25 Febbraio 2024

"IL MARCHESE DEL GRILLO S’È SVEJATOOO!"

"Loro hanno la maggioranza in Parlamento ma non hanno la maggioranza nel Paese, perché i numeri parlano chiaro: 12,5 milioni di persone hanno votato questo Governo, ma ce ne sono 18 milioni che a votare non sono andate e altre 15 milioni che hanno votato altre forze politiche. Noi abbiamo bisogno di rappresentarli e di batterci perché questo cambiamento ci sia". Parole sante, dette da Landini. Il quale poi, nella foga comiziale di piazza del Popolo, si è scoperto pure fine costituzionalista e politologo discettando di riforme costituzionali ed elettorali e – lasciando da parte il gergo che, da buon comunista, aveva usato per anni sostituendo l’orrenda parola nazione con ‘paese’, più confacente alla sua cultura ‘democratica’ – si è addirittura proclamato ‘difensore della nazione’. Forse vuole fare concorrenza alla Meloni? O è solo un aspirante al ‘peronismo’ che porta in piazza non i ‘descamisados’ bensì gli ‘incamiciati’ rossi e blu che non si vedevano da anni: una vera e propria fioritura di settarismo. La CGIL e la sua caudataria UIL, che va all’attacco con ‘bombardieri’ obsoleti, fanno le veci del Parlamento, anzi del popolo stesso: non si capisce però perché questo nobile impulso non lo abbiano sentito quando al governo vi erano altre minoranze (leggi il PD): forse perché queste avevano ricevuto l’investitura dall’alto di un colle romano dove dicono risieda la ‘saggezza’?

Il governo Meloni s’era appena insediato e già il 13 novembre dell’anno scorso, il sindacato landiniano lo aveva accolto con questo grido di guerra e, davanti alla telecamera dell’Annunziata martire, la sua amica scodinzolante nel suo ultimo sussulto televisivo, il segretario cgiellino spiegò che «uno sciopero generale non risolve tutti i problemi … Occorre ricominciare a fare leggi che mettono vincoli sociali al mercato … Il mio compito non è quello di unire la sinistra».

No. Questo non ce lo doveva dire, non ci doveva deludere: a che serve se non è una ‘cinghia di trasmissione’? Landini ‘s’è desto’ e non s’è trovato da solo; a tirare le tende e ad aprire i balconi c’erano gli operosi zappatori del ‘campo largo’, sia pure ancora da ‘catastare’: pare infatti che le ammucchiate predilette dalla Schlein funzionino assai poco come dimostrò per primo l’aperitivo ‘sprecato’ nel bar di Campobasso. TORNA SU Da questo punto di vista, possiamo dire che la collezione di harakiri della sinistra sia cominciata già fin dalle primissime settimane di vita del governo Meloni. Dopo il giuramento, il governo aveva pochissimi giorni per approvare una manovra economica – già definita nelle linee generali dal governo Draghi – che consentisse di far pesare di meno sui cittadini il rincaro delle bollette energetiche e comunque di mantenere i conti dello Stato in ordine senza cadere nel pericolosissimo esercizio provvisorio. L'opposizione avrebbe avuto modo di portare in Parlamento alcune proposte per stimolare il governo e migliorare ulteriormente la legge di bilancio invece si unì alla Cgil contro la finanziaria 2023: «Sciopero generale!». Anche quest’anno, ancor prima che la legge finanziaria 2024 venisse concepita, Landini e c. hanno decretato lo sciopero, che il suo principale patron ha avuto, bontà sua, l’ardire di comparare con gli scioperi del 1943!

Anche quest’anno con il grido di guerra è stata lanciata la minaccia forte e chiara di un ‘autunno caldissimo’. A fronte di una nuova manovra di bilancio – stretta tra gli alti interessi sul debito pubblico e le intelligenti misure del governo 5S-PD che inventò il super bonus da 130 miliardi – l’opposizione sindacale e parlamentare promette una resistenza senza tregua.

L’accusa al governo è quella, molto seria e grave, di avere fatto una manovra pidocchiosa che non risolve il problema della sanità pubblica né quello delle residenze universitarie né, tantomeno, quelli dei salari bassi o delle pensioni minime, etc.; tutti problemi reali e che ci trasciniamo da anni: solo che il sindacato è stato quasi silente sotto i precedenti governi e non ha battuto ciglio né ha contestato le misure decretate dal governo PD-5S che hanno devastato l’erario.

«L’introduzione del salario minimo potrebbe favorire una fuoriuscita dall’applicazione dei contratti collettivi nazionali del lavoro rivelandosi così uno strumento per abbassare salari e tutele delle lavoratrici e dei lavoratori».

