22 Ottobre 2021

"GREEN BOOMERANG"

19-09-2021 - DIARIO POLITICO di Giuseppe Butta'
Cosa fatta, capo ha, ma, anche se in ritardo e nella speranza che serva anche a chi ha la responsabilità delle decisioni, si può sempre fare qualche riflessione critica.

Il Governo, ansioso di seguire le orme del ‘saggio' Macron ma anche superandole largamente, ha approvato il nuovo decreto anti-covid che, dal 6 agosto, rende obbligatorio il cosiddetto ‘Green Pass', attestante l'avvenuta vaccinazione, la guarigione dal Covid-19 o l'esito negativo di un tampone fatto nelle ultime 48 ore.

Tale ‘pass' è necessario per accedere ad una serie di servizi e attività. L'introduzione di quest'obbligo – dice il governo – permette di aumentare il numero di avventori e spettatori ammessi sia al chiuso che all'aperto (bar, ristoranti, palestre, piscine, teatri, cinema, fiere, convegni, musei, sale bingo, etc.) e ai grandi eventi (gli stadi ad esempio potranno ospitare pubblico fino al 50% della loro capienza massima); inoltre, sempre ad avviso del governo, la certificazione verde permetterebbe le attività economiche anche in caso di aumento dei contagi e di cambiare i parametri che determinano i colori delle regioni attribuendo maggior peso ai ricoveri ospedalieri piuttosto che ai contagi.

Il ‘Green pass' invece non è obbligatorio per accedere ai mezzi pubblici locali (metropolitane, bus), ai negozi, alle farmacie, al supermercato, etc.. Tuttavia viene richiesto per accedere alle mense aziendali ma non è necessario per accedere al luogo di lavoro nella stessa azienda.

Infatti, alcune contraddizioni appaiono insormontabili: tolti i no vax, non tutti hanno potuto finora vaccinarsi per vari motivi, primo fra tutti la carenza di vaccini e di organizzazione; per rendere obbligatorio questo ‘pass', bisognerebbe quindi che tutti possano avere avuto l'opportunità di avere somministrato il vaccino (se no avremmo discriminazioni del tutto illegittime).

A parte la difficoltà che si può incontrare nell'ottenerlo (la mia personale esperienza di ‘guarito dal covid' e, quindi, avente diritto al ‘green pass', è quella di un'odissea finita nel naufragio: non l'ho potuto avere, non solo per il rimpallo burocratico tra farmacia, medico di base e ASP, ma soprattutto, nonostante che il termine per la vaccinazione dei ‘guariti' sia stato portato (pare sulla base di una valutazione ‘scientifica') fino a un anno dalla guarigione, nonostante che personalmente io abbia molti più anticorpi di quanti mediamente ne abbiano i vaccinati, il rilascio del ‘green pass' non si ha perché il decreto contraddittoriamente non dice nulla a proposito: la mano destra non sa quello che fa la mano sinistra.

L'ipotesi che in questi giorni si fa, di imporre il ‘green pass' agli autisti di mezzi di trasporto locali, e non ai passeggeri è semplicemente ridicola e controsenso: specialmente sui treni, i conduttori sono isolati mentre i passeggeri sono ‘ammassati'.

Questo vale anche per le scuole al cui personale (ma non agli studenti) s'intende imporre l'obbligo del ‘green pass' con le conseguenti pesanti sanzioni della sospensione dalle funzioni e dallo stipendio fino al licenziamento. Ciò si scontra con la logica (escludendo gli studenti, si coprirebbe solo una parte della ‘comunità scolastica') e con i fatti: sono soprattutto gli studenti l'anello di congiunzione con la comunità più ampia e possibili portatori del contagio. L'entusiasmo per il ‘green pass' fa sì che, per bocca del ministro dell'istruzione, Bianchi, il governo esulti perché, «se in una classe sono tutti vaccinati ci si potrà togliere la mascherina, per sorridere tutti insieme». E i contagi?

