17 Giugno 2021

"L’ONDATA D’AUTUNNO"

25-11-2020 - DIARIO POLITICO di Giuseppe Butta'
Il nuovo ‘Cavour’ – che il destino ci ha mandato e che il suo ‘profeta’, Scalfari, ci ha rivelato – il ‘proattivo’ e telegenico premier Conte, in una delle sue predilette ‘informative’ televisive ci ha informato che, con il dpcm del 25 di ottobre, l’orario di apertura di ristoranti, bar, pizzerie, etc. sarebbe stato limitato alle ore 18; ciò al fine di decongestionare i mezzi di trasporto pubblici e, così, rallentare il contagio epidemico risalito paurosamente con l’ondata d’autunno: ‘scacco matto’ al virus.
Infatti, stanco dopo la lunga giornata passata viaggiando su tram, metro e bus, il virus, affamato, troverà chiusi bar, ristoranti e pizzerie e, non potendosi nutrire, troverà anche la sua fine!
Scusate il sarcasmo piuttosto macabro ma esso nasconde, dietro una smorfia somigliante a un sorriso, la delusione, per non dire la rabbia, che si prova davanti ai nuovi ‘cannoni di legno’ cui viene affidato il nostro Paese.
Un così intelligente disegno non poteva che nascere dalla mano di questo governo, pronto a ricorrere alle mezze misure nel tentativo di salvare capra e cavoli (salute e economia), e che però sono ancora più dannose di quanto non sarebbero quelle più incisive, anche le più estreme e necessarie, per far fronte all’emergenza epidemica. Tuttavia, il problema non è solo quello di questo tipo di misure – cui siamo tutti disposti ad obbedire – che, visto il dilagare del virus, esse sono subito apparse insufficienti e tardive: infatti, dopo appena 10 giorni, si è dovuto correre ai ripari ed è arrivato, insieme con una nuova apparizione televisiva di Conte, il temuto nuovo ‘lockdown’, sia pure ‘modulato’ per regioni o, meglio, mimetizzato in un tripudio di colori con un crescendo verso il rosso.
No, il problema è un altro, ben più serio, non solo sul piano sanitario ma anche su quello socio-economico e politico.
Ripercorrendo la vicenda dalla prima proclamazione dello stato di emergenza, cioè dal 31 gennaio scorso, fino ad oggi, possiamo scoprire un dato inconfutabile: il governo, anziché cercare di prevenire l’epidemia, la rincorre e sembra privo di un’idea forte che ne orienti la strategia.
Si ricorderà che, dopo quella data e fino a quando il covid non fece la sua comparsa a Codogno e a Vo’ Euganeo, l’unica misura presa dal governo era stata quella di chiudere i voli diretti da e per la Cina mentre respinse sdegnosamente la proposta di sottoporre a controllo gl’ingressi di passeggeri provenienti da quel paese per via indiretta, bollandola come ‘sovranista’.
Probabilmente, anche una tale misura sarebbe stata inutile visto che, come abbiamo saputo dopo, il virus era arrivato in Italia molto tempo prima di scoprire che la Cina ne aveva fatto conoscenza guardandosi bene però dal comunicarlo al mondo; tuttavia ogni ulteriore misura, intrapresa in anticipo rispetto agli eventi, sarebbe stata allora un segnale della capacità del governo di mobilitazione e organizzazione delle forze e dei servizi necessari a tali controlli.
In quella fase, invece, mancò il necessario sforzo organizzativo per l’approvvigionamento degli strumenti necessari – mascherine, ventilatori polmonari, etc. – e per la mobilitazione dei servizi sanitari prima che se ne manifestasse l’insufficienza – che, a quanto pare, perdura ancora oggi – e, dopo, si scatenò l’attacco alle Regioni tentando di rovesciare su di esse la responsabilità delle carenze della nostra struttura sanitaria o del mancato isolamento dei focolai epidemici come quelli di Alzano e Nembro.
Il che può pure essere vero ma il governo, se ne era consapevole, aveva tutti i mezzi per intervenire dettando alle Regioni la chiusura delle ‘zone rosse’ e finanziando l’organizzazione sanitaria da esso ritenuta necessaria: a tale scopo, l’art. 120 della Costituzione attribuisce espressamente al governo i ‘poteri’ per sostituirsi alle Regioni e assicurare l’incolumità, la sicurezza e i livelli essenziali delle prestazioni concernenti i diritti civili e sociali, tra i quali vi è quello alla salute. In più c’è da dire che lo stato d’emergenza, proclamato e reiterato di mese in mese, conferisce al governo poteri anche eccezionali.
E, però, a chi vuole profittare e approfittare della crisi attuale per una ‘reazione’ anti-autonomista, ai ‘neo-centralisti’, bisogna ricordare quali abissi, quali differenze vi sono tra le regioni italiane in quei servizi – dalla scuola alle infrastrutture materiali – affidati alle ‘cure’ del governo centrale: le ‘due – e forse tre – Italie’ sono figlie del centralismo.
Se ci fosse bisogno di ulteriori prove di questa paternità, basterebbe citare il caso del commissario straordinario per la sanità in Calabria, nominato dal governo centrale e sottoposto alla sua autorità: ma, a quanto pare, il governo non ha vigilato sulla sua opera né gli ha dato le istruzioni e i mezzi per agire e, cosa ancora più grave, la programmazione anti-covid disposta da questo commissario nel giugno scorso deve ancora essere attuata dal governo centrale (ovvero dal commissario Arcuri): forse il governo intendeva che il piano anti-covid dovesse valere tra qualche anno?
