27 Novembre 2022

"I CALCI DI LETTA"

28-09-2022 - DIARIO POLITICO di Giuseppe Butta'
The game is over. Le elezioni sono finite con il risultato che era stato pronosticato da anni e che si era tentato di allontanare con tutti i mezzi. Nella conferenza stampa del giorno dopo il voto, il segretario del PD, Enrico Letta, si è presentato in lutto stretto dicendo che è «un giorno triste per l’Italia e l’Europa». Può darsi che abbia ragione ma, certamente, il giorno non è triste per la democrazia: il risultato viene da un giudizio severo degli elettori su quanto è avvenuto negli ultimi 10 anni; un giudizio severo sul comportamento degli uomini ai quali sono affidate le nostre istituzioni, tutte.

Un giudizio severo soprattutto sui neomachiavellici che, inventando i governi dei ‘grandi’ tecnici, ci hanno disabituato alla democrazia: la conseguenza di questa invenzione è la nascita di partiti che, invece di proporsi di vincere le elezioni, hanno come scopo quello di non fare vincere nessuno in modo da potere infilare un governo piovuto dall’alto: scopo dichiarato dei nuovi ‘azionisti’ e ‘valoristi’ sommati.

Chi si è astenuto lo ha fatto per protesta; chi ha votato per il centro-destra non si era iscritto al Littorio. La ‘forza del regime’, con il suo quasi assoluto controllo sui mezzi d’informazione e su alcuni gangli vitali delle istituzioni e della società, questa volta non ha funzionato; il tentativo di dividere il paese evocando spettri di ogni genere – e di renderlo non governabile democraticamente – non è riuscito.

Ora, naturalmente, ci attendiamo il ‘rinascimento’ dei girotondi, delle parate ‘antifasciste’, delle informazioni di garanzia, etc., etc.. Ci attendiamo ‘autunni caldissimi’: per esempio, Conte lo ha già annunciato con appena un mezzo giro di parole.

Il decennale accanimento terapeutico per tenere in vita il PD con iniezioni di metadone di potere ha avuto dunque un esito infausto, non solo con la temuta vittoria del centro-destra ma anche con l’aggravamento della frattura nel paese. Un inutile spreco di energia, e un danno per l’Italia, è stata anche la disperata respirazione bocca a bocca durata ben cinque anni, fin dal 2018, dall’arrivo al Quirinale di Cottarelli che, col suo trolley, suscitò qualche simpatia nell’opinione pubblica ingenua: oggi infatti la candidatura di Cottarelli nelle file del PD ci rivela come anche questo tentativo di impastare un governo ‘tecnico’ di emergenza, non fosse per nulla una scelta neutrale.

Forse dovremmo concludere che meglio sarebbe stato per il PD se lo si fosse lasciato a irrobustirsi nella palestra dell’opposizione, lontano dal potere. Come ha detto Massimo Cacciari, gli uomini del PD – compresi i suoi più alti rappresentanti – «sono un insieme di politici che pensano solo a sopravvivere, che razzolano nel fondo del generoso barile della storia della Dc e della sinistra italiana. Tutto questo senza avere un'idea di futuro». La stessa cosa, e con parole più dure, l’ha detta Antonio De Caro, sindaco PD di Bari, che ha accusato i suoi compagni di partito di pensare solo all’occupazione del potere.

Come si sa, Letta era tornato da Parigi ricco delle idee da ville lumière, quelle presentate al pubblico italiano in un suo libriccino intitolato Anima e cacciavite; un titolo carico di sentimenti operaistici che Letta ha scelto non avendo avuto il coraggio di usare il vecchio logo della Falce e martello, forse più congeniale almeno a una parte dei suoi. Tra queste idee egli ne ha pescata una per la sua campagna elettorale e l’ha illustrata sul ‘Messaggero’, cioè di essere disposto «a prendere calci, pur di costruire un’alleanza elettorale capace di battere questa ‘destra’». In versione zoologica, egli ha minacciato pure ‘occhi di tigre’ come arma per la campagna elettorale: una pietosa illusione perché, infatti, Letta non ha saputo fare altro che avventarsi come un toro, infuriato da un panno nero, a caccia della Meloni.

