19 Maggio 2024

"IL PRESIDENTE VENUTO DA LONTANO"

Ho preso in prestito questo titolo dal libro – Giorgio Napolitano. Il Presidente venuto da lontano – curato da Marzio Breda, "quirinalista" di lungo corso, tempestivamente pubblicato dopo la scomparsa di Giorgio Napolitano e talmente ricco di agiografia da poter eguagliare quella che si è sentita ai suoi "funerali laici", ma "di stato", celebrati addirittura nell'aula/tempio di Montecitorio.

Non so se Napolitano fosse dotato di senso dell'humor ma, da buon napoletano, egli certamente avrebbe sorriso delle cose che noi abbiamo dovuto sentire e si sarebbe divertito se avesse letto le poetiche parole che un commosso cronista ha scritto sul "Corriere della sera" parlando di quell'appuntamento che un establishment ammutolito si era dato per salutare l'ex Presidente defunto: «quella tensione si scioglie quando prende la parola la nipote … è come se la linfa ricominciasse a fluire nell'aula … con tutta la potenza severa dell'evento di Stato». E dire che la nipote aveva parlato solo dei cartoni animati, dei gelati offerti dal nonno e del privilegi di cui aveva goduto come nipote del Presidente come, per esempio, quello di venire presentata addirittura alla regina Elisabetta.

Abbiamo letto pure pagine, elegiache, scritte da Paolo Franchi, ex comunista d'antan, che si aprono con un ossimoro che dice tutto – «il comunista che si scoprì liberale» – e finiscono con un ‘auspicio' – «Forse è venuto il tempo di spiegare perché non possiamo non dirci liberali» – che pare si sia inverato così tanto che, ormai, non c'è ex comunista che non si dica liberale – così costringendo i "vecchi liberali" a cercarsi un altro nome – o che non disdegni nemmeno di dirsi socialdemocratico – nome che prima, da comunista, riteneva sinonimo di socialfascista.

Il figlio di Giorgio Napolitano ha ricordato, con grande emozione (ma qui non ci vogliamo fermare sui passaggi strappalacrime e applausi come il seguente: «Ricordo che in prima elementare lo ritrassi in un disegno accompagnato dalla scritta "Mio papà fa il deputato al Parlamento". Lo ritrassi alla scrivania con la penna in mano … per 50 anni l'ho visto in quella posizione», l'insegnamento impartitogli dalla vita politica del padre e da lui riassunto nelle parole che suo padre stesso aveva detto di sé: «ho combattuto buone battaglie e sostenuto cause sbagliate». La "causa comunista"?

Un epitaffio più azzeccato di questo non saprei immaginarlo; ma dobbiamo chiederci se battersi per una causa sbagliata non sia di per sé una ragione sufficiente per non riconoscere a un tal "gladiatore" la qualifica di "eroe positivo". Dobbiamo pensare infatti che se – battendosi così intelligentemente e appassionatamente come gli è stato riconosciuto dalle prefiche che ne hanno tessuto l'elogio – fosse riuscito a far prevalere la sua ‘causa sbagliata', egli avrebbe provocato un danno irreparabile all'Italia, al suo Paese.

Fare una battaglia per una causa è da Don Chisciotte. Ma, come si sa, questi si batteva per cause giuste anche se poi se la prendeva con i mulini a vento; potremmo allora dire che chi si batte per una ‘causa sbagliata' è un "Don Chisciotte al contrario"?

Giulio Napolitano ha infine aggiunto che suo padre, il Presidente, «non sopportava la demagogia, lo spirito di fazione, la riduzione del confronto politico ad urlo ed invettiva». Già; ma ci chiediamo come egli abbia potuto sopportare Pajetta al suo fianco o i calci nel sedere che Togliatti promise a De Gasperi o il compagno Kruscev che sbatteva la scarpa sullo scranno del Palazzo di vetro.

Quanto al titolo di difensore delle istituzioni siamo disposti a concederlo a Napolitano per l'attaccamento che dimostrò per quella che fu l'istituzione – il suo partito, il PCI – che ha fedelmente servito negli anni staliniani/togliattiani e krusceviani/brezhneviani/berlingueriani e che non lasciò mai – nemmeno quando, nella sua autobiografia, dice di aver cercato «via via di correggere gli errori» – o meglio la lasciò solo apparentemente, quando quel partito cambiò di nome senza però "sciacquarsi in Arno".

