22 Ottobre 2021

"DALLA COREA ALL’AFGHANISTAN"

19-09-2021 - DIARIO POLITICO di Giuseppe Butta'
Da secoli si discute sulla ‘guerra giusta'. Qui non si vuole entrare nella questione, complessa e difficile, dei risvolti morali e umani della guerra ma soltanto vedere gli elementi fattuali di quella mossa da gli S.U. e dalla NATO contro gl'insediamenti terroristici in Afghanistan: vogliamo dire solo se essa fosse ‘giustificata', se non ‘giusta', quali i suoi obiettivi, quali i suoi esiti.

Non v'è dubbio che essa aveva due obiettivi precisi di carattere politico-militare: punire gli autori dell'attentato alle Twin Towers e distruggere le basi dei terroristi responsabili di un attacco agli Stati Uniti talmente vile da fare impallidire il ricordo di Pearl Harbour e da fare scattare la clausola di difesa comune del Patto atlantico sia pure tra i tentennamenti di molti degli alleati.

La cosiddetta esportazione della democrazia non era un obiettivo primario della guerra ma è stato proprio questo a comportare un sempre maggiore e duraturo impegno americano e a renderlo insopportabile per l'opinione pubblica americana e facile obiettivo per tutti i critici in malafede come Massimo D'Alema il quale sostiene che «l'attentato alle Twin Towers non fu opera dei Talebani ma di una élite araba» addestrata dagli americani per combattere i sovietici e il comunismo – e di ciò egli evidentemente si rammarica – e che i Talebani sono bensì un movimento fondamentalista, violento e intollerabile per i comportamenti contro donne e minoranze, ma che «definirli terroristi è una stupidaggine … i Talebani sono un movimento politico, come Hezbollah e Hamas».

Ma l'ex presidente del Consiglio e ministro degli esteri non sa che Hezbollah e Hamas, oltre a contrastare Israele, sono partecipi del progetto dell'emirato islamico che si vale anche del terrorismo?

Egli sostiene anche che “la risposta occidentale all'attacco terroristico delle Twin Towers … aveva soprattutto un forte disegno politico-culturale: … l'espansione della democrazia nel mondo islamico ... L'omologazione culturale non funziona».

Certo, il fallimento c'è stato anche se il tentativo aveva portato alla liberazione dalla dittatura talebana, consegnando agli afghani una sia pure effimera qualità di ‘cittadini'; pertanto, su questo punto non si può dar torto a D'Alema. Ma egli ha certamente torto quando – ridimensionando il pericolo rappresentato dal progetto di instaurazione dell'emirato islamico, universale, che aveva i suoi promotori nell'Afghanistan talebano del 2001 – riduce gli obiettivi della guerra a una tale missione.

In realtà, Bush decise l'intervento non per ‘esportare la democrazia' ma perché, dopo l'attentato alle Twin Towers, il Mullah Omar, leader talebano, rifiutò la consegna di Bin Laden, il regista dell'attacco: fu Obama a voler trasformare l'Afghanistan in uno Stato tentando di unificarne le sparse membra tribali, un programma quasi inevitabile dato il perdurare della guerra ma, come dice Kissinger, anche in contrasto con la struttura di quella società – è stato un errore, infatti l'instaurazione di un governo di carattere centralistico, sia pure democratico, anziché ricercare le alleanze necessarie con le strutture del potere esistenti, magari favorendone un'evoluzione in senso federale –, nonché con i tempi dei processi politici americani.

