27 Novembre 2022

"ELISA AGNINI"

23-11-2022 - DONNE E SOCIALISMO di Ferdinando Leonzio













Giacinta Marescotti





Formatasi e vissuta in ambiente genuinamente socialista, Elisa Agnini* scelse, come suo specifico campo di azione, la lotta, coerente e ininterrotta, per i diritti civili e politici delle donne, sicché puó dirsi di lei che fu una delle piú illustri esponenti del femminismo socialista nel primo ventennio del '900.
Sará lei stessa a sottolineare, in una lettera a una giornalista francese, come il suo attivismo politico avesse avuto un carattere sí femminista, ma dai forti contenuti sociali riguardanti tematiche come l'educazione popolare, l'elevazione culturale delle donne, il divorzio, il suffragio femminile, la ricerca della paternità, la tutela dei minori e del lavoro femminile.
Elisa Agnini, nacque a Finale Emilia, in provincia di Modena, il 22 marzo 1958, da Tommaso Agnini e da Elisabetta Kostner. La sua era una famiglia della piccola nobiltá illuminata. La maggiore influenza sulla sua formazione la esercitó il fratello maggiore Gregorio.

Gregorio Agnini (1856-1945), animatore dell'associazionismo cooperativistico in Emilia, fu uno dei pionieri del socialismo italiano e per le sue idee fu piú volte arrestato. Giá consigliere comunale di Finale e provinciale di Modena, nel 1890 fu eletto alla Camera dei deputati, dove sará sempre riconfermato, rimanendo in carica fino al 9 novembre 1926, quando il potere fascista dichiaró decaduti tutti i deputati che, dopo l'assassinio di Giacomo Matteotti, si erano astenuti dal prender parte ai lavori parlamentari (Aventino).
Nel 1892, a Genova, egli fu uno dei fondatori del partito socialista e nel 1894, insieme con Camillo Prampolini fu inviato dalla Direzione del partito in Sicilia, in sostegno dei Fasci Siciliani, repressi dalla reazione crispina, che ai due parlamentari socialisti impedí peró perfino di sbarcare.
Fu anche membro della Direzione del PSI e rappresentante del PSI nell'Ufficio di Presidenza dell'Internazionale Socialista (1912-1914).
Fervente neutralista fino all'intervento italiano nella prima guerra mondiale (24-5-1915), in essa perse il figlio Rino, tenente dell'aviazione.
Perseguitato durante il fascismo, nel 1945 rientró in politica attiva ormai quasi novantenne, in tempo tuttavia per tenere, in qualitá di suo componente piú anziano, il discorso inaugurale alla Consulta Nazionale il 25 settembre 1945. Dieci giorni dopo morí (6-10-1945).

Un simile esempio di dirittura morale e di coerenza politica non poteva non influire sulla formazione della sorella Elisa. La quale sempre ne condivise gli ideali di giustizia, di uguaglianza, di pace, concentrando peró, come sopra accennato, il suo interesse sulla situazione della donna lavoratrice, soggetta al doppio sfruttamento, di classe e di genere, secondo la concezione comune a molte donne socialiste, mutuata dalla fondamentale opera del grande leader socialista tedesco August Bebel (1840-1913) Donna e socialismo.

L'impegno femminista e socialista di Elisa fu rinvigorito dall'incontro, nello stesso tempo politico e sentimentale, con un giovane avvocato socialista modenese, laureatosi nel 1882.
Vittorio Lollini (1850-1924), frequentava infatti i circoli socialisti di Finale, dove il padre Tommaso, cancelliere di prefettura, lavorava; in particolare, il giovane avvocato frequentava casa Agnini e principalmente il noto esponente socialista Gregorio. Lí conobbe Elisa e i due, l'8 agosto 1885, si sposarono e si trasferirono a Roma, dove lui svolgerá la professione di avvocato penalista.
Vittorio fu eletto consigliere comunale di varie cittá, fra cui Roma, ed infine deputato per tre legislature. Nel 1922, a Capua, subí un'aggressione fascista.
L'unione fra i due si riveló molto salda non solo sul piano umano, ma anche su quello politico, poiché essi condividevano gli stessi ideali e le stesse passioni.
Nella comune lotta per la paritá di istruzione e di retribuzione, per il lavoro, per la pace, per la ricerca della paternitá e per tante battaglie civili la loro collaborazione si riveló intensa e proficua.
La coppia ebbe quattro figlie, tutte poi divenute professioniste affermate: Olga (avvocato), Clara (chimica). Livia (medico e biochimica), Clelia (medico).

