25 Febbraio 2024

"ISRAELE È IL NOSTRO ULTIMO BALUARDO E FACCIAMO FINTA DI NON SAPERLO"

Credo anche che non sia un caso che i ‘resistenti’ di Hamas – come Erdogan li ha definiti incoraggiando a farlo anche buona parte dei ‘resistenti’ italiani – abbiano scatenato la mattanza del 7 ottobre nel Sud di Israele.

Cui prodest? Se la guerra è sempre una sconfitta per l’umanità, e non abbiamo ragione di dubitarlo, altrettanto certo è però che c’è sempre qualcuno che ne trae vantaggio.

Non ci soffermeremo sulle brutalità che stanno deturpando quella parte del mondo se non per dire che non si può chiedere a Israele di arrendersi al turpe, raccapricciante e angosciante ricatto degli ostaggi o di battersi con le mani legate, con i tricche-tracche e le castagnole contro i missili e i bunker di Hamas: sappiamo tutti che Hamas si è trincerata dietro i corpi vivi dei malcapitati palestinesi, dietro un muro di carne al cui riparo ha collocato i suoi katiuscia, i suoi missili, le sue orde barbariche. Sappiamo tutti che, tra le centinaia di chilometri di tunnel costruiti, gl’ingegneri di Hamas non ne hanno pensato un solo metro da destinare a rifugio per i civili.

Israele subordina al rilascio degli ostaggi la tregua che insistentemente gli viene chiesto (anche dagli americani) di concedere; per questo motivo, le anime belle accusano il governo israeliano di disumanità e chiedono a gran voce di fermare l’attacco a Gaza: forse per lasciarla nelle mani di Hamas? Come tutti sappiamo, le tregue e la guerra si fanno in due: quindi è chiaro che la tregua deve dare in cambio qualcosa alla parte che, essendo in vantaggio sul campo di battaglia, la concede. E, in questo caso, ciò che deve essere concesso non può essere altro che la vita degli ostaggi; di tutti gli ostaggi. A Israele si chiede proporzionalità nella sua reazione al vile attacco terroristico del 7 ottobre; ma come si vuole misurare questa proporzione? Non certo sul numero di morti, vilipesi, che si sono contati nei kibbutz confinanti con Gaza; una tale proporzione andrebbe piuttosto misurata rispetto all’obiettivo di debellare Hamas che Israele si pone per scongiurare attacchi simili in futuro: il costo da pagare per raggiungerlo – compreso il rischio di non riuscirci – lo deve valutare Israele sia in termini militari che politici.

Manifestare in favore della pace è certamente legittimo ed anche necessario a patto però che, nel tentativo di addossare al governo di Netaniahu tutte le responsabilità della presente situazione, non si distorcano i fatti e non si chieda solo a Israele di rinunciare ai suoi piani di difesa.

Forse sarebbe il caso che (anche da parte dell’ONU) si ricordasse ad Hamas che, da quando la guerra è guerra, esiste la resa e gli si chiedesse quindi di liberare gli ostaggi senza condizioni visto che non è in grado di difendere quella popolazione che dice di voler proteggere e, altresì, di rinunciare ai suoi piani per un nuovo olocausto: piani annunziati e perfezionati dal presidente iraniano Raisi che a Riad – nella grande assise degli stati islamici di tutte le confessioni, Turchia, Arabia Saudita, Iran, etc. – ha tracciato dal Giordano al mare i confini del futuro stato palestinese.

Che la guerra di Gaza si concluda con l’eliminazione di Hamas non è certo anche se dovremmo augurarcelo; è certo invece che questo sia un obiettivo legittimo, necessario e utile non solo per Israele ma anche per la stessa soluzione del problema palestinese. Temo però che, anche se Israele accettasse di tornare dentro i confini del 1967, cioè lasciando anche Gerusalemme Est, questi ‘resistenti’ rimarrebbero assetati del sangue degli ebrei. Sappiamo tutti che la cancellazione dalla faccia della terra dello Stato degli ebrei e, insieme, della vita degli ebrei è il fine agognato e non nascosto di Hamas, Hezbollah, Jihad, Iran, etc., ed è un fine il cui perseguimento rende impossibile la pace. Il compromesso dei ‘due stati’ raggiunto a Camp David e a Oslo non piace soprattutto a chi ha avuto e ha molto da guadagnare dall’instabilità del Medio Oriente.