È altresì evidente un'altra contraddizione: il ‘green pass' viene presentato come una misura di sicurezza che serve a controllare l'espansione dei contagi: se è così non può essere obbligatorio solo per alcune categorie e non per la generalità dei cittadini perché, in questa forma, oltre che inefficace, sarebbe anche illegittimo: pardon: il governo, accortosi dell'ossimoro, con il DL del 16 settembre lo ha esteso a tutti i lavoratori pubblici e privati perché, dice Draghi, così si potrà continuare ad ‘aprire' e salverà vite. Ma perché, se il ‘green pass' è così utile e importante, il decreto entrerà in vigore solo tra un mese: intanto non riapriamo e moriamo?

In realtà, non c'è da compiacersi di una tale misura perché temiamo una pericolosa eterogenesi dei fini!

Come dice Andrea Crisanti, il certificato verde non è una misura di sanità pubblica: «il governo sul Green pass mente e lo fa in modo pericoloso. Dire che creiamo ambienti sicuri se tutti al loro interno hanno il green pass è una fake news bella e buona». Se non è una misura sanitaria, vuole essere forse, come teme Massimo Cacciari, una misura di controllo sociale: «la deriva verso una società del 'sorvegliare e punire'»?

Non è una misura di sicurezza perché anche i vaccinati possono essere contagiosi:

Ormai tutti sappiamo che i vaccini anti-Sars-CoV-2 attualmente disponibili conferiscono una protezione che va dal 60 per cento di AstraZeneca a oltre il 90 per cento nel caso dei vaccini Pfizer-Biontech e Moderna e che anche le persone vaccinate possono infettarsi e, a loro volta, contagiare altri: è una probabilità che può riguardare il 10% degli immunizzati con un vaccino a mRna e il 30/40 per cento con vaccino tipo AstraZeneca, potenzialmente, più di centomila persone su milione di vaccinati potrebbero dunque contrarre l'infezione e, a loro volta, estendere i contagi il che significa che bisogna non soltanto vaccinare ma anche continuare ad adottare tutti gli accorgimenti (distanziamento sociale, mascherine, etc.) per ridurre la circolazione del virus nella comunità. Occorre aggiungere l'incognita legata alle varianti, soprattutto la delta, rispetto alle quali, tutti i vaccini contro il ceppo originario Wuhan (quelli attualmente inoculati) sembrano perdere di efficacia per una quota compresa tra il 60 e il 70%. Ciò vuol dire che la maggior parte delle persone vaccinate potrebbe infettarsi e/o ammalarsi, anche se non di una forma severa di Covid-19. Dunque, le persone vaccinate, sebbene protette dalla malattia grave, anche se non del tutto, possono infettarsi e contagiare gli altri.

Allora il ‘green pass' non serve anzi è pericoloso. Infatti, temiamo fortemente che il ‘green pass' possa dare ai suoi detentori un'illusoria sensazione di onnipotenza e avere quindi un effetto del tutto opposto rispetto a quello annunziato e atteso: proprio la modalità di uso può trasformare il ‘green pass' in un boomerang – effetto certamente non previsto dal governo e dai sostenitori di questa misura ma probabile e prevedibile – cioè in una maggiore diffusione del contagio sia nei casi in cui il pass viene richiesto, per esempio nell'accesso agli stadi consentendo assembramenti enormi, sia quando non è richiesto come per accedere ai mezzi di trasporto locale (cioè i più affollati): infatti, l'uso di tale certificazione è obbligatorio per fruire di servizi ed eventi cui la generalità dei cittadini accede saltuariamente ma non è richiesto per quelle attività nelle quali la massa dei cittadini è abitualmente coinvolta (mezzi pubblici, la cui capienza è stata irresponsabilmente aumentata all'80% anche in zona gialla, supermercati).

