12 Luglio 2024

"IL SERVIZIO ‘MILITANTE’ DELLA SCHLEIN"

Quando Elly Schlein espugnò la segreteria del PD – mai s’erano visti un ‘colpo di partito’ così ben riuscito e una vecchia ‘classe’ dirigente così ‘suicidaria’ da farsi defenestrare totalmente – ci chiedemmo se la sua insonne agitazione e la maschera identitaria del radicalismo di massa che lei avrebbe imposto al PD sarebbero state un bene per il paese, ma eravamo sicuri che non lo sarebbero state per il suo partito; ci chiedevamo insomma se e fino a quando una organizzazione di gestione del potere come è quella del PD – definito da uno dei suoi maggiori sponsor, Carlo De Benedetti, «un partito di baroni imbullonati … una compagine che, dopo decenni di politica conservatrice, è difficile considerare ancora come progressista ... un partito irriformabile, dilaniato e avvitato nei propri psicodrammi interni anziché proiettato nella soluzione di problemi reali» – potesse sopportare le bizzarrie della segretaria.

Oggi abbiamo la conferma della fondatezza della domanda. Il PD non è guarito dalla sua malattia ereditaria né è in grado di chiarirsi le idee dal momento che la testa della Schlein, come ha detto lei stessa nell'intervista rilasciata qualche mese fa al ‘New York Times', è come un bazar disordinato di idee e “soluzioni ambientaliste e femministe” per demolire “un paese chiaramente patriarcale” e per promuovere insieme i diritti lgbtq+ e dei migranti in quanto, a suo dire, «diritti civili e diritti sociali sono strettamente interconnessi».

Ogni volta che la segretaria del PD si concede alla scena ci aspettiamo qualche novità. Non sul piano delle idee perché quelle della Schlein – che tra i suoi titoli vanta di essere una ‘donna che ama un'altra donna e che non è una madre' ma una ex ‘sardina' iscrittasi direttamente alla direzione del partito – sono già ben stabilite, consolidate e scontate, sono quelle del ‘progressismo' fasullo e dei ‘social', la fonte d'informazione e di formazione alla quale si abbevera avidamente.

La novità che possiamo aspettarci dalla Schlein è, al massimo, il calore della invettiva sia pure ancora da perfezionare nell'oratoria e nella gestualità – la volenterosa ex sardina deve ancora fare un corso di recitazione e studiare molto – o il colore della giacchetta indossata; ne ha tante, un'infinità, tutte dello stesso modello (immodificabile come quello della giacca di Mao) e però sempre sorprendenti: rosa pallido o verde inglese, rosso fuoco o grigio topo, ciclamino, fucsia o melanzana, gessato o a pois. Il bianco non le si addice, l'arlecchino si.

È per questa sua sensibilità ai colori che la Schlein ama le sfilate – gay pride, manifestazione antisquadrista di Firenze, piazza dei ‘nuovi brigatisti' col passamontagna arruolati da Grillo, tutte le adunate di Landini, etc. – e le riviste di moda.

Ma ora ci ha veramente sorpreso: Schlein ha lanciato, prendendo a prestito il linguaggio di Saddam Hussein, la madre di tutte le battaglie, la ‘lunga marcia' dell'estate militante; e non andrà in vacanza! Le resta soltanto da sostituire la sua divisa primaverile, la ‘giacchetta'; quella per l'estate militante, Elly potrebbe trovarla sfogliando ‘Vogue'. Qualche sua ‘militante – come la compagna-spogliarellista Loretta da Rimini – ha scelto il color carne.

Per non esagerare come fa Vincenzo De Luca – il quale dice che non ha tempo da perdere con «le imbecillità della segretaria del Pd che è una ‘cacicca' ante litteram» e ha ridotto il partito «alla fame elettorale» – si potrebbe prevedere, parafrasando il titolo di un celebre film, che la chiamata alle armi per una ‘estate militante' durerà una sola estate. Non tanto perché anche la ‘leva' ha una sua durata ma, soprattutto, perché gl'incursori paracadutati sulle spiagge rischiano di essere fermati sul ‘bagnasciuga' se non ricacciati in mare a causa della scarsità di munizioni di cui saranno forniti; i capi ‘gruppettari' dello stato maggiore della Schlein, tutti rappresentanti dell'armata brancaleone (sardine, Sel, Articolo 1, etc.) rientrata nel corpaccione del partito, pendono dalla bocca di Beppe Grillo e di Giuseppi Conte per le password da usare sotto gli ombrelloni: avendo così poco nel tascapane, i nuovi ‘militanti estivi' al più potranno prendere la tintarella. A parte il drappello di ‘volontari'' mandati alla festa dell'Unità a Reggio Emilia per 10 0re al giorno di lavoro, non retribuito, per vendere salsicce e presidiare il concerto di Harry Styles: «i turni sono lunghi ma potete fare pause», e per propagandare la battaglia per il ‘salario minimo'.

