20 Giugno 2021

"LA PAZIENZA E' FINITA?"

24-05-2021 - DIARIO POLITICO di Giuseppe Butta'
Negli ultimi giorni si è parlato molto di fuga di notizie dal CSM e da importanti procure italiane riguardo ad alcuni verbali segreti contenenti gravi accuse contro alti esponenti del mondo politico e giudiziario che si sarebbero associati in un’organizzazione segreta – “Ungheria” – per influenzare la vita politica e giudiziaria del paese. A questa presunta organizzazione, una «loggia», non era stato finora dato peso dai giornali né dai pm o dal CSM che, guarda caso, hanno ritenuto Amara – un avvocato coinvolto in numerosi processi anche come testimone d’accusa – poco affidabile in relazione alle dichiarazioni di cui sopra, rese alla Procura di Milano già alla fine del 2019, mentre la stessa magistratura lo aveva considerato affidabile fino a quando si era limitato ad accusare se stesso e altri di corruzione in atti giudiziari.
Ma, per quanto possa essere ritenuto un teste poco affidabile, perché ancora oggi le sue accuse, proprio perché così gravi, non sono state prese in considerazione? Perché solo ora la Procura di Perugia indaga riguardo all’associazione segreta e alla veridicità della denuncia di Amara e la Procura di Roma ha finalmente avviato un’indagine su un pesce piccolissimo, una funzionaria della segreteria di Piercamillo Davigo al CSM, accusata di avere diffuso i verbali in questione. In realtà, pare che questi verbali fossero stati trasmessi (legittimamente?) dal pm di Milano, Paolo Storari, a Davigo, da questi a Ermini e da questi, pare, al Quirinale, che ora dice di non potere esprimere un parere sul caso per evitare qualsiasi interferenza nell’inchiesta giudiziaria finalmente avviata da ben 4 procure; forse così tanto spiegamento di forze servirà a sollevare polvere e ad annebbiare la vista: tanto rumore per nulla!
Non siamo interessati al dibattito sull’uovo e sulla gallina: non cambia nulla che sia stata una fonte o un’altra ad aprire le cateratte; siamo invece molto interessati a sapere perché il CSM o le varie procure competenti non abbiano fin qui approfondito le indagini. Se si fosse trattato di un pentito di mafia non sarebbero scattate le indagini più rigorose? In caso contrario, se nessuno avesse dato seguito alle sue rivelazioni non avremmo accusato i responsabili del ritardo, se non dell’insabbiamento, almeno del reato di ‘concorso esterno in associazione mafiosa’? E il ritardo nelle indagini su tale presunta associazione – che, più che per la segretezza, avrebbe dovuto essere indagata come associazione a delinquere – non ha consentito l’inquinamento delle prove, anzi la loro distruzione? E come mai i giornali che avevano ricevuto i verbali in questione – solitamente, assai solleciti nel pubblicare qualsiasi notizia giudiziaria, anche la più infamante come la più infondata – questa volta hanno taciuto perdendo l’occasione di denunciare qualcosa che somiglia molto a una P2? Forse non l’hanno fatto perché toccava qualche potentato amico? E perché le lobby dei giudici e i partiti che le fiancheggiano continuano a ostacolare l’avvio di una commissione parlamentare d’inchiesta su fatti gravissimi come quelli denunciati, per esempio, dal memoriale di Luca Palamara, insomma sull’intreccio politico-giudiziario?
Si dice che i magistrati temono che la commissione parlamentare d’inchiesta possa essere usata come strumento di vendetta. Vendetta per che cosa? Ci sarebbe da chiedere quale sia il motivo per il quale la magistratura possa nutrire un tale timore; ciò comunque è secondario: quello che resta inaccettabile è che la magistratura possa interferire con l’esercizio del potere legittimo del Parlamento di conoscere per deliberare. D’altra parte dobbiamo manifestare la preoccupazione che anche questa possibile indagine conoscitiva del Parlamento finisca nel nulla come spesso è accaduto.
