19 Maggio 2024

"IL NUOVO ORDINE MONDIALE" di Paolo Bagnoli

26-03-2023 - EDITORIALE
La guerra è tornata e sembra che possa tornare ancora con un coinvolgimento ben più ampio rispetto a quello dovuto all’aggressione all’Ucraina da parte della Russia. Sempre più il conflitto in atto sembra predisporre il motivo di un maggiore tragico confronto armato al di là dello “specifico” russo-ucraino; la visita di Xi Jinping a Mosca lo ha messo sul tavolo. La definizione di un nuovo ordine mondiale è oramai al primo posto dell’agenda internazionale. Come drammaticamente ci insegna la storia, i nuovi ordini mondiali, da che mondo è mondo, si realizzano dopo un conflitto tra le parti in causa. Non averlo tenuto presente alla caduta del comunismo è uno di quegli errori che potremmo pagare caro: sicuramente, è stato un errore compiuto dall’Occidente. Si è superficialmente pensato che, uscita di scena una delle più terribili dittature che il mondo abbia conosciuto finalmente la democrazia, coi suoi buoni principi e i suoi valori, l’avesse avuta vinta una volta per tutte; che il mercato globalizzato ne costituisse l’emblema, che l’evoluzione del mondo verso la libertà fosse oramai inarrestabile. Si è trattato di un peccato di tragica superficialità che non ha tenuto conto, da un lato, della complessità del quadro mondiale e, dall’altro, che il comunismo sovietico non è caduto sconfitto dalla democrazia occidentale, ma per autodissoluzione. L'Occidente è stato a guardare. Tale atteggiamento – in un momento nel quale gli strumenti atlantici di difesa erano in fase di stanca – ha acceso la follia strategica di Putin spinto a rilanciare un disegno da sempre presente nello spirito di chi esercita il potere russo; ossia di fare della Russia una potenza preminente su un continente europeo geopoliticamente considerato nell’ampiezza che va dagli Urali all’Atlantico.

L’attacco all’Ucraina, di conseguenza ha rappresentato un passo quasi doveroso per impedire che, quanto ritenuto in ogni modo inscindibile dalla Russia, scivolasse verso il versante occidentale. In altri termini, che un luogo da sempre tutto dentro lo spirito culturale slavo e una concezione orientale del potere potesse divenire altro. A fronte di ciò l’Occidente si è mobilitato; gli Stati Uniti in testa, l’Europa al fianco, la Nato attore di sintesi e di prima linea. Lo spettro che lo scontro possa evolvere verso l’impiego delle armi nucleari più che una deterrenza pare un rischio concreto poiché ogni guerra si sa come inizia e mai come termina.

In Ucraina si gioca, quindi, una partita di grande portata. Fino a ora la Cina ha tenuto un atteggiamento di cautela. Il fatto che non abbia inviato armi a Mosca ne è la dimostrazione, ma politicamente è scesa ufficialmente in campo dicendo cosa persegue: un nuovo ordine mondiale. Quello uscito dal secondo conflitto mondiale è andato in crisi e poiché, o per una via o per un’altra, a un nuovo ordine prima o poi si arriverà, è chiaro che Pechino non lascerà che sia la Russia a fare da controparte agli Stati Uniti. Hanno ragione coloro che sostengono che se Cina e Usa trovano un accordo la guerra finisce. Xi, tuttavia, non può permettersi che Putin vinca, ma nemmeno che perda e quale possa essere il punto di caduta rimane un rebus. Non ci sarebbe da meravigliarsi se il notorio pragmatismo cinese riuscisse a individuare una ipotesi di soluzione su cui convenire essendo implicito che la Russia, partita per egemonizzare l’Europa, sia di fatto sotto la tutela cinese. Il nuovo ordine non può giocarsi a tre, potrebbe essere a quattro, se l’Europa fosse nelle condizioni di essere un interlocutore, il quale, nell’ambito dell’area occidentale, che non è in discussione, fosse anch’essa protagonista politica del riassetto mondiale. Così, però, non è per il semplice fatto che ne è impossibilitata avendo rinunciato a perseguire un grande disegno dei passi in avanti rispetto agli esordi sono stati compiuti rimanendo, però, bel lontana da quella conformazione politica che la metta nelle condizioni di alzare una voce politica autonoma e autorevole. Ciò significa, ipotizzando un nuovo ordine mondiale fondato sui pilastri rappresentati dalla Cina e dagli Usa, che come la Russia sarà di fatto subalterna alla prima l’Europa lo sarà ai secondi.