Lo ha detto Giorgia Meloni in persona?

Ma no. A dirlo era stato Maurizio Landini che, divenuto ‘segretario’ tutto d’un pezzo del sindacato della CGIL, il 12 marzo 2019 s’affrettò a depositare una memoria in commissione Lavoro al Senato per sottolineare i "pericoli" intrinseci in una paga minima oraria fissata per legge; una memoria in cui si può leggere, con profitto se non con diletto, che «il rischio di abbassare i salari diviene maggiormente concreto stante la diffusa struttura di piccole e micro imprese presenti nel tessuto economico italiano e la natura della validità della contrattazione collettiva nel nostro Paese … Con l’introduzione del salario minimo legale rischiamo che un numero non marginale di aziende possano, appunto, disapplicare il Ccnl di riferimento (semplicemente non aderendo a nessuna associazione di categoria), per adottare il solo salario minimo e mantenere "ad personam" … senza dover erogare né il salario accessorio né rispettare le tutele normative che il Ccnl garantisce. La struttura dell’economia italiana e le caratteristiche di molte piccole e micro imprese rischiano di favorire in misura esponenziale una vera e propria diaspora dalla contrattazione nazionale».


Qui ci sarebbe da pensare – ma non lo facciamo per non apparire maligni – che la prima preoccupazione del sindacato non sia il salario dei lavoratori quanto, piuttosto, il modo in cui questo viene fissato; forse il sindacato teme che, fissandolo per legge, il suo potere ne soffra e agita ora la bandierina del ‘salario minimo’ solo per attaccare l’attuale governo e non perché creda che sia la ricetta giusta.

A far cambiare idea alla CGIL di Landini, sul salario minimo o sul sistema sanitario in Italia, non è stata l’alta strategia politica e la sensibilità sociale di Schlein; è bastato l’insediamento del governo Meloni. A quel punto, l’anno scorso, gli oppositori dovettero pensare a una strategia nuova che incorporasse la lotta in difesa della sanità pubblica e del salario minimo nella lotta antifascista. A tutti i costi, con qualsiasi argomento bisognava arrotare le armi per resistere, resistere, resistere. Passando al tema della sanità (SSN), quando Landini s’è destato, a tirare le tende c’era la Schlein, nello stesso giorno miracolosamente ubiqua, a Piazza del Popolo a Roma in difesa della sanità pubblica e a Milano per l’orgoglio gay. Elly è andata giù dura: «Oggi abbiamo letto le preoccupazioni che emergono da un rapporto della Corte dei Conti sulla situazione della sanità pubblica in 14 regioni. Il Pd sin dalla prima manovra denuncia che questo governo non mettendo i fondi alle regioni, soprattutto per i costi affrontati per il Covid ma anche per i rincari dovuti all'inflazione, sta già tagliando la sanità pubblica e quindi avvantaggiando quella privata. È una scelta di campo perché quando non metti le risorse per accorciare le liste d'attesa e per non far mancare il personale negli ospedali e nei Pronto soccorso, sta scegliendo di tagliare i servizi a cittadine e cittadini. Noi ci batteremo con forza per dire che la sanità pubblica deve essere finanziata maggiormente: bisogna progettare la sanità del futuro e il Pd continuerà a battersi in questa direzione». E c’era Conte, ancora assonnato dopo gli anni di letargo trascorsi a presiedere l’alto Consiglio, che non è stato da meno: «Non accetteremo che la sanità continui a fare la Cenerentola. Stiamo tornando ai momenti peggiori del passato. Sembra che questo governo non abbia tratto nessuna lezione dalla pandemia. Lo stiamo vedendo anche con i fondi Pnrr che rischiano di non poter essere spesi. Siamo qui per ribadire la centralità del SSN e per dire che non accetteremo altri tagli».
Conte non ha chiarito se si tratti di ‘altri tagli’ oltre quelli fatti dal suo governo (ben 2 miliardi + 1): come ha documentato la Fondazione GIMBE, dal governo Monti (2011) in poi il finanziamento annuo del SSN è diminuito in media di 0,6 punti in rapporto al PIL vale a dire di circa 40 miliardi in 10 anni.

A fare i conti c’era pure ‘La Repubblica’ che, forte delle sue indiscusse capacità di calcolo, ha addebitato, correttamente come al solito, tutto al governo Meloni partendo dalle misere ‘briciole’ aggiunte ai 126 miliardi per il SSN nella legge finanziaria del prossimo anno. A che servono, si chiede il ‘glorioso’ giornale’ ex-scalfariano, solo 2 miliardi? Non bastano nemmeno a coprire l’inflazione!