Non vogliamo fare il conto di tutti gli anni che sono trascorsi da quando si parla, oltre che di riforma del processo civile e di quello penale, della riforma della magistratura e del suo organo di autogoverno, il CSM: per rendersi conto del buio che circonda questa materia basta il conto degli anni da quando è stato detto che l’attuale Presidente della Repubblica, presidente anche del CSM, voleva ‘voltare pagina’. Ebbene, da allora, da quando esplose il caso Palamara-Lotti, sono passati tre anni e la pagina non è stata ancora voltata.
Perché il Presidente continua a lavarsi le mani rifiutando financo di pensare ad un possibile scioglimento del CSM? Può ancora limitarsi a invitare i partiti politici e i gruppi parlamentari ad impegnarsi per una riforma del CSM, ad auspicare che si approdi in tempi brevi ad una normativa che restituisca dignità e credibilità alla magistratura? Aria fritta. La ‘moral suation’, invenzione del bizantinismo italico, non può bastare. Nel caso del CSM non vale la ricetta per il covid che impone di lavarci le mani. La malattia che sta devastando la magistratura è ben più grave; non basta neanche il vaccino; serve la chirurgia invasiva, demolitiva, quella che usa le seghe per amputare le parti in cancrena.
Intanto continuiamo a nascondere sotto il tappeto la polvere, radioattiva, che continua a contaminare e ciò non va bene perché il supremo garante della costituzione dovrebbe essere ‘proattivo’ riguardo alla sua tutela e non trincerarsi dietro la ‘irresponsabilità’, dietro quanto dice l’attuale vicepresidente del CSM Ermini, cioè che il Presidente della Repubblica non sa nulla delle nomine dei magistrati perché non partecipa alle riunioni del CSM. Bene, se così è, la prima riforma da fare in materia di autogoverno della magistratura dovrebbe riguardare proprio il ruolo del Presidente della Repubblica nel CSM: se si tratta di una presidenza sostanzialmente formale ma tale da conferire a quest’organo un carattere quasi sacrale; bisognerebbe ben valutare i costi-benefici del mantenimento di questa fictio iuris: non giova alla funzionalità di quell’organo né permette di sottrarre il Presidente alla responsabilità di quanto vi avviene.
Il Presidente della Repubblica, come presidente del CSM, non è una foglia di fico e non lo può diventare. Sarebbe necessario dunque che il Capo dello Stato partecipi ai lavori di quell’organo assumendo quindi responsabilità per le sue decisioni o ne esca formalmente.
Altro problema è quello di elezione e nomina dei componenti del CSM. A parte il fatto che una riforma non sarebbe ottenibile in tempi brevi anche per le battaglie che si svolgerebbe intorno al sistema da adottare (e sappiamo bene che, dalle nostre parti, i sistemi elettorali vengono piegati alle esigenze di parte, ai calcoli dei loro effetti rispetto al potere che si vuole ottenere o conservare), non v’è dubbio che non è solo il metodo d’elezione che va riformato bensì, e soprattutto, il CSM stesso nei suoi poteri e nel suo funzionamento.
Se la magistratura deve governarsi da sé – e su questo non abbiamo alcun dubbio – è necessario che si liberi il CSM dal correntismo, da ogni rapporto con la politica e con gli altri poteri dello stato; è necessaria una gestione indipendente e onesta delle vicende dei magistrati. Per non parlare del loro reclutamento che va sottratto al familismo e alla pressione partitica. Non basta il polverone che Letta e il PD intendono sollevare con una riforma solo dei processi – civile e penale – come non bastava la balbettante riforma del CSM proposta a suo tempo dal ministro Bonafede; si dovrebbe piuttosto porre mano alla separazione delle carriere e alla demolizione delle porte girevoli che consentono l’entrata e l’uscita dei magistrati nella politica, nella gestione ministeriale, nell’eldorado delle funzioni extragiudiziarie: le deviazioni del sistema giudiziario richiedono, oltre che una glasnost nel CSM, anche una perestrojka nel funzionamento dell’ordine giudiziario.