Egli era l'ultimo sopravvissuto della nomenklatura che, negli anni repubblicani, ha retto le sorti di questo partito. E Napolitano si è identificato con queste sorti a tal punto che, dopo la sua morte, il rinato giornale che fu del suo partito, l'Unità, si è affrettato a lanciare l'appello perché non venga sepolta insieme a lui l'eredità lasciata dal partito comunista, costituita non da posti da spartire bensì dal "gioco di idee" con cui si dilettava questa nomenklatura: «un partito straordinario, decisivo per gli equilibri e lo sviluppo dell'Italia, fondamentale nella crescita delle masse popolari». Da notare che Sansonetti, autore di questo appello, si compiace del fatto che a usare il termine "masse popolari" fosse proprio questa nomenklatura da lui adorata ma sorge il dubbio che egli forse non comprenda che la ragione per cui questo termine veniva adoperato altro non era che l'elitismo totalitario – o, quantomeno, "populista" – dell'avanguardia del proletariato.

Anna Finocchiaro ha detto che «Napolitano scelse il PCI perché era il partito che aveva combattuto più duramente il fascismo e perché si mescolava con il popolo»; ma l'ex ministra comunista-pds non ha chiarito se ha inteso dire che questa scelta di Napolitano fu dettata solo dall'antifascismo e non anche da una convinta adesione alla dottrina e alla prassi del comunismo; detto così nasce il dubbio – che, a onor del vero, mi è stato instillato dalla spiritica interpretazione del giornalista Cazzullo il quale era convinto che «il fantasma del comunismo si aggira[va] sulla cerimonia laica … fino all'intervento di Anna Finocchiaro» – che l'oratrice volesse dire appunto che Napolitano non fu mai veramente comunista, come Walter Veltroni il quale si iscrisse al PCI ma che ha giurato di non essere mai stato comunista.

Il dubbio non siamo in grado di scioglierlo perché sappiamo che, da un lato, fino al 1943, Napolitano fu un convinto gufista e, quindi, non si batteva contro il fascismo imperante e, dall'altro lato, che, negli anni di Budapest e di Praga, egli non mostrò alcun dissenso dalla linea filosovietica seguita dal PCI – come invece fece allora qualche suo compagno di partito, per esempio Antonio Giolitti, il quale condannò tanto l'intervento armato dei sovietici quanto la linea di supina subordinazione a Mosca seguita da Togliatti & co. Al contrario, in sintonia con Togliatti, Napolitano fu, come ricordano sia Franchi che Breda, «tra coloro che rispondono polemicamente a Giolitti» dicendo, tra le altre cose, che l'Armata Rossa, schiacciando a Budapest la "controrivoluzione", aveva contribuito a salvare la pace nel mondo (per Praga, Napolitano produsse invece una nota di "grave dissenso" da Mosca nel quadro però di una sempre fraterna amicizia).

Non sembri irriverente verso la memoria dello scomparso ma mi sembra opportuno ricordare che l'avvento di Napolitano nelle alte sfere del PCI avvenne proprio nel Congresso comunista del dicembre 1956. Fu l'intervento sulla questione ungherese a qualificarlo subito per il "politburo": piacque tanto al "migliore" che questi fece eleggere Napolitano nel "comitato centrale" del partito dal quale credo non sia mai uscito.

Di queste parole sulla "controrivoluzione" Napolitano farà una semi-ammenda quando gli vennero rinfacciate dopo che era stato eletto Presidente della Repubblica; lo fece con parole arcane, tipiche del suo eloquio tra il burocratico e l'accademico, che tentavano di gettare su quel suo "raptus" più che la luce un velo pietoso: disse che quelle parole erano la conseguenza «dell'ottica distorta della scelta di campo del PCI … la verità è che vedevamo e sentivamo poco le grandi questioni di principio – libertà e democrazia – che erano in gioco nel giudizio sui fatti d'Ungheria».

Possiamo allora pensare che tra i comunisti italiani non vi fosse molta dimestichezza con tali principi? Perché, infatti, non possiamo accettare il tentativo di Napolitano di ridurre la questione solo alla "scelta di campo" in favore dell'avversario dell'alleanza di cui fa parte l'Italia – il che era già grave – perché una tale scelta era forse la conseguenza del fatto che, in generale, i comunisti sentivano poco quelle «grandi questioni di principio».

Del resto, per tornare alla "scelta di campo", fino alla dissoluzione dell'URSS nessuno dei fedeli del PCI poté vantare i galloni di atlantista o di europeista e lo stesso Napolitano li indossò tardivamente. Sicché il povero Paolo Gentiloni si è trovato a mal partito e, come spesso gli capita, è scivolato sul bagnato ma rimanendo tutto d'un pezzo quando, per l'ufficio che attualmente occupa, gli è sembrato di dover presentare nella sua orazione il pedigree europeo di Napolitano: «salutiamo un grande riformista, per lui l'Europa è sempre stata la via maestra: questa via, la tua via, cercheremo di seguirla sempre».