Comunque, i risultati conseguiti dalla coalizione in questi venti anni erano stati notevoli – dal controllo, anche se parziale, del territorio alla cattura ed eliminazione di molti dei principali capi talebani e perfino di Bin Laden – nonostante i molti errori politici e strategici: le truppe americane e della NATO, limitate nella loro operatività da scelte politiche rinunciatarie, si sono progressivamente asserragliate lasciando molte parti del territorio ai talebani. In più, pare che, come testimonia il generale Battisti, il primo Comandante del Contingente Italiano a Kabul, la NATO avrebbe addestrato l'esercito afghano a una tattica inadeguata a quel teatro di guerra: «abbiamo fatto disimparare agli afghani a combattere … Gli afghani sono considerati i combattenti più temibili dell'Asia centrale. Ma devono farlo a modo loro... Abbiamo applicato i nostri manuali. Dopo la ritirata della NATO, l'esercito afghano si è dissolto».

Il 31 agosto scorso abbiamo visto in diretta televisiva il generale americano Donahue imbarcarsi su un aereo per lasciare l'Afghanistan in seguito alla decisione di Biden di ritirarsi da quel paese dopo venti anni, mentre la celebrazione del ventennale dell'attentato dell'11 settembre ha certificato la profonda spaccatura dell'opinione pubblica americana, frutto di un clima di reciproca delegittimazione delle parti politiche, talmente duro da far dimenticare l'epoca della ‘camicia insanguinata'.

Henry Kissinger, il vecchio artefice della real politik ai tempi della guerra in Vietnam, ha detto chiaro e tondo che «l'ordine del ritiro dato da Biden – con una decisione presa senza preavviso né accordo preliminare con gli alleati e con le persone coinvolte in questi vent'anni di sacrifici … [e l'aver presentato] la questione afghana come una scelta tra il pieno controllo dell'Afghanistan o il ritiro totale» – ripete l'errore di Obama, che fu autore di una ‘exit strategy' dall'Iraq «in cui l'accento era più sull'uscita che sulla strategia», vincolata com'era a scadenze prefissate e non ai risultati conseguiti sul terreno, e di un analogo errore in Afghanistan nel 2009, quando, mentre inviava nuove truppe sul teatro di guerra, Obama annunciò l'inizio del ritiro militare entro diciotto mesi, senza condizioni. Un errore, quello di Obama e ora di Biden dovuto a una questione di pessima politica interna e di improvvisazione strategica: l'improvvida decisione di Biden di ritirarsi ha determinato un crollo subitaneo del governo afghano lasciandolo ai talebani che, nella loro avanzata, hanno liberato migliaia di prigionieri (il quotidiano India Today li quantifica in «oltre 2.300 terroristi, inclusi molti capi del Ttp», il movimento dei talebani pakistani, anch'esso legato ad al-Qaeda), si sono impossessati degli armamenti moderni abbandonati dalla NATO, ristabiliranno il loro regime fondato sull'oppio e rafforzeranno i loro legami con al-Qaeda: il Segretario di stato, Anthony Blinken, si accontenta di poco quando dice, a giustificazione del ritiro, che gli obiettivi della guerra erano stati raggiunti e che Al-Qaeda è «stata significativamente indebolita nella sua capacità operativa all'estero».

Questo forse poteva essere vero prima del ritiro ma non dopo che l'Afghanistan è tornato sotto il controllo dei talebani.

Biden dunque mentiva (sarebbe peggio se non egli non si rendeva conto delle conseguenze che avrebbe avuto l'improvviso ritiro militare) quando affermò che il ritiro americano non avrebbe comportato ‘inevitabilmente' il ritorno dei talebani al potere e al loro controllo sull'intero paese: «una tale evenienza – egli disse – è del tutto inverosimile».

Infatti, ciò sarebbe stato evitabile se solo egli avesse provveduto a evacuare tempestivamente tutti gli afghani collaboranti con la NATO e che il ritorno talebano avrebbe messo in pericolo; a disporre le misure necessarie per controllare, ostacolare e fermare le operazioni terroristiche nell'Asia centrale e meridionale; a rallentare se non fermare le colonne talebane che avanzavano occupando rapidamente tutte le grandi città senza resistenza ,se non assai debole e sporadica, da parte dell'esercito regolare afghano.

