02 Dicembre 2020

"LE «NOMINE DI MEZZANOTTE»"

27-10-2020 - DIARIO POLITICO di Giuseppe Butta'
Nella infuocata campaign presidenziale, il povero Presidente Trump ha fornito molte nuove frecce per essere colpito dall''opinione progressista', rappresentata dai maggiori ‘media' in America, e in Italia: per esempio, il ‘Corriere della Sera', con grande accuratezza storica, ha addirittura definito Trump un epigono di Mussolini e, però, ha declassato quest'ultimo a «archetipo della leadership populista».
‘Populista'! epiteto che, per delegittimare l'avversario, ha ormai soppiantato quello di ‘fascista'.
Ma torniamo alle frecce: la prima è stata quella del dibattito, ricco di battute feroci dall'una parte e dall'altra, tra Trump e l'avversario democratico: Biden, è arrivato a dare del ‘clown' al Presidente (se si fosse trovato in Italia si sarebbe beccata una denuncia d'ufficio per vilipendio del Presidente ) ma se l'è cavata con qualche sorrisetto di qualche ‘anchor man' televisivo nostrano; invece Trump– che si è limitato a dare del ‘poco intelligente' al suo avversario – è stato messo alla gogna in tutto il mondo per avere molte volte interrotto il suo contraddittore.
Poi, il ‘tycoon' – come, per denigrarlo, si dilettano a chiamarlo certe TV – ha voluto regalare ai suoi avversari una freccia avvelenata ammalandosi di covid: non sono infatti mancate le congetture circa una supposta messa in scena allestita per recuperare qualche voto in più, né le ironie – che nascondevano appena la soddisfazione per la malattia del Presidente – sulla mascherina che finalmente egli era stato costretto a indossare, né la ‘pelosa' premura per la salute del Presidente dimostrata dalla Speaker della House of Representatives la quale, per garantirgli una guarigione più completa, lo vorrebbe fare deporre dalla carica.
Infine, Trump ha offerto una freccia ancora più avvelenata, al curaro, con la nomina del nuovo giudice della Corte Suprema in sostituzione di Ruth Bader Ginsburg, la giudice ‘progressista', femminista, abortista, etc., etc., nominata da Bill Clinton nel 1993 proprio per queste sue ‘qualità' politiche.
Nonostante le polemiche – favorite anche dal testamento spirituale della Ginsburg la quale, in punto di morte, ha espresso il desiderio di non venire «sostituita fino a quando non sarà insediato un nuovo presidente» – Trump ha proceduto alla nomina del nuovo giudice e, verosimilmente, il Senato potrà confermarla prima delle elezioni di novembre.
Apriti cielo! Molti che, specialmente in Italia, ignorano le modalità, la logica, le articolazioni e la prassi del potere costituzionale negli Stati Uniti, hanno dato fondo al loro arsenale seppellendo Trump sotto l'accusa infamante di volere profittare degli sgoccioli del suo potere per condizionare, con la nomina di Amy Coney Barrett, la Supreme Court nei prossimi decenni.
Il tentativo di bloccarne la nomina è una delle scomposte reazioni contro la Coney Barrett – che ha 48 anni, 7 figli ed è cattolica e antiabortista ed è in atto un importante giudice della Corte d'appello federale della Settima Circoscrizione – accusata di essere una ‘omofoba' e qualificata spregiativamente dai suoi detrattori come una piccola seguace dell'originalism di Antonin Scalia, il grande giudice della Supreme Court di William Rehnquist che ha segnato importanti tendenze interpretative della costituzione riguardo alla questione dei ‘nuovi diritti' e dei rapporti federali.
In realtà, di queste nomine di mezzanotte – come è stata definita nel 1800 la nomina di John Marshall a Chief justice della Supreme Court fatta dal Presidente John Adams quasi allo scadere del suo mandato – se ne sono viste sempre proprio perché il delicato sistema di checks and balances della costituzione americana dà all'Esecutivo anche il potere di indirizzo politico sul giudiziario con la nomina dei giudici nelle corti federali: ma si tratta di un indirizzo politico che sfugge a un controllo diretto poiché i giudici vengono nominati a vita.
