09 Febbraio 2023

"INTERNAZIONALE SOCIALISTA AD OGGI"

25-01-2023 - UNO SGUARDO SUL MONDO di Salvatore Rondello
La nascita della Prima Internazionale Socialista, Associazione Internazionale dei Lavoratori avvenne a Londra il 28 settembre 1864 per occuparsi delle questioni sociali. Si trattò di una prima vasta organizzazione che tentò di riunire le varie correnti del movimento operaio al di sopra delle barriere statali.
Marxismo, socialismo, comunismo e anarchismo ne furono l’anima, si propagò rapidamente in tutta Europa fino all’America del Nord ed ebbe agli inizi anche il sostegno di Giuseppe Mazzini poi superato dalla presenza di Marx che ne era stato uno dei principali promotori. A questa seguiranno altre tre internazionali, sostanzialmente conclusesi con la seconda guerra mondiale e con la morte di Trockij nel 1940, fino ad arrivare a quella attuale.

La seconda Internazionale nacque nel 1889 a Parigi. L’intento dell’organizzazione, nata dalle ceneri della prima Internazionale (1864-1876), era quello di coordinare l’attività di tutti i partiti nazionali collegati con il movimento operaio. In un primo momento, a differenza della prima Internazionale, non si fece ricorso ad organi direttivi centralizzati, introdotti invece nel 1900 al Congresso di Parigi con l’istituzione di un comitato esecutivo e di un segretariato guidato di C. Huysmans.

I primi anni di vita dell’Internazionale videro il prevalere della dottrina marxista e il riproporsi di quel dibattito, già esasperato in seno alla prima, che opponeva socialisti ed anarchici (questi ultimi espulsi nel 1896 con il Congresso di Londra). Punto cardine del programma dell’Internazionale fu la creazione di partiti politici operai che si muovessero all’interno della cornice parlamentare dello Stato al fine di migliorare le condizioni dei lavoratori. L’insistenza sulle forme parlamentari denotava il prevalere delle posizioni della socialdemocrazia tedesca (SPD). Il riformismo professato dai tedeschi non era però così largamente condiviso e fu motivo di critica da parte delle forze più radicali. Questo diverso approccio alla causa del socialismo fu messo ancor più in risalto nei congressi di Stoccarda (1907) e Copenaghen (1910), incentrati sui problemi del colonialismo, del patriottismo e della guerra.

La questione della guerra divise i socialisti in due tendenze. Al congresso di Stoccarda, Lenin, R. Luxemburg e J.Martov presentarono un emendamento secondo il quale in caso di scoppio della guerra, i socialisti avrebbero dovuto mobilitarsi per far cessare immediatamente le ostilità oppure cogliere l’occasione e scatenare la rivoluzione. A questa visione si contrapponeva l’ala moderata, guidata principalmente da esponenti della SPD, che proclamava il sostegno alla causa nazionale del proprio paese in caso di guerra. A seguito di queste visioni divergenti l’Internazionale socialista entrò in crisi e di fatto smise di esistere il 4 agosto 1914 con il voto favorevole all’intervento bellico della SPD. La struttura federale della seconda Internazionale rivelò, in questo caso, tutta la sua debolezza in quanto molti esponenti preferirono abbracciare la causa nazionale piuttosto che quella internazionalista del socialismo alla quale fu coerente Filippo Turati. Dopo la fine della guerra, K.Kautsky e M. Adler fondarono l’Unione internazionale socialista conosciuta anche come Internazionale di Vienna. A partire dal 1923 l’Internazionale Socialista riprese a vivere, ma non ebbe più la forza e la rappresentatività prebellica, anche a causa della nascita della Terza Internazionale fondata da Lenin. L’Internazionale Socialista fu sciolta nel 1939.

Nel 1892 Kautsky scrisse il commento ufficiale di partito al Programma di Erfurt, che s'intitolava La lotta di classe. Le versioni divulgative del Marxismo contenute nelle opere di Kautsky e Bebel furono molto più diffuse e lette in Europa fra la fine dell'Ottocento ed il 1914 che non le opere di Marx. In particolare La lotta di classe fu tradotta in sedici lingue entro il 1914 e fu considerato dai partiti socialisti aderenti alla Seconda Internazionale come il nuovo Manifesto. Questo testo portò a definire ortodossa la teoria marxista elaborata nei decenni precedenti il 1917, quando la Rivoluzione d'Ottobre produsse una profonda spaccatura nel movimento socialista internazionale.

Dopo la Rivoluzione d’Ottobre avvenuta in Russia, il Marxismo esposto ne La lotta di classe è stato ritenuto dai marxisti rivoluzionari come una versione semplificata, e contaminata di Positivismo, del marxismo ed è spesso chiamata Marxismo volgare o Marxismo della Seconda Internazionale. Tuttavia ancora nel 1899 Lenin lodava il Programma di Erfurt e diceva di volerlo imitare.

