23 Aprile 2024

"GAZA E DINTORNI" di Paolo Bagnoli

25-10-2023 - EDITORIALE
L'animo del mondo è devastato dai fatti di Gaza. Nello strazio lacerante di questi giorni l'unica cosa certa è che lo Stato di Israele ha la piena legittimità della propria esistenza e pure la constatazione che, dalla sua nascita, non ha mai fatto guerra a nessuno dovendo sempre difendersi da quelle che gli hanno fatto.

Ciò non lo assolve dalle politiche sbagliate che la destra israeliana ha compiuto nei confronti della questione palestinese che, se le deliberazioni dell'ONU del 1948 fossero state applicate integralmente, non esisterebbe. Come sono andate le cose è noto. Se siamo arrivati a questo punto, pur essendo la questione palestinese una ferita aperta ciò non può essere una scusante per guardare solo all'altro corno del problema e non a quest'ultimo. Le questioni si sovrappongono; gli interrogativi si moltiplicano e alla maggior parte di essi non sembra esserci risposta. Tuttavia, crediamo che un'osservazione preliminare vada fatta registrando stupiti quante piazze si sono riempite nel mondo in sostegno di Hamas creando, almeno in chi scrive, un brivido esistenziale perché una cosa è manifestare il proprio convincimento, un'altra estremizzarlo in quanto ciò genera fanatismo. Genera emulazione; genera terrorismo; genera, come avvenuto in Francia, che l'incitazione a colpire mortalmente chi si ritiene infedele abbia subito corso. E' il richiamo all'armata della morte. Il richiamo generalizzato alla mobilitazione e al risveglio delle cellule in sonno fatto dalle centrali del terrorismo islamico ci dà la febbre esatta della situazione. L'Iran ha chiamato alla mobilitazione violenta contro Israele non solo il mondo arabo, ma semplicemente tutto il mondo.

Una forte motivazione per innestare una generalizzata crociata del terrore è, infatti, l'odio contro gli ebrei; l'antisemitismo quale bandiera unificante; far sì che esso diventi e si palesi come sentimento di massa. In questi giorni anche in America l'antisemitismo è sceso in piazza. Quanto da anni denunciamo, ossia la ripresa massiccia dell'odio contro gli ebrei quale minaccia che coinvolge tutto il mondo civile, si è manifestato. Un problema , questo, in cui non c'entra nulla né la questione palestinese, né i territori occupati, né la religione musulmana in sé e per sé; c'entra solo un atavico malato dato antropologico che simboleggia il proprio intendimento nella parola d'ordine della distruzione dello Stato d'Israele. Quasi tutte le tematiche che vi sono connesse sono strumentali e sapientemente usate a giustificazione di un disegno folle che rischia di travolgere la libertà degli uomini liberi e di coloro che vogliono esserlo. Con l'Isis e altre organizzazioni simili è nato un altro mondo; ora siamo a una fase cruenta dello scontro tra due mondi. E' il secondo tempo della lotta: quello che segue alla sconfitta dello Stato islamico che ora si ripropone dietro la causa palestinese. Essa ha motivi di sofferenza reale e, per questo, rappresenta, una leva credibile per far lievitare, in un'opinione pubblica internazionale che non è né araba né musulmana, un trattenuto e incomprensibile sentimento di preclusione, avversione e contrarietà verso il popolo ebraico. L'esternarsi di tale sentimento rappresenta un fattore fondamentale per isolare Israele e acquisire consenso alla propria azione e alle atrocità inumane che ha perpetrato contro gli israeliani entrando nella loro case. Quanto poi interessi ad Hamas la sorte dei palestinesi lo dimostra il fatto che sta facendo di tutto, compresa la creazione di ostacoli fisici, per impedire ai palestinesi di andare dal Nord al Sud della striscia dopo l'annuncio che Israele ha fatto prima dei bombardamenti della zona; un impedimento che altro non è se non la tenuta in ostaggio di una popolazione civile allo stremo per l'assenza di aiuti umanitari, meglio sarebbe dire vitali. Che non si facciano arrivare gli aiuti umanitari e si impedisca ai palestinesi di Gaza di mettersi in salvo favorisce in disegno islamista di cercare di limitare i bombardamenti di Israele soprattutto che vengano colpiti i tunnel della Gaza sotterranea, ma i bombardamenti su Gaza così come avvengono sono sempre meno comprensibili e non ci sembra che favoriscano l'apertura di qualche spiraglio positivo; anzi, oltre alle vittime civili che provocano, incrementano il calore della tensione che sembra essere alle soglie di un conflitto generalizzato nell'area che non si sa quali conseguenze potrebbe avere perché poi quanto potrebbe succedere tra l'Iran e gli Stati Uniti è difficilmente prevedibile.

