23 Aprile 2024

"DIMISSIONI PREVENTIVE"

È in corso una polemica durissima sulle scelte che il governo Meloni ha fatto per le nomine nel consiglio d’amministrazione della RAI. Apriti cielo! La ‘sinistra’ non si rassegna alla perdita dello scettro e passa all’attacco contro tutto quello che fa il governo. Amen.

Anche i critici più feroci hanno però dovuto ammettere che queste nomine sono state fatte seguendo norme di legge risalenti a un passato remoto e leggiadramente aggiornate da una maggioranza di ‘sinistra’ che – con la regia di Renzi – badò bene ai propri interessi di bottega con la legge 220/2015, presentata a suo tempo come una grande riforma che avrebbe ricondotto alla ragione la Commissione parlamentare per l’indirizzo generale e la vigilanza dei servizi radiotelevisivi la quale, coi suoi poteri di nomina del cda, ha storicamente esercitato il controllo politico sulla RAI.

Fuori i partiti dalla RAI? Nemmeno per sogno.

Quella legge ha semplicemente ridefinito le modalità di designazione del consiglio di amministrazione della RAI, ridotto da nove a sette membri: due eletti dalla Camera dei deputati e due eletti dal Senato della Repubblica, due designati dal Consiglio dei ministri (su proposta del ministro dell’Economia e delle Finanze), uno designato dall’assemblea dei dipendenti della Rai spa; la nomina dell’amministratore delegato riservata al governo.

Buone o cattive che siano queste norme, la ‘sinistra’, fino a quando ha avuto le mani in pasta, non se ne era scandalizzata; si scandalizza oggi quando – pur avendo ora ottenuto la sua parte di nomine – questo potere è passato nelle mani di altri, di ‘questa destra’!

Roberto Zaccaria, già professore, deputato ulivista e presidente RAI, è un personaggio assai noto per le sue poliedriche attività e qualità, tra le quali quelle di pitagorico inventore di teoremi geniali. L’ultimo dei quali – enunciato in un salotto televisivo ‘robespierrista’ – è in breve questo: «ci sono lottizzazioni e lottizzazioni; ci sono quelle buone e quelle cattive: la lottizzazione che mi elevò a Presidente della RAI è il prototipo di quelle buone».

Fin qui niente di male. Si sa che ognuno di noi tende sempre a sopravvalutarsi.

Zaccaria però non si è limitato a dire che, quando egli fu nominato come capofila della ‘sinistra’ nel cda della RAI, la cosa fu buona e giusta; egli ha esteso il giudizio positivo su tutti i nominati dalla ‘sinistra’, nei secoli dei secoli. Se si vuole, è anche questo un giudizio corretto in virtù del fatto tutti gli appartenenti alla ‘falange’ della ‘sinistra’ sentono di essere i migliori, intellettualmente, culturalmente, politicamente e, soprattutto, moralmente. Anche ad essi è quindi concesso che si autostimino pure più del giusto e del necessario.

Zaccaria ha però voluto affermare una regola più alta e sistemica: quando è la ‘sinistra’ a lottizzare e a nominare bisogna chinare il capo e baciare il terreno che calpesta. Infatti, mentre la ‘destra’ occupa le istituzioni solo per soddisfare la sua insaziabile sete di potere tirannico, la ‘sinistra’ le occupa in nome del destino di ‘salvatrice’ del mondo che la storia le riserva e dell’ egemonia, gramsciana, che le spetta. Ce lo ha spiegato benissimo il direttore di ‘Repubblica’ che ha indossato le vesti di profeta: «Nel bel mezzo dell'accelerazione della storia, la destra rappresenta il passato, mentre sono in corso la trasformazione digitale e climatica, il corso della storia va contro la destra e a imporsi saranno le nuove idee. Ogni volta che la storia accelera è spietata perché sconfigge e lascia ai margini chi vuole vivere nel passato. ‘Repubblica delle Idee’ fotografa il presente e lascia alle spalle il passato compreso quello di Giorgia Meloni».

