12 Luglio 2024

Ferruccio Parri sul libro di Paolo Bagnoli
La Rivoluzione della libertà

24-06-2024 - LA REDAZIONE
Il giorno 29 maggio scorso, presso il Circolo De Amicis a Milano, si è tenuta la presentazione del libro La rivoluzione della libertà di Paolo Bagnoli. Pubblichiamo l'intervento di Ferruccio Parri. Alla presentazione partecipava Nicola Del Corno.

Buonasera signore e signori
Innanzitutto, porto i saluti della FIAP che ha contributo alla pubblicazione del libro. E pertanto ai miei aggiungo quelli assai più autorevoli del ns Presidente Luca Aniasi.

Come mi ha scritto Paolo Bagnoli nel bel libro di cui mi ha fatto dono, “la ragione del libro sta nel titolo e nella dedica”.

Io sono molto grato a Paolo che ricorda sempre con parole di stima nostro nonno, dalle quali traspare un non velato affetto. Nostro, perché io ho una sorella, gemella, Francesca che vive a Roma. Alla gratitudine si aggiunge la commozione per aver voluto appunto tributare questa sua fatica a Parri oltre che a Lombardi, Codignola, Vittorelli.

Fulgide, le ultime tre, termine retorico, ma usiamolo, figure di azionisti e poi socialisti-liberali.

Parri non meno limpida figura di mazziniano, liberal-democratico, ma direi solo democratico, teso nell'anelito di libertà alla ricerca della giustizia sociale.

Ringrazio Aulo Chiesa 'editore di questo libro e presidente del Circolo De Amicis di cui ha assunto la guida in acque procellose per avermi voluto qui questo pomeriggio.

Per mia, ma soprattutto Vostra fortuna a parlare con scienza e non solo con coscienza dopo di me saranno note figure di studiose e di storici Elena Savino e Nicola Del Corno.

Io come a volte mi capita di dire sono solo un nipote, Non sono uno storico, non sono uno studioso di dottrine politiche; quindi, il mio più che essere un intervento, si risolverà innanzitutto in una lettura di alcuni passi tratti da due scritti di mia nonna Ester, pubblicati per il Giorno e per l'Astrolabio, riuniti in un volume edito dalla FIAP, all'indomani della morte della nonna avvenuta nel gennaio 80.

Il primo è un ricordo di Piero Gobetti, pubblicato sull'Astrolabio il 25.4.76 “Due occhi chiari e sereni che non posso dimenticare”.

Si incontrarono i miei nonni con Gobetti una prima volta nell'estate del 1923 a Torino, “in un piccolo studio …; il piano del tavolo era nascosto completamente da una montagna di libri tutti aperti, e dietro ai libri due occhi chiari ti guardavano così sereni che la meraviglia cedeva all'ammirazione, così tranquilli che ti facevano dimenticare aggressioni, bastonature, sequestri recenti. E non si pensava più al futuro.
Non ricordo affatto l'argomento della nostra conversazione, ma risento ancora nitido il suono della voce di Gobetti, lievemente alterata, al momento dei saluti: “Ci vedremo presto a Milano. Ci verrò appena sposato.” Volevamo fargli gli auguri, ma la porta si richiuse dopo quelle parole e Parri mormorò.” Almeno lo lasciassero sposare. In pace.”
Poi, mia nonna, ricorda quando i Gobetti, novelli sposi li vennero trovare a Milano, in Via Moscova 70 e come si instaurò anche con Ada un rapporto di amicizia; Ada parlava di Piero, del loro lavoro comune, mia nonna l'ascoltava e scriveva. ”Per me l'antifascismo era nato a Milano in uno dei primi giorni di novembre 22 sotto la pioggia, ascoltando la lunga discussione fra tre reduci di guerra, Bergmann, Malvezzi e Parri, un avvocato, un banchiere e un giornalista. Per Ada, invece, era nato coi vari pestaggi e poi con l'arresto di Piero “per appartenenza a gruppi sovversivi che complottavano contro lo Stato”.
Poi continua, ma ci fermiamo qui.

