09 Febbraio 2023

"LA ‘RIFORMA’ DI NORDIO"

19-12-2022 - DIARIO POLITICO di Giuseppe Butta'
Il ministro della giustizia, Carlo Nordio, ha presentato in Senato le linee generali di riforma del sistema giudiziario che il governo intende proporre. L'impressione è che, finalmente, il governo abbia piena la consapevolezza degli annosi problemi che affliggono la giustizia in Italia, anzi il cittadino alle prese con la giustizia, a partire dalla lungaggine spropositata dei processi – civili, penali, amministrativi – che, di per sé, ha l'effetto di violare il principio costituzionale del ‘giusto processo'.

Finalmente, si diceva, perché, qualunque cosa si pensi delle proposte di Nordio, non si può negare che esse tocchino problemi reali, elusi da anni dalle correnti di pensiero maggioritarie nella magistratura e dai suoi protettori politici molto interessati al connubio con essa; né si può negare che anche la celebrata ‘riforma Cartabia', della quale è stato saggiamente detto che peggio dell'immobilismo è far finta di cambiare, ha lasciato le cose esattamente come stavano.

Presentando quella riforma, l'allora Presidente del Consiglio, Draghi, diceva della ovvia necessità di un dibattito approfondito e senza pregiudiziali ma lasciava intendere che vi erano «aree dove permangono delle differenze di vedute di opinioni».

Ora queste aree, molto vaste, sono rimaste inesplorate nella riforma Cartabia che, per questo motivo, lasciò inascoltato il pseudo-monito che Mattarella – sebbene con sette anni di ritardo – aveva lanciato nel discorso al Parlamento per il suo bis quirinalizio: Mattarella incitava a salvaguardare i «principi, irrinunziabili, di autonomia e di indipendenza della Magistratura» per far sì che l'ordinamento giudiziario e il sistema di governo autonomo della Magistratura corrispondano «alle pressanti esigenze di efficienza e di credibilità, come richiesto a buon titolo dai cittadini … Per troppo tempo [l'amministrazione della giustizia] è divenuta un terreno di scontro che ha sovente fatto perdere di vista gli interessi della collettività… È indispensabile che le riforme annunciate giungano con immediatezza a compimento affinché il Consiglio superiore della Magistratura possa svolgere appieno la funzione che gli è propria … superando logiche di appartenenza che, per dettato costituzionale, devono rimanere estranee all'Ordine giudiziario. Occorre per questo che venga recuperato un profondo rigore».

Ça va sans dire che, se il rigore deve essere recuperato, vuol dire che era stato perduto!

Un appello rimasto disatteso anche se il ‘cervello rimpatriato da Parigi', il segretario del Pd Enrico Letta, si disse pienamente soddisfatto felicemente twittando: «Bene la proposta di riforma del CSM approvata dal Consiglio dei ministri. In linea col programma di governo e con le indicazioni contenute nel discorso del presidente Mattarella applaudito dalle Camere. Ora avanti».

Il che la dice lunga sulla chiarezza d'idee di Letta e del suo partito dal quale, infatti, si è levata una ‘voce viva', unanime, a sostegno del «punto di equilibrio raggiunto in Cdm»: cioè il ‘nulla'. Il loro entusiasmo e, insieme, il loro timore che questo impianto della riforma – a parere di molti, omissivo – potesse essere alterato sono comprensibili poiché è il PD ad avere il più forte interesse a non modificare lo status quo del sistema giudiziario. Infatti, allora il ministro Cartabia si arroccò dietro il paravento della incostituzionalità per impedire qualsiasi riforma intesa a scardinare lo strumento – le ‘correnti' – attraverso il quale il CSM (un centro di potere molto appetibile se non altro per il lauto stipendio di cui godono i suoi membri: 240.000 euro all'anno) si è appropriato, indebitamente, di un potere politico non solo nella gestione delle carriere dei magistrati ma anche nella politica giudiziaria.

ll sistema di elezione del CSM previsto dalla Cartabia è una abominevole messa in scena per lasciare le cose come stanno, cioè per continuare a consentire le cordate politiche nella magistratura, etc.: questa nuova invenzione elettorale – cosiddetto ‘binominale' – è più ‘porcellum' del ‘porcellum' ed è tanto dire: un sistema elettorale sui generis e stravagante che vorrebbe spezzare il nodo scorsoio delle correnti non, come qualcuno proponeva, con il sorteggio dei candidati bensì con uno stratagemma tutto italico-bizantino: il sorteggio delle Corti d'appello che costituiranno i collegi elettorali. Come se le cordate non si possano formare dopo!

