23 Aprile 2024

"JULIA GILLARD"

Superate le precedenti rivalitá, nel 1897 e nel 1898 le colonie britanniche dell'Australia elessero, con voto popolare, un'Assemblea Costituente, la quale varò una Costituzione che apriva le porte ad una federazione di Stati. Essa, nel corso del 1900, venne sottoposta a referendum nei singoli territori ed entrò in vigore, dopo la ratifica del parlamento britannico, il 1° gennaio 1901, data di nascita del Commonwealt of Australia (Stato federale dell'Australia) [1], come dominion all'interno dell'impero britannico.
A marzo ci furono le prime elezioni e il 9 maggio successivo si insediò il Parlamento federale.
Giá prima di questa data esistevano nei singoli stati movimenti e gruppi parlamentari di orientamento laburista , strettamente collegati al movimento sindacale.
Nel 1901 gli eletti alla Camera dei Rappresentanti di ispirazione laburista si collegarono fra loro costituendo un gruppo federale dei partiti e movimenti laburisti, che nel 1908 assumeranno il nome di Partito Laburista Australiano (ALP), con una struttura unitaria estesa a tutto il Paese. L'ALP é un partito di ispirazione socialdemocratica con stretti legami col movimento sindacale e fa parte dell'Internazionale Socialista.
Alle prime elezioni federali del 1901 i laburisti ottennero 14 seggi su 75 alla Camera e 8 su 36 al Senato [2]. Ma già nel 1903 il loro partito ottenne 22/75 seggi alla Camera e 14/36 al Senato e, nel corso della legislatura, riuscì a costituire, sia pure per pochi mesi [3], un governo di minoranza, con Primo Ministro il leader laburista Chris Watson (1867-1941), che fu il primo governo laburista nel mondo.
Da allora le vicende successive vedranno l'ALP alternativamente al potere o all'opposizione, secondo l'esito delle varie elezioni, avendo come principale antagonista la conservatrice coalizione di centro-destra formata dal Partito Liberale d'Australia e dal Partito Nazionale d'Australia, definita brevemente Coalition.

Julia Eileen Gillard, seconda figlia [4] dell'infermiere John Oliver e di Moira Mackenzie, é nata a Barry, in Galles, il 29 settembre 1961.
Poiché Julia da bambina soffriva di una malattia broncopolmonare, per la quale i medici consigliavano il trasferimento in una più calda zona climatica, ed anche per migliorare il loro tenore di vita, i Gillard, nel 1966, decisero di emigrare in Australia.
Si stabilirono ad Adelaide, nell'Australia Meridionale e nel 1974 ottennero la cittadinanza australiana, pur conservando quella britannica, a cui però Julia rinuncerà nel 1998, prima di entrare nel parlamento australiano.
Terminati gli studi elementari e medi in scuole statali, la Gillard nel 1979 si iscrisse all'università di Adelaide, dove partecipò alle lotte studentesche contro i tagli governativi al fondi per l'istruzione, e aderì all'Unione Australiana degli Studenti (AUS). Da allora il passo verso la politica e verso il Labour fu breve.

Questa è stata la prima cosa in cui sono stato coinvolta, e poi sono stata progressivamente coinvolta nel club laburista e nel partito laburista e nel sindacalismo studentesco a livello nazionale [5].

Nel 1982, dunque, diventata vicepresidente dell'AUS, si trasferì A Melbourne, dove si trovavano gli uffici centrali dell'associazione studentesca e dove divenne presidente nazionale dell' Unione Australiana degli Studenti negli anni 1983-84. Per un certo periodo fece anche parte del Socialist Forum, un'associazione di sinistra. Aveva, allora, vent'anni.

Nel 1986 si laureò in Legge e nel 1989 in Lettere. Nel 1987 entrò a far parte dello studio legale Slater e Gordon a Melbourne, specializzandosi in Diritto del Lavoro e nella difesa dei lavoratori. Nel 1990 divenne partner (azionista) dello Studio legale in cui lavorava: la socia più giovane, ventinove anni. Lascerà lo studio nel 1996.
Intanto tentava di entrare nelle istituzioni, cercando una candidatura laburista per un seggio in Parlamento. Non ci riuscì alle elezioni politiche del 1993 e fu battuta in quelle del 1996.
Riuscì, invece, nel 1998, ad essere eletta alla Camera dei Rappresentanti, nel collegio di Lalor (Stato di Victoria), iniziando una carriera politica che la porterà ai vertici del partito e a quelli dello Stato.
Le votazioni di quell'anno assegnarono la maggioranza alla Coalition, che costituì un governo di centro-destra, mentre il Labour si fermò a 67 seggi su 148 alla Camera e a 17 su 40 al Senato.
L'ALP fu ancora sconfitto nelle elezioni federali del 2001 e in quelle del 2004 [6].
Julia Gillard comunque mantenne il suo seggio alla Camera ed ebbe l'opportunità di accumulare una vasta esperienza politico-amministrativa, come componente di importanti commissioni parlamentari, come quella per l'occupazione e per l'istruzione e quella per gli affari degli aborigeni [7].
Dopo la sconfitta dell'ALP del 2001, dunque al suo secondo mandato, la Gillard fu chiamata a far parte del „governo ombra“ [8] laburista [9], con assegnato il ministero-ombra Popolazione e Immigrazione, a cui nel 2003 si aggiunse quello per gli Affari Indigeni.
Successivamente le venne assegnato il prestigioso Ministero della Salute.

