07 Luglio 2022

"LENA MORROW LEWIS"

22-06-2022 - DONNE E SOCIALISMO di Ferdinando Leonzio
Fra le prime organizzazioni socialiste degli USA, maggiore consistenza e visibilitá ebbero il Partito Socialdemocratico d'America (SDA) [1] e il Partito Socialista Laburista d'America (SLP) [2].


Simbolo SDASimbolo SLP







Simbolo SDA

Simbolo SLP



Il 29 luglio 1901 l'SDA e un'ala dissidente dell'SLP si fusero, dando vita a un partito destinato ad avere lunga durata: il Partito Socialista d'America (SPA).
Martha Lena Morrow, figlia di un pastore presbiteriano [3], nacque nel 1868 nella contea di Warren (Illinois, USA). Studió al liceo di Paxtown e, dopo aver conseguito il diploma, di iscrisse al presbiteriano Monmouth College, nella cittá omonima, sempre nell'Illinois, dove nel 1892 conseguí la laurea [4].
Dopo di che divenne conferenziere dell' “Unione della temperanza cristiana della donna” (WCTU), un'organizzazione che si batteva contro la produzione e la vendita di bevande alcooliche, considerate causa e conseguenza di gravi problemi sociali; ma non solo, poiché la WCTU collegava la religione al sociale, allo scopo di creare un mondo sobrio e puro, ispirato al cristianesimo evangelico.
La WCTU cercava, infatti, di affrontare anche varie altre tematiche su riforme sociali, come la lotta al tabagismo e alla prostituzione, per i diritti dei lavoratori e per un loro salario dignitoso, per la salute pubblica, per i servizi igienico-sanitari, per la pace internazionale e per il suffragio femminile.
Morrow svolse il suo incarico fino al 1898, periodo durante il quale fu anche presidente del distretto dell'Illinois dell'organizzazione.

La tematica che piú l'aveva attratta in quegli anni era quella relativa al suffragio femminile, sicché decise di aderire al movimento femminista che si batteva per tale causa, per la quale prese a girare vari stati dell'Unione, perfino lavorando per il forte sindacato di Chicago, per cercare di ottenerne l'aiuto nella sua lotta per il suffragio. Nello stesso periodo frequentó il Karl Marx Club di Oakland.
Vista la sua ottima conoscenza delle problematiche del lavoro, il passo dal femminismo al socialismo fu breve e nell'aprile 1902 Lena Morrow aderí al Partito Socialista d'America, sorto l'anno precedente.



Simbolo SPALena Morrow Lewis







Simbolo SPA



Lena Morrow Lewis





Aveva probabilmente colto il senso del motto di Louise Kneeland:
Chi è socialista e non è femminista difetta di profonditá; ma chi è femminista e non è socialista, manca di strategia.
Lei, dunque, aveva capito che il lavoro era ancora piú importante del suffragio femminile, perché indispensabile per sopravvivere. Inizió perció la sua attivitá di propagandista socialista nella baia di S. Francisco, in California: si rivelerá una delle migliori leader dell'SPA.
Nel 1903 Lena sposó il sociologo inglese, suo compagno di partito, Arthur Lewis (1873-1922), importante autore di numerosi saggi [5], e ne assunse il cognome [6].
Nel 1907 fu la prima donna ad essere eletta nel Comitato Esecutivo Nazionale dell'SPA: era il giusto riconoscimento per le sue capacitá e per l'impegno da lei profuso nella sua attivitá di organizzatrice e di propagandista socialista.
Negli anni fra il 1908 e il 1914 l'attivitá, a tempo pieno, di attivista e conferenziere nazionale del partito socialista divenne intensa e frenetica e la portó in quasi tutti gli Stati dell'Unione, mentre partecipava anche a molteplici attivitá di partito.
Lena Morrow Lewis fu candidata in molte elezioni locali, statali e congressuali in California e in Alaska; scrisse su varie testate socialiste e sindacali, fra cui The Labour Word [7], di cui fu anche direttrice, e The Socialist Woman, diretto da Josephine Conger-Kanebo [8], su cui scriveva anche Kate Richards O'Hare [9]; scrisse opuscoli [10] e tenne conferenze su questioni di attualitá, da lei analizzate da un punto di vista socialista.
Ecco cosa dice nel suo scritto Le domande sul sesso e sulla donna [11]:

[…] L'introduzione e l'istituzione dell'istituto della proprietà privata ha cambiato completamente lo status della donna nella società. Il diritto di proprietà privata porta con sé la possibilità di acquisire ricchezza e il desiderio di trasmetterla alle generazioni future. Questo nuovo regime economico ha cambiato molto materialmente il rapporto familiare, il padre è diventato il capofamiglia. Affinché l'uomo potesse sapere con assoluta certezza chi fossero i suoi eredi, la monogamia si rese necessaria, almeno per la donna. Il controllo del potere sessuale della donna, la disposizione da parte della società a regolare le funzioni materne, traeva origine dal desiderio istintivo di preservare l'istituto della proprietà privata.

Ogni sforzo da parte delle donne per staccarsi dalla vita ristretta determinata dal suo sesso o dalle funzioni materne incontra un'aspra opposizione. Quando le lavoratrici pioniere del suffragio iniziarono il loro lavoro per la parità di diritti, l'argomento più popolare addotto contro di loro era che erano "donne immorali".