Nulla di tutto questo; addirittura, intorno al 20 agosto si rese necessario inviare in tutta fretta 5.000 marines per tenere l'aeroporto di Kabul fino al 31 agosto per l'evacuazione degli stessi americani oltre che degli afghani a rischio, molti dei quali sono però rimasti alla mercé dei talebani.

La giustificazione della débâcle che Blinken ha tentato di dare davanti al Congresso – «anche le analisi più pessimistiche non prevedevano che le forze governative a Kabul sarebbero collassate prima del ritiro di quelle USA» – cercando di scaricare su Trump la responsabilità con l'accusa di avere lasciato in eredità a Biden soltanto «una dead line non un piano per il ritiro» non solo è tardiva ma è anche una pezza peggiore del buco: Biden è al governo da otto mesi, forse non ha avuto il tempo per correggere un tale supposto errore del predecessore?

A proposito del ritiro americano dall'Afghanistan, perfino Papa Francesco ha detto che, pur essendo necessario lasciare finalmente «gli afghani a se stessi, la questione è «come dimettersi, come negoziare una via d'uscita. Da quanto si vede, qui non sono state prese in considerazione tutte le eventualità ... c'è stato molto inganno da parte forse delle nuove autorità. Dico inganno o tanta ingenuità, non capisco»: evidentemente il Papa allude all'ingenuità americana di non predisporre una rete di sicurezza e aver creduto alle promesse talebane.

Il Papa, in sostanza, è d'accordo con Kissinger il quale afferma che gli Stati Uniti non avrebbero dovuto ritirarsi ma ridimensionare i propri obiettivi in funzione del miglior possibile risultato conseguibile in Afghanistan: «La lotta ai ribelli poteva essere ridimensionata a contenimento, anziché annientamento, dei talebani. E il percorso politico-diplomatico avrebbe potuto esplorare uno degli aspetti particolari della realtà afghana: che i Paesi confinanti – anche se in aperta ostilità tra di loro e non di rado con l'America – potessero sentirsi profondamente minacciati dal potenziale terroristico dell'Afghanistan».

Tony Blair – l'ex primo ministro britannico primo ad affiancarsi, nell'ottobre 2001, a George W. Bush nella risposta al devastante attacco di Bin Laden dell'11 settembre – ha definito il ritiro degli Stati Uniti dall'Afghanistan «una scelta, non una necessità», un atto «tragico, pericoloso, perché le modalità del ritiro dall'Afghanistan non sono frutto di una ‘grande strategia' ma dello slogan politico idiota di porre fine alle ‘guerre eterne' … è assurdo, è un errore pensare che la natura del nostro intervento militare su larga scala del novembre 2001 sia uguale a quella della missione attuale di appoggio e garanzia del governo afghano».

Blair spiega come le scelte politiche di breve termine siano spesso in conflitto con gl'interessi strategici di lungo periodo; insomma, l'intervento richiede un impegno diretto al conseguimento di fini precisi e strategicamente ordinati e, pertanto, la sua durata non può essere predeterminata.

Blair dice, a ragione, che la storia ha insegnato quanto sia stato pieno di conseguenze pericolose l'intervento in Afghanistan, Iraq e Libia ma ha anche insegnato quanto «il non intervento sia una politica carica di conseguenze altrettanto negative e pericolose».

Per non andare indietro fino agli accordi di Chamberlain con Hitler e alle inascoltate proposte strategiche di Winston Churchill sulla condotta della guerra in Europa e sulle trattative di Yalta, se si guarda alla storia delle guerre degli Stati Uniti negli ultimi settanta anni, viene il dubbio che esse siano state condotte con una strategia militare talmente azzoppata dalla politica (dal caso MacArthur in Corea al Vietnam) da fare degli Stati Uniti una ‘tigre di carta'.

Il dialogo non si nega a nessuno – è uno degli strumenti della ‘real politik' invocato da molti, anche in Italia, al fine di ottenere dai talebani ora qualche garanzia sul rispetto dei diritti umani e civili in Afghanistan – ma non si capisce come e da chi un tale dialogo possa essere condotto una volta che ci si è privati di qualunque mezzo di pressione: forse muovendo una nuova guerra?