È vero. Ma non si aggiunge che le casse dello Stato sono state vuotate dalle misure generose come il super bonus 110% inventato dal governo Conte 2, dalle guerre in corso, dai tassi d’interesse della BCE.

Finalmente è stato trovato il colpevole, o meglio il ‘capro’, e l’atto d’accusa è stato formulato inappellabilmente contro il governo di Giorgia Meloni: «Lunghissime liste di attesa, Pronto Soccorso allo stremo, medici di medicina generale assenti in molte aree del paese, massiccio ricorso alle cure del privato (con relativo esborso dalle tasche dei cittadini) per far fronte al deserto sanitario del pubblico, generale sotto-finanziamento del Servizio Sanitario Nazionale, interi settori – dalla Salute Mentale all'assistenza agli anziani – abbandonati a se stessi».
Per essere più preciso e incisivo, Landini nel suo atto d’accusa ha sciorinato una grande cultura scomodando pure Darwin: «Il governo Meloni definanzia la sanità pubblica e usa la sanità privata per dare e togliere cioè per praticare darwinianamente una precisa distribuzione del reddito all’insegna dell’iniquità. La misura relativa al cuneo fiscale quantificata in 3 mld, conferma l’idea di affidare al reddito la funzione di selezionare darwinianamente i bisogni di salute della nostra popolazione; è palesemente la foglia di fico per nascondere l’indecenza di politiche apertamente contro i diritti e apertamente a favore dei più forti, non dei più deboli». Poi Landini ha aggiunto i suoi rimedi programmatici: «Abbiamo bisogno di investire e di non perdere neanche un euro del PNRR, di fare assunzioni e di garantire i servizi sul territorio».

Sono tutti dati e problemi reali e preoccupanti: secondo Landini, la progressiva riduzione del numero di medici e infermieri, essendo in corso da almeno venti anni, va tutta addebitata all’attuale governo. Bisogna però che qualcuno ricordi a Landini e Schlein che, in effetti, una delle cause di questa scarsità è stata l’introduzione del numero chiuso nelle Università (L. 264/1999) risalente dunque all’epoca dei gloriosi governi olivicoli del centrosinistra e giustificata dalla necessità (reale ed emergenziale) di proporzionare la formazione di medici e infermieri alla capacità delle nostre strutture di istruzione superiore, a quel tempo del tutto insufficienti. Scelta poi ulteriormente perfezionata con la cura dimagrante dei servizi ospedalieri prescritta dal senatore a vita Monti.

Ma, da allora, se non fosse stato per lo sviluppo di università private, poco o nulla è stato fatto per incrementare l’offerta formativa. Da allora, nulla è stato più fatto in termini di riequilibrio territoriale delle strutture pubbliche della sanità: i posti letto sono diminuiti di parecchie migliaia e la modernizzazione stenta ad arrivare oltre Eboli. A questo proposito forse la storia può aiutarci a capire meglio la situazione: fino a qualche decennio fa, in Calabria non vi erano le strutture formative necessarie né gli ospedali altamente specializzati che ne sono lo strumento. Dunque vi è un gap centenario che bisogna recuperare e certamente non lo si fa in sei mesi, in un anno e nemmeno in due a prescindere dalle risorse impiegate né – come vorrebbero Schlein e Landini – con una crociata contro la sanità privata che, spesso, si è rivelata decisiva in molti settori e regioni per colmare le lacune della sanità pubblica, spesso supercostosa ma inefficiente.

Naturalmente, l’opposizione all’autonomia differenziata è uno dei cavalli di battaglia dell’armata Landini – favorevole al centralismo democratico’ di sovietica memoria – che accusa i sostenitori di volere ‘spaccare l’Italia e introdurre nuove diseguaglianze’: anche in questo caso dobbiamo ricordare a Schlein e Landini che, a inventare l’autonomia differenziata, è stato il loro PD con la riforma del Titolo V della Costituzione, che è del 2001.

Lo ‘showdown’ finale si è avuto a metà novembre quando Landini ha fatto di tutto per farsi precettare da Salvini: era questo l’unico fine reale dello sciopero, cioè fare suonare la grancassa – che ci ha assordato per giorni e giorni soprattutto da alcuni schermi tv e prime pagine di giornali ‘autorevoli’ – contro il governo ‘autoritario’ o peggio, naturalmente sottacendo che la legge che regola gli scioperi nei servizi pubblici essenziali è del 1990.

