare
Hanno accesso ai dati personali raccolti da www.rivoluzionedemocratica.it il personale interno (quale ad esempio amministrativo, commerciale, marketing, legale, amministratori di sistema) e/o soggetti esterni (quali ad esempio fornitori di servizi informatici terzi, webfarm, agenzie di comunicazione, fornitori di servizi complementari). Se necessario tali strutture sono nominate dal titolare responsabili del trattamento.

L'utente può richiedere in qualsiasi momento al titolare del trattamento, l'elenco aggiornato dei responsabili del trattamento.

Comunicazione di eventuali accessi indesiderati al Garante della Privacy
Il suddetto sistema informatico è monitorato e controllato giornalmente da tecnici e sistemisti. Ciò non toglie che, anche se ritenuta possibilità remota, ci possa essere un accesso indesiderato. Nel caso in cui questo si verifichi il titolare si impegna, come da GDPR ad effettuarne comunicazione al Garante della Privacy entro i termini previsti dalla legge.

Luoghi di mantenimento dei dati acquisiti
I dati personali sono mantenuti e trattati nelle sedi operative e amministrative del titolare, nonché nelle webfarm dove risiedono i server che ospitano il sito web www.rivoluzionedemocratica.it, o sui server che ne effettuano le copie di sicurezza. I dati personali dell'utente possono risiedere in Italia, Germania e Olanda, comunque in nazioni della Comunità Europea. I dati personali dell'utente non vengono mai portati o copiati fuori dal territorio europeo.

Tempi di mantenimento dei dati acquisiti
Nel caso di dati acquisiti per fornire un servizio all'utente, (sia per un servizio acquistato che in prova) i dati vengono conservati per 24 mesi successivi al completamento del servizio. Oppure fino a quando non ne venga revocato il consenso.

Nel caso in cui il titolare fosse obbligato a conservare i dati personali in ottemperanza di un obbligo di legge o per ordine di autorità, il titolare può conservare i dati per un tempo maggiore, necessario agli obblighi.

Al termine del periodo di conservazione i dati personali saranno cancellati. Dopo il termine, non sarà più possibile accedere ai propri dati, richiederne la cancellazione e la portabilità.

Base giuridica del trattamento dei dati acquisiti
Il titolare acquisisce dati personali degli utenti nei casi sotto descritti.
Il trattamento si rende necessario:
- se l'utente ha deliberatamente accettato il trattamento per una o più finalità;
- per fornire un preventivo all'utente;
- per fornire un contratto all'utente;
- per fornire un servizio all'utente;
- perché il titolare possa adempiere ad un obbligo di legge;
- perché il titolare possa adempiere ad un compito di interesse pubblico;
- perché il titolare possa adempiere ad un esercizio di pubblici poteri;
- perché il titolare o terzi possano perseguire i propri legittimi interessi.

L'utente può richiedere in qualsiasi momento al titolare del trattamento, chiarimenti sulla base giuridica di ciascun trattamento.

Finalità del trattamento dei dati acquisiti
I dati dell'utente sono raccolti dal titolare per le seguenti finalità:

- richiesta informazione da parte dell'utente
- richiesta informazione per servizi
- invio di aggiornamenti
- invio informazioni generiche
- richiesta di contatto da parte dei clienti, per ricevere informazioni

Eventualmente i dati possono essere trattati anche per:
contattare l'utente, statistiche, analisi dei comportamenti degli utenti e registrazione sessioni, visualizzazione contenuti e interazione di applicazioni esterne, protezione dallo spam, gestione dei pagamenti, interazione con social network, pubblicità.

L'utente può richiedere in qualsiasi momento al titolare del trattamento, chiarimenti sulle finalità di ciascun trattamento.

Dettagli specifici sull'acquisizione e uso dei dati personali
Per contattare l'utente
Moduli di contatto
L'utente può compilare il/i moduli di contatto/richiesta informazioni, inserendo i propri dati e acconsentendo al loro uso per rispondere alle richieste di natura indicata nella intestazione del modulo.
Dati personali che potrebbero essere raccolti: CAP, città, cognome, email, indirizzo, nazione, nome, numero di telefono, provincia, ragione sociale.

Per interazione con applicazioni esterne (anche social network)
www.rivoluzionedemocratica.it include nelle sue pagine plugin e/o pulsanti per interagire con i social network e/o applicazioni esterne.
Per quanto riguarda i social network, anche se l'utente non utilizza il servizio presente sulla pagina web, è possibile che il servizio acquisisca dati di traffico.

I dati acquisiti e l'utilizzo degli stessi da parte di servizi terzi sono regolamentati dalle rispettive Privacy Policy alle quali si prega di fare riferimento.