In mezzo a questo gran caos, i discorsi che Elly pronuncia davanti alla direzione del partito sono invece rassicuranti – e, allo stesso tempo, disperanti – con il refrain: «mettetevi comodi. Siamo qui per restare».

La segretaria ha dato fondo al suo politichese, maccheronico e farfugliato, per negare che il Partito Democratico non ha una ‘linea politica'; semmai, ha detto con tono accorato, «di contenuti siamo pieni ma siamo bravi a coprirli con le divisioni interne» e la sua strategia prevede appunto di mettere in campo una sorta di ‘organo di Stalin' per «suonare lo stesso spartito e far emergere le 4.850 cose che abbiamo in comune».

Forse, la Schlein ha risolto anche il secolare problema della ‘quadratura del cerchio' spiegando a tutte e a tutti – Elly non manca mai di rivolgersi al suo uditorio distinguendo le femmine dai maschi: a Ventotene si è pure inventato l'appello alle madri oltre che ai padri del federalismo europeo ma ha dimenticato le ‘madri surrogate' – la «linearità del modello circolare» per abbattere la ‘mascolinità tossica'.

Non si può che compiangere chi, da quando l'ex sardina si è ritrovata nella stanza dei bottoni, al Nazareno non si fa altro che tentare di ‘spiegarne' il pensiero per renderlo comprensibile e, anche, digeribile almeno per le varie fazioni del PD.

Il PD è infatti passato dall'alta cultura del Segretario Letta, professore parigino, a quella nazional-popolare dei cantautori citati dalla Schlein e, quindi, bisogna tradurre tutto quello che questa dice e fa perché sono appunto queste 4.850 cose che ubriacano i suoi malcapitati ascoltatori: sta dalla parte dell'Ucraina, però cerca la pace; vota nel Parlamento italiano contro l'uso dei fondi PNRR per il finanziamento delle armi per l'Ucraina e, nel Parlamento europeo, vota a favore della legge che autorizza l'uso del Pnrr per questo scopo; fa opposizione dura sulla modifica del Pnrr e sull'attuazione dell'Autonomia differenziata dopo averli confezionati; dice che la casa è un diritto ma da ‘tartassare'; vuole un reddito di cittadinanza elevato a potenza, cioè un reddito ‘universale' (anche per i marziani?); è contemporaneamente favorevole a chi ricorre all'utero in affitto all'estero e non condivide la battaglia di Magi che lo vuole rendere legale in Italia; vuole la ‘transizione verde', che costa diversi miliardi ai cittadini, ma ‘in economia'; va al funerale e poi se ne pente; considera antiquato e populista l'armamentario ideologico dei 5S ma se ne vuole impossessare non solo per prendersene gli elettori ma anche per darsi un programma; e, per non dispiacere questi futuri compagni di ‘campo', parla di ‘punt e mes' anziché di MES e annuncia botte da orbi fiscali, specialmente sul patrimonio immobiliare. Ma questo, ad essere sinceri, non è solo una carenza della Schlein: è il difetto genetico del PD.