Se il controllo o la regolazione dei rapporti sessuali della donna scaturisce dalle esigenze dell'istituto della proprietà privata, allora ne consegue logicamente che il superamento di detta istituzione rimuoverà questa necessità e il nuovo ordine della società consentirà alla donna di vivere la vita di un essere umano completo. Qualunque regolamentazione o controllo delle relazioni sessuali che la società possa inaugurare o stabilire nel sistema che segue il capitalismo, sarà determinato dalle esigenze economiche e sociali delle persone in quel momento. Il nuovo sistema economico verso il quale stiamo rapidamente andando svilupperà relazioni sociali tali da favorire la conservazione e il progresso della società. L'etica del capitalismo scomparirà con il superamento dell'istituto della proprietà privata.


In un'altra sua opera, intitolata La base materialista dell'educazione, in cui le idee, come le parole, sono molto chiare, si legge:

Solo quando i lavoratori hanno conoscenza e intelligenza possono risolvere il problema della propria libertà politica e industriale.

I padroni capitalisti hanno educato gli operai oggi a loro vantaggio, ma per la loro rovina domani.

Ciò che determina il trionfo del capitalismo, alla fine, determina la sua stessa caduta.

L'educazione degli operai a vantaggio della classe capitalista significa guadagno e profitto solo per pochi, la classe superiore di oggi.
L'educazione dei lavoratori a beneficio della classe operaia significa guadagno e profitto per la classe operaia e, in ultima analisi, per l'intera razza umana.

Ciò che è servito alla classe capitalista, un giorno servirà alla classe operaia.

Le menti addestrate che creano profitti per i padroni di oggi creeranno ricchezza per i produttori di cui godere domani.

Le future vittorie della classe operaia non risiedono tanto nel loro numero (i lavoratori sono sempre stati la stragrande maggioranza), ma nelle conoscenze che possiedono e nella capacità di organizzarsi con intelligenza e agire insieme in campo politico ed economico.
Ricordiamoci sempre che la conoscenza è potere!

La Morrow fu in dimestichezza con i principali leader del socialismo nordamericano, come Eugene V. Debs [12], Theodore Debs [13], James H. Maurer [14], James Oneal [15], Norman Thomas [16] e Charles Edward Russell [17].
In vista del congresso dell'Internazionale Socialista che si sarebbe tenuto a Copenaghen, ebbe luogo a Chicago, dal 15 al 21 maggio 1910, il congresso socialista per la nomina dei delegati al congresso mondiale [18]. L'intervento di May Wood Simons fece piangere i delegati:

[…] vi porto i saluti dell'esercito di disoccupati che stanno cercando su e giú per le strade della nostra cittá un lavoro che potrebbe non essere trovato, dormendo di notte negli edifici delle stazioni, mangiando semi-occasionalmente e mendicando il lavoro che viene loro rifiutato. Camminano per le strade, a volte giorno e notte, e il loro grido è lavoro, lavoro, lavoro. A voi porto i loro saluti.

Dal 26 al 27 agosto 1910, quindi due giorni prima del congresso dell'Internazionale, si tenne a Copenaghen la seconda[19] Conferenza delle Donne Socialiste, nella quale erano presenti 100 donne, in rappresentanza di 17 Paesi. Per le donne socialiste americane parteciparono alla conferenza femminile le tre donne della delegazione statunitense:

Lena Morrow Lewis, capodelegazione. Scriverá di lei un anonimo socialista, dopo aver accennato alla sua cultura e alla sua esperienza, acquisita per il suo costante contatto coi lavoratori:
Qualunque cosa faccia viene eseguita con una scrupolosità coscienziosa che è destinata a decretare il successo di qualsiasi uomo o donna. È una delle migliori venditrici di letteratura del movimento socialista perché ha studiato l'opera. È una delle nostre relatrici più convincenti e raffinate, perché sa cercare con cura il pensiero giusto e le parole giuste con cui esprimerlo.

Luella Twining (1871-1939), giornalista, sindacalista e oratrice socialista detta “la Giovanna d'Arco della classe operaia”. Fu una delle principali sostenitrici di un festa del lavoro: Non vogliamo una festa del lavoro capitalista. Facciamo una giornata del lavoro tutta nostra. Facciamo una giornata internazionale del lavoro, il primo maggio.

May Wood Simons (1876-1948), scrittrice [20] e traduttrice [21], laureata in filosofia. Da ricordare il suo celebre motto, che echeggia quello di Marx: Donne del mondo, unitevi. Avete doppie catene da perdere e avete il mondo da guadagnare.

Furono loro tre per prime a proporre di istituire una comune giornata dedicata alla rivendicazione dei diritti delle donne [22]. La proposta venne favorevolmente accolta da Clara Zetkin, che preparó la mozione finale, approvata dalle convegniste, la quale dichiarava che, seguendo l'esempio delle compagne nordamericane, si dedicherá un giorno speciale alle donne:

In accordo con le organizzazioni di classe e sindacali del Proletariato, le donne socialiste di ogni nazione organizzano nei loro paesi ogni anno una giornata delle donne che in primo luogo serva come agitazione per il diritto di voto femminile. La richiesta deve essere considerata alla luce del suo rapporto con l'intera questione femminile espressa dalla concezione socialista. La giornata della donna deve avere un carattere internazionale e deve essere preparata con ogni cura.