A che giovano le ‘lacrime di coccodrillo' di Biden che dice oggi – scimmiottato da quanti parlano di un pessimo segnale (per esempio il nostro ministro degli esteri, Di Maio) – di essere preoccupato per la forma assunta dal nuovo governo talebano zeppo di ministri che l'ONU aveva inserito nella lista dei terroristi ricercati, su alcuni dei quali pende una taglia posta dagli Stati Uniti.

A proposito dell'ONU, sarebbe logico, oltre che auspicabile, che fossero le Nazioni Unite a provvedere a una tale protezione e qualcuno continua a illudersi o a fingere di illudersi che ciò sia possibile.

Bisogna leggere la guerra afghana esclusivamente con la lente degli interessi strategici in giuoco, primo fra tutti quello decisivo della lotta che ci troviamo ad affrontare contro un disegno politico che mette sotto attacco tutto l'Occidente: da tale punto di vista, la ritirata ‘incondizionata' è stata insensata e pericolosa specialmente per le sue modalità che sono sotto i nostri occhi e per le conseguenze che, Dio non voglia, potremmo ben presto vedere.

Oltre al problema dei profughi afghani – che potrebbero essere milioni – c'è un risvolto strategico di cui l'Occidente sembra non tenere conto. «Quale è oggi la posizione dell'Occidente?»

Questa è la domanda che, criticando Biden, si è posto Tony Blair il quale teme a ragione, non solo che Russia, Cina e Iran possano ora avvantaggiarsi della situazione in Afghanistan – anche se qualcuno ipotizza che questo paese possa rivelarsi una ‘polpetta avvelenata' pure per la Cina – ma soprattutto che l'Occidente perda la sua unità e che gli alleati degli Stati Uniti si convincano che questi abbiano perduto la loro capacità di leadership inaugurando un ‘nuovo isolazionismo'.

Per fortuna, il disimpegno americano è per il momento escluso visto che Biden ha firmato il Patto del Pacifico tra Australia, Gran Bretagna e Stati Uniti (AUKUS) dando ragione alla strategia anticinese definita da Donald Trump, e inteso a prendere il posto della vecchia SEATO, che fu affossata dalla Francia. L'improvvisa firma di questo patto ha sollevato le proteste di parte dell'Europa – specialmente furiose quelle dei francesi, che sono stati toccati nella tasca – perché tenuta all'oscuro delle trattative: ma ciò non è che la logica conseguenza delle ambiguità del Vecchio Continente, più volte colto con le mani nel sacco della tentazione filocinese e ora confermata dall'Alto Rappresentante Ue per la politica estera, Borrell: «Presumo che l'accordo non sia stato fatto in una notte. Questo ci costringe a riflettere sulla necessità di essere indipendenti e di sviluppare l'autonomia strategica dell'Ue».

Ai molti che oggi festeggiano la sconfitta americana con lo slogan ‘c'era una volta l'America', possiamo dire che, se gli Stati Uniti dovessero perdere il loro peso strategico, rimpiangeremo il secolo americano.







Fonte: di GIUSEPPE BUTTA'
Link
[]
L'AVVENIRE DEI LAVORATORI
Periodico socialista fondato 1897.
[]
IL PONTE RIVISTA
Rivista di politica economica e cultura
fondata da Calamandrei
[]
BIBLION EDITORE
Biblion Edizioni, storica casa editrice.
[]
CRITICA LIBERALE - NON MOLLARE
"NON MOLLARE"
Quindicinale on line di Critica Liberale,
la voce del liberalismo progressista in Italia.