Un ‘maquillage', anzi un ‘travestimento' indecente che non risolve le degenerazioni – logiche clientelari, lottizzazione delle cariche, avanzamenti di carriera per appartenenza politica, divisioni per gruppi, faziosità, lotte fratricide, accaparramento di voti, mercato delle nomine e dei favori – che hanno trasformato il CSM in un terreno di scontro, spartizione e clientelismo.

Sui problemi da affrontare il ministro Nordio ha invece le idee chiare, talmente chiare da suscitare subito le reazioni più aspre.

Dai banchi dell'opposizione, dall'ANM e dai giornaloni affiliati – primo fra tutti ‘La Repubblica', che ha definito il guardasigilli in carica come un novello Nerone, e ‘La Stampa', che ha catalogato il progetto di Nordio come il «solito progetto salvifico berlusconiano», (non citiamo ‘Il Fatto Quotidiano' per non promuoverlo a ‘giornalone') – abbiamo sentito levarsi un'accusa gravissima contro Nordio, di volere cioè impedire le ‘intercettazioni' per garantire l'impunità ai politici corrotti e alla criminalità in generale e di volere modificare la legge Severino per permettere la candidatura dei condannati in primo grado alle cariche pubbliche.

L'argomento delle ‘intercettazioni' – telefoniche, ambientali, etc. – è da sempre al centro di una disputa riguardante il diritto alla riservatezza delle comunicazioni, per la cui garanzia questo strumento di indagine – ma non di prova – è circondato da limitazioni imposte dal segreto istruttorio, che invece viene regolarmente violato. Nordio è stato molto chiaro nella individuazione del meccanismo perverso che ha permesso lo stravolgimento di questo mezzo d'indagine in mezzo di prova così rendendone possibile la divulgazione per mano giudiziaria sfuggendo alle limitazioni imposte dal segreto istruttorio: «intercettazioni pilotate, selezionate, spesso arbitrarie, che dovrebbero essere strumento di ricerca della prova, sono diventate strumento di prova e come tali, essendo state inserite nelle ordinanze di custodia cautelare [senza alcuna eliminazione delle parti non essenziali per l'indagine e riguardanti terze persone non coinvolte], sono state divulgate nei giornali». È per questo che il ministro ha detto che, in caso di violazione del segreto istruttorio, manderà «gli ispettori dove avverrà» e che è pronto a dimettersi «per questo principio».

Il presidente dell'ANM, Santalucia, ha reagito all'ipotesi delle ispezioni definendo ingeneroso il ministro perché avrebbe un pregiudizio, cioè che siano i magistrati a diffonderle, e ha ricordato che, poiché le intercettazioni in un processo finiscono di mano in mano, i responsabili vanno cercati tra gli avvocati o, al massimo, tra i cancellieri e i tecnici che intercettano. Ma, a parte la ‘culpa in vigilando' adombrata da Nordio a carico dei magistrati, come prima abbiamo visto il ministro ha individuato proprio in questo passaggio di mano in mano il meccanismo processuale perverso che permette tale diffusione: secondo Nordio, è proprio la disciplina attuale a «rendere possibile il trapasso di mano in mano delle intercettazioni. Ma è questo il problema: la diffusione, che da sempre viola le norme del Codice di procedura penale, è mal governata da alcuni magistrati e sottolineo alcuni».

È quindi Santalucia ad essere ingeneroso nel non distinguere il momento delle intercettazioni investigative, che Nordio ritiene necessarie, da quello del loro abuso e della violazione dei diritti dei singoli, che egli intende invece eliminare.

