19 Maggio 2024

"DIMENTICARE TOGLIATTI O, FORSE, NO"

Gli ozi estivi mi hanno portato a rileggere due libri su Togliatti che, quando vennero pubblicati ormai più di trenta anni fa, riaccesero la polemica intorno al leader del PCI dal 1927 al 1964, la cui influenza carismatica è tuttora viva tra i comunisti italiani.

Si tratta di due tesi diametralmente opposte. Quella di Luciano Canfora (Togliatti e i dilemmi della politica, Laterza, Bari, 1989), intende «prendere a bersaglio quanti, oggi, perseguono finalità politiche contingenti attraverso clamorose svolte storiografiche amplificate dai mass media», rispondendo a domande cruciali sul «vero volto» di Palmiro Togliatti, sull'adesione di questi e del PCI allo stalinismo come sistema, e, infine, sul carattere della politica perseguita dai comunisti italiani dopo la svolta di Salerno.

Ruggero Guarini, ex militante comunista, è invece l'autore di una satira dissacrante (Compagni, ancora uno sforzo: dimenticare Togliatti, Rizzoli, Milano, 1989) sotto forma di un «ultimo rapporto immaginario dall'aldilà». In esso Togliatti dà un impietoso contributo alla critica di se stesso e della mitologia comunista, della cui creazione egli fu ispiratore massimo, suggerendo un ultimo, poderoso sforzo di autocritica e di autoaggiornamento, per concludere con un incitamento al parricidio, cioè ad essere dimenticato: l'estremo e postumo atto d'amore di Togliatti per i suoi fedeli è l'eutanasia del partito.

Il livello dei due libri è, naturalmente, diverso: concettualmente serio – o, meglio, serioso – il primo, nel quale viene sfoderato tutto l'armamentario del falso storicismo; il secondo, che si legge in verità con un certo diletto, è invece beffardo e canzonatorio nel tono e nello stile, ma seriamente pensato e argomentato.

Canfora invoca per l'opera politica svolta da Togliatti quando, esule a Mosca, fu al vertice del Komintern, un criterio storicistico di giudizio per il quale tutto ciò che avvenne, avendo una propria interna razionalità e giustificazione, va storicamente inteso e giustificato.

Sarò l'ultimo a negare che una tale tesi abbia una salda e fondata parte di verità: come diceva Hegel, non si può portare Napoleone in pretura e lo storico non può che porsi di fronte al fatto se non per coglierlo nella sua essenza di fatto. Il suo compito storiografico è quello di registrarlo e non di giudicarlo, almeno nel senso comune del termine. Egli non può essere pro o contro, ma, interpretando i fatti, deve tuttavia darne una ragione e un senso.

Togliatti va certamente compreso nel clima e nella vicenda del suo tempo. Ma ciò non significa che questo clima e questa vicenda possano assorbire per intero la responsabilità che egli ebbe anche nel determinarli e caratterizzarli. Non è dunque «un pertinente criterio storicistico» quello cui fa ricorso Canfora bensì un criterio assolutorio e giustificatorio che intende spiegare – ma in realtà non spiega alcunché – il comportamento del Togliatti ‘stalinista' con il clima e la vicenda del tempo e, contestualmente, pretende di dare alla storia la direzione e il «senso che la mente lucida e lungimirante di Togliatti» le avrebbero, a suo avviso, impresso. Delle due l'una: o Togliatti fu oggetto e vittima della storia o ne fu l'autore!

Togliatti stesso pretende per sé questo duplice ruolo: richiesto da Davide Lajolo di dire se egli non avrebbe potuto schierarsi a suo tempo contro i processi di Mosca, egli rispose: «se lo avessi fatto mi avrebbero ucciso. La storia dirà se era meglio morire o vivere per salvare il partito»!

Primum vivere, deinde …

C'è un vecchio adagio popolare la cui saggezza è universalmente riconosciuta da tutti: meglio un asino vivo che un dottore morto; e io, onestamente, non mi sento di negare a Togliatti ciò che non si negherebbe a un asino!

Aldo Natoli, nel saggio Da Stalin a Cavour citato da Canfora, esplicita con grande chiarezza il senso di questa tesi storicistica: «la grandezza di Togliatti deve vedersi nel suo concepire e fare la politica come storia nel suo farsi»; mentre Luigi Cortesi, anche lui citato da Canfora a sostegno della propria tesi, ci ricorda che se Togliatti fu stalinista, ciò si dovette al fatto che allora «lo stalinismo era la forma di un grande capitolo della lotta di classe in tutto il mondo... e Togliatti tra il 1927 e il 1929 capisce che ciò che vuole salvare (il partito rivoluzionario della classe operaia) lo può salvare soltanto schierandosi dalla parte vincente (Stalin)».

