30 Luglio 2021

"MALESSERI ACCADEMICI"

21-06-2021 - STORIE&STORIE
L'attuale malessere dell'Università italiana non deriva, a quanto pare, da un calo delle immatricolazioni o dalla concorrenza formativa degli atenei stranieri, benché per trovarne uno del Belpaese nel ranking britannico delle migliori università del mondo si debba scendere di parecchio nella classifica (QS ranking, l'Italia arretra: al primo posto il Politecnico di Milano che è 142esimo al mondo, «Corriere della Sera», 8 giugno 2021). Tale crisi è riconducibile, piuttosto, ad una serie di problemi strutturali interni all'Università di casa nostra che, inevitabilmente, finiscono per interessare la gestione dei concorsi per l'insegnamento e la prassi di assegnazione dei vari incarichi. A parere della magistratura, infatti, gli ultimi infelici casi riguardanti l'accademia italiana – ad esempio la «Concorsopoli» presso il Dipartimento Ospedaliero Universitario fiorentino di Careggi – hanno evidenziato un vero e proprio «sistema», non di rado sconfinante nell'illecito.

Lungi da noi, ovviamente, generalizzare; le generalizzazioni sono spesso erronee e, per questo motivo, teniamo a sottolineare come nei vari Atenei della Penisola operino sia validissimi ricercatori – quotidianamente a confronto coi tagli ai fondi –, sia altrettanto capaci docenti. Ciò nonostante, sull'opinione pubblica hanno maggior presa i casi giunti alle attenzioni dei Tribunali; e, conseguentemente, i maligni, leggendo le cronache sui giornali, potrebbero anche pensare – a torto o a ragione? – all'Università come ad una struttura clientelare, ad un modello corporativo con proprie norme e leggi: una sorta di mondo a parte del quale la documentata inchiesta de «La Repubblica» ha fornito un quadro assai esaustivo (Agnese nel paese dei baroni, 28 aprile 2021). La cosiddetta «mala università».

L'elenco degli episodi poco chiari non è breve. Ha fatto certamente notizia, anche per il diretto interessamento del Presidente Mattarella, quanto accaduto allo storico siciliano Giambattista Scirè, con la Commissione concorsuale – composta da tre storici contemporaneisti – che gli ha negato un posto da ricercatore (in storia contemporanea) preferendogli un architetto… Il modus operandi dei tre commissari è stato esaminato dagli organi giudiziari che, in primo grado, hanno condannato penalmente i docenti per abuso d'ufficio (2019), mentre la Corte dei Conti di Palermo ha inflitto loro un'ammenda per danno erariale nei confronti dell'Università banditrice del concorso (2020).

Il “caso Scirè” ha dunque mostrato come, in ambito accademico, si facciano convivere – a seconda delle evenienze – meritocrazia ed extra-legalità. Da allora sono incredibilmente emersi numerosi casi “sospetti” e non poche paiono essere state le irregolarità compiute. A questo punto una domanda risulta inevitabile: chi denuncia, compie un tale passo poiché, in quel determinato momento, il «sistema», dopo averlo benevolmente accolto, protetto e fatto crescere, lo ripudia in nome di altri interessi oppure la sentenza-Scirè ha convinto alcuni studiosi che le irregolarità si possono e si devono denunciare e che l'Università italiana non è una realtà extra legem? La risposta non la conosciamo.

Tra i cittadini si è comunque diffusa l'opinione secondo cui, nel nostro Paese, prima si individua il candidato vincitore e, poi, si bandisce il concorso. Già da anni vari articoli, sulla stampa nazionale, hanno messo in luce situazioni scomode (ad es.: Il peso dei «baroni» nel declino dell'università, «Il Manifesto», 14 ottobre 2020; Università, tempesta sullo strapotere dei “Baroni”, «Panorama», 18 luglio 2019). Nondimeno, sono state evidenziate le ragioni burocratiche, antropologiche e culturali ree di mantenere ancora in essere il cosiddetto potere baronale: «[…] nelle Università italiane i baronati esistono da sempre. In passato hanno funzionato. Era un mondo molto diverso che dava al sapere e alle competenze significati differenti. All'Università ci andavano in pochi, spesso privilegiati. Un docente si attorniava di pochi bravi discepoli che prima o poi lo avrebbero sostituito. La qualità degli assistenti era ragione di vanto. Non è più così. Con la diffusione del sapere e la massificazione degli studi superiori è aumentato il numero dei docenti e quindi dei pretendenti alla spartizione del potere. È perciò prevalsa la logica della mediocrità per meglio preservare il dominio del barone» (L'irresistibile fascino dei baroni nelle università, «la Stampa», 6 ottobre 2017).