Subito prima Gentiloni si era pure esibito in un duplice elogio funambolico: «salutiamo un grande presidente, un simbolo della credibilità e della forza delle istituzioni della Repubblica e lo facciamo stretti a lei, presidente Mattarella, che di questa credibilità e forza è espressione».

In effetti, le istituzioni di cui è stato responsabile, in primis la Presidenza della Repubblica, Napolitano le ha usate appunto con forza, come un re: da questo punto di vista dobbiamo riconoscere che la dignità regale, attribuitagli chiamandolo re Giorgio, gli si attagliava benissimo non solo per la regalità del suo portamento ma, soprattutto, per la concezione autocratica che egli ebbe di questa istituzione e che, sicuramente, sarebbe stata la concezione egemonica del potere imposta al nostro paese se la ‘causa sbagliata', per la quale Napolitano si batté, avesse trionfato.

Non è dunque un caso che, negli ultimi anni, i poteri del Presidente della Repubblica si siano allargati oltre i limiti segnati dalla Costituzione: le costituzioni, anche la più belle del mondo, possono essere distorte – la costituzione sovietico-staliniana del 1936 ne è un esempio preclaro – e Giorgio Napolitano non mancò di farlo almeno in tre modi.

In passato, il Quirinale è stato offuscato solo da qualche soubrette, da qualche sospetto di affarismo o, al massimo, dall'infame linciaggio subito dal Presidente Leone per mano dell'avanguardia giornalistica di un gruppo di potere aspirante al regime; il Presidente Pertini, succeduto a Leone e simpatico un po' a tutti per le sue stravaganze, fu il primo ad andare oltre i limiti costituzionali quando impose, senza trovare resistenza nel Parlamento o nella Corte Costituzionale, una interpretazione del potere di nomina dei senatori a vita nel senso che ciascun Presidente potesse nominarne ben 5: per fortuna, tale interpretazione, palesemente fuori dallo spirito oltre che dalla lettera della Costituzione, venne in seguito lasciata cadere, se no oggi avremmo un Senato con un numero spropositato di benemeriti della patria.

Poi venne la dottrina del governo del Presidente – supportata dal parere dei "costituzionalisti di corte" – che fece giustizia dei "governi balneari" e promosse al rango di governo di "salute nazionale" quello che altro non era che puro trasformismo: Scalfaro la usò con disinvoltura; nel 2011, Napolitano l'applicò con coerente e sistematica determinazione fino alle dimissioni del governo di Silvio Berlusconi e alla nomina di Mario Monti prima come senatore a vita e poi, per buon peso, come Presidente del Consiglio.

A questo proposito dobbiamo dire che Il lutto repubblicano proclamato da Gianni Letta ci è sembrato una sorta di foglia di fico con la quale questi ha cercato di coprire la ragione per cui non avrebbe parlato di ciò che ha diviso Napolitano da Berlusconi. In realtà – sebbene qualche giornale (v. "Repubblica") abbia voluto interpretare le parole di Letta come una smentita della teoria del complotto che sarebbe stato tramato nelle alte sfere italo-europee – le reazioni per esempio del vicesegretario del PD, Provenzano – il quale a questo proposito ha detto altezzosamente che «le distanze restano» – provano che le parole di Gianni Letta non sono piaciute al PD e non tanto perché auspicano che il chiarimento tra i due possa avvenire nell'aldilà, sotto il fascio di luce celeste che li sta abbagliando, quanto perché quelle parole non smentiscono nulla ma, al contrario, fanno intendere che qualcosa ci deve pur essere stato; insomma che ci furono «difficoltà e incomprensioni che sembravano insuperabili».

Forse Letta si riferiva alle dimissioni forzate di Berlusconi, che aprirono la strada al governo "montiano" del Presidente? o, forse, anche alla condanna definitiva del tycoon in Cassazione?

Dopo ancora, Napolitano fece sapere a Renzi che la nomina dei ministri è cosa del Presidente della Repubblica, sia pure dopo avere ascoltato i nomi proposti, flebilmente, dal Presidente del consiglio incaricato: dottrina che il suo successore continua a seguire anche lui confortato dal parere che i "costituzionalisti di corte" non mancano di affinare.

