23 Aprile 2024

"LA ‘DEA’ DEMOCRATICA"

Sebbene non sia una Venere, soprattutto perché non sente alcun trasporto per Marte, la nuova segretaria del PD, Schlein, sembra avere tutte le qualità di questa dea nata dalla schiuma del mare: un fenomeno improvviso e inatteso, che alcuni dicono straordinario ed ‘epocale', un cambiamento radicale che vendica la secolare discriminazione della ‘donna'.

L'ex quotidiano ‘reazionario' dei padroni, ora ‘progressista in servizio permanente effettivo, ne descrive l'apparizione con toni quasi lirici: «le centinaia di persone che hanno aspettato quelle parole, proprio quelle, per due ore, scattano in piedi, intonano ‘Bella ciao', gridano ‘Brava' e non si fermano più».

Roba da ‘adunata oceanica', d'altri tempi.

“Non sono come mi disegnate”, si schermisce la segretaria rispondendo ai ‘fan' scatenati e ai numerosi detrattori dentro e fuori del suo partito. Ma questo ‘warning' vale anche per chi (New York Times) la presenta addirittura come una «persona che sta plasmando il mondo»?

Andiamo con ordine: dopo essersi fatta eleggere deputata nelle liste del PD nelle elezioni del 25 settembre, la Schlein ne ha ripreso la tessera solo a dicembre scorso pare all'unico scopo di partecipare alle primarie per l'elezione a segretario.

Le grandi manovre che hanno mobilitato forze esterne al Pd in favore della Schlein preludono a una grande stagione di movimentismo: pare che alla sua elezione abbiano concorso moltissimi grillini con una massiccia iniezione di voti ai ‘gazebi', non per adesione al PD ma solo per condizionarne la linea politica.

Ciò preoccupa molto Carlo Cottarelli, anche lui esterno al PD ma eletto al Senato come indipendente nelle sue liste: «I sondaggi suggeriscono che il nuovo segretario del Pd sia stato scelto in parte decisiva anche con il voto di elettori grillini. Senza l'intervento dei non iscritti nelle primarie il nuovo segretario del Pd oggi sarebbe Stefano Bonaccini, che era stato indicato dai tesserati del partito».

Stando così le cose, potremmo dire che quello della Schlein sia stato un colpo di partito molto simile al colpo di stato di Luigi Napoleone che prima si fece eleggere presidente della Repubblica e, dopo, si proclamò imperatore e restauratore dell'impero dello zio più famoso.

Cottarelli poi vuole capire il come e il perché si cambia e, soprattutto, se il cambiamento sia utile o no: «Io non sono iscritto ai dem, ma resto un po' perplesso ... Il cambiamento non è una cosa di per sé sempre positiva, bisogna vedere come si cambia».


Vediamo un po'.

A botta calda, subito dopo l'ufficializzazione del risultato del voto, la Schlein ha gridato: «Saremo un bel problema per il governo Meloni ... Da subito, il partito organizzerà l'opposizione in parlamento e nel paese in difesa di quei poveri che il governo colpisce e che non vuole vedere, di lavoratrici e lavoratori precari e sfruttati, per alzare i salari e le loro tutele».

Evidentemente, la Schlein ha una concezione piuttosto distorta della funzione dell'opposizione in un governo parlamentare: pensa di dover costituire un problema per il governo piuttosto che di dover contribuire a risolvere i problemi dell'Italia. Un dovere dell'opposizione che corrisponde a quello del governo di rappresentare l'intero paese.

In realtà, a parte la gloriosa cantata di ‘Bella ciao', il primo atto compiuto dalla Schlein nel suo nuovo ruolo è stato la richiesta di dimissioni del ministro Piantedosi (ma sotto sotto voleva colpire Salvini e scatenare una crisi che portasse alla caduta del governo) accusandolo di avere usato un linguaggio disumano e indegno di un ministro; il secondo è stato la sponsorizzazione della cosiddetta manifestazione antifascista e antisquadrista di Firenze, indetta come risposta alla rissa tra studenti di destra e studenti di sinistra. In verità non si è capito se, tenuto conto che sono stati gli studenti di sinistra a provocare la rissa quando hanno cercato di impedire a quelli di destra di distribuire volantini, sia stata una manifestazione contro lo squadrismo di destra oppure contro lo squadrismo di sinistra.

