17 Giugno 2021

"IL BAŞBAKANI DRAGHI"

27-04-2021 - DIARIO POLITICO di Giuseppe Butta'
Ci permettiamo di andare controcorrente rispetto al grande plauso riscosso da Draghi per la conferenza stampa dell'8 aprile: egli non se l'è cavata bene. Abbiamo avuto anche questa volta l'impressione che egli non si trovi ancora molto a suo agio nelle vesti di politico specialmente quando, in occasione di conferenze stampa (fortunatamente rare, anche se ci sta prendendo gusto e non si nega più ai microfoni) e di discorsi pubblici (in Parlamento o altrove), si sforza di ravvivare il testo scritto, un po' piatto, con improvvisazioni più o meno azzeccate: vuole dimostrare di essere politically correct, di seguire la mainstream del momento e cerca espressioni a effetto con la battuta sugli anglicismi di cui in Italia si abusa specialmente nei giornali e nel linguaggio dei burocrati, oppure attaccando direttamente l'alleato Erdogan senza misurare bene le conseguenze delle parole scelte.

Questa volta ha più volte mancato il bersaglio. Anzitutto, riguardo all'affare AstraZeneca – un ‘pasticciaccio brutto' che potrebbe avere conseguenze assai gravi per la vaccinazione di massa – Draghi non ha ben chiarito come e perché ci si dovesse ancora fidare di quel vaccino del quale l'EMA e l'AIFA hanno detto tutto e il contrario di tutto: ha detto soltanto che lui e sua moglie erano stati vaccinati con quel vaccino e abbiamo dovuto attendere la conferenza stampa del 16 aprile per sentire parole rassicuranti dal ministro Speranza mentre intanto esplode il caso del vaccino J&J; poi ha detto di avere piena fiducia nel ministro Speranza e di averlo voluto lui stesso intendendo così smentire che gli fosse stato imposto dall'alto: excusatio non petita!

Quindi Draghi ha attaccato gli ‘psicologi trentenni' che saltano la fila e, si fanno vaccinare come operatori sanitari sottraendo dosi alle persone più fragili e rallentando il conseguimento degli obiettivi della campagna vaccinale; lo ha fatto appellandosi alla coscienza individuale dei molti che si sono fatti vaccinare o si apprestano a farsi vaccinare diciamo ‘fuori sacco': tale fenomeno – che vede protagonisti psicologi, avvocati, magistrati, panchinari vari, etc. – è noto da tempo ma solo ora il governo promette di emanare al più presto ‘disposizioni cogenti' in merito e che tutti gli ultraottantenni saranno vaccinati entro aprile. In effetti, subito dopo, il 10 aprile, il commissario Figliuolo ha emanato l'ordinanza in tal senso ma i buoi erano già scappati, il che dimostra che anche, anzi soprattutto, il centralismo ha le sue inefficienze e deficienze.

Quindi Draghi ha comunicato che la riapertura delle attività produttive, chiuse per la pandemia, potrà avvenire solo in base ai dati che da un anno ci affliggono – cosa ovvia ma solo se, intanto, si fossero prese quelle misure necessarie a evitare i contagi, per esempio per i mezzi di trasporto pubblici che ancora sono quelli che avevamo prima della pandemia; non basta aver stanziato 390 milioni per acquistarne di nuovi perché ci vuole tempo per averli: lo stato d'emergenza imporrebbe di ricorrere anche ai camion dell'esercito – ma, dopo appena una settimana, ha annunciato le riaperture in base a un ‘rischio ragionato': un po' contraddittorio!
Il fatto è che, purtroppo, il governo Draghi non è ancora uscito dal pelago alla riva, non è riuscito a risolvere, né poteva farlo, i molti e gravi problemi lasciati aperti dal governo precedente: il piano vaccinale procede ancora a rilento soprattutto per insufficiente rifornimento di dosi dei vari vaccini disponibili: forse, sarebbe stato più utile seguire una strategia di tipo austro-ungarico (ma anche la Germania acquista per conto proprio e tratta lo ‘sputnik' senza attendere l'EMA) tendente a liberarsi dalle pastoie europee; la ‘logistica' di Figliuolo sembra ancora in fieri: se l'esercito avesse aspettato due mesi per attestarsi sul Piave certo non avremmo avuto ‘Vittorio Veneto'; gli effetti economici della pandemia vengono ancora affrontati con sussidi inadeguati, non capaci di proteggere le aziende in pericolo e di promuoverne la ripresa; la elaborazione del ‘Recovery Plan' non è ancora passata da un necessario dibattito in Parlamento; le imprese decotte come l'Alitalia – sia pure ridotte a ITA – continuano a succhiare miliardi alla faccia del ‘debito buono'.