Dall'11 al 16 maggio 1913 si svolse a Chicago un'agitata riunione del Comitato Nazionale del partito socialista, alla fine della quale fu eletto un nuovo Comitato Nazionale Esecutivo [23], al quale la Morrow non si candido'. Fu pero' eletta nel Comitato Nazionale delle donne [24]. Nello stesso anno 1913 Lena decise di trasferirsi nel Territorio dell'Alaska [25], precisamente nella capitale Juneau, dove rimase fino al 1917. In Alaska svolse un'intensa attivitá organizzativa, facendo discorsi e conferenze e costruendo il Partito Socialista locale. Divenne anche vicepresidente del sindacato “Alaska Labour Union”. Fu direttrice del giornale Sunday Morning Post e condirettrice del bollettino ufficiale del lavoro Notizie del lavoro in Alaska.
Nel 1916 si candido' alla carica di Delegata Territoriale dell'Alaska alla Camera dei Rappresentanti degli Stati Uniti e con ció fu la prima donna a candidarsi a una carica pubblica elettiva.
Nel 1917 la Morrow lasció l'Alaska e si trasferí a Seattle (Stato di Washington), dove diresse il giornale socialista Seattle Daily.
Lo stesso anno, subito dopo l'ingresso degli Stati Uniti nella prima guerra mondiale [26], il Partito Socialista d'America, rimasto fedele ai principi dell'internazionalismo proletario, nella sua convenzione di St Louis, proclamó decisamente la sua ostilitá alla guerra:
La guerra significa reazione in casa. La guerra crea uno spirito di follia e di irragionevolezza. La guerra crea condizioni in cui tutti i poteri di reazione, tutte le potenze predatorie del Paese possono soddisfare i loro desideri e portare a termine i loro attacchi alla libertá popolare, ai diritti popolari, impunemente […][27].
Ciononostante, il 1° settembre 1919 l'estrema sinistra rivoluzionaria del partito, d'intesa col Comintern, si scisse per fondare il Partito Comunista d'America [28].
Lena comunque rimase nelle file socialiste ed anzi nel 1920 si impegnó al massimo nel dirigere, nel Nord-ovest degli USA, la campagna elettorale in sostegno della candidatura alla Casa Bianca di Eugene Debs, il quale si trovava in carcere per la sua intensa attivitá pacifista [29].
Negli anni '20 si spostó a S. Francisco in California, dove nel 1926 fu la candidata socialista a vicegovernatore[30] e nel 1928 al Senato degli USA. Fu anche segretaria del Partito Socialista della California dal 1925 al 1930 e redattrice del suo organo Labour World. Nel 1931 fu eletta nel Comitato Esecutivo Nazionale del partito socialista e riprese a lavorare per il partito girando i vari Stati dell'Unione.

In occasione della convenzione del PSA, tenutasi a Detroit dal 1° al 3 giugno 1934, emerse una corrente, composta per lo piú da giovani, detta “militante”, orientata verso tattiche rivoluzionarie e favorevole ad un'azione congiunta col Partito Comunista. Essa riuscí a fare approvare una nuova “Dichiarazione di Principi”, al posto di quella del 1924, con ció spingendo la corrente di “destra”, detta la “Vecchia Guardia”, ostile a tale nuovo indirizzo politico, ad abbandonare la casa comune. Infatti, di fronte a tale svolta, considerata contraria alla tradizionale politica socialista, la “Vecchia Guardia” si organizzó per meglio opporsi a una scelta che riteneva errata, formando un “Comitato per la Conservazione del Partito Socialista” [31], per opporsi a scelte che potevano portare il partito su un terreno antidemocratico. Fu anche costituito un “Comitato Esecutivo Provvisorio” [32] per meglio organizzare la corrente. Ma la distanza era ormai divenuta incolmabile fra le due fazioni, per cui, nel corso di un convegno costitutivo, tenuto a Pittsburg il 29 e 30 maggio 1937, fu dalla “Vecchia Guardia” fondato un nuovo partito socialista, la Federazione Socialdemocratica (SDF).
All'atto della sua costituzione il nuovo partito approvó tre mozioni: una di solidarietá al governo legittimo della Spagna repubblicana, aggredita dai franchisti, spalleggiati dai fascisti italiani e dai nazisti tedeschi; una seconda favorevole al boicottaggio antinazista e una terza di adesione all'Internazionale Operaia Socialista (IOS). Presidente nazionale del nuovo partito fu eletto Jasper McLevy; segretario esecutivo August Claessens.
Al nuovo partito [33] aderí anche Lena Morrow Lewis, poiché per lei l'SPA era diventato un partito di dittatori e aveva perso la sua anima democratica. Lena, da allora, si dedicó al riordino della imponente biblioteca della Rand School [34], che dopo la scissione socialdemocratica del 1936, gravitava attorno alla SDF.
Morí il 1° gennaio 1950, a 81 anni.
Si spegneva con lei una grande leader del socialismo statunitense, una colta ed instancabile organizzatrice, che dall'antialcolismo era passata al femminismo, e da questo al socialismo, a cui aveva dedicato il resto della sua vita.
Disse di lei Eugene V. Debs: Lena Morris Lewis è una delle piú nobili donne, come ho motivo di sapere.




[1] Il Partito Socialdemocratico d'America (SDA) fu fondato, il 18-6-1897 a Chicago, nel corso di una convention indetta dal sindacalista Eugene Victor Debs (1855-1926), uno dei piú noti socialisti americani, che sará per cinque volte candidato alla Presidenza degli USA. Vi confluivano vari gruppi organizzati di varia formazione (marxisti, sindacalisti, owenisti, populisti) ed era diretto da un Comitato Esecutivo Nazionale, di cui Debs fu il presidente.

[2] Il Partito Socialista Laburista d'America (DLP) fu fondato, il 15-7-1876 a Filadelfia, da gruppi marxisti e lassalliani, in prevalenza di origine tedesca, con primo segretario il disegnatore architettonico Philip van Patten (1852-1918). Nel 1899 una minoranza lasció il partito per unificarsi coll'SDA.

[3] La Chiesa Presbiteriana è una chiesa di origine scozzese ispirata al calvinismo. E' governata, al suo interno, da assemblee (concistori) di presbiteri (anziani).