Forse è più discutibile l'idea di Nordio che prospetta un ampliamento dell'uso delle intercettazioni preventive, «curate dalla polizia con l'avallo del magistrato, che sono segretissime, servono come spunto d'indagine e vengono conservate nella cassaforte di chi le ha autorizzate sotto la sua responsabilità». L'utilizzo delle intercettazioni preventive può portare alla violazione delle liberà individuali dei cittadini, previste dall'articolo 15 della Costituzione. Per questo motivo esse sono limitate a casi molto specifici (terrorismo e mafia), in cui l'interesse alla sicurezza nazionale deve essere bilanciato con i diritti dei singoli e il primo prevale solo nel caso in cui ci siano già gravi indizi che il reato sia stato commesso o stia per essere commesso e solo se siano indispensabili per procedere nelle indagini: la natura assolutamente eccezionale delle intercettazioni preventive, autorizzate dall'autorità giudiziaria, richiede dunque la massima attenzione nella loro utilizzazione per le indagini e, soprattutto, che non siano considerate come ‘prove' nel processo penale «fatti salvi i fini investigativi», a norma del codice di procedura penale.

La parte più decisa e anche più controversa del progetto di Nordio riguarda la riforma dell'ordinamento della magistratura. Nordio sa che il nodo da sciogliere è anzitutto quello delle separazione delle carriere tra ‘inquirenti' e ‘giudicanti'; che, in secondo luogo, si deve regolare in modo più preciso l'attività investigativa dei pm (dall'obbligatorietà dell'azione penale che – perché tale – nasconde l'arbitrarietà più sfrenata, all'uso-abuso delle intercettazioni telefoniche, ambientali, postali, i cui contenuti anche riguardanti persone e fatti estranei alle indagini vengono spesso date in pasto allo scandalismo mediatico); in terzo luogo che è necessaria la definizione rigorosa dei poteri del CSM, dei loro limiti e delle modalità del loro esercizio – per esempio se esso abbia o no il potere di non eseguire una sentenza del Consiglio di stato, come è accaduto di recente con una sentenza di annullamento della nomina di un magistrato; che, in quarto luogo, è necessario attribuire la funzione disciplinare a una Alta corte non elettiva anziché al Csm in modo da ridurre drasticamente la possibilità di una distorsione politica di tale funzione.

Un altro problema cui Nordio dovrebbe volgere la propria attenzione è quello delle porte girevoli tra magistratura e università, tra magistratura e politica; degl'incarichi fuori-ruolo (ministeri e dintorni) che non solo sottraggono un'infinità di magistrati alla loro propria funzione giurisdizionale ma li espongono anche alla tentazione politica (per non parlare degli arbitrati privati, molto lucrosi, cui molti magistrati sono chiamati e cui essi accorrono volentieri sottraendo tempo alla loro funzione), della responsabilità civile dei giudici non solo verso i cittadini – spesso vittime di ingiusta detenzione, di lunga durata dei processi, di decisioni giudiziarie errate colposamente (e, talvolta, dolosamente) – ma anche verso lo stato, spesso dissanguato finanziariamente a causa di indagini lunghe, costose e infondate nonché dei risarcimenti (sia pure irrisori) che lo stato deve sborsare ai cittadini danneggiati nei procedimenti giudiziari, sia in sede civile che penale.

L'unico consenso politico trasversale che Nordio si è finora assicurato riguarda l'impegno da lui preso con l'Anci per riformare il reato di abuso d'ufficio, in modo da dare ai sindaci maggiori garanzie nello svolgimento dell'attività amministrativa; invece ha sollevato un vespaio la succitata idea avanzata dal ministro di riformare in senso garantista la legge Severino là dove prevede l'incandidabilità a cariche pubbliche dopo una condanna di primo grado.

Infatti, i cosiddetti difensori dei diritti umani, spinti dall'ansia forcaiola degna delle tricoteuses giacobine, si oppongono a una tale ipotesi che prevede l'applicazione della sanzione solo dopo la condanna di secondo grado.