Non parliamo del ruolo che Napolitano si accaparrò durante la crisi libica del 2011 né possiamo dire nulla della sua inclinazione a interferire anche nella lotta tra le correnti dell'Anm in seno al CSM e dei suoi buoni e influenti rapporti con gli alti magistrati giudicanti se non richiamando la testimonianza di Luca Palamara – che, da presidente dell'Anm, era un frequentatore delle sacre stanze – e dell'ex magistrato Luigi De Magistris, il quale afferma che, nel suo trasferimento dalla procura di Catanzaro a quella di Salerno, vi fu lo zampino di Napolitano: «Il vero elemento inquietante e inquinante» – dice De Magistris – «è il coinvolgimento pieno del Quirinale. Un coinvolgimento decisivo e ancora più indegno perché, da presidente, era sia garante della Costituzione che presidente del CSM».

Possiamo supporre che nulla di tutto ciò – che anche chi lo giustifica riconosce essere stato debordante dai limiti dei suoi poteri – sarebbe stato permesso non dico a un Cossiga che, per molto meno, fu minacciato di impeachment dal PCI, ma nemmeno a un Luigi Einaudi: ipotesi che però non è verificabile dal momento che mai a nessuno dei due – entrambi di formazione politico-culturale ben diversa da quella di Napolitano – sarebbe saltato in testa di poterlo fare. Né possiamo condividere la conclusione cui giunge Antonio Carioti nel suo saggio secondo il quale il "presidenzialismo di fatto" sarebbe una «risorsa importante» per far fronte sia alle carenze strutturali della costituzione sia alla debolezza della politica registratasi negli ultimi 30 anni. Non siamo d'accordo perché le costituzioni non possono essere cambiate "di fatto" e perché l'attivismo quirinalizio ha a mio avviso contribuito molto a indebolire la politica non solo per aver favorito il trasformismo ma anche instillando sfiducia nell'elettorato, al quale per troppe volte è stata negata la parola.

Napolitano ha poi superato se stesso quando nominò due "accolte" di saggi – saggi per aver avuto trasfusa la saggezza di cui il Presidente è dotato d'ufficio: la prima di "facilitatori" con il compito di redigere un programma per il futuro governo, che era ancora nella mente del Presidente; l'altra per stilare un vademecum di riforme costituzionali, una sorta di gestazione per altri (o gpa) cioè per il Parlamento.

Il garante della costituzione pensava forse che, in questa qualità, dovesse assumere oltre che l'iniziativa di dettare i programmi al governo, anche quella di indirizzare la riforma della costituzione? (ma, su questo punto temo di non essere in sintonia con il cardinal Ravasi il quale, invece, attribuisce a questa fantasiosa «nomina dei "saggi", incaricati di presentare al Parlamento idee e proposte di revisione della costituzione», il valore di «suprema prova di saggezza data da Napolitano», una prova tale da dargli titolo all'empireo: «I saggi risplenderanno come lo splendore del firmamento; coloro che avranno indotto molti alla giustizia risplenderanno come le stelle per sempre»).

Santo subito? Domanda che viene suggerita non tanto dal firmamento evocato da Ravasi quanto dall'assonanza tra il sottotitolo misterioso del libro di Breda – "il presidente venuto da lontano" – e la frase simpatica pronunciata dal Papa polacco: «lo hanno chiamato di un paese lontano».







Fonte: di Giuseppe Butta'
Link
[]
L'AVVENIRE DEI LAVORATORI
Periodico socialista fondato 1897.
[]
IL PONTE RIVISTA
Rivista di politica economica e cultura
fondata da Calamandrei
[]
BIBLION EDITORE
Biblion Edizioni, storica casa editrice.
[]
CRITICA LIBERALE - NON MOLLARE
"NON MOLLARE"
Quindicinale on line di Critica Liberale,
la voce del liberalismo progressista in Italia.





Nuova Serie
"La Rivoluzione Democratica"
1, MARZO 2017
Associazione Alleanza Giellista
[]

Realizzazione siti web www.sitoper.it
invia a un amico
icona per chiudere
Attenzione!
Non puoi effettuare più di 10 invii al giorno.
Privacy Policy per www.rivoluzionedemocratica.it
Il sito web www.rivoluzionedemocratica.it raccoglie alcuni dati personali degli utenti che navigano sul sito web.

In accordo con l'impegno e l'attenzione che poniamo ai dati personali e in accordo agli artt. 13 e 14 del EU GDPR, www.rivoluzionedemocratica.it fornisce informazioni su modalità, finalità, ambito di comunicazione e diffusione dei dati personali e diritti degli utenti.

