02 Ottobre 2022

"DALLA COREA ALL’AFGHANISTAN"

19-09-2021 - DIARIO POLITICO di Giuseppe Butta'
Da secoli si discute sulla ‘guerra giusta'. Qui non si vuole entrare nella questione, complessa e difficile, dei risvolti morali e umani della guerra ma soltanto vedere gli elementi fattuali di quella mossa da gli S.U. e dalla NATO contro gl'insediamenti terroristici in Afghanistan: vogliamo dire solo se essa fosse ‘giustificata', se non ‘giusta', quali i suoi obiettivi, quali i suoi esiti.

Non v'è dubbio che essa aveva due obiettivi precisi di carattere politico-militare: punire gli autori dell'attentato alle Twin Towers e distruggere le basi dei terroristi responsabili di un attacco agli Stati Uniti talmente vile da fare impallidire il ricordo di Pearl Harbour e da fare scattare la clausola di difesa comune del Patto atlantico sia pure tra i tentennamenti di molti degli alleati.

La cosiddetta esportazione della democrazia non era un obiettivo primario della guerra ma è stato proprio questo a comportare un sempre maggiore e duraturo impegno americano e a renderlo insopportabile per l'opinione pubblica americana e facile obiettivo per tutti i critici in malafede come Massimo D'Alema il quale sostiene che «l'attentato alle Twin Towers non fu opera dei Talebani ma di una élite araba» addestrata dagli americani per combattere i sovietici e il comunismo – e di ciò egli evidentemente si rammarica – e che i Talebani sono bensì un movimento fondamentalista, violento e intollerabile per i comportamenti contro donne e minoranze, ma che «definirli terroristi è una stupidaggine … i Talebani sono un movimento politico, come Hezbollah e Hamas».

Ma l'ex presidente del Consiglio e ministro degli esteri non sa che Hezbollah e Hamas, oltre a contrastare Israele, sono partecipi del progetto dell'emirato islamico che si vale anche del terrorismo?

Egli sostiene anche che “la risposta occidentale all'attacco terroristico delle Twin Towers … aveva soprattutto un forte disegno politico-culturale: … l'espansione della democrazia nel mondo islamico ... L'omologazione culturale non funziona».

Certo, il fallimento c'è stato anche se il tentativo aveva portato alla liberazione dalla dittatura talebana, consegnando agli afghani una sia pure effimera qualità di ‘cittadini'; pertanto, su questo punto non si può dar torto a D'Alema. Ma egli ha certamente torto quando – ridimensionando il pericolo rappresentato dal progetto di instaurazione dell'emirato islamico, universale, che aveva i suoi promotori nell'Afghanistan talebano del 2001 – riduce gli obiettivi della guerra a una tale missione.

In realtà, Bush decise l'intervento non per ‘esportare la democrazia' ma perché, dopo l'attentato alle Twin Towers, il Mullah Omar, leader talebano, rifiutò la consegna di Bin Laden, il regista dell'attacco: fu Obama a voler trasformare l'Afghanistan in uno Stato tentando di unificarne le sparse membra tribali, un programma quasi inevitabile dato il perdurare della guerra ma, come dice Kissinger, anche in contrasto con la struttura di quella società – è stato un errore, infatti l'instaurazione di un governo di carattere centralistico, sia pure democratico, anziché ricercare le alleanze necessarie con le strutture del potere esistenti, magari favorendone un'evoluzione in senso federale –, nonché con i tempi dei processi politici americani.

Comunque, i risultati conseguiti dalla coalizione in questi venti anni erano stati notevoli – dal controllo, anche se parziale, del territorio alla cattura ed eliminazione di molti dei principali capi talebani e perfino di Bin Laden – nonostante i molti errori politici e strategici: le truppe americane e della NATO, limitate nella loro operatività da scelte politiche rinunciatarie, si sono progressivamente asserragliate lasciando molte parti del territorio ai talebani. In più, pare che, come testimonia il generale Battisti, il primo Comandante del Contingente Italiano a Kabul, la NATO avrebbe addestrato l'esercito afghano a una tattica inadeguata a quel teatro di guerra: «abbiamo fatto disimparare agli afghani a combattere … Gli afghani sono considerati i combattenti più temibili dell'Asia centrale. Ma devono farlo a modo loro... Abbiamo applicato i nostri manuali. Dopo la ritirata della NATO, l'esercito afghano si è dissolto».