[4] Il Monmouth College è un istituto privato (presbiteriano) di “arti liberali”. Il corso universitario di “arti liberali” mira ad impartire conoscenze generali e a sviluppare le capacitá intellettuali.

[5] Fra le opere del socialista Arthur Lewis, ricordiamo Evoluzione sociale e organica (1908), Marx contro Tolstoj (1911), La lotta tra scienza e superstizione (1916).

[6] Il matrimonio non duro' molto, giacché il marito il 6-11-1908 chiese il divorzio.

[7] Il Mondo del Lavoro.

[8] Josephine Coger-Kanebo (1875-1934) aveva fondato The Socialist Woman (La Donna Socialista) nel 1907 a Chicago, sede del Comitato Nazionale del Partito Socialista d'America, allo scopo di educare le donne al socialismo; nel 1909 il giornale fu rinominato The Progressive Woman (La Donna Progressista) e nel 1913 The Coming Nation (La Nazione in arrivo).

[9] Kate Richards O'Hara (1876-1948) era un'attivissima oratrice socialista. Presidente del ”Comitato del Partito Socialista sulla Guerra e il Militarismo”, nel 1917, per le sue posizioni pacifiste, fu arrestata e condannata a cinque anni di carcere. Fu graziata nel 1920, dopo una campagna nazionale a suo sostegno

[10] Notevoli Il Partito Socialista e il suffragio femminile e La base materialista dell'educazione.

[11] In proposito si veda L'origine della famiglia, della proprietá privata e dello stato di Friedrich Engels e La donna e il socialismo di August Bebel.

[12] Eugene Victor Debs (1855-1926), attivista politico e sindacalista, era uno dei piú noti socialisti americani per essere stato cinque volte candidato alla Presidenza degli Stati Uniti. Fu uno dei fondatori dei “Socialdemocratici USA” (1897), del Partito Socialdemocratico d'America (1898) e del Partito Socialista d'America (1901).

[13] Theodore Debs (1864-1945) era segretario e confidente del fratello Eugene. Era stato segretario esecutivo del Partito Socialdemocratico d'America dalla sua fondazione (1898) fino alla sua confluenza nell'SPA (1901).

[14] James Hudson Maurer (1864-1944) fu due volte deputato nella Camera dei Rappresentanti della Pennsylvania e due volte candidato alla Vicepresidenza degli USA.

[15] James Oneal (1875-1962), giornalista e storico, fu tra I fondatori dell'SPA. Fra i suoi scritti Socialismo militante (1912).

[16] Norman Thomas (1864-1968), socialista e pacifista, fu sei volte candidato socialista alla Presidenza degli USA.

[17] Charles Edward Russell (1860-1941), attivo socialista, fu un famoso giornalista vincitore del Premio Pulitzer per le biografie e un militante antirazzista, uno dei 63 fondatori dell' Associazione Nazionale per il Progresso delle Persone di Colore (NAACP).

[18] Gli otto delegati eletti furono: Victor Berger, Big Bill Haywood, Morris Hillquit, Robert Hunter, John Spargo, Luella Twining, May Wood Simons e Lena Morrow Lewis.

[19] La prima Conferenza si era tenuta ad Amsterdam nel 1907, poco prima del congresso della Seconda Internazionale (18-24/8), con la partecipazione di 58 delegate di 13 Paesi, fra cui Rosa Luxemburg e Alexandra Kollontaj, che sará la prima donna ministro del mondo. Clara Zetkin fu eletta presidente del “Segretariato internazionale delle donne socialiste” e il suo giornale Die Gleichheit (L'Uguaglianza) divenne l'organo dell'Internazionale delle donne socialiste.

[20] Fra le sue opere ricordiamo: La donna e il problema sociale e Socialismo e movimento operaio organizzato.

[21] Tradusse autori marxisti di lingua tedesca, tra cui i famosi Wilhelm Liebknechti e Karl Kautsky.

[22] L'8-3-1908 aveva avuto luogo un'imponente manifestazione delle operaie di New York per rivendicare l'istituzione delle 8 ore lavorative e il diritto di partecipare alla vita pubblica. Sul tema dei diritti politici delle donne, inoltre, il 3-5-1908 vi era stata, ad iniziativa del Partito Socialista d'America, una manifestazione di grande successo.

[23] Segretario nazionale fu eletto Walter Lanfersiek (1873-1962), avvocato e attivista politico.

[24] Il Comitato delle donne socialiste era presieduto da Winnie Branstetter. Le altre componenti erano, oltre Lena Morrow Lewis: May Wood Simons, Gertrude Breslan-Fuller, Alma Kriger, Gertrude Reilly, Bertha Howe Mailey e Anna Maley.

[25] Gli USA acquistarono l'Alaska dalla Russia nel 1867. Nel 1912 l'Alaska divenne Stato associato e nel 1958 il 49° stato degli USA.

[26] Gli USA dichiararono guerra alla Germania il 6 aprile 1917.

[27] Dal discorso introduttivo di Morris Hillquit, presidente della Convenzione di St Louis dello SPA (7-4-1917).

[28] Ne era segretario Charles Emil Ruthemberg (1882-1927).

[29] Era stato arrestato „per sedizione“, per aver incitato a resistere contro la leva militare. Fu condannato a dieci anni di carcere, ma fu rilasciato il 25-12-1921. Nel 1924 fu candidato al
Premio Nobel per la Pace.

[30] Candidato governatore era lo scrittore Upton Sinclair 1878-1968), autore di circa 90 volumi e futuro vincitore del Premio Pulitzer (1943).