E che il governo non vigili e poco faccia lo dice anche il fatto che il commissariamento dura da ben 11 anni: perché, dunque, la sanità calabrese, totalmente sottratta alla competenza della Regione, non è stata messa in grado di funzionare al meglio? Non è forse il caso di restituirne la competenza ai calabresi? La presidente Santelli, poco prima di morire a metà ottobre e prima dell’affaire Conticelli-Zuccatelli-Strada, aveva scritto al premier Conte: «Siamo vittime da anni di un commissariamento che, improntato esclusivamente a logiche ragionieristiche, ha distrutto la Sanità calabrese. Le responsabilità politiche devono essere chiare e nette».
Ora, col covid, siamo punto e a capo o, forse, peggio, a causa dell’inazione dello stesso governo che si è crogiolato sugli allori del ‘Next generation EU’ e di quelli di cui la von der Leyen e l’OMS l’hanno addobbato esaltandone la bravura nell’imporre il lockdown. Ma, in verità, il governo non ha fatto più di questo: chiudere tutto è stato facile, è bastato un dpcm.
Ci è stato detto a maggio, quando si decise la fine del lockdown, che avremmo avuto una ‘seconda ondata’ epidemica in autunno e che avremmo dovuto imparare a convivere con il ‘virus’. Ma in che modo?
Se fosse quello di ‘separati in casa’, già sarebbe un buon modo perché il virus starebbe in una stanza e noi nelle altre. Ma non è così: purtroppo noi e il virus abbiamo i ‘servizi’ in comune. Se si deve convivere con il virus – e ormai siamo tutti convinti che questo morbo ci farà compagnia per molto tempo così come ce la fecero il vaiolo, la malaria, la tubercolosi, la poliomielite, etc. – non si tratta di accettare il rischio fatalisticamente ma di disporci alla difesa seguendo le indicazioni dei medici: ci saremmo aspettati che, a questo punto, si facessero una legge quadro nazionale e i finanziamenti alle regioni per fronteggiare la recidiva dell’epidemia.
Si doveva rafforzare per tempo il sistema sanitario (ospedaliero e territoriale) preparando le strutture e il personale sanitario (invece i medici e gl’infermieri volontari, frettolosamente arruolati in primavera, sono stati rispediti a casa altrettanto frettolosamente); il sistema dei trasporti (anche con il temporaneo ricorso ai mezzi dell’esercito e dei privati); il sistema produttivo (con progetti e finanziamenti ben definiti e organici); un piano per la protezione delle carceri e dei carcerati; infine, si doveva costruire la poderosa, e costosa, macchina per le vaccinazioni di massa, che sembra ancora di là da venire.
Naturalmente, i problemi della sanità territoriale, dei trasporti, delle carceri non da ora sono sul tavolo ma è almeno dal marzo scorso, da quando è scoppiata l’epidemia, che il potenziamento di questi sistemi è, o dovrebbe essere, all’ordine del giorno del governo e degli enti preposti: invece l’unico provvedimento di cui abbiamo notizia rispetto ai trasporti è stato quello di portare, per decreto, la capienza dei mezzi dal 50% all’80% dopo che si era constatato di non essere stati capaci di assicurarne la funzionalità con la misura inferiore: una figuraccia per il Comitato tecnico scientifico costretto a rimangiarsi le regole di distanziamento sui mezzi pubblici prima stabilite. E, in molte scuole, si aspettano ancora i famosi banchi monoposto.
Allo stesso modo, per mettere in atto la prima delle famose tre T (tamponi, tracciamento, trattamento), non si sarebbe dovuto forse organizzare per tempo un sistema USCA e di ambulatori medici (attrezzati per tutte le urgenze oltre che per il covid) diffusi sul territorio – comune per comune – in modo da evitare le file che abbiamo visto in questi giorni e da disporre tempestivamente dei tamponi, dei referti e, quindi, degli interventi terapeutici anche domiciliari (cioè dell’ultima t) per non fare gravare tutto sugli ospedali?
Sapendo che, se la malattia viene diagnosticata e curata tempestivamente, si può guarire nella stragrande maggioranza dei casi anche senza ricovero ospedaliero, avere fatto assai poco – per colpa del governo o delle regioni poco importa – è assai grave, per non dire delittuoso.
Ci rendiamo conto delle difficoltà – finanziarie, logistiche, produttive – che si pongono: mancano i soldi, i mezzi, gli autisti, i medici, gl’infermieri, etc.. Tuttavia era solo questo che andava fatto e preparato ed è quello che è mancato in termini di strategia, organizzazione, investimenti. Hanno abbondato invece i sussidi a pioggia (e a debito) ma con larghe zone siccitose e l’immensa quantità di debito straordinario che si sta accumulando sembra destinata alla sterilità e ad aggiungersi alla montagna di spesa improduttiva. Forse, se si fossero fatti gl’investimenti necessari nella sanità territoriale e nei trasporti, avremmo avuto meno bisogno di sussidi che, fra l’altro, sono del tutto insufficienti a ‘ristorare’ le perdite delle aziende, a dare il necessario per vivere a tutti coloro che perderanno il lavoro e a evitare l’impoverimento generale.




