06 Ottobre 2022

"OTTILIE BAADER"

17-12-2021 - DONNE E SOCIALISMO di Ferdinando Leonzio
Ottilie Baader è una di quelle oscure eroine che, emergendo da un iniziale anonimato, con l'azione e con l'esempio, hanno fatto la storia del mondo e del socialismo in particolare.
Vissuta, anzi sopravvissuta a una vita di stenti che le aveva rubato l'infanzia e l'adolescenza, è stata una di quelle persone che, attraverso un enorme sforzo di volontá, supportata da una grande vocazione altruista, sono riuscite a squarciare le tenebre dell'ignoranza, intestandosi la generosa missione di aprire agli altri la strada dell'avvenire.
La Baader è stata una di quelle donne che hanno costruito il movimento socialista e femminista, consegnando alle generazioni future una strada per conseguire il riscatto degli ultimi.

In Germania, a differenza di quanto accadde in altri Paesi, fu essenzialmente il Partito socialista a costruire i sindacati. Sopravvissuto a 12 anni di semiclandestinitá, a causa delle leggi antisocialiste del 1878, e anche alle vessazioni subite dal regime gug
lielmino tedesco, esso si caratterizzo' come partito alternativo all'ordine economico, sociale e politico allora esistente.
Il movimento delle lavoratrici, strettamente collegato col movimento socialista generale, organizzava le donne in sindacati e svolgeva anche compiti politici e attivitá culturali ed educative.
Esso era alieno dal collaborare col femminismo borghese, in quanto riteneva che la completa liberazione della donna si sarebbe avuta solo modificando il regime politico ed economico, cioè con l'avvento del socialismo.

Ottavie Baader nacque il 30 maggio 1847 nel villaggio di Rakov, in Polonia [1], da Johanna Gunzel, sarta, e da Gustav Baader (1812-1897), un operaio che lavorava in uno zuccherificio di Francoforte sull'Oder.
Quando la madre, giovanissima, morí di tubercolosi (1855), Ottilie, la maggiore di quattro figli, aveva poco piú di sette anni; riuscí pero' a frequentare la scuola media di Francoforte per quattro anni (1857-60), arricchendo comunque la sua cultura con gli insegnamenti serali del padre.
Costui, non piú risposatosi, il 3 dicembre 1860 decise di trasferirsi a Berlino, per andare a lavorare in una fonderia di ferro, onde disporre di un miglior salario che gli consentisse di mantenere la sua numerosa famiglia.
Ma il solo salario del padre non poteva bastare e cosí anche la tredicenne Ottilie, pur dovendo gestire la casa e accudire i fratellini, trovo' lavoro, prima in una sala di cucito (12 ore di lavoro al giorno, tre talleri al mese), dove rimase fino al 1865, poi in una filanda (1865-67) [2] e quindi in fabbrica tessile, fino al 1870-71.

Quando, a causa della guerra franco-prussiana, le ordinazioni si contrassero, la direzione della fabbrica in cui lavorava progetto' di scaricare sulle lavoratrici il mancato profitto, addirittura dimezzando loro il salario. Ma Ottilie, alla testa di 50 sarte incollate per mezza giornata alle macchine da cucire e ancora ignare di ogni forma di organizzazione sindacale, riuscí ad evitare quella mascalzonata, minacciando uno sciopero:
Siamo rimaste sorprese dal nostro successo. E il proprietario ha trovato altrettanto nuovo che le lavoratrici si unissero e facessero richieste comuni [3].
Ma Ottilie, ormai presa di mira dal padronato, dopo poco tempo fu costretta a dimettersi.

A partire all'incirca dal 1880 la Germania aveva avuto un notevole sviluppo industriale, in particolare nel settore tessile e dell'abbigliamento. In questo quadro era cresciuto notevolmente l'impiego di manodopera femminile malpagata. Le donne lavoravano in fabbrica, in terribili condizioni igieniche e sotto la stretta sorveglianza del vorace padronato; ma si sviluppava pure il lavoro a domicilio, pagato a cottimo.
Ottilie dunque, lasciato il lavoro in fabbrica, riuscí a comprarsi una macchina da cucire e comincio' a fare la lavoratrice sarta a domicilio. Lavoro altrettanto faticoso dell'altro, ma con la possibilitá di gestire la propria vita e i propri tempi di lavoro:
Questo significava alzarsi alle 4 del mattino per fare le faccende domestiche e preparare i pasti. Avevo un piccolo orologio davanti a me mentre lavoravo e mi assicuravo che una dozzina di colletti non impiegasse più tempo della dozzina precedente. Niente mi dava più motivo di felicità che poter risparmiare qualche minuto.
Questa situazione durerá per lunghi anni, durante i quali Ottilie vedrá sfiorire senza gioie la propria giovinezza e dovrá affrontare dolorose vicende familiari.
Doveva assistere il padre, da tempo divenuto invalido e dunque impossibilitato a lavorare; una sua sorella minore [4] morí annegata durante una gita in barca; si assunse l'onere di allevare la bambina di suo fratello, a cui era morta la moglie in giovane etá; si affezionano' moltissimo alla nipotina, ma dovette restituire la bambina al fratello, quando costui si risposo'; morto anche il fratello, dopo qualche anno, dovette prendersi cura anche dei due figli da lui avuti dalla seconda moglie, la quale era impossibilitata ad occuparsene, dovendo a sua volta lavorare per sopravvivere.
Insomma le tocco' fare da padre e da madre a tutti, rinunciando ad ogni gioia personale:

Non posso dire di essere sempre stata felice. Dopotutto, mi aspettavo di ottenere qualcosa di più dalla vita. Ci sono stati momenti in cui ero così stanca della vita, seduta alla macchina da cucire anno dopo anno, sempre una pila di colletti e polsini lì davanti a me, una dozzina dopo l'altra; la vita non aveva alcun significato, eri solo una macchina da lavoro senza prospettive future. E non hai visto e sentito nulla delle cose belle della vita; eri semplicemente esclusa da tutto questo.

Ma qualcos'altro stava avvenendo nel frattempo. Mentre lavorava, il padre, da tempo vicino alla socialdemocrazia, per allevia
rle la fatica, le leggeva l'opera piú famosa di Karl Marx, Il Capitale e gli scritti dell'amato capo del socialismo tedesco, August Bebel e in particolare il suo capolavoro La donna e il socialismo.
Ottilie che, fin da bambina, aveva vissuto sul campo la dura vita del proletariato tedesco, costituiva un terreno fertile per le idee socialiste; il successivo studio e approfondimento, assieme all'esperienza di vita, porteranno la Nostra ad un'adesione piena e cosciente al socialismo e al femminismo.
La Baader fece anche parte di un'associazione benefica fondata da Lina Morgenstern, che si occupava della creazione di asili nido frobeliani [5] e di pasti ai bisognosi a prezzi molto bassi.

Dall'ottobre 1878 le leggi antisocialiste [6], volute dal cancelliere Bismark, rendevano estremamente pericolosa ogni forma di attivitá socialista. Esse miravano a impedire lo sviluppo al Partito Socialista Operaio di Germania (SAPD), come allora si chiamava la socialdemocrazia tedesca [7], impedendo la formazione di gruppi e le riunioni miranti a diffondere le idee del socialismo, vietando i sindacati e la stampa socialista [8].
Una limitata libertá i socialisti l'avevano per la propaganda elettorale, tanto per dare una copertura liberale al regime imperiale. Per i deputati, inoltre, vigeva una censura molto limitata e i loro discorsi al Reichstag potevano essere fatti circolare.
Cosa che fecero puntualmente i piú coraggiosi fra i socialisti, in particolare con i discorsi parlamentari di Bebel, che venivano letti e commentati.
Cosa che appunto facevano anche Ottilie e suo padre.
I socialdemocratici cercarono di eludere queste misure liberticide in vari modi: facendo candidare i propri rappresentanti come indipendenti, facendo stampare in Svizzera e in Inghilterra la loro principale rivista Il Socialdemocratico, per poi introdurla clandestinamente in Germania; camuffando i circoli socialisti da societá sportive o da circoli degli scacchi, mentre le locande gestite da socialisti ospitavano riunioni politiche clandestine [9].

Proprio in questo duro periodo di persecuzioni, caratterizzato, fra l'altro, dalla discesa dei salari, dall'aumento degli affitti, dall'impoverimento proletario, dall'incremento della prostituzione, si sviluppo al massimo l'impegno politico ufficioso [10] nelle file socialdemocratiche di Ottilie Baader, spesso inutilmente disapprovata dal padre [11].
Nel 1879 per la prima volta Ottilie parlò in pubblico in una riunione di operai, ottenendo notevoli consensi.
I temi che lei amava toccare erano la paritá di diritti fra uomini e donne, il suffragio femminile, il miglioramento delle condizioni di lavoro per tutti, l'organizzazione dei lavoratori.
Dal 1882 in poi la troviamo piú direttamente collegata col partito socialdemocratico, anche se allora era ancora in vigore la legge che vietava alle donne ogni attivitá politica. Era anche vicina ai sindacati e ad altre organizzazioni sorte a tutela delle donne.
Nel 1885 aderí all'Associazione per la promozione degli interessi delle donne lavoratrici, fondata dalle socialdemocratiche Gertrude Guillame-Schack (1845-1903) e Emma Ihrer (1858-1911).
Nel 1885-86 svolse compiti di rappresentanza per l' Associazione delle sarte di Berlino e per questo nel 1888 fu condannata al carcere, ma la sentenza non venne eseguita, grazie ad un'amnistia. Lei, comunque, continuo' a costituire associazioni sindacali di varie categorie, ricoprendo in esse vari incarichi.