Per vincere lo scontro con il mondo antioccidentale – esso, infatti, non appartiene alla categoria dello scontro di civiltà - occorre porre con forza la questione della lotta senza quartiere all'antisemitismo che porta con sé pure quella al fanatismo per cui, facendosi scudo della religione si colpiscono gli esseri umani del mondo avverso. Naturalmente, alla base di tutto, e del perché la guerra scoppi proprio in questo momento, esiste una regia politica primaria ispirata dai centri forti del fronte antisraeliano: vale a dire, Iran e Qatar. Si vuole, cioè, impedire che Israele, in procinto di firmare un accordo con i sauditi, stabilisca relazioni di pace con gli Stati islamici che lo circondano e tale disegno implica che la questione palestinese resti non solo aperta, ma si incrudisca sempre più. In tale contesto il Califfato rialza la testa, ma una sua ipotetica affermazione aprirebbe un conflitto anche nel mondo arabo perché diversi Stati ne verrebbero destabilizzati; insomma, si aprirebbe un inferno di immani proporzioni.

La politica vive di complessità: nella questione medio-orientale le complessità abbondano e non abbiamo nemmeno percezione di quante esse siano. Ora, fermo restando che il mondo degli uomini liberi deve partecipare all'organizzazione della risposta e non certo fare come gli USA dopo l'attacco alle torri gemelle con le guerre in Iraq e in Afghanistan e che Israele deve essere supportato sia nel non compiere sbagli nella risposta sia nel vedersi di nuovo esplicitamente riconfermata la legittimità di essere, vi sono alcune cose che non appartengono alla complessità, bensì alla mera constatazione dei fatti storici. E' troppo semplice ridurre la soluzione, come recentemente ha fatto Camillo Ruini – sinceramente, del suo punto di vista, di estremista di centro, non è che ne sentissimo proprio la necessità – invitando Europa e Usa a mettersi subito l'elmetto per salvaguardare l'Occidente. E' spirito di crociata. Forse Ruini ne è nostalgico; ora, ben consapevoli che Usa e Europa debbano fare massa critica a sostegno di Israele nel nome di una battaglia di libertà, quello cardinalizio è un ragionamento che invece di partire dall'inizio muove dalla fine; un ragionamento che salta a piè pari la questione dell'antisemitismo e quella di una soluzione per i palestinesi. Siamo convinti, infatti, che, se finalmente riuscissimo a risolvere le due questioni, il problema dello scontro tra i due mondi rimarrebbe in piedi, ma con un profilo della questione ben diverso.

La destra israeliana che Netanyahu ha ricompattato nel governo del proprio Paese è una brutta bestia, tanto brutta e pericolosa da mettere a rischio la natura di diritto dello Stato e, quindi, sbiancare la natura democratica dello Stato; sulle orme di Orbàn dar vita a una “democrazia illiberale”. Le ragioni egoistiche del potere favorite da un populismo ricco di motivi nonché di interessi ha condotto Netanyahu in un vicolo talmente cieco da mettere a rischio il proprio Paese e non solo. Il populismo, qualunque caratura abbia, conduce sempre in un vicolo cieco essendo a negazione della ragione politica.

La storia di Israele ci dice che non tutta la destra è populista. Nel 2005 un militare duro e bellicoso come Ariel Sharon, allora capo del governo, portò via Israele da Gaza usando l'esercito per sgombrare i coloni che non volevano andarsene. La scelta ebbe ripercussioni pesanti sulla politica israeliana. Non fu dovuta a unilaterale generosità, ma a senso politico poiché rimetteva all'Autorità Nazionale Palestinese l'occasione per ricongiungere politicamente – in linea con le decisioni dell'Onu del '48 – la striscia con la Cisgiordania. Allo sgombero, com'è noto, seguì una guerra civile tra Hamas e l'Anp erede di Arafat il quale, firmando gli accordi di Oslo del 1995, aveva riconosciuto il diritto all'esistenza di Israele. L''estremismo islamico, però, ebbe la meglio e Gaza divenne la base logistica del terrorismo antisraeliano. La domanda è retorica, ma forse conviene farsela ancora: come, dopo ciò, si può credere alla motivazione propalestinese per giustificare la macelleria di Hamas?