Nulla da eccepire. In tempi recenti, tra l'altro, ci ha molto colpiti l'atteggiamento di taluni docenti, in particolare di storia contemporanea, che, in pubblico o sui social, si sono messi negativamente in mostra finendo per compromettere ulteriormente la credibilità dell'ambiente accademico. Facciamo qualche esempio. Il prof. Emanuele Castrucci, filologo dell'ateneo senese, è stato indagato per istigazione e propaganda dopo le sue esternazioni filo-hitleriane; il prof. Marco Gervasoni, storico dell'età contemporanea, indagato per vilipendio nei confronti del Presidente della Repubblica; il prof. Guido Saraceni, filosofo dell'Università di Teramo, e il prof. Simon Levis Sullam, altro contemporaneista, che hanno rilasciato dichiarazioni o realizzato post poco benevoli nei confronti dell'on. Giorgia Meloni e del suo libro autobiografico. Ricordiamo, in ultimo, l'episodio che ha visto come protagonista il prof. Giovanni Gozzini, storico contemporaneista dell'Università di Siena, reo di aver insultato in radio, con epiteti vergognosi, l'on. Meloni rispolverando il più becero classismo comunista: quello, cioè, di una gauche caviar che pone l'intellettuale sopra tutto e tutti poiché egli soltanto possiede il dono della conoscenza ed è capace di insegnare e di operare in posti di rilievo, mentre il “popolo” - il “volgo” - necessita del suo aiuto per comprendere ciò che si desidera fargli comprende; abbisogna di un'educazione a non pensare con la propria testa poiché, nella società, c'è già chi – colto ed intelligente – ha il dovere di pensare e decidere per lui.

Crediamo che un simile atteggiamento strida con la professione – la missione – di docente universitario, cioè di membro incaricato dallo Stato (stiamo pur sempre parlando dell'università pubblica!), di formare le donne e gli uomini, le cittadine e i cittadini di domani.

Non vogliamo, tuttavia, essere troppo duri col prof. Gozzini: il mondo comunista non è nuovo ad interventi ingiuriosi e a critiche offensive nei confronti del “nemico”. Vi inciampò anche colui il quale, nel PCI, godeva di un ruolo e di un appellativo impossibile da contestare: il Migliore, alias Palmiro Togliatti. Il compagno Togliatti, celatosi col nom de plume di Roderigo di Castiglia, non usò mezzi termini quando decise di dirigere i propri rimproveri verso alcuni illustri intellettuali i quali, aperti finalmente gli occhi sulla realtà delle cose, osarono criticare il sistema comunista e denunciarne le miserie. Così di André Gide, premio Nobel per la letteratura, egli scrisse: «Al sentire Gide, di fronte al problema dei rapporti tra i partiti e le classi, dare tutto per risolto identificando l'assenza di partiti di opposizione, in una società senza classi, con la tirannide e relativo terrorismo, vien voglia di invitarlo a occuparsi di pederastia, dov'è specialista, ma lasciar queste cose, dove non ne capisce proprio niente» (I sei che sono falliti, «Rinascita», a. VII, 5, maggio 1950, p. 242).

Come cambiano i tempi! E pensare che oggi i post-comunisti dibattono anima e corpo per l'approvazione del Ddl Zan!