Però, la notizia più ghiotta della conferenza stampa si è avuta quando Draghi ha definito Erdogan ‘dittatore': se si è trattato solo di una ‘voce dal sen fuggita' o se il motivo è solo quello della sedia della von der Lyen e, infine, se dietro una tale uscita, il governo non ha una qualche strategia a noi ignota, l'ha fatta veramente grossa. I turchi si sono offesi, hanno ingiunto al nostro ambasciatore ad Ankara di dire al başbakani di ritirare immediatamente quelle parole e hanno aggiunto: «Condanniamo con forza le affermazioni senza controllo del primo ministro italiano nominato, Mario Draghi, sul nostro presidente eletto e le rispediamo al mittente».

Forse Draghi potrebbe dire di non aver voluto offendere Erdogan, tuttavia i turchi, attaccati da un alleato per una quisquilia da cerimoniale, cioè l'aver offerto solo il divano e non la poltrona alla signora von der Lyen, hanno avuto una ragione piuttosto fondata per reagire: se violazione del cerimoniale c'è stata, il presidente Draghi doveva piuttosto sollevare la questione davanti al Consiglio dei ministri europei e chiederne una presa di posizione ufficiale; egli ha preferito invece una esternazione estemporanea e personale.
Allo sgarbo di Erdogan è stato dato risalto, più che dai diretti interessati, dai media che lo hanno presentato come mancanza di riguardo per una Signora e tutti sono insorti in nome della parità di genere; in effetti si è trattato di ben altro: Erdogan forse voleva sottolineare il ruolo marginale della Commissione europea, rappresentata dalla von der Lyen – che l'ha più volte attaccato – e parlare con il rappresentante dei governi dell'UE. Se così fosse, egli doveva però invitare solo Michel e non anche il Presidente della Commissione ma si deve aggiungere che, se così fosse, l'UE, a sua volta, dovrebbe darsi una politica univoca nei confronti della Turchia e non lasciarla alle improvvisazioni. L'epiteto usato dal nostro Presidente sarebbe stato più adatto in altre occasioni come quando, in Turchia, sono stati imprigionati membri dell'opposizione ma né lui né i suoi predecessori né i suoi omologhi dell'UE avevano mai pensato di farlo: in effetti, si dà del dittatore solo a chi non è un alleato o non si vuole avere come alleato e, in nome della ragion di stato, si sta pure attenti a non darlo ai tiranni più incalliti anche se non alleati.

E infatti, Draghi, che conosce bene la ‘ragion di stato', ha tenuto a precisare che, in nome di questa, si può ‘cooperare' ma non ‘collaborare' con i dittatori che non rispettano i diritti umani. Francamente noi non vediamo grande differenza tra le due modalità di rapporti: ci sembra che, alla fine, se di dittatori si tratta, entrambe le modalità possano configurare una sorta di ‘concorso esterno' del tipo definito dalla nostra giurisprudenza in altri contesti.
Questa possiamo pure passargliela; ciò che non gli passiamo però è il fatto che, essendo egli andato qualche giorno prima in Libia per sistemare le nostre relazioni con quel Paese, si sia detto poi d'accordo con un giornalista che gli chiedeva perché, invece di condannare la Libia per la violazione dei diritti umani, egli avesse ringraziato la guardia costiera libica per i ‘salvataggi' in mare dal momento che, ahinoi, essa riporta i migranti nei centri di detenzione libici invece di mandarceli in Italia: non è necessario ricordare a Draghi che, se si vuole avere buoni rapporti con la Libia e con il suo protettore turco, non si può accusare l'una di non tutelare i diritti umani e l'altro di essere un ‘dittatore'.
Da questo punto di vista sono molto generosi coloro che vedono in questi atti di Draghi – viaggio a Tripoli, ‘botta' a Erdogan, arresto della spia russa – un disegno compiuto di politica estera: riaffermazione di una forte influenza italiana in Libia e avvertimento a turchi e russi che ora sono i veri ‘influenti'.