Forse per parare la paventata scalata di Landini all’agognato ‘campo largo’, Romano Prodi, nella sua recente ‘omelia’ predicata nel contro-Atreju indetto da Schlein, ha designato Elly quale federatore/trice della sinistra nella speranza di riprendersi «i 6 milioni di voti persi in 15 anni e trovare una nuova strada per costruire un rapporto forte con la società». Non so se dicesse sul serio ma non disperi: anche se Elly fallisse, il PD ha altre risorse nei due presìdi saldamente tenuti, uno di fronte all’altro, sul colle più alto.

Certo, ad essere generosi, la Schlein potrà concepire qualche idea solo prendendo un utero in affitto: il dibattito politico da lei promosso è bensì del tutto degno dell’Accademia della Crusca con le diatribe infinite sulle parole (senatore o senatrice?), sul galateo, sui ‘palchi reali’, ma è anche del tutto sterile. È per questo che Elly si è appropriata, con destrezza, di una geniale dottrina criminologica che – in occasione dell’assassinio di Giulia – la sorella della vittima, pur sconvolta dall’orrendo crimine, ha formulato con freddezza scientifica trovando la causa di tali delitti: «I mostri non sono malati, sono figli sani del patriarcato, della cultura dello stupro». È il ‘patriarcato’ che insegna lo stupro e «legittima ogni comportamento che va a ledere la figura della donna!».

Può darsi. Ma temo che credesse di trovarsi tra i talebani o tra i pasdaran.

Elly, a sua volta, ha avuto l’altrettanto geniale idea di ’buttare in politica’ l’assassinio della povera Giulia e il patriarcato e, da quando siamo stati illuminati da questa geniale scoperta, non c’è progressista che non parli di patriarcato: alla ‘segretaria democratica’ – che si è pure dichiarata disposta a rinunciare al conflitto con Valditara pur di regalare alle scuole italiane un ‘corso di affettività e controcultura sessuale secondo Schlein’ – non è parso vero di poter avere finalmente un’idea da spendere e un atout da giocare alle prossime elezioni europee: c’è da scommettere che per la brillante criminologa autodidatta che ispira la Schlein si apra ora la strada verso Bruxelles.

Tutti vogliono cambiare la ‘cultura dei padri’ che, se responsabile di tale violenza ‘di genere’, va certamente combattuta e sconfitta: non importa se occorrerà qualche secolo (non sono bastati duemila anni di cristianesimo come non basterà qualche insegnamento nelle scuole) né importa se dovremo convertire anche le falangi di immigrati, ora ‘accolti’ come una ‘risorsa’ per il nostro welfare futuro ma che spesso nutrono idee tali da far rimpiangere il patriarcato.

Nessuno invece parla della necessità di cambiare anche gli ‘stili di vita’ dei figli, aperti a ogni genere di sperimentazione e di avventura anche a costo del rischio di farsi ammazzare dall’amante geloso, dall’invidioso, dal pazzo o dal semplicemente sadico – che non è necessariamente un maschio o una femmina ma può essere anche un q (ci chiediamo: se fosse un q, sarebbe ugualmente un patriarcalista?) – o dallo stupratore incontrato in una strada al buio, in una terrazza elegante, in una discoteca o in un ‘rave party’ con tanto di ecstasy.

Nell’occasione, non poteva mancare l’attacco a Salvini al quale – per avere detto che, se colpevole, l‘accusato dell’omicidio di Giulia dovrebbe essere mandato all’ergastolo – viene addebitato il disconoscimento del patriarcato come causa dei femminicidi.

Il povero Salvini non ne azzecca una! Appena apre bocca, tutti gli saltano addosso, si tratti del Ponte sullo Stretto di Messina o della precettazione dei ferrovieri in ‘siopero’, come dice Landini, o del lapalissiano principio dello ‘stato di diritto’: il giusto processo anche per Barbablù.






Fonte: di Giuseppe Butta'
Link
[]
L'AVVENIRE DEI LAVORATORI
Periodico socialista fondato 1897.
[]
IL PONTE RIVISTA
Rivista di politica economica e cultura
fondata da Calamandrei
[]
BIBLION EDITORE
Biblion Edizioni, storica casa editrice.
[]
CRITICA LIBERALE - NON MOLLARE
"NON MOLLARE"
Quindicinale on line di Critica Liberale,
la voce del liberalismo progressista in Italia.





Nuova Serie
"La Rivoluzione Democratica"
1, MARZO 2017
Associazione Alleanza Giellista
[]

Realizzazione siti web www.sitoper.it
invia a un amico
icona per chiudere
Attenzione!
Non puoi effettuare più di 10 invii al giorno.
Privacy Policy per www.rivoluzionedemocratica.it
Il sito web www.rivoluzionedemocratica.it raccoglie alcuni dati personali degli utenti che navigano sul sito web.