Concorsi pilotati, commenti poco civili nei confronti di membri delle istituzioni, post offensivi sui social ecc. Una parte del mondo accademico sta dando il peggio di sé, ma l'altra parte tende, per lo più, a difendere il «sistema» trincerandosi in linee di difesa a volte discutibili. Tra i docenti di storia contemporanea, ad esempio, è uso il tentativo di screditare l'operato della magistratura sostenendo che, coi provvedimenti presi nei confronti dei colleghi, l'autorità giudiziaria intenda imbrigliare l'attività di ricerca, limitare il docente nell'esercizio delle proprie funzioni, intromettersi in campi non di sua afferenza. Insomma, per gli storici un Tribunale può anche decidere sul «fine vita», ma non deve permettersi di stabilire i confini di una disciplina accademica, men che meno la storia. Tentare di screditare il legislatore non è certo il comportamento più consono ad un dipendente statale il quale, esercitando la professione di cattedratico, svolge funzioni di Pubblico Ufficiale. E, soprattutto, a quegli accademici orfani del PCI ci permettiamo di fare presente che simili contestazioni ricordano molto quelle mosse dal tanto vituperato Cavaliere alla «Magistratura rossa» e che, durante la caccia giustizialista a socialisti e democristiani “ladri e corrotti” di Tangentopoli, proprio loro elargivano applausi ed ovazioni al Pool di Mani Pulite.

Ai professori del «sistema», forse, bisogna chiarire che la magistratura non vuole affatto insegnare loro il mestiere o imporgli programmi di lavoro e ambiti di ricerca, bensì operi per garantire il rispetto delle leggi anche negli Atenei, che non sono al di sopra di esse. Molti, nell'ormai lontano 1991, si sbellicarono dalle risa leggendo sul periodico satirico «Cuore» il titolo: «Scatta l'ora legale, panico tra i socialisti». Attenzione: il rischio, oggi, è di vederlo attualizzato in «Scatta l'ora legale, panico tra i professori universitari».




Fonte: di JAVERT
Link
[]
L'AVVENIRE DEI LAVORATORI
Periodico socialista fondato 1897.
[]
IL PONTE RIVISTA
Rivista di politica economica e cultura
fondata da Calamandrei
[]
BIBLION EDITORE
Biblion Edizioni, storica casa editrice.
[]
CRITICA LIBERALE - NON MOLLARE
"NON MOLLARE"
Quindicinale on line di Critica Liberale,
la voce del liberalismo progressista in Italia.





Nuova Serie
"La Rivoluzione Democratica"
1, MARZO 2017

Realizzazione siti web www.sitoper.it
invia ad un amico
chiudi
Attenzione!
Non puoi effettuare più di 10 invii al giorno.
Informativa
Informativa Privacy
La presente informativa descrive le modalità di gestione del Sito, da Lei ora visitato, di cui è Titolare, il giornale "LA RIVOLUZIONE DEMOCRATICA", registrazione al Tribunale di Firenze n°5863 del 17/02/2012 (di seguito, "Giornale" per brevità), che ha come finalità l´informazione critica, la difesa della laicità delle Istituzioni e la diffusione della cultura laica, con sede in Firenze, accessibile al seguente nome di dominio
http://www.rivoluzionedemocratica.it
in riferimento al trattamento dei dati personali dei navigatori che vi accedono e che interagiscono con esso.

Premessa
I considerazione delle modifiche al D. Lgs. n. 196/2003 (Codice in materia di protezione dei dati personali, di seguito "Codice Privacy"), introdotte recentemente con il D.L. 201/2011 convertito nella L. 214/2011, la presente informativa si rivolge alle persone fisiche che, per conto proprio o di associazioni interessate, decidano di accedere al Sito ed interagire con esso ed è resa ai sensi dell´art. 13 del Codice Privacy.
L´informativa si ispira anche alla Raccomandazione n. 2/2001 che le autorità europee per la protezione dei dati personali, riunite nel Gruppo istituito dall´art. 29 della direttiva n. 95/46/CE, hanno adottato il 17 maggio 2001, per individuare alcuni requisiti minimi per la raccolta di dati personali on-line, e, in particolare, le modalità, i tempi e la natura delle informazioni che i titolari del trattamento devono fornire agli utenti quando questi si collegano a pagine web, indipendentemente dalle ragioni e finalità del collegamento.
In linea generale, è opportuno precisare che attraverso il Sito vengono effettuate le seguenti tipologie di raccolta dati:
- raccolta necessaria ed automatica dei dati del navigatore inerenti all´interazione con il Sito;
- trattamento correlato alla raccolta di dati, immessi volontariamente dal navigatore, attraverso l´invio di e-mail agli indirizzi indicati per contattare il Titolare (ad esempio, sezioni "Contatti" e "Iscriversi al circolo").