Dopo la quarta e cocente sconfitta del Labour nel 2004 le tensioni all'interno del partito aumentarono e nel dicembre 2006 Kevin Rudd prevalse su Kim Beazley come Capo dell'Opposizione e del Governo-ombra. La Gillard aveva già sfidato [10] la vice di Beazley, Jenny Macklin[11], ma la Macklin, visto sconfitto il suo Capo, si ritirò, lasciando che Gillard prendesse senza ostacoli, il suo posto, divenendo perciò Vice Capo dell'Opposizione e acquisendo anche il ministero-ombra del Lavoro e degli Affari Sociali [12].

Alle elezioni del 24 novembre 2007 arrivò il momento tanto atteso della vittoria per i laburisti, che con una spettacolare rimonta, ottennero la maggioranza assoluta alla Camera, con 83 seggi su 150 e 17 seggi su 40 al Senato [13].
Poiché in Australia un governo può formarsi avendo la maggioranza alla sola Camera, venne costituito un governo monocolore laburista e quelli che erano Capo e Vice Capo dell'Opposizione divennero Primo Ministro (Kevin Rudd) e Vice Primo Ministro (Julia Gillard); Gilard fu la prima donna a ricoprire tale carica in Australia.
A lei, ormai divenuta una stella del Labour, fu assegnato anche il „superministero“, comprensivo dell'Istruzione e del Lavoro.
Alla Gillard soprattutto spetta il merito di aver riformato e riorganizzato l'intero sistema scolastico australiano, dalle elementari all'università, all'insegna della modernità, dell'efficienza, della democrazia e della digitalizzazione.

Tuttavia il governo Rudd, dopo gli iniziali entusiasmi e nonostante l'attivismo e le qualità della Gillard, dimostratasi ottima oratrice e amministratrice, cominciò a diminuire nel gradimento dell'opinione pubblica, come evidenziato dai sondaggi.
Il malumore per il suo stile di governo finì per diffondersi anche all'interno del Labour e dello stesso governo, fino a spingere la Gillard a „sfidare“ Rudd per un voto sulla leadership del partito, e quindi del governo, da tenersi il 24 giugno 2010.
Ma Kevin Rudd, in un primo momento intenzionato a resistere, viste le scarse adesioni raccolte in suo sostegno, poche ore prima della votazione, rinunciò alla battaglia e si dimise da Primo Ministro e da leader del Labour e così la sua vice Julia Gillard assunse la leadership senza opposizione. Al suo posto come vice venne eletto unitariamente il Ministro del Tesoro Wayne Swan. I ministri rimasero gli stessi del precedente governo Rudd. Gillard subito dopo presto' giuramento nelle mani della Governatore Generale, la professoressa Quentin Bryce [14].
Cosí per la prima volta in Australia si ebbe un governo federale presieduto da una donna, 27° Primo Ministro dell'Australia. E per la prima volta al vertice dell'Australia sia il Capo dello Stato (la Regina Elisabetta II), che il Governatore suo rappresentante (Quentin Bryce) e il Capo del Governo (Julia Gillard) furono tre donne!
Alla Gillard, che non nascondeva la sua vocazione repubblicana, non bastava però essere assurta alla sua carica per una specie di rimpasto interno del Partito Laburista: le occorreva anche una legittimazione popolare.
Così, dopo poche settimane, precisamente il 17 luglio 2010, ottenuto il consenso del Governatore, annunciò elezioni anticipate per il 21 agosto 2010, anche in considerazione del fatto che, dopo il cambio di guida, il Labour era cresciuto nei sondaggi. Il suo slogan, durante l'infuocata campagna elettorale, fu Sí, andremo avanti insieme.

I risultati però non furono quelli sperati, in quanto determinarono una situazione di Hung Parliament (Parlamento sospeso), avendo sia il Partito Laburista Australiano (ALP) che la Coalizione (centro-destra) ottenuto alla Camera dei Rappresentanti [15] 72 seggi ciascuno su un totale di 150, dando perciò luogo ad una situazione di stallo e di equilibrio che faceva diventare arbitri della formazione del nuovo governo i sei altri deputati di varia appartenenza politica.
La Gillard riuscì ad assicurarsi il sostegno dell'unico deputato verde e leader del suo partito Adam Bandt [16] e quello di 3 indipendenti su 4: Rob Oakeshott, Andrew Wilkie e Tony Windsor.
Di conseguenza, il 14 settembre 2010, Julia Gillard, poté giurare nelle mani del Governatore e dare vita al suo secondo Governo.
Tale Governo non era identico al precedente: comprendeva riconferme e nuovi innesti. Ne facevano parte diverse donne come Jenny Macklin (Famiglia e Affari indigeni), Tanya Plibersek (Affari Sociali), Kate Ellis, (Donne e Infanzia), Julie Collins (Commercio, ecc.), Kate Lundy (Sport, Industria), Catherine King (Enti Locali, Sicurezza Stradale).