Il 31 agosto scorso abbiamo visto in diretta televisiva il generale americano Donahue imbarcarsi su un aereo per lasciare l'Afghanistan in seguito alla decisione di Biden di ritirarsi da quel paese dopo venti anni, mentre la celebrazione del ventennale dell'attentato dell'11 settembre ha certificato la profonda spaccatura dell'opinione pubblica americana, frutto di un clima di reciproca delegittimazione delle parti politiche, talmente duro da far dimenticare l'epoca della ‘camicia insanguinata'.

Henry Kissinger, il vecchio artefice della real politik ai tempi della guerra in Vietnam, ha detto chiaro e tondo che «l'ordine del ritiro dato da Biden – con una decisione presa senza preavviso né accordo preliminare con gli alleati e con le persone coinvolte in questi vent'anni di sacrifici … [e l'aver presentato] la questione afghana come una scelta tra il pieno controllo dell'Afghanistan o il ritiro totale» – ripete l'errore di Obama, che fu autore di una ‘exit strategy' dall'Iraq «in cui l'accento era più sull'uscita che sulla strategia», vincolata com'era a scadenze prefissate e non ai risultati conseguiti sul terreno, e di un analogo errore in Afghanistan nel 2009, quando, mentre inviava nuove truppe sul teatro di guerra, Obama annunciò l'inizio del ritiro militare entro diciotto mesi, senza condizioni. Un errore, quello di Obama e ora di Biden dovuto a una questione di pessima politica interna e di improvvisazione strategica: l'improvvida decisione di Biden di ritirarsi ha determinato un crollo subitaneo del governo afghano lasciandolo ai talebani che, nella loro avanzata, hanno liberato migliaia di prigionieri (il quotidiano India Today li quantifica in «oltre 2.300 terroristi, inclusi molti capi del Ttp», il movimento dei talebani pakistani, anch'esso legato ad al-Qaeda), si sono impossessati degli armamenti moderni abbandonati dalla NATO, ristabiliranno il loro regime fondato sull'oppio e rafforzeranno i loro legami con al-Qaeda: il Segretario di stato, Anthony Blinken, si accontenta di poco quando dice, a giustificazione del ritiro, che gli obiettivi della guerra erano stati raggiunti e che Al-Qaeda è «stata significativamente indebolita nella sua capacità operativa all'estero».

Questo forse poteva essere vero prima del ritiro ma non dopo che l'Afghanistan è tornato sotto il controllo dei talebani.

Biden dunque mentiva (sarebbe peggio se non egli non si rendeva conto delle conseguenze che avrebbe avuto l'improvviso ritiro militare) quando affermò che il ritiro americano non avrebbe comportato ‘inevitabilmente' il ritorno dei talebani al potere e al loro controllo sull'intero paese: «una tale evenienza – egli disse – è del tutto inverosimile».

Infatti, ciò sarebbe stato evitabile se solo egli avesse provveduto a evacuare tempestivamente tutti gli afghani collaboranti con la NATO e che il ritorno talebano avrebbe messo in pericolo; a disporre le misure necessarie per controllare, ostacolare e fermare le operazioni terroristiche nell'Asia centrale e meridionale; a rallentare se non fermare le colonne talebane che avanzavano occupando rapidamente tutte le grandi città senza resistenza ,se non assai debole e sporadica, da parte dell'esercito regolare afghano.

Nulla di tutto questo; addirittura, intorno al 20 agosto si rese necessario inviare in tutta fretta 5.000 marines per tenere l'aeroporto di Kabul fino al 31 agosto per l'evacuazione degli stessi americani oltre che degli afghani a rischio, molti dei quali sono però rimasti alla mercé dei talebani.

La giustificazione della débâcle che Blinken ha tentato di dare davanti al Congresso – «anche le analisi più pessimistiche non prevedevano che le forze governative a Kabul sarebbero collassate prima del ritiro di quelle USA» – cercando di scaricare su Trump la responsabilità con l'accusa di avere lasciato in eredità a Biden soltanto «una dead line non un piano per il ritiro» non solo è tardiva ma è anche una pezza peggiore del buco: Biden è al governo da otto mesi, forse non ha avuto il tempo per correggere un tale supposto errore del predecessore?

A proposito del ritiro americano dall'Afghanistan, perfino Papa Francesco ha detto che, pur essendo necessario lasciare finalmente «gli afghani a se stessi, la questione è «come dimettersi, come negoziare una via d'uscita. Da quanto si vede, qui non sono state prese in considerazione tutte le eventualità ... c'è stato molto inganno da parte forse delle nuove autorità. Dico inganno o tanta ingenuità, non capisco»: evidentemente il Papa allude all'ingenuità americana di non predisporre una rete di sicurezza e aver creduto alle promesse talebane.