Diciamo la verità, forse per inesperienza (o per imitare Biden che ha dato dell'assassino a Putin o, forse, spinto dal ‘femminismo' di Letta), Draghi ha provocato una crisi diplomatica a freddo e la Turchia, annullando subito i contratti di acquisto di elicotteri italiani, non ha fatto tardare la ritorsione. Se qualcuno pensa che sia questa la via per tutelare gl'interessi italiani o rilanciare l'Europa forse pensa a una Europa che possa accontentarsi di qualche ‘sedia'.



Fonte: di GIUSEPPE BUTTA'
Link
[]
L'AVVENIRE DEI LAVORATORI
Periodico socialista fondato 1897.
[]
IL PONTE RIVISTA
Rivista di politica economica e cultura
fondata da Calamandrei
[]
BIBLION EDITORE
Biblion Edizioni, storica casa editrice.
[]
CRITICA LIBERALE - NON MOLLARE
"NON MOLLARE"
Quindicinale on line di Critica Liberale, la voce del liberalismo progressista in Italia.



Nuova Serie
"La Rivoluzione Democratica"
1, MARZO 2017

Realizzazione siti web www.sitoper.it
invia ad un amico
chiudi
Attenzione!
Non puoi effettuare più di 10 invii al giorno.
Informativa
Informativa Privacy
La presente informativa descrive le modalità di gestione del Sito, da Lei ora visitato, di cui è Titolare, il giornale "LA RIVOLUZIONE DEMOCRATICA", registrazione al Tribunale di Firenze n°5863 del 17/02/2012 (di seguito, "Giornale" per brevità), che ha come finalità l´informazione critica, la difesa della laicità delle Istituzioni e la diffusione della cultura laica, con sede in Firenze, accessibile al seguente nome di dominio
http://www.rivoluzionedemocratica.it
in riferimento al trattamento dei dati personali dei navigatori che vi accedono e che interagiscono con esso.

Premessa
I considerazione delle modifiche al D. Lgs. n. 196/2003 (Codice in materia di protezione dei dati personali, di seguito "Codice Privacy"), introdotte recentemente con il D.L. 201/2011 convertito nella L. 214/2011, la presente informativa si rivolge alle persone fisiche che, per conto proprio o di associazioni interessate, decidano di accedere al Sito ed interagire con esso ed è resa ai sensi dell´art. 13 del Codice Privacy.
L´informativa si ispira anche alla Raccomandazione n. 2/2001 che le autorità europee per la protezione dei dati personali, riunite nel Gruppo istituito dall´art. 29 della direttiva n. 95/46/CE, hanno adottato il 17 maggio 2001, per individuare alcuni requisiti minimi per la raccolta di dati personali on-line, e, in particolare, le modalità, i tempi e la natura delle informazioni che i titolari del trattamento devono fornire agli utenti quando questi si collegano a pagine web, indipendentemente dalle ragioni e finalità del collegamento.
In linea generale, è opportuno precisare che attraverso il Sito vengono effettuate le seguenti tipologie di raccolta dati:
- raccolta necessaria ed automatica dei dati del navigatore inerenti all´interazione con il Sito;
- trattamento correlato alla raccolta di dati, immessi volontariamente dal navigatore, attraverso l´invio di e-mail agli indirizzi indicati per contattare il Titolare (ad esempio, sezioni "Contatti" e "Iscriversi al circolo").

