27 Novembre 2022

"FLORILEGI DEL NOSTRO TEMPO"

23-11-2022 - DIARIO POLITICO di Giuseppe Butta'
‘Nulla di nuovo sul fronte occidentale': il dibattito parlamentare sulla fiducia e sulle prime azioni del governo Meloni ci ha dato l'impressione del déjà vu.

La ‘resistenza' sta dispiegando armi ed eroismo contro quella che la ‘sinistra' – carica di puro sentimento democratico – definisce ‘destra populista e borgatara': l'esempio più alto di sacrificio l'ha dato Furio Colombo immolando quel che resta della sua intelligenza per attaccare Giorgia Meloni, rea di aver portato con sé la figlia di 6 anni a Bali: l'ex direttore de ‘L'Unità', e rappresentante della FIAT nella ‘Overseas Union Bank' di Nassau, parlando dello scontro tra governo e le Ong ha messo alla gogna Meloni e sua figlia paragonando il loro comodo viaggio, in top class, con quello dei bambini migranti che, in cerca delle nostre coste, annegano nel Mediterraneo. Temo che Colombo dica la stessa cosa quando Mattarella, nei suoi viaggi, porta con sé la figlia cinquantenne.

Il povero Nichi Vendola – eroico paladino di tutte le ‘diversità – si dice impaurito dalle pupille di Giorgia: «Mi inquietava nella fisionomia a causa della sua predisposizione all'attacco che aveva nella postura delle pupille … pronte a venirti addosso e morderti».

Conte e Letta si sono autoproclamati ‘vigilantes' sulla costituzione e sui diritti. La prima obiezione che PD e 5S hanno avanzato al nuovo governo è che esso non ha ottenuto la maggioranza dei voti degli aventi diritto al voto ma solo quella del 44% dei votanti: è vero. Ma si deve ricordare all'ex prof. di Sience po' che la legge elettorale vigente l'ha fatta il PD e che tutti i sistemi elettorali – anche i maggioritari puri – producono maggioranze relative non soltanto rispetto all'elettorato ma anche rispetto alla popolazione.

La seconda e correlata obiezione, molto più seria e grave, è che questa maggioranza/minoranza avrebbe a che fare col fascismo e che bisognerebbe sottoporre la Meloni e c. a un esame di antifascismo, atlantismo ed europeismo. La preoccupazione antifascista è sacrosanta. Se ci fosse il pericolo di un ritorno al fascismo, tutti scenderemmo in piazza; ma, ammesso che in queste fila vi siano molti, o pochi, che possano avere avuto simpatia per il ‘deprecato ventennio', fino a quando vorremo segregarli? Non si dovrebbe chiudere la partita come si è fatto con i comunisti, ai quali non abbiamo chiesto alcuna abiura?

Quanto all'esame di atlantismo, la cosa che più fa ridere è che a chiederla siano i 5S, programmaticamente anti-NATO, e quella parte del PD che, a suo tempo, dovette aspettare l'eurocomunista brezhneviano Berlinguer per sentirsi più sicura sotto l'ombrello atlantico anziché sotto quello della patria del comunismo. E poi, se si vuole fare l'esame a Meloni e c., non è inutile ricordare che il MSI, dopo l'opposizione al Patto Atlantico condivisa con il PCI nel 1949, si schierò apertamente a favore della NATO già dal 1952 mentre i comunisti continuarono ad opporsi fino alla caduta del ‘Muro'. Anche sull'Europa, se si dovessero prendere le misure, dovremmo fare appello alla storia: nel 1957, il PCI votò contro la CEE e l'Euratom mentre il MSI votò a favore insieme a tutti gli altri partiti, meno il PSI, ancora non emancipato dal ‘frontismo', che si astenne. Contrario all'adesione dell'Italia al Sistema monetario europeo, padre dell'Euro, il PCI – che definiva la CEE come «la forma sovranazionale che assume nell'Europa occidentale il capitale monopolistico» – si oppose con argomentazioni di Giorgio Napolitano non dissimili da quelle di chi oggi è contrario alla moneta unica: il PCI cominciò a mutare posizione solo dopo aver cambiato nome.

Qualcuno ha pure notato che quando Meloni parla di libertà non fa altro che annaspare in acque non sue: lo dimostrerebbe la sua adesione al celebre concetto, formulato da Giovanni Paolo II, secondo il quale «libertà non è quella di fare ciò che si vuole ma ciò che si deve». E questo, per chi interpreta la libertà come licenza, è naturalmente una sgrammaticatura imperdonabile: peccato che anche i ‘correttori' – almeno alcuni di essi che si ritengono i più ‘autorevoli' – annaspino nelle sabbie mobili della loro culltura totalitaria, mai ripudiata: Fausto Bertinotti – il ‘rifondatore comunista' che voleva (vuole) ‘ri-fondare' le basi della dittatura (sia pure del proletariato) – he detto che, con il governo Meloni, «siamo di fronte a una riedizione di un tempo che pensavamo lontano, cioè la cultura politica degli anni ‘50 [qui Bertinotti non si riferisce alla cultura fascista ma a quella anticomunista] … Le opposizioni e la maggioranza sono state annichilite dal presidente del Consiglio, in una piena dittatura». Evidentemente, Bertinotti si è sentito scippato del monopolio di una tale forma di governo.