Nel 1896 sorse a Roma, ad opera di Elisa Agnini Lollini e di alcune donne progressiste come Alina Albani, Virginia Nathan, Eva De Vincentiis e la socialista Giacinta Marescotti Martini (1844-1912), amica di Andrea Costa e instancabile combattente per il suffragio femminile, l'Associazione per la Donna, con segretaria Maria Montessori, che organizzava le donne piú attive del movimento femminista italiano e si occupava dei diritti civili e politici delle donne. Il programma dell'Associazione era corposo e ambizioso allo stesso tempo. Essa si sarebbe battuta per l'educazione popolare, l'inserimento delle donne nelle scuole miste, il divorzio, il suffragio femminile, la ricerca della paternità, la difesa dei minori, la protezione del lavoro delle donne e dei minori, la paritá dei salari a paritá di lavoro.

Nel 1905 Elisa entró nel Comitato pro suffragio femminile, in cui militavano note donne socialiste come Linda Malnati (1855-1921) e Carlotta Clerici (1851-1924), creato per sostenere il suffragio femminile e che aderiva all'Alleanza Internazionale delle Donne, fondata a Berlino nel 1904 per promuovere i diritti delle donne e l'uguaglianza di genere.

















Bianca Bianchi

Lina Merlin




Giá nel 1887, in Parlamento, Andrea Costa si era energicamente opposto alla politica africana del governo Depretis, dichiarando che il prestigio militare e l'onore della bandiera sono i soliti pretesti con cui tutti i governi cercano di far passare tutte le loro imprese criminali o pazze.
E opponendosi alla richiesta del governo di nuovi crediti per inviare nuove truppe in Africa, aveva pronunciato una frase destinata a diventare famosa: Per continuare le criminose imprese africane noi non daremo né un uomo, né un soldo. Dopo di che, per sfuggire all'arresto, fu costretto ad esulare in Francia.
Con lo stesso coraggio e con la stessa determinazione, coerente con la tradizione antibellicista del socialismo italiano, Elisa, insieme con alcune sue compagne di lotta, in seguito propose il ritiro delle truppe italiane dall'Africa.
L'Associazione per la Donna condusse un'intensa campagna contro la guerra e raccolse migliaia di firme tra le donne per il ritiro immediato delle truppe dal continente africano, attività che condusse alla sua chiusura. Sará ricostituita nel 1900.
E, continuando con fermezza sulla stessa linea, Elisa si oppose anche all'impresa di Libia, come fu detta la guerra italo-turca del 1911-12.
Infatti, al primo congresso della “pro-suffragio” tenutosi a Torino dal 7 al 9 ottobre 1911, la battagliera attivista propose (peraltro senza successo) che l'associazione si pronunciasse contro la guerra e a favore di un arbitrato:

Ora io credo interpretare il pensiero dell'Associazione per la Donna, facendo all'apertura del nostro congresso l'augurio che la questione tripolina non tenga più oltre in sospeso gli animi delle donne italiane perché la guerra non è che un omicidio collettivo, e noi donne, a parte qualunque considerazione che i governanti possano fare, dobbiamo essere contro di essa, e facendo altresì l'augurio che i Comitati per la pace diano la loro opera perché tale situazione ne abbia conseguenze il meno che è possibile disastrose.