Il Papa, in sostanza, è d'accordo con Kissinger il quale afferma che gli Stati Uniti non avrebbero dovuto ritirarsi ma ridimensionare i propri obiettivi in funzione del miglior possibile risultato conseguibile in Afghanistan: «La lotta ai ribelli poteva essere ridimensionata a contenimento, anziché annientamento, dei talebani. E il percorso politico-diplomatico avrebbe potuto esplorare uno degli aspetti particolari della realtà afghana: che i Paesi confinanti – anche se in aperta ostilità tra di loro e non di rado con l'America – potessero sentirsi profondamente minacciati dal potenziale terroristico dell'Afghanistan».

Tony Blair – l'ex primo ministro britannico primo ad affiancarsi, nell'ottobre 2001, a George W. Bush nella risposta al devastante attacco di Bin Laden dell'11 settembre – ha definito il ritiro degli Stati Uniti dall'Afghanistan «una scelta, non una necessità», un atto «tragico, pericoloso, perché le modalità del ritiro dall'Afghanistan non sono frutto di una ‘grande strategia' ma dello slogan politico idiota di porre fine alle ‘guerre eterne' … è assurdo, è un errore pensare che la natura del nostro intervento militare su larga scala del novembre 2001 sia uguale a quella della missione attuale di appoggio e garanzia del governo afghano».

Blair spiega come le scelte politiche di breve termine siano spesso in conflitto con gl'interessi strategici di lungo periodo; insomma, l'intervento richiede un impegno diretto al conseguimento di fini precisi e strategicamente ordinati e, pertanto, la sua durata non può essere predeterminata.

Blair dice, a ragione, che la storia ha insegnato quanto sia stato pieno di conseguenze pericolose l'intervento in Afghanistan, Iraq e Libia ma ha anche insegnato quanto «il non intervento sia una politica carica di conseguenze altrettanto negative e pericolose».

Per non andare indietro fino agli accordi di Chamberlain con Hitler e alle inascoltate proposte strategiche di Winston Churchill sulla condotta della guerra in Europa e sulle trattative di Yalta, se si guarda alla storia delle guerre degli Stati Uniti negli ultimi settanta anni, viene il dubbio che esse siano state condotte con una strategia militare talmente azzoppata dalla politica (dal caso MacArthur in Corea al Vietnam) da fare degli Stati Uniti una ‘tigre di carta'.

Il dialogo non si nega a nessuno – è uno degli strumenti della ‘real politik' invocato da molti, anche in Italia, al fine di ottenere dai talebani ora qualche garanzia sul rispetto dei diritti umani e civili in Afghanistan – ma non si capisce come e da chi un tale dialogo possa essere condotto una volta che ci si è privati di qualunque mezzo di pressione: forse muovendo una nuova guerra?

A che giovano le ‘lacrime di coccodrillo' di Biden che dice oggi – scimmiottato da quanti parlano di un pessimo segnale (per esempio il nostro ministro degli esteri, Di Maio) – di essere preoccupato per la forma assunta dal nuovo governo talebano zeppo di ministri che l'ONU aveva inserito nella lista dei terroristi ricercati, su alcuni dei quali pende una taglia posta dagli Stati Uniti.

A proposito dell'ONU, sarebbe logico, oltre che auspicabile, che fossero le Nazioni Unite a provvedere a una tale protezione e qualcuno continua a illudersi o a fingere di illudersi che ciò sia possibile.

Bisogna leggere la guerra afghana esclusivamente con la lente degli interessi strategici in giuoco, primo fra tutti quello decisivo della lotta che ci troviamo ad affrontare contro un disegno politico che mette sotto attacco tutto l'Occidente: da tale punto di vista, la ritirata ‘incondizionata' è stata insensata e pericolosa specialmente per le sue modalità che sono sotto i nostri occhi e per le conseguenze che, Dio non voglia, potremmo ben presto vedere.

Oltre al problema dei profughi afghani – che potrebbero essere milioni – c'è un risvolto strategico di cui l'Occidente sembra non tenere conto. «Quale è oggi la posizione dell'Occidente?»

Questa è la domanda che, criticando Biden, si è posto Tony Blair il quale teme a ragione, non solo che Russia, Cina e Iran possano ora avvantaggiarsi della situazione in Afghanistan – anche se qualcuno ipotizza che questo paese possa rivelarsi una ‘polpetta avvelenata' pure per la Cina – ma soprattutto che l'Occidente perda la sua unità e che gli alleati degli Stati Uniti si convincano che questi abbiano perduto la loro capacità di leadership inaugurando un ‘nuovo isolazionismo'.