Particolare attenzione venne riservata dal nuovo governo al risanamento del bilancio, alla tutela della salute, anche mentale, all'assistenza agli anziani e ai disabili, alla modernizzazione e diffusione dell'istruzione.
E, naturalmente, alla salvaguardia della parità di genere, per la quale Gillard dovette affrontare i residui maschilisti ancora presenti nella società australiana, tanto che in suo sostegno scese in campo la famosa giornalista, femminista e laburista, Anne Summers, che il 31 agosto 2012 tenne una conferenza intitolata La persecuzione politica della prima donna primo ministro australiana.

Prendendo spunto da alcuni sondaggi non proprio positivi per il governo, agli inizi del 2012, all'interno del Labour, emerse una frangia che cominciò a contestare la leadership della Gillard e che trovò il suo punto di riferimento nell'ex Primo Ministro Kevin Rudd, che il 22 febbraio 2012 rassegnò le dimissioni dal prestigioso incarico di Ministro degli Esteri che gli era stato conferito. Per porre fine alla voci di una prossima „sfida“ di Rudd, fu la stessa premier a convocare una votazione in merito (una „sfida“) per il 27 febbraio.
I risultati, nel gruppo dirigente laburista [17] le diedero perfettamente ragione, in quanto vinse con 71 voti contro 31.
Neanche questo chiaro risultato bastò a calmare i malumori in casa laburista. In risposta agli attacchi dell'ex leader laburista Simon Crean la signora Gillard indisse una nuova votazione interna, in cui però nessuno volle „sfidarla“ e fu perciò riconfermata all'unanimità.

Ma i sondaggi, sempre più negativi per il Labour, ridiedero fiato all'opposizione interna, alcuni ministri [18] si dimisero e riemerse la candidatura di Kevin Rodd alla guida del Labour. La Gillard allora convocò il vertice laburista a Canberra per il 26 giugno 2013, invitando i suoi eventuali avversari a impegnarsi, assieme a lei, che il vincitore sarebbe stato leader, mentre il perdente si sarebbe ritirato dalla politica!
Kevin Rodd accetto' la sfida e i risultati gli diedero ragione, avendo ottenuto 57 voti contro i 45 alla Gillard. Successivamente la prestigiosa statista laburista rilasciò una lunga dichiarazione alla stampa, in cui, fra l'altro, disse:

Mi congratulo con l'onorevole Rudd per la sua elezione. In vista della sua elezione ho scritto al Governatore Generale chiedendole di incaricare Rudd come primo ministro dell'Australia. […] In conformità con l'impegno che ho preso prima, oggi annuncio che non mi ricandiderò nel mio collegio di Lalor alle prossime elezioni. […] Tre anni fa ho avuto il grandissimo onore di essere eletta leader laburista. [...]. Ringrazio il Partito Laburista Australiano per questo privilegio e ringrazio il popolo australiano per il suo sostegno. Quando mi sono presentata per la prima volta come leader laburista nel 2010, ho avuto il sostegno decisivo dei miei colleghi. Li ringrazio per questo e li ringrazio per avermi dato l'opportunità non solo di servire la nazione, ma di servire come prima donna Primo Ministro di questo Paese. Negli anni in cui sono stata Primo Ministro, principalmente ho guidato un governo di minoranza e ho affrontato divisioni interne del mio partito politico. Non è stato un ambiente facile in cui lavorare. Ma sono lieta che in questo ambiente, che non è stato facile, ha prevalso l'impegno per garantire che questo Paese sia reso più forte, più intelligente e più equo per il futuro. […]
Quello di cui sono assolutamente fiduciosa è che sarà più facile per la prossima donna farsi strada nella vita pubblica e per la donna dopo di lei. E ne sono orgogliosa. […].

Le sue dimissioni entrarono in vigore il giorno successivo (27-06-2013), mentre le subentrava Rodd [19], dopo di che fece un breve saluto alla Camera dei Rappresentanti, di cui era stata componente dal 1998 al 2013. La Camera venne sciolta il 5 agosto e le nuove elezioni furono tenute il 7 settembre. Nel suo vecchio seggio fu eletta la direttrice di scuola elementare Joanne Ryan.
Il gruppo laburista al Senato sarà guidato dalla senatrice Penny Wong e dalla sua vice Jacinta Collins.

Dopo le elezioni federali del 7 settembre 2013, che videro la sconfitta del Partito laburista [20], Gillard si impegnò con articoli e interviste a sostegno del Labour e dichiarò il suo appoggio al nuovo leader del partito e Capo dell'Opposizione, il deputato laburista Bill Shorten.

Lasciata la politica attiva, Julia si trovò di fronte alla scelta: mummificarsi nella categoria degli “ex” o cercare altri fronti in cui impegnarsi per le idee in cui aveva sempre creduto. Ha scelto, da combattente quale è sempre stata, la seconda opzione:

In parte ho guardato oltre le coste australiane per cercare un modo per perseguire le cose a cui tengo perché ero molto determinata a non essere una commentatrice continua degli affari politici australiani.