Intanto si impegnava a fondo in numerose battaglie politiche a favore dei diritti delle donne, specialmente per il suffragio femminile e per il principio “a eguale lavoro eguale compenso”.
Nel 1914, mentre in Italia infuriava il dibattito tra interventisti e neutralisti, con in testa, fra questi ultimi, il PSI, fedele all'internazionalismo proletario, Elisa Agnini Lollini, pacifista convinta, si schieró decisamente contro la guerra.
Il 4 gennaio 1915, presentó, nell'Associazione, ancora una volta senza successo, un documento contro la guerra:

Convinta che la guerra soffoca ogni sentimento umanitario poiché essa è germe fecondo di brutalità nell'uomo, in cui ogni sentimento malsano prende vigore e assume di fronte alla società aspetto di eroismo. Convinta ch'essa distrugge d'un tratto migliaia di vite umane e il lavoro prodotto nella pace con l'ingegno e con l'attività d'intere generazioni. Convinta che nessun bisogno di popoli può scusare tale barbarie potendosi conseguire ogni sviluppo coi mezzi pacifici della forza morale e dell'ingegno, si augura che l'Italia non sia costretta a entrare in lotta e a prender parte all'immane carneficina.

Nell'aprile 1915 si svolse all'Aia, in opposizione alla guerra europea, un Congresso internazionale delle donne, con 1136 partecipanti, provenienti da diversi Paesi sia neutrali che belligeranti, fra cui la famosa stilista socialista italiana Rosa Genoni, grande amica di Anna Kuliscioff.
Quel congresso pose le premesse per la creazione della Lega Internazionale delle Donne per la Pace e la Libertá (WILPF, 1915-1928), della cui sezione italiana furono attive dirigenti Rosa Genoni, Elisa Agnini Lollini e Anita Dobelli Zampetti, tutte e tre collaboratrici dei giornali socialisti La Difesa delle lavoratrici e Uguaglianza.

Ma, dopo l'ingresso dell'Italia in guerra (24-5-1915) a fianco dell'Intesa (Francia, Inghilterra, Russia), Elisa non rimase a guardare e si dedicó con tutta la passione di cui era capace ad opere umanitarie. Creó, fra l'altro, il Comitato Nazionale di Assistenza legale alle famiglie dei Richiamati, per il quale si avvalse anche del contributo professionale del marito.
Grazie ai suoi rapporti personali con Leonida Bissolati, che nel 1912, dopo la sua espulsione dal PSI, aveva costituito il Partito Socialista Riformista Italiano (PSRI) ed era poi entrato nel governo Boselli (1916) e poi in quello Orlando (1917), come ministro dell'Assistenza militare e delle Pensioni di guerra, ottenne che i sussidi e le pensioni di guerra fossero estesi anche alle famiglie illegittime.

La guerra aveva infatti evidenziato, fra mille altri, anche il delicato problema dei figli illegittimi, che gli ipocriti benpensanti di allora si guardavano dall'affrontare, rendendo ancora piú difficile l'inserimento nella societá dei bambini abbandonati.
La legislazione vigente si preoccupava, infatti, solo di “proteggere” la famiglia legittima dai “problemi” che il riconoscimento dei figli naturali avrebbe potuto causare alla “normale” trasmissione della proprietá. Ma la guerra aveva amplificato il deleterio fenomeno e nessuno poteva piú ignorarlo
Turbata dall'alto tasso di mortalitá infantile che si riscontrava nei brefotrofi durante la guerra, Elisa si dedicó a una nuova e nobile battaglia di cui rivendicó il carattere socialista: quella dedicata alla “ricerca della paternitá”, estesa anche ai figli adulterini e incestuosi, tema sul quale, il 28 giugno 1917, organizzó un riuscito convegno al Teatro Argentina di Roma. Il marito on. Vittorio Lollini nel 1922 presenterá sul tema un'avanzata proposta di legge, che sará respinta dalle forze oscurantiste.
L'instancabile attivista socialista si occupó anche dell'educazione dei giovanissimi, organizzando e dirigendo giardini d'infanzia.

La sua battaglia principale, quella per il suffragio femminile, non ebbe fortuna. Benché un progetto di legge in tal senso fosse stato approvato nel 1919, l'intervenuto scioglimento anticipato della Camera nel 1921, comportó la decadenza del provvedimento prima di essere approvato anche dal Senato. Il ventennio fascista e la guerra lo congelarono.
Perché le donne italiane potessero votare, bisognerá aspettare il 1946 prima per le elezioni amministrative e poi per l'elezione dell'Assemblea Costituente. Di quest'ultima faranno parte due donne socialiste, che si riveleranno degne continuatrici delle battaglie civili e sociali di Elisa Agnini Lollini: Bianca Bianchi e Lina Merlin.

