29 Settembre 2021

"PARTITO SOCIALISTA RIFORMISTA
(1994 – 1996)
PARTITO SOCIALISTA
(1996 – 2001)"

24-05-2021 - CRONACHE SOCIALISTE
Alle dimissioni di Bettino Craxi da segretario del PSI, presentate all'Assemblea Nazionale del partito dell'11 febbraio 1993, seguirono prima l'elezione di Giorgio Benvenuto (12-2-1993), ex segretario generale della UIL e poi quella di Ottaviano Del Turco (28-5-1993), ex segretario generale aggiunto della CGIL
Ambedue erano stati scelti dalla maggioranza craxiana (1), ma ben presto si rivelarono una delusione per coloro che li avevano eletti. Il cuore dei due famosi sindacalisti, infatti, sia pure con accenti e modalitá diversi, batteva a sinistra, com'è del resto naturale per dei socialisti.
Il malumore dei craxiani arrivo' al culmine quando, in occasione delle amministrative del novembre 1993, il segretario Del Turco diede indicazione di appoggiare ai ballottaggi per l'elezione dei sindaci i candidati della coalizione progressista, di cui faceva parte il PDS.
La resa dei conti si ebbe nell'Assemblea Nazionale del 16 dicembre 1993, quando Del Turco opto' per una collocazione a sinistra del PSI e chiese poteri strardinari per un radicale rinnovamento del partito. Essendo del tutto contrari a tale impostazione Craxi e i suoi fedelissimi, si arrivo' alla conta: 156 voti andarono alla mozione di Del Turco, 116 a quella craxiana di Piro e 4 a quella di Signorile.
Il disagio per i craxiani piú ferventi divenne grave, tanto da decidere di separarsi dalla maggioranza. Pesarono sulla loro decisione: l'Assemblea Nazionale del 16 dicembre, ritenuta non valida per mancanza del numero legale; la sostituzione, nel simbolo, del Garofano craxiano con la Rosa delturchiana (15-1-1994) ; la proposta di aderire al polo progressista, cosa che comportava un'allenza politica col PDS, da loro assolutamente osteggiata; la convocazione di una riunione degli “Stati generali per la Costituente Socialista”, organo non previsto dallo Statuto.
A capeggiare la scissione e a fondare la Federazione dei Socialisti (FdS) furono Franco Piro, Ugo Intini, Margherita Boniver e Maurizio Sacconi (2). A fiancheggiare la FdS, a partire dal 16 giugno 1994, sará il periodico Non mollare, diretto da Antonio Ghirelli.
Alle elezioni politiche del 27 marzo 1994 la FdS si presento' assieme al gruppo socialdemocratico facente capo al segretario del PSDI Enrico Ferri (3), in una lista denominata “I Socialisti – Socialdemocratici per le libertá”, che ottenne, nella quota proporzionale della Camera, appena lo 0,46 % e non ebbe nessun eletto.
Alle elezioni europee del 12 giugno 1994 le cose andarono ancora peggio. La lista, denominata “Solidarietá”, in cui la FdS aveva candidato due suoi esponenti, Franco Piro e Raffaele Farigu, conseguí solo lo 0,05 % e nessun seggio.
Dopo questi insuccessi, per meglio riorganizzare le loro forze, i liberalsocialisti convocarono un' “Assemblea della Costituente Liberal Socialista”, che si tenne a Roma il 18 dicembre 1994, da cui scaturí una nuova formazione, il Movimento Liberal Socialista (MLS), con coordinatore Ugo Intini.
Infine, alle elezioni regionali del 23 aprile 1995 Il MLS si presento' in una lista di coalizione, denominata “Socialisti e laici – la Sinistra delle libertá” (4), solo nella Regione Lazio, in cui conseguí lo 0,53 % e nessun eletto.
Evidentemente la frantumazione partitica non giovava elettoralmente al MLS, anche perché nello scenario politico era intanto arrivata una nuova formazione craxiana: il
Partito Socialista Riformista

