02 Ottobre 2022

"LOUISE SAUMONEAU"

22-03-2022 - DONNE E SOCIALISMO di Ferdinando Leonzio
Femminista, socialista e pacifista: con queste tre parole si puo' riassumere l'intera vita di Louise Saumoneau, instancabile guida delle lavoratrici francesi, che rimase sempre fedele ai suoi ideali, per i quali seppe battersi con l'azione, con la parola e con gli scritti.

Louise Saumoneau, seconda di tre sorelle, era figlia di un ebanista di Poitier, dove nacque il 17 dicembre 1875.
La sorella maggiore sposo' anch'essa un ebanista e si trasferí a Parigi, dove ebbe quattro figli. Alcuni anni dopo, all'incirca alla fine del 1896, essa venne raggiuta dal resto della famiglia, cioé da Luise, dalla sorella minore Berthe e dai loro genitori.
Una famiglia cosí numerosa, per mantenersi, aveva assoluto bisogno di nuovi introiti.
Fu cosí che Louise riuscí ad ottenere un lavoro come sarta a domicilio, con retribuzione a cottimo: lavoro duro e malpagato, diffusosi in Europa alla fine dell'Ottocento, in seguito al forte sviluppo dell'industria tessile e dell'abbigliamento [1].

Intorno del 1898 la Saumoneau entro' in contatto coi gruppi femministi francesi, ma man mano prese coscienza delle rilevanti differenze esistenti tra il femminismo borghese, che non metteva in discussione il sistema sociale vigente e quello proletario che, secondo lei, avrebbe potuto trionfare solo in una societá socialista.
Insomma, per Saumoneau, la vera liberazione della donna si sarebbe avuta non con la collaborazione fra tutte le donne, ma solo con la lotta di classe che avrebbe portato al socialismo: l'azione femminista non poteva essere disgiunta dall'azione socialista.
Considerato che in Francia erano allora impiegate nelle fabbriche circa quattro milioni di donne, politicamente non organizzate, la Saumoneau, in una con la femminista socialista Elisabeth Renaud (1846-1932), lancio' un appello a tutte coloro che credono nella necessità dell'azione femminile in questa lotta e che accettano i principi che sono alla base del socialismo, per fondare il Gruppo Femminista Socialista (GFS), un soggetto politico, femminista e socialista nello stesso tempo, avente il proposito di dare alle donne lavoratrici un luogo di rappresentanza. Louise, allora ventiquattrenne, ne fu eletta presidente.
Nel congresso di fondazione del GFS la brillante socialista pronuncio' un appassionato e articolato discorso, in cui, fra l'altro disse:

Lo scopo che noi vogliamo perseguire e verso il quale tenderanno tutti i nostri sforzi é, come abbiamo giá anticipato, quello di portare la donna, finora incosciente e rassegnata, alla coscienza dei suoi diritti e dei suoi doveri, individuali e sociali; di condurla a prendere il suo posto di combattimento nella grande battaglia contro le iniquitá sociali di cui soffre; e con lei, l'intera umanitá.

E' percio' che lo scopo della nostra azione deve essere la scomparsa di questa iniquitá economica; e che scopo della societá che noi vogliamo deve essere l'uguaglianza economica, cioé il dovere e il diritto per ciascuno degli individui che compongono la societá di lavorare secondo le proprie capacitá e di ricevere quanto é necessario allo sviluppo di tutte le sue facoltá, che sono oppresse e annichilite nello stato capitalista.

Il manifesto approvato dal congresso costitutivo recava la firma di quattro donne lavoratrici che accanto al loro nome vollero aggiungere il loro mestiere: Louise Saumoneau (sarta), Elisabeth Renaud (istitutrice), Estelle Mordelet e Florestine Malseigne (sarte). Esso invitava le donne a liberarsi della duplice oppressione a cui erano soggette le donne, in quanto sfruttate dal capitalismo e legalmente assoggettate agli uomini
L'iniziativa fu ben accolta fra le donne, ma ben presto si trovo' a fare i conti con le concorrenti organizzazioni femministe borghesi e con l'indifferenza dei socialisti maschi.

Le due fondatrici del GFS, Saumoneau e Renaud, trovarono una conferma delle loro tesi nel 1900, al Congresso sulla condizione e sui diritti delle donne, presieduto da Marguerite Durand [2], in cui si trovarono in netta minoranza rispetto alle delegate di provenienza aristocratica o borghese, assai lontane dalle istanze avanzate dalle due socialiste.
Nello stesso anno 1900 la Saomineau partecipo' alla fondazione di un sindacato di sarte dei quartieri poveri e ne fu eletta segretaria [3].
Nel 1901 diresse uno sciopero di sarte lavoranti in fabbrica, che trovo'sostegno nel giornale femminista La Fronde.
Nell'aprile 1901 Saumoneau e Renaud entrarono nel Consiglio nazionale delle donne francesi, da poco costituito e diretto da Sarah Monod; ma l'ala sinistra socialista del movimento si trovo'in netta minoranza rispetto a quella maggioritaria di centro, costituita da donne appartenenti alla borghesia filantropica e all'ala destra cattolica, guidata da Marie Maugeret.
Nel settembre 1901 il sindacato delle sarte si dissolse e le sue iscritte aderirono ad altri sindacati prima riservati ai soli uomini. Cio' indusse la Saumoneau a ritenere che la lotta delle donne non doveva essere una lotta di genere, ma di classe, da condurre assieme ai lavoratori maschi.
Da qui la sua crescente ostilitá verso il femminismo borghese, essendo fermamente convinta che le donne proletarie avevano piú cose in comune con gli uomini proletari di quante ne avessero con le donne della borghesia.