Negli ultimi anni della sua vita Elisa fu la principale organizzatrice, assieme a Vittoria Mariani Rambelli (1847-1940) del gruppo femminile della sezione socialista romana.
Vittoria Mariani, maestra e poetessa, era moglie dello scultore Vittorio Rambelli. Fu direttrice del periodico socialista Uguaglianza (1919-1922). Subirá anch'essa persecuzioni durante il fascismo.

Elisa Agnini Lollini morí il 22 giugno 1922, troncata da un male incurabile, mentre infuriava lo squadrismo fascista, lasciando di sé il ricordo di una donna rimasta fino all'ultimo fedele ai suoi ideali di pace, giustizia ed uguaglianza.
Una “socialista del fare”, potremmo oggi definirla, giacché fu sempre coerente fra le enunciazioni teoriche e la loro applicazione pratica.


---


* Fondamentale per la biografia di Elisa Agnini Lollini é il romanzo storico della pronipote SILVIA MORI La dama del quintetto (Luciana Tufani Editrice, 2012).






Fonte: di Ferdinando Leonzio
Link
[]
L'AVVENIRE DEI LAVORATORI
Periodico socialista fondato 1897.
[]
IL PONTE RIVISTA
Rivista di politica economica e cultura
fondata da Calamandrei
[]
BIBLION EDITORE
Biblion Edizioni, storica casa editrice.
[]
CRITICA LIBERALE - NON MOLLARE
"NON MOLLARE"
Quindicinale on line di Critica Liberale,
la voce del liberalismo progressista in Italia.





Nuova Serie
"La Rivoluzione Democratica"
1, MARZO 2017
Associazione Alleanza Giellista
[]

Realizzazione siti web www.sitoper.it
invia a un amico
icona per chiudere
Attenzione!
Non puoi effettuare più di 10 invii al giorno.
Privacy Policy per www.rivoluzionedemocratica.it
Il sito web www.rivoluzionedemocratica.it raccoglie alcuni dati personali degli utenti che navigano sul sito web.

In accordo con l'impegno e l'attenzione che poniamo ai dati personali e in accordo agli artt. 13 e 14 del EU GDPR, www.rivoluzionedemocratica.it fornisce informazioni su modalità, finalità, ambito di comunicazione e diffusione dei dati personali e diritti degli utenti.

Titolare del trattamento dei dati personali
La Rivoluzione Democratica
Via Circondaria, 56
55045 - Firenze Italia


Email: info @rivoluzionedemocratica.it
Telefono: 3934324237

Tipi di dati acquisiti
www.rivoluzionedemocratica.it raccoglie dati degli utenti direttamente o tramite terze parti. Le tipologie di dati raccolti sono: dati tecnici di navigazione, dati di utilizzo, email, nome, cognome, numero di telefono, provincia, nazione, cap, città, indirizzo, ragione sociale, stato, cookie e altre varie tipologie di dati. Maggiori dettagli sui dati raccolti vengono forniti nelle sezioni successive di questa stessa informativa.
I dati personali sono forniti deliberatamente dall'utente tramite la compilazione di form, oppure, nel caso di dati di utilizzo, come ad esempio i dati relativi alle statistiche di navigazione, sono raccolti automaticamente navigando sulle pagine di www.rivoluzionedemocratica.it.

I dati richiesti dai form sono divisi tra obbligatori e facoltativi; su ciascun form saranno indicate distintamente le due tipologie. Nel caso in cui l'utente preferisca non comunicare dati obbligatori, www.rivoluzionedemocratica.it si riserva il diritto di non fornire il servizio. Nel caso in cui l'utente preferisca non comunicare dati facoltativi, il servizio sarà fornito ugualmente da www.rivoluzionedemocratica.it .

www.rivoluzionedemocratica.it utilizza strumenti di statistica per il tracciamento della navigazione degli utenti, l'analisi avviene tramite log. Non utilizza direttamente cookie ma può utilizzare cookie includendo servizi di terzi.