Le sconfitte elettorali subite alle elezioni politiche del 27-28 marzo 1994 (2,19 % nella quota proporzionale) e nelle europee del 12 giugno successivo (1,82 %, assieme ad AD), lo sbandamento causato dal vento di Tangentopoli, il dissesto finanziario e organizzativo, dovuto quest'ultimo anche alle varie scissioni, indussero il gruppo dirigente del PSI a convocare il XLVII congresso (Roma, 11-12/11/1994) allo scopo di mettere in liquidazione il partito e di provocarne cosí lo scioglimento e, nello stesso tempo, di fondare un nuovo soggetto politico socialista, erede della storia e della tradizione del PSI, autonomo dal PDS, ma radicato a sinistra, una formazione cioé capace di aggregare tutta l'area riformista. In concreto esso guardava al Patto Segni e ad Alleanza Democratica.
Tale disegno, ritenuto nebuloso e inconsistente era pero' osteggiato dalla minoranza costituita dai craxiani rimasti nel partito, i quali ritenevano che il gruppo dirigente socialista non avesse l'autoritá politica per mettere all'ordine del giorno lo scioglimento del PSI e che Del Turco fosse subalterno al PDS. Essi auspicavano, invece, il distacco dal Polo progressista e puntavano piuttosto ad una posizione autonoma, equidistante dai Poli. Il che pero' sarebbe stato, secondo la maggioranza, un vero e proprio regalo al centro-destra. L'inconciliabilitá tra le due posizioni era dunque netta. L'ennesima scissione era ormai alle porte
La mozione del segretario Del Turco prevalse col 63,26 % dei voti. La minoranza, forte dell'11,9 % dei voti congressuali, non partecipo' alla votazione.
Il giorno dopo, 13 novembre 1994, cioè lo stesso giorno in cui la maggioranza fondava il SI'-Socialisti Italiani, con segretario Enrico Boselli e presidente Gino Giugni, la minoranza, diede vita al Partito Socialista Riformista (PSR), con segretario Fabrizio Cicchitto e presidente Enrico Manca, con un Direttivo composto dai coordinatori regionali. Coordinatore dell'organizzazione giovanile del partito Vladimiro Poggi.
Nell'emblema, di colore rosso, era raffigurato un libro collocato sotto il sole sorgente.
Il PSR, per tutto il 1995 mantenne una posizione sostanzialmente filocentrista, ma senza risultati apprezzabili, né politici, né organizzativi.
Alle elezioni regionali del Lazio, come detto piú sopra, presento', assieme ad altri, una lista denominata “Socialisti e Laici – La Sinistra delle Libertá”, che ottenne appena 14.785 voti (0,53 %), senza conquistare alcun seggio.
I pessimi risultati conseguiti da quella che potremmo considerare “la destra socialista” consigliavano palesemente l'avvio di un percorso unitario fra forze omogenee (5), cosa che puntualmente avvenne con la fondazione del