Pare che il progetto della neo segretaria – oltre a quello di prendersi i voti andati finora ai 5S (ma ci riuscirà? o sarà suonata come i ‘pifferi di montagna'?) – sia quello di aggregare i mille rivoli di quel mondo transnazionale e variegato della sinistra antimilitarista, ambientalista ed ecologista estremista, dei No Tav (se fossero disponibili, anche dei No Vax?), etc., dagli spagnoli ai greci e agli antagonisti di varia ispirazione – compresi gli anarchici seguaci di Cospito che si battono contro il 41 bis – contro la NATO, per la pace in Ucraina, contro la guerra americana, a favore della statalizzazione delle imprese, della patrimoniale, della tassazione punitiva, dell'immigrazione illimitata, etc. In tema di immigrazione poi, oltre all'attacco missilistico-putiniano contro il governo per la faccenda di Cutro, Elly Schlein pare abbia il seguente progetto rivelato dalla sua firma alla proposta di legge, dal titolo poetico ‘Ero straniero', che prevede: voto agli immigrati; abolizione del reato di clandestinità; maxi-sanatoria degli irregolari e permessi di soggiorno a tutti, senza valutazione, per 12 mesi; reintroduzione del sistema dello sponsor – originariamente previsto dalla legge Turco-Napolitano – per riattivare il lucroso circuito delle coop (specialmente rosse) e delle associazioni no profit (specialmente bianche) finanziate dallo Stato. Un piano che prospetta un maxi-sistema di assistenzialismo permanente.

«Non avrò pace» – ha affermato la Schlein – finché non avremo posto un limite ai contratti a tempo determinato, abolito gli stage gratuiti, lavorato per portare a casa il salario minimo». Il PD della nuova segretaria sarà inoltre impegnato anche nella difesa della scuola pubblica «come primo grande strumento di emancipazione sociale, nel momento in cui il governo tace di fronte ad aggressioni squadriste davanti alle scuole». E, promette Schlein, il Pd farà «le barricate contro ogni taglio della sanità pubblica, così come sarà al fianco di chi lotta per la giustizia climatica, accanto a quella sociale». Insomma, avremo un PD pronto a cogliere ogni pretesto per tenere il paese sotto pressione nel disordine permanente.

La sua testa – la Schlein lo ha detto nell'intervista rilasciata al ‘New York Times' – è come un bazar disordinato di idee e “soluzioni ambientaliste e femministe” per demolire “un paese chiaramente patriarcale” e per promuovere insieme i diritti lgbtq+ e dei migranti in quanto, a suo dire, «diritti civili e diritti sociali sono strettamente interconnessi». Mi spiace deluderla, ma in questa materia la Schlein non è tanto innovativa e originale perché scimmiotta la vecchia sinistra che unificava la ‘lotta di classe' con la lotta contro la ‘morale tradizionale', come se fossero indissolubili. Comunque bisogna dire che la Schlein non le manda a dire: nel faccia a faccia alla Camera ha avvertito la Meloni «Stai attenta! ora all'opposizione ci sono IO».

Un avvertimento che ha gettato nel panico i suoi compagni di strada 5S e mortificato ancora una volta il povero Letta che dev'essersi sentito chiamato in causa.

Insomma, tale enorme carico di preoccupazioni e di battaglie rischia di fare della segretaria del PD una persona insonne, oltre che agitata.

Incoronata segretaria nella ‘Nuvola' di Fuksas, la Schlein potrebbe infatti risentire di qualche postumo dei traumi provocati da un volo alla cieca in quelle aeree altitudini. Il suo discorso d'insediamento – leziosamente indirizzato a «care tutte e cari tutti», ma ha dimenticato l'asterisco* – ha ripetuto, con grande coerenza ‘conservatrice' e senza alcuna variante, lo stesso ‘ritornello' intonato a ‘botta calda' – «Saremo un bel problema per il governo Meloni … e non li faremo passare! Non li faremo passare!» – ha riscosso i più deliranti applausi quando gridava NO PASARÁN! piuttosto che quando enunciava qualche ‘straccio' del suo programma politico, riassunto nella formula fumosa «La sinistra non può che essere ecologista, femminista, inclusiva e di governo».