La Cina, temendo di essere dominata dagli Usa, ha iniziato con un protagonismo assai attivo un lavoro di penetrazione politica ed economica - gli affari sono sempre al primo posto - in diversificate aree del mondo. Lo sta facendo in Medio Oriente con l’accordo tra Teheran e Riad cui dovrebbe seguire entro l’anno il summit con i Paesi del Golfo. Con l’Iran, poi, ha appena concluso, partecipe anche la Russia, esercitazioni militari e ha ammesso Teheran nell’Organizzazione per la Cooperazione di Shanghai; anche qui Mosca è presente e sta valutando l’idea di far entrare anche l’Arabia Saudita. Così, al di là dell’aspetto di partner economico si sta configurando come partner di sicurezza della regione centro-asiatica pure per quelli Stati già sovietici che guardano a Mosca sempre con meno fiducia. Lo fa soprattutto in Africa. Negli ultimi anni ha elargito a vari Paesi più di 160 miliardi di dollari; un po’ dappertutto società cinesi hanno acquistato miniere di litio, praticamente tutte quelle dello Zimbabwe come pure quelle d’oro nella Repubblica Centroafricana ove anche la presenza sovietica è piuttosto massiccia.

Fuori dall’Africa, nel Sud est asiatico, continua a investire in Pakistan e corteggia l’Indonesia, rivaleggiando con gli Usa, per la sua posizione strategica. Infatti, dallo Stretto di Malacca passano grande parte delle forniture energetiche della Cina. Nell’America latina, da tempo, ha coinvolto l’Argentina nella Via della Seta ed è in procinto di vendere a Buenos Aires aerei caccia; Lula sta per recarsi a Pechino poiché la Cina è il primo partner affaristico del Brasile. Inoltre, ha provocato la rottura dei rapporti diplomatici dell’Honduras con Taiwan così come aveva fatto con El Salvador, Panama e Nicaragua. Insomma, dove arriva, porta l’idea che non esiste solo una modernizzazione di tipo occidentale, ma che essa ne rappresenta una ben più avanzata; che non esiste, cioè, un modello unico – quello americano – ma anche uno cinese.

In Africa, non va dimenticato, quanto forte sia pure il protagonismo russo: un terreno adatto per impostare il nuovo ordine mondiale. In Africa, Cina e Russia procedono affiancate; per esempio, qualche mese fa, la flotta del Sud Africa ha fatto esercitazioni con le marine della Russia e della Cina. La Russia, avvalendosi dei vecchi legami nati al tempo dell’Unione Sovietica, ha recuperato uno spazio che lega Libia, Mali, Burkina Faso e Sudan; si sta muovendo verso la Costa d’Avorio e spera di riuscire a penetrare in Ciad. Se il disegno si compisse basta guardare una carta geografica per capire come i russi potrebbero controllare, spezzandolo in due, il continente africano dal Mar Rosso fino al Golfo di Guinea.

Si è detto della Cina e della Russia in Africa ove agiscono senza danneggiarsi a vicenda; però, se si pensa che i cinesi investono grandi somme di denaro in Etiopia, Kenia e Angola si comprende che anche in Africa il nuovo ordine mondiale ha la stessa postura che Xj propone in generale; nel caso africano tramite un nuovo colonialismo.