E, fin qui, niente di male. Solo che, oltre a prenderli, Letta si è messo a dare calci. Egli ha preso quelli di Calenda, che prima gli ha imposto di ricusare i 5S e, poi, addirittura un trattato ineguale pretendendo per se stesso e per la sua eletta compagnia (contrassegnata dal segno + e tutta al di sopra dei comuni mortali) il 30 per cento dei collegi uninominali contro il 70% lasciato agli altri soci; Calenda infine gli ha imposto anche una clausola ’leonina’, quella di non candidare nei collegi uninominali i leader dei partiti con i quali Letta intendeva sottoscrivere un’alleanza: Di Maio, Fratoianni, Bonelli, etc., ciascuno marchiato dal pariolino con una lettera scarlatta: il primo per avere disfatto, quando era ministro dello sviluppo economico, le prodigiose misure che, nello stesso ruolo, Calenda aveva promosso nel governo precedente; gli altri per le loro ideologie massimaliste e, soprattutto, per essere stati sempre all’opposizione dell’idolo di Calenda, cioè l’Agenda Draghi.

Nel disperato tentativo di alzare dighe contro la coalizione di centro-destra, il povero Letta, una volta accettate le condizioni calendiane si è alleato anche con questi gruppuscoli forse senza nemmeno rendersi conto di quale rospo volesse fare ingoiare ai poveri Fratoianni, Bonelli e Di Maio imponendogli la clausola sottoscritta con Calenda: i poveretti si sono presi un infarto alla ‘panza’, come Capannelle, ma hanno accettato.

Nonostante il 30% di Maalox, volevo dire di collegi uninominali, Calenda non ha retto a questo colpo di genio: con un voltafaccia – che la Bonino ha definito ‘truffaldino’ oltre che il più repentino mai visto – ha lasciato Letta con una mano davanti e l’altra dietro. Il leader di Azione ha pure sferzato i suoi ex alleati di due giorni: «Questa coalizione [con Fratoianni e c.] è fatta per perdere, c'era l'opportunità di farne una per vincere. La scelta è stata del Pd, e io non posso seguire una strada dove la coscienza non mi porta». Letta se l’è cavata con una battuta piuttosto macabra, da humour noir, parigino: “Calenda ha un solo alleato: se stesso”.

Una pantomima politicamente e moralmente indecente – spacciata come ‘patto per la costituzione’ – con tutti i protagonisti a dire: «Aho! ‘Abbiamo l’accordo’! Ma non è un programma di governo! Siamo consapevoli delle differenze fra di noi … ma sappiamo anche che, per via della legge elettorale, il prossimo Parlamento, in caso di mancato accordo elettorale tra le forze progressiste ed ecologiste rischia di essere dominato dalle destre. Non lo vogliamo e ci batteremo per evitarlo ... e ci presenteremo quindi ciascuno con il proprio programma elettorale, la propria visione sul futuro dell'Italia, pur nella comune volontà di dare a questo paese una svolta in senso progressista ed ecologista».

Solo che, tutti sommati, questi alleati non avevano un senso comune. Per onestà, bisogna ricordare quale sia stata la colla con la quale Letta ha tentato di ‘incollare’ la sua alleanza e di appiccicare la Meloni alle sue indegnità: il progressismo, ridotto però a un programma con un solo punto, l’aborto.

Per dovere di cronaca dobbiamo pure riferire che Prodi, da buon parroco, ha dato la sua assoluzione a questi uomini illuminati che si erano dovuti piegare al «compromesso inevitabile e alle distanze da superare»: insomma, secondo Prodi, dobbiamo ineluttabilmente affidarci a questi eroici ‘costruttori’ – forse gli stessi invocati col sermone di fine anno, 2020 – per un puro e rinnovato atto di fede nel trasformismo. E dobbiamo riferire anche come qualcuno, sul giornale debenedettiano, abbia poeticamente e compiaciutamente commentato questa necessità di fare una alleanza come che sia pur di non piegarsi al ‘destino cinico e baro’: «scarpe rotte eppur bisogna andare, direbbero i nipoti di Fausto Bertinotti e i figliocci di Nichi Vendola. Così fanno: Fratoianni e Angelo Bonelli, con la presidente di Europa verde Fiorella Zabatta, salgono al terzo piano del Nazareno e concordano con il leader Pd il testo di un ‘accordo’ solo ‘elettorale’».

Una pantomima che ci dovrebbe fare avvertiti del pericolo immenso che si correrebbe con un ritorno al proporzionalismo: avremmo un fazionismo e un frazionismo, eterodiretti; il trionfo della partitocrazia nella sua massima degenerazione.