Non sappiamo se questa insonne agitazione e questa maschera identitaria del radicalismo di massa che la Schlein imporrà al PD sarà un bene per il paese, ma siamo sicuri che non lo sarà per il suo partito, nato come organizzazione di gestione del potere e definito da uno dei suoi maggiori sponsor, Carlo De Benedetti come «un partito di baroni imbullonati … una compagine che, dopo decenni di politica conservatrice, è difficile considerare ancora come progressista ... un partito irriformabile, dilaniato e avvitato nei propri psicodrammi interni anziché proiettato nella soluzione di problemi reali». È chiaro che questi intenti programmatici della Schlein – condivisibili o no che siano – rappresentano un atto d'accusa non tanto contro il governo della destra attualmente in carica, quanto contro lo stesso PD che, essendo stato ininterrottamente al governo per più di dieci anni, non ne ha realizzato alcuno, nemmeno l'abrogazione della legge Bossi-Fini, a parole vituperata fin dal suo nascere ma mai abolita, e comunque ha sulla coscienza tutto ciò che oggi contesta, dall'autonomia differenziata, al ‘jobs act'.

In fondo era stato per questa latitanza proditoria del PD a spingere la Schlein a uscirne otto anni fa.

Tutto fa temere che il PD tornerà a rinchiudersi in una scatola di ‘sardine', a battersi contro i mulini a vento, a vagare nel deserto ideologico in cui è disperso, a flirtare con Conte al quale intende legarsi mani e piedi nell'illusione bettiniana di farne una sorta di partito contadino polacco al servizio del PD e, magari, nella speranza di prima sedurlo e poi fregarlo (i due sono già in tribunale per strapparsi a vicenda la paternità dell'agenda grillina).






Fonte: di Giuseppe Butta'
Link
[]
L'AVVENIRE DEI LAVORATORI
Periodico socialista fondato 1897.
[]
IL PONTE RIVISTA
Rivista di politica economica e cultura
fondata da Calamandrei
[]
BIBLION EDITORE
Biblion Edizioni, storica casa editrice.
[]
CRITICA LIBERALE - NON MOLLARE
"NON MOLLARE"
Quindicinale on line di Critica Liberale,
la voce del liberalismo progressista in Italia.





Nuova Serie
"La Rivoluzione Democratica"
1, MARZO 2017
Associazione Alleanza Giellista
[]

Realizzazione siti web www.sitoper.it
invia a un amico
icona per chiudere
Attenzione!
Non puoi effettuare più di 10 invii al giorno.
Privacy Policy per www.rivoluzionedemocratica.it
Il sito web www.rivoluzionedemocratica.it raccoglie alcuni dati personali degli utenti che navigano sul sito web.

In accordo con l'impegno e l'attenzione che poniamo ai dati personali e in accordo agli artt. 13 e 14 del EU GDPR, www.rivoluzionedemocratica.it fornisce informazioni su modalità, finalità, ambito di comunicazione e diffusione dei dati personali e diritti degli utenti.

Titolare del trattamento dei dati personali
La Rivoluzione Democratica
Via Circondaria, 56
55045 - Firenze Italia


Email: info @rivoluzionedemocratica.it
Telefono: 3934324237

Tipi di dati acquisiti
www.rivoluzionedemocratica.it raccoglie dati degli utenti direttamente o tramite terze parti. Le tipologie di dati raccolti sono: dati tecnici di navigazione, dati di utilizzo, email, nome, cognome, numero di telefono, provincia, nazione, cap, città, indirizzo, ragione sociale, stato, cookie e altre varie tipologie di dati. Maggiori dettagli sui dati raccolti vengono forniti nelle sezioni successive di questa stessa informativa.
I dati personali sono forniti deliberatamente dall'utente tramite la compilazione di form, oppure, nel caso di dati di utilizzo, come ad esempio i dati relativi alle statistiche di navigazione, sono raccolti automaticamente navigando sulle pagine di www.rivoluzionedemocratica.it.