Titolare del trattamento dei dati personali
La Rivoluzione Democratica
Via Circondaria, 56
55045 - Firenze Italia


Email: info @rivoluzionedemocratica.it
Telefono: 3934324237

Tipi di dati acquisiti
www.rivoluzionedemocratica.it raccoglie dati degli utenti direttamente o tramite terze parti. Le tipologie di dati raccolti sono: dati tecnici di navigazione, dati di utilizzo, email, nome, cognome, numero di telefono, provincia, nazione, cap, città, indirizzo, ragione sociale, stato, cookie e altre varie tipologie di dati. Maggiori dettagli sui dati raccolti vengono forniti nelle sezioni successive di questa stessa informativa.
I dati personali sono forniti deliberatamente dall'utente tramite la compilazione di form, oppure, nel caso di dati di utilizzo, come ad esempio i dati relativi alle statistiche di navigazione, sono raccolti automaticamente navigando sulle pagine di www.rivoluzionedemocratica.it.

I dati richiesti dai form sono divisi tra obbligatori e facoltativi; su ciascun form saranno indicate distintamente le due tipologie. Nel caso in cui l'utente preferisca non comunicare dati obbligatori, www.rivoluzionedemocratica.it si riserva il diritto di non fornire il servizio. Nel caso in cui l'utente preferisca non comunicare dati facoltativi, il servizio sarà fornito ugualmente da www.rivoluzionedemocratica.it .

www.rivoluzionedemocratica.it utilizza strumenti di statistica per il tracciamento della navigazione degli utenti, l'analisi avviene tramite log. Non utilizza direttamente cookie ma può utilizzare cookie includendo servizi di terzi.

Ciascun utilizzo di cookie viene dettagliato nella Cookie Policy (https://www.rivoluzionedemocratica.it/Informativa-sui-cookies.htm) e successivamente in questa stessa informativa.
L'utente che comunichi, pubblichi, diffonda, condivida o ottenga dati personali di terzi tramite www.rivoluzionedemocratica.it si assume la completa responsabilità degli stessi. L'utente libera il titolare del sito web da qualsiasi responsabilità diretta e verso terzi, garantendo di avere il diritto alla comunicazione, pubblicazione, diffusione degli stessi. www.rivoluzionedemocratica.it non fornisce servizi a minori di 18 anni. In caso di richieste effettuate per minori deve essere il genitore, o chi detiene la patria potestà, a compilare le richieste dati.

Modalità, luoghi e tempi del trattamento dei dati acquisiti
Modalità di trattamento dei dati acquisiti
Il titolare ha progettato un sistema informatico opportuno a garantire misure di sicurezza ritenute adatte ad impedire l'accesso, la divulgazione, la modifica o la cancellazione non autorizzata di dati personali. Lo stesso sistema effettua copie giornaliere, ritenute sufficientemente adeguate in base alla importanza dei dati contenuti.

L'utente ha diritto a ottenere informazioni in merito alle misure di sicurezza adottate dal titolare per proteggere i dati.

Accessi ai dati oltre al titolare
Hanno accesso ai dati personali raccolti da www.rivoluzionedemocratica.it il personale interno (quale ad esempio amministrativo, commerciale, marketing, legale, amministratori di sistema) e/o soggetti esterni (quali ad esempio fornitori di servizi informatici terzi, webfarm, agenzie di comunicazione, fornitori di servizi complementari). Se necessario tali strutture sono nominate dal titolare responsabili del trattamento.

L'utente può richiedere in qualsiasi momento al titolare del trattamento, l'elenco aggiornato dei responsabili del trattamento.

Comunicazione di eventuali accessi indesiderati al Garante della Privacy
Il suddetto sistema informatico è monitorato e controllato giornalmente da tecnici e sistemisti. Ciò non toglie che, anche se ritenuta possibilità remota, ci possa essere un accesso indesiderato. Nel caso in cui questo si verifichi il titolare si impegna, come da GDPR ad effettuarne comunicazione al Garante della Privacy entro i termini previsti dalla legge.

Luoghi di mantenimento dei dati acquisiti
I dati personali sono mantenuti e trattati nelle sedi operative e amministrative del titolare, nonché nelle webfarm dove risiedono i server che ospitano il sito web www.rivoluzionedemocratica.it, o sui server che ne effettuano le copie di sicurezza. I dati personali dell'utente possono risiedere in Italia, Germania e Olanda, comunque in nazioni della Comunità Europea. I dati personali dell'utente non vengono mai portati o copiati fuori dal territorio europeo.