Una partita complessa per gli Usa; certo che la Nato, a seguito della guerra, si è rafforzata e il fronte con l’Unione Europea e i Paesi alleati del Pacifico quali Giappone, Corea del Sud e Australia è ben saldo, ma ci sembra che l’aspetto militare prevalga su quello politico e su quello economico, mai così intrecciati come in questo momento. Ci domandiamo se non sarebbe il caso che l’insieme dei Paesi liberal-democratici aprissero un serio confronto per rimodulare il concetto stesso di Occidente non considerandolo solo in termini di difesa militare, ma avendo a riferimento centrale di riflessione la sostanza dell’essere democratici oggi – operazione utile vista la crisi in cui versa la democrazia nei Paesi liberi ed economicamente sviluppati – per ripensare cosa implichi la “pace” quale concetto politico.

Senza grandi idee e alti ideali il mondo non si cambia. Se si dà per scontato che siano i fatti ad acchiappare il pensiero, la politica si riduce ad affarismo, mercatismo, manipolazione e sfruttamento. In tal caso si finisce per riconfermare la tragedia della storia per cui i nuovi ordini del mondo scaturiscono solo dai conflitti. Oggi, però, a differenza del passato, con le armi nucleari l’uomo, prima del nemico, distrugge se stesso.




Link
[]
L'AVVENIRE DEI LAVORATORI
Periodico socialista fondato 1897.
[]
IL PONTE RIVISTA
Rivista di politica economica e cultura
fondata da Calamandrei
[]
BIBLION EDITORE
Biblion Edizioni, storica casa editrice.
[]
CRITICA LIBERALE - NON MOLLARE
"NON MOLLARE"
Quindicinale on line di Critica Liberale,
la voce del liberalismo progressista in Italia.





Nuova Serie
"La Rivoluzione Democratica"
1, MARZO 2017
Associazione Alleanza Giellista
[]

Realizzazione siti web www.sitoper.it
invia a un amico
icona per chiudere
Attenzione!
Non puoi effettuare più di 10 invii al giorno.
Privacy Policy per www.rivoluzionedemocratica.it
Il sito web www.rivoluzionedemocratica.it raccoglie alcuni dati personali degli utenti che navigano sul sito web.

In accordo con l'impegno e l'attenzione che poniamo ai dati personali e in accordo agli artt. 13 e 14 del EU GDPR, www.rivoluzionedemocratica.it fornisce informazioni su modalità, finalità, ambito di comunicazione e diffusione dei dati personali e diritti degli utenti.

Titolare del trattamento dei dati personali
La Rivoluzione Democratica
Via Circondaria, 56
55045 - Firenze Italia


Email: info @rivoluzionedemocratica.it
Telefono: 3934324237

Tipi di dati acquisiti
www.rivoluzionedemocratica.it raccoglie dati degli utenti direttamente o tramite terze parti. Le tipologie di dati raccolti sono: dati tecnici di navigazione, dati di utilizzo, email, nome, cognome, numero di telefono, provincia, nazione, cap, città, indirizzo, ragione sociale, stato, cookie e altre varie tipologie di dati. Maggiori dettagli sui dati raccolti vengono forniti nelle sezioni successive di questa stessa informativa.
I dati personali sono forniti deliberatamente dall'utente tramite la compilazione di form, oppure, nel caso di dati di utilizzo, come ad esempio i dati relativi alle statistiche di navigazione, sono raccolti automaticamente navigando sulle pagine di www.rivoluzionedemocratica.it.

I dati richiesti dai form sono divisi tra obbligatori e facoltativi; su ciascun form saranno indicate distintamente le due tipologie. Nel caso in cui l'utente preferisca non comunicare dati obbligatori, www.rivoluzionedemocratica.it si riserva il diritto di non fornire il servizio. Nel caso in cui l'utente preferisca non comunicare dati facoltativi, il servizio sarà fornito ugualmente da www.rivoluzionedemocratica.it .

www.rivoluzionedemocratica.it utilizza strumenti di statistica per il tracciamento della navigazione degli utenti, l'analisi avviene tramite log. Non utilizza direttamente cookie ma può utilizzare cookie includendo servizi di terzi.