Fonte: #
Link
[]
L'AVVENIRE DEI LAVORATORI
Periodico socialista fondato 1897.
[]
IL PONTE RIVISTA
Rivista di politica economica e cultura
fondata da Calamandrei
[]
BIBLION EDITORE
Biblion Edizioni, storica casa editrice.
[]
CRITICA LIBERALE - NON MOLLARE
"NON MOLLARE"
Quindicinale on line di Critica Liberale, la voce del liberalismo progressista in Italia.



Nuova Serie
"La Rivoluzione Democratica"
1, MARZO 2017

Realizzazione siti web www.sitoper.it
invia ad un amico
chiudi
Attenzione!
Non puoi effettuare più di 10 invii al giorno.
Informativa
Informativa Privacy
La presente informativa descrive le modalità di gestione del Sito, da Lei ora visitato, di cui è Titolare, il giornale "LA RIVOLUZIONE DEMOCRATICA", registrazione al Tribunale di Firenze n°5863 del 17/02/2012 (di seguito, "Giornale" per brevità), che ha come finalità l´informazione critica, la difesa della laicità delle Istituzioni e la diffusione della cultura laica, con sede in Firenze, accessibile al seguente nome di dominio
http://www.rivoluzionedemocratica.it
in riferimento al trattamento dei dati personali dei navigatori che vi accedono e che interagiscono con esso.

Premessa
I considerazione delle modifiche al D. Lgs. n. 196/2003 (Codice in materia di protezione dei dati personali, di seguito "Codice Privacy"), introdotte recentemente con il D.L. 201/2011 convertito nella L. 214/2011, la presente informativa si rivolge alle persone fisiche che, per conto proprio o di associazioni interessate, decidano di accedere al Sito ed interagire con esso ed è resa ai sensi dell´art. 13 del Codice Privacy.
L´informativa si ispira anche alla Raccomandazione n. 2/2001 che le autorità europee per la protezione dei dati personali, riunite nel Gruppo istituito dall´art. 29 della direttiva n. 95/46/CE, hanno adottato il 17 maggio 2001, per individuare alcuni requisiti minimi per la raccolta di dati personali on-line, e, in particolare, le modalità, i tempi e la natura delle informazioni che i titolari del trattamento devono fornire agli utenti quando questi si collegano a pagine web, indipendentemente dalle ragioni e finalità del collegamento.
In linea generale, è opportuno precisare che attraverso il Sito vengono effettuate le seguenti tipologie di raccolta dati:
- raccolta necessaria ed automatica dei dati del navigatore inerenti all´interazione con il Sito;
- trattamento correlato alla raccolta di dati, immessi volontariamente dal navigatore, attraverso l´invio di e-mail agli indirizzi indicati per contattare il Titolare (ad esempio, sezioni "Contatti" e "Iscriversi al circolo").