In effetti è proprio in relazione a ciò che dobbiamo dare risposta a una domanda essenziale cioè se Togliatti abbia veramente dismesso il suo stalinismo o, invece, come sostiene il cattocomunista Franco Rodano – che fu un ascoltatissimo consigliere del ‘migliore' – che Togliatti, giustamente e coerentemente, non abbandonò mai l'idea dell'essenzialità del momento staliniano nella costruzione del comunismo.

Se consideriamo la sua scelta di non essere un «eroe» – come, invece, scelsero di esserlo molte delle vittime del terrore staliniano – da un punto di vista strettamente personale e individuale, non possiamo fargliene un torto. Tutti, o quasi tutti, teniamo famiglia e siamo quindi disposti a comprenderlo. Ma da qui a spacciare per necessità storica e per grandezza strategica la scelta togliattiana di saltare sul carro di Stalin e di rendersene complice, ne corre molto e questa distanza ‘etica', ma anche ‘politica' non siamo disposti a sopprimerla o a sottovalutarla.

Né siamo disposti a sottacere che un tale criterio storicistico è il più falso e, nello stesso tempo, il più usato da ogni sorta di «deterministi» e di «rivoluzionari» i quali, certi della direzione della storia e dei suoi «sbocchi necessari», se ne fanno ostetrici disposti a usare forcipi, tagli cesarei e ogni altro mezzo per anticipare il parto, anche a costo di uccidere il bambino e la madre. Ed è il più falso perché, con esso, si pretende, come faceva Togliatti, di essere a un tempo uomini d'azione e storici della propria azione, trasferendo la dottrina storicistica del giudizio storico a dottrina dell'azione pratica: la quale richiede soltanto la forza del nostro convincimento politico e morale e non il viatico dell'ineluttabilità storica.

Essere stalinisti ed essere la storia è, dunque, per Canfora la stessa cosa: il conflitto, il duello mortale fascismo-comunismo in atto tra le due guerre e l'idea che la democrazia liberale avesse esaurito il suo corso e che il capitalismo fosse agli ultimi penosi sussulti del suo sviluppo e stesse per far posto alla dittatura del proletariato giustificherebbero ad avviso di Canfora la scelta per Stalin e per il mito dell'URSS, come luogo privilegiato della «nuova civiltà».

Canfora dice anche che, in quell'epoca, solo pochi liberali (Croce) furono «irriducibili» verso il comunismo (ma, aggiunge, «non verso il fascismo») e che «mezzo mondo — da Gide al Kuomintang, da Dos Passos ai Webb, al movimento di Ataturk — guardò all'URSS di Stalin come al fatto nuovo e positivo della storia mondiale», quindi sarebbe incongruo rimproverare ai dirigenti comunisti degli anni «trenta» di non essere stati, allora, antistalinisti.

Canfora giunge a respingere anche la proposta interpretativa avanzata da Norberto Bobbio – che peraltro segue la medesima linea sostenuta da Canfora spiegando il diffusissimo prestigio sovietico di quegli anni con l'opposizione fascismo-comunismo – per concludere che, con il senno di poi, è facile dire che si trattò di «un errore madornale, di un'aberrazione, di una stupidaggine … un tale strano ragionamento si caccia in un vicolo cieco»!

Ma ciò non si potrebbe dire anche di un qualsiasi altro accadimento della storia, compreso il fascismo? O dobbiamo rinunciare a giudicarlo?

In sostanza la tesi di Canfora è che il fascismo, quale esito finale del capitalismo e della crisi della democrazia parlamentare, di cui a un tempo fu causa ed effetto, era la realtà pesante e massiccia cui si opponeva il comunismo e che, pertanto, «non si può guardare alla scelta di allora con gli occhi di chi si è assuefatto ad una realtà in cui il fascismo non c'è più».

Il fatto è, però, che l'altro mezzo mondo – che non fu fascista né comunista – avvertì per tempo l'identità della natura dei due nemici in lotta, come varianti del totalitarismo, sia pure distanti tra loro nelle motivazioni ideali.