Lo storico Donald Sassoon scrisse: “Il programma in sé era volutamente breve, con poche spiegazioni o argomentazioni, da cui la decisione di Kautsky di scrivere un libro di taglio divulgativo, come commento e spiegazione del programma, a sostegno della causa del socialismo. Il Das Erfurter Programm in seinem grundsätzlichen Teil erläutert (Il programma di Erfurt) venne pubblicato nel 1892, anno di fondazione del Partito Socialista Italiano. Il programma divenne uno dei testi socialisti più diffusamente letti in Europa e il commento di Kautsky fu tradotto in sedici lingue prima del 1914 e divenne la riconosciuta summa del marxismo popolare in tutto il mondo”.

Va ricordato che, in opposizione alla Seconda Internazionale socialista, venne fondata a Mosca nel 1919, la Terza Internazionale (Comintern) per organizzare, sulla base dell'esperienza sovietica, la rivoluzione proletaria mondiale.

Dopo lo scioglimento a causa del supporto delle dirigenze dei principali partiti socialisti europei alla prima guerra mondiale (i gruppi parlamentari tedesco, austriaco, francese e inglese votarono i rispettivi crediti di guerra), l'Internazionale Socialista si ricostituì dopo la seconda guerra mondiale a Zurigo con l’adesione, tra gli altri della socialdemocrazia italiana e del laburismo inglese.

La nuova unione mondiale dei partiti politici d'ispirazione socialista, socialdemocratica e laburista viene considerata l'erede della Seconda Internazionale formatasi nel 1889 a Parigi e scioltasi all'inizio della prima guerra mondiale.

L'Internazionale socialista, collegata alle prime organizzazioni internazionali del movimento operaio, assunse la sua forma attuale nel 1951, con le decisioni del Congresso di Francoforte.

Con l’inizio della Guerra Fredda, assunse una linea politica anti-sovietica e filo-occidentale. Per un certo periodo, caso unico nei Paesi occidentali, non accolse il Partito Socialista Italiano, che negli anni cinquanta era ancora troppo legato al Partito Comunista Italiano, cosicché per lungo tempo l'unico referente italiano della IS fu il Partito Socialista Democratico Italiano di Giuseppe Saragat. Successivamente vi entrarono anche, dal 1969, il PSI stesso. Poi, nel settembre 1992, con il beneplacito del PSI guidato da Bettino Craxi e del PSDI guidato da Antonio Cariglia, aderì anche il PDS, poi DS e infine PD. Il Partito Socialista Italiano rifondato nel 2007 rimane l'unico membro italiano dell'Internazionale.

I partiti laburisti, socialdemocratici e socialisti sono ora una forza politica importante nelle democrazie di tutto il mondo, con numerosi partiti membri dei governi internazionali che guidano o rappresentano la principale forza di opposizione.

L'Internazionale Socialista è un'organizzazione che comprende 132 partiti politici di tutti i continenti. Attualmente 34 partiti membri dell'Internazionale sono al governo.

Ogni quattro anni si svolge il suo congresso, mentre il suo consiglio si riunisce due volte l'anno. La segreteria e gli uffici centrali si trovano a Londra. La sua organizzazione giovanile si chiama IUSY alla quale aderisce la FGS.

Fra le figure di maggior spicco nella storia più recente dell'Internazionale Socialista troviamo Willy Brandt, Cancelliere della Germania, premio Nobel per la pace nel 1971, è stato presidente e figura carismatica dal 1976 al 1992. Tra gli anni '80 e '90 ha lungamente ricoperto la vice presidenza dell'Internazionale Bettino Craxi. Carica di vicepresidente ricoperta poi dal 2003 al 2008 da Massimo D’Alema.

Per molto tempo, l'internazionale socialista è rimasta lontana dall’America Latina considerata una zona di influenza degli Stati Uniti. Ad esempio, non denunciò il colpo di Stato contro il presidente socialista Jacobo Arbenz in Guatemala nel 1954 e l'invasione della Repubblica Dominicana da parte degli Stati Uniti nel 1964. Solo con il colpo di stato del 1973 in Cile e l’assassinio di Salvator Allende, Antoine Blanca, diplomatico del Partito Socialista Francese, ha detto: “Abbiamo scoperto un mondo che non conoscevamo”. Secondo Blanca, la solidarietà con la sinistra cilena è stata la prima sfida degna del nome, nei confronti di Washington, di un'Internazionale che, fino ad allora, aveva fatto di tutto per apparire soggetta alla strategia americana e alla NATO.