Sulla questione della RAI si è scatenato un putiferio per il fatto che l’inossidabile Fazio, avendo stipulato un lauto contratto con un’altra emittente televisiva, ha scelto motu proprio di andarsene dalla RAI: i suoi orfani si strappano le vesti e dicono che gli amministratori della RAI avrebbero dovuto trattenerlo ad ogni costo, anche a dargli uno stipendio doppio di quello che prendeva! E che era già ragguardevole!

Da buon imbonitore, Fazio non ci ha fatto mancare l’ultima performance sua e della sua sempre ben oliata équipe monocolore con un discorso d’addio strappalacrime e con una serie di panegirici da prefiche: nell'ultima puntata della parata di celebrità, Michele Serra, nel suo comizio contro viale Mazzini, ha riesumato perfino Topo Gigio chiedendosi «è di destra o di sinistra?»

Il comiziante, che s’era fatto le ossa nell’Unità dei tempi d’oro ed era ora di ruolo nella trasmissione faziesca, ci ha spiegato le regole della lottizzazione: «Oggi però, se Topo Gigio tornasse in onda, tutti si chiederebbero a quale partito è in quota. E se tornasse il Quartetto Cetra, sia ben chiaro che, dei quattro, uno dev’essere meloniano, uno leghista, uno grillino e il quarto del Pd. Poi quello grillino e quello del Pd si annullano litigando tra loro e così diventa il duetto Cetra, solidamente governativo».

A prescindere dal fatto che Serra non ci ha detto se il suo comizio era di destra o di sinistra, forse però possiamo ammettere che egli ha ragione. E dobbiamo pure ringraziarlo perché ha confermato e spiegato ciò che tutti abbiamo potuto notare nelle trasmissioni televisive anche non RAI, gestite da campioni come Fazio, Gruber, Floris, Formigli, etc. – tutti ex RAI ora passati a miglior rete: abbiamo finalmente potuto capire quale sia la tattica collaudata e consolidata di questi ‘eletti’ conduttori quando sono costretti a invitare in trasmissione un dissenziente dalla loro linea: circondare il malcapitato ‘invitato’ con una marea di famuli, nella proporzione di almeno 1 a 4, che lo sommergano fino a zittirlo.

L’ultima serata di Fazio ha avuto il suo clou nella comparsata del clown ufficiale: «Cara RAI, magari ci ritroveremo, spero in un'Italia diversa in cui la libertà sia preservata e dove il dissenso sia sempre leale [che intendeva dire?]. Un'Italia dove chi fa il ministro non abbia paura di chi fa il saltimbanco. Non dimenticare che il servizio pubblico è di tutti, di chi la pensa come chi governa, di chi la pensa all'opposto. Di chi va, di chi resta. Di tutti, di più. Tua affezionatissima [forse voleva dire pagatissima], Luciana».

Ora, l’altra dioscura della ‘sinistra’, che da anni illustra la tv pubblica con la sua obiettiva faziosità, la mezzorista Lucia Annunziata, già Presidente della RAI in quota ‘comunista’, ha fatto la mossa grandiosa di presentare dimissioni ‘preventive’, «irrevocabili».

Dimissioni preventive dicevamo: nel timore di ‘angherie’ e ‘incursioni’ delle camicie nere del cda nel suo bel programma, la simpatica rivoluzionaria ha messo le mani avanti e, nella lettera inviata al nuovo amministratore delegato della RAI, Roberto Sergio, ha levato questo grido di dolore: «Vi arrivo perché non condivido nulla dell'operato dell'attuale governo, né sui contenuti né sui metodi; in particolare non condivido le modalità dell'intervento sulla Rai … Non ci sono le condizioni per una collaborazione. Non intendo avviarmi sulla strada di una permanente conflittualità interna sul lavoro».

Dobbiamo supporre che, fino ad ora, l’Annunziata è rimasta al suo posto perché condivideva tutto dell’operato dei governi precedenti. Infatti ce n’eravamo accorti.

Nella puntata dell’11 giugno della sua famosa ‘Mezz’ora in +’, Annunziata – dopo che sul palco bolognese di ‘Repubblica delle idee’ si era detta scandalizzata dal fatto che «Giorgia Meloni nello stesso mese ha proposto il premierato e la riforma della Rai, perché quello che punta a fare è l'Istituto Luce di un premier eletto in modo diretto» – ha pure dato il benservito al governo: «il governo non ha più nessun rapporto con questa trasmissione».