Nel corso della sua attività politica Julia Gillard ha avuto modo di far conoscere le sue opinioni sulle principali problematiche della società australiana, e non solo. Si è perciò dimostrata tendenzialmente repubblicana e di opinione laica; favorevole all'assistenza sanitaria e alla libera scelta delle donne circa l'aborto legale; contraria alla depenalizzazione delle droghe; dal 2015 si è schierata a favore del matrimonio tra persone dello stesso sesso. E' tifosa della squadra di calcio dei Western Bulldogs e di quella di rugby della Melbourne Storm.
Per quanto riguarda i risultati concreti conseguiti, quel riconoscimento che non aveva avuto fino in fondo dal suo partito, lo ha avuto dalla società civile: nell'aprile 2014 la Victoria University le conferì il dottorato honoris causa per la sua intensa attività a favore dell'istruzione; un altro dottorato lo ottenne, nel febbraio 2015, dalla Libera Università di Bruxelles per il suo impegno nel campo dell'istruzione, dell'infanzia e delle donne nel mondo; nell'ottobre successivo un'ulteriore laurea honoris causa, per il suo lavoro a favore dell'istruzione e dell'uguaglianza di genere, e un'altra ancora, in giurisprudenza, nel dicembre 2016, le furono assegnate dalla Deakin University, ancora per la sua opera a favore dell'istruzione.
Innumerevoli gli incarichi di alto profilo in istituzioni culturali e benefiche.

Nel gennaio 2017 le fu conferito l'Ordine dell'Australia [21] per l'eminente servizio al Parlamento dell'Australia, in particolare nel ruolo di Primo Ministro, attraverso contributi seminali per lo sviluppo economico e sociale, in particolare la riforma della politica in materia di istruzione, cura della disabilità, relazioni sul posto di lavoro, salute, affari esteri e ambiente, e come modello per le donne.

Julia Gillard ha pubblicato due interessanti libri. Il primo (2014), intitolato My Story (La mia storia) è la sua autobiografia. Il secondo (2020) è Women and Leadership: Real Lives, Real Lesson (Donne e leadership: vite reali, lezioni reali), con coautrice Ngozi Okonjo-Iweala [22], in cui sono analizzate le esperienze vissute dalle donne-leader in tutto il mondo [23].

Ci piace chiudere il nostro breve racconto della vicenda politica di questa grande donna con il seguente, curioso confronto tra due socialismi, quello australiano e quello italiano, lontani nello spazio, ma vicini nella comune battaglia per la giustizia sociale:

Unisciti a noi nella lotta per rendere l'Australia un paese in cui nessuno è trattenuto o lasciato indietro. (Dal sito dell'ALP).
Il socialismo è portare avanti quelli che sono nati indietro. (Pietro Nenni)


[1] La Federazione comprende 6 Stati (Australia Meridionale, Australia Occidentale, Nuovo Galles del Sud, Queensland, Tasmania, Victoria) e 10 Territori. L'Australia è una monarchia costituzionale parlamentare, con sovrano il re d'Inghilterra.

[2] Il Parlamento australiano è bicamerale con una Camera dei Rappresentanti, la sola che concede la fiducia al Governo, e un Senato. Ogni legislatura dura tre anni.

[3] Dal 27-4-1904 al 18-8-1904.

[4] La prima figlia, Alison, é di tre anni più grande di Julia.

[5] Dall'intervista a Michael Duffy (2004).

[6] Il mandato dei deputati dura tre anni, mentre quello dei senatori eletti dura sei anni, ma il Senato viene rinnovato al 50 % ad ogni tornata elettorale. Il Governo é espresso dal partito (o coalizione di partiti) che ha la maggioranza nella Camera dei Rappresentanti. Diviene Primo Ministro il leader di tale partito (o coalizione). Il leader del maggior partito di opposizione assume la carica istituzionale di Capo dell'Opposizione, detta „di Sua Maestá“.

[7] Il rapporto fra aborigeni australiani e bianchi di origine europea ha sempre costituito un problema, spesso difficile.

[8] Il „governo ombra“ nel sistema politico australiano rappresenta l'equivalente dell'opposizione, l'antagonista del governo federale costituito dalla maggioranza e aspirante a sostituirlo, invertendo i ruoli. Capo e vicecapo dell'opposizione diventano infatti Primo Ministro e Vice Primo Ministro, se l'opposizione diventa maggioranza.

[9] Era allora Capo del governo-ombra Simon Crean, sindacalista e figura di spicco del Partito Laburista.

[10] Per sfida si intende una votazione interna del partito laburista per prendere il posto del dirigente in carica.

[11] Jennifer Louise Macklin (n. 1983), laureata in Scienze Commerciali, è stata deputata laburista dal 1996 al 2019, Vice Capo del governo-ombra e dell'Opposizione dal 2001 al 2006, Ministro nei governi Rudd e Gillard.

[12] Fu appunto nel 2006 che la Gillard conobbe il parrucchiere Tim Mathieson, divenuto poi suo partner.

[13] La differenza di risultato alla Camera e al Senato è dovuta principalmente al fatto che la Camera é eletta col sistema uninominale maggioritario, mentre per il Senato vige il sistema proporzionale, il che favorisce i piccoli partiti e gli indipendenti, mentre l'uninominale li danneggia.

[14] Il Governatore Generale dell'Australia rappresenta la Corona Britannica. E' scelto dal Monarca, su proposta del Primo Ministro. La Quentin Bryce lo è stata dal 2008 al 2014, prima donna a ricoprire tale incarico.