Ciascun utilizzo di cookie viene dettagliato nella Cookie Policy (https://www.rivoluzionedemocratica.it/Informativa-sui-cookies.htm) e successivamente in questa stessa informativa.
L'utente che comunichi, pubblichi, diffonda, condivida o ottenga dati personali di terzi tramite www.rivoluzionedemocratica.it si assume la completa responsabilità degli stessi. L'utente libera il titolare del sito web da qualsiasi responsabilità diretta e verso terzi, garantendo di avere il diritto alla comunicazione, pubblicazione, diffusione degli stessi. www.rivoluzionedemocratica.it non fornisce servizi a minori di 18 anni. In caso di richieste effettuate per minori deve essere il genitore, o chi detiene la patria potestà, a compilare le richieste dati.

Modalità, luoghi e tempi del trattamento dei dati acquisiti
Modalità di trattamento dei dati acquisiti
Il titolare ha progettato un sistema informatico opportuno a garantire misure di sicurezza ritenute adatte ad impedire l'accesso, la divulgazione, la modifica o la cancellazione non autorizzata di dati personali. Lo stesso sistema effettua copie giornaliere, ritenute sufficientemente adeguate in base alla importanza dei dati contenuti.

L'utente ha diritto a ottenere informazioni in merito alle misure di sicurezza adottate dal titolare per proteggere i dati.

Accessi ai dati oltre al titolare
Hanno accesso ai dati personali raccolti da www.rivoluzionedemocratica.it il personale interno (quale ad esempio amministrativo, commerciale, marketing, legale, amministratori di sistema) e/o soggetti esterni (quali ad esempio fornitori di servizi informatici terzi, webfarm, agenzie di comunicazione, fornitori di servizi complementari). Se necessario tali strutture sono nominate dal titolare responsabili del trattamento.

L'utente può richiedere in qualsiasi momento al titolare del trattamento, l'elenco aggiornato dei responsabili del trattamento.

Comunicazione di eventuali accessi indesiderati al Garante della Privacy
Il suddetto sistema informatico è monitorato e controllato giornalmente da tecnici e sistemisti. Ciò non toglie che, anche se ritenuta possibilità remota, ci possa essere un accesso indesiderato. Nel caso in cui questo si verifichi il titolare si impegna, come da GDPR ad effettuarne comunicazione al Garante della Privacy entro i termini previsti dalla legge.

Luoghi di mantenimento dei dati acquisiti
I dati personali sono mantenuti e trattati nelle sedi operative e amministrative del titolare, nonché nelle webfarm dove risiedono i server che ospitano il sito web www.rivoluzionedemocratica.it, o sui server che ne effettuano le copie di sicurezza. I dati personali dell'utente possono risiedere in Italia, Germania e Olanda, comunque in nazioni della Comunità Europea. I dati personali dell'utente non vengono mai portati o copiati fuori dal territorio europeo.

Tempi di mantenimento dei dati acquisiti
Nel caso di dati acquisiti per fornire un servizio all'utente, (sia per un servizio acquistato che in prova) i dati vengono conservati per 24 mesi successivi al completamento del servizio. Oppure fino a quando non ne venga revocato il consenso.

Nel caso in cui il titolare fosse obbligato a conservare i dati personali in ottemperanza di un obbligo di legge o per ordine di autorità, il titolare può conservare i dati per un tempo maggiore, necessario agli obblighi.

Al termine del periodo di conservazione i dati personali saranno cancellati. Dopo il termine, non sarà più possibile accedere ai propri dati, richiederne la cancellazione e la portabilità.

Base giuridica del trattamento dei dati acquisiti
Il titolare acquisisce dati personali degli utenti nei casi sotto descritti.
Il trattamento si rende necessario:
- se l'utente ha deliberatamente accettato il trattamento per una o più finalità;
- per fornire un preventivo all'utente;
- per fornire un contratto all'utente;
- per fornire un servizio all'utente;
- perché il titolare possa adempiere ad un obbligo di legge;
- perché il titolare possa adempiere ad un compito di interesse pubblico;
- perché il titolare possa adempiere ad un esercizio di pubblici poteri;
- perché il titolare o terzi possano perseguire i propri legittimi interessi.

L'utente può richiedere in qualsiasi momento al titolare del trattamento, chiarimenti sulla base giuridica di ciascun trattamento.

