14 Giugno 2024

PAOLO BAGNOLI: “IL LUNGO FILO NERO DEL POPULISMO“.
Romano Paolo Coppini

30-05-2024 - LA REDAZIONE
La serie di articoli che Paolo Bagnoli ha ritenuto opportuno raccogliere in questo volume sono un chiaro segno del suo impegno civile e politico, con cui, anche in questo buio periodo, ha voluto essere presente e stigmatizzare i pericoli per la nostra Costituzione dall'arrivo della Destra, erede di Almirante, a Palazzo Chigi.
Se la nuova legge elettorale, voluta da Renzi e da Berlusconi, per un loro governo di coalizione, ha dato la vittoria ad una realtà che ha fugato il loro sogno, con la vittoria al Movimento 5 Stelle “dalle idee confuse”, capace di “superare la democrazia della rappresentanza” con motivi “anti e post ideologici”. Mentre l'opposizione fa scelte ambigue, se si vuole “consolidare la democrazia costituzionale” occorre una rinascita di veri partiti “se non vogliamo che la sciolta destra diventi irreversibile” (p. 19). Purtroppo ce ne sono tutte le premesse: si è assistito al successo della Lega salviniana, per un momento andata al di là di ogni previsione; nel quadro europeo, allontanatasi la Merkel, anche il Presidente Macron non è andato così bene di fronte a Le Pen. Il Presidente francese, che “all'inizio del suo mandato si è proposto come paladino dell'Europa” non ha capito il mutamento rispetto al tempo di Mitterand e di Kohl.
Ormai la Seconda Repubblica ha comportato l'esplosione e l'affermazione “del sovranismo, del populismo, della demonizzazione della classe politica, del disconoscimento di ciò che rappresenta il Parlamento, di un antieuropeismo fondato su un nazionalismo fascisteggiante”, cui fa corona il razzismo come ideologia contro l'accoglienza. Si è aperta, in tal modo, la strada ad un antieuropeismo irrazionale, e “soprattutto – osserva ancora Bagnoli – in un momento in cui la nostra dipendenza del sistema europeo è molto stretta”, tale da impedire all'Italia di avere una voce nell'assetto comunitario” (p. 30).
La difficile rielezione di Mattarella “segn(ò) il punto di arrivo di una lunga crisi della Repubblica” (p. 39) e nacque dal vuoto politico in cui si trovava il Paese. La presenza simultanea del governo di Mario Draghi e la presidenza di Mattarella ha permesso all'Italia di stare in piedi, come scrive Bagnoli “nel congelamento dovuto a questo equilibrio: una specie di doppio commissariamento benedetto dall'Europa” (p. 39).
Ma l'effetto, l'autorevolezza di Draghi, con le garanzie fornite da Mattarella, “l'europeismo sparso a quattro mani”, denunciano che ai mali endemici di cui soffrivano si sono aggiunti “quelli dovuti alla sublimazione dell'antipolitica e della mancanza di una classe politica”. Infatti la crisi degli anni '90 ha visto sorgere un populismo antisistema: Antonio Di Pietro e Beppe Grillo sono stati la necessaria premessa del berlusconismo, mentre la Sinistra si suicidava destrutturando le stesse “modalità democratiche e l'idea stessa di partito” divenendo “strumento di incubazione di un populismo post-berlusconiano ben interpretata da Matteo Renzi”. Tutto ciò ha permesso a Renzi di archiviare lo Statuto dei lavoratori, e soprattutto ha consentito, in luoghi simbolo della presenza operaia, l'affermazione della Lega di Savini. Si è assistito all'annullamento di quei soggetti attivi e propulsivi delle istituzioni e della società, rappresentati dai partiti, senza i quali la Repubblica non avrà solidità morale.
Purtroppo il cambio genetico è avvenuto con l'avvento di Berlusconi, “istrionico incantatore dei poteri statuali e di larghe masse sociali”. Divenuto il dominus della ribalta politica “sono seguite le leggi che tornavano utili alla sua persona ed ai suoi interessi, mercato di parlamentari, barzellette, corna in riunioni di politica estera, i bunga bunga”, e soprattutto il “riposizionamento posturale della Rai in modo tale da non nuocere a Mediaset”. In tal modo è riuscito ad aprire una falla, che passando attraverso i governi tecnici e la colpevole passività di chi avrebbe avuto il dovere di opporvisi, ha condotto ad una destrutturazione dello Stato, genesi del populismo. Si è assistito ai successi dei Cinque Stelle e della Lega, e infine alla nascita di un sovranismo “che fa tutt'uno con la