Tra il 1901 e il 1902 le due femministe socialiste iniziarono a pubblicare un giornale intitolato La Femme Socialiste [4], prendendo a modello L'Uguaglianza, di ispirazione marxista, diretto dalla famosa socialista tedesca Clara Zetkin.
Poco dopo, pero', le due dirigenti entrarono in conflitto fra loro, sicché la Renaud, che era per una linea piú dialogante col femminismo borghese, lascio' il GFS, di cui la sola Saumoneau rimase alla guida [5].

Oltre che con le dissidenze interne e con la rivalitá con le organizzazioni femministe borghesi, il GFS dovette fare i conti anche col frastagliato socialismo „maschile“.
Nel congresso dell'unitá, svoltosi a Parigi dal 23 al 25 aprile 1905, i due maggiori partiti socialisti, il riformista Partito Socialista Francese (PSF) e il rivoluzionario Partito Socialista di Francia si fusero, anche seguendo le indicazioni dell'Internazionale [6], dando vita alla Sezione Francese dell'Internazionale Operaia (SFIO). Ne erano principali esponenti Jules Guesde, Edouard Vaillant, Paul Lafargue (genero di Marx) e Jean Jaurés.
La SFIO, in cui era di gran lunga prevalente l'elemento maschile, rifiuto' l'adesione al GFS come soggetto politico, ma accetto' le donne per adesione individuale.
Questa mancanza di „legittimazione“ porto' il GFS alla dissoluzione.

Nel 1912 la Saumoneau riprese la pubblicazione de La femme Socialiste, come giornale di propaganda e di educazione politica.
Nel dicembre dello stesso anno, nel corso di una cena appositamente organizzata dalla giornalista e femminista socialista Marianne Rauze (1875-1964), in cui erano presenti le principali esponenti del vecchio Gruppo Femminista Socialista, fu deciso di dar vita ad una organizzazione delle donne socialiste, interna alla SFIO. Del gruppo promotore, oltre la Saumoneau, la Rauze e la Renaud, facevano parte Marie Bonnevial (1841-1918), ex comunarda; Hélen Brion (1882-1962), sindacalista della CGT; Suzanne Buisson (1883-1944), attivista socialista e futuro membro della Rasistenza, che morirá in un campo di concentramento nazista; Alice Jouenne (1873-1954!, insegnante, che che nel 1914 succederá alla Saumoneau come segretaria delle donne SFIO; Marie Veroni (1874-1938), avvocato, presidente della „Lega francese per i diritti delle donne“.
Nel gennaio 1913 dunque sorse il Gruppo delle Donne Socialiste (GDFS), come sezione femminile della SFIO [7]. Segretaria, l'8 gennaio 1913, venne eletta Louise Saumoneau, sempre convinta che il riscatto delle donne si sarebbe potuto realizzare solo col socialismo, dunque con la vittoria della SFIO, da raggiungere mediante la lotta di classe.
Il 25 maggio 1913 la SFIO, guidata dal suo prestigioso leader, il pacifista Jean Jaurés [8], organizzo', d'intesa con la Confederazione Generale del Lavoro (CGT) e con la Federazione Comunista Anarchica (FCA) una grande manifestazione contro la legge dei tre anni [9], evidente segnale che il militarismo francese andava preparandosi per la guerra, che in effetti scoppierá l'anno seguente. In questa manifestazione di massa ebbero l'opportunitá di parlare tre donne, ed una di esse fu Louise Saumoneau, leader delle donne socialiste della SFIO [10].

Il 5 luglio 1914 la Saumoneau organizzo'una grande manifestazione per chiedere il diritto di voto e migliori condizioni lavorative per le donne. Sperava, con tali iniziative, anche di incrementere il reclutamento femminile. In effetti, alla vigilia del primo conflitto mondiale, dei 90.000 iscritti alla SFIO, solo 1.000 erano donne, di cui molte erano parenti degli iscritti maschi.
A sconvolgere questo lavoro intervenne lo scoppio della guerra. Mentre la Nostra [11] prese una posizione decisamente pacifista, in totale assonanza con la leader internazionale delle donne socialiste Clara Zetkin, la SFIO, nonostante avesse subito la perdita violenta del suo segretario Jean Jaurés, e in contraddizione con i precedenti deliberati nazionali e internazionali, decise di votare i crediti di guerra e di entrare nel governo, optando per la „politica di difesa nazionale“, la cosiddetta union sacrée.

A guerra iniziata, Louise prese una posizione decisamente contraria alla politica dell'union sacréé adottata dalla SFIO. Cio' la mise in minoranza anche nella GDFS, propensa a sostenere la politica ufficiale del partito, per cui nel dicembre 1914 si dimise da segretaria dell'organizzazione femminile del partito [12].
Nel gennaio 1915 diffuse l'„Appello alle donne socialiste di tutti i Paesi“ di Clara Zetkin, che, fra l'altro diceva: Quando gli uomini uccidono, tocca a noi donne combattere per la vita. Quando gli uomini tacciono, é nostro dovere parlare dei nostri ideali.
Aderendo a questo appello, nello stesso mese di gennaio, Saumoneau organizzo', assieme a Stéphanie Bouvard e Louise Couteaudier, il Comitato d'azione femminile socialista „Per la pace, contro lo sciovinismo“, con segretaria la stessa Saumoneau. E quando la Zetkin organizzo'una „Conferenza internazionale delle donne socialiste contro la guerra“, che ebbe luogo a Berna dal 25 al 27 marzo 1915, Louise Saumoneau vi partecipo'. In quella sede stigmatizzo' lo scarso impegno per la pace dei dirigenti socialisti, pur sapendo essi che le masse erano contrarie alla guerra. Per queste denunce ebbe un richiamo ufficiale dalla nuova segretaria delle donne SFIO Alice Jouenne.