Il che la dice lunga sul raptus autoritario del governo (da cui sembra particolarmente colpito il serenissimo Letta), sulla sua incapacità di fare i controlli necessari perché non venga ammesso un numero di persone superiore alla capienza prevista nei mezzi pubblici, nei supermercati, nelle farmacie, negli stadi o, anche, negli spazi pubblici (per esempio, a Venezia si è svolta la ‘regata storica' in un tripudio di smascherati ammassati, ai quali nessuno ha chiesto il ‘green pass' né il rispetto di quelle regole, e non sappiamo quello che succede negli stadi di calcio spesso frequentati da ‘esagitati'); né si fa molto per migliorare i servizi: per esempio, non tanto per aumentare il numero di treni, bus, etc., (cosa che pure potrebbe essere fatta mobilitando i mezzi dell'esercito o i bus privati) ma per il controllo degli accessi ai mezzi; altrettanto poco si fa per rendere i locali scolastici idonei alla prevenzione dei contagi, per esempio affittando gli spazi necessari.

Ci viene allora qualche dubbio sull'utilità del ‘green pass', il dubbio che sia una mera angheria, per giunta stupida, senza offesa per il ministro Brunetta che la definisce una misura geniale che, in modo gentile, spinge a vaccinarsi.

Se ci sarà un nuova ondata epidemica, si dirà che è stata causata dai non vaccinati ma siamo sicuri che non sarà stata dovuta anche al ‘green pass'?

Non è il ‘green pass' a poter controllare l'epidemia né è con il ‘green pass' che si può introdurre, surrettiziamente e ipocritamente, l'obbligo vaccinale: ciò non fa che suscitare resistenze nell'opinione pubblica.

L'efficacia dei vaccini non è qui in discussione ma, di fronte a questi scenari, c'è da chiedersi a cosa serva il ‘green pass', europeo o nazionale che sia: credere nell'utilità dei vaccini, come noi crediamo, non significa credere nel ‘green pass', soprattutto se s'intende usarlo per convincere la gente a vaccinarsi, come nel caso del personale scolastico obbligato al ‘green pass' e minacciato di venire affamato con la sospensione dello stipendio per assenza ingiustificata se non in possesso di tale certificato attestante la vaccinazione o il tampone negativo quasi quotidiano, fatto a proprie spese; a proposito, fino a ora la validità del tempone era di 48 ore, il DL del 16 settembre l'ha portata a 72: forse qualche CTS ha stabilito che non è vero quello che fino ad ora è stato detto, cioè che il tampone è solo un'istantanea che può mutare un momento dopo? O è solo una decisione politica che se ne infischia della scienza, come del resto è lo stesso ‘green pass'?

Così usato, il ‘green pass' è un mezzo di costrizione improprio, un obbligo surrettizio e mascherato di vaccinazione chiaramente illegittimo, che sottrae dalla responsabilità chi lo impone, anche se temiamo di non trovare un giudice a Berlino che lo dichiari tale.

Inoltre, ai fini del tracciamento degli eventuali contagi, il ‘green pass' è lo strumento meno adatto perché mimetizza i portatori sani. Forse il governo, se volesse veramente stroncare la pandemia, dovrebbe piuttosto intensificare il tracciamento (e il sequenziamento) rendendo ampio il più possibile l'uso dei tamponi o di altri sistemi di tracciamento, come ha fatto la Corea del Sud già più di un anno fa.

«Siamo a un passo da una nuova variante di coronavirus resistente ai vaccini … sbagliato basare la lotta al Covid unicamente sui vaccini». È l'allarme lanciato da Andrea Crisanti: «Per sorvegliare l'epidemia non basta guardare solo i dati di ricoveri e decessi ma vanno tracciati i movimenti del virus. Ci sono Paesi che sono covid free pur non avendo vaccinato la popolazione in massa, come la Nuova Zelanda e la Corea del Sud che hanno semplicemente implementato politiche di tracciamento per limitare la trasmissione del virus».

