29 Settembre 2021
News

"NUOVI ORIZZONTI"

22-06-2021 - AGORA'
La conclusione di questo articolo, può apparire in contrasto con quanto ho sostenuto in precedenza, dipende dal fatto che sono un riformista, cioè uno che “preferisce il poco al tutto, il realizzabile all'utopico, il gradualismo alla trasformazione radicale del «sistema»”[1].

Si tratta di ripartire dal disastro sociale scaturito da questi quaranta anni trascorsi sotto l'usbergo del così detto “libero mercato”, cioè di quella teoria che si basa sul principio della “identità naturale degli interessi” che sembra quasi una provvidenza divina e che Adam Smith individua nella “mano invisibile”. Questa ipotesi è la premessa che conduce alla teoria del mercato capace di autoregolarsi, attraverso il gioco della domanda e dell'offerta, in maniera da consentire la migliore allocazione possibile delle risorse.

Come ci ricordava un “dissentig economist” statunitense, che pur faceva parte dell'establishment democratico, John Kennet Galbraith: “La cosiddetta «economia sana» è assai spesso quella che rispecchia le necessità dei benestanti rispettabili”[2].


I risultati prodotti dalle teorie a favore del liberismo selvaggio e dalle conseguenti scelte di politica economica sono sotto gli occhi di tutti. La crisi della fine del primo decennio di questo secolo, aggravata dalla pandemia, è stata devastante ed ha aumentato le disuguaglianze sociali. I responsabili di questo scempio invece di essere puniti sono stati premiati.

Ciò ha comportato, come è accaduto durante tutte le crisi finanziarie che si sono succedute dal 1870 al 2014, uno spostamento all'estrema destra dell'asse politico. Il consenso popolare, manipolato anche dai mezzi di informazione, si è incanalato in quella direzione perché si è fatto credere che il capro espiatorio della perdita di prosperità siano i migranti e le minoranze etniche[3], cavallo di battaglia delle destre di qualsiasi denominazione.

In realtà la colpa è stata di coloro che hanno predicato il taglio della spesa pubblica, le privatizzazioni, l'abbandono di ogni attività regolatoria, la diminuzione delle tasse e nessun intervento dello stato nella vita economica soprattutto per quanto riguarda il welfare e il mercato del lavoro. Non è stato proprio così come ci dimostra Mariana Mazzucato[4], quando lo Stato destinava le proprie risorse al sistema finanziario o a quello della grande industria tutte le ossessioni sull'intervento statale nell'economia si dissolvevano come neve al sole.

Queste teorie supportate da una miriade di studi, più o meno brillanti e infarciti di elaborati algoritmi, che corrispondevano solo alla logica del loro estensore, poco avevano a che vedere con la realtà. Fra questi studi due meritano di essere ricordati uno di Alberto Alesina e Silvia Ardagna che teorizzava che l'economia si sarebbe sviluppata riducendo il deficit di bilancio[5]: cioè come crescere spendendo meno. L'altro era di due economisti statunitensi, Carmen Reinhart e Kenneth Rogoff[6], dove si sosteneva che quando il debito pubblico superava il 90% del PIL la crescita diminuiva. Questi due studi sono stati spesso citati per giustificare la politica economica europea e si sono dimostrati inficiati da molte soggettività. Il primo è stato oggetto di una virulenta polemica di Krugman e Blyth che hanno dimostrato l'infondatezza teorica di quanto sostenuto. I marchiani errori matematici del secondo sono stati l'oggetto di un articolo che dopo qualche anno ha distrutto le tesi sostenute dai due economisti statunitensi[7].
Cito questi due studi che sono alla base delle scelte di politica economica della EU che nonostante la loro infondatezza non è cambiata.