Per fortuna, il disimpegno americano è per il momento escluso visto che Biden ha firmato il Patto del Pacifico tra Australia, Gran Bretagna e Stati Uniti (AUKUS) dando ragione alla strategia anticinese definita da Donald Trump, e inteso a prendere il posto della vecchia SEATO, che fu affossata dalla Francia. L'improvvisa firma di questo patto ha sollevato le proteste di parte dell'Europa – specialmente furiose quelle dei francesi, che sono stati toccati nella tasca – perché tenuta all'oscuro delle trattative: ma ciò non è che la logica conseguenza delle ambiguità del Vecchio Continente, più volte colto con le mani nel sacco della tentazione filocinese e ora confermata dall'Alto Rappresentante Ue per la politica estera, Borrell: «Presumo che l'accordo non sia stato fatto in una notte. Questo ci costringe a riflettere sulla necessità di essere indipendenti e di sviluppare l'autonomia strategica dell'Ue».

Ai molti che oggi festeggiano la sconfitta americana con lo slogan ‘c'era una volta l'America', possiamo dire che, se gli Stati Uniti dovessero perdere il loro peso strategico, rimpiangeremo il secolo americano.







Fonte: di GIUSEPPE BUTTA'
Link
[]
L'AVVENIRE DEI LAVORATORI
Periodico socialista fondato 1897.
[]
IL PONTE RIVISTA
Rivista di politica economica e cultura
fondata da Calamandrei
[]
BIBLION EDITORE
Biblion Edizioni, storica casa editrice.
[]
CRITICA LIBERALE - NON MOLLARE
"NON MOLLARE"
Quindicinale on line di Critica Liberale,
la voce del liberalismo progressista in Italia.





Nuova Serie
"La Rivoluzione Democratica"
1, MARZO 2017
Associazione Alleanza Giellista
[]

Realizzazione siti web www.sitoper.it
invia a un amico
icona per chiudere
Attenzione!
Non puoi effettuare più di 10 invii al giorno.
Privacy Policy per www.rivoluzionedemocratica.it
Il sito web www.rivoluzionedemocratica.it raccoglie alcuni dati personali degli utenti che navigano sul sito web.

In accordo con l'impegno e l'attenzione che poniamo ai dati personali e in accordo agli artt. 13 e 14 del EU GDPR, www.rivoluzionedemocratica.it fornisce informazioni su modalità, finalità, ambito di comunicazione e diffusione dei dati personali e diritti degli utenti.

Titolare del trattamento dei dati personali
La Rivoluzione Democratica
Via Circondaria, 56
55045 - Firenze Italia


Email: info @rivoluzionedemocratica.it
Telefono: 3934324237

Tipi di dati acquisiti
www.rivoluzionedemocratica.it raccoglie dati degli utenti direttamente o tramite terze parti. Le tipologie di dati raccolti sono: dati tecnici di navigazione, dati di utilizzo, email, nome, cognome, numero di telefono, provincia, nazione, cap, città, indirizzo, ragione sociale, stato, cookie e altre varie tipologie di dati. Maggiori dettagli sui dati raccolti vengono forniti nelle sezioni successive di questa stessa informativa.
I dati personali sono forniti deliberatamente dall'utente tramite la compilazione di form, oppure, nel caso di dati di utilizzo, come ad esempio i dati relativi alle statistiche di navigazione, sono raccolti automaticamente navigando sulle pagine di www.rivoluzionedemocratica.it.

I dati richiesti dai form sono divisi tra obbligatori e facoltativi; su ciascun form saranno indicate distintamente le due tipologie. Nel caso in cui l'utente preferisca non comunicare dati obbligatori, www.rivoluzionedemocratica.it si riserva il diritto di non fornire il servizio. Nel caso in cui l'utente preferisca non comunicare dati facoltativi, il servizio sarà fornito ugualmente da www.rivoluzionedemocratica.it .

www.rivoluzionedemocratica.it utilizza strumenti di statistica per il tracciamento della navigazione degli utenti, l'analisi avviene tramite log. Non utilizza direttamente cookie ma può utilizzare cookie includendo servizi di terzi.