Sharon aveva capito quello che l'attuale premier sembra non aver capito iniziare a costruire uno Stato palestinese avrebbe costituito un motivo forte per la salvaguardia di Israele. Netanyahu, al contrario, ha lasciato respirare Hamas a pieni polmoni per impedire il rafforzarsi dell'Anp, tenerla a bada e dare il via libera agli insediamenti dei coloni.

Ecco il frutto della destra. La sinistra, premier Barak, cinque anni prima, dopo il faticoso negoziato di Camp David, aveva accettato la proposta di Clinton per la nascita di uno Stato palestinese sul 96% dei territori con Gerusalemme capitale di entrambi gli Stati. Se Arafat avesse accettato la proposta il problema sarebbe stato risolto una volta per sempre. Al no seguì la seconda intifada.

Israeliani e palestinesi sono due popoli che la storia ha incastrato l'uno nell'altro. La convivenza tra queste due realtà non può essere solo una questione di forza perché, prima o poi, anche questa si logora per fattori endogeni o esogeni e quando, come la vicenda di Gaza dimostra, anche una realtà piccola territorialmente, ma assai forte militarmente, finisce per subire scacchi che, per la delicatezza della situazione, si ripercuotono non solo all'interno di Israele coinvolgendo tutto il mondo ecco che, se non si può fare a meno dell'uso della forza non si può nemmeno fare a meno di quello della politica e della ragione che questa implica. Il compromesso si impone; piaccia o non piaccia, ma da esso non si può sfuggire se non si vuole marciare spediti verso la catastrofe.

In politica non esistono cose impossibili, quando lo diventano allora la guerra prende il sopravvento e cosa succede nessuno lo sa. Il mondo libero non ha solo il dovere di combattere Hamas e il terrorismo scita che fa fuoco dai confini del Libano, ma ha il dovere di unire nella risposta Israele e Autorità Nazionale Palestinese; la strada politica da perseguire ci sembra questa, per impedire che la caduta nel baratro di tutti venga evitata.

La complessità della politica richiede di uscire dalle impostazioni dualistico-binarie che sembrano avere oggi tutte le cose; richiede l'uso applicato della ragione e l'esercizio della critica; in fondo, prima che di interessi più o meno leciti, è un atto di volontà per continuare a vivere da uomini degni di appartenere al consorzio umano.





Link
[]
L'AVVENIRE DEI LAVORATORI
Periodico socialista fondato 1897.
[]
IL PONTE RIVISTA
Rivista di politica economica e cultura
fondata da Calamandrei
[]
BIBLION EDITORE
Biblion Edizioni, storica casa editrice.
[]
CRITICA LIBERALE - NON MOLLARE
"NON MOLLARE"
Quindicinale on line di Critica Liberale,
la voce del liberalismo progressista in Italia.





Nuova Serie
"La Rivoluzione Democratica"
1, MARZO 2017
Associazione Alleanza Giellista
[]

Realizzazione siti web www.sitoper.it
invia a un amico
icona per chiudere
Attenzione!
Non puoi effettuare più di 10 invii al giorno.
Privacy Policy per www.rivoluzionedemocratica.it
Il sito web www.rivoluzionedemocratica.it raccoglie alcuni dati personali degli utenti che navigano sul sito web.

In accordo con l'impegno e l'attenzione che poniamo ai dati personali e in accordo agli artt. 13 e 14 del EU GDPR, www.rivoluzionedemocratica.it fornisce informazioni su modalità, finalità, ambito di comunicazione e diffusione dei dati personali e diritti degli utenti.

Titolare del trattamento dei dati personali
La Rivoluzione Democratica
Via Circondaria, 56
55045 - Firenze Italia


Email: info @rivoluzionedemocratica.it
Telefono: 3934324237

Tipi di dati acquisiti
www.rivoluzionedemocratica.it raccoglie dati degli utenti direttamente o tramite terze parti. Le tipologie di dati raccolti sono: dati tecnici di navigazione, dati di utilizzo, email, nome, cognome, numero di telefono, provincia, nazione, cap, città, indirizzo, ragione sociale, stato, cookie e altre varie tipologie di dati. Maggiori dettagli sui dati raccolti vengono forniti nelle sezioni successive di questa stessa informativa.
I dati personali sono forniti deliberatamente dall'utente tramite la compilazione di form, oppure, nel caso di dati di utilizzo, come ad esempio i dati relativi alle statistiche di navigazione, sono raccolti automaticamente navigando sulle pagine di www.rivoluzionedemocratica.it.