A questa offensiva la sinistra, a livello europeo (quella italiana che non aveva e non ha idee da anni, non ha svolto alcun ruolo), non solo non ha cercato di difendere cento anni di conquiste sociali ma ha preso la mazza e ha dato potenti colpi a distruggere tutto. Adesso si è sorpresi che i ceti più deboli non esprimono il loro voto alla sinistra. In ordine cronologico:

1983 Mitterand su suggerimento di Jacques Delors (che sosteneva che i controlli sui capitali danneggiavano la classe media) si mise nella mano dei mercati ritenendo che il Governo dovesse occuparsi solo del contrasto dell'inflazione

1995 il FMI sotto la direzione del socialista francese Michel Camdessus diviene ancora più favorevole al libero mercato

1997 Tony Blair annuncia che occorre individuare un nuovo percorso politico diverso da liberismo e dal socialismo. Nel corso degli anni il termine socialismo è stato espunto da questa teoria

2010 Gerhard Schröder Socialdemocratico tedesco che da Cancelliere lanciò la famosa Agenda 2010 con la quale si tagliavano gli stipendi ai lavoratori e si diminuiva il loro welfare

Ovviamente in questo elenco non è compreso Bill Clinton, campione per una parte della sinistra europea, che ha colpe rilevanti nello scivolamento verso un mercato senza regole.

Dopo l'ubriacatura liberista che ha ridotto il potere di acquisto dalle classi medie in giù e messo in discussione gli equilibri sociali del mondo intero, il FMI ha ritenuto di dover cambiare indirizzo.

Constatato il fallimento delle politiche attive del lavoro e della riduzione delle tasse (un euro tagliato sulle tasse ha un moltiplicatore negativo mentre un euro speso dalla pubblica amministrazione ha un moltiplicatore positivo) le proposte sono cambiate.

Uno studio dello OCSE[8] ed un altro del FMI[9] hanno dimostrato, con dati empirici, che i paesi con maggiore disparità sociali avevano uno sviluppo economico più lento.

L'ultimo Outlook del FMI (marzo 2021) sottolinea soprattutto due cose: la necessità di mantenere il più possibile il sostegno al lavoro e una forte progressività del sistema di tassazione, di fatto promuovendo il comportamento dell'Italia durante la pandemia.

Se invece si legge l'Outlook della EU si vede come non sia cambiato niente. Livello del debito pubblico, parametri di spesa, patto di stabilità e tutti i rituali che contraddistinguono la EU, corroborate dalle solite terroristiche dichiarazioni dell'attuale presidente del Bundestag, l'immarcescibile Wolfang Schäuble.

Il Presidente degli Stati Uniti Joe Biden, lo sleepy Joe di Trump che tanto sleepy non appare, ha imboccato la via di politiche economiche, per aggredire la crisi, diverse da quelle stantie che pervadono la EU.

Mi sembrerebbe di sinistra incominciare a lavorare perché queste idee divengano patrimonio dell'Europa ed al contempo spingere per una maggiore integrazione dell'unità europea. Con il Next Generation EU, abbiamo visto qualche barlume.

Rafforziamolo!

-----------

[1] F. Caffè, La solitudine del riformista in Federico Caffè. Un economista per gli uomini comuni, Ediesse, Roma, 2007, p. 383
[2] J. K. Galbraith, Money: Whence it came, Were It Went, Mifflin, Boston, 1975, p. 86. Di questo libro esiste anche una traduzione italiana J. K. Galbraith, La moneta da dove viene e dove va, Mondadori, Milano, 1975.
[3] M. Funke M. Schularick C. Trebesch, Going to Extremes: Politics after Financial Crises, 1870-2014 in CESIFO Working Paper NO. 5553 Category 7: Monetary Policy and International Finance October 2015
[4] M. Mazzucato, The entrepreneurial state: debunking public vs. private sector myths, Anthem Press, London 2013. Di questo libro esiste anche una versione tradotta in italiano M Mazzucato, Lo Stato innovatore, Laterza, Bari, 2014
[5] A.F. Alesina S. Ardagna, Large Changes in Fiscal Policy: Taxes versus Spending, National Bureau of Economic Research Working Paper 15438, October 2009.
[6] C. M. Reinhart K. S. Rogoff, This time is different : eight centuries of financial folly, Princeton University press, Princeton Oxford, 2009 esiste anche una traduzione italiana C. M. Reinhart K. S. Rogoff Questa volta è diverso: otto secoli di follia finanziaria, Il saggiatore, Milano, 2010
[7] T. Herndon M. Ash R. Pollin, Does High Public Debt Consistently Stifle Economic Growth? A critique of Reinhart and Rogoff, University of Massachusetts, Political Economy Research Institute, Working Papers series n.322, April 15, 2013.
[8] F. Cingano, Income Inequality and its Impact on Economic Growth, OECD Social, Employment and Migration Working Paper 163, 2014
[9] FMI, Fostering Inclusive Growth, G-20 Leaders' Summit, July 7-8, 2017, Hamburg, Germany