Infatti, le arrampicate sugli specchi dell'alleato-guru Goffredo Bettini non bastano a dare nobiltà teorico-ideologica a questa guerra estiva; Bettini si chiede perché, nonostante i suoi difetti genetici, questa destra – e Meloni in particolare – riesca a godere del gradimento della maggioranza degli italiani (almeno nei sondaggi): «Non tutto può essere giustificato da un vento reazionario che spira a livello internazionale e, neppure, dalle divisioni delle opposizioni; che pure pesano. L'impressione è che, nonostante tutto, il governo riesca ad evocare e interpretare (in modo propagandistico, ma efficace) l'insofferenza dei cittadini rispetto alla confusione e alla paura che i processi di globalizzazione hanno diffuso in tutta l'Europa. Coglie, in questo senso, meglio della sinistra un desiderio di protezione e di tranquillità nel mare in tempesta. Sono messaggi diversi, ma a guardar bene, vanno nella stessa direzione. Europeismo minimo, nazionalismo, riaffermazione della famiglia tradizionale, la sicurezza (ora anche quella stradale), l'ostilità verso gli immigrati, un garantismo spinto che allude a ‘lasciar fare', le tasse intese come una rapina di Stato. Potrei continuare. È un mescolamento generale di temi che prefigurano una vita meno esposta, non assillata da vincoli, complicazioni … persecuzioni».

In sostanza, il guru – ideatore di molte ipotesi politiche spesso pittoresche, nostalgiche e fantasiose tra le quali la riduzione del M5S a partito contadino polacco a servizio del PD – questa volta coglie nel segno: il governo ha una linea politica sia pure, dice lui, sbagliata; la sinistra non ne ha alcuna.

In mancanza di pretesti migliori, allora l'estate militante ha avuto il suo debutto con temi avvincenti e politicamente di grande rilievo offerti dal fondo del barile raschiato fino all'ultimo deposito di melma: la denuncia presentata da una ragazza contro il figlio del Presidente del Senato, La Russa è divenuta l'arma segreta. Cambiando pelle, anziché giacchetta, nei giorni scorsi la Schlein si è avventata contro il La Russa padre – reo di aver sollevato qualche dubbio sulla veridicità dell'accusa di violenza sessuale mossa contro suo figlio – dicendo che «è disgustoso sentire dalla seconda carica dello Stato parole che ancora una volta vogliono minare la credibilità delle donne che denunciano una violenza sessuale a seconda di quanto tempo ci mettono, o sull'eventuale assunzione di alcol o droghe, come se questo facesse presumere automaticamente il consenso. Il Presidente del Senato non può fare vittimizzazione secondaria: destra patriarcale; così La Russa mina la credibilità di tutte le donne».

Forse alla progredita e giovane Schlein sarebbe piaciuta una ‘destra transgender' e, delusa, ha perciò fatto uno sforzo immane per mettere in campo il concetto di ‘vittimizzazione secondaria', ma ha mostrato chiaramente di non saper distinguere il suo disgusto dal diritto di difesa che ha l'accusato: poveri noi!

Comunque, Schlein non è rimasta da sola; il plotone d'assalto era formato, tra gli altri, dal ‘brillante' Travaglio che ha appioppato al malcapitato La Russa padre un reato gravissimo – interrogare il figlio per conoscerne la versione dei fatti «è abuso di potere clamoroso perché lui è il politico più importante dopo Mattarella» – e dalla ‘vestale' Rosy Bindi che, «nel rispetto più assoluto del rapporto padre-figlio», ha inchiodato la seconda carica dello Stato al silenzio: non doveva prendere le difese del figlio esibendo la sua professionalità avvocatesca e «mostrando mancanza assoluta di rispetto per le donne che subiscono violenza in ogni parte del mondo».

Non ricordo che Schlein, Travaglio e Bindi abbiano detto una sola parola sugli sproloqui del Grillo padre in favore del Grillo figlio.

Ah, già! Il Grillo padre non era Presidente del Senato e, tantomeno, ‘patriota'! E, allora, forse ha ragione Giampiero Mughini il quale – «dato che in Italia la gran parte del discorso pubblico è influenzato dalle appartenenze ideologiche, niente di più facile che il destino processuale del figlio del presidente del Senato sia condizionato dal marchio politico di La Russa padre» – paventa che il processo all'Apache La Russa sarà un processo a suo padre, a prescindere dalla ‘violenza sessuale'.

Le premesse ci sono tutte: le grandi ‘libertarie', le attiviste di ‘Non una di meno', hanno già affisso per le strade di Milano la sentenza di condanna: «La Russa padre e La Russa jr: i violadores siete voi. Vogliamo cacciare La Russa da ogni incarico pubblico, vogliamo chiusi i locali della famiglia e lo studio legale su cui si fonda il loro potere economico e politico, vogliamo requisiti i loro soldi affinché siano devoluti ai centri antiviolenza».