Questo turno elettorale ha segnato dei record non solo con questa mostruosa ‘ruota pazza’ delle alleanze ma, soprattutto, per avere avuto in Mario Draghi un candidato ombra alla presidenza del consiglio: ci siamo meravigliati molto che Draghi, che è un uomo serio, tirato in ballo in varie forme – espressamente da Calenda e Renzi, surrettiziamente da Letta che sperava in Draghi come in una ciambella di salvataggio – abbia atteso fino a sette giorni dal voto per smentire una tale inusitata forma di candidatura che sottintendeva la speranza di un nuovo inciucio.

Ma, merito al merito. Il PD le ha tentate tutte, dal 2019, da quando sotto la guida illuminata di Bettini e Zingaretti – che, innamorati di Conte, volevano un matrimonio religioso con i 5S benedetto da Scalfari – fino alla surreale polemica che il sindaco di Firenze ha scatenato accusando la Meloni di avere sacrilegamente scelto per il suo comizio il Palazzetto dello sport intitolato a Nelson Mandela, dicendo cioè che i Fratelli d’Italia non dovrebbero poter entrare in un tale luogo perché ne profanerebbero la sacertà.

Se non è segregazionismo questo di Nardella, che cosa è il segregazionismo? Forse Nardella non sa che il primo gesto del Presidente Mandela fu quello di cercare la pacificazione con chi l’aveva tenuto in prigione.

Anche Letta, dopo che, come un cireneo, si è pure caricato addosso la croce di front runner, le ha tentate tutte: ha preso e dato calci; ha demonizzato gli avversari appellandosi all’unità antifascista; ha lanciato un lugubre allarme per il pericolo che la destra potesse disporre di una maggioranza in grado, da sola, di porre mano alla revisione della costituzione in senso presidenzialistico e autoritario; ha fatto nientepopodimeno che il ‘patto per la costituzione’ addirittura con Fratoianni; ha anche dato l’esempio ecologista del minibus elettrico; ha chiesto il voto utile; ha tirato fuori i rapporti della Meloni con Orbàn (dimenticando però di guardare anche in casa propria, dove uno dei leader rampanti del PD, Andrea Orlando, è andato a Bogotà per rendere il suo omaggio ligio al compagno Gustavo Petro); ha attaccato la flat tax e il progetto delle autonomie rafforzate; ha tirato fuori l’asso dalla manica: il dono di 10.000 euro ai diciottenni da parte degli eredi di Berlusconi e dei suoi colleghi ‘paperoni’; ha fatto una scorpacciata di ‘sardine’; ha fatto di Pontida una provincia magiara regalandola all’Ungheria; dopo aver definito Conte e i 5S inaffidabili e fedifraghi, ha auspicato che questi potessero erodere consensi alla destra (ma, dall’avvocato del popolo, si è sentito rispondere che mai e poi mai i 5S torneranno a dialogare con questi vertici nazionali del PD – forse Conte c’è l’ha con Letta?); ha denunciato le ingerenze straniere sventolando il dossier americano sui finanziamenti russi ai partiti continuando ad attaccare a testa bassa, come un toro infuriato, nonostante le smentite di Gabrielli, di Draghi, di Blinken (forse Letta ricordava i passati finanziamenti al PCI da parte dei compagni sovietici – e certo, allora, i finanziamenti che i comunisti prendevano dai sovietici configuravano un vero e proprio reato di intelligenza con il nemico – e alla DC dagli amici americani).

Ma ciò di cui dobbiamo essere maggiormente grati a Letta è la lezione di europeismo che ha impartito: ha attaccato il ‘sovranismo’ di Meloni e Salvini e ha accettato di buon grado quello di Macròn e di Sholtz, nonché dell’Olanda, spiegandoci che c’è un’Europa di serie A e una di serie B e che l’Italia sarà condannata alla serie B se sarà il centrodestra a governarla: forse Letta ha imparato questa in Francia questa idea d’Europa strana, fatta di ‘assi’, alleanze e interessi più o meno egemonici, un’idea che spiega perché l’Europa non è mai entrata nel cuore di molti). È per questa sua ‘sensibilità’ europeista che Letta è andato a farsi strabenedire da Sholtz che gli ha pure dato non so se un buon suggerimento o un ‘imperativo categorico’: «la post-fascista di FdI non deve vincere!».