Partito Socialista

La nascita del nuovo partito unificato dell'ala destra socialista, accelerata dall'imprevista imminenza delle elezioni politiche anticipate, ebbe luogo il 24 febbraio 1996, nel corso dell'Assemblea Nazionale degli aderenti al “Comitato Promotore per la Ricostituzione del PSI”, in cui la relazione introduttiva fu tenuta da
Donato Rubilotta.
Il nuovo partito, nato dalla fusione tra il MLS e il PSR, che prese il nome di Partito Socialista (senza la I) (6), pretendeva di richiamare in vita il disciolto PSI, di cui si proclamava erede. In realtá esso organizzava una parte della diaspora socialista ancora dispersa, ma sostanzialmente riunificava le correnti craxiane di varia origine e sfumatura (7).
A guidarlo, come Coordinatore Nazionale, fu chiamato Ugo Intini, il quale ben presto si trovo' a confrontarsi con la rivalitá fra le due anime che man mano andavano emergendo nel partito: quella unitaria e dialogante con gli altri socialisti e quella craxiana ortodossa, del tutto allergica ad ogni rapporto col PDS.
La partecipazione del PS alle elezioni politiche del 21 aprile 1996, da esso affrontate da solo, indipendente dai due Poli, si rivelo' infruttuosa nel clima politico bipolare di allora. Esso, infatti, pur avendo ottenuto 149.441 voti (0,40 %) alla Camera (quota proporzionale) e 286.425 voti al Senato, non ebbe alcun seggio (8).
Meglio andarono le cose nelle elezioni regionali siciliane dello stesso anno, in cui il partito si presento' con la denominazione “Partito Socialista – Sicilia”, raccogliendo 50.370 voti ed eleggendo tre deputati all'Assemblea Regionale Siciliana (su 90): Salvatore Cintola (PA), Giovanni Ricevuto (ME), e Nunzio Calanna (CT).
Dopo la vittoria de L'Ulivo e la formazione del governo Prodi di centro-sinistra, comincio' a prendere corpo la proposta del segretario del PDS D'Alema di creare anche in Italia una grande forza di orientamento socialdemocratico che mettesse fine alle scissioni che avevano sminuzzato la sinistra (la cosiddetta Cosa 2).
Il SI' la respinse decisamente (9), ritenendo che essa avrebbe di fatto diluito, fin quasi a farla scomparire, la storia socialista italiana e rilancio', avanzando la proposta di riunificazione delle disperse forze socialiste della diaspora.
Tale proposta trovo' una positiva accoglienza in Ugo Intini, che se ne fece interprete al 1° Congresso del PS, ora forte di 25.750 iscritti, che ebbe luogo al Palafiera di Roma dal 30 novembre al 1° dicembre 1996.
In sede congressuale (10) si ebbe una divaricazione fra coloro che volevano il segretario eletto dall'Assemblea congressuale, probabilmente per svincolarlo da eventuali condizionamenti politici da parte dei maggiorenti del partito, e coloro che volevano che fosse eletto della Direzione, che alla fine prevalsero (11), forse per il motivo opposto.
Organi del nuovo partito erano il Consiglio Nazionale Federale, di 150 componenti, che poi elesse una Direzione di 61 membri, dai quali sarebbe stato eletto il Segretario e la Segreteria.
Segretario fu eletto dalla Direzione Ugo Intini, a capo di una segreteria di cui facevano parte Fabrizio Cicchitto (coordinatore), Margherita Boniver, Enrico Manca e Donato Robilotta, segretario della Federazione romana del partito.
Simbolo del partito un mazzo di garofani sovrastante un libro aperto, col sole nascente alle spalle e la scritta “Partito Socialista” sopra.
Fra gli obiettivi che il PS si poneva spiccava il dialogo col SI di Boselli. I due segretari, Boselli (SI) e Intini (PS), avendo entrambi come prospettiva la riunificazione socialista, giunsero ad un accordo per la presentazione di liste comuni (12), indipendenti dai poli, alle elezioni amministrative del 19 aprile 1997.
A Milano la lista comune, denominata “Socialisti Italiani Uniti”, con candidato sindaco Giorgio Santerini e con simbolo un garofano e una rosa rossi su sfondo bianco, fu capeggiata dai due segretari. I deludenti risultati di Milano (1,3 % e nessun seggio), comunque compensati dal risultato complessivo in Italia (3,7 %), non rallentarono l'intesa fra i due, determinati a proseguire la marcia verso l'unificazione.
Ma i craxiani puri del PS, ora capitanati da Gianni De Michelis, da sempre allineati alle posizioni di Craxi, non erano affatto orientati a favore di tale progetto, ritenendo che non ce ne fossero le condizioni, essendo il SI ancora collocato nel centro-sinistra e dunque alleato del PDS.
Il segretario Intini cerco' di comporre il forte dissenso interno tra unificazionisti e autonomisti (sempre piú attenti al centro-destra), rinviando la decisione ad un congresso da tenersi entro il 1997. Ma la destra interna decise di rompere gli indugi e in una riunione della Direzione del 13 settembre 1997, con 37 voti su 38 presenti, elesse De Michelis al posto di Intini.
Ci fu uno strascico di contestazioni sulla regolaritá della riunione e per un po' ci furono due PS: quello di Intini e quello di De Michelis, ma la divaricazione era essenzialmente politica, tra chi guardava a sinistra e chi guardava a destra.
La rottura divenne insanabile e dunque definitiva il 26 settembre successivo, quando il PS di Intini, nel corso di un apposito convegno, decise di avviarsi verso la fusione col SI' e con altri gruppi socialisti (13). Con Intini Enrico Manca e Carmelo Conti. Al progetto aderí anche Claudio Martelli, direttore di Mondoperaio.
Nello stesso anno 1998 l'ex ministro Salvo Ando' fondo'un movimento regionale siciliano denominato Liberalsocialisti, di cui fu eletto presidente e che ottenne qualche successo in elezioni locali (14).
Dopo la scelta di Intini e dei suoi di confluire nello SDI, denominazione, simbolo e rappresentanza del PS, ormai depurato da ogni sia pur timida tentazione di centro-sinistra, rimasero interamente a De Michelis, che ne divenne il leader incontrastato per molto tempo, tanto piú che venne riconfermato nella carica dal 2° congresso del partito (Hotel Ergife di Roma, 4-5/7/1998) al quale presenziarono i maggiori esponenti del craxismo italiano (15), quali Margherita Boniver, Fabrizio Cicchitto, Bobo Craxi, Paris Dell'Unto, Giulio Di Donato.