L'esecuzione della pena avrà forse luogo a Piazzale Loreto.

Viene dunque il dubbio che, se La Russa non avesse espresso i suoi dubbi, gli strateghi dell'estate militante, ne avrebbero subito dedotto un'ammissione di colpevolezza sì da non perdere l'occasione di sferrare l'offensiva nelle varie direzioni, aperte dai ‘guastatori giudiziari' – Santanché, Delmastro, Dell'Utri-Berlusconi (in memoriam) – per fare saltare i ponti su cui dovrebbe passare la riforma giudiziaria.

Nei giorni precedenti a questo fortunato casus belli che ha dato inizio all'estate militante, eravamo stati sorpresi e colpiti dalla genialità del pensiero militante della Schlein. Avevamo infatti creduto che le sue idee fossero solo di seconda mano ma abbiamo dovuto ricrederci e prendere atto che, di giorno in giorno, Elly fa progressi nella formulazione di un ‘poderoso' aggiornamento della teoria della lotta di classe, già da lei innovata incorporandola nella lotta lgbqt+: l'inabissamento del batiscafo che andava alla ricerca del relitto del Titanic le ha dato occasione per dettare un corollario – anche se, a quanto pare, deve contendere il copyright a Barack Obama, Richard Gere, Massimo Cacciari, maestri di supponenza elevata a ὕβρις – che cambierà la storia futura di questa teoria: «Mi auguro che si trovino quelle persone che andavano a cercare il Titanic in un sommergibile, ma mi fa impressione il dispiegamento di mezzi per la ricerca di 4 persone che comunque hanno pagato credo moltissimo. E trovo inaccettabile e ingiusto che l'altro giorno sulle coste greche non si sia mosso un dito per salvare 750 migranti che avevano solo la colpa di non tollerare soprusi, ingiustizie, torture e discriminazioni».

Ergo: non si muova un dito nemmeno per i ricchi.






Fonte: di Giuseppe Butta'
Link
[]
L'AVVENIRE DEI LAVORATORI
Periodico socialista fondato 1897.
[]
IL PONTE RIVISTA
Rivista di politica economica e cultura
fondata da Calamandrei
[]
BIBLION EDITORE
Biblion Edizioni, storica casa editrice.
[]
CRITICA LIBERALE - NON MOLLARE
"NON MOLLARE"
Quindicinale on line di Critica Liberale,
la voce del liberalismo progressista in Italia.





Nuova Serie
"La Rivoluzione Democratica"
1, MARZO 2017
Associazione Alleanza Giellista
[]

Realizzazione siti web www.sitoper.it
invia a un amico
icona per chiudere
Attenzione!
Non puoi effettuare più di 10 invii al giorno.
Privacy Policy per www.rivoluzionedemocratica.it
Il sito web www.rivoluzionedemocratica.it raccoglie alcuni dati personali degli utenti che navigano sul sito web.

In accordo con l'impegno e l'attenzione che poniamo ai dati personali e in accordo agli artt. 13 e 14 del EU GDPR, www.rivoluzionedemocratica.it fornisce informazioni su modalità, finalità, ambito di comunicazione e diffusione dei dati personali e diritti degli utenti.

Titolare del trattamento dei dati personali
La Rivoluzione Democratica
Via Circondaria, 56
55045 - Firenze Italia


Email: info @rivoluzionedemocratica.it
Telefono: 3934324237

Tipi di dati acquisiti
www.rivoluzionedemocratica.it raccoglie dati degli utenti direttamente o tramite terze parti. Le tipologie di dati raccolti sono: dati tecnici di navigazione, dati di utilizzo, email, nome, cognome, numero di telefono, provincia, nazione, cap, città, indirizzo, ragione sociale, stato, cookie e altre varie tipologie di dati. Maggiori dettagli sui dati raccolti vengono forniti nelle sezioni successive di questa stessa informativa.
I dati personali sono forniti deliberatamente dall'utente tramite la compilazione di form, oppure, nel caso di dati di utilizzo, come ad esempio i dati relativi alle statistiche di navigazione, sono raccolti automaticamente navigando sulle pagine di www.rivoluzionedemocratica.it.