Non entriamo nel merito dei suoi timori ma possiamo dire che non ci sembra che, a sollevarli, possano essere state sufficienti le poche o molte critiche che, per le inclinazioni e opinioni da lei espresse nelle sue interminabili mezz’ore, le hanno legittimamente rivolto alcuni dei suoi ascoltatori, mentre non risulta che i suoi datori di lavoro l’abbiano mai criticata, limitata o, tantomeno, minacciata.

Se si fosse turbata per così poco, dovremmo pensare che sia una tremebonda. Ma forse è l’idea raffinata che l’Annunziata ha del giornalismo a renderla ipersensibile alle critiche: forse lei pensa che debba farci conoscere le sue opinioni e non i fatti.

L’Annunziata martire – che già si dimise dalla carica presidenziale salvo poi a riapparire come ‘precaria’ da mezz’ora – si appresta ora a ricevere una liquidazione abbastanza lauta e, quindi, si potrà consolare. E poi, pare che la Schlein l’abbia invogliata a compiere questo passo da ‘ardita’, ma di ‘sinistra’, promettendole un seggio nel prossimo Parlamento europeo.

Non nascondo però che anche noi potremo consolarci perché finalmente perderemo le sue mezzorate che ci hanno fin qui ha deliziato.

Per questo atto eroico, l’Annunziata ha ricevuto, oltre che l’apprezzamento unanime dei correligionari, anche la solidarietà dell’altro immarcescibile ‘mezzobusto’ delle tv nostrane, Enrico Mentana: «Evidentemente Annunziata fa parte di quella categoria che preferisce andarsene da sola, con le sue gambe».

Un tale Stefano Graziano, capogruppo del Pd nella Commissione Vigilanza Rai ha sentenziato: «L'arrivo della destra al governo ha prodotto lo smantellamento di Rai 3. Questo è il frutto di una modalità di gestione del potere che vive con l'ossessione di occupare ogni spazio disponibile e che non si pone il problema del futuro del servizio pubblico televisivo. La Rai, dopo gli addii di due professionisti del calibro di Fabio Fazio e Lucia Annunziata, è un prodotto culturale ancora più debole e politicamente più allineato».

Veramente non ci eravamo accorti che la RAI avesse fatto harakiri affidando la ‘cultura’ alle teste di Fazio e Annunziata. Avevamo capito invece che questi erano solo i fedeli portavoce di una propaganda politica bene orchestrata.

La Schlein, farfugliando, ha evocato addirittura la tragedia greca: «È una gravissima perdita quella di una professionista di qualità per la tv pubblica: è un impoverimento della tv pubblica a vantaggio della concorrenza. A meno che non sia proprio questa la strategia del Governo visto che hanno un colossale conflitto di interesse. Siamo estremamente preoccupati perché il Governo sta procedendo a spallate all'occupazione della Rai. Hanno fatto tutto da soli».

A questo proposito abbiamo avuto la sorpresa di sentire Michele Santoro raccontare la verità dei fatti: pure avendo esagerato nelle lodi per la professionalità dei due ‘dimissionari’ e pure se si è capito che aveva da togliersi qualche sassolino dalle scarpe, egli non ha nascosto ciò che tutti possono vedere solo che vogliano. Certo, chi l’aveva invitato a ‘diMartedì’ – classico esempio di informazione unisex – non si aspettava che Santoro dicesse le cose che ha detto, anzi si aspettava esattamente il contrario, perciò abbiamo assistito alla scena tragicomica del povero Floris che non sapeva a che santo votarsi per reprimere la propria ira e per non fare sentire e capire cosa Santoro stesse dicendo. Ma non c’è riuscito; le parole di Santoro erano così chiare e forti che anche i sordi hanno sentito e capito: «Io sono convinto che la RAI come azienda abbia avuto una perdita editoriale, perché sia Fazio che Annunziata sono due professionisti molto validi». Poi ha confessato: «Io non sopporto nessuno dei due e voglio spiegare perché. Intanto le narrazioni che fanno sono sempre un po' farlocche, per esempio ho sentito le cose che Fazio ha detto di se stesso … Non c'è acrimonia, ma questi due colleghi sono stati il perno attorno a cui è ruotata una politica culturale in Rai fatta di esclusione degli altri e ammazzamento del pluralismo e della diversità … Secondo me l'azienda avrebbe fatto bene a tenerseli … ma io non sono l'azienda e soprattutto non sono un servizio pubblico che tiene fuori un pensiero diverso, e questo pensiero diverso era fuori quando loro erano al centro del babà».