Anche quando caddero le leggi antisocialiste (1890) alle donne rimase proibito, fino al 1908, aderire a un partito. Per l'SPD fu dunque necessario servirsi di espedienti per potere utilizzare organizzativamente il contributo delle donne socialiste. Fra l'altro, si invento' la figura della “persona di fiducia”, che essendo un singolo e non un'associazione di piú persone, non poteva essere sciolta o bandita.
Nel 1899 Ottilie, oratrice travolgente, fu cosí nominata “persona di fiducia” dei socialdemocratici di Berlino e nel 1900 dell'organizzazione centrale del partito, dove lavoro' come funzionaria volontaria, solo dal 1904 stipendiata [12], col compito di curare il movimento femminile. In questo compito la Baader svolse un ruolo di primo piano: lavorando spesso con la famosa Clara Zetkin [13], non si risparmio' mai, parlando in circa cinquecento tra assemblee e conferenze, nazionali e internazionali.
Giro' l'intera Germania, chiedendo sempre l' introduzione del suffragio femminile, una particolare tutela normativa per la madre e il bambino, un'elevazione culturale per le donne, scrivendo sul giornale socialista e femminista L'Uguaglianza, diretto dalla Zetkin [14].
Fu dunque, in assoluto, la prima funzionaria a tempo pieno di un partito e la fondatrice della sezione femminile dell'SPD.
Nel 1906 fu istituito un “Ufficio nazionale delle donne socialdemocratiche” diretto dalla Baader, a cui fu assegnata una segretaria.

Quando cesso' il divieto per le donne di fare politica (1908), le socialdemocratiche poterono finalmente aderire ufficialmente al partito. Ma per le principali leader socialiste, come Clara Zetkin (1857-1933), Luise Zietz (1965-1922) e, appunto, Ottilie Baader (1847-1925) questo non poteva bastare: occorreva un'organizzazione separata, tutta al femminile, anche per superare nel partito il perdurare delle gerarchie di genere. L'SPD, accolte tali richieste, dispose che in tutte le sedi periferiche ci fosse almeno una donna nel Comitato Esecutivo e istituí un Ufficio Femminile[15]. Ottilie svolse un ruolo di dirigente di tale settore. Nell'esecutivo nazionale del partito fu pero' inserita una sola donna: Luise Zietz, della corrente centrista di Hugo Haase.
La libera integrazione del movimento delle donne nel partito favorí il reclutamento di massa: dalle 6.460 (ufficiosamente) aderenti all'SPD del 1906 e dalle 29.458 del 1908 si passo' alle 62.000 del 1909, alle 82.642 del 1910 e alle 174.474 del 1914.
Contemporaneamente aumento' l'adesione femminile ai sindacati.

Cresciuta di prestigio e di popolaritá, la Baader partecipo', come delegata dell'SPD al 2° congresso della Seconda Internazionale[16]. Vi era stata delegata da un'assemblea, popolare, tenutasi il 9 luglio 1891, alla quale avevano partecipato oltre 5.000 persone. Era questo un segno del rispetto e dell'apprezzamento, guadagnati sul campo, in mille battaglie combattute nell'interesse dei lavoratori, di cui godeva l'agitatrice socialista, da tempo funzionaria al servizio del proletariato.
Il 10 luglio 1891, per rispondere ad un richiesta di notizie avanzata dal governo belga[17], cosí la polizia di Berlino descrisse Ottilie Baader:
Da circa due anni si batte per la socialdemocrazia nelle assemblee pubbliche di varie associazioni di lavoratori e in particolare sostiene la parità di diritti per le donne e la riduzione dell'orario di lavoro.
Sará delegata anche al 4° congresso della Seconda Internazionale, tenuto a Londra dal 27 luglio al 1° agosto 1896, con la partecipazione di 476 delegati [18].
Innumerevoli le sue partecipazioni a congressi sindacali, in particolare a quelli dei sarti e dei lavoratori a domicilio, ai congressi locali e nazionali dell'SPD e alle conferenze femminili a tutti i livelli. Un'attivitá frenetica, inarrestabile.
Clara Zetkin la definirá un genio combattente.

Tra un congresso e una conferenza, sempre in giro per la Germania, Ottilie, il 27 settembre 1911, trovo' il tempo di sposare August Dietrichs, un oste socialdemocratico di Orianenburg (Branderburgo), che morirá dopo pochi anni.
La Baader rimase funzionaria centrale dell'SPD, a capo dell'Ufficio femminile, fino a quando, nel 1917, quest' ultimo fu sciolto.

La fervente socialista ed attivista, ormai settantenne, lascio' allora la politica attiva e si dedico' a scrivere la sua autobiografia, Memorie di una socialista, che fu pubblicata nel 1921.
Morí il 24 luglio 1925 nell'ospedale Rudolf Virchov di Berlino. Il funerale ebbe luogo due giorni dopo.
Il 19 settembre 1925 fu commemorata nel congresso dell'SPD di Heidelberg.
Nel 1985 le sará intitola una strada di Amburgo e nel 1996 una piazza di Berlino.