Il secondo è un ricordo di Carlo Rosselli a Lipari. Si chiama appunto Ricordo di Carlo a Lipari. Questo pubblicato “sul non mollare” nel giugno 47.

Scrive mia nonna: …” L'inverno e la primavera del 1929 furono lunghi. Al principio dell'estate minuziosi piani furono concertati con l'estero, con mio marito e con gli amici. Il Mirtillino (Mirtllino era il soprannome dato da Carlo al figlio John) e la mamma partirono da Lipari.
Per rassicurare la direzione sulle sue intenzioni tranquille e placide, Carlo passava lunghe ore sulla spiaggia, faceva lunghe nuotate e al ritorno portava il mio bimbo a cavalluccio per la ripida salita di Sant'Anna fra alte siepi di fichi d'india, invitava a pranzo gli amici, seguiva le vicende dei confinati e sorrideva. Il direttore della Colonia in risposta ai consigli di attenta sorveglianza scrisse ”Da Lipari non pensano di scappare neppure le mosche”.
E continua ..”mancavano poche ore alla fuga: questo nostro segreto ci pareva più grande del mare”... Quel giorno fece colazione con noi, tornando a casa salutò il mio bambino così: “Quando ti rivedrò mi dirai” buon giorno e buona sera, invece di giongiono e bonsessa“ e sarai il compagno di Mirtillino - Si fermò a metà della scala e sorrise, si fermo presso il cancello e si volse a salutare.
Alla sera, poco dopo le venti eravamo appoggiati al muretto di San Giuseppe, mio marito, il bimbo e io. Udimmo lontano nel mare il battito lieve di un motore: senza parlare ci avviammo verso casa. Sulla strada del Diana Rosselli ci passò accanto..., ci saluto appena, ci oltrepassò e si volse a guardarci. Il ricordo del suo viso di quel momento è il ricordo più vivo che ho di lui: ansia, speranza, senso di liberazione, tensione nervosa, facevano del suo sorriso una smorfia dolorosa così viva forte e umana che non ho più dimenticato. Non ho più visto Carlo Rosselli”.
Perché proprio questi scritti che hanno poco di politico? Cosa traspare da questi ricordi? Perché hanno un qualche valore? Perché danno conto di una amicizia fondata su comune impegno morale.
Rosselli in una lettera per Ester. scritta mentre erano confinati in attesa del processo di Savona (per aver fatto fuggire Turati) benedice, si fa per dire, immagino, la prigione “che mi ha procurato una amicizia così preziosa e un appoggio morale e intellettuale così saldo. Lei capisce di chi intendo parlare...”
“Se riporto queste parole”, scrive mia nonna, “se considero miracoloso aver fra le mani le lettere di Carlo e di Nello è solo per dire che alla base della vita di dedizione assoluta ai principi di Giustizia e Libertà e alla Resistenza che ne derivò, c'è una capacità di affetto, di dedizione, di sacrificio di onestà morale che sono alla base di ogni grande azione umana”.
E qui termino con i ricordi.

Ecco, noi oggi parliamo di questo bel libro di scritti di Paolo Bagnoli, ricordiamo quelle esperienze politiche drammatiche ma anche gloriose, passatemi il termine, perché hanno in comune proprio questo. Nella circolarità degli affetti e dell'amicizia, ma anche negli scontri dialettici sempre a viso aperto, (tacciamo del famoso schiaffo di La Malfa a Comandini) si ritrova una ricerca di libertà che ha il suo contrappeso nella tensione verso la giustizia.

G.L. quindi, come movimento che tenta di superare le contorsioni, le contraddizioni, i punti di frattura nella variegata galassia della sinistra italiana, attraverso il ricorso ad un umanesimo integrale.