I dati richiesti dai form sono divisi tra obbligatori e facoltativi; su ciascun form saranno indicate distintamente le due tipologie. Nel caso in cui l'utente preferisca non comunicare dati obbligatori, www.rivoluzionedemocratica.it si riserva il diritto di non fornire il servizio. Nel caso in cui l'utente preferisca non comunicare dati facoltativi, il servizio sarà fornito ugualmente da www.rivoluzionedemocratica.it .

www.rivoluzionedemocratica.it utilizza strumenti di statistica per il tracciamento della navigazione degli utenti, l'analisi avviene tramite log. Non utilizza direttamente cookie ma può utilizzare cookie includendo servizi di terzi.

Ciascun utilizzo di cookie viene dettagliato nella Cookie Policy (https://www.rivoluzionedemocratica.it/Informativa-sui-cookies.htm) e successivamente in questa stessa informativa.
L'utente che comunichi, pubblichi, diffonda, condivida o ottenga dati personali di terzi tramite www.rivoluzionedemocratica.it si assume la completa responsabilità degli stessi. L'utente libera il titolare del sito web da qualsiasi responsabilità diretta e verso terzi, garantendo di avere il diritto alla comunicazione, pubblicazione, diffusione degli stessi. www.rivoluzionedemocratica.it non fornisce servizi a minori di 18 anni. In caso di richieste effettuate per minori deve essere il genitore, o chi detiene la patria potestà, a compilare le richieste dati.

Modalità, luoghi e tempi del trattamento dei dati acquisiti
Modalità di trattamento dei dati acquisiti
Il titolare ha progettato un sistema informatico opportuno a garantire misure di sicurezza ritenute adatte ad impedire l'accesso, la divulgazione, la modifica o la cancellazione non autorizzata di dati personali. Lo stesso sistema effettua copie giornaliere, ritenute sufficientemente adeguate in base alla importanza dei dati contenuti.

L'utente ha diritto a ottenere informazioni in merito alle misure di sicurezza adottate dal titolare per proteggere i dati.

Accessi ai dati oltre al titolare
Hanno accesso ai dati personali raccolti da www.rivoluzionedemocratica.it il personale interno (quale ad esempio amministrativo, commerciale, marketing, legale, amministratori di sistema) e/o soggetti esterni (quali ad esempio fornitori di servizi informatici terzi, webfarm, agenzie di comunicazione, fornitori di servizi complementari). Se necessario tali strutture sono nominate dal titolare responsabili del trattamento.

L'utente può richiedere in qualsiasi momento al titolare del trattamento, l'elenco aggiornato dei responsabili del trattamento.

Comunicazione di eventuali accessi indesiderati al Garante della Privacy
Il suddetto sistema informatico è monitorato e controllato giornalmente da tecnici e sistemisti. Ciò non toglie che, anche se ritenuta possibilità remota, ci possa essere un accesso indesiderato. Nel caso in cui questo si verifichi il titolare si impegna, come da GDPR ad effettuarne comunicazione al Garante della Privacy entro i termini previsti dalla legge.

Luoghi di mantenimento dei dati acquisiti
I dati personali sono mantenuti e trattati nelle sedi operative e amministrative del titolare, nonché nelle webfarm dove risiedono i server che ospitano il sito web www.rivoluzionedemocratica.it, o sui server che ne effettuano le copie di sicurezza. I dati personali dell'utente possono risiedere in Italia, Germania e Olanda, comunque in nazioni della Comunità Europea. I dati personali dell'utente non vengono mai portati o copiati fuori dal territorio europeo.

Tempi di mantenimento dei dati acquisiti
Nel caso di dati acquisiti per fornire un servizio all'utente, (sia per un servizio acquistato che in prova) i dati vengono conservati per 24 mesi successivi al completamento del servizio. Oppure fino a quando non ne venga revocato il consenso.

Nel caso in cui il titolare fosse obbligato a conservare i dati personali in ottemperanza di un obbligo di legge o per ordine di autorità, il titolare può conservare i dati per un tempo maggiore, necessario agli obblighi.

Al termine del periodo di conservazione i dati personali saranno cancellati. Dopo il termine, non sarà più possibile accedere ai propri dati, richiederne la cancellazione e la portabilità.