Che la RAI sia sempre rimasta – in tutte le stagioni – una EIAR irredimibile, lo sapevamo; sapevamo che, come ci ha insegnato Gianni Boncompagni, la RAI non è la BBC: dietro il paravento del cosiddetto servizio pubblico si nasconde da sempre il direttorio politico e, ciò che è peggio, si nasconde un apparato sempre più gigantesco e costoso, una greppia che foraggia troppo abbondantemente, fino a farli scoppiare, schiere di privilegiati, ‘nani e ballerine’ insieme a qualche gigante. Ma il pasto è sempre troppo lauto anche per i giganti. Infatti, nonostante le centinaia di milioni del canone e i miliardi di pubblicità, anche quest’anno il bilancio della RAI presenta un debito di oltre 580 milioni: non sarà il caso di ridurre le spese?

Ciò che non sappiamo è come uscire da un tale busillis! Forse lo sa la Schlein: ha promesso che «Giorgia Meloni sarà l’ultimo Presidente del Consiglio a mettere le mani sulla RAI».

Promessa da marinaio? Temo di sì: se, il prossimo Presidente fosse la Schlein – Dio ce ne scampi!– ci metterebbe non solo le mani e i piedi ma anche la lingua.






Fonte: di Giuseppe Butta'
Link
[]
L'AVVENIRE DEI LAVORATORI
Periodico socialista fondato 1897.
[]
IL PONTE RIVISTA
Rivista di politica economica e cultura
fondata da Calamandrei
[]
BIBLION EDITORE
Biblion Edizioni, storica casa editrice.
[]
CRITICA LIBERALE - NON MOLLARE
"NON MOLLARE"
Quindicinale on line di Critica Liberale,
la voce del liberalismo progressista in Italia.





Nuova Serie
"La Rivoluzione Democratica"
1, MARZO 2017
Associazione Alleanza Giellista
[]

Realizzazione siti web www.sitoper.it
invia a un amico
icona per chiudere
Attenzione!
Non puoi effettuare più di 10 invii al giorno.
Privacy Policy per www.rivoluzionedemocratica.it
Il sito web www.rivoluzionedemocratica.it raccoglie alcuni dati personali degli utenti che navigano sul sito web.

In accordo con l'impegno e l'attenzione che poniamo ai dati personali e in accordo agli artt. 13 e 14 del EU GDPR, www.rivoluzionedemocratica.it fornisce informazioni su modalità, finalità, ambito di comunicazione e diffusione dei dati personali e diritti degli utenti.

Titolare del trattamento dei dati personali
La Rivoluzione Democratica
Via Circondaria, 56
55045 - Firenze Italia


Email: info @rivoluzionedemocratica.it
Telefono: 3934324237

Tipi di dati acquisiti
www.rivoluzionedemocratica.it raccoglie dati degli utenti direttamente o tramite terze parti. Le tipologie di dati raccolti sono: dati tecnici di navigazione, dati di utilizzo, email, nome, cognome, numero di telefono, provincia, nazione, cap, città, indirizzo, ragione sociale, stato, cookie e altre varie tipologie di dati. Maggiori dettagli sui dati raccolti vengono forniti nelle sezioni successive di questa stessa informativa.
I dati personali sono forniti deliberatamente dall'utente tramite la compilazione di form, oppure, nel caso di dati di utilizzo, come ad esempio i dati relativi alle statistiche di navigazione, sono raccolti automaticamente navigando sulle pagine di www.rivoluzionedemocratica.it.

I dati richiesti dai form sono divisi tra obbligatori e facoltativi; su ciascun form saranno indicate distintamente le due tipologie. Nel caso in cui l'utente preferisca non comunicare dati obbligatori, www.rivoluzionedemocratica.it si riserva il diritto di non fornire il servizio. Nel caso in cui l'utente preferisca non comunicare dati facoltativi, il servizio sarà fornito ugualmente da www.rivoluzionedemocratica.it .

www.rivoluzionedemocratica.it utilizza strumenti di statistica per il tracciamento della navigazione degli utenti, l'analisi avviene tramite log. Non utilizza direttamente cookie ma può utilizzare cookie includendo servizi di terzi.