Finalità del trattamento dei dati acquisiti
I dati dell'utente sono raccolti dal titolare per le seguenti finalità:

- richiesta informazione da parte dell'utente
- richiesta informazione per servizi
- invio di aggiornamenti
- invio informazioni generiche
- richiesta di contatto da parte dei clienti, per ricevere informazioni

Eventualmente i dati possono essere trattati anche per:
contattare l'utente, statistiche, analisi dei comportamenti degli utenti e registrazione sessioni, visualizzazione contenuti e interazione di applicazioni esterne, protezione dallo spam, gestione dei pagamenti, interazione con social network, pubblicità.

L'utente può richiedere in qualsiasi momento al titolare del trattamento, chiarimenti sulle finalità di ciascun trattamento.

Dettagli specifici sull'acquisizione e uso dei dati personali
Per contattare l'utente
Moduli di contatto
L'utente può compilare il/i moduli di contatto/richiesta informazioni, inserendo i propri dati e acconsentendo al loro uso per rispondere alle richieste di natura indicata nella intestazione del modulo.
Dati personali che potrebbero essere raccolti: CAP, città, cognome, email, indirizzo, nazione, nome, numero di telefono, provincia, ragione sociale.

Per interazione con applicazioni esterne (anche social network)
www.rivoluzionedemocratica.it include nelle sue pagine plugin e/o pulsanti per interagire con i social network e/o applicazioni esterne.
Per quanto riguarda i social network, anche se l'utente non utilizza il servizio presente sulla pagina web, è possibile che il servizio acquisisca dati di traffico.

I dati acquisiti e l'utilizzo degli stessi da parte di servizi terzi sono regolamentati dalle rispettive Privacy Policy alle quali si prega di fare riferimento.

Facebook: Pulsante "Mi piace" e widget sociali
Fornitore del servizio: Meta Platforms Ireland Limited.
Finalità del servizio: interazione con il social network Facebook
Dati personali raccolti: cookie, dati di utilizzo
Luogo del trattamento: Stati Uniti e in altri Paesi
Privacy Policy (https://www.facebook.com/privacy/policy)

Twitter: Pulsante "Tweet" e widget sociali
Fornitore del servizio: Twitter, Inc.
Finalità del servizio: interazione con il social network Twitter
Dati personali raccolti: cookie, dati di utilizzo
Luogo del trattamento: Stati Uniti
Privacy Policy (https://twitter.com/privacy)
Cookie utilizzati (https://help.twitter.com/it/rules-and-policies/twitter-cookies)
Aderente al Privacy Shield

Whatsapp: Pulsante Whatsapp e widget sociali di Whatsapp
Fornitore del servizio: se l'utente risiede nella Regione Europea, WhatsApp Ireland Limited, se l'utente risiede al di fuori della Regione Europea, i Servizi vengono forniti da WhatsApp LLC.
Finalità del servizio: servizi di interazione con Whatsapp.
Dati personali raccolti: cookie, dati di utilizzo
Luogo del trattamento: Irlanda, le informazioni potrebbero essere trasferite o trasmesse o archiviate e trattate negli Stati Uniti o in altri Paesi terzi al di fuori di quello in cui l'utente risiede.
Privacy Policy (https://www.whatsapp.com/legal/privacy-policy-eea)
Aderente al Privacy Shield

Per statistiche
Questi servizi sono utilizzati dal titolare del trattamento per analizzare il traffico effettuato dagli utenti sul sito web www.rivoluzionedemocratica.it.

I dati acquisiti e l'utilizzo degli stessi da parte di servizi terzi sono regolamentati dalle rispettive Privacy Policy alle quali si prega di fare riferimento.

Per visualizzare contenuti da siti web esterni
Questi servizi sono utilizzati per visualizzare sulle pagine del sito web contenuti esterni al sito web, con possibilità di interazione.
Anche se l'utente non utilizza il servizio presente sulla pagina web, è possibile che il servizio acquisisca dati di traffico.