In accordo con l'impegno e l'attenzione che poniamo ai dati personali e in accordo agli artt. 13 e 14 del EU GDPR, www.rivoluzionedemocratica.it fornisce informazioni su modalità, finalità, ambito di comunicazione e diffusione dei dati personali e diritti degli utenti.

Titolare del trattamento dei dati personali
La Rivoluzione Democratica
Via Circondaria, 56
55045 - Firenze Italia


Email: info @rivoluzionedemocratica.it
Telefono: 3934324237

Tipi di dati acquisiti
www.rivoluzionedemocratica.it raccoglie dati degli utenti direttamente o tramite terze parti. Le tipologie di dati raccolti sono: dati tecnici di navigazione, dati di utilizzo, email, nome, cognome, numero di telefono, provincia, nazione, cap, città, indirizzo, ragione sociale, stato, cookie e altre varie tipologie di dati. Maggiori dettagli sui dati raccolti vengono forniti nelle sezioni successive di questa stessa informativa.
I dati personali sono forniti deliberatamente dall'utente tramite la compilazione di form, oppure, nel caso di dati di utilizzo, come ad esempio i dati relativi alle statistiche di navigazione, sono raccolti automaticamente navigando sulle pagine di www.rivoluzionedemocratica.it.

I dati richiesti dai form sono divisi tra obbligatori e facoltativi; su ciascun form saranno indicate distintamente le due tipologie. Nel caso in cui l'utente preferisca non comunicare dati obbligatori, www.rivoluzionedemocratica.it si riserva il diritto di non fornire il servizio. Nel caso in cui l'utente preferisca non comunicare dati facoltativi, il servizio sarà fornito ugualmente da www.rivoluzionedemocratica.it .

www.rivoluzionedemocratica.it utilizza strumenti di statistica per il tracciamento della navigazione degli utenti, l'analisi avviene tramite log. Non utilizza direttamente cookie ma può utilizzare cookie includendo servizi di terzi.

Ciascun utilizzo di cookie viene dettagliato nella Cookie Policy (https://www.rivoluzionedemocratica.it/Informativa-sui-cookies.htm) e successivamente in questa stessa informativa.
L'utente che comunichi, pubblichi, diffonda, condivida o ottenga dati personali di terzi tramite www.rivoluzionedemocratica.it si assume la completa responsabilità degli stessi. L'utente libera il titolare del sito web da qualsiasi responsabilità diretta e verso terzi, garantendo di avere il diritto alla comunicazione, pubblicazione, diffusione degli stessi. www.rivoluzionedemocratica.it non fornisce servizi a minori di 18 anni. In caso di richieste effettuate per minori deve essere il genitore, o chi detiene la patria potestà, a compilare le richieste dati.

Modalità, luoghi e tempi del trattamento dei dati acquisiti
Modalità di trattamento dei dati acquisiti
Il titolare ha progettato un sistema informatico opportuno a garantire misure di sicurezza ritenute adatte ad impedire l'accesso, la divulgazione, la modifica o la cancellazione non autorizzata di dati personali. Lo stesso sistema effettua copie giornaliere, ritenute sufficientemente adeguate in base alla importanza dei dati contenuti.

L'utente ha diritto a ottenere informazioni in merito alle misure di sicurezza adottate dal titolare per proteggere i dati.

Accessi ai dati oltre al titolare
Hanno accesso ai dati personali raccolti da www.rivoluzionedemocratica.it il personale interno (quale ad esempio amministrativo, commerciale, marketing, legale, amministratori di sistema) e/o soggetti esterni (quali ad esempio fornitori di servizi informatici terzi, webfarm, agenzie di comunicazione, fornitori di servizi complementari). Se necessario tali strutture sono nominate dal titolare responsabili del trattamento.

L'utente può richiedere in qualsiasi momento al titolare del trattamento, l'elenco aggiornato dei responsabili del trattamento.

Comunicazione di eventuali accessi indesiderati al Garante della Privacy
Il suddetto sistema informatico è monitorato e controllato giornalmente da tecnici e sistemisti. Ciò non toglie che, anche se ritenuta possibilità remota, ci possa essere un accesso indesiderato. Nel caso in cui questo si verifichi il titolare si impegna, come da GDPR ad effettuarne comunicazione al Garante della Privacy entro i termini previsti dalla legge.