Certo, sulle soluzioni da dare a questi problemi il dibattito deve essere il più aperto possibile e deve coinvolgere tutte le forze politiche come pure i tecnici (magistrati, giuristi, avvocati) e l'opinione pubblica senza però che nessuno possa pretendere a un diritto di ‘veto' (l'ANM, per bocca del suo Presidente, ha annunciato la sua opposizione alle riforme ‘costituzionali' proposte dal ministro lasciando intendere che lo farebbe da potere a potere: il che è un assurdo costituzionale; la magistratura è infatti indipendente ma nell'esercizio delle sue funzioni giurisdizionali mentre non ha alcun potere nella determinazione del proprio assetto e delle leggi che è chiamata ad applicare) e senza che nessuno possa pensare di rifilarci l'ennesima riforma-bluff.

Se Nordio riuscirà a portare a termine la sua riforma (ma, viste le resistenze piazzaiole che già si annunciano, ne dubitiamo) la barca della giustizia potrebbe raddrizzarsi e non colare a picco.







Fonte: di Giuseppe Butta'
Link
[]
L'AVVENIRE DEI LAVORATORI
Periodico socialista fondato 1897.
[]
IL PONTE RIVISTA
Rivista di politica economica e cultura
fondata da Calamandrei
[]
BIBLION EDITORE
Biblion Edizioni, storica casa editrice.
[]
CRITICA LIBERALE - NON MOLLARE
"NON MOLLARE"
Quindicinale on line di Critica Liberale,
la voce del liberalismo progressista in Italia.





Nuova Serie
"La Rivoluzione Democratica"
1, MARZO 2017
Associazione Alleanza Giellista
[]

Realizzazione siti web www.sitoper.it
invia a un amico
icona per chiudere
Attenzione!
Non puoi effettuare più di 10 invii al giorno.
Privacy Policy per www.rivoluzionedemocratica.it
Il sito web www.rivoluzionedemocratica.it raccoglie alcuni dati personali degli utenti che navigano sul sito web.

In accordo con l'impegno e l'attenzione che poniamo ai dati personali e in accordo agli artt. 13 e 14 del EU GDPR, www.rivoluzionedemocratica.it fornisce informazioni su modalità, finalità, ambito di comunicazione e diffusione dei dati personali e diritti degli utenti.

Titolare del trattamento dei dati personali
La Rivoluzione Democratica
Via Circondaria, 56
55045 - Firenze Italia


Email: info @rivoluzionedemocratica.it
Telefono: 3934324237

Tipi di dati acquisiti
www.rivoluzionedemocratica.it raccoglie dati degli utenti direttamente o tramite terze parti. Le tipologie di dati raccolti sono: dati tecnici di navigazione, dati di utilizzo, email, nome, cognome, numero di telefono, provincia, nazione, cap, città, indirizzo, ragione sociale, stato, cookie e altre varie tipologie di dati. Maggiori dettagli sui dati raccolti vengono forniti nelle sezioni successive di questa stessa informativa.
I dati personali sono forniti deliberatamente dall'utente tramite la compilazione di form, oppure, nel caso di dati di utilizzo, come ad esempio i dati relativi alle statistiche di navigazione, sono raccolti automaticamente navigando sulle pagine di www.rivoluzionedemocratica.it.

I dati richiesti dai form sono divisi tra obbligatori e facoltativi; su ciascun form saranno indicate distintamente le due tipologie. Nel caso in cui l'utente preferisca non comunicare dati obbligatori, www.rivoluzionedemocratica.it si riserva il diritto di non fornire il servizio. Nel caso in cui l'utente preferisca non comunicare dati facoltativi, il servizio sarà fornito ugualmente da www.rivoluzionedemocratica.it .

www.rivoluzionedemocratica.it utilizza strumenti di statistica per il tracciamento della navigazione degli utenti, l'analisi avviene tramite log. Non utilizza direttamente cookie ma può utilizzare cookie includendo servizi di terzi.