[1] Allora pero' si chiamava Rakau e apparteneva alla Germania. Dal 1945 é passato alla Polonia.
[2] Nel 1865 partecipo' alla lotta delle sarte di Berlino contro il minacciato aumento del prezzo del filo per cucire.
[3] I corsivi riportati nel testo sono tratti dall'autobiografia di Ottilie Baader. Ein steiniger Weg. Lebenserinnerungen einer Sozialistin (Una strada rocciosa/ Memorie di una socialista).
[4] L'altra sorella era sposata.
[5] Lina Mogernstern (1830-1909), femminista, pacifista ed educatrice, sosteneva la creazione di asili nido, secondo gli insegnamenti del pedagogo Friedrich Frobel.
[6] Per “leggi antisocialiste” si intendevano la legge contro le mire socialmente pericolose della socialdemocrazia e le sue proroghe, che la mantennero in vigore per dodici anni, fino al 1890.
[7] Il SAPD era stato fondato nel maggio 1875. Dal 1890 assumerá il nome di Partito Socialdemocratico di Germania (SPD), che conserva tutt'ora.
[8] Durante il periodo delle leggi antisocialiste furono chiusi 155 periodici, proibiti 1500 tra libri e stampati vari, arrestate 1500 persone, chiusi centinaia di circoli socialisti.
[9] Malgrado gli ostacoli frapposti dalle autoritá, il partito socialdemocratico nel periodo delle persecuzioni riuscí a crescere, passando dai 437.000 voti del 1878 ai 763.000 del 1887.
[10] Alle donne tedesche, fino al 1908, era vietato iscriversi a partiti politici.
[11] Il padre, pur essendo anch'egli un socialdemocratico, inizialmente non approvava l'impegno politico della figlia.
[12] Dal luglio 1904 la Baader riceveva dall'Esecutivo del partito uno stipendio annuo di 1800 marchi.
[13] In occasione del VII congresso della Seconda Internazionale, tenutosi a Stoccarda nel 1907, fu tenuta una “Conferenza internazionale delle donne socialiste” (58 delegate di 13 Paesi). La Conferenza decise di creare un “Ufficio di informazione internazionale delle donne socialiste”. Clara Zetkin ne fu eletta segretaria e la rivista da lei diretta Die Gleichhit (L'uguaglianda) fu designata organo del movimento internazionale delle donne socialiste.
[14] La rivista (1892-1923), bimestrale del movimento delle donne socialdemocratiche tedesche, per un lungo periodo anche organo dell'organizzazione internazionale delle donne socialiste, fu diretta da Clara Zetkin dall'inizio al 1917.
[15] L'Úfficio Femminile era tuttavia subordinato al Comitato Esecutivo nazionale del partito.
[16] Il congresso si svolse a Bruxelles dal 16 al 22 agosto 1891. Vi parteciparono 337 delegati di 15 Paesi. Vi furono prese anche importanti decisioni, fra cui la proclamazione del 1° maggio come giornata di lotta internazionale per le 8 ore (poi „Festa del Lavoro“) e la presa ufficiale di posizione per la paritá dei diritti civili e politici fra uomo e donna.
[17] Il congresso dell'Internazionale, come giá ricordato, si sarebbe svolto in territorio belga.
[18] Fra essi i piú celebri esponenti del socialismo marxista mondiale di quel periodo, come i tedeschi August Bebel (1840-1913), Wilhelm Liebknecht (1826-1900) e Paul Singer (1844-1911), l'austriaco Victor Adler (1852-1918) e il russo Giorgij Plekanov (1856-1918). Il congresso espulse definitivamente gli anarchici dall'Internazionale.



Fonte: di FERDINANDO LEONZIO
Link
[]
L'AVVENIRE DEI LAVORATORI
Periodico socialista fondato 1897.
[]
IL PONTE RIVISTA
Rivista di politica economica e cultura
fondata da Calamandrei
[]
BIBLION EDITORE
Biblion Edizioni, storica casa editrice.
[]
CRITICA LIBERALE - NON MOLLARE
"NON MOLLARE"
Quindicinale on line di Critica Liberale,
la voce del liberalismo progressista in Italia.





Nuova Serie
"La Rivoluzione Democratica"
1, MARZO 2017
Associazione Alleanza Giellista
[]

Realizzazione siti web www.sitoper.it
invia a un amico
icona per chiudere
Attenzione!
Non puoi effettuare più di 10 invii al giorno.
Privacy Policy per www.rivoluzionedemocratica.it
Il sito web www.rivoluzionedemocratica.it raccoglie alcuni dati personali degli utenti che navigano sul sito web.

In accordo con l'impegno e l'attenzione che poniamo ai dati personali e in accordo agli artt. 13 e 14 del EU GDPR, www.rivoluzionedemocratica.it fornisce informazioni su modalità, finalità, ambito di comunicazione e diffusione dei dati personali e diritti degli utenti.