La presente informativa si riferisce unicamente alle operazioni di trattamento effettuate su dati raccolti con le modalità sopra indicate e non si riferisce, quindi, ai trattamenti effettuati tramiti altri siti, a cui l´utente vorrà accedere mediante link dal Sito. Per tali trattamenti dovrà essere fornita, da parte dei rispettivi Titolari, autonoma informativa.
Si precisa, in particolare, che i trattamenti sui dati conferiti accedendo a siti di terzi, raggiungibili mediante i link pubblicati sul Sito, sono effettuati da soggetti diversi dal Giornale.
Premesso che il Giornale non effettuerà alcuna comunicazione dei dati degli utenti a tali soggetti e che ogni iniziativa per entrare in contatto e chiedere informazioni, è rimessa all´esclusiva attività dell´Interessato o del rispettivo Titolare, il giornale non sarà in alcun modo responsabile dei trattamenti che verranno effettuati da parte di tali soggetti, a fronte dell´iniziativa dell´utente medesimo.

1. Finalità del trattamento
1.1 Le operazioni di trattamento di seguito illustrate sono unicamente rivolte alla corretta proposizione ed erogazione dei servizi offerti tramite il presente Sito dal Giornale medesimo per il perseguimento dello scopo associativo. L´Attività on line del Giornale consiste prevalentemente nella pubblicazione di contenuti, caratterizzati da un alto livello qualitativo, sui temi di interesse del Giornale e dei dati personali dei rispettivi autori, aventi con il Giornale rapporti regolari, nonché nello scambio, anche mediante messaggi di posta elettronica, di opinioni e informazioni di varia natura, relative in particolare alla vita e alle attivitàdel Giornale medesimo o ad eventi di rilevanza nel dibattito culturale che il Giornale intende promuovere.
1.2. A tal fine, il Titolare ha predisposto sezioni ad hoc del Sito.
In particolare, nella sezione "Contatti" è presente l´indirizzo e-mail interattivo cui l´Utente può trasmettere i propri dati personali e/o dell´Associazione di appartenenza, al Giornale. Più precisamente, in tale ipotesi il trattamento è finalizzato al mero scambio di informazioni e di contatti, comunque di natura non professionale, inerenti all´attività del Giornale .
In ogni caso, i dati raccolti tramite il presente Sito saranno trattati secondo principi di correttezza, liceità e trasparenza, per la tutela della riservatezza e dei diritti degli interessati, ed unicamente per il perseguimento dello scopo associativo. Negli stessi limiti saranno trattati anche i dati personali che dovessero essere inviati spontaneamente al Giornale dai visitatori del sito anche con modalità off-line (fax, posta, telefono od altro).

2. Tipi di dati trattati
2.1 - Dati di navigazione I sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento di questo Sito registrano, nel corso del loro normale esercizio, alcuni dati personali la cui acquisizione avviene in modo automatico e inevitabile, qualora si utilizzino i protocolli di comunicazione di Internet. Sono dati che, pur non essendo reperiti con lo scopo specifico di identificare i rispettivi Interessati, ben potrebbero, a causa delle loro stesse caratteristiche, essere associati a banche dati di terzi e così consentire l´individuazione degli utenti. Appartengono a questa categoria di dati, ad esempio, gli indirizzi IP o i nomi a dominio degli elaboratori utilizzati dagli utenti che si connettono al Sito, gli indirizzi in notazione URI (Uniform Resource Identifier) delle risorse richieste, l´orario della richiesta, il metodo utilizzato nel sottoporre la richiesta al server, la dimensione del file ottenuto in risposta, il codice numerico indicante lo stato della risposta data dal server (buon fine, errore, ecc.) ed altri parametri relativi al sistema operativo e all´ambiente informatico dell´utente. Questi dati vengono utilizzati al solo fine di ricavare informazioni statistiche anonime sull´uso del Sito e per controllarne il corretto funzionamento, e vengono cancellati immediatamente dopo l´elaborazione.
Si precisa che i dati di navigazione potrebbero essere usati per l´accertamento di responsabilità in caso di eventuali reati informatici ai danni del Sito, conformemente alle procedure vigenti presso le Autorità competenti.
2.2 Meccanismi automatici di raccolta
In conformità a quanto previsto nel Provvedimento del Garante n. 229 dell´8.5.2014, si informa che in questo Sito non si utilizzano "cookies persistenti", trojans, spywares, web bugs, ovvero sistemi per il tracciamento degli utenti (cookies di profilazione), ma soltanto cookies cosiddetti "tecnici", di navigazione, di sessione o di funzionalità.
L´uso di c.d. "cookies di sessione" (che non vengono registrati in modo persistente sull´elaboratore dell´utente e svaniscono con la chiusura del browser) è unicamente finalizzato a rendere l´esplorazione del Sito sicura ed efficiente.
I c.d. cookies di sessione, utilizzati in questo sito, evitano il ricorso ad altre tecniche informatiche potenzialmente pregiudizievoli per la riservatezza della navigazione degli utenti e non consentono l´acquisizione di dati personali identificativi dell´utente I cookies "analitici" vengono utilizzati dalla società ShinyStat per effettuare trattamenti in forma aggregata ed anonima, per i quali si fornisce l´informativa generale ed il modulo per esercitare l´opt-out tramite i link qui sotto:
- ShinyStat http://www.shinystat.com/it/informativa_privacy_generale_free.html
- ShinyStat http://www.shinystat.com/it/opt-out_free.html
- Facebook http://www.facebook.com/policy.php
- Twitter http://twitter.com/privacy
- Google+, Google Maps e YouTube https://www.google.it/intl/it/policies/privacy/
- Vimeo https://vimeo.com/cookie_policy
2.3 Si precisa, per completezza, che i dati personali - una volta resi anonimi - potranno essere utilizzati per elaborare statistiche o per rilevare il grado di soddisfazione degli utenti. In ogni caso, la raccolta e il trattamento dei dati personali degli utenti non saranno finalizzati ad attività di marketing, di informazione commerciale e/o di indagini di mercato.