Fonte: di ENNO GHIANDELLI
Link
[]
L'AVVENIRE DEI LAVORATORI
Periodico socialista fondato 1897.
[]
IL PONTE RIVISTA
Rivista di politica economica e cultura
fondata da Calamandrei
[]
BIBLION EDITORE
Biblion Edizioni, storica casa editrice.
[]
CRITICA LIBERALE - NON MOLLARE
"NON MOLLARE"
Quindicinale on line di Critica Liberale,
la voce del liberalismo progressista in Italia.





Nuova Serie
"La Rivoluzione Democratica"
1, MARZO 2017

Realizzazione siti web www.sitoper.it
invia ad un amico
chiudi
Attenzione!
Non puoi effettuare più di 10 invii al giorno.
Informativa
Informativa Privacy
La presente informativa descrive le modalità di gestione del Sito, da Lei ora visitato, di cui è Titolare, il giornale "LA RIVOLUZIONE DEMOCRATICA", registrazione al Tribunale di Firenze n°5863 del 17/02/2012 (di seguito, "Giornale" per brevità), che ha come finalità l´informazione critica, la difesa della laicità delle Istituzioni e la diffusione della cultura laica, con sede in Firenze, accessibile al seguente nome di dominio
http://www.rivoluzionedemocratica.it
in riferimento al trattamento dei dati personali dei navigatori che vi accedono e che interagiscono con esso.

Premessa
I considerazione delle modifiche al D. Lgs. n. 196/2003 (Codice in materia di protezione dei dati personali, di seguito "Codice Privacy"), introdotte recentemente con il D.L. 201/2011 convertito nella L. 214/2011, la presente informativa si rivolge alle persone fisiche che, per conto proprio o di associazioni interessate, decidano di accedere al Sito ed interagire con esso ed è resa ai sensi dell´art. 13 del Codice Privacy.
L´informativa si ispira anche alla Raccomandazione n. 2/2001 che le autorità europee per la protezione dei dati personali, riunite nel Gruppo istituito dall´art. 29 della direttiva n. 95/46/CE, hanno adottato il 17 maggio 2001, per individuare alcuni requisiti minimi per la raccolta di dati personali on-line, e, in particolare, le modalità, i tempi e la natura delle informazioni che i titolari del trattamento devono fornire agli utenti quando questi si collegano a pagine web, indipendentemente dalle ragioni e finalità del collegamento.
In linea generale, è opportuno precisare che attraverso il Sito vengono effettuate le seguenti tipologie di raccolta dati:
- raccolta necessaria ed automatica dei dati del navigatore inerenti all´interazione con il Sito;
- trattamento correlato alla raccolta di dati, immessi volontariamente dal navigatore, attraverso l´invio di e-mail agli indirizzi indicati per contattare il Titolare (ad esempio, sezioni "Contatti" e "Iscriversi al circolo").

La presente informativa si riferisce unicamente alle operazioni di trattamento effettuate su dati raccolti con le modalità sopra indicate e non si riferisce, quindi, ai trattamenti effettuati tramiti altri siti, a cui l´utente vorrà accedere mediante link dal Sito. Per tali trattamenti dovrà essere fornita, da parte dei rispettivi Titolari, autonoma informativa.
Si precisa, in particolare, che i trattamenti sui dati conferiti accedendo a siti di terzi, raggiungibili mediante i link pubblicati sul Sito, sono effettuati da soggetti diversi dal Giornale.
Premesso che il Giornale non effettuerà alcuna comunicazione dei dati degli utenti a tali soggetti e che ogni iniziativa per entrare in contatto e chiedere informazioni, è rimessa all´esclusiva attività dell´Interessato o del rispettivo Titolare, il giornale non sarà in alcun modo responsabile dei trattamenti che verranno effettuati da parte di tali soggetti, a fronte dell´iniziativa dell´utente medesimo.