Ciascun utilizzo di cookie viene dettagliato nella Cookie Policy (https://www.rivoluzionedemocratica.it/Informativa-sui-cookies.htm) e successivamente in questa stessa informativa.
L'utente che comunichi, pubblichi, diffonda, condivida o ottenga dati personali di terzi tramite www.rivoluzionedemocratica.it si assume la completa responsabilità degli stessi. L'utente libera il titolare del sito web da qualsiasi responsabilità diretta e verso terzi, garantendo di avere il diritto alla comunicazione, pubblicazione, diffusione degli stessi. www.rivoluzionedemocratica.it non fornisce servizi a minori di 18 anni. In caso di richieste effettuate per minori deve essere il genitore, o chi detiene la patria potestà, a compilare le richieste dati.

Modalità, luoghi e tempi del trattamento dei dati acquisiti
Modalità di trattamento dei dati acquisiti
Il titolare ha progettato un sistema informatico opportuno a garantire misure di sicurezza ritenute adatte ad impedire l'accesso, la divulgazione, la modifica o la cancellazione non autorizzata di dati personali. Lo stesso sistema effettua copie giornaliere, ritenute sufficientemente adeguate in base alla importanza dei dati contenuti.

L'utente ha diritto a ottenere informazioni in merito alle misure di sicurezza adottate dal titolare per proteggere i dati.

Accessi ai dati oltre al titolare
Hanno accesso ai dati personali raccolti da www.rivoluzionedemocratica.it il personale interno (quale ad esempio amministrativo, commerciale, marketing, legale, amministratori di sistema) e/o soggetti esterni (quali ad esempio fornitori di servizi informatici terzi, webfarm, agenzie di comunicazione, fornitori di servizi complementari). Se necessario tali strutture sono nominate dal titolare responsabili del trattamento.

L'utente può richiedere in qualsiasi momento al titolare del trattamento, l'elenco aggiornato dei responsabili del trattamento.

Comunicazione di eventuali accessi indesiderati al Garante della Privacy
Il suddetto sistema informatico è monitorato e controllato giornalmente da tecnici e sistemisti. Ciò non toglie che, anche se ritenuta possibilità remota, ci possa essere un accesso indesiderato. Nel caso in cui questo si verifichi il titolare si impegna, come da GDPR ad effettuarne comunicazione al Garante della Privacy entro i termini previsti dalla legge.

Luoghi di mantenimento dei dati acquisiti
I dati personali sono mantenuti e trattati nelle sedi operative e amministrative del titolare, nonché nelle webfarm dove risiedono i server che ospitano il sito web www.rivoluzionedemocratica.it, o sui server che ne effettuano le copie di sicurezza. I dati personali dell'utente possono risiedere in Italia, Germania e Olanda, comunque in nazioni della Comunità Europea. I dati personali dell'utente non vengono mai portati o copiati fuori dal territorio europeo.

Tempi di mantenimento dei dati acquisiti
Nel caso di dati acquisiti per fornire un servizio all'utente, (sia per un servizio acquistato che in prova) i dati vengono conservati per 24 mesi successivi al completamento del servizio. Oppure fino a quando non ne venga revocato il consenso.

Nel caso in cui il titolare fosse obbligato a conservare i dati personali in ottemperanza di un obbligo di legge o per ordine di autorità, il titolare può conservare i dati per un tempo maggiore, necessario agli obblighi.

Al termine del periodo di conservazione i dati personali saranno cancellati. Dopo il termine, non sarà più possibile accedere ai propri dati, richiederne la cancellazione e la portabilità.

Base giuridica del trattamento dei dati acquisiti
Il titolare acquisisce dati personali degli utenti nei casi sotto descritti.
Il trattamento si rende necessario:
- se l'utente ha deliberatamente accettato il trattamento per una o più finalità;
- per fornire un preventivo all'utente;
- per fornire un contratto all'utente;
- per fornire un servizio all'utente;
- perché il titolare possa adempiere ad un obbligo di legge;
- perché il titolare possa adempiere ad un compito di interesse pubblico;
- perché il titolare possa adempiere ad un esercizio di pubblici poteri;
- perché il titolare o terzi possano perseguire i propri legittimi interessi.

L'utente può richiedere in qualsiasi momento al titolare del trattamento, chiarimenti sulla base giuridica di ciascun trattamento.

Finalità del trattamento dei dati acquisiti
I dati dell'utente sono raccolti dal titolare per le seguenti finalità:

- richiesta informazione da parte dell'utente
- richiesta informazione per servizi
- invio di aggiornamenti
- invio informazioni generiche
- richiesta di contatto da parte dei clienti, per ricevere informazioni

Eventualmente i dati possono essere trattati anche per:
contattare l'utente, statistiche, analisi dei comportamenti degli utenti e registrazione sessioni, visualizzazione contenuti e interazione di applicazioni esterne, protezione dallo spam, gestione dei pagamenti, interazione con social network, pubblicità.