Marshall – il vero fondatore della giurisprudenza costituzionale americana con decisioni che hanno influito profondamente sulla storia politica degli Stati Uniti ma che non avevano nessuna dipendenza dagli orientamenti dell'esecutivo – è durato in carica ben 34 anni e fu nominato da Adams, poco prima di passare la carica al suo successore, proprio per la sua nota adesione al principio di revisione costituzionale delle leggi come necessario complemento di una costituzione scritta che, pur innovando profondamente il sistema di common law, era quasi connaturata a tale sistema, caratterizzato dal potere del giudice di dichiarare la legge.
Ma si deve dire che Adams lo nominò soprattutto con il chiaro intento di evitare che a fare questa nomina fosse il suo successore, Thomas Jefferson, il quale invece considerava la ‘judicial review' come un'arma contro la democrazia nelle mani di un «ingegnoso corpo di zappatori e minatori che lavora costantemente per minare le fondamenta della nostra confederazione ... un corpo irresponsabile che avanza con passo silenzioso, come un ladro ... ponendosi in contrasto con il senso comune della nazione ... usurpando poteri legislativi ... operando sulla Costituzione con inferenze e sofismi ... lanciando sfide all'intera nazione ... facendo della Costituzione un mero oggetto di cera da modellare in qualsiasi forma a esso piaccia».
Non c'è dunque da menare scandalo per la decisione di Trump di nominare ora il suo giudice: nessuno gli può chiedere di rinunciare ad esercitare un potere di cui egli dispone legittimamente almeno fino al 31 gennaio prossimo e, se verrà rieletto, anche oltre. E, infatti, questo potere, che si vorrebbe negare a Trump, lo si darebbe al suo eventuale successore che, soddisfacendo il ‘desiderio' della Ginsburg, potrebbe nominare un giudice che ne continui l'indirizzo.
Una tale contestazione contro Trump è dunque infondata dal punto di vista sostanziale e della prassi e trova la sua ragione piuttosto nel clima di odio aggressivo – scatenato contro di lui per le sue politiche, estera, economica e sull'immigrazione, e incendiato dalle molte ‘gaffe' che, a torto o a ragione, gli si attribuiscono – oltre che nell'intransigente radicalizzazione dell'opinione abortista, sedicente progressista, che, sempre insoddisfatta dei risultati ottenuti e nevroticamente disposta a spostare l'asticella sempre più in alto, non vuole porsi alcuna domanda sui limiti del cosiddetto diritto di aborto.
Per esempio, ai tempi di Obama e della Clinton, il Senate Judiciary Committee, a maggioranza democratica – insofferente delle dissenting opinions di quei giudici che, come Clarence Thomas, erano orientati verso una revisione della sentenza nel caso Roe v. Wade, con la quale, nel 1973, la Supreme Court stabilì il precedente sulla base del quale si avviò la liberalizzazione dell'aborto, ormai senza limiti – si spinse fino a minacciare ritorsioni di natura non specificata nei riguardi della Supreme Court: probabilmente un nuovo Court Packing, cioè l'aggiunta di nuovi giudici alla sua composizione per neutralizzare una eventuale maggioranza antiabortista.
Ancora oggi, i democrats minacciano, se avranno la maggioranza nel ‘Congresso', di ricorrere a questa misura, la stessa che, senza riuscirci, tentò di imporre Franklin D. Roosevelt, il quale voleva aggregare un giudice ‘giovane' per ognuno degli ‘old nine man' che componevano la Supreme Court negli anni '30, in modo da modificarne l'orientamento in merito alle questioni allora in discussione.
Come notò allora Walter Lippmann, «un tale precedente sarebbe un male. Se si accettasse che il signor Roosevelt possa rimaneggiare la Corte cambiandone la composizione, ogni Presidente, con la maggioranza congressuale dietro di lui, potrà fare qualunque cosa voglia. Io non dico che Roosevelt sia un dittatore, o che voglia diventarlo, ma dico che la sua proposta stabilisce il precedente necessario e la struttura politica per distruggere le salvaguardie contro un dittatore: se egli avrà rivoluzionato la prassi del governo costituzionale, un dittatore non avrà bisogno d'altro che di una effimera e isterica maggioranza. Una volta al potere egli potrà rimodellare la Costituzione secondo il suo volere».
Infatti, il ‘rimaneggiamento' della Corte, minacciato dai ‘democrats', è cosa ben diversa dalla ‘nomina' di un giudice per coprire un posto vacante: è una cosa più pericolosa.