I dati acquisiti e l'utilizzo degli stessi da parte di servizi terzi sono regolamentati dalle rispettive Privacy Policy alle quali si prega di fare riferimento.

Diritti dell'interessato
L'utente possiede tutti i diritti previsti dall'art. 12 del EU GDPR, il diritto di controllare, modificare e integrare (rettificare), cancellare i propri dati personali accedendo alla propria area riservata. Una volta cancellati tutti i dati, viene chiuso l'account di accesso all'area riservata.

Nello specifico ha il diritto di:
- sapere se il titolare detiene dati personali relativi all'utente (art. 15 Diritto all'accesso);
- modificare o integrare (rettificare) i dati personali inesatti o incompleti (Art. 16 Diritto di rettifica);
- richiedere la cancellazione di uno o parte dei dati personali mantenuti se sussiste uno dei motivi previsti dal GDPR (Diritto alla Cancellazione, 17);
- limitare il trattamento solo a parte dei dati personali, o revocarne completamente il consenso al trattamento, se sussiste uno dei motivi previsti dal Regolamento (Art. 18 Diritto alla limitazione del trattamento);
- ricevere copia di tutti i dati personali in possesso del titolare, in formato di uso comune organizzato, e leggibili anche da dispositivo automatico (Art. 20, Diritto alla Portabilità);
- opporsi in tutto o in parte al trattamento dei dati per finalità di marketing, ad esempio opporsi e ricevere offerte pubblicitarie (art. 21 Diritto di opposizione). Si fa presente agli utenti che possono opporsi al trattamento dei dati utilizzati per scopo pubblicitario, senza fornire alcuna motivazione;
- opporsi al trattamento dei dati in modalità automatica o meno per finalità di profilazione (c.d. Consenso).

Come un utente può esercitare i propri diritti
L'utente può esercitare i propri diritti sopra esposti comunicandone richiesta al titolare del trattamento La Rivoluzione Democratica ai seguenti recapiti: info@rivoluzionedemocratica.it; tel. 3312300680.

La richiesta di esercitare un proprio diritto non ha nessun costo. Il titolare si impegna ad evadere le richieste nel minor tempo possibile, e comunque entro un mese.

L'utente ha il diritto di proporre reclamo all'Autorità Garante per la Protezione dei dati Personali. Recapiti: garante@gpdp.it, http://www.gpdp.it (http://www.gpdp.it).

Cookie Policy
Informazioni aggiuntive sul trattamento dei dati
Difesa in giudizio
Nel caso di ricorso al tribunale per abuso da parte dell'utente nell'utilizzo di www.rivoluzionedemocratica.it o dei servizi a esso collegati, il titolare ha la facoltà di rivelare i dati personali dell'utente. È inoltre obbligato a fornire i suddetti dati su richiesta delle autorità pubbliche.

Richiesta di informative specifiche
L'utente ha diritto di richiedere a www.rivoluzionedemocratica.it informative specifiche sui servizi presenti sul sito web e/o la raccolta e l'utilizzo dei dati personali.

Raccolta dati per log di sistema e manutenzione
www.rivoluzionedemocratica.it e/o i servizi di terze parti (se presenti) possono raccogliere i dati personali dell'utente, come ad esempio l'indirizzo IP, sotto forma di log di sistema. La raccolta di questi dati è legata al funzionamento e alla manutenzione del sito web.

Informazioni non contenute in questa policy
L'utente ha diritto di richiedere in ogni momento al titolare del trattamento dei dati le informazioni aggiuntive non presenti in questa Policy riguardanti il trattamento dei dati personali. Il titolare potrà essere contattato tramite gli estremi di contatto.

Supporto per le richieste "Do Not Track"
Le richieste  "Do Not Track" non sono supportate da www.rivoluzionedemocratica.it.
L'utente è invitato a consultare le Privacy Policy dei servizi terzi sopra elencati per scoprire quali supportano questo tipo di richieste.