diffidenza nei confronti dell'Europa”, nonché all'approdo della Destra al governo del Paese, favorita da una legge costituzionale, che ha ridimensionato il numero dei parlamentari e “chiaramente incostituzionale” (p. 52). Di fronte all'assenza di una seria, vera opposizione della Sinistra si assiste all'occupazione di Palazzo Chigi da parte della Destra, di una vera Destra, insediatasi, fino ad ora, in un Paese europeo. Con l'avvento di questa Destra sembra finito il rapporto con la cultura antifascista, fondamento della Costituzione, che si sta lavorando per cambiarla a favore di “una semina populista fondata nella identificazione fra leader e popolo”, mutando gli equilibri istituzionali a favore di una Repubblica presidenziale.
Giorgia Meloni ha detto “per l'Europa è finita la pacchia” e, in effetti, i primi ad essere colpiti sono stati i diritti, i consultori, l'insegnamento agli emigrati, i diritti delle comunità omosessuali, mentre è aumentata la disaffezione alla partecipazione elettorale. Tutto ciò accade di fronte all'allontanamento delle masse dal PCI. Il caso che ha portato Elly Schlein alla segreteria del partito è emblematico, sottolinea Bagnoli. Le primarie sono un'espressione evidente di una deriva politica: il concetto gramsciano di egemonia, il rapporto con i cattolici si è dimostrato fallimentare proprio nel caso della irresistibile ascesa di Matteo Renzi. Tutti fattori che hanno “fornito benzina” al populismo della Lega e del Movimento 5 Stelle, mutilando la Costituzione, non più fondata sulla centralità del Parlamento, mentre la vittoria di Meloni ha gettato il PCI nel caos “mettendone a nudo i vuoti di pensiero e di presenza politica”, scrive Bagnoli.
La crisi del socialismo si era manifestata attraverso il personalismo del suo segretario Craxi, dopo che il socialismo aveva rappresentato la vera forza della democrazia italiana. Se si vuole ridare forza a quanto si eredita dalla lezione dei Rosselli si deve capire che il nuovo socialismo non può avere le sue radici che nel socialismo liberale. I diversi leader, Renzi e Conte, per primi, hanno portato allo sfasciamento del partito e alla crescente astensione dei suoi elettori, mentre veniva messo in un angolo anche quell'antifascismo, che era stato principio ineliminabile del partito fin dalla sua nascita. Infatti l'antifascismo appartiene a tutti gli italiani “che credono e nella libertà e nel suo valore supremo siano di sinistra, di centro o di destra” (p. 95).
Mentre Meloni affermava, in una sua “articolessa” pubblicata sul Corriere della Sera, che dovevano essere considerati “patrioti” “quelli che avevano combattuto da una parte e quelli che lo avevano fatto sull'altra”, questa affermazione è stata rivista subito da Mattarella, che andando al cuore del problema, scrive Bagnoli, sosteneva drasticamente: “la Resistenza fu anzitutto una rivolta morale di patrioti contro il fascismo per il riscatto nazionale, un moto di popolo” (p. 102).
La morte di Berlusconi ha rappresentato il peana nazionale per un uomo che aveva ammaliato il popolo italiano, facendogli trascurare le diverse falle della sua azione politica, lasciando da parte le sue più banali vicende personali.
Certamente si è così aperta la porta a quell'istinto di revisione costituzionale in senso sovranista con un Presidente del Consiglio eletto dal popolo, attraverso cui il Presidente della Repubblica sarebbe ridotto ad una figura secondaria. Contro questa impostazione, un vero e proprio attacco ai princìpi costituzionali, non si deve dimenticare “il fatto che il Presidente della Repubblica Italiana sia eletto dal Parlamento non è solo una procedura, ma la conseguenza di una scelta consapevolmente adottata”, in cui “il Parlamento diventa l'organo centrale e supremo della Repubblica” e i partiti politici, riconosciuti dalla Carta costituzionale, concorrono alla realizzazione del “programma”, che i princìpi fondanti della Repubblica devono esprimere (p. 120).
Il populismo attuale è dovuto allo “sfarinamento” progressivo della Repubblica, dovuto alla crisi dei partiti politici che avevano dato vita alla stagione della democrazia, dopo che attraverso la Resistenza avevano conquistato il mandato politico da parte del popolo italiano.




