09 Febbraio 2023

"I RAGAZZI DI ALMIRANTE"
di Marco Cianca

23-01-2023 - EDITORIALE



Isabella Rauti commemora: “Voglio ricordare il 26 dicembre del 1946 quando a Roma nasceva il Movimento sociale italiano. Onore ai fondatori e ai militanti missini. Le radici profonde non gelano”. Ignazio La Russa condivide: “Nel ricordo di mio padre, che fu tra i fondatori in Sicilia e che scelse con il Msi, per tutta la vita, la via della partecipazione libera e democratica in difesa delle sue idee rispettose della Costituzione”. Giorgia Meloni dà l'imprimatur: “Ha traghettato verso la democrazia milioni di italiani sconfitti dalla guerra. È stato il partito della destra repubblicana, pienamente presente nelle dinamiche democratiche di questa nazione. Ha contribuito ad eleggere capi dello Stato, ha avuto un ruolo nella battaglia contro la violenza politica e il terrorismo, sempre chiarissimo sul tema della lotta all'antisemitismo”.

Queste le dichiarazioni che hanno chiuso il 2022, centenario della marcia su Roma e primo anno della nuova era con la fiamma tricolore a Palazzo Chigi. Le reazioni sono state di maniera, le polemiche subito oscurate dalla morte di Benedetto XI, dalla guerra in Ucraina, dal caro benzina, dall'autonomia differenziata, dalla cattura di Messina Denaro. Il ministro dell'Istruzione ha anche trovato il tempo e la sfacciataggine per dire che Dante, a sua insaputa, era di destra. I valori dell'antifascismo sono un fastidioso ritornello, zittito dall'imperioso procedere del governo.

E così la questione del Msi è rimasta sospesa nell'aria, data per acquisita, accettata. D'altro canto, ha chiosato la stessa Meloni, il successo ottenuto alle elezioni dimostrerebbe che la maggioranza degli italiani “non considera quella storia impresentabile”.

E allora vale la pena di rileggere un lungo articolo che Oriana Fallaci scrisse sul settimanale l'Europeo, nel giugno del 1973, dopo aver conosciuto Giulio Salierno. “La sua storia- spiegava la giornalista- è la storia che ascoltai per due giorni, col registratore dinanzi, rabbrividendo, e in cuor mio ringraziandolo per tutti coloro che vogliono essere liberi e non permettono, non permetteranno a nessuno di uccidere la libertà”.

Nel 1953 Salierno, allora giovane missino, venne arrestato per un omicidio compiuto durante una rapina. Dopo 16 anni di prigione fu graziato da Giuseppe Saragat. In carcere studiò, divenne un altro, e una volta libero si dedicò alla sociologia. Scrisse vari testi sul sottoproletariato e sulla repressione nei penitenziari ma il suo libro più famoso resta “Autobiografia di un picchiatore”. Era lui l'uomo scelto da alcuni dirigenti del “democratico” Msi per ammazzare Walter Audisio e vendicare così la morte di Benito Mussolini.

La Fallaci adottò uno stile particolare per riportare la lunga testimonianza: “Ho dato al racconto la forma di un monologo, usando le parole e le frasi di Salierno, il suo modo di esprimersi, soprattutto quando descrive il Msi che conobbe. Un partito cioè dove chi crede al sistema parlamentare è considerato un eunuco, l'avversario politico è visto come un oggetto da picchiare, gli attivisti si definiscono picchiatori, l'onorevole Giorgio Almirante li chiama i miei ragazzi, la violenza è metodologia, la provocazione è strategia, la guerra civile è scopo”. E aggiungeva: “A rendere più allucinante questo racconto manca solo la voce di Salierno, a momenti così amara, così dolorosa”.

Proviamo a riascoltarla, quella voce. Partendo dall'arrivo nella sede missina di Colle Oppio, a Roma.

“La sezione era situata in una specie di scantinato cui si accedeva attraverso un corridoio buio come una cripta. In fondo a questa specie di cripta stava un sacrario ai caduti della Repubblica sociale italiana, con la croce illuminata e l'aquila sopra la croce. Da qui si passava a un salone con un immenso ritratto di Mussolini nell'uniforme della milizia, e sotto il ritratto di Mussolini sedevano due dirigenti che ti ricevevano scattando in piedi e alzando il braccio nel saluto fascista. Uno si presentava come un ex maresciallo del battaglione San Marco, l'altro come un ex capitano della Folgore. L'ex maresciallo ci spiegò che entrare nella sezione giovanile comportava automaticamente l'appartenenza al partito, ci consegnò un pacco di manifesti da attaccare e poi ci mise nelle mani degli attivisti perché ci iniziassero subito alla tecnica della provocazione.