Link
[]
L'AVVENIRE DEI LAVORATORI
Periodico socialista fondato 1897.
[]
IL PONTE RIVISTA
Rivista di politica economica e cultura
fondata da Calamandrei
[]
BIBLION EDITORE
Biblion Edizioni, storica casa editrice.
[]
CRITICA LIBERALE - NON MOLLARE
"NON MOLLARE"
Quindicinale on line di Critica Liberale, la voce del liberalismo progressista in Italia.



Nuova Serie
"La Rivoluzione Democratica"
1, MARZO 2017

Realizzazione siti web www.sitoper.it
invia ad un amico
chiudi
Attenzione!
Non puoi effettuare più di 10 invii al giorno.
Informativa
Informativa Privacy
La presente informativa descrive le modalità di gestione del Sito, da Lei ora visitato, di cui è Titolare, il giornale "LA RIVOLUZIONE DEMOCRATICA", registrazione al Tribunale di Firenze n°5863 del 17/02/2012 (di seguito, "Giornale" per brevità), che ha come finalità l´informazione critica, la difesa della laicità delle Istituzioni e la diffusione della cultura laica, con sede in Firenze, accessibile al seguente nome di dominio
http://www.rivoluzionedemocratica.it
in riferimento al trattamento dei dati personali dei navigatori che vi accedono e che interagiscono con esso.

Premessa
I considerazione delle modifiche al D. Lgs. n. 196/2003 (Codice in materia di protezione dei dati personali, di seguito "Codice Privacy"), introdotte recentemente con il D.L. 201/2011 convertito nella L. 214/2011, la presente informativa si rivolge alle persone fisiche che, per conto proprio o di associazioni interessate, decidano di accedere al Sito ed interagire con esso ed è resa ai sensi dell´art. 13 del Codice Privacy.
L´informativa si ispira anche alla Raccomandazione n. 2/2001 che le autorità europee per la protezione dei dati personali, riunite nel Gruppo istituito dall´art. 29 della direttiva n. 95/46/CE, hanno adottato il 17 maggio 2001, per individuare alcuni requisiti minimi per la raccolta di dati personali on-line, e, in particolare, le modalità, i tempi e la natura delle informazioni che i titolari del trattamento devono fornire agli utenti quando questi si collegano a pagine web, indipendentemente dalle ragioni e finalità del collegamento.
In linea generale, è opportuno precisare che attraverso il Sito vengono effettuate le seguenti tipologie di raccolta dati:
- raccolta necessaria ed automatica dei dati del navigatore inerenti all´interazione con il Sito;
- trattamento correlato alla raccolta di dati, immessi volontariamente dal navigatore, attraverso l´invio di e-mail agli indirizzi indicati per contattare il Titolare (ad esempio, sezioni "Contatti" e "Iscriversi al circolo").

La presente informativa si riferisce unicamente alle operazioni di trattamento effettuate su dati raccolti con le modalità sopra indicate e non si riferisce, quindi, ai trattamenti effettuati tramiti altri siti, a cui l´utente vorrà accedere mediante link dal Sito. Per tali trattamenti dovrà essere fornita, da parte dei rispettivi Titolari, autonoma informativa.
Si precisa, in particolare, che i trattamenti sui dati conferiti accedendo a siti di terzi, raggiungibili mediante i link pubblicati sul Sito, sono effettuati da soggetti diversi dal Giornale.
Premesso che il Giornale non effettuerà alcuna comunicazione dei dati degli utenti a tali soggetti e che ogni iniziativa per entrare in contatto e chiedere informazioni, è rimessa all´esclusiva attività dell´Interessato o del rispettivo Titolare, il giornale non sarà in alcun modo responsabile dei trattamenti che verranno effettuati da parte di tali soggetti, a fronte dell´iniziativa dell´utente medesimo.