[31] Sia pure alla lontana, esso ricordava il vecchio „Comitato di Difesa Socialista“, costituito da Pietro Nenni e Arturo Vella nel 1923, per salvaguardare il PSI da un possibile inglobamento nel PCdI.

[32] Esso era formato da James Maurer, Algemon Lee, Louis Waldman, Geroge Roever (presidente del comitato), George Goebel, Jasper McLevy. Segretario Esecutivo della corrente Louis Hendin.

[33] I due partiti SPA e SDF si riunificheranno nel 1957, assumendo la denominazione di „Partito Socialista d'America-Federazione Socialdemocratica“. Esso si scioglierá nel 1972, dando vita a tre diverse formazioni: 1- Il Partito Socialista degli Stati Unidi d'America (ala sinistra), 2- I Socialdemocratici USA (ala destra). 3- L'Organizzazione del Comitato Democratico Socialista, destinato a diventare la piú consistente e rappresentativa organizzazione socialista americana, col nome di „Socialisti Democratici d'America“.

[34] La Rand School of Social Science di New York era stata fondata da alcuni socialisti nel 1906 coi fondi della mecenate socialista Carrie Rand. Suo scopo era l'istruzione dei lavoratori, per aiutarli a migliorare la loro cultura e la loro coscienza di classe, mediante attivitá d'insegnamento, conferenze, letture, ricerche, ecc.







Fonte: di Ferdinando Leonzio
Link
[]
L'AVVENIRE DEI LAVORATORI
Periodico socialista fondato 1897.
[]
IL PONTE RIVISTA
Rivista di politica economica e cultura
fondata da Calamandrei
[]
BIBLION EDITORE
Biblion Edizioni, storica casa editrice.
[]
CRITICA LIBERALE - NON MOLLARE
"NON MOLLARE"
Quindicinale on line di Critica Liberale,
la voce del liberalismo progressista in Italia.





Nuova Serie
"La Rivoluzione Democratica"
1, MARZO 2017
Associazione Alleanza Giellista
[]

Realizzazione siti web www.sitoper.it
invia a un amico
icona per chiudere
Attenzione!
Non puoi effettuare più di 10 invii al giorno.
Privacy Policy per www.rivoluzionedemocratica.it
Il sito web www.rivoluzionedemocratica.it raccoglie alcuni dati personali degli utenti che navigano sul sito web.

In accordo con l'impegno e l'attenzione che poniamo ai dati personali e in accordo agli artt. 13 e 14 del EU GDPR, www.rivoluzionedemocratica.it fornisce informazioni su modalità, finalità, ambito di comunicazione e diffusione dei dati personali e diritti degli utenti.

Titolare del trattamento dei dati personali
La Rivoluzione Democratica
Via Circondaria, 56
55045 - Firenze Italia


Email: info @rivoluzionedemocratica.it
Telefono: 3934324237

Tipi di dati acquisiti
www.rivoluzionedemocratica.it raccoglie dati degli utenti direttamente o tramite terze parti. Le tipologie di dati raccolti sono: dati tecnici di navigazione, dati di utilizzo, email, nome, cognome, numero di telefono, provincia, nazione, cap, città, indirizzo, ragione sociale, stato, cookie e altre varie tipologie di dati. Maggiori dettagli sui dati raccolti vengono forniti nelle sezioni successive di questa stessa informativa.
I dati personali sono forniti deliberatamente dall'utente tramite la compilazione di form, oppure, nel caso di dati di utilizzo, come ad esempio i dati relativi alle statistiche di navigazione, sono raccolti automaticamente navigando sulle pagine di www.rivoluzionedemocratica.it.

I dati richiesti dai form sono divisi tra obbligatori e facoltativi; su ciascun form saranno indicate distintamente le due tipologie. Nel caso in cui l'utente preferisca non comunicare dati obbligatori, www.rivoluzionedemocratica.it si riserva il diritto di non fornire il servizio. Nel caso in cui l'utente preferisca non comunicare dati facoltativi, il servizio sarà fornito ugualmente da www.rivoluzionedemocratica.it .

www.rivoluzionedemocratica.it utilizza strumenti di statistica per il tracciamento della navigazione degli utenti, l'analisi avviene tramite log. Non utilizza direttamente cookie ma può utilizzare cookie includendo servizi di terzi.

Ciascun utilizzo di cookie viene dettagliato nella Cookie Policy (https://www.rivoluzionedemocratica.it/Informativa-sui-cookies.htm) e successivamente in questa stessa informativa.
L'utente che comunichi, pubblichi, diffonda, condivida o ottenga dati personali di terzi tramite www.rivoluzionedemocratica.it si assume la completa responsabilità degli stessi. L'utente libera il titolare del sito web da qualsiasi responsabilità diretta e verso terzi, garantendo di avere il diritto alla comunicazione, pubblicazione, diffusione degli stessi. www.rivoluzionedemocratica.it non fornisce servizi a minori di 18 anni. In caso di richieste effettuate per minori deve essere il genitore, o chi detiene la patria potestà, a compilare le richieste dati.

Modalità, luoghi e tempi del trattamento dei dati acquisiti
Modalità di trattamento dei dati acquisiti
Il titolare ha progettato un sistema informatico opportuno a garantire misure di sicurezza ritenute adatte ad impedire l'accesso, la divulgazione, la modifica o la cancellazione non autorizzata di dati personali. Lo stesso sistema effettua copie giornaliere, ritenute sufficientemente adeguate in base alla importanza dei dati contenuti.

L'utente ha diritto a ottenere informazioni in merito alle misure di sicurezza adottate dal titolare per proteggere i dati.