In questo clima e su questa base – pur essendo necessario arrivare alla fondazione di uno stato palestinese a fianco di Israele e pur essendovi tra gli israeliani chi, come Ehud Olmert, è disposto a lasciare Gerusalemme Est e ad alcuni scambi territoriali in modo da ridislocare gl’insediamenti di coloni in Cisgiordania – l’apertura delle trattative appare molto lontana fino a quando non sarà stata rimossa la minaccia che fa vivere lo stato ebraico sotto la tirannia perenne di una disperata apprensione.

Non è necessario scavare nelle manifestazioni delle piazze italiane – che hanno come protagoniste le masse arabe e islamiche presenti in Italia, accompagnate, se non guidate, da vecchi arnesi e nuovi sedicenti leader del cosiddetto pacifismo nostrano (Santoro, De Magistris & co.) e leader sindacali che, a Genova, cercano di boicottare la spedizione di armi a Israele – per capire che dietro si nasconde qualcosa di più oscuro, una fobia antiisraeliana, se non antisemita, e antiamericana patologica.

Purtroppo però dobbiamo registrare che tutto l’Occidente, compresi gli Stati Uniti, non si fa mancare questi spettacoli che ne invocano il suicidio.

In certi salotti televisivi e su buona parte della carta stampata non si parla d’altro che delle colpe – anzi dei crimini – di Netanyahu ma si sottace che dietro di lui vi è un gabinetto di guerra di cui fa parte anche Ganz, il suo principale avversario nelle recenti elezioni: certo è vero che la mancata attuazione degli accordi di Oslo pesa non solo la politica israeliana degli insediamenti in Cisgiordania ma non minore peso ha avuto la strategia di Hamas e dei suoi protettori che mirano alla distruzione di Israele

Nei talk-show, nelle piazze e nelle università italiane – che, come al solito, si adeguano seppure con un certo ritardo alle mode dettate dalle università americane – abbondano gli slogan antisemiti e antioccidentali che vengono fatti passare come difesa di una giusta causa. Molto inchiostro e grande parte di certi palinsesti televisivi vengono sprecati per mettere alla gogna Salvini, responsabile di avere convocato una striminzita manifestazione filo-occidentale e pro-Israele in nome di Oriana Fallaci.

Cui prodest la guerra di Gaza? Chi ha armato e foraggiato Hamas forse con lo scopo di rendere impossibile qualsiasi soluzione?

Non ci meravigliamo del fatto che, nel pieno della guerra di Gaza, il Cremlino si sia affrettato a ricevere una delegazione di Hamas – né dovremmo meravigliarci se apprendessimo che, sotto sotto, lo hanno fatto anche i cinesi – né ci sorprende che gli Hezbollah libanesi abbiano annunciato di avere nelle mani il missile russo Yakhont e di essere così in grado di colpire la flotta USA fino a 300 Km di distanza.

Da un mese a questa parte, la guerra in Ucraina è sotto i nostri occhi ma non la vediamo più come non vediamo più la ‘guerra del grano’ che semina fame e rancore nei paesi messi a ‘dieta’ dalla Russia – paesi africani, soprattutto quelli ben custoditi dai musicisti wagneriani pur orfani di Prigozhin e ben presidiati dalla Cina ‘neo-capitalista’ che ne ricava ottime rendite – e da dove si esportano centinaia di migliaia di ‘migranti’ da accogliere in Europa Occidentale (specialmente in Italia); né vediamo la lontana Taiwan dove si potrebbe ben presto aprire un’altra ordalia forse con una nuova Pearl Harbor. Non vediamo nemmeno le grandi manovre dei BRICS che mirano a dare un colpo mortale all’economia Occidentale.