Alla Camera, Meloni ha fatto due discorsi, uno di presentazione del programma e uno di replica agli intervenuti, sfoggiando una notevole capacità di sintesi e di chiarezza di idee – che possono piacere o no – nonché la piena coscienza della gravità dei problemi che il suo governo dovrà affrontare. Meloni ha anche dimostrato di avere un buon senso dell'humor. Le sole parole che i sedicenti ‘progressisti' hanno saputo dire di positivo del nuovo Presidente del consiglio sono state quelle, inevitabili e di circostanza, sul primo presidente del consiglio donna in Italia. Parole però subito cancellate dall'accusa secondo la quale Meloni avrebbe una concezione maschilista del potere; lo ha detto la Boldrini: «Credere che lei premier possa essere una conquista per le donne è un errore, uno specchietto per le allodole»; lo ha detto la Serracchiani, che teme che Meloni voglia le donne «dietro agli uomini e dedite solo alla famiglia e ai figli … sappia che troverà in questi banchi e nella maggioranza del paese un'opposizione fermissima!». Meloni l'ha sotterrata nel ridicolo: «On. Serracchiani, mi guardi! Le sembra che io sia un passo dietro agli uomini?» Ugual sorte è toccata a Letta: «Enrico, dopo che mi hai spiegato come devo fare la destra, ora vuoi spiegarmi cosa significhi essere una donna? Ma ce l'hai un senso del ridicolo?»

A proposito del vezzo di farsi chiamare ‘il presidente' che pare abbia Meloni, un tale Montanari ha ‘twittato' questa perla di saggezza: «direste di una donna ‘il supplente' … ‘il docente'? A chi verrebbe in mente un simile errore? Se lo si fa per ‘presidente' è solo per ragioni ideologiche: perché il potere, da noi, è ancora e solo maschile. Tutto qua».

Tutto qua. Forse, per vedere una simile commozione nella ‘sinistra', dovremo aspettare l'elezione di una ‘papessa', che però dovrà non farsi chiamare ‘il Papa'.

Un'altra critica, alta e forte, contro il governo è stata quella dell'avere macchiato il nome del ministero della famiglia aggiungendovi la parola ‘natalità': per i critici, in una tale oscena parola si riverbera una eco della politica demografica di Mussolini e, cosa più grave, il termine ‘natalità' viene associato all'altro, altrettanto osceno, di ‘famiglia': la sinistra ha ragione, Meloni non sa che i bambini si trovano sotto il cavolo.

Quanto alla sovranità alimentare, la può invocare solo Macron: se lo fa Meloni si rischia l'autarchia.

In tema di rapporti europei – a parte la professione di fede europeista e atlantica che il celebrato Michele Santoro definisce «feroce» ed esibita «per rompere un certo isolamento internazionale» – Meloni ha detto: 1) che bisogna ripensare e rifondare le istituzioni europee per renderle capaci di avere una politica estera e di difesa comune; 2) che la BCE sbaglia a rialzare il tasso d'interesse visto che l'inflazione non è causata da un eccesso di domanda ma da fattori esogeni; 3) che una tale politica rischia di fare inclinare la nostra economia verso la recessione. Cui prodest?; 4) sull'immigrazione, Meloni ha ricordato poi come il famoso piano sottoscritto dalla Lamorgese a Malta nel 2019 e in Lussemburgo nel 2022, non sia mai stato attuato se non nella parte che prevede che lo Stato di prima accoglienza (cioè l'Italia) debba provvedere agli immigrati sbarcati a frotte dalle navi ong., mentre sono state del tutto accantonate la redistribuzione dei migranti tra gli stati membri e il rimpatrio dei non aventi diritto negli stati di provenienza e di transito. La sua idea è dunque quella di far valere il patto nella sua interezza in modo da assicurare agli Stati (tutti) la possibilità di regolare i flussi migratori, come avviene ovunque nel mondo; di proporre una piano Marshall europeo per l'Africa al fine di promuoverne lo sviluppo, frenarne l'emigrazione ed esercitare in quel continente un'influenza che oggi sembra nelle mani di Russia e Cina.

Tali obiettivi e valutazioni sono stati variamente criticati:1) sulla rifondazione dell'UE si è detto che Meloni cova un'idea confederale di stati sovrani e non quella federalista dei veri europeisti: di grazia, chi sono questi federalisti? Fuori i nomi; 2) sulla BCE è stato opposto che, si, Meloni ha ragione, lo hanno detto pure Macron, Sanchez e Costa ma non si deve dirlo nel modo perentorio usato da Meloni: la BCE si potrebbe offendere e punire l'Italia; 3) sull'immigrazione, il discorso è considerato dagli oppositori come un proclama di becero ‘sovranismo' e dell'intenzione di rinnovare la politica ‘illegittima' dei porti chiusi.

La successiva vicenda delle navi ong a Catania sembrerebbe dare ragione ai critici: giocando sui numeri e sulle percentuali questi però fanno finta di non accorgersi del problema dell'immigrazione clandestina e, ripetendo uno slogan insulso, accusano il governo di vedere l'emergenza là dove non c'è: «che cosa sono 90.000 immigrati (all'anno) su 59 milioni di italiani»? che cosa è, in fondo, un rubinetto che da anni gocciola (sempre più intensamente)? Appare chiaro che gli ‘accoglienti' intendono aspettare che il vaso trabocchi.

Se si guarda alla pressione migratoria da tutto il mondo, ci rendiamo conto di trovarci di fronte a un bivio: aprire le porte e rischiare che gli appelli all'accoglienza s'infrangano, presto o tardi, nella violenza, dall'una e dall'altra parte, o regolare i flussi in base alle nostre esigenze e capacità. Non si può confondere il soccorso in mare con l'intenso movimento ‘avventuroso' di migranti sfruttati da vari tipi di trafficanti che si muovono a terra e in mare; né v'è dubbio che serva una politica (italiana e europea) di regolamentazione dei flussi migratori e che, per poterla fare, serve anzitutto che cessi la migrazioni illegale, con o senza ong.