Accessi ai dati oltre al titolare
Hanno accesso ai dati personali raccolti da www.rivoluzionedemocratica.it il personale interno (quale ad esempio amministrativo, commerciale, marketing, legale, amministratori di sistema) e/o soggetti esterni (quali ad esempio fornitori di servizi informatici terzi, webfarm, agenzie di comunicazione, fornitori di servizi complementari). Se necessario tali strutture sono nominate dal titolare responsabili del trattamento.

L'utente può richiedere in qualsiasi momento al titolare del trattamento, l'elenco aggiornato dei responsabili del trattamento.

Comunicazione di eventuali accessi indesiderati al Garante della Privacy
Il suddetto sistema informatico è monitorato e controllato giornalmente da tecnici e sistemisti. Ciò non toglie che, anche se ritenuta possibilità remota, ci possa essere un accesso indesiderato. Nel caso in cui questo si verifichi il titolare si impegna, come da GDPR ad effettuarne comunicazione al Garante della Privacy entro i termini previsti dalla legge.

Luoghi di mantenimento dei dati acquisiti
I dati personali sono mantenuti e trattati nelle sedi operative e amministrative del titolare, nonché nelle webfarm dove risiedono i server che ospitano il sito web www.rivoluzionedemocratica.it, o sui server che ne effettuano le copie di sicurezza. I dati personali dell'utente possono risiedere in Italia, Germania e Olanda, comunque in nazioni della Comunità Europea. I dati personali dell'utente non vengono mai portati o copiati fuori dal territorio europeo.

Tempi di mantenimento dei dati acquisiti
Nel caso di dati acquisiti per fornire un servizio all'utente, (sia per un servizio acquistato che in prova) i dati vengono conservati per 24 mesi successivi al completamento del servizio. Oppure fino a quando non ne venga revocato il consenso.

Nel caso in cui il titolare fosse obbligato a conservare i dati personali in ottemperanza di un obbligo di legge o per ordine di autorità, il titolare può conservare i dati per un tempo maggiore, necessario agli obblighi.

Al termine del periodo di conservazione i dati personali saranno cancellati. Dopo il termine, non sarà più possibile accedere ai propri dati, richiederne la cancellazione e la portabilità.

Base giuridica del trattamento dei dati acquisiti
Il titolare acquisisce dati personali degli utenti nei casi sotto descritti.
Il trattamento si rende necessario:
- se l'utente ha deliberatamente accettato il trattamento per una o più finalità;
- per fornire un preventivo all'utente;
- per fornire un contratto all'utente;
- per fornire un servizio all'utente;
- perché il titolare possa adempiere ad un obbligo di legge;
- perché il titolare possa adempiere ad un compito di interesse pubblico;
- perché il titolare possa adempiere ad un esercizio di pubblici poteri;
- perché il titolare o terzi possano perseguire i propri legittimi interessi.

L'utente può richiedere in qualsiasi momento al titolare del trattamento, chiarimenti sulla base giuridica di ciascun trattamento.

Finalità del trattamento dei dati acquisiti
I dati dell'utente sono raccolti dal titolare per le seguenti finalità:

- richiesta informazione da parte dell'utente
- richiesta informazione per servizi
- invio di aggiornamenti
- invio informazioni generiche
- richiesta di contatto da parte dei clienti, per ricevere informazioni

Eventualmente i dati possono essere trattati anche per:
contattare l'utente, statistiche, analisi dei comportamenti degli utenti e registrazione sessioni, visualizzazione contenuti e interazione di applicazioni esterne, protezione dallo spam, gestione dei pagamenti, interazione con social network, pubblicità.

L'utente può richiedere in qualsiasi momento al titolare del trattamento, chiarimenti sulle finalità di ciascun trattamento.

Dettagli specifici sull'acquisizione e uso dei dati personali
Per contattare l'utente
Moduli di contatto
L'utente può compilare il/i moduli di contatto/richiesta informazioni, inserendo i propri dati e acconsentendo al loro uso per rispondere alle richieste di natura indicata nella intestazione del modulo.
Dati personali che potrebbero essere raccolti: CAP, città, cognome, email, indirizzo, nazione, nome, numero di telefono, provincia, ragione sociale.

Per interazione con applicazioni esterne (anche social network)
www.rivoluzionedemocratica.it include nelle sue pagine plugin e/o pulsanti per interagire con i social network e/o applicazioni esterne.
Per quanto riguarda i social network, anche se l'utente non utilizza il servizio presente sulla pagina web, è possibile che il servizio acquisisca dati di traffico.

I dati acquisiti e l'utilizzo degli stessi da parte di servizi terzi sono regolamentati dalle rispettive Privacy Policy alle quali si prega di fare riferimento.

Facebook: Pulsante "Mi piace" e widget sociali
Fornitore del servizio: Facebook, Inc.
Finalità del servizio: interazione con il social network Facebook
Dati personali raccolti: cookie, dati di utilizzo
Luogo del trattamento: Stati Uniti
Privacy Policy (https://www.facebook.com/about/privacy/update)
Cookie utilizzati (https://www.facebook.com/about/privacy/cookies)
Aderente al Privacy Shield

Twitter: Pulsante "Tweet" e widget sociali
Fornitore del servizio: Twitter, Inc.
Finalità del servizio: interazione con il social network Twitter
Dati personali raccolti: cookie, dati di utilizzo
Luogo del trattamento: Stati Uniti
Privacy Policy (https://twitter.com/privacy)
Cookie utilizzati (https://help.twitter.com/it/rules-and-policies/twitter-cookies)
Aderente al Privacy Shield

Whatsapp: Pulsante Whatsapp e widget sociali di Whatsapp
Fornitore del servizio: se l'utente risiede nella Regione Europea, WhatsApp Ireland Limited, se l'utente risiede al di fuori della Regione Europea, i Servizi vengono forniti da WhatsApp LLC.
Finalità del servizio: servizi di interazione con Whatsapp.
Dati personali raccolti: cookie, dati di utilizzo
Luogo del trattamento: Irlanda, le informazioni potrebbero essere trasferite o trasmesse o archiviate e trattate negli Stati Uniti o in altri Paesi terzi al di fuori di quello in cui l'utente risiede.
Privacy Policy (https://www.whatsapp.com/legal/privacy-policy-eea)
Aderente al Privacy Shield

Per protezione da spam
Questi servizi acquisiscono dati dagli utenti e tramite varie logiche distinguono il traffico di utenti reali da quello di potenziali minacce di spam.