Il mainstream (politico-giornalistico) di regime cerca invece di profittare politicamente attaccando a testa bassa quanti osano sollevare dubbi sulle misure adottate dal governo e dai suoi caudatari – dalla Confindustria alla CISL all'associazione dei dirigenti scolastici – si leva a gran voce il tripudio per il ‘green pass' e la richiesta di una legge che, obbligando alla vaccinazione, sollevi datori di lavoro e sindacati dall'onere di provvedere alla sicurezza dei luoghi di lavoro e ai controlli necessari.

A quanto ne sappiamo, oltre a non abbassare la guardia nel far rispettare le regole della prevenzione, la vaccinazione è ancora il solo mezzo di cui disponiamo per tentare di scongiurare gli effetti più gravi del contagio da sars-cov2. È dunque la vaccinazione del maggior numero possibile, se non di tutti, la priorità che il governo dovrebbe porsi e che certamente si pone.

Tuttavia – almeno fino a quando non si sarà certi che i vaccini non abbiano effetti collaterali anche mortali (e in questi casi non basta un eventuale ‘indennizzo' statale) o effetti a lungo termine, ancora non noti (per esempio, in Gran Bretagna la vaccinazione dei minori di dodici anni non è stata approvata per i possibili effetti negativi sullo sviluppo: ma siamo sicuri che i vaccini non ne abbiano anche per chi è già sviluppato?) – la vaccinazione deve essere volontaria, non può essere imposta.

Se venisse imposta, a che servirebbe chiedere ai ‘vaccinandi' di firmare il ‘consenso informato'? A fargli accettare qualsiasi rischio e a scaricare da ogni responsabilità chi impone l'obbligo? Il consenso fa a pugni con l'obbligo.

Per superare il limite invalicabile del diritto personale di tutelare la propria vita come ciascuno ritiene meglio, non basta lanciare lo slogan della vaccinazione-dovere civico/morale accusando coloro che hanno dubbi sulla vaccinazione di minacciare la salute pubblica e la libertà degli altri. Non basta che qualche grande ‘guru' come Sabino Cassese – già giudice della Corte Costituzionale – ci spieghi che, essendo la stragrande maggioranza degli italiani vaccinata e quindi favorevole alla vaccinazione, l'eventuale obbligo di vaccinazione sarebbe costituzionalmente legittimo.

Non è necessario ricordargli che l'art 32 della Costituzione, oltre a stabilire che «nessuno può essere obbligato a un determinato trattamento sanitario se non per disposizione di legge», dice anche che «la legge non può in nessun caso violare i limiti imposti dal rispetto della persona umana», ma ci preoccupa molto che Cassese non ricordi la grande lezione di Tocqueville sulla tirannide della maggioranza.

Il governo, anziché dedicarsi anima e corpo al ‘green pass', deve piuttosto promuovere una informazione sui vaccini, precisa, convincente , univoca (evitando cioè tutte le incertezze e le contraddizioni finora verificatesi specialmente sul vaccino Astrazeneca) e, oltre a provvedere alla somministrazione del vaccino, deve pure migliorare il sistema di tracciamento rafforzando la rete sanitaria, nonché promuovere la ricerca sulle terapie: che fine ha fatto la terapia con plasma iperimmune? E quella con gli anticorpi monoclonali? Che cosa si fa per rafforzare il tracciamento e la sanità territoriale?

Perché il governo non ci informa?






Fonte: di GIUSEPPE BUTTA'
Link
[]
L'AVVENIRE DEI LAVORATORI
Periodico socialista fondato 1897.
[]
IL PONTE RIVISTA
Rivista di politica economica e cultura
fondata da Calamandrei
[]
BIBLION EDITORE
Biblion Edizioni, storica casa editrice.
[]
CRITICA LIBERALE - NON MOLLARE
"NON MOLLARE"
Quindicinale on line di Critica Liberale,
la voce del liberalismo progressista in Italia.