Il bello è che Letta ha poi pure messo una pezza peggiore del buco per giustificare il suo patto d’acciaio con Berlino: «Siamo stati molto attaccati per questa cosa di Berlino, si vede che altri, in una logica semplicemente autarchica e completamente domestica, pensano di risolvere i problemi del Paese, non è così… Le proposte e le soluzioni autarchiche, completamente provinciali [e già, lui è parigino] che la destra di Meloni propone per l'Italia non sono quelle giuste. Ieri si è capito bene, ci sono due idee di Italia diverse, un'Italia come quella di Draghi che a Bruxelles conta e un'Italia che in Europa protesta, che propone Giorgia Meloni».

Forse Letta pensa che non ci sia nulla per cui protestare in Europa?

Infatti, egli ha tutte le ragioni per non protestare avendo saputo trarre dall’Europa tutti i vantaggi possibili: Gentiloni ha fatto sapere tempestivamente che, se in Italia qualcuno avesse intenzione di non tenere i conti in ordine, dovrà vedersela con lui; Dombrovskis ha avvertito che di ‘rinegoziazione’ del PNRR non si può nemmeno parlare; l’alleato Macron ha fatto annunciare che l’EDF nei prossimi anni ridurrà la vendita di energia elettrica all’Italia (specialmente se sarà governata dai ‘sovranisti’) mentre aumenterà la fornitura di energia alla Germania; la Von der Lyen, due giorni prima delle elezioni, ha fatto sapere che l’Italia deve rigare dritta se no subirà le sue ire personali e quelle dell’Europa tutta. Tutti questi signori sono animati da una visione alta dell’Unione Europea. E poi dicono che in Italia non ci sono ingerenze straniere!

A giustificazione di questo comportamento furioso del segretario del Pd si potrebbero portare le suddette iniezioni di metadone – che sono di per sé tossiche – e quelle ‘alte’ lezioni di trasformismo che hanno portato il suo partito alla laurea in questa disciplina, agl’inizi del 2021, con una tesi sulla ‘ricerca dei costruttori’.

Letta ora comincia a sentire la nostalgia di Parigi: perché imporgli il sacrificio di non tornarvi? I suoi allievi di sciences po’ lo aspettano a braccia aperte per apprendere dalla sua propria bocca come e qualmente egli abbia rovesciato il concetto di coalizione in quello, più terra terra, di ‘campo largo’: com’è noto e come Gianfranco Pasquino ha ricordato a Letta, la coalizione «si fa tra partiti che sono vicini, geograficamente vicini, ideologicamente compatibili, in grado di convergere su quelle che ritengono essere le priorità del Paese» – quanto poi al ‘campo largo’, si sa che nello stesso campo non si possono piantare insieme cetrioli e cavoli. Insomma, il prof. Pasquino boccerebbe Letta a un esame di scienza politica perché, «evidentemente, non conosce la teoria delle coalizioni».

Spero che Letta, dopo aver perduto le elezioni, non perda ora anche la cattedra parigina.






Fonte: di Giuseppe Buttà
Link
[]
L'AVVENIRE DEI LAVORATORI
Periodico socialista fondato 1897.
[]
IL PONTE RIVISTA
Rivista di politica economica e cultura
fondata da Calamandrei
[]
BIBLION EDITORE
Biblion Edizioni, storica casa editrice.
[]
CRITICA LIBERALE - NON MOLLARE
"NON MOLLARE"
Quindicinale on line di Critica Liberale,
la voce del liberalismo progressista in Italia.





Nuova Serie
"La Rivoluzione Democratica"
1, MARZO 2017
Associazione Alleanza Giellista
[]

Realizzazione siti web www.sitoper.it
invia a un amico
icona per chiudere
Attenzione!
Non puoi effettuare più di 10 invii al giorno.
Privacy Policy per www.rivoluzionedemocratica.it
Il sito web www.rivoluzionedemocratica.it raccoglie alcuni dati personali degli utenti che navigano sul sito web.

In accordo con l'impegno e l'attenzione che poniamo ai dati personali e in accordo agli artt. 13 e 14 del EU GDPR, www.rivoluzionedemocratica.it fornisce informazioni su modalità, finalità, ambito di comunicazione e diffusione dei dati personali e diritti degli utenti.