Ciascun utilizzo di cookie viene dettagliato nella Cookie Policy (https://www.rivoluzionedemocratica.it/Informativa-sui-cookies.htm) e successivamente in questa stessa informativa.
L'utente che comunichi, pubblichi, diffonda, condivida o ottenga dati personali di terzi tramite www.rivoluzionedemocratica.it si assume la completa responsabilità degli stessi. L'utente libera il titolare del sito web da qualsiasi responsabilità diretta e verso terzi, garantendo di avere il diritto alla comunicazione, pubblicazione, diffusione degli stessi. www.rivoluzionedemocratica.it non fornisce servizi a minori di 18 anni. In caso di richieste effettuate per minori deve essere il genitore, o chi detiene la patria potestà, a compilare le richieste dati.

Modalità, luoghi e tempi del trattamento dei dati acquisiti
Modalità di trattamento dei dati acquisiti
Il titolare ha progettato un sistema informatico opportuno a garantire misure di sicurezza ritenute adatte ad impedire l'accesso, la divulgazione, la modifica o la cancellazione non autorizzata di dati personali. Lo stesso sistema effettua copie giornaliere, ritenute sufficientemente adeguate in base alla importanza dei dati contenuti.

L'utente ha diritto a ottenere informazioni in merito alle misure di sicurezza adottate dal titolare per proteggere i dati.

Accessi ai dati oltre al titolare
Hanno accesso ai dati personali raccolti da www.rivoluzionedemocratica.it il personale interno (quale ad esempio amministrativo, commerciale, marketing, legale, amministratori di sistema) e/o soggetti esterni (quali ad esempio fornitori di servizi informatici terzi, webfarm, agenzie di comunicazione, fornitori di servizi complementari). Se necessario tali strutture sono nominate dal titolare responsabili del trattamento.

L'utente può richiedere in qualsiasi momento al titolare del trattamento, l'elenco aggiornato dei responsabili del trattamento.

Comunicazione di eventuali accessi indesiderati al Garante della Privacy
Il suddetto sistema informatico è monitorato e controllato giornalmente da tecnici e sistemisti. Ciò non toglie che, anche se ritenuta possibilità remota, ci possa essere un accesso indesiderato. Nel caso in cui questo si verifichi il titolare si impegna, come da GDPR ad effettuarne comunicazione al Garante della Privacy entro i termini previsti dalla legge.

Luoghi di mantenimento dei dati acquisiti
I dati personali sono mantenuti e trattati nelle sedi operative e amministrative del titolare, nonché nelle webfarm dove risiedono i server che ospitano il sito web www.rivoluzionedemocratica.it, o sui server che ne effettuano le copie di sicurezza. I dati personali dell'utente possono risiedere in Italia, Germania e Olanda, comunque in nazioni della Comunità Europea. I dati personali dell'utente non vengono mai portati o copiati fuori dal territorio europeo.

Tempi di mantenimento dei dati acquisiti
Nel caso di dati acquisiti per fornire un servizio all'utente, (sia per un servizio acquistato che in prova) i dati vengono conservati per 24 mesi successivi al completamento del servizio. Oppure fino a quando non ne venga revocato il consenso.

Nel caso in cui il titolare fosse obbligato a conservare i dati personali in ottemperanza di un obbligo di legge o per ordine di autorità, il titolare può conservare i dati per un tempo maggiore, necessario agli obblighi.

Al termine del periodo di conservazione i dati personali saranno cancellati. Dopo il termine, non sarà più possibile accedere ai propri dati, richiederne la cancellazione e la portabilità.

Base giuridica del trattamento dei dati acquisiti
Il titolare acquisisce dati personali degli utenti nei casi sotto descritti.
Il trattamento si rende necessario:
- se l'utente ha deliberatamente accettato il trattamento per una o più finalità;
- per fornire un preventivo all'utente;
- per fornire un contratto all'utente;
- per fornire un servizio all'utente;
- perché il titolare possa adempiere ad un obbligo di legge;
- perché il titolare possa adempiere ad un compito di interesse pubblico;
- perché il titolare possa adempiere ad un esercizio di pubblici poteri;
- perché il titolare o terzi possano perseguire i propri legittimi interessi.

L'utente può richiedere in qualsiasi momento al titolare del trattamento, chiarimenti sulla base giuridica di ciascun trattamento.