Successivamente, in particolare sotto la guida di François Mitterrand, l'Internazionale Socialista sostenne i sandinisti in Nicaragua e i movimenti armati in El Salvador, Guatemala e Honduras nella loro lotta contro le dittature sostenute dagli Stati Uniti.

Negli anni '90 vi hanno aderito partiti non socialisti che hanno preso atto del potere economico dei paesi europei governati o da governare dai loro partner oltreoceano e hanno calcolato i vantaggi che potevano trarne.

Porfirio Munoz Ledo, uno dei rappresentanti del Partito della Rivoluzione Democratica Messicana presso l’IS, ha detto: “Durante questo periodo, l'internazionale socialista lavora in modo clientelare; alcuni partiti vengono qui a contatto con gli europei come se fossero nell'alta società. In quel periodo, secondo Il Mondo Diplomatico, ospita “l’Unione Civica Radicale” (UCR) un partito argentino molto centrista; il Partito Rivoluzionario Istituzionale messicano (PRI), che per settant'anni non è stato molto democraticamente al potere; il Partito Liberale Colombiano, sotto i cui governi è stata sterminata la formazione di sinistra dell'Unione patriottica (1986-1990), ha introdotto il modello neoliberale (1990-1994) e al quale, fino al 2002, apparterrà Alvaro Uribe”. Nel decennio successivo, molti partiti di sinistra al potere (in Brasile, Venezuela, Bolivia, Nicaragua, Equador ed El Salvador) preferirono mantenere le distanze dalla IS.

Attualmente, il Partito Socialista Europeo non fa parte dell’Internazionale socialista.

Il Psi è stato presente, con una delegazione guidata da Enzo Maraio, segretario del Psi, al recente congresso dell’Internazionale socialista in cui è stato eletto presidente Pedro Sanchez, segretario del PSOE e premier spagnolo. Sanchez ha preso il posto di George Papandreu. Il Psi è l’unico partito italiano membro dell’IS. Pia Locatelli, responsabile Esteri Psi, è stata confermata nel bureau con la conferma a presidente onoraria dell’internazionale socialista donne.

Il segretario del Psi Enzo Maraio, commentando l’evento congressuale, ha detto: “La socialdemocrazia è l’unica risposta globale ai bisogni del nostro tempo e alle esigenze dei lavoratori, per una fiscalità equa, per affrontare l’emergenza climatica, per una vera parità di genere, per la difesa dei diritti civili, che è uno dei messaggi lanciati dal nuovo presidente Pedro Sanchez”.

Il congresso si è concluso domenica 27 novembre 2022 a Madrid ospitato dal PSOE. I partecipanti hanno compreso che il Socialismo è tuttora necessario in tutto il mondo per una politica rispondente alle esigenze dell’umanità.

Il Congresso dell'internazionale è stato preceduto da quello dell'internazionale socialista donne che aveva come tema principale dei lavori la definizione di una strategia globale per eliminare la violenza contro le donne. Hanno preso la parola compagne di tutti i continenti, dal Camerun alla Tunisia, dalla Repubblica Dominicana al Belgio, dal Niger al Pakistan, ma le protagoniste del Congresso sono state le donne iraniane che con le loro testimonianze hanno reso questi due giorni ricchi di intense emozioni oltre che di rinnovato impegno per sradicare la violenza contro le donne. I lavori dell'internazionale Donne si sono conclusi con l'elezione della nuova presidente dell'internazionale socialista donne, Janet Camilo, già ministra delle donne del governo della Repubblica dominicana. Pia Locatelli, responsabile esteri del PSI, autrice della risoluzione sulle donne iraniane, è stata confermata Presidente onoraria dell'internazionale socialista donne. Tra le nuove cariche, oltre alla nuova Segretaria Generale, Benedicta Lasi, prima donna a ricoprire questo ruolo in 133 anni di storia della IS ed il nuovo Presidium. Pia Locatelli è stata eletta vicepresidente dell'Internazionale Socialista.

E’ motivo di orgoglio, per i socialisti italiani, contare sulla presenza e sui lavori costanti e autorevoli di Pia Locatelli, che da anni porta avanti le ragioni del Psi nel contesto internazionale, rendendolo centrale, anche con il riconoscimento ricevuto.

L’elezione alla presidenza di Pedro Sanchez, Segretario Generale del PSOE e Presidente del Governo spagnolo, è stata una buona notizia anche per il Psi.
Un congresso molto atteso dopo due anni di rallentamento delle attività a causa della pandemia. Per tutti è considerata una ripartenza reale, che può far tornare centrale, dal punto di vista politico, l’Internazionale Socialista e soprattutto il ruolo dei socialisti italiani. Una ripartenza avvenuta alla presenza di delegazioni che comprendevano capi di stato e di governo, leader di partiti, delegazioni numerose da tutto il mondo: tutti riuniti e pronti a dare nuovo slancio all’impegno del Socialismo nel mondo, entusiasmati dalle parole di Pedro Sanchez con il quale c’è stata una proficua interlocuzione. Sanchez ha affermato un concetto che ripetiamo da tempo: non c’è sinistra senza i valori della socialdemocrazia, non c’è giustizia sociale senza socialismo nel mondo.