Ciascun utilizzo di cookie viene dettagliato nella Cookie Policy (https://www.rivoluzionedemocratica.it/Informativa-sui-cookies.htm) e successivamente in questa stessa informativa.
L'utente che comunichi, pubblichi, diffonda, condivida o ottenga dati personali di terzi tramite www.rivoluzionedemocratica.it si assume la completa responsabilità degli stessi. L'utente libera il titolare del sito web da qualsiasi responsabilità diretta e verso terzi, garantendo di avere il diritto alla comunicazione, pubblicazione, diffusione degli stessi. www.rivoluzionedemocratica.it non fornisce servizi a minori di 18 anni. In caso di richieste effettuate per minori deve essere il genitore, o chi detiene la patria potestà, a compilare le richieste dati.

Modalità, luoghi e tempi del trattamento dei dati acquisiti
Modalità di trattamento dei dati acquisiti
Il titolare ha progettato un sistema informatico opportuno a garantire misure di sicurezza ritenute adatte ad impedire l'accesso, la divulgazione, la modifica o la cancellazione non autorizzata di dati personali. Lo stesso sistema effettua copie giornaliere, ritenute sufficientemente adeguate in base alla importanza dei dati contenuti.

L'utente ha diritto a ottenere informazioni in merito alle misure di sicurezza adottate dal titolare per proteggere i dati.

Accessi ai dati oltre al titolare
Hanno accesso ai dati personali raccolti da www.rivoluzionedemocratica.it il personale interno (quale ad esempio amministrativo, commerciale, marketing, legale, amministratori di sistema) e/o soggetti esterni (quali ad esempio fornitori di servizi informatici terzi, webfarm, agenzie di comunicazione, fornitori di servizi complementari). Se necessario tali strutture sono nominate dal titolare responsabili del trattamento.

L'utente può richiedere in qualsiasi momento al titolare del trattamento, l'elenco aggiornato dei responsabili del trattamento.

Comunicazione di eventuali accessi indesiderati al Garante della Privacy
Il suddetto sistema informatico è monitorato e controllato giornalmente da tecnici e sistemisti. Ciò non toglie che, anche se ritenuta possibilità remota, ci possa essere un accesso indesiderato. Nel caso in cui questo si verifichi il titolare si impegna, come da GDPR ad effettuarne comunicazione al Garante della Privacy entro i termini previsti dalla legge.

Luoghi di mantenimento dei dati acquisiti
I dati personali sono mantenuti e trattati nelle sedi operative e amministrative del titolare, nonché nelle webfarm dove risiedono i server che ospitano il sito web www.rivoluzionedemocratica.it, o sui server che ne effettuano le copie di sicurezza. I dati personali dell'utente possono risiedere in Italia, Germania e Olanda, comunque in nazioni della Comunità Europea. I dati personali dell'utente non vengono mai portati o copiati fuori dal territorio europeo.

Tempi di mantenimento dei dati acquisiti
Nel caso di dati acquisiti per fornire un servizio all'utente, (sia per un servizio acquistato che in prova) i dati vengono conservati per 24 mesi successivi al completamento del servizio. Oppure fino a quando non ne venga revocato il consenso.

Nel caso in cui il titolare fosse obbligato a conservare i dati personali in ottemperanza di un obbligo di legge o per ordine di autorità, il titolare può conservare i dati per un tempo maggiore, necessario agli obblighi.

Al termine del periodo di conservazione i dati personali saranno cancellati. Dopo il termine, non sarà più possibile accedere ai propri dati, richiederne la cancellazione e la portabilità.