I dati richiesti dai form sono divisi tra obbligatori e facoltativi; su ciascun form saranno indicate distintamente le due tipologie. Nel caso in cui l'utente preferisca non comunicare dati obbligatori, www.rivoluzionedemocratica.it si riserva il diritto di non fornire il servizio. Nel caso in cui l'utente preferisca non comunicare dati facoltativi, il servizio sarà fornito ugualmente da www.rivoluzionedemocratica.it .

www.rivoluzionedemocratica.it utilizza strumenti di statistica per il tracciamento della navigazione degli utenti, l'analisi avviene tramite log. Non utilizza direttamente cookie ma può utilizzare cookie includendo servizi di terzi.

Ciascun utilizzo di cookie viene dettagliato nella Cookie Policy (https://www.rivoluzionedemocratica.it/Informativa-sui-cookies.htm) e successivamente in questa stessa informativa.
L'utente che comunichi, pubblichi, diffonda, condivida o ottenga dati personali di terzi tramite www.rivoluzionedemocratica.it si assume la completa responsabilità degli stessi. L'utente libera il titolare del sito web da qualsiasi responsabilità diretta e verso terzi, garantendo di avere il diritto alla comunicazione, pubblicazione, diffusione degli stessi. www.rivoluzionedemocratica.it non fornisce servizi a minori di 18 anni. In caso di richieste effettuate per minori deve essere il genitore, o chi detiene la patria potestà, a compilare le richieste dati.

Modalità, luoghi e tempi del trattamento dei dati acquisiti
Modalità di trattamento dei dati acquisiti
Il titolare ha progettato un sistema informatico opportuno a garantire misure di sicurezza ritenute adatte ad impedire l'accesso, la divulgazione, la modifica o la cancellazione non autorizzata di dati personali. Lo stesso sistema effettua copie giornaliere, ritenute sufficientemente adeguate in base alla importanza dei dati contenuti.

L'utente ha diritto a ottenere informazioni in merito alle misure di sicurezza adottate dal titolare per proteggere i dati.

Accessi ai dati oltre al titolare
Hanno accesso ai dati personali raccolti da www.rivoluzionedemocratica.it il personale interno (quale ad esempio amministrativo, commerciale, marketing, legale, amministratori di sistema) e/o soggetti esterni (quali ad esempio fornitori di servizi informatici terzi, webfarm, agenzie di comunicazione, fornitori di servizi complementari). Se necessario tali strutture sono nominate dal titolare responsabili del trattamento.

L'utente può richiedere in qualsiasi momento al titolare del trattamento, l'elenco aggiornato dei responsabili del trattamento.

Comunicazione di eventuali accessi indesiderati al Garante della Privacy
Il suddetto sistema informatico è monitorato e controllato giornalmente da tecnici e sistemisti. Ciò non toglie che, anche se ritenuta possibilità remota, ci possa essere un accesso indesiderato. Nel caso in cui questo si verifichi il titolare si impegna, come da GDPR ad effettuarne comunicazione al Garante della Privacy entro i termini previsti dalla legge.

Luoghi di mantenimento dei dati acquisiti
I dati personali sono mantenuti e trattati nelle sedi operative e amministrative del titolare, nonché nelle webfarm dove risiedono i server che ospitano il sito web www.rivoluzionedemocratica.it, o sui server che ne effettuano le copie di sicurezza. I dati personali dell'utente possono risiedere in Italia, Germania e Olanda, comunque in nazioni della Comunità Europea. I dati personali dell'utente non vengono mai portati o copiati fuori dal territorio europeo.

Tempi di mantenimento dei dati acquisiti
Nel caso di dati acquisiti per fornire un servizio all'utente, (sia per un servizio acquistato che in prova) i dati vengono conservati per 24 mesi successivi al completamento del servizio. Oppure fino a quando non ne venga revocato il consenso.

Nel caso in cui il titolare fosse obbligato a conservare i dati personali in ottemperanza di un obbligo di legge o per ordine di autorità, il titolare può conservare i dati per un tempo maggiore, necessario agli obblighi.