Ciascun utilizzo di cookie viene dettagliato nella Cookie Policy (https://www.rivoluzionedemocratica.it/Informativa-sui-cookies.htm) e successivamente in questa stessa informativa.
L'utente che comunichi, pubblichi, diffonda, condivida o ottenga dati personali di terzi tramite www.rivoluzionedemocratica.it si assume la completa responsabilità degli stessi. L'utente libera il titolare del sito web da qualsiasi responsabilità diretta e verso terzi, garantendo di avere il diritto alla comunicazione, pubblicazione, diffusione degli stessi. www.rivoluzionedemocratica.it non fornisce servizi a minori di 18 anni. In caso di richieste effettuate per minori deve essere il genitore, o chi detiene la patria potestà, a compilare le richieste dati.

Modalità, luoghi e tempi del trattamento dei dati acquisiti
Modalità di trattamento dei dati acquisiti
Il titolare ha progettato un sistema informatico opportuno a garantire misure di sicurezza ritenute adatte ad impedire l'accesso, la divulgazione, la modifica o la cancellazione non autorizzata di dati personali. Lo stesso sistema effettua copie giornaliere, ritenute sufficientemente adeguate in base alla importanza dei dati contenuti.

L'utente ha diritto a ottenere informazioni in merito alle misure di sicurezza adottate dal titolare per proteggere i dati.

Accessi ai dati oltre al titolare
Hanno accesso ai dati personali raccolti da www.rivoluzionedemocratica.it il personale interno (quale ad esempio amministrativo, commerciale, marketing, legale, amministratori di sistema) e/o soggetti esterni (quali ad esempio fornitori di servizi informatici terzi, webfarm, agenzie di comunicazione, fornitori di servizi complementari). Se necessario tali strutture sono nominate dal titolare responsabili del trattamento.

L'utente può richiedere in qualsiasi momento al titolare del trattamento, l'elenco aggiornato dei responsabili del trattamento.

Comunicazione di eventuali accessi indesiderati al Garante della Privacy
Il suddetto sistema informatico è monitorato e controllato giornalmente da tecnici e sistemisti. Ciò non toglie che, anche se ritenuta possibilità remota, ci possa essere un accesso indesiderato. Nel caso in cui questo si verifichi il titolare si impegna, come da GDPR ad effettuarne comunicazione al Garante della Privacy entro i termini previsti dalla legge.

Luoghi di mantenimento dei dati acquisiti
I dati personali sono mantenuti e trattati nelle sedi operative e amministrative del titolare, nonché nelle webfarm dove risiedono i server che ospitano il sito web www.rivoluzionedemocratica.it, o sui server che ne effettuano le copie di sicurezza. I dati personali dell'utente possono risiedere in Italia, Germania e Olanda, comunque in nazioni della Comunità Europea. I dati personali dell'utente non vengono mai portati o copiati fuori dal territorio europeo.

Tempi di mantenimento dei dati acquisiti
Nel caso di dati acquisiti per fornire un servizio all'utente, (sia per un servizio acquistato che in prova) i dati vengono conservati per 24 mesi successivi al completamento del servizio. Oppure fino a quando non ne venga revocato il consenso.

Nel caso in cui il titolare fosse obbligato a conservare i dati personali in ottemperanza di un obbligo di legge o per ordine di autorità, il titolare può conservare i dati per un tempo maggiore, necessario agli obblighi.

Al termine del periodo di conservazione i dati personali saranno cancellati. Dopo il termine, non sarà più possibile accedere ai propri dati, richiederne la cancellazione e la portabilità.

Base giuridica del trattamento dei dati acquisiti
Il titolare acquisisce dati personali degli utenti nei casi sotto descritti.
Il trattamento si rende necessario:
- se l'utente ha deliberatamente accettato il trattamento per una o più finalità;
- per fornire un preventivo all'utente;
- per fornire un contratto all'utente;
- per fornire un servizio all'utente;
- perché il titolare possa adempiere ad un obbligo di legge;
- perché il titolare possa adempiere ad un compito di interesse pubblico;
- perché il titolare possa adempiere ad un esercizio di pubblici poteri;
- perché il titolare o terzi possano perseguire i propri legittimi interessi.