Titolare del trattamento dei dati personali
La Rivoluzione Democratica
Via Circondaria, 56
55045 - Firenze Italia


Email: info @rivoluzionedemocratica.it
Telefono: 3934324237

Tipi di dati acquisiti
www.rivoluzionedemocratica.it raccoglie dati degli utenti direttamente o tramite terze parti. Le tipologie di dati raccolti sono: dati tecnici di navigazione, dati di utilizzo, email, nome, cognome, numero di telefono, provincia, nazione, cap, città, indirizzo, ragione sociale, stato, cookie e altre varie tipologie di dati. Maggiori dettagli sui dati raccolti vengono forniti nelle sezioni successive di questa stessa informativa.
I dati personali sono forniti deliberatamente dall'utente tramite la compilazione di form, oppure, nel caso di dati di utilizzo, come ad esempio i dati relativi alle statistiche di navigazione, sono raccolti automaticamente navigando sulle pagine di www.rivoluzionedemocratica.it.

I dati richiesti dai form sono divisi tra obbligatori e facoltativi; su ciascun form saranno indicate distintamente le due tipologie. Nel caso in cui l'utente preferisca non comunicare dati obbligatori, www.rivoluzionedemocratica.it si riserva il diritto di non fornire il servizio. Nel caso in cui l'utente preferisca non comunicare dati facoltativi, il servizio sarà fornito ugualmente da www.rivoluzionedemocratica.it .

www.rivoluzionedemocratica.it utilizza strumenti di statistica per il tracciamento della navigazione degli utenti, l'analisi avviene tramite log. Non utilizza direttamente cookie ma può utilizzare cookie includendo servizi di terzi.

Ciascun utilizzo di cookie viene dettagliato nella Cookie Policy (https://www.rivoluzionedemocratica.it/Informativa-sui-cookies.htm) e successivamente in questa stessa informativa.
L'utente che comunichi, pubblichi, diffonda, condivida o ottenga dati personali di terzi tramite www.rivoluzionedemocratica.it si assume la completa responsabilità degli stessi. L'utente libera il titolare del sito web da qualsiasi responsabilità diretta e verso terzi, garantendo di avere il diritto alla comunicazione, pubblicazione, diffusione degli stessi. www.rivoluzionedemocratica.it non fornisce servizi a minori di 18 anni. In caso di richieste effettuate per minori deve essere il genitore, o chi detiene la patria potestà, a compilare le richieste dati.

Modalità, luoghi e tempi del trattamento dei dati acquisiti
Modalità di trattamento dei dati acquisiti
Il titolare ha progettato un sistema informatico opportuno a garantire misure di sicurezza ritenute adatte ad impedire l'accesso, la divulgazione, la modifica o la cancellazione non autorizzata di dati personali. Lo stesso sistema effettua copie giornaliere, ritenute sufficientemente adeguate in base alla importanza dei dati contenuti.

L'utente ha diritto a ottenere informazioni in merito alle misure di sicurezza adottate dal titolare per proteggere i dati.

Accessi ai dati oltre al titolare
Hanno accesso ai dati personali raccolti da www.rivoluzionedemocratica.it il personale interno (quale ad esempio amministrativo, commerciale, marketing, legale, amministratori di sistema) e/o soggetti esterni (quali ad esempio fornitori di servizi informatici terzi, webfarm, agenzie di comunicazione, fornitori di servizi complementari). Se necessario tali strutture sono nominate dal titolare responsabili del trattamento.

L'utente può richiedere in qualsiasi momento al titolare del trattamento, l'elenco aggiornato dei responsabili del trattamento.

Comunicazione di eventuali accessi indesiderati al Garante della Privacy
Il suddetto sistema informatico è monitorato e controllato giornalmente da tecnici e sistemisti. Ciò non toglie che, anche se ritenuta possibilità remota, ci possa essere un accesso indesiderato. Nel caso in cui questo si verifichi il titolare si impegna, come da GDPR ad effettuarne comunicazione al Garante della Privacy entro i termini previsti dalla legge.

Luoghi di mantenimento dei dati acquisiti
I dati personali sono mantenuti e trattati nelle sedi operative e amministrative del titolare, nonché nelle webfarm dove risiedono i server che ospitano il sito web www.rivoluzionedemocratica.it, o sui server che ne effettuano le copie di sicurezza. I dati personali dell'utente possono risiedere in Italia, Germania e Olanda, comunque in nazioni della Comunità Europea. I dati personali dell'utente non vengono mai portati o copiati fuori dal territorio europeo.

Tempi di mantenimento dei dati acquisiti
Nel caso di dati acquisiti per fornire un servizio all'utente, (sia per un servizio acquistato che in prova) i dati vengono conservati per 24 mesi successivi al completamento del servizio. Oppure fino a quando non ne venga revocato il consenso.