Nuova Serie
"La Rivoluzione Democratica"
1, MARZO 2017

Realizzazione siti web www.sitoper.it
invia ad un amico
chiudi
Attenzione!
Non puoi effettuare più di 10 invii al giorno.
Informativa
Informativa Privacy
La presente informativa descrive le modalità di gestione del Sito, da Lei ora visitato, di cui è Titolare, il giornale "LA RIVOLUZIONE DEMOCRATICA", registrazione al Tribunale di Firenze n°5863 del 17/02/2012 (di seguito, "Giornale" per brevità), che ha come finalità l´informazione critica, la difesa della laicità delle Istituzioni e la diffusione della cultura laica, con sede in Firenze, accessibile al seguente nome di dominio
http://www.rivoluzionedemocratica.it
in riferimento al trattamento dei dati personali dei navigatori che vi accedono e che interagiscono con esso.

Premessa
I considerazione delle modifiche al D. Lgs. n. 196/2003 (Codice in materia di protezione dei dati personali, di seguito "Codice Privacy"), introdotte recentemente con il D.L. 201/2011 convertito nella L. 214/2011, la presente informativa si rivolge alle persone fisiche che, per conto proprio o di associazioni interessate, decidano di accedere al Sito ed interagire con esso ed è resa ai sensi dell´art. 13 del Codice Privacy.
L´informativa si ispira anche alla Raccomandazione n. 2/2001 che le autorità europee per la protezione dei dati personali, riunite nel Gruppo istituito dall´art. 29 della direttiva n. 95/46/CE, hanno adottato il 17 maggio 2001, per individuare alcuni requisiti minimi per la raccolta di dati personali on-line, e, in particolare, le modalità, i tempi e la natura delle informazioni che i titolari del trattamento devono fornire agli utenti quando questi si collegano a pagine web, indipendentemente dalle ragioni e finalità del collegamento.
In linea generale, è opportuno precisare che attraverso il Sito vengono effettuate le seguenti tipologie di raccolta dati:
- raccolta necessaria ed automatica dei dati del navigatore inerenti all´interazione con il Sito;
- trattamento correlato alla raccolta di dati, immessi volontariamente dal navigatore, attraverso l´invio di e-mail agli indirizzi indicati per contattare il Titolare (ad esempio, sezioni "Contatti" e "Iscriversi al circolo").

La presente informativa si riferisce unicamente alle operazioni di trattamento effettuate su dati raccolti con le modalità sopra indicate e non si riferisce, quindi, ai trattamenti effettuati tramiti altri siti, a cui l´utente vorrà accedere mediante link dal Sito. Per tali trattamenti dovrà essere fornita, da parte dei rispettivi Titolari, autonoma informativa.
Si precisa, in particolare, che i trattamenti sui dati conferiti accedendo a siti di terzi, raggiungibili mediante i link pubblicati sul Sito, sono effettuati da soggetti diversi dal Giornale.
Premesso che il Giornale non effettuerà alcuna comunicazione dei dati degli utenti a tali soggetti e che ogni iniziativa per entrare in contatto e chiedere informazioni, è rimessa all´esclusiva attività dell´Interessato o del rispettivo Titolare, il giornale non sarà in alcun modo responsabile dei trattamenti che verranno effettuati da parte di tali soggetti, a fronte dell´iniziativa dell´utente medesimo.