Luoghi di mantenimento dei dati acquisiti
I dati personali sono mantenuti e trattati nelle sedi operative e amministrative del titolare, nonché nelle webfarm dove risiedono i server che ospitano il sito web www.rivoluzionedemocratica.it, o sui server che ne effettuano le copie di sicurezza. I dati personali dell'utente possono risiedere in Italia, Germania e Olanda, comunque in nazioni della Comunità Europea. I dati personali dell'utente non vengono mai portati o copiati fuori dal territorio europeo.

Tempi di mantenimento dei dati acquisiti
Nel caso di dati acquisiti per fornire un servizio all'utente, (sia per un servizio acquistato che in prova) i dati vengono conservati per 24 mesi successivi al completamento del servizio. Oppure fino a quando non ne venga revocato il consenso.

Nel caso in cui il titolare fosse obbligato a conservare i dati personali in ottemperanza di un obbligo di legge o per ordine di autorità, il titolare può conservare i dati per un tempo maggiore, necessario agli obblighi.

Al termine del periodo di conservazione i dati personali saranno cancellati. Dopo il termine, non sarà più possibile accedere ai propri dati, richiederne la cancellazione e la portabilità.

Base giuridica del trattamento dei dati acquisiti
Il titolare acquisisce dati personali degli utenti nei casi sotto descritti.
Il trattamento si rende necessario:
- se l'utente ha deliberatamente accettato il trattamento per una o più finalità;
- per fornire un preventivo all'utente;
- per fornire un contratto all'utente;
- per fornire un servizio all'utente;
- perché il titolare possa adempiere ad un obbligo di legge;
- perché il titolare possa adempiere ad un compito di interesse pubblico;
- perché il titolare possa adempiere ad un esercizio di pubblici poteri;
- perché il titolare o terzi possano perseguire i propri legittimi interessi.

L'utente può richiedere in qualsiasi momento al titolare del trattamento, chiarimenti sulla base giuridica di ciascun trattamento.

Finalità del trattamento dei dati acquisiti
I dati dell'utente sono raccolti dal titolare per le seguenti finalità:

- richiesta informazione da parte dell'utente
- richiesta informazione per servizi
- invio di aggiornamenti
- invio informazioni generiche
- richiesta di contatto da parte dei clienti, per ricevere informazioni

Eventualmente i dati possono essere trattati anche per:
contattare l'utente, statistiche, analisi dei comportamenti degli utenti e registrazione sessioni, visualizzazione contenuti e interazione di applicazioni esterne, protezione dallo spam, gestione dei pagamenti, interazione con social network, pubblicità.

L'utente può richiedere in qualsiasi momento al titolare del trattamento, chiarimenti sulle finalità di ciascun trattamento.

Dettagli specifici sull'acquisizione e uso dei dati personali
Per contattare l'utente
Moduli di contatto
L'utente può compilare il/i moduli di contatto/richiesta informazioni, inserendo i propri dati e acconsentendo al loro uso per rispondere alle richieste di natura indicata nella intestazione del modulo.
Dati personali che potrebbero essere raccolti: CAP, città, cognome, email, indirizzo, nazione, nome, numero di telefono, provincia, ragione sociale.

Per interazione con applicazioni esterne (anche social network)
www.rivoluzionedemocratica.it include nelle sue pagine plugin e/o pulsanti per interagire con i social network e/o applicazioni esterne.
Per quanto riguarda i social network, anche se l'utente non utilizza il servizio presente sulla pagina web, è possibile che il servizio acquisisca dati di traffico.

I dati acquisiti e l'utilizzo degli stessi da parte di servizi terzi sono regolamentati dalle rispettive Privacy Policy alle quali si prega di fare riferimento.

Facebook: Pulsante "Mi piace" e widget sociali
Fornitore del servizio: Meta Platforms Ireland Limited.
Finalità del servizio: interazione con il social network Facebook
Dati personali raccolti: cookie, dati di utilizzo
Luogo del trattamento: Stati Uniti e in altri Paesi
Privacy Policy (https://www.facebook.com/privacy/policy)

Twitter: Pulsante "Tweet" e widget sociali
Fornitore del servizio: Twitter, Inc.
Finalità del servizio: interazione con il social network Twitter
Dati personali raccolti: cookie, dati di utilizzo
Luogo del trattamento: Stati Uniti
Privacy Policy (https://twitter.com/privacy)
Cookie utilizzati (https://help.twitter.com/it/rules-and-policies/twitter-cookies)
Aderente al Privacy Shield

Whatsapp: Pulsante Whatsapp e widget sociali di Whatsapp
Fornitore del servizio: se l'utente risiede nella Regione Europea, WhatsApp Ireland Limited, se l'utente risiede al di fuori della Regione Europea, i Servizi vengono forniti da WhatsApp LLC.
Finalità del servizio: servizi di interazione con Whatsapp.
Dati personali raccolti: cookie, dati di utilizzo
Luogo del trattamento: Irlanda, le informazioni potrebbero essere trasferite o trasmesse o archiviate e trattate negli Stati Uniti o in altri Paesi terzi al di fuori di quello in cui l'utente risiede.
Privacy Policy (https://www.whatsapp.com/legal/privacy-policy-eea)
Aderente al Privacy Shield

Per statistiche
Questi servizi sono utilizzati dal titolare del trattamento per analizzare il traffico effettuato dagli utenti sul sito web www.rivoluzionedemocratica.it.