Gli attivisti appartenevano all'ala dei duri che si definivano i picchiatori. I picchiatori venivano quasi sempre dalla Repubblica sociale: gente sui trent'anni, ex paracadutisti della Folgore, della Nembo, dei battaglioni Mussolini. Stavano in sezione ventiquattr'ore su ventiquattro, dandosi il cambio. Non avevano un mestiere, un lavoro e non ho mai capito chi li campasse. Eran tanti. In quella piccola sede del Msi ne contavi almeno settanta, e la loro presenza era così costante che al minimo incidente nella zona potevi chiamarli in aiuto. Armati di catene e bastoni, saltavano sul camioncino, piombavano sui tuoi avversari, ne facevano polpette. Grazie ad essi, il mio battesimo della violenza avvenne nel giro di poche settimane.

La “tecnica della provocazione” era anche detta “metodologia del comportamento” o “strategia dello scontro frontale”. Per impararla non dovevi chiedere troppe spiegazioni, bastava seguire i picchiatori, imitarli. I duri ci spiegano che esistono due sistemi per picchiare. Uno è picchiare a casaccio, l'altro è picchiare in modo che la vittima non vada subito per terra. Cioè in modo metodico, calmo, affinché il disgraziato si illuda di restare in piedi e continui a battersi e così riceva più colpi. Questo sistema si chiama “tecnica del pestaggio” e, insistevano i duri, è il migliore, in quanto causa lesioni interne che possono portare alla morte. Capito? Invece di mettere il disgraziato k.o. al primo colpo o al secondo, gli sferri un pugno a una costola. Poi a un'altra costola. Poi allo stomaco. Poi al naso. Poi lo sorreggi mentre sta per cadere e gli tiri un altro pugno alla costola, graduando la forza, ritardando il colpo definitivo, e di questo passo puoi appioppargli una trentina di colpi e mandarlo k.o. in piedi.

Ci definivamo i figli del Sole, e, poiché eravamo i figli del Sole, ogni nostro capriccio era lecito. Io ero grosso e robusto, accecato dalla voglia di sentirmi un uomo, il partito era per me uno strumento di virilità. In ogni sede del Msi l'incultura predominava, il solo concetto cui ci rifacessimo era quello dei figli del Sole. I dirigenti non tentavano nemmeno di indottrinarci scientificamente attraverso libri. Non ci dicevano nemmeno di leggere i discorsi di Mussolini. Se uno li leggeva, insieme agli scritti di Nietzsche e di Sorel, era per una sua curiosità personale. L'unica volta che vidi un libro, nella sezione di Colle Oppio, fu quando il piazzista venne a venderci la storia della Repubblica sociale scritta da un ex repubblichino.

A 18 anni ero stato scelto per ammazzare Walter Audisio. Naturalmente ero pieno di armi. Oltre a cinque pistole, un fucile, numerose bombe a mano, avevo un Thompson calibro 45 che sparava 40 colpi. Me l'aveva dato un altro attivista. Già allora tutti gli attivisti missini avevano armi. Con le bombe… si faceva ai balocchi. Andavamo in campagna e ce le tiravamo addosso per scansarsi un attimo prima che ci colpissero. Era un gioco insegnato dai reduci della Repubblica sociale che ai tempi si divertivano a farsele scoppiare sotto l'elmetto. Imparavamo a usare le armi in campagna, soprattutto durante la stagione di caccia. Altri si addestravano nei campeggi organizzati dal partito. Oltre allo spirito guerresco, nei campeggi si assorbiva l'attitudine a usare il mitra, il fucile, la rivoltella. Non ci vedevamo nulla di male. Perché avremmo dovuto vederci qualcosa di male? Se consideri la violenza come tecnica politica, come ideologia politica, addirittura come filosofia, sparare ha lo stesso valore che fare a pugni. Insomma, una bomba non è più una bomba, un attentato non è più un attentato, una strage non è più una strage.