La presente informativa si riferisce unicamente alle operazioni di trattamento effettuate su dati raccolti con le modalità sopra indicate e non si riferisce, quindi, ai trattamenti effettuati tramiti altri siti, a cui l´utente vorrà accedere mediante link dal Sito. Per tali trattamenti dovrà essere fornita, da parte dei rispettivi Titolari, autonoma informativa.
Si precisa, in particolare, che i trattamenti sui dati conferiti accedendo a siti di terzi, raggiungibili mediante i link pubblicati sul Sito, sono effettuati da soggetti diversi dal Giornale.
Premesso che il Giornale non effettuerà alcuna comunicazione dei dati degli utenti a tali soggetti e che ogni iniziativa per entrare in contatto e chiedere informazioni, è rimessa all´esclusiva attività dell´Interessato o del rispettivo Titolare, il giornale non sarà in alcun modo responsabile dei trattamenti che verranno effettuati da parte di tali soggetti, a fronte dell´iniziativa dell´utente medesimo.

1. Finalità del trattamento
1.1 Le operazioni di trattamento di seguito illustrate sono unicamente rivolte alla corretta proposizione ed erogazione dei servizi offerti tramite il presente Sito dal Giornale medesimo per il perseguimento dello scopo associativo. L´Attività on line del Giornale consiste prevalentemente nella pubblicazione di contenuti, caratterizzati da un alto livello qualitativo, sui temi di interesse del Giornale e dei dati personali dei rispettivi autori, aventi con il Giornale rapporti regolari, nonché nello scambio, anche mediante messaggi di posta elettronica, di opinioni e informazioni di varia natura, relative in particolare alla vita e alle attivitàdel Giornale medesimo o ad eventi di rilevanza nel dibattito culturale che il Giornale intende promuovere.
1.2. A tal fine, il Titolare ha predisposto sezioni ad hoc del Sito.
In particolare, nella sezione "Contatti" è presente l´indirizzo e-mail interattivo cui l´Utente può trasmettere i propri dati personali e/o dell´Associazione di appartenenza, al Giornale. Più precisamente, in tale ipotesi il trattamento è finalizzato al mero scambio di informazioni e di contatti, comunque di natura non professionale, inerenti all´attività del Giornale .
In ogni caso, i dati raccolti tramite il presente Sito saranno trattati secondo principi di correttezza, liceità e trasparenza, per la tutela della riservatezza e dei diritti degli interessati, ed unicamente per il perseguimento dello scopo associativo. Negli stessi limiti saranno trattati anche i dati personali che dovessero essere inviati spontaneamente al Giornale dai visitatori del sito anche con modalità off-line (fax, posta, telefono od altro).