3. Tipologia di dati
3.1 Il trattamento dei dati effettuati tramite il presente Sito avrà prevalentemente ad oggetto dati comuni.
Tuttavia, in considerazione della natura del Giornale, il trattamento, inoltre, potrà riguardare anche i dati personali idonei a rivelare le convinzioni religiose e/o le opinioni politiche degli utenti e/o degli Associati, e/o dei soggetti che - in relazione allo scopo associativo - hanno contatti regolari con il Giornale. In ogni caso, tramite il presente Sito non saranno trattati dati inerenti alla salute. Pertanto, La invitiamo a non comunicarci dati personali attinenti al Suo stato di salute e alla Sua vita sessuale, ai sensi dell´art. 26 del Codice. In presenza di tali dati, il Giornale procederà alla tempestiva distruzione del relativo messaggio e/o comunicazione da Lei eventualmente fornita.
3.2 Il trattamento dei dati si svolgerà in conformità della vigente Autorizzazione Generale del Garante per la protezione dei dati personali n. 3/2011 e successive .
3.3 Il conferimento dei dati è in ogni caso facoltativo. Tuttavia, il mancato conferimento dei dati relativamente ad alcune sezioni del Sito e, più precisamente, in relazione alla Sezione "Contatti" comporterà l´impossibilità, per l´Associazione, di fornire il relativo servizio.

4. Modalità di trattamento
4.1 Il medesimo sarà effettuato prevalentemente con l´ausilio di mezzi informatici e telematici ma anche manualmente. I dati infatti potranno essere conservati sia in archivi cartacei sia in archivi elettronici, in modo da consentire, laddove necessario, l´individuazione e la selezione di dati aggregati, per il tempo non eccedente la durata e le necessità del trattamento.
4.2 Il trattamento sarà effettuato direttamente dall´organizzazione del Titolare, con l´ausilio dei propri incaricati e/o responsabili del trattamento. Potranno avere accesso ai dati per il perseguimento delle finalità di cui al punto 1, nell´ambito delle rispettive funzioni o mansioni e, in ogni caso, secondo le modalità e nei limiti di cui ai rispettivi atti di nomina a Responsabile o a Incaricato, oltre al Coordinatore/Coordinatrice, al Tesoriere e al Responsabile per la gestione delle istanze ex art. 7 Codice, eventuali società di servizi esterne nominate responsabili del trattamento ai sensi e per gli effetti dell´art. 29 del Codice.
4.3. Infine, si informa l´utente che l´eventuale trasmissione di dati tramite Internet non può raggiungere livelli di sicurezza assoluti. E´ onere dell´utente verificare la correttezza dei dati personali che lo riguardano ed eventualmente procedere alla rettifica, aggiornamento o, comunque, modifica dei dati nel corso del trattamento. Il Titolare non può considerarsi tenuto ad altra prestazione oltre alla puntuale e corretta applicazione degli standard di sicurezza imposti dalla normativa in vigore, con particolare riferimento all´adozione delle misure di sicurezza in conformità di quanto previsto dagli artt. 33-36 del Codice e dal Disciplinare Tecnico di cui all´Allegato B.