Sanchez, nel suo discorso di investitura, ha affermato: “La proposta di pace, giustizia e progresso che rappresenta l’Internazionale Socialista, torna oggi più imprescindibile che mai!”.

Ha ricordato che negli ultimi decenni abbiamo visto affermarsi nel mondo programmi politici, economici e sociali profondamente contrari ai principi socialisti. Invece la socialdemocrazia, il socialismo democratico, il laburismo sono vivi più che mai, sono più necessari che mai. L'avvento della pandemia ha certificato il fallimento completo del modello neo-liberista per costruire società forti di fronte alle avversità.

Questo è il momento di confrontare i nostri valori con le esigenze del presente e formulare proposte tangibili che aiutino a trasformare il pianeta nei prossimi decenni: non si tratta di ‘ripensare’ il mondo, si tratta di cambiarlo. Per questo si è impegnato a far diventare l’Internazionale Socialista la grande casa comune del pensiero e dell'azione progressista globale. Il laboratorio ideologico cui far riferimento.
Pedro Sanchez ha indicato, nel discorso di chiusura del Congresso, cinque priorità:
Assicurare la pace e rafforzare la democrazia; lavorare per l'uguaglianza piena tra uomini e donne; porre il cambiamento climatico al centro dell'agenda politica, economica e sociale; promuovere una economia giusta ed inclusiva; difendere i diritti di lavoratori e lavoratrici che devono essere ulteriormente confermati dalla rivoluzione tecnologica.

E’ da questi obiettivi che bisognerà ripartire, studiando anche per l’Italia il modello indicato e praticato nel suo Paese dal Presidente spagnolo, che sta rendendo la Spagna uno Stato civile e libero. Bisognerà pensare anche al nostro Paese che adesso è governato da una destra reazionaria e illiberale, spinta al potere dalla deludente politica della sinistra italiana guidata dal Partito Democratico.

Il congresso dell’Internazionale Socialista ha spinto la direzione nazionale del Psi a promuovere gli “Stati generali del socialismo italiano”, che dovranno essere il momento massimo di coinvolgimento dell’intero mondo socialista, aperto al confronto sia con chi da tempo non milita più nel Psi sia con chi, pur non provenendo dalla stessa storia, vorrà dare un contributo ideale per scrivere insieme nuove pagine della sinistra per il futuro. Occorrerà allora confrontarsi ed organizzare in tempi brevi attivi regionali, iniziative territoriali aperte di concerto con i gruppi dirigenti, associazioni di area socialista e riformista, fondazioni culturali.

Finalmente il Psi sembrerebbe già al lavoro in questa direzione, creando sinergia e coinvolgendo i protagonisti dell’IS e del Pes verso gli Stati Generali del Socialismo italiano, convinti che le ragioni del socialismo non siano né superate, né impossibili da far conoscere di nuovo al nostro Paese.

Sta emergendo la consapevolezza che la globalizzazione dell’economia ha un lato oscuro fatto di disoccupazione, di precarietà, di bassi salari, crisi finanziarie, rischi ambientali, tensioni internazionali. In Europa, dopo la caduta del Muro di Berlino stanno cadendo anche i muri della demografia, nascono meno bambini, i muri della produzione, si riduce la base produttiva, si allargano le diseguaglianze, si riduce la produzione della ricchezza. Bisognerà fare i conti con le nuove tecnologie, con il mondo del digitale e con gli egoismi dei nazionalismi.

Queste considerazioni pongono un interrogativo: è ancora attuale parlare di socialismo come alternativa al capitalismo del liberismo finanziario globalizzato? La risposta è si, se si riuscirà ad avviare un processo per realizzare la democrazia economica, ma anche gli Stati uniti del Mondo sviluppando ed attuando il pensiero politico di Filippo Turati e del Socialismo liberale dei Fratelli Rosselli.

Non sarà facile, ma se c’è la volontà in tutti i socialisti del mondo, si troverà il percorso giusto da seguire per attuare la realizzazione degli ideali di giustizia sociale e libertà per il bene dell’umanità.





Fonte: di Salvatore Rondello
Link
[]
L'AVVENIRE DEI LAVORATORI
Periodico socialista fondato 1897.
[]
IL PONTE RIVISTA
Rivista di politica economica e cultura
fondata da Calamandrei
[]
BIBLION EDITORE
Biblion Edizioni, storica casa editrice.
[]
CRITICA LIBERALE - NON MOLLARE
"NON MOLLARE"
Quindicinale on line di Critica Liberale,
la voce del liberalismo progressista in Italia.