Al termine del periodo di conservazione i dati personali saranno cancellati. Dopo il termine, non sarà più possibile accedere ai propri dati, richiederne la cancellazione e la portabilità.

Base giuridica del trattamento dei dati acquisiti
Il titolare acquisisce dati personali degli utenti nei casi sotto descritti.
Il trattamento si rende necessario:
- se l'utente ha deliberatamente accettato il trattamento per una o più finalità;
- per fornire un preventivo all'utente;
- per fornire un contratto all'utente;
- per fornire un servizio all'utente;
- perché il titolare possa adempiere ad un obbligo di legge;
- perché il titolare possa adempiere ad un compito di interesse pubblico;
- perché il titolare possa adempiere ad un esercizio di pubblici poteri;
- perché il titolare o terzi possano perseguire i propri legittimi interessi.

L'utente può richiedere in qualsiasi momento al titolare del trattamento, chiarimenti sulla base giuridica di ciascun trattamento.

Finalità del trattamento dei dati acquisiti
I dati dell'utente sono raccolti dal titolare per le seguenti finalità:

- richiesta informazione da parte dell'utente
- richiesta informazione per servizi
- invio di aggiornamenti
- invio informazioni generiche
- richiesta di contatto da parte dei clienti, per ricevere informazioni

Eventualmente i dati possono essere trattati anche per:
contattare l'utente, statistiche, analisi dei comportamenti degli utenti e registrazione sessioni, visualizzazione contenuti e interazione di applicazioni esterne, protezione dallo spam, gestione dei pagamenti, interazione con social network, pubblicità.

L'utente può richiedere in qualsiasi momento al titolare del trattamento, chiarimenti sulle finalità di ciascun trattamento.

Dettagli specifici sull'acquisizione e uso dei dati personali
Per contattare l'utente
Moduli di contatto
L'utente può compilare il/i moduli di contatto/richiesta informazioni, inserendo i propri dati e acconsentendo al loro uso per rispondere alle richieste di natura indicata nella intestazione del modulo.
Dati personali che potrebbero essere raccolti: CAP, città, cognome, email, indirizzo, nazione, nome, numero di telefono, provincia, ragione sociale.

Per interazione con applicazioni esterne (anche social network)
www.rivoluzionedemocratica.it include nelle sue pagine plugin e/o pulsanti per interagire con i social network e/o applicazioni esterne.
Per quanto riguarda i social network, anche se l'utente non utilizza il servizio presente sulla pagina web, è possibile che il servizio acquisisca dati di traffico.

I dati acquisiti e l'utilizzo degli stessi da parte di servizi terzi sono regolamentati dalle rispettive Privacy Policy alle quali si prega di fare riferimento.

Facebook: Pulsante "Mi piace" e widget sociali
Fornitore del servizio: Meta Platforms Ireland Limited.
Finalità del servizio: interazione con il social network Facebook
Dati personali raccolti: cookie, dati di utilizzo
Luogo del trattamento: Stati Uniti e in altri Paesi
Privacy Policy (https://www.facebook.com/privacy/policy)

Twitter: Pulsante "Tweet" e widget sociali
Fornitore del servizio: Twitter, Inc.
Finalità del servizio: interazione con il social network Twitter
Dati personali raccolti: cookie, dati di utilizzo
Luogo del trattamento: Stati Uniti
Privacy Policy (https://twitter.com/privacy)
Cookie utilizzati (https://help.twitter.com/it/rules-and-policies/twitter-cookies)
Aderente al Privacy Shield

Whatsapp: Pulsante Whatsapp e widget sociali di Whatsapp
Fornitore del servizio: se l'utente risiede nella Regione Europea, WhatsApp Ireland Limited, se l'utente risiede al di fuori della Regione Europea, i Servizi vengono forniti da WhatsApp LLC.
Finalità del servizio: servizi di interazione con Whatsapp.
Dati personali raccolti: cookie, dati di utilizzo
Luogo del trattamento: Irlanda, le informazioni potrebbero essere trasferite o trasmesse o archiviate e trattate negli Stati Uniti o in altri Paesi terzi al di fuori di quello in cui l'utente risiede.
Privacy Policy (https://www.whatsapp.com/legal/privacy-policy-eea)
Aderente al Privacy Shield

Per statistiche
Questi servizi sono utilizzati dal titolare del trattamento per analizzare il traffico effettuato dagli utenti sul sito web www.rivoluzionedemocratica.it.