La presente informativa si riferisce unicamente alle operazioni di trattamento effettuate su dati raccolti con le modalità sopra indicate e non si riferisce, quindi, ai trattamenti effettuati tramiti altri siti, a cui l´utente vorrà accedere mediante link dal Sito. Per tali trattamenti dovrà essere fornita, da parte dei rispettivi Titolari, autonoma informativa.
Si precisa, in particolare, che i trattamenti sui dati conferiti accedendo a siti di terzi, raggiungibili mediante i link pubblicati sul Sito, sono effettuati da soggetti diversi dal Giornale.
Premesso che il Giornale non effettuerà alcuna comunicazione dei dati degli utenti a tali soggetti e che ogni iniziativa per entrare in contatto e chiedere informazioni, è rimessa all´esclusiva attività dell´Interessato o del rispettivo Titolare, il giornale non sarà in alcun modo responsabile dei trattamenti che verranno effettuati da parte di tali soggetti, a fronte dell´iniziativa dell´utente medesimo.

1. Finalità del trattamento
1.1 Le operazioni di trattamento di seguito illustrate sono unicamente rivolte alla corretta proposizione ed erogazione dei servizi offerti tramite il presente Sito dal Giornale medesimo per il perseguimento dello scopo associativo. L´Attività on line del Giornale consiste prevalentemente nella pubblicazione di contenuti, caratterizzati da un alto livello qualitativo, sui temi di interesse del Giornale e dei dati personali dei rispettivi autori, aventi con il Giornale rapporti regolari, nonché nello scambio, anche mediante messaggi di posta elettronica, di opinioni e informazioni di varia natura, relative in particolare alla vita e alle attivitàdel Giornale medesimo o ad eventi di rilevanza nel dibattito culturale che il Giornale intende promuovere.
1.2. A tal fine, il Titolare ha predisposto sezioni ad hoc del Sito.
In particolare, nella sezione "Contatti" è presente l´indirizzo e-mail interattivo cui l´Utente può trasmettere i propri dati personali e/o dell´Associazione di appartenenza, al Giornale. Più precisamente, in tale ipotesi il trattamento è finalizzato al mero scambio di informazioni e di contatti, comunque di natura non professionale, inerenti all´attività del Giornale .
In ogni caso, i dati raccolti tramite il presente Sito saranno trattati secondo principi di correttezza, liceità e trasparenza, per la tutela della riservatezza e dei diritti degli interessati, ed unicamente per il perseguimento dello scopo associativo. Negli stessi limiti saranno trattati anche i dati personali che dovessero essere inviati spontaneamente al Giornale dai visitatori del sito anche con modalità off-line (fax, posta, telefono od altro).

2. Tipi di dati trattati
2.1 - Dati di navigazione I sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento di questo Sito registrano, nel corso del loro normale esercizio, alcuni dati personali la cui acquisizione avviene in modo automatico e inevitabile, qualora si utilizzino i protocolli di comunicazione di Internet. Sono dati che, pur non essendo reperiti con lo scopo specifico di identificare i rispettivi Interessati, ben potrebbero, a causa delle loro stesse caratteristiche, essere associati a banche dati di terzi e così consentire l´individuazione degli utenti. Appartengono a questa categoria di dati, ad esempio, gli indirizzi IP o i nomi a dominio degli elaboratori utilizzati dagli utenti che si connettono al Sito, gli indirizzi in notazione URI (Uniform Resource Identifier) delle risorse richieste, l´orario della richiesta, il metodo utilizzato nel sottoporre la richiesta al server, la dimensione del file ottenuto in risposta, il codice numerico indicante lo stato della risposta data dal server (buon fine, errore, ecc.) ed altri parametri relativi al sistema operativo e all´ambiente informatico dell´utente. Questi dati vengono utilizzati al solo fine di ricavare informazioni statistiche anonime sull´uso del Sito e per controllarne il corretto funzionamento, e vengono cancellati immediatamente dopo l´elaborazione.
Si precisa che i dati di navigazione potrebbero essere usati per l´accertamento di responsabilità in caso di eventuali reati informatici ai danni del Sito, conformemente alle procedure vigenti presso le Autorità competenti.
2.2 Meccanismi automatici di raccolta
In conformità a quanto previsto nel Provvedimento del Garante n. 229 dell´8.5.2014, si informa che in questo Sito non si utilizzano "cookies persistenti", trojans, spywares, web bugs, ovvero sistemi per il tracciamento degli utenti (cookies di profilazione), ma soltanto cookies cosiddetti "tecnici", di navigazione, di sessione o di funzionalità.
L´uso di c.d. "cookies di sessione" (che non vengono registrati in modo persistente sull´elaboratore dell´utente e svaniscono con la chiusura del browser) è unicamente finalizzato a rendere l´esplorazione del Sito sicura ed efficiente.
I c.d. cookies di sessione, utilizzati in questo sito, evitano il ricorso ad altre tecniche informatiche potenzialmente pregiudizievoli per la riservatezza della navigazione degli utenti e non consentono l´acquisizione di dati personali identificativi dell´utente I cookies "analitici" vengono utilizzati dalla società ShinyStat per effettuare trattamenti in forma aggregata ed anonima, per i quali si fornisce l´informativa generale ed il modulo per esercitare l´opt-out tramite i link qui sotto:
- ShinyStat http://www.shinystat.com/it/informativa_privacy_generale_free.html
- ShinyStat http://www.shinystat.com/it/opt-out_free.html
- Facebook http://www.facebook.com/policy.php
- Twitter http://twitter.com/privacy
- Google+, Google Maps e YouTube https://www.google.it/intl/it/policies/privacy/
- Vimeo https://vimeo.com/cookie_policy
2.3 Si precisa, per completezza, che i dati personali - una volta resi anonimi - potranno essere utilizzati per elaborare statistiche o per rilevare il grado di soddisfazione degli utenti. In ogni caso, la raccolta e il trattamento dei dati personali degli utenti non saranno finalizzati ad attività di marketing, di informazione commerciale e/o di indagini di mercato.