Titolare del trattamento dei dati personali
La Rivoluzione Democratica
Via Circondaria, 56
55045 - Firenze Italia


Email: info @rivoluzionedemocratica.it
Telefono: 3934324237

Tipi di dati acquisiti
www.rivoluzionedemocratica.it raccoglie dati degli utenti direttamente o tramite terze parti. Le tipologie di dati raccolti sono: dati tecnici di navigazione, dati di utilizzo, email, nome, cognome, numero di telefono, provincia, nazione, cap, città, indirizzo, ragione sociale, stato, cookie e altre varie tipologie di dati. Maggiori dettagli sui dati raccolti vengono forniti nelle sezioni successive di questa stessa informativa.
I dati personali sono forniti deliberatamente dall'utente tramite la compilazione di form, oppure, nel caso di dati di utilizzo, come ad esempio i dati relativi alle statistiche di navigazione, sono raccolti automaticamente navigando sulle pagine di www.rivoluzionedemocratica.it.

I dati richiesti dai form sono divisi tra obbligatori e facoltativi; su ciascun form saranno indicate distintamente le due tipologie. Nel caso in cui l'utente preferisca non comunicare dati obbligatori, www.rivoluzionedemocratica.it si riserva il diritto di non fornire il servizio. Nel caso in cui l'utente preferisca non comunicare dati facoltativi, il servizio sarà fornito ugualmente da www.rivoluzionedemocratica.it .

www.rivoluzionedemocratica.it utilizza strumenti di statistica per il tracciamento della navigazione degli utenti, l'analisi avviene tramite log. Non utilizza direttamente cookie ma può utilizzare cookie includendo servizi di terzi.

Ciascun utilizzo di cookie viene dettagliato nella Cookie Policy (https://www.rivoluzionedemocratica.it/Informativa-sui-cookies.htm) e successivamente in questa stessa informativa.
L'utente che comunichi, pubblichi, diffonda, condivida o ottenga dati personali di terzi tramite www.rivoluzionedemocratica.it si assume la completa responsabilità degli stessi. L'utente libera il titolare del sito web da qualsiasi responsabilità diretta e verso terzi, garantendo di avere il diritto alla comunicazione, pubblicazione, diffusione degli stessi. www.rivoluzionedemocratica.it non fornisce servizi a minori di 18 anni. In caso di richieste effettuate per minori deve essere il genitore, o chi detiene la patria potestà, a compilare le richieste dati.

Modalità, luoghi e tempi del trattamento dei dati acquisiti
Modalità di trattamento dei dati acquisiti
Il titolare ha progettato un sistema informatico opportuno a garantire misure di sicurezza ritenute adatte ad impedire l'accesso, la divulgazione, la modifica o la cancellazione non autorizzata di dati personali. Lo stesso sistema effettua copie giornaliere, ritenute sufficientemente adeguate in base alla importanza dei dati contenuti.

L'utente ha diritto a ottenere informazioni in merito alle misure di sicurezza adottate dal titolare per proteggere i dati.

Accessi ai dati oltre al titolare
Hanno accesso ai dati personali raccolti da www.rivoluzionedemocratica.it il personale interno (quale ad esempio amministrativo, commerciale, marketing, legale, amministratori di sistema) e/o soggetti esterni (quali ad esempio fornitori di servizi informatici terzi, webfarm, agenzie di comunicazione, fornitori di servizi complementari). Se necessario tali strutture sono nominate dal titolare responsabili del trattamento.

L'utente può richiedere in qualsiasi momento al titolare del trattamento, l'elenco aggiornato dei responsabili del trattamento.

Comunicazione di eventuali accessi indesiderati al Garante della Privacy
Il suddetto sistema informatico è monitorato e controllato giornalmente da tecnici e sistemisti. Ciò non toglie che, anche se ritenuta possibilità remota, ci possa essere un accesso indesiderato. Nel caso in cui questo si verifichi il titolare si impegna, come da GDPR ad effettuarne comunicazione al Garante della Privacy entro i termini previsti dalla legge.

Luoghi di mantenimento dei dati acquisiti
I dati personali sono mantenuti e trattati nelle sedi operative e amministrative del titolare, nonché nelle webfarm dove risiedono i server che ospitano il sito web www.rivoluzionedemocratica.it, o sui server che ne effettuano le copie di sicurezza. I dati personali dell'utente possono risiedere in Italia, Germania e Olanda, comunque in nazioni della Comunità Europea. I dati personali dell'utente non vengono mai portati o copiati fuori dal territorio europeo.

Tempi di mantenimento dei dati acquisiti
Nel caso di dati acquisiti per fornire un servizio all'utente, (sia per un servizio acquistato che in prova) i dati vengono conservati per 24 mesi successivi al completamento del servizio. Oppure fino a quando non ne venga revocato il consenso.

Nel caso in cui il titolare fosse obbligato a conservare i dati personali in ottemperanza di un obbligo di legge o per ordine di autorità, il titolare può conservare i dati per un tempo maggiore, necessario agli obblighi.