I dati acquisiti e l'utilizzo degli stessi da parte di servizi terzi sono regolamentati dalle rispettive Privacy Policy alle quali si prega di fare riferimento.

Per visualizzare contenuti da siti web esterni
Questi servizi sono utilizzati per visualizzare sulle pagine del sito web contenuti esterni al sito web, con possibilità di interazione.
Anche se l'utente non utilizza il servizio presente sulla pagina web, è possibile che il servizio acquisisca dati di traffico.

I dati acquisiti e l'utilizzo degli stessi da parte di servizi terzi sono regolamentati dalle rispettive Privacy Policy alle quali si prega di fare riferimento.

Diritti dell'interessato
L'utente possiede tutti i diritti previsti dall'art. 12 del EU GDPR, il diritto di controllare, modificare e integrare (rettificare), cancellare i propri dati personali accedendo alla propria area riservata. Una volta cancellati tutti i dati, viene chiuso l'account di accesso all'area riservata.

Nello specifico ha il diritto di:
- sapere se il titolare detiene dati personali relativi all'utente (art. 15 Diritto all'accesso);
- modificare o integrare (rettificare) i dati personali inesatti o incompleti (Art. 16 Diritto di rettifica);
- richiedere la cancellazione di uno o parte dei dati personali mantenuti se sussiste uno dei motivi previsti dal GDPR (Diritto alla Cancellazione, 17);
- limitare il trattamento solo a parte dei dati personali, o revocarne completamente il consenso al trattamento, se sussiste uno dei motivi previsti dal Regolamento (Art. 18 Diritto alla limitazione del trattamento);
- ricevere copia di tutti i dati personali in possesso del titolare, in formato di uso comune organizzato, e leggibili anche da dispositivo automatico (Art. 20, Diritto alla Portabilità);
- opporsi in tutto o in parte al trattamento dei dati per finalità di marketing, ad esempio opporsi e ricevere offerte pubblicitarie (art. 21 Diritto di opposizione). Si fa presente agli utenti che possono opporsi al trattamento dei dati utilizzati per scopo pubblicitario, senza fornire alcuna motivazione;
- opporsi al trattamento dei dati in modalità automatica o meno per finalità di profilazione (c.d. Consenso).

Come un utente può esercitare i propri diritti
L'utente può esercitare i propri diritti sopra esposti comunicandone richiesta al titolare del trattamento La Rivoluzione Democratica ai seguenti recapiti: info@rivoluzionedemocratica.it; tel. 3312300680.

La richiesta di esercitare un proprio diritto non ha nessun costo. Il titolare si impegna ad evadere le richieste nel minor tempo possibile, e comunque entro un mese.

L'utente ha il diritto di proporre reclamo all'Autorità Garante per la Protezione dei dati Personali. Recapiti: garante@gpdp.it, http://www.gpdp.it (http://www.gpdp.it).

Cookie Policy
Informazioni aggiuntive sul trattamento dei dati
Difesa in giudizio
Nel caso di ricorso al tribunale per abuso da parte dell'utente nell'utilizzo di www.rivoluzionedemocratica.it o dei servizi a esso collegati, il titolare ha la facoltà di rivelare i dati personali dell'utente. È inoltre obbligato a fornire i suddetti dati su richiesta delle autorità pubbliche.

Richiesta di informative specifiche
L'utente ha diritto di richiedere a www.rivoluzionedemocratica.it informative specifiche sui servizi presenti sul sito web e/o la raccolta e l'utilizzo dei dati personali.

Raccolta dati per log di sistema e manutenzione
www.rivoluzionedemocratica.it e/o i servizi di terze parti (se presenti) possono raccogliere i dati personali dell'utente, come ad esempio l'indirizzo IP, sotto forma di log di sistema. La raccolta di questi dati è legata al funzionamento e alla manutenzione del sito web.

Informazioni non contenute in questa policy
L'utente ha diritto di richiedere in ogni momento al titolare del trattamento dei dati le informazioni aggiuntive non presenti in questa Policy riguardanti il trattamento dei dati personali. Il titolare potrà essere contattato tramite gli estremi di contatto.