Nel caso in cui il titolare fosse obbligato a conservare i dati personali in ottemperanza di un obbligo di legge o per ordine di autorità, il titolare può conservare i dati per un tempo maggiore, necessario agli obblighi.

Al termine del periodo di conservazione i dati personali saranno cancellati. Dopo il termine, non sarà più possibile accedere ai propri dati, richiederne la cancellazione e la portabilità.

Base giuridica del trattamento dei dati acquisiti
Il titolare acquisisce dati personali degli utenti nei casi sotto descritti.
Il trattamento si rende necessario:
- se l'utente ha deliberatamente accettato il trattamento per una o più finalità;
- per fornire un preventivo all'utente;
- per fornire un contratto all'utente;
- per fornire un servizio all'utente;
- perché il titolare possa adempiere ad un obbligo di legge;
- perché il titolare possa adempiere ad un compito di interesse pubblico;
- perché il titolare possa adempiere ad un esercizio di pubblici poteri;
- perché il titolare o terzi possano perseguire i propri legittimi interessi.

L'utente può richiedere in qualsiasi momento al titolare del trattamento, chiarimenti sulla base giuridica di ciascun trattamento.

Finalità del trattamento dei dati acquisiti
I dati dell'utente sono raccolti dal titolare per le seguenti finalità:

- richiesta informazione da parte dell'utente
- richiesta informazione per servizi
- invio di aggiornamenti
- invio informazioni generiche
- richiesta di contatto da parte dei clienti, per ricevere informazioni

Eventualmente i dati possono essere trattati anche per:
contattare l'utente, statistiche, analisi dei comportamenti degli utenti e registrazione sessioni, visualizzazione contenuti e interazione di applicazioni esterne, protezione dallo spam, gestione dei pagamenti, interazione con social network, pubblicità.

L'utente può richiedere in qualsiasi momento al titolare del trattamento, chiarimenti sulle finalità di ciascun trattamento.

Dettagli specifici sull'acquisizione e uso dei dati personali
Per contattare l'utente
Moduli di contatto
L'utente può compilare il/i moduli di contatto/richiesta informazioni, inserendo i propri dati e acconsentendo al loro uso per rispondere alle richieste di natura indicata nella intestazione del modulo.
Dati personali che potrebbero essere raccolti: CAP, città, cognome, email, indirizzo, nazione, nome, numero di telefono, provincia, ragione sociale.

Per interazione con applicazioni esterne (anche social network)
www.rivoluzionedemocratica.it include nelle sue pagine plugin e/o pulsanti per interagire con i social network e/o applicazioni esterne.
Per quanto riguarda i social network, anche se l'utente non utilizza il servizio presente sulla pagina web, è possibile che il servizio acquisisca dati di traffico.

I dati acquisiti e l'utilizzo degli stessi da parte di servizi terzi sono regolamentati dalle rispettive Privacy Policy alle quali si prega di fare riferimento.

Facebook: Pulsante "Mi piace" e widget sociali
Fornitore del servizio: Meta Platforms Ireland Limited.
Finalità del servizio: interazione con il social network Facebook
Dati personali raccolti: cookie, dati di utilizzo
Luogo del trattamento: Stati Uniti e in altri Paesi
Privacy Policy (https://www.facebook.com/privacy/policy)

Twitter: Pulsante "Tweet" e widget sociali
Fornitore del servizio: Twitter, Inc.
Finalità del servizio: interazione con il social network Twitter
Dati personali raccolti: cookie, dati di utilizzo
Luogo del trattamento: Stati Uniti
Privacy Policy (https://twitter.com/privacy)
Cookie utilizzati (https://help.twitter.com/it/rules-and-policies/twitter-cookies)
Aderente al Privacy Shield

Whatsapp: Pulsante Whatsapp e widget sociali di Whatsapp
Fornitore del servizio: se l'utente risiede nella Regione Europea, WhatsApp Ireland Limited, se l'utente risiede al di fuori della Regione Europea, i Servizi vengono forniti da WhatsApp LLC.
Finalità del servizio: servizi di interazione con Whatsapp.
Dati personali raccolti: cookie, dati di utilizzo
Luogo del trattamento: Irlanda, le informazioni potrebbero essere trasferite o trasmesse o archiviate e trattate negli Stati Uniti o in altri Paesi terzi al di fuori di quello in cui l'utente risiede.
Privacy Policy (https://www.whatsapp.com/legal/privacy-policy-eea)
Aderente al Privacy Shield

Per statistiche
Questi servizi sono utilizzati dal titolare del trattamento per analizzare il traffico effettuato dagli utenti sul sito web www.rivoluzionedemocratica.it.