I dati acquisiti e l'utilizzo degli stessi da parte di servizi terzi sono regolamentati dalle rispettive Privacy Policy alle quali si prega di fare riferimento.

Google reCAPTCHA
Fornitore del servizio: Google, Inc.
Finalità del servizio: servizio di protezione da spam
Dati personali raccolti: cookie, dati di utilizzo
Luogo del trattamento: Stati Uniti
Privacy Policy (https://policies.google.com/privacy?hl=it)
Cookie utilizzati (https://policies.google.com/technologies/types?hl=it)
Aderente al Privacy Shield

Per statistiche
Questi servizi sono utilizzati dal titolare del trattamento per analizzare il traffico effettuato dagli utenti sul sito web www.rivoluzionedemocratica.it.

I dati acquisiti e l'utilizzo degli stessi da parte di servizi terzi sono regolamentati dalle rispettive Privacy Policy alle quali si prega di fare riferimento.

Google Analytics
Fornitore del servizio: Google, Inc.
Finalità del servizio: servizio di analisi web fornito. Questo servizio raccoglie i dati personali dell'utente per monitorare e analizzare l'utilizzo del sito web www.rivoluzionedemocratica.it, generare report e utilizzarli anche per gli altri servizi di Google. Google può usare i dati raccolti per personalizzare i propri annunci pubblicitari.
Dati personali raccolti: cookie, dati di utilizzo
Luogo del trattamento: Stati Uniti
Privacy Policy (https://policies.google.com/privacy?hl=it)
Opt-Out (https://tools.google.com/dlpage/gaoptout?hl=it)
Aderente al Privacy Shield

Per visualizzare contenuti da siti web esterni
Questi servizi sono utilizzati per visualizzare sulle pagine del sito web contenuti esterni al sito web, con possibilità di interazione.
Anche se l'utente non utilizza il servizio presente sulla pagina web, è possibile che il servizio acquisisca dati di traffico.

I dati acquisiti e l'utilizzo degli stessi da parte di servizi terzi sono regolamentati dalle rispettive Privacy Policy alle quali si prega di fare riferimento.

Google Fonts
Fornitore del servizio: Google, Inc.
Finalità del servizio: servizio per visualizzare caratteri (fonts) esterni sul proprio sito web
Dati personali raccolti: tipologie di dati secondo quanto specificato dalla privacy policy del servizio
Luogo del trattamento: Stati Uniti
Privacy Policy (https://policies.google.com/privacy?hl=it)
Aderente al Privacy Shield

Diritti dell'interessato
L'utente possiede tutti i diritti previsti dall'art. 12 del EU GDPR, il diritto di controllare, modificare e integrare (rettificare), cancellare i propri dati personali accedendo alla propria area riservata. Una volta cancellati tutti i dati, viene chiuso l'account di accesso all'area riservata.

Nello specifico ha il diritto di:
- sapere se il titolare detiene dati personali relativi all'utente (art. 15 Diritto all'accesso);
- modificare o integrare (rettificare) i dati personali inesatti o incompleti (Art. 16 Diritto di rettifica);
- richiedere la cancellazione di uno o parte dei dati personali mantenuti se sussiste uno dei motivi previsti dal GDPR (Diritto alla Cancellazione, 17);
- limitare il trattamento solo a parte dei dati personali, o revocarne completamente il consenso al trattamento, se sussiste uno dei motivi previsti dal Regolamento (Art. 18 Diritto alla limitazione del trattamento);
- ricevere copia di tutti i dati personali in possesso del titolare, in formato di uso comune organizzato, e leggibili anche da dispositivo automatico (Art. 20, Diritto alla Portabilità);
- opporsi in tutto o in parte al trattamento dei dati per finalità di marketing, ad esempio opporsi e ricevere offerte pubblicitarie (art. 21 Diritto di opposizione). Si fa presente agli utenti che possono opporsi al trattamento dei dati utilizzati per scopo pubblicitario, senza fornire alcuna motivazione;
- opporsi al trattamento dei dati in modalità automatica o meno per finalità di profilazione (c.d. Consenso).

Come un utente può esercitare i propri diritti
L'utente può esercitare i propri diritti sopra esposti comunicandone richiesta al titolare del trattamento La Rivoluzione Democratica ai seguenti recapiti: info@rivoluzionedemocratica.it; tel. 3312300680.

La richiesta di esercitare un proprio diritto non ha nessun costo. Il titolare si impegna ad evadere le richieste nel minor tempo possibile, e comunque entro un mese.

L'utente ha il diritto di proporre reclamo all'Autorità Garante per la Protezione dei dati Personali. Recapiti: garante@gpdp.it, http://www.gpdp.it (http://www.gpdp.it).