Non convince perciò il modo in cui Canfora giustifica la cosiddetta «svolta» del 1929-30, imperniata sull'identificazione della socialdemocrazia con il fascismo, e voluta da Togliatti nonostante il dissenso di Gramsci, che già languiva in un carcere fascista. Egli dice come sia poco noto che alla «svolta aveva cercato di opporsi lo stesso Togliatti», il quale, alla fine, dando priorità assoluta al principio dell'unità, si piegò ad accettare il dettato di Stalin (anche in ossequio all'altro suo mai rinunciato principio «secondo cui si accetta la linea vincente quando la propria critica è rimasta soccombente») e aggiunge una storia intricata e altrettanto poco convincente circa i rapporti Gramsci-Togliatti-Grieco.

La svolta, ne siamo convinti, non fu dovuta a mero istinto opportunistico. Al contrario mi pare importante sottolineare che, sebbene fosse possibile trovare dentro al partito stesso le ragioni del dissenso da Stalin, Togliatti e tutto il gruppo dirigente che lo attorniava decisero di fare del PCI uno strumento dello stalinismo, in quella che essi consideravano una guerra civile in corso, con una piena e convinta adesione ai suoi principi e ai suoi metodi.

Ma se tutto questo ha un senso e una dose di fondato realismo politico in relazione al quadro europeo e internazionale, più ambigua e discutibile appare la fedele collaborazione prestata da Togliatti a Stalin nella sua terroristica costruzione del comunismo in URSS, attraverso le grandi «purghe» e la sistematica eliminazione di milioni di oppositori (la glasnost gorbacioviana ha rivelato circa quaranta milioni di morti).

Il paradosso dei processi di Mosca appare tale, secondo Canfora, soltanto per il fatto che essi – che furono processi rivoluzionari – vengono valutati alla stregua di processi ordinari. Non so se Canfora si renda conto di quanto assurdamente giustificazionista sia la sua affermazione secondo la quale Bucharin, accettando di «confessare» e di subire la condanna a morte, compì il suo ultimo atto politico ed eroico per la vittoria del proletariato: Insomma Bucharin sacrificò consapevolmente la sua vita per non ostacolare la storia. La stessa cosa vale per Togliatti che capì tutto ciò e così promosse questa vittoria e l'avanzata del socialismo promuovendo le purghe di Stalin.

Canfora nega che si possa giudicare di quei tragici avvenimenti – non molto dissimili dal ‘terrore' robespierrista – secondo i parametri di uno stato di diritto, poiché allora era in corso una «rivoluzione». Anche questa sua tesi ha un'apparenza di vero se ci si ferma alla formalità dei processi: ma essa cade del tutto se si giudica della «rivoluzione» e dei suoi risultati e se si valuta se essa abbia veramente corrisposto alle sue premesse e finalità, che erano quelle della espansione della libertà e della democrazia e non della loro soppressione.

Si può anche ammettere, come fa Canfora, che in URSS l'arbitrio rivoluzionario è stato eternato, divenendo privilegio di ceto o di gruppo; ma dicendo questo non ci si salva l'anima né lo si fa dicendo, come fece Berlinguer alcuni anni fa, che la «rivoluzione d'ottobre» aveva ormai perduto la sua forza propulsiva, poiché essa, quanto alle sue finalità, le perse molto presto e molto prima che Berlinguer se ne accorgesse: del resto, nonostante qualche «strappo», i comunisti italiani non hanno mai cessato di considerare Mosca quale propria casa madre da cui prendere ordini e quattrini.

La ‘svolta di Salerno' e il ‘Memoriale di Yalta' sono gli altri argomenti forti portati da Canfora a sostegno della propria tesi e a riprova della grandezza politica di Togliatti: nel 1944 questi avrebbe capito che si era usciti dalla guerra civile e che bisognava cambiare strada. Egli decise così di porsi «saldamente e definitivamente sul terreno della democrazia parlamentare, anche nell'ambito di uno stato che non aveva cambiato la sua natura borghese», al fine di acquisire le posizioni di potere utili alla «lotta per una progressiva trasformazione, dall'interno, di questa natura», dunque in nome di una «rivoluzione differita». Insomma, per Canfora ci sono due Togliatti: si potrebbe dedurne una personalità schizofrenica ma Canfora trova l'escamotage per sfuggire alla tagliola della ‘doppia personalità' e dice che il Togliatti ‘democratico' succede a quello ‘staliniano'.

Ora, se ben si guarda, la «pluralità delle vie nazionali», l'idea su cui Togliatti ha insistito più di ogni altro leader comunista, è la tesi esattamente complementare allo staliniano «comunismo in un solo Paese»: significava percorrere vie diverse – nel significato, ovvio, della diversità degli ostacoli che si devono affrontare – per giungere ad una stessa meta, che sarebbe la trasposizione negli altri Paesi del modello sovietico, quando e come le condizioni storiche l'avessero consentito. Il comunismo restava uno in una pluralità di espressioni che sarebbe continuata almeno sino all'unità mondiale realizzata: una globalizzazione comunista anziché capitalista.