Almirante non era l'uomo bonario che appare in tv quando dice di accettare la linea parlamentare eccetera. In televisione sembra bonario, io non lo vidi mai tale. Quando veniva nelle sezioni, e ci chiamava i suoi ragazzi, parlava sempre di scontro fisico. Diceva sempre di sostenere un partito di tipo autoritario. Ripeteva: l'avversario va contrastato anche e soprattutto sul piano fisico. Ciò significa una cosa sola: fare attentati, picchiare…. Bravissimo nel dire e non dire, nel parlarti con voce bassa, educata, aveva una grinta che non aveva nessuno…. Noi picchiatori lo ammiravamo moltissimo.

Quando sono stato graziato dal presidente della Repubblica, nel 1968, i fascisti mi hanno cercato. Mi hanno mandato a chiamare. Non gli ho neanche risposto. Non mi andava di rivederli. Mica che li odiassi, no. Io non odio più nessuno. Non ci riesco più. Quando ci si ribella fino in fondo alla violenza, come ho fatto io, non si riesce più a odiare…. Però ho provato una tale delusione a scoprire che esistevano ancora, che facevano ancora le stesse cose, moltiplicate per cento. E ho provato un tale fastidio a vedere Almirante in tv, trattato come un signore che sta al gioco democratico e si permette atteggiamenti da vittima. E mi sono detto: possibile che la gente non capisca, possibile che opponga una simile indifferenza? Sì, l'indifferenza e ciò che mi ha ferito di più”.

Giorgia Meloni ha promesso che parteciperà alle celebrazioni del 25 Aprile. Staremo a vedere.

La Russa non ha remore; “Me ne frego delle liturgie”.

Edith Bruck, dopo l'assoluzione della donna che a Predappio indossava una maglietta inneggiante ad Auschwitz, ha commentato: “Viene tollerato tutto. Siamo di fronte ad un disfacimento morale totale”.

A che serve il Giorno della Memoria se il Msi può essere ricordato come un pilastro della democrazia?

Ancora Salierno alla Fallaci: “Da noi non c'erano dibattitti, discussioni. Si apriva bocca solo per esaminare la strategia più adatta a mettere le redini alla gente, a riconquistare il potere perduto con la morte di Mussolini. Sì, l'unico discorso era su come riconquistare il potere”.

Alla fine, ci sono riusciti.

--

Immagine: 16 marzo 1968. Assalto fascista all'università della Sapienza per liberarla dagli occupanti. Alla guida Giorgio Almirante.

Link
[]
L'AVVENIRE DEI LAVORATORI
Periodico socialista fondato 1897.
[]
IL PONTE RIVISTA
Rivista di politica economica e cultura
fondata da Calamandrei
[]
BIBLION EDITORE
Biblion Edizioni, storica casa editrice.
[]
CRITICA LIBERALE - NON MOLLARE
"NON MOLLARE"
Quindicinale on line di Critica Liberale,
la voce del liberalismo progressista in Italia.





Nuova Serie
"La Rivoluzione Democratica"
1, MARZO 2017
Associazione Alleanza Giellista
[]

Realizzazione siti web www.sitoper.it
invia a un amico
icona per chiudere
Attenzione!
Non puoi effettuare più di 10 invii al giorno.
Privacy Policy per www.rivoluzionedemocratica.it
Il sito web www.rivoluzionedemocratica.it raccoglie alcuni dati personali degli utenti che navigano sul sito web.

In accordo con l'impegno e l'attenzione che poniamo ai dati personali e in accordo agli artt. 13 e 14 del EU GDPR, www.rivoluzionedemocratica.it fornisce informazioni su modalità, finalità, ambito di comunicazione e diffusione dei dati personali e diritti degli utenti.

Titolare del trattamento dei dati personali
La Rivoluzione Democratica
Via Circondaria, 56
55045 - Firenze Italia


Email: info @rivoluzionedemocratica.it
Telefono: 3934324237

Tipi di dati acquisiti
www.rivoluzionedemocratica.it raccoglie dati degli utenti direttamente o tramite terze parti. Le tipologie di dati raccolti sono: dati tecnici di navigazione, dati di utilizzo, email, nome, cognome, numero di telefono, provincia, nazione, cap, città, indirizzo, ragione sociale, stato, cookie e altre varie tipologie di dati. Maggiori dettagli sui dati raccolti vengono forniti nelle sezioni successive di questa stessa informativa.
I dati personali sono forniti deliberatamente dall'utente tramite la compilazione di form, oppure, nel caso di dati di utilizzo, come ad esempio i dati relativi alle statistiche di navigazione, sono raccolti automaticamente navigando sulle pagine di www.rivoluzionedemocratica.it.