L'utente può richiedere in qualsiasi momento al titolare del trattamento, chiarimenti sulla base giuridica di ciascun trattamento.

Finalità del trattamento dei dati acquisiti
I dati dell'utente sono raccolti dal titolare per le seguenti finalità:

- richiesta informazione da parte dell'utente
- richiesta informazione per servizi
- invio di aggiornamenti
- invio informazioni generiche
- richiesta di contatto da parte dei clienti, per ricevere informazioni

Eventualmente i dati possono essere trattati anche per:
contattare l'utente, statistiche, analisi dei comportamenti degli utenti e registrazione sessioni, visualizzazione contenuti e interazione di applicazioni esterne, protezione dallo spam, gestione dei pagamenti, interazione con social network, pubblicità.

L'utente può richiedere in qualsiasi momento al titolare del trattamento, chiarimenti sulle finalità di ciascun trattamento.

Dettagli specifici sull'acquisizione e uso dei dati personali
Per contattare l'utente
Moduli di contatto
L'utente può compilare il/i moduli di contatto/richiesta informazioni, inserendo i propri dati e acconsentendo al loro uso per rispondere alle richieste di natura indicata nella intestazione del modulo.
Dati personali che potrebbero essere raccolti: CAP, città, cognome, email, indirizzo, nazione, nome, numero di telefono, provincia, ragione sociale.

Per interazione con applicazioni esterne (anche social network)
www.rivoluzionedemocratica.it include nelle sue pagine plugin e/o pulsanti per interagire con i social network e/o applicazioni esterne.
Per quanto riguarda i social network, anche se l'utente non utilizza il servizio presente sulla pagina web, è possibile che il servizio acquisisca dati di traffico.

I dati acquisiti e l'utilizzo degli stessi da parte di servizi terzi sono regolamentati dalle rispettive Privacy Policy alle quali si prega di fare riferimento.

Facebook: Pulsante "Mi piace" e widget sociali
Fornitore del servizio: Meta Platforms Ireland Limited.
Finalità del servizio: interazione con il social network Facebook
Dati personali raccolti: cookie, dati di utilizzo
Luogo del trattamento: Stati Uniti e in altri Paesi
Privacy Policy (https://www.facebook.com/privacy/policy)

Twitter: Pulsante "Tweet" e widget sociali
Fornitore del servizio: Twitter, Inc.
Finalità del servizio: interazione con il social network Twitter
Dati personali raccolti: cookie, dati di utilizzo
Luogo del trattamento: Stati Uniti
Privacy Policy (https://twitter.com/privacy)
Cookie utilizzati (https://help.twitter.com/it/rules-and-policies/twitter-cookies)
Aderente al Privacy Shield

Whatsapp: Pulsante Whatsapp e widget sociali di Whatsapp
Fornitore del servizio: se l'utente risiede nella Regione Europea, WhatsApp Ireland Limited, se l'utente risiede al di fuori della Regione Europea, i Servizi vengono forniti da WhatsApp LLC.
Finalità del servizio: servizi di interazione con Whatsapp.
Dati personali raccolti: cookie, dati di utilizzo
Luogo del trattamento: Irlanda, le informazioni potrebbero essere trasferite o trasmesse o archiviate e trattate negli Stati Uniti o in altri Paesi terzi al di fuori di quello in cui l'utente risiede.
Privacy Policy (https://www.whatsapp.com/legal/privacy-policy-eea)
Aderente al Privacy Shield

Per statistiche
Questi servizi sono utilizzati dal titolare del trattamento per analizzare il traffico effettuato dagli utenti sul sito web www.rivoluzionedemocratica.it.

I dati acquisiti e l'utilizzo degli stessi da parte di servizi terzi sono regolamentati dalle rispettive Privacy Policy alle quali si prega di fare riferimento.

Per visualizzare contenuti da siti web esterni
Questi servizi sono utilizzati per visualizzare sulle pagine del sito web contenuti esterni al sito web, con possibilità di interazione.
Anche se l'utente non utilizza il servizio presente sulla pagina web, è possibile che il servizio acquisisca dati di traffico.