La Conferenza di Berna si era conclusa con un'energica condanna del conflitto mondiale, che aveva sostituito la fratellanza internazionale dei lavoratori con un fratricidio internazionale e con un invito ad agire contro il capitalismo e le sue stragi di essere umani sacrificati alla ricchezza e al potere dei possidenti.
Louise, per nulla intimidita dal richiamo della Jouenne, avrebbe voluto tenere – il 25 aprile 1915 - una conferenza per informare il popolo dei risultati di Berna, ma la polizia glielo impedí.
Ma l'impegno pacifista di Louise era ormai davvero frenetico: nello stesso mese di aprile indirizzo' un appello ai socialisti francesi dal titolo Il mondo sta sputando sangue; a giugno diffuse un manifesto intitolato Donne del proletariato, dove sono i vostri mariti? Dove sono i vostri figli?; in agosto indirizzo' due appelli Alle donne del proletariato; in settembre inoltro' molti appelli a favore della pace ai sindacati e ai socialisti esteri, compresi quelli italiani [13].
Questo suo intenso attivismo pacifista aveva attirato l'attenzione della polizia che il 2 ottobre 1915 la trasse in arresto per „oltraggio all'esercito“ e la rinchiuse nel carcere di Saint-Lazare, che di solito ospitava prostitute! Fu rilasciata il 30 novembre successivo, perché le autoritá non volevano farne un simbolo del pacifismo.
Dirá qualche tempo dopo la Saumoneau in un suo documento, intitolato „Donne contro la guerra“, anche in polemica con la maggioranza del GDFS della SFIO:

Dopo aver tentato senza successo di strappare il Gruppo delle Donne Socialiste (S.F.I.O.) al suo terrore paralizzante e alla sua frenesia sciovinista, alcune compagne di questo Gruppo decisero di portare avanti l'azione e la propaganda socialista femminista che esso stava abbandonando.
Dopo aver pubblicato il commovente appello di Clara Zetkin alle donne socialiste di tutti i paesi, le sue compagne hanno formato il Comitato d'azione femminile socialista: “Per la pace, contro lo sciovinismo”.
Questo Comitato, composto esclusivamente da membri del Partito Socialista (S.F.I.O.) si basa sui principi stabiliti nei suoi Congressi dall'Internazionale Socialista dei Lavoratori. Il suo obiettivo principale è la lotta alla guerra in applicazione delle decisioni internazionali.
Questa lotta socialista contro la guerra e i guerrafondai il Comitato ha condotto attivamente e coraggiosamente negli ultimi diciotto mesi.


Subito dopo la conferenza internazionale di Zimmervald (Svizzera) che ebbe luogo dal 5 all'8 settembre 1915 fra i partiti e i gruppi socialisti ostili alla guerra [14], in Francia fu costituito il „Comitato per la ripresa delle relazioni internaziionali“ (CRRI) [15], con leader Albert Bourderon, a cui aderí la Saumoneau, che in seguito ne diventerá vicesegretaria.

Nel 1916 indirizzo' un nuovo manifesto Alle donne socialiste e proletarie. Il 20 aprile 1917 subí una perquisizione domiciliare. Nel maggio successivo fu eletta, assieme al socialista di sinistra Fernand Loriot (1870-1932), delegata socialista del CRRI alla conferenza di Stoccolma, che si proponeva la riunificazione di tutte le componenti del socialismo e la ricostruzione dell'l'Internazionale [16].

Quando scoppio' la Rivoluzione russa, Saumoneau si schiero'decisamente a suo favore e poi, nel dibattito interno alla SFIO che ne seguí, anche a favore della costituzione della III Internazionale, citando ad esempio la scelta del Partito Socialista Italiano [17], che stava raccogliendo i frutti della sua rivoluzionaria intransigenza [18].
Ma successivamente, di fronte al rigido centralismo della III Internazonale comunista, modifico' la sua scelta ed aderí alla corrente centrista della SFIO, guidata da Jean Longuet [19].

La SFIO, che al congresso di Strasburgo del 25-29 febbraio 1920 si era schierata
(92 %) per l'uscita dalla Seconda Internazionale, senza tuttavia pronunciarsi per l'adesione alla Terza Internazionale comunista, al congresso straordinario di Tours del 25-31 dicembre dello stesso anno si venne a trovare divisa in tre correnti: una di „sinistra“, maggioritaria (3208 voti), con leader Marcel Cachin, decisa ad aderire alla III Internazionale e a trasformarsi quindi in partito comunista; una, di „destra“, guidata da Leon Blum [20], contraria a tale adesione (397 voti, astenuti), e una di „centro“, guidata da Jean Longuet (1022 voti), favorevole alla III Internazionale, ma a determinate condizioni che salvaguardassero l'autonomia e l'unitá del partito. Solo l'unitá - sosteneva il leader del „centro marxista“ - poteva impedire che le due frazioni separate portassero a lidi estranei al socialismo: l'una al ministerialismo, l'altra all'anarchia e alla violenza
Cosí Longuet concluse il suo intervento a Tours:

Quando avrete obbedito per filo e per segno a tutte le indicazioni che vi sono giunte, penso che molti tra voi torneranno. Spero che non sia troppo tardi per il socialismo nel nostro paese. […] Se per salvare la rivoluzione i nostri compagni ci chiedessero di farci uccidere, ce ne sono molti tra noi che lo farebbero, ma ciò che non hanno diritto di fare è quello di rompere il nostro partito, il nostro ideale, di negare il nostro ideale socialista.