Nuova Serie
"La Rivoluzione Democratica"
1, MARZO 2017

Realizzazione siti web www.sitoper.it
invia ad un amico
chiudi
Attenzione!
Non puoi effettuare più di 10 invii al giorno.
Informativa
Informativa Privacy
La presente informativa descrive le modalità di gestione del Sito, da Lei ora visitato, di cui è Titolare, il giornale "LA RIVOLUZIONE DEMOCRATICA", registrazione al Tribunale di Firenze n°5863 del 17/02/2012 (di seguito, "Giornale" per brevità), che ha come finalità l´informazione critica, la difesa della laicità delle Istituzioni e la diffusione della cultura laica, con sede in Firenze, accessibile al seguente nome di dominio
http://www.rivoluzionedemocratica.it
in riferimento al trattamento dei dati personali dei navigatori che vi accedono e che interagiscono con esso.

Premessa
I considerazione delle modifiche al D. Lgs. n. 196/2003 (Codice in materia di protezione dei dati personali, di seguito "Codice Privacy"), introdotte recentemente con il D.L. 201/2011 convertito nella L. 214/2011, la presente informativa si rivolge alle persone fisiche che, per conto proprio o di associazioni interessate, decidano di accedere al Sito ed interagire con esso ed è resa ai sensi dell´art. 13 del Codice Privacy.
L´informativa si ispira anche alla Raccomandazione n. 2/2001 che le autorità europee per la protezione dei dati personali, riunite nel Gruppo istituito dall´art. 29 della direttiva n. 95/46/CE, hanno adottato il 17 maggio 2001, per individuare alcuni requisiti minimi per la raccolta di dati personali on-line, e, in particolare, le modalità, i tempi e la natura delle informazioni che i titolari del trattamento devono fornire agli utenti quando questi si collegano a pagine web, indipendentemente dalle ragioni e finalità del collegamento.
In linea generale, è opportuno precisare che attraverso il Sito vengono effettuate le seguenti tipologie di raccolta dati:
- raccolta necessaria ed automatica dei dati del navigatore inerenti all´interazione con il Sito;
- trattamento correlato alla raccolta di dati, immessi volontariamente dal navigatore, attraverso l´invio di e-mail agli indirizzi indicati per contattare il Titolare (ad esempio, sezioni "Contatti" e "Iscriversi al circolo").

La presente informativa si riferisce unicamente alle operazioni di trattamento effettuate su dati raccolti con le modalità sopra indicate e non si riferisce, quindi, ai trattamenti effettuati tramiti altri siti, a cui l´utente vorrà accedere mediante link dal Sito. Per tali trattamenti dovrà essere fornita, da parte dei rispettivi Titolari, autonoma informativa.
Si precisa, in particolare, che i trattamenti sui dati conferiti accedendo a siti di terzi, raggiungibili mediante i link pubblicati sul Sito, sono effettuati da soggetti diversi dal Giornale.
Premesso che il Giornale non effettuerà alcuna comunicazione dei dati degli utenti a tali soggetti e che ogni iniziativa per entrare in contatto e chiedere informazioni, è rimessa all´esclusiva attività dell´Interessato o del rispettivo Titolare, il giornale non sarà in alcun modo responsabile dei trattamenti che verranno effettuati da parte di tali soggetti, a fronte dell´iniziativa dell´utente medesimo.