La Francia – vigilante sul rispetto dei diritti umani in Italia e, perciò, grande protettrice di ‘terroristi rossi' – ha rafforzato i contingenti di polizia alle nostre frontiere: a Ventimiglia i respingimenti dei migranti durano da anni. Ad essere sinceri, dobbiamo dire che la Francia – che si becca 70 milioni di accusano il governo di vedere l'emergenza là dove non c'è € all'anno, dalla Gran Bretagna per tenere migliaia di migranti prigionieri nei lager di Calais, ha comunque ragione di adottare questi provvedimenti; infatti, non vi è Stato al mondo che faccia entrare qualcuno nel suo territorio se non ha passaporto, visto, mezzi di sostentamento.

Naturalmente i respingimenti li può fare solo la “Ville Lumière”. Lo dimostra l'attacco portato all'Italia dal governo francese che ha addirittura minacciato ripercussioni e conseguenze ricordandoci che l'Italia gode di sovvenzioni europee e ha anche intimato anche agli stati membri di non dare seguito agli accordi sulla redistribuzione dei migranti. Con il sottinteso avvertimento (mafioso) di ripercussioni negative sugli interessi economici italiani dipendenti dall'UE: patto di stabilità e PNRR. Un bel ricatto. Intanto i 234 migranti sbarcati a Tolone saranno immediatamente redistribuiti tra ben 11 paesi o rimpatriati immediatamente negli stati di origine: in Francia ne resteranno ben pochi. Ma perché questa stessa redistribuzione – nonostante i cosiddetti ‘accordi' di Malta e del Lussemburgo – e il rimpatrio non si fanno in ugual misura anche per i migranti sbarcati in Italia a migliaia?

Quale tra i nostri precedenti governi ha fatto un baratto tra migranti e sovvenzioni?

Che la Francia abbia una concezione imperiale dell'UE lo sapevamo; colpisce però il tempismo della chiara interferenza francese contro il governo ‘sovranista' italiano: viene il sospetto che a ‘ordire' la trappola sulla Ocean Viking ci sia stata pure qualche ‘manina' italiana.

Sempre in tema di immigrazione, segnaliamo che, da Bonino a Calenda, da Letta a Frattoianni, si blatera contro la legge Bossi-Fini, che è del 2002: ammessa la necessità di rivedere la legge, come mai questi catoni non hanno fatto nulla per abrogarla o cambiarla nei tanti lustri in cui sono stati al governo con Prodi, Monti, Letta, Renzi, Conte e Draghi?

Sul tema più scottante della politica estera, la guerra russo-ucraina, il governo Meloni intende continuare nell'appoggio all'Ucraina e ha provato finora di essere conseguente con una tale decisone; il PD, invece, ha provato ancora una volta di essere in pieno marasma e, come l'asino di Buridano, di non sapere scegliere tra le due mangiatoie: da un lato specula sulle gaffe ‘putiniane' di Berlusconi e Salvini, dall'altro partecipa a Roma a una manifestazione per la pace insieme con le ‘anime belle' che vogliono il disarmo ‘unilaterale' (della NATO) e con i 5S, che hanno intimato al governo di «non azzardarsi a inviare altre armi all'Ucraina» e chiedono la pace anche al costo della resa dell'Ucraina. Che dire?

Meloni ha presentato un programma di governo sul quale poco ci sarebbe da dire se non che, come dice Calenda, si tratterebbe di una lista della spesa senza la minima indicazione di come pagare. Ma Calenda – che, per essere preciso, avrebbe fatto un discorso di 4 giorni – era distratto: Meloni ha indicato con sufficiente chiarezza le misure che intende adottare e le risorse necessarie a partire dalla legge di bilancio del 2024: infatti, le scelte di fondo per la legge di bilancio per il 2023 erano già state fatte da Draghi (fra l'altro scelte piuttosto obbligate) e sarebbe stato impossibile cambiarle nel mese restante per approvarla. Infatti, la manovra per il 2023, varata in meno di 30 giorni dall'insediamento del governo in modo da consentire al Parlamento di discuterla diversamente da come l'anno scorso gli fu impedito essendo stata solo il 27 dicembre, 3 giorni prima dell'esercizio provvisorio, propone alcuni indirizzi politici (riduzione del ‘cuneo fiscale' e flat tax sui redditi incrementali, riforma del reddito di cittadinanza, mobilitazione di tutti i ceti produttivi, riduzione dell'attività dello Stato privandolo di quelle armi asfissianti che sono la burocrazia fuori controllo, il fisco esoso, lo statalismo improduttivo) che dovranno essere precisati e implementati nei prossimi anni. Sicché, mentre gli ‘oppositori' si apprestavano ad aggredire il governo per avere sfasciato i conti dello Stato, quando la legge è stata varata tutti si sono trovati spiazzati e stanno attrezzandosi per attaccarlo perché non li ha sfasciati.

Conte è «pronto a tutto» contro questo governo ‘disumano'; Letta, inseguendo i 5S, ha convocato la piazza contro «l'iniqua manovra»; Calenda, almeno, presenterà le sue critiche con una ‘contro-manovra' o ‘manovra ombra': vedremo?