1. Finalità del trattamento
1.1 Le operazioni di trattamento di seguito illustrate sono unicamente rivolte alla corretta proposizione ed erogazione dei servizi offerti tramite il presente Sito dal Giornale medesimo per il perseguimento dello scopo associativo. L´Attività on line del Giornale consiste prevalentemente nella pubblicazione di contenuti, caratterizzati da un alto livello qualitativo, sui temi di interesse del Giornale e dei dati personali dei rispettivi autori, aventi con il Giornale rapporti regolari, nonché nello scambio, anche mediante messaggi di posta elettronica, di opinioni e informazioni di varia natura, relative in particolare alla vita e alle attivitàdel Giornale medesimo o ad eventi di rilevanza nel dibattito culturale che il Giornale intende promuovere.
1.2. A tal fine, il Titolare ha predisposto sezioni ad hoc del Sito.
In particolare, nella sezione "Contatti" è presente l´indirizzo e-mail interattivo cui l´Utente può trasmettere i propri dati personali e/o dell´Associazione di appartenenza, al Giornale. Più precisamente, in tale ipotesi il trattamento è finalizzato al mero scambio di informazioni e di contatti, comunque di natura non professionale, inerenti all´attività del Giornale .
In ogni caso, i dati raccolti tramite il presente Sito saranno trattati secondo principi di correttezza, liceità e trasparenza, per la tutela della riservatezza e dei diritti degli interessati, ed unicamente per il perseguimento dello scopo associativo. Negli stessi limiti saranno trattati anche i dati personali che dovessero essere inviati spontaneamente al Giornale dai visitatori del sito anche con modalità off-line (fax, posta, telefono od altro).

2. Tipi di dati trattati
2.1 - Dati di navigazione I sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento di questo Sito registrano, nel corso del loro normale esercizio, alcuni dati personali la cui acquisizione avviene in modo automatico e inevitabile, qualora si utilizzino i protocolli di comunicazione di Internet. Sono dati che, pur non essendo reperiti con lo scopo specifico di identificare i rispettivi Interessati, ben potrebbero, a causa delle loro stesse caratteristiche, essere associati a banche dati di terzi e così consentire l´individuazione degli utenti. Appartengono a questa categoria di dati, ad esempio, gli indirizzi IP o i nomi a dominio degli elaboratori utilizzati dagli utenti che si connettono al Sito, gli indirizzi in notazione URI (Uniform Resource Identifier) delle risorse richieste, l´orario della richiesta, il metodo utilizzato nel sottoporre la richiesta al server, la dimensione del file ottenuto in risposta, il codice numerico indicante lo stato della risposta data dal server (buon fine, errore, ecc.) ed altri parametri relativi al sistema operativo e all´ambiente informatico dell´utente. Questi dati vengono utilizzati al solo fine di ricavare informazioni statistiche anonime sull´uso del Sito e per controllarne il corretto funzionamento, e vengono cancellati immediatamente dopo l´elaborazione.
Si precisa che i dati di navigazione potrebbero essere usati per l´accertamento di responsabilità in caso di eventuali reati informatici ai danni del Sito, conformemente alle procedure vigenti presso le Autorità competenti.
2.2 Meccanismi automatici di raccolta
In conformità a quanto previsto nel Provvedimento del Garante n. 229 dell´8.5.2014, si informa che in questo Sito non si utilizzano "cookies persistenti", trojans, spywares, web bugs, ovvero sistemi per il tracciamento degli utenti (cookies di profilazione), ma soltanto cookies cosiddetti "tecnici", di navigazione, di sessione o di funzionalità.
L´uso di c.d. "cookies di sessione" (che non vengono registrati in modo persistente sull´elaboratore dell´utente e svaniscono con la chiusura del browser) è unicamente finalizzato a rendere l´esplorazione del Sito sicura ed efficiente.
I c.d. cookies di sessione, utilizzati in questo sito, evitano il ricorso ad altre tecniche informatiche potenzialmente pregiudizievoli per la riservatezza della navigazione degli utenti e non consentono l´acquisizione di dati personali identificativi dell´utente I cookies "analitici" vengono utilizzati dalla società ShinyStat per effettuare trattamenti in forma aggregata ed anonima, per i quali si fornisce l´informativa generale ed il modulo per esercitare l´opt-out tramite i link qui sotto:
- ShinyStat http://www.shinystat.com/it/informativa_privacy_generale_free.html
- ShinyStat http://www.shinystat.com/it/opt-out_free.html
- Facebook http://www.facebook.com/policy.php
- Twitter http://twitter.com/privacy
- Google+, Google Maps e YouTube https://www.google.it/intl/it/policies/privacy/
- Vimeo https://vimeo.com/cookie_policy
2.3 Si precisa, per completezza, che i dati personali - una volta resi anonimi - potranno essere utilizzati per elaborare statistiche o per rilevare il grado di soddisfazione degli utenti. In ogni caso, la raccolta e il trattamento dei dati personali degli utenti non saranno finalizzati ad attività di marketing, di informazione commerciale e/o di indagini di mercato.