1. Finalità del trattamento
1.1 Le operazioni di trattamento di seguito illustrate sono unicamente rivolte alla corretta proposizione ed erogazione dei servizi offerti tramite il presente Sito dal Giornale medesimo per il perseguimento dello scopo associativo. L´Attività on line del Giornale consiste prevalentemente nella pubblicazione di contenuti, caratterizzati da un alto livello qualitativo, sui temi di interesse del Giornale e dei dati personali dei rispettivi autori, aventi con il Giornale rapporti regolari, nonché nello scambio, anche mediante messaggi di posta elettronica, di opinioni e informazioni di varia natura, relative in particolare alla vita e alle attivitàdel Giornale medesimo o ad eventi di rilevanza nel dibattito culturale che il Giornale intende promuovere.
1.2. A tal fine, il Titolare ha predisposto sezioni ad hoc del Sito.
In particolare, nella sezione "Contatti" è presente l´indirizzo e-mail interattivo cui l´Utente può trasmettere i propri dati personali e/o dell´Associazione di appartenenza, al Giornale. Più precisamente, in tale ipotesi il trattamento è finalizzato al mero scambio di informazioni e di contatti, comunque di natura non professionale, inerenti all´attività del Giornale .
In ogni caso, i dati raccolti tramite il presente Sito saranno trattati secondo principi di correttezza, liceità e trasparenza, per la tutela della riservatezza e dei diritti degli interessati, ed unicamente per il perseguimento dello scopo associativo. Negli stessi limiti saranno trattati anche i dati personali che dovessero essere inviati spontaneamente al Giornale dai visitatori del sito anche con modalità off-line (fax, posta, telefono od altro).

2. Tipi di dati trattati
2.1 - Dati di navigazione I sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento di questo Sito registrano, nel corso del loro normale esercizio, alcuni dati personali la cui acquisizione avviene in modo automatico e inevitabile, qualora si utilizzino i protocolli di comunicazione di Internet. Sono dati che, pur non essendo reperiti con lo scopo specifico di identificare i rispettivi Interessati, ben potrebbero, a causa delle loro stesse caratteristiche, essere associati a banche dati di terzi e così consentire l´individuazione degli utenti. Appartengono a questa categoria di dati, ad esempio, gli indirizzi IP o i nomi a dominio degli elaboratori utilizzati dagli utenti che si connettono al Sito, gli indirizzi in notazione URI (Uniform Resource Identifier) delle risorse richieste, l´orario della richiesta, il metodo utilizzato nel sottoporre la richiesta al server, la dimensione del file ottenuto in risposta, il codice numerico indicante lo stato della risposta data dal server (buon fine, errore, ecc.) ed altri parametri relativi al sistema operativo e all´ambiente informatico dell´utente. Questi dati vengono utilizzati al solo fine di ricavare informazioni statistiche anonime sull´uso del Sito e per controllarne il corretto funzionamento, e vengono cancellati immediatamente dopo l´elaborazione.
Si precisa che i dati di navigazione potrebbero essere usati per l´accertamento di responsabilità in caso di eventuali reati informatici ai danni del Sito, conformemente alle procedure vigenti presso le Autorità competenti.
2.2 Meccanismi automatici di raccolta
In conformità a quanto previsto nel Provvedimento del Garante n. 229 dell´8.5.2014, si informa che in questo Sito non si utilizzano "cookies persistenti", trojans, spywares, web bugs, ovvero sistemi per il tracciamento degli utenti (cookies di profilazione), ma soltanto cookies cosiddetti "tecnici", di navigazione, di sessione o di funzionalità.
L´uso di c.d. "cookies di sessione" (che non vengono registrati in modo persistente sull´elaboratore dell´utente e svaniscono con la chiusura del browser) è unicamente finalizzato a rendere l´esplorazione del Sito sicura ed efficiente.
I c.d. cookies di sessione, utilizzati in questo sito, evitano il ricorso ad altre tecniche informatiche potenzialmente pregiudizievoli per la riservatezza della navigazione degli utenti e non consentono l´acquisizione di dati personali identificativi dell´utente I cookies "analitici" vengono utilizzati dalla società ShinyStat per effettuare trattamenti in forma aggregata ed anonima, per i quali si fornisce l´informativa generale ed il modulo per esercitare l´opt-out tramite i link qui sotto:
- ShinyStat http://www.shinystat.com/it/informativa_privacy_generale_free.html
- ShinyStat http://www.shinystat.com/it/opt-out_free.html
- Facebook http://www.facebook.com/policy.php
- Twitter http://twitter.com/privacy
- Google+, Google Maps e YouTube https://www.google.it/intl/it/policies/privacy/
- Vimeo https://vimeo.com/cookie_policy
2.3 Si precisa, per completezza, che i dati personali - una volta resi anonimi - potranno essere utilizzati per elaborare statistiche o per rilevare il grado di soddisfazione degli utenti. In ogni caso, la raccolta e il trattamento dei dati personali degli utenti non saranno finalizzati ad attività di marketing, di informazione commerciale e/o di indagini di mercato.