Il massacro della Meloni e della sua maggioranza è stato portato a termine dall'opposizione, anche per mano televisiva, sulla questione del tetto all'uso del contante che il governo intende portare a un livello più alto. Apriti cielo! L'accusa più lieve contro il governo è stata che l'innalzamento del tetto sarebbe un aiuto agli spacciatori e ai mafiosi: certo, com'è noto, solitamente mafiosi e spacciatori pagano e vengono pagati col Bancomat e rilasciano regolare fattura elettronica. A parte gli scherzi, se l'uso del contante può avere questi effetti, si pensi a come evitarli piuttosto che a introdurre o ad allargare divieti e proibizioni: l'illegalità non sarà mai controllata dal tetto al contante e l'evasione fiscale spicciola – non parliamo della grande evasione che certo non si mette paura di queste limitazioni – ci sarà sempre fino a quando non si renderà conveniente non pagare in nero, per esempio con la detrazione dell'IVA pagata dal reddito imponibile del consumatore finale, che è l'unico soggetto a non poterla scaricare.

Meloni ha poi donato un altro argomento per essere attaccata: nel primo consiglio dei ministri del nuovo governo, non è stata affrontata la questione delle bollette (una grave accusa: un ritardo di 4 giorni) ma, per meri fini propagandistici, si è invece dedicato alla stretta sui diritti: la corrispondente berlinese di ‘Repubblica' ha fatto, un appello accorato in favore dei giovani che, non avendo soldi per potere ‘aprire' locali da ‘sballo', sono costretti ad adattarsi negli edifici altrui, per altro abbandonati: come si fa a darle torto dal momento che i ‘progressisti' assicurano ai giovani un grande futuro curandoli con il ‘delirio' e la cultura sadiana? Una illustre politologa, per giunta parlamentare europea del PD, parla di ‘destra al cubo' per il fatto che il nuovo ministro dell'interno si è esibito – come suo primo atto seguito allo sgombero del ‘rave party' di Modena dove i giovani si esibivano nella compravendita di droga, alcolici, etc. – con un d.l. che vieta i «raduni con invasione di edifici e terreni pubblici o privati»; Piero Sansonetti dice che «questa legge sui ‘rave' non può andare avanti, la riunione non può essere reato per l'art. 17 della Costituzione»: forse il ‘vecchio comunista', come egli suole autodefinirsi, confonde il diritto di riunione con il delitto d'invasione di edifici e di spaccio di droga. Certo, nella formulazione attuale, il decreto lascia troppo spazio a una interpretazione estensiva ed è scritto malissimo come di solito accade per le nostre leggi che, con i rinvii ad altre leggi e articoli del codice, bisognano di un egittologo per essere interpretate. Ma Conte e Letta si stracciano le vesti contro questo decreto ‘fascistissimo' e non gli basta che in Parlamento se ne delimiti la portata: vogliono che venga ritirato.

Il programma del nuovo governo è oggetto di irrisione sul punto delle autonomie: l'opposizione denuncia il paradosso di un partito nazionalista che dovrà cedere ai leghisti sulla questione dell'autonomia differenziata – che poi è l'autonomia di cui già godono ben 5 regioni in un quadro normativo di precisa distribuzione dei poteri, delle competenze e delle risorse in capo a governo centrale e ai governi regionali – e prevede, anzi auspica, che la maggioranza s'infranga su questo scoglio o che faccia pasticci come nel 2001, quando la farraginosa riforma del titolo V venne fatta da centralisti camuffati da autonomisti. A queste preoccupazioni si può rispondere che l'autonomia non esclude che il governo centrale possa intervenire con progetti di eguagliamento dei servizi gestiti dalle regioni, naturalmente con i finanziamenti necessari. Si permettano due domande: il secolare centralismo italiano non è responsabile delle gravi disparità tra le regioni, tra Nord e Sud, tra isole e continente? Forse l'opposizione teme l'autonomia perché teme di perdere potere?

A governo appena insediato, un'altra notevole obiezione e un attacco da sbarco in Normandia sono stati portati, soprattutto con l'arma televisiva, contro la decisione di eliminare l'obbligo di indossare la mascherina negli ospedali. Siamo d'accordo con l'obiezione, forse è presto per sbarazzarsi di quel fastidioso mascheramento ma dobbiamo dire che gli ‘obiettori' hanno sbagliato governo: era stato il governo Draghi a decidere la scadenza dell'obbligo della mascherina al 1 ottobre sui mezzi pubblici e al 31 ottobre negli ospedali e nelle RSA; il governo attuale invece ha prorogato l'obbligo fino al 31 dicembre: insomma, i critici sono rimasti ammutoliti e con un palmo di naso.

Gli stessi alti lai si sono avuti quando il governo ha riammesso in servizio medici e infermieri non vaccinati con 2 mesi di anticipo sul termine stabilito dalla legge sull'obbligo vaccinale: detto che l'obbligo di sottoporsi alla vaccinazione si è avuto solo in qualche paese e che solo in Italia ha assunto i caratteri di un ‘giudizio di Dio'; detto che essere contro l'obbligo vaccinale non significa essere contro il vaccino, dobbiamo porre tre domande: 1) i sanitari no vax devono essere condannati, senza processo, alla segregazione sine die?; 2) i medici vaccinati possono essere portatori del contagio? Se si, allora tutti i medici, vaccinati o no, vanno sospesi dal servizio; 3) il vaccino serve solo come protezione personale? Se si, allora peggio per chi non si vaccina: se una sanzione doveva essere prevista per medici e infermieri che avessero rifiutato la vaccinazione, sarebbe bastato non concedere la causa di servizio a chi avesse contratto il covid in servizio.

Il governo vorrebbe introdurre il merito come criterio di organizzazione della scuola, che significa incentivare il personale insegnante a migliorarsi e gli studenti a studiare meglio. Non sappiamo ancora come intende farlo né se ci riuscirà e in quanto tempo ma è bastato il solo annuncio per fare insorgere i ‘progressisti' come un sol uomo: forse perché verrebbero a perdere molte delle armi che hanno usato per fare della scuola una potente leva di assunzioni senza merito e un esamificio senza valutazione.