3. Tipologia di dati
3.1 Il trattamento dei dati effettuati tramite il presente Sito avrà prevalentemente ad oggetto dati comuni.
Tuttavia, in considerazione della natura del Giornale, il trattamento, inoltre, potrà riguardare anche i dati personali idonei a rivelare le convinzioni religiose e/o le opinioni politiche degli utenti e/o degli Associati, e/o dei soggetti che - in relazione allo scopo associativo - hanno contatti regolari con il Giornale. In ogni caso, tramite il presente Sito non saranno trattati dati inerenti alla salute. Pertanto, La invitiamo a non comunicarci dati personali attinenti al Suo stato di salute e alla Sua vita sessuale, ai sensi dell´art. 26 del Codice. In presenza di tali dati, il Giornale procederà alla tempestiva distruzione del relativo messaggio e/o comunicazione da Lei eventualmente fornita.
3.2 Il trattamento dei dati si svolgerà in conformità della vigente Autorizzazione Generale del Garante per la protezione dei dati personali n. 3/2011 e successive .
3.3 Il conferimento dei dati è in ogni caso facoltativo. Tuttavia, il mancato conferimento dei dati relativamente ad alcune sezioni del Sito e, più precisamente, in relazione alla Sezione "Contatti" comporterà l´impossibilità, per l´Associazione, di fornire il relativo servizio.

4. Modalità di trattamento
4.1 Il medesimo sarà effettuato prevalentemente con l´ausilio di mezzi informatici e telematici ma anche manualmente. I dati infatti potranno essere conservati sia in archivi cartacei sia in archivi elettronici, in modo da consentire, laddove necessario, l´individuazione e la selezione di dati aggregati, per il tempo non eccedente la durata e le necessità del trattamento.
4.2 Il trattamento sarà effettuato direttamente dall´organizzazione del Titolare, con l´ausilio dei propri incaricati e/o responsabili del trattamento. Potranno avere accesso ai dati per il perseguimento delle finalità di cui al punto 1, nell´ambito delle rispettive funzioni o mansioni e, in ogni caso, secondo le modalità e nei limiti di cui ai rispettivi atti di nomina a Responsabile o a Incaricato, oltre al Coordinatore/Coordinatrice, al Tesoriere e al Responsabile per la gestione delle istanze ex art. 7 Codice, eventuali società di servizi esterne nominate responsabili del trattamento ai sensi e per gli effetti dell´art. 29 del Codice.
4.3. Infine, si informa l´utente che l´eventuale trasmissione di dati tramite Internet non può raggiungere livelli di sicurezza assoluti. E´ onere dell´utente verificare la correttezza dei dati personali che lo riguardano ed eventualmente procedere alla rettifica, aggiornamento o, comunque, modifica dei dati nel corso del trattamento. Il Titolare non può considerarsi tenuto ad altra prestazione oltre alla puntuale e corretta applicazione degli standard di sicurezza imposti dalla normativa in vigore, con particolare riferimento all´adozione delle misure di sicurezza in conformità di quanto previsto dagli artt. 33-36 del Codice e dal Disciplinare Tecnico di cui all´Allegato B.