1. Finalità del trattamento
1.1 Le operazioni di trattamento di seguito illustrate sono unicamente rivolte alla corretta proposizione ed erogazione dei servizi offerti tramite il presente Sito dal Giornale medesimo per il perseguimento dello scopo associativo. L´Attività on line del Giornale consiste prevalentemente nella pubblicazione di contenuti, caratterizzati da un alto livello qualitativo, sui temi di interesse del Giornale e dei dati personali dei rispettivi autori, aventi con il Giornale rapporti regolari, nonché nello scambio, anche mediante messaggi di posta elettronica, di opinioni e informazioni di varia natura, relative in particolare alla vita e alle attivitàdel Giornale medesimo o ad eventi di rilevanza nel dibattito culturale che il Giornale intende promuovere.
1.2. A tal fine, il Titolare ha predisposto sezioni ad hoc del Sito.
In particolare, nella sezione "Contatti" è presente l´indirizzo e-mail interattivo cui l´Utente può trasmettere i propri dati personali e/o dell´Associazione di appartenenza, al Giornale. Più precisamente, in tale ipotesi il trattamento è finalizzato al mero scambio di informazioni e di contatti, comunque di natura non professionale, inerenti all´attività del Giornale .
In ogni caso, i dati raccolti tramite il presente Sito saranno trattati secondo principi di correttezza, liceità e trasparenza, per la tutela della riservatezza e dei diritti degli interessati, ed unicamente per il perseguimento dello scopo associativo. Negli stessi limiti saranno trattati anche i dati personali che dovessero essere inviati spontaneamente al Giornale dai visitatori del sito anche con modalità off-line (fax, posta, telefono od altro).

2. Tipi di dati trattati
2.1 - Dati di navigazione I sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento di questo Sito registrano, nel corso del loro normale esercizio, alcuni dati personali la cui acquisizione avviene in modo automatico e inevitabile, qualora si utilizzino i protocolli di comunicazione di Internet. Sono dati che, pur non essendo reperiti con lo scopo specifico di identificare i rispettivi Interessati, ben potrebbero, a causa delle loro stesse caratteristiche, essere associati a banche dati di terzi e così consentire l´individuazione degli utenti. Appartengono a questa categoria di dati, ad esempio, gli indirizzi IP o i nomi a dominio degli elaboratori utilizzati dagli utenti che si connettono al Sito, gli indirizzi in notazione URI (Uniform Resource Identifier) delle risorse richieste, l´orario della richiesta, il metodo utilizzato nel sottoporre la richiesta al server, la dimensione del file ottenuto in risposta, il codice numerico indicante lo stato della risposta data dal server (buon fine, errore, ecc.) ed altri parametri relativi al sistema operativo e all´ambiente informatico dell´utente. Questi dati vengono utilizzati al solo fine di ricavare informazioni statistiche anonime sull´uso del Sito e per controllarne il corretto funzionamento, e vengono cancellati immediatamente dopo l´elaborazione.
Si precisa che i dati di navigazione potrebbero essere usati per l´accertamento di responsabilità in caso di eventuali reati informatici ai danni del Sito, conformemente alle procedure vigenti presso le Autorità competenti.
2.2 Meccanismi automatici di raccolta
In conformità a quanto previsto nel Provvedimento del Garante n. 229 dell´8.5.2014, si informa che in questo Sito non si utilizzano "cookies persistenti", trojans, spywares, web bugs, ovvero sistemi per il tracciamento degli utenti (cookies di profilazione), ma soltanto cookies cosiddetti "tecnici", di navigazione, di sessione o di funzionalità.
L´uso di c.d. "cookies di sessione" (che non vengono registrati in modo persistente sull´elaboratore dell´utente e svaniscono con la chiusura del browser) è unicamente finalizzato a rendere l´esplorazione del Sito sicura ed efficiente.
I c.d. cookies di sessione, utilizzati in questo sito, evitano il ricorso ad altre tecniche informatiche potenzialmente pregiudizievoli per la riservatezza della navigazione degli utenti e non consentono l´acquisizione di dati personali identificativi dell´utente I cookies "analitici" vengono utilizzati dalla società ShinyStat per effettuare trattamenti in forma aggregata ed anonima, per i quali si fornisce l´informativa generale ed il modulo per esercitare l´opt-out tramite i link qui sotto:
- ShinyStat http://www.shinystat.com/it/informativa_privacy_generale_free.html
- ShinyStat http://www.shinystat.com/it/opt-out_free.html
- Facebook http://www.facebook.com/policy.php
- Twitter http://twitter.com/privacy
- Google+, Google Maps e YouTube https://www.google.it/intl/it/policies/privacy/
- Vimeo https://vimeo.com/cookie_policy
2.3 Si precisa, per completezza, che i dati personali - una volta resi anonimi - potranno essere utilizzati per elaborare statistiche o per rilevare il grado di soddisfazione degli utenti. In ogni caso, la raccolta e il trattamento dei dati personali degli utenti non saranno finalizzati ad attività di marketing, di informazione commerciale e/o di indagini di mercato.