‘Sette in un colpo': il governo alla sua prima uscita è riuscito ad armare di molti argomenti pretestuosi le ‘falangi' – absit iniura verbis – dei suoi nemici, i quali così potranno passà ‘a nuttata. Ma il punto è che si può non essere d'accordo sul programma e sugli atti del governo e si può anche temere che i buoni propositi restino solo annunci senza seguito: nessuno si aspetta miracoli ma nemmeno si deve sotterrare questo governo sotto i pregiudizi che hanno asfissiato la seconda repubblica. Nel dibattito in corso, la ‘sinistra' spesso ha messo sul suo piatto della bilancia dei pesi truccati, svuotati di ogni seria prospettiva politica: l'unica cosa di ponderato, pensato e coerente con il ‘progressismo' è stata la difesa della libertà di aborto e del matrimonio tra omosessuali (con il corollario del poetico ossimoro che si pretende sulle carte d'identità: genitori dello stesso sesso): non so se è poco o molto. De gustibus. A proposito, molti nel PD contano su Elly Schlein per una resurrezione del partito soprattutto perché tra i titoli vantati dalla giovane aspirante alla segreteria del PD vi è quello di ‘bisessuale': nulla da dire su questa sua qualità ma notiamo che nessun leader politico aveva finora presentato un curriculum con i suoi palmares sessuali.

All'Università la ‘Sapienza' di Roma si sono svolte le prime prove tecniche di innalzamento del livello dello scontro: mentre si votava la fiducia al governo Meloni, i nostalgici del '68 sono scesi in campo; la signora Ginevra Bompiani – tra gli applausi del commosso Floris e del suo parterre blasonato – ha detto in televisione che «la polizia, ‘fiutata' l'aria portata dal nuovo governo, si è subito adeguata al nuovo clima e ha ‘manganellato' gli studenti della ‘Sapienza' i quali, poveretti, volevano solo impedire che, in casa loro, si svolgesse un dibattito» in cui erano presenti due loschi figuri, un deputato di FdI e un giornalista senza la tessera giusta: nessuno degli ‘ospiti' di Floris ha detto una sola parola in difesa della libertà di parola, che i ‘manifestanti' intendevano negare ‘pacificamente' ai ‘loschi figuri', ma tutti erano pronti a difendere le occupazioni di scuole e università che, certamente, saranno prossimamente sullo schermo. Chi era nelle Università nel '68 e dintorni (e, allora, al governo non c'era Meloni; c'erano i Moro, i Nenni, i Saragat, etc.), sa quanto il clima ‘democratico' nelle Università di quegli anni sia stato fecondo: infatti, Renato Curcio ebbe i suoi natali nella ‘democratica' Facoltà di sociologia di Trento.

Il suddetto Montanari, che è pure un rettore di Università, è stato ancora più chiaro: «Mentre i manganelli della polizia si incaricavano di inculcare il concetto di merito nelle teste degli studenti della Sapienza, alla Camera si celebrava la sconfessione, l'abiura, il rovesciamento della Costituzione antifascista». Ergo, la ‘nuova resistenza' è alle porte: Meloni è avvertita!






Fonte: di Giuseppe Buttà
Link
[]
L'AVVENIRE DEI LAVORATORI
Periodico socialista fondato 1897.
[]
IL PONTE RIVISTA
Rivista di politica economica e cultura
fondata da Calamandrei
[]
BIBLION EDITORE
Biblion Edizioni, storica casa editrice.
[]
CRITICA LIBERALE - NON MOLLARE
"NON MOLLARE"
Quindicinale on line di Critica Liberale,
la voce del liberalismo progressista in Italia.





Nuova Serie
"La Rivoluzione Democratica"
1, MARZO 2017
Associazione Alleanza Giellista
[]

Realizzazione siti web www.sitoper.it
invia a un amico
icona per chiudere
Attenzione!
Non puoi effettuare più di 10 invii al giorno.
Privacy Policy per www.rivoluzionedemocratica.it
Il sito web www.rivoluzionedemocratica.it raccoglie alcuni dati personali degli utenti che navigano sul sito web.

In accordo con l'impegno e l'attenzione che poniamo ai dati personali e in accordo agli artt. 13 e 14 del EU GDPR, www.rivoluzionedemocratica.it fornisce informazioni su modalità, finalità, ambito di comunicazione e diffusione dei dati personali e diritti degli utenti.

Titolare del trattamento dei dati personali
La Rivoluzione Democratica
Via Circondaria, 56
55045 - Firenze Italia


Email: info @rivoluzionedemocratica.it
Telefono: 3934324237

Tipi di dati acquisiti
www.rivoluzionedemocratica.it raccoglie dati degli utenti direttamente o tramite terze parti. Le tipologie di dati raccolti sono: dati tecnici di navigazione, dati di utilizzo, email, nome, cognome, numero di telefono, provincia, nazione, cap, città, indirizzo, ragione sociale, stato, cookie e altre varie tipologie di dati. Maggiori dettagli sui dati raccolti vengono forniti nelle sezioni successive di questa stessa informativa.
I dati personali sono forniti deliberatamente dall'utente tramite la compilazione di form, oppure, nel caso di dati di utilizzo, come ad esempio i dati relativi alle statistiche di navigazione, sono raccolti automaticamente navigando sulle pagine di www.rivoluzionedemocratica.it.