5. Conservazione dei dati - durata e aggiornamento
5.1 A seguito di controlli periodici,il Giornale verificherà la stretta pertinenza e la non eccedenza dei dati raccolti rispetto agli obblighi ed alle finalità del trattamento posto in essere, per quanto riguarda i dati che rivelano le opinioni e le intime convinzioni.
5.2 Ad eccezione dei dati di navigazione che non vengono conservati oltre una settimana dalla raccolta, gli altri dati verranno conservati in coerenza con lo scopo per il quale sono stati conferiti e comunque nel rispetto della normativa vigente.
5.3 Nel rispetto di quanto previsto dall´art. 11, co. 1, lett. c) Codice, i dati personali saranno aggiornati in seguito alla segnalazione dell´Interessato, in congruità con quanto previsto dall´art. 7, co. 3, lett. a) Codice.

6. Comunicazione e diffusione
6.1 il Giornale non procederà alla comunicazione diretta a terzi dei dati personali raccolti tramite il sito.
6.2 I dati relativi alla navigazione non verranno, in nessun caso, diffusi o comunicati. E´ fatta salva la eventuale comunicazione alle Autorità competenti in relazione alle attività necessarie all´accertamento e alla repressione dei reati.
6.3 I dati personali forniti dagli utenti, che inoltrano richieste di informazioni ai diversi indirizzi di posta elettronica presenti sul Sito, non sono comunicati a terzi.
6.4 Nell´ambito delle finalità indicate nella presente informativa, qualora sia necessario comunicare i dati a soggetti diversi dal Titolare, quest´ultimo provvederà alla designazione degli stessi quali Responsabili del trattamento.

7. Diritti dell´Interessato
7.1 Al Titolare del trattamento potranno essere inoltrate le richieste di cui all´art. 7 del Codice "Diritti dell´interessato", ossia, in particolare il diritto di:
- ottenere dal Titolare la conferma dell´esistenza di dati personali che lo riguardano e la comunicazione dei medesimi in forma intelligibile;
- conoscere l´origine dei dati, la logica e le finalità su cui si basa il loro trattamento;
- conoscere gli estremi identificativi dei Responsabili del trattamento e delle categorie di soggetti ai quali i dati possono essere comunicati o che possono venirne a conoscenza in qualità di Responsabili o Incaricati;
- ottenere la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati trattati in violazione della legge, come l´aggiornamento, la rettificazione o, qualora l´interessato vi abbia interesse, l´integrazione dei dati medesimi;
- opporsi in tutto o in parte, per motivi legittimi, al trattamento dei dati personali che lo riguardano ancorché pertinenti allo scopo della raccolta;
- opporsi in tutto o in parte al trattamento previsto ai fini di informazione commerciale o di invio di materiale pubblicitario.
Qualora, a seguito della richiesta di cui all´art. 7 del Codice non risulti confermata l´esistenza di dati che riguardano l´Interessato, potrà essere richiesto a quest´ultimo un contributo spese, comunque non superiore a Euro 10,00.

Le richieste dovranno essere rivolte ai Direttori del Giornale, Responsabili per le richieste ex art. 7, al seguente indirizzo e-mail:
info@rivoluzionedemocratica.it

Si prega di indicare nell´oggetto della comunicazione: "Richiesta ex art. 7 D. Lgs. 30 giugno 2003, n. 196 - Codice in materia di protezione dei dati personali".

8. Titolare ed elenco dei Responsabili del trattamento
Titolare del trattamento dei dati è il giornale on line "LA RIVOLUZIONE DEMOCRATICA" con sede a FIRENZE, mail: info@rivoluzionedemocratica.it
L´elenco aggiornato contenente i nominativi e i recapiti dei Responsabili è disponibile presso la sede del Titolare.
torna indietro leggi Informativa  obbligatorio