3. Tipologia di dati
3.1 Il trattamento dei dati effettuati tramite il presente Sito avrà prevalentemente ad oggetto dati comuni.
Tuttavia, in considerazione della natura del Giornale, il trattamento, inoltre, potrà riguardare anche i dati personali idonei a rivelare le convinzioni religiose e/o le opinioni politiche degli utenti e/o degli Associati, e/o dei soggetti che - in relazione allo scopo associativo - hanno contatti regolari con il Giornale. In ogni caso, tramite il presente Sito non saranno trattati dati inerenti alla salute. Pertanto, La invitiamo a non comunicarci dati personali attinenti al Suo stato di salute e alla Sua vita sessuale, ai sensi dell´art. 26 del Codice. In presenza di tali dati, il Giornale procederà alla tempestiva distruzione del relativo messaggio e/o comunicazione da Lei eventualmente fornita.
3.2 Il trattamento dei dati si svolgerà in conformità della vigente Autorizzazione Generale del Garante per la protezione dei dati personali n. 3/2011 e successive .
3.3 Il conferimento dei dati è in ogni caso facoltativo. Tuttavia, il mancato conferimento dei dati relativamente ad alcune sezioni del Sito e, più precisamente, in relazione alla Sezione "Contatti" comporterà l´impossibilità, per l´Associazione, di fornire il relativo servizio.

4. Modalità di trattamento
4.1 Il medesimo sarà effettuato prevalentemente con l´ausilio di mezzi informatici e telematici ma anche manualmente. I dati infatti potranno essere conservati sia in archivi cartacei sia in archivi elettronici, in modo da consentire, laddove necessario, l´individuazione e la selezione di dati aggregati, per il tempo non eccedente la durata e le necessità del trattamento.
4.2 Il trattamento sarà effettuato direttamente dall´organizzazione del Titolare, con l´ausilio dei propri incaricati e/o responsabili del trattamento. Potranno avere accesso ai dati per il perseguimento delle finalità di cui al punto 1, nell´ambito delle rispettive funzioni o mansioni e, in ogni caso, secondo le modalità e nei limiti di cui ai rispettivi atti di nomina a Responsabile o a Incaricato, oltre al Coordinatore/Coordinatrice, al Tesoriere e al Responsabile per la gestione delle istanze ex art. 7 Codice, eventuali società di servizi esterne nominate responsabili del trattamento ai sensi e per gli effetti dell´art. 29 del Codice.
4.3. Infine, si informa l´utente che l´eventuale trasmissione di dati tramite Internet non può raggiungere livelli di sicurezza assoluti. E´ onere dell´utente verificare la correttezza dei dati personali che lo riguardano ed eventualmente procedere alla rettifica, aggiornamento o, comunque, modifica dei dati nel corso del trattamento. Il Titolare non può considerarsi tenuto ad altra prestazione oltre alla puntuale e corretta applicazione degli standard di sicurezza imposti dalla normativa in vigore, con particolare riferimento all´adozione delle misure di sicurezza in conformità di quanto previsto dagli artt. 33-36 del Codice e dal Disciplinare Tecnico di cui all´Allegato B.

5. Conservazione dei dati - durata e aggiornamento
5.1 A seguito di controlli periodici,il Giornale verificherà la stretta pertinenza e la non eccedenza dei dati raccolti rispetto agli obblighi ed alle finalità del trattamento posto in essere, per quanto riguarda i dati che rivelano le opinioni e le intime convinzioni.
5.2 Ad eccezione dei dati di navigazione che non vengono conservati oltre una settimana dalla raccolta, gli altri dati verranno conservati in coerenza con lo scopo per il quale sono stati conferiti e comunque nel rispetto della normativa vigente.
5.3 Nel rispetto di quanto previsto dall´art. 11, co. 1, lett. c) Codice, i dati personali saranno aggiornati in seguito alla segnalazione dell´Interessato, in congruità con quanto previsto dall´art. 7, co. 3, lett. a) Codice.