I dati richiesti dai form sono divisi tra obbligatori e facoltativi; su ciascun form saranno indicate distintamente le due tipologie. Nel caso in cui l'utente preferisca non comunicare dati obbligatori, www.rivoluzionedemocratica.it si riserva il diritto di non fornire il servizio. Nel caso in cui l'utente preferisca non comunicare dati facoltativi, il servizio sarà fornito ugualmente da www.rivoluzionedemocratica.it .

www.rivoluzionedemocratica.it utilizza strumenti di statistica per il tracciamento della navigazione degli utenti, l'analisi avviene tramite log. Non utilizza direttamente cookie ma può utilizzare cookie includendo servizi di terzi.

Ciascun utilizzo di cookie viene dettagliato nella Cookie Policy (https://www.rivoluzionedemocratica.it/Informativa-sui-cookies.htm) e successivamente in questa stessa informativa.
L'utente che comunichi, pubblichi, diffonda, condivida o ottenga dati personali di terzi tramite www.rivoluzionedemocratica.it si assume la completa responsabilità degli stessi. L'utente libera il titolare del sito web da qualsiasi responsabilità diretta e verso terzi, garantendo di avere il diritto alla comunicazione, pubblicazione, diffusione degli stessi. www.rivoluzionedemocratica.it non fornisce servizi a minori di 18 anni. In caso di richieste effettuate per minori deve essere il genitore, o chi detiene la patria potestà, a compilare le richieste dati.

Modalità, luoghi e tempi del trattamento dei dati acquisiti
Modalità di trattamento dei dati acquisiti
Il titolare ha progettato un sistema informatico opportuno a garantire misure di sicurezza ritenute adatte ad impedire l'accesso, la divulgazione, la modifica o la cancellazione non autorizzata di dati personali. Lo stesso sistema effettua copie giornaliere, ritenute sufficientemente adeguate in base alla importanza dei dati contenuti.

L'utente ha diritto a ottenere informazioni in merito alle misure di sicurezza adottate dal titolare per proteggere i dati.

Accessi ai dati oltre al titolare
Hanno accesso ai dati personali raccolti da www.rivoluzionedemocratica.it il personale interno (quale ad esempio amministrativo, commerciale, marketing, legale, amministratori di sistema) e/o soggetti esterni (quali ad esempio fornitori di servizi informatici terzi, webfarm, agenzie di comunicazione, fornitori di servizi complementari). Se necessario tali strutture sono nominate dal titolare responsabili del trattamento.

L'utente può richiedere in qualsiasi momento al titolare del trattamento, l'elenco aggiornato dei responsabili del trattamento.

Comunicazione di eventuali accessi indesiderati al Garante della Privacy
Il suddetto sistema informatico è monitorato e controllato giornalmente da tecnici e sistemisti. Ciò non toglie che, anche se ritenuta possibilità remota, ci possa essere un accesso indesiderato. Nel caso in cui questo si verifichi il titolare si impegna, come da GDPR ad effettuarne comunicazione al Garante della Privacy entro i termini previsti dalla legge.

Luoghi di mantenimento dei dati acquisiti
I dati personali sono mantenuti e trattati nelle sedi operative e amministrative del titolare, nonché nelle webfarm dove risiedono i server che ospitano il sito web www.rivoluzionedemocratica.it, o sui server che ne effettuano le copie di sicurezza. I dati personali dell'utente possono risiedere in Italia, Germania e Olanda, comunque in nazioni della Comunità Europea. I dati personali dell'utente non vengono mai portati o copiati fuori dal territorio europeo.

Tempi di mantenimento dei dati acquisiti
Nel caso di dati acquisiti per fornire un servizio all'utente, (sia per un servizio acquistato che in prova) i dati vengono conservati per 24 mesi successivi al completamento del servizio. Oppure fino a quando non ne venga revocato il consenso.

Nel caso in cui il titolare fosse obbligato a conservare i dati personali in ottemperanza di un obbligo di legge o per ordine di autorità, il titolare può conservare i dati per un tempo maggiore, necessario agli obblighi.

Al termine del periodo di conservazione i dati personali saranno cancellati. Dopo il termine, non sarà più possibile accedere ai propri dati, richiederne la cancellazione e la portabilità.

Base giuridica del trattamento dei dati acquisiti
Il titolare acquisisce dati personali degli utenti nei casi sotto descritti.
Il trattamento si rende necessario:
- se l'utente ha deliberatamente accettato il trattamento per una o più finalità;
- per fornire un preventivo all'utente;
- per fornire un contratto all'utente;
- per fornire un servizio all'utente;
- perché il titolare possa adempiere ad un obbligo di legge;
- perché il titolare possa adempiere ad un compito di interesse pubblico;
- perché il titolare possa adempiere ad un esercizio di pubblici poteri;
- perché il titolare o terzi possano perseguire i propri legittimi interessi.

L'utente può richiedere in qualsiasi momento al titolare del trattamento, chiarimenti sulla base giuridica di ciascun trattamento.

Finalità del trattamento dei dati acquisiti
I dati dell'utente sono raccolti dal titolare per le seguenti finalità:

- richiesta informazione da parte dell'utente
- richiesta informazione per servizi
- invio di aggiornamenti
- invio informazioni generiche
- richiesta di contatto da parte dei clienti, per ricevere informazioni

Eventualmente i dati possono essere trattati anche per:
contattare l'utente, statistiche, analisi dei comportamenti degli utenti e registrazione sessioni, visualizzazione contenuti e interazione di applicazioni esterne, protezione dallo spam, gestione dei pagamenti, interazione con social network, pubblicità.

L'utente può richiedere in qualsiasi momento al titolare del trattamento, chiarimenti sulle finalità di ciascun trattamento.