Al termine del periodo di conservazione i dati personali saranno cancellati. Dopo il termine, non sarà più possibile accedere ai propri dati, richiederne la cancellazione e la portabilità.

Base giuridica del trattamento dei dati acquisiti
Il titolare acquisisce dati personali degli utenti nei casi sotto descritti.
Il trattamento si rende necessario:
- se l'utente ha deliberatamente accettato il trattamento per una o più finalità;
- per fornire un preventivo all'utente;
- per fornire un contratto all'utente;
- per fornire un servizio all'utente;
- perché il titolare possa adempiere ad un obbligo di legge;
- perché il titolare possa adempiere ad un compito di interesse pubblico;
- perché il titolare possa adempiere ad un esercizio di pubblici poteri;
- perché il titolare o terzi possano perseguire i propri legittimi interessi.

L'utente può richiedere in qualsiasi momento al titolare del trattamento, chiarimenti sulla base giuridica di ciascun trattamento.

Finalità del trattamento dei dati acquisiti
I dati dell'utente sono raccolti dal titolare per le seguenti finalità:

- richiesta informazione da parte dell'utente
- richiesta informazione per servizi
- invio di aggiornamenti
- invio informazioni generiche
- richiesta di contatto da parte dei clienti, per ricevere informazioni

Eventualmente i dati possono essere trattati anche per:
contattare l'utente, statistiche, analisi dei comportamenti degli utenti e registrazione sessioni, visualizzazione contenuti e interazione di applicazioni esterne, protezione dallo spam, gestione dei pagamenti, interazione con social network, pubblicità.

L'utente può richiedere in qualsiasi momento al titolare del trattamento, chiarimenti sulle finalità di ciascun trattamento.

Dettagli specifici sull'acquisizione e uso dei dati personali
Per contattare l'utente
Moduli di contatto
L'utente può compilare il/i moduli di contatto/richiesta informazioni, inserendo i propri dati e acconsentendo al loro uso per rispondere alle richieste di natura indicata nella intestazione del modulo.
Dati personali che potrebbero essere raccolti: CAP, città, cognome, email, indirizzo, nazione, nome, numero di telefono, provincia, ragione sociale.

Per interazione con applicazioni esterne (anche social network)
www.rivoluzionedemocratica.it include nelle sue pagine plugin e/o pulsanti per interagire con i social network e/o applicazioni esterne.
Per quanto riguarda i social network, anche se l'utente non utilizza il servizio presente sulla pagina web, è possibile che il servizio acquisisca dati di traffico.

I dati acquisiti e l'utilizzo degli stessi da parte di servizi terzi sono regolamentati dalle rispettive Privacy Policy alle quali si prega di fare riferimento.

Facebook: Pulsante "Mi piace" e widget sociali
Fornitore del servizio: Facebook, Inc.
Finalità del servizio: interazione con il social network Facebook
Dati personali raccolti: cookie, dati di utilizzo
Luogo del trattamento: Stati Uniti
Privacy Policy (https://www.facebook.com/about/privacy/update)
Cookie utilizzati (https://www.facebook.com/about/privacy/cookies)
Aderente al Privacy Shield

Twitter: Pulsante "Tweet" e widget sociali
Fornitore del servizio: Twitter, Inc.
Finalità del servizio: interazione con il social network Twitter
Dati personali raccolti: cookie, dati di utilizzo
Luogo del trattamento: Stati Uniti
Privacy Policy (https://twitter.com/privacy)
Cookie utilizzati (https://help.twitter.com/it/rules-and-policies/twitter-cookies)
Aderente al Privacy Shield

Whatsapp: Pulsante Whatsapp e widget sociali di Whatsapp
Fornitore del servizio: se l'utente risiede nella Regione Europea, WhatsApp Ireland Limited, se l'utente risiede al di fuori della Regione Europea, i Servizi vengono forniti da WhatsApp LLC.
Finalità del servizio: servizi di interazione con Whatsapp.
Dati personali raccolti: cookie, dati di utilizzo
Luogo del trattamento: Irlanda, le informazioni potrebbero essere trasferite o trasmesse o archiviate e trattate negli Stati Uniti o in altri Paesi terzi al di fuori di quello in cui l'utente risiede.
Privacy Policy (https://www.whatsapp.com/legal/privacy-policy-eea)
Aderente al Privacy Shield

Per protezione da spam
Questi servizi acquisiscono dati dagli utenti e tramite varie logiche distinguono il traffico di utenti reali da quello di potenziali minacce di spam.

I dati acquisiti e l'utilizzo degli stessi da parte di servizi terzi sono regolamentati dalle rispettive Privacy Policy alle quali si prega di fare riferimento.

Google reCAPTCHA
Fornitore del servizio: Google, Inc.
Finalità del servizio: servizio di protezione da spam
Dati personali raccolti: cookie, dati di utilizzo
Luogo del trattamento: Stati Uniti
Privacy Policy (https://policies.google.com/privacy?hl=it)
Cookie utilizzati (https://policies.google.com/technologies/types?hl=it)
Aderente al Privacy Shield

Per statistiche
Questi servizi sono utilizzati dal titolare del trattamento per analizzare il traffico effettuato dagli utenti sul sito web www.rivoluzionedemocratica.it.