Dice bene Paolo, allora che per Rosselli, lottare per il socialismo è lottare per la libertà.” L'attuazione progressiva, scrive Carlo, “dell'idea di libertà e giustizia tra gli uomini”.

Nel partito d'Azione confluiscono i giellisti, anche se non tutti. Come scrisse Mario Boneschi che Paolo cita più volte, Il partito d'Azione come punto di incontro di “tutti democratici dalla mente aperta e dal cuore generoso” che seppur stretto tra partiti di massa o tra partiti che comunque in qualche modo ne paventavano la concorrenza, vedi il Psi di Nenni allora frontista, si assunse un compito immane., quello di rifare l'Italia di svecchiarne le strutture, attraverso l'inclusione, l'incontro tra i ceti medi e gli operai e i contadini.

Un partito che “procedeva attraverso criteri di vigile concretezza", per citare Bauer.

Per questo, seppur nelle differenze, seppur nella diaspora azionista, restò fra gli azionisti una corrente, un flusso di idealità, un fiume carsico che a volte riemergeva, basti ricordare l'esperienza di Unità Popolare di Codignola, Calamandrei , Parri e molti altri, esperimento necessario per ridestare quei principi di moralità nella vita politica senza la quale la stessa politica non è se non guerra per bande, come scrisse Mazzini.

Anzi si può dire, per riprendere Gaetano Arfè, che parlava degli azionisti, rispondendo ad una velenosa “stanza” di Montanelli su Lombardi, che si trattava di persone, gli azionisti appunto, accomunati dal culto della dignità della persona umana.

Il crisma del Partito d'Azione, secondo l'espressione di Lombardi che avrebbe accompagnato gli azionisti qualunque scelta essi avrebbero fatto.

Per questo anche nell'ultimo ventennio e anche prima, si è scatenata la caccia all'azionista; nessun partito è stato vituperato quanto il Partito d'Azione. E si capisce bene la ragione: la spiega sempre Arfè; perché la “cittadella azionista” - per usare una bella immagine ideata dallo studioso - “non partecipò ai baccanali della Prima Repubblica, non fu sfiorata dal crollo del muro di Berlino e né tanto meno dal fango di Tangentopoli, e questo spiega la furia ricorrente e accanita della offensiva che contro di essa si è condotta e ancora si conduce sotto diverse fogge ,utilizzando i mezzi più disparati, dall' attacco revisionista alla malevola caricatura” come quella che fece, purtroppo, Montanelli di Lombardi.

Torniamo, al tema del libro, alla filiera gobettismo, giellismo, azionismo e chiediamoci se parliamo di cose morte, se disquisiamo su una cultura politica arrivata da un pezzo al capolinea.

Ecco, se ci riferiamo ad una concezione della democrazia né classista né confessionale, se intendiamo per lotta politica, una lotta, come scriveva Gobetti, passo citato nel libro, in cui ”le classi valgono come miti, forze indefinibili che sempre si rinnovano e si contendono il potere e che quindi si connota come lotta tra conservatori e progressisti”, allora non credo che noi ci nutra di parole vuote, morte.

Luigini e contadini, avrebbe poi scritto Carlo Levi nell'Orologio.

Non abbiamo la testa rivolta al passato, se crediamo che il compito di una forza, di un movimento politico debba essere lo stesso, mutatis mutandis naturalmente, di quello prefigurato da Carlo per Giustizia e Libertà.

Paolo lo riporta nel libro: Io, come più d'uno, ho il manifesto con il pugnale fiammeggiante di GL. con in calce scolpite questa parole: “Giustizia e Libertà deve servire il proletariato sviluppando in esso il senso della dignità, dell'autonomia, della libertà, provocandolo alla lotta e la sacrificio senza vani lusinghe e umilianti adulazioni, per fare di ogni proletario un uomo , nel senso più alto e più nobile della parola, libero nell'officina, ma anche nella vita, di fronte al padrone come di fronte alla sua coscienza”.
Sono parole chiarissime, che valgono poi per tutti e non solo per quelli che vivono del loro lavoro.