1. Finalità del trattamento
1.1 Le operazioni di trattamento di seguito illustrate sono unicamente rivolte alla corretta proposizione ed erogazione dei servizi offerti tramite il presente Sito dal Giornale medesimo per il perseguimento dello scopo associativo. L´Attività on line del Giornale consiste prevalentemente nella pubblicazione di contenuti, caratterizzati da un alto livello qualitativo, sui temi di interesse del Giornale e dei dati personali dei rispettivi autori, aventi con il Giornale rapporti regolari, nonché nello scambio, anche mediante messaggi di posta elettronica, di opinioni e informazioni di varia natura, relative in particolare alla vita e alle attivitàdel Giornale medesimo o ad eventi di rilevanza nel dibattito culturale che il Giornale intende promuovere.
1.2. A tal fine, il Titolare ha predisposto sezioni ad hoc del Sito.
In particolare, nella sezione "Contatti" è presente l´indirizzo e-mail interattivo cui l´Utente può trasmettere i propri dati personali e/o dell´Associazione di appartenenza, al Giornale. Più precisamente, in tale ipotesi il trattamento è finalizzato al mero scambio di informazioni e di contatti, comunque di natura non professionale, inerenti all´attività del Giornale .
In ogni caso, i dati raccolti tramite il presente Sito saranno trattati secondo principi di correttezza, liceità e trasparenza, per la tutela della riservatezza e dei diritti degli interessati, ed unicamente per il perseguimento dello scopo associativo. Negli stessi limiti saranno trattati anche i dati personali che dovessero essere inviati spontaneamente al Giornale dai visitatori del sito anche con modalità off-line (fax, posta, telefono od altro).

2. Tipi di dati trattati
2.1 - Dati di navigazione I sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento di questo Sito registrano, nel corso del loro normale esercizio, alcuni dati personali la cui acquisizione avviene in modo automatico e inevitabile, qualora si utilizzino i protocolli di comunicazione di Internet. Sono dati che, pur non essendo reperiti con lo scopo specifico di identificare i rispettivi Interessati, ben potrebbero, a causa delle loro stesse caratteristiche, essere associati a banche dati di terzi e così consentire l´individuazione degli utenti. Appartengono a questa categoria di dati, ad esempio, gli indirizzi IP o i nomi a dominio degli elaboratori utilizzati dagli utenti che si connettono al Sito, gli indirizzi in notazione URI (Uniform Resource Identifier) delle risorse richieste, l´orario della richiesta, il metodo utilizzato nel sottoporre la richiesta al server, la dimensione del file ottenuto in risposta, il codice numerico indicante lo stato della risposta data dal server (buon fine, errore, ecc.) ed altri parametri relativi al sistema operativo e all´ambiente informatico dell´utente. Questi dati vengono utilizzati al solo fine di ricavare informazioni statistiche anonime sull´uso del Sito e per controllarne il corretto funzionamento, e vengono cancellati immediatamente dopo l´elaborazione.
Si precisa che i dati di navigazione potrebbero essere usati per l´accertamento di responsabilità in caso di eventuali reati informatici ai danni del Sito, conformemente alle procedure vigenti presso le Autorità competenti.
2.2 Meccanismi automatici di raccolta
In conformità a quanto previsto nel Provvedimento del Garante n. 229 dell´8.5.2014, si informa che in questo Sito non si utilizzano "cookies persistenti", trojans, spywares, web bugs, ovvero sistemi per il tracciamento degli utenti (cookies di profilazione), ma soltanto cookies cosiddetti "tecnici", di navigazione, di sessione o di funzionalità.
L´uso di c.d. "cookies di sessione" (che non vengono registrati in modo persistente sull´elaboratore dell´utente e svaniscono con la chiusura del browser) è unicamente finalizzato a rendere l´esplorazione del Sito sicura ed efficiente.
I c.d. cookies di sessione, utilizzati in questo sito, evitano il ricorso ad altre tecniche informatiche potenzialmente pregiudizievoli per la riservatezza della navigazione degli utenti e non consentono l´acquisizione di dati personali identificativi dell´utente I cookies "analitici" vengono utilizzati dalla società ShinyStat per effettuare trattamenti in forma aggregata ed anonima, per i quali si fornisce l´informativa generale ed il modulo per esercitare l´opt-out tramite i link qui sotto:
- ShinyStat http://www.shinystat.com/it/informativa_privacy_generale_free.html
- ShinyStat http://www.shinystat.com/it/opt-out_free.html
- Facebook http://www.facebook.com/policy.php
- Twitter http://twitter.com/privacy
- Google+, Google Maps e YouTube https://www.google.it/intl/it/policies/privacy/
- Vimeo https://vimeo.com/cookie_policy
2.3 Si precisa, per completezza, che i dati personali - una volta resi anonimi - potranno essere utilizzati per elaborare statistiche o per rilevare il grado di soddisfazione degli utenti. In ogni caso, la raccolta e il trattamento dei dati personali degli utenti non saranno finalizzati ad attività di marketing, di informazione commerciale e/o di indagini di mercato.