Link
[]
L'AVVENIRE DEI LAVORATORI
Periodico socialista fondato 1897.
[]
IL PONTE RIVISTA
Rivista di politica economica e cultura
fondata da Calamandrei
[]
BIBLION EDITORE
Biblion Edizioni, storica casa editrice.
[]
CRITICA LIBERALE - NON MOLLARE
"NON MOLLARE"
Quindicinale on line di Critica Liberale,
la voce del liberalismo progressista in Italia.





Nuova Serie
"La Rivoluzione Democratica"
1, MARZO 2017
Associazione Alleanza Giellista
[]

Realizzazione siti web www.sitoper.it
invia a un amico
icona per chiudere
Attenzione!
Non puoi effettuare più di 10 invii al giorno.
Privacy Policy per www.rivoluzionedemocratica.it
Il sito web www.rivoluzionedemocratica.it raccoglie alcuni dati personali degli utenti che navigano sul sito web.

In accordo con l'impegno e l'attenzione che poniamo ai dati personali e in accordo agli artt. 13 e 14 del EU GDPR, www.rivoluzionedemocratica.it fornisce informazioni su modalità, finalità, ambito di comunicazione e diffusione dei dati personali e diritti degli utenti.

Titolare del trattamento dei dati personali
La Rivoluzione Democratica
Via Circondaria, 56
55045 - Firenze Italia


Email: info @rivoluzionedemocratica.it
Telefono: 3934324237

Tipi di dati acquisiti
www.rivoluzionedemocratica.it raccoglie dati degli utenti direttamente o tramite terze parti. Le tipologie di dati raccolti sono: dati tecnici di navigazione, dati di utilizzo, email, nome, cognome, numero di telefono, provincia, nazione, cap, città, indirizzo, ragione sociale, stato, cookie e altre varie tipologie di dati. Maggiori dettagli sui dati raccolti vengono forniti nelle sezioni successive di questa stessa informativa.
I dati personali sono forniti deliberatamente dall'utente tramite la compilazione di form, oppure, nel caso di dati di utilizzo, come ad esempio i dati relativi alle statistiche di navigazione, sono raccolti automaticamente navigando sulle pagine di www.rivoluzionedemocratica.it.

I dati richiesti dai form sono divisi tra obbligatori e facoltativi; su ciascun form saranno indicate distintamente le due tipologie. Nel caso in cui l'utente preferisca non comunicare dati obbligatori, www.rivoluzionedemocratica.it si riserva il diritto di non fornire il servizio. Nel caso in cui l'utente preferisca non comunicare dati facoltativi, il servizio sarà fornito ugualmente da www.rivoluzionedemocratica.it .

www.rivoluzionedemocratica.it utilizza strumenti di statistica per il tracciamento della navigazione degli utenti, l'analisi avviene tramite log. Non utilizza direttamente cookie ma può utilizzare cookie includendo servizi di terzi.