Base giuridica del trattamento dei dati acquisiti
Il titolare acquisisce dati personali degli utenti nei casi sotto descritti.
Il trattamento si rende necessario:
- se l'utente ha deliberatamente accettato il trattamento per una o più finalità;
- per fornire un preventivo all'utente;
- per fornire un contratto all'utente;
- per fornire un servizio all'utente;
- perché il titolare possa adempiere ad un obbligo di legge;
- perché il titolare possa adempiere ad un compito di interesse pubblico;
- perché il titolare possa adempiere ad un esercizio di pubblici poteri;
- perché il titolare o terzi possano perseguire i propri legittimi interessi.

L'utente può richiedere in qualsiasi momento al titolare del trattamento, chiarimenti sulla base giuridica di ciascun trattamento.

Finalità del trattamento dei dati acquisiti
I dati dell'utente sono raccolti dal titolare per le seguenti finalità:

- richiesta informazione da parte dell'utente
- richiesta informazione per servizi
- invio di aggiornamenti
- invio informazioni generiche
- richiesta di contatto da parte dei clienti, per ricevere informazioni

Eventualmente i dati possono essere trattati anche per:
contattare l'utente, statistiche, analisi dei comportamenti degli utenti e registrazione sessioni, visualizzazione contenuti e interazione di applicazioni esterne, protezione dallo spam, gestione dei pagamenti, interazione con social network, pubblicità.

L'utente può richiedere in qualsiasi momento al titolare del trattamento, chiarimenti sulle finalità di ciascun trattamento.

Dettagli specifici sull'acquisizione e uso dei dati personali
Per contattare l'utente
Moduli di contatto
L'utente può compilare il/i moduli di contatto/richiesta informazioni, inserendo i propri dati e acconsentendo al loro uso per rispondere alle richieste di natura indicata nella intestazione del modulo.
Dati personali che potrebbero essere raccolti: CAP, città, cognome, email, indirizzo, nazione, nome, numero di telefono, provincia, ragione sociale.

Per interazione con applicazioni esterne (anche social network)
www.rivoluzionedemocratica.it include nelle sue pagine plugin e/o pulsanti per interagire con i social network e/o applicazioni esterne.
Per quanto riguarda i social network, anche se l'utente non utilizza il servizio presente sulla pagina web, è possibile che il servizio acquisisca dati di traffico.

I dati acquisiti e l'utilizzo degli stessi da parte di servizi terzi sono regolamentati dalle rispettive Privacy Policy alle quali si prega di fare riferimento.

Facebook: Pulsante "Mi piace" e widget sociali
Fornitore del servizio: Meta Platforms Ireland Limited.
Finalità del servizio: interazione con il social network Facebook
Dati personali raccolti: cookie, dati di utilizzo
Luogo del trattamento: Stati Uniti e in altri Paesi
Privacy Policy (https://www.facebook.com/privacy/policy)

Twitter: Pulsante "Tweet" e widget sociali
Fornitore del servizio: Twitter, Inc.
Finalità del servizio: interazione con il social network Twitter
Dati personali raccolti: cookie, dati di utilizzo
Luogo del trattamento: Stati Uniti
Privacy Policy (https://twitter.com/privacy)
Cookie utilizzati (https://help.twitter.com/it/rules-and-policies/twitter-cookies)
Aderente al Privacy Shield

Whatsapp: Pulsante Whatsapp e widget sociali di Whatsapp
Fornitore del servizio: se l'utente risiede nella Regione Europea, WhatsApp Ireland Limited, se l'utente risiede al di fuori della Regione Europea, i Servizi vengono forniti da WhatsApp LLC.
Finalità del servizio: servizi di interazione con Whatsapp.
Dati personali raccolti: cookie, dati di utilizzo
Luogo del trattamento: Irlanda, le informazioni potrebbero essere trasferite o trasmesse o archiviate e trattate negli Stati Uniti o in altri Paesi terzi al di fuori di quello in cui l'utente risiede.
Privacy Policy (https://www.whatsapp.com/legal/privacy-policy-eea)
Aderente al Privacy Shield

Per statistiche
Questi servizi sono utilizzati dal titolare del trattamento per analizzare il traffico effettuato dagli utenti sul sito web www.rivoluzionedemocratica.it.

I dati acquisiti e l'utilizzo degli stessi da parte di servizi terzi sono regolamentati dalle rispettive Privacy Policy alle quali si prega di fare riferimento.