Nuova Serie
"La Rivoluzione Democratica"
1, MARZO 2017
Associazione Alleanza Giellista
[]

Realizzazione siti web www.sitoper.it
invia a un amico
icona per chiudere
Attenzione!
Non puoi effettuare più di 10 invii al giorno.
Privacy Policy per www.rivoluzionedemocratica.it
Il sito web www.rivoluzionedemocratica.it raccoglie alcuni dati personali degli utenti che navigano sul sito web.

In accordo con l'impegno e l'attenzione che poniamo ai dati personali e in accordo agli artt. 13 e 14 del EU GDPR, www.rivoluzionedemocratica.it fornisce informazioni su modalità, finalità, ambito di comunicazione e diffusione dei dati personali e diritti degli utenti.

Titolare del trattamento dei dati personali
La Rivoluzione Democratica
Via Circondaria, 56
55045 - Firenze Italia


Email: info @rivoluzionedemocratica.it
Telefono: 3934324237

Tipi di dati acquisiti
www.rivoluzionedemocratica.it raccoglie dati degli utenti direttamente o tramite terze parti. Le tipologie di dati raccolti sono: dati tecnici di navigazione, dati di utilizzo, email, nome, cognome, numero di telefono, provincia, nazione, cap, città, indirizzo, ragione sociale, stato, cookie e altre varie tipologie di dati. Maggiori dettagli sui dati raccolti vengono forniti nelle sezioni successive di questa stessa informativa.
I dati personali sono forniti deliberatamente dall'utente tramite la compilazione di form, oppure, nel caso di dati di utilizzo, come ad esempio i dati relativi alle statistiche di navigazione, sono raccolti automaticamente navigando sulle pagine di www.rivoluzionedemocratica.it.

I dati richiesti dai form sono divisi tra obbligatori e facoltativi; su ciascun form saranno indicate distintamente le due tipologie. Nel caso in cui l'utente preferisca non comunicare dati obbligatori, www.rivoluzionedemocratica.it si riserva il diritto di non fornire il servizio. Nel caso in cui l'utente preferisca non comunicare dati facoltativi, il servizio sarà fornito ugualmente da www.rivoluzionedemocratica.it .

www.rivoluzionedemocratica.it utilizza strumenti di statistica per il tracciamento della navigazione degli utenti, l'analisi avviene tramite log. Non utilizza direttamente cookie ma può utilizzare cookie includendo servizi di terzi.

Ciascun utilizzo di cookie viene dettagliato nella Cookie Policy (https://www.rivoluzionedemocratica.it/Informativa-sui-cookies.htm) e successivamente in questa stessa informativa.
L'utente che comunichi, pubblichi, diffonda, condivida o ottenga dati personali di terzi tramite www.rivoluzionedemocratica.it si assume la completa responsabilità degli stessi. L'utente libera il titolare del sito web da qualsiasi responsabilità diretta e verso terzi, garantendo di avere il diritto alla comunicazione, pubblicazione, diffusione degli stessi. www.rivoluzionedemocratica.it non fornisce servizi a minori di 18 anni. In caso di richieste effettuate per minori deve essere il genitore, o chi detiene la patria potestà, a compilare le richieste dati.

Modalità, luoghi e tempi del trattamento dei dati acquisiti
Modalità di trattamento dei dati acquisiti
Il titolare ha progettato un sistema informatico opportuno a garantire misure di sicurezza ritenute adatte ad impedire l'accesso, la divulgazione, la modifica o la cancellazione non autorizzata di dati personali. Lo stesso sistema effettua copie giornaliere, ritenute sufficientemente adeguate in base alla importanza dei dati contenuti.

L'utente ha diritto a ottenere informazioni in merito alle misure di sicurezza adottate dal titolare per proteggere i dati.

Accessi ai dati oltre al titolare
Hanno accesso ai dati personali raccolti da www.rivoluzionedemocratica.it il personale interno (quale ad esempio amministrativo, commerciale, marketing, legale, amministratori di sistema) e/o soggetti esterni (quali ad esempio fornitori di servizi informatici terzi, webfarm, agenzie di comunicazione, fornitori di servizi complementari). Se necessario tali strutture sono nominate dal titolare responsabili del trattamento.

L'utente può richiedere in qualsiasi momento al titolare del trattamento, l'elenco aggiornato dei responsabili del trattamento.

Comunicazione di eventuali accessi indesiderati al Garante della Privacy
Il suddetto sistema informatico è monitorato e controllato giornalmente da tecnici e sistemisti. Ciò non toglie che, anche se ritenuta possibilità remota, ci possa essere un accesso indesiderato. Nel caso in cui questo si verifichi il titolare si impegna, come da GDPR ad effettuarne comunicazione al Garante della Privacy entro i termini previsti dalla legge.