E allora è facile capire a chi giova tutto questo: nell’immediato, serve soprattutto alla Russia che spera nell’allentamento dell’attenzione degli Stati Uniti e dei loro alleati sull’Ucraina per poter tentare di portare a termine la sua strategia di espansione in Europa da un lato e nel Mediterraneo dall’altro (le navi russe sono già in Siria e stanno cercando un’altra base in Cirenaica, a un tiro di schioppo dall’Italia); nel lungo periodo, serve al progetto del califfato islamico cui aspirano vari pretendenti in competizione con i pasdaran iraniani e serve anche alla Cina che, da una conflagrazione ‘controllata’ – infatti non fa nulla per fermare la Russia né Hamas né l’Iran – spera di ricavare non solo l’isola che fu di Ciang Kai-shek ma anche nuove ‘vie della seta’ per mettere così il cappello su buona parte del mondo. La tregua firmata a San Francisco da Biden e Xi Jinping non promette di essere duratura.

Sarebbe dunque un errore, forse mortale, lasciare da sola Israele o anche fermarla a metà dell’opera per il timore che la guerra possa espandersi e coinvolgerci tutti; sarebbe un errore mortale perché lasceremmo campo libero a questi progetti e così, come disse Churchill a proposito di Chamberlain, avremo non solo il disonore ma anche la guerra; sarebbe quell’errore che fin qui abbiamo voluto evitare non lasciando l’Ucraina da sola: o vogliamo commettere anche questo facendoci abbindolare – e pare che molti stiano per esserlo – dal pacifismo a senso unico?

E non è una questione di scontro di civiltà ma di meri equilibri di potere e di interessi – naturalmente compresi quelli culturali perché, come ha detto Bari Weiss, l’editorialista cacciata dal sempre più ‘leftista’ New York Times, «non c’è un altro Occidente dove fuggire se questo fallisce».





Fonte: di Giuseppe Butta'
Link
[]
L'AVVENIRE DEI LAVORATORI
Periodico socialista fondato 1897.
[]
IL PONTE RIVISTA
Rivista di politica economica e cultura
fondata da Calamandrei
[]
BIBLION EDITORE
Biblion Edizioni, storica casa editrice.
[]
CRITICA LIBERALE - NON MOLLARE
"NON MOLLARE"
Quindicinale on line di Critica Liberale,
la voce del liberalismo progressista in Italia.





Nuova Serie
"La Rivoluzione Democratica"
1, MARZO 2017
Associazione Alleanza Giellista
[]

Realizzazione siti web www.sitoper.it
invia a un amico
icona per chiudere
Attenzione!
Non puoi effettuare più di 10 invii al giorno.
Privacy Policy per www.rivoluzionedemocratica.it
Il sito web www.rivoluzionedemocratica.it raccoglie alcuni dati personali degli utenti che navigano sul sito web.

In accordo con l'impegno e l'attenzione che poniamo ai dati personali e in accordo agli artt. 13 e 14 del EU GDPR, www.rivoluzionedemocratica.it fornisce informazioni su modalità, finalità, ambito di comunicazione e diffusione dei dati personali e diritti degli utenti.

Titolare del trattamento dei dati personali
La Rivoluzione Democratica
Via Circondaria, 56
55045 - Firenze Italia


Email: info @rivoluzionedemocratica.it
Telefono: 3934324237

Tipi di dati acquisiti
www.rivoluzionedemocratica.it raccoglie dati degli utenti direttamente o tramite terze parti. Le tipologie di dati raccolti sono: dati tecnici di navigazione, dati di utilizzo, email, nome, cognome, numero di telefono, provincia, nazione, cap, città, indirizzo, ragione sociale, stato, cookie e altre varie tipologie di dati. Maggiori dettagli sui dati raccolti vengono forniti nelle sezioni successive di questa stessa informativa.
I dati personali sono forniti deliberatamente dall'utente tramite la compilazione di form, oppure, nel caso di dati di utilizzo, come ad esempio i dati relativi alle statistiche di navigazione, sono raccolti automaticamente navigando sulle pagine di www.rivoluzionedemocratica.it.

I dati richiesti dai form sono divisi tra obbligatori e facoltativi; su ciascun form saranno indicate distintamente le due tipologie. Nel caso in cui l'utente preferisca non comunicare dati obbligatori, www.rivoluzionedemocratica.it si riserva il diritto di non fornire il servizio. Nel caso in cui l'utente preferisca non comunicare dati facoltativi, il servizio sarà fornito ugualmente da www.rivoluzionedemocratica.it .

www.rivoluzionedemocratica.it utilizza strumenti di statistica per il tracciamento della navigazione degli utenti, l'analisi avviene tramite log. Non utilizza direttamente cookie ma può utilizzare cookie includendo servizi di terzi.