3. Tipologia di dati
3.1 Il trattamento dei dati effettuati tramite il presente Sito avrà prevalentemente ad oggetto dati comuni.
Tuttavia, in considerazione della natura del Giornale, il trattamento, inoltre, potrà riguardare anche i dati personali idonei a rivelare le convinzioni religiose e/o le opinioni politiche degli utenti e/o degli Associati, e/o dei soggetti che - in relazione allo scopo associativo - hanno contatti regolari con il Giornale. In ogni caso, tramite il presente Sito non saranno trattati dati inerenti alla salute. Pertanto, La invitiamo a non comunicarci dati personali attinenti al Suo stato di salute e alla Sua vita sessuale, ai sensi dell´art. 26 del Codice. In presenza di tali dati, il Giornale procederà alla tempestiva distruzione del relativo messaggio e/o comunicazione da Lei eventualmente fornita.
3.2 Il trattamento dei dati si svolgerà in conformità della vigente Autorizzazione Generale del Garante per la protezione dei dati personali n. 3/2011 e successive .
3.3 Il conferimento dei dati è in ogni caso facoltativo. Tuttavia, il mancato conferimento dei dati relativamente ad alcune sezioni del Sito e, più precisamente, in relazione alla Sezione "Contatti" comporterà l´impossibilità, per l´Associazione, di fornire il relativo servizio.

4. Modalità di trattamento
4.1 Il medesimo sarà effettuato prevalentemente con l´ausilio di mezzi informatici e telematici ma anche manualmente. I dati infatti potranno essere conservati sia in archivi cartacei sia in archivi elettronici, in modo da consentire, laddove necessario, l´individuazione e la selezione di dati aggregati, per il tempo non eccedente la durata e le necessità del trattamento.
4.2 Il trattamento sarà effettuato direttamente dall´organizzazione del Titolare, con l´ausilio dei propri incaricati e/o responsabili del trattamento. Potranno avere accesso ai dati per il perseguimento delle finalità di cui al punto 1, nell´ambito delle rispettive funzioni o mansioni e, in ogni caso, secondo le modalità e nei limiti di cui ai rispettivi atti di nomina a Responsabile o a Incaricato, oltre al Coordinatore/Coordinatrice, al Tesoriere e al Responsabile per la gestione delle istanze ex art. 7 Codice, eventuali società di servizi esterne nominate responsabili del trattamento ai sensi e per gli effetti dell´art. 29 del Codice.
4.3. Infine, si informa l´utente che l´eventuale trasmissione di dati tramite Internet non può raggiungere livelli di sicurezza assoluti. E´ onere dell´utente verificare la correttezza dei dati personali che lo riguardano ed eventualmente procedere alla rettifica, aggiornamento o, comunque, modifica dei dati nel corso del trattamento. Il Titolare non può considerarsi tenuto ad altra prestazione oltre alla puntuale e corretta applicazione degli standard di sicurezza imposti dalla normativa in vigore, con particolare riferimento all´adozione delle misure di sicurezza in conformità di quanto previsto dagli artt. 33-36 del Codice e dal Disciplinare Tecnico di cui all´Allegato B.