Il fine di Togliatti era dunque quello della conquista del potere per trasformare il sistema, dall'interno, ed egli usò volta a volta i mezzi che la storia gli offriva: la rivoluzione e il metodo-progetto staliniano quando se ne potette o dovette servire; il metodo democratico quando ne potette apprezzare la bontà e la potenzialità per i suoi fini. Ma la domanda che ci si deve porre è se questo sistema, verso il quale egli voleva guidarci, fosse in sé compatibile con la democrazia e la libertà e potesse essere, in ultima analisi, un fine da condividere.

Finalmente oggi il PCI si presenta – lo dice Canfora – come «la Socialdemocrazia italiana, l'analogo – per radicamento e peso sociale – della Socialdemocrazia tedesco-occidentale o del Labour party».
Ma – aggiungiamo noi – per cambiare pelle, se l'ha cambiata, ha dovuto attendere il crollo dell'illusione sovietica e del mito comunista.
Siamo dunque a quell'eutanasia del partito, che Guarini fa consigliare dal fantasma di Togliatti?

Può essere: ma Canfora aggiunge «una notazione forse spiacevole … che cioè questa scelta del PCI [in favore del sistema democratico-parlamentare] non può (e non deve) essere proclamata ‘eterna' … perché le forme in cui, in futuro, si svilupperà lo scontro delle classi nel nostro pianeta non possono essere predeterminate da nessuno. Nessuno può escludere a priori future degenerazioni del sistema democratico-parlamentare … potrebbe essere lo stesso capitale a voler fare a meno di questa forma politica».

Una tale evoluzione sarebbe imprevedibile come imprevedibili sarebbero le scelte politiche cui un siffatto partito sarà chiamato per fare per far fronte alle nuove condizioni, naturalmente sempre in nome del suo fine storico, ‘rivoluzionario'.

Ma come? Il materialismo storico non ci dice tutto di come deve andare la storia? E la rivoluzione proletaria non è l'esito finale e necessario della dialettica tra le classi? Evidentemente, Canfora pensa ad un PCI ‘eterno' e a un ‘eterno' PCI, eterno cioè nel metodo disinvolto di cui Togliatti fu maestro.

E allora, deludendo Guarini e il suo ‘fantasma', diciamo che non possiamo e non dobbiamo dimenticare Togliatti e non soltanto per ragioni storicistiche – cioè perché la storia e gli uomini che la fanno non sono fatti per essere dimenticati – ma perché, dimenticandolo, dimenticheremmo pure le ragioni che ci imporrebbero di dimenticarlo, cioè gli errori se non le complicità moscovite: magari recitando la magnifica ‘ode' di un ex comunista, il poeta messicano Octavio Paz:
Il bene, volevamo il bene / raddrizzare il mondo./ Non ci mancò la rettitudine, ci mancò l'umiltà. / Quello che volevamo, non lo volevamo con innocenza./ Precetti e concetti, superbia da teologi:/ battersi con la croce, / edificare la casa con i mattoni del crimine, / decretare la comunione obbligatoria./ Alcuni divennero segretari dei segretari / del Segretario generale dell'Inferno. / La rabbia si è fatta filosofa, / la sua bava ha coperto il pianeta. / La ragione è discesa sulla Terra, / ha preso la forma del patibolo / e in milioni l'adorano.





Fonte: di Giuseppe Butta'
Link
[]
L'AVVENIRE DEI LAVORATORI
Periodico socialista fondato 1897.
[]
IL PONTE RIVISTA
Rivista di politica economica e cultura
fondata da Calamandrei
[]
BIBLION EDITORE
Biblion Edizioni, storica casa editrice.
[]
CRITICA LIBERALE - NON MOLLARE
"NON MOLLARE"
Quindicinale on line di Critica Liberale,
la voce del liberalismo progressista in Italia.





Nuova Serie
"La Rivoluzione Democratica"
1, MARZO 2017
Associazione Alleanza Giellista
[]

Realizzazione siti web www.sitoper.it
invia a un amico
icona per chiudere
Attenzione!
Non puoi effettuare più di 10 invii al giorno.
Privacy Policy per www.rivoluzionedemocratica.it
Il sito web www.rivoluzionedemocratica.it raccoglie alcuni dati personali degli utenti che navigano sul sito web.