Finalità del trattamento dei dati acquisiti
I dati dell'utente sono raccolti dal titolare per le seguenti finalità:

- richiesta informazione da parte dell'utente
- richiesta informazione per servizi
- invio di aggiornamenti
- invio informazioni generiche
- richiesta di contatto da parte dei clienti, per ricevere informazioni

Eventualmente i dati possono essere trattati anche per:
contattare l'utente, statistiche, analisi dei comportamenti degli utenti e registrazione sessioni, visualizzazione contenuti e interazione di applicazioni esterne, protezione dallo spam, gestione dei pagamenti, interazione con social network, pubblicità.

L'utente può richiedere in qualsiasi momento al titolare del trattamento, chiarimenti sulle finalità di ciascun trattamento.

Dettagli specifici sull'acquisizione e uso dei dati personali
Per contattare l'utente
Moduli di contatto
L'utente può compilare il/i moduli di contatto/richiesta informazioni, inserendo i propri dati e acconsentendo al loro uso per rispondere alle richieste di natura indicata nella intestazione del modulo.
Dati personali che potrebbero essere raccolti: CAP, città, cognome, email, indirizzo, nazione, nome, numero di telefono, provincia, ragione sociale.

Per interazione con applicazioni esterne (anche social network)
www.rivoluzionedemocratica.it include nelle sue pagine plugin e/o pulsanti per interagire con i social network e/o applicazioni esterne.
Per quanto riguarda i social network, anche se l'utente non utilizza il servizio presente sulla pagina web, è possibile che il servizio acquisisca dati di traffico.

I dati acquisiti e l'utilizzo degli stessi da parte di servizi terzi sono regolamentati dalle rispettive Privacy Policy alle quali si prega di fare riferimento.

Facebook: Pulsante "Mi piace" e widget sociali
Fornitore del servizio: Meta Platforms Ireland Limited.
Finalità del servizio: interazione con il social network Facebook
Dati personali raccolti: cookie, dati di utilizzo
Luogo del trattamento: Stati Uniti e in altri Paesi
Privacy Policy (https://www.facebook.com/privacy/policy)

Twitter: Pulsante "Tweet" e widget sociali
Fornitore del servizio: Twitter, Inc.
Finalità del servizio: interazione con il social network Twitter
Dati personali raccolti: cookie, dati di utilizzo
Luogo del trattamento: Stati Uniti
Privacy Policy (https://twitter.com/privacy)
Cookie utilizzati (https://help.twitter.com/it/rules-and-policies/twitter-cookies)
Aderente al Privacy Shield

Whatsapp: Pulsante Whatsapp e widget sociali di Whatsapp
Fornitore del servizio: se l'utente risiede nella Regione Europea, WhatsApp Ireland Limited, se l'utente risiede al di fuori della Regione Europea, i Servizi vengono forniti da WhatsApp LLC.
Finalità del servizio: servizi di interazione con Whatsapp.
Dati personali raccolti: cookie, dati di utilizzo
Luogo del trattamento: Irlanda, le informazioni potrebbero essere trasferite o trasmesse o archiviate e trattate negli Stati Uniti o in altri Paesi terzi al di fuori di quello in cui l'utente risiede.
Privacy Policy (https://www.whatsapp.com/legal/privacy-policy-eea)
Aderente al Privacy Shield

Per statistiche
Questi servizi sono utilizzati dal titolare del trattamento per analizzare il traffico effettuato dagli utenti sul sito web www.rivoluzionedemocratica.it.

I dati acquisiti e l'utilizzo degli stessi da parte di servizi terzi sono regolamentati dalle rispettive Privacy Policy alle quali si prega di fare riferimento.

Per visualizzare contenuti da siti web esterni
Questi servizi sono utilizzati per visualizzare sulle pagine del sito web contenuti esterni al sito web, con possibilità di interazione.
Anche se l'utente non utilizza il servizio presente sulla pagina web, è possibile che il servizio acquisisca dati di traffico.