[15] Al Senato il Labour poteva contare su 15 senatori su 40.

[16] I Verdi al Senato avevano 6 rappresentanti su 40. Il diverso peso del partito nelle due Camere era dovuto, come già ricordato, al diverso sistema elettorale adottato in esse: uninominale alla Camera e proporzionale al Senato.

[17] Esso era composto dal Caucus laburista (deputati + senatori) + i Capi del Partito.

[18] Kim Carr (Servizi Umani) e Martin Ferguson (Energia).

[19] Dimessosi anche il vice di Giillard, Waine Swan, al suo posto sarà eletto Antony Albanese.

[20] Il Labour ottenne solo 55 seggi su 150 alla Camera e 12 su 40 al Senato.

[21] L'Ordine dell'Australia é un'onorificenza che viene conferita per servizi meritori. E' stato istituito nel 1975 dalla regina Elisabetta II, su proposta del governo australiano.

[22] Ngozi Okonjo-Iweala, nata nel 1954 in Nigeria, laureata in Economia all'università di Harward (1976), è stata ministra degli Esteri e delle Finanze della Repubblica Federale della Nigeria. Nel 2019 è diventata cittadina USA. Dal 1° marzo 2021 è Direttrice Generale dell'Organizzazione Mondiale del Commercio. Ha una quindicina di lauree honoris causa.

[23] Attualmente Gillard é presidente del Global Institute for Women's Leadership presso il Kings College di Londra, che si occupa della scarsa presenza delle donne nella leadership.







Fonte: di Ferdinando Leonzio
Link
[]
L'AVVENIRE DEI LAVORATORI
Periodico socialista fondato 1897.
[]
IL PONTE RIVISTA
Rivista di politica economica e cultura
fondata da Calamandrei
[]
BIBLION EDITORE
Biblion Edizioni, storica casa editrice.
[]
CRITICA LIBERALE - NON MOLLARE
"NON MOLLARE"
Quindicinale on line di Critica Liberale,
la voce del liberalismo progressista in Italia.





Nuova Serie
"La Rivoluzione Democratica"
1, MARZO 2017
Associazione Alleanza Giellista
[]

Realizzazione siti web www.sitoper.it
invia a un amico
icona per chiudere
Attenzione!
Non puoi effettuare più di 10 invii al giorno.
Privacy Policy per www.rivoluzionedemocratica.it
Il sito web www.rivoluzionedemocratica.it raccoglie alcuni dati personali degli utenti che navigano sul sito web.

In accordo con l'impegno e l'attenzione che poniamo ai dati personali e in accordo agli artt. 13 e 14 del EU GDPR, www.rivoluzionedemocratica.it fornisce informazioni su modalità, finalità, ambito di comunicazione e diffusione dei dati personali e diritti degli utenti.

Titolare del trattamento dei dati personali
La Rivoluzione Democratica
Via Circondaria, 56
55045 - Firenze Italia


Email: info @rivoluzionedemocratica.it
Telefono: 3934324237

Tipi di dati acquisiti
www.rivoluzionedemocratica.it raccoglie dati degli utenti direttamente o tramite terze parti. Le tipologie di dati raccolti sono: dati tecnici di navigazione, dati di utilizzo, email, nome, cognome, numero di telefono, provincia, nazione, cap, città, indirizzo, ragione sociale, stato, cookie e altre varie tipologie di dati. Maggiori dettagli sui dati raccolti vengono forniti nelle sezioni successive di questa stessa informativa.
I dati personali sono forniti deliberatamente dall'utente tramite la compilazione di form, oppure, nel caso di dati di utilizzo, come ad esempio i dati relativi alle statistiche di navigazione, sono raccolti automaticamente navigando sulle pagine di www.rivoluzionedemocratica.it.

I dati richiesti dai form sono divisi tra obbligatori e facoltativi; su ciascun form saranno indicate distintamente le due tipologie. Nel caso in cui l'utente preferisca non comunicare dati obbligatori, www.rivoluzionedemocratica.it si riserva il diritto di non fornire il servizio. Nel caso in cui l'utente preferisca non comunicare dati facoltativi, il servizio sarà fornito ugualmente da www.rivoluzionedemocratica.it .

www.rivoluzionedemocratica.it utilizza strumenti di statistica per il tracciamento della navigazione degli utenti, l'analisi avviene tramite log. Non utilizza direttamente cookie ma può utilizzare cookie includendo servizi di terzi.

Ciascun utilizzo di cookie viene dettagliato nella Cookie Policy (https://www.rivoluzionedemocratica.it/Informativa-sui-cookies.htm) e successivamente in questa stessa informativa.
L'utente che comunichi, pubblichi, diffonda, condivida o ottenga dati personali di terzi tramite www.rivoluzionedemocratica.it si assume la completa responsabilità degli stessi. L'utente libera il titolare del sito web da qualsiasi responsabilità diretta e verso terzi, garantendo di avere il diritto alla comunicazione, pubblicazione, diffusione degli stessi. www.rivoluzionedemocratica.it non fornisce servizi a minori di 18 anni. In caso di richieste effettuate per minori deve essere il genitore, o chi detiene la patria potestà, a compilare le richieste dati.