Ciascun utilizzo di cookie viene dettagliato nella Cookie Policy (https://www.rivoluzionedemocratica.it/Informativa-sui-cookies.htm) e successivamente in questa stessa informativa.
L'utente che comunichi, pubblichi, diffonda, condivida o ottenga dati personali di terzi tramite www.rivoluzionedemocratica.it si assume la completa responsabilità degli stessi. L'utente libera il titolare del sito web da qualsiasi responsabilità diretta e verso terzi, garantendo di avere il diritto alla comunicazione, pubblicazione, diffusione degli stessi. www.rivoluzionedemocratica.it non fornisce servizi a minori di 18 anni. In caso di richieste effettuate per minori deve essere il genitore, o chi detiene la patria potestà, a compilare le richieste dati.

Modalità, luoghi e tempi del trattamento dei dati acquisiti
Modalità di trattamento dei dati acquisiti
Il titolare ha progettato un sistema informatico opportuno a garantire misure di sicurezza ritenute adatte ad impedire l'accesso, la divulgazione, la modifica o la cancellazione non autorizzata di dati personali. Lo stesso sistema effettua copie giornaliere, ritenute sufficientemente adeguate in base alla importanza dei dati contenuti.

L'utente ha diritto a ottenere informazioni in merito alle misure di sicurezza adottate dal titolare per proteggere i dati.

Accessi ai dati oltre al titolare
Hanno accesso ai dati personali raccolti da www.rivoluzionedemocratica.it il personale interno (quale ad esempio amministrativo, commerciale, marketing, legale, amministratori di sistema) e/o soggetti esterni (quali ad esempio fornitori di servizi informatici terzi, webfarm, agenzie di comunicazione, fornitori di servizi complementari). Se necessario tali strutture sono nominate dal titolare responsabili del trattamento.

L'utente può richiedere in qualsiasi momento al titolare del trattamento, l'elenco aggiornato dei responsabili del trattamento.

Comunicazione di eventuali accessi indesiderati al Garante della Privacy
Il suddetto sistema informatico è monitorato e controllato giornalmente da tecnici e sistemisti. Ciò non toglie che, anche se ritenuta possibilità remota, ci possa essere un accesso indesiderato. Nel caso in cui questo si verifichi il titolare si impegna, come da GDPR ad effettuarne comunicazione al Garante della Privacy entro i termini previsti dalla legge.

Luoghi di mantenimento dei dati acquisiti
I dati personali sono mantenuti e trattati nelle sedi operative e amministrative del titolare, nonché nelle webfarm dove risiedono i server che ospitano il sito web www.rivoluzionedemocratica.it, o sui server che ne effettuano le copie di sicurezza. I dati personali dell'utente possono risiedere in Italia, Germania e Olanda, comunque in nazioni della Comunità Europea. I dati personali dell'utente non vengono mai portati o copiati fuori dal territorio europeo.

Tempi di mantenimento dei dati acquisiti
Nel caso di dati acquisiti per fornire un servizio all'utente, (sia per un servizio acquistato che in prova) i dati vengono conservati per 24 mesi successivi al completamento del servizio. Oppure fino a quando non ne venga revocato il consenso.

Nel caso in cui il titolare fosse obbligato a conservare i dati personali in ottemperanza di un obbligo di legge o per ordine di autorità, il titolare può conservare i dati per un tempo maggiore, necessario agli obblighi.

Al termine del periodo di conservazione i dati personali saranno cancellati. Dopo il termine, non sarà più possibile accedere ai propri dati, richiederne la cancellazione e la portabilità.

Base giuridica del trattamento dei dati acquisiti
Il titolare acquisisce dati personali degli utenti nei casi sotto descritti.
Il trattamento si rende necessario:
- se l'utente ha deliberatamente accettato il trattamento per una o più finalità;
- per fornire un preventivo all'utente;
- per fornire un contratto all'utente;
- per fornire un servizio all'utente;
- perché il titolare possa adempiere ad un obbligo di legge;
- perché il titolare possa adempiere ad un compito di interesse pubblico;
- perché il titolare possa adempiere ad un esercizio di pubblici poteri;
- perché il titolare o terzi possano perseguire i propri legittimi interessi.