Mentre la maggioranza si avviava a vele spiegate verso il porto del comunismo internazionale, le due minoranze si riuniromo assieme e ricostituirono la SFIO.
Luise Saumoneau, che aveva in precedenza espresso posizioni di estrema sinistra e che poi aveva aderito alla mozione Longuet, dichiaro' di aderire alla rinata SFIO [21].
Cosí, infatti, Luise si espresse in una lettera inoltrata a Paul Faure, segretario del partito socialista SFIO. Un discorso, il suo, di tolleranza, di democrazia, di unitá nel pluralismo:

Dal giorno in cui ho conosciuto e considerato le condizioni omicide che Mosca ha imposto al nostro Partito, ho visto le possibilità di una scissione, da quel giorno ho preso una ferma determinazione a non aderire al partito della proscrizione e delle "pulizie periodiche”. […]

Quindi rimango con te, caro compagno, con tutto il mio passato, che non sopporta alcun ritiro di pensiero o di azione, portando così, credo, un "pezzo di unità socialista" ricostituita a Tours, un complemento necessario affinché tutte le tendenze vi siano rappresentate e possano, come in passato, scontrarsi e perfino combattere, senza proscrivere: poiché il nostro partito è anche pienamente rappresentativo del "socialismo di guerra", del "riformismo", e dell'illusionismo parlamentare.


Che cosa aveva determinato quello che alcuni erroneamente ritennero un cambiamento di linea? Probabilmente l'intuizione che il comunismo russo si stava avviando verso un costume interno monolitico e verso una rigiditá ideologica che mal si conciliavano con un partito socialista, per sua natura libertario, dove il dibattito era di casa, e che era ancora capace di ospitare tutte le posizioni socialiste.

La scelta della Saumoneau di militare nel vecchio partito socialista stava a testimoniare la presenza nella SFIO di socialisti di sinistra che, benché rimasti fedeli alle loro convinzioni e al loro passato, avevano vivo il senso dell'unitá politica del partito; unitá considerata un bene prezioso raggiunto nel 1905, unitá che era anche il segno della loro identitá.

Nel 1922 la Saumoneau ricostituí il Gruppo delle Donne Socialiste, che nel 1931 venne sostituito da un “Consiglio Nazionale delle Donne Socialiste”.
Nel 1947 riprese, ancora una volta, la pubblicazione del giornale La Femme Socialiste, che cesserá le pubblicazioni nel 1940, a causa della guerra.
Le donne francesi otterranno l'elettorato attivo e passivo nel 1945.
Nel 1947 l'ormai anziana socialista riprese, per la terza volta, la pubblicazione de La Femme Socialiste, che durerá fino al 1949.
Morí a Parigi il 23 febbraio 1950.




[1] In seguito la Saumoneau si guadagno' da vivere anche dando lezioni di francese, soprattutto a esuli russi.
[2] Marguerite Durand (1864-1936), attrice e giornalista, fu una famosa femminista francese, fondatrice del quotidiano femminista La Fronde.
[3] Sua valida collaboratrice in questo ruolo era la sorella Berthe.
[4] La Donna Socialista.
[5] Allora il GFS contava un centinaio di aderenti.
[6] La Seconda Internazionale si era espressa in tal senso nel suo congresso di Amsterdam del 1904.
[7] Forse per questa mancanza di effettiva autonomia, nel primo anno di vita il GDFS avrá solo 300 aderenti. Il GDFS si sciolse durante la guerra, ma fu ricreato nel 1922. Si sciolse definitivamente nel 1931, quando fu sostituito dal “Comitato Nazionale delle Donne Socialiste” (CNDFS).
[8] Jean Jarurés (1902-1914), professore universitario, storico e giornalista, fu assassinato, il 31-7-1914, da un fanatico nazionalista. Sulla storia del delitto si puo' vedere l'articolo di Ferdinando Leonzio Fascisti e socialisti sul numero di settembre 1919 de La Rivoluzione Democratica.
[9] Cosí era detta la legge che elevava il servizio militare da due a tre anni.
[10] Le altre due erano Alice Jouenne e Maria Vérone.
[11] Louise Saumoneau smise di cucire, per dedicarsi interamente alla lotta per la pace.
[12] Le subentro' nella carica Alice Jouenne.
[13] Louise era in contatto col “Comitato Permanente Internazionale delle Donne per la Pace e la Libertá” (LIFPL), con sede ad Amsterdam. Quando, nel dicembre 1915, la sede della sezione francese del Comitato fu perquisita dalla polizia, Louise protesto' pubblicamente nel suo intervento al congresso SFIO della Federazione della Senna.
[14] Per la minoranza della SFIO vi parteciparono Alphonse Merreim e Albert Bourderon.
[15] Era scaturito dalla fusione tra i sindacalisti presenti a Zimmerwald e la minoranta pacifista della SFIO. Fra gli aderenti della minoranza SFIO i deputati Pierre Brizon (1878-1923), Jean Raffin-Dugens (1861-1946) e Alexandre Blanc (1878-1923). Brizon, il 24-6-1916 dirá in un parlamento ostile: Noi votiamo contro i crediti di guerra per la pace, per la Francia, per il socialismo. I tre avevano rappresentato la Francia alla Conferenza dei socialisti contrari alla guerra, tenuta a Kienthal (Svizzera) dal 25 al 30 aprile 1916.
[16] La conferenza non ebbe luogo per l'assenza di molti partiti impegnati nella guerra e fu rinviata alla fine del conflitto.
[17] Il PSI si pronuncio' a favore dell'adesione alla III Internazionale. Ma, dopo lunghe e logoranti trattative, di fronte alla rigidezza delle condizioni poste (i „21 punti di Mosca“), finí per recedere e nel 1930, fusosi col PSULI, aderí all'Internazionale Operaia Socialista (IOS).
[18] Il PSI alle elezioni del 1919, prime elezioni del dopoguerra (15-11-1919), aveva ottenuto il 32,28 % e 156 seggi, diventando il primo partito italiano e triplicando la sua rappresentanza parlamentare.
[19] Iean Longuet (1876-1938), politico e giornalista, era nipote di Karl Marx (figlio di Jenny, primogenita di Marx). Leader del “centro marxista” della SFIO, fu il fondatore (1916) del giornale socialista La Populaire.
[20] La corrente guidata da Blum era pero' maggioritaria nel gruppo parlamentare.
[21] La ricostituita SFIO nel 1921 aderirá all' Internazionale di Vienna (Internazionale „due e mezzo“) la quale, in seguito (1923) si riunificherá con la Seconda Internazionale, dando vita all'Internazionale Operaia Socialista (IOS).