Un partito politico che si dica progressista o semplicemente democratico dovrebbe scolpire queste parole sulla porta di ingresso, oltreché, naturalmente, nel cuore.



Link
[]
L'AVVENIRE DEI LAVORATORI
Periodico socialista fondato 1897.
[]
IL PONTE RIVISTA
Rivista di politica economica e cultura
fondata da Calamandrei
[]
BIBLION EDITORE
Biblion Edizioni, storica casa editrice.
[]
CRITICA LIBERALE - NON MOLLARE
"NON MOLLARE"
Quindicinale on line di Critica Liberale,
la voce del liberalismo progressista in Italia.





Nuova Serie
"La Rivoluzione Democratica"
1, MARZO 2017
Associazione Alleanza Giellista
[]

Realizzazione siti web www.sitoper.it
invia a un amico
icona per chiudere
Attenzione!
Non puoi effettuare più di 10 invii al giorno.
Privacy Policy per www.rivoluzionedemocratica.it
Il sito web www.rivoluzionedemocratica.it raccoglie alcuni dati personali degli utenti che navigano sul sito web.

In accordo con l'impegno e l'attenzione che poniamo ai dati personali e in accordo agli artt. 13 e 14 del EU GDPR, www.rivoluzionedemocratica.it fornisce informazioni su modalità, finalità, ambito di comunicazione e diffusione dei dati personali e diritti degli utenti.

Titolare del trattamento dei dati personali
La Rivoluzione Democratica
Via Circondaria, 56
55045 - Firenze Italia


Email: info @rivoluzionedemocratica.it
Telefono: 3934324237

Tipi di dati acquisiti
www.rivoluzionedemocratica.it raccoglie dati degli utenti direttamente o tramite terze parti. Le tipologie di dati raccolti sono: dati tecnici di navigazione, dati di utilizzo, email, nome, cognome, numero di telefono, provincia, nazione, cap, città, indirizzo, ragione sociale, stato, cookie e altre varie tipologie di dati. Maggiori dettagli sui dati raccolti vengono forniti nelle sezioni successive di questa stessa informativa.
I dati personali sono forniti deliberatamente dall'utente tramite la compilazione di form, oppure, nel caso di dati di utilizzo, come ad esempio i dati relativi alle statistiche di navigazione, sono raccolti automaticamente navigando sulle pagine di www.rivoluzionedemocratica.it.

I dati richiesti dai form sono divisi tra obbligatori e facoltativi; su ciascun form saranno indicate distintamente le due tipologie. Nel caso in cui l'utente preferisca non comunicare dati obbligatori, www.rivoluzionedemocratica.it si riserva il diritto di non fornire il servizio. Nel caso in cui l'utente preferisca non comunicare dati facoltativi, il servizio sarà fornito ugualmente da www.rivoluzionedemocratica.it .

www.rivoluzionedemocratica.it utilizza strumenti di statistica per il tracciamento della navigazione degli utenti, l'analisi avviene tramite log. Non utilizza direttamente cookie ma può utilizzare cookie includendo servizi di terzi.

Ciascun utilizzo di cookie viene dettagliato nella Cookie Policy (https://www.rivoluzionedemocratica.it/Informativa-sui-cookies.htm) e successivamente in questa stessa informativa.
L'utente che comunichi, pubblichi, diffonda, condivida o ottenga dati personali di terzi tramite www.rivoluzionedemocratica.it si assume la completa responsabilità degli stessi. L'utente libera il titolare del sito web da qualsiasi responsabilità diretta e verso terzi, garantendo di avere il diritto alla comunicazione, pubblicazione, diffusione degli stessi. www.rivoluzionedemocratica.it non fornisce servizi a minori di 18 anni. In caso di richieste effettuate per minori deve essere il genitore, o chi detiene la patria potestà, a compilare le richieste dati.