I dati richiesti dai form sono divisi tra obbligatori e facoltativi; su ciascun form saranno indicate distintamente le due tipologie. Nel caso in cui l'utente preferisca non comunicare dati obbligatori, www.rivoluzionedemocratica.it si riserva il diritto di non fornire il servizio. Nel caso in cui l'utente preferisca non comunicare dati facoltativi, il servizio sarà fornito ugualmente da www.rivoluzionedemocratica.it .

www.rivoluzionedemocratica.it utilizza strumenti di statistica per il tracciamento della navigazione degli utenti, l'analisi avviene tramite log. Non utilizza direttamente cookie ma può utilizzare cookie includendo servizi di terzi.

Ciascun utilizzo di cookie viene dettagliato nella Cookie Policy (https://www.rivoluzionedemocratica.it/Informativa-sui-cookies.htm) e successivamente in questa stessa informativa.
L'utente che comunichi, pubblichi, diffonda, condivida o ottenga dati personali di terzi tramite www.rivoluzionedemocratica.it si assume la completa responsabilità degli stessi. L'utente libera il titolare del sito web da qualsiasi responsabilità diretta e verso terzi, garantendo di avere il diritto alla comunicazione, pubblicazione, diffusione degli stessi. www.rivoluzionedemocratica.it non fornisce servizi a minori di 18 anni. In caso di richieste effettuate per minori deve essere il genitore, o chi detiene la patria potestà, a compilare le richieste dati.

Modalità, luoghi e tempi del trattamento dei dati acquisiti
Modalità di trattamento dei dati acquisiti
Il titolare ha progettato un sistema informatico opportuno a garantire misure di sicurezza ritenute adatte ad impedire l'accesso, la divulgazione, la modifica o la cancellazione non autorizzata di dati personali. Lo stesso sistema effettua copie giornaliere, ritenute sufficientemente adeguate in base alla importanza dei dati contenuti.

L'utente ha diritto a ottenere informazioni in merito alle misure di sicurezza adottate dal titolare per proteggere i dati.

Accessi ai dati oltre al titolare
Hanno accesso ai dati personali raccolti da www.rivoluzionedemocratica.it il personale interno (quale ad esempio amministrativo, commerciale, marketing, legale, amministratori di sistema) e/o soggetti esterni (quali ad esempio fornitori di servizi informatici terzi, webfarm, agenzie di comunicazione, fornitori di servizi complementari). Se necessario tali strutture sono nominate dal titolare responsabili del trattamento.

L'utente può richiedere in qualsiasi momento al titolare del trattamento, l'elenco aggiornato dei responsabili del trattamento.

Comunicazione di eventuali accessi indesiderati al Garante della Privacy
Il suddetto sistema informatico è monitorato e controllato giornalmente da tecnici e sistemisti. Ciò non toglie che, anche se ritenuta possibilità remota, ci possa essere un accesso indesiderato. Nel caso in cui questo si verifichi il titolare si impegna, come da GDPR ad effettuarne comunicazione al Garante della Privacy entro i termini previsti dalla legge.

Luoghi di mantenimento dei dati acquisiti
I dati personali sono mantenuti e trattati nelle sedi operative e amministrative del titolare, nonché nelle webfarm dove risiedono i server che ospitano il sito web www.rivoluzionedemocratica.it, o sui server che ne effettuano le copie di sicurezza. I dati personali dell'utente possono risiedere in Italia, Germania e Olanda, comunque in nazioni della Comunità Europea. I dati personali dell'utente non vengono mai portati o copiati fuori dal territorio europeo.

Tempi di mantenimento dei dati acquisiti
Nel caso di dati acquisiti per fornire un servizio all'utente, (sia per un servizio acquistato che in prova) i dati vengono conservati per 24 mesi successivi al completamento del servizio. Oppure fino a quando non ne venga revocato il consenso.

Nel caso in cui il titolare fosse obbligato a conservare i dati personali in ottemperanza di un obbligo di legge o per ordine di autorità, il titolare può conservare i dati per un tempo maggiore, necessario agli obblighi.

Al termine del periodo di conservazione i dati personali saranno cancellati. Dopo il termine, non sarà più possibile accedere ai propri dati, richiederne la cancellazione e la portabilità.