Base giuridica del trattamento dei dati acquisiti
Il titolare acquisisce dati personali degli utenti nei casi sotto descritti.
Il trattamento si rende necessario:
- se l'utente ha deliberatamente accettato il trattamento per una o più finalità;
- per fornire un preventivo all'utente;
- per fornire un contratto all'utente;
- per fornire un servizio all'utente;
- perché il titolare possa adempiere ad un obbligo di legge;
- perché il titolare possa adempiere ad un compito di interesse pubblico;
- perché il titolare possa adempiere ad un esercizio di pubblici poteri;
- perché il titolare o terzi possano perseguire i propri legittimi interessi.

L'utente può richiedere in qualsiasi momento al titolare del trattamento, chiarimenti sulla base giuridica di ciascun trattamento.

Finalità del trattamento dei dati acquisiti
I dati dell'utente sono raccolti dal titolare per le seguenti finalità:

- richiesta informazione da parte dell'utente
- richiesta informazione per servizi
- invio di aggiornamenti
- invio informazioni generiche
- richiesta di contatto da parte dei clienti, per ricevere informazioni

Eventualmente i dati possono essere trattati anche per:
contattare l'utente, statistiche, analisi dei comportamenti degli utenti e registrazione sessioni, visualizzazione contenuti e interazione di applicazioni esterne, protezione dallo spam, gestione dei pagamenti, interazione con social network, pubblicità.

L'utente può richiedere in qualsiasi momento al titolare del trattamento, chiarimenti sulle finalità di ciascun trattamento.

Dettagli specifici sull'acquisizione e uso dei dati personali
Per contattare l'utente
Moduli di contatto
L'utente può compilare il/i moduli di contatto/richiesta informazioni, inserendo i propri dati e acconsentendo al loro uso per rispondere alle richieste di natura indicata nella intestazione del modulo.
Dati personali che potrebbero essere raccolti: CAP, città, cognome, email, indirizzo, nazione, nome, numero di telefono, provincia, ragione sociale.

Per interazione con applicazioni esterne (anche social network)
www.rivoluzionedemocratica.it include nelle sue pagine plugin e/o pulsanti per interagire con i social network e/o applicazioni esterne.
Per quanto riguarda i social network, anche se l'utente non utilizza il servizio presente sulla pagina web, è possibile che il servizio acquisisca dati di traffico.

I dati acquisiti e l'utilizzo degli stessi da parte di servizi terzi sono regolamentati dalle rispettive Privacy Policy alle quali si prega di fare riferimento.

Facebook: Pulsante "Mi piace" e widget sociali
Fornitore del servizio: Meta Platforms Ireland Limited.
Finalità del servizio: interazione con il social network Facebook
Dati personali raccolti: cookie, dati di utilizzo
Luogo del trattamento: Stati Uniti e in altri Paesi
Privacy Policy (https://www.facebook.com/privacy/policy)

Twitter: Pulsante "Tweet" e widget sociali
Fornitore del servizio: Twitter, Inc.
Finalità del servizio: interazione con il social network Twitter
Dati personali raccolti: cookie, dati di utilizzo
Luogo del trattamento: Stati Uniti
Privacy Policy (https://twitter.com/privacy)
Cookie utilizzati (https://help.twitter.com/it/rules-and-policies/twitter-cookies)
Aderente al Privacy Shield

Whatsapp: Pulsante Whatsapp e widget sociali di Whatsapp
Fornitore del servizio: se l'utente risiede nella Regione Europea, WhatsApp Ireland Limited, se l'utente risiede al di fuori della Regione Europea, i Servizi vengono forniti da WhatsApp LLC.
Finalità del servizio: servizi di interazione con Whatsapp.
Dati personali raccolti: cookie, dati di utilizzo
Luogo del trattamento: Irlanda, le informazioni potrebbero essere trasferite o trasmesse o archiviate e trattate negli Stati Uniti o in altri Paesi terzi al di fuori di quello in cui l'utente risiede.
Privacy Policy (https://www.whatsapp.com/legal/privacy-policy-eea)
Aderente al Privacy Shield

Per statistiche
Questi servizi sono utilizzati dal titolare del trattamento per analizzare il traffico effettuato dagli utenti sul sito web www.rivoluzionedemocratica.it.

I dati acquisiti e l'utilizzo degli stessi da parte di servizi terzi sono regolamentati dalle rispettive Privacy Policy alle quali si prega di fare riferimento.