Dettagli specifici sull'acquisizione e uso dei dati personali
Per contattare l'utente
Moduli di contatto
L'utente può compilare il/i moduli di contatto/richiesta informazioni, inserendo i propri dati e acconsentendo al loro uso per rispondere alle richieste di natura indicata nella intestazione del modulo.
Dati personali che potrebbero essere raccolti: CAP, città, cognome, email, indirizzo, nazione, nome, numero di telefono, provincia, ragione sociale.

Per interazione con applicazioni esterne (anche social network)
www.rivoluzionedemocratica.it include nelle sue pagine plugin e/o pulsanti per interagire con i social network e/o applicazioni esterne.
Per quanto riguarda i social network, anche se l'utente non utilizza il servizio presente sulla pagina web, è possibile che il servizio acquisisca dati di traffico.

I dati acquisiti e l'utilizzo degli stessi da parte di servizi terzi sono regolamentati dalle rispettive Privacy Policy alle quali si prega di fare riferimento.

Facebook: Pulsante "Mi piace" e widget sociali
Fornitore del servizio: Meta Platforms Ireland Limited.
Finalità del servizio: interazione con il social network Facebook
Dati personali raccolti: cookie, dati di utilizzo
Luogo del trattamento: Stati Uniti e in altri Paesi
Privacy Policy (https://www.facebook.com/privacy/policy)

Twitter: Pulsante "Tweet" e widget sociali
Fornitore del servizio: Twitter, Inc.
Finalità del servizio: interazione con il social network Twitter
Dati personali raccolti: cookie, dati di utilizzo
Luogo del trattamento: Stati Uniti
Privacy Policy (https://twitter.com/privacy)
Cookie utilizzati (https://help.twitter.com/it/rules-and-policies/twitter-cookies)
Aderente al Privacy Shield

Whatsapp: Pulsante Whatsapp e widget sociali di Whatsapp
Fornitore del servizio: se l'utente risiede nella Regione Europea, WhatsApp Ireland Limited, se l'utente risiede al di fuori della Regione Europea, i Servizi vengono forniti da WhatsApp LLC.
Finalità del servizio: servizi di interazione con Whatsapp.
Dati personali raccolti: cookie, dati di utilizzo
Luogo del trattamento: Irlanda, le informazioni potrebbero essere trasferite o trasmesse o archiviate e trattate negli Stati Uniti o in altri Paesi terzi al di fuori di quello in cui l'utente risiede.
Privacy Policy (https://www.whatsapp.com/legal/privacy-policy-eea)
Aderente al Privacy Shield

Per statistiche
Questi servizi sono utilizzati dal titolare del trattamento per analizzare il traffico effettuato dagli utenti sul sito web www.rivoluzionedemocratica.it.

I dati acquisiti e l'utilizzo degli stessi da parte di servizi terzi sono regolamentati dalle rispettive Privacy Policy alle quali si prega di fare riferimento.

Per visualizzare contenuti da siti web esterni
Questi servizi sono utilizzati per visualizzare sulle pagine del sito web contenuti esterni al sito web, con possibilità di interazione.
Anche se l'utente non utilizza il servizio presente sulla pagina web, è possibile che il servizio acquisisca dati di traffico.

I dati acquisiti e l'utilizzo degli stessi da parte di servizi terzi sono regolamentati dalle rispettive Privacy Policy alle quali si prega di fare riferimento.

Diritti dell'interessato
L'utente possiede tutti i diritti previsti dall'art. 12 del EU GDPR, il diritto di controllare, modificare e integrare (rettificare), cancellare i propri dati personali accedendo alla propria area riservata. Una volta cancellati tutti i dati, viene chiuso l'account di accesso all'area riservata.

Nello specifico ha il diritto di:
- sapere se il titolare detiene dati personali relativi all'utente (art. 15 Diritto all'accesso);
- modificare o integrare (rettificare) i dati personali inesatti o incompleti (Art. 16 Diritto di rettifica);
- richiedere la cancellazione di uno o parte dei dati personali mantenuti se sussiste uno dei motivi previsti dal GDPR (Diritto alla Cancellazione, 17);
- limitare il trattamento solo a parte dei dati personali, o revocarne completamente il consenso al trattamento, se sussiste uno dei motivi previsti dal Regolamento (Art. 18 Diritto alla limitazione del trattamento);
- ricevere copia di tutti i dati personali in possesso del titolare, in formato di uso comune organizzato, e leggibili anche da dispositivo automatico (Art. 20, Diritto alla Portabilità);
- opporsi in tutto o in parte al trattamento dei dati per finalità di marketing, ad esempio opporsi e ricevere offerte pubblicitarie (art. 21 Diritto di opposizione). Si fa presente agli utenti che possono opporsi al trattamento dei dati utilizzati per scopo pubblicitario, senza fornire alcuna motivazione;
- opporsi al trattamento dei dati in modalità automatica o meno per finalità di profilazione (c.d. Consenso).

Come un utente può esercitare i propri diritti
L'utente può esercitare i propri diritti sopra esposti comunicandone richiesta al titolare del trattamento La Rivoluzione Democratica ai seguenti recapiti: info@rivoluzionedemocratica.it; tel. 3312300680.

La richiesta di esercitare un proprio diritto non ha nessun costo. Il titolare si impegna ad evadere le richieste nel minor tempo possibile, e comunque entro un mese.

L'utente ha il diritto di proporre reclamo all'Autorità Garante per la Protezione dei dati Personali. Recapiti: garante@gpdp.it, http://www.gpdp.it (http://www.gpdp.it).