Tempi di mantenimento dei dati acquisiti
Nel caso di dati acquisiti per fornire un servizio all'utente, (sia per un servizio acquistato che in prova) i dati vengono conservati per 24 mesi successivi al completamento del servizio. Oppure fino a quando non ne venga revocato il consenso.

Nel caso in cui il titolare fosse obbligato a conservare i dati personali in ottemperanza di un obbligo di legge o per ordine di autorità, il titolare può conservare i dati per un tempo maggiore, necessario agli obblighi.

Al termine del periodo di conservazione i dati personali saranno cancellati. Dopo il termine, non sarà più possibile accedere ai propri dati, richiederne la cancellazione e la portabilità.

Base giuridica del trattamento dei dati acquisiti
Il titolare acquisisce dati personali degli utenti nei casi sotto descritti.
Il trattamento si rende necessario:
- se l'utente ha deliberatamente accettato il trattamento per una o più finalità;
- per fornire un preventivo all'utente;
- per fornire un contratto all'utente;
- per fornire un servizio all'utente;
- perché il titolare possa adempiere ad un obbligo di legge;
- perché il titolare possa adempiere ad un compito di interesse pubblico;
- perché il titolare possa adempiere ad un esercizio di pubblici poteri;
- perché il titolare o terzi possano perseguire i propri legittimi interessi.

L'utente può richiedere in qualsiasi momento al titolare del trattamento, chiarimenti sulla base giuridica di ciascun trattamento.

Finalità del trattamento dei dati acquisiti
I dati dell'utente sono raccolti dal titolare per le seguenti finalità:

- richiesta informazione da parte dell'utente
- richiesta informazione per servizi
- invio di aggiornamenti
- invio informazioni generiche
- richiesta di contatto da parte dei clienti, per ricevere informazioni

Eventualmente i dati possono essere trattati anche per:
contattare l'utente, statistiche, analisi dei comportamenti degli utenti e registrazione sessioni, visualizzazione contenuti e interazione di applicazioni esterne, protezione dallo spam, gestione dei pagamenti, interazione con social network, pubblicità.

L'utente può richiedere in qualsiasi momento al titolare del trattamento, chiarimenti sulle finalità di ciascun trattamento.

Dettagli specifici sull'acquisizione e uso dei dati personali
Per contattare l'utente
Moduli di contatto
L'utente può compilare il/i moduli di contatto/richiesta informazioni, inserendo i propri dati e acconsentendo al loro uso per rispondere alle richieste di natura indicata nella intestazione del modulo.
Dati personali che potrebbero essere raccolti: CAP, città, cognome, email, indirizzo, nazione, nome, numero di telefono, provincia, ragione sociale.

Per interazione con applicazioni esterne (anche social network)
www.rivoluzionedemocratica.it include nelle sue pagine plugin e/o pulsanti per interagire con i social network e/o applicazioni esterne.
Per quanto riguarda i social network, anche se l'utente non utilizza il servizio presente sulla pagina web, è possibile che il servizio acquisisca dati di traffico.

I dati acquisiti e l'utilizzo degli stessi da parte di servizi terzi sono regolamentati dalle rispettive Privacy Policy alle quali si prega di fare riferimento.

Facebook: Pulsante "Mi piace" e widget sociali
Fornitore del servizio: Meta Platforms Ireland Limited.
Finalità del servizio: interazione con il social network Facebook
Dati personali raccolti: cookie, dati di utilizzo
Luogo del trattamento: Stati Uniti e in altri Paesi
Privacy Policy (https://www.facebook.com/privacy/policy)

Twitter: Pulsante "Tweet" e widget sociali
Fornitore del servizio: Twitter, Inc.
Finalità del servizio: interazione con il social network Twitter
Dati personali raccolti: cookie, dati di utilizzo
Luogo del trattamento: Stati Uniti
Privacy Policy (https://twitter.com/privacy)
Cookie utilizzati (https://help.twitter.com/it/rules-and-policies/twitter-cookies)
Aderente al Privacy Shield

Whatsapp: Pulsante Whatsapp e widget sociali di Whatsapp
Fornitore del servizio: se l'utente risiede nella Regione Europea, WhatsApp Ireland Limited, se l'utente risiede al di fuori della Regione Europea, i Servizi vengono forniti da WhatsApp LLC.
Finalità del servizio: servizi di interazione con Whatsapp.
Dati personali raccolti: cookie, dati di utilizzo
Luogo del trattamento: Irlanda, le informazioni potrebbero essere trasferite o trasmesse o archiviate e trattate negli Stati Uniti o in altri Paesi terzi al di fuori di quello in cui l'utente risiede.
Privacy Policy (https://www.whatsapp.com/legal/privacy-policy-eea)
Aderente al Privacy Shield

Per statistiche
Questi servizi sono utilizzati dal titolare del trattamento per analizzare il traffico effettuato dagli utenti sul sito web www.rivoluzionedemocratica.it.