Per visualizzare contenuti da siti web esterni
Questi servizi sono utilizzati per visualizzare sulle pagine del sito web contenuti esterni al sito web, con possibilità di interazione.
Anche se l'utente non utilizza il servizio presente sulla pagina web, è possibile che il servizio acquisisca dati di traffico.

I dati acquisiti e l'utilizzo degli stessi da parte di servizi terzi sono regolamentati dalle rispettive Privacy Policy alle quali si prega di fare riferimento.

Diritti dell'interessato
L'utente possiede tutti i diritti previsti dall'art. 12 del EU GDPR, il diritto di controllare, modificare e integrare (rettificare), cancellare i propri dati personali accedendo alla propria area riservata. Una volta cancellati tutti i dati, viene chiuso l'account di accesso all'area riservata.

Nello specifico ha il diritto di:
- sapere se il titolare detiene dati personali relativi all'utente (art. 15 Diritto all'accesso);
- modificare o integrare (rettificare) i dati personali inesatti o incompleti (Art. 16 Diritto di rettifica);
- richiedere la cancellazione di uno o parte dei dati personali mantenuti se sussiste uno dei motivi previsti dal GDPR (Diritto alla Cancellazione, 17);
- limitare il trattamento solo a parte dei dati personali, o revocarne completamente il consenso al trattamento, se sussiste uno dei motivi previsti dal Regolamento (Art. 18 Diritto alla limitazione del trattamento);
- ricevere copia di tutti i dati personali in possesso del titolare, in formato di uso comune organizzato, e leggibili anche da dispositivo automatico (Art. 20, Diritto alla Portabilità);
- opporsi in tutto o in parte al trattamento dei dati per finalità di marketing, ad esempio opporsi e ricevere offerte pubblicitarie (art. 21 Diritto di opposizione). Si fa presente agli utenti che possono opporsi al trattamento dei dati utilizzati per scopo pubblicitario, senza fornire alcuna motivazione;
- opporsi al trattamento dei dati in modalità automatica o meno per finalità di profilazione (c.d. Consenso).

Come un utente può esercitare i propri diritti
L'utente può esercitare i propri diritti sopra esposti comunicandone richiesta al titolare del trattamento La Rivoluzione Democratica ai seguenti recapiti: info@rivoluzionedemocratica.it; tel. 3312300680.

La richiesta di esercitare un proprio diritto non ha nessun costo. Il titolare si impegna ad evadere le richieste nel minor tempo possibile, e comunque entro un mese.

L'utente ha il diritto di proporre reclamo all'Autorità Garante per la Protezione dei dati Personali. Recapiti: garante@gpdp.it, http://www.gpdp.it (http://www.gpdp.it).

Cookie Policy
Informazioni aggiuntive sul trattamento dei dati
Difesa in giudizio
Nel caso di ricorso al tribunale per abuso da parte dell'utente nell'utilizzo di www.rivoluzionedemocratica.it o dei servizi a esso collegati, il titolare ha la facoltà di rivelare i dati personali dell'utente. È inoltre obbligato a fornire i suddetti dati su richiesta delle autorità pubbliche.

Richiesta di informative specifiche
L'utente ha diritto di richiedere a www.rivoluzionedemocratica.it informative specifiche sui servizi presenti sul sito web e/o la raccolta e l'utilizzo dei dati personali.

Raccolta dati per log di sistema e manutenzione
www.rivoluzionedemocratica.it e/o i servizi di terze parti (se presenti) possono raccogliere i dati personali dell'utente, come ad esempio l'indirizzo IP, sotto forma di log di sistema. La raccolta di questi dati è legata al funzionamento e alla manutenzione del sito web.

Informazioni non contenute in questa policy
L'utente ha diritto di richiedere in ogni momento al titolare del trattamento dei dati le informazioni aggiuntive non presenti in questa Policy riguardanti il trattamento dei dati personali. Il titolare potrà essere contattato tramite gli estremi di contatto.

Supporto per le richieste "Do Not Track"
Le richieste  "Do Not Track" non sono supportate da www.rivoluzionedemocratica.it.
L'utente è invitato a consultare le Privacy Policy dei servizi terzi sopra elencati per scoprire quali supportano questo tipo di richieste.