Modifiche a questa Privacy Policy
Il titolare ha il diritto di modificare questo documento avvisando gli utenti su questa stessa pagina oppure, se previsto, tramite i contatti di cui è in possesso. L'utente è quindi invitato a consultare periodicamente questa pagina. Per conferma sull'effettiva modifica consultare la data di ultima modifica indicata in fondo alla pagina.
Il titolare si occuperà di raccogliere nuovamente il consenso degli utenti nel caso in cui le modifiche a questo documento riguardino trattamenti di dati per i quali è necessario il consenso.

Definizioni e riferimenti legali
Dati personali (o dati, o dati dell'utente)
Sono dati personali le informazioni che identificano o rendono identificabile, direttamente o indirettamente, una persona fisica e che possono fornire informazioni sulle sue caratteristiche, le sue abitudini, il suo stile di vita, le sue relazioni personali, il suo stato di salute, la sua situazione economica, ecc.

Fonte: sito web del Garante della Privacy (http://www.garanteprivacy.it).

Dati di utilizzo
Sono dati di utilizzo le informazioni che vengono raccolte in automatico durante la navigazione di www.rivoluzionedemocratica.it, sia da sito web stesso che dalle applicazioni di terzi incluse nel sito. Sono esempi di dati di utilizzo l'indirizzo IP e i dettagli del dispositivo e del browser (compresi la localizzazione geografica) che l'utente utilizza per navigare sul sito, le pagine visualizzate e la durata della permanenza dell'utente sulle singole pagine.

Utente
Il soggetto che fa uso del sito web www.rivoluzionedemocratica.it.
Coincide con l'interessato, salvo dove diversamente specificato.

Interessato
Interessato è la persona fisica al quale si riferiscono i dati personali. Quindi, se un trattamento riguarda, ad esempio, l'indirizzo, il codice fiscale, ecc. di Mario Rossi, questa persona è l'interessato (articolo 4, paragrafo 1, punto 1), del Regolamento UE 2016/679 (http://www.garanteprivacy.it/regolamentoue).

Fonte: sito web del Garante della Privacy (http://www.garanteprivacy.it).

Responsabile del trattamento (o responsabile)
Responsabile è la persona fisica o giuridica al quale il titolare affida, anche all'esterno della sua struttura organizzativa, specifici e definiti compiti di gestione e controllo per suo conto del trattamento dei dati (articolo 4, paragrafo 1, punto 8), del Regolamento UE 2016/679 (http://www.garanteprivacy.it/regolamentoue). Il Regolamento medesimo ha introdotto la possibilità che un responsabile possa, a sua volta e secondo determinate condizioni, designare un altro soggetto c.d. "sub-responsabile" (articolo 28, paragrafo 2).

Fonte: sito web del Garante della Privacy (http://www.garanteprivacy.it).

Titolare del trattamento (o titolare)
Titolare è la persona fisica, l'autorità pubblica, l'impresa, l'ente pubblico o privato, l'associazione, ecc., che adotta le decisioni sugli scopi e sulle modalità del trattamento (articolo 4, paragrafo 1, punto 7), del Regolamento UE 2016/679 (http://www.garanteprivacy.it/regolamentoue).

Fonte: sito web del Garante della Privacy (http://www.garanteprivacy.it).

www.rivoluzionedemocratica.it (o sito web)  
Il sito web mediante il quale sono raccolti e trattati i dati personali degli utenti.

Servizio
Il servizio offerto dal sito web www.rivoluzionedemocratica.it come indicato nei relativi termini.

Comunità Europea (o UE)
Ogni riferimento relativo alla Comunità Europea si estende a tutti gli attuali stati membri dell'Unione Europea e dello Spazio Economico Europeo, salvo dove diversamente specificato.

Cookie
Dati conservati all'interno del dispositivo dell'utente.

Riferimenti legali
La presente informativa è redatta sulla base di molteplici ordinamenti legislativi, inclusi gli artt. 13 e 14 del Regolamento (UE) 2016/679. Questa informativa riguarda esclusivamente www.rivoluzionedemocratica.it, dove non diversamente specificato.

Informativa privacy aggiornata il 07/10/2022 12:44
torna indietro leggi Privacy Policy per www.rivoluzionedemocratica.it
 obbligatorio
generic image refresh

cookie