Modalità, luoghi e tempi del trattamento dei dati acquisiti
Modalità di trattamento dei dati acquisiti
Il titolare ha progettato un sistema informatico opportuno a garantire misure di sicurezza ritenute adatte ad impedire l'accesso, la divulgazione, la modifica o la cancellazione non autorizzata di dati personali. Lo stesso sistema effettua copie giornaliere, ritenute sufficientemente adeguate in base alla importanza dei dati contenuti.

L'utente ha diritto a ottenere informazioni in merito alle misure di sicurezza adottate dal titolare per proteggere i dati.

Accessi ai dati oltre al titolare
Hanno accesso ai dati personali raccolti da www.rivoluzionedemocratica.it il personale interno (quale ad esempio amministrativo, commerciale, marketing, legale, amministratori di sistema) e/o soggetti esterni (quali ad esempio fornitori di servizi informatici terzi, webfarm, agenzie di comunicazione, fornitori di servizi complementari). Se necessario tali strutture sono nominate dal titolare responsabili del trattamento.

L'utente può richiedere in qualsiasi momento al titolare del trattamento, l'elenco aggiornato dei responsabili del trattamento.

Comunicazione di eventuali accessi indesiderati al Garante della Privacy
Il suddetto sistema informatico è monitorato e controllato giornalmente da tecnici e sistemisti. Ciò non toglie che, anche se ritenuta possibilità remota, ci possa essere un accesso indesiderato. Nel caso in cui questo si verifichi il titolare si impegna, come da GDPR ad effettuarne comunicazione al Garante della Privacy entro i termini previsti dalla legge.

Luoghi di mantenimento dei dati acquisiti
I dati personali sono mantenuti e trattati nelle sedi operative e amministrative del titolare, nonché nelle webfarm dove risiedono i server che ospitano il sito web www.rivoluzionedemocratica.it, o sui server che ne effettuano le copie di sicurezza. I dati personali dell'utente possono risiedere in Italia, Germania e Olanda, comunque in nazioni della Comunità Europea. I dati personali dell'utente non vengono mai portati o copiati fuori dal territorio europeo.

Tempi di mantenimento dei dati acquisiti
Nel caso di dati acquisiti per fornire un servizio all'utente, (sia per un servizio acquistato che in prova) i dati vengono conservati per 24 mesi successivi al completamento del servizio. Oppure fino a quando non ne venga revocato il consenso.

Nel caso in cui il titolare fosse obbligato a conservare i dati personali in ottemperanza di un obbligo di legge o per ordine di autorità, il titolare può conservare i dati per un tempo maggiore, necessario agli obblighi.

Al termine del periodo di conservazione i dati personali saranno cancellati. Dopo il termine, non sarà più possibile accedere ai propri dati, richiederne la cancellazione e la portabilità.

Base giuridica del trattamento dei dati acquisiti
Il titolare acquisisce dati personali degli utenti nei casi sotto descritti.
Il trattamento si rende necessario:
- se l'utente ha deliberatamente accettato il trattamento per una o più finalità;
- per fornire un preventivo all'utente;
- per fornire un contratto all'utente;
- per fornire un servizio all'utente;
- perché il titolare possa adempiere ad un obbligo di legge;
- perché il titolare possa adempiere ad un compito di interesse pubblico;
- perché il titolare possa adempiere ad un esercizio di pubblici poteri;
- perché il titolare o terzi possano perseguire i propri legittimi interessi.

L'utente può richiedere in qualsiasi momento al titolare del trattamento, chiarimenti sulla base giuridica di ciascun trattamento.

Finalità del trattamento dei dati acquisiti
I dati dell'utente sono raccolti dal titolare per le seguenti finalità:

- richiesta informazione da parte dell'utente
- richiesta informazione per servizi
- invio di aggiornamenti
- invio informazioni generiche
- richiesta di contatto da parte dei clienti, per ricevere informazioni

Eventualmente i dati possono essere trattati anche per:
contattare l'utente, statistiche, analisi dei comportamenti degli utenti e registrazione sessioni, visualizzazione contenuti e interazione di applicazioni esterne, protezione dallo spam, gestione dei pagamenti, interazione con social network, pubblicità.

L'utente può richiedere in qualsiasi momento al titolare del trattamento, chiarimenti sulle finalità di ciascun trattamento.

Dettagli specifici sull'acquisizione e uso dei dati personali
Per contattare l'utente
Moduli di contatto
L'utente può compilare il/i moduli di contatto/richiesta informazioni, inserendo i propri dati e acconsentendo al loro uso per rispondere alle richieste di natura indicata nella intestazione del modulo.
Dati personali che potrebbero essere raccolti: CAP, città, cognome, email, indirizzo, nazione, nome, numero di telefono, provincia, ragione sociale.

Per interazione con applicazioni esterne (anche social network)
www.rivoluzionedemocratica.it include nelle sue pagine plugin e/o pulsanti per interagire con i social network e/o applicazioni esterne.
Per quanto riguarda i social network, anche se l'utente non utilizza il servizio presente sulla pagina web, è possibile che il servizio acquisisca dati di traffico.

I dati acquisiti e l'utilizzo degli stessi da parte di servizi terzi sono regolamentati dalle rispettive Privacy Policy alle quali si prega di fare riferimento.