2. Tipi di dati trattati
2.1 - Dati di navigazione I sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento di questo Sito registrano, nel corso del loro normale esercizio, alcuni dati personali la cui acquisizione avviene in modo automatico e inevitabile, qualora si utilizzino i protocolli di comunicazione di Internet. Sono dati che, pur non essendo reperiti con lo scopo specifico di identificare i rispettivi Interessati, ben potrebbero, a causa delle loro stesse caratteristiche, essere associati a banche dati di terzi e così consentire l´individuazione degli utenti. Appartengono a questa categoria di dati, ad esempio, gli indirizzi IP o i nomi a dominio degli elaboratori utilizzati dagli utenti che si connettono al Sito, gli indirizzi in notazione URI (Uniform Resource Identifier) delle risorse richieste, l´orario della richiesta, il metodo utilizzato nel sottoporre la richiesta al server, la dimensione del file ottenuto in risposta, il codice numerico indicante lo stato della risposta data dal server (buon fine, errore, ecc.) ed altri parametri relativi al sistema operativo e all´ambiente informatico dell´utente. Questi dati vengono utilizzati al solo fine di ricavare informazioni statistiche anonime sull´uso del Sito e per controllarne il corretto funzionamento, e vengono cancellati immediatamente dopo l´elaborazione.
Si precisa che i dati di navigazione potrebbero essere usati per l´accertamento di responsabilità in caso di eventuali reati informatici ai danni del Sito, conformemente alle procedure vigenti presso le Autorità competenti.
2.2 Meccanismi automatici di raccolta
In conformità a quanto previsto nel Provvedimento del Garante n. 229 dell´8.5.2014, si informa che in questo Sito non si utilizzano "cookies persistenti", trojans, spywares, web bugs, ovvero sistemi per il tracciamento degli utenti (cookies di profilazione), ma soltanto cookies cosiddetti "tecnici", di navigazione, di sessione o di funzionalità.
L´uso di c.d. "cookies di sessione" (che non vengono registrati in modo persistente sull´elaboratore dell´utente e svaniscono con la chiusura del browser) è unicamente finalizzato a rendere l´esplorazione del Sito sicura ed efficiente.
I c.d. cookies di sessione, utilizzati in questo sito, evitano il ricorso ad altre tecniche informatiche potenzialmente pregiudizievoli per la riservatezza della navigazione degli utenti e non consentono l´acquisizione di dati personali identificativi dell´utente I cookies "analitici" vengono utilizzati dalla società ShinyStat per effettuare trattamenti in forma aggregata ed anonima, per i quali si fornisce l´informativa generale ed il modulo per esercitare l´opt-out tramite i link qui sotto:
- ShinyStat http://www.shinystat.com/it/informativa_privacy_generale_free.html
- ShinyStat http://www.shinystat.com/it/opt-out_free.html
- Facebook http://www.facebook.com/policy.php
- Twitter http://twitter.com/privacy
- Google+, Google Maps e YouTube https://www.google.it/intl/it/policies/privacy/
- Vimeo https://vimeo.com/cookie_policy
2.3 Si precisa, per completezza, che i dati personali - una volta resi anonimi - potranno essere utilizzati per elaborare statistiche o per rilevare il grado di soddisfazione degli utenti. In ogni caso, la raccolta e il trattamento dei dati personali degli utenti non saranno finalizzati ad attività di marketing, di informazione commerciale e/o di indagini di mercato.

3. Tipologia di dati
3.1 Il trattamento dei dati effettuati tramite il presente Sito avrà prevalentemente ad oggetto dati comuni.
Tuttavia, in considerazione della natura del Giornale, il trattamento, inoltre, potrà riguardare anche i dati personali idonei a rivelare le convinzioni religiose e/o le opinioni politiche degli utenti e/o degli Associati, e/o dei soggetti che - in relazione allo scopo associativo - hanno contatti regolari con il Giornale. In ogni caso, tramite il presente Sito non saranno trattati dati inerenti alla salute. Pertanto, La invitiamo a non comunicarci dati personali attinenti al Suo stato di salute e alla Sua vita sessuale, ai sensi dell´art. 26 del Codice. In presenza di tali dati, il Giornale procederà alla tempestiva distruzione del relativo messaggio e/o comunicazione da Lei eventualmente fornita.
3.2 Il trattamento dei dati si svolgerà in conformità della vigente Autorizzazione Generale del Garante per la protezione dei dati personali n. 3/2011 e successive .
3.3 Il conferimento dei dati è in ogni caso facoltativo. Tuttavia, il mancato conferimento dei dati relativamente ad alcune sezioni del Sito e, più precisamente, in relazione alla Sezione "Contatti" comporterà l´impossibilità, per l´Associazione, di fornire il relativo servizio.

4. Modalità di trattamento
4.1 Il medesimo sarà effettuato prevalentemente con l´ausilio di mezzi informatici e telematici ma anche manualmente. I dati infatti potranno essere conservati sia in archivi cartacei sia in archivi elettronici, in modo da consentire, laddove necessario, l´individuazione e la selezione di dati aggregati, per il tempo non eccedente la durata e le necessità del trattamento.
4.2 Il trattamento sarà effettuato direttamente dall´organizzazione del Titolare, con l´ausilio dei propri incaricati e/o responsabili del trattamento. Potranno avere accesso ai dati per il perseguimento delle finalità di cui al punto 1, nell´ambito delle rispettive funzioni o mansioni e, in ogni caso, secondo le modalità e nei limiti di cui ai rispettivi atti di nomina a Responsabile o a Incaricato, oltre al Coordinatore/Coordinatrice, al Tesoriere e al Responsabile per la gestione delle istanze ex art. 7 Codice, eventuali società di servizi esterne nominate responsabili del trattamento ai sensi e per gli effetti dell´art. 29 del Codice.
4.3. Infine, si informa l´utente che l´eventuale trasmissione di dati tramite Internet non può raggiungere livelli di sicurezza assoluti. E´ onere dell´utente verificare la correttezza dei dati personali che lo riguardano ed eventualmente procedere alla rettifica, aggiornamento o, comunque, modifica dei dati nel corso del trattamento. Il Titolare non può considerarsi tenuto ad altra prestazione oltre alla puntuale e corretta applicazione degli standard di sicurezza imposti dalla normativa in vigore, con particolare riferimento all´adozione delle misure di sicurezza in conformità di quanto previsto dagli artt. 33-36 del Codice e dal Disciplinare Tecnico di cui all´Allegato B.