Per visualizzare contenuti da siti web esterni
Questi servizi sono utilizzati per visualizzare sulle pagine del sito web contenuti esterni al sito web, con possibilità di interazione.
Anche se l'utente non utilizza il servizio presente sulla pagina web, è possibile che il servizio acquisisca dati di traffico.

I dati acquisiti e l'utilizzo degli stessi da parte di servizi terzi sono regolamentati dalle rispettive Privacy Policy alle quali si prega di fare riferimento.

Diritti dell'interessato
L'utente possiede tutti i diritti previsti dall'art. 12 del EU GDPR, il diritto di controllare, modificare e integrare (rettificare), cancellare i propri dati personali accedendo alla propria area riservata. Una volta cancellati tutti i dati, viene chiuso l'account di accesso all'area riservata.

Nello specifico ha il diritto di:
- sapere se il titolare detiene dati personali relativi all'utente (art. 15 Diritto all'accesso);
- modificare o integrare (rettificare) i dati personali inesatti o incompleti (Art. 16 Diritto di rettifica);
- richiedere la cancellazione di uno o parte dei dati personali mantenuti se sussiste uno dei motivi previsti dal GDPR (Diritto alla Cancellazione, 17);
- limitare il trattamento solo a parte dei dati personali, o revocarne completamente il consenso al trattamento, se sussiste uno dei motivi previsti dal Regolamento (Art. 18 Diritto alla limitazione del trattamento);
- ricevere copia di tutti i dati personali in possesso del titolare, in formato di uso comune organizzato, e leggibili anche da dispositivo automatico (Art. 20, Diritto alla Portabilità);
- opporsi in tutto o in parte al trattamento dei dati per finalità di marketing, ad esempio opporsi e ricevere offerte pubblicitarie (art. 21 Diritto di opposizione). Si fa presente agli utenti che possono opporsi al trattamento dei dati utilizzati per scopo pubblicitario, senza fornire alcuna motivazione;
- opporsi al trattamento dei dati in modalità automatica o meno per finalità di profilazione (c.d. Consenso).

Come un utente può esercitare i propri diritti
L'utente può esercitare i propri diritti sopra esposti comunicandone richiesta al titolare del trattamento La Rivoluzione Democratica ai seguenti recapiti: info@rivoluzionedemocratica.it; tel. 3312300680.

La richiesta di esercitare un proprio diritto non ha nessun costo. Il titolare si impegna ad evadere le richieste nel minor tempo possibile, e comunque entro un mese.

L'utente ha il diritto di proporre reclamo all'Autorità Garante per la Protezione dei dati Personali. Recapiti: garante@gpdp.it, http://www.gpdp.it (http://www.gpdp.it).

Cookie Policy
Informazioni aggiuntive sul trattamento dei dati
Difesa in giudizio
Nel caso di ricorso al tribunale per abuso da parte dell'utente nell'utilizzo di www.rivoluzionedemocratica.it o dei servizi a esso collegati, il titolare ha la facoltà di rivelare i dati personali dell'utente. È inoltre obbligato a fornire i suddetti dati su richiesta delle autorità pubbliche.

Richiesta di informative specifiche
L'utente ha diritto di richiedere a www.rivoluzionedemocratica.it informative specifiche sui servizi presenti sul sito web e/o la raccolta e l'utilizzo dei dati personali.

Raccolta dati per log di sistema e manutenzione
www.rivoluzionedemocratica.it e/o i servizi di terze parti (se presenti) possono raccogliere i dati personali dell'utente, come ad esempio l'indirizzo IP, sotto forma di log di sistema. La raccolta di questi dati è legata al funzionamento e alla manutenzione del sito web.

Informazioni non contenute in questa policy
L'utente ha diritto di richiedere in ogni momento al titolare del trattamento dei dati le informazioni aggiuntive non presenti in questa Policy riguardanti il trattamento dei dati personali. Il titolare potrà essere contattato tramite gli estremi di contatto.

Supporto per le richieste "Do Not Track"
Le richieste  "Do Not Track" non sono supportate da www.rivoluzionedemocratica.it.
L'utente è invitato a consultare le Privacy Policy dei servizi terzi sopra elencati per scoprire quali supportano questo tipo di richieste.