Luoghi di mantenimento dei dati acquisiti
I dati personali sono mantenuti e trattati nelle sedi operative e amministrative del titolare, nonché nelle webfarm dove risiedono i server che ospitano il sito web www.rivoluzionedemocratica.it, o sui server che ne effettuano le copie di sicurezza. I dati personali dell'utente possono risiedere in Italia, Germania e Olanda, comunque in nazioni della Comunità Europea. I dati personali dell'utente non vengono mai portati o copiati fuori dal territorio europeo.

Tempi di mantenimento dei dati acquisiti
Nel caso di dati acquisiti per fornire un servizio all'utente, (sia per un servizio acquistato che in prova) i dati vengono conservati per 24 mesi successivi al completamento del servizio. Oppure fino a quando non ne venga revocato il consenso.

Nel caso in cui il titolare fosse obbligato a conservare i dati personali in ottemperanza di un obbligo di legge o per ordine di autorità, il titolare può conservare i dati per un tempo maggiore, necessario agli obblighi.

Al termine del periodo di conservazione i dati personali saranno cancellati. Dopo il termine, non sarà più possibile accedere ai propri dati, richiederne la cancellazione e la portabilità.

Base giuridica del trattamento dei dati acquisiti
Il titolare acquisisce dati personali degli utenti nei casi sotto descritti.
Il trattamento si rende necessario:
- se l'utente ha deliberatamente accettato il trattamento per una o più finalità;
- per fornire un preventivo all'utente;
- per fornire un contratto all'utente;
- per fornire un servizio all'utente;
- perché il titolare possa adempiere ad un obbligo di legge;
- perché il titolare possa adempiere ad un compito di interesse pubblico;
- perché il titolare possa adempiere ad un esercizio di pubblici poteri;
- perché il titolare o terzi possano perseguire i propri legittimi interessi.

L'utente può richiedere in qualsiasi momento al titolare del trattamento, chiarimenti sulla base giuridica di ciascun trattamento.

Finalità del trattamento dei dati acquisiti
I dati dell'utente sono raccolti dal titolare per le seguenti finalità:

- richiesta informazione da parte dell'utente
- richiesta informazione per servizi
- invio di aggiornamenti
- invio informazioni generiche
- richiesta di contatto da parte dei clienti, per ricevere informazioni

Eventualmente i dati possono essere trattati anche per:
contattare l'utente, statistiche, analisi dei comportamenti degli utenti e registrazione sessioni, visualizzazione contenuti e interazione di applicazioni esterne, protezione dallo spam, gestione dei pagamenti, interazione con social network, pubblicità.

L'utente può richiedere in qualsiasi momento al titolare del trattamento, chiarimenti sulle finalità di ciascun trattamento.

Dettagli specifici sull'acquisizione e uso dei dati personali
Per contattare l'utente
Moduli di contatto
L'utente può compilare il/i moduli di contatto/richiesta informazioni, inserendo i propri dati e acconsentendo al loro uso per rispondere alle richieste di natura indicata nella intestazione del modulo.
Dati personali che potrebbero essere raccolti: CAP, città, cognome, email, indirizzo, nazione, nome, numero di telefono, provincia, ragione sociale.

Per interazione con applicazioni esterne (anche social network)
www.rivoluzionedemocratica.it include nelle sue pagine plugin e/o pulsanti per interagire con i social network e/o applicazioni esterne.
Per quanto riguarda i social network, anche se l'utente non utilizza il servizio presente sulla pagina web, è possibile che il servizio acquisisca dati di traffico.

I dati acquisiti e l'utilizzo degli stessi da parte di servizi terzi sono regolamentati dalle rispettive Privacy Policy alle quali si prega di fare riferimento.

Facebook: Pulsante "Mi piace" e widget sociali
Fornitore del servizio: Meta Platforms Ireland Limited.
Finalità del servizio: interazione con il social network Facebook
Dati personali raccolti: cookie, dati di utilizzo
Luogo del trattamento: Stati Uniti e in altri Paesi
Privacy Policy (https://www.facebook.com/privacy/policy)

Twitter: Pulsante "Tweet" e widget sociali
Fornitore del servizio: Twitter, Inc.
Finalità del servizio: interazione con il social network Twitter
Dati personali raccolti: cookie, dati di utilizzo
Luogo del trattamento: Stati Uniti
Privacy Policy (https://twitter.com/privacy)
Cookie utilizzati (https://help.twitter.com/it/rules-and-policies/twitter-cookies)
Aderente al Privacy Shield