3. Tipologia di dati
3.1 Il trattamento dei dati effettuati tramite il presente Sito avrà prevalentemente ad oggetto dati comuni.
Tuttavia, in considerazione della natura del Giornale, il trattamento, inoltre, potrà riguardare anche i dati personali idonei a rivelare le convinzioni religiose e/o le opinioni politiche degli utenti e/o degli Associati, e/o dei soggetti che - in relazione allo scopo associativo - hanno contatti regolari con il Giornale. In ogni caso, tramite il presente Sito non saranno trattati dati inerenti alla salute. Pertanto, La invitiamo a non comunicarci dati personali attinenti al Suo stato di salute e alla Sua vita sessuale, ai sensi dell´art. 26 del Codice. In presenza di tali dati, il Giornale procederà alla tempestiva distruzione del relativo messaggio e/o comunicazione da Lei eventualmente fornita.
3.2 Il trattamento dei dati si svolgerà in conformità della vigente Autorizzazione Generale del Garante per la protezione dei dati personali n. 3/2011 e successive .
3.3 Il conferimento dei dati è in ogni caso facoltativo. Tuttavia, il mancato conferimento dei dati relativamente ad alcune sezioni del Sito e, più precisamente, in relazione alla Sezione "Contatti" comporterà l´impossibilità, per l´Associazione, di fornire il relativo servizio.

4. Modalità di trattamento
4.1 Il medesimo sarà effettuato prevalentemente con l´ausilio di mezzi informatici e telematici ma anche manualmente. I dati infatti potranno essere conservati sia in archivi cartacei sia in archivi elettronici, in modo da consentire, laddove necessario, l´individuazione e la selezione di dati aggregati, per il tempo non eccedente la durata e le necessità del trattamento.
4.2 Il trattamento sarà effettuato direttamente dall´organizzazione del Titolare, con l´ausilio dei propri incaricati e/o responsabili del trattamento. Potranno avere accesso ai dati per il perseguimento delle finalità di cui al punto 1, nell´ambito delle rispettive funzioni o mansioni e, in ogni caso, secondo le modalità e nei limiti di cui ai rispettivi atti di nomina a Responsabile o a Incaricato, oltre al Coordinatore/Coordinatrice, al Tesoriere e al Responsabile per la gestione delle istanze ex art. 7 Codice, eventuali società di servizi esterne nominate responsabili del trattamento ai sensi e per gli effetti dell´art. 29 del Codice.
4.3. Infine, si informa l´utente che l´eventuale trasmissione di dati tramite Internet non può raggiungere livelli di sicurezza assoluti. E´ onere dell´utente verificare la correttezza dei dati personali che lo riguardano ed eventualmente procedere alla rettifica, aggiornamento o, comunque, modifica dei dati nel corso del trattamento. Il Titolare non può considerarsi tenuto ad altra prestazione oltre alla puntuale e corretta applicazione degli standard di sicurezza imposti dalla normativa in vigore, con particolare riferimento all´adozione delle misure di sicurezza in conformità di quanto previsto dagli artt. 33-36 del Codice e dal Disciplinare Tecnico di cui all´Allegato B.