Modifiche a questa Privacy Policy
Il titolare ha il diritto di modificare questo documento avvisando gli utenti su questa stessa pagina oppure, se previsto, tramite i contatti di cui è in possesso. L'utente è quindi invitato a consultare periodicamente questa pagina. Per conferma sull'effettiva modifica consultare la data di ultima modifica indicata in fondo alla pagina.
Il titolare si occuperà di raccogliere nuovamente il consenso degli utenti nel caso in cui le modifiche a questo documento riguardino trattamenti di dati per i quali è necessario il consenso.

Definizioni e riferimenti legali
Dati personali (o dati, o dati dell'utente)
Sono dati personali le informazioni che identificano o rendono identificabile, direttamente o indirettamente, una persona fisica e che possono fornire informazioni sulle sue caratteristiche, le sue abitudini, il suo stile di vita, le sue relazioni personali, il suo stato di salute, la sua situazione economica, ecc.

Fonte: sito web del Garante della Privacy (http://www.garanteprivacy.it).

Dati di utilizzo
Sono dati di utilizzo le informazioni che vengono raccolte in automatico durante la navigazione di www.rivoluzionedemocratica.it, sia da sito web stesso che dalle applicazioni di terzi incluse nel sito. Sono esempi di dati di utilizzo l'indirizzo IP e i dettagli del dispositivo e del browser (compresi la localizzazione geografica) che l'utente utilizza per navigare sul sito, le pagine visualizzate e la durata della permanenza dell'utente sulle singole pagine.

Utente
Il soggetto che fa uso del sito web www.rivoluzionedemocratica.it.
Coincide con l'interessato, salvo dove diversamente specificato.

Interessato
Interessato è la persona fisica al quale si riferiscono i dati personali. Quindi, se un trattamento riguarda, ad esempio, l'indirizzo, il codice fiscale, ecc. di Mario Rossi, questa persona è l'interessato (articolo 4, paragrafo 1, punto 1), del Regolamento UE 2016/679 (http://www.garanteprivacy.it/regolamentoue).

Fonte: sito web del Garante della Privacy (http://www.garanteprivacy.it).

Responsabile del trattamento (o responsabile)
Responsabile è la persona fisica o giuridica al quale il titolare affida, anche all'esterno della sua struttura organizzativa, specifici e definiti compiti di gestione e controllo per suo conto del trattamento dei dati (articolo 4, paragrafo 1, punto 8), del Regolamento UE 2016/679 (http://www.garanteprivacy.it/regolamentoue). Il Regolamento medesimo ha introdotto la possibilità che un responsabile possa, a sua volta e secondo determinate condizioni, designare un altro soggetto c.d. "sub-responsabile" (articolo 28, paragrafo 2).

Fonte: sito web del Garante della Privacy (http://www.garanteprivacy.it).

Titolare del trattamento (o titolare)
Titolare è la persona fisica, l'autorità pubblica, l'impresa, l'ente pubblico o privato, l'associazione, ecc., che adotta le decisioni sugli scopi e sulle modalità del trattamento (articolo 4, paragrafo 1, punto 7), del Regolamento UE 2016/679 (http://www.garanteprivacy.it/regolamentoue).

Fonte: sito web del Garante della Privacy (http://www.garanteprivacy.it).

www.rivoluzionedemocratica.it (o sito web)  
Il sito web mediante il quale sono raccolti e trattati i dati personali degli utenti.

Servizio
Il servizio offerto dal sito web www.rivoluzionedemocratica.it come indicato nei relativi termini.

Comunità Europea (o UE)
Ogni riferimento relativo alla Comunità Europea si estende a tutti gli attuali stati membri dell'Unione Europea e dello Spazio Economico Europeo, salvo dove diversamente specificato.

Cookie
Dati conservati all'interno del dispositivo dell'utente.

Riferimenti legali
La presente informativa è redatta sulla base di molteplici ordinamenti legislativi, inclusi gli artt. 13 e 14 del Regolamento (UE) 2016/679. Questa informativa riguarda esclusivamente www.rivoluzionedemocratica.it, dove non diversamente specificato.

Informativa privacy aggiornata il 07/10/2022 12:44
torna indietro leggi Privacy Policy per www.rivoluzionedemocratica.it
 obbligatorio
generic image refresh

cookie