L'utente può richiedere in qualsiasi momento al titolare del trattamento, chiarimenti sulla base giuridica di ciascun trattamento.

Finalità del trattamento dei dati acquisiti
I dati dell'utente sono raccolti dal titolare per le seguenti finalità:

- richiesta informazione da parte dell'utente
- richiesta informazione per servizi
- invio di aggiornamenti
- invio informazioni generiche
- richiesta di contatto da parte dei clienti, per ricevere informazioni

Eventualmente i dati possono essere trattati anche per:
contattare l'utente, statistiche, analisi dei comportamenti degli utenti e registrazione sessioni, visualizzazione contenuti e interazione di applicazioni esterne, protezione dallo spam, gestione dei pagamenti, interazione con social network, pubblicità.

L'utente può richiedere in qualsiasi momento al titolare del trattamento, chiarimenti sulle finalità di ciascun trattamento.

Dettagli specifici sull'acquisizione e uso dei dati personali
Per contattare l'utente
Moduli di contatto
L'utente può compilare il/i moduli di contatto/richiesta informazioni, inserendo i propri dati e acconsentendo al loro uso per rispondere alle richieste di natura indicata nella intestazione del modulo.
Dati personali che potrebbero essere raccolti: CAP, città, cognome, email, indirizzo, nazione, nome, numero di telefono, provincia, ragione sociale.

Per interazione con applicazioni esterne (anche social network)
www.rivoluzionedemocratica.it include nelle sue pagine plugin e/o pulsanti per interagire con i social network e/o applicazioni esterne.
Per quanto riguarda i social network, anche se l'utente non utilizza il servizio presente sulla pagina web, è possibile che il servizio acquisisca dati di traffico.

I dati acquisiti e l'utilizzo degli stessi da parte di servizi terzi sono regolamentati dalle rispettive Privacy Policy alle quali si prega di fare riferimento.

Facebook: Pulsante "Mi piace" e widget sociali
Fornitore del servizio: Meta Platforms Ireland Limited.
Finalità del servizio: interazione con il social network Facebook
Dati personali raccolti: cookie, dati di utilizzo
Luogo del trattamento: Stati Uniti e in altri Paesi
Privacy Policy (https://www.facebook.com/privacy/policy)

Twitter: Pulsante "Tweet" e widget sociali
Fornitore del servizio: Twitter, Inc.
Finalità del servizio: interazione con il social network Twitter
Dati personali raccolti: cookie, dati di utilizzo
Luogo del trattamento: Stati Uniti
Privacy Policy (https://twitter.com/privacy)
Cookie utilizzati (https://help.twitter.com/it/rules-and-policies/twitter-cookies)
Aderente al Privacy Shield

Whatsapp: Pulsante Whatsapp e widget sociali di Whatsapp
Fornitore del servizio: se l'utente risiede nella Regione Europea, WhatsApp Ireland Limited, se l'utente risiede al di fuori della Regione Europea, i Servizi vengono forniti da WhatsApp LLC.
Finalità del servizio: servizi di interazione con Whatsapp.
Dati personali raccolti: cookie, dati di utilizzo
Luogo del trattamento: Irlanda, le informazioni potrebbero essere trasferite o trasmesse o archiviate e trattate negli Stati Uniti o in altri Paesi terzi al di fuori di quello in cui l'utente risiede.
Privacy Policy (https://www.whatsapp.com/legal/privacy-policy-eea)
Aderente al Privacy Shield

Per statistiche
Questi servizi sono utilizzati dal titolare del trattamento per analizzare il traffico effettuato dagli utenti sul sito web www.rivoluzionedemocratica.it.

I dati acquisiti e l'utilizzo degli stessi da parte di servizi terzi sono regolamentati dalle rispettive Privacy Policy alle quali si prega di fare riferimento.