La platea congressuale accolse favorevolmente Francesco Cossiga, ispiratore dell'UDR (16), e il leader di Forza Italia (FI) e del centro-destra Silvio Berlusconi, alla cui coalizione il PS guardava giá con simpatia.
Questo orientamento non scoraggio' Intini, sempre animato da spirito unitario, che il 31 ottobre 1998 lancio' la proposta di presentare liste unitarie SDI-PS alle imminenti elezioni europee del 13 giugno 1999.
Ma il progetto si infranse contro la scelta del PS a favore del centro-destra, come avvenne alle elezioni provinciali di Roma (29-11-1998) (17), in conseguenza della quale tre noti dirigenti, il 3 gennaio 1999, lasciarono il partito (18).
Le scelte di De Michelis furono comunque approvate dal 3° congresso del partito (Roma 10-11/4/1999), che lo riconfermo' segretario.
Non le approvo' invece Bobo Craxi, favorevole all'unitá socialista proposta da Boselli, che si candido' nella lista dello SDI (circoscrizione Italia Meridionale) (19).
Alle elezioni europee del 13 giugno 1999 i due partiti che si richiamavano al disciolto PSI si presentarono dunque ciascuno con la propria lista: lo SDI ottenne complessivamente il 2,16 % e due deputati: Enrico Boselli e Claudio Martelli; mentre il PS, presente solo nella circoscrizione Sicilia-Sardegna, vi ottenne l'1,38 % (nazionalmente lo 0,14 %) senza alcun seggio.
La pessima prova elettorale alle europee e alle contemporanee amministrative indussero ad una seria riflessione due autorevoli esponenti del PS, Fabrizio Cicchitto e Margherita Boniver, i quali si resero conto che la gran parte dell'elettorato socialista del periodo craxiano era transitato in Forza Italia, che ormai costituiva la piú valida alternativa al PDS, e che Silvio Berlusconi poteva considerarsi l'erede piú accreditato del craxismo. Di conseguenza i due, il 22 giugno 1999, dunque poco dopo le europee, lasciarono il PS per aderire a FI, in cui ben presto occuperanno importanti ruoli.
Il 31 gennaio 2000 morí Bettino Craxi, la cui forte personalitá aveva caratterizzato un periodo importante della storia del socialismo italiano e la cui memoria ne influenzerá i futuri sviluppi.
Alle elezioni regionali del 16 aprile 2000, sebbene non presenti in tutte le regioni, parteciparono sia lo SDI che ottenne 12 consiglieri, che il PS (20) che ne ottenne 2.
I risultati complessivamente negativi per il centro-sinistra determinarono la caduta del governo D'Alema, a cui succedette un governo, ancora di centro-sinistra, presieduto dal socialista indipendente Giuliano Amato e a cui lo SDI partecipo' con un ministro (21) e due sottosegretari.
Il comune sostegno al governo Amato favorí un riavvicinamento fra lo SDI e i DS (22), ambedue membri del PSE e dell'Internazionale Socialista.
Questo nuovo clima provoco' notevoli malumori nei settori dello SDI piú legati al passato craxiano. In particolare Bobo Craxi, che all'interno dello SDI capeggiava una corrente denominata Lega Socialista (LS), il 10 maggio 2000 lascio' il partito e trasformo' la sua corrente in soggetto politico autonomo, di cui divenne presidente, affiancato da un Comitato di Coordinamento.
Alla LS si aggrego', il 7-7-2000, anche un gruppo di “autonomisti ex SDI” con leader il deputato europeo Claudio Martelli (23), che dunque lascio' lo SDI e la direzione di Mondoperaio (24).
La Lega Socialista adotto' come simbolo, con chiaro riferimento al periodo craxiano del PSI, un garofano rosso dentro un cerchio bianco, inserito in una corona circolare rossa contenente, nella parte alta, la scritta “Lega Socialista”.
La Lega Socialista si proponeva di rilanciare i temi e i principi del socialismo craxiano, tendenzialmente ostile al centro-sinistra e, in particolare ai postcomunisti del PDS/DS e di lavorare per una Costituente che avviasse la costruzione di una nuova formazione unitaria socialista, superasse lo SDI e la sua politica di adesione al centro-sinistra e fosse capace di instaurare un confronto col Polo di centro-destra.
Su questo terreno essa si incontro' con le note posizioni del PS e di De Michelis, che era stato di nuovo confermato segretario del partito dal suo 4° congresso (Roma, 19-20/11/1999) e che da tempo guardava con interesse al Polo di centro-destra.
Questo il commento del leader dello SDI Boselli a tale disegno: Mi dispiace, ma la casa dei socialisti si è sempre collocata a sinistra e nessuno puo' pensare di ricostruirla in uno schieramento di centrodestra. D'altra parte, cio' non avviene con nessun altro partito socialista in Europa e nel mondo (25).
Il 14 luglio 2000, a Roma, si tenne un convegno (26), poi definito la giornata dell'orgoglio socialista, per lanciare la Costituente da cui sarebbe nato il nuovo soggetto socialista.
Non mancarono gli appelli allo SDI, che puntualmente li respinse, precisando che i socialisti sono sempre stati nella sinistra, come testimoniavano la loro storia e la loro tradizione.
Il congresso, dai partecipanti considerato di “rifondazione” del PSI, si tenne il 19 gennaio 2001, primo anniversario della morte di Bettino Craxi, al Palavobis di Milano, alla presenza di 800 delegati, in un clima di commozione per la resurrezione del partito socialista craxiano, mentre riecheggiavano le note dell'inno Rinasce un fiore (27). Confluivano nella nuova formazione il Partito Socialista di De Michelis e la Lega Socialista di Bobo Craxi.
Il suo sguardo era rivolto al centro-destra, al congresso rappresentato personalmente dal suo leader Berlusconi, della cui coalizione (Casa delle Libertá) il nuovo partito avrebbe fatto parte.
Il suo nome era Partito Socialista - Nuovo PSI (PS-NPSI), il suo simbolo era naturalmente il garofano, i suoi massimi dirigenti Bobo Craxi (presidente), Gianni De Michelis (segretario), Claudio Martelli (portavoce), Roberto Spano (vicesegretario).