I dati acquisiti e l'utilizzo degli stessi da parte di servizi terzi sono regolamentati dalle rispettive Privacy Policy alle quali si prega di fare riferimento.

Diritti dell'interessato
L'utente possiede tutti i diritti previsti dall'art. 12 del EU GDPR, il diritto di controllare, modificare e integrare (rettificare), cancellare i propri dati personali accedendo alla propria area riservata. Una volta cancellati tutti i dati, viene chiuso l'account di accesso all'area riservata.

Nello specifico ha il diritto di:
- sapere se il titolare detiene dati personali relativi all'utente (art. 15 Diritto all'accesso);
- modificare o integrare (rettificare) i dati personali inesatti o incompleti (Art. 16 Diritto di rettifica);
- richiedere la cancellazione di uno o parte dei dati personali mantenuti se sussiste uno dei motivi previsti dal GDPR (Diritto alla Cancellazione, 17);
- limitare il trattamento solo a parte dei dati personali, o revocarne completamente il consenso al trattamento, se sussiste uno dei motivi previsti dal Regolamento (Art. 18 Diritto alla limitazione del trattamento);
- ricevere copia di tutti i dati personali in possesso del titolare, in formato di uso comune organizzato, e leggibili anche da dispositivo automatico (Art. 20, Diritto alla Portabilità);
- opporsi in tutto o in parte al trattamento dei dati per finalità di marketing, ad esempio opporsi e ricevere offerte pubblicitarie (art. 21 Diritto di opposizione). Si fa presente agli utenti che possono opporsi al trattamento dei dati utilizzati per scopo pubblicitario, senza fornire alcuna motivazione;
- opporsi al trattamento dei dati in modalità automatica o meno per finalità di profilazione (c.d. Consenso).

Come un utente può esercitare i propri diritti
L'utente può esercitare i propri diritti sopra esposti comunicandone richiesta al titolare del trattamento La Rivoluzione Democratica ai seguenti recapiti: info@rivoluzionedemocratica.it; tel. 3312300680.

La richiesta di esercitare un proprio diritto non ha nessun costo. Il titolare si impegna ad evadere le richieste nel minor tempo possibile, e comunque entro un mese.

L'utente ha il diritto di proporre reclamo all'Autorità Garante per la Protezione dei dati Personali. Recapiti: garante@gpdp.it, http://www.gpdp.it (http://www.gpdp.it).

Cookie Policy
Informazioni aggiuntive sul trattamento dei dati
Difesa in giudizio
Nel caso di ricorso al tribunale per abuso da parte dell'utente nell'utilizzo di www.rivoluzionedemocratica.it o dei servizi a esso collegati, il titolare ha la facoltà di rivelare i dati personali dell'utente. È inoltre obbligato a fornire i suddetti dati su richiesta delle autorità pubbliche.

Richiesta di informative specifiche
L'utente ha diritto di richiedere a www.rivoluzionedemocratica.it informative specifiche sui servizi presenti sul sito web e/o la raccolta e l'utilizzo dei dati personali.

Raccolta dati per log di sistema e manutenzione
www.rivoluzionedemocratica.it e/o i servizi di terze parti (se presenti) possono raccogliere i dati personali dell'utente, come ad esempio l'indirizzo IP, sotto forma di log di sistema. La raccolta di questi dati è legata al funzionamento e alla manutenzione del sito web.

Informazioni non contenute in questa policy
L'utente ha diritto di richiedere in ogni momento al titolare del trattamento dei dati le informazioni aggiuntive non presenti in questa Policy riguardanti il trattamento dei dati personali. Il titolare potrà essere contattato tramite gli estremi di contatto.

Supporto per le richieste "Do Not Track"
Le richieste  "Do Not Track" non sono supportate da www.rivoluzionedemocratica.it.
L'utente è invitato a consultare le Privacy Policy dei servizi terzi sopra elencati per scoprire quali supportano questo tipo di richieste.