Fonte: di FERDINANDO LEONZIO
Link
[]
L'AVVENIRE DEI LAVORATORI
Periodico socialista fondato 1897.
[]
IL PONTE RIVISTA
Rivista di politica economica e cultura
fondata da Calamandrei
[]
BIBLION EDITORE
Biblion Edizioni, storica casa editrice.
[]
CRITICA LIBERALE - NON MOLLARE
"NON MOLLARE"
Quindicinale on line di Critica Liberale,
la voce del liberalismo progressista in Italia.





Nuova Serie
"La Rivoluzione Democratica"
1, MARZO 2017
Associazione Alleanza Giellista
[]

Realizzazione siti web www.sitoper.it
invia a un amico
icona per chiudere
Attenzione!
Non puoi effettuare più di 10 invii al giorno.
Privacy Policy per www.rivoluzionedemocratica.it
Il sito web www.rivoluzionedemocratica.it raccoglie alcuni dati personali degli utenti che navigano sul sito web.

In accordo con l'impegno e l'attenzione che poniamo ai dati personali e in accordo agli artt. 13 e 14 del EU GDPR, www.rivoluzionedemocratica.it fornisce informazioni su modalità, finalità, ambito di comunicazione e diffusione dei dati personali e diritti degli utenti.

Titolare del trattamento dei dati personali
La Rivoluzione Democratica
Via Circondaria, 56
55045 - Firenze Italia


Email: info @rivoluzionedemocratica.it
Telefono: 3934324237

Tipi di dati acquisiti
www.rivoluzionedemocratica.it raccoglie dati degli utenti direttamente o tramite terze parti. Le tipologie di dati raccolti sono: dati tecnici di navigazione, dati di utilizzo, email, nome, cognome, numero di telefono, provincia, nazione, cap, città, indirizzo, ragione sociale, stato, cookie e altre varie tipologie di dati. Maggiori dettagli sui dati raccolti vengono forniti nelle sezioni successive di questa stessa informativa.
I dati personali sono forniti deliberatamente dall'utente tramite la compilazione di form, oppure, nel caso di dati di utilizzo, come ad esempio i dati relativi alle statistiche di navigazione, sono raccolti automaticamente navigando sulle pagine di www.rivoluzionedemocratica.it.

I dati richiesti dai form sono divisi tra obbligatori e facoltativi; su ciascun form saranno indicate distintamente le due tipologie. Nel caso in cui l'utente preferisca non comunicare dati obbligatori, www.rivoluzionedemocratica.it si riserva il diritto di non fornire il servizio. Nel caso in cui l'utente preferisca non comunicare dati facoltativi, il servizio sarà fornito ugualmente da www.rivoluzionedemocratica.it .

www.rivoluzionedemocratica.it utilizza strumenti di statistica per il tracciamento della navigazione degli utenti, l'analisi avviene tramite log. Non utilizza direttamente cookie ma può utilizzare cookie includendo servizi di terzi.

Ciascun utilizzo di cookie viene dettagliato nella Cookie Policy (https://www.rivoluzionedemocratica.it/Informativa-sui-cookies.htm) e successivamente in questa stessa informativa.
L'utente che comunichi, pubblichi, diffonda, condivida o ottenga dati personali di terzi tramite www.rivoluzionedemocratica.it si assume la completa responsabilità degli stessi. L'utente libera il titolare del sito web da qualsiasi responsabilità diretta e verso terzi, garantendo di avere il diritto alla comunicazione, pubblicazione, diffusione degli stessi. www.rivoluzionedemocratica.it non fornisce servizi a minori di 18 anni. In caso di richieste effettuate per minori deve essere il genitore, o chi detiene la patria potestà, a compilare le richieste dati.

Modalità, luoghi e tempi del trattamento dei dati acquisiti
Modalità di trattamento dei dati acquisiti
Il titolare ha progettato un sistema informatico opportuno a garantire misure di sicurezza ritenute adatte ad impedire l'accesso, la divulgazione, la modifica o la cancellazione non autorizzata di dati personali. Lo stesso sistema effettua copie giornaliere, ritenute sufficientemente adeguate in base alla importanza dei dati contenuti.

L'utente ha diritto a ottenere informazioni in merito alle misure di sicurezza adottate dal titolare per proteggere i dati.