Modalità, luoghi e tempi del trattamento dei dati acquisiti
Modalità di trattamento dei dati acquisiti
Il titolare ha progettato un sistema informatico opportuno a garantire misure di sicurezza ritenute adatte ad impedire l'accesso, la divulgazione, la modifica o la cancellazione non autorizzata di dati personali. Lo stesso sistema effettua copie giornaliere, ritenute sufficientemente adeguate in base alla importanza dei dati contenuti.

L'utente ha diritto a ottenere informazioni in merito alle misure di sicurezza adottate dal titolare per proteggere i dati.

Accessi ai dati oltre al titolare
Hanno accesso ai dati personali raccolti da www.rivoluzionedemocratica.it il personale interno (quale ad esempio amministrativo, commerciale, marketing, legale, amministratori di sistema) e/o soggetti esterni (quali ad esempio fornitori di servizi informatici terzi, webfarm, agenzie di comunicazione, fornitori di servizi complementari). Se necessario tali strutture sono nominate dal titolare responsabili del trattamento.

L'utente può richiedere in qualsiasi momento al titolare del trattamento, l'elenco aggiornato dei responsabili del trattamento.

Comunicazione di eventuali accessi indesiderati al Garante della Privacy
Il suddetto sistema informatico è monitorato e controllato giornalmente da tecnici e sistemisti. Ciò non toglie che, anche se ritenuta possibilità remota, ci possa essere un accesso indesiderato. Nel caso in cui questo si verifichi il titolare si impegna, come da GDPR ad effettuarne comunicazione al Garante della Privacy entro i termini previsti dalla legge.

Luoghi di mantenimento dei dati acquisiti
I dati personali sono mantenuti e trattati nelle sedi operative e amministrative del titolare, nonché nelle webfarm dove risiedono i server che ospitano il sito web www.rivoluzionedemocratica.it, o sui server che ne effettuano le copie di sicurezza. I dati personali dell'utente possono risiedere in Italia, Germania e Olanda, comunque in nazioni della Comunità Europea. I dati personali dell'utente non vengono mai portati o copiati fuori dal territorio europeo.

Tempi di mantenimento dei dati acquisiti
Nel caso di dati acquisiti per fornire un servizio all'utente, (sia per un servizio acquistato che in prova) i dati vengono conservati per 24 mesi successivi al completamento del servizio. Oppure fino a quando non ne venga revocato il consenso.

Nel caso in cui il titolare fosse obbligato a conservare i dati personali in ottemperanza di un obbligo di legge o per ordine di autorità, il titolare può conservare i dati per un tempo maggiore, necessario agli obblighi.

Al termine del periodo di conservazione i dati personali saranno cancellati. Dopo il termine, non sarà più possibile accedere ai propri dati, richiederne la cancellazione e la portabilità.

Base giuridica del trattamento dei dati acquisiti
Il titolare acquisisce dati personali degli utenti nei casi sotto descritti.
Il trattamento si rende necessario:
- se l'utente ha deliberatamente accettato il trattamento per una o più finalità;
- per fornire un preventivo all'utente;
- per fornire un contratto all'utente;
- per fornire un servizio all'utente;
- perché il titolare possa adempiere ad un obbligo di legge;
- perché il titolare possa adempiere ad un compito di interesse pubblico;
- perché il titolare possa adempiere ad un esercizio di pubblici poteri;
- perché il titolare o terzi possano perseguire i propri legittimi interessi.

L'utente può richiedere in qualsiasi momento al titolare del trattamento, chiarimenti sulla base giuridica di ciascun trattamento.

Finalità del trattamento dei dati acquisiti
I dati dell'utente sono raccolti dal titolare per le seguenti finalità:

- richiesta informazione da parte dell'utente
- richiesta informazione per servizi
- invio di aggiornamenti
- invio informazioni generiche
- richiesta di contatto da parte dei clienti, per ricevere informazioni

Eventualmente i dati possono essere trattati anche per:
contattare l'utente, statistiche, analisi dei comportamenti degli utenti e registrazione sessioni, visualizzazione contenuti e interazione di applicazioni esterne, protezione dallo spam, gestione dei pagamenti, interazione con social network, pubblicità.