Modifiche a questa Privacy Policy
Il titolare ha il diritto di modificare questo documento avvisando gli utenti su questa stessa pagina oppure, se previsto, tramite i contatti di cui è in possesso. L'utente è quindi invitato a consultare periodicamente questa pagina. Per conferma sull'effettiva modifica consultare la data di ultima modifica indicata in fondo alla pagina.
Il titolare si occuperà di raccogliere nuovamente il consenso degli utenti nel caso in cui le modifiche a questo documento riguardino trattamenti di dati per i quali è necessario il consenso.

Definizioni e riferimenti legali
Dati personali (o dati, o dati dell'utente)
Sono dati personali le informazioni che identificano o rendono identificabile, direttamente o indirettamente, una persona fisica e che possono fornire informazioni sulle sue caratteristiche, le sue abitudini, il suo stile di vita, le sue relazioni personali, il suo stato di salute, la sua situazione economica, ecc.

Fonte: sito web del Garante della Privacy (http://www.garanteprivacy.it).

Dati di utilizzo
Sono dati di utilizzo le informazioni che vengono raccolte in automatico durante la navigazione di www.rivoluzionedemocratica.it, sia da sito web stesso che dalle applicazioni di terzi incluse nel sito. Sono esempi di dati di utilizzo l'indirizzo IP e i dettagli del dispositivo e del browser (compresi la localizzazione geografica) che l'utente utilizza per navigare sul sito, le pagine visualizzate e la durata della permanenza dell'utente sulle singole pagine.

Utente
Il soggetto che fa uso del sito web www.rivoluzionedemocratica.it.
Coincide con l'interessato, salvo dove diversamente specificato.

Interessato
Interessato è la persona fisica al quale si riferiscono i dati personali. Quindi, se un trattamento riguarda, ad esempio, l'indirizzo, il codice fiscale, ecc. di Mario Rossi, questa persona è l'interessato (articolo 4, paragrafo 1, punto 1), del Regolamento UE 2016/679 (http://www.garanteprivacy.it/regolamentoue).

Fonte: sito web del Garante della Privacy (http://www.garanteprivacy.it).

Responsabile del trattamento (o responsabile)
Responsabile è la persona fisica o giuridica al quale il titolare affida, anche all'esterno della sua struttura organizzativa, specifici e definiti compiti di gestione e controllo per suo conto del trattamento dei dati (articolo 4, paragrafo 1, punto 8), del Regolamento UE 2016/679 (http://www.garanteprivacy.it/regolamentoue). Il Regolamento medesimo ha introdotto la possibilità che un responsabile possa, a sua volta e secondo determinate condizioni, designare un altro soggetto c.d. "sub-responsabile" (articolo 28, paragrafo 2).

Fonte: sito web del Garante della Privacy (http://www.garanteprivacy.it).

Titolare del trattamento (o titolare)
Titolare è la persona fisica, l'autorità pubblica, l'impresa, l'ente pubblico o privato, l'associazione, ecc., che adotta le decisioni sugli scopi e sulle modalità del trattamento (articolo 4, paragrafo 1, punto 7), del Regolamento UE 2016/679 (http://www.garanteprivacy.it/regolamentoue).

Fonte: sito web del Garante della Privacy (http://www.garanteprivacy.it).

www.rivoluzionedemocratica.it (o sito web)  
Il sito web mediante il quale sono raccolti e trattati i dati personali degli utenti.

Servizio
Il servizio offerto dal sito web www.rivoluzionedemocratica.it come indicato nei relativi termini.

Comunità Europea (o UE)
Ogni riferimento relativo alla Comunità Europea si estende a tutti gli attuali stati membri dell'Unione Europea e dello Spazio Economico Europeo, salvo dove diversamente specificato.

Cookie
Dati conservati all'interno del dispositivo dell'utente.

Riferimenti legali
La presente informativa è redatta sulla base di molteplici ordinamenti legislativi, inclusi gli artt. 13 e 14 del Regolamento (UE) 2016/679. Questa informativa riguarda esclusivamente www.rivoluzionedemocratica.it, dove non diversamente specificato.

Informativa privacy aggiornata il 07/10/2022 12:44
torna indietro leggi Privacy Policy per www.rivoluzionedemocratica.it
 obbligatorio
generic image refresh

cookie