I dati richiesti dai form sono divisi tra obbligatori e facoltativi; su ciascun form saranno indicate distintamente le due tipologie. Nel caso in cui l'utente preferisca non comunicare dati obbligatori, www.rivoluzionedemocratica.it si riserva il diritto di non fornire il servizio. Nel caso in cui l'utente preferisca non comunicare dati facoltativi, il servizio sarà fornito ugualmente da www.rivoluzionedemocratica.it .

www.rivoluzionedemocratica.it utilizza strumenti di statistica per il tracciamento della navigazione degli utenti, l'analisi avviene tramite log. Non utilizza direttamente cookie ma può utilizzare cookie includendo servizi di terzi.

Ciascun utilizzo di cookie viene dettagliato nella Cookie Policy (https://www.rivoluzionedemocratica.it/Informativa-sui-cookies.htm) e successivamente in questa stessa informativa.
L'utente che comunichi, pubblichi, diffonda, condivida o ottenga dati personali di terzi tramite www.rivoluzionedemocratica.it si assume la completa responsabilità degli stessi. L'utente libera il titolare del sito web da qualsiasi responsabilità diretta e verso terzi, garantendo di avere il diritto alla comunicazione, pubblicazione, diffusione degli stessi. www.rivoluzionedemocratica.it non fornisce servizi a minori di 18 anni. In caso di richieste effettuate per minori deve essere il genitore, o chi detiene la patria potestà, a compilare le richieste dati.

Modalità, luoghi e tempi del trattamento dei dati acquisiti
Modalità di trattamento dei dati acquisiti
Il titolare ha progettato un sistema informatico opportuno a garantire misure di sicurezza ritenute adatte ad impedire l'accesso, la divulgazione, la modifica o la cancellazione non autorizzata di dati personali. Lo stesso sistema effettua copie giornaliere, ritenute sufficientemente adeguate in base alla importanza dei dati contenuti.

L'utente ha diritto a ottenere informazioni in merito alle misure di sicurezza adottate dal titolare per proteggere i dati.

Accessi ai dati oltre al titolare
Hanno accesso ai dati personali raccolti da www.rivoluzionedemocratica.it il personale interno (quale ad esempio amministrativo, commerciale, marketing, legale, amministratori di sistema) e/o soggetti esterni (quali ad esempio fornitori di servizi informatici terzi, webfarm, agenzie di comunicazione, fornitori di servizi complementari). Se necessario tali strutture sono nominate dal titolare responsabili del trattamento.

L'utente può richiedere in qualsiasi momento al titolare del trattamento, l'elenco aggiornato dei responsabili del trattamento.

Comunicazione di eventuali accessi indesiderati al Garante della Privacy
Il suddetto sistema informatico è monitorato e controllato giornalmente da tecnici e sistemisti. Ciò non toglie che, anche se ritenuta possibilità remota, ci possa essere un accesso indesiderato. Nel caso in cui questo si verifichi il titolare si impegna, come da GDPR ad effettuarne comunicazione al Garante della Privacy entro i termini previsti dalla legge.

Luoghi di mantenimento dei dati acquisiti
I dati personali sono mantenuti e trattati nelle sedi operative e amministrative del titolare, nonché nelle webfarm dove risiedono i server che ospitano il sito web www.rivoluzionedemocratica.it, o sui server che ne effettuano le copie di sicurezza. I dati personali dell'utente possono risiedere in Italia, Germania e Olanda, comunque in nazioni della Comunità Europea. I dati personali dell'utente non vengono mai portati o copiati fuori dal territorio europeo.

Tempi di mantenimento dei dati acquisiti
Nel caso di dati acquisiti per fornire un servizio all'utente, (sia per un servizio acquistato che in prova) i dati vengono conservati per 24 mesi successivi al completamento del servizio. Oppure fino a quando non ne venga revocato il consenso.

Nel caso in cui il titolare fosse obbligato a conservare i dati personali in ottemperanza di un obbligo di legge o per ordine di autorità, il titolare può conservare i dati per un tempo maggiore, necessario agli obblighi.