Fonte: di GIUSEPPE BUTTA'
Link
[]
L'AVVENIRE DEI LAVORATORI
Periodico socialista fondato 1897.
[]
IL PONTE RIVISTA
Rivista di politica economica e cultura
fondata da Calamandrei
[]
BIBLION EDITORE
Biblion Edizioni, storica casa editrice.
[]
CRITICA LIBERALE - NON MOLLARE
"NON MOLLARE"
Quindicinale on line di Critica Liberale, la voce del liberalismo progressista in Italia.



Nuova Serie
"La Rivoluzione Democratica"
1, MARZO 2017

Realizzazione siti web www.sitoper.it
invia ad un amico
chiudi
Attenzione!
Non puoi effettuare più di 10 invii al giorno.
Informativa
Informativa Privacy
La presente informativa descrive le modalità di gestione del Sito, da Lei ora visitato, di cui è Titolare, il giornale "LA RIVOLUZIONE DEMOCRATICA", registrazione al Tribunale di Firenze n°5863 del 17/02/2012 (di seguito, "Giornale" per brevità), che ha come finalità l´informazione critica, la difesa della laicità delle Istituzioni e la diffusione della cultura laica, con sede in Firenze, accessibile al seguente nome di dominio
http://www.rivoluzionedemocratica.it
in riferimento al trattamento dei dati personali dei navigatori che vi accedono e che interagiscono con esso.

Premessa
I considerazione delle modifiche al D. Lgs. n. 196/2003 (Codice in materia di protezione dei dati personali, di seguito "Codice Privacy"), introdotte recentemente con il D.L. 201/2011 convertito nella L. 214/2011, la presente informativa si rivolge alle persone fisiche che, per conto proprio o di associazioni interessate, decidano di accedere al Sito ed interagire con esso ed è resa ai sensi dell´art. 13 del Codice Privacy.
L´informativa si ispira anche alla Raccomandazione n. 2/2001 che le autorità europee per la protezione dei dati personali, riunite nel Gruppo istituito dall´art. 29 della direttiva n. 95/46/CE, hanno adottato il 17 maggio 2001, per individuare alcuni requisiti minimi per la raccolta di dati personali on-line, e, in particolare, le modalità, i tempi e la natura delle informazioni che i titolari del trattamento devono fornire agli utenti quando questi si collegano a pagine web, indipendentemente dalle ragioni e finalità del collegamento.
In linea generale, è opportuno precisare che attraverso il Sito vengono effettuate le seguenti tipologie di raccolta dati:
- raccolta necessaria ed automatica dei dati del navigatore inerenti all´interazione con il Sito;
- trattamento correlato alla raccolta di dati, immessi volontariamente dal navigatore, attraverso l´invio di e-mail agli indirizzi indicati per contattare il Titolare (ad esempio, sezioni "Contatti" e "Iscriversi al circolo").

La presente informativa si riferisce unicamente alle operazioni di trattamento effettuate su dati raccolti con le modalità sopra indicate e non si riferisce, quindi, ai trattamenti effettuati tramiti altri siti, a cui l´utente vorrà accedere mediante link dal Sito. Per tali trattamenti dovrà essere fornita, da parte dei rispettivi Titolari, autonoma informativa.
Si precisa, in particolare, che i trattamenti sui dati conferiti accedendo a siti di terzi, raggiungibili mediante i link pubblicati sul Sito, sono effettuati da soggetti diversi dal Giornale.
Premesso che il Giornale non effettuerà alcuna comunicazione dei dati degli utenti a tali soggetti e che ogni iniziativa per entrare in contatto e chiedere informazioni, è rimessa all´esclusiva attività dell´Interessato o del rispettivo Titolare, il giornale non sarà in alcun modo responsabile dei trattamenti che verranno effettuati da parte di tali soggetti, a fronte dell´iniziativa dell´utente medesimo.