I dati acquisiti e l'utilizzo degli stessi da parte di servizi terzi sono regolamentati dalle rispettive Privacy Policy alle quali si prega di fare riferimento.

Per visualizzare contenuti da siti web esterni
Questi servizi sono utilizzati per visualizzare sulle pagine del sito web contenuti esterni al sito web, con possibilità di interazione.
Anche se l'utente non utilizza il servizio presente sulla pagina web, è possibile che il servizio acquisisca dati di traffico.

I dati acquisiti e l'utilizzo degli stessi da parte di servizi terzi sono regolamentati dalle rispettive Privacy Policy alle quali si prega di fare riferimento.

Diritti dell'interessato
L'utente possiede tutti i diritti previsti dall'art. 12 del EU GDPR, il diritto di controllare, modificare e integrare (rettificare), cancellare i propri dati personali accedendo alla propria area riservata. Una volta cancellati tutti i dati, viene chiuso l'account di accesso all'area riservata.

Nello specifico ha il diritto di:
- sapere se il titolare detiene dati personali relativi all'utente (art. 15 Diritto all'accesso);
- modificare o integrare (rettificare) i dati personali inesatti o incompleti (Art. 16 Diritto di rettifica);
- richiedere la cancellazione di uno o parte dei dati personali mantenuti se sussiste uno dei motivi previsti dal GDPR (Diritto alla Cancellazione, 17);
- limitare il trattamento solo a parte dei dati personali, o revocarne completamente il consenso al trattamento, se sussiste uno dei motivi previsti dal Regolamento (Art. 18 Diritto alla limitazione del trattamento);
- ricevere copia di tutti i dati personali in possesso del titolare, in formato di uso comune organizzato, e leggibili anche da dispositivo automatico (Art. 20, Diritto alla Portabilità);
- opporsi in tutto o in parte al trattamento dei dati per finalità di marketing, ad esempio opporsi e ricevere offerte pubblicitarie (art. 21 Diritto di opposizione). Si fa presente agli utenti che possono opporsi al trattamento dei dati utilizzati per scopo pubblicitario, senza fornire alcuna motivazione;
- opporsi al trattamento dei dati in modalità automatica o meno per finalità di profilazione (c.d. Consenso).

Come un utente può esercitare i propri diritti
L'utente può esercitare i propri diritti sopra esposti comunicandone richiesta al titolare del trattamento La Rivoluzione Democratica ai seguenti recapiti: info@rivoluzionedemocratica.it; tel. 3312300680.

La richiesta di esercitare un proprio diritto non ha nessun costo. Il titolare si impegna ad evadere le richieste nel minor tempo possibile, e comunque entro un mese.

L'utente ha il diritto di proporre reclamo all'Autorità Garante per la Protezione dei dati Personali. Recapiti: garante@gpdp.it, http://www.gpdp.it (http://www.gpdp.it).

Cookie Policy
Informazioni aggiuntive sul trattamento dei dati
Difesa in giudizio
Nel caso di ricorso al tribunale per abuso da parte dell'utente nell'utilizzo di www.rivoluzionedemocratica.it o dei servizi a esso collegati, il titolare ha la facoltà di rivelare i dati personali dell'utente. È inoltre obbligato a fornire i suddetti dati su richiesta delle autorità pubbliche.

Richiesta di informative specifiche
L'utente ha diritto di richiedere a www.rivoluzionedemocratica.it informative specifiche sui servizi presenti sul sito web e/o la raccolta e l'utilizzo dei dati personali.

Raccolta dati per log di sistema e manutenzione
www.rivoluzionedemocratica.it e/o i servizi di terze parti (se presenti) possono raccogliere i dati personali dell'utente, come ad esempio l'indirizzo IP, sotto forma di log di sistema. La raccolta di questi dati è legata al funzionamento e alla manutenzione del sito web.

Informazioni non contenute in questa policy
L'utente ha diritto di richiedere in ogni momento al titolare del trattamento dei dati le informazioni aggiuntive non presenti in questa Policy riguardanti il trattamento dei dati personali. Il titolare potrà essere contattato tramite gli estremi di contatto.