5. Conservazione dei dati - durata e aggiornamento
5.1 A seguito di controlli periodici,il Giornale verificherà la stretta pertinenza e la non eccedenza dei dati raccolti rispetto agli obblighi ed alle finalità del trattamento posto in essere, per quanto riguarda i dati che rivelano le opinioni e le intime convinzioni.
5.2 Ad eccezione dei dati di navigazione che non vengono conservati oltre una settimana dalla raccolta, gli altri dati verranno conservati in coerenza con lo scopo per il quale sono stati conferiti e comunque nel rispetto della normativa vigente.
5.3 Nel rispetto di quanto previsto dall´art. 11, co. 1, lett. c) Codice, i dati personali saranno aggiornati in seguito alla segnalazione dell´Interessato, in congruità con quanto previsto dall´art. 7, co. 3, lett. a) Codice.

6. Comunicazione e diffusione
6.1 il Giornale non procederà alla comunicazione diretta a terzi dei dati personali raccolti tramite il sito.
6.2 I dati relativi alla navigazione non verranno, in nessun caso, diffusi o comunicati. E´ fatta salva la eventuale comunicazione alle Autorità competenti in relazione alle attività necessarie all´accertamento e alla repressione dei reati.
6.3 I dati personali forniti dagli utenti, che inoltrano richieste di informazioni ai diversi indirizzi di posta elettronica presenti sul Sito, non sono comunicati a terzi.
6.4 Nell´ambito delle finalità indicate nella presente informativa, qualora sia necessario comunicare i dati a soggetti diversi dal Titolare, quest´ultimo provvederà alla designazione degli stessi quali Responsabili del trattamento.

7. Diritti dell´Interessato
7.1 Al Titolare del trattamento potranno essere inoltrate le richieste di cui all´art. 7 del Codice "Diritti dell´interessato", ossia, in particolare il diritto di:
- ottenere dal Titolare la conferma dell´esistenza di dati personali che lo riguardano e la comunicazione dei medesimi in forma intelligibile;
- conoscere l´origine dei dati, la logica e le finalità su cui si basa il loro trattamento;
- conoscere gli estremi identificativi dei Responsabili del trattamento e delle categorie di soggetti ai quali i dati possono essere comunicati o che possono venirne a conoscenza in qualità di Responsabili o Incaricati;
- ottenere la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati trattati in violazione della legge, come l´aggiornamento, la rettificazione o, qualora l´interessato vi abbia interesse, l´integrazione dei dati medesimi;
- opporsi in tutto o in parte, per motivi legittimi, al trattamento dei dati personali che lo riguardano ancorché pertinenti allo scopo della raccolta;
- opporsi in tutto o in parte al trattamento previsto ai fini di informazione commerciale o di invio di materiale pubblicitario.
Qualora, a seguito della richiesta di cui all´art. 7 del Codice non risulti confermata l´esistenza di dati che riguardano l´Interessato, potrà essere richiesto a quest´ultimo un contributo spese, comunque non superiore a Euro 10,00.

Le richieste dovranno essere rivolte ai Direttori del Giornale, Responsabili per le richieste ex art. 7, al seguente indirizzo e-mail:
info@rivoluzionedemocratica.it

Si prega di indicare nell´oggetto della comunicazione: "Richiesta ex art. 7 D. Lgs. 30 giugno 2003, n. 196 - Codice in materia di protezione dei dati personali".

8. Titolare ed elenco dei Responsabili del trattamento
Titolare del trattamento dei dati è il giornale on line "LA RIVOLUZIONE DEMOCRATICA" con sede a FIRENZE, mail: info@rivoluzionedemocratica.it
L´elenco aggiornato contenente i nominativi e i recapiti dei Responsabili è disponibile presso la sede del Titolare.
torna indietro leggi Informativa  obbligatorio