Ciascun utilizzo di cookie viene dettagliato nella Cookie Policy (https://www.rivoluzionedemocratica.it/Informativa-sui-cookies.htm) e successivamente in questa stessa informativa.
L'utente che comunichi, pubblichi, diffonda, condivida o ottenga dati personali di terzi tramite www.rivoluzionedemocratica.it si assume la completa responsabilità degli stessi. L'utente libera il titolare del sito web da qualsiasi responsabilità diretta e verso terzi, garantendo di avere il diritto alla comunicazione, pubblicazione, diffusione degli stessi. www.rivoluzionedemocratica.it non fornisce servizi a minori di 18 anni. In caso di richieste effettuate per minori deve essere il genitore, o chi detiene la patria potestà, a compilare le richieste dati.

Modalità, luoghi e tempi del trattamento dei dati acquisiti
Modalità di trattamento dei dati acquisiti
Il titolare ha progettato un sistema informatico opportuno a garantire misure di sicurezza ritenute adatte ad impedire l'accesso, la divulgazione, la modifica o la cancellazione non autorizzata di dati personali. Lo stesso sistema effettua copie giornaliere, ritenute sufficientemente adeguate in base alla importanza dei dati contenuti.

L'utente ha diritto a ottenere informazioni in merito alle misure di sicurezza adottate dal titolare per proteggere i dati.

Accessi ai dati oltre al titolare
Hanno accesso ai dati personali raccolti da www.rivoluzionedemocratica.it il personale interno (quale ad esempio amministrativo, commerciale, marketing, legale, amministratori di sistema) e/o soggetti esterni (quali ad esempio fornitori di servizi informatici terzi, webfarm, agenzie di comunicazione, fornitori di servizi complementari). Se necessario tali strutture sono nominate dal titolare responsabili del trattamento.

L'utente può richiedere in qualsiasi momento al titolare del trattamento, l'elenco aggiornato dei responsabili del trattamento.

Comunicazione di eventuali accessi indesiderati al Garante della Privacy
Il suddetto sistema informatico è monitorato e controllato giornalmente da tecnici e sistemisti. Ciò non toglie che, anche se ritenuta possibilità remota, ci possa essere un accesso indesiderato. Nel caso in cui questo si verifichi il titolare si impegna, come da GDPR ad effettuarne comunicazione al Garante della Privacy entro i termini previsti dalla legge.

Luoghi di mantenimento dei dati acquisiti
I dati personali sono mantenuti e trattati nelle sedi operative e amministrative del titolare, nonché nelle webfarm dove risiedono i server che ospitano il sito web www.rivoluzionedemocratica.it, o sui server che ne effettuano le copie di sicurezza. I dati personali dell'utente possono risiedere in Italia, Germania e Olanda, comunque in nazioni della Comunità Europea. I dati personali dell'utente non vengono mai portati o copiati fuori dal territorio europeo.

Tempi di mantenimento dei dati acquisiti
Nel caso di dati acquisiti per fornire un servizio all'utente, (sia per un servizio acquistato che in prova) i dati vengono conservati per 24 mesi successivi al completamento del servizio. Oppure fino a quando non ne venga revocato il consenso.

Nel caso in cui il titolare fosse obbligato a conservare i dati personali in ottemperanza di un obbligo di legge o per ordine di autorità, il titolare può conservare i dati per un tempo maggiore, necessario agli obblighi.

Al termine del periodo di conservazione i dati personali saranno cancellati. Dopo il termine, non sarà più possibile accedere ai propri dati, richiederne la cancellazione e la portabilità.

Base giuridica del trattamento dei dati acquisiti
Il titolare acquisisce dati personali degli utenti nei casi sotto descritti.
Il trattamento si rende necessario:
- se l'utente ha deliberatamente accettato il trattamento per una o più finalità;
- per fornire un preventivo all'utente;
- per fornire un contratto all'utente;
- per fornire un servizio all'utente;
- perché il titolare possa adempiere ad un obbligo di legge;
- perché il titolare possa adempiere ad un compito di interesse pubblico;
- perché il titolare possa adempiere ad un esercizio di pubblici poteri;
- perché il titolare o terzi possano perseguire i propri legittimi interessi.

L'utente può richiedere in qualsiasi momento al titolare del trattamento, chiarimenti sulla base giuridica di ciascun trattamento.