I dati acquisiti e l'utilizzo degli stessi da parte di servizi terzi sono regolamentati dalle rispettive Privacy Policy alle quali si prega di fare riferimento.

Per visualizzare contenuti da siti web esterni
Questi servizi sono utilizzati per visualizzare sulle pagine del sito web contenuti esterni al sito web, con possibilità di interazione.
Anche se l'utente non utilizza il servizio presente sulla pagina web, è possibile che il servizio acquisisca dati di traffico.

I dati acquisiti e l'utilizzo degli stessi da parte di servizi terzi sono regolamentati dalle rispettive Privacy Policy alle quali si prega di fare riferimento.

Diritti dell'interessato
L'utente possiede tutti i diritti previsti dall'art. 12 del EU GDPR, il diritto di controllare, modificare e integrare (rettificare), cancellare i propri dati personali accedendo alla propria area riservata. Una volta cancellati tutti i dati, viene chiuso l'account di accesso all'area riservata.

Nello specifico ha il diritto di:
- sapere se il titolare detiene dati personali relativi all'utente (art. 15 Diritto all'accesso);
- modificare o integrare (rettificare) i dati personali inesatti o incompleti (Art. 16 Diritto di rettifica);
- richiedere la cancellazione di uno o parte dei dati personali mantenuti se sussiste uno dei motivi previsti dal GDPR (Diritto alla Cancellazione, 17);
- limitare il trattamento solo a parte dei dati personali, o revocarne completamente il consenso al trattamento, se sussiste uno dei motivi previsti dal Regolamento (Art. 18 Diritto alla limitazione del trattamento);
- ricevere copia di tutti i dati personali in possesso del titolare, in formato di uso comune organizzato, e leggibili anche da dispositivo automatico (Art. 20, Diritto alla Portabilità);
- opporsi in tutto o in parte al trattamento dei dati per finalità di marketing, ad esempio opporsi e ricevere offerte pubblicitarie (art. 21 Diritto di opposizione). Si fa presente agli utenti che possono opporsi al trattamento dei dati utilizzati per scopo pubblicitario, senza fornire alcuna motivazione;
- opporsi al trattamento dei dati in modalità automatica o meno per finalità di profilazione (c.d. Consenso).

Come un utente può esercitare i propri diritti
L'utente può esercitare i propri diritti sopra esposti comunicandone richiesta al titolare del trattamento La Rivoluzione Democratica ai seguenti recapiti: info@rivoluzionedemocratica.it; tel. 3312300680.

La richiesta di esercitare un proprio diritto non ha nessun costo. Il titolare si impegna ad evadere le richieste nel minor tempo possibile, e comunque entro un mese.

L'utente ha il diritto di proporre reclamo all'Autorità Garante per la Protezione dei dati Personali. Recapiti: garante@gpdp.it, http://www.gpdp.it (http://www.gpdp.it).

Cookie Policy
Informazioni aggiuntive sul trattamento dei dati
Difesa in giudizio
Nel caso di ricorso al tribunale per abuso da parte dell'utente nell'utilizzo di www.rivoluzionedemocratica.it o dei servizi a esso collegati, il titolare ha la facoltà di rivelare i dati personali dell'utente. È inoltre obbligato a fornire i suddetti dati su richiesta delle autorità pubbliche.

Richiesta di informative specifiche
L'utente ha diritto di richiedere a www.rivoluzionedemocratica.it informative specifiche sui servizi presenti sul sito web e/o la raccolta e l'utilizzo dei dati personali.

Raccolta dati per log di sistema e manutenzione
www.rivoluzionedemocratica.it e/o i servizi di terze parti (se presenti) possono raccogliere i dati personali dell'utente, come ad esempio l'indirizzo IP, sotto forma di log di sistema. La raccolta di questi dati è legata al funzionamento e alla manutenzione del sito web.

Informazioni non contenute in questa policy
L'utente ha diritto di richiedere in ogni momento al titolare del trattamento dei dati le informazioni aggiuntive non presenti in questa Policy riguardanti il trattamento dei dati personali. Il titolare potrà essere contattato tramite gli estremi di contatto.