L'utente può richiedere in qualsiasi momento al titolare del trattamento, chiarimenti sulle finalità di ciascun trattamento.

Dettagli specifici sull'acquisizione e uso dei dati personali
Per contattare l'utente
Moduli di contatto
L'utente può compilare il/i moduli di contatto/richiesta informazioni, inserendo i propri dati e acconsentendo al loro uso per rispondere alle richieste di natura indicata nella intestazione del modulo.
Dati personali che potrebbero essere raccolti: CAP, città, cognome, email, indirizzo, nazione, nome, numero di telefono, provincia, ragione sociale.

Per interazione con applicazioni esterne (anche social network)
www.rivoluzionedemocratica.it include nelle sue pagine plugin e/o pulsanti per interagire con i social network e/o applicazioni esterne.
Per quanto riguarda i social network, anche se l'utente non utilizza il servizio presente sulla pagina web, è possibile che il servizio acquisisca dati di traffico.

I dati acquisiti e l'utilizzo degli stessi da parte di servizi terzi sono regolamentati dalle rispettive Privacy Policy alle quali si prega di fare riferimento.

Facebook: Pulsante "Mi piace" e widget sociali
Fornitore del servizio: Meta Platforms Ireland Limited.
Finalità del servizio: interazione con il social network Facebook
Dati personali raccolti: cookie, dati di utilizzo
Luogo del trattamento: Stati Uniti e in altri Paesi
Privacy Policy (https://www.facebook.com/privacy/policy)

Twitter: Pulsante "Tweet" e widget sociali
Fornitore del servizio: Twitter, Inc.
Finalità del servizio: interazione con il social network Twitter
Dati personali raccolti: cookie, dati di utilizzo
Luogo del trattamento: Stati Uniti
Privacy Policy (https://twitter.com/privacy)
Cookie utilizzati (https://help.twitter.com/it/rules-and-policies/twitter-cookies)
Aderente al Privacy Shield

Whatsapp: Pulsante Whatsapp e widget sociali di Whatsapp
Fornitore del servizio: se l'utente risiede nella Regione Europea, WhatsApp Ireland Limited, se l'utente risiede al di fuori della Regione Europea, i Servizi vengono forniti da WhatsApp LLC.
Finalità del servizio: servizi di interazione con Whatsapp.
Dati personali raccolti: cookie, dati di utilizzo
Luogo del trattamento: Irlanda, le informazioni potrebbero essere trasferite o trasmesse o archiviate e trattate negli Stati Uniti o in altri Paesi terzi al di fuori di quello in cui l'utente risiede.
Privacy Policy (https://www.whatsapp.com/legal/privacy-policy-eea)
Aderente al Privacy Shield

Per statistiche
Questi servizi sono utilizzati dal titolare del trattamento per analizzare il traffico effettuato dagli utenti sul sito web www.rivoluzionedemocratica.it.

I dati acquisiti e l'utilizzo degli stessi da parte di servizi terzi sono regolamentati dalle rispettive Privacy Policy alle quali si prega di fare riferimento.

Per visualizzare contenuti da siti web esterni
Questi servizi sono utilizzati per visualizzare sulle pagine del sito web contenuti esterni al sito web, con possibilità di interazione.
Anche se l'utente non utilizza il servizio presente sulla pagina web, è possibile che il servizio acquisisca dati di traffico.

I dati acquisiti e l'utilizzo degli stessi da parte di servizi terzi sono regolamentati dalle rispettive Privacy Policy alle quali si prega di fare riferimento.

Diritti dell'interessato
L'utente possiede tutti i diritti previsti dall'art. 12 del EU GDPR, il diritto di controllare, modificare e integrare (rettificare), cancellare i propri dati personali accedendo alla propria area riservata. Una volta cancellati tutti i dati, viene chiuso l'account di accesso all'area riservata.