Finalità del trattamento dei dati acquisiti
I dati dell'utente sono raccolti dal titolare per le seguenti finalità:

- richiesta informazione da parte dell'utente
- richiesta informazione per servizi
- invio di aggiornamenti
- invio informazioni generiche
- richiesta di contatto da parte dei clienti, per ricevere informazioni

Eventualmente i dati possono essere trattati anche per:
contattare l'utente, statistiche, analisi dei comportamenti degli utenti e registrazione sessioni, visualizzazione contenuti e interazione di applicazioni esterne, protezione dallo spam, gestione dei pagamenti, interazione con social network, pubblicità.

L'utente può richiedere in qualsiasi momento al titolare del trattamento, chiarimenti sulle finalità di ciascun trattamento.

Dettagli specifici sull'acquisizione e uso dei dati personali
Per contattare l'utente
Moduli di contatto
L'utente può compilare il/i moduli di contatto/richiesta informazioni, inserendo i propri dati e acconsentendo al loro uso per rispondere alle richieste di natura indicata nella intestazione del modulo.
Dati personali che potrebbero essere raccolti: CAP, città, cognome, email, indirizzo, nazione, nome, numero di telefono, provincia, ragione sociale.

Per interazione con applicazioni esterne (anche social network)
www.rivoluzionedemocratica.it include nelle sue pagine plugin e/o pulsanti per interagire con i social network e/o applicazioni esterne.
Per quanto riguarda i social network, anche se l'utente non utilizza il servizio presente sulla pagina web, è possibile che il servizio acquisisca dati di traffico.

I dati acquisiti e l'utilizzo degli stessi da parte di servizi terzi sono regolamentati dalle rispettive Privacy Policy alle quali si prega di fare riferimento.

Facebook: Pulsante "Mi piace" e widget sociali
Fornitore del servizio: Meta Platforms Ireland Limited.
Finalità del servizio: interazione con il social network Facebook
Dati personali raccolti: cookie, dati di utilizzo
Luogo del trattamento: Stati Uniti e in altri Paesi
Privacy Policy (https://www.facebook.com/privacy/policy)

Twitter: Pulsante "Tweet" e widget sociali
Fornitore del servizio: Twitter, Inc.
Finalità del servizio: interazione con il social network Twitter
Dati personali raccolti: cookie, dati di utilizzo
Luogo del trattamento: Stati Uniti
Privacy Policy (https://twitter.com/privacy)
Cookie utilizzati (https://help.twitter.com/it/rules-and-policies/twitter-cookies)
Aderente al Privacy Shield

Whatsapp: Pulsante Whatsapp e widget sociali di Whatsapp
Fornitore del servizio: se l'utente risiede nella Regione Europea, WhatsApp Ireland Limited, se l'utente risiede al di fuori della Regione Europea, i Servizi vengono forniti da WhatsApp LLC.
Finalità del servizio: servizi di interazione con Whatsapp.
Dati personali raccolti: cookie, dati di utilizzo
Luogo del trattamento: Irlanda, le informazioni potrebbero essere trasferite o trasmesse o archiviate e trattate negli Stati Uniti o in altri Paesi terzi al di fuori di quello in cui l'utente risiede.
Privacy Policy (https://www.whatsapp.com/legal/privacy-policy-eea)
Aderente al Privacy Shield

Per statistiche
Questi servizi sono utilizzati dal titolare del trattamento per analizzare il traffico effettuato dagli utenti sul sito web www.rivoluzionedemocratica.it.

I dati acquisiti e l'utilizzo degli stessi da parte di servizi terzi sono regolamentati dalle rispettive Privacy Policy alle quali si prega di fare riferimento.

Per visualizzare contenuti da siti web esterni
Questi servizi sono utilizzati per visualizzare sulle pagine del sito web contenuti esterni al sito web, con possibilità di interazione.
Anche se l'utente non utilizza il servizio presente sulla pagina web, è possibile che il servizio acquisisca dati di traffico.

I dati acquisiti e l'utilizzo degli stessi da parte di servizi terzi sono regolamentati dalle rispettive Privacy Policy alle quali si prega di fare riferimento.