I dati acquisiti e l'utilizzo degli stessi da parte di servizi terzi sono regolamentati dalle rispettive Privacy Policy alle quali si prega di fare riferimento.

Google Analytics
Fornitore del servizio: Google, Inc.
Finalità del servizio: servizio di analisi web fornito. Questo servizio raccoglie i dati personali dell'utente per monitorare e analizzare l'utilizzo del sito web www.rivoluzionedemocratica.it, generare report e utilizzarli anche per gli altri servizi di Google. Google può usare i dati raccolti per personalizzare i propri annunci pubblicitari.
Dati personali raccolti: cookie, dati di utilizzo
Luogo del trattamento: Stati Uniti
Privacy Policy (https://policies.google.com/privacy?hl=it)
Opt-Out (https://tools.google.com/dlpage/gaoptout?hl=it)
Aderente al Privacy Shield

Per visualizzare contenuti da siti web esterni
Questi servizi sono utilizzati per visualizzare sulle pagine del sito web contenuti esterni al sito web, con possibilità di interazione.
Anche se l'utente non utilizza il servizio presente sulla pagina web, è possibile che il servizio acquisisca dati di traffico.

I dati acquisiti e l'utilizzo degli stessi da parte di servizi terzi sono regolamentati dalle rispettive Privacy Policy alle quali si prega di fare riferimento.

Google Fonts
Fornitore del servizio: Google, Inc.
Finalità del servizio: servizio per visualizzare caratteri (fonts) esterni sul proprio sito web
Dati personali raccolti: tipologie di dati secondo quanto specificato dalla privacy policy del servizio
Luogo del trattamento: Stati Uniti
Privacy Policy (https://policies.google.com/privacy?hl=it)
Aderente al Privacy Shield

Diritti dell'interessato
L'utente possiede tutti i diritti previsti dall'art. 12 del EU GDPR, il diritto di controllare, modificare e integrare (rettificare), cancellare i propri dati personali accedendo alla propria area riservata. Una volta cancellati tutti i dati, viene chiuso l'account di accesso all'area riservata.

Nello specifico ha il diritto di:
- sapere se il titolare detiene dati personali relativi all'utente (art. 15 Diritto all'accesso);
- modificare o integrare (rettificare) i dati personali inesatti o incompleti (Art. 16 Diritto di rettifica);
- richiedere la cancellazione di uno o parte dei dati personali mantenuti se sussiste uno dei motivi previsti dal GDPR (Diritto alla Cancellazione, 17);
- limitare il trattamento solo a parte dei dati personali, o revocarne completamente il consenso al trattamento, se sussiste uno dei motivi previsti dal Regolamento (Art. 18 Diritto alla limitazione del trattamento);
- ricevere copia di tutti i dati personali in possesso del titolare, in formato di uso comune organizzato, e leggibili anche da dispositivo automatico (Art. 20, Diritto alla Portabilità);
- opporsi in tutto o in parte al trattamento dei dati per finalità di marketing, ad esempio opporsi e ricevere offerte pubblicitarie (art. 21 Diritto di opposizione). Si fa presente agli utenti che possono opporsi al trattamento dei dati utilizzati per scopo pubblicitario, senza fornire alcuna motivazione;
- opporsi al trattamento dei dati in modalità automatica o meno per finalità di profilazione (c.d. Consenso).

Come un utente può esercitare i propri diritti
L'utente può esercitare i propri diritti sopra esposti comunicandone richiesta al titolare del trattamento La Rivoluzione Democratica ai seguenti recapiti: info@rivoluzionedemocratica.it; tel. 3312300680.

La richiesta di esercitare un proprio diritto non ha nessun costo. Il titolare si impegna ad evadere le richieste nel minor tempo possibile, e comunque entro un mese.

L'utente ha il diritto di proporre reclamo all'Autorità Garante per la Protezione dei dati Personali. Recapiti: garante@gpdp.it, http://www.gpdp.it (http://www.gpdp.it).

Cookie Policy
Informazioni aggiuntive sul trattamento dei dati
Difesa in giudizio
Nel caso di ricorso al tribunale per abuso da parte dell'utente nell'utilizzo di www.rivoluzionedemocratica.it o dei servizi a esso collegati, il titolare ha la facoltà di rivelare i dati personali dell'utente. È inoltre obbligato a fornire i suddetti dati su richiesta delle autorità pubbliche.

Richiesta di informative specifiche
L'utente ha diritto di richiedere a www.rivoluzionedemocratica.it informative specifiche sui servizi presenti sul sito web e/o la raccolta e l'utilizzo dei dati personali.

Raccolta dati per log di sistema e manutenzione
www.rivoluzionedemocratica.it e/o i servizi di terze parti (se presenti) possono raccogliere i dati personali dell'utente, come ad esempio l'indirizzo IP, sotto forma di log di sistema. La raccolta di questi dati è legata al funzionamento e alla manutenzione del sito web.