3. Tipologia di dati
3.1 Il trattamento dei dati effettuati tramite il presente Sito avrà prevalentemente ad oggetto dati comuni.
Tuttavia, in considerazione della natura del Giornale, il trattamento, inoltre, potrà riguardare anche i dati personali idonei a rivelare le convinzioni religiose e/o le opinioni politiche degli utenti e/o degli Associati, e/o dei soggetti che - in relazione allo scopo associativo - hanno contatti regolari con il Giornale. In ogni caso, tramite il presente Sito non saranno trattati dati inerenti alla salute. Pertanto, La invitiamo a non comunicarci dati personali attinenti al Suo stato di salute e alla Sua vita sessuale, ai sensi dell´art. 26 del Codice. In presenza di tali dati, il Giornale procederà alla tempestiva distruzione del relativo messaggio e/o comunicazione da Lei eventualmente fornita.
3.2 Il trattamento dei dati si svolgerà in conformità della vigente Autorizzazione Generale del Garante per la protezione dei dati personali n. 3/2011 e successive .
3.3 Il conferimento dei dati è in ogni caso facoltativo. Tuttavia, il mancato conferimento dei dati relativamente ad alcune sezioni del Sito e, più precisamente, in relazione alla Sezione "Contatti" comporterà l´impossibilità, per l´Associazione, di fornire il relativo servizio.

4. Modalità di trattamento
4.1 Il medesimo sarà effettuato prevalentemente con l´ausilio di mezzi informatici e telematici ma anche manualmente. I dati infatti potranno essere conservati sia in archivi cartacei sia in archivi elettronici, in modo da consentire, laddove necessario, l´individuazione e la selezione di dati aggregati, per il tempo non eccedente la durata e le necessità del trattamento.
4.2 Il trattamento sarà effettuato direttamente dall´organizzazione del Titolare, con l´ausilio dei propri incaricati e/o responsabili del trattamento. Potranno avere accesso ai dati per il perseguimento delle finalità di cui al punto 1, nell´ambito delle rispettive funzioni o mansioni e, in ogni caso, secondo le modalità e nei limiti di cui ai rispettivi atti di nomina a Responsabile o a Incaricato, oltre al Coordinatore/Coordinatrice, al Tesoriere e al Responsabile per la gestione delle istanze ex art. 7 Codice, eventuali società di servizi esterne nominate responsabili del trattamento ai sensi e per gli effetti dell´art. 29 del Codice.
4.3. Infine, si informa l´utente che l´eventuale trasmissione di dati tramite Internet non può raggiungere livelli di sicurezza assoluti. E´ onere dell´utente verificare la correttezza dei dati personali che lo riguardano ed eventualmente procedere alla rettifica, aggiornamento o, comunque, modifica dei dati nel corso del trattamento. Il Titolare non può considerarsi tenuto ad altra prestazione oltre alla puntuale e corretta applicazione degli standard di sicurezza imposti dalla normativa in vigore, con particolare riferimento all´adozione delle misure di sicurezza in conformità di quanto previsto dagli artt. 33-36 del Codice e dal Disciplinare Tecnico di cui all´Allegato B.

5. Conservazione dei dati - durata e aggiornamento
5.1 A seguito di controlli periodici,il Giornale verificherà la stretta pertinenza e la non eccedenza dei dati raccolti rispetto agli obblighi ed alle finalità del trattamento posto in essere, per quanto riguarda i dati che rivelano le opinioni e le intime convinzioni.
5.2 Ad eccezione dei dati di navigazione che non vengono conservati oltre una settimana dalla raccolta, gli altri dati verranno conservati in coerenza con lo scopo per il quale sono stati conferiti e comunque nel rispetto della normativa vigente.
5.3 Nel rispetto di quanto previsto dall´art. 11, co. 1, lett. c) Codice, i dati personali saranno aggiornati in seguito alla segnalazione dell´Interessato, in congruità con quanto previsto dall´art. 7, co. 3, lett. a) Codice.