---

  1. L'unanimismo del periodo craxiano era cessato ufficialmente nell'Assemblea Nazionale del 28-11-1992, quando alla maggioranza craxiana (63 %) si erano contrapposti la corrente Rinnovamento Socialista (32,5 %), guidata dall'ex vicesegretario Claudio Martelli e composta dai suoi seguaci e dalla ”sinistra” e un gruppo (4 %), con leader Valdo Spini, Enzo Mattina e Gino Giugni.
  2. Poco tempo dopo (26-11-1994) Sacconi fonderá Sinistra Liberale, poi Sinistra delle Libertá (simbolo un'ape stilizzata su un cielo azzurro). Nel 2001 Sacconi aderirá a Forza Italia.
  3. Non essendo presente il PSDI con proprie liste, alcuni esponenti socialdemocratici si presentarono in varie liste. Ad es. Gian Franco Schietroma si presento' nella lista centrista „Patto per L'italia“ e Magda Cornacchione Milella, che fu l'unica eletta, coi „progressisti“.
  4. Della lista facevano parte, oltre il MLS, il PSR di Cicchitto, la Sinistra Liberale di Sacconi, parte del PSDI.
  5. Un analogo processo unitario fu avviato dalla “sinistra” della diaspora socialista, rappresentata dal SI di Boselli, che si concluderá il 10-5 1998 con la fusione tra il SI', Il PS (ala Intini), il PSDI, i Laburisti autonomisti e un gruppo guidato da Claudio Martelli, con la costituzione dello SDI (Socialisti Democratici Italiani).
  6. L'ultimo congresso del PSI aveva affidato a Michele Zoppo, commissario liquidatore del partito, il patrimonio ideale e storico del PSI (simbolo, denominazione, testate giornalistiche), con la facoltá di deciderne, a suo insindacabile giudizio, l'uso e la sorte. Zoppo assegnerá i simboli e i marchi originali del PSI al partito di Boselli SI'- Socialisti Italiani.
  7. Stranamente il progetto fu sconfessato da Bettino Craxi da Hammamet (Tunisia), dove si trovava, che riteneva che nessuno avesse il diritto di qualificarsi come suo erede.
  8. I laburisti di Valdo Spini, presenti solo nella quota maggioritaria per „L'Ulivo“ ottennero 6 deputi e 5 senatori; il SI' di Enrico Boselli, presente nella lista „Rinnovamento Italiano“, collegata al centro-sinistra, elesse 7 deputati e 5 senatori.
  9. Consiglio Nazionale del SI' del 22-7-1996.
  10. Al congresso era presente Gianni De Michelis (1940-2019), ultimo vicesegretario di Craxi, ritornato alla politica dopo qualche tempo dallo scioglimento del PSI.
  11. Intini venne pero'confermato, per applauso, dalla platea congressuale.
  12. L'iniziativa fu criticata da Craxi.
  13. Il lancio della Costituente Socialista partí da un convegno tenuto a Roma il 7 e l'8/2/1998 e si concluse con il congresso di Fiuggi dell'8-10/5/1998, da cui scaturí lo SDI (Socialisti Democratici Italiani) con presidente Enrico Boselli, vice Roberto Villetti e coordinatore Ugo Intini. Alla fondazione dello SDI concorsero il SI' di Boselli, il PS di Intini, il PSDI di Schietroma, i Laburisti autonomisti di Benzoni e un gruppo di amici di Martelli. Lo SDI in sostanza riuniva tutti i socialisti che si collocavano nel centro-sinistra, ma in piena autonomia rispetto al PDS, ormai orientato verso La Cosa 2.
  14. Nelle elezioni regionali siciliane del 24-6-2001 il partito di Ando' si presento'' nella coalizione di centro-destra ed ottenne l' 1,0 % e un eletto (Antonino Amendola, nella circoscrizione di Catania). Nel 2003 confluirá nello SDI.
  15. Prima del congresso De Michelis annuncio' che la tessera del partito n. 1 sarebbe stata inviata a Bettino Craxi.
  16. L'Unione Democratica per la Repubblica (UDR) era un movimento politico di centro, fondato nel febbraio 1998 e ispirato dall'ex Presidente della Repubblica Francesco Cossiga, che ne fu Presidente onorario.
  17. Il PS si presento' nella coalizione di centro-destra, di cui faceva parete anche Alleanza Nazionale (AN, partito di destra) e vi ottenne l'1,14 % con nessun seggio. Lo SDI, che si era presentato con la coalizione di centro-sinistra ottenne il 2,37 % e nessun seggio.
  18. Paris Dell'Unto, membro della Direzione, Gianfranco Redavid, membro della Direzione, presidente del Comitato regionale ed assessore del Comune di Roma, Giulio Buonavolontá, vicesegretario del Comitato Provinciale romano.
  19. Boselli il 31-1-1999, si era incontrato con Bettino Craxi a Tunisi, al quale aveva esposto il suo progetto di unitá socialista, possibile solo in una logica di centro-sinistra. Craxi diede il suo benestare alla presentazione del figlio Bobo nella lista dello SDI. Bobo Craxi si classifico' secondo, dopo Boselli.
  20. In questa circostanza il PS si presento' con la denominazione “Partito Socialista – Socialdemocrazia”, in quanto al PS si era alleato il Movimento di Rinascita Socialdemocratica di Luigi Preti, movimento di matrice socialdemocratica fondato il 17-2-1996 e giá federato con Forza Italia.
  21. Ottaviano Del Turco alle Finanze.
  22. I Democratici di Sinistra (DS), cioé la dalemiana ex „Cosa 2“, erano sorti il 14-2-1993 dalla fusione del PDS con la Federazione Laburista, i Comunisti Unitari, i Cristiano Sociali, la Sinistra Repubblicana, i Riformatori per l'Europa (fra essi due famosi sindacalisti socialisti: Giorgio Benvenuto e Guglielmo Epifani) e Agire Solidale.
  23. Per questa scelta Martelli fu escluso dal gruppo socialista del Parlamento Europeo.
  24. Nella direzione della prestigiosa rivista fondata da Pietro Nenni gli successe Michele Pellicani.
  25. In quotidiano la Repubblica dell'8-7-2000.
  26. Alla presidenza del convegno stavano Bobo Craxi, Stefania Craxi, Claudio Martelli e De Mchelis: i due figli e due dei vicesegretari del leader da poco scomparso. In sala, alcuni da aderenti, altri da spettatori, molti big dell'epoca craxiana: Salvo Ando', Gianni Baget-Bozzo, Alma Cappiello, Mauro Del Bue, Paris Dell'Unto, Giulio Di Donato, Giusy La Ganga, Elena Marinucci, Paolo Pillitteri, Mario Rigo..
  27. Inno del PS-NPSI composto da Mauro Del Bue.


Fonte: di FERDINANDO LEONZIO
Link
[]
L'AVVENIRE DEI LAVORATORI
Periodico socialista fondato 1897.
[]
IL PONTE RIVISTA
Rivista di politica economica e cultura
fondata da Calamandrei
[]
BIBLION EDITORE
Biblion Edizioni, storica casa editrice.
[]
CRITICA LIBERALE - NON MOLLARE
"NON MOLLARE"
Quindicinale on line di Critica Liberale,
la voce del liberalismo progressista in Italia.