Accessi ai dati oltre al titolare
Hanno accesso ai dati personali raccolti da www.rivoluzionedemocratica.it il personale interno (quale ad esempio amministrativo, commerciale, marketing, legale, amministratori di sistema) e/o soggetti esterni (quali ad esempio fornitori di servizi informatici terzi, webfarm, agenzie di comunicazione, fornitori di servizi complementari). Se necessario tali strutture sono nominate dal titolare responsabili del trattamento.

L'utente può richiedere in qualsiasi momento al titolare del trattamento, l'elenco aggiornato dei responsabili del trattamento.

Comunicazione di eventuali accessi indesiderati al Garante della Privacy
Il suddetto sistema informatico è monitorato e controllato giornalmente da tecnici e sistemisti. Ciò non toglie che, anche se ritenuta possibilità remota, ci possa essere un accesso indesiderato. Nel caso in cui questo si verifichi il titolare si impegna, come da GDPR ad effettuarne comunicazione al Garante della Privacy entro i termini previsti dalla legge.

Luoghi di mantenimento dei dati acquisiti
I dati personali sono mantenuti e trattati nelle sedi operative e amministrative del titolare, nonché nelle webfarm dove risiedono i server che ospitano il sito web www.rivoluzionedemocratica.it, o sui server che ne effettuano le copie di sicurezza. I dati personali dell'utente possono risiedere in Italia, Germania e Olanda, comunque in nazioni della Comunità Europea. I dati personali dell'utente non vengono mai portati o copiati fuori dal territorio europeo.

Tempi di mantenimento dei dati acquisiti
Nel caso di dati acquisiti per fornire un servizio all'utente, (sia per un servizio acquistato che in prova) i dati vengono conservati per 24 mesi successivi al completamento del servizio. Oppure fino a quando non ne venga revocato il consenso.

Nel caso in cui il titolare fosse obbligato a conservare i dati personali in ottemperanza di un obbligo di legge o per ordine di autorità, il titolare può conservare i dati per un tempo maggiore, necessario agli obblighi.

Al termine del periodo di conservazione i dati personali saranno cancellati. Dopo il termine, non sarà più possibile accedere ai propri dati, richiederne la cancellazione e la portabilità.

Base giuridica del trattamento dei dati acquisiti
Il titolare acquisisce dati personali degli utenti nei casi sotto descritti.
Il trattamento si rende necessario:
- se l'utente ha deliberatamente accettato il trattamento per una o più finalità;
- per fornire un preventivo all'utente;
- per fornire un contratto all'utente;
- per fornire un servizio all'utente;
- perché il titolare possa adempiere ad un obbligo di legge;
- perché il titolare possa adempiere ad un compito di interesse pubblico;
- perché il titolare possa adempiere ad un esercizio di pubblici poteri;
- perché il titolare o terzi possano perseguire i propri legittimi interessi.

L'utente può richiedere in qualsiasi momento al titolare del trattamento, chiarimenti sulla base giuridica di ciascun trattamento.

Finalità del trattamento dei dati acquisiti
I dati dell'utente sono raccolti dal titolare per le seguenti finalità:

- richiesta informazione da parte dell'utente
- richiesta informazione per servizi
- invio di aggiornamenti
- invio informazioni generiche
- richiesta di contatto da parte dei clienti, per ricevere informazioni

Eventualmente i dati possono essere trattati anche per:
contattare l'utente, statistiche, analisi dei comportamenti degli utenti e registrazione sessioni, visualizzazione contenuti e interazione di applicazioni esterne, protezione dallo spam, gestione dei pagamenti, interazione con social network, pubblicità.

L'utente può richiedere in qualsiasi momento al titolare del trattamento, chiarimenti sulle finalità di ciascun trattamento.

Dettagli specifici sull'acquisizione e uso dei dati personali
Per contattare l'utente
Moduli di contatto
L'utente può compilare il/i moduli di contatto/richiesta informazioni, inserendo i propri dati e acconsentendo al loro uso per rispondere alle richieste di natura indicata nella intestazione del modulo.
Dati personali che potrebbero essere raccolti: CAP, città, cognome, email, indirizzo, nazione, nome, numero di telefono, provincia, ragione sociale.

Per interazione con applicazioni esterne (anche social network)
www.rivoluzionedemocratica.it include nelle sue pagine plugin e/o pulsanti per interagire con i social network e/o applicazioni esterne.
Per quanto riguarda i social network, anche se l'utente non utilizza il servizio presente sulla pagina web, è possibile che il servizio acquisisca dati di traffico.

I dati acquisiti e l'utilizzo degli stessi da parte di servizi terzi sono regolamentati dalle rispettive Privacy Policy alle quali si prega di fare riferimento.

Facebook: Pulsante "Mi piace" e widget sociali
Fornitore del servizio: Facebook, Inc.
Finalità del servizio: interazione con il social network Facebook
Dati personali raccolti: cookie, dati di utilizzo
Luogo del trattamento: Stati Uniti
Privacy Policy (https://www.facebook.com/about/privacy/update)
Cookie utilizzati (https://www.facebook.com/about/privacy/cookies)
Aderente al Privacy Shield

Twitter: Pulsante "Tweet" e widget sociali
Fornitore del servizio: Twitter, Inc.
Finalità del servizio: interazione con il social network Twitter
Dati personali raccolti: cookie, dati di utilizzo
Luogo del trattamento: Stati Uniti
Privacy Policy (https://twitter.com/privacy)
Cookie utilizzati (https://help.twitter.com/it/rules-and-policies/twitter-cookies)
Aderente al Privacy Shield

Whatsapp: Pulsante Whatsapp e widget sociali di Whatsapp
Fornitore del servizio: se l'utente risiede nella Regione Europea, WhatsApp Ireland Limited, se l'utente risiede al di fuori della Regione Europea, i Servizi vengono forniti da WhatsApp LLC.
Finalità del servizio: servizi di interazione con Whatsapp.
Dati personali raccolti: cookie, dati di utilizzo
Luogo del trattamento: Irlanda, le informazioni potrebbero essere trasferite o trasmesse o archiviate e trattate negli Stati Uniti o in altri Paesi terzi al di fuori di quello in cui l'utente risiede.
Privacy Policy (https://www.whatsapp.com/legal/privacy-policy-eea)
Aderente al Privacy Shield

Per protezione da spam
Questi servizi acquisiscono dati dagli utenti e tramite varie logiche distinguono il traffico di utenti reali da quello di potenziali minacce di spam.