Diritti dell'interessato
L'utente possiede tutti i diritti previsti dall'art. 12 del EU GDPR, il diritto di controllare, modificare e integrare (rettificare), cancellare i propri dati personali accedendo alla propria area riservata. Una volta cancellati tutti i dati, viene chiuso l'account di accesso all'area riservata.

Nello specifico ha il diritto di:
- sapere se il titolare detiene dati personali relativi all'utente (art. 15 Diritto all'accesso);
- modificare o integrare (rettificare) i dati personali inesatti o incompleti (Art. 16 Diritto di rettifica);
- richiedere la cancellazione di uno o parte dei dati personali mantenuti se sussiste uno dei motivi previsti dal GDPR (Diritto alla Cancellazione, 17);
- limitare il trattamento solo a parte dei dati personali, o revocarne completamente il consenso al trattamento, se sussiste uno dei motivi previsti dal Regolamento (Art. 18 Diritto alla limitazione del trattamento);
- ricevere copia di tutti i dati personali in possesso del titolare, in formato di uso comune organizzato, e leggibili anche da dispositivo automatico (Art. 20, Diritto alla Portabilità);
- opporsi in tutto o in parte al trattamento dei dati per finalità di marketing, ad esempio opporsi e ricevere offerte pubblicitarie (art. 21 Diritto di opposizione). Si fa presente agli utenti che possono opporsi al trattamento dei dati utilizzati per scopo pubblicitario, senza fornire alcuna motivazione;
- opporsi al trattamento dei dati in modalità automatica o meno per finalità di profilazione (c.d. Consenso).

Come un utente può esercitare i propri diritti
L'utente può esercitare i propri diritti sopra esposti comunicandone richiesta al titolare del trattamento La Rivoluzione Democratica ai seguenti recapiti: info@rivoluzionedemocratica.it; tel. 3312300680.

La richiesta di esercitare un proprio diritto non ha nessun costo. Il titolare si impegna ad evadere le richieste nel minor tempo possibile, e comunque entro un mese.

L'utente ha il diritto di proporre reclamo all'Autorità Garante per la Protezione dei dati Personali. Recapiti: garante@gpdp.it, http://www.gpdp.it (http://www.gpdp.it).

Cookie Policy
Informazioni aggiuntive sul trattamento dei dati
Difesa in giudizio
Nel caso di ricorso al tribunale per abuso da parte dell'utente nell'utilizzo di www.rivoluzionedemocratica.it o dei servizi a esso collegati, il titolare ha la facoltà di rivelare i dati personali dell'utente. È inoltre obbligato a fornire i suddetti dati su richiesta delle autorità pubbliche.

Richiesta di informative specifiche
L'utente ha diritto di richiedere a www.rivoluzionedemocratica.it informative specifiche sui servizi presenti sul sito web e/o la raccolta e l'utilizzo dei dati personali.

Raccolta dati per log di sistema e manutenzione
www.rivoluzionedemocratica.it e/o i servizi di terze parti (se presenti) possono raccogliere i dati personali dell'utente, come ad esempio l'indirizzo IP, sotto forma di log di sistema. La raccolta di questi dati è legata al funzionamento e alla manutenzione del sito web.

Informazioni non contenute in questa policy
L'utente ha diritto di richiedere in ogni momento al titolare del trattamento dei dati le informazioni aggiuntive non presenti in questa Policy riguardanti il trattamento dei dati personali. Il titolare potrà essere contattato tramite gli estremi di contatto.

Supporto per le richieste "Do Not Track"
Le richieste  "Do Not Track" non sono supportate da www.rivoluzionedemocratica.it.
L'utente è invitato a consultare le Privacy Policy dei servizi terzi sopra elencati per scoprire quali supportano questo tipo di richieste.