Supporto per le richieste "Do Not Track"
Le richieste  "Do Not Track" non sono supportate da www.rivoluzionedemocratica.it.
L'utente è invitato a consultare le Privacy Policy dei servizi terzi sopra elencati per scoprire quali supportano questo tipo di richieste.

Modifiche a questa Privacy Policy
Il titolare ha il diritto di modificare questo documento avvisando gli utenti su questa stessa pagina oppure, se previsto, tramite i contatti di cui è in possesso. L'utente è quindi invitato a consultare periodicamente questa pagina. Per conferma sull'effettiva modifica consultare la data di ultima modifica indicata in fondo alla pagina.
Il titolare si occuperà di raccogliere nuovamente il consenso degli utenti nel caso in cui le modifiche a questo documento riguardino trattamenti di dati per i quali è necessario il consenso.

Definizioni e riferimenti legali
Dati personali (o dati, o dati dell'utente)
Sono dati personali le informazioni che identificano o rendono identificabile, direttamente o indirettamente, una persona fisica e che possono fornire informazioni sulle sue caratteristiche, le sue abitudini, il suo stile di vita, le sue relazioni personali, il suo stato di salute, la sua situazione economica, ecc.

Fonte: sito web del Garante della Privacy (http://www.garanteprivacy.it).

Dati di utilizzo
Sono dati di utilizzo le informazioni che vengono raccolte in automatico durante la navigazione di www.rivoluzionedemocratica.it, sia da sito web stesso che dalle applicazioni di terzi incluse nel sito. Sono esempi di dati di utilizzo l'indirizzo IP e i dettagli del dispositivo e del browser (compresi la localizzazione geografica) che l'utente utilizza per navigare sul sito, le pagine visualizzate e la durata della permanenza dell'utente sulle singole pagine.

Utente
Il soggetto che fa uso del sito web www.rivoluzionedemocratica.it.
Coincide con l'interessato, salvo dove diversamente specificato.

Interessato
Interessato è la persona fisica al quale si riferiscono i dati personali. Quindi, se un trattamento riguarda, ad esempio, l'indirizzo, il codice fiscale, ecc. di Mario Rossi, questa persona è l'interessato (articolo 4, paragrafo 1, punto 1), del Regolamento UE 2016/679 (http://www.garanteprivacy.it/regolamentoue).

Fonte: sito web del Garante della Privacy (http://www.garanteprivacy.it).

Responsabile del trattamento (o responsabile)
Responsabile è la persona fisica o giuridica al quale il titolare affida, anche all'esterno della sua struttura organizzativa, specifici e definiti compiti di gestione e controllo per suo conto del trattamento dei dati (articolo 4, paragrafo 1, punto 8), del Regolamento UE 2016/679 (http://www.garanteprivacy.it/regolamentoue). Il Regolamento medesimo ha introdotto la possibilità che un responsabile possa, a sua volta e secondo determinate condizioni, designare un altro soggetto c.d. "sub-responsabile" (articolo 28, paragrafo 2).

Fonte: sito web del Garante della Privacy (http://www.garanteprivacy.it).

Titolare del trattamento (o titolare)
Titolare è la persona fisica, l'autorità pubblica, l'impresa, l'ente pubblico o privato, l'associazione, ecc., che adotta le decisioni sugli scopi e sulle modalità del trattamento (articolo 4, paragrafo 1, punto 7), del Regolamento UE 2016/679 (http://www.garanteprivacy.it/regolamentoue).

Fonte: sito web del Garante della Privacy (http://www.garanteprivacy.it).

www.rivoluzionedemocratica.it (o sito web)  
Il sito web mediante il quale sono raccolti e trattati i dati personali degli utenti.

Servizio
Il servizio offerto dal sito web www.rivoluzionedemocratica.it come indicato nei relativi termini.

Comunità Europea (o UE)
Ogni riferimento relativo alla Comunità Europea si estende a tutti gli attuali stati membri dell'Unione Europea e dello Spazio Economico Europeo, salvo dove diversamente specificato.

Cookie
Dati conservati all'interno del dispositivo dell'utente.

Riferimenti legali
La presente informativa è redatta sulla base di molteplici ordinamenti legislativi, inclusi gli artt. 13 e 14 del Regolamento (UE) 2016/679. Questa informativa riguarda esclusivamente www.rivoluzionedemocratica.it, dove non diversamente specificato.

Informativa privacy aggiornata il 07/10/2022 12:44
torna indietro leggi Privacy Policy per www.rivoluzionedemocratica.it
 obbligatorio
generic image refresh

cookie