L'utente può richiedere in qualsiasi momento al titolare del trattamento, chiarimenti sulle finalità di ciascun trattamento.

Dettagli specifici sull'acquisizione e uso dei dati personali
Per contattare l'utente
Moduli di contatto
L'utente può compilare il/i moduli di contatto/richiesta informazioni, inserendo i propri dati e acconsentendo al loro uso per rispondere alle richieste di natura indicata nella intestazione del modulo.
Dati personali che potrebbero essere raccolti: CAP, città, cognome, email, indirizzo, nazione, nome, numero di telefono, provincia, ragione sociale.

Per interazione con applicazioni esterne (anche social network)
www.rivoluzionedemocratica.it include nelle sue pagine plugin e/o pulsanti per interagire con i social network e/o applicazioni esterne.
Per quanto riguarda i social network, anche se l'utente non utilizza il servizio presente sulla pagina web, è possibile che il servizio acquisisca dati di traffico.

I dati acquisiti e l'utilizzo degli stessi da parte di servizi terzi sono regolamentati dalle rispettive Privacy Policy alle quali si prega di fare riferimento.

Facebook: Pulsante "Mi piace" e widget sociali
Fornitore del servizio: Facebook, Inc.
Finalità del servizio: interazione con il social network Facebook
Dati personali raccolti: cookie, dati di utilizzo
Luogo del trattamento: Stati Uniti
Privacy Policy (https://www.facebook.com/about/privacy/update)
Cookie utilizzati (https://www.facebook.com/about/privacy/cookies)
Aderente al Privacy Shield

Twitter: Pulsante "Tweet" e widget sociali
Fornitore del servizio: Twitter, Inc.
Finalità del servizio: interazione con il social network Twitter
Dati personali raccolti: cookie, dati di utilizzo
Luogo del trattamento: Stati Uniti
Privacy Policy (https://twitter.com/privacy)
Cookie utilizzati (https://help.twitter.com/it/rules-and-policies/twitter-cookies)
Aderente al Privacy Shield

Whatsapp: Pulsante Whatsapp e widget sociali di Whatsapp
Fornitore del servizio: se l'utente risiede nella Regione Europea, WhatsApp Ireland Limited, se l'utente risiede al di fuori della Regione Europea, i Servizi vengono forniti da WhatsApp LLC.
Finalità del servizio: servizi di interazione con Whatsapp.
Dati personali raccolti: cookie, dati di utilizzo
Luogo del trattamento: Irlanda, le informazioni potrebbero essere trasferite o trasmesse o archiviate e trattate negli Stati Uniti o in altri Paesi terzi al di fuori di quello in cui l'utente risiede.
Privacy Policy (https://www.whatsapp.com/legal/privacy-policy-eea)
Aderente al Privacy Shield

Per protezione da spam
Questi servizi acquisiscono dati dagli utenti e tramite varie logiche distinguono il traffico di utenti reali da quello di potenziali minacce di spam.

I dati acquisiti e l'utilizzo degli stessi da parte di servizi terzi sono regolamentati dalle rispettive Privacy Policy alle quali si prega di fare riferimento.

Google reCAPTCHA
Fornitore del servizio: Google, Inc.
Finalità del servizio: servizio di protezione da spam
Dati personali raccolti: cookie, dati di utilizzo
Luogo del trattamento: Stati Uniti
Privacy Policy (https://policies.google.com/privacy?hl=it)
Cookie utilizzati (https://policies.google.com/technologies/types?hl=it)
Aderente al Privacy Shield

Per statistiche
Questi servizi sono utilizzati dal titolare del trattamento per analizzare il traffico effettuato dagli utenti sul sito web www.rivoluzionedemocratica.it.

I dati acquisiti e l'utilizzo degli stessi da parte di servizi terzi sono regolamentati dalle rispettive Privacy Policy alle quali si prega di fare riferimento.

Google Analytics
Fornitore del servizio: Google, Inc.
Finalità del servizio: servizio di analisi web fornito. Questo servizio raccoglie i dati personali dell'utente per monitorare e analizzare l'utilizzo del sito web www.rivoluzionedemocratica.it, generare report e utilizzarli anche per gli altri servizi di Google. Google può usare i dati raccolti per personalizzare i propri annunci pubblicitari.
Dati personali raccolti: cookie, dati di utilizzo
Luogo del trattamento: Stati Uniti
Privacy Policy (https://policies.google.com/privacy?hl=it)
Opt-Out (https://tools.google.com/dlpage/gaoptout?hl=it)
Aderente al Privacy Shield

Per visualizzare contenuti da siti web esterni
Questi servizi sono utilizzati per visualizzare sulle pagine del sito web contenuti esterni al sito web, con possibilità di interazione.
Anche se l'utente non utilizza il servizio presente sulla pagina web, è possibile che il servizio acquisisca dati di traffico.