5. Conservazione dei dati - durata e aggiornamento
5.1 A seguito di controlli periodici,il Giornale verificherà la stretta pertinenza e la non eccedenza dei dati raccolti rispetto agli obblighi ed alle finalità del trattamento posto in essere, per quanto riguarda i dati che rivelano le opinioni e le intime convinzioni.
5.2 Ad eccezione dei dati di navigazione che non vengono conservati oltre una settimana dalla raccolta, gli altri dati verranno conservati in coerenza con lo scopo per il quale sono stati conferiti e comunque nel rispetto della normativa vigente.
5.3 Nel rispetto di quanto previsto dall´art. 11, co. 1, lett. c) Codice, i dati personali saranno aggiornati in seguito alla segnalazione dell´Interessato, in congruità con quanto previsto dall´art. 7, co. 3, lett. a) Codice.

6. Comunicazione e diffusione
6.1 il Giornale non procederà alla comunicazione diretta a terzi dei dati personali raccolti tramite il sito.
6.2 I dati relativi alla navigazione non verranno, in nessun caso, diffusi o comunicati. E´ fatta salva la eventuale comunicazione alle Autorità competenti in relazione alle attività necessarie all´accertamento e alla repressione dei reati.
6.3 I dati personali forniti dagli utenti, che inoltrano richieste di informazioni ai diversi indirizzi di posta elettronica presenti sul Sito, non sono comunicati a terzi.
6.4 Nell´ambito delle finalità indicate nella presente informativa, qualora sia necessario comunicare i dati a soggetti diversi dal Titolare, quest´ultimo provvederà alla designazione degli stessi quali Responsabili del trattamento.

7. Diritti dell´Interessato
7.1 Al Titolare del trattamento potranno essere inoltrate le richieste di cui all´art. 7 del Codice "Diritti dell´interessato", ossia, in particolare il diritto di:
- ottenere dal Titolare la conferma dell´esistenza di dati personali che lo riguardano e la comunicazione dei medesimi in forma intelligibile;
- conoscere l´origine dei dati, la logica e le finalità su cui si basa il loro trattamento;
- conoscere gli estremi identificativi dei Responsabili del trattamento e delle categorie di soggetti ai quali i dati possono essere comunicati o che possono venirne a conoscenza in qualità di Responsabili o Incaricati;
- ottenere la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati trattati in violazione della legge, come l´aggiornamento, la rettificazione o, qualora l´interessato vi abbia interesse, l´integrazione dei dati medesimi;
- opporsi in tutto o in parte, per motivi legittimi, al trattamento dei dati personali che lo riguardano ancorché pertinenti allo scopo della raccolta;
- opporsi in tutto o in parte al trattamento previsto ai fini di informazione commerciale o di invio di materiale pubblicitario.
Qualora, a seguito della richiesta di cui all´art. 7 del Codice non risulti confermata l´esistenza di dati che riguardano l´Interessato, potrà essere richiesto a quest´ultimo un contributo spese, comunque non superiore a Euro 10,00.

Le richieste dovranno essere rivolte ai Direttori del Giornale, Responsabili per le richieste ex art. 7, al seguente indirizzo e-mail:
info@rivoluzionedemocratica.it

Si prega di indicare nell´oggetto della comunicazione: "Richiesta ex art. 7 D. Lgs. 30 giugno 2003, n. 196 - Codice in materia di protezione dei dati personali".

8. Titolare ed elenco dei Responsabili del trattamento
Titolare del trattamento dei dati è il giornale on line "LA RIVOLUZIONE DEMOCRATICA" con sede a FIRENZE, mail: info@rivoluzionedemocratica.it
L´elenco aggiornato contenente i nominativi e i recapiti dei Responsabili è disponibile presso la sede del Titolare.
torna indietro leggi Informativa  obbligatorio