In accordo con l'impegno e l'attenzione che poniamo ai dati personali e in accordo agli artt. 13 e 14 del EU GDPR, www.rivoluzionedemocratica.it fornisce informazioni su modalità, finalità, ambito di comunicazione e diffusione dei dati personali e diritti degli utenti.

Titolare del trattamento dei dati personali
La Rivoluzione Democratica
Via Circondaria, 56
55045 - Firenze Italia


Email: info @rivoluzionedemocratica.it
Telefono: 3934324237

Tipi di dati acquisiti
www.rivoluzionedemocratica.it raccoglie dati degli utenti direttamente o tramite terze parti. Le tipologie di dati raccolti sono: dati tecnici di navigazione, dati di utilizzo, email, nome, cognome, numero di telefono, provincia, nazione, cap, città, indirizzo, ragione sociale, stato, cookie e altre varie tipologie di dati. Maggiori dettagli sui dati raccolti vengono forniti nelle sezioni successive di questa stessa informativa.
I dati personali sono forniti deliberatamente dall'utente tramite la compilazione di form, oppure, nel caso di dati di utilizzo, come ad esempio i dati relativi alle statistiche di navigazione, sono raccolti automaticamente navigando sulle pagine di www.rivoluzionedemocratica.it.

I dati richiesti dai form sono divisi tra obbligatori e facoltativi; su ciascun form saranno indicate distintamente le due tipologie. Nel caso in cui l'utente preferisca non comunicare dati obbligatori, www.rivoluzionedemocratica.it si riserva il diritto di non fornire il servizio. Nel caso in cui l'utente preferisca non comunicare dati facoltativi, il servizio sarà fornito ugualmente da www.rivoluzionedemocratica.it .

www.rivoluzionedemocratica.it utilizza strumenti di statistica per il tracciamento della navigazione degli utenti, l'analisi avviene tramite log. Non utilizza direttamente cookie ma può utilizzare cookie includendo servizi di terzi.

Ciascun utilizzo di cookie viene dettagliato nella Cookie Policy (https://www.rivoluzionedemocratica.it/Informativa-sui-cookies.htm) e successivamente in questa stessa informativa.
L'utente che comunichi, pubblichi, diffonda, condivida o ottenga dati personali di terzi tramite www.rivoluzionedemocratica.it si assume la completa responsabilità degli stessi. L'utente libera il titolare del sito web da qualsiasi responsabilità diretta e verso terzi, garantendo di avere il diritto alla comunicazione, pubblicazione, diffusione degli stessi. www.rivoluzionedemocratica.it non fornisce servizi a minori di 18 anni. In caso di richieste effettuate per minori deve essere il genitore, o chi detiene la patria potestà, a compilare le richieste dati.

Modalità, luoghi e tempi del trattamento dei dati acquisiti
Modalità di trattamento dei dati acquisiti
Il titolare ha progettato un sistema informatico opportuno a garantire misure di sicurezza ritenute adatte ad impedire l'accesso, la divulgazione, la modifica o la cancellazione non autorizzata di dati personali. Lo stesso sistema effettua copie giornaliere, ritenute sufficientemente adeguate in base alla importanza dei dati contenuti.

L'utente ha diritto a ottenere informazioni in merito alle misure di sicurezza adottate dal titolare per proteggere i dati.

Accessi ai dati oltre al titolare
Hanno accesso ai dati personali raccolti da www.rivoluzionedemocratica.it il personale interno (quale ad esempio amministrativo, commerciale, marketing, legale, amministratori di sistema) e/o soggetti esterni (quali ad esempio fornitori di servizi informatici terzi, webfarm, agenzie di comunicazione, fornitori di servizi complementari). Se necessario tali strutture sono nominate dal titolare responsabili del trattamento.

L'utente può richiedere in qualsiasi momento al titolare del trattamento, l'elenco aggiornato dei responsabili del trattamento.

Comunicazione di eventuali accessi indesiderati al Garante della Privacy
Il suddetto sistema informatico è monitorato e controllato giornalmente da tecnici e sistemisti. Ciò non toglie che, anche se ritenuta possibilità remota, ci possa essere un accesso indesiderato. Nel caso in cui questo si verifichi il titolare si impegna, come da GDPR ad effettuarne comunicazione al Garante della Privacy entro i termini previsti dalla legge.

Luoghi di mantenimento dei dati acquisiti
I dati personali sono mantenuti e trattati nelle sedi operative e amministrative del titolare, nonché nelle webfarm dove risiedono i server che ospitano il sito web www.rivoluzionedemocratica.it, o sui server che ne effettuano le copie di sicurezza. I dati personali dell'utente possono risiedere in Italia, Germania e Olanda, comunque in nazioni della Comunità Europea. I dati personali dell'utente non vengono mai portati o copiati fuori dal territorio europeo.