I dati acquisiti e l'utilizzo degli stessi da parte di servizi terzi sono regolamentati dalle rispettive Privacy Policy alle quali si prega di fare riferimento.

Per visualizzare contenuti da siti web esterni
Questi servizi sono utilizzati per visualizzare sulle pagine del sito web contenuti esterni al sito web, con possibilità di interazione.
Anche se l'utente non utilizza il servizio presente sulla pagina web, è possibile che il servizio acquisisca dati di traffico.

I dati acquisiti e l'utilizzo degli stessi da parte di servizi terzi sono regolamentati dalle rispettive Privacy Policy alle quali si prega di fare riferimento.

Diritti dell'interessato
L'utente possiede tutti i diritti previsti dall'art. 12 del EU GDPR, il diritto di controllare, modificare e integrare (rettificare), cancellare i propri dati personali accedendo alla propria area riservata. Una volta cancellati tutti i dati, viene chiuso l'account di accesso all'area riservata.

Nello specifico ha il diritto di:
- sapere se il titolare detiene dati personali relativi all'utente (art. 15 Diritto all'accesso);
- modificare o integrare (rettificare) i dati personali inesatti o incompleti (Art. 16 Diritto di rettifica);
- richiedere la cancellazione di uno o parte dei dati personali mantenuti se sussiste uno dei motivi previsti dal GDPR (Diritto alla Cancellazione, 17);
- limitare il trattamento solo a parte dei dati personali, o revocarne completamente il consenso al trattamento, se sussiste uno dei motivi previsti dal Regolamento (Art. 18 Diritto alla limitazione del trattamento);
- ricevere copia di tutti i dati personali in possesso del titolare, in formato di uso comune organizzato, e leggibili anche da dispositivo automatico (Art. 20, Diritto alla Portabilità);
- opporsi in tutto o in parte al trattamento dei dati per finalità di marketing, ad esempio opporsi e ricevere offerte pubblicitarie (art. 21 Diritto di opposizione). Si fa presente agli utenti che possono opporsi al trattamento dei dati utilizzati per scopo pubblicitario, senza fornire alcuna motivazione;
- opporsi al trattamento dei dati in modalità automatica o meno per finalità di profilazione (c.d. Consenso).

Come un utente può esercitare i propri diritti
L'utente può esercitare i propri diritti sopra esposti comunicandone richiesta al titolare del trattamento La Rivoluzione Democratica ai seguenti recapiti: info@rivoluzionedemocratica.it; tel. 3312300680.

La richiesta di esercitare un proprio diritto non ha nessun costo. Il titolare si impegna ad evadere le richieste nel minor tempo possibile, e comunque entro un mese.

L'utente ha il diritto di proporre reclamo all'Autorità Garante per la Protezione dei dati Personali. Recapiti: garante@gpdp.it, http://www.gpdp.it (http://www.gpdp.it).

Cookie Policy
Informazioni aggiuntive sul trattamento dei dati
Difesa in giudizio
Nel caso di ricorso al tribunale per abuso da parte dell'utente nell'utilizzo di www.rivoluzionedemocratica.it o dei servizi a esso collegati, il titolare ha la facoltà di rivelare i dati personali dell'utente. È inoltre obbligato a fornire i suddetti dati su richiesta delle autorità pubbliche.

Richiesta di informative specifiche
L'utente ha diritto di richiedere a www.rivoluzionedemocratica.it informative specifiche sui servizi presenti sul sito web e/o la raccolta e l'utilizzo dei dati personali.

Raccolta dati per log di sistema e manutenzione
www.rivoluzionedemocratica.it e/o i servizi di terze parti (se presenti) possono raccogliere i dati personali dell'utente, come ad esempio l'indirizzo IP, sotto forma di log di sistema. La raccolta di questi dati è legata al funzionamento e alla manutenzione del sito web.

Informazioni non contenute in questa policy
L'utente ha diritto di richiedere in ogni momento al titolare del trattamento dei dati le informazioni aggiuntive non presenti in questa Policy riguardanti il trattamento dei dati personali. Il titolare potrà essere contattato tramite gli estremi di contatto.

Supporto per le richieste "Do Not Track"
Le richieste  "Do Not Track" non sono supportate da www.rivoluzionedemocratica.it.
L'utente è invitato a consultare le Privacy Policy dei servizi terzi sopra elencati per scoprire quali supportano questo tipo di richieste.