I dati acquisiti e l'utilizzo degli stessi da parte di servizi terzi sono regolamentati dalle rispettive Privacy Policy alle quali si prega di fare riferimento.

Google Fonts
Fornitore del servizio: Google, Inc.
Finalità del servizio: servizio per visualizzare caratteri (fonts) esterni sul proprio sito web
Dati personali raccolti: tipologie di dati secondo quanto specificato dalla privacy policy del servizio
Luogo del trattamento: Stati Uniti
Privacy Policy (https://policies.google.com/privacy?hl=it)
Aderente al Privacy Shield

Diritti dell'interessato
L'utente possiede tutti i diritti previsti dall'art. 12 del EU GDPR, il diritto di controllare, modificare e integrare (rettificare), cancellare i propri dati personali accedendo alla propria area riservata. Una volta cancellati tutti i dati, viene chiuso l'account di accesso all'area riservata.

Nello specifico ha il diritto di:
- sapere se il titolare detiene dati personali relativi all'utente (art. 15 Diritto all'accesso);
- modificare o integrare (rettificare) i dati personali inesatti o incompleti (Art. 16 Diritto di rettifica);
- richiedere la cancellazione di uno o parte dei dati personali mantenuti se sussiste uno dei motivi previsti dal GDPR (Diritto alla Cancellazione, 17);
- limitare il trattamento solo a parte dei dati personali, o revocarne completamente il consenso al trattamento, se sussiste uno dei motivi previsti dal Regolamento (Art. 18 Diritto alla limitazione del trattamento);
- ricevere copia di tutti i dati personali in possesso del titolare, in formato di uso comune organizzato, e leggibili anche da dispositivo automatico (Art. 20, Diritto alla Portabilità);
- opporsi in tutto o in parte al trattamento dei dati per finalità di marketing, ad esempio opporsi e ricevere offerte pubblicitarie (art. 21 Diritto di opposizione). Si fa presente agli utenti che possono opporsi al trattamento dei dati utilizzati per scopo pubblicitario, senza fornire alcuna motivazione;
- opporsi al trattamento dei dati in modalità automatica o meno per finalità di profilazione (c.d. Consenso).

Come un utente può esercitare i propri diritti
L'utente può esercitare i propri diritti sopra esposti comunicandone richiesta al titolare del trattamento La Rivoluzione Democratica ai seguenti recapiti: info@rivoluzionedemocratica.it; tel. 3312300680.

La richiesta di esercitare un proprio diritto non ha nessun costo. Il titolare si impegna ad evadere le richieste nel minor tempo possibile, e comunque entro un mese.

L'utente ha il diritto di proporre reclamo all'Autorità Garante per la Protezione dei dati Personali. Recapiti: garante@gpdp.it, http://www.gpdp.it (http://www.gpdp.it).

Cookie Policy
Informazioni aggiuntive sul trattamento dei dati
Difesa in giudizio
Nel caso di ricorso al tribunale per abuso da parte dell'utente nell'utilizzo di www.rivoluzionedemocratica.it o dei servizi a esso collegati, il titolare ha la facoltà di rivelare i dati personali dell'utente. È inoltre obbligato a fornire i suddetti dati su richiesta delle autorità pubbliche.

Richiesta di informative specifiche
L'utente ha diritto di richiedere a www.rivoluzionedemocratica.it informative specifiche sui servizi presenti sul sito web e/o la raccolta e l'utilizzo dei dati personali.

Raccolta dati per log di sistema e manutenzione
www.rivoluzionedemocratica.it e/o i servizi di terze parti (se presenti) possono raccogliere i dati personali dell'utente, come ad esempio l'indirizzo IP, sotto forma di log di sistema. La raccolta di questi dati è legata al funzionamento e alla manutenzione del sito web.

Informazioni non contenute in questa policy
L'utente ha diritto di richiedere in ogni momento al titolare del trattamento dei dati le informazioni aggiuntive non presenti in questa Policy riguardanti il trattamento dei dati personali. Il titolare potrà essere contattato tramite gli estremi di contatto.