I dati acquisiti e l'utilizzo degli stessi da parte di servizi terzi sono regolamentati dalle rispettive Privacy Policy alle quali si prega di fare riferimento.

Diritti dell'interessato
L'utente possiede tutti i diritti previsti dall'art. 12 del EU GDPR, il diritto di controllare, modificare e integrare (rettificare), cancellare i propri dati personali accedendo alla propria area riservata. Una volta cancellati tutti i dati, viene chiuso l'account di accesso all'area riservata.

Nello specifico ha il diritto di:
- sapere se il titolare detiene dati personali relativi all'utente (art. 15 Diritto all'accesso);
- modificare o integrare (rettificare) i dati personali inesatti o incompleti (Art. 16 Diritto di rettifica);
- richiedere la cancellazione di uno o parte dei dati personali mantenuti se sussiste uno dei motivi previsti dal GDPR (Diritto alla Cancellazione, 17);
- limitare il trattamento solo a parte dei dati personali, o revocarne completamente il consenso al trattamento, se sussiste uno dei motivi previsti dal Regolamento (Art. 18 Diritto alla limitazione del trattamento);
- ricevere copia di tutti i dati personali in possesso del titolare, in formato di uso comune organizzato, e leggibili anche da dispositivo automatico (Art. 20, Diritto alla Portabilità);
- opporsi in tutto o in parte al trattamento dei dati per finalità di marketing, ad esempio opporsi e ricevere offerte pubblicitarie (art. 21 Diritto di opposizione). Si fa presente agli utenti che possono opporsi al trattamento dei dati utilizzati per scopo pubblicitario, senza fornire alcuna motivazione;
- opporsi al trattamento dei dati in modalità automatica o meno per finalità di profilazione (c.d. Consenso).

Come un utente può esercitare i propri diritti
L'utente può esercitare i propri diritti sopra esposti comunicandone richiesta al titolare del trattamento La Rivoluzione Democratica ai seguenti recapiti: info@rivoluzionedemocratica.it; tel. 3312300680.

La richiesta di esercitare un proprio diritto non ha nessun costo. Il titolare si impegna ad evadere le richieste nel minor tempo possibile, e comunque entro un mese.

L'utente ha il diritto di proporre reclamo all'Autorità Garante per la Protezione dei dati Personali. Recapiti: garante@gpdp.it, http://www.gpdp.it (http://www.gpdp.it).

Cookie Policy
Informazioni aggiuntive sul trattamento dei dati
Difesa in giudizio
Nel caso di ricorso al tribunale per abuso da parte dell'utente nell'utilizzo di www.rivoluzionedemocratica.it o dei servizi a esso collegati, il titolare ha la facoltà di rivelare i dati personali dell'utente. È inoltre obbligato a fornire i suddetti dati su richiesta delle autorità pubbliche.

Richiesta di informative specifiche
L'utente ha diritto di richiedere a www.rivoluzionedemocratica.it informative specifiche sui servizi presenti sul sito web e/o la raccolta e l'utilizzo dei dati personali.

Raccolta dati per log di sistema e manutenzione
www.rivoluzionedemocratica.it e/o i servizi di terze parti (se presenti) possono raccogliere i dati personali dell'utente, come ad esempio l'indirizzo IP, sotto forma di log di sistema. La raccolta di questi dati è legata al funzionamento e alla manutenzione del sito web.

Informazioni non contenute in questa policy
L'utente ha diritto di richiedere in ogni momento al titolare del trattamento dei dati le informazioni aggiuntive non presenti in questa Policy riguardanti il trattamento dei dati personali. Il titolare potrà essere contattato tramite gli estremi di contatto.

Supporto per le richieste "Do Not Track"
Le richieste  "Do Not Track" non sono supportate da www.rivoluzionedemocratica.it.
L'utente è invitato a consultare le Privacy Policy dei servizi terzi sopra elencati per scoprire quali supportano questo tipo di richieste.