Modifiche a questa Privacy Policy
Il titolare ha il diritto di modificare questo documento avvisando gli utenti su questa stessa pagina oppure, se previsto, tramite i contatti di cui è in possesso. L'utente è quindi invitato a consultare periodicamente questa pagina. Per conferma sull'effettiva modifica consultare la data di ultima modifica indicata in fondo alla pagina.
Il titolare si occuperà di raccogliere nuovamente il consenso degli utenti nel caso in cui le modifiche a questo documento riguardino trattamenti di dati per i quali è necessario il consenso.

Definizioni e riferimenti legali
Dati personali (o dati, o dati dell'utente)
Sono dati personali le informazioni che identificano o rendono identificabile, direttamente o indirettamente, una persona fisica e che possono fornire informazioni sulle sue caratteristiche, le sue abitudini, il suo stile di vita, le sue relazioni personali, il suo stato di salute, la sua situazione economica, ecc.

Fonte: sito web del Garante della Privacy (http://www.garanteprivacy.it).

Dati di utilizzo
Sono dati di utilizzo le informazioni che vengono raccolte in automatico durante la navigazione di www.rivoluzionedemocratica.it, sia da sito web stesso che dalle applicazioni di terzi incluse nel sito. Sono esempi di dati di utilizzo l'indirizzo IP e i dettagli del dispositivo e del browser (compresi la localizzazione geografica) che l'utente utilizza per navigare sul sito, le pagine visualizzate e la durata della permanenza dell'utente sulle singole pagine.

Utente
Il soggetto che fa uso del sito web www.rivoluzionedemocratica.it.
Coincide con l'interessato, salvo dove diversamente specificato.

Interessato
Interessato è la persona fisica al quale si riferiscono i dati personali. Quindi, se un trattamento riguarda, ad esempio, l'indirizzo, il codice fiscale, ecc. di Mario Rossi, questa persona è l'interessato (articolo 4, paragrafo 1, punto 1), del Regolamento UE 2016/679 (http://www.garanteprivacy.it/regolamentoue).

Fonte: sito web del Garante della Privacy (http://www.garanteprivacy.it).

Responsabile del trattamento (o responsabile)
Responsabile è la persona fisica o giuridica al quale il titolare affida, anche all'esterno della sua struttura organizzativa, specifici e definiti compiti di gestione e controllo per suo conto del trattamento dei dati (articolo 4, paragrafo 1, punto 8), del Regolamento UE 2016/679 (http://www.garanteprivacy.it/regolamentoue). Il Regolamento medesimo ha introdotto la possibilità che un responsabile possa, a sua volta e secondo determinate condizioni, designare un altro soggetto c.d. "sub-responsabile" (articolo 28, paragrafo 2).

Fonte: sito web del Garante della Privacy (http://www.garanteprivacy.it).

Titolare del trattamento (o titolare)
Titolare è la persona fisica, l'autorità pubblica, l'impresa, l'ente pubblico o privato, l'associazione, ecc., che adotta le decisioni sugli scopi e sulle modalità del trattamento (articolo 4, paragrafo 1, punto 7), del Regolamento UE 2016/679 (http://www.garanteprivacy.it/regolamentoue).

Fonte: sito web del Garante della Privacy (http://www.garanteprivacy.it).

www.rivoluzionedemocratica.it (o sito web)  
Il sito web mediante il quale sono raccolti e trattati i dati personali degli utenti.

Servizio
Il servizio offerto dal sito web www.rivoluzionedemocratica.it come indicato nei relativi termini.

Comunità Europea (o UE)
Ogni riferimento relativo alla Comunità Europea si estende a tutti gli attuali stati membri dell'Unione Europea e dello Spazio Economico Europeo, salvo dove diversamente specificato.

Cookie
Dati conservati all'interno del dispositivo dell'utente.

Riferimenti legali
La presente informativa è redatta sulla base di molteplici ordinamenti legislativi, inclusi gli artt. 13 e 14 del Regolamento (UE) 2016/679. Questa informativa riguarda esclusivamente www.rivoluzionedemocratica.it, dove non diversamente specificato.

Informativa privacy aggiornata il 07/10/2022 12:44
torna indietro leggi Privacy Policy per www.rivoluzionedemocratica.it
 obbligatorio
generic image refresh

cookie