Tempi di mantenimento dei dati acquisiti
Nel caso di dati acquisiti per fornire un servizio all'utente, (sia per un servizio acquistato che in prova) i dati vengono conservati per 24 mesi successivi al completamento del servizio. Oppure fino a quando non ne venga revocato il consenso.

Nel caso in cui il titolare fosse obbligato a conservare i dati personali in ottemperanza di un obbligo di legge o per ordine di autorità, il titolare può conservare i dati per un tempo maggiore, necessario agli obblighi.

Al termine del periodo di conservazione i dati personali saranno cancellati. Dopo il termine, non sarà più possibile accedere ai propri dati, richiederne la cancellazione e la portabilità.

Base giuridica del trattamento dei dati acquisiti
Il titolare acquisisce dati personali degli utenti nei casi sotto descritti.
Il trattamento si rende necessario:
- se l'utente ha deliberatamente accettato il trattamento per una o più finalità;
- per fornire un preventivo all'utente;
- per fornire un contratto all'utente;
- per fornire un servizio all'utente;
- perché il titolare possa adempiere ad un obbligo di legge;
- perché il titolare possa adempiere ad un compito di interesse pubblico;
- perché il titolare possa adempiere ad un esercizio di pubblici poteri;
- perché il titolare o terzi possano perseguire i propri legittimi interessi.

L'utente può richiedere in qualsiasi momento al titolare del trattamento, chiarimenti sulla base giuridica di ciascun trattamento.

Finalità del trattamento dei dati acquisiti
I dati dell'utente sono raccolti dal titolare per le seguenti finalità:

- richiesta informazione da parte dell'utente
- richiesta informazione per servizi
- invio di aggiornamenti
- invio informazioni generiche
- richiesta di contatto da parte dei clienti, per ricevere informazioni

Eventualmente i dati possono essere trattati anche per:
contattare l'utente, statistiche, analisi dei comportamenti degli utenti e registrazione sessioni, visualizzazione contenuti e interazione di applicazioni esterne, protezione dallo spam, gestione dei pagamenti, interazione con social network, pubblicità.

L'utente può richiedere in qualsiasi momento al titolare del trattamento, chiarimenti sulle finalità di ciascun trattamento.

Dettagli specifici sull'acquisizione e uso dei dati personali
Per contattare l'utente
Moduli di contatto
L'utente può compilare il/i moduli di contatto/richiesta informazioni, inserendo i propri dati e acconsentendo al loro uso per rispondere alle richieste di natura indicata nella intestazione del modulo.
Dati personali che potrebbero essere raccolti: CAP, città, cognome, email, indirizzo, nazione, nome, numero di telefono, provincia, ragione sociale.

Per interazione con applicazioni esterne (anche social network)
www.rivoluzionedemocratica.it include nelle sue pagine plugin e/o pulsanti per interagire con i social network e/o applicazioni esterne.
Per quanto riguarda i social network, anche se l'utente non utilizza il servizio presente sulla pagina web, è possibile che il servizio acquisisca dati di traffico.

I dati acquisiti e l'utilizzo degli stessi da parte di servizi terzi sono regolamentati dalle rispettive Privacy Policy alle quali si prega di fare riferimento.

Facebook: Pulsante "Mi piace" e widget sociali
Fornitore del servizio: Meta Platforms Ireland Limited.
Finalità del servizio: interazione con il social network Facebook
Dati personali raccolti: cookie, dati di utilizzo
Luogo del trattamento: Stati Uniti e in altri Paesi
Privacy Policy (https://www.facebook.com/privacy/policy)

Twitter: Pulsante "Tweet" e widget sociali
Fornitore del servizio: Twitter, Inc.
Finalità del servizio: interazione con il social network Twitter
Dati personali raccolti: cookie, dati di utilizzo
Luogo del trattamento: Stati Uniti
Privacy Policy (https://twitter.com/privacy)
Cookie utilizzati (https://help.twitter.com/it/rules-and-policies/twitter-cookies)
Aderente al Privacy Shield

Whatsapp: Pulsante Whatsapp e widget sociali di Whatsapp
Fornitore del servizio: se l'utente risiede nella Regione Europea, WhatsApp Ireland Limited, se l'utente risiede al di fuori della Regione Europea, i Servizi vengono forniti da WhatsApp LLC.
Finalità del servizio: servizi di interazione con Whatsapp.
Dati personali raccolti: cookie, dati di utilizzo
Luogo del trattamento: Irlanda, le informazioni potrebbero essere trasferite o trasmesse o archiviate e trattate negli Stati Uniti o in altri Paesi terzi al di fuori di quello in cui l'utente risiede.
Privacy Policy (https://www.whatsapp.com/legal/privacy-policy-eea)
Aderente al Privacy Shield

Per statistiche
Questi servizi sono utilizzati dal titolare del trattamento per analizzare il traffico effettuato dagli utenti sul sito web www.rivoluzionedemocratica.it.