Facebook: Pulsante "Mi piace" e widget sociali
Fornitore del servizio: Meta Platforms Ireland Limited.
Finalità del servizio: interazione con il social network Facebook
Dati personali raccolti: cookie, dati di utilizzo
Luogo del trattamento: Stati Uniti e in altri Paesi
Privacy Policy (https://www.facebook.com/privacy/policy)

Twitter: Pulsante "Tweet" e widget sociali
Fornitore del servizio: Twitter, Inc.
Finalità del servizio: interazione con il social network Twitter
Dati personali raccolti: cookie, dati di utilizzo
Luogo del trattamento: Stati Uniti
Privacy Policy (https://twitter.com/privacy)
Cookie utilizzati (https://help.twitter.com/it/rules-and-policies/twitter-cookies)
Aderente al Privacy Shield

Whatsapp: Pulsante Whatsapp e widget sociali di Whatsapp
Fornitore del servizio: se l'utente risiede nella Regione Europea, WhatsApp Ireland Limited, se l'utente risiede al di fuori della Regione Europea, i Servizi vengono forniti da WhatsApp LLC.
Finalità del servizio: servizi di interazione con Whatsapp.
Dati personali raccolti: cookie, dati di utilizzo
Luogo del trattamento: Irlanda, le informazioni potrebbero essere trasferite o trasmesse o archiviate e trattate negli Stati Uniti o in altri Paesi terzi al di fuori di quello in cui l'utente risiede.
Privacy Policy (https://www.whatsapp.com/legal/privacy-policy-eea)
Aderente al Privacy Shield

Per statistiche
Questi servizi sono utilizzati dal titolare del trattamento per analizzare il traffico effettuato dagli utenti sul sito web www.rivoluzionedemocratica.it.

I dati acquisiti e l'utilizzo degli stessi da parte di servizi terzi sono regolamentati dalle rispettive Privacy Policy alle quali si prega di fare riferimento.

Per visualizzare contenuti da siti web esterni
Questi servizi sono utilizzati per visualizzare sulle pagine del sito web contenuti esterni al sito web, con possibilità di interazione.
Anche se l'utente non utilizza il servizio presente sulla pagina web, è possibile che il servizio acquisisca dati di traffico.

I dati acquisiti e l'utilizzo degli stessi da parte di servizi terzi sono regolamentati dalle rispettive Privacy Policy alle quali si prega di fare riferimento.

Diritti dell'interessato
L'utente possiede tutti i diritti previsti dall'art. 12 del EU GDPR, il diritto di controllare, modificare e integrare (rettificare), cancellare i propri dati personali accedendo alla propria area riservata. Una volta cancellati tutti i dati, viene chiuso l'account di accesso all'area riservata.

Nello specifico ha il diritto di:
- sapere se il titolare detiene dati personali relativi all'utente (art. 15 Diritto all'accesso);
- modificare o integrare (rettificare) i dati personali inesatti o incompleti (Art. 16 Diritto di rettifica);
- richiedere la cancellazione di uno o parte dei dati personali mantenuti se sussiste uno dei motivi previsti dal GDPR (Diritto alla Cancellazione, 17);
- limitare il trattamento solo a parte dei dati personali, o revocarne completamente il consenso al trattamento, se sussiste uno dei motivi previsti dal Regolamento (Art. 18 Diritto alla limitazione del trattamento);
- ricevere copia di tutti i dati personali in possesso del titolare, in formato di uso comune organizzato, e leggibili anche da dispositivo automatico (Art. 20, Diritto alla Portabilità);
- opporsi in tutto o in parte al trattamento dei dati per finalità di marketing, ad esempio opporsi e ricevere offerte pubblicitarie (art. 21 Diritto di opposizione). Si fa presente agli utenti che possono opporsi al trattamento dei dati utilizzati per scopo pubblicitario, senza fornire alcuna motivazione;
- opporsi al trattamento dei dati in modalità automatica o meno per finalità di profilazione (c.d. Consenso).

Come un utente può esercitare i propri diritti
L'utente può esercitare i propri diritti sopra esposti comunicandone richiesta al titolare del trattamento La Rivoluzione Democratica ai seguenti recapiti: info@rivoluzionedemocratica.it; tel. 3312300680.

La richiesta di esercitare un proprio diritto non ha nessun costo. Il titolare si impegna ad evadere le richieste nel minor tempo possibile, e comunque entro un mese.

L'utente ha il diritto di proporre reclamo all'Autorità Garante per la Protezione dei dati Personali. Recapiti: garante@gpdp.it, http://www.gpdp.it (http://www.gpdp.it).

Cookie Policy
Informazioni aggiuntive sul trattamento dei dati
Difesa in giudizio
Nel caso di ricorso al tribunale per abuso da parte dell'utente nell'utilizzo di www.rivoluzionedemocratica.it o dei servizi a esso collegati, il titolare ha la facoltà di rivelare i dati personali dell'utente. È inoltre obbligato a fornire i suddetti dati su richiesta delle autorità pubbliche.

Richiesta di informative specifiche
L'utente ha diritto di richiedere a www.rivoluzionedemocratica.it informative specifiche sui servizi presenti sul sito web e/o la raccolta e l'utilizzo dei dati personali.