Facebook: Pulsante "Mi piace" e widget sociali
Fornitore del servizio: Meta Platforms Ireland Limited.
Finalità del servizio: interazione con il social network Facebook
Dati personali raccolti: cookie, dati di utilizzo
Luogo del trattamento: Stati Uniti e in altri Paesi
Privacy Policy (https://www.facebook.com/privacy/policy)

Twitter: Pulsante "Tweet" e widget sociali
Fornitore del servizio: Twitter, Inc.
Finalità del servizio: interazione con il social network Twitter
Dati personali raccolti: cookie, dati di utilizzo
Luogo del trattamento: Stati Uniti
Privacy Policy (https://twitter.com/privacy)
Cookie utilizzati (https://help.twitter.com/it/rules-and-policies/twitter-cookies)
Aderente al Privacy Shield

Whatsapp: Pulsante Whatsapp e widget sociali di Whatsapp
Fornitore del servizio: se l'utente risiede nella Regione Europea, WhatsApp Ireland Limited, se l'utente risiede al di fuori della Regione Europea, i Servizi vengono forniti da WhatsApp LLC.
Finalità del servizio: servizi di interazione con Whatsapp.
Dati personali raccolti: cookie, dati di utilizzo
Luogo del trattamento: Irlanda, le informazioni potrebbero essere trasferite o trasmesse o archiviate e trattate negli Stati Uniti o in altri Paesi terzi al di fuori di quello in cui l'utente risiede.
Privacy Policy (https://www.whatsapp.com/legal/privacy-policy-eea)
Aderente al Privacy Shield

Per statistiche
Questi servizi sono utilizzati dal titolare del trattamento per analizzare il traffico effettuato dagli utenti sul sito web www.rivoluzionedemocratica.it.

I dati acquisiti e l'utilizzo degli stessi da parte di servizi terzi sono regolamentati dalle rispettive Privacy Policy alle quali si prega di fare riferimento.

Per visualizzare contenuti da siti web esterni
Questi servizi sono utilizzati per visualizzare sulle pagine del sito web contenuti esterni al sito web, con possibilità di interazione.
Anche se l'utente non utilizza il servizio presente sulla pagina web, è possibile che il servizio acquisisca dati di traffico.

I dati acquisiti e l'utilizzo degli stessi da parte di servizi terzi sono regolamentati dalle rispettive Privacy Policy alle quali si prega di fare riferimento.

Diritti dell'interessato
L'utente possiede tutti i diritti previsti dall'art. 12 del EU GDPR, il diritto di controllare, modificare e integrare (rettificare), cancellare i propri dati personali accedendo alla propria area riservata. Una volta cancellati tutti i dati, viene chiuso l'account di accesso all'area riservata.

Nello specifico ha il diritto di:
- sapere se il titolare detiene dati personali relativi all'utente (art. 15 Diritto all'accesso);
- modificare o integrare (rettificare) i dati personali inesatti o incompleti (Art. 16 Diritto di rettifica);
- richiedere la cancellazione di uno o parte dei dati personali mantenuti se sussiste uno dei motivi previsti dal GDPR (Diritto alla Cancellazione, 17);
- limitare il trattamento solo a parte dei dati personali, o revocarne completamente il consenso al trattamento, se sussiste uno dei motivi previsti dal Regolamento (Art. 18 Diritto alla limitazione del trattamento);
- ricevere copia di tutti i dati personali in possesso del titolare, in formato di uso comune organizzato, e leggibili anche da dispositivo automatico (Art. 20, Diritto alla Portabilità);
- opporsi in tutto o in parte al trattamento dei dati per finalità di marketing, ad esempio opporsi e ricevere offerte pubblicitarie (art. 21 Diritto di opposizione). Si fa presente agli utenti che possono opporsi al trattamento dei dati utilizzati per scopo pubblicitario, senza fornire alcuna motivazione;
- opporsi al trattamento dei dati in modalità automatica o meno per finalità di profilazione (c.d. Consenso).

Come un utente può esercitare i propri diritti
L'utente può esercitare i propri diritti sopra esposti comunicandone richiesta al titolare del trattamento La Rivoluzione Democratica ai seguenti recapiti: info@rivoluzionedemocratica.it; tel. 3312300680.

La richiesta di esercitare un proprio diritto non ha nessun costo. Il titolare si impegna ad evadere le richieste nel minor tempo possibile, e comunque entro un mese.

L'utente ha il diritto di proporre reclamo all'Autorità Garante per la Protezione dei dati Personali. Recapiti: garante@gpdp.it, http://www.gpdp.it (http://www.gpdp.it).

Cookie Policy
Informazioni aggiuntive sul trattamento dei dati
Difesa in giudizio
Nel caso di ricorso al tribunale per abuso da parte dell'utente nell'utilizzo di www.rivoluzionedemocratica.it o dei servizi a esso collegati, il titolare ha la facoltà di rivelare i dati personali dell'utente. È inoltre obbligato a fornire i suddetti dati su richiesta delle autorità pubbliche.

Richiesta di informative specifiche
L'utente ha diritto di richiedere a www.rivoluzionedemocratica.it informative specifiche sui servizi presenti sul sito web e/o la raccolta e l'utilizzo dei dati personali.