6. Comunicazione e diffusione
6.1 il Giornale non procederà alla comunicazione diretta a terzi dei dati personali raccolti tramite il sito.
6.2 I dati relativi alla navigazione non verranno, in nessun caso, diffusi o comunicati. E´ fatta salva la eventuale comunicazione alle Autorità competenti in relazione alle attività necessarie all´accertamento e alla repressione dei reati.
6.3 I dati personali forniti dagli utenti, che inoltrano richieste di informazioni ai diversi indirizzi di posta elettronica presenti sul Sito, non sono comunicati a terzi.
6.4 Nell´ambito delle finalità indicate nella presente informativa, qualora sia necessario comunicare i dati a soggetti diversi dal Titolare, quest´ultimo provvederà alla designazione degli stessi quali Responsabili del trattamento.

7. Diritti dell´Interessato
7.1 Al Titolare del trattamento potranno essere inoltrate le richieste di cui all´art. 7 del Codice "Diritti dell´interessato", ossia, in particolare il diritto di:
- ottenere dal Titolare la conferma dell´esistenza di dati personali che lo riguardano e la comunicazione dei medesimi in forma intelligibile;
- conoscere l´origine dei dati, la logica e le finalità su cui si basa il loro trattamento;
- conoscere gli estremi identificativi dei Responsabili del trattamento e delle categorie di soggetti ai quali i dati possono essere comunicati o che possono venirne a conoscenza in qualità di Responsabili o Incaricati;
- ottenere la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati trattati in violazione della legge, come l´aggiornamento, la rettificazione o, qualora l´interessato vi abbia interesse, l´integrazione dei dati medesimi;
- opporsi in tutto o in parte, per motivi legittimi, al trattamento dei dati personali che lo riguardano ancorché pertinenti allo scopo della raccolta;
- opporsi in tutto o in parte al trattamento previsto ai fini di informazione commerciale o di invio di materiale pubblicitario.
Qualora, a seguito della richiesta di cui all´art. 7 del Codice non risulti confermata l´esistenza di dati che riguardano l´Interessato, potrà essere richiesto a quest´ultimo un contributo spese, comunque non superiore a Euro 10,00.

Le richieste dovranno essere rivolte ai Direttori del Giornale, Responsabili per le richieste ex art. 7, al seguente indirizzo e-mail:
info@rivoluzionedemocratica.it

Si prega di indicare nell´oggetto della comunicazione: "Richiesta ex art. 7 D. Lgs. 30 giugno 2003, n. 196 - Codice in materia di protezione dei dati personali".

8. Titolare ed elenco dei Responsabili del trattamento
Titolare del trattamento dei dati è il giornale on line "LA RIVOLUZIONE DEMOCRATICA" con sede a FIRENZE, mail: info@rivoluzionedemocratica.it
L´elenco aggiornato contenente i nominativi e i recapiti dei Responsabili è disponibile presso la sede del Titolare.
torna indietro leggi Informativa  obbligatorio

close
Utilizziamo i cookies
Questo sito utilizza cookie propri al fine di migliorare il funzionamento e monitorare le prestazioni del sito web e/o cookie derivati da strumenti esterni che consentono di inviare messaggi pubblicitari in linea con le tue preferenze, come dettagliato nella Cookie Policy. Per continuare è necessario autorizzare i nostri cookie. Cliccando sul pulsante ACCONSENTO, acconsenti all'uso dei cookie. Ignorando questo banner e navigando il sito acconsenti all'uso dei cookie.
Cookie Policy - Privacy Policy
Accetta i cookies necessari