Base giuridica del trattamento dei dati acquisiti
Il titolare acquisisce dati personali degli utenti nei casi sotto descritti.
Il trattamento si rende necessario:
- se l'utente ha deliberatamente accettato il trattamento per una o più finalità;
- per fornire un preventivo all'utente;
- per fornire un contratto all'utente;
- per fornire un servizio all'utente;
- perché il titolare possa adempiere ad un obbligo di legge;
- perché il titolare possa adempiere ad un compito di interesse pubblico;
- perché il titolare possa adempiere ad un esercizio di pubblici poteri;
- perché il titolare o terzi possano perseguire i propri legittimi interessi.

L'utente può richiedere in qualsiasi momento al titolare del trattamento, chiarimenti sulla base giuridica di ciascun trattamento.

Finalità del trattamento dei dati acquisiti
I dati dell'utente sono raccolti dal titolare per le seguenti finalità:

- richiesta informazione da parte dell'utente
- richiesta informazione per servizi
- invio di aggiornamenti
- invio informazioni generiche
- richiesta di contatto da parte dei clienti, per ricevere informazioni

Eventualmente i dati possono essere trattati anche per:
contattare l'utente, statistiche, analisi dei comportamenti degli utenti e registrazione sessioni, visualizzazione contenuti e interazione di applicazioni esterne, protezione dallo spam, gestione dei pagamenti, interazione con social network, pubblicità.

L'utente può richiedere in qualsiasi momento al titolare del trattamento, chiarimenti sulle finalità di ciascun trattamento.

Dettagli specifici sull'acquisizione e uso dei dati personali
Per contattare l'utente
Moduli di contatto
L'utente può compilare il/i moduli di contatto/richiesta informazioni, inserendo i propri dati e acconsentendo al loro uso per rispondere alle richieste di natura indicata nella intestazione del modulo.
Dati personali che potrebbero essere raccolti: CAP, città, cognome, email, indirizzo, nazione, nome, numero di telefono, provincia, ragione sociale.

Per interazione con applicazioni esterne (anche social network)
www.rivoluzionedemocratica.it include nelle sue pagine plugin e/o pulsanti per interagire con i social network e/o applicazioni esterne.
Per quanto riguarda i social network, anche se l'utente non utilizza il servizio presente sulla pagina web, è possibile che il servizio acquisisca dati di traffico.

I dati acquisiti e l'utilizzo degli stessi da parte di servizi terzi sono regolamentati dalle rispettive Privacy Policy alle quali si prega di fare riferimento.

Facebook: Pulsante "Mi piace" e widget sociali
Fornitore del servizio: Meta Platforms Ireland Limited.
Finalità del servizio: interazione con il social network Facebook
Dati personali raccolti: cookie, dati di utilizzo
Luogo del trattamento: Stati Uniti e in altri Paesi
Privacy Policy (https://www.facebook.com/privacy/policy)

Twitter: Pulsante "Tweet" e widget sociali
Fornitore del servizio: Twitter, Inc.
Finalità del servizio: interazione con il social network Twitter
Dati personali raccolti: cookie, dati di utilizzo
Luogo del trattamento: Stati Uniti
Privacy Policy (https://twitter.com/privacy)
Cookie utilizzati (https://help.twitter.com/it/rules-and-policies/twitter-cookies)
Aderente al Privacy Shield

Whatsapp: Pulsante Whatsapp e widget sociali di Whatsapp
Fornitore del servizio: se l'utente risiede nella Regione Europea, WhatsApp Ireland Limited, se l'utente risiede al di fuori della Regione Europea, i Servizi vengono forniti da WhatsApp LLC.
Finalità del servizio: servizi di interazione con Whatsapp.
Dati personali raccolti: cookie, dati di utilizzo
Luogo del trattamento: Irlanda, le informazioni potrebbero essere trasferite o trasmesse o archiviate e trattate negli Stati Uniti o in altri Paesi terzi al di fuori di quello in cui l'utente risiede.
Privacy Policy (https://www.whatsapp.com/legal/privacy-policy-eea)
Aderente al Privacy Shield

Per statistiche
Questi servizi sono utilizzati dal titolare del trattamento per analizzare il traffico effettuato dagli utenti sul sito web www.rivoluzionedemocratica.it.

I dati acquisiti e l'utilizzo degli stessi da parte di servizi terzi sono regolamentati dalle rispettive Privacy Policy alle quali si prega di fare riferimento.