Modifiche a questa Privacy Policy
Il titolare ha il diritto di modificare questo documento avvisando gli utenti su questa stessa pagina oppure, se previsto, tramite i contatti di cui è in possesso. L'utente è quindi invitato a consultare periodicamente questa pagina. Per conferma sull'effettiva modifica consultare la data di ultima modifica indicata in fondo alla pagina.
Il titolare si occuperà di raccogliere nuovamente il consenso degli utenti nel caso in cui le modifiche a questo documento riguardino trattamenti di dati per i quali è necessario il consenso.

Definizioni e riferimenti legali
Dati personali (o dati, o dati dell'utente)
Sono dati personali le informazioni che identificano o rendono identificabile, direttamente o indirettamente, una persona fisica e che possono fornire informazioni sulle sue caratteristiche, le sue abitudini, il suo stile di vita, le sue relazioni personali, il suo stato di salute, la sua situazione economica, ecc.

Fonte: sito web del Garante della Privacy (http://www.garanteprivacy.it).

Dati di utilizzo
Sono dati di utilizzo le informazioni che vengono raccolte in automatico durante la navigazione di www.rivoluzionedemocratica.it, sia da sito web stesso che dalle applicazioni di terzi incluse nel sito. Sono esempi di dati di utilizzo l'indirizzo IP e i dettagli del dispositivo e del browser (compresi la localizzazione geografica) che l'utente utilizza per navigare sul sito, le pagine visualizzate e la durata della permanenza dell'utente sulle singole pagine.

Utente
Il soggetto che fa uso del sito web www.rivoluzionedemocratica.it.
Coincide con l'interessato, salvo dove diversamente specificato.

Interessato
Interessato è la persona fisica al quale si riferiscono i dati personali. Quindi, se un trattamento riguarda, ad esempio, l'indirizzo, il codice fiscale, ecc. di Mario Rossi, questa persona è l'interessato (articolo 4, paragrafo 1, punto 1), del Regolamento UE 2016/679 (http://www.garanteprivacy.it/regolamentoue).

Fonte: sito web del Garante della Privacy (http://www.garanteprivacy.it).

Responsabile del trattamento (o responsabile)
Responsabile è la persona fisica o giuridica al quale il titolare affida, anche all'esterno della sua struttura organizzativa, specifici e definiti compiti di gestione e controllo per suo conto del trattamento dei dati (articolo 4, paragrafo 1, punto 8), del Regolamento UE 2016/679 (http://www.garanteprivacy.it/regolamentoue). Il Regolamento medesimo ha introdotto la possibilità che un responsabile possa, a sua volta e secondo determinate condizioni, designare un altro soggetto c.d. "sub-responsabile" (articolo 28, paragrafo 2).

Fonte: sito web del Garante della Privacy (http://www.garanteprivacy.it).

Titolare del trattamento (o titolare)
Titolare è la persona fisica, l'autorità pubblica, l'impresa, l'ente pubblico o privato, l'associazione, ecc., che adotta le decisioni sugli scopi e sulle modalità del trattamento (articolo 4, paragrafo 1, punto 7), del Regolamento UE 2016/679 (http://www.garanteprivacy.it/regolamentoue).

Fonte: sito web del Garante della Privacy (http://www.garanteprivacy.it).

www.rivoluzionedemocratica.it (o sito web)  
Il sito web mediante il quale sono raccolti e trattati i dati personali degli utenti.

Servizio
Il servizio offerto dal sito web www.rivoluzionedemocratica.it come indicato nei relativi termini.

Comunità Europea (o UE)
Ogni riferimento relativo alla Comunità Europea si estende a tutti gli attuali stati membri dell'Unione Europea e dello Spazio Economico Europeo, salvo dove diversamente specificato.

Cookie
Dati conservati all'interno del dispositivo dell'utente.

Riferimenti legali
La presente informativa è redatta sulla base di molteplici ordinamenti legislativi, inclusi gli artt. 13 e 14 del Regolamento (UE) 2016/679. Questa informativa riguarda esclusivamente www.rivoluzionedemocratica.it, dove non diversamente specificato.

Informativa privacy aggiornata il 07/10/2022 12:44
torna indietro leggi Privacy Policy per www.rivoluzionedemocratica.it
 obbligatorio
generic image refresh

cookie