Cookie Policy
Informazioni aggiuntive sul trattamento dei dati
Difesa in giudizio
Nel caso di ricorso al tribunale per abuso da parte dell'utente nell'utilizzo di www.rivoluzionedemocratica.it o dei servizi a esso collegati, il titolare ha la facoltà di rivelare i dati personali dell'utente. È inoltre obbligato a fornire i suddetti dati su richiesta delle autorità pubbliche.

Richiesta di informative specifiche
L'utente ha diritto di richiedere a www.rivoluzionedemocratica.it informative specifiche sui servizi presenti sul sito web e/o la raccolta e l'utilizzo dei dati personali.

Raccolta dati per log di sistema e manutenzione
www.rivoluzionedemocratica.it e/o i servizi di terze parti (se presenti) possono raccogliere i dati personali dell'utente, come ad esempio l'indirizzo IP, sotto forma di log di sistema. La raccolta di questi dati è legata al funzionamento e alla manutenzione del sito web.

Informazioni non contenute in questa policy
L'utente ha diritto di richiedere in ogni momento al titolare del trattamento dei dati le informazioni aggiuntive non presenti in questa Policy riguardanti il trattamento dei dati personali. Il titolare potrà essere contattato tramite gli estremi di contatto.

Supporto per le richieste "Do Not Track"
Le richieste  "Do Not Track" non sono supportate da www.rivoluzionedemocratica.it.
L'utente è invitato a consultare le Privacy Policy dei servizi terzi sopra elencati per scoprire quali supportano questo tipo di richieste.

Modifiche a questa Privacy Policy
Il titolare ha il diritto di modificare questo documento avvisando gli utenti su questa stessa pagina oppure, se previsto, tramite i contatti di cui è in possesso. L'utente è quindi invitato a consultare periodicamente questa pagina. Per conferma sull'effettiva modifica consultare la data di ultima modifica indicata in fondo alla pagina.
Il titolare si occuperà di raccogliere nuovamente il consenso degli utenti nel caso in cui le modifiche a questo documento riguardino trattamenti di dati per i quali è necessario il consenso.

Definizioni e riferimenti legali
Dati personali (o dati, o dati dell'utente)
Sono dati personali le informazioni che identificano o rendono identificabile, direttamente o indirettamente, una persona fisica e che possono fornire informazioni sulle sue caratteristiche, le sue abitudini, il suo stile di vita, le sue relazioni personali, il suo stato di salute, la sua situazione economica, ecc.

Fonte: sito web del Garante della Privacy (http://www.garanteprivacy.it).

Dati di utilizzo
Sono dati di utilizzo le informazioni che vengono raccolte in automatico durante la navigazione di www.rivoluzionedemocratica.it, sia da sito web stesso che dalle applicazioni di terzi incluse nel sito. Sono esempi di dati di utilizzo l'indirizzo IP e i dettagli del dispositivo e del browser (compresi la localizzazione geografica) che l'utente utilizza per navigare sul sito, le pagine visualizzate e la durata della permanenza dell'utente sulle singole pagine.

Utente
Il soggetto che fa uso del sito web www.rivoluzionedemocratica.it.
Coincide con l'interessato, salvo dove diversamente specificato.

Interessato
Interessato è la persona fisica al quale si riferiscono i dati personali. Quindi, se un trattamento riguarda, ad esempio, l'indirizzo, il codice fiscale, ecc. di Mario Rossi, questa persona è l'interessato (articolo 4, paragrafo 1, punto 1), del Regolamento UE 2016/679 (http://www.garanteprivacy.it/regolamentoue).

Fonte: sito web del Garante della Privacy (http://www.garanteprivacy.it).

Responsabile del trattamento (o responsabile)
Responsabile è la persona fisica o giuridica al quale il titolare affida, anche all'esterno della sua struttura organizzativa, specifici e definiti compiti di gestione e controllo per suo conto del trattamento dei dati (articolo 4, paragrafo 1, punto 8), del Regolamento UE 2016/679 (http://www.garanteprivacy.it/regolamentoue). Il Regolamento medesimo ha introdotto la possibilità che un responsabile possa, a sua volta e secondo determinate condizioni, designare un altro soggetto c.d. "sub-responsabile" (articolo 28, paragrafo 2).

Fonte: sito web del Garante della Privacy (http://www.garanteprivacy.it).

Titolare del trattamento (o titolare)
Titolare è la persona fisica, l'autorità pubblica, l'impresa, l'ente pubblico o privato, l'associazione, ecc., che adotta le decisioni sugli scopi e sulle modalità del trattamento (articolo 4, paragrafo 1, punto 7), del Regolamento UE 2016/679 (http://www.garanteprivacy.it/regolamentoue).

Fonte: sito web del Garante della Privacy (http://www.garanteprivacy.it).

www.rivoluzionedemocratica.it (o sito web)  
Il sito web mediante il quale sono raccolti e trattati i dati personali degli utenti.

Servizio
Il servizio offerto dal sito web www.rivoluzionedemocratica.it come indicato nei relativi termini.

Comunità Europea (o UE)
Ogni riferimento relativo alla Comunità Europea si estende a tutti gli attuali stati membri dell'Unione Europea e dello Spazio Economico Europeo, salvo dove diversamente specificato.

Cookie
Dati conservati all'interno del dispositivo dell'utente.

Riferimenti legali
La presente informativa è redatta sulla base di molteplici ordinamenti legislativi, inclusi gli artt. 13 e 14 del Regolamento (UE) 2016/679. Questa informativa riguarda esclusivamente www.rivoluzionedemocratica.it, dove non diversamente specificato.

Informativa privacy aggiornata il 07/10/2022 12:44
torna indietro leggi Privacy Policy per www.rivoluzionedemocratica.it  obbligatorio
generic image refresh


cookie