Per visualizzare contenuti da siti web esterni
Questi servizi sono utilizzati per visualizzare sulle pagine del sito web contenuti esterni al sito web, con possibilità di interazione.
Anche se l'utente non utilizza il servizio presente sulla pagina web, è possibile che il servizio acquisisca dati di traffico.

I dati acquisiti e l'utilizzo degli stessi da parte di servizi terzi sono regolamentati dalle rispettive Privacy Policy alle quali si prega di fare riferimento.

Diritti dell'interessato
L'utente possiede tutti i diritti previsti dall'art. 12 del EU GDPR, il diritto di controllare, modificare e integrare (rettificare), cancellare i propri dati personali accedendo alla propria area riservata. Una volta cancellati tutti i dati, viene chiuso l'account di accesso all'area riservata.

Nello specifico ha il diritto di:
- sapere se il titolare detiene dati personali relativi all'utente (art. 15 Diritto all'accesso);
- modificare o integrare (rettificare) i dati personali inesatti o incompleti (Art. 16 Diritto di rettifica);
- richiedere la cancellazione di uno o parte dei dati personali mantenuti se sussiste uno dei motivi previsti dal GDPR (Diritto alla Cancellazione, 17);
- limitare il trattamento solo a parte dei dati personali, o revocarne completamente il consenso al trattamento, se sussiste uno dei motivi previsti dal Regolamento (Art. 18 Diritto alla limitazione del trattamento);
- ricevere copia di tutti i dati personali in possesso del titolare, in formato di uso comune organizzato, e leggibili anche da dispositivo automatico (Art. 20, Diritto alla Portabilità);
- opporsi in tutto o in parte al trattamento dei dati per finalità di marketing, ad esempio opporsi e ricevere offerte pubblicitarie (art. 21 Diritto di opposizione). Si fa presente agli utenti che possono opporsi al trattamento dei dati utilizzati per scopo pubblicitario, senza fornire alcuna motivazione;
- opporsi al trattamento dei dati in modalità automatica o meno per finalità di profilazione (c.d. Consenso).

Come un utente può esercitare i propri diritti
L'utente può esercitare i propri diritti sopra esposti comunicandone richiesta al titolare del trattamento La Rivoluzione Democratica ai seguenti recapiti: info@rivoluzionedemocratica.it; tel. 3312300680.

La richiesta di esercitare un proprio diritto non ha nessun costo. Il titolare si impegna ad evadere le richieste nel minor tempo possibile, e comunque entro un mese.

L'utente ha il diritto di proporre reclamo all'Autorità Garante per la Protezione dei dati Personali. Recapiti: garante@gpdp.it, http://www.gpdp.it (http://www.gpdp.it).

Cookie Policy
Informazioni aggiuntive sul trattamento dei dati
Difesa in giudizio
Nel caso di ricorso al tribunale per abuso da parte dell'utente nell'utilizzo di www.rivoluzionedemocratica.it o dei servizi a esso collegati, il titolare ha la facoltà di rivelare i dati personali dell'utente. È inoltre obbligato a fornire i suddetti dati su richiesta delle autorità pubbliche.

Richiesta di informative specifiche
L'utente ha diritto di richiedere a www.rivoluzionedemocratica.it informative specifiche sui servizi presenti sul sito web e/o la raccolta e l'utilizzo dei dati personali.

Raccolta dati per log di sistema e manutenzione
www.rivoluzionedemocratica.it e/o i servizi di terze parti (se presenti) possono raccogliere i dati personali dell'utente, come ad esempio l'indirizzo IP, sotto forma di log di sistema. La raccolta di questi dati è legata al funzionamento e alla manutenzione del sito web.

Informazioni non contenute in questa policy
L'utente ha diritto di richiedere in ogni momento al titolare del trattamento dei dati le informazioni aggiuntive non presenti in questa Policy riguardanti il trattamento dei dati personali. Il titolare potrà essere contattato tramite gli estremi di contatto.

Supporto per le richieste "Do Not Track"
Le richieste  "Do Not Track" non sono supportate da www.rivoluzionedemocratica.it.
L'utente è invitato a consultare le Privacy Policy dei servizi terzi sopra elencati per scoprire quali supportano questo tipo di richieste.