Supporto per le richieste "Do Not Track"
Le richieste  "Do Not Track" non sono supportate da www.rivoluzionedemocratica.it.
L'utente è invitato a consultare le Privacy Policy dei servizi terzi sopra elencati per scoprire quali supportano questo tipo di richieste.

Modifiche a questa Privacy Policy
Il titolare ha il diritto di modificare questo documento avvisando gli utenti su questa stessa pagina oppure, se previsto, tramite i contatti di cui è in possesso. L'utente è quindi invitato a consultare periodicamente questa pagina. Per conferma sull'effettiva modifica consultare la data di ultima modifica indicata in fondo alla pagina.
Il titolare si occuperà di raccogliere nuovamente il consenso degli utenti nel caso in cui le modifiche a questo documento riguardino trattamenti di dati per i quali è necessario il consenso.

Definizioni e riferimenti legali
Dati personali (o dati, o dati dell'utente)
Sono dati personali le informazioni che identificano o rendono identificabile, direttamente o indirettamente, una persona fisica e che possono fornire informazioni sulle sue caratteristiche, le sue abitudini, il suo stile di vita, le sue relazioni personali, il suo stato di salute, la sua situazione economica, ecc.

Fonte: sito web del Garante della Privacy (http://www.garanteprivacy.it).

Dati di utilizzo
Sono dati di utilizzo le informazioni che vengono raccolte in automatico durante la navigazione di www.rivoluzionedemocratica.it, sia da sito web stesso che dalle applicazioni di terzi incluse nel sito. Sono esempi di dati di utilizzo l'indirizzo IP e i dettagli del dispositivo e del browser (compresi la localizzazione geografica) che l'utente utilizza per navigare sul sito, le pagine visualizzate e la durata della permanenza dell'utente sulle singole pagine.

Utente
Il soggetto che fa uso del sito web www.rivoluzionedemocratica.it.
Coincide con l'interessato, salvo dove diversamente specificato.

Interessato
Interessato è la persona fisica al quale si riferiscono i dati personali. Quindi, se un trattamento riguarda, ad esempio, l'indirizzo, il codice fiscale, ecc. di Mario Rossi, questa persona è l'interessato (articolo 4, paragrafo 1, punto 1), del Regolamento UE 2016/679 (http://www.garanteprivacy.it/regolamentoue).

Fonte: sito web del Garante della Privacy (http://www.garanteprivacy.it).

Responsabile del trattamento (o responsabile)
Responsabile è la persona fisica o giuridica al quale il titolare affida, anche all'esterno della sua struttura organizzativa, specifici e definiti compiti di gestione e controllo per suo conto del trattamento dei dati (articolo 4, paragrafo 1, punto 8), del Regolamento UE 2016/679 (http://www.garanteprivacy.it/regolamentoue). Il Regolamento medesimo ha introdotto la possibilità che un responsabile possa, a sua volta e secondo determinate condizioni, designare un altro soggetto c.d. "sub-responsabile" (articolo 28, paragrafo 2).

Fonte: sito web del Garante della Privacy (http://www.garanteprivacy.it).

Titolare del trattamento (o titolare)
Titolare è la persona fisica, l'autorità pubblica, l'impresa, l'ente pubblico o privato, l'associazione, ecc., che adotta le decisioni sugli scopi e sulle modalità del trattamento (articolo 4, paragrafo 1, punto 7), del Regolamento UE 2016/679 (http://www.garanteprivacy.it/regolamentoue).

Fonte: sito web del Garante della Privacy (http://www.garanteprivacy.it).

www.rivoluzionedemocratica.it (o sito web)  
Il sito web mediante il quale sono raccolti e trattati i dati personali degli utenti.

Servizio
Il servizio offerto dal sito web www.rivoluzionedemocratica.it come indicato nei relativi termini.

Comunità Europea (o UE)
Ogni riferimento relativo alla Comunità Europea si estende a tutti gli attuali stati membri dell'Unione Europea e dello Spazio Economico Europeo, salvo dove diversamente specificato.

Cookie
Dati conservati all'interno del dispositivo dell'utente.

Riferimenti legali
La presente informativa è redatta sulla base di molteplici ordinamenti legislativi, inclusi gli artt. 13 e 14 del Regolamento (UE) 2016/679. Questa informativa riguarda esclusivamente www.rivoluzionedemocratica.it, dove non diversamente specificato.

Informativa privacy aggiornata il 14/12/2021 12:28
torna indietro leggi Privacy Policy per www.rivoluzionedemocratica.it  obbligatorio
refresh