Supporto per le richieste "Do Not Track"
Le richieste  "Do Not Track" non sono supportate da www.rivoluzionedemocratica.it.
L'utente è invitato a consultare le Privacy Policy dei servizi terzi sopra elencati per scoprire quali supportano questo tipo di richieste.

Modifiche a questa Privacy Policy
Il titolare ha il diritto di modificare questo documento avvisando gli utenti su questa stessa pagina oppure, se previsto, tramite i contatti di cui è in possesso. L'utente è quindi invitato a consultare periodicamente questa pagina. Per conferma sull'effettiva modifica consultare la data di ultima modifica indicata in fondo alla pagina.
Il titolare si occuperà di raccogliere nuovamente il consenso degli utenti nel caso in cui le modifiche a questo documento riguardino trattamenti di dati per i quali è necessario il consenso.

Definizioni e riferimenti legali
Dati personali (o dati, o dati dell'utente)
Sono dati personali le informazioni che identificano o rendono identificabile, direttamente o indirettamente, una persona fisica e che possono fornire informazioni sulle sue caratteristiche, le sue abitudini, il suo stile di vita, le sue relazioni personali, il suo stato di salute, la sua situazione economica, ecc.

Fonte: sito web del Garante della Privacy (http://www.garanteprivacy.it).

Dati di utilizzo
Sono dati di utilizzo le informazioni che vengono raccolte in automatico durante la navigazione di www.rivoluzionedemocratica.it, sia da sito web stesso che dalle applicazioni di terzi incluse nel sito. Sono esempi di dati di utilizzo l'indirizzo IP e i dettagli del dispositivo e del browser (compresi la localizzazione geografica) che l'utente utilizza per navigare sul sito, le pagine visualizzate e la durata della permanenza dell'utente sulle singole pagine.

Utente
Il soggetto che fa uso del sito web www.rivoluzionedemocratica.it.
Coincide con l'interessato, salvo dove diversamente specificato.

Interessato
Interessato è la persona fisica al quale si riferiscono i dati personali. Quindi, se un trattamento riguarda, ad esempio, l'indirizzo, il codice fiscale, ecc. di Mario Rossi, questa persona è l'interessato (articolo 4, paragrafo 1, punto 1), del Regolamento UE 2016/679 (http://www.garanteprivacy.it/regolamentoue).

Fonte: sito web del Garante della Privacy (http://www.garanteprivacy.it).

Responsabile del trattamento (o responsabile)
Responsabile è la persona fisica o giuridica al quale il titolare affida, anche all'esterno della sua struttura organizzativa, specifici e definiti compiti di gestione e controllo per suo conto del trattamento dei dati (articolo 4, paragrafo 1, punto 8), del Regolamento UE 2016/679 (http://www.garanteprivacy.it/regolamentoue). Il Regolamento medesimo ha introdotto la possibilità che un responsabile possa, a sua volta e secondo determinate condizioni, designare un altro soggetto c.d. "sub-responsabile" (articolo 28, paragrafo 2).

Fonte: sito web del Garante della Privacy (http://www.garanteprivacy.it).

Titolare del trattamento (o titolare)
Titolare è la persona fisica, l'autorità pubblica, l'impresa, l'ente pubblico o privato, l'associazione, ecc., che adotta le decisioni sugli scopi e sulle modalità del trattamento (articolo 4, paragrafo 1, punto 7), del Regolamento UE 2016/679 (http://www.garanteprivacy.it/regolamentoue).

Fonte: sito web del Garante della Privacy (http://www.garanteprivacy.it).

www.rivoluzionedemocratica.it (o sito web)  
Il sito web mediante il quale sono raccolti e trattati i dati personali degli utenti.

Servizio
Il servizio offerto dal sito web www.rivoluzionedemocratica.it come indicato nei relativi termini.

Comunità Europea (o UE)
Ogni riferimento relativo alla Comunità Europea si estende a tutti gli attuali stati membri dell'Unione Europea e dello Spazio Economico Europeo, salvo dove diversamente specificato.

Cookie
Dati conservati all'interno del dispositivo dell'utente.

Riferimenti legali
La presente informativa è redatta sulla base di molteplici ordinamenti legislativi, inclusi gli artt. 13 e 14 del Regolamento (UE) 2016/679. Questa informativa riguarda esclusivamente www.rivoluzionedemocratica.it, dove non diversamente specificato.

Informativa privacy aggiornata il 07/10/2022 12:44
torna indietro leggi Privacy Policy per www.rivoluzionedemocratica.it
 obbligatorio
generic image refresh

cookie