Nello specifico ha il diritto di:
- sapere se il titolare detiene dati personali relativi all'utente (art. 15 Diritto all'accesso);
- modificare o integrare (rettificare) i dati personali inesatti o incompleti (Art. 16 Diritto di rettifica);
- richiedere la cancellazione di uno o parte dei dati personali mantenuti se sussiste uno dei motivi previsti dal GDPR (Diritto alla Cancellazione, 17);
- limitare il trattamento solo a parte dei dati personali, o revocarne completamente il consenso al trattamento, se sussiste uno dei motivi previsti dal Regolamento (Art. 18 Diritto alla limitazione del trattamento);
- ricevere copia di tutti i dati personali in possesso del titolare, in formato di uso comune organizzato, e leggibili anche da dispositivo automatico (Art. 20, Diritto alla Portabilità);
- opporsi in tutto o in parte al trattamento dei dati per finalità di marketing, ad esempio opporsi e ricevere offerte pubblicitarie (art. 21 Diritto di opposizione). Si fa presente agli utenti che possono opporsi al trattamento dei dati utilizzati per scopo pubblicitario, senza fornire alcuna motivazione;
- opporsi al trattamento dei dati in modalità automatica o meno per finalità di profilazione (c.d. Consenso).

Come un utente può esercitare i propri diritti
L'utente può esercitare i propri diritti sopra esposti comunicandone richiesta al titolare del trattamento La Rivoluzione Democratica ai seguenti recapiti: info@rivoluzionedemocratica.it; tel. 3312300680.

La richiesta di esercitare un proprio diritto non ha nessun costo. Il titolare si impegna ad evadere le richieste nel minor tempo possibile, e comunque entro un mese.

L'utente ha il diritto di proporre reclamo all'Autorità Garante per la Protezione dei dati Personali. Recapiti: garante@gpdp.it, http://www.gpdp.it (http://www.gpdp.it).

Cookie Policy
Informazioni aggiuntive sul trattamento dei dati
Difesa in giudizio
Nel caso di ricorso al tribunale per abuso da parte dell'utente nell'utilizzo di www.rivoluzionedemocratica.it o dei servizi a esso collegati, il titolare ha la facoltà di rivelare i dati personali dell'utente. È inoltre obbligato a fornire i suddetti dati su richiesta delle autorità pubbliche.

Richiesta di informative specifiche
L'utente ha diritto di richiedere a www.rivoluzionedemocratica.it informative specifiche sui servizi presenti sul sito web e/o la raccolta e l'utilizzo dei dati personali.

Raccolta dati per log di sistema e manutenzione
www.rivoluzionedemocratica.it e/o i servizi di terze parti (se presenti) possono raccogliere i dati personali dell'utente, come ad esempio l'indirizzo IP, sotto forma di log di sistema. La raccolta di questi dati è legata al funzionamento e alla manutenzione del sito web.

Informazioni non contenute in questa policy
L'utente ha diritto di richiedere in ogni momento al titolare del trattamento dei dati le informazioni aggiuntive non presenti in questa Policy riguardanti il trattamento dei dati personali. Il titolare potrà essere contattato tramite gli estremi di contatto.

Supporto per le richieste "Do Not Track"
Le richieste  "Do Not Track" non sono supportate da www.rivoluzionedemocratica.it.
L'utente è invitato a consultare le Privacy Policy dei servizi terzi sopra elencati per scoprire quali supportano questo tipo di richieste.

Modifiche a questa Privacy Policy
Il titolare ha il diritto di modificare questo documento avvisando gli utenti su questa stessa pagina oppure, se previsto, tramite i contatti di cui è in possesso. L'utente è quindi invitato a consultare periodicamente questa pagina. Per conferma sull'effettiva modifica consultare la data di ultima modifica indicata in fondo alla pagina.
Il titolare si occuperà di raccogliere nuovamente il consenso degli utenti nel caso in cui le modifiche a questo documento riguardino trattamenti di dati per i quali è necessario il consenso.