I dati acquisiti e l'utilizzo degli stessi da parte di servizi terzi sono regolamentati dalle rispettive Privacy Policy alle quali si prega di fare riferimento.

Google reCAPTCHA
Fornitore del servizio: Google, Inc.
Finalità del servizio: servizio di protezione da spam
Dati personali raccolti: cookie, dati di utilizzo
Luogo del trattamento: Stati Uniti
Privacy Policy (https://policies.google.com/privacy?hl=it)
Cookie utilizzati (https://policies.google.com/technologies/types?hl=it)
Aderente al Privacy Shield

Per statistiche
Questi servizi sono utilizzati dal titolare del trattamento per analizzare il traffico effettuato dagli utenti sul sito web www.rivoluzionedemocratica.it.

I dati acquisiti e l'utilizzo degli stessi da parte di servizi terzi sono regolamentati dalle rispettive Privacy Policy alle quali si prega di fare riferimento.

Google Analytics
Fornitore del servizio: Google, Inc.
Finalità del servizio: servizio di analisi web fornito. Questo servizio raccoglie i dati personali dell'utente per monitorare e analizzare l'utilizzo del sito web www.rivoluzionedemocratica.it, generare report e utilizzarli anche per gli altri servizi di Google. Google può usare i dati raccolti per personalizzare i propri annunci pubblicitari.
Dati personali raccolti: cookie, dati di utilizzo
Luogo del trattamento: Stati Uniti
Privacy Policy (https://policies.google.com/privacy?hl=it)
Opt-Out (https://tools.google.com/dlpage/gaoptout?hl=it)
Aderente al Privacy Shield

Per visualizzare contenuti da siti web esterni
Questi servizi sono utilizzati per visualizzare sulle pagine del sito web contenuti esterni al sito web, con possibilità di interazione.
Anche se l'utente non utilizza il servizio presente sulla pagina web, è possibile che il servizio acquisisca dati di traffico.

I dati acquisiti e l'utilizzo degli stessi da parte di servizi terzi sono regolamentati dalle rispettive Privacy Policy alle quali si prega di fare riferimento.

Google Fonts
Fornitore del servizio: Google, Inc.
Finalità del servizio: servizio per visualizzare caratteri (fonts) esterni sul proprio sito web
Dati personali raccolti: tipologie di dati secondo quanto specificato dalla privacy policy del servizio
Luogo del trattamento: Stati Uniti
Privacy Policy (https://policies.google.com/privacy?hl=it)
Aderente al Privacy Shield

Diritti dell'interessato
L'utente possiede tutti i diritti previsti dall'art. 12 del EU GDPR, il diritto di controllare, modificare e integrare (rettificare), cancellare i propri dati personali accedendo alla propria area riservata. Una volta cancellati tutti i dati, viene chiuso l'account di accesso all'area riservata.

Nello specifico ha il diritto di:
- sapere se il titolare detiene dati personali relativi all'utente (art. 15 Diritto all'accesso);
- modificare o integrare (rettificare) i dati personali inesatti o incompleti (Art. 16 Diritto di rettifica);
- richiedere la cancellazione di uno o parte dei dati personali mantenuti se sussiste uno dei motivi previsti dal GDPR (Diritto alla Cancellazione, 17);
- limitare il trattamento solo a parte dei dati personali, o revocarne completamente il consenso al trattamento, se sussiste uno dei motivi previsti dal Regolamento (Art. 18 Diritto alla limitazione del trattamento);
- ricevere copia di tutti i dati personali in possesso del titolare, in formato di uso comune organizzato, e leggibili anche da dispositivo automatico (Art. 20, Diritto alla Portabilità);
- opporsi in tutto o in parte al trattamento dei dati per finalità di marketing, ad esempio opporsi e ricevere offerte pubblicitarie (art. 21 Diritto di opposizione). Si fa presente agli utenti che possono opporsi al trattamento dei dati utilizzati per scopo pubblicitario, senza fornire alcuna motivazione;
- opporsi al trattamento dei dati in modalità automatica o meno per finalità di profilazione (c.d. Consenso).

Come un utente può esercitare i propri diritti
L'utente può esercitare i propri diritti sopra esposti comunicandone richiesta al titolare del trattamento La Rivoluzione Democratica ai seguenti recapiti: info@rivoluzionedemocratica.it; tel. 3312300680.

La richiesta di esercitare un proprio diritto non ha nessun costo. Il titolare si impegna ad evadere le richieste nel minor tempo possibile, e comunque entro un mese.

L'utente ha il diritto di proporre reclamo all'Autorità Garante per la Protezione dei dati Personali. Recapiti: garante@gpdp.it, http://www.gpdp.it (http://www.gpdp.it).