Modifiche a questa Privacy Policy
Il titolare ha il diritto di modificare questo documento avvisando gli utenti su questa stessa pagina oppure, se previsto, tramite i contatti di cui è in possesso. L'utente è quindi invitato a consultare periodicamente questa pagina. Per conferma sull'effettiva modifica consultare la data di ultima modifica indicata in fondo alla pagina.
Il titolare si occuperà di raccogliere nuovamente il consenso degli utenti nel caso in cui le modifiche a questo documento riguardino trattamenti di dati per i quali è necessario il consenso.

Definizioni e riferimenti legali
Dati personali (o dati, o dati dell'utente)
Sono dati personali le informazioni che identificano o rendono identificabile, direttamente o indirettamente, una persona fisica e che possono fornire informazioni sulle sue caratteristiche, le sue abitudini, il suo stile di vita, le sue relazioni personali, il suo stato di salute, la sua situazione economica, ecc.

Fonte: sito web del Garante della Privacy (http://www.garanteprivacy.it).

Dati di utilizzo
Sono dati di utilizzo le informazioni che vengono raccolte in automatico durante la navigazione di www.rivoluzionedemocratica.it, sia da sito web stesso che dalle applicazioni di terzi incluse nel sito. Sono esempi di dati di utilizzo l'indirizzo IP e i dettagli del dispositivo e del browser (compresi la localizzazione geografica) che l'utente utilizza per navigare sul sito, le pagine visualizzate e la durata della permanenza dell'utente sulle singole pagine.

Utente
Il soggetto che fa uso del sito web www.rivoluzionedemocratica.it.
Coincide con l'interessato, salvo dove diversamente specificato.

Interessato
Interessato è la persona fisica al quale si riferiscono i dati personali. Quindi, se un trattamento riguarda, ad esempio, l'indirizzo, il codice fiscale, ecc. di Mario Rossi, questa persona è l'interessato (articolo 4, paragrafo 1, punto 1), del Regolamento UE 2016/679 (http://www.garanteprivacy.it/regolamentoue).

Fonte: sito web del Garante della Privacy (http://www.garanteprivacy.it).

Responsabile del trattamento (o responsabile)
Responsabile è la persona fisica o giuridica al quale il titolare affida, anche all'esterno della sua struttura organizzativa, specifici e definiti compiti di gestione e controllo per suo conto del trattamento dei dati (articolo 4, paragrafo 1, punto 8), del Regolamento UE 2016/679 (http://www.garanteprivacy.it/regolamentoue). Il Regolamento medesimo ha introdotto la possibilità che un responsabile possa, a sua volta e secondo determinate condizioni, designare un altro soggetto c.d. "sub-responsabile" (articolo 28, paragrafo 2).

Fonte: sito web del Garante della Privacy (http://www.garanteprivacy.it).

Titolare del trattamento (o titolare)
Titolare è la persona fisica, l'autorità pubblica, l'impresa, l'ente pubblico o privato, l'associazione, ecc., che adotta le decisioni sugli scopi e sulle modalità del trattamento (articolo 4, paragrafo 1, punto 7), del Regolamento UE 2016/679 (http://www.garanteprivacy.it/regolamentoue).

Fonte: sito web del Garante della Privacy (http://www.garanteprivacy.it).

www.rivoluzionedemocratica.it (o sito web)  
Il sito web mediante il quale sono raccolti e trattati i dati personali degli utenti.

Servizio
Il servizio offerto dal sito web www.rivoluzionedemocratica.it come indicato nei relativi termini.

Comunità Europea (o UE)
Ogni riferimento relativo alla Comunità Europea si estende a tutti gli attuali stati membri dell'Unione Europea e dello Spazio Economico Europeo, salvo dove diversamente specificato.

Cookie
Dati conservati all'interno del dispositivo dell'utente.

Riferimenti legali
La presente informativa è redatta sulla base di molteplici ordinamenti legislativi, inclusi gli artt. 13 e 14 del Regolamento (UE) 2016/679. Questa informativa riguarda esclusivamente www.rivoluzionedemocratica.it, dove non diversamente specificato.

Informativa privacy aggiornata il 07/10/2022 12:44
torna indietro leggi Privacy Policy per www.rivoluzionedemocratica.it
 obbligatorio
generic image refresh

cookie