Modifiche a questa Privacy Policy
Il titolare ha il diritto di modificare questo documento avvisando gli utenti su questa stessa pagina oppure, se previsto, tramite i contatti di cui è in possesso. L'utente è quindi invitato a consultare periodicamente questa pagina. Per conferma sull'effettiva modifica consultare la data di ultima modifica indicata in fondo alla pagina.
Il titolare si occuperà di raccogliere nuovamente il consenso degli utenti nel caso in cui le modifiche a questo documento riguardino trattamenti di dati per i quali è necessario il consenso.

Definizioni e riferimenti legali
Dati personali (o dati, o dati dell'utente)
Sono dati personali le informazioni che identificano o rendono identificabile, direttamente o indirettamente, una persona fisica e che possono fornire informazioni sulle sue caratteristiche, le sue abitudini, il suo stile di vita, le sue relazioni personali, il suo stato di salute, la sua situazione economica, ecc.

Fonte: sito web del Garante della Privacy (http://www.garanteprivacy.it).

Dati di utilizzo
Sono dati di utilizzo le informazioni che vengono raccolte in automatico durante la navigazione di www.rivoluzionedemocratica.it, sia da sito web stesso che dalle applicazioni di terzi incluse nel sito. Sono esempi di dati di utilizzo l'indirizzo IP e i dettagli del dispositivo e del browser (compresi la localizzazione geografica) che l'utente utilizza per navigare sul sito, le pagine visualizzate e la durata della permanenza dell'utente sulle singole pagine.

Utente
Il soggetto che fa uso del sito web www.rivoluzionedemocratica.it.
Coincide con l'interessato, salvo dove diversamente specificato.

Interessato
Interessato è la persona fisica al quale si riferiscono i dati personali. Quindi, se un trattamento riguarda, ad esempio, l'indirizzo, il codice fiscale, ecc. di Mario Rossi, questa persona è l'interessato (articolo 4, paragrafo 1, punto 1), del Regolamento UE 2016/679 (http://www.garanteprivacy.it/regolamentoue).

Fonte: sito web del Garante della Privacy (http://www.garanteprivacy.it).

Responsabile del trattamento (o responsabile)
Responsabile è la persona fisica o giuridica al quale il titolare affida, anche all'esterno della sua struttura organizzativa, specifici e definiti compiti di gestione e controllo per suo conto del trattamento dei dati (articolo 4, paragrafo 1, punto 8), del Regolamento UE 2016/679 (http://www.garanteprivacy.it/regolamentoue). Il Regolamento medesimo ha introdotto la possibilità che un responsabile possa, a sua volta e secondo determinate condizioni, designare un altro soggetto c.d. "sub-responsabile" (articolo 28, paragrafo 2).

Fonte: sito web del Garante della Privacy (http://www.garanteprivacy.it).

Titolare del trattamento (o titolare)
Titolare è la persona fisica, l'autorità pubblica, l'impresa, l'ente pubblico o privato, l'associazione, ecc., che adotta le decisioni sugli scopi e sulle modalità del trattamento (articolo 4, paragrafo 1, punto 7), del Regolamento UE 2016/679 (http://www.garanteprivacy.it/regolamentoue).

Fonte: sito web del Garante della Privacy (http://www.garanteprivacy.it).

www.rivoluzionedemocratica.it (o sito web)  
Il sito web mediante il quale sono raccolti e trattati i dati personali degli utenti.

Servizio
Il servizio offerto dal sito web www.rivoluzionedemocratica.it come indicato nei relativi termini.

Comunità Europea (o UE)
Ogni riferimento relativo alla Comunità Europea si estende a tutti gli attuali stati membri dell'Unione Europea e dello Spazio Economico Europeo, salvo dove diversamente specificato.

Cookie
Dati conservati all'interno del dispositivo dell'utente.

Riferimenti legali
La presente informativa è redatta sulla base di molteplici ordinamenti legislativi, inclusi gli artt. 13 e 14 del Regolamento (UE) 2016/679. Questa informativa riguarda esclusivamente www.rivoluzionedemocratica.it, dove non diversamente specificato.

Informativa privacy aggiornata il 07/10/2022 12:44
torna indietro leggi Privacy Policy per www.rivoluzionedemocratica.it
 obbligatorio
generic image refresh


cookie