Al termine del periodo di conservazione i dati personali saranno cancellati. Dopo il termine, non sarà più possibile accedere ai propri dati, richiederne la cancellazione e la portabilità.

Base giuridica del trattamento dei dati acquisiti
Il titolare acquisisce dati personali degli utenti nei casi sotto descritti.
Il trattamento si rende necessario:
- se l'utente ha deliberatamente accettato il trattamento per una o più finalità;
- per fornire un preventivo all'utente;
- per fornire un contratto all'utente;
- per fornire un servizio all'utente;
- perché il titolare possa adempiere ad un obbligo di legge;
- perché il titolare possa adempiere ad un compito di interesse pubblico;
- perché il titolare possa adempiere ad un esercizio di pubblici poteri;
- perché il titolare o terzi possano perseguire i propri legittimi interessi.

L'utente può richiedere in qualsiasi momento al titolare del trattamento, chiarimenti sulla base giuridica di ciascun trattamento.

Finalità del trattamento dei dati acquisiti
I dati dell'utente sono raccolti dal titolare per le seguenti finalità:

- richiesta informazione da parte dell'utente
- richiesta informazione per servizi
- invio di aggiornamenti
- invio informazioni generiche
- richiesta di contatto da parte dei clienti, per ricevere informazioni

Eventualmente i dati possono essere trattati anche per:
contattare l'utente, statistiche, analisi dei comportamenti degli utenti e registrazione sessioni, visualizzazione contenuti e interazione di applicazioni esterne, protezione dallo spam, gestione dei pagamenti, interazione con social network, pubblicità.

L'utente può richiedere in qualsiasi momento al titolare del trattamento, chiarimenti sulle finalità di ciascun trattamento.

Dettagli specifici sull'acquisizione e uso dei dati personali
Per contattare l'utente
Moduli di contatto
L'utente può compilare il/i moduli di contatto/richiesta informazioni, inserendo i propri dati e acconsentendo al loro uso per rispondere alle richieste di natura indicata nella intestazione del modulo.
Dati personali che potrebbero essere raccolti: CAP, città, cognome, email, indirizzo, nazione, nome, numero di telefono, provincia, ragione sociale.

Per interazione con applicazioni esterne (anche social network)
www.rivoluzionedemocratica.it include nelle sue pagine plugin e/o pulsanti per interagire con i social network e/o applicazioni esterne.
Per quanto riguarda i social network, anche se l'utente non utilizza il servizio presente sulla pagina web, è possibile che il servizio acquisisca dati di traffico.

I dati acquisiti e l'utilizzo degli stessi da parte di servizi terzi sono regolamentati dalle rispettive Privacy Policy alle quali si prega di fare riferimento.

Facebook: Pulsante "Mi piace" e widget sociali
Fornitore del servizio: Meta Platforms Ireland Limited.
Finalità del servizio: interazione con il social network Facebook
Dati personali raccolti: cookie, dati di utilizzo
Luogo del trattamento: Stati Uniti e in altri Paesi
Privacy Policy (https://www.facebook.com/privacy/policy)

Twitter: Pulsante "Tweet" e widget sociali
Fornitore del servizio: Twitter, Inc.
Finalità del servizio: interazione con il social network Twitter
Dati personali raccolti: cookie, dati di utilizzo
Luogo del trattamento: Stati Uniti
Privacy Policy (https://twitter.com/privacy)
Cookie utilizzati (https://help.twitter.com/it/rules-and-policies/twitter-cookies)
Aderente al Privacy Shield

Whatsapp: Pulsante Whatsapp e widget sociali di Whatsapp
Fornitore del servizio: se l'utente risiede nella Regione Europea, WhatsApp Ireland Limited, se l'utente risiede al di fuori della Regione Europea, i Servizi vengono forniti da WhatsApp LLC.
Finalità del servizio: servizi di interazione con Whatsapp.
Dati personali raccolti: cookie, dati di utilizzo
Luogo del trattamento: Irlanda, le informazioni potrebbero essere trasferite o trasmesse o archiviate e trattate negli Stati Uniti o in altri Paesi terzi al di fuori di quello in cui l'utente risiede.
Privacy Policy (https://www.whatsapp.com/legal/privacy-policy-eea)
Aderente al Privacy Shield

Per statistiche
Questi servizi sono utilizzati dal titolare del trattamento per analizzare il traffico effettuato dagli utenti sul sito web www.rivoluzionedemocratica.it.