6. Comunicazione e diffusione
6.1 il Giornale non procederà alla comunicazione diretta a terzi dei dati personali raccolti tramite il sito.
6.2 I dati relativi alla navigazione non verranno, in nessun caso, diffusi o comunicati. E´ fatta salva la eventuale comunicazione alle Autorità competenti in relazione alle attività necessarie all´accertamento e alla repressione dei reati.
6.3 I dati personali forniti dagli utenti, che inoltrano richieste di informazioni ai diversi indirizzi di posta elettronica presenti sul Sito, non sono comunicati a terzi.
6.4 Nell´ambito delle finalità indicate nella presente informativa, qualora sia necessario comunicare i dati a soggetti diversi dal Titolare, quest´ultimo provvederà alla designazione degli stessi quali Responsabili del trattamento.

7. Diritti dell´Interessato
7.1 Al Titolare del trattamento potranno essere inoltrate le richieste di cui all´art. 7 del Codice "Diritti dell´interessato", ossia, in particolare il diritto di:
- ottenere dal Titolare la conferma dell´esistenza di dati personali che lo riguardano e la comunicazione dei medesimi in forma intelligibile;
- conoscere l´origine dei dati, la logica e le finalità su cui si basa il loro trattamento;
- conoscere gli estremi identificativi dei Responsabili del trattamento e delle categorie di soggetti ai quali i dati possono essere comunicati o che possono venirne a conoscenza in qualità di Responsabili o Incaricati;
- ottenere la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati trattati in violazione della legge, come l´aggiornamento, la rettificazione o, qualora l´interessato vi abbia interesse, l´integrazione dei dati medesimi;
- opporsi in tutto o in parte, per motivi legittimi, al trattamento dei dati personali che lo riguardano ancorché pertinenti allo scopo della raccolta;
- opporsi in tutto o in parte al trattamento previsto ai fini di informazione commerciale o di invio di materiale pubblicitario.
Qualora, a seguito della richiesta di cui all´art. 7 del Codice non risulti confermata l´esistenza di dati che riguardano l´Interessato, potrà essere richiesto a quest´ultimo un contributo spese, comunque non superiore a Euro 10,00.

Le richieste dovranno essere rivolte ai Direttori del Giornale, Responsabili per le richieste ex art. 7, al seguente indirizzo e-mail:
info@rivoluzionedemocratica.it

Si prega di indicare nell´oggetto della comunicazione: "Richiesta ex art. 7 D. Lgs. 30 giugno 2003, n. 196 - Codice in materia di protezione dei dati personali".

8. Titolare ed elenco dei Responsabili del trattamento
Titolare del trattamento dei dati è il giornale on line "LA RIVOLUZIONE DEMOCRATICA" con sede a FIRENZE, mail: info@rivoluzionedemocratica.it
L´elenco aggiornato contenente i nominativi e i recapiti dei Responsabili è disponibile presso la sede del Titolare.
torna indietro leggi Informativa  obbligatorio

close
Utilizziamo i cookies
Questo sito utilizza cookie propri al fine di migliorare il funzionamento e monitorare le prestazioni del sito web e/o cookie derivati da strumenti esterni che consentono di inviare messaggi pubblicitari in linea con le tue preferenze, come dettagliato nella Cookie Policy. Per continuare è necessario autorizzare i nostri cookie. Cliccando sul pulsante ACCONSENTO, acconsenti all'uso dei cookie. Ignorando questo banner e navigando il sito acconsenti all'uso dei cookie.
Cookie Policy - Privacy Policy
Accetta i cookies necessari