Supporto per le richieste "Do Not Track"
Le richieste  "Do Not Track" non sono supportate da www.rivoluzionedemocratica.it.
L'utente è invitato a consultare le Privacy Policy dei servizi terzi sopra elencati per scoprire quali supportano questo tipo di richieste.

Modifiche a questa Privacy Policy
Il titolare ha il diritto di modificare questo documento avvisando gli utenti su questa stessa pagina oppure, se previsto, tramite i contatti di cui è in possesso. L'utente è quindi invitato a consultare periodicamente questa pagina. Per conferma sull'effettiva modifica consultare la data di ultima modifica indicata in fondo alla pagina.
Il titolare si occuperà di raccogliere nuovamente il consenso degli utenti nel caso in cui le modifiche a questo documento riguardino trattamenti di dati per i quali è necessario il consenso.

Definizioni e riferimenti legali
Dati personali (o dati, o dati dell'utente)
Sono dati personali le informazioni che identificano o rendono identificabile, direttamente o indirettamente, una persona fisica e che possono fornire informazioni sulle sue caratteristiche, le sue abitudini, il suo stile di vita, le sue relazioni personali, il suo stato di salute, la sua situazione economica, ecc.

Fonte: sito web del Garante della Privacy (http://www.garanteprivacy.it).

Dati di utilizzo
Sono dati di utilizzo le informazioni che vengono raccolte in automatico durante la navigazione di www.rivoluzionedemocratica.it, sia da sito web stesso che dalle applicazioni di terzi incluse nel sito. Sono esempi di dati di utilizzo l'indirizzo IP e i dettagli del dispositivo e del browser (compresi la localizzazione geografica) che l'utente utilizza per navigare sul sito, le pagine visualizzate e la durata della permanenza dell'utente sulle singole pagine.

Utente
Il soggetto che fa uso del sito web www.rivoluzionedemocratica.it.
Coincide con l'interessato, salvo dove diversamente specificato.

Interessato
Interessato è la persona fisica al quale si riferiscono i dati personali. Quindi, se un trattamento riguarda, ad esempio, l'indirizzo, il codice fiscale, ecc. di Mario Rossi, questa persona è l'interessato (articolo 4, paragrafo 1, punto 1), del Regolamento UE 2016/679 (http://www.garanteprivacy.it/regolamentoue).

Fonte: sito web del Garante della Privacy (http://www.garanteprivacy.it).

Responsabile del trattamento (o responsabile)
Responsabile è la persona fisica o giuridica al quale il titolare affida, anche all'esterno della sua struttura organizzativa, specifici e definiti compiti di gestione e controllo per suo conto del trattamento dei dati (articolo 4, paragrafo 1, punto 8), del Regolamento UE 2016/679 (http://www.garanteprivacy.it/regolamentoue). Il Regolamento medesimo ha introdotto la possibilità che un responsabile possa, a sua volta e secondo determinate condizioni, designare un altro soggetto c.d. "sub-responsabile" (articolo 28, paragrafo 2).

Fonte: sito web del Garante della Privacy (http://www.garanteprivacy.it).

Titolare del trattamento (o titolare)
Titolare è la persona fisica, l'autorità pubblica, l'impresa, l'ente pubblico o privato, l'associazione, ecc., che adotta le decisioni sugli scopi e sulle modalità del trattamento (articolo 4, paragrafo 1, punto 7), del Regolamento UE 2016/679 (http://www.garanteprivacy.it/regolamentoue).

Fonte: sito web del Garante della Privacy (http://www.garanteprivacy.it).

www.rivoluzionedemocratica.it (o sito web)  
Il sito web mediante il quale sono raccolti e trattati i dati personali degli utenti.

Servizio
Il servizio offerto dal sito web www.rivoluzionedemocratica.it come indicato nei relativi termini.

Comunità Europea (o UE)
Ogni riferimento relativo alla Comunità Europea si estende a tutti gli attuali stati membri dell'Unione Europea e dello Spazio Economico Europeo, salvo dove diversamente specificato.

Cookie
Dati conservati all'interno del dispositivo dell'utente.

Riferimenti legali
La presente informativa è redatta sulla base di molteplici ordinamenti legislativi, inclusi gli artt. 13 e 14 del Regolamento (UE) 2016/679. Questa informativa riguarda esclusivamente www.rivoluzionedemocratica.it, dove non diversamente specificato.

Informativa privacy aggiornata il 07/10/2022 12:44
torna indietro leggi Privacy Policy per www.rivoluzionedemocratica.it  obbligatorio
generic image refresh


cookie