Modifiche a questa Privacy Policy
Il titolare ha il diritto di modificare questo documento avvisando gli utenti su questa stessa pagina oppure, se previsto, tramite i contatti di cui è in possesso. L'utente è quindi invitato a consultare periodicamente questa pagina. Per conferma sull'effettiva modifica consultare la data di ultima modifica indicata in fondo alla pagina.
Il titolare si occuperà di raccogliere nuovamente il consenso degli utenti nel caso in cui le modifiche a questo documento riguardino trattamenti di dati per i quali è necessario il consenso.

Definizioni e riferimenti legali
Dati personali (o dati, o dati dell'utente)
Sono dati personali le informazioni che identificano o rendono identificabile, direttamente o indirettamente, una persona fisica e che possono fornire informazioni sulle sue caratteristiche, le sue abitudini, il suo stile di vita, le sue relazioni personali, il suo stato di salute, la sua situazione economica, ecc.

Fonte: sito web del Garante della Privacy (http://www.garanteprivacy.it).

Dati di utilizzo
Sono dati di utilizzo le informazioni che vengono raccolte in automatico durante la navigazione di www.rivoluzionedemocratica.it, sia da sito web stesso che dalle applicazioni di terzi incluse nel sito. Sono esempi di dati di utilizzo l'indirizzo IP e i dettagli del dispositivo e del browser (compresi la localizzazione geografica) che l'utente utilizza per navigare sul sito, le pagine visualizzate e la durata della permanenza dell'utente sulle singole pagine.

Utente
Il soggetto che fa uso del sito web www.rivoluzionedemocratica.it.
Coincide con l'interessato, salvo dove diversamente specificato.

Interessato
Interessato è la persona fisica al quale si riferiscono i dati personali. Quindi, se un trattamento riguarda, ad esempio, l'indirizzo, il codice fiscale, ecc. di Mario Rossi, questa persona è l'interessato (articolo 4, paragrafo 1, punto 1), del Regolamento UE 2016/679 (http://www.garanteprivacy.it/regolamentoue).

Fonte: sito web del Garante della Privacy (http://www.garanteprivacy.it).

Responsabile del trattamento (o responsabile)
Responsabile è la persona fisica o giuridica al quale il titolare affida, anche all'esterno della sua struttura organizzativa, specifici e definiti compiti di gestione e controllo per suo conto del trattamento dei dati (articolo 4, paragrafo 1, punto 8), del Regolamento UE 2016/679 (http://www.garanteprivacy.it/regolamentoue). Il Regolamento medesimo ha introdotto la possibilità che un responsabile possa, a sua volta e secondo determinate condizioni, designare un altro soggetto c.d. "sub-responsabile" (articolo 28, paragrafo 2).

Fonte: sito web del Garante della Privacy (http://www.garanteprivacy.it).

Titolare del trattamento (o titolare)
Titolare è la persona fisica, l'autorità pubblica, l'impresa, l'ente pubblico o privato, l'associazione, ecc., che adotta le decisioni sugli scopi e sulle modalità del trattamento (articolo 4, paragrafo 1, punto 7), del Regolamento UE 2016/679 (http://www.garanteprivacy.it/regolamentoue).

Fonte: sito web del Garante della Privacy (http://www.garanteprivacy.it).

www.rivoluzionedemocratica.it (o sito web)  
Il sito web mediante il quale sono raccolti e trattati i dati personali degli utenti.

Servizio
Il servizio offerto dal sito web www.rivoluzionedemocratica.it come indicato nei relativi termini.

Comunità Europea (o UE)
Ogni riferimento relativo alla Comunità Europea si estende a tutti gli attuali stati membri dell'Unione Europea e dello Spazio Economico Europeo, salvo dove diversamente specificato.

Cookie
Dati conservati all'interno del dispositivo dell'utente.

Riferimenti legali
La presente informativa è redatta sulla base di molteplici ordinamenti legislativi, inclusi gli artt. 13 e 14 del Regolamento (UE) 2016/679. Questa informativa riguarda esclusivamente www.rivoluzionedemocratica.it, dove non diversamente specificato.

Informativa privacy aggiornata il 07/10/2022 12:44
torna indietro leggi Privacy Policy per www.rivoluzionedemocratica.it  obbligatorio
generic image refresh


cookie