1. Finalità del trattamento
1.1 Le operazioni di trattamento di seguito illustrate sono unicamente rivolte alla corretta proposizione ed erogazione dei servizi offerti tramite il presente Sito dal Giornale medesimo per il perseguimento dello scopo associativo. L´Attività on line del Giornale consiste prevalentemente nella pubblicazione di contenuti, caratterizzati da un alto livello qualitativo, sui temi di interesse del Giornale e dei dati personali dei rispettivi autori, aventi con il Giornale rapporti regolari, nonché nello scambio, anche mediante messaggi di posta elettronica, di opinioni e informazioni di varia natura, relative in particolare alla vita e alle attivitàdel Giornale medesimo o ad eventi di rilevanza nel dibattito culturale che il Giornale intende promuovere.
1.2. A tal fine, il Titolare ha predisposto sezioni ad hoc del Sito.
In particolare, nella sezione "Contatti" è presente l´indirizzo e-mail interattivo cui l´Utente può trasmettere i propri dati personali e/o dell´Associazione di appartenenza, al Giornale. Più precisamente, in tale ipotesi il trattamento è finalizzato al mero scambio di informazioni e di contatti, comunque di natura non professionale, inerenti all´attività del Giornale .
In ogni caso, i dati raccolti tramite il presente Sito saranno trattati secondo principi di correttezza, liceità e trasparenza, per la tutela della riservatezza e dei diritti degli interessati, ed unicamente per il perseguimento dello scopo associativo. Negli stessi limiti saranno trattati anche i dati personali che dovessero essere inviati spontaneamente al Giornale dai visitatori del sito anche con modalità off-line (fax, posta, telefono od altro).

2. Tipi di dati trattati
2.1 - Dati di navigazione I sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento di questo Sito registrano, nel corso del loro normale esercizio, alcuni dati personali la cui acquisizione avviene in modo automatico e inevitabile, qualora si utilizzino i protocolli di comunicazione di Internet. Sono dati che, pur non essendo reperiti con lo scopo specifico di identificare i rispettivi Interessati, ben potrebbero, a causa delle loro stesse caratteristiche, essere associati a banche dati di terzi e così consentire l´individuazione degli utenti. Appartengono a questa categoria di dati, ad esempio, gli indirizzi IP o i nomi a dominio degli elaboratori utilizzati dagli utenti che si connettono al Sito, gli indirizzi in notazione URI (Uniform Resource Identifier) delle risorse richieste, l´orario della richiesta, il metodo utilizzato nel sottoporre la richiesta al server, la dimensione del file ottenuto in risposta, il codice numerico indicante lo stato della risposta data dal server (buon fine, errore, ecc.) ed altri parametri relativi al sistema operativo e all´ambiente informatico dell´utente. Questi dati vengono utilizzati al solo fine di ricavare informazioni statistiche anonime sull´uso del Sito e per controllarne il corretto funzionamento, e vengono cancellati immediatamente dopo l´elaborazione.
Si precisa che i dati di navigazione potrebbero essere usati per l´accertamento di responsabilità in caso di eventuali reati informatici ai danni del Sito, conformemente alle procedure vigenti presso le Autorità competenti.
2.2 Meccanismi automatici di raccolta
In conformità a quanto previsto nel Provvedimento del Garante n. 229 dell´8.5.2014, si informa che in questo Sito non si utilizzano "cookies persistenti", trojans, spywares, web bugs, ovvero sistemi per il tracciamento degli utenti (cookies di profilazione), ma soltanto cookies cosiddetti "tecnici", di navigazione, di sessione o di funzionalità.
L´uso di c.d. "cookies di sessione" (che non vengono registrati in modo persistente sull´elaboratore dell´utente e svaniscono con la chiusura del browser) è unicamente finalizzato a rendere l´esplorazione del Sito sicura ed efficiente.
I c.d. cookies di sessione, utilizzati in questo sito, evitano il ricorso ad altre tecniche informatiche potenzialmente pregiudizievoli per la riservatezza della navigazione degli utenti e non consentono l´acquisizione di dati personali identificativi dell´utente I cookies "analitici" vengono utilizzati dalla società ShinyStat per effettuare trattamenti in forma aggregata ed anonima, per i quali si fornisce l´informativa generale ed il modulo per esercitare l´opt-out tramite i link qui sotto:
- ShinyStat http://www.shinystat.com/it/informativa_privacy_generale_free.html
- ShinyStat http://www.shinystat.com/it/opt-out_free.html
- Facebook http://www.facebook.com/policy.php
- Twitter http://twitter.com/privacy
- Google+, Google Maps e YouTube https://www.google.it/intl/it/policies/privacy/
- Vimeo https://vimeo.com/cookie_policy
2.3 Si precisa, per completezza, che i dati personali - una volta resi anonimi - potranno essere utilizzati per elaborare statistiche o per rilevare il grado di soddisfazione degli utenti. In ogni caso, la raccolta e il trattamento dei dati personali degli utenti non saranno finalizzati ad attività di marketing, di informazione commerciale e/o di indagini di mercato.