Raccolta dati per log di sistema e manutenzione
www.rivoluzionedemocratica.it e/o i servizi di terze parti (se presenti) possono raccogliere i dati personali dell'utente, come ad esempio l'indirizzo IP, sotto forma di log di sistema. La raccolta di questi dati è legata al funzionamento e alla manutenzione del sito web.

Informazioni non contenute in questa policy
L'utente ha diritto di richiedere in ogni momento al titolare del trattamento dei dati le informazioni aggiuntive non presenti in questa Policy riguardanti il trattamento dei dati personali. Il titolare potrà essere contattato tramite gli estremi di contatto.

Supporto per le richieste "Do Not Track"
Le richieste  "Do Not Track" non sono supportate da www.rivoluzionedemocratica.it.
L'utente è invitato a consultare le Privacy Policy dei servizi terzi sopra elencati per scoprire quali supportano questo tipo di richieste.

Modifiche a questa Privacy Policy
Il titolare ha il diritto di modificare questo documento avvisando gli utenti su questa stessa pagina oppure, se previsto, tramite i contatti di cui è in possesso. L'utente è quindi invitato a consultare periodicamente questa pagina. Per conferma sull'effettiva modifica consultare la data di ultima modifica indicata in fondo alla pagina.
Il titolare si occuperà di raccogliere nuovamente il consenso degli utenti nel caso in cui le modifiche a questo documento riguardino trattamenti di dati per i quali è necessario il consenso.

Definizioni e riferimenti legali
Dati personali (o dati, o dati dell'utente)
Sono dati personali le informazioni che identificano o rendono identificabile, direttamente o indirettamente, una persona fisica e che possono fornire informazioni sulle sue caratteristiche, le sue abitudini, il suo stile di vita, le sue relazioni personali, il suo stato di salute, la sua situazione economica, ecc.

Fonte: sito web del Garante della Privacy (http://www.garanteprivacy.it).

Dati di utilizzo
Sono dati di utilizzo le informazioni che vengono raccolte in automatico durante la navigazione di www.rivoluzionedemocratica.it, sia da sito web stesso che dalle applicazioni di terzi incluse nel sito. Sono esempi di dati di utilizzo l'indirizzo IP e i dettagli del dispositivo e del browser (compresi la localizzazione geografica) che l'utente utilizza per navigare sul sito, le pagine visualizzate e la durata della permanenza dell'utente sulle singole pagine.

Utente
Il soggetto che fa uso del sito web www.rivoluzionedemocratica.it.
Coincide con l'interessato, salvo dove diversamente specificato.

Interessato
Interessato è la persona fisica al quale si riferiscono i dati personali. Quindi, se un trattamento riguarda, ad esempio, l'indirizzo, il codice fiscale, ecc. di Mario Rossi, questa persona è l'interessato (articolo 4, paragrafo 1, punto 1), del Regolamento UE 2016/679 (http://www.garanteprivacy.it/regolamentoue).

Fonte: sito web del Garante della Privacy (http://www.garanteprivacy.it).

Responsabile del trattamento (o responsabile)
Responsabile è la persona fisica o giuridica al quale il titolare affida, anche all'esterno della sua struttura organizzativa, specifici e definiti compiti di gestione e controllo per suo conto del trattamento dei dati (articolo 4, paragrafo 1, punto 8), del Regolamento UE 2016/679 (http://www.garanteprivacy.it/regolamentoue). Il Regolamento medesimo ha introdotto la possibilità che un responsabile possa, a sua volta e secondo determinate condizioni, designare un altro soggetto c.d. "sub-responsabile" (articolo 28, paragrafo 2).

Fonte: sito web del Garante della Privacy (http://www.garanteprivacy.it).

Titolare del trattamento (o titolare)
Titolare è la persona fisica, l'autorità pubblica, l'impresa, l'ente pubblico o privato, l'associazione, ecc., che adotta le decisioni sugli scopi e sulle modalità del trattamento (articolo 4, paragrafo 1, punto 7), del Regolamento UE 2016/679 (http://www.garanteprivacy.it/regolamentoue).

Fonte: sito web del Garante della Privacy (http://www.garanteprivacy.it).

www.rivoluzionedemocratica.it (o sito web)  
Il sito web mediante il quale sono raccolti e trattati i dati personali degli utenti.

Servizio
Il servizio offerto dal sito web www.rivoluzionedemocratica.it come indicato nei relativi termini.

Comunità Europea (o UE)
Ogni riferimento relativo alla Comunità Europea si estende a tutti gli attuali stati membri dell'Unione Europea e dello Spazio Economico Europeo, salvo dove diversamente specificato.

Cookie
Dati conservati all'interno del dispositivo dell'utente.

Riferimenti legali
La presente informativa è redatta sulla base di molteplici ordinamenti legislativi, inclusi gli artt. 13 e 14 del Regolamento (UE) 2016/679. Questa informativa riguarda esclusivamente www.rivoluzionedemocratica.it, dove non diversamente specificato.

Informativa privacy aggiornata il 07/10/2022 12:44
torna indietro leggi Privacy Policy per www.rivoluzionedemocratica.it
 obbligatorio
generic image refresh

cookie