Informazioni non contenute in questa policy
L'utente ha diritto di richiedere in ogni momento al titolare del trattamento dei dati le informazioni aggiuntive non presenti in questa Policy riguardanti il trattamento dei dati personali. Il titolare potrà essere contattato tramite gli estremi di contatto.

Supporto per le richieste "Do Not Track"
Le richieste  "Do Not Track" non sono supportate da www.rivoluzionedemocratica.it.
L'utente è invitato a consultare le Privacy Policy dei servizi terzi sopra elencati per scoprire quali supportano questo tipo di richieste.

Modifiche a questa Privacy Policy
Il titolare ha il diritto di modificare questo documento avvisando gli utenti su questa stessa pagina oppure, se previsto, tramite i contatti di cui è in possesso. L'utente è quindi invitato a consultare periodicamente questa pagina. Per conferma sull'effettiva modifica consultare la data di ultima modifica indicata in fondo alla pagina.
Il titolare si occuperà di raccogliere nuovamente il consenso degli utenti nel caso in cui le modifiche a questo documento riguardino trattamenti di dati per i quali è necessario il consenso.

Definizioni e riferimenti legali
Dati personali (o dati, o dati dell'utente)
Sono dati personali le informazioni che identificano o rendono identificabile, direttamente o indirettamente, una persona fisica e che possono fornire informazioni sulle sue caratteristiche, le sue abitudini, il suo stile di vita, le sue relazioni personali, il suo stato di salute, la sua situazione economica, ecc.

Fonte: sito web del Garante della Privacy (http://www.garanteprivacy.it).

Dati di utilizzo
Sono dati di utilizzo le informazioni che vengono raccolte in automatico durante la navigazione di www.rivoluzionedemocratica.it, sia da sito web stesso che dalle applicazioni di terzi incluse nel sito. Sono esempi di dati di utilizzo l'indirizzo IP e i dettagli del dispositivo e del browser (compresi la localizzazione geografica) che l'utente utilizza per navigare sul sito, le pagine visualizzate e la durata della permanenza dell'utente sulle singole pagine.

Utente
Il soggetto che fa uso del sito web www.rivoluzionedemocratica.it.
Coincide con l'interessato, salvo dove diversamente specificato.

Interessato
Interessato è la persona fisica al quale si riferiscono i dati personali. Quindi, se un trattamento riguarda, ad esempio, l'indirizzo, il codice fiscale, ecc. di Mario Rossi, questa persona è l'interessato (articolo 4, paragrafo 1, punto 1), del Regolamento UE 2016/679 (http://www.garanteprivacy.it/regolamentoue).

Fonte: sito web del Garante della Privacy (http://www.garanteprivacy.it).

Responsabile del trattamento (o responsabile)
Responsabile è la persona fisica o giuridica al quale il titolare affida, anche all'esterno della sua struttura organizzativa, specifici e definiti compiti di gestione e controllo per suo conto del trattamento dei dati (articolo 4, paragrafo 1, punto 8), del Regolamento UE 2016/679 (http://www.garanteprivacy.it/regolamentoue). Il Regolamento medesimo ha introdotto la possibilità che un responsabile possa, a sua volta e secondo determinate condizioni, designare un altro soggetto c.d. "sub-responsabile" (articolo 28, paragrafo 2).

Fonte: sito web del Garante della Privacy (http://www.garanteprivacy.it).

Titolare del trattamento (o titolare)
Titolare è la persona fisica, l'autorità pubblica, l'impresa, l'ente pubblico o privato, l'associazione, ecc., che adotta le decisioni sugli scopi e sulle modalità del trattamento (articolo 4, paragrafo 1, punto 7), del Regolamento UE 2016/679 (http://www.garanteprivacy.it/regolamentoue).

Fonte: sito web del Garante della Privacy (http://www.garanteprivacy.it).

www.rivoluzionedemocratica.it (o sito web)  
Il sito web mediante il quale sono raccolti e trattati i dati personali degli utenti.

Servizio
Il servizio offerto dal sito web www.rivoluzionedemocratica.it come indicato nei relativi termini.

Comunità Europea (o UE)
Ogni riferimento relativo alla Comunità Europea si estende a tutti gli attuali stati membri dell'Unione Europea e dello Spazio Economico Europeo, salvo dove diversamente specificato.

Cookie
Dati conservati all'interno del dispositivo dell'utente.

Riferimenti legali
La presente informativa è redatta sulla base di molteplici ordinamenti legislativi, inclusi gli artt. 13 e 14 del Regolamento (UE) 2016/679. Questa informativa riguarda esclusivamente www.rivoluzionedemocratica.it, dove non diversamente specificato.

Informativa privacy aggiornata il 14/12/2021 12:28
torna indietro leggi Privacy Policy per www.rivoluzionedemocratica.it  obbligatorio
refresh