5. Conservazione dei dati - durata e aggiornamento
5.1 A seguito di controlli periodici,il Giornale verificherà la stretta pertinenza e la non eccedenza dei dati raccolti rispetto agli obblighi ed alle finalità del trattamento posto in essere, per quanto riguarda i dati che rivelano le opinioni e le intime convinzioni.
5.2 Ad eccezione dei dati di navigazione che non vengono conservati oltre una settimana dalla raccolta, gli altri dati verranno conservati in coerenza con lo scopo per il quale sono stati conferiti e comunque nel rispetto della normativa vigente.
5.3 Nel rispetto di quanto previsto dall´art. 11, co. 1, lett. c) Codice, i dati personali saranno aggiornati in seguito alla segnalazione dell´Interessato, in congruità con quanto previsto dall´art. 7, co. 3, lett. a) Codice.

6. Comunicazione e diffusione
6.1 il Giornale non procederà alla comunicazione diretta a terzi dei dati personali raccolti tramite il sito.
6.2 I dati relativi alla navigazione non verranno, in nessun caso, diffusi o comunicati. E´ fatta salva la eventuale comunicazione alle Autorità competenti in relazione alle attività necessarie all´accertamento e alla repressione dei reati.
6.3 I dati personali forniti dagli utenti, che inoltrano richieste di informazioni ai diversi indirizzi di posta elettronica presenti sul Sito, non sono comunicati a terzi.
6.4 Nell´ambito delle finalità indicate nella presente informativa, qualora sia necessario comunicare i dati a soggetti diversi dal Titolare, quest´ultimo provvederà alla designazione degli stessi quali Responsabili del trattamento.

7. Diritti dell´Interessato
7.1 Al Titolare del trattamento potranno essere inoltrate le richieste di cui all´art. 7 del Codice "Diritti dell´interessato", ossia, in particolare il diritto di:
- ottenere dal Titolare la conferma dell´esistenza di dati personali che lo riguardano e la comunicazione dei medesimi in forma intelligibile;
- conoscere l´origine dei dati, la logica e le finalità su cui si basa il loro trattamento;
- conoscere gli estremi identificativi dei Responsabili del trattamento e delle categorie di soggetti ai quali i dati possono essere comunicati o che possono venirne a conoscenza in qualità di Responsabili o Incaricati;
- ottenere la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati trattati in violazione della legge, come l´aggiornamento, la rettificazione o, qualora l´interessato vi abbia interesse, l´integrazione dei dati medesimi;
- opporsi in tutto o in parte, per motivi legittimi, al trattamento dei dati personali che lo riguardano ancorché pertinenti allo scopo della raccolta;
- opporsi in tutto o in parte al trattamento previsto ai fini di informazione commerciale o di invio di materiale pubblicitario.
Qualora, a seguito della richiesta di cui all´art. 7 del Codice non risulti confermata l´esistenza di dati che riguardano l´Interessato, potrà essere richiesto a quest´ultimo un contributo spese, comunque non superiore a Euro 10,00.

Le richieste dovranno essere rivolte ai Direttori del Giornale, Responsabili per le richieste ex art. 7, al seguente indirizzo e-mail:
info@rivoluzionedemocratica.it

Si prega di indicare nell´oggetto della comunicazione: "Richiesta ex art. 7 D. Lgs. 30 giugno 2003, n. 196 - Codice in materia di protezione dei dati personali".

8. Titolare ed elenco dei Responsabili del trattamento
Titolare del trattamento dei dati è il giornale on line "LA RIVOLUZIONE DEMOCRATICA" con sede a FIRENZE, mail: info@rivoluzionedemocratica.it
L´elenco aggiornato contenente i nominativi e i recapiti dei Responsabili è disponibile presso la sede del Titolare.
torna indietro leggi Informativa  obbligatorio

close
Utilizziamo i cookies
Questo sito utilizza cookie propri al fine di migliorare il funzionamento e monitorare le prestazioni del sito web e/o cookie derivati da strumenti esterni che consentono di inviare messaggi pubblicitari in linea con le tue preferenze, come dettagliato nella Cookie Policy. Per continuare è necessario autorizzare i nostri cookie. Cliccando sul pulsante ACCONSENTO, acconsenti all'uso dei cookie. Ignorando questo banner e navigando il sito acconsenti all'uso dei cookie.
Cookie Policy - Privacy Policy
Accetta i cookies necessari