Definizioni e riferimenti legali
Dati personali (o dati, o dati dell'utente)
Sono dati personali le informazioni che identificano o rendono identificabile, direttamente o indirettamente, una persona fisica e che possono fornire informazioni sulle sue caratteristiche, le sue abitudini, il suo stile di vita, le sue relazioni personali, il suo stato di salute, la sua situazione economica, ecc.

Fonte: sito web del Garante della Privacy (http://www.garanteprivacy.it).

Dati di utilizzo
Sono dati di utilizzo le informazioni che vengono raccolte in automatico durante la navigazione di www.rivoluzionedemocratica.it, sia da sito web stesso che dalle applicazioni di terzi incluse nel sito. Sono esempi di dati di utilizzo l'indirizzo IP e i dettagli del dispositivo e del browser (compresi la localizzazione geografica) che l'utente utilizza per navigare sul sito, le pagine visualizzate e la durata della permanenza dell'utente sulle singole pagine.

Utente
Il soggetto che fa uso del sito web www.rivoluzionedemocratica.it.
Coincide con l'interessato, salvo dove diversamente specificato.

Interessato
Interessato è la persona fisica al quale si riferiscono i dati personali. Quindi, se un trattamento riguarda, ad esempio, l'indirizzo, il codice fiscale, ecc. di Mario Rossi, questa persona è l'interessato (articolo 4, paragrafo 1, punto 1), del Regolamento UE 2016/679 (http://www.garanteprivacy.it/regolamentoue).

Fonte: sito web del Garante della Privacy (http://www.garanteprivacy.it).

Responsabile del trattamento (o responsabile)
Responsabile è la persona fisica o giuridica al quale il titolare affida, anche all'esterno della sua struttura organizzativa, specifici e definiti compiti di gestione e controllo per suo conto del trattamento dei dati (articolo 4, paragrafo 1, punto 8), del Regolamento UE 2016/679 (http://www.garanteprivacy.it/regolamentoue). Il Regolamento medesimo ha introdotto la possibilità che un responsabile possa, a sua volta e secondo determinate condizioni, designare un altro soggetto c.d. "sub-responsabile" (articolo 28, paragrafo 2).

Fonte: sito web del Garante della Privacy (http://www.garanteprivacy.it).

Titolare del trattamento (o titolare)
Titolare è la persona fisica, l'autorità pubblica, l'impresa, l'ente pubblico o privato, l'associazione, ecc., che adotta le decisioni sugli scopi e sulle modalità del trattamento (articolo 4, paragrafo 1, punto 7), del Regolamento UE 2016/679 (http://www.garanteprivacy.it/regolamentoue).

Fonte: sito web del Garante della Privacy (http://www.garanteprivacy.it).

www.rivoluzionedemocratica.it (o sito web)  
Il sito web mediante il quale sono raccolti e trattati i dati personali degli utenti.

Servizio
Il servizio offerto dal sito web www.rivoluzionedemocratica.it come indicato nei relativi termini.

Comunità Europea (o UE)
Ogni riferimento relativo alla Comunità Europea si estende a tutti gli attuali stati membri dell'Unione Europea e dello Spazio Economico Europeo, salvo dove diversamente specificato.

Cookie
Dati conservati all'interno del dispositivo dell'utente.

Riferimenti legali
La presente informativa è redatta sulla base di molteplici ordinamenti legislativi, inclusi gli artt. 13 e 14 del Regolamento (UE) 2016/679. Questa informativa riguarda esclusivamente www.rivoluzionedemocratica.it, dove non diversamente specificato.

Informativa privacy aggiornata il 07/10/2022 12:44
torna indietro leggi Privacy Policy per www.rivoluzionedemocratica.it
 obbligatorio
generic image refresh

cookie