Nuova Serie
"La Rivoluzione Democratica"
1, MARZO 2017

Realizzazione siti web www.sitoper.it
invia ad un amico
chiudi
Attenzione!
Non puoi effettuare più di 10 invii al giorno.
Informativa
Informativa Privacy
La presente informativa descrive le modalità di gestione del Sito, da Lei ora visitato, di cui è Titolare, il giornale "LA RIVOLUZIONE DEMOCRATICA", registrazione al Tribunale di Firenze n°5863 del 17/02/2012 (di seguito, "Giornale" per brevità), che ha come finalità l´informazione critica, la difesa della laicità delle Istituzioni e la diffusione della cultura laica, con sede in Firenze, accessibile al seguente nome di dominio
http://www.rivoluzionedemocratica.it
in riferimento al trattamento dei dati personali dei navigatori che vi accedono e che interagiscono con esso.

Premessa
I considerazione delle modifiche al D. Lgs. n. 196/2003 (Codice in materia di protezione dei dati personali, di seguito "Codice Privacy"), introdotte recentemente con il D.L. 201/2011 convertito nella L. 214/2011, la presente informativa si rivolge alle persone fisiche che, per conto proprio o di associazioni interessate, decidano di accedere al Sito ed interagire con esso ed è resa ai sensi dell´art. 13 del Codice Privacy.
L´informativa si ispira anche alla Raccomandazione n. 2/2001 che le autorità europee per la protezione dei dati personali, riunite nel Gruppo istituito dall´art. 29 della direttiva n. 95/46/CE, hanno adottato il 17 maggio 2001, per individuare alcuni requisiti minimi per la raccolta di dati personali on-line, e, in particolare, le modalità, i tempi e la natura delle informazioni che i titolari del trattamento devono fornire agli utenti quando questi si collegano a pagine web, indipendentemente dalle ragioni e finalità del collegamento.
In linea generale, è opportuno precisare che attraverso il Sito vengono effettuate le seguenti tipologie di raccolta dati:
- raccolta necessaria ed automatica dei dati del navigatore inerenti all´interazione con il Sito;
- trattamento correlato alla raccolta di dati, immessi volontariamente dal navigatore, attraverso l´invio di e-mail agli indirizzi indicati per contattare il Titolare (ad esempio, sezioni "Contatti" e "Iscriversi al circolo").

La presente informativa si riferisce unicamente alle operazioni di trattamento effettuate su dati raccolti con le modalità sopra indicate e non si riferisce, quindi, ai trattamenti effettuati tramiti altri siti, a cui l´utente vorrà accedere mediante link dal Sito. Per tali trattamenti dovrà essere fornita, da parte dei rispettivi Titolari, autonoma informativa.
Si precisa, in particolare, che i trattamenti sui dati conferiti accedendo a siti di terzi, raggiungibili mediante i link pubblicati sul Sito, sono effettuati da soggetti diversi dal Giornale.
Premesso che il Giornale non effettuerà alcuna comunicazione dei dati degli utenti a tali soggetti e che ogni iniziativa per entrare in contatto e chiedere informazioni, è rimessa all´esclusiva attività dell´Interessato o del rispettivo Titolare, il giornale non sarà in alcun modo responsabile dei trattamenti che verranno effettuati da parte di tali soggetti, a fronte dell´iniziativa dell´utente medesimo.

1. Finalità del trattamento
1.1 Le operazioni di trattamento di seguito illustrate sono unicamente rivolte alla corretta proposizione ed erogazione dei servizi offerti tramite il presente Sito dal Giornale medesimo per il perseguimento dello scopo associativo. L´Attività on line del Giornale consiste prevalentemente nella pubblicazione di contenuti, caratterizzati da un alto livello qualitativo, sui temi di interesse del Giornale e dei dati personali dei rispettivi autori, aventi con il Giornale rapporti regolari, nonché nello scambio, anche mediante messaggi di posta elettronica, di opinioni e informazioni di varia natura, relative in particolare alla vita e alle attivitàdel Giornale medesimo o ad eventi di rilevanza nel dibattito culturale che il Giornale intende promuovere.
1.2. A tal fine, il Titolare ha predisposto sezioni ad hoc del Sito.
In particolare, nella sezione "Contatti" è presente l´indirizzo e-mail interattivo cui l´Utente può trasmettere i propri dati personali e/o dell´Associazione di appartenenza, al Giornale. Più precisamente, in tale ipotesi il trattamento è finalizzato al mero scambio di informazioni e di contatti, comunque di natura non professionale, inerenti all´attività del Giornale .
In ogni caso, i dati raccolti tramite il presente Sito saranno trattati secondo principi di correttezza, liceità e trasparenza, per la tutela della riservatezza e dei diritti degli interessati, ed unicamente per il perseguimento dello scopo associativo. Negli stessi limiti saranno trattati anche i dati personali che dovessero essere inviati spontaneamente al Giornale dai visitatori del sito anche con modalità off-line (fax, posta, telefono od altro).