Cookie Policy
Informazioni aggiuntive sul trattamento dei dati
Difesa in giudizio
Nel caso di ricorso al tribunale per abuso da parte dell'utente nell'utilizzo di www.rivoluzionedemocratica.it o dei servizi a esso collegati, il titolare ha la facoltà di rivelare i dati personali dell'utente. È inoltre obbligato a fornire i suddetti dati su richiesta delle autorità pubbliche.

Richiesta di informative specifiche
L'utente ha diritto di richiedere a www.rivoluzionedemocratica.it informative specifiche sui servizi presenti sul sito web e/o la raccolta e l'utilizzo dei dati personali.

Raccolta dati per log di sistema e manutenzione
www.rivoluzionedemocratica.it e/o i servizi di terze parti (se presenti) possono raccogliere i dati personali dell'utente, come ad esempio l'indirizzo IP, sotto forma di log di sistema. La raccolta di questi dati è legata al funzionamento e alla manutenzione del sito web.

Informazioni non contenute in questa policy
L'utente ha diritto di richiedere in ogni momento al titolare del trattamento dei dati le informazioni aggiuntive non presenti in questa Policy riguardanti il trattamento dei dati personali. Il titolare potrà essere contattato tramite gli estremi di contatto.

Supporto per le richieste "Do Not Track"
Le richieste  "Do Not Track" non sono supportate da www.rivoluzionedemocratica.it.
L'utente è invitato a consultare le Privacy Policy dei servizi terzi sopra elencati per scoprire quali supportano questo tipo di richieste.

Modifiche a questa Privacy Policy
Il titolare ha il diritto di modificare questo documento avvisando gli utenti su questa stessa pagina oppure, se previsto, tramite i contatti di cui è in possesso. L'utente è quindi invitato a consultare periodicamente questa pagina. Per conferma sull'effettiva modifica consultare la data di ultima modifica indicata in fondo alla pagina.
Il titolare si occuperà di raccogliere nuovamente il consenso degli utenti nel caso in cui le modifiche a questo documento riguardino trattamenti di dati per i quali è necessario il consenso.

Definizioni e riferimenti legali
Dati personali (o dati, o dati dell'utente)
Sono dati personali le informazioni che identificano o rendono identificabile, direttamente o indirettamente, una persona fisica e che possono fornire informazioni sulle sue caratteristiche, le sue abitudini, il suo stile di vita, le sue relazioni personali, il suo stato di salute, la sua situazione economica, ecc.

Fonte: sito web del Garante della Privacy (http://www.garanteprivacy.it).

Dati di utilizzo
Sono dati di utilizzo le informazioni che vengono raccolte in automatico durante la navigazione di www.rivoluzionedemocratica.it, sia da sito web stesso che dalle applicazioni di terzi incluse nel sito. Sono esempi di dati di utilizzo l'indirizzo IP e i dettagli del dispositivo e del browser (compresi la localizzazione geografica) che l'utente utilizza per navigare sul sito, le pagine visualizzate e la durata della permanenza dell'utente sulle singole pagine.

Utente
Il soggetto che fa uso del sito web www.rivoluzionedemocratica.it.
Coincide con l'interessato, salvo dove diversamente specificato.

Interessato
Interessato è la persona fisica al quale si riferiscono i dati personali. Quindi, se un trattamento riguarda, ad esempio, l'indirizzo, il codice fiscale, ecc. di Mario Rossi, questa persona è l'interessato (articolo 4, paragrafo 1, punto 1), del Regolamento UE 2016/679 (http://www.garanteprivacy.it/regolamentoue).

Fonte: sito web del Garante della Privacy (http://www.garanteprivacy.it).

Responsabile del trattamento (o responsabile)
Responsabile è la persona fisica o giuridica al quale il titolare affida, anche all'esterno della sua struttura organizzativa, specifici e definiti compiti di gestione e controllo per suo conto del trattamento dei dati (articolo 4, paragrafo 1, punto 8), del Regolamento UE 2016/679 (http://www.garanteprivacy.it/regolamentoue). Il Regolamento medesimo ha introdotto la possibilità che un responsabile possa, a sua volta e secondo determinate condizioni, designare un altro soggetto c.d. "sub-responsabile" (articolo 28, paragrafo 2).

Fonte: sito web del Garante della Privacy (http://www.garanteprivacy.it).

Titolare del trattamento (o titolare)
Titolare è la persona fisica, l'autorità pubblica, l'impresa, l'ente pubblico o privato, l'associazione, ecc., che adotta le decisioni sugli scopi e sulle modalità del trattamento (articolo 4, paragrafo 1, punto 7), del Regolamento UE 2016/679 (http://www.garanteprivacy.it/regolamentoue).

Fonte: sito web del Garante della Privacy (http://www.garanteprivacy.it).

www.rivoluzionedemocratica.it (o sito web)  
Il sito web mediante il quale sono raccolti e trattati i dati personali degli utenti.

Servizio
Il servizio offerto dal sito web www.rivoluzionedemocratica.it come indicato nei relativi termini.

Comunità Europea (o UE)
Ogni riferimento relativo alla Comunità Europea si estende a tutti gli attuali stati membri dell'Unione Europea e dello Spazio Economico Europeo, salvo dove diversamente specificato.

Cookie
Dati conservati all'interno del dispositivo dell'utente.

Riferimenti legali
La presente informativa è redatta sulla base di molteplici ordinamenti legislativi, inclusi gli artt. 13 e 14 del Regolamento (UE) 2016/679. Questa informativa riguarda esclusivamente www.rivoluzionedemocratica.it, dove non diversamente specificato.

Informativa privacy aggiornata il 14/12/2021 12:28
torna indietro leggi Privacy Policy per www.rivoluzionedemocratica.it  obbligatorio
refresh