Raccolta dati per log di sistema e manutenzione
www.rivoluzionedemocratica.it e/o i servizi di terze parti (se presenti) possono raccogliere i dati personali dell'utente, come ad esempio l'indirizzo IP, sotto forma di log di sistema. La raccolta di questi dati è legata al funzionamento e alla manutenzione del sito web.

Informazioni non contenute in questa policy
L'utente ha diritto di richiedere in ogni momento al titolare del trattamento dei dati le informazioni aggiuntive non presenti in questa Policy riguardanti il trattamento dei dati personali. Il titolare potrà essere contattato tramite gli estremi di contatto.

Supporto per le richieste "Do Not Track"
Le richieste  "Do Not Track" non sono supportate da www.rivoluzionedemocratica.it.
L'utente è invitato a consultare le Privacy Policy dei servizi terzi sopra elencati per scoprire quali supportano questo tipo di richieste.

Modifiche a questa Privacy Policy
Il titolare ha il diritto di modificare questo documento avvisando gli utenti su questa stessa pagina oppure, se previsto, tramite i contatti di cui è in possesso. L'utente è quindi invitato a consultare periodicamente questa pagina. Per conferma sull'effettiva modifica consultare la data di ultima modifica indicata in fondo alla pagina.
Il titolare si occuperà di raccogliere nuovamente il consenso degli utenti nel caso in cui le modifiche a questo documento riguardino trattamenti di dati per i quali è necessario il consenso.

Definizioni e riferimenti legali
Dati personali (o dati, o dati dell'utente)
Sono dati personali le informazioni che identificano o rendono identificabile, direttamente o indirettamente, una persona fisica e che possono fornire informazioni sulle sue caratteristiche, le sue abitudini, il suo stile di vita, le sue relazioni personali, il suo stato di salute, la sua situazione economica, ecc.

Fonte: sito web del Garante della Privacy (http://www.garanteprivacy.it).

Dati di utilizzo
Sono dati di utilizzo le informazioni che vengono raccolte in automatico durante la navigazione di www.rivoluzionedemocratica.it, sia da sito web stesso che dalle applicazioni di terzi incluse nel sito. Sono esempi di dati di utilizzo l'indirizzo IP e i dettagli del dispositivo e del browser (compresi la localizzazione geografica) che l'utente utilizza per navigare sul sito, le pagine visualizzate e la durata della permanenza dell'utente sulle singole pagine.

Utente
Il soggetto che fa uso del sito web www.rivoluzionedemocratica.it.
Coincide con l'interessato, salvo dove diversamente specificato.

Interessato
Interessato è la persona fisica al quale si riferiscono i dati personali. Quindi, se un trattamento riguarda, ad esempio, l'indirizzo, il codice fiscale, ecc. di Mario Rossi, questa persona è l'interessato (articolo 4, paragrafo 1, punto 1), del Regolamento UE 2016/679 (http://www.garanteprivacy.it/regolamentoue).

Fonte: sito web del Garante della Privacy (http://www.garanteprivacy.it).

Responsabile del trattamento (o responsabile)
Responsabile è la persona fisica o giuridica al quale il titolare affida, anche all'esterno della sua struttura organizzativa, specifici e definiti compiti di gestione e controllo per suo conto del trattamento dei dati (articolo 4, paragrafo 1, punto 8), del Regolamento UE 2016/679 (http://www.garanteprivacy.it/regolamentoue). Il Regolamento medesimo ha introdotto la possibilità che un responsabile possa, a sua volta e secondo determinate condizioni, designare un altro soggetto c.d. "sub-responsabile" (articolo 28, paragrafo 2).

Fonte: sito web del Garante della Privacy (http://www.garanteprivacy.it).

Titolare del trattamento (o titolare)
Titolare è la persona fisica, l'autorità pubblica, l'impresa, l'ente pubblico o privato, l'associazione, ecc., che adotta le decisioni sugli scopi e sulle modalità del trattamento (articolo 4, paragrafo 1, punto 7), del Regolamento UE 2016/679 (http://www.garanteprivacy.it/regolamentoue).

Fonte: sito web del Garante della Privacy (http://www.garanteprivacy.it).

www.rivoluzionedemocratica.it (o sito web)  
Il sito web mediante il quale sono raccolti e trattati i dati personali degli utenti.

Servizio
Il servizio offerto dal sito web www.rivoluzionedemocratica.it come indicato nei relativi termini.

Comunità Europea (o UE)
Ogni riferimento relativo alla Comunità Europea si estende a tutti gli attuali stati membri dell'Unione Europea e dello Spazio Economico Europeo, salvo dove diversamente specificato.

Cookie
Dati conservati all'interno del dispositivo dell'utente.

Riferimenti legali
La presente informativa è redatta sulla base di molteplici ordinamenti legislativi, inclusi gli artt. 13 e 14 del Regolamento (UE) 2016/679. Questa informativa riguarda esclusivamente www.rivoluzionedemocratica.it, dove non diversamente specificato.

Informativa privacy aggiornata il 07/10/2022 12:44
torna indietro leggi Privacy Policy per www.rivoluzionedemocratica.it
 obbligatorio
generic image refresh

cookie