I dati acquisiti e l'utilizzo degli stessi da parte di servizi terzi sono regolamentati dalle rispettive Privacy Policy alle quali si prega di fare riferimento.

Per visualizzare contenuti da siti web esterni
Questi servizi sono utilizzati per visualizzare sulle pagine del sito web contenuti esterni al sito web, con possibilità di interazione.
Anche se l'utente non utilizza il servizio presente sulla pagina web, è possibile che il servizio acquisisca dati di traffico.

I dati acquisiti e l'utilizzo degli stessi da parte di servizi terzi sono regolamentati dalle rispettive Privacy Policy alle quali si prega di fare riferimento.

Diritti dell'interessato
L'utente possiede tutti i diritti previsti dall'art. 12 del EU GDPR, il diritto di controllare, modificare e integrare (rettificare), cancellare i propri dati personali accedendo alla propria area riservata. Una volta cancellati tutti i dati, viene chiuso l'account di accesso all'area riservata.

Nello specifico ha il diritto di:
- sapere se il titolare detiene dati personali relativi all'utente (art. 15 Diritto all'accesso);
- modificare o integrare (rettificare) i dati personali inesatti o incompleti (Art. 16 Diritto di rettifica);
- richiedere la cancellazione di uno o parte dei dati personali mantenuti se sussiste uno dei motivi previsti dal GDPR (Diritto alla Cancellazione, 17);
- limitare il trattamento solo a parte dei dati personali, o revocarne completamente il consenso al trattamento, se sussiste uno dei motivi previsti dal Regolamento (Art. 18 Diritto alla limitazione del trattamento);
- ricevere copia di tutti i dati personali in possesso del titolare, in formato di uso comune organizzato, e leggibili anche da dispositivo automatico (Art. 20, Diritto alla Portabilità);
- opporsi in tutto o in parte al trattamento dei dati per finalità di marketing, ad esempio opporsi e ricevere offerte pubblicitarie (art. 21 Diritto di opposizione). Si fa presente agli utenti che possono opporsi al trattamento dei dati utilizzati per scopo pubblicitario, senza fornire alcuna motivazione;
- opporsi al trattamento dei dati in modalità automatica o meno per finalità di profilazione (c.d. Consenso).

Come un utente può esercitare i propri diritti
L'utente può esercitare i propri diritti sopra esposti comunicandone richiesta al titolare del trattamento La Rivoluzione Democratica ai seguenti recapiti: info@rivoluzionedemocratica.it; tel. 3312300680.

La richiesta di esercitare un proprio diritto non ha nessun costo. Il titolare si impegna ad evadere le richieste nel minor tempo possibile, e comunque entro un mese.

L'utente ha il diritto di proporre reclamo all'Autorità Garante per la Protezione dei dati Personali. Recapiti: garante@gpdp.it, http://www.gpdp.it (http://www.gpdp.it).

Cookie Policy
Informazioni aggiuntive sul trattamento dei dati
Difesa in giudizio
Nel caso di ricorso al tribunale per abuso da parte dell'utente nell'utilizzo di www.rivoluzionedemocratica.it o dei servizi a esso collegati, il titolare ha la facoltà di rivelare i dati personali dell'utente. È inoltre obbligato a fornire i suddetti dati su richiesta delle autorità pubbliche.

Richiesta di informative specifiche
L'utente ha diritto di richiedere a www.rivoluzionedemocratica.it informative specifiche sui servizi presenti sul sito web e/o la raccolta e l'utilizzo dei dati personali.

Raccolta dati per log di sistema e manutenzione
www.rivoluzionedemocratica.it e/o i servizi di terze parti (se presenti) possono raccogliere i dati personali dell'utente, come ad esempio l'indirizzo IP, sotto forma di log di sistema. La raccolta di questi dati è legata al funzionamento e alla manutenzione del sito web.

Informazioni non contenute in questa policy
L'utente ha diritto di richiedere in ogni momento al titolare del trattamento dei dati le informazioni aggiuntive non presenti in questa Policy riguardanti il trattamento dei dati personali. Il titolare potrà essere contattato tramite gli estremi di contatto.

Supporto per le richieste "Do Not Track"
Le richieste  "Do Not Track" non sono supportate da www.rivoluzionedemocratica.it.
L'utente è invitato a consultare le Privacy Policy dei servizi terzi sopra elencati per scoprire quali supportano questo tipo di richieste.