I dati acquisiti e l'utilizzo degli stessi da parte di servizi terzi sono regolamentati dalle rispettive Privacy Policy alle quali si prega di fare riferimento.

Per visualizzare contenuti da siti web esterni
Questi servizi sono utilizzati per visualizzare sulle pagine del sito web contenuti esterni al sito web, con possibilità di interazione.
Anche se l'utente non utilizza il servizio presente sulla pagina web, è possibile che il servizio acquisisca dati di traffico.

I dati acquisiti e l'utilizzo degli stessi da parte di servizi terzi sono regolamentati dalle rispettive Privacy Policy alle quali si prega di fare riferimento.

Diritti dell'interessato
L'utente possiede tutti i diritti previsti dall'art. 12 del EU GDPR, il diritto di controllare, modificare e integrare (rettificare), cancellare i propri dati personali accedendo alla propria area riservata. Una volta cancellati tutti i dati, viene chiuso l'account di accesso all'area riservata.

Nello specifico ha il diritto di:
- sapere se il titolare detiene dati personali relativi all'utente (art. 15 Diritto all'accesso);
- modificare o integrare (rettificare) i dati personali inesatti o incompleti (Art. 16 Diritto di rettifica);
- richiedere la cancellazione di uno o parte dei dati personali mantenuti se sussiste uno dei motivi previsti dal GDPR (Diritto alla Cancellazione, 17);
- limitare il trattamento solo a parte dei dati personali, o revocarne completamente il consenso al trattamento, se sussiste uno dei motivi previsti dal Regolamento (Art. 18 Diritto alla limitazione del trattamento);
- ricevere copia di tutti i dati personali in possesso del titolare, in formato di uso comune organizzato, e leggibili anche da dispositivo automatico (Art. 20, Diritto alla Portabilità);
- opporsi in tutto o in parte al trattamento dei dati per finalità di marketing, ad esempio opporsi e ricevere offerte pubblicitarie (art. 21 Diritto di opposizione). Si fa presente agli utenti che possono opporsi al trattamento dei dati utilizzati per scopo pubblicitario, senza fornire alcuna motivazione;
- opporsi al trattamento dei dati in modalità automatica o meno per finalità di profilazione (c.d. Consenso).

Come un utente può esercitare i propri diritti
L'utente può esercitare i propri diritti sopra esposti comunicandone richiesta al titolare del trattamento La Rivoluzione Democratica ai seguenti recapiti: info@rivoluzionedemocratica.it; tel. 3312300680.

La richiesta di esercitare un proprio diritto non ha nessun costo. Il titolare si impegna ad evadere le richieste nel minor tempo possibile, e comunque entro un mese.

L'utente ha il diritto di proporre reclamo all'Autorità Garante per la Protezione dei dati Personali. Recapiti: garante@gpdp.it, http://www.gpdp.it (http://www.gpdp.it).

Cookie Policy
Informazioni aggiuntive sul trattamento dei dati
Difesa in giudizio
Nel caso di ricorso al tribunale per abuso da parte dell'utente nell'utilizzo di www.rivoluzionedemocratica.it o dei servizi a esso collegati, il titolare ha la facoltà di rivelare i dati personali dell'utente. È inoltre obbligato a fornire i suddetti dati su richiesta delle autorità pubbliche.

Richiesta di informative specifiche
L'utente ha diritto di richiedere a www.rivoluzionedemocratica.it informative specifiche sui servizi presenti sul sito web e/o la raccolta e l'utilizzo dei dati personali.

Raccolta dati per log di sistema e manutenzione
www.rivoluzionedemocratica.it e/o i servizi di terze parti (se presenti) possono raccogliere i dati personali dell'utente, come ad esempio l'indirizzo IP, sotto forma di log di sistema. La raccolta di questi dati è legata al funzionamento e alla manutenzione del sito web.

Informazioni non contenute in questa policy
L'utente ha diritto di richiedere in ogni momento al titolare del trattamento dei dati le informazioni aggiuntive non presenti in questa Policy riguardanti il trattamento dei dati personali. Il titolare potrà essere contattato tramite gli estremi di contatto.