5. Conservazione dei dati - durata e aggiornamento
5.1 A seguito di controlli periodici,il Giornale verificherà la stretta pertinenza e la non eccedenza dei dati raccolti rispetto agli obblighi ed alle finalità del trattamento posto in essere, per quanto riguarda i dati che rivelano le opinioni e le intime convinzioni.
5.2 Ad eccezione dei dati di navigazione che non vengono conservati oltre una settimana dalla raccolta, gli altri dati verranno conservati in coerenza con lo scopo per il quale sono stati conferiti e comunque nel rispetto della normativa vigente.
5.3 Nel rispetto di quanto previsto dall´art. 11, co. 1, lett. c) Codice, i dati personali saranno aggiornati in seguito alla segnalazione dell´Interessato, in congruità con quanto previsto dall´art. 7, co. 3, lett. a) Codice.

6. Comunicazione e diffusione
6.1 il Giornale non procederà alla comunicazione diretta a terzi dei dati personali raccolti tramite il sito.
6.2 I dati relativi alla navigazione non verranno, in nessun caso, diffusi o comunicati. E´ fatta salva la eventuale comunicazione alle Autorità competenti in relazione alle attività necessarie all´accertamento e alla repressione dei reati.
6.3 I dati personali forniti dagli utenti, che inoltrano richieste di informazioni ai diversi indirizzi di posta elettronica presenti sul Sito, non sono comunicati a terzi.
6.4 Nell´ambito delle finalità indicate nella presente informativa, qualora sia necessario comunicare i dati a soggetti diversi dal Titolare, quest´ultimo provvederà alla designazione degli stessi quali Responsabili del trattamento.

7. Diritti dell´Interessato
7.1 Al Titolare del trattamento potranno essere inoltrate le richieste di cui all´art. 7 del Codice "Diritti dell´interessato", ossia, in particolare il diritto di:
- ottenere dal Titolare la conferma dell´esistenza di dati personali che lo riguardano e la comunicazione dei medesimi in forma intelligibile;
- conoscere l´origine dei dati, la logica e le finalità su cui si basa il loro trattamento;
- conoscere gli estremi identificativi dei Responsabili del trattamento e delle categorie di soggetti ai quali i dati possono essere comunicati o che possono venirne a conoscenza in qualità di Responsabili o Incaricati;
- ottenere la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati trattati in violazione della legge, come l´aggiornamento, la rettificazione o, qualora l´interessato vi abbia interesse, l´integrazione dei dati medesimi;
- opporsi in tutto o in parte, per motivi legittimi, al trattamento dei dati personali che lo riguardano ancorché pertinenti allo scopo della raccolta;
- opporsi in tutto o in parte al trattamento previsto ai fini di informazione commerciale o di invio di materiale pubblicitario.
Qualora, a seguito della richiesta di cui all´art. 7 del Codice non risulti confermata l´esistenza di dati che riguardano l´Interessato, potrà essere richiesto a quest´ultimo un contributo spese, comunque non superiore a Euro 10,00.

Le richieste dovranno essere rivolte ai Direttori del Giornale, Responsabili per le richieste ex art. 7, al seguente indirizzo e-mail:
info@rivoluzionedemocratica.it

Si prega di indicare nell´oggetto della comunicazione: "Richiesta ex art. 7 D. Lgs. 30 giugno 2003, n. 196 - Codice in materia di protezione dei dati personali".

8. Titolare ed elenco dei Responsabili del trattamento
Titolare del trattamento dei dati è il giornale on line "LA RIVOLUZIONE DEMOCRATICA" con sede a FIRENZE, mail: info@rivoluzionedemocratica.it
L´elenco aggiornato contenente i nominativi e i recapiti dei Responsabili è disponibile presso la sede del Titolare.
torna indietro leggi Informativa  obbligatorio