Modifiche a questa Privacy Policy
Il titolare ha il diritto di modificare questo documento avvisando gli utenti su questa stessa pagina oppure, se previsto, tramite i contatti di cui è in possesso. L'utente è quindi invitato a consultare periodicamente questa pagina. Per conferma sull'effettiva modifica consultare la data di ultima modifica indicata in fondo alla pagina.
Il titolare si occuperà di raccogliere nuovamente il consenso degli utenti nel caso in cui le modifiche a questo documento riguardino trattamenti di dati per i quali è necessario il consenso.

Definizioni e riferimenti legali
Dati personali (o dati, o dati dell'utente)
Sono dati personali le informazioni che identificano o rendono identificabile, direttamente o indirettamente, una persona fisica e che possono fornire informazioni sulle sue caratteristiche, le sue abitudini, il suo stile di vita, le sue relazioni personali, il suo stato di salute, la sua situazione economica, ecc.

Fonte: sito web del Garante della Privacy (http://www.garanteprivacy.it).

Dati di utilizzo
Sono dati di utilizzo le informazioni che vengono raccolte in automatico durante la navigazione di www.rivoluzionedemocratica.it, sia da sito web stesso che dalle applicazioni di terzi incluse nel sito. Sono esempi di dati di utilizzo l'indirizzo IP e i dettagli del dispositivo e del browser (compresi la localizzazione geografica) che l'utente utilizza per navigare sul sito, le pagine visualizzate e la durata della permanenza dell'utente sulle singole pagine.

Utente
Il soggetto che fa uso del sito web www.rivoluzionedemocratica.it.
Coincide con l'interessato, salvo dove diversamente specificato.

Interessato
Interessato è la persona fisica al quale si riferiscono i dati personali. Quindi, se un trattamento riguarda, ad esempio, l'indirizzo, il codice fiscale, ecc. di Mario Rossi, questa persona è l'interessato (articolo 4, paragrafo 1, punto 1), del Regolamento UE 2016/679 (http://www.garanteprivacy.it/regolamentoue).

Fonte: sito web del Garante della Privacy (http://www.garanteprivacy.it).

Responsabile del trattamento (o responsabile)
Responsabile è la persona fisica o giuridica al quale il titolare affida, anche all'esterno della sua struttura organizzativa, specifici e definiti compiti di gestione e controllo per suo conto del trattamento dei dati (articolo 4, paragrafo 1, punto 8), del Regolamento UE 2016/679 (http://www.garanteprivacy.it/regolamentoue). Il Regolamento medesimo ha introdotto la possibilità che un responsabile possa, a sua volta e secondo determinate condizioni, designare un altro soggetto c.d. "sub-responsabile" (articolo 28, paragrafo 2).

Fonte: sito web del Garante della Privacy (http://www.garanteprivacy.it).

Titolare del trattamento (o titolare)
Titolare è la persona fisica, l'autorità pubblica, l'impresa, l'ente pubblico o privato, l'associazione, ecc., che adotta le decisioni sugli scopi e sulle modalità del trattamento (articolo 4, paragrafo 1, punto 7), del Regolamento UE 2016/679 (http://www.garanteprivacy.it/regolamentoue).

Fonte: sito web del Garante della Privacy (http://www.garanteprivacy.it).

www.rivoluzionedemocratica.it (o sito web)  
Il sito web mediante il quale sono raccolti e trattati i dati personali degli utenti.

Servizio
Il servizio offerto dal sito web www.rivoluzionedemocratica.it come indicato nei relativi termini.

Comunità Europea (o UE)
Ogni riferimento relativo alla Comunità Europea si estende a tutti gli attuali stati membri dell'Unione Europea e dello Spazio Economico Europeo, salvo dove diversamente specificato.

Cookie
Dati conservati all'interno del dispositivo dell'utente.

Riferimenti legali
La presente informativa è redatta sulla base di molteplici ordinamenti legislativi, inclusi gli artt. 13 e 14 del Regolamento (UE) 2016/679. Questa informativa riguarda esclusivamente www.rivoluzionedemocratica.it, dove non diversamente specificato.

Informativa privacy aggiornata il 07/10/2022 12:44
torna indietro leggi Privacy Policy per www.rivoluzionedemocratica.it
 obbligatorio
generic image refresh


cookie