2. Tipi di dati trattati
2.1 - Dati di navigazione I sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento di questo Sito registrano, nel corso del loro normale esercizio, alcuni dati personali la cui acquisizione avviene in modo automatico e inevitabile, qualora si utilizzino i protocolli di comunicazione di Internet. Sono dati che, pur non essendo reperiti con lo scopo specifico di identificare i rispettivi Interessati, ben potrebbero, a causa delle loro stesse caratteristiche, essere associati a banche dati di terzi e così consentire l´individuazione degli utenti. Appartengono a questa categoria di dati, ad esempio, gli indirizzi IP o i nomi a dominio degli elaboratori utilizzati dagli utenti che si connettono al Sito, gli indirizzi in notazione URI (Uniform Resource Identifier) delle risorse richieste, l´orario della richiesta, il metodo utilizzato nel sottoporre la richiesta al server, la dimensione del file ottenuto in risposta, il codice numerico indicante lo stato della risposta data dal server (buon fine, errore, ecc.) ed altri parametri relativi al sistema operativo e all´ambiente informatico dell´utente. Questi dati vengono utilizzati al solo fine di ricavare informazioni statistiche anonime sull´uso del Sito e per controllarne il corretto funzionamento, e vengono cancellati immediatamente dopo l´elaborazione.
Si precisa che i dati di navigazione potrebbero essere usati per l´accertamento di responsabilità in caso di eventuali reati informatici ai danni del Sito, conformemente alle procedure vigenti presso le Autorità competenti.
2.2 Meccanismi automatici di raccolta
In conformità a quanto previsto nel Provvedimento del Garante n. 229 dell´8.5.2014, si informa che in questo Sito non si utilizzano "cookies persistenti", trojans, spywares, web bugs, ovvero sistemi per il tracciamento degli utenti (cookies di profilazione), ma soltanto cookies cosiddetti "tecnici", di navigazione, di sessione o di funzionalità.
L´uso di c.d. "cookies di sessione" (che non vengono registrati in modo persistente sull´elaboratore dell´utente e svaniscono con la chiusura del browser) è unicamente finalizzato a rendere l´esplorazione del Sito sicura ed efficiente.
I c.d. cookies di sessione, utilizzati in questo sito, evitano il ricorso ad altre tecniche informatiche potenzialmente pregiudizievoli per la riservatezza della navigazione degli utenti e non consentono l´acquisizione di dati personali identificativi dell´utente I cookies "analitici" vengono utilizzati dalla società ShinyStat per effettuare trattamenti in forma aggregata ed anonima, per i quali si fornisce l´informativa generale ed il modulo per esercitare l´opt-out tramite i link qui sotto:
- ShinyStat http://www.shinystat.com/it/informativa_privacy_generale_free.html
- ShinyStat http://www.shinystat.com/it/opt-out_free.html
- Facebook http://www.facebook.com/policy.php
- Twitter http://twitter.com/privacy
- Google+, Google Maps e YouTube https://www.google.it/intl/it/policies/privacy/
- Vimeo https://vimeo.com/cookie_policy
2.3 Si precisa, per completezza, che i dati personali - una volta resi anonimi - potranno essere utilizzati per elaborare statistiche o per rilevare il grado di soddisfazione degli utenti. In ogni caso, la raccolta e il trattamento dei dati personali degli utenti non saranno finalizzati ad attività di marketing, di informazione commerciale e/o di indagini di mercato.

3. Tipologia di dati
3.1 Il trattamento dei dati effettuati tramite il presente Sito avrà prevalentemente ad oggetto dati comuni.
Tuttavia, in considerazione della natura del Giornale, il trattamento, inoltre, potrà riguardare anche i dati personali idonei a rivelare le convinzioni religiose e/o le opinioni politiche degli utenti e/o degli Associati, e/o dei soggetti che - in relazione allo scopo associativo - hanno contatti regolari con il Giornale. In ogni caso, tramite il presente Sito non saranno trattati dati inerenti alla salute. Pertanto, La invitiamo a non comunicarci dati personali attinenti al Suo stato di salute e alla Sua vita sessuale, ai sensi dell´art. 26 del Codice. In presenza di tali dati, il Giornale procederà alla tempestiva distruzione del relativo messaggio e/o comunicazione da Lei eventualmente fornita.
3.2 Il trattamento dei dati si svolgerà in conformità della vigente Autorizzazione Generale del Garante per la protezione dei dati personali n. 3/2011 e successive .
3.3 Il conferimento dei dati è in ogni caso facoltativo. Tuttavia, il mancato conferimento dei dati relativamente ad alcune sezioni del Sito e, più precisamente, in relazione alla Sezione "Contatti" comporterà l´impossibilità, per l´Associazione, di fornire il relativo servizio.