Cookie Policy
Informazioni aggiuntive sul trattamento dei dati
Difesa in giudizio
Nel caso di ricorso al tribunale per abuso da parte dell'utente nell'utilizzo di www.rivoluzionedemocratica.it o dei servizi a esso collegati, il titolare ha la facoltà di rivelare i dati personali dell'utente. È inoltre obbligato a fornire i suddetti dati su richiesta delle autorità pubbliche.

Richiesta di informative specifiche
L'utente ha diritto di richiedere a www.rivoluzionedemocratica.it informative specifiche sui servizi presenti sul sito web e/o la raccolta e l'utilizzo dei dati personali.

Raccolta dati per log di sistema e manutenzione
www.rivoluzionedemocratica.it e/o i servizi di terze parti (se presenti) possono raccogliere i dati personali dell'utente, come ad esempio l'indirizzo IP, sotto forma di log di sistema. La raccolta di questi dati è legata al funzionamento e alla manutenzione del sito web.

Informazioni non contenute in questa policy
L'utente ha diritto di richiedere in ogni momento al titolare del trattamento dei dati le informazioni aggiuntive non presenti in questa Policy riguardanti il trattamento dei dati personali. Il titolare potrà essere contattato tramite gli estremi di contatto.

Supporto per le richieste "Do Not Track"
Le richieste  "Do Not Track" non sono supportate da www.rivoluzionedemocratica.it.
L'utente è invitato a consultare le Privacy Policy dei servizi terzi sopra elencati per scoprire quali supportano questo tipo di richieste.

Modifiche a questa Privacy Policy
Il titolare ha il diritto di modificare questo documento avvisando gli utenti su questa stessa pagina oppure, se previsto, tramite i contatti di cui è in possesso. L'utente è quindi invitato a consultare periodicamente questa pagina. Per conferma sull'effettiva modifica consultare la data di ultima modifica indicata in fondo alla pagina.
Il titolare si occuperà di raccogliere nuovamente il consenso degli utenti nel caso in cui le modifiche a questo documento riguardino trattamenti di dati per i quali è necessario il consenso.

Definizioni e riferimenti legali
Dati personali (o dati, o dati dell'utente)
Sono dati personali le informazioni che identificano o rendono identificabile, direttamente o indirettamente, una persona fisica e che possono fornire informazioni sulle sue caratteristiche, le sue abitudini, il suo stile di vita, le sue relazioni personali, il suo stato di salute, la sua situazione economica, ecc.

Fonte: sito web del Garante della Privacy (http://www.garanteprivacy.it).

Dati di utilizzo
Sono dati di utilizzo le informazioni che vengono raccolte in automatico durante la navigazione di www.rivoluzionedemocratica.it, sia da sito web stesso che dalle applicazioni di terzi incluse nel sito. Sono esempi di dati di utilizzo l'indirizzo IP e i dettagli del dispositivo e del browser (compresi la localizzazione geografica) che l'utente utilizza per navigare sul sito, le pagine visualizzate e la durata della permanenza dell'utente sulle singole pagine.

Utente
Il soggetto che fa uso del sito web www.rivoluzionedemocratica.it.
Coincide con l'interessato, salvo dove diversamente specificato.

Interessato
Interessato è la persona fisica al quale si riferiscono i dati personali. Quindi, se un trattamento riguarda, ad esempio, l'indirizzo, il codice fiscale, ecc. di Mario Rossi, questa persona è l'interessato (articolo 4, paragrafo 1, punto 1), del Regolamento UE 2016/679 (http://www.garanteprivacy.it/regolamentoue).

Fonte: sito web del Garante della Privacy (http://www.garanteprivacy.it).

Responsabile del trattamento (o responsabile)
Responsabile è la persona fisica o giuridica al quale il titolare affida, anche all'esterno della sua struttura organizzativa, specifici e definiti compiti di gestione e controllo per suo conto del trattamento dei dati (articolo 4, paragrafo 1, punto 8), del Regolamento UE 2016/679 (http://www.garanteprivacy.it/regolamentoue). Il Regolamento medesimo ha introdotto la possibilità che un responsabile possa, a sua volta e secondo determinate condizioni, designare un altro soggetto c.d. "sub-responsabile" (articolo 28, paragrafo 2).

Fonte: sito web del Garante della Privacy (http://www.garanteprivacy.it).

Titolare del trattamento (o titolare)
Titolare è la persona fisica, l'autorità pubblica, l'impresa, l'ente pubblico o privato, l'associazione, ecc., che adotta le decisioni sugli scopi e sulle modalità del trattamento (articolo 4, paragrafo 1, punto 7), del Regolamento UE 2016/679 (http://www.garanteprivacy.it/regolamentoue).

Fonte: sito web del Garante della Privacy (http://www.garanteprivacy.it).

www.rivoluzionedemocratica.it (o sito web)  
Il sito web mediante il quale sono raccolti e trattati i dati personali degli utenti.

Servizio
Il servizio offerto dal sito web www.rivoluzionedemocratica.it come indicato nei relativi termini.

Comunità Europea (o UE)
Ogni riferimento relativo alla Comunità Europea si estende a tutti gli attuali stati membri dell'Unione Europea e dello Spazio Economico Europeo, salvo dove diversamente specificato.

Cookie
Dati conservati all'interno del dispositivo dell'utente.

Riferimenti legali
La presente informativa è redatta sulla base di molteplici ordinamenti legislativi, inclusi gli artt. 13 e 14 del Regolamento (UE) 2016/679. Questa informativa riguarda esclusivamente www.rivoluzionedemocratica.it, dove non diversamente specificato.

Informativa privacy aggiornata il 14/12/2021 12:28
torna indietro leggi Privacy Policy per www.rivoluzionedemocratica.it  obbligatorio