Supporto per le richieste "Do Not Track"
Le richieste  "Do Not Track" non sono supportate da www.rivoluzionedemocratica.it.
L'utente è invitato a consultare le Privacy Policy dei servizi terzi sopra elencati per scoprire quali supportano questo tipo di richieste.

Modifiche a questa Privacy Policy
Il titolare ha il diritto di modificare questo documento avvisando gli utenti su questa stessa pagina oppure, se previsto, tramite i contatti di cui è in possesso. L'utente è quindi invitato a consultare periodicamente questa pagina. Per conferma sull'effettiva modifica consultare la data di ultima modifica indicata in fondo alla pagina.
Il titolare si occuperà di raccogliere nuovamente il consenso degli utenti nel caso in cui le modifiche a questo documento riguardino trattamenti di dati per i quali è necessario il consenso.

Definizioni e riferimenti legali
Dati personali (o dati, o dati dell'utente)
Sono dati personali le informazioni che identificano o rendono identificabile, direttamente o indirettamente, una persona fisica e che possono fornire informazioni sulle sue caratteristiche, le sue abitudini, il suo stile di vita, le sue relazioni personali, il suo stato di salute, la sua situazione economica, ecc.

Fonte: sito web del Garante della Privacy (http://www.garanteprivacy.it).

Dati di utilizzo
Sono dati di utilizzo le informazioni che vengono raccolte in automatico durante la navigazione di www.rivoluzionedemocratica.it, sia da sito web stesso che dalle applicazioni di terzi incluse nel sito. Sono esempi di dati di utilizzo l'indirizzo IP e i dettagli del dispositivo e del browser (compresi la localizzazione geografica) che l'utente utilizza per navigare sul sito, le pagine visualizzate e la durata della permanenza dell'utente sulle singole pagine.

Utente
Il soggetto che fa uso del sito web www.rivoluzionedemocratica.it.
Coincide con l'interessato, salvo dove diversamente specificato.

Interessato
Interessato è la persona fisica al quale si riferiscono i dati personali. Quindi, se un trattamento riguarda, ad esempio, l'indirizzo, il codice fiscale, ecc. di Mario Rossi, questa persona è l'interessato (articolo 4, paragrafo 1, punto 1), del Regolamento UE 2016/679 (http://www.garanteprivacy.it/regolamentoue).

Fonte: sito web del Garante della Privacy (http://www.garanteprivacy.it).

Responsabile del trattamento (o responsabile)
Responsabile è la persona fisica o giuridica al quale il titolare affida, anche all'esterno della sua struttura organizzativa, specifici e definiti compiti di gestione e controllo per suo conto del trattamento dei dati (articolo 4, paragrafo 1, punto 8), del Regolamento UE 2016/679 (http://www.garanteprivacy.it/regolamentoue). Il Regolamento medesimo ha introdotto la possibilità che un responsabile possa, a sua volta e secondo determinate condizioni, designare un altro soggetto c.d. "sub-responsabile" (articolo 28, paragrafo 2).

Fonte: sito web del Garante della Privacy (http://www.garanteprivacy.it).

Titolare del trattamento (o titolare)
Titolare è la persona fisica, l'autorità pubblica, l'impresa, l'ente pubblico o privato, l'associazione, ecc., che adotta le decisioni sugli scopi e sulle modalità del trattamento (articolo 4, paragrafo 1, punto 7), del Regolamento UE 2016/679 (http://www.garanteprivacy.it/regolamentoue).

Fonte: sito web del Garante della Privacy (http://www.garanteprivacy.it).

www.rivoluzionedemocratica.it (o sito web)  
Il sito web mediante il quale sono raccolti e trattati i dati personali degli utenti.

Servizio
Il servizio offerto dal sito web www.rivoluzionedemocratica.it come indicato nei relativi termini.

Comunità Europea (o UE)
Ogni riferimento relativo alla Comunità Europea si estende a tutti gli attuali stati membri dell'Unione Europea e dello Spazio Economico Europeo, salvo dove diversamente specificato.

Cookie
Dati conservati all'interno del dispositivo dell'utente.

Riferimenti legali
La presente informativa è redatta sulla base di molteplici ordinamenti legislativi, inclusi gli artt. 13 e 14 del Regolamento (UE) 2016/679. Questa informativa riguarda esclusivamente www.rivoluzionedemocratica.it, dove non diversamente specificato.

Informativa privacy aggiornata il 07/10/2022 12:44
torna indietro leggi Privacy Policy per www.rivoluzionedemocratica.it
 obbligatorio
generic image refresh

cookie