Whatsapp: Pulsante Whatsapp e widget sociali di Whatsapp
Fornitore del servizio: se l'utente risiede nella Regione Europea, WhatsApp Ireland Limited, se l'utente risiede al di fuori della Regione Europea, i Servizi vengono forniti da WhatsApp LLC.
Finalità del servizio: servizi di interazione con Whatsapp.
Dati personali raccolti: cookie, dati di utilizzo
Luogo del trattamento: Irlanda, le informazioni potrebbero essere trasferite o trasmesse o archiviate e trattate negli Stati Uniti o in altri Paesi terzi al di fuori di quello in cui l'utente risiede.
Privacy Policy (https://www.whatsapp.com/legal/privacy-policy-eea)
Aderente al Privacy Shield

Per statistiche
Questi servizi sono utilizzati dal titolare del trattamento per analizzare il traffico effettuato dagli utenti sul sito web www.rivoluzionedemocratica.it.

I dati acquisiti e l'utilizzo degli stessi da parte di servizi terzi sono regolamentati dalle rispettive Privacy Policy alle quali si prega di fare riferimento.

Per visualizzare contenuti da siti web esterni
Questi servizi sono utilizzati per visualizzare sulle pagine del sito web contenuti esterni al sito web, con possibilità di interazione.
Anche se l'utente non utilizza il servizio presente sulla pagina web, è possibile che il servizio acquisisca dati di traffico.

I dati acquisiti e l'utilizzo degli stessi da parte di servizi terzi sono regolamentati dalle rispettive Privacy Policy alle quali si prega di fare riferimento.

Diritti dell'interessato
L'utente possiede tutti i diritti previsti dall'art. 12 del EU GDPR, il diritto di controllare, modificare e integrare (rettificare), cancellare i propri dati personali accedendo alla propria area riservata. Una volta cancellati tutti i dati, viene chiuso l'account di accesso all'area riservata.

Nello specifico ha il diritto di:
- sapere se il titolare detiene dati personali relativi all'utente (art. 15 Diritto all'accesso);
- modificare o integrare (rettificare) i dati personali inesatti o incompleti (Art. 16 Diritto di rettifica);
- richiedere la cancellazione di uno o parte dei dati personali mantenuti se sussiste uno dei motivi previsti dal GDPR (Diritto alla Cancellazione, 17);
- limitare il trattamento solo a parte dei dati personali, o revocarne completamente il consenso al trattamento, se sussiste uno dei motivi previsti dal Regolamento (Art. 18 Diritto alla limitazione del trattamento);
- ricevere copia di tutti i dati personali in possesso del titolare, in formato di uso comune organizzato, e leggibili anche da dispositivo automatico (Art. 20, Diritto alla Portabilità);
- opporsi in tutto o in parte al trattamento dei dati per finalità di marketing, ad esempio opporsi e ricevere offerte pubblicitarie (art. 21 Diritto di opposizione). Si fa presente agli utenti che possono opporsi al trattamento dei dati utilizzati per scopo pubblicitario, senza fornire alcuna motivazione;
- opporsi al trattamento dei dati in modalità automatica o meno per finalità di profilazione (c.d. Consenso).

Come un utente può esercitare i propri diritti
L'utente può esercitare i propri diritti sopra esposti comunicandone richiesta al titolare del trattamento La Rivoluzione Democratica ai seguenti recapiti: info@rivoluzionedemocratica.it; tel. 3312300680.

La richiesta di esercitare un proprio diritto non ha nessun costo. Il titolare si impegna ad evadere le richieste nel minor tempo possibile, e comunque entro un mese.

L'utente ha il diritto di proporre reclamo all'Autorità Garante per la Protezione dei dati Personali. Recapiti: garante@gpdp.it, http://www.gpdp.it (http://www.gpdp.it).

Cookie Policy
Informazioni aggiuntive sul trattamento dei dati
Difesa in giudizio
Nel caso di ricorso al tribunale per abuso da parte dell'utente nell'utilizzo di www.rivoluzionedemocratica.it o dei servizi a esso collegati, il titolare ha la facoltà di rivelare i dati personali dell'utente. È inoltre obbligato a fornire i suddetti dati su richiesta delle autorità pubbliche.

Richiesta di informative specifiche
L'utente ha diritto di richiedere a www.rivoluzionedemocratica.it informative specifiche sui servizi presenti sul sito web e/o la raccolta e l'utilizzo dei dati personali.

Raccolta dati per log di sistema e manutenzione
www.rivoluzionedemocratica.it e/o i servizi di terze parti (se presenti) possono raccogliere i dati personali dell'utente, come ad esempio l'indirizzo IP, sotto forma di log di sistema. La raccolta di questi dati è legata al funzionamento e alla manutenzione del sito web.