3. Tipologia di dati
3.1 Il trattamento dei dati effettuati tramite il presente Sito avrà prevalentemente ad oggetto dati comuni.
Tuttavia, in considerazione della natura del Giornale, il trattamento, inoltre, potrà riguardare anche i dati personali idonei a rivelare le convinzioni religiose e/o le opinioni politiche degli utenti e/o degli Associati, e/o dei soggetti che - in relazione allo scopo associativo - hanno contatti regolari con il Giornale. In ogni caso, tramite il presente Sito non saranno trattati dati inerenti alla salute. Pertanto, La invitiamo a non comunicarci dati personali attinenti al Suo stato di salute e alla Sua vita sessuale, ai sensi dell´art. 26 del Codice. In presenza di tali dati, il Giornale procederà alla tempestiva distruzione del relativo messaggio e/o comunicazione da Lei eventualmente fornita.
3.2 Il trattamento dei dati si svolgerà in conformità della vigente Autorizzazione Generale del Garante per la protezione dei dati personali n. 3/2011 e successive .
3.3 Il conferimento dei dati è in ogni caso facoltativo. Tuttavia, il mancato conferimento dei dati relativamente ad alcune sezioni del Sito e, più precisamente, in relazione alla Sezione "Contatti" comporterà l´impossibilità, per l´Associazione, di fornire il relativo servizio.

4. Modalità di trattamento
4.1 Il medesimo sarà effettuato prevalentemente con l´ausilio di mezzi informatici e telematici ma anche manualmente. I dati infatti potranno essere conservati sia in archivi cartacei sia in archivi elettronici, in modo da consentire, laddove necessario, l´individuazione e la selezione di dati aggregati, per il tempo non eccedente la durata e le necessità del trattamento.
4.2 Il trattamento sarà effettuato direttamente dall´organizzazione del Titolare, con l´ausilio dei propri incaricati e/o responsabili del trattamento. Potranno avere accesso ai dati per il perseguimento delle finalità di cui al punto 1, nell´ambito delle rispettive funzioni o mansioni e, in ogni caso, secondo le modalità e nei limiti di cui ai rispettivi atti di nomina a Responsabile o a Incaricato, oltre al Coordinatore/Coordinatrice, al Tesoriere e al Responsabile per la gestione delle istanze ex art. 7 Codice, eventuali società di servizi esterne nominate responsabili del trattamento ai sensi e per gli effetti dell´art. 29 del Codice.
4.3. Infine, si informa l´utente che l´eventuale trasmissione di dati tramite Internet non può raggiungere livelli di sicurezza assoluti. E´ onere dell´utente verificare la correttezza dei dati personali che lo riguardano ed eventualmente procedere alla rettifica, aggiornamento o, comunque, modifica dei dati nel corso del trattamento. Il Titolare non può considerarsi tenuto ad altra prestazione oltre alla puntuale e corretta applicazione degli standard di sicurezza imposti dalla normativa in vigore, con particolare riferimento all´adozione delle misure di sicurezza in conformità di quanto previsto dagli artt. 33-36 del Codice e dal Disciplinare Tecnico di cui all´Allegato B.