Per visualizzare contenuti da siti web esterni
Questi servizi sono utilizzati per visualizzare sulle pagine del sito web contenuti esterni al sito web, con possibilità di interazione.
Anche se l'utente non utilizza il servizio presente sulla pagina web, è possibile che il servizio acquisisca dati di traffico.

I dati acquisiti e l'utilizzo degli stessi da parte di servizi terzi sono regolamentati dalle rispettive Privacy Policy alle quali si prega di fare riferimento.

Diritti dell'interessato
L'utente possiede tutti i diritti previsti dall'art. 12 del EU GDPR, il diritto di controllare, modificare e integrare (rettificare), cancellare i propri dati personali accedendo alla propria area riservata. Una volta cancellati tutti i dati, viene chiuso l'account di accesso all'area riservata.

Nello specifico ha il diritto di:
- sapere se il titolare detiene dati personali relativi all'utente (art. 15 Diritto all'accesso);
- modificare o integrare (rettificare) i dati personali inesatti o incompleti (Art. 16 Diritto di rettifica);
- richiedere la cancellazione di uno o parte dei dati personali mantenuti se sussiste uno dei motivi previsti dal GDPR (Diritto alla Cancellazione, 17);
- limitare il trattamento solo a parte dei dati personali, o revocarne completamente il consenso al trattamento, se sussiste uno dei motivi previsti dal Regolamento (Art. 18 Diritto alla limitazione del trattamento);
- ricevere copia di tutti i dati personali in possesso del titolare, in formato di uso comune organizzato, e leggibili anche da dispositivo automatico (Art. 20, Diritto alla Portabilità);
- opporsi in tutto o in parte al trattamento dei dati per finalità di marketing, ad esempio opporsi e ricevere offerte pubblicitarie (art. 21 Diritto di opposizione). Si fa presente agli utenti che possono opporsi al trattamento dei dati utilizzati per scopo pubblicitario, senza fornire alcuna motivazione;
- opporsi al trattamento dei dati in modalità automatica o meno per finalità di profilazione (c.d. Consenso).

Come un utente può esercitare i propri diritti
L'utente può esercitare i propri diritti sopra esposti comunicandone richiesta al titolare del trattamento La Rivoluzione Democratica ai seguenti recapiti: info@rivoluzionedemocratica.it; tel. 3312300680.

La richiesta di esercitare un proprio diritto non ha nessun costo. Il titolare si impegna ad evadere le richieste nel minor tempo possibile, e comunque entro un mese.

L'utente ha il diritto di proporre reclamo all'Autorità Garante per la Protezione dei dati Personali. Recapiti: garante@gpdp.it, http://www.gpdp.it (http://www.gpdp.it).

Cookie Policy
Informazioni aggiuntive sul trattamento dei dati
Difesa in giudizio
Nel caso di ricorso al tribunale per abuso da parte dell'utente nell'utilizzo di www.rivoluzionedemocratica.it o dei servizi a esso collegati, il titolare ha la facoltà di rivelare i dati personali dell'utente. È inoltre obbligato a fornire i suddetti dati su richiesta delle autorità pubbliche.

Richiesta di informative specifiche
L'utente ha diritto di richiedere a www.rivoluzionedemocratica.it informative specifiche sui servizi presenti sul sito web e/o la raccolta e l'utilizzo dei dati personali.

Raccolta dati per log di sistema e manutenzione
www.rivoluzionedemocratica.it e/o i servizi di terze parti (se presenti) possono raccogliere i dati personali dell'utente, come ad esempio l'indirizzo IP, sotto forma di log di sistema. La raccolta di questi dati è legata al funzionamento e alla manutenzione del sito web.

Informazioni non contenute in questa policy
L'utente ha diritto di richiedere in ogni momento al titolare del trattamento dei dati le informazioni aggiuntive non presenti in questa Policy riguardanti il trattamento dei dati personali. Il titolare potrà essere contattato tramite gli estremi di contatto.

Supporto per le richieste "Do Not Track"
Le richieste  "Do Not Track" non sono supportate da www.rivoluzionedemocratica.it.
L'utente è invitato a consultare le Privacy Policy dei servizi terzi sopra elencati per scoprire quali supportano questo tipo di richieste.