Informazioni non contenute in questa policy
L'utente ha diritto di richiedere in ogni momento al titolare del trattamento dei dati le informazioni aggiuntive non presenti in questa Policy riguardanti il trattamento dei dati personali. Il titolare potrà essere contattato tramite gli estremi di contatto.

Supporto per le richieste "Do Not Track"
Le richieste  "Do Not Track" non sono supportate da www.rivoluzionedemocratica.it.
L'utente è invitato a consultare le Privacy Policy dei servizi terzi sopra elencati per scoprire quali supportano questo tipo di richieste.

Modifiche a questa Privacy Policy
Il titolare ha il diritto di modificare questo documento avvisando gli utenti su questa stessa pagina oppure, se previsto, tramite i contatti di cui è in possesso. L'utente è quindi invitato a consultare periodicamente questa pagina. Per conferma sull'effettiva modifica consultare la data di ultima modifica indicata in fondo alla pagina.
Il titolare si occuperà di raccogliere nuovamente il consenso degli utenti nel caso in cui le modifiche a questo documento riguardino trattamenti di dati per i quali è necessario il consenso.

Definizioni e riferimenti legali
Dati personali (o dati, o dati dell'utente)
Sono dati personali le informazioni che identificano o rendono identificabile, direttamente o indirettamente, una persona fisica e che possono fornire informazioni sulle sue caratteristiche, le sue abitudini, il suo stile di vita, le sue relazioni personali, il suo stato di salute, la sua situazione economica, ecc.

Fonte: sito web del Garante della Privacy (http://www.garanteprivacy.it).

Dati di utilizzo
Sono dati di utilizzo le informazioni che vengono raccolte in automatico durante la navigazione di www.rivoluzionedemocratica.it, sia da sito web stesso che dalle applicazioni di terzi incluse nel sito. Sono esempi di dati di utilizzo l'indirizzo IP e i dettagli del dispositivo e del browser (compresi la localizzazione geografica) che l'utente utilizza per navigare sul sito, le pagine visualizzate e la durata della permanenza dell'utente sulle singole pagine.

Utente
Il soggetto che fa uso del sito web www.rivoluzionedemocratica.it.
Coincide con l'interessato, salvo dove diversamente specificato.

Interessato
Interessato è la persona fisica al quale si riferiscono i dati personali. Quindi, se un trattamento riguarda, ad esempio, l'indirizzo, il codice fiscale, ecc. di Mario Rossi, questa persona è l'interessato (articolo 4, paragrafo 1, punto 1), del Regolamento UE 2016/679 (http://www.garanteprivacy.it/regolamentoue).

Fonte: sito web del Garante della Privacy (http://www.garanteprivacy.it).

Responsabile del trattamento (o responsabile)
Responsabile è la persona fisica o giuridica al quale il titolare affida, anche all'esterno della sua struttura organizzativa, specifici e definiti compiti di gestione e controllo per suo conto del trattamento dei dati (articolo 4, paragrafo 1, punto 8), del Regolamento UE 2016/679 (http://www.garanteprivacy.it/regolamentoue). Il Regolamento medesimo ha introdotto la possibilità che un responsabile possa, a sua volta e secondo determinate condizioni, designare un altro soggetto c.d. "sub-responsabile" (articolo 28, paragrafo 2).

Fonte: sito web del Garante della Privacy (http://www.garanteprivacy.it).

Titolare del trattamento (o titolare)
Titolare è la persona fisica, l'autorità pubblica, l'impresa, l'ente pubblico o privato, l'associazione, ecc., che adotta le decisioni sugli scopi e sulle modalità del trattamento (articolo 4, paragrafo 1, punto 7), del Regolamento UE 2016/679 (http://www.garanteprivacy.it/regolamentoue).

Fonte: sito web del Garante della Privacy (http://www.garanteprivacy.it).

www.rivoluzionedemocratica.it (o sito web)  
Il sito web mediante il quale sono raccolti e trattati i dati personali degli utenti.

Servizio
Il servizio offerto dal sito web www.rivoluzionedemocratica.it come indicato nei relativi termini.

Comunità Europea (o UE)
Ogni riferimento relativo alla Comunità Europea si estende a tutti gli attuali stati membri dell'Unione Europea e dello Spazio Economico Europeo, salvo dove diversamente specificato.

Cookie
Dati conservati all'interno del dispositivo dell'utente.

Riferimenti legali
La presente informativa è redatta sulla base di molteplici ordinamenti legislativi, inclusi gli artt. 13 e 14 del Regolamento (UE) 2016/679. Questa informativa riguarda esclusivamente www.rivoluzionedemocratica.it, dove non diversamente specificato.

Informativa privacy aggiornata il 07/10/2022 12:44
torna indietro leggi Privacy Policy per www.rivoluzionedemocratica.it
 obbligatorio
generic image refresh


cookie