4. Modalità di trattamento
4.1 Il medesimo sarà effettuato prevalentemente con l´ausilio di mezzi informatici e telematici ma anche manualmente. I dati infatti potranno essere conservati sia in archivi cartacei sia in archivi elettronici, in modo da consentire, laddove necessario, l´individuazione e la selezione di dati aggregati, per il tempo non eccedente la durata e le necessità del trattamento.
4.2 Il trattamento sarà effettuato direttamente dall´organizzazione del Titolare, con l´ausilio dei propri incaricati e/o responsabili del trattamento. Potranno avere accesso ai dati per il perseguimento delle finalità di cui al punto 1, nell´ambito delle rispettive funzioni o mansioni e, in ogni caso, secondo le modalità e nei limiti di cui ai rispettivi atti di nomina a Responsabile o a Incaricato, oltre al Coordinatore/Coordinatrice, al Tesoriere e al Responsabile per la gestione delle istanze ex art. 7 Codice, eventuali società di servizi esterne nominate responsabili del trattamento ai sensi e per gli effetti dell´art. 29 del Codice.
4.3. Infine, si informa l´utente che l´eventuale trasmissione di dati tramite Internet non può raggiungere livelli di sicurezza assoluti. E´ onere dell´utente verificare la correttezza dei dati personali che lo riguardano ed eventualmente procedere alla rettifica, aggiornamento o, comunque, modifica dei dati nel corso del trattamento. Il Titolare non può considerarsi tenuto ad altra prestazione oltre alla puntuale e corretta applicazione degli standard di sicurezza imposti dalla normativa in vigore, con particolare riferimento all´adozione delle misure di sicurezza in conformità di quanto previsto dagli artt. 33-36 del Codice e dal Disciplinare Tecnico di cui all´Allegato B.

5. Conservazione dei dati - durata e aggiornamento
5.1 A seguito di controlli periodici,il Giornale verificherà la stretta pertinenza e la non eccedenza dei dati raccolti rispetto agli obblighi ed alle finalità del trattamento posto in essere, per quanto riguarda i dati che rivelano le opinioni e le intime convinzioni.
5.2 Ad eccezione dei dati di navigazione che non vengono conservati oltre una settimana dalla raccolta, gli altri dati verranno conservati in coerenza con lo scopo per il quale sono stati conferiti e comunque nel rispetto della normativa vigente.
5.3 Nel rispetto di quanto previsto dall´art. 11, co. 1, lett. c) Codice, i dati personali saranno aggiornati in seguito alla segnalazione dell´Interessato, in congruità con quanto previsto dall´art. 7, co. 3, lett. a) Codice.

6. Comunicazione e diffusione
6.1 il Giornale non procederà alla comunicazione diretta a terzi dei dati personali raccolti tramite il sito.
6.2 I dati relativi alla navigazione non verranno, in nessun caso, diffusi o comunicati. E´ fatta salva la eventuale comunicazione alle Autorità competenti in relazione alle attività necessarie all´accertamento e alla repressione dei reati.
6.3 I dati personali forniti dagli utenti, che inoltrano richieste di informazioni ai diversi indirizzi di posta elettronica presenti sul Sito, non sono comunicati a terzi.
6.4 Nell´ambito delle finalità indicate nella presente informativa, qualora sia necessario comunicare i dati a soggetti diversi dal Titolare, quest´ultimo provvederà alla designazione degli stessi quali Responsabili del trattamento.

7. Diritti dell´Interessato
7.1 Al Titolare del trattamento potranno essere inoltrate le richieste di cui all´art. 7 del Codice "Diritti dell´interessato", ossia, in particolare il diritto di:
- ottenere dal Titolare la conferma dell´esistenza di dati personali che lo riguardano e la comunicazione dei medesimi in forma intelligibile;
- conoscere l´origine dei dati, la logica e le finalità su cui si basa il loro trattamento;
- conoscere gli estremi identificativi dei Responsabili del trattamento e delle categorie di soggetti ai quali i dati possono essere comunicati o che possono venirne a conoscenza in qualità di Responsabili o Incaricati;
- ottenere la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati trattati in violazione della legge, come l´aggiornamento, la rettificazione o, qualora l´interessato vi abbia interesse, l´integrazione dei dati medesimi;
- opporsi in tutto o in parte, per motivi legittimi, al trattamento dei dati personali che lo riguardano ancorché pertinenti allo scopo della raccolta;
- opporsi in tutto o in parte al trattamento previsto ai fini di informazione commerciale o di invio di materiale pubblicitario.
Qualora, a seguito della richiesta di cui all´art. 7 del Codice non risulti confermata l´esistenza di dati che riguardano l´Interessato, potrà essere richiesto a quest´ultimo un contributo spese, comunque non superiore a Euro 10,00.

Le richieste dovranno essere rivolte ai Direttori del Giornale, Responsabili per le richieste ex art. 7, al seguente indirizzo e-mail:
info@rivoluzionedemocratica.it

Si prega di indicare nell´oggetto della comunicazione: "Richiesta ex art. 7 D. Lgs. 30 giugno 2003, n. 196 - Codice in materia di protezione dei dati personali".

8. Titolare ed elenco dei Responsabili del trattamento
Titolare del trattamento dei dati è il giornale on line "LA RIVOLUZIONE DEMOCRATICA" con sede a FIRENZE, mail: info@rivoluzionedemocratica.it
L´elenco aggiornato contenente i nominativi e i recapiti dei Responsabili è disponibile presso la sede del Titolare.
torna indietro leggi Informativa  obbligatorio

close
Utilizziamo i cookies
Questo sito utilizza cookie propri al fine di migliorare il funzionamento e monitorare le prestazioni del sito web e/o cookie derivati da strumenti esterni che consentono di inviare messaggi pubblicitari in linea con le tue preferenze, come dettagliato nella Cookie Policy. Per continuare è necessario autorizzare i nostri cookie. Cliccando sul pulsante ACCONSENTO, acconsenti all'uso dei cookie. Ignorando questo banner e navigando il sito acconsenti all'uso dei cookie.
Cookie Policy - Privacy Policy
Accetta i cookies necessari