Modifiche a questa Privacy Policy
Il titolare ha il diritto di modificare questo documento avvisando gli utenti su questa stessa pagina oppure, se previsto, tramite i contatti di cui è in possesso. L'utente è quindi invitato a consultare periodicamente questa pagina. Per conferma sull'effettiva modifica consultare la data di ultima modifica indicata in fondo alla pagina.
Il titolare si occuperà di raccogliere nuovamente il consenso degli utenti nel caso in cui le modifiche a questo documento riguardino trattamenti di dati per i quali è necessario il consenso.

Definizioni e riferimenti legali
Dati personali (o dati, o dati dell'utente)
Sono dati personali le informazioni che identificano o rendono identificabile, direttamente o indirettamente, una persona fisica e che possono fornire informazioni sulle sue caratteristiche, le sue abitudini, il suo stile di vita, le sue relazioni personali, il suo stato di salute, la sua situazione economica, ecc.

Fonte: sito web del Garante della Privacy (http://www.garanteprivacy.it).

Dati di utilizzo
Sono dati di utilizzo le informazioni che vengono raccolte in automatico durante la navigazione di www.rivoluzionedemocratica.it, sia da sito web stesso che dalle applicazioni di terzi incluse nel sito. Sono esempi di dati di utilizzo l'indirizzo IP e i dettagli del dispositivo e del browser (compresi la localizzazione geografica) che l'utente utilizza per navigare sul sito, le pagine visualizzate e la durata della permanenza dell'utente sulle singole pagine.

Utente
Il soggetto che fa uso del sito web www.rivoluzionedemocratica.it.
Coincide con l'interessato, salvo dove diversamente specificato.

Interessato
Interessato è la persona fisica al quale si riferiscono i dati personali. Quindi, se un trattamento riguarda, ad esempio, l'indirizzo, il codice fiscale, ecc. di Mario Rossi, questa persona è l'interessato (articolo 4, paragrafo 1, punto 1), del Regolamento UE 2016/679 (http://www.garanteprivacy.it/regolamentoue).

Fonte: sito web del Garante della Privacy (http://www.garanteprivacy.it).

Responsabile del trattamento (o responsabile)
Responsabile è la persona fisica o giuridica al quale il titolare affida, anche all'esterno della sua struttura organizzativa, specifici e definiti compiti di gestione e controllo per suo conto del trattamento dei dati (articolo 4, paragrafo 1, punto 8), del Regolamento UE 2016/679 (http://www.garanteprivacy.it/regolamentoue). Il Regolamento medesimo ha introdotto la possibilità che un responsabile possa, a sua volta e secondo determinate condizioni, designare un altro soggetto c.d. "sub-responsabile" (articolo 28, paragrafo 2).

Fonte: sito web del Garante della Privacy (http://www.garanteprivacy.it).

Titolare del trattamento (o titolare)
Titolare è la persona fisica, l'autorità pubblica, l'impresa, l'ente pubblico o privato, l'associazione, ecc., che adotta le decisioni sugli scopi e sulle modalità del trattamento (articolo 4, paragrafo 1, punto 7), del Regolamento UE 2016/679 (http://www.garanteprivacy.it/regolamentoue).

Fonte: sito web del Garante della Privacy (http://www.garanteprivacy.it).

www.rivoluzionedemocratica.it (o sito web)  
Il sito web mediante il quale sono raccolti e trattati i dati personali degli utenti.

Servizio
Il servizio offerto dal sito web www.rivoluzionedemocratica.it come indicato nei relativi termini.

Comunità Europea (o UE)
Ogni riferimento relativo alla Comunità Europea si estende a tutti gli attuali stati membri dell'Unione Europea e dello Spazio Economico Europeo, salvo dove diversamente specificato.

Cookie
Dati conservati all'interno del dispositivo dell'utente.

Riferimenti legali
La presente informativa è redatta sulla base di molteplici ordinamenti legislativi, inclusi gli artt. 13 e 14 del Regolamento (UE) 2016/679. Questa informativa riguarda esclusivamente www.rivoluzionedemocratica.it, dove non diversamente specificato.

Informativa privacy aggiornata il 07/10/2022 12:44
torna indietro leggi Privacy Policy per www.rivoluzionedemocratica.it
 obbligatorio
generic image refresh

cookie