5. Conservazione dei dati - durata e aggiornamento
5.1 A seguito di controlli periodici,il Giornale verificherà la stretta pertinenza e la non eccedenza dei dati raccolti rispetto agli obblighi ed alle finalità del trattamento posto in essere, per quanto riguarda i dati che rivelano le opinioni e le intime convinzioni.
5.2 Ad eccezione dei dati di navigazione che non vengono conservati oltre una settimana dalla raccolta, gli altri dati verranno conservati in coerenza con lo scopo per il quale sono stati conferiti e comunque nel rispetto della normativa vigente.
5.3 Nel rispetto di quanto previsto dall´art. 11, co. 1, lett. c) Codice, i dati personali saranno aggiornati in seguito alla segnalazione dell´Interessato, in congruità con quanto previsto dall´art. 7, co. 3, lett. a) Codice.

6. Comunicazione e diffusione
6.1 il Giornale non procederà alla comunicazione diretta a terzi dei dati personali raccolti tramite il sito.
6.2 I dati relativi alla navigazione non verranno, in nessun caso, diffusi o comunicati. E´ fatta salva la eventuale comunicazione alle Autorità competenti in relazione alle attività necessarie all´accertamento e alla repressione dei reati.
6.3 I dati personali forniti dagli utenti, che inoltrano richieste di informazioni ai diversi indirizzi di posta elettronica presenti sul Sito, non sono comunicati a terzi.
6.4 Nell´ambito delle finalità indicate nella presente informativa, qualora sia necessario comunicare i dati a soggetti diversi dal Titolare, quest´ultimo provvederà alla designazione degli stessi quali Responsabili del trattamento.

7. Diritti dell´Interessato
7.1 Al Titolare del trattamento potranno essere inoltrate le richieste di cui all´art. 7 del Codice "Diritti dell´interessato", ossia, in particolare il diritto di:
- ottenere dal Titolare la conferma dell´esistenza di dati personali che lo riguardano e la comunicazione dei medesimi in forma intelligibile;
- conoscere l´origine dei dati, la logica e le finalità su cui si basa il loro trattamento;
- conoscere gli estremi identificativi dei Responsabili del trattamento e delle categorie di soggetti ai quali i dati possono essere comunicati o che possono venirne a conoscenza in qualità di Responsabili o Incaricati;
- ottenere la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati trattati in violazione della legge, come l´aggiornamento, la rettificazione o, qualora l´interessato vi abbia interesse, l´integrazione dei dati medesimi;
- opporsi in tutto o in parte, per motivi legittimi, al trattamento dei dati personali che lo riguardano ancorché pertinenti allo scopo della raccolta;
- opporsi in tutto o in parte al trattamento previsto ai fini di informazione commerciale o di invio di materiale pubblicitario.
Qualora, a seguito della richiesta di cui all´art. 7 del Codice non risulti confermata l´esistenza di dati che riguardano l´Interessato, potrà essere richiesto a quest´ultimo un contributo spese, comunque non superiore a Euro 10,00.

Le richieste dovranno essere rivolte ai Direttori del Giornale, Responsabili per le richieste ex art. 7, al seguente indirizzo e-mail:
info@rivoluzionedemocratica.it

Si prega di indicare nell´oggetto della comunicazione: "Richiesta ex art. 7 D. Lgs. 30 giugno 2003, n. 196 - Codice in materia di protezione dei dati personali".

8. Titolare ed elenco dei Responsabili del trattamento
Titolare del trattamento dei dati è il giornale on line "LA RIVOLUZIONE DEMOCRATICA" con sede a FIRENZE, mail: info@rivoluzionedemocratica.it
L´elenco aggiornato contenente i nominativi e i recapiti dei Responsabili è disponibile presso la sede del Titolare.
torna indietro leggi Informativa  obbligatorio